Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 6 giugno 2015

Acqua e batterio. Orto: "Analisi proposto da Art.1 ingenera inutile e inopportuno allarmismo. Uffici in possesso di analisi eseguite da Geomar"

Riceviamo dall'assessore Gaetano Orto e pubblichiamo:
Apprendo dagli organi di stampa locali di un comunicato del movimento Art 1 di un campione effettuato in località Via Alessandro Volta dal quale non si evince ne il laboratorio che ha eseguito le analisi ne ne il punto di prelievo.
Pertanto lo stesso non può essere ritenuto attendibile e nello stesso tempo ingenera inutili e inopportuno allarmismo.
Ma ciò nonostante gli uffici preposti erano già in possesso di analisi eseguite dalla Ditta Geomar gestore del servizio per tramite laboratori autorizzati fino al 05.05.2015
inoltre negli ultimi giorni a seguito di segnalazioni pervenuti presso gli uffici comunali , gli stessi hanno già proceduto a dei sopralluoghi e a prelievi di campioni trasferiti al laboratorio per ulteriori analisi.
A confermaci ciò l' amministrazione anche in passato ha adottato dei provvedimenti atti alla verifica della potabilità dell'acqua a salvaguardia della salute dei cittadini, infatti quando sono pervenute segnalazioni analoghe si è attivata senza esitazione a investire della problematica ulteriori enti ( USL) per ulteriori verifiche.
Non ha tergiversato ad adottare ordinanze di sospensioni del servizio temporanee a fini precauzionali quando ne ricorreva la necessità.
Tanto dovevo al fine di evitare informazioni fuorvianti e di inutili speculazione che non fanno altro che allarmare la cittadinanza nonché i visitatori del nostro territorio.
Gaetano Orto (Vicesindaco e assessore ai servizi idrici e fognari)


NDD - Dopo questa nota abbiamo contattato telefonicamente il vice-sindaco ed assessore Orto per avere chiarimenti circa i risultati delle analisi effettuate. Ci è stato detto che i parametri sono perfettamente nella norma e che la documentazione è a disposizione per eventuali verifiche.

La Cava replica a Giorgianni: "Il mio lavoro gratuito ha dato visibilità alla sua amministrazione. Si occupi seriamente del problema dell'acqua e meno della mia visibilità"

Dopo la nota del sindaco di Lipari (che potrete leggere scorrendo la pagina del nostro giornale) non si è fatta attendere la replica di Alessandro La Cava:
Non sono abituato a rispondere ad attacchi personali ma oggi,dopo il terzo,sono costretto a farlo a tutela della mia immagine di imprenditore serio e stimato in tutto il territorio messinese. 
Per ragione di verità ricordo al sindaco,qualora lo avesse dimenticato, che ho accettato l'incarico di esperto, rinunciando ai compensi e sarebbe cosa buona e giusta se anche lui e la sua giunta,nell'interesse del paese e per amore della politica,facesse la stessa cosa, legittimando solo così la richiesta di condivisione della cosa pubblica attraverso "l'aiuto"del volontariato. 
Ricordo ancora che tale impegno l'ho portato avanti con un percorso di condivisione democratica,che lo stesso sconosce, protocollando un documento di sintesi ,condiviso da molte associazioni che insieme a me hanno contribuito a fare chiarezza su una ipotesi di sviluppo serio del territorio oggetto di studio(area ex pumex). 
Tale percorso ha dato a questa amministrazione una visibilità mediatica documentata con i fatti e non certo con le chiacchiere che l'attuale primo cittadino è abituato a distribuire nei corridoi del palazzo municipale. 
Ricordo inoltre che terminato il mio lavoro ho ringraziato tutti,come si fa nelle famiglie per bene,e sono andato via tre settimane prima che scadesse il mandato. 
Concludo chiedendole di occuparsi seriamente del problema dell'acqua e meno della visibilità di La Cava perché ai cittadini interessa prevalentemente la loro salute e non certo il suo pensiero verso chi le parla. 
Cerco che se è vero quello che si legge qualcuno ne dovrà pur rispondere e non certamente a me.
Alessandro La Cava

Film di Famiglia in SICILIA: Il gusto della memoria. Porta il tuo contributo all'iniziativa del Centro Studi di Lipari

Film di Famiglia in SICILIA
 Il gusto della memoria
Un progetto finalizzato alla raccolta e al recupero delle pellicole amatoriali riguardanti il territorio, la famiglia, la società, che rappresentano importanti testimonianze private della memoria della società.
Il Centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani promuove un bando per la raccolta  di pellicole amatoriali riguardanti il territorio della Regione Sicilia.
Film familiari, di vacanza, di viaggio, appunti e diari filmati: pellicole ormai dimenticate, il più delle volte relegate nelle soffitte o chiuse negli armadi, ma che pure sono importanti testimonianze private della memoria della società italiana.
Il progetto intende recuperare e salvaguardare queste pellicole nella convinzione che costituiscano documenti importanti ai fini di una ricostruzione della memoria collettiva e della storia personale e pubblica, intesa sia come storia del territorio sia come storia della vita e delle abitudini delle donne e degli uomini che lo abitano.
I filmati amatoriali costituiscono un patrimonio immenso e disperso, in grado di offrire uno sguardo inedito sull'intero corpo sociale. Le pellicole documentano, in modo del tutto peculiare, eventi, abitudini e stili di vita del passato; luoghi e paesaggi radicalmente trasformati, gesti, volti e persone ormai scomparse. Le immagini dei film amatoriali riguardano gli aspetti più quotidiani della nostra vita e per questo sono preziose tracce visive della nostra storia personale e sociale.
Lontano dalle rigidità dei documentari istituzionali, il film privato è capace di mostrare una Sicilia inedita e, ormai, definitivamente perduta. I film di famiglia, con il loro sguardo essenzialmente intimo, raccontano gli aspetti più ordinari e per questo spesso più trascurati della nostra società, le trasformazioni del paesaggio e degli stili di vita, offrendoci anche l'opportunità di osservare i riflessi che i grandi eventi storici hanno portato nelle abitudini e nella vita quotidiana delle persone.
Il tempo minaccia la conservazione delle pellicole, supporti delicati e deteriorabili, ed è questa forse l'ultima occasione per salvare le testimonianze dirette delle persone che le hanno girate.
Il recupero di questi fragili frammenti di memorie appare in special modo importante nel contesto siciliano in quanto offre prospettive capaci di testimoniare gli sguardi di una terra antica, ancorata a tradizioni fortissime, e insieme aperta ad accogliere le spinte della modernità.
Il bando si rivolge a quante/i possiedano vecchie bobine di pellicole amatoriali girate nel corso del Novecento in Sicilia (nei formati 8mm, Super8, 16mm, 9,5mm), proprie o di propri parenti o amici, sia che contengano immagini di vita privata e familiare, sia che riguardino viaggi, feste o eventi locali (manifestazioni pubbliche, avvenimenti sportivi, episodi di cronaca).
I cd/Dvd raccolti  saranno messe a disposizione per la consultazione presso la sede del Centro Studi Via Maurolico, 15 – Lipari.
Le pellicole trasferite su DVD dovranno pervenire presso la sede del centro Studi – Via Maurolico n. 15 – 98055 LIPARI (ME) entro il 30 giugno 2015.


Bando e Regolamento
“IL GUSTO DELLA MEMORIA”
 RECUPERO E VALORIZZAZIONE DELLA MEMORIA FILMICA PRIVATA DELLA SICILIA E DELLE ISOLE EOLIE
Il centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani promuove un bando pubblico per la raccolta di pellicole amatoriali riguardanti il territorio della Regione Sicilia. Film familiari, di vacanza, di viaggio, appunti e diari filmati: pellicole ormai dimenticate, il più delle volte relegate nelle soffitte o chiuse negli armadi, ma che pure sono importanti testimonianze private della memoria della società italiana.
Il progetto intende recuperare e salvaguardare queste pellicole nella convinzione che costituiscano documenti importanti ai fini di una ricostruzione della memoria collettiva e della storia personale e pubblica, intesa sia come storia del territorio sia come storia della vita e delle abitudini delle donne e degli uomini che lo abitano.
I filmati amatoriali costituiscono un patrimonio immenso e disperso, in grado di offrire uno sguardo inedito sull’intero corpo sociale. Le pellicole documentano, in modo del tutto peculiare, eventi, abitudini e stili di vita del passato; luoghi e paesaggi radicalmente trasformati, gesti, volti e persone ormai scomparse. Le immagini dei film amatoriali riguardano gli aspetti più quotidiani della nostra vita e per questo sono preziose tracce visive della nostra storia personale e sociale.
La riscoperta di questi film vuole non solo offrire nuovi materiali alla ricerca storica, sociologica, antropologica, ma anche sottolinearne il carattere specifico di reperti della memoria privata e di sguardi individuali sulla propria epoca.
Il bando si rivolge a quante/i possiedano vecchie bobine di pellicole amatoriali girate nel corso del Novecento in Sicilia (nei formati 8mm, Super8, 16mm, 9,5mm), proprie o di propri parenti o amici, sia che contengano immagini di vita privata e familiare, sia che riguardino viaggi, feste o eventi, manifestazioni pubbliche, avvenimenti sportivi, episodi di cronaca).
Le pellicole trasferite su supporto CD/DVD devono essere inviati presso la sede del Centro Studi – Via Maurolico, 15 – LIPARI – (ME)

Giorgianni: "Toni usati da La Cava nei miei confronti sono sintomo di nervosismo". Sulla "questione acqua" annuncia comunicato

Riceviamo dal sindaco Marco Giorgianni e pubblichiamo:
Mi soffermo sull'aspetto della polemica politica sollevata dal sig. La Cava, rinviando al comunicato gli approfondimenti  necessari sulla questione acqua, che rappresenta un argomento importante su cui l'amministrazione sta facendo tutto il necessario.
E' del tutto evidente che i toni usati da La Cava nei miei confronti sono il sintomo di un suo nervosismo conseguente al fatto che pensava di essere per questa amministrazione un interlocutore, mentre io nel tempo, nonostante le opportunità conferitegli anche con incarichi prestigiosi, mi sono reso conto dei limiti personali e politici, che non ne fanno, a mio parere, un soggetto utile ad un percorso di amministrazione serio.
Le sue continue provocazioni, oggi indirizzate a me ed in passato a chiunque altro ne sia venuto in contatto, testimoniano che il convincimento che mi sono fatto sul Signor La Cava sia corretto.
Questo modus operandi è tipico di chi pensa che con i toni alti si acquisti visibilità e credibilità e un consenso che evidentemente non riesce ad acquisire in altro modo.
Marco Giorgianni (sindaco)

E' nata Giorgia Merlo !

E' venuta alla luce nella notte Giorgia Merlo, figlia di Tindaro e Tiziana Subba.
Da Eolienews, alla piccola l'augurio per un futuro ricco di ogni bene.
Felicitazioni ai genitori, al fratellino, ai nonni e ai parenti tutti

EOLIE 1950/2015. Mare Motus A luglio la mostra a Lipari

EOLIE 1950/2015. Mare Motus è il titolo della grande mostra che a partire da domenica 12 luglio 2015 apre al pubblico negli spazi suggestivi della ex chiesa di Santa Caterina, nel Castello di Lipari. L’evento espositivo a cura di Lea Mattarella e Lorenzo Zichichi segue l’anteprima dello scorso anno ed è parte integrante del più ampio progetto culturale di durata biennale Mare Eolie che vede interessata l’area della cittadella fortificata.
Circa 40 artisti contemporanei le cui opere sono chiamate a ‘colloquiare’ con lo spazio nell’ex chiesa, imponente luogo fisico, ma vero e proprio luogo dell’anima, dove depositare, attraverso il linguaggio contemporaneo, emozioni e riflessioni, portando allo scoperto i segni storico culturali che lo hanno da sempre contraddistinto.
Partendo dal presupposto che un’isola non è che un insieme di elementi differenti tra loro, un microcosmo in continua evoluzione, la volontà curatoriale è stata quella di individuare, attingendo al panorama nazionale ed internazionale, un gruppo di artisti che potesse affrontare per l’occasione o avesse già affrontato, il tema dell’isola. Saranno rappresentate tutte le tecniche espressive – pittura, scultura, video, installazione, fotografia, ceramica – che, insieme all’allestimento dedicato, contribuiranno a sottolineare l’idea della modernità nell’ambiente antico, divenuto raffinato spazio espositivo. L’evento è il risultato dell’impegno dell’associazione tra imprese alla quale è stata aggiudicata la gara – Syremont, capofila, responsabile della riqualificazione architettonica, impiantistica e degli allestimenti, il Cigno GG Edizioni, che progetta e coordina le mostre e gli eventi, e arte’m, responsabile dell’identità, della comunicazione e dell’editoria. Nella stessa area coesisteranno le preziose collezioni del Museo Archeologico Luigi Bernabò Brea e un nuovo centro per l’arte contemporanea che occuperà le celle dell’ex carcere. 

L’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana ha infatti destinato una misura di fondi europei PO-FESR 2007/2013 alla conoscenza dell’arte contemporanea, con il progetto “Centro per l’Arte Contemporanea nel Parco Archeologico delle Isole Eolie e Rassegna Internazionale Eolie”, di cui il Museo Archeologico Luigi Bernabò Brea è promotore.

Il Ristorante Da Lauro in via Rocche ad Acquacalda è aperto per tutto l'autunno/inverno solo su prenotazione.

Il Ristorante Da Lauro in via Rocche ad  Acquacalda (Lipari) 
da oggi è aperto tutti i giorni a cena
Per compleanni, battesimi, comunioni, cresime, matrimoni, cene di lavoro, meeting, cenoni personalizzati e qualsiasi altra ricorrenza e/o cerimonia rivolgiti a noi. 
Da Lauro potrai pranzare e cenare con piatti a base di carne e pesce. Ed ancora potrai gustare le pietanze tipiche della cucina eoliana. 
I nostri prezzi sono assolutamente competitivi e partono dai 25 euro a persona. 
Freschezza dei prodotti, esperienza ultra-trentennale nel settore della ristorazione, competenza e professionalità sono il nostro marchio di qualità e la vostra garanzia.
Per informazioni e prenotazioni (da effettuarsi con 24/48 ore d'anticipo rispetto all'evento) contattateci allo 090.9821061 o al 339.2251884 
e-mail: info@ristorantedalauro.it

Batterio nell'acqua. Cos'è e quali danni comporta

Ecco una descrizione del batterio ritrovato nell'acqua ed evidenziato nella tabella delle analisi inviataci dal presidente di Art.1, Alessandro La Cava.
Grazie per la segnalazione di questi due link alla dottoressa Patrizia Sobrero

http://m.my-personaltrainer.it/salute/pseudomonas-aeruginosa.html

http://www.microbiologiatorvergata.it/approfondimenti/Infezioni_da_Pseudomonas_2007.pdf

Come consuetudine mettiamo a disposizione analogo spazio per la replica dell'amministrazione comunale o di chi ne ha titolo. 

Art.1 ."C'è un batterio nell'acqua". I cittadini invitati a portare bottiglie d'acqua gialla in consiglio e il sindaco a dimettersi

Comunicato 
L'associazione Art.1 più volte ha evidenziato il dilettantismo politico di una amministrazione incapace di trasferire ai concittadini la "serenità quotidiana".
Il primo cittadino è stato scelto è voluto dalla stragrande maggioranza degli elettori per ben operare e si deve assumere la responsabilità nel bene e nel male del suo operato e dell'operato degli uomini che lui ha scelto per la condivisione di questo percorso amministrativo.
Avevamo fatto notare in più occasioni che il problema dell'acqua non andava sottovalutato e non bastava fare il giro per le case per risolverlo.
I risultati delle analisi a noi pervenuti evidenziano la presenza di un batterio che potrebbe creare problemi alla salute dei cittadini ed è anche per questo motivo che ci indigniamo davanti al silenzio di una amministrazione che ancora una volta antepone "l'omertà" a la tutela degli operatori turistici, alla comunicazione corretta per la tutela di tutti i cittadini.
Stanchi di questo atteggiamento invitiamo tutti i cittadini lunedì 8 ad occupare la sala consiliare portando in dono una bottiglietta di acqua gialla tipica Eoliana con l'auspicio che prima di quella data il sindaco si renda conto della sua manifesta incapacità politica nell amministrare queste isole e rassegni consapevolmente le dimissioni. Non è mai troppo tardi.
Alessandro La Cava (presidente Art.1)


NDD - Come consuetudine mettiamo a disposizione analogo spazio per la replica dell'amministrazione comunale o di chi ne ha titolo.

Fervono i preparativi per il Festival Cinematografico delle isole Eolie “UN MARE DI CINEMA – EOLIE IN VIDEO”. Il bando

Comunicato Stampa
Festival Cinematografico delle isole Eolie
“UN MARE DI CINEMA – EOLIE IN VIDEO”


Fervono i preparativi per l’organizzazione dalla trentaduesima edizione del Festival cinematografico delle isole Eolie Un mare di cinema che si svolgerà dal 23 al 31 luglio 2015.
Come ogni anno il Centro Studi Eoliano apre le porte della giuria ai giovani dai 15 ai 25 anni che parteciperanno alla selezione e alla premiazione dei corti in concorso di Eolie in Video.                     
I giovani che desiderano prendere parte della giuria di Eolie in video possono inviare la loro richiesta entro il 30 giugno 2015 all’indirizzo e-mail centrostudieolie@gmail.com, indicando i dati personali e la disponibilità nel periodo di svolgimento del festival.

Lezioni di cinema;
Il gusto della memoria;
Sezione dedicata al “MARE” in collaborazione con il Camogli International Marine Reserves Film Festival;
Lipari Noir;
Musica e Cinema: Tributo a Lucio Dalla;
Omaggio a Francesco Alliata di Villafranca – presentazione volume e proiezioni di filmati inediti;
Musica delle lipari con Marco Manni;
Omaggio a Nello Raffaele e Benito Merlino;
Mostre, Proiezioni e tantissime altre novità.

Un mare di cinema è un evento patrocinato dall’UNESCO che, nell’ambito del programma di  promozione dell’arte come mezzo per lo sviluppo culturale e umano, ha ritenuto il Festival capace di contribuire alla crescita della collettività in cui opera.
Ufficio Stampa Centro Studi


Un Mare di Cinema 2015
Eolie in Video
i Corti di Un mare di Cinema
23 - 31 luglio 2015

Concorso per Cortometraggi
Dodicesima  Edizione

BANDO DI CONCORSO

“Eolie in video” è il concorso dedicato ai cortometraggi, all’interno del festival cinematografico “Un Mare di Cinema – Premio Efesto d’Oro” promosso dal Centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani di Lipari (Isole Eolie - ME). L’obiettivo centrale dell’iniziativa – creare nuove occasioni d’incontro, scambio e confronto tra i giovani artisti che si affacciano nel panorama cinematografico – si abbina alla volontà di suscitare nel pubblico curiosità e interesse reale verso un genere come quello del cortometraggio, troppo spesso frequentato esclusivamente dagli “addetti ai lavori” o, in alternativa, presentato agli spettatori attraverso estenuanti proiezioni in successione di corti diversi tra loro per stile, genere e linguaggio. Il concorso per cortometraggi Eolie in video è a tema libero, è pensato come occasione di elaborazione di spunti linguistici ed è indirizzato, in maniera particolare, verso la sperimentazione narrativa e artistica.

 Come le precedenti edizioni, Eolie in Video si propone l’intento di valorizzare le occasioni di aggregazione tra pubblico e registi, opere in concorso e momenti di spettacolo dal vivo, creando così di volta in volta dei piccoli “eventi” legati alle proiezioni dei corti in gara. Durante il festival, infatti, verranno organizzati alcuni appuntamenti aperti al pubblico dedicati al mondo dei cortometraggi. Gli appuntamenti di CORTI DAL VIVO saranno dei veri e propri spettacoli/dibattito costruiti alternando proiezioni di corti, focus sugli eventuali corti ambientati nelle Isole Eolie, interviste con i registi dei corti selezionati e/o registi di chiara fama, esibizioni musicali dal vivo, reading da racconti o romanzi inerenti alle tematiche trattate nella retrospettiva.

  1. Il concorso per cortometraggi a tema libero è aperto a opere italiane o straniere realizzate dopo l’1 gennaio 2014 che abbiano durata compresa tra i 5 ed i 30 minuti. Verranno accettate, ai fini della selezione, le opere realizzate secondo le più svariate tipologie narrative. Non verranno accettate per la selezione opere a carattere pubblicitario di prodotti commerciali, opere a carattere pornografico, razzista, discriminatorio o che facciano apologia di violenza, così come opere propagandistiche.
  2. Ogni regista può concorrere con una sola opera.
  3. I candidati dovranno far pervenire il proprio cortometraggio, in formato DVD PAL, per posta entro il 30 giugno 2015 (farà fede il timbro postale di spedizione). I supporti ed i relativi allegati dovranno essere inviati in un plico chiuso, riportante la dicitura: “Concorso Eolie in Video 2015”, a spese del mittente, al seguente indirizzo: CENTRO STUDI E RICERCHE DI STORIA E PROBLEMI EOLIANI Onlus -Via Maurolico, 15– 98055 LIPARI  (ME). La spedizione della documentazione inviata è a carico del partecipante. Ai fini doganali, si prega di riportare sul collo l’indicazione: “Senza valore commerciale, per soli scopi culturali”. La documentazione inviata per partecipare alla pre-selezione (ivi compreso il DVD) non sarà restituita.
  4. Ogni partecipante dovrà inviare per la selezione:
·         1 copia del cortometraggio in DVD PAL;
·         Una copia cartacea della scheda di iscrizione compilata e con firma originale per accettazione del regolamento;
·         La documentazione richiesta nella scheda di iscrizione sia in formato cartaceo che in formato digitale (Cd-rom o DVD).
  1. I DVD inviati per la selezione non verranno restituiti per nessun motivo e saranno conservati nell’archivio del Centro Studi che li renderà disponibili alla consultazione per esclusivi motivi di studio e ricerca.
  2. La selezione delle opere che parteciperanno al concorso sarà effettuata a insindacabile giudizio di una Giuria di Preselezione.
  3. La direzione del festival è autorizzata ad utilizzare i cortometraggi, sia quelli selezionati per il concorso sia quelli non selezionati, nell’ambito di iniziative culturali organizzate o patrocinate dal Centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani nonché per scopi promozionali delle iniziative suddette.
  4. Nel caso di eventuali danneggiamenti arrecati alle opere partecipanti al concorso per responsabilità del Centro Studi, sarà rimborsato unicamente il costo del supporto utilizzato (DVD).
  5. I cortometraggi selezionati per il concorso, il cui numero sarà insindacabilmente stabilito dalla Giuria di Preselezione, verranno proiettati nel corso della manifestazione Un Mare di Cinema che si terrà alle Isole Eolie dal 23 al 31 di Luglio 2015.
  6. Una prestigiosa Giuria composta da personalità del mondo del Cinema, dello Spettacolo, della Cultura e del Giornalismo assegnerà il premio Eolie in Video che verrà consegnato ufficialmente durante la serata finale del festival Un Mare di Cinema 2015. Al vincitore verrà altresì assegnato un premio. Il cortometraggio vincitore verrà inoltre proiettato ad apertura della XXXIII edizione di Un Mare di Cinema nel 2016. Ad ulteriori cortometraggi che siano distinti per le loro qualità verranno assegnati ulteriori premi o menzioni.
  7. Autori, produttori e distributori dei cortometraggi premiati al concorso Eolie in Video dovranno indicare nei titoli di testa, sui materiali promozionali e stampa e su eventuali siti web ufficiali il logo del Premio ed il premio ricevuto.
  8. Gli Autori e/o Produttori dei film selezionati saranno informati entro il 10 luglio La selezione, la programmazione generale ed il calendario delle proiezioni sono di competenza esclusiva della direzione organizzativa.
  9. L’iscrizione di un film e l’invio della relativa copia implica l’accettazione incondizionata del presente bando di concorso in ogni sua parte.
  10. Per ogni eventuale controversia è competente il Foro di Lipari.
  11. Autori e/o Produttori rispondono del contenuto delle proprie opere e dichiarano, con l’iscrizione al festival, di aver adempiuto ogni obbligazione nei confronti di terzi derivante da diritti d’autore.
16.  Nel caso in cui l’Autore o la Produzione decidano di ritirare la partecipazione di un film già incluso in programma, verrà richiesto il pagamento della somma di Euro 1.000,00 (mille/00) a titolo di risarcimento danni.
Per informazioni:
Centro Studi Eoliano
Tel. 090 9812987
www.centrostudieolie.it
centrostudieolie@gmail.com 

Le 5 vele a Santa Marina Salina . L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

"Il boss". Adolfo Sabatini ricorda Giovanni Li Donni

“Il BOSS”.
Sentire o leggere questa parola tipicamente americana per indicare il “capo” di un’organizzazione mafiosa, un uomo di grande potere o il capo di una “famiglia” mafiosa, evoca a chi la dice o la legge una cosa negativa, incunea paura, ci espone e ci fa sentire indifesi.
Invece per noi Eoliani questa parola, “il BOSS”, evocava un amico, un caro ragazzo, un giovane sempre pronto al divertimento e disponibile per tutti.
“il BOSS” per noi tutti Giovanni era “il BOSS”.
Non dovevi dire il cognome bastava dire “il BOSS”.
Se cercavi “Giovanni” per le vie del centro tutti ti chiedevano: Giovanni chi? Ed ovviamente tutti amabilmente, con l’affetto che ci legava a lui rispondevamo : Giovanni “il BOSS”.
Era un bravo ragazzo “il BOSS”.
Giovanni “il BOSS” non evocava pericolo o paura, ma affetto, dolcezza, amicizia, disponibilità.
Ora anche gli angeli tra di loro avranno un “BOSS”.
A noi resterà l’invidia che saranno loro d’ora in poi a chiamarti “il BOSS”.
Ciao “BOSS”, anche in paradiso sarai “il BOSS”, il nostro amato “BOSS”.
Non ti dimenticherò.
Adolfo Sabatini

venerdì 5 giugno 2015

Salina si conferma a 5 vele con Santa Marina ed occupa per il 2015 il primo posto assoluto tra le isole minori italiane. Il comunicato

 COMUNICATO 
Salina si conferma a 5 vele ed occupa per il 2015 il primo posto assoluto tra le isole minori italiane. Ad essere premiata con il massimo numero di vele per il nono anno consecutivo da Legambiente e dal Touring Club Italiano è Santa Marina Salina, ma il riconoscimento che premia le località costiere italiane più meritevoli per qualità del mare, per gestione del territorio, per servizi offerti, per accoglienza, per valorizzazione delle produzioni agricole ed eno-gastronomiche e per offerta turistica, rappresenta certamente un importante attestato di qualitá per l'intera comunità isolana.
Alla cerimonia di premiazione, tenutasi quest’anno a Milano sul palcoscenico internazionale di Expo, nella Cascina Triulza (un’antica costruzione rurale sede del padiglione della Società Civile), il Comune è stato rappresentato dall'Assessore al Turismo Linda Sidoti. Gli amministratori delle località premiate hanno anche ricevuto il plauso ed i complimenti del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in visita quest'oggi all'esposizione milanese.
La giornata di promozione dell'isola di Salina continuerá nel pomeriggio nel palazzo storico del Touring Club Italiano, dove si svolgerà un cocktail durante il quale i territori premiati saranno presentati attraverso le loro eccellenze eno-gastronomiche. Alla serata interverrà, tra gli altri, il Ministro dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini.
“La conferma del riconoscimento - commenta il Vice-Sindaco di Santa Marina Salina Domenico Arabia – ripaga ancora una volta una politica che si è confermata attenta ai temi della salvaguardia e della promozione sostenibile del territorio e che ha favorito positive ricadute sul turismo. Chi sceglie Salina nel suo complesso per trascorrere le proprie vacanze, lo fa perché riconosce nella nostra isola una meta accogliente ed organizzata e perché sceglie di godere del mare pulito, di una natura ancora fortunatamente incontaminata e di ottime produzioni agricole. L’impegno è quello di non fermarsi - continua il Vice-Sindaco - e gli obiettivi che ci prefiggiamo per il prossimo futuro sono ambiziosi. Tra i principali c’è sicuramente quello di arrivare ad una gestione del ciclo dei rifiuti che consenta di ottimizzare, potenziandolo, il servizio di raccolta differenziata, introducendo la buona pratica del compostaggio domestico e riducendo la produzione complessiva dei rifiuti non riciclabili da smaltire in discarica, e il tutto all'interno di un percorso comune e concordato tra le tre amministrazioni dell'Isola, che porterà a gravare meno sui cittadini in termini di tariffazione e ottenendo importanti economie da reinvestire sull'intero territorio isolano.
Tra gli obiettivi che mi stanno a cuore - spiega il Vice Sindaco - devono essere annoverati certamente l'incentivazione delle fonti alternative e rinnovabili sia per la produzione dell'energia elettrica che per lo sviluppo della mobilitá sostenibile, e la salvaguardia ambientale, sia in termini di protezione dei litorali e degli abitati sia per quanto riguarda la protezione dei fondali dall'ormeggio selvaggio, mediante un apposito campo boe comunale.
Un tema che deve essere sviluppato è certamente quello legato alla produzione e promozione delle nostre eccellenze agricole: Salina è di fatto l'isola delle cantine(ma non solo) ed è un territorio con una spiccata e storica vocazione all'agricoltura. I nostri produttori hanno avuto la capacità di ritagliarsi degli spazi importanti sul mercato nazionale ed internazionale. Diventa fondamentale pertanto, a mio parere, incentivare l'attività agricola, battezzare nuove iniziative legate alla promozione dei nostri prodotti di qualità e fare il possibile per radicare ancor di più sul nostro territorio quelle giá esistenti.
Ancora una volta - conclude il Vice sindaco - accogliamo le 5 vele come un nuovo punto di partenza , da condividere con tutta la comunità e con tutte le componenti del sistema economico e sociale isolano, e come uno stimolo ad andare avanti lungo la strada della qualitá per fare sempre meglio. Un'isola sostenibile e che offra qualità e servizi omogenei. Un'isola che, nel suo insieme, può oggi orgogliosamente far sventolare le 5 vele"
.

Rifiuti. Sopralluogo a Ginostra

 Questa mattina il dirigente comunale Mirko Ficarra, il direttore della Srr Mimmo Fonti, accompagnati dal presidente della Circoscrizione di Stromboli-Ginostra, Carlo Lanza. dal componente Claudio Utano, dal consigliere Antonella Caccetta e da Salvatore Zaia, delegato dal dipartimento della Protezione civile, hanno effettuato un sopralluogo a Ginostra, nell'area denominata il Pertuso, per individuare un sito ove posizionare uno scarrabile per i rifiuti. Si è anche valutata la possibilità di iniziare in maniera sperimentale, cosi' come a Stromboli, una raccolta differenziata. Al sopralluogo hanno partecipato diversi cittadini, che hanno esposto i differenti punti di vista in relazione al posizionamento dello scarrabile amovibile.

Giovanni Li Donni in un breve video e nel ricordo dell'avvocato Vincenzo La Cava

Pubblichiamo un video postato dall'avvocato Vincenzo La Cava su fb per ricordare Giovanni Li Donni. Un video al quale ha voluto fare seguire queste poche ma intense parole: Ciao Amico Mio grande !!!

Interventi di disinfestazione, derattizzazione e deblattizzazione a Lipari, Filicudi, Stromboli e Panarea. Il calendario degli interventi

IL SINDACO
Informa la cittadinanza

che verrà effettuato un intervento di disinfestazione e derattizzazione nelle isole del Comune di Lipari secondo il seguente calendario:
Lunedì 8 Giugno Isola di Filicudi dalle ore 23.00;
Venerdì 12 Giugno Isola di Stromboli dalle ore 22.00;
Venerdì 19 Giugno Isola di Panarea dalle ore 23.00.

Un intervento di disinfestazione e deblattizzazione nell'isola di Lipari dalle ore 23.00 dei giorni:
Martedì 9 Giugno, Mercoledì 10 Giugno e Giovedì 11 Giugno.
Al fine di una buona riuscita dell’intervento, si invita la cittadinanza a:
- Chiudere le finestre a partire dall'orario programmato;
- Non intralciare le operazioni con soste su vie/piazze scarsamente accessibili;
- Custodire derrate e contenitori destinati all’alimentazione umana ed animale, evitando il contatto con i prodotti usati per la disinfestazione;
- Non stendere i panni durante il periodo di esecuzione dell’intervento;
- Svuotare i sottovasi delle piante ed evitare qualunque tipo di ristagno d’acqua in quanto risultano fonte e focolai di zanzare.
L’intervento verrà effettuato solo in condizioni atmosferiche favorevoli (in assenza di pioggia e vento).

Capo d’Orlando, morto un 36enne di Lipari precitato dal secondo piano di una palazzina

(da strettoweb) Alle 4 di stamane Capo d’Orlando si è svegliata scossa per la morte di un 36enne di Lipari. L’uomo è precipitato dal secondo piano di una palazzina in via Piave, presso la quale alloggiava provvisoriamente, ospite di alcuni parenti. A nulla è valsa la corsa dell’ambulanza verso l'ospedale di S. Agata Militello
I carabinieri, frattanto, stanno tentando di far luce sul decesso per capire esattamente cosa sia successo in quei tragici attimi.


La notizia di questo decesso è riportata anche da AM notizie Capo D'Orlando.

Guida blu di Legambiente e Touring Club. Ancora 5 vele per Santa Marina Salina

Salina si conferma al top tra le isole italiane nella "Guida blu" di Legambiente.
Anche quest'anno con Santa Marina Salina ha ottenuto le 5 vele assegnate da Legambiente e Touring Club Italiano al "mare più bello La "Guida blu 2015" è stata presentata all’Expo a Milano nell’ambito di Festambientexpo.
Santa Marina Salina viene premiata per essersi distinta grazie ad una gestione sostenibile delle attività e dei servizi offerti al turismo, nell’ottica di una maggiore salvaguardia del ambiente naturale e paesaggistico del territorio che li ospita.
Fino ad oggi, nei due anni in cui è stata istituita la speciale classifica per le isole, Salina è l’unica isola italiana ad aver ottenuto questo riconoscimento, dimostrando di poter soddisfare tutti i criteri per l'idoneità all’assegnazione del premio come qualità delle acque, raccolta differenziata efficiente, aree pedonali, ottimizzazione dei servizi, valorizzazione del paesaggio, della cultura enogastronomica e delle produzioni locali.
In Sicilia un'altra località ha ricevuto le 5 vele: San Vito Lo Capo (TR)

Per una chiesa che si ripara...un'altra entra in sofferenza. Il bando della Regione. Un'occasione da non perdere per la nostra storia e la nostra cultura.

(Michele Giacomantonio) A sinistra la Chiesa del Pozzo dove sono cominciati i lavori di restauro della facciata. Dovrebbero concludersi per la metà di giugno. L'idea era sorta durante le festività natalizie quando molti volontari, giovani che frequentano il bar la Precchia soprattutto, hanno realizzato il presepe all'aperto che ha riscosso tanta attenzione e consensi. Si è anche raccolta una buona cifra di offerte quando è stata lanciata l'idea del restauro. Diciamo fra un quarto ed un quinto dell'occorrente. Un'altra parte l'ha messa a disposizione il Parroco di S. Pietro mons. Gaetano Sardella, nella cui giurisdizione ricade la Chiesa del Pozzo, attingendo ai fondi della Parrocchia. Infine una terza parte l'hanno garantita alcuni privati mettendo a disposizione somme, materiali, professionalità.
In questi mesi si sta procedendo anche a San Pietro. Nei mesi scorsi è stata affrescata la cappella del Santissimo ed è stato rivisto e potenziato l'impianto luci. In questi giorni si sta affrescando l'entrata mentre il lavoro dell'intera chiesa sarà completato per la fine dell'anno.
Per una chiesa che si ripara ce ne subito un’altra che entra in sofferenza. Nel giorno del funerale di Luigi Pastore una brutta sorpresa ha accolto chi entrato in Cattedrale (foto a destra), ha raggiunto la sacrestia. Proprio nel vano che precede la sacrestia c’erano a terra almeno un cesto di calcinacci caduti dalla volta. Non è un grande danno ma è sicuramente un campanello d'allarme perché potrebbe essere la spia di un rischio maggiore. Purtroppo non sono poche le nostre chiese che si trovano in situazione di precarietà. Si è già parlato delle Grazie dove da anni il crollo del transetto ha reso inagibile la chiesa; si sa di Sant’Antonio dove da mesi non è consentito l’accesso al pubblico e così Santa Lucia. Spesso non sono interventi di grossa entità ma se non vengono fatti tempestivamente rischiano di trasformarsi in danni molto più gravi. Per questo plaudiamo all’iniziativa della Regione Siciliana che ha approvato ed emanato il seguente bando.
“L'Assessorato Infrastrutture e Mobilità - Regione Sicilia ha approvato ed emanato il bando pubblico per la predisposizione di un programma regionale di finanziamento per la promozione di interventi di recupero finalizzati al miglioramento della qualità della vita e dei servizi pubblici urbani nei Comuni della Regione Siciliana. 
Sono previste tre linee di intervento: 
Linea di intervento a): 
a.1) rivolta ai Comuni della Regione con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti; 
a.2) rivolta ai Comuni della Regione con popolazione compresa tra i 5.000 e i 30.000 abitanti. 
Linea di intervento b): 
rivolta agli Enti di culto e/o di formazione religiosa, o di assistenza e beneficenza, ricadenti in tutti i Comuni della Regione. 
Linea di intervento c): 
rivolta alle Forze dell'Ordine e più precisamente alla ristrutturazione di immobili di proprietà degli Enti Locali in uso alle Forze dell'Ordine ricadenti in tutti i Comuni della Regione. 
Gli interventi devono ricadere nei Centri storici e le proposte progettuali devono essere finalizzate: 
a) al miglioramento della fruizione dei piccoli centri urbani da parte dei cittadini; 
b) al recupero, al rinnovamento e alla rimessa in funzione del tessuto edilizio urbano, nel rispetto delle tradizioni culturali e storiche; 
c) al miglioramento della qualità della vita e dei servizi pubblici nelle aree urbane; 
d) all'integrazione sociale con specifica attenzione alla lotta alla marginalità; 
e) al miglioramento della viabilità e dei sistemi di mobilità interna ai piccoli centri abitati; 
f) alla riduzione della congestione del traffico, dell'inquinamento atmosferico e di quello acustico; 
g) al rafforzamento del controllo del territorio e della prevenzione sociale a fini di protezione dei cittadini, sia come soggetti a rischio di esposizione ad attività criminose, sai come potenziali autori di reati. 
Soggetti destinatari ed attuatori degli intervento sono: 
- Sindaci dei Comuni della Regione Siciliana ove insistono immobili, per le Linee di intervento a) e c)
- Legale Rappresentante degli Enti di culto e/o di formazione religiosa, o di beneficenza e assistenza, degli immobili ricadenti nei Comuni della Regione Siciliana, per la Linea di intervento b). 
Gli importi complessivi dei finanziamenti concessi, per ogni singolo intervento, non potranno eccedere: 
- per la linea a) € 1.100.000,00
- per la linea b) € 800.000,00
- per la linea c) € 800.000,00
Le risorse disponibili sono pari a circa 18.000.000,00 di euro, così suddivise: 
- il 60% a favore degli interventi di cui alla lettera a) e più precisamente 30% a favore dei Comuni di cui alla sottolinea a.1) e 30% a favore dei Comuni di cui alla sottolinea a.2); 
- il 30% a favore degli interventi di cui alla linea b); 
- il 10% a favore degli interventi di cui alla linea c). 
Le istanze di finanziamento dovranno essere presentate entro il 22 luglio 2015.”.
Siamo sicuri che la Parrocchia e la Curia diocesana si attiveranno e siamo sicuri che altrettanto farà il nostro comune. Gran parte delle Chiese di Lipari e sicuramente la Cattedrale, Madonna delle Grazie, e S. Antonio oltre che della nostra storia religiosa fanno parte della nostra cultura e della nostra storia civica.

L'emozione di andare a vela. Iniziativa per tutti domenica prossima della Lega Navale, sezione di Lipari


Per info 3473528686

Stroncata un'altra giovane vita. E' deceduto Giovanni Li Donni

Un nuovo lutto ha colpito la nostra comunità.
E'deceduto il giovane Giovanni Li Donni. Aveva 38 anni.
Al papà, professor Pino Li Donni, alla mamma, professoressa Maria Luisa Interdonato e ai fratelli Marco e Bartolo le condoglianze di Eolienews.

"Jobs Act. Quali diritti e quali tutele" . Convegno a Lipari per l'organizzazione di convegno organizzato dall'A.F.I.E. e dall'AGI

"Jobs Act. Quali diritti e quali tutele" è il tema del convegno organizzato dall'A.F.I.E. e dall'AGI - Avvocati Giuslavoristi Italiani, con la partnership del "GRUPPO 24 ORE".
Si terra a Lipari, presso l'Hotel AKTEA, il prossimo 6 giugno 2015.
L'evento formativo è altresi accreditato ai fini della formazione professionale per Avvocati, Dottori Commercialisti e Consulenti del Lavoro

Cercasi volontari per pulizia spiagge. Incontro oggi al comune di Lipari

COMUNICATO STAMPA
OPERAZIONE DI PULIZIA SPIAGGE – VOLONTARIATO
Il Comune di Lipari – Assessorato Ambiente e Sostenibilità territoriale – intende dedicare il mese di giugno alla pulizia “sostenibile” delle spiagge principali del territorio comunale che hanno risentito particolarmente dell'azione dei rifiuti trasportati dal mare durante l'inverno. L’Amministrazione chiama a raccolta tutti coloro che desiderano prestare la propria opera di volontariato per la salvaguardia di un bene comune. L’iniziativa è volta a rendere un fondamentale servizio di pubblica utilità in prossimità della stagione estiva, con il coinvolgimento diretto dei cittadini.
A tale scopo, è stato fissato un incontro per oggi, venerdì 5 giugno, ore 18.30, presso il Palazzo Municipale di Piazza Mazzini per verificare la disponibilità di Associazioni e volontari a partecipare all’operazione di pulizia e concordare un programma con date ed orari precisi per una migliore organizzazione.
Si ringraziano quanti vorranno collaborare.
L’Assessore all’Ambiente
(Fabiola Centurrino)



giovedì 4 giugno 2015

"La biblioteca...a spasso.. nel parco" . Riviviamo alcuni momenti attraverso uno slide fotografico e un breve video

Si è tenuta oggi pomeriggio al parco-giochi di Diana a Lipari “LA BIBLIOTECA…A SPASSO NEL PARCO.
La Biblioteca Comunale di Lipari ha dedicato uno spazio ai bambini e alle loro famiglie con letture ad alta voce, fiabe e storie, laboratori di parole.
Coloro che hanno voluto hanno potuto prendere in prestito i libri della biblioteca per leggerli insieme a mamma e papà.
L’iniziativa, in collaborazione con Edizioni Strombolibri e l’Associazione Paideia,è stato un vero e proprio picnic sul prato con i piccoli lettori e i loro genitori per riscoprire e coltivare insieme l’amore per la lettura e per i libri e per “vivere la biblioteca”, intesa come porta che apre tutti i mondi possibili. 

LO SLIDE FOTOGRAFICO:
IL VIDEO:

Il video "Il ballo del cuoco" dei bimbi (sez. D) della scuola di Lipari centro al saggio "Mangiando s'impara"

Vi proponiamo il secondo dei due video realizzati stamani nel corso del saggio di fine anno "Mangiando s'impara" dei piccolissimi della scuola "S. Domenico Savio" di Lipari centro.
Sono i bimbi della sezione D nel "Ballo del cuoco"

"Aggiungi un posto a tavola". Il video della sigla iniziale del saggio di fine anno 2015 "Mangiando s'impara" dei bimbi della scuola di Lipari Centro

Vi proponiamo il primo dei due video realizzati stamani nel corso del saggio di fine anno dei piccolissimi della scuola "S. Domenico Savio" di Lipari centro.
E' sigla iniziale "Aggiungi un posto a tavola" interpretata da tutti i bimbi.

"La storia delle Eolie" conosciamola attraverso lo storico Giuseppe La Greca. 4 Giugno 1887 : Filippo De Pasquale

4 giugno 1887
Filippo De Pasquale

Filippo De Pasquale, avvocato, era nato a Lipari nel 1810. Deputato al Primo Parlamento di Sicilia. Amico di Garibaldi, resse l’amministrazione Mangione e Ficurra a Palermo e susseguentemente quella dei Beni di Casa Reale. Letterato eminente e versato negli studi storici e filosofici, scrisse, tra l’altro, una storia di Lipari andata purtroppo perduta. Fondo una fattoria enologica conseguendo premi ambiti in Italia e all’Estero. Ricopre la carica di Sindaco di Lipari in due mandati, il 1° dal 8 novembre 1867 al 3 gennaio 1870, nel corso del quale ottiene la bicorsa settimanale da e per Messina.
Nel corso del 2° mandato, dal 6 febbraio 1876 all’aprile 1882 si installò il telegrafo con cavo sottomarino. Nel corso del 1879, diede in concessione al Dott. Francesco Genovesi di Messina, per 20 anni, con un canone di Lire 500 all'anno, lo stabilimento termale di San Calogero. La sua amministrazione, nel corso del 1881, adottò dei provvedimenti contro la fillossera.
Filippo De Pasquale muore a Lipari, il 4 giugno 1887, alle 23,20 nella propria abitazione. Il consiglio Comunale si riunì in seduta straordinaria il giorno successivo alle 20, L’ordine del giorno: Onoranze funebri al defunto Cav. Ufficiale De Pasquale Filippo. (..) “Il sindaco (Ferdinando Pajno) annunzia al Consiglio che ieri notte alle 11 e 20 cessava di vivere nella sua casa di abitazione il Cav. Ufficiale Sig. Filippo De Pasquale e ne commemora la vita che lo rese benemerito al Paese, sia come cittadino per gli alti uffici sostenuti, sia come Capo più volte di questo  Municipio, avendo il Cav. De Pasquale con la sua mente elevata, col suo carattere integro, col suo amore per la terra nativa dedicato l’intera vita a difesa e sostegno degli interessi di questa isola. A nome quindi della Giunta in segno di gratitudine verso l’estinto, di cui il paese ne compiange la perdita, propone che i funerali gli siano fatti a cura e spese del Municipio con l’intervento dell’intero Consiglio Comunale e che un mezzo busto in marmo sia collocato nell’aula consiliare. Il consigliere Picone propone anche che una lapide sia posta in Piazza del Commercio sulla casa De Pasquale.
Il consiglio associandosi alle nobili parole del Sindaco sulle virtù del compianto Cav. Uff. Sig. Filippo De Pasquale chiede al Sindaco di esternare alla famiglia De Pasquale i sensi di condoglianza a nome del Consiglio per tanta perdita  che colpisce l’intero Paese; e delibera ad unanimità di voti che i funerali al Cav. De Pasquale siano fatti a cura e spese del Municipio con l’intervento della Civica Rappresentanza; che un mezzo busto in marmo sia posto nell’aula consiliare a perpetuarne la memoria ed una lapide collocarsi in Piazza del Commercio sulla casa De Pasquale.
In ultimo il Presidente comunica al Consiglio due telegrammi di condoglianza, l’uno dell’On.Le Marchese di Sant’Onofrio che delega il Sindaco a rappresentarlo nei funerali del Cav. De Pasquale, e l’altro del Sindaco di Salina che partecipa aver delegato il direttore della Colonia a rappresentare quel Comune.”
Fu detto di lui: “Il più cavaliere dei gentiluomini Liparesi. Enologo distinto, geologo, numismatico e nelle dottrine sociali erudito, nulla tralasciò perché gli interessi del proprio paese fossero sempre garantiti, lottando a viso aperto, contro chiunque avesse tentato di manometterli. (dal Discorso funebre di G. B. Caserta , pronunciato il 7.6.1887).
Nell’epigrafe del monumento a Don Filippo De Pasquale, leggiamo: “Promotore nel 1842 della abolizione delle decime vescovili”.

Convocato per l'8 giugno il consiglio comunale di Lipari

Il presidente Adolfo Sabatini ha convocato il consiglio comunale per lunedi' 8 giugno 2015, alle ore 10.00. All'ordine del giorno un solo argomento: surroga del consigliere comunale cessato dalla carica; giuramento ed esame delle condizioni di eleggibilità ed incompatibilità per il consigliere subentrato.

"Mangiando s'impara". Il delicato ed importante tema dell'alimentazione nel "saggio" dei piccolissimi della "S.Domenico Savio" di Lipari centro

 "Saggio" di fine anno stamattina, presso il Palazzetto dello Sport "Nicola Biviano" di Lipari, per i piccolissimi della scuola S. Domenico Savio di Lipari Centro.
Tema del saggio, sulla scia dell'Expo di Milano, l'alimentazione ed allora "Mangiando s'impara"
Vi proponiamo alcune foto. 
Nel tardo pomeriggio vi proporremo due video

La cartellonistica fatta realizzare dall'Associazione "Borgata Lami" de "La Via del Vino": Antico cammino Canneto\Calandra - Lami\Penninella.

PARLIAMO DI LIBRI… Rubrica settimanale della BIBLIOTECA COMUNALE DI MALFA a cura di Antonio BRUNDU : “LUCI DEL MEDITERRANEO- I FARI DI CALABRIA E SICILIA “ di Francesca FATTA con disegni, rilievi e carte storiche.

“LUCI DEL MEDITERRANEO- I FARI DI CALABRIA E SICILIA “ di Francesca FATTA con
disegni, rilievi e carte storiche.
“L’estensione dello spazio, la peculiarità del paesaggio, la compattezza d’assieme creano l’impressione che il Mediterraneo sia ad un tempo un mondo a sé e il centro del mondo: un mare circondato da terre, una terra bagnata dal mare.” Così Predrag Matvejevic descrive il nostro mare, luogo della ricerca entro il quale  questo volume si muove. L’argomento dei fari è di grande attualità oggi, sia per il rinnovato dibattito sulla salvaguardia  ambientale delle coste, che per il rischio di perdere gran parte delle strutture oramai abbandonate, dopo che, per esse, è venuta meno la figura del farista che le utilizzava anche come abitazione. I fari del Mediterraneo, tranne poche eccezione, non hanno l’imponenza monumentale di quelli atlantici, proprio perché la caratteristica delle coste e i movimenti di questo mare non sono quelli dell’oceano. Essi sono stati definiti in molti modi: le sentinelle del mare, i templi del mare, i luoghi del silenzio, a testimoniare l’indubbio fascino che esprimono sia visti da terra che dal mare. Eppure questi manufatti sono reali, misurabili nella loro estensione, fatti di pietre e intonaci e, proprio per questo , vanno documentati, analizzati, confrontati e compresi nella loro dimensione architettonica e paesaggistica, per essere conosciuti e tutelati meglio. L'autrice indica un percorso di lettura, tra storia e mito, del paesaggio delle coste calabresi e siciliane, seguendo la presenza dei fari che ne segnano la rotta. Fari storici e fari moderni, in tutto sessanta manufatti, rappresentati nelle carte d'archivio, nei profili letti dal mare, nelle foto e nei rilievi a scala architettonica, fino alla decostruzione e all'analisi di una decina di esemplari campione dei quali è stato realizzato il modello informatizzato. Il Gruppo di lavoro è formato da Sebastiano Nucifora (Dottore di ricerca in Rilievo e rappresentazione dell'architettura e dell'ambiente) che ha svolto anche il ruolo di coordinamento; Gabriella Curti (Assegnista di Ricerca, già Dottore di Ricerca in Rilievo e rappresentazione dell'architettura e dell'ambiente); Anna Petino (Dottoranda di Ricerca in Rilievo e rappresentazione dell'architettura e dell'ambiente); Agostino Urso (Assegnista di Ricerca, esperto in architettura digitale), Maria Calandra (Architetto presso la Soprintendenza BB. CC. AA. di Catania). La presentazione del volume è di Massimo Giovannini, Preside della Facoltà di Architettura di Reggio Calabria, già Direttore del Dipartimento di Architettura e Analisi della Città Mediterranea, dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria. L'introduzione è di Predrag Matvejeviè, (ripresa da: Mediterraneo. Un nuovo breviario, Garzanti, Milano, 1996). Professore all'Università di Zagabria e poi alla Sorbona a Parigi, insegna attualmente letterature slave all'Università "La Sapienza" di Roma.
FRANCESCA FATTA (Palermo 1955).
Architetto, Professore Straordinario di Disegno dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, insegna Disegno dell'Architettura presso la Facoltà di Architettura e svolge attività di ricerca nel Dipartimento di Architettura e Analisi della Città Mediterranea. Da anni si occupa dello studio degli insediamenti urbani e dei complessi architettonici in area mediterranea ed in particolare dei sistemi di relazione dei luoghi di mercato nei tessuti storici. Appassionata di mare, ha anche frequentato la scuola velica di Caprera negli anni '74, '75 e '76.


SEGNI DI MEDIAZIONE
Stralcio presentazione di Massimo Giovannini
I fari sono segni di mediazione. Sono fatti di terra e di mare. Lumi pieni di significato. Architetture speciali. Architetture tese. In cui la funzione determina la forma. Progettate per indicare il segno. Semafori per accompagnare la rotta delle navi. I pensieri del farista sono fatti di mare e di terra. Sono segnati dall'immanenza del mare e si nutrono dell'immanenza della terra. Grazie a questo bel libro, anche i nostri pensieri oggi sono un pò più felicemente pieni di mare e di terra.
MEDITERRANEO :
ETERNO E QUOTIDIANO
Stralcio introduzione di Predrag Matvejevic
Anche i fari sono simili ai templi del Mediterraneo, e non si può lasciarli solo ai servizi costieri o a quelli della navigazione. Solitamente vengono classificati in rapporto all'età e alle dimensioni, al modo in cui sono stati costruiti e ai luoghi su cui sono stati innalzati, promontori o isole da cui fanno luce: è bene prendere altresì in considerazione la maniera in cui il mare li circonda, di quale specie è il loro isolamento  o il distacco, in quali rapporti si trovano con i porti più vicini, l'eventuale intenzione che hanno di diventare porti essi stessi. E, da ultimo a chi fanno luce e su quali percorsi (sul piano sentimentale si continua a dire che la loro luce è nostalgica, intermittente, vibrante e così via). Sulle ragioni per le quali alcuni singoli lanternisti e guardiani di fari abbiano deciso di vivere in solitudine distribuendo luce intorno non è il caso di discutere. I fari ricevono un posto di tutto rispetto sulle carte nautiche di grandi dimensioni, ma anche nei ricordi dei naufraghi non vengono tralasciati. Ad essi sono dedicate talvolta delle immagini nelle case di coloro che hanno perduto i loro congiunti in mare: l'ex voto è testimonianza popolare e pagana al tempo stesso, i cui santuari sono i più numerosi sul Mediterraneo. I fari hanno tratti comuni con i monasteri che, da laici colti, non si dovrebbero sottovalutare. La riva, il porto, il molo e il ponte della nave, la piazza cittadina e il mercato, la pescheria, lo spazio vicino alla fontana o al faro, accanto alla chiesa o al monastero, il cimitero e il mare stesso diventano dunque di tanto in tanto palcoscenici aperti. Sui quali vengono giocati ruoli diversi, insignificanti e fatali, sui quali si svolgono rituali quotidiani  ed eterni. Di simili scene e avvenimenti sono pieni i secoli: il passato e il presente del Mediterraneo, la storia del teatro mediterraneo.
LUCI DEL MEDITERRANEO
di Francesca FATTA

Questo libro vuol essere la testimonianza di un interesse per delle architetture soggette al rischio di non sopravvivere ancora a lungo. Da quando la figura del farista è stata sostituita dai radiocomandi le strutture architettoniche, in gran parte, versano in stato di abbandono. I satelliti e i GPS, grazie all'altissima precisione dei rilevamenti e alla semplicità di uso della strumentazione, hanno reso la navigazione sicura al punto che la presenza del faro si è tradotta, da punto di avvistamento fondamentale, a punto di riconoscimento paesaggistico. Una sorta di archeologia industriale della navigazione che va riconosciuta e valorizzata. Da tali presupposti è nata la ricerca documentata nelle pagine che seguono. Un lavoro che ha visto impegnato un gruppo di lavoro costituito da Gabriella Curti, Anna Petino, Agostino Urso, Maria Calandra e, soprattutto, Sebastiano Nucifora che, con la sua capacità di ricercare su questi temi, ha contribuito in modo determinante alla organizzazione del volume. Esso si struttura in due parti: la prima affronta il tema del faro secondo un’ottica complessiva che tocca la storia, il mito, la tecnica, l’architettura. La seconda parte è un “atlante” in cui sono presenti sessanta fari delle coste della Calabria e della Sicilia, e si conclude con una “appendice” che riguarda le tavole grafiche dei progetti di alcuni fari siciliani della metà del XIX secolo, custoditi presso l’Archivio di Stato di Palermo. Sebastiano Nucifora inquadra il tema in una dimensione storica e paesaggistica in cui si pongono in evidenza i riferimenti tipologici e concettuali che legano la torre d’avvistamento e il faro come “nodi di un sistema reticolare capace di riconnettere, fisicamente e concettualmente, l’intero territorio costiero”. Il ruolo e la presenza dei fari si sovrappone al sistema dei segni naturali scegliendone alcuni e scartandone altri per generare un nuovo sistema semiotico che, da un lato, serve a spiegare il territorio e, dall’altro, dà vita a una rete invisibile di segni che richiede a sua volta di essere decodificata. Se le condizioni di accoglienza, controllo, pericolo costituiscono le coordinate del viaggio tra i segnali di avvistamento, è comunque interessante anche l’aspetto configurativo del faro in sé che Gabriella Curti analizza grazie ad alcuni esempi campione tratti dall’Album dei Fari del Regno d’Italia del 1873, il primo lavoro di riordino post-unitario che raccoglie i progetti per potenziare l’assetto per l’illuminazione e segnalazione dei punti cospicui e dei capi costieri. Piante e prospetti dei progetti architettonici mostrano un nuovo Stato, forte e moderno, teso a organizzarsi in un Mediterraneo complesso e trafficato. Altro aspetto che determina il fascino del faro riguarda la tecnologia degli apparati illuminanti e – contrariamente a quanto spesso descritto a proposito dei silenzi che circondano il faro – spesso assordanti nella notte a causa dei loro meccanismi rotanti azionati da gruppi elettrogeni rumorosissimi. Anna Petino mette in evidenza il processo evolutivo dei sistemi di segnalazione luminosa, dai fuochi notturni, alle lenti rotanti azionate dal farista, ai radiocomandi, ai rilevamenti GPS. Agostino Urso sviluppa il progetto di rappresentazione del faro secondo la costruzione di un modello digitale, frutto della combinazione di più piani di proiezione e, infine, Maria Calandra inquadra i fari della Calabria e della Sicilia secondo una lettura per differenze ovvero per tipologie insediative, rappresentate in una grande tavola grafica che mostra il quadro sinottico dei fari. “Se però la lanterna può dirsi l’anima del faro, e in definitiva la sua ragion d’essere, essa è nella sostanza solo uno degli elementi che lo compongono, sotto la quale, fisicamente, si propone il corpo del faro con la sua torre e, spesso, il suo caseggiato dalle forme e dimensioni più svariate.

Auguri da Partylandia per Caterina

Lo staff di Partylandia augura Buon Compleanno a Caterina che compie 7 anni
Apre il 6 Giugno al N°179 Jells road Wheelers Hill di Melbourne (Australia) la trattoria-pizzeria "Il Desiderio" degli eoliani Brutz e Marco Cincotta 

UE: 60 ANNI FA CONFERENZA MESSINA, ARDIZZONE INCONTRA JUNCKER

Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, ha incontrato stamattina a Bruxelles il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker. L’incontro è avvenuto nella sede del Parlamento europeo, a margine dell’Assemblea plenaria del Comitato delle Regioni, della quale Ardizzone è componente del bureau. Nell’occasione, il presidente dell’Ars ha consegnato a Juncker una targa-ricordo per il 60° anniversario della Conferenza di Messina, tenutasi nella città dello Stretto dal primo al 3 giugno del 1955, su iniziativa dell’allora ministro degli Esteri, Gaetano Martino. Alla riunione interministeriale dei sei stati membri della Ceca parteciparono i ministri degli esteri dei sei Paesi: oltre all’Italia, Jan Willem Beyen per i Paesi Bassi, Antoine Pinay per la Francia, Joseph Bech per il Lussemburgo, Walter Hallstein per la Repubblica federale Tedesca e Paul-Henri Spaak per il Belgio.
In quella riunione, che si tenne proprio a casa di Martino, furono gettate le basi per la creazione dell’Euratom, la Comunità europea dell'energia atomica e di quella che diverrà, nel giro di due anni con la firma dei Trattati di Roma del 1957, il Mercato europeo comune (Mec, poi Cee e oggi Ue).
“Era giusto ricordare la Conferenza di Messina - afferma Ardizzone - perché se oggi abbiamo un’Unione europea con 28 stati membri, e altri candidati a entrarvi, lo si deve certamente a quell’incontro e alla lungimiranza del ministro Martino, che, con grande sagacia e pazienza, riuscì a ricompattare i 6 Paesi dopo la bocciatura, l’anno precedente, da parte del Parlamento francese, dell'accordo per la costruzione di un esercito europeo".
Alla cerimonia di consegna della targa ha partecipato anche la delegazione italiana del Comitato delle Regioni, guidata dal sindaco di Catania e presidente nazionale dell’Anci, Enzo Bianco.
"Insieme al sindaco Bianco - conclude Ardizzone - abbiamo proposto al presidente della Commissione europea Juncker di organizzare per la prossima primavera una conferenza euro-mediterranea a Taormina".

Torna il 7 Giugno a Lipari l'iniziativa di ENPA-PIZZARDI "La squadra salvanimali"

Il 7 Giugno (17-20) sul C.so Vittorio Emanuele di Lipari "Alla Palma" terzo appuntamento con l'evento ENPA-PIZZARDI, rivolto ai ragazzini di Lipari che raccolgono e giocano con le figurine "cucciolotti".
La ditta aiuta in modo concreto l'ENPA con donazioni e quest'anno ha premiato la sezione liparese donando la macchina ENPA. Un mezzo ideato per il primo soccorso per animali ed è il fiore all'occhiello dell'attività della sezione liparese dell'Ente.
Nel 2014 l'Enpa a Lipari ha sterilizzato 37 cani + 200 gatti randagi; ( lipari e vulcano )
Hanno trovato una casa ( adozioni) a 55 cani e 50 gatti randagi.
Quotidianamente i volontari danno da mangiare a circa 200 animali sul territorio di Lipari e Vulcano.

Operatori comunali per disciplinare flussi turistici.La richiesta del consigliere Biviano

Al Sindaco del Comune di Lipari
Marco Giorgianni
OGGETTO: Richiesta di operatori per la regolarizzazione dei flussi durante le fasi di imbarco e sbarco dei passeggeri nel molo di attracco degli aliscafi.
Egregio Sindaco,
VISTO il disagio e la confusione determinatasi negli ultimi giorni nel molo di attracco degli aliscafi di Sottomonastero grazie alla presenza di un buon numero di vacanzieri giunti nelle nostre isole;
VISTO il positivo riscontro avuto l'anno scorso grazie alla presenza dei dipendenti comunali insieme agli operatori a terra delle società di navigazione che hanno disciplinato e regolarizzato il flusso durante le fasi di imbarco e sbarco dei passeggeri;
VISTO l'inoltro della stagione estiva e la sempre maggiore necessità di organizzazione dei passeggeri in arrivo e in partenza per i sopra elencati motivi;
Si chiede di disporre la presenza di operatori comunali, insieme agli addetti delle società di navigazione, al fine di migliorare le condizioni attuali e rendere maggiormente fruibile l'acceso al suddetto molo attraverso un servizio di informazioni e regolarizzazione dei flussi.
In attesa di riscontro, porgo distinti saluti.
Il Consigliere Comunale
Dott. Giacomo Biviano