Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri ed Alice Profilio
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 20 agosto 2016

Oltre 500 i migranti salvati oggi nel Canale di Sicilia

COMUNICATO
Sono circa 550 i migranti tratti in salvo nella giornata odierna nello Stretto di Sicilia nel corso di 6 distinte operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera di Roma del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Nel corso della giornata è stato recuperato anche 1 corpo senza vita.
I migranti si trovavano a bordo di 4 gommoni e 2 piccole imbarcazioni. Sono intervenute nelle operazioni assetti della Marina Militare e del dispositivo EUNavforMedla insieme ad un'unità di Medici senza Frontiere e dell'ONG "Open Arms".

Vulcano e Canneto. Rifiuti e inciviltà..questo traspare dalle foto di Giuseppe Muscarà e Angelo Sidoti



Scrive Giuseppe Muscarà su fb:
L'incivilta' della gentaglia di basso livello che viene sulle nostre isole fa si che da 2 giorni nella via pubblica di accesso alle Sabbie Nere a 20 metri dal mare e di fronte al Resort dei Mari Del Sud dall'accesso laterale e vedere questo schifo.
Non ci sono controlli, non ci sono vigili, nessuno del Comune provvede ammesso che lo sappiano alla raccolta.
E' molto facile fare ordinanze con una firma, ci vogliono anche i mezzi per farle rispettare cari Amministratori.

Scrive Angelo Sidoti su fb:
La nostra inciviltà determina una conseguenza ... Effetto trascinamento di mancanza di rispetto per il nostro paese, totale assenza di senso civico anche da parte di chi è ospite!

Catania : evacuazione medica effettuata con elicottero Guardia Costiera.

Un equipaggio di volo del 2º Nucleo Aereo Guardia Costiera di Catania, ha portato ha termine questo pomeriggio, con un elicottero AW139 in dotazione al Reparto etneo, una evacuazione medica d'urgenza a favore di un migrante precedentemente tratto in salvo e che si trovava a bordo della nave "Siem Pilot" (unità di bandiera norvegese impiegata nell'emergenza migranti), in navigazione a circa 150 miglia nautiche di distanza dalle coste siciliane. 
Il migrante, un giovane di 19 anni di nazionalità egiziana, con forti dolori addominali, e' stato prelevato dall'elicottero e trasportato direttamente all'Ospedale Cannizzaro di Catania, dove è stato affidato ai sanitari per le cure mediche del caso. 
Durante il trasferimento, a bordo dell'elicottero, il giovane migrante è stato assistito da un medico del Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta. 
L'operazione, che segue soltanto di due giorni quella analoga effettuata da bordo di Nave "Corsi" della Guardia Costiera, necessita di un addestramento costante, particolarmente impegnativo per gli equipaggi di volo.
Eolienews si ferma da adesso alle 19 e 15 circa, in segno di rispetto, durante i funerali del carissimo 
NANDO CORRADO
Eventuali aggiornamenti saranno pubblicati subito dopo

Alla chiusura dei lidi, cassonetti stracolmi a Sparanello. E i residenti dove mettono l'immondizia?

Da Sparanello (Canneto) una segnalazione che è anche una protesta.

Caro direttore,
è giusto che, a fine giornata, quando i lidi delle diverse spiagge chiudono, questi debbono depositare la loro spazzatura in quantità eccessiva , nei pochi cassonetti che si trovano nella zona più vicina ?
I residenti cosa debbono fare con la propria? Mangiarsela, portarla a spasso sino ad un contenitore, in altra zona, o gettarla fuori dai cassonetti?

METEO PER FINE SETTIMANA E PRIME PROIEZIONI PER LA FESTIVITA' DI SAN BARTOLOMEO (a cura di Giuseppe La Cava)

Fine settimana con ampio soleggiamento , con clima moderatamente caldo
L'intensità massima dei raggi ultravioletti sarà alta UV 9
La temperatura dell'acqua marina si aggira sui 27 C.
I venti deboli a regime di brezza e il mare sarà quasi calmo con increspature nelle ore pomeridianeDa Martedi 23 si prevede l'attivazione di moderate correnti settentrionali a tutte le quote, che determineranno un clima piu' fresco e ventilato ,con nubi sparse , moto ondoso mosso o localmente molto mosso nella giornata di Mercoledi e con temperatura massima in flessione di circa 5 C rispetto alla media del periodo.
Nella serata del 24 si prevede inoltre l'arrivo di piovaschi o locali acquazzoni
AGGIORNAMENTI QUOTIDIANI SULLA PAGINA FACEBOOK DI
METEO EOLIE www.facebook.com/meteoeolie
Di seguito il meteomar
http://www.meteoam.it/meteomar/view
A seguire orari delle maree nel porto di Lipari.
SABATO 20 : Bassa Marea 04:54-17:12 -Alta Marea 11:24 -23:47 ( 42 cm )
A seguire link della radio guardia costiera con il palinsesto
http://www.rtl.it/guardia%20costiera
Di seguito ordinanze dell'Ufficio Circondariale Marittimo-Guardia Costiera di Lipari.
http://www.guardiacostiera.gov.it/lipari
Di seguito link con traffico marittimo comprensorio eoliano
http://www.marinetraffic.com/…/home/cente…/centery:38/zoom:9
Vento e mare in atto
https://www.windyty.com/?38.194%2C14.977
http://www.meteocefalu.altervista.org/tirrenomer.php
Satellite
http://www.sat24.com/zoomloop.aspx…
Osservazioni in tempo reale e webcam
http://www.meteosystem.com/wlip/lipari/dati.php
http://weather.gladstonefamily.net/site/16416

E' arrivata a Lipari la salma di Don Bruno Maiorana. Il "ricordo" di Francesco Coscione

Avevamo programmato, per venerdì scorso, una visita alla casa di riposo di Val di Chiesa per andare a trovare Don Bruno ma, quando abbiamo saputo delle condizioni di salute repentinamente peggiorate, abbiamo anticipato al giovedì pomeriggio. Siamo rimasti al suo capezzale pregando, fino al momento in cui il Signore, che per tutta la vita aveva servito nell'umiltà e nell' obbedienza, lo ha richiamato a se. E' spirato con cristiana serenità, semplicemente come aveva vissuto. Eravamo lì con lui, già da qualche ora, io, mia moglie, Nino Russo e Gesuele Fonti oltre naturalmente a Padre Alessandro Lonardo e al personale infermieristico della Casa di Riposo. 
Don Bruno ha servito la Parrocchia della Santa Croce di Pianoconte per trentacinque anni. Lo ha fatto come lo sapeva fare, con semplicità, senza schiamazzi ne eclatanti manifestazioni di carattere. Nella consuetudine purtroppo ormai diffusa, di vivere i rapporti interpersonali coprendoci il volto con una maschera di ipocrisia, giustificandola sotto il nome di pace, con lui, penso di poter parlare anche a nome di quanti abbiamo vissuto più intensamente la vita parrocchiale, c'è stato un rapporto umano e vero, fatto di abbracci e di divergenze di opinione, mai falso. Dobbiamo a Don Bruno di aver chiesto al compianto Monsignor Domenico Amoroso, la creazione dei Ministri Istituiti nella sua parrocchia. Merito suo aver richiesto le catechesi per la nascita del Cammino Neocatecumenale a Pianoconte.
La salma del caro Don Bruno è giunta oggi a Lipari da Salina accompagnata da Padre Alessandro Lonardo e dal Ministro Straordinario Eugenio Giardinello. 
Al porto ad attenderlo un piccolo, troppo piccolo, gruppo di fedeli, i Sacerdoti Don Lio Raffaele, Don Lillo Maiorana e il Diacono Bartolo Saltalamacchia. Dopo un breve momento di preghiera è stato portato nella Sala Parrocchiale di Pianoconte dove è stata allestita la camera ardente fino al momento del funerale che si terrà lunedì 22 Agusto alle ore 10,30 nella Chiesa della Santa Croce presieduto da Sua Ecc.za Rev.ma Mons. Giovanni Marra, Arcivescovo Emerito dell' Arcidiocesi di Lipari-Messina-Santa Lucia del Mela.
Molti di noi abbiamo imparato da lui la pazienza, l'obbedienza, la docilità e la grandezza di essere persone "normali". La povertà di quel piccolo gruppetto di persone che lo abbiamo accolto alla nave non rispecchia, per fortuna, la grandezza della sua missione svolta nella nostra Parrocchia e i cui frutti sono forse invisibili agli occhi ma presenti dentro i nostri cuori.
Un grazie dal profondo del cuore a Padre Alessandro Lonardo e a tutto il personale della casa di riposo che ha assistito con assoluta professionalità ma, cosa molto più importante, con grande amore, Don Bruno in questi tre anni. Penso sia doveroso ricordare anche Padre Lio, Gesuele Fonti, e tante altre persone, per il tempo e l'affetto che hanno profuso nel periodo della malattia aiutandolo e assistendolo in tutte le sue numerose necessità, sempre nell'umiltà e senza farne motivo di vanto.
Adesso, raccolgo l'invito di Padre Lio, dovremmo fare silenzio e pregare per lui. 
Francesco Coscione

Marco Manni e i Musici di Eolo stasera Marina Corta

Buongiorno carissimi.
Stasera apriremo i festeggiamenti alle h 22.30 con lo spettacolo pop-folk "Musica delle Lipari"
Marco Manni e i Musici di Eolo

Alicudi e Filicudi progettano il "divorzio" da Lipari e l'unione con Santa Marina Salina

Filicudi e Alicudi si sentono trascurate ed abbandonate dal Comune di Lipari ed anelano ad essere aggregati al Comune di Santa Marina Salina. 
Quella che appare più di una provocazione arriva dal presidente della locale Circoscrizione, avvocato Mariagrazia Bonica. 
“Ero una giovane studentessa di Giurisprudenza, quando il.compianto Stefano Ferlazzo, per  primo – evidenzia la Bonica – mi diceva che dovevamo adoperarci per istituire un Comune a Filicudi. Dalla nostra parte avevamo il fatto di essere frazione, avevamo la giusta distanza, avevamo più di ogni cosa, la necessità di essere amministrati meglio. Stefano non c'è più da molti anni, Filicudi ed Alicudi sono cresciute, il turismo è  cambiato, le esigenze aumentate”. 
La Bonica, che si dichiara convinta che non ci saranno amministratori liparesi in grado di fare “meglio” di coloro che si sono succeduti nel tempo, continua: “Ci rendiamo conto che Filicudi e Alicudi son troppo lontane da Lipari per poter essere gestite come è  necessario e giusto. Questa è  terra dove le tasse vengono pagate come nel resto d’Italia, ma dove i servizi ci vengono ormai "centellinati". La pulizia delle strade, i controlli per mare e per terra, la posta ridotta a soli due giorni a settimana d’estate e  in inverno a due al mese quando il tempo è  sfavorevole. Con i cittadini che, per via della ridotta apertura dell’ufficio postale e quindi per l’impossibilità di pagare quanto consumato, si è vista staccare la luce elettrica in casa. Ed ancora il presidio di guardia medica ridotto ai minimi termini. Il tutto tra l’indifferenza di chi ci amministra. Tutto ciò – continua la Bonica- ci ha portati a fare una considerazione sulla possibilità di cambiare Comune, scegliendone uno più vicino: S.Marina Salina. E non perché è quello che  tra i Comuni eoliani funziona meglio ma perché Salina è decisamente più vicina a noi. Questa “unione” darebbe enormi vantaggi sia a chi amministra, sia a noi amministrati. Tutti gli uffici sarebbero a mezz’ora di collegamento e alleggeriremmo il riconosciuto "peso amministrativo " al Comune di Lipari, costretto ad occuparsi , talvolta "male" delle necessità di sei isole”. 
Evidenziando che per concretizzare questa idea si metteranno in campo tutte le forze possibili, ivi compresi, se sarà necessario, i tanti politici che frequentano Filicudi, la Bonica si augura che “il Sindaco di Santa Marina Salina consideri questa possibilità dando vita ad un qualcosa che gioverebbe al futuro delle nostre meravigliose isole”.

Ex Pumex: Proclamato stato di agitazione

A S.E. Prefetto di Messina 
Al Sindaco Comune di Lipari 
Al Direttore Generale Assessorato Autonomie Locali 
Oggetto: Proclamazione stato di agitazione. Attivazione preventiva procedure di raffreddamento ex art.7 Accordo Collettivo Nazionale in materia di norme di garanzia del funzionamento dei servizi pubblici essenziali nell’ambito del comparto Regioni –Autonomie Locali 
La FP CGIL, unitamente alla proprie R.S.A., con la presente, chiede l’attivazione della procedura di conciliazione prevista dalla Legge 146/90, modificata dalla Legge 83/2000, e dall’Accordo Quadro di cui in oggetto, relativamente alle seguenti problematiche: - Esaurimento risorse economiche trasferite dalla Regione Sicilia e conseguente mancato pagamento retribuzione mese di Agosto 2016; 
- Attuazione Accordi UNESCO. La FP CGIL tenuto conto  che dalle notizie assunte presso il Comune di Lipari la Regione Sicilia, Assessorato Regionale AA.LL., non ha provveduto alla rideterminazione del trasferimento regionale per le attività del personale ex Pumex, nonostante le recenti disposizioni legislative regionali; 
 che le risorse già trasferite a tal uopo con DRS 76 del 20 Maggio 2016 risultano già state completamente erogate per il finanziamento dell’attività de qua;  
che nessun tipo di iniziativa è stata posta in essere dalla Regione Sicilia per la definitiva attuazione degli Accordi UNESCO per il ricollocamento definitivo del personale ex Pumex; 
chiede a S.E. Prefetto di Messina, a norma della legge n. 146/1990 e delle norme contrattuali di comparto in materia, la convocazione delle parti per esperire la procedura di raffreddamento conflitti. 
 Il Segretario Provinciale AA.LL. Il Segretario Generale FP CGIL (Francesco Fucile) (Clara Crocè)

Frasi

«Resterò di contino assente dal Paradiso, per accendere la luce a quelli che vivono nell'oscurità sulla terra.» Madre Teresa di Calcutta

Guardia costiera di Milazzo in soccorso ad unità da diporto

Comunicato
Nella giornata di venerdì 19 agosto la Guardia Costiera di Milazzo ha effettuato un'operazione di soccorso ad una unità da diporto a vela con a bordo quattro diportisti di cui uno con necessità di cure mediche a causa di due ami conficcati nella fronte.
L'unità da diporto, infatti, partita dal Porto di Portorosa e diretta nell'arcipelago Eoliano, si era soffermata per una battuta di pesca sportiva, durante la quale uno dei diportisti incappava nello spiacevole inconveniente. Il resto dell'equipaggio, resosi subito conto della gravità del fatto, avvisava immediatamente la Capitaneria di Porto di Milazzo tramite il numero blu per l'emergenza in mare 1530.
Ricevuta la segnalazione, il personale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Milazzo disponeva l'immediato intervento della motovedetta CP875, e provvedeva, altresì, ad allertare la Sala Operativa del 118.
Il personale della motovedetta, intercettata l'imbarcazione, effettuava il trasbordo del malcapitato per trasportarlo presso il Porto di Portorosa, per affidarlo alle cure mediche del personale sanitario del 118.
Nel frattempo, dal momento che l'infortunato era l'unica persona a bordo abilitata alla condotta dell'unità da diporto, un militare della Capitaneria di Porto di Milazzo saliva a bordo dell'imbarcazione a vela per proseguire la navigazione con il resto dell'equipaggio e condurla in sicurezza presso l'approdo di Portorosa.
Grazie al tempestivo intervento della Guardia Costiera ed al consolidato rapporto di collaborazione con il personale medico del 118 per la gestione delle emergenze sanitarie in mare, si è riusciti a scongiurare conseguenze più gravi per il malcapitato diportista.
Si ricorda che per l'emergenza in mare, è attivo il numero blu 1530 gratuito su tutto il territorio nazionale ed operativo 24 ore su 24 per 365 giorni all'anno.

Vulcano: Guardia di finanza sequestra un chilogrammo di hashish

I finanzieri della Tenenza di Lipari hanno rinvenuto e sequestrato nei giorni scorsi, nelle acque dell’isola di Vulcano, 1000 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish.
I militari, nell’ambito di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione degli illeciti nel territorio eoliano sono intervenuti in prossimità dello specchio acqueo prospiciente una cala situata nell’area di Ponente della predetta isola di Vulcano.
Le Fiamme Gialle di Lipari erano state allertate da altro finanziere libero dal servizio, che lavora in una differente Regione, che aveva notato sulla sabbia un involucro sospetto abbandonato. A seguito di un attento ed accurato esame del contenuto dell’involto, i militari operanti constatavano la presenza di gr. 1000 di hashish, che sottoponevano a sequestro e ponevano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente di Barcellona Pozzo di Gotto.
Sono in corso le indagini per appurare le responsabilità penali relative al traffico della sostanza individuata.

Gli auguri ai festeggiati di oggi, 20 Agosto

Eolienews augura Buon Compleanno a Romina Ziino, Cristian Acquaro, Brunella De Luca, Chiara Di Stefano, Vincenzo Pignatiello, Rita Pergolizzi, Marta Mantineo, Giovanni Saltalamacchia

Le Eolie e le date da ricordare (a cura di Giuseppe La Greca) : 20 Agosto 1918


Bagno di folla per Gigi D'Alessio e per Anna Tatangelo ieri sera a Lipari

Non si sono sottratti all'entusiasmo dei fan, Gigi D'Alessio e Anna Tatangelo sbarcati ieri sera a Lipari. Tantissimi i selfies di eoliani e turisti con i due cantanti che, dopo aver cenato da Filippino, hanno fatto ritorno in barca a porto Pignataro
Nelle foto: La Tatangelo con Antonio Bilotta e Gigi D'Alessio con Antonio Bernardi

Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Stromboli: La colata lavica arriva al mare durante l'ultima eruzione
SANTO DEL GIORNO
Bernardo nacque l'anno 1091 nel castello di Fontaine, presso Dijon. Suo padre Techelino era uno dei più cospicui uomini del tempo e sua madre Aletta era parente dei duchi di Borgogna; entrambi però splendevano più per pietà che per ricchezza. Appena nato Bernardo, la piissima madre, non contenta di offrirlo solamente a Dio come aveva fatto degli altri suoi figli, lo destinò in modo particolare al servizio della Chiesa. Educato santamente fu mandato a Chatillon per compiere gli studi nel collegio dei canonici di quella città. Bernardo, quantunque giovanetto, amava star ritirato; era sempre raccolto, docile, affabile e cortese con tutti, e di una modestia singolare. La prontezza e la vivacità del suo ingegno facevano stupire i suoi maestri. 

Ma se egli ascoltava le lezioni dei maestri, molto più era attratto dalla voce di Dio, che gli parlava internamente. Una notte di Natale gli comparve il Bambino Gesù, e Bernardo fu talmente invaghito della divina bellezza del Redentore, che fu poi sempre devotissimo dell'Incarnazione. A 18 anni perdette la virtuosa sua madre. Intanto, compiuti gli studi della teologia e della Sacra Scrittura, ritornò alla casa paterna. 

Vedendo quanto era pericoloso il vivere nel mondo, pensò di ritirarsi a vita monastica. Tutta la famiglia e l'intero parentado dapprima gli si opposero, ma egli con la sua grazia e cortesia seppe talmente difendere la sua causa, che poco dopo molti di quelli che s'erano opposti seguirono il suo esempio. Infatti i fratelli Guido, Gerardo, Bartolomeo, Andrea e lo zio Gondrino, signore di Tolone, lo seguirono nella vita monastica. 

A questi si unirono altri, così che furono in trenta a seguire con lui la divina chiamata. Presentatisi al monastero, l'abate S. Stefano, vedendo il loro fervore e la loro risoluzione, li accettò con gioia. Fatta la professione dopo un anno di noviziato, Bernardo si diede con grandissimo fervore alla pratica della virtù. Spesso, per eccitarsi al fervore si domandava: « Bernardo, a che fine sei venuto qui? ». 
Devotissimo di Maria SS. rion lasciava passare giorno senza offrirle qualche ossequio speciale; in tutti poi cercava di diffondere la devozione alla gran Madre di Dio. E la Madonna molto gradiva l'amore di quell'anima santa. Un giorno, passando Bernardo davanti alla statua della Vergine, le rivolse il saluto angelico : « Ave Maria », ma lo disse con tanta grazia ed affetto, che dalla statua si sentì rispondere: «Ave Bernardo ». 
Morto S. Stefano, fu eletto abate con voto unanime Bernardo. Quantunque sempre malaticcio, tuttavia predicava ovunque con grande zelo, e le sue prediche erano talmente piene di grazia, che da ogni parte accorrevano ad udirlo, e molti lo seguivano, chiedendo di essere accettati nel monastero. 
In Bernardo si vide meravigliosamente accoppiata la santità con la sapienza: è chiamato il Dottore mellifluo. Numerosissime sono le sue opere, e per i suoi numerosi, alti e sapienti scritti sulle grandezze della Madre di Dio, venne chiamato il cantore di Maria. 
Dopo una vita così santa e attiva, spirò il 20 agosto 53 a 62 anni. La Chiesa lo onora col titolo di dottore. 
PRATICA. Siamo molto devoti della SS. Vergine, e facciamole oggi un fioretto. 
PREGHIERA. O Signore, che hai dato al tuo popolo il beato Bernardo come ministro di eterna salute, concedici, te ne preghiamo, che meritiamo di avere come intercessore in cielo colui che abbiamo avuto come dottore in terra. 
Altri santi e venerazioni del 20 agosto:

- San Bernardo Tolomei
Fondatore degli Olivetani

- Santi Cristoforo e Leovigildo
Monaci

- San Filiberto di Jumieges
Abate

- Beato Gervasio Brunel
Sacerdote e martire

- Beato Ladislao (Wladyslaw) Maczkowski
Sacerdote e martire

- Santa Maria de Mattias
Fondatrice

- San Massimo di Chinon
Abate

- Beato Mattia Cardona
Martire

- San Samuele
Giudice e profeta d'Israele

venerdì 19 agosto 2016

Vip alle Eolie. A Lipari Gigi D'Alessio ed Anna Tatangelo

In questa caldissima estate eoliana altri due vip hanno raggiunto il nostro arcipelago. 
A Lipari stasera sono arrivati Gigi D'Alessio ed Anna Tatangelo.
Da Pignataro hanno raggiunto in auto Piazza Mazzini per cenare da "Filippino"
Per le foto grazie a Valentina Agrip

Napoli – Eolie – Milazzo e viceversa: Organizzate una serie di corse diurna straordinarie con “Isola di Vulcano”

Comunicato Stampa
Linea Napoli – Eolie – Milazzo
Aggiunta corsa diurna straordinaria
 SNS rende noto che in seguito all’improvvisa sostituzione per una grave avaria della nave Laurana con la nave “Isola di Stromboli” sulla linea Napoli – Isole Eolie – Milazzo e ritorno, la società ha provveduto alla programmazione di una corsa diurna straordinaria destinata ad offrire una valida alternativa di viaggio a tutti i passeggeri che hanno acquistato una sistemazione in cabina sulla tratta sopracitata.
Essendo infatti la motonave “Isola di Stromboli” un monocarena di ultima generazione dotato solo di poltrone, la Compagnia ha ritenuto opportuno mettere a disposizione dei passeggeri che non potranno beneficiare del servizio una corsa diurna grazie alla quale potranno viaggiare di giorno e più velocemente. 
La corsa diurna straordinaria sarà effettuata infatti dalla nave veloce “Isola di Vulcano” in partenza da Milazzo alle ore 8 nei giorni 20, 22, 25, 27 agosto e da Napoli con lo stesso orario di imbarco nei giorni 21, 23, 26 e 28 del mese in corso.
Si precisa, infine, che il servizio serale effettuato dalla nave “Isola di Stromboli” non subirà alcuna variazione e sarà garantito per tutte le partenze previste originariamente con la nave Laurana. 

Per più dettagliate informazioni sugli orari della corsa diurna della motonave “Isola di Vulcano” e sulle modalità di rimborso contattare il sito www.siremar.it

Il cordoglio del Rotary Club Lipari Arcipelago Eoliano per la scomparsa di Nando Corrado

Il Presidente, il Consiglio Direttivo e i soci tutti del Rotary Club Lipari Arcipelago Eoliano si uniscono con profondo cordoglio al dolore della famiglia per la scomparsa dell'amico e socio Past President
Fernando Corrado
e rivolgono un reverente pensiero, ricordando con affetto le doti morali e il costante impegno negli ideali rotariani.

Il cordoglio delle famiglie Conti e Zitelli per la dipartita di Nando Corrado

Carissimo Nando.
Il cuore di tutti noi è pieno di dolore e di tristezza per la tua scomparsa. Per la città e per le nostre isole sei stato una bella persona e un galantuomo, che ha messo sempre a disposizione il suo intelletto e le proprie capacità a servizio della comunità.
Sei stato per tutti noi un'amico, il fratello ed il figlio che ognuno avrebbe voluto avere.
Hai accettato tutto con una straordinaria ed incredibile Cristiana rassegnazione.
Lasci un grande vuoto. Alla moglie Cettina, ai figli Serena, Mariangela e Gianluca, alla sorella Maria ed al fratello Saverio, ai cognati e parenti tutti un caldissimo abbraccio. Vi siamo vicini e vi vogliamo bene.
Caterina, Gustavo e famiglie Conti e Zitelli
Il personale dell'Hotel Giardino sul Mare e dell'Hotel Conti di Vulcano

In memoria di Nando Corrado (di Maurizio Turcarelli)

Nel ricordo di Nando si sprecheranno commenti ed elogi.
Tutto ciò che possiamo dire, esprimere e commentare,
non renderà mai piena luce alla splendente persona che era, 
che è stato e che sarà.
Si sarà, perché, almeno nel mio ricordo, non morirà mai.
Alla famiglia tutta le mie più sincere condoglianze, nel ricordo di un grande uomo
R. I. P.
Maurizio Turcarelli

I funerali di Nando Corrado all'Addolorata

Si terranno domani alle 18 nella chiesa dell'Addolorata al Castello i funerali di Ferdinando "Nando" Corrado. 
Nando Corrado era un componente della Confraternita dell'Addolorata sin dal 1969

Come eravamo: Don Gennaro Divola, Mons. Loris Capovilla, Don Giuseppe Mirabito

Frasi

«Quando arriva la prosperità, non usarla tutta.» Confucio

Gli auguri ai festeggiati di oggi, 19 Agosto

Eolienews augura Buon Compleanno a Melania Lauricella

Turismo. In Sicilia è boom del sommerso. Studio della Regione sugli arrivi nelle isole minori: “Viaggiatori reali molto superiori a quelli censiti”.

(da palermorepubblica.it) In Sicilia i turisti realmente presenti potrebbero essere quatto volte di più rispetto a quelli registrati ufficialmente: tre viaggiatori su 4 sfuggono ai censimenti. Per la prima volta la Regione ha fatto uno studio sulle reali presenze confrontando i dati di residenti, pernottamenti segnalati dalle strutture ricettive, dati sui rifiuti e sui consumi. In particolare lo studio si è concentrato sulle isole minori, Egadi, Pelagie ed Eolie, e il risultato è stato sorprendente. "Le analisi e gli studi che abbiamo fatto inducono a stimare che la rilevazione dei flussi turistici "ufficiali" è circa quattro volte inferiore al dato reale", si legge nel dossier di cui si dà conto oggi su "Repubblica Palermo" in edicola.
Il risultato è chiaro: "Le presenze turistiche desunte dalle statistiche ufficiali sono largamente sottostimate — riporta ancora il dossier, molto dettagliato e lungo 180 pagine fitte di schede e di analisi. — e confrontando tutti i dati delle isole minori analizzate, gli studi stimano la rilevazione turistica ufficiale quattro volte inferiore al dato reale". Cosa significa tutto questo? "Per prima cosa che il sistema di rilevamento dei dati non funziona — dice Saverio Panzica, ex dirigente regionale appena andato in pensione che ha coordinato il lavoro — dal 2007, dopo il varo di una legge finanziaria nazionale, è stata eliminata la sanzione amministrativa per le strutture che non consegnano i dati all’Osservatorio e all’Istat. E questo ha disincentivato una raccolta puntuale dei dati ufficiali. Ma chiaramente c’è anche dell’altro: un diffuso nero delle case vacanza e di altre strutture turistiche che sfuggono ai controlli non solo statistici ma anche sull’evasione fiscale

Ci lascia prematuramente Ferdinando "Nando" Corrado


Ci lascia, dopo una lunga sofferenza, 

Ferdinando (Nando) Corrado 
aveva 65 anni.
E' stato, tra l'altro, direttore di un istituto bancario e presidente della Lipari Porto.
Grande padre di famiglia, è stato sempre un costante punto di riferimento per tutti i suoi cari e non solo per loro
Persona buona e dalle grandi qualità umane e professionali ha lottato, con tutta la forza possibile, contro questo terribile male che lo ha aggredito. Anche durante la malattia non ha mai lesinato un sorriso, si è sempre interessato del suo paese che amava profondamente.
Con la sua dipartita Eolienews, il suo direttore, perdono un amico. 
Lipari, le Eolie perdono un signore, un galantuomo d'altri tempi!
Ciao Nando, da oggi siamo più soli!
Alla moglie, ai figli, ai familiari tutti, le nostre più sentite condoglianze

Stromboli...è un continuo assalto...l'isola non ce la fa più (foto Vincenzo Utano)


Ricordiamo che Stromboli per il suo cratere attivo è "isola a rischio". Cosa accadrebbe con questa calca in caso di emergenza?
Le foto sono state scattate ieri.

Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Salina (Foto Katia Merlino)

SANTO DEL GIORNO
Giovanni nacque il 14 novembre 1601 da pia e modesta famiglia a Ri, un villaggio vicino ad Argentan nella Normandia. Fin da giovinetto diede prova di grande virtù e di profonda pietà, dimostrando una particolar devozione alla SS. Eucarestia ed a Maria Vergine. 

Alunno dei Gesuiti nel collegio di Caen, compì brillantemente gli studi di Lettere e di Filosofia, dai Padri Gesuiti di Caen, ricevendone una solida formazione umana e spirituale. II 25 marzo 1623, entrò a far parte della Congregazione dell'Oratorio: venne ordinato sacerdote il 20 dicembre 1625; fu discepolo del cardinale Pierre de Bérulle e iniziò la sua attività pastorale dedicandosi alla cura degli appestati e alle missioni popolari. Ebbe fama di grande predicatore.
Fondò nel 1641 la Congregazione di Nostra Signora della Carità del Rifugio, un istituto religioso femminile destinato al recupero delle prostitute in cerca di redenzione: l'Ordine ottenne l'approvazione di papa Alessandro VII il 2 gennaio 1666.
Consacrato sacerdote a Parigi, incominciò subito a esercitare con zelo il suo apostolato, da essere definito dal celebre Padre Olier di San Sulpizio: « La rarità del suo secolo ». 
Si dedicò quindi alle missioni e percorse la Normandia, una parte della Bretagna, la Borgogna, la Piccardia, la Sciampagna, la Brie, riportando ovunque grandissimi frutti.
Con l'approvazione del cardinale Richelieu, nel 1643 Giovanni Eudes abbandonò l'Oratorio e decise di dedicarsi alla formazione del clero secondo i dettami del Concilio di Trento: a tale scopo, il 25 marzo 1643 fondò a Caen la Congregazione di Gesù e Maria, una società di vita apostolica destinata particolarmente alla direzione dei seminari e alle missioni parrocchiali; nel 1674, la congregazione ottenne la particolare protezione di papa Clemente X.
Si fece promotore e diffusore della devozione ai Sacri cuori (in onore dei quali nel 1637 scrisse il libello “La vita e il regno di Gesù”) e compose l'ufficio liturgico delle messe per le feste del Cuore Immacolato di Maria (celebrata per la prima volta nel 1648) e del Sacro Cuore di Gesù (1672). Dopo vent'anni di oratorio, ispirato dal Signore, fondò, assieme a cinque suoi compagni, la « Congregazione dei Sacerdoti di Gesù e di Maria » per la formazione dei chierici. Scopo della sua Congregazione è la direzione dei Seminari, le missioni al popolo e gli esercizi al clero. Diede ancora vita ad altre sante istituzioni, quali l'Ordine di Nostra Signora della Carità, l'Istituto del Buon Pastore d'Angers, e la Società del Cuore ammirabile della Madre di Dio. 
Giovanni si impegnò particolarmente a promuovere il culto liturgico e la devozione ai Cuori Sacratissimi di Gesù e di Maria, celebrandone per il primo le feste ogni anno e lasciando alla sua Congregazione di celebrarle con grande solennità. Per questo ebbe dal Pontefice Leone XIII il bel titolo di autore del culto liturgico dei Cuori Sacratissimi di Gesù e di Maria. 
Acceso di amore ardentissimo verso questi due Cuori amabili, ne scrisse l'ufficio liturgico, istituì in loro onore confraternite, e compose ammirabili libri di pietà. 
Fedelissimo al Papato e suo strenuo difensore, oppose un argine all’ eresia dei Giansenisti che in quei tempi devastava la Chiesa di Dio. Non si lasciò sviare né da odii, né da persecuzioni, né da calunnie, ma, qual fedele seguace di Gesù, pregò e perdonò ai suoi nemici. 
All'età di 79 anni, affranto dalle fatiche e dagli anni, ripetendo di continuo i nomi soavissimi di Gesù e di Maria, tante volte invocati in vita, spirò santamente a Caen il 19 agosto 1680. 
S. Pio X lo dichiarò beato e Pio XI lo ascrisse al catalogo dei Santi nell'anno 1925. La sua statua fu collocata nella basilica di S. Pietro, assieme a quelle dei santi fondatori di ordini religiosi. 
PRATICA. — Imitiamo S. Giovanni Eudes nella sua ardente devozione ai Cuori Sacratissimi di Gesù e di Maria. 
PREGHIERA. O Signore, che per promuovere il culto al tuo Cuore sacratissimo e a quello immacolato della tua Madre, ti sei degnato di eleggere il beato Giovanni, concedici che seguendo i tuoi esempi giungiamo, sotto la sua protezione, anche noi al tuo dolcissimo amplesso nel cielo.

Altri santi e celebrazioni del 19 agosto:

- Santa Sara
Moglie di Abramo

- Sant' Andrea il Tribuno e Compagni
Soldati martiri

- Beato Angelo da Acquapagana

- San Bartolomeo di Simeri
Eremita, fondatore e abate

- San Bertolfo
Abate

- San Donato di Sisteron
Eremita

- Beate Elvira della Natività della Nostra Signora Torrentallé Paraire e 8 compagne
Vergini e martiri

- Sant' Ezechiele Moreno y Diaz

- Beato Francesco Ibanez Ibanez
Sacerdote e martire

- Beato Giordano da Pisa (o da Rivalto)
Domenicano

- Beato Guerrico
Abate di Igny

- Beato Leone II
Abate di Cava

- San Ludovico d'Angiò (di Tolosa)
Vescovo

- Beato Ludovico Flores
Martire

- San Magino di Tarragona
Martire

- San Magno
Venerato a Cuneo

- San Sebaldo (Sinibaldo)
Eremita

- San Sisto III
Papa

- San Timoteo di Gaza
Martire

- Beato Tommaso Sitjar Fortiá
Sacerdote gesuita, martire

- Beato Ugo Green
Sacerdote e martire

giovedì 18 agosto 2016

Mancato rispetto orario conferimento rifiuti. Elevati sei verbali a cittadini e diportisti

Il mancato rispetto dell'orario di conferimento dei rifiuti nei cassonetti ha portato stasera a Lipari all'elevazione di 6 verbali per circa 1.000 euro a carico di cittadini e diportisti (euro 168,48  cad.)
I verbali sono stati elevati dalle vigilesse Simona Grella e  Daniela Castrogiovanni tra Marina Lunga, Pignataro e Canneto
I controlli proseguiranno nei prossimi giorni 

E' deceduto Don Bruno Maiorana, aveva 73 anni. Per 37 è stato il parroco di Pianoconte

E' deceduto nella Casa di riposo di Valdichiesa (Salina), Don Bruno Maiorana, 
Aveva 73 anni.
Don Bruno è stato per 37 anni il parroco della comunità di Pianoconte.
Comunità che, anche in questi anni in cui è stato a Salina, così come in queste ultimissime ore della sua vita terrena, gli è stata vicina con affetto e amore filiale
Nel salutarlo noi di Eolienews vi proponiamo un video che abbiamo realizzato a Pianoconte in occasione dell'inaugurazione del monumento ai Caduti. Occasione in cui egli era presente, impartendo la  benedizione

Inaugurata a Filicudi la "Biennale d'arte". Resterà aperta sino al 20 Agosto (di Michele Manzotti)


 (Michele Manzotti) Un'isola vista attraverso il passato per capire meglio le 
immagini dedicate al presente. Ma soprattutto per pensare a un futuro diverso e ancorato alla tradizione. 
Filicudi è la protagonista assoluta della Biennale d'arte nell'isola che si è aperta all'Hotel Phoenicusa. Lo spazio al Porto ha ospitato per la prima volta, a cura di Francesco Pessina, la rassegna che prima d'ora si era tenuta sempre nell'atelier Basler. 
Una nuova collocazione di una formula sostanzialmente inalterata, che ha però consentito di tenere aperta "La più piccola Biennale al mondo" (così è orgogliosamente chiamata dai promotori) per alcuni giorni. 
Le opere dei 40 artisti saranno visibili al pubblico fino al 20 Agosto con orario 10-21.

Grande Guerra (1915-18) I caduti eoliani (rubrica a cura di Giuseppe Cirino) : Soldati Panarello (Pianoconte) e Natoli (QuattropanI

Soldati
Panarello Paolo e Natoli Mariano
Morti nella Battaglia di Gorizia
100 anni fa

Panarello Paolo di Antonio nato a Lipari (Pianoconte) il 25 gennaio 1886 – distretto militare di Messina
Caporale dell’11° Reggimento di Fanteria  matricola 25348 - Morto il 7 agosto 1916  nella 12^ sezione di sanità per ferite riportate in combattimento all’età di 30 anni - Sepoltura: Cimitero di Massa
 
Unità di appartenenza
Brigata Casale – 11 ° / 12° Reggimento di Fanteria

Anno 1916
-          Dal 1° al 3 gennaio: Pendici Ovest alture del Podgora - Pubrida e Valisella – Vetta del Calvario – Q.240 – Naso di Lucinico;
-          Dal 15 al 18 gennaio: Medena.
-          Dal 29 gennaio al 25 febbraio: Trincee di Podgora – Q.240 – Tre Croci Calvario – Lucinico – Vallone dell’Acqua – Pubrida – Valisella;
-          Dal 22 marzo al 12 agosto: Trincee del Grafenberg – Q.12 del settore di Monfalcone (soltanto il I°/II°) – Zona del Calvario – Podgora – Q.240 – Linea di Vertojbica – Gorizia;
-          Dall’11 settembre al 5 novembre: Vertojbica – Merna – Trincee bassa Vertojbica;
-          Dal 23 al 31 dicembre: Zona di Kambresco.


Circostanze della Morte del soldato Panarello Paolo

Dai riassunti dei diari di guerra della Brigata Casale:

Alla fine di Gennaio del 1916 la brigata è in linea sul Podgora e vi rimane per circa un mese; vi ritorna poi il 22 marzo e non se ne allontana che il 12 agosto, dopo avere definitivamente strappato al nemico quelle forti e importanti posizioni, guadagnata la riva destra dell’Isonzo ,,e messo piede a Gorizia redenta.
                Nell’attacco della testa di ponte di Gorizia, alla brigata, schierata per ala col 12° contro il Podgora e l’11° contro il Calvario, sono assegnati, come primo obiettivo, l’espugnazione di questo forte pilastro e il raggiungimento della riva sinistra dell’Isonzo.
                Nella mattinata del 6 agosto le nostre artiglierie  aprono con estrema violenza il fuoco contro le difese nemiche; alle ore 16:00 l’11° scatta con balzo travolgente e, vinte successivamente accanite resistenze, riesce, all’imbrunire, a espugnare le difese della cresta del Calvario ed a discendere il versante orientale del monte fino al villaggio di Podgora. Il nemico tenta, contrattaccando violentemente, di contrastargli l’avanzata e da “Tre Croci” e dalla “Cappelletta” ne ostacola in tutti i modi il movimento. Alle ore 17:00 viene dato ordine al 12° di avanzare. Al 12° è affidato l’attacco di Q.240 (Podgora) e doveva subordinare la propria azione ai risultati dell’11° fanteria; esso perciò attacca risolutamente la Cappelletta e le Tre Croci riuscendo a metter piede nelle prime trincee di dette posizioni. La testa di ponte di Gorizia intanto comincia a crollare dinanzi agli irresistibili  attacchi del VI Corpo d’Armata Italiano ed il giorno 7 l’unica speranza austriaca è riposta nel contrattacco che le truppe del Podgora debbono sferrare contro il Calvario per ristabilire , in quel tratto, la situazione e mantenere ancora una piccola occupazione sulla sinistra  del fiume. Accanitamente contrattaccano alle ore 21 del giorno 7 i battaglioni austriaci del Podgora, ma le truppe della Casale resistono tenacemente costringendo il nemico a ripassare il fiume e lasciare quelle forti posizioni che avevano visto 14 mesi di aspra e sanguinosa lotta.

Dai registri dello stato civile dell’11° Reggimento di Fanteria.

“L’anno millenovecentosedici, nel di sette del mese di agosto nel comune di Massa, mancava ai vivi alle ore una e tenta minuti in età di anni trenta il soldato Panarello Paolo dell’11° reggimento fanteria n°25348 di matricola, distretto militare di Messina Classe 1887. Nativo di Lipari, Provincia di Messina figlio di Antonio e di Giavina Grazia, morto in seguito a ferita al cranio penetrante da fucilata, riportata per fatto di guerra, sepolto nel cimitero a Sud M.S. Massa, come si evince dall’attestazione delle persone a piè del presente sottoscritto. Il Comandante la sezione Zaracao Silvio il Capitano medico Valvanersi  G. Renato.”

Natoli Mariano  di Domenico  nato a Lipari (Quattropani) il 7 novembre  del 1893, distretto militare di Messina
Soldato del 150° Reggimento di Fanteria (Milizia Mobile)  Disperso il 9 agosto 1916 sul medio Isonzo in combattimento all’età di 23 anni - Sepoltura: Ignota


Brigata Trapani – 149 ° / 150° - 144°

Anno 1916
-          Dal 1° all’11 gennaio: Monte Sei Busi – Valloncello Settentrionale di Verimigliano – Trinceramento della Madonnina – canale dei Dottori;
-          Dall’11 febbraio al 23 aprile: settore Monfalcone (Mandria Pirma – Officina Adria – Marcelliana – QQ.98 e 93) Azione contro le QQ.121 – 85 – 77 -21;
-          Dal 3 al 19 giugno: Settore M. Cengio – M. Barco – Belmonte (M. Paù – Val Canaglia – Casera – del Gallo – Casera Sunnio – Falde sud oriantali di M. Carvola – Val Lastaro – M. Zovetto) Settore di Monte Lemerle (Spiazzo Croce – Bivio Boscon – Attacco contro Monte Lemerle);
-          Dal 22 Luglio al 24 Agosto: Settore Monte Sabatino – 6^ Battaglia dell’Isonzo – Difesa testa di ponte di Solcano.
-          Dal 26 settembre al 13 ottobre: Settore ad ovest del Veliki Hribach, Q. 198 – Pendici del Nad Logem – Q.87 – ottava battaglia dell’Isonzo (attacco della Q.26 del Veliki – Attacco del Pecinka).
-          Dal 20 ottobre al 20 novembre: Settore ad ovest del Veliki Hribach – Pendici del Nad Logem – QQ.265 e 263 – Settore del Faiti.


Dai riassunti dei diari di guerra della Brigata Trapani:

“ Il 20 Giugno la Trapani è inviata a riposo a Sarcedo (comando truppe Altopiano) ove comincia il suo riordinamento che prosegue a Bressanvido ove è trasferita il 1° luglio ( 23^ divisione). Destinata nuovamente sulla fronte isontina (45^ divisione), il 21 luglio è schierata sul Monte Sabotino.
Nei primi giorni di agosto si inizia lo schieramento delle truppe per la imminente battaglia di Gorizia e la Trapani di amassa – quale riserva divisionale  a Valle di Rio Mulini col 144° ed un battaglione del 149°, schierando gli altri due battaglioni (I e III del 149°) verso Casa Abete.
Iniziatosi, il giorno 6 , l’attacco , i reparti in riserva della brigata serrano verso Podsabotino ad immediato rincalzo delle truppe operanti, meno i battaglioni I e II del 144° che sono inviati, il primo verso l’alto Sabotino ed il secondo all’occupazione della Q.138.
L’avanzata prosegue vittoriosa e già affluiscono numerosi i prigionieri sorpresi nelle caverne.
Intanto il II/149° operante verso il costone di S. Mauro è ostacolato da offese nemiche provenienti dal Fortino Basso di Casa Abete; l’ostacolo è rimosso dal III battaglione dello stesso reggimento, che , assieme al I, occupa il 7 la Q.159 e si schiera sul versante ovest del costone di San Mauro, dal quale riesce agevole annientare  altre minacce provenienti da nuclei nemici annidati verso Villa Vasi ed a tergo della nostra occupazione di Q.159 e Q.111.

Dopo altre brillanti operazioni svolte dai battaglioni della brigata , questa il giorno 9, rimossi mirabilmente gli ulteriori ostacoli attivi e passivi opposti dal nemico , passa sulla sinistra dell’Isonzo, e vi costituisce una testa di ponte, schierando i suoi reparti lungo la ferrovia e spingendo ricognitori verso S. Caterina  e Q.227. Il 10 agosto il 144° è posto a disposizione del comando della Brigata Pescara che impegnata sul costone di Veliki (il I°) e gli altri due contro Santa Caterina . Tutta la brigata è impegnata  il 12 nella difesa del ponte di Salcano, ove permane per lavori di rafforzamento fino al 25 agosto, nel quale giorno è sostituita ed inviata a riordinare a Dolegnano ed a Corno di Rosazzo. “

Guide Turistiche Eolie Messina Taormina: Visite guidate al Castello di Lipari

L’associazione Guide Turistiche Eolie Messina Taormina propone un “tuffo” nell’archeologia e non solo: ogni mercoledì e venerdì,sia di mattina che di pomeriggio , una guida abilitata proporrà la visita della zona archeologica sull’acropoli, del Museo Archeologico e della Cattedrale di Lipari. Un modo per far conoscere a turisti e residenti la storia millenaria di Lipari.
La visita guidata si effettua in lingua italiana ma in base alla disponibilità anche in inglese, francese, tedesco o spagnolo.
Previa prenotazione vi è anche la possibilità di effettuare la vista in altre date e/o orari.
Il luogo di incontro è vicino alla biglietteria del museo archeologico e i costi del servizio sono: € 5,00 adulti,€ 2,00 dai 12 ai 18 anni,gratis sino agli 11 anni (escluso il biglietto d'ingresso al museo).
Per ulteriori informazioni e prenotazioni guideturistichemessina@gmail.com o i numeri 329 2037436 o 328 8316110 o www.guideturistichemessina.it

Grande partecipazione al XX° di sacerdozio di Don Giuseppe Mirabito

Ieri sera, nella gremitissima Chiesa di San Giuseppe si è celebrata la S.Messa per festeggiare il 20mo di sacerdozio di Don Giuseppe Mirabito. Presenti le comunità parrocchiali di San Giuseppe, Purità di Maria SS. di Quattropani e rappresentanze dell'isola di Salina, diversi sacerdoti e Mons. Francesco Miccichè, autorità.
Vi proponiamo alcune foto scattate da Antonio Iacullo


Calcio a 5 femminile. Ludica Lipari tessera forte laterale Geraci e punta ad un campionato da protagonista




La Ludica Lipari di calcio a 5 femminile, dopo una stagione di transizione, è intenzionata ad essere sicura protagonista nel prossimo campionato di D.
In quest'ottica è da inquadrarsi il "Colpo di ferragosto" messo a segno dal presidente Carmelo Sparacino. 

E' stata, infatti, tesserata nelle file rossoblu' la forte laterale dello Sporting Atene Messina, Carmen Geraci (classe 93) 
La Geraci, dopo aver militato per cinque anni, come capitano, nel blasonato club messinese, passa ora alla corte del duo Sparacino-Villari, rafforzando di fatto un organico che, nella scorsa stagione, nonostante i diversi esordienti, ha dimostrato di essere di buona qualità. 
Al neo acquisto, e di conseguenza alla formazione liparese, l'augurio di un anno ricco di soddisfazioni.

Frasi

«I ricordi sono come il vino che decanta dentro la bottiglia: rimangono limpidi e il torbido resta sul fondo. Non bisogna agitarla, la bottiglia.» (Mario Rigoni Stern)

A Ferragosto "scomparse" due bici a Canneto. L'appello

Nella notte di Ferragosto sotto un'abitazione in località' Canneto, sono state sottratte due biciclette: una ATALA MTB di colore nera e blu ed una Bianchi da donna colore grigio scuro.
Il proprietario ha presentato denuncia ai Carabinieri.
Le bici potrebbero essere state usate per spostarsi e magari abbandonate in qualche luogo.
Chiunque può darne notizia o segnalare il ritrovamento contatti la redazione di Eolie News al 3395798235