Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 8 ottobre 2016

Area Marina Protetta: dalla riunione di oggi emergono perplessità e preoccupazione. Giorgianni favorevole "ma daremo parola a tutti i portatori d'interesse"

Perplessità, dubbi, rimostranze, preoccupazione hanno praticamente surclassato, stamattina nel corso della riunione fortemente voluta dal presidente del consiglio comunale Adolfo Sabatini, i pareri favorevoli all’istituzione dell’Area Marina protetta delle Eolie. 
Nella prima riunione allargata a tutte le componenti della comunità  il fronte del no ad ulteriori vincoli ha visto convergere pescatori, diportisti, alcuni consiglieri comunali ed anche operatori del settore turistico, associazioni come la “Voce eoliana”, presieduta dall’avvocato Angelo Pajno. In tutti la preoccupazione, anche alla luce di altre esperienze similari, di ritrovarsi a dover rinunciare, in favore di pochi, a spazi marittimi più o meno ampi, ad attività che fanno parte tradizionalmente della vita e della  cultura eoliana. Fronte del no rinforzato anche dalla paura che l’AMP delle Eolie possa essere calata dall’alto e che faccia riferimento a studi ormai datati (Di Geronimo) e che, a suo tempo, furono contestati. 
Di tutt’altro tenore, ovviamente, gli interventi di coloro che sono per il si. Tra questi il consulente di diverse cooperative di pesca Pinuccio Spinella e il presidente di Legambiente Lipari, Giuseppe La Greca che hanno parlato di grande opportunità per le Isole Eolie e di strumento che dovrà avere solide basi scientifiche, oggetto di uno studio approfondito da parte dei biologi e che tenga conto dei contributi della comunità isolani. 
In ogni caso da una parte e dall’altra è stato ribadito, seppure con i necessari distinguo, che la riunione del 9 novembre a Palermo, indetta dall’assessore Maurizio Croce, non può certo essere quella in cui saranno definite e consegnate le perimetrazioni di quest’area della quale alle Eolie si parla da oltre vent’anni. 
Favorevole all’AMP il sindaco Marco Giorgianni che evidenzia di essere convinto che questa rappresenti una opportunità di tutela e sviluppo. “In ogni caso – ha sottolineato – sentiremo i cittadini e tutti i portatori d’interesse e poi ci determineremo di conseguenza”. Il primo cittadino puntualizza, inoltre, “che gli studi esistenti sono ormai datati  e che pur potendo portare un contributo vanno sicuramente aggiornati. La data del 9 novembre non rappresenta la chiusura di nulla. Piuttosto una data di partenza per questo percorso che – ribadisco – deve coinvolgere chi alle Eolie vive e lavora. Quindi nulla di pre-confezionato o calato dall’alto”.

Calypso permette collegamenti con Ginostra. Il grazie della comunità ginostrese

Grazie alla disponibilità dell'equipaggio dell'aliscafo Libertylines, Calypso, nelle giornate del 07 e dell' 08 Ottobre, nonostante l'incertezza delle condizioni meteo è stato assicurato il collegamento  mattutino con la frazione di Ginostra permettendo ad alcuni turisti di  poter raggiungere Milazzo e quindi le città di destinazione.
La comunità di Ginostra ringrazia società ed equipaggio per la sensibilità dimostrata.
Gianluca Giuffrè

Nella Chiesa di Pirrera arriva Don Lillo Maiorana. Si insedierà lunedì

Lunedì alle 18, nella Santa Messa presieduta dal Can. Alessandro Lo Nardo, Vicario Foraneo, Don Lillo Maiorana farà l'ingresso a Pirrera come nuovo parroco, successore di Don Gino, dimessosi lo scoso giugno

I "Grilli eoliani" a Crocetta: Ci si ricordi delle Eolie sempre e che noi eoliani non siamo in vendita!"

Continuano a prenderci in giro
Ci aveva lasciati dicendo che avesse a cuore le nostre isole, è tornato con 20 milioni per comprarle. Ci aveva lasciato dicendo che qualcosa si sarebbe mossa per riaprire il punto nascite eoliano, è tornato comprando le donne eoliane gravide per 3000 €. 

Noi non siamo in vendita abbiamo ancora una dignità da difendere. Perchè invece non dice la verità sul perchè l'ospedale di Lipari sia destinato alla chiusura? Perchè non spiega dell'accordo con Renzi per far risparmiare allo stato 30 miliardi di euro destinati alla regione Sicilia? Perchè non spiega il fallimento totale del suo mandato come Presidente della regione? 
 Non abbiamo più fiducia nelle istituzioni se non stanno vicino a noi cittadini. Si presentano ogni 5 anni a ridosso di qualche campagna elettorale che sia un referendum o siano amministrative. 
In questa settimana si sono prese decisioni molto importanti compresa quella dell'AMP (Area Marina Protetta) che ancora non si capisce bene a chi dovrebbe portare beneficio. 
Non è populismo il nostro ma sogniamo che i nostri amministratori e governatori si ricordino di noi SEMPRE, ogni giorno, di questo il cittadino ha bisogno.
Anche il mare è pieno di stelle
I Grilli Eoliani

Le ”Olimpiadi dei First Responders - Soccorsiadi 2016” a Castellana Sicula : Le foto di Bartolo Ruggiero (IV° parte)

AMP. Chiofalo. Confortato e fiducioso dopo le parole del sindaco Giorgianni

Riceviamo e pubblichiamo:
Ho sinceramente apprezzato le parole chiare e puntuali del sindaco Giorgianni sulla prossima istituzione dell’Area Marina Protetta, dalle quali traspare la convinzione senza remore che sia un’opportunità irrinunciabile di protezione, valorizzazione e sviluppo delle Eolie.
Considerata questa ritrovata, condivisa e diffusa sensibilità al tema dello sviluppo sostenibile delle nostre isole, certa la possibilità di discutere ampiamente e preventivamente i dettagli ed i vincoli che lo strumento comporterà, non ha senso temere l’istituzone dell’AMP.
Non ci saranno imposizioni dall’alto. Il sindaco e tutti quelli che in buona fede credono al valore dello strumento in questione non hanno ovviamente interesse a danneggiare i propri concittadini, le categorie di lavoro o a fare salti nel buio.
Dimostriamo di essere una comunità matura e responsabile: partecipiamo, solleviamo obiezioni e discutiamo approfonditamente, ma facciamo in modo che l’Area Marina Protetta sia un argomento che unisce. Definiamo, assieme, lo strumento migliore possibile di tutela e sviluppo delle nostre fantastiche isole. 
CORDIALMENTE
Luca Chiofalo

AMP. Voce eoliana replica a Giacomantonio e ricorda lo scontro con Di Geronimo

Riceviamo e pubblichiamo:
Leggiamo con piacere l’intervento del Dott. Michele Giacomantonio, già sindaco del Comune di Lipari negli anni ’90 e persona di notevole spessore culturale.
Ci piace intanto sottolineare come questa Associazione non ha –  né ha mai avuto – la pretesa ( o la presunzione) di essere depositaria del verbo ed abbiamo sempre premesso, nei nostri interventi, che ogni opinione diversa da quella dei propri associati e simpatizzanti è legittima e merita rispetto.
Abbiamo però notato, e quindi denunciato, una assoluta carenza di supporto probatorio nelle argomentazioni dei fautori della AMP.
Si parla infatti di mirabolanti vantaggi per l’ambiente e per le popolazioni residenti ma non si spiega quali essi sarebbero in concreto se non ricorrendo a sempre più arditi voli pindarici.
Di contro, questa Associazione, che da anni segue silente ma  attenta le vicende delle nostre isole, porta dati ed esempi concreti che non vengono smentiti.
Ci sarà quindi un motivo per il quale buona parte delle popolazioni ( e dei propri rappresentanti istituzionali) che vivono all’interno di perimetrazioni di parchi e aree marine protette chiedono prepotentemente di poterne uscire; o no? Non si sgomita per lasciare l’Eden salvo, ovviamente, che questo non si sia rivelato poi tale.
Credo che la gente che ci legge abbia quindi il diritto di ascoltare tutte le opinioni sull’argomento, da chiunque provengano,  ma riteniamo sia assolutamente necessario che vi sia una effettiva pluralità di pensiero e sino a qualche settimana addietro abbiamo avuto modo di ascoltare solo i “pro”, peraltro affidati solo a concetti astratti, e non i “contro”.
Riteniamo pertanto, Dott. Giacomantonio, di aver solo contribuito a riequilibrare un piano inclinato che si appalesava sempre più  distorto sotto il profilo di una completa informazione.
Quanto ai pescatori del milazzese che attingerebbero, a Suo dire, al nostro mare Le facciamo rispettosamente notare che la recente istituzione della AMP di Capo Milazzo ha estromesso tale categoria da ogni possibilità di operare nell’ambito della perimetrazione e vibranti sono state le proteste in sede di Consiglio Comunale; cosa Le fa ritenere che la stessa cosa non accada alle Eolie?
Ha avuto modo di verificare la “disciplina” della pesca alle Egadi (art.23 DM 01.06.2010)?  E’ a conoscenza, ad esempio, che è vietata in tutte le zone dell’area marina l’acquacoltura?
Quanto alla perimetrazione lo scrivente conosce bene l’allucinante proposta del prof. Di Geronimo e spero che Lei non voglia sottacere l’imbarazzante epilogo  dell’incontro di tale illustre cattedratico con la popolazione e le categorie interessate tenutosi presso la “saletta delle lettere” ove alcuni esagitati (tali resi dalla assurdità della proposta) rischiarono lo scontro fisico con il Di Geronimo scampato al linciaggio grazie al provvidenziale intervento dell’allora (se mal non ricordo) Presidente del Consiglio Comunale, geom. Bartolo Favaloro.
L’elaborato prevedeva, di fatto, l’annientamento turistico di Panarea con l’inserimento in zona A di tutti gli scogli che le fanno da contorno, ivi compreso Basiluzzo, l’azzoppamento della spiaggia di levante di Vulcano e l’annullamento della possibilità di visitare la Grotta del Cavallo, una delle mete turistiche più richieste e che impiega una consistente forza lavoro tra i barcaioli eoliani, l’annientamento dell’area  dei faraglioni a Lipari e della Grotta del Bue Marino a Filicudi, con buona parte delle zone limitrofe.
Né può dirsi che tale strumento sia a tutt’oggi utilizzabile, quantomeno limitatamente allo studio dei fondali ed escludendo la perimetrazione.
Si tratta infatti di uno studio risalente a circa un ventennio addietro, inapplicabile alla situazione attuale; ecco perché riteniamo  - e ribadiamo - che non esiste in atto alcuno strumento scientifico che possa permettere di giungere alla perimetrazione entro il 09 novembre prossimo.
Sostenere il contrario sarebbe come suggerire oggi per conversare a distanza l’utilizzo del telefono di Meucci ( o di Bell, a seconda delle tesi) ignorando che si è giunti alla telefonia mobile.
Abbiamo poi letto con attenzione anche l’accorato appello del prof. Silvano Riggio la cui malcelata epidermica avversione per i diportisti ed i pescatori subacquei lo rende però marginale nella discussione atteso che, come sempre, non si espongono proposte per rendere sostenibile  e compatibile tale tipologia di utenti del mare (la pesca subacquea  in apnea   peraltro, come abbiamo già avuto modo di esporre, non è consentita in tutte le AAMMPP mentre quella con autorespiratore è al bando in tutta Italia da anni) con la tutela dell’ambiente (noi ne abbiamo fatte diverse) ma ci si limita alla soluzione più semplice: fuori tutti e sotto con i catenacci!

Associazione La Voce Eoliana

Lipari: Domani "Famiglie al museo", due le iniziative previste


Accadde oggi...alle Eolie e nel mondo

8/10/2012
Ennesimo furto all'istituto Conti di Lipari. Urge la videosorveglianza
Notizia su http://eolienews.blogspot.it/2012/10/ennesimo-furto-allistituto-conti-di.html


Vandali incendiari in azione al "Monteleone"
http://eolienews.blogspot.it/2012/10/vandali-incendiari-in-azione-al.html

8/10/1895
Argentina, nasce Juan Domingo Peron
Nasce a Buenos Aires Juan Domingo Perón, presidente dell'Argentina dal 1946 al 1955 e dal 1973 al 1974. Coinvolto nel golpe militare contro Ramón Castillo e arrestato nel 1945, Peròn viene rilasciato grazie a manifestazioni di massa guidate dalla moglie, Evita, popolarissima fra i descamisados argentini. Il sostegno popolare gli apre la strada alla presidenza nelle elezioni del 24 febbraio 1946. La politica di Peròn, indirizzata all’industrializzazione del Paese e all’aumento di potere della classe operaia, si pone come una"terza posizione", tra il capitalismo e il comunismo. Peron muore il primo luglio 1974.

8/10/1985
Achille Lauro: ucciso Klinghoffer
A bordo della nave Achille Lauro, sequestrata il giorno prima da terroristi palestinesi, viene ucciso a sangue freddo un cittadino americano disabile, Leon Klinghoffer. Il suo corpo viene gettato in mare. L'omicidio solleva una indignazione universale. La resa dei terroristi avviene il giorno dopo. Il commando lascerà la nave italiana a bordo di una motovedetta egiziana.

"Pescando" nell'archivio video di Eolienews: IV Trofeo del Gattopardo (organizzazione Acais-EoliEolie Congressi) Tappa di Messina (Giugno 2013)

Trentacinquesima puntata della nostra rubrica. Oggi: IV Trofeo del Gattopardo (organizzazione Acais-EoliEolie Congressi) Tappa di Messina (Giugno 2013)

"Ci venga ridato il lavoro sottrattoci ingiustamente". Cinque ex dipendenti del dissalatore si sono rivolti a Crocetta

Hanno fatto appello al presidente della Regione, Rosario Crocetta per trovare una soluzione al loro stato di disoccupati che va avanti da quasi un anno. Sono Stefano Bertè, Massimo Groppo, Michele Mantineo, Angelo Romano e Fabio Ziino, cinque delle maestranze in forza al dissalatore di Lipari, durante la precedente gestione della struttura da parte della GEDIS. 
Al Governatore hanno fatto presente di ritrovarsi senza lavoro poiché la subentrante SOPES non ha ritenuto opportuno riconfermarli nel posto di lavoro e questo nonostante vantino un’esperienza di 19 anni nella struttura liparese, un contratto a tempo indeterminato ed ancora che la loro permanenza nell’organico del dissalatore fosse previsto nel bando di gara con cui la Regione ha provveduto a riaffidare l’impianto. La SOPES, invece, sino ad oggi, ha deciso di gestire l’impianto assumendo solo quattro operai più un responsabile, anch’essi in forza dapprima alla GEDIS.  
Una situazione, che oltre a creare serie difficoltà alle famiglie degli operai rimasti senza lavoro, si ripercuote anche sulla funzionalità dell’impianto stesso. Il dissalatore che resta incustodito per oltre 14 ore (cosa che prima non accadeva), più volte nel corso di quest’anno, come abbiamo già avuto modo di scrivere, si è fermato e la sua riattivazione solo alle 8 del mattino, quando riparte il turno di lavoro, ha creato forti disagi sia nella produzione che nella distribuzione idrica. In più, ogni qualvolta che, a causa del fermo, non si riesce a produrre il quantitativo d’acqua necessario, si deve fare ricorso ad integrazioni con le navi cisterna con un continuo aggravio per le casse pubbliche. Tutto il contrario di quanto si prevedeva con la realizzazione del nuovo impianto: affrancare  le isole dal rifornimento a mezzo navi cisterna. 
I cinque ex dipendenti del dissalatore di Lipari, che contro il licenziamento e le conseguenti modalità di assunzione hanno presentato ricorso al giudice del lavoro (l’udienza è fissata al 4 Gennaio prossimo), hanno ottenuto dal presidente Crocetta l’impegno ad una soluzione della loro vicenda. Lo stesso presidente, attraverso il dirigente Alessandro Balsamo, li ha messi in contatto con il dottor Maurizio Pirillo, direttore del Dipartimento delle acque e dei rifiuti della Regione. 
Nel descrivere lo stato dei fatti, i cinque hanno anche evidenziato come “a breve andrà in funzione a Vulcano un impianto di dissalazione, di proprietà regionale, dello stesso tipo di quello dove lavoravamo. Ricollocarci in quella struttura, oltre a  “sfruttare” la professionalità da noi acquisita negli anni, ci consentirebbe di uscire dallo stato di disoccupati, consentendoci una prosecuzione di quel rapporto di lavoro a tempo indeterminato del quale siamo in atto privati. In alternativa, ritenendo di essere rimasti tagliati fuori ingiustamente dal mondo lavorativo e dovendo mantenere le nostre famiglie, auspichiamo il collocamento presso i due impianti di depurazione, anch’essi in consegna a  breve a Lipari e Vulcano e di proprietà della Regione Siciliana”. 

Workshop "Futurelights...sulla riqualificazione delle cave di pomice": Il video della relazione del 4° gruppo di lavoro

Proseguiamo, grazie a Matteo Salin di Eolnet, nella pubblicazione degli interventi al workshop sulla riqualificazione delle cave di pomice. Oggi: Il video della relazione del 4° gruppo di lavoro

Jonathan compie due anni. Auguri!

Due anni fa per la gioia di mamma, papà e nonni è venuta al mondo una stella di nome Jonathan...
Da allora fai brillare i nostri cuori ogni giorno. 

Ti amiamo, mamma, papà, nonna Angela e zio Roberto

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 8 Ottobre

Buon Compleanno a Scharon Natoli, Vincenzo Cincotta, Fiorella Alberti, Chiara Favorito, Sara Massarelli, Mauro Palamara, Martina De Vita, Davide Biviano, Ivan Fichera, Anna Marisa Cafarella, Giuseppe Biviano, Giuseppe Rabuazzo, Teresa Nardone, Alessio Palino

Le Eolie e le date da ricordare (a cura di Giuseppe La Greca) : 8 Ottobre 1950 - Prima nazionale del film "Stromboli, terra di Dio"

Filicudi: Ieri sopralluogo e vertice per la ripresa dei lavori al porto


Si sono tenuti ieri pomeriggio a Filicudi, come era stato preannunciato, il vertice ed il sopralluogo del presidente della Regione, Rosario Crocetta e dei tecnici regionali e locali alla struttura portuale dell'isola i cui lavori per la messa in sicurezza (finanziati nel 2005) sono fermi, ormai, da ben tre anni a causa di un contenzioso con l'impresa Campione
Sull'isola, nonostante le condizioni meteo avverse, sono sbarcati il direttore della Protezione civile regionale, Calogero Foti, il dirigente generale dell’assessorato infrastrutture Fulvio Bellomo, il dirigente Ceraolo, il responsabile dell’ufficio tecnico comunale di Lipari , Carmelo Meduri. il capo di 2 cl. Matteo Salvemini per il Circomare Lipari, il geometra Patti per l'impresa. 
Presenti naturalmente anche il sindaco Marco Giorgianni ed il suo consulente Pippo Santamaria che non ha lesinato impegno ed energie per arrivare al vertice-sopralluogo di ieri, trovando una grande disponibilità da parte del presidente Crocetta. A completare il quadro degli intervenuti il vicepresidente e i consiglieri della locale Circoscrizione.
Dal sopralluogo - così come poi riportato all'interno del vertice - è emerso chiaramente che l'obiettivo deve essere quello di riprendere i lavori nel più breve tempo possibile anche perchè lo stato in cui è stata abbandonata la struttura costituisce un grave pericolo per la pubblica incolumità. Il prossimo importante passaggio la settimana prossima a Palermo dove ci sarà un incontro con i vertici del Genio civile oo.mm.

Oggi è Sabato 8 Ottobre. Buongiorno agli amici di Eolienews con questa cartolina dalle Eolie

Il centro di Lipari (foto Francesca Falconieri)

venerdì 7 ottobre 2016

Vicenda sorelle Patini. Sindaco Lo Schiavo condannato ed interdetto dai pubblici uffici

Condanna di tre anni al tribunale di Barcellona per il sindaco di Santa Marina Massimo Lo Schiavo ed interdizione dai pubblici uffici nel processo relativo alla custodia dei beni delle sorelle Patini. Lo Schiavo, che una volta entrato in possesso delle motivazioni della sentenza farà sicuramente appello, in base alla legge Severino dovrà lasciare la carica di primo cittadino al vice Domenico Arabia, in attesa di nuove elezioni.

Questo il comunicato stampa sulla vicenda diffuso il 31 Marzo 2015 dalla LEGIONE CARABINIERI “SICILIA” – COMANDO PROVINCIALE DI MESSINA

I Carabinieri della Compagnia di Milazzo al termine di una delicata attività di indagine, nella serata di ieri, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari emessa dal GIP del Tribunale di Barcellona P.G., su richiesta della Procura di Barcellona P.G., hanno tratto in arresto
Lo Schiavo Massimo classe 1972, di Santa Marina Salina, attuale sindaco del comune di Santa Marina Salina ritenuto responsabile del reato di Peculato.
La vicenda, che oggi vede il suo epilogo, trae origine nel giugno del 2013 ed è strettamente collegata alla triste storia di due anziane sorelle dell’isola, oggi defunte. Queste due signore, all’epoca dei fatti incapaci e ammalate, nonché bisognevoli di continua assistenza, nonostante fossero proprietarie di una casa e di vari beni, non avevano eredi diretti né persone che potessero badare a loro. Nel giugno del 2013, per la loro tutela, furono trasferite in una casa di riposo a Leni in frazione Valdichiesa, dove sarebbero state accudite e curate. Non essendoci eredi né parenti, gli agenti della Polizia Municipale si occuparono del loro trasferimento e si premurarono di sigillare la loro abitazione che da quel momento sarebbe rimasta disabitata. Prima, però, come da prassi gli agenti ed in un secondo momento anche il Sindaco effettuarono un sopralluogo all’interno dei locali e rinvennero 36.890,78 euro 212 dollari australiani e 180 dollari americani di proprietà delle due anziane.
I soldi, insieme alle chiavi, furono chiusi in una busta controfirmata e furono consegnati in custodia temporanea al Sindaco Lo Schiavo, attraverso un apposito verbale firmato dagli agenti e dal sindaco stesso. Come da prassi, il Sindaco avrebbe dovuto, nei giorni immediatamente successivi al sopralluogo, versare l’intero ammontare sul conto corrente delle due donne che era ancora attivo presso la filiale della Banca Nuova di Malfa o in alternativa, custodirlo in una cassaforte presso il Comune.
Il 4 marzo 2015 il Giudice tutelare presso il Tribunale di Barcellona P.G. nominava un amministratore di sostegno di una delle due anziane donne (una delle due era intanto deceduta nel dicembre del 2013). Poco dopo tale nomina, quest’ultimo comunicava all’A.G. il decesso anche dell’altra sorella chiedendo a quel punto di poter prendere possesso delle chiavi dell’abitazione e di poter fare un sopralluogo all’interno con l’ausilio dei Carabinieri, per avviare le procedure di successione ereditaria. Così il 20 marzo 2015 il Comandante della Stazione di Santa Marina Salina, il neo nominato amministratore di sostegno e il Sindaco Lo Schiavo effettuavano un sopralluogo dell’abitazione delle due defunte sorelle. Nella circostanza l’amministratore di sostegno chiedeva di prendere possesso delle chiavi e contestualmente chiedeva notizie al Sindaco di Santa Marian Salina in merito alla citata somma di denaro, che, presuntivamente, doveva essere ancora custodita dallo stesso , poiché, come accertato, sul Conto corrente delle due donne non c’erano stati versamenti da quel giugno del 2013. Alla specifica richiesta, il Sindaco lo Schiavo riferiva di detenere il denaro, a suo dire ammontante a soli 20/25mila euro ( e non quasi 37 mila), presso la propria abitazione, ma che a causa di un recente trasloco non ricordava più dove lo aveva nascosto.
Dagli accertamenti dei Carabinieri è quindi emerso che il denaro delle due sorelle non è stato “custodito” nei modi previsti dalla legge. E’ bene precisare, inoltre, che venerdì scorso, Lo Schiavo, aveva consegnato circa 6mila euro in contanti all’amministratore di sostegno, somma decisamente inferiore a quella originaria.
Nel corso di una perquisizione effettuata nella serata di ieri, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato, presso il domicilio del Lo Schiavo, i verbali del rinvenimento dei contanti, stilati il 20 giugno 2013, con allegate due buste controfirmate con sigillo del comune, originariamente contenenti i citati contanti e al momento aperte e vuote. Avendo trovate le buste “aperte e vuote” e non essendo in grado di riconsegnare i 37mila euro circa presi in custodia temporanea nel giugno del 2013, si presume che il primo cittadino li abbia utilizzati, tutti o in parte, per altre finalità, che nello specifico sono ancora in corso di accertamento. Nell’ambito della stessa perquisizione, in altre parti dell’abitazione, i militari rinvenivano e sequestravano anche ulteriori 12mila euro circa in contanti di varie nazionalità, la cui provenienza è ancora in corso di accertamento.
L’arrestato veniva sottoposto al regime degli arresti domiciliari a disposizione dell’ Autorità Giudiziaria.

NDD - I domiciliari vennero poi revocati e Lo Schiavo ha ripreso ad amministrare il maggior comune dell'isola di Salina, sino alla condanna di oggi

LIPARI, SI E' TENUTA OGGI LA “I° GIORNATA FORMATIVA DELLA POLIZIA MUNICIPALE”



Si è tenuta, presso la Chiesa dell’Immacolata al Castello di Lipari, per l'organizzazione dell ’ANVU, con il patrocinio del Comune di Lipari, la “I° GIORNATA FORMATIVA DELLA POLIZIA MUNICIPALE.
A portare il saluto dell'amministrazione il sindaco Marco Giorgianni. Sono intervenuti anche l'assessore Ersilia Pajno, il dottor Mattelo De Micheli, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Barcellona, Nicola Salvato, presidente Nazionale Anvu, Pietro Sestito, Commissario Anvu Sicilia.
Hanno relazionato Osvaldo Busi, ufficiale della polizia municipale di Palermo “La videosorveglianza e il contrasto all'abbandono dei rifiuti”; Giovanni Battista D’Amico, sub-commissario anvu Sicilia “Suap e Polizia Amministrativa: normativa, controllo e sistema sanzionatorio”. Teresa Castano, Comandante polizia municipale di Capo d’Orlando, esperto in commercio e tributi – Sub Commissario anvu Sicilia "Il ruolo e le competenza dell’Agente di PL con particolare riguardo alla regione Sicilia”. 
Oltre agli ispettori e agli agenti della polizia municipale di Lipari erano presenti anche il nuovo comandante della Compagnia Carabinieri di Milazzo Valentino Adinolfi, il luogotenente dei Carabinieri Francesco Villari, il luogotenente della guardia di finanza Salvatore Tringali e il maresciallo della guardia costiera Antonino Leone


Libertylines riserva posti per abitanti isole minori su due aliscafi in partenza da Milazzo. Accolta richiesta sindaco Giorgianni

COMUNICATO STAMPA

A seguito di istanze e sollecitazioni rivolte dall’Amministrazione Comunale alle società ed agli organismi istituzionali interessati, tese ad ottenere la riserva di posti sui mezzi di collegamento di linea, mediante unità veloci, in favore degli abitanti delle isole minori dell’arcipelago sottoposti a maggiori difficoltà e disagi, in termini di servizi marittimi e, segnatamente, Panarea, Stromboli, Filicudi e Alicudi, la Liberty Lines ha comunicato l’accoglimento delle richieste de quo, programmando già a decorrere da domani 07/10/2016 detta riserva per n.30 posti con riferimento alle partenze da Milazzo delle ore 13:20 e delle 14:00 e fino a 30 minuti prima della partenza, termine trascorso il quale gli stessi posti saranno resi disponibili all’utenza interessata.
L’Amministrazione esprime soddisfazione per il risultato raggiunto a favore delle comunità e dei contesti insulari in argomento, che si pone a fondamento del tanto invocato diritto alla mobilità, auspicando traguardi sempre migliori nel settore dei servizi marittimi, annoverato tra gli obiettivi di maggiore attenzione ed interesse nell’azione di governo e costituente volano per la crescita ed il benessere del tessuto economico e sociale del territorio.
Un ringraziamento si rivolge alla Compagnia di navigazione Liberty Lines per avere dato concretezza ed efficacia alle richieste allo scopo avanzate.
Dalla Residenza Municipale, 07 ottobre 2016
IL SINDACO
(Marco Giorgianni)

A proposito di Area Marina Protetta, Parco e dintorni. L'intervento del dottor Michele Giacomantonio

Riceviamo dal dottor Michele Giacomantonio e pubblichiamo:
In questi giorni abbiamo visto ricomparire,  in coincidenza con i timidi propositi dell’Amministrazione di promuovere finalmente nelle Eolie l’Area Marina Protetta di cui si discute fin dal secolo scorso, le posizioni “no Parco” sostenute dall’Associazione La Voce Eoliana per la penna del suo presidente avv. Angelo Pajno.
Angelo lamenta la grande disinformazione che circonda questo problema e potremmo essere d’accordo purché si ammetta che la disinformazione è generale fra i pro e i contro. Basti un piccolo esempio preso dalla sua  nota .
Dice l’avv. Pajno “Parlare della data del 09 novembre – indicata dall’assessore regionale all’Ambiente a conclusione dell’incontro con l’amministrazione comunale di cui si è detto – per la presentazione di una zonazione presso il competente assessorato regionale dimostra il disarmante dilettantismo degli interessati.
La stessa legge istitutiva impone preliminarmente un attento e dettagliato studio del territorio e di tutta una serie di elementi da valutare scientificamente prima di giungere ad una “proposta” di zonazione. Cosa assolutamente carente (rectius: mancante) nel caso di specie.
In assenza quindi di tale ineludibile presupposto, per la cui acquisizione occorreranno mesi, se non anni, l’invito dell’assessore Croce assume la stessa consistenza di un invito ad una gita domenicale fuori porta: portate barbecue e salsiccia. Nient’altro!”.
In realtà un attento e dettagliato studio del territorio e delle sue biodiversità fu fatto dal prof. Di Geronimo ed è a disposizione delle Pubbliche Amministrazioni fin dagli ultimi anni 90. Il Sindaco di allora contestò al prof. Di Geronimo non lo studio, giacché il Sindaco non aveva la competenza per farlo, ma la perimetrazione delle aree di riserva che ne deduceva.
Per questo, qualche anno dopo, all’inizio del 2001, se non vado errato, si tenne un incontro a Roma, al Ministero dell’Ambiente fra i Sindaci delle Eolie ed i responsabili del Ministero in cui si giunse alla bozza di una nuova perimetrazione che sarebbe dovuta passare al vaglio dei Consigli comunali e che purtroppo venne travolta dagli eventi che seguirono come  la sfiducia al Sindaco di Lipari da parte del Consiglio Comunale il 19 giugno del 2001.
Di quella bozza dovrebbe esistere traccia nelle carte del Comune, comunque mi pare di ricordare che le cosiddette zone A, di riserva integrale , quelle che prevedono un divieto di fruizione quasi assoluto, erano pochissime ed in particolare, per quanto riguarda il Comune di Lipari: i Faraglioni di Lipari, mare che bolle e Grotta del Cavallo a Vulcano, Grotta del Bue Marino a Filicudi, dintorni di Basiluzzo e degli scogli di Dattito, Lisca Bianca, Lisca Nera, le Formiche a Panarea, Strombolicchio a Stromboli.
“L'intento – si spiega nel sito ufficiale del Ministero dell’Ambiente - è quello di assicurare la massima protezione agli ambiti di maggior valore ambientale, che ricadono nelle zone di riserva integrale (zona A), applicando in modo rigoroso i vincoli stabiliti dalla legge. Con le zone B e C si vuole assicurare una gradualità di protezione attuando, attraverso i Decreti Istitutivi, delle eccezioni (deroghe) a tali vincoli al fine di coniugare la conservazione dei valori ambientali con la fruizione ed uso sostenibile dell'ambiente marino. Le tre tipologie di zone sono delimitate da coordinate geografiche e riportate nella cartografia allegata al Decreto Istitutivo pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale”. Sul sito del Ministero si legge ancora: 
Zona A  è interdetta a tutte le attività che possano arrecare danno o disturbo all'ambiente marino. La zona A è il vero cuore della riserva. In tale zona, individuata in ambiti ridotti, sono consentite in genere unicamente le attività di ricerca scientifica e le attività di servizio. 
Zona B,  di riserva generale, dove sono consentite, spesso regolamentate e autorizzate dall'organismo di gestione, una serie di attività che, pur concedendo una fruizione ed uso sostenibile dell'ambiente influiscono con il minor impatto possibile. Anche le zone B di solito non sono molto estese. 
Zona C , di riserva parziale, che rappresenta la fascia tampone tra le zone di maggior valore naturalistico e i settori esterni all'area marina protetta, dove sono consentite e regolamentate dall'organismo di gestione, oltre a quanto già consentito nelle altre zone, le attività di fruizione ed uso sostenibile del mare di modesto impatto ambientale. La maggior estensione dell'area marina protetta in genere ricade in zona C. 
E’ incontrovertibile che il nostro mare ha subito negli anni un impoverimento notevole che si esprime nella scomparsa o rarefazione di alcune specie marine fra cui anche il pescato con un vulnus all’economia degli addetti ed alla tradizionale cucina eoliana.
Ma quella dell’istituzione dell’Area Marina Protetta delle Eolie deve essere  il primo passo del rilancio di un grande progetto di sviluppo sostenibile per il nostro arcipelago che si lega strettamente alla realizzazione del Parco terrestre di cui si parla da anni ma non si è andati al di là della realizzazione di alcune Riserve spesso mal gestite, ed alla gestione del Sito Unesco che dal 2000, quando vi è stato il  riconoscimento, non è mai stata attivata. E il Sindaco e l’Amministrazione comunale farebbero bene a chiarire o smentire le voci che vogliono che quella dell’AMP non sarebbe stata una loro libera scelta ma vi sarebbero giunti -“obtorto collo”- proprio per cercare di evitare le pressioni dell’Assessorato regionale a favore del Parco.
In realtà la realizzazione dell’AMP è fondamentale per il futuro delle Eolie (e penso che dovrà rappresentare una discriminante di fondo nella prossima campagna elettorale) , perché può rappresentare l’occasione per dimostrare alla gente delle Eolie che è possibile coniugare insieme difesa dell’ambiente ed occasioni di sviluppo e di crescita.
Infatti la riserva marina oltre a tutelare, come abbiamo detto,  alcune aree di grande rilevanza che rischiano il degrado e la devastazione da parte di  un turismo d’assalto (con motoscafi, barche, barconi... ) che va crescendo ogni anno, può rendere tangibile la salvaguardia della pesca locale che attualmente è in forte crisi e rischia di scomparire per la concorrenza di marinerie più attrezzate che scorrazzano nel nostro mare ( sembra strano che l’avv. Pajno non si sia accorto che la marineria milazzese opera abitualmente nel nostro mare e spesso il pesce che si vende nelle nostre pescherie – pesce spada, tonno, ma anche acciughe, ecc. - arriva proprio dai rivenditori milazzesi che dopo averlo pescato da noi ce lo rimandano con le navi).
Questa esperienza dell’AMP permetterebbe di sconfiggere alcune leggende metropolitane che si sono diffuse negli ultimi anni grazie anche alla connivenza di amministrazioni locali poco interessate alla salvaguardia della natura come la tesi che il riconoscimento del sito Unesco abbia provocato meccanicamente la chiusura delle cave di pomice ed il licenziamento dei dipendenti (mentre era notorio da tempo che la concessione delle cave sarebbe scaduta nel 2001 e si sono volutamente lasciate cadere opportunità alternative di valorizzazione dei territori), e che il parco terreste favorirebbe l’abbandono delle campagne perchè non consentirebbe la loro coltivazione. In realtà ciò che incombe sull’arcipelago eoliano è l’abbandono e la devastazione di monumenti naturali e culturali di grande rilevanza a cominciare dalle aree vulcaniche che sono quelle che hanno garantito alle Eolie il riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità, ed il proliferare di una speculazione edilizia endemica che continua ad imperversare malgrado l’esistenza di un piano paesistico cancellando ogni carattere distintivo e banalizzando ed omologando ogni ambiente e costruzione.
 Non ho voluto rispondere a tutte le osservazioni dell’avv. Pajno ma solo battere un colpo per dire che c’è anche chi la pensa diversamente e cominciare ad esporne le ragioni.  Nei prossimi giorni ci sarà la possibilità di intervenire ancora e spero che lo facciano anche amici più preparati di me sull’argomento.

 Michele Giacomantonio

A Tropea in un convegno la storia delle donne di mare eoliane

Il 10 ottobre, al Museo Diocesano di Tropea, la storia delle donne eoliane che pescavano, remavano, navigavano nelle acque del Mediterraneo diverrà oggetto di studio e riflessione per gli studenti della terra calabra nel contesto del convegno-studio "Il viaggio".
 E’ il mondo del mare rappresentato non come il luogo privilegiato del lavoro degli uomini ma declinato al femminile, attraverso il ricordo di donne che hanno pescato di giorno e di notte. Donne che hanno avuto il coraggio e la capacità di svolgere il mestiere duro e antichissimo della pesca.
Alla narrazione dei loro difficili vissuti faranno da controcanto le storie meravigliose dell’immaginario insulare, con le seducenti figure delle streghe dell’arcipelago.
Al convegno parteciperà anche Macrina Marilena Maffei l’autrice dei libri "Donne di mare” e "I confini irreali delle Isole Eolie”. Due opere dove trova, per l'appunto, spazio la narrazione di questa attività delle donne eoliane di un tempo, sia dal punto di vista reale che della cultura popolare che, in alcuni frangenti, sfocia nell'esoterico.

E' deceduto Vito Piemonte. Messa di suffragio Sabato a Canneto

La Voce Eoliana "Sia la popolazione, la gente comune a dire si o no all'AMP delle Eolie"

Riceviamo dall'Associazione La Voce Eoliana e pubblichiamo:
Area Marina Protetta e lezioni di canto.
Abbiamo letto di “note stonate” circa la problematica della AMP che si vorrebbe istituire alle Eolie; con disarmante semplicità ivi si invitano gli “stakeholders” (certo, usare l’italico idioma “parti interessate” avrebbe comportato una caduta di stile) a confrontarsi partendo comunque dall’assunto che l’AMP debba in ogni caso essere istituita ed il confronto circoscritto a …limitare i danni.
E’ un pò come chiedere al virus di infettare il soggetto e poi discutere della cura dopo aver rinunciato a prevenire l’infezione!
Noi siamo invece del parere che debba essere la popolazione, la gente comune che giorno dopo giorno vive ed opera alle Eolie, che conosce scoglio per scoglio e pietra dopo pietra il proprio territorio e le sue risorse che debba pronunciarsi se istituire o meno la AMP pur nella consapevolezza che le Eolie sono inserite nell’elenco dei territori di cui alla legge istitutiva delle AAMMPP.
Ma tale circostanza non comporta comunque un destino ineludibile, le norme si creano, si attuano, si modificano, si abrogano.
La rassegnazione è segno di debolezza. Ciò detto, siamo lieti di leggere che di esperienze negative, così come di positive, circa le AAMMPP già istituite si possano portare esempi, ma ciò che ci aspettiamo di leggere è proprio di tali positivi riscontri che non provengano da soggetti interessati.
Pare invece che gli studi indipendenti (Vds. la ricerca effettuata dalla Università di Padova nel 2010, da noi già citata nel corso del nostro primo intervento sull’argomento) non trovino estimatori. Chissà perché! Eppure la teoria degli “scontenti” si allunga ogni giorni che passa:
“ISOLE TREMITI. IL COMUNE DECIDE DI TOGLIERE I VINCOLI AL PARCO CHIEDENDONE LA RIPERIMETRAZIONE PER IL RIPRISTINO DELLE ZONE CONTIGUE. LA RISERVA, SPIEGA IL CONSIGLIERE COMUNALE GIUSEPPE SANTORO, DEVE ESSERE TUTELATA NEL RISPETTO DELLA LEGGE MA SALVAGUARDANDO I BISOGNI DEI CITTADINI, IL LORO LAVORO. NEGLI ULTIMI ANNI SI E’ ASSISTITO AD UNA PROGRESSIVA RIDUZIONE DEL FLUSSO DEI DIPORTISTI. NUMEROSI OPERATORI LOCALI HANNO RINUNCIATO AD INCREMENTARE LA PROPRIA ATTIVITA’, ALCUNI SONO STATI COSTRETTI A CHIUDERE”.
Facciamo terrorismo? O non invece informazione? Vogliamo parlare anche del parco dell’Arcipelago della Maddalena (con perimetrazione a mare)? Di tempo, e voglia, ne abbiamo da vendere!
Ci confortano le centinaia di telefonate ricevute in questi pochi giorni da cittadini di ogni isola (anche da Salina) che stanno prendendo coscienza del problema e che vogliono supportarci in questo nostro impegno divulgativo che l’amministrazione comunale liparese insiste invece nell’ ignorare atteso che sino ad oggi il Sindaco non ha dato riscontro alla nostra richiesta per un incontro con la cittadinanza.
Accogliamo invece con favore l’iniziativa del Presidente del Consiglio Comunale di Lipari, Geom. Sabatini, che ha promosso per domani, sabato 08, ore 10,00 presso l’aula consiliare, un incontro con la popolazione e le categorie interessate per dibattere democraticamente l’argomento AMP. Se ce ne sarà data l’opportunità informeremo in tale occasione coloro che riterranno di intervenire sul “modello Egadi”, cui pare le amministrazioni eoliane vorrebbero ispirarsi.
Lasciateci però il sospetto che non ne abbiano acquisito diretta conoscenza. Noi accorderemo quindi le nostre note, ad altri l’invito ad approfondire gli studi sulla “chiave di violino”.
Associazione La Voce Eoliana

Festa Madonna del Rosario a Lami. I ringraziamenti di Don Giovanni Profilio

FESTA MADONNA DEL ROSARIO IN LAMI
Con questa celebrazione si conclude la festa religiosa, e, come il primo giorno della novena ho dato ai presenti il benvenuto, questa sera voglio ringraziare tutti voi che avete partecipato alla processione e alla celebrazione dell’eucaristia e che insieme, ad una sola voce, avete lodato e pregato la Madonna del Rosario che oggi festeggiamo.
Ringrazio anzitutto padre Lio Raffaele che per tante sere ci ha richiamati verità di fede che forse a volte ci sfuggono, invitandoci ad una revisione di vita; mi auguro che sia il seme buono gettato in terreno buono.
Ringrazio il vicario generale che ci ha onorato con la sua presenza; ha accompagnato la Madonna lungo la via della borgata ed ha presieduta la solenne celebrazione di chiusura della festa.
Un ringraziamento particolare ai parrocchiani emigrati in Australia ( tanti quest’anno sono presenti) non solo per le offerte che hanno inviato, ma principalmente perché una volta ancora hanno dimostrato tanto affetto verso di noi e tanta devozione verso la Madonna.
Ringrazio il gruppo della divina Misericordia di Pirrera e tutti coloro fratelli e sorelle delle parrocchie vicine che sono stati presenti durante il novenario ed in modo particolare (sempre numerosi) quelli di Canneto.
Ringrazio tutti coloro che si sono impegnati in vari modi per la buona riuscita della festa: il comitato dei festeggiamenti, gli animatori liturgici, i portatori della statua.
Ed un augurio a tutti i presenti (me compreso) che un altro anno possiamo ritrovarci in questa stessa chiesa a festeggiare nuovamente la Madonna che fra qualche ora tornerà la in alto.
Poi la chiesa si svuoterà, le luci si spegneranno, domani, il nuovo giorno, per i cento parrocchiani, riprenderà la sua monotonia; ma spero che l’entusiasmo di questa sera non si spenga mai e ricordo: oggi è festa, anche domenica sarà festa, ogni domenica è festa, e la porta della chiesa è spalancata per tutti; spezzate la monotonia della settimana, la Madonna vi attende per ripetervi: vi voglio il bene dell’anima, voglio che siate felici, voglio proteggervi, pregherò per voi, assieme a voi e per noi sarà motivo di conforto, di consolazione e di speranza perché sappiamo che con Lei cammineremo insieme verso la libertà; ed ora la salutiamo con la preghiera a lei tanto cara: Salve Regina…
Regina del Santo Rosario, prega per noi.
Il Parroco
Sac. Giovanni Profilio

Maltempo, sospesi i collegamenti con le navi veloci sulla Milazzo-Eolie

Siremar rende noto che a causa del persistere delle avverse condizioni metereologiche le navi veloci “Isola di Stromboli” e “Isola di Vulcano” in servizio sulla rotta Milazzo-Eolie sono state costrette a fermarsi a Lipari

"Pescando" nell'archivio video di Eolienews: Documentario francese sulle Eolie (seconda parte) Audio: Jean Claude Lemoine

Trentacinquesima puntata della nostra rubrica. Oggi:Documentario francese sulle Eolie (seconda parte) Audio: Jean Claude Lemoine

Accadde oggi...alle Eolie e nel mondo

7/10/2011
Per l'ospedale e per il punto nascite corteo di protesta a Lipari
http://eolienews.blogspot.it/2011/10/per-lospedale-e-per-il-punto-nascite.html

7/10/1985
Il caso Achille Lauro
Il 7 ottobre 1985 un commando palestinese del Fronte di liberazione della Palestina di Abu Abbas,mescolatosi tra i passeggeri, blocca la nave da crociera italiana «Achille Lauro», appena salpata da Alessandria d’Egitto. I quattro terroristi prendono in ostaggio i 201 crocieristi e i 344 uomini che costituivanoil personale di bordo. Minacciano di far saltare la nave con tutti gli ostaggi se non vengono liberati 52 palestinesi detenuti in Israele.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 7 Ottobre

Buon Compleanno a Giovanna Giuffrè, Giulia Ziino, Serena Zaouali, Ivano Favaloro. All'amico e vice-sindaco di Lipari, avvocato Gaetano Orto un augurio particolare di Buon Compleanno 

Workshop "Futurelights...sulla riqualificazione delle cave di pomice": Il video della relazione del 3° gruppo di lavoro

Proseguiamo, grazie a Matteo Salin di Eolnet, nella pubblicazione degli interventi al workshop sulla riqualificazione delle cave di pomice. Oggi: Il video della relazione del 3° gruppo di lavoro

Oggi è Venerdì 7 Ottobre. Buongiorno agli amici di Eolienews con questa cartolina dalle Eolie

Vulcano e sullo sfondo l'Etna innevata

giovedì 6 ottobre 2016

Trasporto scolastico gratuito: via libera alla presentazione delle istanze

COMUNE DI LIPARI 

PROVINCIA DI MESSINA 

“Eolie, patrimonio dell’umanità” 

Assessorato alla Pubblica Istruzione


AVVISO

Si porta a conoscenza della cittadinanza che, anche per l'anno scolastico 2016/2017, entro i limiti delle risorse finanziarie disponibili, al fine di assicurare e facilitare la frequenza scolastica e l’accesso al diritto allo studio, sarà garantito il servizio di trasporto scolastico gratuito in favore degli studenti delle scuole primarie e secondarie residenti nel Comune di Lipari. 
Gli interessati possono presentare richiesta del beneficio in questione con decorrenza immediata ed entro il termine del 30/11/2016, mediante la compilazione di apposito modulo disponibile presso l'Ufficio Pubblica Istruzione di questo Comune o scaricabile dal sito istituzionale
www. comunelipari.gov.it.
Il servizio di trasporto scolastico decorrerà a partire da lunedì 17 ottobre c.a.. 
Ogni ulteriore informazione in merito sarà fornita dall’Ufficio Pubblica Istruzione (c/o Biblioteca Comunale, sita a Lipari in Via Garibaldi), aperto al pubblico la mattina dal lunedì al venerdì compreso, dalle ore 9,30 alle 13,30, e i pomeriggi del martedì e giovedì dalle ore 16 alle 18. 

Dalla Residenza Municipale, 06 Ottobre 2016

Il Campo boe a Santa Marina Salina. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


Crocetta a Lipari: "Su Punto nascite non abbasso la guardia" e promette bonus per partorienti fuori dalle isole e ospedale efficiente. Il nostro parere? C'è puzza di campagna elettorale!

Il presidente Crocetta durante la conferenza di stamani a Lipari ha affermato: "Su Punto nascite non abbasso la guardia" E, intanto, promette bonus,(3.000 euro) per le donne che partoriscono fuori dalle isole ed un ospedale efficiente.
Il nostro parere? Visti i precedenti aspettiamo i risultati....e non nascondiamo che abbiamo respirato una certa aria o puzza) di "campagna elettorale"...perchè anche alla Regione le elezioni sono in dirittura d'arrivo.
Felici...comunque di essere smentiti! 
IL VIDEO DI QUESTA PARTE DELL'INTERVENTO DI CROCETTA:

Previsioni meteomarine Eolie a cura di Giuseppe La Cava. Previsti rovesci di moderata intensità ed isolati temporali

A partire dalla tarda mattinata di Venerdi 7 fino al pomeriggio si prevede alle Eolie il veloce passaggio di rovesci di moderata intensità ed isolati temporali.PER AGGIORNAMENTI VISITATE LA PAGINA FACEBOOK www.facebook.com/meteoeolie

Chiofalo: "Contro abbandono indiscriminato rifiuti urge sistema di videosorveglianza"

Riceviamo e pubblichiamo:
Continuano ad essere pubblicare foto che testimoniano l’indecente abitudine di qualche liparese ad abbandonare ogni tipo di rifiuto per le strade e negli anfratti del paese in cui vive. Nonostante i ripetuti appelli, il miglioramento del servizio di raccolta (finita la stagione estiva) ed un centro gratuito a Canneto in cui conferire i rifiuti “speciali” e ingombranti, la situazione non migliora.
Credo, dunque, che l’unica soluzione rimasta per scoraggiare tali inqualificabili e diffusi comportamenti sia quella di dotare il paese di un efficiente sistema di videosorveglianza che copra il centro storico e tutte le aree “sensibili”. Un tale controllo sarebbe un aiuto decisivo anche per la polizia municipale, impegnata, con forze non sufficienti, a far rispettare le ordinanze di limitazione al traffico e di occupazione di spazi pubblici.
Se ne parla da tanto senza esito: chi ha paura di questa soluzione...?
CORDIALMENTE
Luca Chiofalo

Il presidente Crocetta incontra la stampa a Lipari. In questo video parla di trasporti, destagionalizzazione, precari, Filicudi e opere finanziate nel Patto

Si è tenuta stamane al Comune di Lipari la conferenza stampa del Presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta. Erano presenti, oltre al sindaco Giorgianni e alla stampa, tutti gli assessori ad eccezione del vice-sindaco Orto, assente per improrogabili motivi di lavoro. Nutrita anche la presenza delle varie forze dell'ordine ubicate sul territorio
Prima dell'incontro con la stampa Crocetta si è soffermato con il sindaco Marco Giorgianni, il presidente del consiglio comunale Adolfo Sabatini. Presente anche il collaboratore volontario del primo cittadino, Pippo Santamaria che Crocetta nella conferenza ha definito "il sindaco di Filicudi"
Il Governatore, che ha poi incontrato i consiglieri comunali,  ha poi proseguito per Filicudi dove domani si terrà una conferenza di servizi per il porto.
In questo primo video vi particolare vi proporremo i passaggi relativi trasporti, destagionalizzazione, precari, Filicudi e opere finanziate nel Patto

Area Marina Protetta. Presidente Sabatini avvia confronto con tutte le categorie interessate. La riunione sabato 8 Ottobre


A Lipari domani prima giornata formativa della polizia municipale

L’ANVU CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI LIPARI ORGANIZZANO “I^ GIORNATA FORMATIVA DELLA POLIZIA MUNICIPALE” PRESSO CITTA’ DI LIPARI 
Chiesta dell’Immacolata al Castello 
Venerdì 7 Ottobre 2016 
– ORE 9.00 – 14.00 
Programma 
ore 09:30 Accreditamento partecipanti 
ore 10:00 Indirizzo di saluto delle Autorità: - Marco GIORGIANNI - Sindaco del Comune di LIPARI - Ersilia PAJNO - Assessore Turismo-Spettacolo e Sport del Comune di LIPARI - Emanuele CRESCENTI - Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto - Nicola SALVATO - Presidente Nazionale ANVU Apertura dei lavori Coordina i lavori : Pietro SESTITO – Commissario ANVU-SICILIA 
Inizio Giornata di Studio Ore 10.30 - RELATORE: Osvaldo BUSI – Ufficiale della P.M. di Palermo - Esperto in diritto dell’ambiente “La videosorveglianza e il contrasto all'abbandono dei rifiuti”; 
Ore 12.00 Coffee break 
Ore 12:30 - Presiede Giovanni Battista D’Amico - Sub-Commissario ANVU-SICILIA “SUAP e Polizia Amministrativa: normativa, controllo e sistema sanzionatorio”. il ruolo e le competenza dell’Agente di PL con particolare riguardo alla regione Sicilia”; 
RELATORE: M. Teresa CASTANO – Comandante di P.M. Capo d’Orlando – Esperto in commercio e tributi – Sub Commissario ANVU Sicilia 
Ore 14:30 – fine lavori e consegna attestati ai partecipanti  
La partecipazione all’evento è GRATUITA. 

Workshop "Futurelights...sulla riqualificazione delle cave di pomice": Il video della relazione del 2° gruppo di lavoro

Proseguiamo, grazie a Matteo Salin di Eolnet, nella pubblicazione degli interventi al workshop sulla riqualificazione delle cave di pomice. Oggi: Il video della relazione del 2° gruppo di lavoro

"Pescando" nell'archivio video di Eolienews: Documentario francese sulle Eolie (prima parte) Audio: Jean Claude Lemoine

Trentaquattresima puntata della nostra rubrica. Oggi:Documentario francese sulle Eolie (prima parte) Audio: Jean Claude Lemoine

Accadde oggi...alle Eolie e nel mondo

6/10/2014
Lipari. Scoperta, grazie a mini-sommergibili, una nave affondata 2000 anni fa C’era anche un altare per i sacrifici e tante anfore.
Leggi la notizia su http://eolienews.blogspot.it/…/lipari-scoperta-grazie-mini.…

6/10/1928
Chiang Kai-Shek diventa Presidente della Repubblica Cinese
Il leader del partito nazionalista cinese, KMT, Chiang Kai-Shek diventa Presidente della Repubblica Cinese. La sua azione di governo è tesa a debellare gli oppositori interni, soprattutto i comunisti. E quando questi vincono la guerra civile, nel 1949 Chiang Kai-shek fugge a Taiwan, fondando la Repubblica di Cina, più nota come Repubblica di Taiwan, e guidando il governo dell’isola per venticinque anni. Nonostante la costituzione sia democratica, il Governo di Chiang Kai-shek è di fatto autoritario. Nel contesto della Guerra Fredda, gran parte del mondo occidentale riconosce la Repubblica cinese di Taiwan come l’unica ad aver diritto di essere rappresentata alle Nazioni Unite e in altre organizzazioni. Chiang Kai-shek rimane presidente fino alla sua morte nel 1975.


6/10/1981
Presidente Sadat, ucciso dagli estremisti islamici
Nel corso di una parata militare al Cairo estremisti islamici uccidono il presidente egiziano Anwar Sadat. Con un'iniziativa coraggiosa Sadat, nel 1977, si era recato a Gerusalemme per cercare con Israele una soluzione pacifica stabile per il Medio-Oriente. La visita era stata considerata un oltraggio da gran parte del mondo arabo, ma il presidente aveva continuato nella sua politica di relazioni pacifiche con il vicino stato ebraico. Nel settembre 1978 incontrava il premier israeliano Begin negli Stati Uniti, dove negoziava gli accordi di pace sanciti nel successivo trattato del 1979. Per questo risultato, i due statisti ricevettero entrambi nel 1978 il premio Nobel per la pace.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 6 Ottobre

Buon Compleanno a Virginia La Greca, Christa Schneider, Enzo Virgona, Sonia Zavone, Santi Villari, Francesco Squadrito, Jessica La Greca,Enrico Albergo e Gabriele Casali

Crocetta in viaggio verso Lipari

Arriverà alle 10 e 35 a Lipari il presidente della Regione, Rosario Crocetta. 
Il governatore è, al momento, a bordo dell'aliscafo Eraclide della Libertylines comandato da Gianfranco Parisi.
Crocetta raggiungerà poi il palazzo di piazza Mazzini dove incontrerà il sindaco e gli amministratori e a seguire la stampa.
Proseguirà poi per Filicudi.

Federalberghi su Area Marina Protetta: "Si apra confronto serio tra gli stakeholder basato su elementi concreti"

Riceviamo e pubblichiamo
La Federalberghi Isole Eolie, a seguito di alcune note stonate pubblicate sui notiziari online relativamente alle paventate disgrazie connesse all’istituzione dell’Area Marina Protetta delle isole Eolie lancia un appello chiedendo che si apra un confronto serio tra gli stakeholder basato su elementi concreti.
“Non ha senso – ha dichiarato il presidente Christian Del Bono – erigere barriere tra i pro e i contro. Si apra un dibattito onesto sulla base di una proposta di perimetrazione, regolamentazione e governance della costituenda AMP. Tale documentazione è auspicabile che venga prodotta dalle amministrazioni eoliane sulla base di un adeguato supporto scientifico”.
“Continuare a dibattere – ha aggiunto – in assenza di una proposta concreta significherebbe indugiare in esercizi dialettici di scarsa rilevanza e concretezza”. Si possono, infatti, portare diversi esempi positivi e negativi di AMP che funzionano e sono ben viste dagli abitanti e dagli amministratori locali e di altre che vengono vissute come un’inutile integrazione di vincoli e burocrazia.
“Si abbia, inoltre, il coraggio – ha insistito Del Bono – di decidere se si desidera iniziare a dotarsi e ad utilizzare in modo efficacie degli strumenti di pianificazione e gestione dello sviluppo oppure se si preferisce lasciare tutto al caso nella speranza che il turismo vada, come per magia, a gonfie vele”.
“Facciamo, pertanto, un appello al senso di responsabilità dei politici, degli amministratori locali e dei rappresentanti dei portatori di interesse affinché promuovano l’assunzione di atteggiamenti privi di ideologie e posizioni preconcette in favore di un’analisi oggettiva sulle opportunità e i vincoli derivanti dall’istituzione dell’AMP delle Isole Eolie così per come auspichiamo ci venga al più presto sottoposta”.
“Non possiamo, quindi, nascondere – ha concluso il presidente degli albergatori eoliani - tutte le nostre perplessità circa la dead line del 9 novembre stabilita dall’Assessore Regionale Croce, da ritenersi del tutto inadeguata per la redazione di una proposta condivisa ed ufficiale di AMP”.
Federalberghi Isole Minori della Sicilia
Federalberghi Isole Eolie

Oggi è Giovedì 6 Ottobre. Buongiorno ai lettori di Eolienews con questa cartolina dalle Eolie


Alba a Stromboli

mercoledì 5 ottobre 2016

AVEVANO CREATO PISTA DA CROSS A MONFORTE S. GIORGIO IN 5 DENUNCIATI DAI CARABINIERI (FONTE: ARMA CARABINIERI)

LEGIONE CARABINIERI “SICILIA”
Comando Provinciale di Messina
Comunicato stampa del 5 ottobre 2016
Compagnia di MILAZZO
CARABINIERI. AVEVANO CREATO PISTA DA CROSS. 5 DENUNCIATI.

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Monforte San Giorgio, a conclusione di una complessa attività investigativa hanno deferito in stato di libertà 5 soggetti italiani ritenuti responsabili a vario titolo di aver costituito una pista in terra battuta per esercitazioni da moto cross. Nei guai sono finiti i due proprietari del fondo, M.T. classe ‘30 e I.A.M.E. classe ‘59, nonché i tre conduttori del fondo, M.G.N. classe ‘80, B.G. classe ‘92 e C.P. classe ‘81.
L’attività d’indagine condotta unitamente a personale del Distaccamento di Rometta del Corpo Forestale della Regione Siciliana e dell’Ufficio Tecnico del Comune di Monforte San Giorgio, ha consentito di appurare che i predetti, mediante la movimentazione della terra (anche con variazione delle quote altimetriche) in un’area ubicata nella contrada Santa Fraga del Comune di Monforte San Giorgio, classificata agricola nel piano urbanistico dell’Ente, avente un’estensione di metri quadri 11.000 circa, hanno creato una pista in terra battuta per le esercitazioni alle competizioni di motocross.
La movimentazione della terra è avvenuta senza porre in essere nemmeno una corretta ed efficace regimentazione delle acque meteoriche.
Nel corso degli accertamenti è emerso che la realizzazione della pista da motocross è avvenuta in un’area sottoposto a vincolo paesaggistico, ricadente nella fascia di rispetto di 150 metri dall’alveo del torrente Niceto, con il quale la pista confina e dal quale si accede mediante un varco praticato nel muro d’argine del torrente, ove è stato apposto un cancello in ferro.
E’ emerso, ancora, che il fondo interessato dalla realizzazione della pista da motocross, ricade in un’area percorsa dall’incendio di vaste proporzioni verificatosi nella zona il 16.06.2016.
Gli interessati sono risultati sprovvisti oltre che dell’autorizzazione paesaggistica anche della preventiva autorizzazione alla movimentazione del terreno ai fini del vincolo idrogeologico, che avrebbe dovuto concedere la competente autorità forestale.

L’area è stato sottoposta a sequestro preventivo, in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.

Le ”Olimpiadi dei First Responders - Soccorsiadi 2016” a Castellana Sicula : Le foto di Bartolo Ruggiero (III° parte)







Turista in crociera perde la vita nel mare di Lipari

Un turista francese, di circa 70 anni, ha perso la vita quest'oggi nel mare di Lipari. 
L'uomo, che da quanto apprendiamo è stata colto da malessere, a quanto pare un infarto, si trovava a bordo dell'imbarcazione da crociere "Le Ponant" che aveva gettato le ancore stamane nel tratto di mare antistante Marina Corta.
Al momento sono in corso le operazioni di trasferimento dello sfortunato turista dalla nave all'obitorio del cimitero di Lipari dove - come da prassi - resterà a disposizione dell'Autorità giudiziaria che è stata informata del tragico accaduto

Brolo: arrestato dai Carabinieri un 49enne per maltrattamenti in famiglia (Fonte: Arma Carabinieri)

LEGIONE CARABINIERI “SICILIA”
Comando Provinciale di Messina
__________

Comunicato stampa del 05 ottobre 2016
Compagnia di Patti
Brolo: arrestato dai Carabinieri un 49enne per maltrattamenti in famiglia.        
In data 4 settembre, a Brolo, nel corso della notte, i militari della Stazione Carabinieri di Piraino deferivano in stato di arresto, nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia, tale Todaro Cono, orlandese, classe 1968. La pattuglia della stazione, allertata da una telefonata al numero di emergenza 112 che segnalava una lite tra coniugi, si recava immediatamente nel vicino Comune, sorprendendo il soggetto nell’atto di proferire violentemente minacce e insulti nei confronti della consorte. Il tempestivo intervento e la professionalità dei militari operanti consentivano di gestire una situazione così delicata senza ulteriori conseguenze, ricostruendo la vicenda e procedendo immediatamente all’arresto. Nel corso della successiva mattinata si è celebrato il rito direttissimo presso il Tribunale di Patti, conclusosi con l’applicazione al Todaro della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare con relativo divieto di avvicinamento alla vittima ed ai luoghi dalla stessa frequentati.