Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

domenica 31 dicembre 2017

Gli auguri del sindaco e del presidente del consiglio comunale di Lipari



Il 2018...è già lì

E' già il 2018 in alcune zone del mondo. Sydney in Australia e Auckland in Nuova Zelanda sono state tra le prime metropoli a brindare al nuovo anno. E mentre tutti gli altri si preparano alla notte di San Silvestro, è già Capodanno anche in Polinesia e nelle isole del Pacifico, incluse Samoa, Tonga e Kiribati.
Fuochi d'artificio e 1,5 milioni di persone a festeggiare: così Sidney ha accolto l'arrivo del 2018 tra ingenti misure di sicurezza e un'enorme folla di turisti arrivati nella città. Fuochi d'artificio per l'1 gennaio anche a Auckland, dove splendidi giochi di luce sono stati sparati dalla Sky Tower, nel centro della città, tra le centinaia di persone

Recuperato da Don Lillo Maiorana il quadro davanti al quale pregava Madre Florenzia

(di Michele Giacomantonio) Questo è il quadro della Madonna degli Angeli che si trovava nella vecchia chiesetta di Pirrera quando Giovanna Profilio la futura Madre Florenzia fondatrice dell’Istituto delle Suore francescane dell’Immacolata Concezione di Lipari, ancora bambina, si fermava ore intere a pregare e contemplare la Vergine Maria. 
Lo ha ritrovato il Parroco don Lillo Maiorana nello scantinato della nuova chiesa e lo ha mostrato con orgoglio alle suore ed i fedeli convenuti il 30 dicembre scorso a Pirrera per celebrare i 144 anni dalla nascita di Madre Florenzia. 
Ora il quadro andrà restaurato e riproposto al culto dei fedeli in questo 2018 in cui si dovrebbe concludere positivamente la prima fase del processo canonico della Serva di Dio verso il riconoscimento della sua santità. Un grande traguardo per le Eolie.

Siremar informa. Regolare la corsa di stasera da Milazzo per Vulcano - Lipari e domani mattina sulla rotta inversa

Siremar rende noto che la corsa prevista per le 18,30 da Milazzo verso Vulcano e Lipari sarà coperta dalla motonave Paolo Veronese che garantirà nella mattinata di domani la partenza da Lipari.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 31 Dicembre

Buon Compleanno a Claudia Campagna, Gaetano Giuffrè, Valentina Agrip, Eleonora Digiglio, Stefano Iabichella, Luana Di Prima, Deby Cincotta, Jessica Alessi e Ivan Ferlazzo

La ” Nacatola Doc ” XII° edizione. Modalità di partecipazione

 La “Pro-loco Isole Eolie- Lipari” in concomitanza delle festività natalizie e per la valorizzazione e conservazione delle tradizioni eoliane organizza la XII Edizione del Concorso “ La Nacatola DOC”. La domanda di partecipazione al concorso prevede la compilazione di un apposito modulo scaricabile dalla pagina Facebook della ProLoco-Isole Eolie-Lipari.
La manifestazione si svolgerà il 6 Gennaio 2018 presso la Sala delle Lettere nel Corso Vittorio Emanuele di Lipari.
I partecipanti presenteranno i dolci nelle quantità, dimensioni e composizioni da loro ritenuti più opportuni.
A seguire una giuria selezionata procederà all’assaggio ed alla votazione sui seguenti criteri:
- Presentazione;
- Tecnica di preparazione e “pizzicata”;
- Gusto;
A seguire ci sarà la cerimonia di premiazione durante la quale sarà premiata la miglior “Nacatola” per le sue caratteristiche organolettiche, la “pizzicata” e la presentazione.
Per trasmettere la propria candidatura occorre inviare una e-mail ad info@eolieproloco.it con il modulo compilato o consegnarlo direttamente presso la sede della ProLoco al n.66 del Corso V. Emanuele di Lipari.
Contatti per info e candidature: info@eolieproloco.it, 0909880306 (sede)
SI COGLIE L'OCCASIONE PER AUGURARE BUONE FESTE

Navi ed aliscafi (LXXII° puntata)

Nelle foto di oggi: Antonello da Messina

Oggi è il 31 Dicembre. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Alba eoliana -
Santo del giorno: San Silvestro - 

San Silvestro I

San Silvestro nacque a Roma da Rufino e Giusta.
Morto il padre, Giusta si prese una cura speciale della sua educazione, ponendolo sotto la guida di Canzio, prete romano, affinchè lo formasse lla pietà e alle scienze.
Finiti gli studi, fu dal Papa San Marcellino ordinato sarcerdote e fu salda colonna nella Chiesa e faro luminoso per quei tempi di superstizioni e di pratiche ancora pagane.
Nel giro di pochi anni morirono i Papi S. Marcellino, S. Marcello, S. Eusebio e S. Melchiade, a cui Silvestro succedette. La Sede Romana aveva bisogno di un Papa di salda tempra e di grandi vedute per usufruire di quella pace che Costantino il Grande aveva dato alla Chiesa.
Sotto il suo pontificato furono combattute le due grandi eresie dei Donatisti col concilio di Arles e degli Ariani col concilio di Nicea.
Silvestro avrebbe ardentemente desiderato recarvisi personalmente, ma data la vecchiaia e le infermità dovette mandarvi i suoi legati. Provvide ai bisogni di tutto l'orbe cattolico, ma Roma era la città che attirava in special modo le sue cure. La cristianità, uscita allora dalle Catacombe, abbisognava di chiese pei Divini Misteri, e Silvestro fece edificare otto basiliche.
Stabilì regolamenti per le ordinazioni dei chierici, per l'amministrazione dei Sacramenti e per il soccorso ai poveri.
Viveva parcamente per avere di che dotare le chiese ed aprire ricoveri di beneficenza.
Tra le opere di questo grande Papa è celebre l'appello che indirizzò agli Ebrei: « Ebrei, il tempo delle figure è passato ed è subentrato quello della realtà. Il Messia da voi atteso è venuto; il suo regno è stato costituito, si dilata, s'innalza e si sostiene. Negate ora se volete la luce del sole; ma certo non negherete la verità di questi fatti che splendono come il sole e che ogni giorno giganteggiano sempre più ». 
Esausto di forze per le continue infermità, dopo 22 anni di glorioso pontificato passò all'eterno riposo il 31 dicembre dell'anno 335.

PRATICA. Ringraziamo Dio del tempo datoci, chiediamogli perdono dei peccati commessi e proponiamo una vita migliore. 

PREGHIERA. Fa', te ne preghiamo, Dio onnipotente, che la solennità del tuo beato confessore e Pontefice Silvestro ci aumenti la devozione e ci assicuri la salvezza. 

MARTIROLOGIO ROMANO. A Roma il natale di san Silvèstro primo. Papa e Confessore, il quale battezzò l'Imperatore Costantino Magno, e confermò il Concilio di Nicèa, e dopo molte altre santissime opere si riposò in pace.

sabato 30 dicembre 2017

L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud

Calcio a 5. Solo un pari casalingo per la Ludica Lipari

Solo un pari casalingo per 9 a 9 questo pomeriggio per la Ludica Lipari, impegnata nell'incontro di recupero del campionato di C1 di calcio a 5, con l'Acron Savoca. A segno Sabihi (5), Mario Puglisi (3), Groppo


L’intervento del presidente Blandina sull’Autorità portuale: «L’attuazione della riforma dei Porti, con l’insediamento degli organi dell’Autorità di Sistema di Gioia Tauro, deve essere rinviata»

«La presa di posizione del presidente Musumeci sulla difesa dell’Autorità portuale di Messina e Milazzo – afferma il presidente della Camera di commercio, Ivo Blandina - impegna tutte le istituzioni e i portatori di interesse della Città Metropolitana ad assumere una linea precisa a tutela dell’economia del principale Sistema portuale della Regione. Emerge con grande evidenza, in una fase in cui proprio autonomia e piena funzionalità dell’Ente continuano a generare progetti di infrastrutture e investimenti per decine di milioni di euro, la grandissima potenzialità di crescita del cluster marittimo e portuale».
«Un sistema articolato in diversi ambiti produttivi - prosegue Blandina - con presenze significative sotto il profilo del valore generato e dei livelli occupazionali. L’industria cantieristica registra un incremento di commesse con riflessi sul proprio fatturato e su quello delle imprese dell’indotto, con riflessi positivi sull’occupazione di maestranze locali altamente specializzate; l’impresa armatoriale, con le compagnie di Navigazione impegnate nello Stretto e con le Isole minori, con presenze diversificate e significative nella navigazione veloce, nel cabotaggio e nelle Autostrade del Mare, comprese quelle impegnate nei servizi di Rimorchi; i terminalisti, gli operatori intermodali, gli spedizionieri e gli Agenti marittimi, gestori di attività di servizio e imprese portuali; provveditori di bordo, fornitori di bunker, servizi accessori. Un vero e proprio Cluster marittimo e portuale che vede impegnate imprese che si confrontano quotidianamente nel mercato internazionale dimostrando capacità competitive con i migliori operatori».
«Attività al servizio dei circa 10 milioni di passeggeri che utilizzano i nostri porti in arrivo e in partenza – aggiunge il presidente dell’Ente camerale - di circa 400 mila crocieristi, 6,5 milioni tonnellate di merci RO-RO , di 20 milioni di tonnellate di rinfuse liquide, di 300 mila tonnellate di prodotti siderurgici e merci convenzionali, di un milione di passeggeri nei collegamenti con le Eolie. Tutti settori che fanno registrare volumi in crescita e che richiedono una politica gestionale finalizzata al miglioramento complessivo delle prestazioni, in termini di efficienza e di livello di servizio congiuntamente al contenimento dei costi. Tutto ciò che, in definitiva, permette al nostro Sistema portuale di essere sempre più attrattivo attraverso la specializzazione delle infrastrutture e l’utilizzo opportunistico delle reti cui è connesso».
«Il Programma operativo triennale dell’Autorità Portuale, approvato dal Comitato portuale di cui fa parte la Camera di commercio di Messina, traccia una traiettoria di sviluppo attraverso una serie di investimenti distribuiti su tutti gli scali del Sistema – continua Blandina - gli interventi programmati per il triennio comportano un impegno di circa 317 milioni di euro. Pienamente sostenibili, come dimostrano i dati sulle risorse dell’AP: liquidità disponibile euro 134.000.000, avanzo di amministrazione euro 83.000.000, entrate correnti annuali euro 19.000.000, entrate per tasse portuali euro 15.000.000».
«L’attuazione della riforma dei Porti, con l’insediamento degli organi dell’Autorità di Sistema di Gioia Tauro, deve essere rinviata – conclude il presidente della Camera di commercio - bisogna consentire al nuovo Governo della Regione Sicilia di fare una analisi completa e di darsi una strategia sul sistema dei trasporti della Regione, definendo il nesso di coerenza con la pianificazione nazionale e dell’Unione Europea, alla luce degli assetti e dei bisogni di mobilità e di trasporto dettati dall’economia dell’Isola. Si deve permettere all’Autorità portuale di Messina e Milazzo di completare quelle attività previste nel POT 2018-2020 e che richiedono una totale autonomia per almeno altri 36 mesi. E’ necessario dare al nuovo Governo nazionale la possibilità di verificare lo stato di attuazione della riforma, così come previsto, e procedere alla rimodulazione delle Autorità di Sistema secondo le esigenze che emergono dai territori e dalla necessità di innalzare il livello di competitività del sistema portuale del Paese. Riteniamo, infine, anche, di poter rivendicare il diritto della nostra comunità a partecipare attivamente alle scelte che si riflettono in modo così determinante sull’ecosistema economico marittimo e portuale. La Camera di commercio di Messina, quale sintesi del mondo produttivo e del lavoro della Città Metropolitana, interpreterà in tal senso la propria missione istituzionale».

L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud


I festeggiati di oggi, 30 Dicembre

Auguri di Buon Compleanno ad Andrea Favaloro che compie 26 anni.
Ed ancora ad Andrea Marino, Ilaria Massarelli, Ivana Furnari, Vincenzo Malalana, Mirko Lazzaro, Jessica Carmen Pietracatella, Rita Quadara

Calcio a 5 maschile. In campo oggi al Freeland la Ludica Lipari

Si gioca oggi alle 15 al Freeland l'incontro di recupero del campionato di C1 di calcio a 5 tra la Ludica Lipari e l'Acron Savoca.
Per i padroni di casa è fondamentale la conquista dei tre punti per invertire la rotta di un campionato che, sino ad ora, è stato caratterizzato più da ombre che da luci.
Si confida nell'apporto del pubblico

E vinni lu Bambinieddu (Foto 5° parte di 5)

Al via a Gennaio i lavori di prolungamento del molo e livellamento fondali ad Alicudi. L'ordinanza del Circomare

Per visualizzare integralmente l'ordinanza cliccare su questo link. https://www.sfogliami.it/fl/160727/7vd5f8epe5rnbgfbz7nhnp4qj6jb8f7
E' possibile "sfogliare" l'ordinanza cliccando sul margine sinistro in basso della foto che si apre

Oggi è Sabato 30 Dicembre. Buongiorno ai lettori di Eolienews con questa cartolina dalle Eolie

I bellissimi colori di Marina Corta dopo la pioggia 
(Foto: Gaetano Di Giovanni) -
Santo del giorno: Sant'Eugenio di Milano


Sant' Eugenio di Milano

Non si hanno notizie certe su di lui, da Landolfo Seniore sappiamo che si trattava di un vescovo venuto in Italia al seguito di Carlo Magno, di cui era anche padre spirituale.
A lui venne attribuito il merito di aver difeso, durante un concilio a Roma, il Rito ambrosiano, contro i tentativi di abolirlo fatti da papa Adriano I e dallo stesso Carlo Magno. Per dirimere la questione i padri riuniti in concilio decisero di posare sull'altare della basilica di San Pietro i due messali romano e ambrosiano, dopo le porte della basilica furono chiuse e sorvegliate, e tutti pregarono e digiunarono per tre giorni. Quando furono riaperte le porte della basilica, i due messali erano ancora chiusi, ma miracolosamente si spalancarono tutti e due, ciò fu interpretato come un segno del Cielo che ambedue i riti avevano pari dignità.

venerdì 29 dicembre 2017

L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


Città Metropolitana di Messina, Conferenza stampa di fine anno del Commissario Francesco Calanna

Incontro con la stampa del Commissario straordinario Francesco Calanna per un consuntivo dei due mesi di attività, un tempo assai breve ma certamente molto intenso nel quale sono state affrontate le problematiche della rimodulazione del Masterplan, del bando periferie e quelle relative al bilancio dell’Ente.
Il Masterplan ed il bando periferie sono stati affrontai con la concertazione tra tutti gli Enti interessati, il CAS, l’ANAS, i Comuni del territorio, la Città di Messina, l’AMAM e con il coinvolgimento delle parti economiche e sociali. Su un totale di 129 interventi infrastrutturali previsti ben 109 sono stati inseriti nel GESPRO, in sistema informatico dedicato, 24 sono stati già validati e 17 sono in coro di validazione, pertanto solo 20 andranno rivisitati, da sottolineare che gli interventi dovranno essere appaltati e contrattualizzati entro il 31 dicembre 2019.
Altri 44 progetti del “Bando periferie” già dotati di tutti i requisiti previsti dalla normativa sono pronti a partire, con importanti ricadute economiche e occupazionali su tutto il territorio provinciale.
Per quanto concerne il bilancio, gli uffici stanno lavorando per la stesura finale del bilancio di previsione del 2017 che, di fatto, coinciderà con il consuntivo, per procedere rapidamente alla sua approvazione. Il risultato è stato ottenuto, oltre che per le importanti economie di bilancio realizzate, anche con l’utilizzo degli avanzi vincolati, consentito alle ex Province dal d.l. 50 del 2017 oltre alla possibilità di fare il bilancio su base annuale.

E vinni lu Bambinieddu (Foto 4° parte di 5)

Lipari: Si acquista veicolo per la polizia municipale nelle isole minori

Con la Det. 187/17 si è proceduto all' impegno di spesa e contestuale affidamento fornitura di un autoveicolo da destinare all'uso della polizia municipale nelle isole minori del Comune. Stanziati 11.109 euro

Lettore ci invia singolare e non proprio “moderna” ricevuta dell’Agenzia delle Dogane di Messina

Buongiorno Direttore,
giusto per far sorridere i suoi lettori, Le invio questa singolare ricevuta rilasciatami dall’Agenzia delle Dogane di Messina.
Come può notare, si tratta di un evidente tocco di modernità dell’Italia del 2018.
Cordiali saluti.
Antonino Picone

Due judoka eoliane impegnate in due importantissimi stage

(di Gaetano Bisazza) Sono due le atlete eoliane impegnate in due importantissimi stage che si svolgono in questa settimana.
Il primo a Bardonecchia dove il maestro Toniolo Pierangelo, insieme ai suoi fratelli Raffaele e Massimo, organizza uno stage con ben 800 atleti, provenienti da ben 15 nazioni diverse. Presenti ben 5 campioni olimpici più 12 atleti della nostra nazionale. A questo importante stage partecipa Federica Ferrara, sicuramente farà una esperienza indimenticabile che l'aiutera' a crescere sia nella vita privata che nel judo.
L'altro stage molto importante è stato organizzato a Napoli dal Comitato Campano. Il maestro Di Santo da anni sta portando avanti questa iniziativa per i giovani judoka. Ben 400 gli atleti, con i migliori campioni italiani presenti, da Fabio Basile a Odette Giuffrida.
A questo stage sarà presente, per il secondo anno consecutivo, Livoti Enya Sara. Anche per lei esperienza importante per accrescere il suo bagaglio tecnico visto anche che da gennaio sarà cadetta

Palazzo dei Leoni - Firma del protocollo d'intesa con l'INPS

Il Commissario straordinario della Città Metropolitana di Messina, Francesco Calanna ed il Direttore provinciale dell'Inps, Marcello Mastrojeni, alla presenza del Comandante della Polizia Metropolitana Antonino Triolo, hanno siglato stamani, a Palazzo dei Leoni, il protocollo d'intesa per l'affidamento dell'attività di notifica degli avvisi di addebito da parte dei messi provinciali o degli agenti di polizia metropolitana.
L’accordo, frutto della fattiva collaborazione tra i due Enti, impegna la Città Metropolitana a notificare, a titolo oneroso, per conto dell’INPS specificamente gli Avvisi di Addebito per i quali l’Ente di previdenza ha già effettuato uno o più tentativi di notifica, non andati a buon fine.
La convenzione, che avrà durata biennale, nasce per garantire maggiore legalità e migliore rispetto delle regole. “Grande sinergia tra Istituzioni per un’operazione di equità sociale” ha sottolineato il Dott. Mastrojeni, “si combattono i soggetti che scientificamente si sottraggono ai pagamenti, creando società fittizie, Pec che vengono dopo poco disattivate e domicili in posti che risultano irrintracciabili”. “Evasori che scaricano il costo del loro comportamento illegale sui cittadini onesti” ha aggiunto il Direttore provinciale dell’Inps, concludendo il suo intervento con il ringraziamento per la celere tempistica della realizzazione dell’accordo.
Il Commissario straordinario Calanna ha posto l’accento sulle molteplici attività che caratterizzano l’azione della Polizia Metropolitana, che vengono ulteriormente valorizzate da questo delicato servizio che servirà a combattere l’evasione, una piaga sociale. “Non vogliamo tartassare i cittadini” ha precisato il Commissario “cerchiamo di intercettare gli evasori, coloro che sfuggono con tecniche collaudate al pagamento di quanto dovuto”. “Il progetto virtuoso mira a raggiungere questi evasori, per pagare tutti e pagare meno”. In conclusione, il Commissario Calannna ha espresso grande soddisfazione per l’accordo raggiunto con l’Inps, che è un punto di riferimento per i cittadini e si avvale, nella Direzione provinciale di Messina, della guida ferma e competente del Dott. Marcello Mastrojeni.

PPI pediatrico e mancanza di cardiologi. Consigliere De Luca scrive alla Regione, all'ASP e al Sindaco

Al Presidente Regione Siciliana
Dott. Sebastiano Musumeci

All’Assessore alla Salute
della Regione Siciliana
Dott. Ruggero  Razza

Al Commissario ASP Messina
Dott.Gaetano Sirna

Al Signor Sindaco del Comune di Lipari
Marco Giorgianni
OGGETTO: PPI PEDIATRICO DI LIPARI E MANCANZA CARDIOLOGI
La salute dei bambini e dei cittadini delle Isole Eolie sono messi a dura prova da una mancanza di responsabilità e considerazione tali da compromettere il diritto alla vita.
Rappresenta  fonte di grande preoccupazione, da madre, cittadina e consigliere comunale, che all’albo pretorio del sito istituzionale dell’Asp Messina in data odierna non vi sia la minima traccia dell’atto deliberativo di proroga o di istituzionalizzazione del nostro Punto di primo intervento pediatrico.
L’ultimo riferimento normativo è la delibera n.2184/dg del 27/07/2017 con la quale si prorogava la chiusura del PPI Pediatrico succitato al 31.12.2017 ed appare fortemente mortificante dover attendere un atto come se fosse una concessione quando è indubbia l’importanza del PPI Pediatrico di Lipari.
E’ fondamentale sia per l’insularità territoriale, sia per il servizio erogato che registra annualmente una frequenza numerica enorme sia per la presenza di soli due pediatri che per differenti ragioni, condizioni meteo avverse e copertura del servizio su svariate realtà, non possono assicurare un’ assistenza continuativa ed adeguata alla nostra popolazione pediatrica.  
Il nosocomio eoliano è sprovvisto altresì delle Due unità di Cardiologia previste in organico, l’uno è in ferie e l’altro è solo sulla carta, per cui supplisce agli interventi di specie il Pronto soccorso in prima battuta e poi il reparto di medicina diretto dal Dott. Mario Paino.
Resta indubbio che così stando le cose urge una diversa interlocuzione dell’Amministrazione comunale con  l’Asp Messina che non ha prodotto, alla luce dell’odierna situazione,  i risultati concreti sperati e richiesti e disattese restano le previsioni della pianta organica che mettono a repentaglio la vita dei cittadini eoliani, troppo spesso legata ad un elicottero che può non arrivare.
Serve inoltre, a parere della scrivente, che con la presente richiedo, un incontro direttamente con l’Assessorato regionale a rappresentanza di una condizione ospedaliera liparese che va ridiscussa e riscritta (compreso il Punto nascita che a Pantelleria è stato possibile mantenere grazie alla sinergia dell’Ente locale pantesco, del Direttore dell’Asp Trapani e dell’Assessorato regionale siciliano).
Si richiede pertanto a chi di competenza di voler provvedere con urgenza a produrre atti ed azioni consequenziali al mantenimento/istituzionalizzazione del PPI Pediatrico di Lipari e all’invio immediato dei Medici Cardiologi previsti in organico.
Lipari, 29.12.2017                                                                                    

Il Consigliere Comunale
Tiziana De Luca

Il soccorso al dializzato di Salina. Ci scrive il dottor Mario Paino

Caro Salvatore,
con la stima di sempre desidererei drizzare il tiro ,se possibile,su recenti avvenimenti di buona sanita'non sempre adeguatamente rappresentati.
Mi riferisco al sistema di emergenza del 28 dicembre 2017 che non soltanto ha funzionato,ma che va elogiato,nel caso del dializzato di Salina,soccorso con grande professionalita'da tutte le componenti e felicemente portato a buon fine in condizioni estremamente proibitive.
Trattasi,come sai,di un intervento di emergenza richiesto da un concittadino residente nell'isola di  Salina,che necessitava di terapia dialitica in emergenza.
Le condizioni estremamente inclementi del tempo non hanno consentito il soccorso via mare alle motovedette e ai mezzi di linea.
Anche l'elisoccorso ,nella giornata del 28 dicembre,non ha potuto operare per mancanza delle condizioni minime di sicurezza nella nostra zona e ,per soccorrerlo,e' stato allertato un mezzo speciale.
Anche questo ha dovuto scontrarsi con la inclemenza del tempo e riuscendo comunque a prelevare il paziente,non e' riuscito a fare scalo né sull'isola di Lipari(dopo due tentativi di atterraggio non riusciti) ne a Milazzo.
L'ospedale di Lipari,opportunamente allertato,ha dato sempre la disponibilita' ad effettuare la prestazione di emergenza.
Alla fine l'unico scalo possibile e' stato quello di Messina,dove il paziente e' stato opportunamente trattato.
Credo che la vicenda vada considerata come un caso di buona sanita'e certamente va ringraziato il buon Dio che ha consentito comunque di non avere conseguenze,oltre che per il paziente anche per i  soccorritori,che come sai,in talune circostanze in altre realta',hanno perso la vita pur di prestare soccorso in condizioni estremamente proibitive e difficili come quelle del 28 dicembre.
Ingenerosi mi appaiono al riguardo anche taluni frettolosi giudizi apparsi sui social riguardo l'ospedale di Lipari che, nel silenzio generale, nello stesso giorno del 28 dicembre ha adeguatamente svolto in autosufficienza le proprie funzioni come tutte le componenti dell'emergenza sanitaria delle nostre isole. Anche se talvolta non riflettiamo al riguardo ,e'chiaro che mentre stiamo parlando e scrivendo,vi sono dei sanitari al pronto soccorso,nei reparti di degenza,nelle postazioni di 118 e nelle guardie mediche,che da due giorni operano ininterrottamente.
Credo che volere bene a queste isole voglia dire anche rappresentare la realta' in condizioni di stress-test come quello del 28 dicembre,che ha comunque dimostrato,al di la'di facili disfattismi,un sistema comunque efficiente pur nei limiti imposti dall'insularita'.
Dice Manzoni che talvolta i guai vengono perché vengono non perché ce li si e' cagionati e che solo la fiducia in Dio li rende utili per una vita migliore.
Guardiamo avanti ma senza buttare il bimbo con l'acqua sporca.
Con amicizia e stima per la lodevole opera che svolgi al servizio della obiettivita' dell'informazione.
Mario Paino  

NDD - Caro Mario, lungi da me l'intenzione di mettere in discussione l'efficienza del sistema di soccorso riferito alle vicissitudini del dializzato di Salina, così come dell'efficienza del personale medico e paramedico del nostro ospedale, dimastrata a più riprese.
Il pezzo, riferendo un fatto di cronaca, come avrai letto, voleva nelle conclusioni porre l'accento sulla necessità che il presidio ospedaliero di Lipari, dove già in atto vi sono operatori che operano con competenza e professionalità, debba essere rafforzato per fare fronte ad ogni evenienza (non parlo di quella di ieri) Perchè non sempre elicotteri e mezzi di linea o delle forze dell'ordine possono alzarsi in volo o prendere il largo. 
Con l'affetto e la stima di sempre
Salvatore Sarpi

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Davide Mollica, Mirko Favaloro, Laura Biviano, Giuseppe Imbruglia e Antonello Cortese

E vinni lu Bambinieddu (Foto 3° parte di 5)




"Omnia Traham". Rinviato a data da destinarsi. Rinviato al 4 Gennaio giro della Banda "S. Bartolomeo"

Causa condizioni meteo avverse l'evento "OMNIA TRAHAM" è rimandato a data da destinarsi.
L'assessore Ersilia Pajno comunica che, a causa del cattivo tempo, il previsto giro della banda musicale "San Bartolomeo" per le vie del centro storico di Lipari, in programma oggi, è rinviato al 4 gennaio.

Seconda edizione a Canneto del "Pranzo di Natale", organizzato dalla Caritas parrocchiale per chi si trova in difficoltà

Si è tenuta ieri, presso il Ritrovo Miramare, la seconda edizione del "Pranzo di Natale" organizzato dalla Caritas parrocchiale di Canneto. 
Una lodevole iniziativa che ha riunito, intorno alla tavola imbandita, diversi cittadini, di età diverse, che non attraversano un bel momento.
Un gesto concreto di attenzione nei confronti di quanti si trovano in difficoltà, un momento per vivere la tenerezza, l'amore fraterno, nella semplicità.
La Caritas di Canneto non è nuova ad iniziative a favore di chi si trova in difficoltà e dispensatrice di "piccoli, grandi aiuti" che vanno, ad esempio, dalla distribuzione di prodotti alimentari al vestiario e a tutto ciò che è possibile donare ai fratelli meno fortunati.

Lipari, pubbicata determina per acquisto attrezzature per manutenzione verde pubblico

Con la Determina 331/17 si è proceduto all' Impegno di spesa e contestuale affidamento alla ditta Edilcisa srl per l'acquisto di attrezzatura e materiale vario da utilizzare per la manutenzione di parchi, giardini e verde pubblico per un importo complessivo di € 3.424,50.

Navi ferme. Si muove qualche aliscafo

Siremar rende noto che a causa delle avverse condizioni metereologiche le partenze delle 6,30 della motonave Bridge e delle 7 della nave veloce Isola di Stromboli da Milazzo per le Eolie sono state annullate.
Qualcosa si muove per quanto riguarda gli aliscafi. Alle 8,10 un aliscafo, quello ormeggiato a Pignataro, è partito per Santa Marina Salina. Alle 9,30 partirà da Lipari per Vulcano e Milazzo

Oggi è il 29 Dicembre. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Alicudi (foto dal web) -
Santo del giorno: San Tommaso Becket - 

San Tommaso Becket

Tommaso nacque a Londra il 21 dicembre 1117. I suoi nobili genitori dotati di molta pietà lo allevarono con gran cura, e lo applicarono allo studio delle lettere nelle quali fece molto progresso.
Perduti i genitori ancora in tenera età, si appassionò per la caccia. Ma Gesù che lo aveva destinato ad essere una fiaccola della sua Chiesa, lo richiamò da quella vita dissipata liberandolo con un miracolo dall'affogare in un fiume durante la caccia al falcone. Studiò lettere e divenne avvocato, ma vedendo le ingiustizie che si commettevano, disgustato da quella professione, abbracciò la vita ecclesiastica ritirandosi a Canterbury.
L'Arcivescovo di questa città, vedendo i rari talenti di Tommaso, lo promosse arcidiacono della sua chiesa. Giunta la fama di lui alle orecchie del re d'Inghilterra Enrico II, questi lo volle presso di sé e lo elesse suo cancelliere.
Morto Teobaldo, arcivescovo di Canterbury, il re pensò subito di elevare a quella dignità il suo cancelliere, che dopo alcune resistenze accettò.
Ma le buone relazioni fra re e arcivescovo durarono poco, perché Tommaso lasciò il cancellierato e pose ogni studio per difendere i beni della chiesa usurpati dal sovrano.
Il re, mutato l'amore in odio, minacciò di deporre il santo Arcivescovo, qualora non avesse desistito dalla difesa dei diritti della Chiesa.
— Sono disposto e preparato non solo a perdere la dignità, ma anche la vita, piuttosto che mancare ai miei doveri — rispose il Santo.
Vedendosi abbandonato dagli stessi suoi prelati, per sfuggire la morte, si travestì e fuggi in Francia, ai piedi del Pontefice Alessandro III, pregandolo di accettare la sua rinunzia all'arcivescovado di Canterbury.
Enrico III intanto inviava lettere di pugno al re di Francia e al santo Pontefice, minacciando persino coloro che lo avevano accolto. Intervenuto un accordo tra il Papa, il re di Francia e quello d'Inghilterra, l'Arcivescovo potè tornare alla sua sede. Ma se fu ricevuto di cuore da quelli che lo amavano, trovò pure quelli che lo odiavano: e questi non furono contenti finché non lo videro morto.
Calunniarono il Santo presso il re, e questi che covava ancora il suo odio sotto le apparenti correttezze della etichetta, scagliò parole di maledizione contro l'Arcivescovo e contro coloro che nutriti alla sua mensa non erano capaci di liberarlo da costui.
Ciò udito, quattro ufficiali del re si portarono a Canterbury ed assassinarono il santo Arcivescovo in chiesa, durante il vespro.

PRATICA. Difendiamo sempre i diritti della Chiesa. 

PREGHIERA. Dio, per la cui Chiesa il glorioso vescovo Tommaso cadde sotto le spade degli empi, deh, fa' che quanti implorano il tuo aiuto, conseguano lo effetto salutare della loro preghiera.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Canterbury, in Inghiltérra, il natale di san Tommàso, Vescovo e Martire, il quale, per la difesa della giustizia e dell'immunità ecclesiastica, nella sua Basilica, percosso colla spada da una fazione di uomini empi. Martire passò al Signore.

giovedì 28 dicembre 2017

Odissea in corso per dializzato di Salina...tra mezzi che non possono arrivare e mezzi che non possono atterrare

Sembra non voler finire mai l'odissea di quest'oggi per un dializzato di Salina.
Fermi i mezzi di linea, per l'uomo che necessita di fare urgentemente la dialisi viene richiesto l'intervento dell'elisoccorso. Il mezzo, però, non riesce ad atterrare a Salina per via del forte vento che imperversa. 
Per il mare in tempesta, la motovedetta della Guardia Costiera di Lipari non può raggiungere Salina.
Si richiede l'intervento di un elicottero militare che giunge a Salina e carica a bordo il dializzato. Problematica risolta? Ma quando mai!
L'elicottero non riesce ad atterrare a Lipari e ha problemi di carburante. Motivo per cui raggiunge Reggio Calabria per il rifornimento dove si trova tutt'ora con il povero dializzato a bordo che, chiaramente, comincia ad avere grosse difficoltà. 
Si potrebbe fare la dialisi a Reggio...ma sembra di no..in quanto si è in altra regione.
Fatto sta che c'è una dottoressa a bordo che, oltre ad assistere per come può il dializzato, sta tentando disperatamente di trovare un posto in Sicilia. 
Nel momento in cui scriviamo prende corpo l'ipotesi Milazzo...ma, al momento, è solo una ipotesi.
Speriamo bene e incrociamo le dita...ma è possibile tutto ciò? 
E' possibile dover essere legati ad un elicottero che può anche non potere atterrare o a un mezzo che non riesce a navigare?
La salute è una cosa preziosa, non si può affidarla al caso. Serve un ospedale efficiente! 

Aggiornamento - Il calvario starebbe per finire...al Papardo

Stromboli. La posta non arriva. Ennesima denuncia ai carabinieri. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud



Comune di Lipari. Impegnate somme per acquisto aree per ampliamenti cimiteri di Vulcano ed Acquacalda. Si acquisteranno anche 11 gazebi

Con determina il Comune di Lipari ha impegnato 40.000 euro per acquisto aree per ampliamenti cimiteri di Vulcano ed Acquacalda.
Ed ancora con la determina 334/17 è stata impegnata la cifra di € 24.464,66 per acquisto di n.11 gazebi destinati per la realizzazione di zona d'ombra / accoglienza aree portuali.

Deliberati ed affidati lavori di rifacimento muri a Pianoconte

Al Comune di Lipari con la determina 297/17 sono stati impegnati 12.200 euro per lavori di rifacimento dei muri di sostegno , nelle vie “Mulino a vento” e “Cugna” in località Pianoconte. Le opere sono state affidate alla ditta di Gaetano Iacono

E vinni lu Bambinieddu (Foto 2° parte di 5)

Articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud

"OMNIA TRAHAM" domani al cimitero di Lipari centro. Il poeta Cortese leggerà brani tratti dal libro "I morticeddi"

Quest'estate, in occasione del centocinquantesimo anniversario dell'istituzione del Cimitero di Lipari (1867- 2017) il poeta e scrittore Davide Cortese ha presentato ai lettori il libro "I MORTICIEDDI - Morti e bambini in un'antica tradizione eoliana", adesso l'autore liparese torna a celebrare questo significativo anniversario con una lettura all'interno dello stesso Cimitero di Lipari. 
Il singolare evento voluto dal poeta eoliano, porta il titolo "OMNIA TRAHAM" (Dalla scritta latina che campeggia sul monumentale cancello del nostro cimitero e che significa "attrarrò tutti"). Parole pronunciate da Gesù - "Et ego si exaltatus fuero a terra omnia traham ad meipsum" (Gv 12, 32) - ma che poste sul cancello di un cimitero assumono ben altro significato. 
Davide Cortese leggerà dunque alcuni suoi testi tratti da "I MORTICIEDDI" e alcune poesie proprio all'interno del Cimitero di Lipari, accompagnato da una originale installazione dell'artista liparese Ambra Mirabito. 
L'appuntamento è previsto per venerdì 29 dicembre a mezzogiorno, "unni Faraci", ossia "da Faraci": espressione con la quale veniva designato un tempo il cimitero, dal nome del proprietario della terra su cui il cimitero sorse. 
Tutti i cittadini sono invitati a partecipare.

Lipari, Riunione stasera in casa PD in vista del Congresso di Circolo

Riceviamo dall’ing. Felice Lopes e pubblichiamo
Con spirito di squadra e tanta abnegazione , comunico a tutti gli iscritti al PD di Lipari che questa sera , nello studio privato del dott. Giacomo Biviano,in via S. Lucia, alle ore 18,00 si terrà una riunione di cordiale e costruttivo dialogo in preparazione della convocazione del congresso di circolo. Si prega di divulgare questo incontro soprattutto ai titubanti, ai delusi e a chi si sente emarginato. Ricordo a tutti che solo dialogando si cresce .
Felice Lopes

Gli auguri ai festeggiati di oggi, 28 Dicembre

Buon Compleanno ad Elvira Amalfi, Patrizia Giardina, Fabio Ziino, Désirée Curci, Simona Barresi, Milena Oliva, Vincenzo Currò

E vinni lu Bambinieddu (Foto 1° parte di 5)

Impegnati 25 mila euro per via Zinzolo. Lavori affidati alla ditta Cincotta

Det. 295/17 - Impegno di spesa e contestuale affidamento dei lavori di manutenzione tratto di strada comunale Zinzolo dell'isola di Lipari". Sono stati impegnati 25 mila euro. I lavori di manutenzione sono state affidate alla ditta Salvatore Cincotta.

I ringraziamenti delle famiglie Monteleone e Cannistrà

"Finchè la mente detta, la mano scrive". Presentati a Montalbano Elicona gli ultimi due libri di Italo Toni

Sabato 23 dicembre 2017, presso la città montana di Montalbano Elicona, nella sala della Società Operaia, si è svolta la presentazione degli ultimi due libri dello scrittore e poeta eoliano Italo Toni. L’evento organizzato dal giornale “Montalbano Notizie” ha riscosso molto successo. In perfetto clima natalizio e con la sala gremita di gente, l’ultimo libro dal titolo “Lipari il Santo Natale tra fantasia e misteri” ha trattato argomenti che descrivono perfettamente gli eventi magici del Santo Natale. Moderatore della manifestazione culturale è stato il prof. Nicola Belfiore, il quale ha raccontato la storia dell’incontro tra Italo Toni e il paese di Montalbano Elicona. Ha parlato della forza vulcanica dello scrittore e delle sue pubblicazioni: in 17 anni, 18 libri. 
 Il Giornalista Antonio Brundu, assente per l’occasione, ha fatto pervenire un email, letta durante la serata dalla giovanissima studentessa Mariagrazia Natoli. 
Brundu, ha riassunto il contenuto dei due volumi in modo dettagliato. 
 Catia Toni ha descritto l’autore nella sua natura di uomo e scrittore che mette al centro della propria vita e nelle sue opere, la fede, forza propulsiva del suo percorso. 
Ha proseguito la serata la studentessa Mariagrazia Natoli utilizzando parole di ammirazione e stima per l’autore, sottolineando che lo stesso è dotato di una grande fantasia e dalla grande capacità di fare collegamenti anche tra i due volumi presentati dai temi differenti, che hanno il loro punto di incontro nella forza spirituale. 
Hanno preso la parola anche l’avv. Onofrio Natoli e l’avv. e Giudice di Pace Francesco Aloisi che si sono complimentati con l’amico scrittore per la poliedricità e la semplicità dello stesso. 
Ha concluso gli interventi l’autore il quale ha invogliato il pubblico a leggere il romanzo e ha ringraziato tutti i presenti, l’amministrazione comunale e il presidente della Società Operaia. 
 La serata è terminata con la domanda del Prof Nicola Belfiore, chiedendo ad Italo se ha già qualche altro libro in cantiere. L’autore ha prontamente risposto che "finchè la mente detta, la mano scrive".

Infuria il maltempo. Collegamenti marittimi "al palo"

Siremar rende noto che a causa delle condizioni metereologiche particolarmente avverse tutte le corse da Milazzo per le Eolie, da Trapani per le Egadi e Pantelleria, da Palermo per Ustica e da Porto Empedocle per le Pelagie sono state annullate.
Al momento sono fermi anche i mezzi veloci di Libertylines

Oggi è il 28 Dicembre. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Alba a Canneto -
Santo del giorno: Santi Innocenti - 

Santi Innocenti


I Santi Innocenti sono quei bambini che furono trucidati in Betlemme e nei dintorni, quando il crudele Erode volle mettere a morte Gesù Cristo. Essi, non con la confessione della voce, ma con l'effusione del loro sangue divennero le prime vittime della fede, le primizie dei Martiri che la terra inviò al cielo dopo la nascita del Salvatore.

Ed ecco quello che racconta il Vangelo riguardo alla strage degli Innocenti.

Nato Gesù in Betlem di Giuda al tempo del re Erore, ecco arrivare a Gerusalemme dei Magi dall'Oriente, e domandare: « Dovè nato il re dei Giudei? Vedemmo la sua stella in Oriente e siamo venuti per adorarlo ». Udito questo, Erode, uomo sospettoso e crudele, rimase turbato e pensò subito di togliere dal mondo questo nuovo re.
Non avendo capito le Sacre Scritture, temeva che Gesù, sovrano del cielo e della terra, venuto al mondo per stabilire un regno spirituale nel cuore degli uomini, lo privasse di quel misero regno temporale ch'egli possedeva.

Per attuare il suo perverso disegno finse di voler anch'egli riconoscere e adorare questo nuovo re, e inviando i Magi a Betlemme, disse loro: « Informatevi diligentemente su questo bambino, e quando l'avrete trovato fatemelo sapere, acciocchè venga io pure ad adorarlo ».

Ma Iddio dissipò lo scellerato progetto di questo principe, facendo in modo che i Magi ritornassero nei loro paesi passando per altra via.

Intanto Erode, vedendosi burlato dai Magi, montò sulle furie, e pieno di rabbia prese la barbara risoluzione di fare uccidere tutti i bambini inferiori alla età di due anni nati in Betlemme e nei luoghi circonvicini, credendo di raggiungere così anche il nato re dei Giudei che egli temeva. Ma questo bambino riuscì a scampare dalle mani dei crudeli, poichè un Angelo aveva detto in sogno a Giuseppe: « Levati, prendi il bambino e sua madre e fuggi in Egitto, perchè Erode lo cerca per farlo morire ».

Pertanto Erode inviò dei soldati a Betlemme che, strapparono dal seno delle loro madri quanti bambini trovarono e li uccisero tutti senza risparmiare alcuno. Allora s'adempì ciò che era stato detto per bocca del profeta Geremia: « Un grido si è udito in Rama di gran pianto e lamento: Rachele che piange i figli suoi. e non vuol essere consolata perché non sono più ». Queste parole profetiche rappresentano le amare lacrime che le madri sparsero su quei teneri figliuoletti scannati dalla barbarie di un empio.

Ma se piangevano le madri nel vedersi barbaramente trucidati davanti agli occhi i loro bambini, giubilò il cielo che si vide arricchito di innocenti vittime. Si rallegrarono infine gli Innocenti medesimi poiché si videro liberati dai pericoli del secolo e adorni della preziosa stola del martirio che avevano conseguito per i meriti di Gesù Cristo, in odio del quale erano stati fatti morire. La Chiesa li onora col bel titolo di « fiori dei Martiri », per la loro tenera età e per la loro innocenza.

PRATICA. Rispettiamo sempre l'innocenza dei piccoli e non commettiamo nulla che possa offuscarla. 

PREGHIERA. Dio, la cui gloria oggi i Martiri Innocenti hanno conseguito non parlando, ma morendo, mortifica in noi tutti i mali e i vizi, affinchè anche la nostra vita confessi nei costumi quella fede che la nostra lingua esalta. 

MARTIROLOGIO ROMANO. A Betlèmme di Giuda il natale dei santi Innocenti Martiri, i quali furono per Cristo uccisi dal Re Eróde.