Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri ed Alice Profilio
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 6 agosto 2016

Fiamme su uno yacht a Panarea. A bordo in 15 tra questi anche l'ex calciatore Daniele Massaro. Tutti illesi

 Paura nel mare di Panarea, oggi pomeriggio, per un incendio sviluppatosi nella zona motori del "Sea Blu" uno yacht di ventisei metri che si trovava alla fonda nei pressi della “Caletta degli Zimmari”. 
A bordo dell’imbarcazione vi erano dieci persone, tra uomini e donne, più i 5 componenti l’equipaggio. Tra questi l’ex giocatore del Milan, Daniele Massaro. Tutti impauriti ma, fortunatamente, illesi.
A fare scattare l’allarme è stato un gruppo di giovani panarellesi che si trovava in zona con il barchino di Alessio Ferrara. 
Questi, notato l’intenso fumo che proveniva dall’imbarcazione, oltre ad informare di quanto stava accadendo le competenti autorità, si sono portati sottobordo, procedendo a fare evacuare il mezzo e a trasportare, in due riprese, passeggeri e equipaggio dello yacht alla spiaggetta e su un’altra grossa imbarcazione che si trova in zona. 
Il giovane Ferrara ha, quindi, raggiunto il porto dell’isola dove ad attenderlo vi era il padre Maurizio, vigile del fuoco di Panarea (fuori servizio). Questi, una volta giunto sullo yacht si è prodigato unitamente a Giovanni Marzo, un altro isolano, per spegnere l’incendio con dei secchi di acqua salmastra. 
Da lì a poco è giunta la motovedetta “Monteleone” dei Carabinieri di Lipari che ha praticamente, insieme ai due isolani, salvato la barca, mettendo in funzione il sistema di pompe antincendio in dotazione. 
Contestualmente da Lipari, su disposizione del comandante Paolo Margadonna, sono uscite in mare, alla volta di Panarea, due unità del Circomare – Guardia Costiera. A bordo di una di esse hanno preso posto i vigili del fuoco in servizio presso il distaccamento liparese. 
Una volta domato l’incendio, lo yacht messo in sicurezza è stato trainato, scortato dai mezzi del Circomare sino al porto di Sottomonastero a Lipari, a disposizione dell’Autorità marittima che ha aperto, come da prassi, un fascicolo sull’accaduto. 
Da una prima stima i danni nella zona motori e nelle aree limitrofe sarebbero di una certa consistenza

Rivediamoli. Il video di alcuni momenti della Santa Messa e della Processione di S. Salvatore (anno 2015)

Il salvataggio di ieri sul cratere di Vulcano. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

Le Eolie e le date da ricordare (a cura di Giuseppe La Greca) : 6 Agosto 1988

Da stasera in arrivo calo termico ed alternanza di piovaschi ed annuvolamenti. Previsioni meteo-marine Eolie a cura di Giuseppe La Cava

Dalla serata odierna si prevede l'arrivo di aria fresca ed instabile che stazionerà nel basso Tirreno fino alla mattinata di martedi 10 comportando, oltre ad un sensibile calo termico, tempo instabile con alternanza di piovaschi ed annuvolamenti che recheranno brevi rovesci di pioggia di moderata intensità.
.L' instabilità localmente potrebbe generare fenomeni di forte intensità come trombe marine e supercelle temporalesche tra la sera- notte in proseguimento nella mattinata di Domenica , nel tratto di mare tra il basso versante tirrenico calabro e la costa tirrenica settentrionale del messinese tra Stretto di Messina e milazzese.
In questo caso le precipitazioni potrebbero essere intense e con apporti pluviometrici elevati.
SEGUITE GLI AGGIORNAMENTI SULLA PAGINA FACEBOOKwww.facebook.com/meteoeolie

Materiale plastico a quando il ritiro? Magazzino della farmacia Finocchiaro al limite della capienza

Gentile direttore, 
le mando la foto in allegato per rappresentare un'oggettiva difficoltà che la mia farmacia sta attraversando in quanto attualmente, nonostante i vari e ripetuti solleciti, non viene di fatto effettuata la raccolta del materiale plastico presso il mio esercizio. 
Faccio presente che a differenza di molte altre attività noi teniamo SEMPRE i rifiuti, differenziati in plastica e cartone, all'interno del nostro magazzino proprio per evitare la loro indecorosa esposizione sui marciapiedi del Corso Vittorio Emanuele, ma tale comportamento, peraltro richiesto dall'amministrazione, ha un limite fisico rappresentato dalla capienza del mio magazzino! 
A tal proposito non si pretende il passaggio giornaliero, ma almeno ogni 2 o 3 giorni, viceversa sarà per noi impossibile ottemperare a quanto disposto.
Cordiali saluti
Dott. Finocchiaro, Farmacia Internazionale

L'editoriale di ieri e un commento dall'Australia

Riceviamo e  pubblichiamo:
Dopo aver letto il suo editoriale direi che, dopo aver avuto dei c....oni , nessuno come lei si preoccupa gli togliera' il saluto, anzi guardi un po' gli arrivano degli elogi dalla lontana Australia per la sua sincera onesta'.  
Domani è il mio Onomastico e certo un miracolo San Gaetano me lo ha fatto nel farmi vedere che ancora esiste nella mia Lipari una persona che cerchi di correggere cio' che è sbagliato.
Complimenti e cari saluti. 
GAETANO MESSORI

Confronto "Sottosopra" col sottosegretario Faraone - Oggi a Quattropani (Lipari) dibattito sul libro del deputato Pd

Sottosopra": un elenco interminabile di cosa non funziona in Sicilia e la ricetta di possibili soluzioni che spesso non richiedono neppure ingenti risorse ma buonsenso, cioè proprio la qualità carente tra gli inquilini di Palazzo d'Orleans e Palazzo dei Normanni. 
Il libro "Sottosopra" del sottosegretario alla Pubblica istruzione Davide Faraone (editore Donzelli) già nel titolo si propone come momento di rottura tra un passato poco onorevole e una prospettiva di potenzialità che ci riscatti dalla condizione di cenerentola d'Europa. La sua è una denuncia nei confronti di chi ha retto, negli ultimi quindici anni, le sorti della Sicilia. Nomi, cognomi e fatti per dire che tutto è stato abbandonato all’anarchia e alla cattiva gestione, portato al collasso. 
Se ne discuterà oggi, sabato 6 a Lipari, ore 19 Tenuta di Castellaro-Quattropani, in un incontro cui parteciperanno l'autore e il deputato Giuseppe Laccoto. 
Introdurrà il dott. Mario Primo Cavaleri, notista di politica regionale.
L'iniziativa è del Centro studi eoliano presieduto da Antonino Saltalamacchia che ha già messo in cantiere anche questa estate soprattutto a Lipari un ricco programma di eventi.

Frasi

«Chi legge sa molto chi osserva sa molto di più.» Alexandre Dumas figlio

Le Eolie e le date da ricordare (a cura di Giuseppe La Greca) : 6 Agosto 1981

ARS: Se la coalizione ottiene il 40% dei voti il sindaco verrà proclamato direttamente. No al terzo mandato

Disco verde dell’Ars alla proposta del Pd per l’elezione dei sindaci col 40 per cento dei voti attribuiti alla coalizione che li sostiene. Nel caso in cui fossero in due a superare l’asticella del 40 per cento, verrà proclamato quello la cui coalizione ha ottenuto più voti. E, a parità di voti, il più giovane. Quest’ultima scelta, in antitesi con la normativa corrente, per cui in caso di parità di voti prevale l’anzianità, è stata determinata da un emendamento dei Cinquestelle che, in prima battuta, decisamente bocciata dalla maggioranza, avevano tentato di ripristinare la legge 7 del ’92, più nota come “legge Campione”, con cui, per la prima volta nello Stato italiano, veniva consentita l’elezione diretta del sindaco.
Quella normativa, in gran parte mutuata dal sistema elettorale americano, fu quasi subito contrastata dai vertici dei partiti romani, con in testa i maggiori esponenti del Ccd, Pierferdinando Casini e Clemente Mastella, i quali si erano subito resi conto che, come avviene negli Usa, ai partiti restava solo il ruolo di organizzatori del consenso elettorale, perdendo ogni controllo sugli eletti. Nel breve periodo in cui rimase in vigore così come era stata inizialmente approvata, infatti, su sette sindaci sfiduciati per iniziativa dei partiti, effettuati i conseguenti referendum popolari, ben sei erano rimasti al loro posto ed, invece, erano stati mandati a casa gli sfiducianti.
Con la norma approvata ieri, contro cui si è schierata anche Forza Italia, favorevole, per evitare i ballottaggi fra i due più votati, ad una soglia minima del 35 per cento, il candidato sindaco proclamato eletto porterà con sé, in Consiglio, anche il 60 per cento dei consiglieri, i più votati della coalizione che lo sostiene. Bocciato anche il tentativo di Forza Italia di introdurre il terzo mandato. Tanto il segretario regionale del Pd Fausto Raciti, a cui si deve la proposta della soglia del 40 per cento dei voti per essere proclamati sindaci, in linea con l’Italicum di Matteo Renzi, quanto la capogruppo Alice Anselmo, a votazione conclusa, si sono dichiarati «soddisfatti per questo voto dell'aula che conferma la bontà di una proposta che ha trovato ampia condivisione fra le diverse forze politiche. Ci auguriamo – hanno sottolineato con una nota congiunta – che l'esame della riforma possa proseguire con lo stesso clima».
Per il commissario regionale di Forza Italia Gianfranco Micciché, invece, «la soglia del 40 per cento è un’idiozia o, forse, è una furbata, non lo so: quello che so è che in un sistema terzopolista non serve a nulla. Il tutto in barba ai siciliani, le cui città rischieranno di non essere più guidate dai sindaci che veramente vogliono, ma da quelli agevolati da un sistema elettorale ormai superato e, che proprio per questo, andrebbe radicalmente modificato».
«Oggi all'Ars – ha commentato, a sua volta il Cinquestelle Giancarlo Cancelleri– è stato scritto un precedente pericoloso: hanno cambiato le regole del gioco, senza la prima forza politica della Sicilia. Ai partiti dico: la pagherete, i cittadini sapranno come comportarsi. Pagherete il prezzo di questo “inciucione”.
«L'emendamento che introduce la soglia del 40% – ha aggiunto – porta le firme di tutti i capigruppo dell’Ars, tranne i Cinquestelle. In pratica è la “dichiarazione d'amore” del “Partito della nazione” contro di noi; tutti da una parte, e noi dall’altra».
Gli altri articoli del disegno di legge, fra cui quello che abbassa al 50 per cento più uno il quorum per una eventuale sfiducia, saranno esaminati nel corso della seduta odierna.

Giorgianni: "Relazione Fonti strumentale e piena di pareri personali e politici che non gli competono. Resto sconcertato"

Il primo cittadino, intervenendo sulla relazione di Mimmo Fonti, ci ha fornito "solo dei necessari chiarimenti", visto che è in programma sulla "questione rifiuti" una riunione già concordata tra i sindaci eoliani (dove inevitabilmente si parlerà della relazione di Fonti), si è detto sconcertato da tale relazione.
La ritiene, tra l'altro, "strumentale" anche perchè "la si invia il 4 agosto ad un commissario che non è più tale dal 30 Luglio ed è piena di pareri personali e politici, quando il ruolo di Fonti non è certamente nè politico nè istituzionale”.
Sul ruolo "improprio" dato al personale SRR che - come scritto da Fonti " non dovrebbe occuparsi di gestione del servizio" - il primo cittadino liparese ha evidenziato "la legittimità da parte dei sindaci di non pagare il costo del personale di una SRR così piccola per dimensioni senza assicurarsi, che attraverso la costituzione degli uffici Aro si potesse in compenso risparmiare destinando ad altri compiti il personale degli uffici ambiente dei comuni. Non credo ci si possa rassegnare a pagare 170.000,00 euro di costo per il personale SRR, accettando che questo si occupi solo di “programmazione ed indirizzo” affidando ad altro personale il compito della gestione del servizio”.
Giorgianni, evidenziando come Fonti in certi passaggi della sua relazione, "si spinge in settori che non certo di sua competenza ma, eventualmente, del legislatore", ribatte all'accusa, secondo la quale le Amministrazioni non aumenterebbero la tassa rifiuti per non ledere il consenso.
" Fonti - ci ha detto Giorgianni - dovrebbe capire che tra i compiti di una Amministrazione le sue strutture , quindi anche il suo, vi è quello è di perseguire ogni strada possibile per tentare di ridurre le spese e far bastare i fondi , non quello di far bastare i soldi aumentando le tasse. Vero che le risorse a disposizione del Comune sono molto basse, anche per le maggiori spese determinate dalle emergenze in materia di rifiuti, non certo determinate dalle Amministrazioni locali. Certamente, sarà necessario,passata l’emergenza, rivalutare le strategie più utili per ottenere un servizio adeguato realizzando finalmente le infrastrutture indispensabili che non abbiamo ma che sono necessarie.
Nel frattempo non aumentare l'imposizione non è una questione di ricerca di consenso ma di equità"


NOTA DEL DIRETTORE Per visualizzare la relazione di Fonti cliccare sul link http://eolienews.blogspot.it/2016/08/srr-fonti-in-una-relazione-non-e-tenero.html

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi 6 Agosto

Auguri di Buon Compleanno per Annamaria Pace, Vittorio Imbesi, Giovanni Mastroeni, Romeo Tono, Francesca Marino, Gianluca Torre, Luca Bernardi, Ivan Castelli, Roberta Maio, Venera Tutino, Mattia Sardella e Roberto Redditi.
Auguri anche ai lettori che si chiamano Salvatore, Salvatrice e festeggiano oggi il loro onomastico

Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Panarea (Capo Milazzese e Calajunco)

Santo del giorno

Il Divin Redentore Gesù aveva già predicato per due anni il Vangelo dell'amore per tutta la Palestina, e si era già scelti i dodici Apostoli, ma la Buona Novella non era ancora stata compresa che in piccola parte: i suoi discepoli medesimi restavano ancora dubbiosi e tiepidi. 

Per confermare nella fede almeno i più amati fra gli Apostoli, prese con sè Pietro, Giacomo e Giovanni, li condusse sulla cima del Tabor ed innanzi ad essi si trasfigurò. Il suo viso divqnne risplendente come il sole e le sue vesti candide come la neve. Ed apparvero Mosè ed Elia che conversavano con lui. Pietro allora prese la parola e disse a Gesù: « È bene per noi lo star qui; se vuoi facciamo qui tre tende: una per Te, una per Mosè ed una per Elia ». Mentre ancora parlava una lucida nuvola li avvolse e da essa si udì una voce che diceva: « Questo è il mio Figliuolo diletto nel quale mi sono compiaciuto: ascoltatelo ». Udendo tale voce i discepoli caddero bocconi a terra e furon presi da gran timore, ma Gesù, accostatosi a loro, li toccò dicendo : « Levatevi e non temete »; ed essi alzati gli occhi non videro che Gesù. Egli poi nello scendere dal monte ordinò di non parlare a nessuno di quella visione, prima che il Figliuol dell'Uomo fosse risuscitato dai morti. 
Questo bellissimo tratto del Santo Vangelo è preso da S. Matteo, ma lo si trova pure in S. Luca ed in S. Marco. Gesù prende con sè, e vuole testimoni della sua gloria: Pietro, il discepolo dal cuore ardente e generoso fino all'eroismo; colui che pochi giorni prima era stato costituito capo della Chiesa. Giacomo, il fratello di Giovanni, impetuoso e fedele che voleva sedere alla destra di Gesù, per cui si disse disposto a bere lo stesso calice amaro della passione. Giovanni, prediletto perchè il più giovane ed il più innocente. Tutti e tre li vedremo in seguito seguire il Maestro nell'Orto degli Ulivi, recarsi per primi al sepolcro, predicare con zelo ardente la fede, e dare la vita per il loro Maestra. 



PRATICA. — Il Padre sul Tabor ha proclamato: «Questo è il mio Figlio diletto, lui ascoltate ». Ascoltiamo questo Maestro Divino quando ci parla per mezzo della Chiesa o dei suoi ministri. 
PREGHIERA. — Dio, che nella gloriosa Trasfigurazione del tuo Unigenito hai confermato i misteri della fede con la testimonianza dei padri e, con voce partita da nube luminosa, hai meravigliosamente proclamata la perfetta adorazione dei figli, concedici, propizio, di poter divenire coeredi del Re della gloria e partecipi della sua medesima gloria.

venerdì 5 agosto 2016

SRR: Fonti in una relazione non è tenero con le amministrazioni per quanto concerne la gestione dei rifiuti

Il direttore generale della SRR Mimmo Fonti, in una relazione inviata all'ex commissario straordinario della SRR Messina - Eolie, non è certo tenero con le amministrazioni locali alle quali addebita le problematiche nella gestione dei rifiuti. Vi proponiamo la lettera/relazione, preannunciando che è nostra intenzione sentire, nelle prossime, i diretti interessati.
E' stato dimenticato oggi sul molo di Vulcano Gelso un telefonino Samsung con custodia dorata. Il telefonino è bloccato e, quindi, inutilizzabile. Per il proprietario è importante in quanto si tratta di uno "strumento di lavoro" con numeri telefonici, foto ed altro. Chi l'ha ritrovato contatti il nostro direttore al 339.5798235 o il 3391814598

E' un paese strano il nostro! (L'Editoriale di Salvatore Sarpi)

E' un paese strano il nostro..
...E' il paese dove gli abusivi (in ogni campo) alzano la voce nei confronti di chi è in regola e avrebbe tutto il diritto per alzarla;
...E' il paese dove chiunque si sveglia al mattino, decide di fare l'imprenditore in un settore del quale non ha nè competenza nè titoli;
...E' il paese dove chi compie il proprio dovere o chi cerca di fare rispettare le regole...è un alieno...non è ben visto;
...E' il paese dove i turisti vengono "scippati" (nel vero senso del termine) da affittacamere ed operatori abusivi, di questo e quel settore, a chi è in regola e paga profumatamente le tasse;
...E' il paese dove il megaparcheggio resta chiuso...e quando  era aperto...restava vuoto...perchè ci si inventa aree di sosta nei luoghi più impensabili;
...E'il paese dove si dice di essere contrari alle irregolarità...ma solo a quelle degli altri...le nostre non contano, o siamo, comunque,  dalla parte della ragione;
...E' il paese dove chi lavora con professionalità,  competenza ed in regola, deve soccombere al marcio e all'arroganza degli abusivi;
E' il paese, e parlo del mio lavoro, dove ci si sente dire (per fortuna dalla minor parte delle persone) "scrivilo tu,,,sai io non mi posso esporre" (ovviamente non lo scriviamo)
...E' il paese dove....non basterebbero decine di post...per dire che paese "sottosopra" è..
Ed infine, permettetemi di scriverlo, è un paese strano il nostro...con tanti ciechi per strada e non solo lì...ma non sono invalidi...
E' un paese così strano che quanto scritto non piacerà ai molti e forse domani, per aver detto la verità,  qualcuno  ci toglierà il saluto. Ce ne faremo una ragione!

AnciSicilia: “Mentre l’Ars si affanna sulle modifiche alla legge elettorale ieri si è determinato il tracollo dei comuni e delle ex province”

“Mentre l’Ars, a pochi mesi dalle prossime elezioni amministrative, si affanna tra mille incertezze e un clima di estrema confusione a modificare, ancora una volta, la legge elettorale, ieri in Conferenza Regione-Autonomie locali per la prima volta, dall’inizio dell’anno, è stata ufficializzata la volontà di determinare il dissesto finanziario dei comuni, dei liberi consorzi e delle città metropolitane dell’Isola. Infatti, nonostante siano scaduti da mesi i termini per l’approvazione del bilancio di previsione 2016 dei comuni (30 aprile) e dal 31 luglio anche quelli per città metropolitane e liberi consorzi, si è appreso che quanto previsto dall’art.7 della legge di Stabilità regionale per l’anno 2016, rimarrà in buona parte lettera morta determinando conseguenze che, come è di tutta evidenza, a distanza di otto mesi dall’inizio dell’anno, risultano non essere più sanabili”.
Lo hanno reso noto i sindaci della delegazione AnciSicilia presenti ieri pomeriggio alla Conferenza Regione- Autonomie Locali.
Tra i rappresentanti dell’AnciSicilia in seno alla Conferenza erano presenti: il presidente e il segretario generale dell’Associazione, Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, il vice presidente vicario, Luca Cannata, il vice presidente Paolo Amenta, il sindaco di Messina, Renato Accorinti, il sindaco di Niscemi, Francesco La Rosa, il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni, il sindaco di Gioiosa Marea, Edoardo Spinella, e il sindaco di Prizzi, Luigi Vallone.
“Più in particolare – ha aggiunto la delegazione dell’Associazione – ieri il Governo regionale ha certificato che, a differenza di quanto previsto dalla legge 3/2016, i 115 milioni e i 30 milioni destinati rispettivamente alle spese di investimento dei comuni e delle ex province ed utilizzabili espressamente anche al pagamento delle rate di mutuo, non sono utilizzabili per tale finalità, mentre gli ulteriori 50 milioni destinati “prioritariamente al pagamento delle quote capitale delle rate di ammortamento dei mutui accesi per il finanziamento di spese di investimento” non sono allo stato attuale disponibili e non si ha certezza su quando lo saranno”.
“Anche le ulteriori risorse relative al Fondo perequativo (pari a 340 milioni di euro) – hanno continuato i rappresentanti dell’AnciSicilia – e quelle destinate al pagamento del personale precario (182 milioni circa) subiranno allo stato attuale una decurtazione del 9 per cento e non si comprende come ciò possa essere gestito in termini di bilanci comunali. Tutto ciò conferma quanto sia grave la condizione di precarietà e di incertezza del sistema degli enti locali siciliani, che, come l’AnciSicilia e la stessa Corte dei Conti hanno in più occasioni denunciato, dipende strutturalmente dalle risorse regionali. Un tale quadro condiziona in maniera diretta la risoluzione di altri problemi decisivi per gli enti locali quali l’avvio e la prosecuzione delle procedure di rinnovo contrattuale o stabilizzazione per i lavoratori a tempo determinato e la definizione, attraverso l’indizione delle elezioni di II livello, del nuovo quadro di governance nei liberi consorzi e nelle città metropolitane”.
“Per tali ragioni – ha concluso il presidente Orlando – l’AnciSicilia invierà una formale richiesta al Governo nazionale affinché, sin dalle prossime ore, si possa avviare un articolato confronto con la Regione Siciliana e le Autonomie locali dell’Isola per individuare le soluzioni urgenti che consentano di arrestare l’ormai inevitabile tracollo finanziario e le gravissime ripercussioni che ciò determinerebbe sui cittadini. In assenza di risposte proporzionate alla gravità della situazione saremo costretti ad avviare iniziative di protesta e ad intraprendere azioni legali presso ogni autorità competente”

Di seguito alcuni dati significativi:
300 comuni che non hanno deliberato il rendiconto di gestione finanziaria 2015 (dati al 16 giugno)
350 comuni non hanno approvato il bilancio di previsione 2016 (dati al 16 giugno)
Le tre città metropolitane non hanno approvato il bilancio di previsione nei termini
I sei liberi consorzi non hanno approvato il bilancio di previsione nei termini e in alcuni casi hanno già avviato le procedure per la dichiarazione di dissesto
Significativo aumento nel 2016 degli enti che hanno deliberato il dissesto finanziario e che hanno avviato la procedura di riequilibrio.

La magia di Stromboli e l’incontro con Iddu che mi cambiò la vita (di Gianni Farinetti)

(di Gianni Farinetti - pubblicato su lastampa.it) Ci sono nomi di luoghi che hanno un misterioso potere evocativo, proprio il loro suono, intendo. Già prima di andarci la prima volta rotolavo fra le labbra: Stromboli, Stromboli, Stromboli, detta Strogile, esotico vocabolo greco che vuol dire «la rotonda». O rotondo, essendo l’isola, con Iddu il suo vulcano, un maschio.
Andò così: nell’autunno del 1978, il mio amico Sandro tornò da un viaggio in Afghanistan (sì, in quei beati, normali, anni si poteva andare in automobile, anche da soli, fin laggiù) e mi disse che aveva conosciuto un fascinoso architetto torinese che stava restaurando la fortezza di Kabul, Roberto Pagliero. Mi accompagni? Andiamo a trovare il suo compagno, l’attore teatrale Alberto Marché. Roberto e Alberto stavano allora in un attico di palazzo Cavour a Torino, una casa di sorprendente bellezza, zeppa di kilim, opere di Carol Rama (loro grande amica) e Giovanni Anselmo (altro stromboliano acquisito), terrazzi, fiori. Diventammo amici - tra gli amici più cari della vita - e l’estate dopo m’invitarono nella loro casa sull’isola, ci sarebbe stata anche l’imponente fantesca veneta Maria, una delle donne più finto burbere e baffute mai conosciute. Stromboli non sarebbe più stata così un inesplorato puntino nero sperduto nella carta geografica e la parola avrebbe acquistato un contorno, un peso.
Eccolo che respira, Iddu, ultimo fronte dell’arcipelago. Ciclopico, con i fianchi ruvidi, nero e viola, rotolato in un mare anch’esso screziato di neri, di blu mai pensati, di altri viola. Scesi sul molo di cemento inciampando nell’ultima maglia metallica della scaletta. Sul molo ci atterrai sulle ginocchia osservando l’elegante traiettoria aerea dello zaino. Sventura? Proprio da risalire sull’aliscafo - gelido e umidissimo - e tornare detto fatto a Milazzo, e da lì avviarmi per la più domestica, confortevole Taormina? Un uomo di età imprecisata, magari la mia stessa età, che era di anni venticinque, afferrò lo zaino e lo caricò su una scassata Ape Piaggio.
Era il salvifico Italo che mi disse col suo sorriso ridente e storto: «Va a casa di Alberto, eh? Il trasporto - del solo zaino - lo paga al ritorno». E sparì in una sinfonia di schioppettii marmitteschi. Sbagliai subito strada, io e le mie ginocchia sanguinanti, imboccando il lungo mare, un sentieraccio di sabbia e cemento che mi condusse in un campo di capperi ognuno col suo bel cartello Proprietà Privata ficcato in mezzo. Ma poi, improvvisa, la spiaggia di Ficogrande, e poi le languide anse della «strada bassa», e poi il bivio «del castello», con quelli che erano allora dei bui ruderi smozzicati, dove le uniche due vie, la «bassa» e la «alta», si congiungono nella borgata di Piscità. Dopo c’è solo l’ultima spiaggia (ah, l’ultima spiaggia), scogliere, il sentiero per la vetta di Iddu. E lui sempre lassù, fosco e incurante, schermato dall’ombra delle sette di sera. E poi, lì sulla sinistra, davanti a un portoncino, il mio zaino posato a terra. E oltre il portoncino il vialetto che attraversa in diagonale il giardino di Casa Warka con le dature pronte a sbocciare velenose nella notte. E poi il fico piantato da Maria quindici anni prima e l’enorme buganvillae che ricopre e ripara la terrazza. E quella terrazza silenziosa e deserta e bianca. Fu lì, un secondo prima che apparisse dalla porta del soggiorno Tìmur, il levriero bigio di Roberto, che capii, sentii in modo esatto, inappellabile, come l’avanzare di un rullo di tamburi - il sotterraneo rombo del vulcano che da quel momento imparai a conoscere - che la mia vita sarebbe da quel momento completamente cambiata.

Elicottero Vigili del fuoco sul cratere di Vulcano ed il polverone che impedisce l'intervento di oggi

Lipari, il consigliere Busacca aderisce a Pdr - Sicilia Futura

 Nella foto: A.La Cava,
G. Busacca e B. Picciolo
COMUNICATO PDR-SICILIA FUTURA del 05-08.2016
CRESCE IL PDR-SICILIA FUTURA. A LIPARI IL CONSIGLIERE COMUNALE AVV. GIOVANNI GIACHINO BUSACCA ADERISCE A SICILIA FUTURA.
ON. BEPPE PICCIOLO: “ORGOGLIOSI DEL NOSTRO MOVIMENTO E DELL'ADESIONE AL PROGETTO DI SICILIA FUTURA DI UN CONSIGLIERE COMUNALE DI GRANDE QUALITA' COME L'AVVOCATO GIACHINO BUSACCA”


L'avvocato Giovanni Giachino Busacca comunica di aver aderito al progetto politico del Pdr-Sicilia Futura.
“A seguito del percorso intrapreso, già ampiamente delineato in questi mesi, – ha sottolineato l'avvocato Giachino Busacca – e dopo un'attenta riflessione ritengo naturale aderire al gruppo del Pdr-Sicilia Futura che, in maniera chiara, ha da sempre espresso la mia idea di buona politica e di politica del fare. Sono fermamente convinto – ha evidenziato il consigliere comunale di Lipari - che l'adesione a questo progetto, portato avanti con determinazione ed ottimi risultati per il territorio dall'on. Picciolo, permetterà in particolare al mio impegno verso la comunità eoliana di essere ancor più propositivo. Infine – ha concluso Giachino Busacca – è utile rammentare che la componente umana, che contraddistingue i Democratici Riformisti, ha inciso in maniera importante sulla scelta compiuta e ringrazio l'on.le Picciolo per l'affettuosa accoglienza, sentendomi già parte integrante del Partito da lui egregiamente rappresentato a livello siciliano”.

Ripristinata funzionalità condotta sulla Falcone - Borsellino. A breve erogazione acqua a Zinzolo alta

E' stato completato da parte della Geomar di Nello Vecchio l'intervento alla condotta idrica sulla via Falcone - Borsellino. La ditta ha anche provveduto a ripristinare l'area oggetto ai lavori. Di conseguenza la viabilità torna regolare su quell'arteria. 
A seguito del ripristino della condotta dalle 17 la stessa Geomar erogherà l'acqua nella zona di Zinzolo alta

Meduse da pericolo a risorsa alimentare. Organizzata ieri a Lipari una degustazione, a cura del professor Enzo Donato (Marevivo)

Comunicato

NON SPRECHIAMO… LE MEDUSE:
TRASFORMIAMOLE DA PROBLEMA A RISORSA
Ieri alle spiagge bianche di Lipari la degustazione della specie Pelagia Noctiluca

5 agosto 2016 - Quando il mare, attraverso le correnti, porta uno “sciame” di meduse sulle nostre coste, non c'è più da disperarsi, anzi! 
Bagnanti, bambini, anziani e ristoratori possono impegnarsi a raccoglierle - naturalmente con le dovute precauzioni - , perché le meduse, da problema serio,  sono diventate una gustosa risorsa alimentare.
Ieri, alle spiagge bianche di Lipari, ospitati dal ristorante “Fiore Di Pomice”, il delegato di Marevivo delle Isole Eolie, Enzo Donato ha organizzato una degustazione  di meduse della specie Pelagia Noctiluca, suscitando grande curiosità e consenso. Dopo una comprensibile titubanza, l'insolito cibo è stato apprezzato da tutti.
Dalle Isole Eolie a Capri, da Seiano a Vico Equense, chef stellati si stanno cimentando in variegati manicaretti a base di questo misterioso abitante del mare che ci viene gratuitamente offerto.
Dopo le sperimentazioni della Dr. Antonella Leone, ricercatrice del CNR- ISPA di Lecce. e del Prof. Stefano Piraino, dell’Università del Salento, sulle proprietà nutrizionali delle meduse, la fantasia dei nostri maestri cuochi si è sbizzarrita e la gente sembra entusiasta di poter provare in futuro questo cibo, che ancora non fa parte della nostra tradizione culinaria, ma che invece è cibo prelibato in altri Paesi soprattutto orientali. I bambini sono entusiasti e curiosi di conoscere meglio questo inconsueto abitante del mare. Marevivo, già nel 2013 - attraverso un suo progetto “La Tavola Blu”, finanziato dal Ministero dell'Ambiente - lanciò una sfida, raccolta dal famoso chef Gennaro Esposito per rendere questo animale appetibile all'uomo. 
Dagli studi del nostro vicepresidente, il prof. Ferdinando Boero, dell’Università del Salento e di CNR-SMAR, e di molti altri ricercatori impegnati in questo campo, sono emerse le ragioni del proliferare di questi organismi in quasi tutti i mari del mondo.
Le meduse tropicali arrivano in Mediterraneo a causa dell’aumento di temperatura, facilitate dall’allargamento del Canale di Suez. In generale, però, è la sovrappesca a determinare l’aumento di questi esseri gelatinosi. Le larve e gli stadi giovanili dei pesci, proprio come le meduse, mangiano plancton. Se peschiamo troppi pesci, diminuiscono anche le loro larve e rimane più plancton per le meduse, che di conseguenza aumentano. Anche i predatori delle meduse, come le tartarughe e i pesci luna, stanno aumentando, a causa della maggiore disponibilità di alimento.
Tale situazione potrebbe determinare un riequilibrio e mitigare la moltiplicazione delle meduse: diamo anche noi una mano, mangiamole anche noi!
Questi esseri gelatinosi ed eleganti sono ricchi di proteine e collagene, elementi preziosi per la dieta umana, anche le ricerche del CNR lo confermano: perché non approfittarne?
Come la cappella del fungo porcino, così la testa della medusa, che ha la stessa forma, potrebbe diventare un dono prelibato offerto dalla Natura. Marevivo lancia un appello a tutti coloro che si vogliano cimentare nella sperimentazione di ricette culinarie per arricchire di gusto e bellezza questo alimento. Mandateci foto e ricette del vostro piatto, ne faremo un ebook da divulgare.
Naturalmente la nostra Associazione continuerà come da sempre la sua lotta contro la pesca eccessiva e illegale e continua a supportare il monitoraggio "Occhio alla Medusa", che da anni Ferdinando Boero porta avanti in tutto il Mediterraneo e al quale qualsiasi cittadino può partecipare inviando le segnalazioni degli avvistamenti a serena.zampardi@unisalento.it e a ferdinando.boero@unisalento.it.
Non sprechiamo queste “figlie” che il mare ci dona facendole morire inutilmente sulle nostre spiagge, facciamo proliferare la creatività per trasformare un problema in una risorsa.

Salvataggio "thrilling" sul cratere di Vulcano. Turiste rischiano di precipitare, salvate dai Vigili del fuoco

Salvataggio "thrilling" sul cratere di Vulcano ad opera dei vigili del fuoco del distaccamento di Lipari (caposquadra Salvatore Pannuccio) per tirare fuori da una situazione alquanto pericolosa due giovani turiste romane che, scalando autonomamente il vulcano, erano finite in un crinale a strapiombo e rischiavano di precipitare giù. L'allarme è stato lanciato da una delle due che, con il telefonino, ha chiamato il 115. 
Una delle ragazze, nel momento in  cui è stata salvata dai pompieri , calatisi con delle corde, era aggrappata ad uno spuntone di roccia  a  200 metri d'altezza.
Per tirarle fuori c'è voluta tutta l'abilità dei ragazzi del nostro distaccamento che, in alcuni momenti del salvataggio, hanno  rischiato anche la propria incolumità.
L'elicottero dei vigili del fuoco, giunto da Catania, non ha potuto operare per via delle nuvole di polvere che si alzavano ogni qualvolta si avvicinava all'area in cui  si trovavano le ragazze
Dopo oltre due ore l'operazione è stata portata a compimento e le ragazze sono state portate dai vigili in un'area sicura e fornito loro un primo rifornimento idrico.
Mentre scriviamo, le due ragazze si trovano nei locali  della Guardia Medica dove sono state trasferite con l'ambulanza della Croce Rossa. Entrambe lamentano delle escoriazioni e, per la lunga esposizione al sole, sono disidratate. 
La squadra dei Vigili del fuoco è giunta sull'isola con un mezzo del Circomare - Guardia Costiera di Lipari

Zarrillo in piazza a Marina Corta per i festeggiamenti per il Patrono San Bartolomeo.

Dopo Dolcenera (23 Agosto) la piazza di Marina Corta a Lipari ospiterà il 24 Agosto, Michele Zarrillo. 
L'evento, che adesso è ufficiale, rientra nell'ambito dei festeggiamenti  in onore del Patrono  S. Bartolomeo.
Anche quest'anno Massimilano Taranto  e il suo  gruppo  di lavoro  regaleranno, quindi, all'isola e ai turisti eventi di rilevo.
Ricordiamo che tutti gli eventi/manifestazioni che saranno organizzati a Lipari per i festeggiamenti in onore del Patrono S.Bartolomeo (24 Agosto) saranno interamente finanziati dagli sponsor. 
Gli sponsor offriranno anche i giochi d'artificio.
Oltre all'impegno di Taranto e del suo gruppo vi è da evidenziare quello del sindaco Giorgianni nel contattare e "convincere" gli  sponsor.

Domani si festeggia il SS. Salvatore. Santa Messa nell'omonima contrada

Frasi

"La moda passa, lo stile resta" Coco Chanel

I due articoli del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

CHIOSCHI ABUSIVI ALLE ISOLE EOLIE. INCHIESTA E CONTROLLI A TAPPETO
Lipari (Salvatore Sarpi) Una inchiesta è stata avviata dalla Procura della Repubblica di Barcellona, con il supporto dei Carabinieri, sull’occupazione a Lipari, da parte di chioschi e postazioni varie della banchina di Sottomonastero e delle aree di Marina Lunga e Marina Corta. L’indagine, nella quale l’Arma si avvale della collaborazione di tecnici comunali, mira ad accertare eventuali irregolarità e/o abusi rispetto alle autorizzazioni rilasciate dagli enti preposti.  Nel mirino, nella sola Lipari, vi sarebbero una quindicina di strutture ma l’indagine potrebbe presto allargarsi ad altre isole dell’arcipelago eoliano. Ad esempio già a Panarea per due isolani, che avevano posizionato chioschi nell’area portuale e demaniale, dopo gli accertamenti congiunti di tecnici e Carabinieri,  è stata notificata l’ordinanza di demolizione. In genere questi chioschi e postazioni, installate solo stagionalmente, operano nel settore delle escursioni turistiche con barche.  Per quanto concerne, invece, l’abusivismo edilizio si è proceduto a demolire in località Canneto – Ghiozzo (Lipari) un locale di 30 metri quadrati. Alla demolizione, dopo l’ordinanza emessa dai competenti uffici, ha proceduto lo stesso proprietario. Il Comune di Lipari, invece, dopo la sentenza del TAR di Catania, è entrato in possesso di un immobile di 150 metri (composto da due magazzini ed un deposito), realizzati a Vulcano Porto da  un cittadino romano.  Nel giro di pochi giorni è già il secondo fabbricato che diventa di proprietà dell'Ente. Vi è infine da evidenziare che si è insediato a Lipari il commissario nominato dalla Regione per l’approvazione del Piano di utilizzo del demanio marittimo (ex piano spiagge). Si tratta del dottor Felice Aiello. A richiedere l’invio del commissario era stato la giunta Giorgianni dopo che la maggior parte dei 20 consiglieri comunali si era dichiarata incompatibile nel procedere all’approvazione di tale strumento.

Salina. Diportisti violano ordinanza sui rifiuti blitz del sindaco Lo Schiavo
Salina (Salvatore Sarpi) Sindaco in “prima linea” per sanzionare i diportisti che non rispettano la normativa sul conferimento dei rifiuti. E’ accaduto a Salina dove il sindaco del Comune di Santa Marina, Massimo Lo Schiavo, dopo essere stato allertato da un cittadino, si è presentato nell’area portuale, unitamente ai vigili urbani, per sanzionare gli occupanti di un tender che stavano scaricando una decina di sacchi ricolmi di rifiuti, violando le ordinanze che disciplinano il settore. I rifiuti, trasportati a terra con il tender, provenivano da una imbarcazione da diporto all’ancora nel tratto di mare antistante l’isola. Lo Schiavo, nell’invitare i cittadini a segnalare tempestivamente accadimenti simili, in una nota pubblicata su face book ha scritto :”Ai nostri cari visitatori comunico che Salina non è il bidone di rifiuti di turno di nessuno. Comportatevi in modo civile imparando, anche a bordo, a fare la differenziata e a rispettare le regole del luogo che visitate”. Ricordiamo che Santa Marina Salina, per il secondo anno consecutivo, è stata incoronata "regina" delle isole minori italiane, nella speciale graduatoria stilata da Legambiente e Touring club, ottenendo il massimo: le “5 vele”. Un riconoscimento quello delle “5 vele” del quale si fregia da dieci anni (solo da un biennio vi è la graduatoria isole minori),frutto di un fattivo impegno a favore dell’ambiente e della vivibilità e che ha portato il maggior comune salinaro a superare il 40% nella raccolta differenziata. Un risultato notevole nelle Eolie dove il comune di Lipari raggiunge poco più del 25 per cento e dove i diportisti, senza controllo alcuno, scaricano giornalmente, nei cassonetti dei rifiuti, decine e decine di sacchi di indifferenziata, in barba ad ogni ordinanza

Rinella: Processione in mare il 7 Agosto

Il 7 Agosto a Rinella (Leni) processione in mare di San Gaetano, patrono della frazione. La  partenza della Processione in mare è previsto per le 19,00

Gli auguri ai festeggiati di oggi, 5 Agosto

Eolienews augura Buon Compleanno a Gianmarco Merlino, Ada  Foti, Wena Leone, Caterina Zaia, Mauro Lo Rizio, Anna Mandarano, Elena Biviano, Aldo Rejtano, Emanuela Gallo, Riccardo Casamento, Mariella Livoti, Antonio Loprestini

I ringraziamenti di un turista al personale dell'ospedale di Lipari

La sera del 3 del corrente mentre stavo in barca a Lipari ho avuto urgente bisogno, presso il locale ospedale si sono prodigati con grande professionalità e signorilità nel limitare i danni del mio episodio.
Ringrazio in particolar modo il Dr. Gagliano, Lo Schiavo, gli infermieri A. Casilli e Bivona A. ed il personale ausiliario Sign.ra Favorito.
Come é bello poter apprezzare il pubblico quando si prodiga e fa il suo dovere, grazie ancora.
Gennaro Delli Santi Cimaglia,

Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno


Stromboli

SANTO DEL GIORNO

Vivevano in Roma, ai tempi di Papa Liberio, due nobili coniugi devotissimi della Madonna, ed essendo privi di successori, andavano pensando come potessero impiegare le cospicue loro ricchezze per onorare la Regina dei Cieli. Maria SS. volle appagare i loro desideri. La notte precedente il 5 agosto, tempo in cui i calori in Roma sono al colmo, Maria apparve in visione al devoto patrizio e gli disse che facesse erigere un Santuario là dove al mattino troverebbe coperto di neve. Quale fu perciò la sua meraviglia e insieme la gioia, quando al mattino vide biancheggiare di neve l'Esquilino! Corse tosto da Papa Liberio a narrare la visione e la realtà. « Io pure, disse il Papa, ebbi la stessa visione, ed è segno che Maria scelse quel colle a stia gloria ». Il santo Pontefice ordinò tosto che clero e popolo andassero processionalmente sul luogo; giunti colà, sciolsero preci e voti alla Regina dei Cieli; indi Liberio di sua mano tracciò le linee di quella celebre basilica conosciuta sotto il nome più comune di Santa Maria Maggiore. Ivi la Vergine Santissima si compiace di spandere a larga mano i suoi doni e le sue grazie a coloro che la invocano e affidano a lei le sorti eterne dell'anima loro.


MASSIMA Maria Santissima è la porta del cielo, per la quale i beni celesti scendono a noi, e noi entriamo nella beata Patria.
PRATICA Collochiamo in Maria Santissima tutte le nostre speranze, didichiamoci per suoi servi perpetui, offriamo a Lei la nostra anima e il nostro corpo, onoriamola con le nostre sostanze e proveremo anche noi che mai nessuno è ricorso a Lei senza essere stato aiutato e salvato

Oggi, a Marina Corta, Festa di Santa Maria della Neve ed attivazione nuova illuminazione esterna della Chiesetta del Purgatorio

giovedì 4 agosto 2016

L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

Vip alle Eolie : Natalie Imbruglia

Breve vacanza liparese per Natalie Imbruglia nella terra dei suoi avi. In precedenza è stata a Panarea.
Nella foto è con Bartolo D'Ambra al quale, tra l'altro, auguriamo Buon Compleanno

Aggressione o azioni ai danni della pubblica incolumità ? Due denunce per un episodio verificatosi ieri a Marina Corta

Due denunce sono state presentate alla stazione dei Carabinieri di Lipari per un episodio verificatosi ieri a Marina Corta.
"Protagonisti" due residenti: un signore di 75 anni ed un operatore del settore trasporti terrestre
Ovviamente il "corpo" delle denunce vede i due, sostenitori di tesi diverse.
Noi, venuti a conoscenza, attraverso voci di paese, dell'episodio abbiamo sentito i familiari del 75enne e l'operatore del settore trasporti. Entrambi, come d'altronde denunciato ai carabinieri, con una esposizione diversa dei fatti. Da una parte si evidenzia un'aggressione; dall'altra si smentisce l'aggressione e si contestano al 75enne azioni ai danni della pubblica incolumità
Sarà il giudice, se le denunce andranno avanti, a dare ragione all'uno o all'altro...o torto..o ragione ad entrambi..

Il video di MaryAnna Cappadona Barbuto della Processione di S. Stefano ieri a Filicudi e la "spiegazione" di Don Giuseppe Mirabito

Perchè a Filicudi la festa di Santo Stefano protomartire si celebra il 3 agosto?
Ecco la spiegazione di Don Giuseppe Mirabito
Il 3 agosto 415 un sacerdote di nome Luciano di Kefar-Gamba ebbe in sogno l'apparizione di un venerabile vecchio in abiti liturgici, con una lunga barba bianca e con in mano una bacchetta d'oro con la quale lo toccò chiamandolo tre volte per nome. Gli svelò che lui e i suoi compagni erano dispiaciuti perché sepolti senza onore, che volevano essere sistemati in un luogo più decoroso e che volevano fosse dato un culto alle loro reliquie, allora certamente Dio avrebbe salvato il mondo destinato alla distruzione per i troppi peccati commessi dagli uomini. Il prete Luciano domandò chi fosse e il vecchio rispose di essere il dotto Gamaliele che istruì San Paolo, i compagni erano il protomartire Stefano che lui aveva seppellito nel suo giardino, Nicodemo suo discepolo, seppellito accanto a Stefano, e Abiba, figlio di Gamaliele, seppellito vicino a Nicodemo; anche lui si trovava seppellito nel giardino vicino ai tre santi, come da suo desiderio testamentario. Infine indicò il luogo della sepoltura collettiva, che sarebbe stato riconoscibile dal profumo: due dei sepolcri sarebbero stati infatti decorati da cestini di rose bianche, uno da fiori di zafferano e quello di santo Stefano di rose rosse. Con l'accordo del vescovo di Gerusalemme, si iniziò lo scavo con il ritrovamento delle reliquie. La notizia destò stupore nel mondo cristiano, ormai in piena affermazione, dopo la libertà di culto sancita dall'imperatore Costantino un secolo prima. Da qui le reliquie di Stefano cominciarono a spargersi per il mondo conosciuto di allora: una piccola parte fu lasciata al prete Luciano, che a sua volta le regalò a vari amici; il resto fu traslato il 26 dicembre 415 nella chiesa di Sion a Gerusalemme.
Per il fatto di essere stato il primo dei martiri cristiani, la sua festa liturgica si celebra il 26 dicembre, cioè immediatamente dopo il Natale che celebra la nascita di Cristo. Il colore della veste indossata dal sacerdote durante la Messa in questo giorno è il rosso, come in tutte le occasioni in cui si ricorda un martire.
Fino al 1960 si celebrava anche la festa della "Invenzione" (cioè "rinvenimento", dal latino invenio) delle reliquie di santo Stefano il 3 agosto, giorno in cui questo ritrovamento sarebbe avvenuto. IL VIDEO DELLA PROCESSIONE DI IERI:

Meteo, arriva il ciclone Circe. Colpo di grazia a Ferragosto con Troy

A partire da domani il ciclone Circe, partito dal Nord Europa, è pronto a imperversare sull’Italia.
Dal 5 agosto l’Italia potrebbe dunque vivere uno stop dell’estate: inizierebbe una fase di maltempo con temporali anche molto forti al Nordovest, in estensione entro sera e notte anche al Nordest e al Centro, su Toscana, Umbria e Marche, accompagnati da grandine e possibili piccoli tornado, mentre il Sud dovrebbe rimanere più protetto dall’alta pressione.
Sabato è previsto forte maltempo in Emilia Romagna con nubifragi e grandinate, ma al Nord il tempo inizierà a migliorare nel corso della giornata, mentre il Centro e il Sud verranno colpiti in pieno dalla furia di Circe, che seminerà temporali sparsi su gran parte delle regioni.
Con il passaggio di Circe non si concluderà la fase di maltempo: le previsioni dei meteorologi per Ferragosto si fanno sempre più sconfortanti. 
I giorni centrali del mese di agosto infatti potrebbero essere funestati dall’arrivo di una perturbazione atlantica: è Troy, che potrebbe addirittura portare temperature autunnali sull’Italia, con un brusco calo di pressione sul Nord e Centro Europa e sul Mediterraneo Centrale.

PUDM (ex Piano spiagge): Si è insediato il commissario

Si è insediato a Lipari il commissario nominato dalla Regione per l’approvazione del Piano di utilizzo del demanio marittimo (ex piano spiagge). Si tratta del dottor Felice Aiello. 
A richiedere l’invio del commissario era stato la giunta Giorgianni dopo che la maggior parte dei 20 consiglieri comunali si era dichiarata incompatibile nel procedere all’approvazione di tale strumento.


Nuovo guasto alla rete idrica. Questa volta sulla Falcone - Borsellino

Ancora problemi alla rete idrica  liparese. Dopo Bagnamare, dove il guasto è stato tempestivamente riparato dalla Geomar di Nello Vecchio, oggi pomeriggio un nuovo problema. 
Si è, infatti, rotta, sulla Falcone - Borsellino, una parte della tubazione che sospinge  l'acqua nelle zone alte dell'isola.
Sul posto è già pronta la Geomar per intervenire si attendono il sopralluogo della Sel e le autorizzazioni necessarie.
Per l'intervento sarà necessario chiudere una delle due parti della carreggiata. 

Violenza e minacce ai danni di un tassista. Uomo condannato al tribunale di Lipari

Un liparese è stato condannato a 10 mesi di reclusione (pena sospesa), al pagamento delle spese processuali e al risarcimento dei danni in favore della costituita parte civile.
La sentenza è stata emessa presso la sezione distaccata del tribunale di Lipari.
La vicenda risale al febbraio del 2011 e si è verificata ai danni di un tassista
Secondo il capo d'imputazione l'uomo condannato avrebbe "compiuto violenza e minaccia, danneggiava l'auto usata per la professione di tassista da un operatore del settore, prendendo a calci il portellone lato destro e strappando da essa il tergicristallo posteriore. Lo afferrava per il collo stringendolo con forza, sbattendolo più volte sulla sua automobile, colpendolo con pugni sul naso, sulla testa e sul volto, nonché gettandolo a terra, procurava lesioni giudicate guaribili in tre giorni

Cede passamano. Componente equipaggio Platone finisce in mare a Filicudi. Nessuna grave conseguenza

Disavventura a  lieto fine nel porto di Filicudi per un marittimo dell'aliscafo Platone in partenza dall'isola alle 11 e 50. Appoggiatosi alla ringhiera (passamano) del ponte di comando, per il cedimento della stessa, presumibilmente anche a causa della sua stazza, è finito in mare, dopo aver sfiorato la struttura e urtato contro la catena del pontile mobile. 
Immediatamente soccorso ha fatto ricorso all'intervento della guardia medica. Sembrerebbe non abbia riportato nessun danno, lamenta, infatti, solo dolore alla spalla e al braccio.
L'aliscafo è poi ripartito  alle 12 e 30.  
Forse la nuova società farebbe bene a "far benedire" i mezzi ex Siremar, ex Cdi

Chioschi e strutture in legno a Sottomonastero e Marina Lunga. Inchiesta della Procura, indagano i carabinieri

Occupazione selvaggia con chioschi e postazioni in legno nella banchina di Sottomonastero e nel litorale di Marina Lunga a Lipari: scatta l'inchiesta della Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto. L'obiettivo è accertare le eventuali irregolarità, rispetto alle autorizzazioni che sono state rilasciate dagli enti preposti. Complessivamente nel mirino sono finite una quindicina di postazioni. A Panarea a due isolani per la collocazione abusiva di chioschi nell'area portuale e demaniale, dopo gli accertamenti, sono state inviate due ordinanze di demolizione. Il controllo è stato eseguito dai tecnici comunali e dai carabinieri.
E' stata poi demolita una casa di 30 metri quadri in località Canneto-Ghiozzo, di proprietà di B.M. che ha proceduto ad abbatterla a sue spese. Il Comune è invece divenuto proprietario di un immobile di 150 metri (due magazzini ed un deposito), realizzati da B.M.T., di Roma, a Vulcano Porto, grazie alla sentenza del Tar di Catania. Nel giro di pochi giorni è già il secondo fabbricato che diventa di proprietà dell'ente. (ANSA).

Frasi

«Dov'è il dolore, la il suolo è sacro.» Oscar Wilde

Lipari, si è lavorato per tutta la notte all'impianto di pre-trattamento liquami

La Geomar con il suo personale e la Veolia Spa - così come informa il gemetra Nello Vecchio-  è stata impegnata per  tutta la notte, sino alle prime luci dell'alba, per i lavori di completamento dell'impianto di pre-trattamento liquami di via Falcone-Borsellino a Lipari

Le Eolie e le date da ricordare (a cura di Giuseppe La Greca) : 4 Agosto 1981


Lipari, isola a rischio sismico....occorre diversa gestione aree a rischio (di Piero Roux)

Riceviamo e pubblichiamo:
Pur comprendendo che le difficoltà economiche di questo Comune possano indurre un Amministrazione virtuosa –quale la nostra- a “far cassa” anche sul volar di mosche, mi chiedo se la stessa ricordi ancora che siamo un isola ad elevato rischio sismico.
Sembra di no, considerato la moltitudine di “turisti” che sbarcato sulla nostra isola ignari di “come agire” in caso di una improvvisa calamità naturale.
Nessun pannello indica le stabilite vie di fuga  in base alle zone designate dalla Protezione Civile, nessuna indicazione viene fornita all’ignaro ospite circa i rischi che l’essere isole vulcaniche comporta.  Anche a questo dovrebbe, a mio parere, servire parte del ticket riscosso all’approdo che, sotto forma di un depliant di benvenuto multilingue, indicasse eventuali vie di fuga e servizi essenziali utili al loro breve o lungo soggiorno.
Se a questo aggiungiamo che la via principale  e relativi marciapiedi sono, per la maggior parte occlusi, i primi ai mezzi di soccorso i secondi ai pedoni, a causa di aree di “suolo pubblico” rilasciate- a titolo oneroso – a bar, pizzerie, cannolerie, panifici e via discorrendo, nonchè  “piantumato” da cartellonistica pubblicitaria, mi chiedo – in via preventiva- quali sarebbero i danni e quanti sarebbero le vittime imputabili ad una carente gestione del rischio da parte  dei nostri amati amministratori in caso di male augurata calamità?
Consiglio al nostro semper paratus “assessore alla Viabilità e Traffico, Aree e Suolo pubblico”, di farsi promotore di una diversa gestione delle aree a rischio con particolare attenzione al Centro storico, riducendo la concessione dei suoli a vantaggio di una più veloce percorribilità ricordando ch’è sempre “meglio prevenire che curare”…

Si omette di pubblicare le foto del centro storico dopo l’orario di chiusura al traffico per non incorrere nel rischio di “malanove” da parte di operatori turistici, gestori di locali, promotori pubblicitari e affini….
Piero Roux

Gli auguri ai festeggiati di oggi, 4 Agosto

Eolienews augura Buon Compleanno ad Antonella Gullifa, Bartolo D'Ambra, Manuela Milanese, Marta di Maggio, Francesca Marturano, Anna Spadaro, Maria Grazia Fonti, Cettina Cincotta, Mattia Mazzeo, Silvana Urso, Francesco Rifici, Lola Simigliani,Domenico Andaloro, Loredana Bruno

Al Centro Studi domani presentazione del libro "Isole nere". Segue proiezione "Fuocoammare"

CENTRO STUDI E RICERCHE  DI  STORIA E PROBLEMI EOLIANI

COMUNICATO STAMPA

PRESENTAZIONE LIBRO “ISOLE NERE” di Fernando Muraca
(scritto ed ambientato a Lipari)

VENERDI’ 5 AGOSTO 2016 – ORE 19,00
Giardini Centro Studi

Si chiama Isabella ha 35 anni e fa il commissario  a Lipari, l’isola del vento. E’ bella ma si nasconde, è intuitiva, quasi una strega ma non ne approfitta. Isabella ha una ferita in fondo al cuore, un’ombra che l’accompagna sempre, un dolore che le ha scavato dentro qualcosa di tragico. Lì in quell’abisso ha coltivato la sua capacità di scrutare  l’animo umano e di questo trae profitto per le sue indagini, per risolvere gli efferati omicidi su cui indaga.
Col sapore del mare in bocca osserva i cadaveri trafitti dalla violenza omicida e trova gli assassini guardando negli occhi e nell’anima i morti e i vivi che li hanno accompagnati nell’esistenza. E’ una solitaria ma può contare su alcuni amici. Il primo è Carmelo, il suo fedele Carmelo, un poliziotto del suo commissariato che è sempre di buonumore. La segue ma non la capisce perché le indagini Isabella prima di tirarle fuori le rumina dentro e allora il tracagnotto assistente è costretto a trotterellare fra un ordine e un altro senza capire niente e allora sbuffa e si lamenta e infila in mezzo al dolore che travolge un sorriso che spesso Isabella raccoglie. Le isole sono nere ma ci sono il mare e il vento che portano odori e sono come un balsamo e si continua a vivere, a sperare.
I racconti di Muraca rientrano nella collana "Emozioni d'inchiostro noir" di Laruffa editore diretta da Cristina Marra.
Seguirà degustazione prodotti tipici eoliani a cura dell’Azienda Agricola “LOSINNO” di Lipari
  Ufficio Stampa – Centro Studi

Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

L'Alba di stamane vista dalla spiaggia di Canneto

SANTO DEL GIORNO
Dardilly, piccolo paesello della diocesi di Lione, fu la patria del santo Curato. La sua famiglia si dedicava ai lavori agricoli, e Giovanni medesimo quando fu giunto all'età di sette anni dovette, aiutare il fratello maggiore nei campi. Ma in quella buona casa regnava l'amor di Dio e del prossimo. 
Quanta pietà aveva il nostro piccolo Vianney, nei suoi primi anni di età, e quale devozione alla Vergine! Lo dirà poi, quando sarà sacerdote e confessore: « Io non conoscevo il male, lo conobbi più tardi, dalle labbra dei penitenti ». 
Dopo qualche anno Giovanni dovette recarsi a Ecully da sua zia. Anche qui era la Provvidenza che lo guidava: in questa casa, dalle mani di D. Balley, sfuggito alla terribile persecuzione, riceve la prima Comunione. Dopo sei anni sente nell'anima il desiderio ardente di farsi sacerdote; egli vorrebbe subito seguire la divina chiamata, ma per un pò ne è impedito dai lavori campestri. In questo tempo però egli si esercita nella grammatica latina sotto il buon Balley ed impara a recitare il Rosario: senonché la chiamata alle armi interrompe gli studi. 
Dopo 14 lunghi mesi di perplessità e di fatiche, viene quasi miracolosamente rimandato a casa, e D. Balley si incarica di farlo accettare in seminario. 
Quante difficoltà trova il povero Giovanni negli studi! Ma egli è costante, prega la 'SS. Vergine e per la sua pietà viene ammesso agli ordini sacri il 9 agosto del 1815. 
Sacerdote, viene eletto come vicario di Ecully e poi mandato parroco ad Ars. Trovò quella parrocchia completamente abbandonata e subito si diede a risanarla dai corrotti costumi. Il suo zelo, la sua eroica penitenza, la sua profonda umiltà, la sua ardente carità, in poco tempo avevano cambiato quel popolo: la chiesa era frequentata, i fedeli si accostavano spesso ai Sacramenti ed i vizi lasciavano il posto alle virtù: in qualsiasi tempo i fedeli si recassero alla parrocchia, trovavano il loro Curato in chiesa. Il confessionale era il suo luogo ordinario di abitazione e non passarono molti anni che Ars divenne la mèta degli uomini più eminenti: persone di stato, letterati e vescovi, si recavano dal santo Curato per ricevere i suoi illuminati consigli. 
Fu ammirabile nella devozione a Maria, al Rosario, all'Eucaristia: queste furono le sorgenti della sua efficacia sulle anime. Il demonio però non mancò di mettere a dura prova la virtù del Santo. Ma tutto ciò non fece che irrobustire il suo spirito. 
Estenuato dalle fatiche, macerato dai digiuni e dalle penitenze, il 4 agosto 1859 terminò i suoi giorni nel bacio del Signore. Ma dal cielo il suo apostolato si perpetua coll'esempio della sua vita e delle sue virtù. 

PRATICA. Facciamo oggi un atto di carità. 
PREGHIERA. Onnipotente e misericordioso Iddio, che rendesti illustre per lo zelo apostolico il beato Giovanni Maria, concedici che a suo esempio ed intercessione possiamo guadagnare a Cristo le anime dei fedeli e raggiungere con essi la gloria dell'eternità.

mercoledì 3 agosto 2016

Bagnamare, riaperta al transito. Geomar completa lavori a tempo di record

Riparata dalla Geomar la condotta di Bagnamare 
che consente di fare arrivare l'acqua nelle zone alte dell'isola. 
L'intervento si è rivelato più complesso del previsto e nonostante questo la ditta di Nello Vecchio ha completato i lavori (alla condotta e alla sede stradale) a tempo di record. Ciò ha consentito la riapertura, da qualche minuto, del transito sull'arteria che collega il centro di Lipari a Canneto e viceversa, evitando il transito nelle ore notturne nell'angusta provinciale di Serra

A Lipari...le offertissime si sprecano...ci sarà concorrenza sleale anche in questo campo?

Per la foto grazie a Federica Addamo