Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 11 luglio 2015

"La storia delle Eolie" conosciamola attraverso lo storico Giuseppe La Greca. 9 Luglio 1999: Inaugurazione delle elisuperfici

9 luglio 1999
Inaugurazione delle elisuperfici
Il 9 luglio 1999 alla presenza del Presidente della Regione Siciliana, On. Angelo Capodicasa, viene inaugurata l’elisuperficie per il soccorso sanitario dell’isola di Filicudi, la prima delle opere realizzate nell’arcipelago Eoliano. Oltre il presidente della Regione Siciliana, erano presenti il Prefetto Profili (nella duplice veste di Commissario governativo per la realizzazione delle elipiste), il sindaco Giacomantonio, l’assessore alla protezione civile, Giuseppe La Greca, l’arcivescovo Marra e numerose autorità civili e militari. “Con la realizzazione di questa pista – affermava il presidente Capodicasa – gli abitanti possono sentirsi meno isolati. Diventa di vitale importanza infatti per le emergenze sanitarie e per la protezione civile”. Erano state completate le piste di Filicudi e Panarea, ed erano in fase di ultimazione quelle di Lipari, Vulcano ed Alicudi, mentre si iniziavano i lavori per quella di Stromboli e Ginostra. Il Piano comunale aveva previsto anche tre piccole piste di servizio per la vulcanologia, 2 nell’isola di Stromboli ed 1 nell’isola di Vulcano; l’uso delle stesse era limitato alla sola comunità scientifica.
Il Prefetto Renato Profili, a conclusione della cerimonia esprimeva la propria soddisfazione: non è stato fatto nulla di straordinario, ho fatto semplicemente il mio dovere”.
Con l’inaugurazione si completava un lavoro durato quasi due anni, che avevano visto impegnato il responsabile della Protezione Civile del Comune di Lipari nella pianificazione delle elisuperfici, nei sopralluoghi ed in decine e decine di conferenze di servizi presso la Prefettura di Messina.
La domanda di soccorsi rapidi e tempestivi tramite elicotteri era sul tavolo della discussione delle isole Eolie da almeno un decennio, ma sino al 1997 nessuna amministrazione aveva seriamente affrontato l’argomento. La richiesta delle elisuperfici proveniva sia dalla popolazione residente sia dai numerosi piloti delle eliambulanze costretti a non poter operare in sicurezza il soccorso sanitario. Gli elicotteri sino a quel momento erano costretti ad atterrare in aree non idonee, quali campi sportivi, strutture portuali, prive, il più delle volte, di un adeguato impianto di illuminazione.
I lavori sono stati eseguiti, in economia, dal Genio Campale di Bari – Palermo con una spesa complessiva di circa tre miliardi e mezzo di vecchie lire rispetto ai cinque miliardi inizialmente impegnati dall’Assessorato alla Sanità della Regione Siciliana, il primo caso, forse in Sicilia, in cui le somme sono state restituite alla Regione Sicilia.
Il grande rapporto di collaborazione tra il Prefetto Profili e l’amministrazione comunale di Lipari trovò il suo epilogo il 25 marzo 2000, con il conferimento della cittadinanza onoraria. “Per avere con il suo impegno, con disponibilità e sensibilità, contribuito a risolvere i numerosi e gravi problemi del comune di Lipari e delle Eolie in generale”, si legge nella deliberazione del consiglio comunale.
Il dottor Profili, sottolineando di essere sensibilmente emozionato e profondamente onorato per il riconoscimento, affermava: “non ho fatto nulla di eccezionale, ho solo assolto il compiuto di un prefetto, cioè stare dietro le amministrazioni per sostenerle nelle loro iniziative”.
L’amministrazione Giorgianni ha deliberato nel corso del 2013 l’intestazione dell’elisuperficie di Lipari alla memoria del Prefetto Renato Profili.
A distanza di quasi quindici anni dalla programmazione e dalla realizzazione delle elisuperfici,  numerosi sono stati i tentativi da parte delle successive amministrazioni di realizzare delle elisuperfici per uso commerciale ma, ancora alla data odierna, nessuna seria pianificazione è stata posta in essere in questa direzione.


Botta e riposta. Art.1 controreplica al presidente di Federalberghi

Replichiamo al dott. Del Bono perché riteniamo di confrontarci con soggetti di alta caratura imprenditoriale. 
Lei conosce meglio di noi i disservizi ai quali siete costretti a fare fronte per evitare che possa naufragare una stagione che promette bene. Dai trasporti all'acqua,argomenti di primaria importanza per la categoria che lei ha l'onore di presiedere. 
Possiamo anche giocare a nascondino dietro il dito del primo cittadino ma concorderà con noi,di questo ne siamo certi, che alla base dello sviluppo di una azienda come di un territorio da amministrare è necessaria una sana programmazione. 
Lei fa benissimo il suo lavoro ed apprezziamo l'amore,la competenza e la passione che ci mette per superare tutte le difficoltà che annualmente si presentano. 
Certamente concorderà con noi che le problematiche a cui lei e noi ci riferiamo sono" emergenze" che con cadenza annuale si ripresentano. 
Lei se lo è posto il quesito? Lei è sicuro che è stata fatta una adeguata programmazione per evitare che questi disservizi si ripresentassero? 
Conosciamo la sua risposta perché abbiamo affrontato la questione durante i lavori portati avanti dal nostro presidente quando, da esperto alla pianificazione territoriale, insieme a lei e ad altri soggetti si studiava lo sviluppo di una porzione del territorio che avrebbe dato nuovo impulso alla martoriata economia locale. Che fine ha fatto quel lavoro da lei convintamente condiviso? 
Concorderà certamente con noi che questa amministrazione può fare molto di più in termini di pressione fiscale,occupazione,trasporti,raccolta differenziata,promozione turistica,arredo urbano,sicurezza ed amore nei confronti di tutti i cittadini ricordando a lei ed a noi stessi che non ci possiamo permettere di essere classificati per categorie. 
Per noi ,siamo tutti uguali ed abbiamo tutti pari dignità. 
Art.1

Federalberghi replica ad Art.1. Nessuna facilitazione o agevolazione è stata garantita agli albergatori

Ci vediamo costretti a dover replicare – per quel che ci compete – alla nota diffusa quest’oggi a mezzo web da Art.1 Autonomia e libertà che lamenta una disparità di trattamento tra utenti della rete idrica in favore di “alcuni albergatori” a seguito di incontri “carbonari”.
Vista la gravità delle dichiarazioni (perché danno adito ai cittadini di farsi un’idea totalmente distorta della situazione), si ritiene opportuno chiarire che nessuna facilitazione o agevolazione è stata garantita agli albergatori, salvo quanto già previsto dal regolamento comunale in vigore. Anzi, a tale proposito, va purtroppo rimarcato che sono anni che chiediamo alle amministrazioni che si avvicendano di rivedere detto regolamento con l’obiettivo di modificare la tariffazione e di ripartire quindi in modo più equo tra le diverse categorie di utenza un costo del servizio che in atto ci vede penalizzati.
Nel caso di specie va invece chiarito che alcune strutture alberghiere sono state – loro malgrado – estromesse dalla rete idrica (saranno nel frattempo servite tramite le autobotti), proprio per poter avere un quantitativo maggiore di acqua in rete e consentire alle utenze più piccole di approvvigionarsi.
Ciò chiarito, aggiungiamo che è vero che abbiamo incontrato più volte l’amministrazione come è vero che abbiamo scritto a tutti i soggetti interessati con delle richieste ben precise ma – e rientra tra le nostre prerogative di associazione di categoria - lo abbiamo fatto con la massima trasparenza nelle sedi e attraverso canali istituzionali. Altra cosa è la normale e necessaria collaborazione con il sindaco e il vicesindaco per evitare che possano insorgere problematiche di carattere igienico-sanitario. È, infatti, del tutto evidente e sono certo che lo sia anche per Art. 1 che laddove un pubblico esercizio (bar, ristorante, hotel ecc.) dovesse rimanere senz’acqua, le difficoltà e le ripercussioni porterebbero in brevissimo tempo alla chiusura dell’attività e a conseguenti ripercussioni piuttosto semplici da intuire.
Si ritiene, infine, di dover sottolineare come – considerata l’esigenza di gestire l’attuale situazione idrica con la massima attenzione e delicatezza – appaia opportuno concentrarsi esclusivamente sulle proposte costruttive e sulle soluzioni, evitando allarmismi e messaggi distorti e lasciando ad altre sedi e altri momenti la ricerca dei colpevoli e l’eventuale attribuzione di colpe.
Christian Del Bono
Presidente Federalberghi Isole Minori della Sicilia
Presidente Federalberghi Isole Eolie

Art.1 : Non comprendiamo disparità di trattamento nell'erogazione idrica

Ancora una volta non comprendiamo l'atteggiamento di questa amministrazione. Non si giustifica la disparità di trattamento nel soddisfare le richieste per l'erogazione di un bene primario. 
Incontri carbonari al comune per risolvere il problema di pochi, incuranti delle lamentele che arrivano dal territorio. 
Alcuni albergatori beneficiano di un servizio integrativo a tariffa ridotta ed altri cittadini, residenti nella frazione di Pirrera , invocano un aiuto da oltre 3 settimane per risolvere l'ennesimo problema relativo alla distribuzione dell'acqua ma ai nostri amministratori pare che non interessi. 
Noi proviamo a lanciare un appello in modo particolare all'assessore Orto ,attento alle esigenze di tutti, con la speranza che anche questi abitanti possano essere considerati alla stessa stregua di altri soggetti che hanno celermente beneficiato del pronto intervento e che adesso avranno riconosciuta anche la tariffa ridotta. 
Noi crediamo che in questo caso di emergenza, l'ennesima per questa amministrazione, la tariffazione ridotta vada estesa a tutti e,sopratutto, venga presa seriamente in considerazione la possibilità di azzerare la bollettazione relativa al servizio idrico. 
Tutti abbiamo l'obbligo di pagare i servizi ma rivendichiamo il diritto di astenerci dal pagare i disservizi. I disservizi li paghi chi li crea! 
Art.1 La Cava Falanga Pavone

Acqua. In arrivo altri 10.000 mc. con navi cisterna. Grandi utenze servite con autobotte per permettere rifornimento abitazioni. Il comunicato dell'amministrazione

Comunicato
L'amministrazione ha ottenuto dalla Regione siciliana l'integrazione di altri 10.000 mc di acqua per risolvere l'emergenza idrica di questi giorni determinata dai limitati quantitativi d'acqua prodotti dal dissalatore. 
I quantitativi, ottenuti per i prossimi giorni, sono sufficienti a soddisfare i consumi.
Per favorire la distribuzione, sopratutto ai cittadini delle aree più difficili da raggiungere, l'Amministrazione ha deciso di chiudere, per qualche giorno, alcune utenze di grande assorbimento (alcuni alberghi) che verranno rifornite solo per autobotte, insieme alle emergenze, al fine di evitare, sino al ripristino della normalità, che l'assorbimento di queste utenze limiti per tutti i cittadini la possibilità di ottenere il liquido anche quando la rete idrica che li serve sia in pieno esercizio.
Dalle prime verifiche con il gestore della distribuzione, questo intervento appare che stia avendo pieno successo. Siamo perciò convinti che altri, eventuali, disservizi possono essere solo motivati dal tempo necessario a recuperare una distribuzione ottimale e per questi, eventuali, disservizi ci scusiamo, assicurando che verrà monitorata la distribuzione per evitare ulteriori inconvenienti.
L'Amministrazione

Eolie. Scossa di terremoto in mare

Una scossa di terremoto di magnitudo 2.1 è stata registrata stamattina alle ore 6.41 nel distretto sismico delle isole Eolie. Si è verificata in mare ad una profondità di 11 km., tra le isole di Alicudi e Filicudi

Vip alle Eolie: C'è anche Antonello Venditti

Questa la foto postata da Antonello Venditti stamattina, sulla sua pagina fb, con la scritta: "Buon weekend! Oggi mi sono svegliato qui!!! Antonello"
Per Venditti si tratta di un ritorno nell'arcipelago

Oggi al Centro Studi il Laboratorio "I Teatri del sud" presenta Philoktet project

Oggi, Sabato 11 Luglio ore 21.30
Giardini Centro Studi – Via Maurolico, 15 - Lipari
LABORATORIO i TEATRI del SUD
Philoktet project
Frattanto davanti a Troia i Greci catturarono l’indovino Eleno e seppero da quest’ultimo che la città non sarebbe mai caduta se Neottolemo ed il possessore dell’arco e delle frecce di Eracle non fossero venuti a combattere in mezzo a loro.
Marcella Di Benedetto e Paola Centurrino
Regia
Emanuele Bottari

Il progetto laboratorio “i teatri del sud” inizia nell’autunno del 2001 con lo scopo di far nascere e sviluppare un centro per fare cultura a trecentosessanta gradi in un’area particolarmente svantaggiata per ovvie ragioni geografico-logistiche; l’idea è di arrivare alla “costruzione” di un non-luogo per allestire, produrre e proporre arte evadendo dagli spazi claustrofobici a lei solitamente destinati ed “occupare” le zone più svariate non solo occasionalmente ma in maniera continua nell’arco dell’anno e degli anni, cercando di coinvolgere le strutture presenti sul territorio (scuole, biblioteche, associazioni, etc.) proponendo il tutto in maniera attiva e cercando il confronto e il coinvolgimento in primo luogo di chi vive nelle isole.
Si ringrazia Il Centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani di Lipari

Salina, arrestato 22enne “corriere della droga"


COMUNICATO COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI MESSINA
I Carabinieri della Stazione di Santa Marina Salina agli ordini del Maresciallo Ordinario Gabriele Bianchi, nella giornata di ieri, stavano effettuando un servizio di controllo agli arrivi degli aliscafi.
I militari di Salina avevano registrato con l’arrivo dell’estate degli strani movimenti sull’isola, che lasciavano pensare che qualcuno rifornisse di stupefacente i giovani pusher della zona. Dopo un periodo di osservazione, nella giornata di ieri i Carabinieri decidevano di effettuare un controllo mirato agli sbarchi degli aliscafi. Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri intercettavano TRIMARCHI DANILO, classe 1993, di Messina, già noto alle forze dell’ordine per reati specifici, proprio mentre approdava allo scalo di Santa Marina Salina. Alla vista dei militari il giovane ha mostrato fin da subito uno stato di agitazione insolito che ha insospettito ulteriormente gli operanti. Sottoposto a perquisizione personale veniva trovato in possesso di circa 30 grammi di hashish divisi in dosi, circa 10 grammi di cocaina, il tutto diviso in dosi e occultato in carta alimentare da confezionamento in modo da simulare una “confezione di dolci”. 
Il Trimarchi è stato così tratto in arresto in flagranza per detenzione illegale di stupefacente ai fini di spaccio e tradotto presso la propria abitazione a Messina in regime di arresti domiciliari su disposizione della Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto.
Il sequestro di stupefacente di diversa natura, dimostra che sull’isola c’è una richiesta crescente ed eterogenea durante il periodo estivo, tale da incentivare questi “corrieri” della droga a partire da Messina per fare delle consegne “a domicilio” sull’isola.
L’arresto rientra nei risultati di una più ampia campagna di controlli pianificati dai Carabinieri della Compagnia di Milazzo che, come ogni anno, durante il periodo estivo, specie in prossimità dei fine settimana, effettuano perquisizioni e controlli agli imbarchi e sulle isole Eolie per reprimere il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti.

In mezzo al mare naviga...un monitor! Ma a terra...non va meglio














Due foto emblematiche del non rispetto per l'ambiente.
La prima, scattata da una lettrice tra Lipari e Vulcano, immortala un monitor di un computer...in navigazione.
Nella seconda foto, scattata da Gianmarco Merlino, un elettrodomestico sul molo di Canneto...forse in attesa di "salpare"

Livellamento spiaggia Filicudi porto. Presidente e vice-presidente Circoscrizione al sindaco: Intervento inutile e dannoso

Egregio Sig .Sindaco,
non avendo saputo nulla dell autorizzazione al livellamento della spiaggia di Filicudi Porto e non conoscendo le ragioni, che eventualmente La obbligassero a farlo; ci corre l ' onere di metterla a conoscenza delle seguenti circostanze: 
a) questa Circoscrizione, nelle persone che sottoscrivono, non aveva segnalato alcuna necessità in tal senso, caso mai, il livellamento andava fatto a Pecorini;
b) il movimento di spiaggia autorizzato, non sappiamo se affidato a ditta di comprovata affidabilità e conoscenza in questo campo, ha operato scendendo con mezzo meccanico cingolato sull'arenile alle ore 17 di oggi, senza segnalazione alcuna per la sicurezza della balneazione e alzando un polverone che ha inondato tutti i locali e negozi vicini;
c)la spiaggia era già abbondantemente al di sotto del muro di contenimento del lungomare ed era comprovata la difficoltà di accedere alla stessa da parte dei bagnanti ,attraverso le scalette esistenti, per via dell ' altezza; 
d) lo spianamento operato , probabilmente con le migliori intenzioni, non é stato di alcun giovamento, quest ' anno, anzi, ha modificato l arenile in senso peggiorativo stravolgendo la naturale aggregazione dei ciottoli che avrebbero salvaguardato nel prossimo inverno le case sul lungomare.
Con la presente nota dunque riteniamo auspicare per il futuro, una maggiore collaborazione con questa Circoscrizione che essendo sull Isola e conoscendo i problemi, potra' meglio ragguagliarla sulle problematiche piu 'urgenti, sugli interventi utili e su quelli inutili.
Cordiali saluti
Dalla Circoscrizione di Filicudi e Alicudi
Il Presidente e il Vicepresidente. 

Stromboli è invasa e va in tilt. La Greca: "Soluzione è AMP". L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

Allarme e malcontento a Stromboli per l’autentica invasione giornaliera di pendolari che sbarcano nell’isola dalle grandi imbarcazioni provenienti dalla costa sicula e calabra. 
Il contemporaneo arrivo di diverse centinaia di turisti “mordi e fuggi” manda in tilt sia l’intera area portuale che le piccole stradine che portano verso il cuore del paese. Stradelle e area portuale dove, in presenza di questi flussi consistenti,  diventa difficile il transito anche di una sola persona.  Sicuramente non il massimo per un’isola dove si deve convivere con un potenziale rischio vulcanico e dove la Protezione civile ha disposto tutta una serie di “protocolli” da attuare in caso di emergenze, quali eruzione o tsunami, e dove vige un piano di protezione civile che fa riferimento ad un numero di persone sicuramente ben al di sotto di quelle sbarcate giornalmente da questi vaporetti.  Discorso a parte per il quantitativo di rifiuti abbandonati. 
Eppure il malcontento degli strombolani (ma il problema riguarda anche Panarea) è destinato a restare tale e ben poco, se non nulla, possono fare nell’immediato le autorità sia civili che militari. 
Sulla delicata problematica abbiamo sentito il dottor Pino La Greca, presidente del Circolo eoliano di Legambiente ed in passato assessore alla Protezione civile del comune di Lipari. “Ogni isola – ha affermato-  ha un proprio equilibrio e l'arrivo di migliaia di visitatori ha impatti diversi. C’è senza dubbio anche un problema di protezione ma la risposta alla problematica non è legata a questa. Infatti, nel recente passato il sindaco pro-tempore, ha tentato di "contingentare" l'arrivo dei visitatori a 500 al giorno, ma questa strada non è più percorribile, in quanto l'ordinanza venne impugnata e non è più riproponibile per effetto di alcune sentenze. L'unica soluzione praticabile, soluzione che auspico da diversi anni ormai – continua La Greca- è quella della istituzione dell'Area Marina Protetta. Soltanto l'autorità che gestisce l'AMP può autorizzare l'ingresso nel mare delle Eolie di natanti provenienti da altri circondari marittimi, consentendo il libero traffico soltanto alle società residenti (lo stesso dicasi per i pescatori e i diportisti residenti). Le Eolie sono Patrimonio dell'Umanità e tutti sono invitati a visitarle ma senza dover provocare danni all'ambiente ed alle risorse delle singole isole. Soltanto attraverso l'Ente gestore – conclude La Greca - sarà possibile valutare, anno per anno, ed isola per isola, il carico antropico sostenibile con l'arrivi di migliaia di visitatori giornalieri. In altre parole, ciò che può andar bene per Lipari o per Vulcano non necessariamente va bene per Panarea e Stromboli o Filicudi, Alicudi e Salina”. 
Il dottore La Greca ci ha anche anticipato che l'argomento sarà oggetto del tavolo di discussione tra Legambiente Nazionale e la comunità eoliana in occasione della visita a Lipari di Goletta Verde, il prossimo 19 luglio.

Coppa Sicilia di nuoto in acque libere. Due gare oggi a Filicudi

Filicudi sarà oggi sede di due gare di nuoto in acque libere del calendario del Campionato Italiano di nuoto di fondo della Federazione Italiana Nuoto.
La Polisportiva Nadir di Palermo ha infatti scelto Filicudi, splendida isola dell'arcipelago delle Eolie, come sede delle prime due tappe della Coppa Sicilia, manifestazione che prevede anche 2 gare a Cefalù (PA) e due a Cornino (TP).La manifestazione sponsorizzata dal Banca di Credito Peloritano ha il patrocinio del Comune di Lipari.
E' autorizzata dalla Guardia Costiera di Lipari e sarà assistita da mezzi nautici messi a disposizione dalla locale marineria.
Alle 09.30 del mattino saranno 40 gli atleti in partenza al XI Trofeo Nadir, gara di fondo sulla distanza dei 10.00 km. La gara prevede la partenza nei pressi del molo di Pecorini a mare ed un percorso a bastone con circumnavigazione del faraglione "La Canna" ed arrivo nei pressi del molo.
La lista dei partenti prevede un'ampia rappresentanza siciliana (Palermo, Catania, Siracusa, Milazzo, Trapani, Cefalù e Messina), 10 nuotatori toscani di Prato, 2 di Gubbio in Umbria, 5 calabresi di Paola, 6 romani, 1 di Milano ed 1 di Genova.
Nel pomeriggio è prevista una gara di Mezzofondo, il IX Trofeo Piero Ciancimino, sulla distanza del miglio nautico (1850 metri). La gara si svilupperà sullo stesso circuito con partenza e arrivo nei pressi del molo di Pecorini a mare e boa di virata oltre Punta Stimpagnato.
Le premiazioni si svolgeranno al Solarium LidAlina di Pecorini a mare.
Entrambe le due gare di Filicudi sono gare del Grand Prix Regionale della UISP ed in particolare del Circuito Agostino Catalano in ricordo di uno degli agenti di scorta del Procuratore Paolo Borsellino che persero la vita nell'attentato del 19 luglio 1992 in Via D'Amelio a Palermo.
Programma e Regolamento sul sito della Polisportiva Nadir.
http://www.polisportivanadir.it/item/744-coppa-sicilia-2015-lista-preliminare-degli-iscritti

Nuccio Spinella è il nuovo presidente del Rotary eoliano

Nuccio Spinella è il nuovo presidente del Rotary club "Lipari-Arcipelago Eoliano". 
Succede ad Enzo Fancello
Al neo presidente gli auguri di Eolienews

"La storia delle Eolie" conosciamola attraverso lo storico Giuseppe La Greca. 7 Luglio 1876: La Lipari di D'Albertis

7 luglio 1876
La Lipari di D’Albertis



Enrico Alberto d'Albertis (Voltri, 23 marzo 1846 – Genova, 3 marzo 1932) è stato navigatore, scrittore, etnologo e filantropo. Il suo spirito avventuroso e curioso lo portò a legare la sua vita al mare e ai viaggi e a farne un modello della cultura scientifica sviluppata specialmente sulla base dei suoi viaggi transoceanici verso rotte esotiche e, al tempo in cui visse, assai spesso poco conosciute. Fu il fondatore del primo Yacht Club d'Italia
Il suo nome è legato ad un castello che porta il suo nome - il Castello d'Albertis - oggi sede del Museo delle Culture del Mondo. All'interno delle pagine che riguardano le Eolie troviamo degli interessanti riferimenti sulla vita delle nostre isole, sulle condizioni di vita degli operai addetti all'estrazione delle zolfo, alle condizioni di vita dei coatti e sull'Arciduca Luigi Salvatore d'Austria con la sua eccentricità.
Il viaggio del cutter Violante inizia a Genova il 7 luglio 1876, dopo diversi giorni di navigazione durante i quali approda nelle isole toscane e nell'arcipelago delle Maddalena il 18 luglio entra nelle acque delle Isole Eolie. Il giorno successivo visita Malfa e Santa Marina Salina.
Giovedì 20 – verso le 5 antim. Si dichiara una leggera brezza di Maestrale, la quale gradatamente rinfrescando ci porta all'ancoraggio di Lipari; ivi troviamo libera la boa destinata al vapore e vi ormeggiamo il cutter. Quest'isola detta dagli antichi Meligunis e Lipara è la più vasta e la più importante dell'arcipelago eolio. Ha un circuito di miglia 18, il suo aspetto eminentemente vulcanico le è impartito principalmente dai suoi crateri, dei quali il più alto, detto S. Angelo, si eleva sul livello del mare 595 m. a tramontata di questo s'innalza il cratere della Castagna alto m. 370, tutto coperto di pomice, che illuminato dal sole ci sembrava nell'avvicinarci all'isola, uno strato di neve. Tale cratere con altri monticelli tutti coperti di pomice diconsi con denominazione complessiva Capo Bianco. A Greco della città s'innalza il monte Rosa alto 230 m. di un color rossastro e anch'esso apparentemente vulcanico. A mezzogiorno sorge il monte della guardia, tutto formato di lave vetrose e ossidiane. La città omonima e capo luogo di tutto l'arcipelago si presenta scaglionata lungo il versante del lido orientale dell'isola. Una gran cittadella innalzata sopra una roccia torreggiante sul mare la domina. Questa fortezza, detta dagli isolani Civita, era per lo passato e propriamente nel tempo delle incursioni dei pirati barbareschi il solo punto abitato dell'isola. Molti liparoti hanno tuttavia colà le loro antiche case, ma vivono al presente fuori della cinta della Civita nella Lipari moderna. Serve quella fortezza al presente per ricovero ai condannati a domicilio coatto, I quali vi sono in numero di 200. Presso il palazzo vescovile esistono gli avanzi di un bagno antico di cui fa parola lo storico greco Polibio.


L'isola è quasi tutta coltivata a vigneti d'onde gli isolani traggono la dolcissima malvasia e la passolina, oggetto, come dissi, di importante commercio. La popolazione è anche dedita alla navigazione e fornisce valenti marinai. Noi vi giungemmo alle ore 6 del mattino. Era una bellissima giornata; la città colle sue bianche case, il severo castello, le verdeggianti colline e il mare tranquillo tutto contribuiva a presentarci quest'isola sotto il più grazioso aspetto.
Vennero subito al nostro bordo gli agenti della dogana e alcuni barcaioli; rimandammo i primi e fissammo due giovanotti colla loro barca per tragittarci alla vicina Vulcano. Mentre questi allestivano la barca scesi in terra co' miei compagni e ci recammo alla sanità, seguiti da una turba di curiosi, che volevano ad ogni costo regalarci nazionalità inglese. Uno spedizioniere, il quale “more solito” era bellamente riuscito ad alleggerirmi del peso delle carte di bordo, andava cercando di convincerli che eravamo italiani e genovesi.
Aspettando la barca assistemmo ad una graziosa scena che aveva luogo tra un sudicissimo frate dei monaci riformati ed un negoziante di cipolle, il quale stava assistendo al discarico della sua mercanzia da un piccolo bastimento.
Era il primo un vecchietto magro dal viso arcigno e color di carta pecora, dal naso aquilino, dal mento aguzzo, dall'occhio grifagno; una lacera e bisunta tonaca vestiva il buon servo di Dio. Il secondo era il tipo della floridezza e dalla salute, piccolo di statura e grasso, il sangue gli affluiva alle guance e gl'imporprava il naso allorché rivolgeva la parola al frate, il quale sembrava pretendesse una decima sul carico; il veemente litigio si aggirava principalmente sopra pesi e misure come oncie, cantara e rotoli ed era fiorito da certi intercalari proprii ai vernacoli del mezzogiorno d'Italia, che avrebbero fatto arrossire un mussulmano. Il paffuto negoziante teneva duro, ma non saprei come finisse la questione perché giunta la barca che ci doveva trasportare a Vulcano, vi feci saltar dentro I miei compagni, agguantai il timone, e issata la vela diressi per Vulcano. 
(…) Alle 3 p.m., preso commiato dal sig. Narlean, riguadagnammo la rada di Lipari. Si pranzò a bordo e la sera scendemmo in terra, ove si fece conoscenza col signor Palamara farmacista del paese e appaltatore delle provviste alla Famiglia dei coatti.
(…) Nella sera il Palamara ci fece visitare una bellissima palazzina foggiata sullo stile moresco, ma abbandonata per paura degli spiriti... molte altre di queste case ci furono insegnate pur esse abbandonate per tale motivo; che sentano esse la vicinanza del Purgatorio di Stromboli? Prima di separarci combinammo pel domani col nostro amico liparoto, una gita ai bagni di San Calogero.
Venerdi 21 – alle 6 del mattino del 21, fummo allegramente in marcia per S. Calogero; tutto lo stato maggiore del Violante a piedi per meglio attendere alle collezioni d'insetti, ragni e lucertole; unico il Palamara, sotto un immenso cappello di foggia araba, cavalcava uno scieco (asinello) di puro sangue liparese. Ritornammo al paese per la stessa strada e prima d'imbarcarci presi la fotografia della città di Lipari da una bella posizione. A un'ora e mezza il Violante era in rotta per Messina, spinto da una leggera brezza di ponente.

Per approfondimenti
Giuseppe La Greca, “Nel Regno di Efesto”, edizioni del Centro Studi Eoliano, 2009

Punto INPS di Lipari. Modificato l'orario di ricevimento degli iscritti agli ordini professionali

EOLIE 1950/2015. MARE MOTUS: L’isola nell’arte contemporanea dalla Sicilia al Cile

EOLIE 1950/2015. MARE MOTUS
L’isola nell’arte contemporanea dalla Sicilia al Cile
12 luglio – 30 settembre 2015
Castello di Lipari
a cura di Lea Mattarella e Lorenzo Zichichi
 Inaugurazione 12 luglio, ore 19.30 - Lipari, chiesa di Santa Caterina ed ex carcere
EOLIE 1950/2015. MARE MOTUS. L’isola nell'arte contemporanea dalla Sicilia al Cile è il titolo della grande mostra che a partire da domenica 12 luglio 2015 apre al pubblico negli spazi suggestivi della ex chiesa di Santa Caterina, nel Castello di Lipari. L’evento espositivo a cura di Lea Mattarella e Lorenzo Zichichi è parte integrante del più ampio progetto culturale di durata biennale Mare Eolie che vede interessata l’area della cittadella fortificata.
Partendo dalla comprensione del titolo e del sottotitolo emerge con chiarezza il progetto curatoriale, ovvero individuare, attingendo al panorama nazionale ed internazionale, un gruppo di circa quaranta artisti che possa affrontare per l’occasione o abbia già affrontato, il tema dell’isola. Partendo dal concetto espresso da Gesualdo Bufalino che la Sicilia sia un’isola plurale, come quel magnifico microcosmo denso di differenti linguaggi capaci di rappresentare mondi a sé e tra loro contrastanti, rivendicando così l’esigenza di un viaggio in cui è possibile attraccare ogni volta in un’immagine diversa. Diversità supportata anche nella pluralità delle tecniche espressive utilizzate, pittura, scultura, video, fotografia, ceramica che, insieme all’allestimento dedicato, contribuiranno a sottolineare l’idea della modernità nell’ambiente antico, divenuto raffinato spazio espositivo.
Le opere si troveranno infatti a dialogare con lo spazio dell’ex chiesa, imponente luogo fisico, e vero e proprio luogo dell’anima, dove depositare, attraverso il linguaggio contemporaneo, emozioni e riflessioni, portando allo scoperto i segni storico culturali che l' hanno da sempre contraddistinto.
Saranno presenti i lavori dei fotografi Martin Parr, Elger Esser, Nan Goldin, Gioberto Noro, Carlo Gavazzeni Ricordi, Raffaela Mariniello, Alice Pavesi Fiori e Veronica Nalbone, tra le video installazioni l’opera di Elena Bellantoni. E poi Valerio Berruti, Rosario Bruno, Franco Accursio Gulino, Laura Panno, Mauro Di Silvestre, Alessandra Giovannoni, Silvia Camporesi, Cristiano Pintaldi, Bruno Ceccobelli, Andrea Di Marco, Fathi Hassan, Alberto Biasi, Giuseppe Gallo, Velasco Vitali, Paolo Picozza, Mimmo Paladino e rappresentanti del Sud America come Samy Benmayor, autori di installazioni di grande impatto comeGregorio Botta, Elisabetta Novello e Riccardo Monachesi. Non mancheranno i lavori dei grandi maestri del Novecento siciliano come Carla Accardi, Fausto Pirandello, Renato Guttuso, Antonio Sanfilippo, Piero Guccione, Emilio Isgrò, Pietro Consagra, Salvo insieme ad una testimonianza di Alberto Burri che collega la mostra all’esperienza di Gibellina.
L’evento è il risultato dell’impegno dell’associazione tra imprese alla quale è stata aggiudicata la gara, Syremont, capofila, responsabile della riqualificazione architettonica, impiantistica e degli allestimenti, Il Cigno GG Edizioni, che progetta e coordina le mostre e gli eventi, e arte’m, responsabile dell’identità, della comunicazione e dell’editoria. Nella stessa area coesisteranno le preziose collezioni del Museo Archeologico Luigi Bernabò Brea e un nuovo centro per l’arte contemporanea che occuperà le celle dell’ex carcere. L’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana ha infatti destinato una misura di fondi europei PO-FESR 2007/2013 alla conoscenza dell’arte contemporanea, con il progetto “Centro per l’Arte Contemporanea nel Parco Archeologico delle Isole Eolie e Rassegna Internazionale Eolie”, di cui il Museo Archeologico Luigi Bernabò Brea è promotore con i progettisti Michele Benfari e Maria Clara Martinelli

venerdì 10 luglio 2015

Vip alle Eolie. A Lipari è sbarcata Denny Méndez

Si susseguono i vip alle Eolie. Quest'oggi è sbarcata a Lipari, Denny Méndez, trentaseienne modella e attrice dominicana naturalizzata italiana.
La prima e unica Miss Italia di colore e fra le poche di origini non italiane si è fatta immortalare con Roberto Li Donni

Raccuja. Pensionato, armato di fucile, coltello e machete irrompe nella stanza del sindaco. Arrestato

Nella tarda mattinata Alberto Cosmo Martella, pensionato, ex dipendente comunale a Raccuja, classe 1948, senza precedenti di polizia, a suo dire esasperato, poiché da dieci mesi non percepiva la pensione, è entrato al Comune di Raccuja e si è diretto verso l’ufficio del Sindaco. 
Alcuni dei presenti hanno cercato di bloccarlo mentre era nel palazzo municipale, ma l’uomo è riuscito comunque ad entrare nella stanza del primo cittadino brandendo un’arma. L’uomo aveva con sé un fucile da caccia carico legittimamente detenuto, 100 cartucce, un coltello ed anche un machete. 

Dopo essere entrato nella stanza del primo cittadino, il Martella ha minacciato con il fucile l’attuale sindaco Francesca Damiano Salpietro e suo padre, nonché ex Sindaco di Raccuja, Cono Damiano Salpietro che, in quel momento si trovava nell’ufficio con la figlia. 
Alcuni dipendenti comunali, che hanno assistito alla scena, non appena hanno intuito le intenzioni del pensionato, hanno fatto il possibile per bloccarlo. Durante la colluttazione è partito un colpo dal fucile imbracciato dall’uomo, che non ha colpito nessuno, andandosi a conficcare nel tetto.
I Carabinieri della stazione di Raccuja unitamente a quelli delle stazioni limitrofe sono intervenuti immediatamente, bloccando il sessantasettenne e disarmandolo.
Il Martella è stato tratto in arresto per porto illegale di armi, porto abusivo di armi e di strumenti atti ad offendere e minaccia aggravata.
L’uomo, dopo le formalità di rito, su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Patti, è stato condotto presso la propria abitazione a Raccuja dove è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo dinnanzi al Giudice del Tribunale di Patti, che si terrà nella mattinata di domani.

Posizionato il pontile a Filicudi porto. Ormeggiata la prima imbarcazione. Ma chi si oppone non si arrende


Il contestato pontile galleggiante di Filicudi è stato posizionato
Ovviamente chi ritiene rappresenti un duro colpo dal punto di vista dell'impatto ambientale non si arrende e si sta muovendo per raggiungere il proprio obiettivo.
Al momento, però, il pontile, che ricordiamo è in possesso delle necessarie autorizzazioni (anche queste contestate) è, come evidenzia in questa foto postata su fb, Nicolas Rando, è operativo e ha già "battezzato" il primo ormeggio

Regione siciliana, Messina (Ugl): “Dissesto a tutto campo”

“L’allarme sul dissesto dei conti pubblici della Regione siciliana colpisce anche i trecento lavoratori Esa ed i 465 stagionali della meccanizzazione”. A dichiararlo Giuseppe Messina, Responsabile regionale di Ugl Sicilia.
“Lo scontro sui numeri tra il Governo Renzi e l’esecutivo Crocetta – continua il sindacalista – in ordine al riconoscimento dello Stato alla Regione delle ritenute sui redditi delle persone fisiche che hanno residenza fiscale nel territorio siciliano per un importo stimato di circa 300 milioni di euro per l’anno 2015 penalizza i conti dell’Esa per un importo di circa 1,7 milioni di euro. Somma destinata al pagamento delle spettanze in favore degli stagionali della meccanizzazione”.
Per il Responsabile regionale di Ugl Sicilia: “A causa dell’attuale ammanco di circa un miliardo di euro nelle casse regionali – dovuto al mancato trasferimento da parte dello Stato di circa 673 milioni di euro dal Fondo sviluppo e coesione, 150 milioni della moratoria dei piani di ammortamento dei mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti e 3oo milioni riguardanti le ritenute IRPEF, a rischiare sono i Comuni, i precari, i forestali le ex province e la stessa Esa il cui fabbisogno, oltre i 13,6 milioni di euro assegnati è di poco meno di 8 milioni. Risorse necessarie – prosegue – a sostenere gli stipendi per il personale per circa 4 milioni di euro e la quota pari a 3,4 milioni per garantire le stesse giornate lavorative del 2014 degli stagionali della meccanizzazione”.
“Siamo alle solite, il Governo regionale non riesce a rispettate gli impegni finanziari assunti – sostiene Messina, che aggiunge: “Il fabbisogno per il 2015 dell’Esa è di circa 22 milioni di euro ma ad oggi ‘sulla carta’ ha ricevuto uno stanziamento di 13,6 milioni di euro. È chiaro che servono più risorse che in questo momento l’esecutivo regionale non è in grado di garantire, essendo sotto scacco da Roma”.

Nel tour di Fare Verde, il geometra Bartolo Profilio tra i ” Giovani protagonisti per l’Energia” nella tappa di Messina

E’ partito giovedì 18 giugno da Roma l’Energy Tour 2015 di Fare Verde che da Nord a Sud, in 30 giorni, toccherà 15 città in 15 regioni: un vero e proprio giro d’Italia per far conoscere ai cittadini tecnologie e materiali per l’uso razionale dell’energia e delle fonti rinnovabili.
Nelle piazze dei maggiori centri di ogni regione sarà allestito un punto espositivo e informativo con una mostra sull’efficienza energetica, campioni di materiali per la bioedilizia, video informativi, laboratori didattici e impianti innovativi alimentati da energie solari.
Domenica 12 il Tour toccherà la Sicilia, con una tappa nella città di Messina.
​Tra le attrezzature esposte, ci sarà la pompa per l’irrigazione NS1 della Nova Somor, una startup innovativa che ha recuperato e rinnovato un progetto italiano degli anni ’30 realizzando una “eliopompa” per il sollevamento dell’acqua che funziona senza elettricità, grazie al calore del sole, ideale per orti urbani o collettivi, piccole aziende biologiche e agriturismi.
Il punto informativo è completamente indipendente dal punto di vista energetico. L’elettricità sarà fornita dal Power Sun Box dell’azienda toscana Chelli, un impianto fotovoltaico portatile che si monta e si smonta in pochi minuti. La luce del sole, abbondante e gratuita, alimenterà apparecchiature elettroniche e una illuminazione a LED per le ore serali. Pala eolica, solare termico, cucina e forno solare vengono dal Portale del Sole, uno dei primi siti internet nati in Italia per diffondere apparecchiature per il risparmio energetico e per l’utilizzo delle fonti rinnovabili su piccola scala.
In ogni città toccata dal tour sarà coinvolto uno dei 15 giovani, nel caso della tappa di Messina il liparoto Bartolo Profilio, che hanno preso parte al progetto “Giovani protagonisti per l’energia” che Fare Verde sta realizzando con il contributo del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la collaborazione del CeSAR – Centro per lo Sviluppo Agricolo e Rurale, ente di formazione e ricerca partecipato dall’Università di Perugia.
Nei mesi scorsi, dopo aver partecipato a lezioni in aula, visite tecniche e seminari on line, i “giovani protagonisti” hanno sensibilizzato sui temi dell’energia più di 20.000 studenti di 30 scuole superiori (tra i quali l'Isa Conti di Lipari) in 15 regioni. Ora, con l’Energy Tour, i giovani di Fare Verde si rivolgono ai loro genitori e ai cittadini chiedendo che siano anche loro protagonisti di un modello energetico completamente nuovo, capace di futuro e sempre più necessario.

IMPORTANTE TRAGUARDO PER L'AVIS DI LIPARI: ACCREDITATA L’U.D.R. EOLIANA

L’AVIS di Lipari incassa un altro importante riconoscimento: l’Unità di Raccolta sangue istituita presso l’Ospedale di Lipari è stata accreditata; cioè, ha superato l’esame con la speciale Commissione nominata dall’Assessorato Regionale alla Salute – Settore Trasfusionale, incaricata di verificare che le unità di raccolta operanti nella Regione Sicilia abbiano i requisiti previsti dalla normativa vigente in materia.
            Il Presidente Giovanni Biviano, nel manifestare la propria soddisfazione, coglie l’occasione per ringraziare pubblicamente il Dott. Gaetano Crisà, Dirigente Medico Responsabile del SIMT di Milazzo, Patti e Sant’Agata di Militello, cui vanno i meriti di questo brillante risultato; per la sensibilità, l’impegno e la capacità professionale profusi per raggiungere, al primo tentativo, tale obiettivo.
            Il Presidente vuole ringraziare, altresì, il Dott. Carlo Spadaro, Dirigente Medico del SIMT di Milazzo e Responsabile dell’U.D.R. di Lipari, che ha seguito passo-passo l’iter propedeutico all’accreditamento; vero punto di riferimento del Dott. Crisà che, in questo impegnativo percorso, ha potuto usufruire della sua esperienza professionale maturata proprio nelle isole e per il quale, a ragione, l’Unità di Raccolta di Lipari sarà pure una sua creatura.
            Da parte nostra, dice il Presidente Biviano, l’impegno del personale sanitario preposto ed il conseguente accreditamento lo vogliamo considerare un premio alla disponibilità, all’apporto numerico ed alla costanza dei donatori di sangue eoliani che per i prossimi due anni potranno continuare a donare a Lipari
Dalla Segreteria dell’AVIS di Lipari

Previsioni meteo-marine Eolie da oggi pomeriggio a tutto il week-end. A cura di Giuseppe La Cava

Il sensibile aumento del calore sulla superficie del mare contribuisce a rilasciare nell'atmosfera, a seguito della maggiore evaporazione, importanti quantità di vapore acqueo che si assoceranno alle masse d'aria calda da giorni stagnanti nei bassi strati.
Durante le ore notturne del prossimo week end, con l'indebolimento della ventilazione, in presenza di alti valori di umidità relativa 75-85 %, si continuerà a percepire disagio per effetto dell'afa, facendoci percepire temperature di +3/+4 gradi piu' alte rispetto al valore reale.
Sempre a causa del forte irradiamento solare , dell'alto tasso di umidità e della temperatura della superficie del mare che toccherà di 28-29 C, si potranno formare nel pomeriggio-sera di Venerdi 10, e durante la notte tra Sabato 11 e l'alba di Domenica 12 nubi cumuliformi di natura termo convettiva che potranno dar luogo alla formazione di temporali di calore circoscritti alle vette di Salina e Stromboli.
PER APPROFONDIMENTI VISITATE LE PAGINE FACEBOOK www.facebook.com/meteoeolie e www.facebook.com/meteostrettomessina

Dipendenti Eolian Bunker ripuliscono tratto di spiaggia a Marina Lunga

Nei giorni scorsi avevamo evidenziato, anche attraverso delle foto, lo stato in cui versava un tratto di spiaggia a Marina Lunga.
A ripulire quel tratto di litorale è intervenuto l'Eolian Bunker attraverso i suoi dipendenti.
Ai componenti della società Eolian Bunker, non nuovi a queste iniziative, va il nostro plauso 

Invasione pendolari a Stromboli. La Greca: Limitazione possibile solo con istituzione Area Marina protetta

Gentile direttore, 
ho appena finito di leggere il suo "pezzo" corredato dalle foto, dello sbarco giornaliero dei pendolari nell'isola di Stromboli, come in quella di Panarea, Vulcano e Lipari. 
Naturalmente ogni isola ha un proprio equilibrio e l'arrivo di migliaia di visitatori ha impatti diversi. Lei pone problemi di protezione civile correttamente, ma la risposta non è legata alla protezione civile. 
Nel recente passato il sindaco pro-tempore tento di "contingentare" l'arrivo dei visitatori a 500 al giorno ma questa strada non è percorribile in quanto l'ordinanza fu impugnata e non più riproponibile per effetto di alcune sentenze. 
L'unica soluzione praticabile, soluzione che auspico da diversi anni ormai, è quella della istituzione dell'Area Marina Protetta. soltanto l'autorità che gestisce l'AMP può autorizzare l'ingresso nel mare delle Eolie di natanti provenienti da altri circondari marittimi, consentendo il libero traffico soltanto alle società residenti (lo stesso dicasi per i pescatori e i diportisti residenti).
Le Eolie sono patrimonio dell'Umanità, e tutti sono invitati a visitarle ma senza dover provocare danni all'ambiente ed alle risorse delle singole isole. 
Soltanto attraverso l'Ente gestore sarà possibile valutare, anno per anno, ed isola per isola, il carico antropico sostenibile con l'arrivi di migliaia di visitatori giornalieri, in altre parole, ciò che può andar bene per Lipari o per Vulcano non necessariamente va bene per Panarea e Stromboli o Filicudi, Alicudi e Salina (in base alle valutazioni di quelle aministrazioni). 
Le anticipo, infine, che l'argomento sarà sul tavolo della discussione tra Legambiente Nazionale e la comunità eoliana in occasione della visita a Lipari di Goletta Verde il prossimo 19 luglio 2015.
Cordiali saluti
Giuseppe La Greca

Post Expo 2015. Le performance dei Cantori popolari delle Eolie volano alte...su Alitalia

Comunicato
A distanza di due mesi esatti dalla indimenticabile partecipazione ad “EXPO” 2015, per il gruppo folklorico eoliano dei “Cantori Popolari delle Isole Eolie”, nuovi e significativi riconoscimenti.
Questa volta si vola e sempre più in alto , come da foto e trafiletto in questione, grazie ad Alitalia ed alla rivista “Ulisse”.
Nel numero dello scorso Giugno, ancora in dotazione sui voli Nazionali ed Internazionali della compagnia di bandiera, è infatti possibile leggere e vedere un articolo dedicato alle perfomance dello scorso Maggio, in quel di Milano.
Un ulteriore motivo di soddisfazione per le varie componenti dei Cantori Popolari e per le Eolie in genere, a dimostrazione della grande professionalità ed abnegazione che contraddistingue il gruppo nello svolgimento di questo importante ruolo.
Una campagna pubblicitaria per il nostro Arcipelago che vede nel turismo, la primaria ed indiscutibile risorsa economica.
Grazie a tutti coloro i quali in noi ripongono stima e fiducia comprendendo gli enormi sacrifici, personali ed economici, ai quali ormai da oltre un trentennio si va incontro.
L’essere così apprezzati e riconosciuti per il lavoro che si offre, è dimostrazione di grande professionalità e serietà.
Elementi questi che caratterizzano i “Cantori Popolari delle Isole Eolie” a dispetto di coloro i quali, considerazione strettamente personale, del folklore, delle tradizioni, degli usi e dei costumi della propria terra o se ne infischiano o, peggio ancora, non hanno capito proprio nulla.

Si è laureata al Conservatorio "Corelli", Rosaria Traviglia

Si è laureata a Messina, presso il Conservatorio "Corelli" la signorina Rosaria Traviglia.
A lei, ai genitori Pippo e Graziella e ai parenti tutti, le nostre felicitazioni

Numeri per le emergenze: resterà solo il 112

Ok della commissione Affari costituzionali della Camera all’istituzione di un numero unico europeo, il 112, sul territorio nazionale, così da assorbire tutti gli altri numeri di emergenza (113, 115, 118). Passa infatti un emendamento che prevede di raggiungere l’obiettivo, in linea a direttive Ue, con centrali regionaliSi tratta di un emendamento, riformulato, con prima firmataria la deputata M5s Roberta Lombardi che nel dettaglio prevede “l’istituzione del numero unico europeo 112 su tutto il territorio nazionale con centrali operative da realizzare in ambito regionale” secondo appositi protocolli di intesa. Quindi contattando il 112, questo lo scopo, la chiamata verrebbe poi smistata ai diversi comparti di emergenza (sanità, sicurezza, ambiente). Sul territorio oggi sarebbero già presenti forme di sperimentazione del numero unico di emergenza. (gazzettadelsud.it)

Sbarco di migranti a Stromboli? No, semplicemente turisti mordi e fuggi. Ma è possibile tutto questo in un'isola a rischio vulcanico?













Non è Lampedusa durante uno sbarco di migranti.. ma Stromboli!
Immagini eloquenti che dimostrano come l'isola, in questo caso l'area portuale (ma accade lo stesso nelle piccole stradelle) venga presa d'assalto, in contemporanea, da diverse centinaia di turisti pendolari o "mordi e fuggi".
Ci chiediamo, e lo facciamo anche nei confronti di chi ne ha competenza, è possibile tutto questo in un'isola a rischio vulcanologico? Cosa accadrebbe nella malaugurata ipotesi di un evento? Che condizioni di sicurezza ci sono? Quanti conoscono tra  questi il comportamento da tenere e il piano di protezione civile comunale?
Niente contro il turismo pendolare ma solo se effettuato in sicurezza. 
Sicurezza che non crediamo ci sia in occasioni come questa (e non stiamo parlando di una eccezione ma di qualcosa di costante).
Questi flussi necessitano di essere gestiti in maniera diversa, dilazionando arrivi e partenze e non come accade oggi "tutti insieme appassionatamente" e con strafottenza.
Giriamo queste immagini di un'isola "violentata" al sindaco Giorgianni, affinchè si attivi presso la Protezione civile per ottenere (se non c'è già) un provvedimento che eviti tutto ciò, e al Circomare Lipari per eventuali sue competenze.

giovedì 9 luglio 2015

Con via libera della Camera la "Buona scuola" diventa legge. Ecco cosa cambia

Con il via libera definitivo della Camera la "Buona scuola" diventa legge. Da settembre, dunque, il mondo dell'istruzione cambia volto. Ecco le principali novità.
AL VIA LA SCUOLA DELL'AUTONOMIA - Si realizzerà anche grazie a un organico potenziato. Gli istituti potranno indicare allo Stato il fabbisogno di docenti e strumenti per attuare il loro progetto educativo e i presidi avranno a disposizione maggiori strumenti gestionali. I Piani dell'offerta formativa (Pof) diventano triennali e viene raddoppiato il Fondo di funzionamento delle scuole, da usare per le spese correnti. Nei periodi di sospensione dell'attività didattica associazioni e terzo settore potranno organizzare attività educative, ricreative e culturali negli edifici scolastici.
OLTRE 100 MILA PROF PRECARI IN RUOLO DA SETTEMBRE - Per questo piano di assunzioni si scorreranno le graduatorie a esaurimento e quelle di merito (vincitori e idonei concorso 2012). I prof occuperanno posti vacanti e disponibili in organico di diritto (circa 48 mila, entro settembre) e posti di potenziamento (oltre 50 mila, da settembre). Secondo il Ministero, ogni istituto avrà a disposizione una media di 7 docenti in più. Le prossime assunzioni avverranno per concorso: il primo bando è previsto entro il prossimo 1 dicembre e saranno valorizzati titoli e servizio. AUMENTANO POTERI PRESIDI - I dirigenti scolastici diventano leader educativi: dovranno essere i promotori del Pof e dal 2016 potranno scegliere la squadra di docenti per realizzare il progetto formativo del loro istituto. L'individuazione dei docenti ("chiamata diretta") avverrà all'interno di ambiti territoriali predisposti dagli Uffici Scolastici Regionali. I presidi dovranno rendere pubbliche tutte le informazioni sugli incarichi conferiti e il loro operato sarà sottoposto a valutazione, sulla base di criteri nazionali uguali per tutti. Il risultato influirà anche sulla retribuzione aggiuntiva.
PREMI AI DOCENTI PIU' MERITEVOLI - Dal 2016 sarà istituito un fondo da 200 milioni di euro l'anno per la valorizzazione del merito dei prof. La distribuzione alle scuole terrà conto dei territori con maggiori criticità educative. Ogni anno il dirigente scolastico assegnerà i fondi ai docenti tenendo conto dei criteri stabiliti, in base a linee guida nazionali, da un nucleo di valutazione composto da: preside (che presiede), tre docenti, due genitori (dall'infanzia alle medie) oppure un genitore e uno studente (alle superiori), un componente esterno individuato dall'Ufficio scolastico regionale.
ARRIVANO SCHOOL BONUS E DETRAZIONI PER PARITARIE - Chi farà donazioni a favore delle scuole avrà un beneficio fiscale (credito di imposta al 65%) in sede di dichiarazione dei redditi. Sono previsti un limite massimo di 100 mila euro per le donazioni e un fondo di perequazione, per evitare disparità fra istituti, pari al 10% dell'ammontare delle erogazioni totali. Scatta infine la detraibilità delle spese sostenute dalle famiglie i cui figli frequentano una scuola paritaria.
UNA CARD AD HOC PER FORMAZIONE DOCENTI - E' un voucher di 500 euro l'anno da utilizzare per l'aggiornamento professionale attraverso l'acquisto di libri, testi, strumenti digitali, iscrizione a corsi, ingressi a mostre ed eventi culturali. La formazione in servizio diventa obbligatoria ed è finanziata con uno stanziamento strutturale di 40 milioni di euro l'anno.
PIU' ARTE, MUSICA E LINGUE STRANIERE IN CLASSE - La riforma della scuola prevede un potenziamento dell'offerta formativa per gli studenti. A partire dalle competenze linguistiche: l'Italiano per quelli stranieri e l'Inglese per tutti (anche con materie generaliste insegnate in lingua). Potenziate anche Arte, Musica, Diritto, Economia, Discipline motorie e competenze digitali. Alle superiori il curriculum diventa flessibile: le scuole attiveranno materie opzionali in risposta alle esigenze dei loro ragazzi.
ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO PER TUTTI - Previste almeno 400 ore nell'ultimo triennio dei tecnici e professionali e 200 in quello dei licei. Ogni anno verranno stanziati 100 milioni di euro. L'alternanza si farà in azienda, in enti pubblici e musei, anche d'estate e all'estero. Saranno istituiti una Carta dei diritti e dei doveri degli studenti in alternanza e un Registro nazionale dell'alternanza in cui saranno visibili enti e imprese disponibili a svolgere questi percorsi. Per quanto riguarda gli Istituti tecnici superiori, una parte dei fondi statali sarà legata (per il 30%) agli esiti dei diplomati nel mondo del lavoro.
FARI PUNTATI SU EDILIZIA SCOLASTICA - La riforma prevede un bando (300 i milioni a disposizione) per la costruzione di scuole altamente innovative e un investimento di ulteriori 200 milioni per i mutui agevolati per la costruzione e la ristrutturazione delle scuole. Saranno stanziati 40 milioni per finanziare indagini diagnostiche sui controsoffitti degli istituti.
INFANZIA E DIRITTO STUDIO DELEGATE A GOVERNO - La riforma assegna la delega al Governo a legiferare, tra l'altro, su formazione in ingresso dei docenti, diritto allo studio, riordino delle norme in materia di scuola, promozione dell'inclusione scolastica, modalità di assunzione e formazione dei dirigenti scolastici, creazione di un sistema integrato di educazione e di istruzione 0-6 anni. Sarà potenziata infine la Carta dello Studente.

I ragazzi di Stromboli a lezione di Protezione Civile. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

(Salvatore Sarpi) Giovani e ragazzini di Stromboli a scuola di Protezione civile. Quest'anno, per la prima volta, i giovani isolani, grazie al campo scuola organizzato dall'Associazione VIS (Volontari Isola Stromboli), associata ad ANPAS, hanno avuto l'opportunità di vivere l’esperienza di “Anch'io sono la protezione civile”, un progetto didattico del Dipartimento della Protezione civile nazionale. Ventisette ragazzi tra gli 8 e i 17 anni sono stati “accompagnati” in questa esperienza dai volontari VIS . Sette giorni di lezioni, attività, esercitazioni, escursioni sul territorio. Tra i temi trattati: il Servizio Nazionale della Protezione Civile, il Piano comunale di Protezione Civile, la lotta agli incendi boschivi e un corso di BLS (primo soccorso e rianimazione). I ragazzi hanno potuto visitare il COA (Centro Operativo Avanzato di Stromboli) e vedere gli strumenti di monitoraggio del vulcano installati e gestiti da INGV e Università di Firenze. Qui, il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni ha spiegato i contenuti del Piano di Protezione Civile Comunale, insistendo sul ruolo fondamentale che ogni cittadino ha nel fare prevenzione e diffondere informazioni. “Conoscere il vostro territorio ed essere consapevoli dei suoi rischi – ha detto - è il modo migliore per fare prevenzione, ed essere anche voi la protezione civile.” Le escursioni e le esercitazioni hanno riguardato il vulcano e il rischio tsunami. Dopo una lezione di vulcanologia, tenuta dal vulcanologo e ricercatore dell'INGV, Boris Behncke, i ragazzi hanno simulato una emergenza tsunami. Tutti in spiaggia per osservare il vulcano e imparare a riconoscere i segnali del possibile arrivo di un'onda di maremoto, studiare il sistema di allertamento installato a Stromboli e, soprattutto, mettere in pratica le norme di comportamento adeguate per salvare la propria vita e quelle delle persone presenti sul posto. A seguire, l'escursione sui crateri che ha portato i ragazzi più grandi (dagli 11 anni in poi) in cima al vulcano, sempre accompagnati dal vulcanologo che ha mostrato loro “praticamente” i contenuti della lezione precedentemente tenuta. Per molti è stata la prima esperienza. Infine, l'escursione in barca

Al Castello di Lipari si respira odore di storia e..di piscio

Dentro il castello di Lipari non si "respira" più il solo "odore" della nostra storia. 
Da qualche giorno, ma il problema non è nuovo, complice il forte caldo si respira un odore più acre, meno piacevole e, rispetto, a quello storico-culturale, decisamente percepibile all'olfatto: ovvero odore di pipì. 
E non è certo quella dei cani
Basta guardarsi attorno...negli angoli più remoti ma anche in quelli meno remoti.... e si scopre dai chiari segni lasciati dall'urina umana..magari unitamente a qualche bella bottiglia (vedi foto)
Nel parco, poi, si "incontrano"...saltuariamente ma  non troppo... altri escrementi.
Visitatori maleducati ed incivili? Sicuramente si ma....
Il ma...è rappresentato da quei bagni posti in prossimità della biglietteria che continuano a restare chiusi. Forse, anzi senza forse, aprendoli si otterrebbero due risultati: eliminare il piscio ambulante e magari fare guadagnare qualche euro a qualche padre di famiglia per la loro pulizia.
Comune e museo possono provvedere?
A proposito di aree di grande valenza storico-culturale.
Tra le capanne del bronzo...stanno ricrescendo erbacce e rovi (vedi foto)
 Nel parco, poi, si "incontrano"...saltuariamente ma  non troppo... altri escrementi.
Visitatori maleducati ed incivili? Sicuramente si ma....
Il ma...è rappresentato da quei bagni posti in prossimità della biglietteria che continuano a restare chiusi. Forse, anzi senza forse, aprendoli si otterrebbero due risultati: eliminare il piscio ambulante e magari fare guadagnare qualche euro a qualche padre di famiglia per la loro pulizia.
Comune e museo possono provvedere?
A proposito di aree di grande valenza storico-culturale.
Tra le capanne del bronzo...stanno ricrescendo erbacce e rovi (vedi foto)

WhatsApp, in arrivo il pulsante "mi piace"

WhatsApp come Facebook, presto potrebbe arrivare anche il pulsante 'Mi piace' per apprezzare i contenuti ricevuti nei messaggi. L'indiscrezione arriva dal blog TalkAndroid, che anticipa anche l'arrivo sulla chat della funzione 'segna come non letto', la stessa che c'è su Facebook Messenger e che consente di archiviare un messaggio e di leggerlo in un secondo momento. Due opzioni che farebbero diventare la popolare chat sempre più simile ad un social network.
Secondo i 'rumors', le funzioni dovrebbero essere attive sia sulla piattaforma iOS di Apple sia sui dispositivi Android di Google.
Dopo la doppia 'spunta blu' e le chiamate, le due funzioni sarebbero l'altra novità in arrivo sul servizio di messaggistica dopo l'acquisizione da parte di Facebook avvenuta a febbraio 2014. A gennaio la chat ha raggiunto gli 800 milioni di utenti attivi.

Canneto. Marciapiede a rischio. Un piccolo intervento prima di qualche incidente serio

Sulla Marina Garibaldi marciapiede a rischio per  i pedoni a causa dello sprofondamento di una basola (nella foto) in prossimità del negozio FruttaPiù di Fabio Currò.
Stamattina un incidente ha visto per "protagonista" una signora che è finita a terra, per fortuna senza gravi conseguenze.
In considerazione che la situazione va aggravandosi e, prima o poi, qualcuno si farà seriamente male, sarebbe auspicabile un intervento risolutorio, non il solito transennamento che rischierebbe, come altri nell'isola, di diventare fisso

Paventata chiusura Punto di Primo Intervento Pediatrico di Lipari. Vento eoliano investe della problematica il sindaco

Al Sindaco del Comune di Lipari Rag. Marco Giorgianni
OGGETTO: Paventata chiusura Punto di Primo Intervento Pediatrico isola di Lipari
Alla luce delle recenti notizie diffuse sui giornali on line locali rispetto alla prossima chiusura del Punto di Primo Intervento Pediatrico, servizio di fondamentale importanza per le mamma ed i bambini eoliani. Difatti il Punto fornisce ormai da più di due anni assistenza ambulatoriale a bambini ed adolescenti eoliani durante i giorni prefestivi e festivi garantendo numerose prestazioni immediate ed efficaci, dati assolutamente rilevanti, facilmente riscontrabili e documentabili.
Si chiede alla S. V. I. di attivarsi celermente al fine di verificare l’attendibilità della notizia trapelata ed in caso affermativo di provvedere con urgenza a porre in essere tutte le azioni più opportune e di vs. competenza al fine di tutelare l’ennesimo indispensabile servizio di cui rischiamo di essere depauperati .
In attesa di un celere riscontro porgiamo
Cordiali saluti
Lipari 09.07.2015
Avv. Francesco Rizzo e Dott.ssa Annarita Gugliotta (Fondatore “Vento Eoliano”  e Cons. Com. “Vento Eoliano”)

Il grazie all'assessore Sardella da Partylandia e dalle attività di Sottomonastero

Nuovo look e migliorata fruizione della Tenente Mariano Amendola: Partylandia, le attività commerciali e gli abitanti di Sottomastero sentitamente ringraziano l'assessore Giovanni Sardella per il suo operato!
Finalmente anche qui si respira aria di rispetto e di grande civiltà!

Stromboli. Teatro Ecologico. Quando l'arte vince l'elettricità

Si può vivere senza elettricità? Di certo si può fare arte e lo dimostra ormai da tre edizioni (ne esiste, infatti, anche una “zero” che noi contiamo) la Festa del Teatro Eco Logico. Dal 12 al 19 luglio, presso l’affascinante isola di Stromboli, si alterneranno decine di artisti tra teatro, lettura, danza e concerti di vario genere. Una performance lunga otto giorni accomunata dall’assoluta “acustica naturale” e dal tema dello straniero. Vediamo meglio di cosa si tratta.
A spiegare qualcosa di più sulla terza edizione della Festa del Teatro Eco Logico è il Direttore Artistico Alessandro Fabrizi:
“Quest’anno il centro di tutto è la figura dello STRANIERO(l’estraneo, il profugo…) e il tema dell’appartenenza (a un luogo, a una cultura, a una lingua) e della proprietà (di cosa possiamo dire “ è mio”?). Fin dal titolo vogliamo ricordare un famoso straniero, l’italo-americano Frank Sinatra nel centenario della sua nascita, che incise una canzone dedicata a Stromboli, inizialmente concepita come colonna sonora dell’omonimo film di Rossellini. Alla protagonista del film, la profuga Karen, è dedicata un’Ode a Karen (15 luglio) dall’artista svedese Marie Ohrn, che vuol essere anche un omaggio a un’altra famosa straniera che avrebbe compiuto 100 anni quest’anno: Ingrid Bergman. Tra gli altri eventi in programma: seminario per voce e testo di Metodo Linklater (con Nuria Castano Gutierrez, Oliver Mannel e Natsuko Ohama); la straordinaria storia di Samia Yusuf Omar raccontata da Isabella Ragonese dal libro di Giuseppe Catozzella (14 luglio); un’indagine sui temi della Tempesta di Shakespeare nell’eco delle parole di Anna Maria Ortese con Anna Bonaiuto e Nadia Fusini (18 luglio); l’amore fra “stranieri” di Medea e Giasone (16 luglio); performance per pianoforte e voce dal Pranzo di Babette di Karen Blixen (16 luglio); un monologo tratto dal nuovo libro di Concita De Gregorio interpretato da Elodie Treccani e poi ancora un concerto teatro con le canzoni di Pop Therapy di Bussoletti intervallate da letture del suo blog Crescere Nerd. Incontri di tango, concerti di musica classica, jazz, pop e alternative; danza contemporanea sulla spiaggia con Giorgio Rossi (14 luglio), laboratori per i bambini della Scuola in Mezzo al Mare; realizzazione di un orto sinergico di erbe curative; una lettura condivisa di storie di profughi in collaborazione con Medici Senza Frontiere per la campagna #Milionidipassi (19 luglio); laboratorio di giornalismo ambientale con la scuola dei Giornalisti nell’Erba… e una notte (17 luglio) dedicata alle stelle e alle loro storie!”.
Se avevate desiderio di visitare Stromboli, questa è l’occasione ideale. Che arrivi dal sole estivo o dal bagliore dei fuochi notturni, non mancherà luce che vi mostri quanto amore ancora ci sia per l’arte e per i suoi fruitori.

Guardia Costiera sequestra 58 "corpi morti". Elevati oltre 6.000 euro di verbali

COMUNICATO
Brillante operazione della Guardia Costiera di Lipari condotta nelle acque dell’arcipelago eoliano, congiuntamente al Terzo Nucleo Subacquei della Guardia Costiera di Messina coordinati dal Capo Nucleo Capo 1ª Cl. Gianluca MESSINA.
L’attività ispettiva dei fondali ha portato al sequestro di numerosi corpi morti, per la precisione 58, in materiale cementizio e ferro, abusivamente collocati per l’ormeggio di imbarcazioni e natanti senza la necessaria autorizzazione. Nell’ambito di tali operazioni si è accertato anche che taluni di tali conglomerati giacente sui fondali marini e non più utilizzato neanche per l’ormeggio di unità navali, è stato illecitamente abbandonato come rifiuto sui fondali dell’arcipelago.
Il personale operante ha proceduto a deferire i soggetti alla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto per difformità del titolo concessorio e per l’abusiva occupazione di uno specchio acqueo superiore a quello autorizzato. Nel corso delle attività sono stati elevati provvedimenti verbali di contestazione per complessivamente € 6.128,00 afferenti varie condotte illecite.
Il materiale sequestrato, di ingente quantità, è attualmente in fase di avvio alla ditta autorizzata allo smaltimento.
L’operazione di polizia, effettuata dai militari della Capitaneria di Porto di Lipari fa seguito a quelle effettuate nel recente passato da questo Ufficio, ed è stata condotta per eliminare i numerosi altri corpi morti in cemento armato di nuova fabbricazione abusivamente collocati, nell’ottica di reprimere e prevenire un suo uso illegittimo del mare nonché eliminare ogni ulteriore aggravio alla sicurezza della navigazione, “tutelando l’ecosistema e l’ambiente marino”.
F.to IL COMANDANTE
T.V. (CP) Paolo MARGADONNA