Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

venerdì 28 luglio 2017

Pontile di Vulcano. Parte interrogazione di Lorizio e Fonti (Noi Eoliani)

Al Signor
Sindaco del Comune di
Lipari
Al Signor
Segretario Comunale
p.c. Presidente del Consiglio Comunale
Lipari
Capi Gruppo Consiliari
oggetto: interrogazione URGENTE a risposta scritta.

I sottoscritti consiglieri comunali Giuseppina Lorizio e Gesuele Fonti
PREMESSO che, in data 9 settembre 2015, la nave Pietro Novelli in servizio di linea tra Milazzo Isole Eolie, giunta in mattinata nel porto di Vulcano, ha urtato violentemente il molo adibito ad attracco di aliscafi e mezzi veloci, (pare a causa delle condizione meteo marine avverse) rendendolo inagibile;
VISTO, che a seguito della non più operabilità del predetto scalo (pontile aliscafi) l’amministrazione, anche al fine di evitare l’interruzione del servizio dei mezzi veloci, ha approntato uno approdo alternativo precario al molo delle navi;
CONSIDERATO che la predetta soluzione (alternativa?) sia stata più volte attenzionata come causa di disagio per i numerosi vacanzieri e per i residenti la cui maggioranza e con frequenza quasi giornaliera si vede costretta a spostarsi sulla terra ferma o nella più fornita isola di Lipari per poter assolvere a personali incombenze;
ACCERTATO che, la mancanza di una copertura (riparo) anche parziale e/o temporanea nell’attesa di un intervento dignitoso per tutti i fruitori, rischia di essere causa di pericolo per chi s’approccia all’imbarco. Le temperature fortemente elevate di questo periodo o le piogge battenti invernali, vento , grandine, possono divenire causa di condizioni rischiose per l’incolumità pubblica, (colpi di calore, insolazioni, svenimenti, cadute, disagi oggettivi per i portatori di handicap e per i minori e/o neonati;
APPURATO che, con frequenza “ordinaria” accade che contestualmente nello stesso approdo si trovano ad operare a distanza ravvicinata navi ed aliscafi contemporaneamente e di conseguenza il secondo aliscafo, per questioni di sicurezza, il più delle volte è costretto ad attendere in rada il concludersi delle operazioni di sbarco/imbarco, facendo suo malgrado, accumulare ritardi con il protrarsi dell'attesa, degl’inermi passeggeri, all'aria aperta.
CONSIDERATO che, Vista la posizione del porto, una imprevista ma possibile incursione di improvvise raffiche di libeccio potrebbero causare seri problemi e arrecare alto rischio sicurezza dei passeggeri in attesa;
Stante quanto sopra, con la presente interrogazione si chiede di conoscere:
✓ I motivi per cui non è stato prontamente ripristinato il pontile degli aliscafi nell’isola di vulcano già agibile e messo fuori uso dalla nave novelli;
✓ Se l’ente si è fatto parte diligente pretendendo dalla società di navigazione l’attivazione del sinistro per il risarcimento del danno arrecato nei tempi previsti;
✓ In caso contrario, se è stata avviata azione legale per il risarcimento del danno;
✓ Quali sono i motivi che hanno impedito la realizzazione di una copertura, anche precaria, per il riparo dei viaggiatori nell’attuale molo atteso che per far fronte ad eventuali spese si può attingere dal contributo di sbarco.
Infine, si ribadisce che la presente riveste carattere di urgenza, in ogni caso si richiama all’art.27 della L.R. 26/8/1992 n. 7.
Giuseppina Lorizio
Gesuele Fonti

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.