Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

martedì 20 giugno 2017

SalinaDocFest XI edizione : "PADRI E FIGLI. VERSO TERRE FERTILI". Annunciati i titoli dei film in concorso

Sabato 24 giugno parte a l'11a edizione del SalinaDocFest, il festival del documentario narrativo ideato e diretto da Giovanna Taviani, che animerà le giornate e le notti dell'isola fino al 29 giugno, con 38 eventi - fra proiezioni, concerti, conferenze e incontri - tutti a ingresso gratuito.
Tema di quest'anno, PADRI E FIGLI. Verso terre fertili: un'edizione speciale, totalmente dedicata ai giovani, nuovi protagonisti del Mediterraneo. Una festa eoliana in onore del mezzogiorno italiano e di Palermo che, non più “capitale della mafia”, diventerà, dopo vent'anni, capitale dell'accoglienza e della cultura italiana nel 2018.
L'idea di ripartire dal Sud e dalla Sicilia, come in una cartina geografica capovolta, per ripensare l’Europa dis-unita di oggi, è stata la spinta che ha portato il SalinaDocFest a immaginare, già lo scorso anno, il nuovo concorso Sicilia.Doc, che aprirà il festival sabato 24 giugno. La giuria di quest'anno è composta dai giornalisti Salvatore Cusimano (Rai Sicilia) e Francesco d’Ayala (Radio Rai), e dall'attore Luigi Lo Cascio.
Questi i titoli scelti: Immagine dal vero di Luciano Accomando (Ita 66’ – 2016), 12 ritratti di uomini e donne che hanno saputo trasformare l'esperienza dell'immigrazione in un'occasione di riscatto e di successo;  Haiku on a plumtree di Mujah Maraini – Meheli (Ita 74’ – 2016), una storia che segue il filo della memoria familiare, sparsa tra vari continenti, ma legata in modo stretto alla Sicilia; Prova contraria di Chiara Agnello (Ita 61' – 2016), il percorso di un gruppo di ragazzi di Trapani e Palermo dalla criminalità alla legalità; A noi ci dicono di Ludovica Tortora de Falco (Ita 65’ – 2016) il racconto dell'universo di tre 14enni nel quartiere ZEN di Palermo.  Al Miglior Documentario sarà assegnato il Premio Irritec.
Domenica 25 giugno inizieranno le proiezioni del Concorso Nazionale Documentari SDF 2017. In giuria, I registi Dyane Gayé - premiatissima e originale filmaker franco-senegalese - e Franco Piavoli - il più visionario e poetico fra i grandi autori del documentario italiano -, il giornalista Enrico Magrelli - Radio3 Rai Hollywood Party - e Cristiano Travaglioli  - lo straordinario montatore di Paolo Sorrentino. I film scelti dal comitato di selezione – composto da Arianna CaredduLudovica FalesAntonio Pezzuto e Giovanna Taviani – sono otto: Terceiro Andar di Luciana Fina (Italia/Portogallo, 2016 – 62’), in cui Fatumata e Aissato, madre e figlia originarie della Guinea-Bissau, parlano di amore e felicità attraverso le generazioni, dal terzo piano del multietnico Bairro das Colónias, nel cuore di Lisbona; Sarodi Enrico Maria Artale (Italia, 2016 – 69’), il viaggio del regista alla ricerca delle proprie radici, sulle tracce del padre che lo ha abbandonato bambino; Le canzoni di Giovanni Rosa (Italia, 2016 – 70’), le voci e i volti di una famiglia della periferia palermitana che sogna per il figlio più piccolo un futuro riscatto da artista nel mondo dorato dei neomelodici; The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber (Italia, 2016 – 85’), dove la regista affronta, in un difficile dialogo sul passato con la madre e I fratelli maggiori, il tbù della violenza paterna; Le porte del paradiso di Guido Nicolás Zingari (Italia, 2016 – 66’), una finestra sul mondo e sui sogni dei bambini che vivono, pregano e lavorano nelle scuole coraniche della città santa di Touba, la Mecca dell'Africa Occidentale; Vita Nova di Laura D’Amore Danilo Monte (Italia, 2016 – 80’), in cui gli autori, coppia in arte e nella vita, condividono con il pubblico, attraverso il racconto in presa diretta, i momenti cruciali della strada per la fecondazione assistita che hanno deciso di intraprendere; I sommersi di Gian Enrico Bianchi (Italia, 2016 – 58”), la storia dei fratelli De Luigi, una famiglia di artisti veneziani raccolti attorno a Ludovico, pittore, in occasione di una mostra antologica organizzata per I suoi 80 anni: al centro del racconto, arte, memoria, vecchiaia, educazione allo sguardo; Upwelling. La risalita delle acque profonde di Silvia Jop e Pietro Pasquetti (Italia, 2016 – 77’), un’onda che nasce dal fondo del mare, per portare gli abissi in superficie, tra gli abitanti e le mura di Messina: frammenti di una città tante volte ricostruita sulle macerie di un disastro.
Il miglior documentario scelto dalla giuria riceverà il Premio Tasca d'Almerita SDF 2017. Al film più votato dal pubblico andrà il Premio Signum. Al miglior montaggio, andrà il Premio AMC, assegnato dall'Associazione Montaggio Cinematografico e televisivo. “Padri e Figli” è anche il tema della novità di quest'anno: il Video Contest Premio Absolute Sicilia. Dedicato ai cortometraggi (durata max 90”), è il primo concorso tutto 'social' targato SalinaDocFest.  Aperto a tutti, senza limiti di età, nazionalità, qualifica o tecnica. Il SalinaDocFest 2017, che quest'anno ha per la prima volta il sostegno della SIAE, con l'istituzione di un Premio SIAE al miglior film in concorso, deciso da una Giuria Giovani.
Nella giornata finale di giovedì 29 giugno, si terrà una tavola rotonda sui diritti del documentario d'autore nella diffusione cinematografica e nella programmazione televisiva, radiofonica e web, a cui parteciperanno Francesco D’Ayala (Rai Radio Tre), Enrico Magrelli (Commissione MIBACT di selezione progetto MigrArti), Stefano Missio(regista), Roberto Pisoni (Direttore Sky Arte), Luca Scivoletto (Consiglio Direttivo 100 Autori e documentarista). Modera Andrea Purgatori (giornalista, sceneggiatore e consigliere di gestione SIAE) È una lotta per il futuro - ha affermato Giovanna Taviani - quello della nostra terra e anche quello del nostro cinema, con uno sguardo particolare al futuro del documentario e ai suoi diritti, in un festival da sempre dedicato agli invisibili, in un’isola invisibile, legata al continente e al resto del mondo dalla televisione.”
Anche per questo, il focus centrale del festival resta ancora puntato sugli invisibili per eccellenza, i Migranti, che il nostro tempo vorrebbe cancellare. Dal Testo allo Schermo, l' appuntamento di confine tra cinema e letteratura proposto ogni anno, questa volta lancia e raddoppia: un riconoscimento SDF 2017 andrà a Giovanni Maria Bellu per il libro I fantasmi di Porto Palo”, il suo memorabile romanzo-inchiesta sul primo grande naufragio documentato nel Mediterraneo;mentre il Premio Ravesi Dal testo allo schermo - deciso dal Comitato dOnore del festival, composto da Romano Luperini, Giorgio e Mario PalumboPaolo e Vittorio TavianiBruno Torri – sarà consegnato Pippo Delbono per il film Vangelo (Ita/Be/Ch, 2017–85’), in cui l'autore riscopre, negli occhi e nel racconto di giovani immigrati africani, ciò che ci rende tutti uguali: lo stesso dolore, la stessa solitudine e lo stesso bisogno.
Un evento speciale sarà dedicato all'UNHCR, da quest'anno nuovo patrocinatore del festival, e alle scuole, con il Patrocinio di CIDI PALERMO. In questa occasione sarà proiettato il docucorto - coprodotto dal Comune di Enna e dalle Scuole in Rete Medie e Superiori, presentato in anteprima al Teatro Garibaldi diretto da Mario Incudine - CHE FINE FARANNO. Lettera aperta al Presidente della Repubblica di Giovanna Taviani e Davide Gambino (Italia, 2017 – 29’),sull'incontro tra gli studenti ennesi e i minori non accompagnati del Centro di Accoglienza di Pergusa e di Aidone.
Importante la selezione internazionale SDF di quest'anno, ancora una volta incentrata sul rapporto tra generazioni e culture. Clou della giornata inaugurale sarà l'assegnazione del Premio Lady Wilmar / Mediterraneo SDF 2017 alla regista Mai Masri per il film 3000 Nuits (Francia, 2015 – 103’), la storia di una giovane madre palestinese che da alla luce suo figlio in un carcere israeliano. Un'altra storia forte è quella che ci racconterà in anteprima nazionale il regista inglese Moby Longinotto, con il suo The Joneses (Usa, 2016 – 80’), protagonista il transgender 74enne Jehri Jones nella sua casa mobile a Pearl, Mississippi. Attorno a lui, capo famiglia d'eccezione, il tumulto dei nipoti adolescenti. Ancora in anteprima nazionale - questa volta in collaborazione con il Biografilm Festival che si riconferma partner SDF - Stranger in Paradise (Netherlands, 2016 – 72’) del regista olandese Guido Hendrikx. Tre gruppi di giovani migranti appena arrivati nei Paesi Bassi vengono “intervistati” dall’attore Valentijn Dhaenens, nei panni di un addetto ai servizi sociali che, tra fiction e doc, che propone i tre approcci specchio dei nostri atteggiamenti fallimentari di fronte alla disperazione umana: il rifiuto, l’idealismo, l’indifferenza. Una ventata di freschezza la porterà il musical Un Transport en commun (Fra-Senegal, 2013 –48’) di Dyane Gayè: da Dakar a Saint Louis in Taxi-brousse, fra canzoni tradizionali, blues e rock 'n roll.
Uno spazio sarà dedicato anche al cinema di finzione italiano, con i due appuntamenti della sezione Sguardi di cinema: Paolo Virzì Michaela Ramazzotti saranno ospiti del festival per la proiezione in piazza (martedì 27) della La pazza gioia (Ita/Fra, 2016 – 116’); Isabella Ragonese sarà ospite, insieme al regista, per la proiezione di Il padre d'Italia di Fabio Mollo (Ita, 2017 – 93’). Due grandi interpreti per una storia davvero emblematica, che ci riporta al tema centrale del festival. Dall'incontro in una dark room, parte il viaggio attraverso l'Italia di Paolo (Luca Marinelli) che si è appena lasciato con il compagno di una vita e di Mia, incinta ma “il padre non ha importanza”. La storia di un amore assoluto, puro e universale, e al tempo stesso della difficoltà, e della paura, oggi, di farsi da figli genitori.
Completano il programma tre incontri letterari di prestigio che vedrà protagonisti Roberto Alajmo, con la presentazione del romanzo Carne mia (Sellerio, 2016), Jacopo Rampini, con la lettura di Rumore di acque di Marco Martinelli, Teatro delle Albe di Ravenna, e Marco Miuccio, autore di La mia gita del quinto. Che io mi aiuti, presentato da Maria Cuffaro. Fra gli ospiti musicali, la Lab Orchestra di Massimo MinutellaRolando Giambelli per i Beatlesiani d’Italia AssociatiMaldestroPetra Mangoni Mario Incudine.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.