Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri ed Alice Profilio
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 12 dicembre 2015

Consulta giovanile del Comune di Lipari. Eletti i nuovi vice-presidente e segretario

Si è riunita alle 10:30 di sabato 12 dicembre, in seconda convocazione, l’assemblea ordinaria della Consulta Giovani del Comune di Lipari. Presente alla riunione anche l’assessore alle Politiche Giovanili Fabiola Centurrino.
L’incontro è stato l’occasione per programmare le attività della prossima stagione e ridefinire alcuni aspetti organizzativi dell’organo consultivo. 
Con voto unanime dell’Assemblea si sono infatti rideterminate alcune cariche del Direttivo. Subentrano, rispettivamente nei ruoli di Vicepresidente e Segretario, Cortese Lorenzo e Lo Ricco Alessandra, in sostituzione - a causa di sopraggiunti impedimenti personali - degli uscenti Fiorenza Giuseppe e Cincotta Antonello. Vengono inoltre azzerate le Commissioni di lavoro in favore di Gruppi di lavoro su specifici progetti. Referente dei Gruppi viene eletta Casella Moira.
A Lorenzo, Alessandra e Moira vanno le congratulazioni per l’incarico e l’augurio di un buon lavoro!

Su “Sette” la città della vita del prof. Angelo Ferro, socio onorario del Centro Studi

CENTRO STUDI E RICERCHE DI STORIA E PROBLEMI EOLIANI 
COMUNICATO  STAMPA

Il Centro Studi Eoliano ha il piacere di comunicare che sul settimanale “Sette” del Corriere della Sera di ieri venerdì 11 dicembre, il noto giornalista Aldo Cazzullo ha dedicato un articolo al Prof. Angelo Ferro.
Siamo certi che ogni eoliano leggerà l’articolo con l’orgoglio di avere il Prof. Ferro quale concittadino delle nostre isole.
Ricordiamo che il prof. Angelo Ferro è socio onorario del Centro Studi.
Lipari, 12 dicembre 2015
Nino Saltalamacchia

                                                                                     

ARDIZZONE, FELICE PER NOMINA MONS. RALLO IN MAROCCO

“Esprimo le mie più vive felicitazioni a monsignor Vito Rallo per il prestigioso e impegnativo incarico che il Santo Padre ha voluto affidargli. Il luogo e il momento nei quali egli è chiamato a svolgere questo nuovo ruolo rivelano la grande fiducia che Papa Francesco ripone in lui".
Lo afferma il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, commentando la nomina dell’arcivescovo di Mazara del Vallo a nunzio apostolico in Marocco.
"Non può che renderci felici e orgogliosi - conclude Ardizzone - che a rappresentare la Santa Sede in uno dei paesi più importanti del Maghreb sia un siciliano, figlio di una terra di profonda tradizione cristiana, da sempre esempio di accoglienza e integrazione multietnica, oltre che culla del dialogo con il mondo islamico”.

Pronto soccorso pediatrico. A 20 giorni dalla scadenza della proroga tutto tace. Si vuole chiuderlo?

Salvatore Sarpi
Lipari
 A soli venti giorni dalla scadenza della proroga di cinque mesi, concessa nel luglio scorso, tutto tace intorno al Ppi (Pronto soccorso pediatrico) di Lipari. 
Al momento, infatti, non si ha nessuna notizia di cosa intende fare il direttore dell’ASP di Messina, dottor Gaetano Sirna di quella che nell’isola è diventata una struttura vitale e costante punto di riferimento per i genitori isolani nei prefestivi e nei festivi. Giorni in cui i “pediatri di famiglia” (entrambi non risiedono sull’isola) non sono presenti. 
Ovviamente il tam-tam popolare, su una paventata chiusura, sta generando forte apprensione e la contestuale paura che il servizio possa cessare. Non si capisce, infatti, come mai a pochi giorni dalla scadenza della proroga non siano stati fatti passi ufficiali. Anche l’amministrazione comunale – da quanto apprendiamo – è in attesa di una convocazione a Messina che però tarda a venire e che, a nostro modesto avviso, doveva avvenire ben prima. 
La convocazione di un tavolo tecnico, per affrontare l’argomento, era stato a luglio uno dei punti cardine maturati nell’incontro che il sindaco Marco Giorgianni e l’assessore Fabiola Centurrino avevano avuto con il direttore dell’ASP di Messina, dottor Gaetano Sirna. A questo doveva aggiungersi un costante monitoraggio e trasmissione anche all’Ente Comune dei dati del servizio. 
In attesa che venga fissata la data dell’incontro i genitori sono sul “piede di guerra” e promettono tutte le azioni, legittimamente possibili, affinchè la struttura venga mantenuta. 
E’ opportuno ribadire che nell’affrontare l’argomento non bisognerà certo partire dai numeri, che comunque ci sono, in rapporto a quella che è l’utenza isolana, ma dall’importanza che il servizio ha in una collettività come quella liparese. 
Una linea questa che i due amministratori isolani avevano sposato in pieno a luglio e che non mancheranno, sicuramente, di ribadire non appena convocati. Sempre che non sia già troppo tardi. Sarebbe l’ennesimo “scippo” ad una collettività sempre più penalizzata e non solo in ambito sanitario.

Alata Solertia, riconoscimenti a chi opera al servizio del Bene. Premiati anche i marescialli La Porta e La Fauci e il contrammiraglio Martello

(dalla Gazzetta del sud di oggi) Un riconoscimento per esaltare le professionalità messinesi, che si dedicano al bene con impegno e sacrificio, dimostrando così di essere un grande esempio per la società. È questo lo scopo del Premio “Alata Solertia”, istituito dal Movimento Nuova Presenza Giorgio La Pira, la cui cerimonia ha avuto luogo ieri, nell’aula magna del Dipartimento di economia dell’Università di Messina. Da trentadue anni, la manifestazione si svolge senza sponsor, proprio perché, come ha voluto sottolineare il dott. Calogero Centofanti, presidente del movimento, «gli sponsor possono cambiare negli anni, mentre i valori invece, restano immutati nella memoria. La solidarietà non ha bisogno di pubblicità, il bene quello vero, viene fatto da chi silenziosamente va oltre il proprio dovere, e per questo merita il ringraziamento della società civile». Il dott. Centofanti ha inoltre spiegato che l’iniziativa è nata, parecchi anni fa, in occasione di una visita di Fioretta Mazzei, grande collaboratrice di La Pira, che suggerì di ricordare il sindaco santo di Firenze con simili iniziative. Si è voluto così dare merito a chi combatte la criminalità organizzata, chi assicura il rispetto della legalità, chi assiste i cittadini in difficoltà, chi tutela la sicurezza della comunità e chi ha dimostrato sensibilità e attenzione verso i malati. A ricevere il premio, le cui motivazioni sono state illustrate dalla dott.ssa Manuela Varrica, molti “operatori in trincea”.
Questo l’elenco: il maresciallo Massimo La Fauci, il contrammiraglio dott.  Nunzio Martello, il maresciallo Fabio La Porta, il sovraintendente Bruno Letterio, il carabiniere scelto Giuseppe Marino, il sottotenente Gianluca Rosaci, l’appuntato scelto Andrea Antonino Chirico, il tenente di vascello Davide Guzzi, la prof.ssa Rosa Musolino, la giornalista Tiziana Santoro, mons. Vincenzo Castiglione, il prof. Vincenzo Savica, il tenente colonnello Giovanni Cucurachi, il sottotenente Giuseppe Tortorici, il dott. Letterio Donato, il commercialista Giuseppe Cacciola, Matteo Santoro, il comando VI squadriglia guardia costiera di Messina, il vicebrigadiere Rosario Trovato, il capitano Gennaro Cascone, il commissario capo Carmelo La Rosa, il vicequestore aggiunto dott. Vincenzo Coccoli, il dott. Emanuele Nazario Scarlata, il capitano Letterio Sciliberto, l’appuntato scelto Maurizio Carlo Giovanni De Lorenzo, il brigadiere Antonino Pelleriti, il maresciallo capo Giuseppe Tedesco, il maresciallo Salvatore Antonio Pizzino, il maresciallo Antonio Scarcella, l’ispettore superiore Giannantonio Spadaro, la Fraternità Domenicana, il maggiore Paolo Leoncini, il maggiore 
Emanuela Rocca, il comando dei carabinieri di Pesaro-Urbino, il maresciallo capo Carmelo Micalizzi, il brigadiere Giuseppe Todaro, l’avv. Nunzio Astone, la Cot di Torino, il maresciallo aiutante Antonino Tavilla, Pino Calcaterra, il tenente colonnello Marco Filoni, il maggiore Vincenzo Letizia, il tenente colonnello Roberto Lerario, il tenente colonnello Antonio Sommese, gli assistenti capo Salvatore Catalano e Rosario Di Giovanni, il dott. Sergio Maimone, la sig. Ortensia e figli, l’ispettore superiore Lucia Centorrino, il sovraintendente capo Gaetano Galletta, l’assistente capo Antonino Cardullo, il maresciallo ordinario Pietro Schiavone, il maresciallo Pietro Alessi, l’appuntato scelto Beniamino Manganaro, il brigadiere Nicola Barbato, il maresciallo aiutante Pasquale Rivieccio, l’appuntato Antonino Calabrò, la prof.ssa Maria Aragona, la dott.ssa Maria Dolores Merenda, il segretario nazionale del SapP Gianni Tonelli.
Inoltre, il riconoscimento è stato conferito anche alla memoria di Omaya Benghaloum, la mediatrice culturale tunisina, uccisa dal marito lo scorso settembre. Tra le forze dell’ordine ed i magistrati che hanno consegnato i premi, presente anche il questore di Messina Giuseppe Cucchiara.

NOTA DEL DIRETTORE  DI EOLIENEWS-  Nel complimentarci con i marescialli del Circomare Lipari, Fabio La Porta e Massimo La Fauci, così come con il contrammiraglio Nunzio Martello, non possiamo non evidenziare che questo prestigioso premio null'altro è che il giusto riconoscimento al lavoro svolto in questi anni dai due militari, unitamente agli altri uomini del Circondario marittimo, per fare rispettare nelle Eolie legalità e regole e per il prezioso aiuto portato a chi si è trovato in difficoltà nel mare dell'arcipelago. Come non ricordare, infatti, oltre ai numerosi interventi di soccorso in mare, le varie operazioni a salvaguardia dell'ambiente marino e dell'ambito demaniale, le operazioni di polizia marittima, la lotta al "traffico illegale" di rifiuti, il recupero alla piena fruibilità pubblica di aree degradate. Tutte operazioni che hanno visto in prima linea La Porta e La Fauci.
Discorso a parte per il controammiraglio Martello, che nell'ambito del suo ruolo istituzionale, ha disposto e coordinato tutta una serie di attività volte al rispetto della legalità e del Bene comune. Non facendo mai mancare, e non è cosa da poco, il suo prezioso appoggio, anche morale, ai suoi uomini
Nel 2012 il riconoscimento era andato anche alla dott.ssa Caterina Cacace di Lipari, Primario dell’U.O.C. dell’ospedale Barone Romeo di Patti

Festeggiamenti per "Terra Madre Day" a Salina, Filicudi e Lipari


La Comunità del Cibo costituenti la Condotta Slow Food "Isole Slow Siciliane", vi invitano a partecipare alle iniziative che si svolgeranno nell'arcipelago per i festeggiamenti del "Terra Madre Day", la giornata mondiale di partecipazione collettiva per celebrare il consumo locale e la sostenibilità del cibo
Si comincerà Domenica 13.12.2015, alle ore 19.00, con la Comunità del Cibo di "Salina Isola Slow", che in collaborazione con l’associazione “Amici del frantoio” e il Comune di Leni, festeggia il Terra Madre Day con la tradizionale "Festa del pane e dell’olio nuovo" riscoprendo l’antico frantoio da poco restaurato, incontrandosi in un momento conviviale all'insegna del Pane fatto in casa, dell'olio nuovo e di tutto ciò che, a km. zero, potrà rendere "goloso" questo incontro, certi che non mancherà il buon vino dell'isola!
La Comunità intera dell'Isola di Salina, la più esperta di tutte le Comunità del Cibo, con gli oltre 13 anni trascorsi dalla sua costituzione, vi accoglierà con gioia per farvi vivere il "Modello Salina", per una permanenza destagionalizzata che potrà rigenerarvi nel corpo e nello spirito!
Si proseguirà Martedì 15.12.2015, dalla tarda mattinata, con la Comunità del Cibo di "Filicudi isola Slow", da un'idea della Referente di Comunità Daniela Tagliasacchi, vice-presidente di Circoscrizione a Filicudi, e dell'insegnante, socia Slow Food, nonchè vice-Sindaco del Comune di Leni, Tina Pollicino, che a seguito di una richiesta di autorizzazione inoltrata alla Preside Mirella Fanti, sono liete di comunicare a tutti gli amanti del "Buono, Pulito e Giusto" la presentazione del primo progetto "sociale" per la stagione 2015/16, che è stato chiamato "Tutti giù per Terra"!
Un orto didattico per i bambini della scuola primaria, che lo cureranno, guidati dall'esperienza di soci esperti in campo agreste e bucolico, in concerto con le insegnanti, con attenzione alla stagionalità, alla località, alla tradizione, nonchè con il compostaggio dei rifiuti, che saranno riutilizzati per fertilizzare la piccola area individuata per la produzione agricola!
Una meritoria iniziativa che verrà presto riproposta in altre realtà insulari, per confermare il nuovo trend di Condotta, volto più ad iniziative di questo genere che ad organizzare "solo" pranzi e cene di associazione, per educare sin da bambini il nostro futuro ai valori del "Buono, Pulito e Giusto"!
E per ultimo "Cu c'è c'è", l'appuntamento di Domenica 20.12.2015, con inizio alle ore 11.00, presso il ristorante "Da Marisa"!
Un incontro conviviale, ricco di Presidi Slow Food, preceduto da un importante momento d'incontro con la Comunità del Cibo "Lipari Isola Slow" della Condotta "Isole Slow Siciliane", per confrontarsi, ritrovarsi, rinnovarsi, confermare, con il rinnovo dell'iscrizione od un primo tesseramento, di voler esserci, per la crescita del territorio attraverso la promozione dello stesso, delle sue tradizioni, dei prodotti, della storia.
L'occasione per avvicinarsi al mondo di Slow Food, proponendo un progetto, partecipando alla realizzazione di ciò che verrà presentato durante l'incontro, come programmazione delle attività che verranno svolte, con un resoconto di quelle sino ad esso effettuate!
Un "Laboratorio del Gusto" sul Panettone Artigianale, realizzato con lievito madre ed aromatizzato alla Malvasìa Virgona, per imparare a conoscere ciò che mangiamo, assaporandone la storia prima del gusto!
Pranzo aperto ai soci ed ai loro ospiti, con posti limitati, per garantire un'offerta adeguata, al costo di € 25,00 a persona, con un menù legato al km.zero, al territorio ed ai Presidi Slow Food delle Comunità locali e limitrofe, per tutti voi visionabile al link:
https://www.facebook.com/marco.miuccio/media_set?set=a.10208040407958693.1073741992.1553796552&type=3
Per prenotazioni ed info, chiamare direttamente il Ristorante "Da Marisa" allo 090-9822243 o al 338-8847581.
Vi aspettiamo, certi che vi faremo innamorare del "Buono, Pulito e Giusto"!
Restando a vostra disposizione per qualsivoglia chiarimento in merito, 
vi invito a chiederci eventuali info attraverso i nostri canali telematici..
Cordialmente
Il Segretario della Condotta "Isole Slow Siciliane"
Facebook: 
https://www.facebook.com/isoleslowsiciliane?ref=bookmarks
Twitter: https://twitter.com/IsoleSlowSicily
Mail: isoleslowsiciliane@gmail.com

Santo del giorno : Beata Maria Vergine di Guadalupe

La storia religiosa di Guadalupe inizia 480 anni fa nel 1531 quando la Santa Vergine, Madre di Nostro Signore Gesù Cristo, apparve più volte a Guadalupe, in Messico. 

Colui al quale la Madonna volle manifestarsi era un azteco e si convertì al Cristianesimo. Il suo nome era Juan Diego Cuauhtlatoatzin e vide Maria Santissima per più di una volta dal 9 al 12 dicembre.

Il 31 Luglio del 2002 l'apparizione di Guadalupe fu riconosciuta dalla Chiesa Cattolica e Juan Diego Cuauhtlatoatzin fu canonizzato da Giovanni Paolo II, un passo molto importante per la fede di milioni di pellegrini.

Maria apparve per la prima volta a Juan Diego su un colle e gli chiese di far erigere ai piedi di esso un santuario in suo onore. Così Juan Diego si recò dal Vescovo Juan de Zummarràga e gli riferì l'evento ma il Vescovo purtroppo non gli credette.

Nella seconda apparizione Maria disse al veggente di tornare dal Vescovo, che questa volta lo ascoltò ma chiese una prova che confermasse il fatto.

Juan Diego tornò sul colle e Maria gli promise un segno per il giorno dopo, ma il veggente l'indomani non poté recarsi sul colle poiché suo zio era gravemente malato. Così il giorno ancora seguente Juan Diego vide Maria lungo la strada e lo rassicurò dicendogli che suo zio era già guarito chiedendogli di tornare al colle. 

Quando Juan Diego giunse al colle trovò dei fiori di Castiglia il segno che avrebbe fatto ricredere il Vescovo, poiché si trovavano in una pietraia e una tipologia floreale insolita per la stagione. Juan Diego li mise nel suo mantello e tornò nuovamente dal Vescovo.

Beata Vergine Maria di Guadalupe


Il Vescovo era insieme ad altre persone e quando Juan Diego aprì il suo mantello di fronte a tutti per mostrare i fiori, ecco che su di esso vi rimase l'immagine della Madonna, visibile da tutti. Ecco un segno ancora più grande! Così Juan Diego poté mostrare il luogo dove Maria aveva chiesto fosse costruito un santuario in suo onore. 

Nel giro di un secolo, nel luogo delle apparizioni di Guadalupe, iniziarono la costruzione di una piccola cappella, poi di una più grande, e si giunse all'edificazione di un vero e proprio santuario, che venne consacrato nel 1622. Per poi approdare all'inaugurazione dell’odierna Basilica nel 1976. Intitolata a Nostra Signora di Guadalupe.

Oggi il mantello si conserva all'interno della Basilica di Nostra Signora di Guadalupe.

venerdì 11 dicembre 2015

Fuoriuscita d'acqua da una "saracinesca" sul corso V.E.

Un nostro lettore attraverso questa foto ci segnala una fuoriuscita di acqua potabile dalla "saracinesca" posta sul corso Vittorio Emanuele all'incrocio con la via Maurolico.
Il lettore auspica e noi con lui, un intervento risolutore

Socialità. Pianoconte si ritrova a tombola nella Parrocchia di Santa Croce

Arriva dal cielo la rete di protezione per il costone di Monterosa

Arrivano dal cielo le reti che dovranno essere posizionate sul costone che sovrasta la galleria di Monterosa. 
I lavori da parte della ditta di Cesarò sembrano andare avanti spediti e, come anticipato, proprio oggi un elicottero ha provveduto a trasportare e a depositare nella parte sommitale del costone, le reti che dovranno ingabbiarlo. 
Dovrebbero, quindi, essere rispettati i tempi che prevedono la riapertura della galleria al traffico autoveicolare prima di Natale.
Una riapertura che, in un primo momento, sembra scontato, avverrà a senso unico alternato, disciplinato dai semafori.
Nel video di Marco Giaquinta, che ringraziamo, l'arrivo dell'elicottero con la rete metallica

Quale futuro per la pesca in Sicilia: Convegno a Favignana

“La pesca in Sicilia, quale futuro? Da Expo 2015 alle opportunità della nuova programmazione Europea” sono i temi che verranno sviluppati domani, a partire dalle 10.30, nel Palazzo Florio, a Favignana, nel corso di un convegno organizzato dal Gruppo di Azione costiera per lo sviluppo sostenibile delle zone di pesca delle isole minori che riunisce Favignana, Marettimo, Levanzo, Lipari, Vulcano, Stromboli, Alicudi, Filicudi, Salina, Panarea, Pantelleria e Ustica.
L’obiettivo anche in questa occasione è la promozione del mare e della pesca artigianale, mare come tradizioni, gente, mare cultura, gastronomia e divertimento. Un momento che punta alla promozione del territorio e allo sviluppo della cultura turistica e dell’accoglienza integrate e ad attrarre il turismo in forme nuove con una diversificazione dell’offerta e il potenziamento della fruizione. (ANSA).

Zona Gescal a Lipari nel buio totale. L'appello di Laura Zaia

Riceviamo e pubblichiamo:
Alle case Gescal, vicino al capannone dell'USL, da più di tre giorni siamo al buio completo. Praticamente su 4 lampioni pubblici eravamo passati a due poi ad uno ed ora nessuno...
Voglio lanciare un appello a chi di dovere
So che per ora per vari problemi stanno riducendo l'illuminazione pubblica, ma credo che ci voglia un po di criterio in questo. Qui viviamo in 46 famiglie, di cui il 90 % è gente anziana, la strada è abbastanza dissestata e lascio immaginare la difficoltà a percorrerla al buio completo.
Ieri sera per uscire con le mie bimbe ho dovuto portarmi una torcia per evitare di prendere i fossi col passeggino, ed evitare di far cadere Anna al buio
Pensa un anziano che già, magari, non vede bene a cosa può andare incontro
Quindi a nome di tutti non chiedo tanto, almeno che ne riaccendano 2 su 4: 1 più interna e una più esterna
Capisco i tagli ma lasciarci proprio al buio non credo sia corretto
Cortesemente gradirei una risposta in merito da chi di competenza
Grazie

Laura Zaia

NASCE IL PARCO LETTERARIO EUGENIO MONTALE E DELLE CINQUE TERRE (di Giuseppe La Greca)

Da oggi il Parco Nazionale delle Cinque Terre è anche Parco Letterario®Eugenio Montale e delle Cinque Terre.
Con questo progetto dell’Ente Parco e del Comune di Monterosso il territorio delle Cinque Terre entra a far parte della rete dei Parchi Letterari® che fanno capo alla Società Dante Alighieri con l’intento di legare la valorizzazione dell’ambiente e del paesaggio alle ispirazioni letterarie che quella natura e quel paesaggio hanno raccontato,favorendo una offerta turistica mirata alla conoscenza dei luoghi e delle tradizioni italiane.
L’iniziativa è stata presentata oggi nella sala multimediale del Comune della Spezia da Massimo Federici, Presidente della Provincia e Sindaco del Comune della Spezia, Vittorio Alessandro, Presidente Parco Nazionale delle Cinque Terre, Emanuele Moggia, Sindaco di Monterosso al Mare, Luca Basile, Assessore alla Cultura del Comune della Spezia, Stanislao de Marsanich, Presidente de I Parchi Letterari®, Franco Contorbia, Professore ordinario di Italianistica dell’Università degli Studi di Genova, alla presenza della Professoressa Bianca Montale, nipote del Poeta.
Dopo la menzione speciale del Premio Europeo del Paesaggio conseguita nel 2015 elargita dal Ministero dei Beni Culturali al Parco Nazionale delle Cinque Terre e la Carta Europea del Turismo Sostenibile ricevuta nei giorni scorsi presso il Parlamento Europeo, arriviamo a questo nuovo risultato. Un progetto di protezione attiva rivolta all’ambiente e al paesaggio non come risorse di un museo severo, ma di una fonte viva e cangiante di cultura, di ispirazione e di sempre nuove espressioni artistiche.
Il turismo culturale nelle Cinque Terre, insieme a quello sportivo e a quello religioso verso i Santuari costituisce il costante sforzo del Parco Nazionale verso una qualificazione della sua offerta turistica e verso una sempre maggiore destagionalizzazione.
Il Presidente di Legambiente Lipari
Dott. Giuseppe La Greca

Quella segnaletica quantomeno "ingannevole" allo svincolo di S.Agata Militello

Un nostro lettore ci segnala questo cartello posto sull'autostrada in prossimità dello svincolo per S. Agata Militello. 
Come è ben evidente alla scritta "Isole Eolie" è associata l'immagine di un aliscafo. 
Questo - come evidenzia il nostro lettore - può trarre in inganno chi, da turista, specie se si tratta della prima volta, intende raggiungere l'arcipelago. 
Non ci risulta - infatti - che dal porto di S. Agata ci sia un collegamento costante con le Eolie, tutto al più, qualche "barcone turistico" d'estate
Forse sarebbe il caso che - chi di competenza - si attivasse per far rimuovere tale cartello

ARS, LA ROCCA E GRASSO NEL COMITATO DEL PROGETTO ‘CAPIRE’

Il Consiglio di presidenza dell’Assemblea regionale siciliana ha designato le deputate Margherita La Rocca Ruvolo e Bernadette Grasso nel Comitato di indirizzo del progetto Capire (Controllo delle Assemblee sugli interventi e sulle politiche regionali). 
Capire è un progetto promosso dalla Conferenza dei Presidenti delle Assemblee Legislative delle Regioni e delle Province Autonome e si prefigge di promuovere la cultura e l'uso della valutazione delle politiche nei vari Consigli regionali. 
Alle attività di Capire partecipano rappresentanti politici e tecnici designati dalle varie Assemblee legislative e a coordinarle è il presidente del Consiglio dell’Umbria, Donatella Porzi. 
Il progetto non comporta oneri a carico dell’Ars.


I detersivi alla spina a Lipari li trovi da CRIAL in via Prof.Emanuele Carnevale (S. Lucia) Tel.090.9811530 

Lunedì prima riunione sul Carnevale eoliano 2016

Comunicato stampa
Si informa la cittadinanza che lunedì alle ore 16.00 presso i locali del Comune di Lipari in piazza Mazzini si terrà la prima riunione sul Carnevale eoliano 2016.
La riunione tratterà l'organizzazione e la stesura del relativo programma dei festeggiamenti.
L'Amministrazione Comunale

Santo del giorno : San Damaso I°

San Damaso nacque nella Spagna; ma la sua educazione la compì in Roma, dove si era recato ancor givanissimo. Per la sua aperta intelligenza e per la sua sentita pietà, gli vennero conferiti molto presto gli ordini sacri e fu ritenuto presso Papa Liberio, che allora governava la Chiesa. Quando poi questi venne esiliato a Berea dall'imperatore Costanzo, Damaso lo seguì e con lo zelante Papa s'occupò del buon andamento della Chiesa. Alla morte di Liberi°, avvenuta nel 366, fu eletto a succedergli per unanime consenso, contando sessant'anni di età. 

Durante i suoi vent'anni di pontificato ebbe a sostenere prove durissime. Si sa che la dignità papale, fin d'allora, era circondata .di tanto splendore che lo stesso Pretestato, senatore pagano, disse a Damaso che si sarebbe fatto cristiano se lo evessero fatto vescovo di Roma. Non deve far meraviglia quindi se Ursicino, prete ambizioso, stizzito per l'elezione di Damaso, sollevò contro il suo rivale il popolo ed ottenne di essere eletto anche egli vescovo di Roma. Ma il Signore punì questo orgoglio, facendolo esiliare nelle Gallie con sette dei suoi più fanatici partigiani. 

Damaso si mise con grande ardore a riformare la Chiesa secondo gli ideali apostolici, mirando soprattutto alla formazione del clero, al quale scopo bandì un decreto che obbligava i chierici ed i monaci a condurre vita in comune.

Sotto il suo pontificato si tennero due concili: l'uno nel 365 contro l'eresia di Ano, l'altro subito dopo contro gli errori di Apollinare. 

Ma l'opera imperitura di Damaso è specialmente quella di aver incaricato S. Girolamo, che allora teneva presso di sè in qualità di segretario, di tradurre in lingua latina tutti i libri della Sacra Scrittura. San Girolamo parla sovente nelle sue opere di Damaso, e fa risaltare soprattutto gli aiuti e gli incoraggiamenti che ricevette da lui. Circa la Sacra Scrittura Damaso definì l'elenco dei libri santi divinamente ispirati. 

Molto noti di lui sono i cosiddetti Carmina che si leggono nelle Catacombe sulle tombe dei Martiri. Ne scrisse molti e bellissimi, per cui è ritenuto celeberrimo poeta, e se ora conosciamo il nome e qualche cosa della vita di tanti martiri lo si deve a papa Damaso. Per la sua pietà fu riputato l'ornamento e la gloria di Roma, e S. Girolamo lo chiama Virgo Virginis Ecclesiae Doctor, cioè vergine dottore della Chiesa Vergine. Morì nel 384 in età di 80 anni. 

PRATICA. Tutto quello che facciamo, indirizziamolo a Dio, e ne avremo il premio. 

PREGHIERA. Esaudisci, o Signore, le nostre preghiere, e, per intercessione del tuo beato confessore e Pontefice Damaso, accordaci benignamente il perdono e la pace. 

giovedì 10 dicembre 2015

Riqualificazione aree pomicifere. L'articolo del direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

"Ecco perchè lascio". La lettera di dimissioni di Gesuele Fonti tra consapevolezze e amarezze

Al Signor
Presidente del Consiglio Comunale di Lipari
Ai Capi Gruppo Consiliari
Al Signor
Segretario Generale
Al signorSindaco del Comune
                                                                                    

Oggetto: dimissioni dalla Carica di Consigliere Comunale in seno al Consiglio Comunale di Lipari.
 
                                              
            Signor Presidente, Consiglieri, Amministrazione.

All’atto della mia prima candidatura, nell’anno 2007, promisi a me stesso che ove mai fosse arrivato un giorno nel quale non avrei più potuto espletare con coerenza e dedizione il mandato e le funzioni per le quale ero stato eletto, mi sarei dimesso.
Sono stato eletto consigliere comunale la prima volta nel maggio dell’anno 2007 e nuovamente rieletto nel maggio del 2012, partecipando ad entrambe le competizioni elettorali con il movimento civico denominato “IL FARO” che rappresento in Consiglio Comunale dal 2007 in qualità di Capogruppo.
In questi miei quasi nove anni di mandato consiliare ho agito sempre con impegno e passione nell’esclusivo interesse della collettività, anteponendo sempre l’interesse pubblico e le legittime istanze della collettività.
Indelebili nella mia mente rimarranno le durissime battaglie, affrontate sempre in prima linea, per la difesa dei trasporti marittimi e sulla questione “parco nazionale”.
            Gioie e dolori hanno segnato l’espletamento del mio mandato in consiglio!
Non potrò mai dimenticare la manifestazione sui servizi marittimi, forse l’unica che ha visto la partecipazione di oltre 2500 cittadini, sfociata con l’adunanza del Consiglio Comunale riunito in sessione straordinaria permanente a bordo della nave Laurana.
Oggi con certezza posso affermare che con quella iniziativa salvammo nave e linea!
E ancora, la battaglia che ci ha visti contrari all’istituzione del parco nazionale, dove insieme all’associazione “La Voce Eoliana”, ben 4055 nostri concittadini sottoscrissero la nostra petizione contraria all’istituzione.
Così come non ricordare la delibera di consiglio comunale approvata di recente, nonostante lo scetticismo di alcuni consiglieri, riguardante l’ampliamento del Cimitero di Pianoconte, per il quale ho lottato sin dal momento del mio primo  insediamento.
            Tuttavia, e purtroppo, molte sono state anche le delusioni!
Appena eletto, nel mio primo mandato, ho ingenuamente creduto di aver vinto le elezioni…. bastarono appena poche settimane per farmi rendere conto di averle perse. Perse perché il modo di amministrare di quella amministrazione che avevo convintamente sostenuto era drammaticamente lontana dalle istanze collettive e dai principi che avrebbero dovuto fondare e basare il corretto agire politico.  Il 9 gennaio del 2009, a bordo del traghetto Laurana, annunciai formalmente l’uscita dalla maggioranza del gruppo “IL FARO”.
            Spinto da tanta gente, soprattutto da miei concittadini di Pianoconte, le scorse elezioni, insieme ad un gruppo di amici, abbiamo dato alla comunità la possibilità di dare un taglio netto con un modo di amministrare ormai superato, ma il risultato è stato quello che conosciamo.
            Devo confessare che da parecchio tempo meditavo questa mia decisione che, come anticipato, scaturisce dal fatto di non riconoscermi nell’attuale modo di far politica ed amministrazione, così saldamente legato a vecchie logiche partitiche ed a sterili personalismi.  
Troppi dispetti, troppa ipocrisia, troppa caccia alle streghe, troppa presunzione ed improvvisazione; molto spesso mi sono visto additare e dunque criticare, per il solo fatto di essere stato presente in consiglio comunale, “reo” di aver tenuto il numero legale senza scappare dall’aula e consentendo di fatto lo svolgimento dell’adunanza consiliare.
Altre volte è stata criticata la scelta di votare una proposta dell’amministrazione, come se il ruolo della minoranza fosse quello di dover sempre e comunque respingere le proposte altrui, prescindendo irresponsabilmente da tutto, anche dal merito e dalla validità delle stesse.
Voglio riportare una frase non mia: “un’opposizione che unicamente demolisce non sarà mai una forza di governo che costruisce”.
Ma non è stata di certo la critica, sia pure scorretta e talora quasi diffamatoria, di pochi soggetti a farmi desistere, quanto la constatazione di non potere dare risposte alle continue, pressanti e sacrosante richieste dei cittadini: perché nel 2015 l’erogazione regolare e continua dell’acqua non è un diritto acquisito, ma va continuamente elemosinata a fronte di inimmaginabili disagi e ripercussioni anche di natura igienico-sanitaria? Per quale motivo non si accendono più le luci nelle strade? Perché non vengono raccolti in modo confacente al pubblico interesse i rifiuti? Perché non vengono sistemate le strade e laddove ciò viene fatto i lavori vengono fatti con superficialità tale da renderli inutili già dopo pochi mesi? Perché i servizi marittimi sono sempre meno assidui ed efficienti? Perché pagare tasse, sempre più esose, per servizi scadenti, quando non completamente assenti?
Così come, non posso non ricordare con amarezza in questo momento, il procedimento penale a mio carico tuttora pendente presso la procura di Barcellona P.G., nonostante il pronunciamento pienamente assolutorio della Corte dei Conti in quanto “il fatto non sussiste”, e per il quale, nella certezza di avere sempre operato con correttezza e rettitudine, attendo sereno e fiducioso la conclusione del processo senza essere interessato ad avvalermi dell’eventuale prescrizione.
            Purtroppo, mi sono ritrovato ad essere protagonista di un modo di fare politica che non mi appartiene, consapevole, di non essere riuscito a tradurre in azioni concrete ciò che mi ero ripromesso e, soprattutto, per le quali mi ero moralmente impegnato con gli elettori, ai quali chiedo scusa anche per non aver portato a termine il mandato conferitomi. Pertanto, con senso di responsabilità, ritengo sia giusto interrompere adesso questa mia parentesi politica.
Questo non vuol dire che lascio la politica, o che smetterò di fare politica, lo farò dall’esterno, tra la gente, e con la gente.
            Alle ragioni esposte in precedenza, si sono aggiunti dei gravissimi accadimenti di carattere personale/famigliare. L’anno che volge al termine ha cambiato per sempre la vita mia e quella della mia famiglia.
Per tali ragioni ho deciso di rassegnare, come con la presente ad ogni effetto di legge rassegno, le mie dimissioni dalla carica di consigliere comunale del comune di Lipari.   
Nel corso dei miei mandati, ho avuto modo di conoscere e collaborare con Uomini e Donne dalle grandi qualità umane e professionali che ringrazio per aver contribuito ad accrescere il mio personale bagaglio di esperienze e per i proficui e costruttivi legami instaurati con la mia persona.
Ho anche incontrato personaggi che non rientrano in alcuna di queste categorie e pertanto non meritano alcuna considerazione, ma con i quali ho, mio malgrado, dovuto avere a che fare in quanto il ruolo istituzionale me lo imponeva.
Infine, desidero ringraziare la mia mia famiglia che mi è stata sempre vicina e mi ha sostenuto in ogni circostanza, un grazie ai miei elettori e soprattutto agli amici di Pianoconte che in ogni occasione hanno riposto fiducia nella mia persona.
A loro sento di assicurarli sul mio continuo ed incondizionato impegno!
Un particolare grazie agli amici del FARO della prima e della seconda ora, senza citarli per nome li ringrazio tutti per la stima nei miei confronti, prima che politica, a livello personale.
Lascio all’amico Francesco Megna, persona capace e di sani principi, l’onere di sostituirmi, nella certezza che proseguirà il  mandato con entusiasmo nella convinzione che sarà più che degno di proseguire con gli stessi principi che mi hanno sempre ispirato.
Lipari 10 dicembre 2015
 Gesuele Fonti

NDD -  Dopo la lettura della lettera di dimissioni e, quindi, a margine della stessa Fonti ha aggiunto: "Essendo più libero potrò dedicare tempo ai quei valori cristiani che mi hanno insegnato i miei genitori, a servizio dei meno abbienti"
Una dichiarazione che dovrebbe farci rendere conto, al di là delle indubbie qualità di Francesco Megna, cosa ha perso oggi il consiglio comunale di Lipari

Stella Michelin a Martina Caruso del Signum, i complimenti di Federalberghi

Comunicato
L’assegnazione della stella Michelin a Martina Caruso dell’hotel Signum di Salina rappresenta un valore aggiunto per le Isole Eolie e per la cucina eoliana, dichiara Christian Del Bono, presidente di Federalberghi Isole Eolie. È un riconoscimento storico – perché per la prima volta abbiamo una chef stellata eoliana – che non arriva per caso; anni di sacrifici, passione e dedizione per una cucina tesa ad esaltare il gusto dei prodotti eoliani, siciliani ed italiani, senza mai essere banali. Viene premiato il coraggio di osare in modo attento e ricercato di una giovane chef e del suo team, a conferma che l’eccellenza e la qualità uniti alla tenacia emergono sempre.
I complimenti, oltre che alla venticinquenne Martina, vanno anche al Signum e agli altri componenti della famiglia che hanno saputo creare i presupposti e la cornice giusta affinché la stella di Martina potesse brillare al meglio nel firmamento della cucina internazionale.
Federalberghi Isole Minori della Sicilia
Federalberghi Isole Eolie

Signum e Shalai in odor di Stella (Michelin) Comincia la riscossa dei giovani siciliani

(Da cronachedigusto) Ufficialmente lo saprete domani mattina. Ma noi di Cronache di Gusto ve lo raccontiamo in anteprima. La Sicilia dell'alta ristorazione conquista due nuove Stelle Michelin ed è un riconoscimento ricco di significati e di primati.
Le Stelle splendono al Signum di Malfa, sull'isola di Salina (Eolie) e allo Shalai Resort di Linguaglossa sull'Etna. Nel primo caso è Martina Caruso, tra pochi giorni 26 anni, forse la più giovane donna chef stellata di tutto il Sud Italia che assieme ai familiari (il papà Micele, la mamma Clara, il fratello Luca) tiene alta la bandiera di questo magnifico hotel delle Eolie, ormai tappa imprescindibile per ogni gourmet che voglia farsi del bene; nel secondo caso è Giovanni Santoro, chef del ristorante dello Shalai Resort, uno degli alberghi più confortevoli che si conosca in Sicilia e luogo-ambasciatore di uno dei terroir del vino più intriganti: l'Etna. Santoro, 31 anni, etneo anche lui è da sempre tra i fornelli della cucina di questo resort gestito con passione dai cugini Leonardo e Luciano Pennisi.
E andiamo ai significati di questo doppio riconoscimento. Sergio Lovrinovich, il curatore della Rossa, in una intervista rilasciata a noi di CdG poche settimane fa annunciava che l'edizione 2016 avrebbe puntato sui giovani. E, con questi due nuovi stellati - ma immaginiamo ce ne siano altri - ha rispettato le previsioni. La Sicilia sul podio con appena due trentenni, che si sono formati sulle proprie forze, girando, curiosando, sperimentando, studiando e affidandosi in buona parte sulle straordinarie materie prime di una Sicilia inesauribile. Forse è ora che tutti i giovani e talentuosi chef del Sud Italia cerchino una nuova rappresentanza fuori dagli schemi in nome di un Mezzogiorno d'Italia tanto ricco di problemi ma anche tanto ricco di speranze, di energia e di rinnovamento. E poi forse un riconoscimento mirato ai giovani smentisce chi pensa che non ci sia spazio per un ricambio generazionale dopo i quasi ormai cinquantenni che occupano la scena della ristorazione di qualità nel Sud Italia. Infine, è giusto farlo notare, premiare Shalai e Signum significa anche premiare due alberghi: smentito il luogo comune secondo il quale nei ristoranti degli hotel non si mangi mai bene. Provate a fare un salto in questi ristoranti e ve ne renderete conto. Noi di Cronache di Gusto li conosciamo bene. E siamo felici e orgogliosi per Giovanni e Martina.

Davide Cortese nell'antologia poetica "Porte"

Esce "PORTE", una nuova antologia poetica curata da Maria Letizia Avato. Tra i poeti antologizzati c'è Davide Cortese, poeta, scrittore e artista di Lipari. L'antologia edita da Progetto Cultura sarà presentata al pubblico romano al Caffè Letterario Mangiaparole, sito in via Manlio Capitolino 2, venerdì 11 dicembre alle ore 18. L'ingresso è libero.

Parcheggio multipiano: Consiglieri dettano nuove linee guida

Anche oggi, per la seconda volta, il consiglio comunale di Lipari, in attesa delle determinazioni dell'amministrazione, ha discusso della gestione del megaparcheggio. 
Un ordine del giorno è stato presentato da Giacomo Biviano + 3
ORDINE DEL GIORNO IL CONSIGLIO COMUNALE 
DELIBERA 
Di chiedere al Dirigente del II Settore e all'Assessore al Patrimonio di predisporre entro il 31/12/2015 la Proposta Consiliare di revoca della Delibera di C.C. n. 73 del 02/10/2012; 
Di chiedere all'Assessore al Bilancio e al Dirigente del II Settore di predisporre nel prossimo Bilancio di Previsione, anno 2015, gli stanziamenti necessari per l'acquisto degli impianti di videosorveglianza necessari per la gestione diretta del parcheggio multipiano di Lipari; 
Di chiedere all'Amministrazione Comunale: 
Di continuare a gestire direttamente il parcheggio multipiano attraverso l'installazione di un sistema di controllo e videosorveglianza a circuito chiuso affidato direttamente alla Polizia Municipale; 
Di procedere alla verifica periodica (almeno una volta al giorno) degli accessi e della struttura attraverso il personale dell'Ente. 
Di affidare le opere di manutenzione ordinaria e di pulizia a personale dell'Ente appositamente incaricato o predisporne l'affidamento a ditte terze attraverso apposito bando; 
Di predisporre entro il 31 gennaio 2016 un Piano della Viabilità da uniformare al regolamento per la gestione del Parcheggio Multipiano; 
Di destinare una parte esterna del Parcheggio Multipiano a terminal degli autobus per gli studenti delle scuole; 
Di destinare il piano coperto o parte di esso del parcheggio multipiano alla concessione annuale di posti auto attraverso abbonamento; 
Di consentire il parcheggio gratuito ad automobili e motocicli per non più di 24 ore ed ampliare contemporaneamente la durata e gli spazi dell'isola pedonale; 
Di istituire i parcheggi a pagamento nelle zone del centro storico o limitrofe alle aree adibite ad isola pedonale. 
Di chiedere al Dirigente del II Settore e all'Assessore al Patrimonio di predisporre le modifiche necessarie al regolamento per la gestione del parcheggio multipiano di Lipari, attraverso la predisposizione di apposita Delibera consiliare da far giungere in consiglio Comunale entro il 31/12/2015, al fine di uniformare lo stesso con gli indirizzi forniti nel presente atto. 
I CONSIGLIERI COMUNALI

Consiglio comunale di Lipari. Si è dimesso Fonti

Si è dimesso il consigliere comunale, Gesuele Fonti. 
Era stato eletto durante le scorse amministrative di Lipari nella lista civica "Il Faro".
Fonti ha ufficializzato le sue dimissioni stamani nel corso della seduta del consiglio comunale.
A Gesuele, al quale deve essere riconosciuto in queste ultime due legislature, nonostante una drammatica situazione familiare, un fortissimo impegno a favore della collettività di Pianoconte, ma più in generale di tutta la comunità isolana, subentrerà Francesco Megna, primo dei non eletti nella lista "Il Faro" 

Auguri Augusto! Buon Compleanno!

Compie oggi 7 anni Augusto. 
Auguri da mamma e papà.
Ad Augusto anche i nostri auguri.

RINGRAZIAMENTI DELL'ASSESSORE CENTURRINO PER LA MANIFESTAZIONE “Essere Comunità”

Si è svolta lo scorso 5 dicembre la prima edizione della manifestazione “Essere Comunità”, iniziativa promossa dal Comune di Lipari – Assessorato Servizi Sociali e Assessorato alla Cultura - in compartecipazione con le associazioni locali, nell’ambito della Giornata Internazionale del Volontariato 2015. Un momento di condivisione e di comunità all’insegna della solidarietà per ricordare il quotidiano impegno dei volontari che operano sul nostro territorio. Anche se in ritardo di qualche giorno, desidero complimentarmi per l’impegno e la determinazione con cui tutti insieme avete collaborato alla buona riuscita di quella che si è rivelata una bellissima giornata di festa per grandi e bambini.
Rivolgo ancora le mie congratulazioni ai vincitori della Maratona del Volontariato: Tiziana Russo per la categoria senior, Nicholas Cincotta per la categoria junior ed a chi ha partecipato anche solo donando un piccolo contributo per il sorriso dei piccoli meno fortunati.
Un sincero e doveroso ringraziamento a tutti coloro che, a titolo diverso, hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione:
  • i bambini, prima di tutto, unica nostra speranza di cambiamento, che hanno partecipato con entusiasmo, senso di responsabilità, voglia di fare, apprendere e scoprire;
  • gli uffici comunali del servizio sociale e culturale che hanno lavorato alacremente curando gli aspetti amministrativi della manifestazione e tutti gli operai che hanno collaborato occupandosi degli aspetti tecnici;
  • la Polizia Municipale coordinata dall’Assessore alla viabilità – Giovanni Sardella, i volontari di Protezione Civile e Croce Rossa, che hanno garantito il necessario controllo e la vigilanza sul percorso della Maratona, a tutela della sicurezza dei partecipanti;
  • gli Sponsor che hanno creduto in questa manifestazione: “Arte Tipografica” di Tony Saltalamacchia per aver contribuito alle spese per la realizzazione del materiale pubblicitario utilizzato per promuovere l’iniziativa; “La Terrazza sul Mare” per aver allestito un punto ristoro con acqua per i partecipanti alla Maratona; la Compagnia Popolare Liparense per aver messo a disposizione l’impianto audio ed il proprio tempo; il Centro Studi Eoliano per la disponibilità ed il supporto logistico.
Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato nel creare interesse e coinvolgimento per l’iniziativa e quanti sono intervenuti da semplici spettatori gratificandoci con la loro presenza.
Naturalmente, il grazie più sentito va a tutte le Associazioni che attraverso la loro partecipazione concreta ed attiva, la loro professionalità e passione hanno trasmesso gioia ed emozione a tutti gettando tanti piccoli semi su un terreno comune che spetta a tutti noi – istituzioni e comunità – coltivare per contribuire alla crescita responsabile dei nostri bambini, di una nuova generazione di cittadini capace di edificare una società più giusta. In particolare, grazie a:
-Ass. Paideia per la preziosa collaborazione nell’organizzazione della giornata e per aver messo a disposizione di tutti la propria professionalità;
- A.S.D. I Tangueri Eoliani ed Ass. Culturale Euterpe per aver sensibilizzato i presenti sull’importanza dell’arte, nelle sue diverse forme;
- A.N.I.C.I. per aver promosso attività a sostegno dei più deboli, in particolare dei disabili;
- E.N.P.A. Isole Eolie per aver sensibilizzato i presenti al rispetto per il mondo animale;
- Ass. I-Dee per aver regalato un bel momento di allegria ai bambini impegnati nei vari laboratori creativi, musicali e di lettura curati dalle Associazioni culturali e ricreative La fabbrica dei Folletti e Scuola in mezzo al mare di Stromboli e dall’Associazione musicale eoliana San Bartolomeo;
- C.E.A. Eolie Onlus, MareVivo Eolie e Legambiente Lipari per aver spiegato ai bambini, attraverso giochi e disegni, quanto sia importante difendere e rispettare l’ambiente che ci circonda e ci ospita;
- A.S.D. Twirling Lipari per aver allietato i presenti con un’esibizione delle sue piccole allieve;
- le Associazioni sportive Club Meligunis e Basket Eolie che, dopo la maratona, si sono esibite nelle proprie discipline coinvolgendo tutti i bambini presenti;
- V.I.S. di Stromboli, la squadra dei volontari di Protezione Civile del Comune di Lipari, i volontari di soccorso della sezione eoliana della Croce Rossa per aver mostrato e dimostrato il senso più profondo della parola volontariato.
Iniziative come questa servano a dare ai cittadini la consapevolezza che c’è un intero mondo di persone che mettono la propria professionalità a disposizione della collettività in maniera assolutamente gratuita.

Di grande interesse e forte intensità è stato l‘intervento della Cooperativa sociale “Utopia” di Milazzo che, a conclusione dell’azione progettuale “Borse formazione lavoro” attuata nell’ambito del Piano di Zona Distrettuale, ha realizzato un video per racchiudere emozioni, pensieri, stati d’animo di tutti i destinatari del progetto e dei coordinatori del servizio.
Obiettivo dell’iniziativa era valorizzare il merito e contemporaneamente dare visibilità a coloro che con il loro operato rappresentano storie positive di forte impegno personale o collettivo, riconoscendo il loro contributo all'arricchimento del territorio nei suoi diversi contesti - dal sociale allo sport, dalla cultura alla difesa dell’ambiente fino alla tutela della pubblica sicurezza e della salute del cittadino.
Auspico, per il futuro, una maggiore presenza e partecipazione – a tutti i livelli -  soprattutto di quella parte di cittadinanza che ricopre un ruolo di rappresentanza e responsabilità.
Che la nostra “isolitudine” non ci porti ad isolarci gli uni dagli altri. Siamo nati su un’isola ma ricordiamoci che “Nessun uomo è un’isola, ciascuno di noi è parte dell’umanità.” Ritroviamo la nostra dimensione di comunità, non solo a livello virtuale. L’Isola vive fuori dallo schermo. Ricominciamo a condividere valori ed idee, non solo immagini dei magnifici scorci di cui ci ha fatto dono la natura.
Si tratta di uno scambio reciproco di tempo e sostegno tra i cittadini, che crea sviluppo e fiducia. Crediamoci perché ne abbiamo bisogno.
N.B. Ricordo che l’associazione Paideia sta ancora portando avanti la raccolta fondi associata all’iniziativa per l’acquisto di un’altalena inclusiva da collocare nella nuova area verde attrezzata di Via Zinzolo. E’ possibile fare una donazione, con contributo libero, su carta PostePay dell’Associazione “Paideia” intestata al Presidente  Amendola Samuele – numero: 5313 4600 0260 0135 - presso un qualsiasi ufficio postale, sportello Postamat, ricevitorie abilitate o dal sito Poste.it, indicando come causale: “Giornata del Volontariato 2015 – Acquisto altalena inclusiva”.

L’Assessore ai Servizi Sociali e Culturali

                                                                                                           (Fabiola Centurrino)

Lipari, consiglio comunale in corso

E' in corso a Lipari il consiglio comunale. Si sta discutendo di megaparcheggio.
Nel corso della seduta - così come apprendiamo da indiscrezioni - si dovrebbe registrare una "presa di posizione" da parte di un consigliere comunale

Santo del giorno : Beata Vergine Maria di Loreto

I santuari dedicati a Maria sono sparsi in tutto il mondo, perchè la Madonna essendo mamma di tutti, vuole stare vicina a tutti i suoi figli.

Uno dei più famosi santuari è quello di Loreto che racchiude in sè la Santa Casa di Nazareth. La traslazione avvenne per mano di Angeli il 10 maggio 1291. Prima fu trasportata in Dalmazia. Il Vescovo del luogo, il governatore ed alcuni pellegrini riconobbero in quella casetta la casa di Maria. Per averne le prove, essi mandarono in Palestina una commissione la quale constatò che la casa di Maria era scomparsa di là e le fondamenta rimaste concordavano perfettamente coi muri dell'edificio apparso sui monti dalmati. 

Ma forse perchè quivi quel pegno tanto caro non era abbastanza onorato. sempre per mano degli Angeli, fu trasportato nel territorio di Recanati, in un bosco, proprietà di una donna chiamata Loreta. 

Quivi non si sapeva con certezza donde venisse e cosa propriamente fosse, onde apparve la B. V. in sogno ad un suo devoto, e gli manifestò che quel piccolo rozzo edificio era la sua abitazione di Nazareth e che doveva essere da tutti onorata. Quest'uomo divulgò subito la rivelazione, ma l'autorità ecclesiastica, per averne indiscutibile certezza, mandò dieci uomini a constatare il fatto in Palestina. La Madonna poi. coi miracoli, confermò la rivelazione fatta. 

Accertatisi della realtà della traslazione, i fedeli cominciarono con gran fervore ad onorare quella casetta e per poterla conservare intatta, prima vi costruirono attorno un muro di difesa, poi, col concorso dei fedeli di tutto il mondo, fu costruita l'attuale sontuosissima basilica. 

Santa Casa di Loreto


La divozione a questa S. Casetta si andò ognor più estendendo, e non si possono certo calcolare tutte le grazie che i fedeli ottengono ai piedi della Vergine Lauretana. Appena entrati nella casetta racchiusa nella basilica, appaiono agli occhi dei devoti visitatori le cinque parole che racchiudono in sè un'epopea di mistero e di amore: Hic Verbum, caro factum est. Qui, proprio fra questi muri, Gesù si incarnò, visse e si preparò alla salvezza di tutta l'umanità peccatrice. 

PRATICA. Cerchiamo di imitare la Vergine nelle relazioni coi nostri familiari. 

PREGHIERA. O Dio, che per il mistero dell'Incarnato Verbo hai consacrato la casa della B. V. Maria e mirabilmente l'hai collocata in seno alla tua Chiesa, ottienici che separati dalle case dei peccatori, diventiamo degni abitatori della tua casa eterna. 

mercoledì 9 dicembre 2015

INTESA COMMERCIALE TRA USTICA LINES E LAZIOMAR: IL MONOCARENA “LAURA” DELLA SOCIETA’ DELLA FAMIGLIA MORACE ACQUISITO DALL’AZIENDA CHE GARANTISCE I COLLEGAMENTI CON LE ISOLE PONTINE

Le compagnie di navigazione Ustica Lines e Laziomar, specializzate nel trasporto di passeggeri e veicoli con unità veloci e traghetti, hanno instaurato una intesa commerciale che ha portato il 4 dicembre scorso alla definizione dell’acquisizione del monocarena Laura di proprietà della Società della famiglia Morace da parte dell’azienda che garantisce i collegamenti marittimi con le Isole Pontine.
Laziomar, che dal 2011 gestisce il servizio pubblico di linea tra i porti di Formia, Terracina ed Anzio (nel periodo estivo) e le Isole Pontine, ha scelto Ustica Lines per ampliare la sua flotta, attualmente composta da tre traghetti ed un aliscafo, tutti dotati di certificazioni del Registro Navale Italiano, confermando di volere puntare su elevati standard di sicurezza e comfort per i propri passeggeri.
Il monocarena Laura è stato costruito presso il cantiere Air Naval di Torre Annunziata e può trasportare fino a 212 passeggeri.
Per Ustica Lines l’intesa raggiunta con Laziomar rappresenta l’ennesima conferma del proprio valore e della propria credibilità, che consentono di porla nel panorama internazionale come azienda leader nel settore del trasporto marittimo veloce per passeggeri, sia in relazione ai collegamenti effettuati sia per quanto riguarda la costruzione e manutenzione delle proprie imbarcazioni.

Novena di Natale in dialetto siciliano (video)

La Novena tipica siciliana suonata dai Dioscuri. Tratta dall'album "Voci di un antico Natale", con la partecipazione straordinaria di Rosa Balistreri.

La festa del volontariato a Lipari. L'articolo del direttore sulla Gazzetta del sud

La celebrazione del Dogma dell'Immacolata per la riapertura della Chiesa di San Pietro dopo i lavori


Situata al termine del nostro frequentato corso, la Chiesa di San Pietro si pone come tramite ideale tra la Lipari "evidente" ai più e l'isola verace e sanguigna dei vicoletti. Un abbraccio architettonico tra vita brulicante e quotidianità. Un punto fermo e solenne che stempera - anche solo per pochi istanti - i passi veloci dei passanti in una sosta spirituale di alta cifra interiore. 
Da pochi giorni, questo prezioso tempietto cristiano, chiuso per un mesetto di opportuni lavori di ripresa/ottimizzazione degli interni, ha ritrovato l'entusiastico sguardo dei fedeli, offrendo loro colori nuovi e luminosi. Occasione propizia per festeggiarne la riapertura: la celebrazione del Dogma dell'Immacolata Concezione. Una scelta mirata, polivalente...carica di simbologie! Tale anniversario mariano vuol essere un inno alla purezza e allo splendore, chiaro rimando alle umili e facinorose maestranze che hanno ripulito dall' incuria del tempo le pareti del santo sito. 
I colori ivi apposti, come ha evidenziato Padre Gaetano Sardella durante l' omelia, sfuggono alla mera materia e indicano piuttosto i prodigiosi talenti con cui d'ora in avanti tutti potranno far più bella la Chiesa con la maiuscola, quella per antonomasia, priva di limiti territoriali e fuori dalle logiche di appartenenza. Quella che eleva crocifissi e vangeli ovunque e comunque! Quella scevra di giudizi e prodiga di perdono. La Mater Victrix del terzo millennio. 
Ed ecco il secondo motivo per cui tale evento ha scelto una data così singolare per avere luogo. Quest'anno la festa di Maria " sine macula" ha sposato l'attesa apertura della Porta giubilare per mano del nostro Sommo Pastore Papa Francesco. 
Come Roma riapre le porte e le braccia ai pellegrini "omnis orbis", così il caro Padre Sardella scardina le porte di un luogo di ritrovo assai caro alla comunità cristiana liparota e ne fa spazio di preghiera, canto, ascolto, pathos liturgico.....condivisione. 
Un magnifico momento di "coinonia" contro le fobie del divisionismo e lo spettro dell'odio. GIANLUCA VENEROSO

NDD- Il Coro di Porto Salvo (foto in alto)  ha brillantemente animato la Celebrazione alla presenza di tantissimi fedeli e delle Autorità civili e militari

Maratona Telethon all'Istituto comprensivo Lipari 1, plesso S.Domenico Savio


Maratona Telethon all'istituto comprensivo Lipari 1 plesso S.Domenico Savio
Anche quest'anno il plesso centrale ha aderito all'iniziativa Telethon di raccolta fondi per le malattie genetiche.Le famiglie sono state coinvolte nella preparazione di dolci e venerdì si continuerà allestendo il banchetto con la vendita dei cuori di cioccolato. 

Grazie alla sensibilità ed alla solidarietà di insegnanti, genitori e bimbi.
Tiziana De Luca

Ottimi risultati a Messina per atleti Fitness Planet. Marika Sciacchitano per la prima volta sul gradino più alto del podio

Comunicato
Scongiurato il pericolo della cancellazione delle corse della compagnia Ustica Lines , di buon mattino , gli atleti della Fitness Planet si sono recati a Messina per prendere parte al secono Campionato Regionale Kombat League che dopo Santa Teresa ha fatto tappa al Palarussello . Sei i nostri ragazzi agli ordini del Maestro Massimiliano Paladino che, come al solito hanno raggiunto ottimi risultati.
Il livello della competizione era molto alto e infatti anche il praticamente imbattuto Andrea Faralla è stato eliminato ai quarti di finali anche se con un match e un arbitro da rivedere. Anche il fortissimo Alessandro Di Giuseppe ha subito la stessa sorte nella Kick-light , complici una scarsa propensione per questa forma di combattimento ( non aveva avversari nel K1), un infortunio al ginocchio che si porta dietro dai mondiali di Malta che pregiudica la sua mobilità  e qualche pugno tirato ad una velocità esagerata. Domenico Cincotta si è fatto male ad un piede all'inizio del suo combattimento ma ha deciso di continuare fino alla fine per onorare avversario e Maestro. Nicolas Cincotta è arrivato secondo nella sua agguerritissima categoria di kick-light confermando i suoi progressi mentre Marco Resinaro ha vinto la sua categoria di K1. 
Menzione a parte per la prima volta da vincitrice di Marika Sciacchitano, una ragazzina che ha compiuto ieri quattordici anni e che è finalmente salita sul gradino più alto del podio. La sua famiglia che ha assaporato in diretta la gioia e il suo maestro le augurano di risalirci ancora mille volte. Alla prossima !
Marco Basile