Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 28 gennaio 2017

Calcio a 5 - Serie D : Si allunga striscia vittoriosa dei ragazzi liparesi del Milazzo 1937. Oggi nuova, pesante,vittoria




Si allunga la striscia di vittorie per i ragazzi liparesi che, nel campionato di serie D di calcio a 5, scendono in campo con il nome di Milazzo 1937..
Nell'incontro casalingo odierno hanno superato per 9 a 3 l'Atene Me.
A segno  Lo Presti (3), Puglisi Felice (5), Groppo

Cimitero di Lipari...la scala "zoppa"


Raccogliamo una segnalazione con foto di una nostra lettrice relativa all'ultimo ripiano del cimitero di Lipari centro e la giriamo a chi di competenza, al custode in particolare (che sicuramente non sarà stato portato a conoscenza di questo problema), certi in un sollecito intervento.
Come è ben evidente nella scala, che i visitatori utilizzano per raggiungere il loculo dei propri cari defunti, si è parzialmente sganciato (spezzato?) il  perno che fissa una delle barre laterali e la ruota al corpo centrale della scala.
Oltre a possibili problemi alla stabilità vi è anche quello relativo allo spostamento della scala "zoppa" in quello spazio.

In corso a Milazzo la "Fiera del cioccolato"...delizia per il palato.. ma anche per gli occhi




E'  in corso a Milazzo, in via Giacomo Medici - così come ci informa la nostra collaboratrice Francesca Falconieri (che ha realizzato foto e video) - Choco passion, la fiera del cioccolato.
La fiera si chiuderà  domani sera ed è da visitare anche per "ammirare" le originali  creazioni di cioccolato
Golosi eoliani...e non solo...siete ancora in tempo

Lipari: Auto in fiamme in località Monte




Una Fiat stilo è stata avvolta dalle fiamme mentre transitava in località Monte Gallina a Lipari. Illeso  il conducente.

A generare le fiamme sul mezzo, irrimediabilmente danneggiato, potrebbe essere stato un corto circuito nel vano motore
Sul posto, non  appena allertati, sono giunti i vigili del fuoco del distaccamento di Lipari (caposquadra Nunzio Peditto) che hanno evitato che le fiamme potessero allargarsi alla vegetazione circostante

COMPRENSORIO DI TAORMINA. LAVORO; IGIENE E SANITÀ PUBBLICA. CONTROLLI A TAPPETO DEI CARABINIERI. ELEVATE DIVERSE SANZIONI

La Compagnia Carabinieri di Taormina, unitamente a personale del Nucleo tutela lavoro di Messina e del Nas di Catania hanno effettuato una serie di controlli presso i locali notturni di Giardini Naxos e Taormina, e presso alcuni cantieri di tutto il territorio per effettuare mirati e specifici controlli sulla sicurezza sui luoghi di lavoro.
A Giardini Naxos in un noto locale a conclusione dell’attività ispettiva del Nucleo Tutela lavoro militari effettuano una visita ispettiva verificando inoltre 4 posizione lavorative. Nella circostanza veniva deferito in stato di libertà il rappresentante legale per la società con sede legale ed operativa a Giardini Naxos ritenuto responsabile di aver adibito lavoro a cittadina straniera sprovvista di permesso di soggiorno. Inoltre le predette operazioni consentivano di adottare, nei confronti della società, provvedimento di sospensione attività imprenditoriale per aver impiegato cittadina straniera in nero su 4 lavoratori presenti. Nell’occasione quindi venivano contestate sanzioni amministrative nei confronti della società pari a euro 5.000,00 per maxi sanzione lavoro nero ed omessa comunicazione assunzione. 
 In Letojanni sempre i carabinieri del Nas con l’ausilio dei militari della locale stazione in seguito ad ispezione igienico sanitaria eseguita presso un’attività di ristorazione accertavano che l’esercizio era stato sottoposto a modifiche ed ampliamenti senza alcuna notifica all’autorità sanitaria e gravato inoltre da carenze igienico sanitarie e strutturali. Nella circostanza, per il controllo effettuato già qualche mese addietro, a seguito di contestuale intervento di personale tecnico e medico del distretto sanitario Asp di Taormina è stata disposta la chiusura immediata dell’attività.
Sempre in Giardini Naxos personale dipendente Nucleo Ispettorato del lavoro con l’ausilio dei militari della stazione di Giardini Naxos in seguito ad accesso ispettivo presso cantiere edile interessato da lavori di manutenzione straordinaria di un edificio civile abitazione hanno deferito in stato di liberta’ il titolare di una ditta edile ed il legale rappresentante della società entrambi ritenuti responsabili di aver messo a disposizione dei propri lavoratori dipendenti attrezzature non idonee alle lavorazioni in corso, aver esposto a rischio contatto elettrico lavoratori dipendenti, aver istallato ponteggio senza protezione. Nella circostanza elevate ammende complessive pari ad euro 5.000,00.
Ragazza affidabile e referenziata e alla ricerca di lavoro part-time a Lipari come impiegata, assistenza anziani, pulizie appartamenti e/o locali commerciali. Max serietà e professionalità rivolgersi al 333/9987424

Accadde oggi...alle Eolie

28/1/2015
Temperature in crollo alle Eolie e lo Stromboli (foto Fabrizio Di Maggio) si inneva.
http://eolienews.blogspot.it/2015/01/temperature-in-crollo-alle-eolie-e-lo.html

Pescando" nell'archivio video di Eolienews: Laura Lo Ricco canta "Stromboli" di Bartoluzzo Ruggiero

Centodiciottesima puntata.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 28 Gennaio

Buon Compleanno a Nunziatina Lauricella,Caterina Lauro, Salvatrice Turcarelli, Edwige Puglia, Mery Sarpi, Nino Antonio Mangano, Andrea Sarpi, Giulia Lachina, Valentina Giovenco, Domenico Strati e Alessia D'Arrigo

Eoliani che non ci sono più

Trimboli Giuseppina (17° Anniversario)
Il tempo non cancella il tuo ricordo. Sei nel nostro cuore
Fabio e Tony

Oggi è Sabato 28 Gennaio. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

La nostra cartolina di oggi non è un'alba ma un tramonto...ma crediamo ne valga davvero la pena


IL SANTO DEL GIORNO
Protettore di:accademici, librai, scolari, studenti, teologi
Un astro di luce particolare e inestinguibile brilla nel cielo del secolo XM; luce che attraversa i secoli, che illumina le menti: l'Angelico Dottore S. Tommaso. 
Nacque ad Aquino nell'anno 1227 dal conte Landolfo e dalla contessa Teodora, parente di Federico Barbarossa, signori fra i più illustri di quei tempi
Educato cristianamente fin dalla più tenera età, diede molti segni della sua futura scienza e grandezza. 
A cinque anni fu affidato per l'educazione ai monaci benedettini di Montecassino. Vi rimase fino ai quattordici anni, fino a quando cioè i torbidi politici non decisero i genitori a riprenderlo entro le mura del proprio castello. Più tardi fu mandato all'Università di Napoli, ove, sebbene assai giovane, manifestò il suo potente ingegno, acquistandosi fama presso i condiscepoli e stima presso i maestri. Già si concepivano su di lui le più lusinghiere speranze, già i conti d'Aquino ed altri vedevano in lui il futuro campione del foro napoletano o romano, quando egli di colpo fece crollare tutti questi sogni, annunciando la sua decisione di entrare nell'Ordine di S. Domenico.
Da Napoli, per timore della famiglia che gli si opponeva decisamente, fu mandato a Parigi, ma nel viaggio, raggiunto dai fratelli, venne arrestato e ricondotto nel castello paterno di S. Giovanni a Roccasecca. Rimase prigioniero per circa un anno, vincendo tutte le difficoltà e le lusinghe. Per il suo angelico candore ed in premio della sua fortezza contro una grave tentazione, meritò d'essere cinto del cingolo di purezza da due Angeli, così che dopo d'allora mai più ebbe a subire tentazioni contro la bella virtù. 
Aiutato dalle sorelle riuscì a fuggire, e tosto rientrò nel convento da cui era stato strappato. All'Università di Parigi studiò filosofia e teologia sotto il celeberrimo S. Alberto Magno e a 25 anni cominciò con somma lode a interpretare filosofi e teologi. Passò indi col suo maestro a Colonia, e qui ricevette la sacra ordinazione. Ritornato a Parigi come insegnante universitario sostenne lotte coi maestri secolari. Chiamato poi alla Corte Pontificia in qualità di teologo della curia romana vi rimase qualche anno, poi tornò a Parigi. È questo il tempo più fecondo del suo insegnamento. Da Parigi entrò in Italia e fu inviato da Gregorio X al Concilio di Lione. Ma nel viaggio mori a Fossanova, il 7 marzo 1274. 
Raccolse, sistemò ed espose tutto lo scibile antico, e segnò le vie alle scienze nuove, tanto che non si esita a chiamarlo uno dei più grandi ingegni dell'umanità. 
Mirabili ed eccelse furono le sue virtù. Tale e tanta fu la sua umiltà che ricusò l'arcivescovado di Napoli ripetutamente offertogli dal Sommo Pontefice. Il suo confessore ebbe a dire: « Fra Tommaso a 50 anni aveva il candore e la semplicità di un bambino di cinque anni ». 
PRATICA. — Impariamo da questo santo la fermezza nell'eseguire la volontà di Dio. 


PREGHIERA. — Dio, che illustri la Chiesa con la meravigliosa erudizione del tuo beato confessore Tommaso e la rendi feconda di tante opere, dacci, te ne preghiamo, d'intendere ciò ch'egli ci ha insegnato e di compiere, a suo esempio, ciò che ha fatto. Bibl., CINTI, Tommaso d'Aquino, Ed. Paoline. 

venerdì 27 gennaio 2017

Odore nauseabondo al cimitero di Lipari. Problema risolto

Risolto - come ci informa il geometra Placido Sulfaro, funzionario direttivo del 7° Servizio: Ambiente - Ecologia - Cimiteri - Suolo Pubblico del Comune di Lipari - la questione dell'odore nausebondo nel quarto ripiano del cimitero di Lipari centro.
La lungaggine nella risoluzione della problematica, evidenziata da nostri lettori, è dovuta alla difficoltà di individuare con certezza il loculo dal quale si dipartiva il cattivo odore.

Per soluzionare la problematica,  è intervenuto in prima persona, di concerto con il custode, lo stesso geometra Sulfaro

Onde elettromagnetiche dei cellulari: gravissimi rischi per l’uomo

Tumori, elettro sensibilità e persino infertilità: ecco alcuni dei rischi che si corrono se si utilizza troppo il cellulare! Esso è il dispositivo tecnologico ritenuto più inquinante, nonché il più pericoloso! Sempre più diffuso, sempre più presente nelle case degli italiani, il cellulare nel corso degli anni si è evoluto in funzionalità e design. Si è diffuso così tanto da diventare un oggetto a portata di bambino! Già, perché a quanto pare il telefonino sembra essere uno degli oggetti più desiderati da bambini e ragazzini al punto da essere diventato oggetto da regalare in occasioni come compleanni, festività, ma anche comunioni e cresime. Nessuno ne discute l’utilità, ma molti si chiedono: quali sono i rischi che si corrono?
Meningioma e glioma: secondo un recente studio pubblicato dai ricercatori francesi dell’Università di Bordeaux parlare troppo al cellulare può causare danni cerebralipermanenti. Meningioma e glioma, ad esempio: la correlazione tra l’uso del cellulare e la comparsa dei tumori sembra essere provata da un monitoraggio effettuato su alcuni pazienti. E’ sufficiente quindi una telefonata di mezz’ora al cellulare per aumentare i rischi di danni gravi al cervello.
Sterilità: come se i tumori non fossero abbastanza, l’abuso di telefoni cellulari può provocare infertilità! In base ad una ricerca della canadese Queen University le onde emesse dai telefoni cellulari possono portare ad una bassa qualità dello sperma. Poca motilità, scarsa concentrazione , conseguente probabile infertilità e poco importa se tra i “vantaggi” c’è l’aumento del testosterone! Ma anche le donne corrono rischi: le onde elettromagnetiche dei cellulari sembra causino una riduzione nell‘ovaio del numero di ovociti.
Elettrosensibilità: le onde elettromagnetiche dei cellulari possono poi provocare una malattia che rende il corpo sensibile all’esposizione ai campi magnetici, nonché intollerante alle sostanze chimiche. Questa malattia ha un nome: elettrosensibilità. Malattia poco nota ed altrettanto poco riconosciuta che rientra nelle patologie da sensibilità chimica multipla. Ed i bambini? Uno studio svolto in Spagna, a Marbella, dall’Istituto di Ricerca Neuro-diagnostica e pubblicato dal Sunday Mirror spiega come le onde elettromagnetiche dei telefoni cellulari interferiscano con l’attività cerebrale dei bambini. Lo studio condotto su “cavie umane” (due ragazzini di 11 e 13 anni) mostra come le onde emanate dai cellulari disturbino l’attività cerebrale dei ragazzini anche a distanza di un’ora dal loro utilizzo. Le radiazioni dei cellulari influirebbero anche su umore, concentrazione e capacità di apprendimento.
Consigli utili: è ormai quasi impossibile rinunciare all’uso dei cellulari! Alcuni consigli però possono rivelarsi utili a ridurre l’assorbimento di onde e radiazioni da parte del corpo umano. Tenere i cellulari ad una distanza di circa 40 cm dal corpo, evitare di tenerli in tasca anche se in standby e poi si consiglia di spegnere i cellulari durante le ore notturne per permettere alle cellule del corpo di lavorare su eventuali danni al DNA riparandoli.

Gucciardi: In Sicilia vaccini necessari sono gratuiti

(ANSA) – PALERMO, 27 GEN – “Con il calendario vaccinale per la vita adottato con il decreto assessoriale del 2015 la Regione Sicilia ha garantito ai nuovi nati la disponibilità, in forma attiva e gratuita, di tutti i vaccini disponibili e ritenuti necessari dalle Società scientifiche nazionali ed internazionali, previsti nel nuovo piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017 – 2019 recentemente approvato in conferenza Stato Regioni, quali l’anti-Rotavirus e l’anti-Meningococco B, nel primo anno di vita, mentre nel secondo anno di vita oltre al vaccino anti morbillo rosolia e varicella è stata introdotta la possibilità, nei casi a rischio, di sostituire il vaccino anti-meningococco C con l’anti-Meningococco tetravalente (A,W,C,Y)”. Lo dice l’assessore regionale della Salute, Baldo Gucciardi.
”In età adolescenziale (11 – 18 anni) oltre alla vaccinazione contro il morbillo, rosolia, parotite e varicella è stata prevista la vaccinazione anti difterite, tetano e polio ed anche la vaccinazione con l’anti-meningococco tetravalente in sostituzione del monovalente C ed ampliata l’offerta del vaccino anti-HPV anche ai soggetti di sesso maschile” aggiunge.
“Sulla base della progressiva riduzione dei dati di copertura vaccinale, registrate negli ultimi anni, con il reale rischio del ritorno di alcune gravi malattie infettive ormai dimenticate,in attesa di specifici provvedimenti adottati dal Ministero della Salute – dice – si è provveduto a proporre un Disegno di Legge che prevede l’obbligatorietà delle vaccinazioni, previste nel calendario vaccinale per la vita, per l’inserimento dei bambini in comunità ( Asili Nido e Scuola di Infanzia)”.

Odore nauseabondo nell'ultimo ripiano del cimitero di Lipari centro

Un odore nauseabondo si avverte intensamente nell'ultimo ripiano del cimitero di Lipari centro. 
La situazione si registra ormai da diversi giorni, come ci segnalano i nostri lettori.
Il fortissimo lezzo rende impossibile la permanenza, anche per pochi minuti,  a coloro che vanno a visitare i propri cari defunti creando, presumibilmente, anche dei problemi di carattere igienico-sanitario.
I cittadini, attraverso Eolienews, auspicano un intervento da parte di chi ha competenza per risolvere tale stato di cose.

Basole "ballerine" sulla via Garibaldi a Lipari.


Basole "ballerine" sulla via Garibaldi a Lipari.
Ce lo segnalano i  lettori che ci hanno anche inviato la foto.
Viene auspicato un  intervento anche perchè vi è un potenziale pericolo per chi attraversa quell'arteria a piedi. 
Oltre, ovviamente, al fastidioso rumore causato dai mezzi in transito che, passando sulle basole, rende invivibile la permanenza di chi risiede in zona

Come eravamo : CS. Lipari - Una formazione degli anni 80


In piedi da sx a dx : Rigano', Germana', Lo Schiavo, Cristiano, Sampieri, Luca, Accetta, Presidente: Lo Re
In basso da sx a dx :Mister Ferro, Bottari, Aricò, De Salvo, Torino, Mässaggiatore U. Zanca, Sciacchitano

Pescando" nell'archivio video di Eolienews: Bartolo Famularo canta "Ierà" di Bartoluzzo Ruggiero

Centodiciassettesima puntata.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 27 Gennaio

Buon Compleanno a Giacomo Biviano, Mariella Giardina, Rosaria Giuffrè, Antonio Lotronto, Liliana Fotea,  Liliana Bauman, Ketty Ravi, Domenica  Parisi, Bartolo Locantro, Francesca Bonci

27 Gennaio: Giornata della memoria...per non dimenticare e riflettere

Oggi 27 gennaio si celebra in tutto il mondo la Giornata della Memoria in commemorazione delle vittime del nazi-fascismo. Uomini e donne, ebrei e rom, omosessuali e oppositori politici: una fila infinita di fantasmi dallo sguardo scavato e dalla sagoma scheletrica che segna lo spartiacque della storia europea perché – ci è stato ripetuto – dopo Auschwitz il mondo non sarà più lo stesso.
Pubblichiamo queste poche righe e questa foto per invitare tutti a riflettere in un momento in cui l'odio, la "guerra" tra religioni e l'estremismo tornano, purtroppo, a percorrere le nostre vite.

Oggi è Venerdì 27 Gennaio. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

FOTO: MARILENA MIRABITO

SANTO DEL GIORNO: SANT'ANGELA MERICI
Nacque a Desenzano sul lago di Garda, nel 1474. Vigilata dai pii genitori, custodì diligentemente fin dai primi anni il giglio della verginità che propose di serbare intatto per tutta la vita. Aborriva ogni fasto muliebre, fino al punto di sfigurarsi il volto e recidersi la bella chioma, affine di piacere solo al celeste Sposo dei vergini. 
Quando la morte le rapì gli amati genitori, fu accolta dallo zio, insieme con un suo fratellino. Quivi visse nel ritiro, nella penitenza, col cilicio e coi flagelli, nella preghiera quotidiana e notturna. Dietro consiglio del suo confessore, abbracciò la regola del terz'ordine francescano, e tornata alla natia Desenzano, il Signore le manifestò quanto voleva da lei. 
Un giorno Angela stava pregando con il suo solito fervore, quando vide aprirsi i cieli, e da una lunga scala che dalla terra saliva sopra le nubi, vide scendere e salire Angeli e Vergini, mentre una musica soavissima si spandeva all'intorno. Udì allora una voce che la invitava a fondare una Compagnia di Vergini che lodassero Iddio e portassero anime al suo cuore.
Tenuta in gran concetto di santità, ovunque era chiamata a consolare, a comporre dissidi, a richiamare sulla via della virtù anime perdute. 
Affamata del pane degli Angeli, si accostava spesso alla sacra Mensa, con sì infuocato amore da essere spesso rapita fuor dei sensi. 
Intraprese poi con somma devozione un viaggio in Terra Santa. Approdata all'isola di Candia, divenne cieca; nel ritorno, alla stessa isola, miracolosamente riebbe la vista, sfuggì ai Saraceni, e da sicuro naufragio. 
Desiderosa di venerare il Vicario di Cristo e di lucrare l'indulgenza del Santo Giubileo, venne a Roma e si portò a piedi dal Papa Clemente VII. 
Ritornò a Brescia, e qui stabilitasi presso la chiesa di S. Afra, nel centro della città, diede inizio nel 1535 alla nuova congregazione detta delle Orsoline. Le diede una sicura disciplina e regola di vita santa e la pose sotto il patrocinio di S. Orsola. Molte furono le vocazioni, così che in breve tempo le Orsoline si diffusero in Italia ed in tutta Europa, poi oltre oceano. Loro scopo è l'educazione delle giovanette. Chi ne può misurare il bene? 
Aveva ormai settant'anni quando cadde inferma; ricca di meriti se ne volò all'amplesso del suo celeste Sposo 1'11 febbraio del 1540. 
Il suo corpo rimase esposto per ben trenta giorni, finchè fu tumulato nella stessa chiesa di S. Afra. S'iniziò presso il suo sepolcro una sequela di portentosi miracoli, per cui i fedeli accorsero in folla a glorificarla e ad impetrar grazie. Fu canonizzata da Pio VII nell'anno 1807. 


PRATICA. Le opere di misericordia spirituale e temporale distingueranno nel gran giorno del Giudizio Universale gli eletti dai reprobi. 


PREGHIERA. O Signore, che per mezzo di Angela, hai fatto fiorire nella tua chiesa un nuovo giardino di sacre vergini, dacci per sua intercessione, di vivere santamente, affinché meritino di godere i gaudi eterni.

giovedì 26 gennaio 2017

L'Aeroporto del Mela, occasione di lavoro e sviluppo (Italpress)

"Una holding indiana, la multinazionale 'Panchavaktra Group' sarebbe interessata ad investire risorse per la realizzazione di un aeroporto nella valle del Mela. Registriamo, con non poche perplessità, la dichiarazione dell’Enac, che, per tutta risposta, ha affermato che 'nel piano nazionale degli aeroporti non sono previste nuove strutture'. Affermazione, questa, che potrebbe allontanare la holding indiana facendo perdere alla Sicilia e in particolare alla provincia di Messina, questa reale occasione di crescita economica e occupazionale". Lo rende noto Confintesa in un comunicato.
"L’aeroporto del Mela, una struttura interamente realizzata con risorse private e ad impatto zero - prosegue la nota - , in un territorio in crisi e senza valide alternativa, potrebbe assorbire, con il suo indotto, buona parte del notevole tasso di disoccupazione esistente nell’intera aerea metropolitana, che attualmente ha effetti devastanti aggirandosi intorno al 40/45% della forza lavoro, diventando un contribuito notevole e decisamente produttivo, che la regione e la provincia metropolitana di Messina non possono sottovalutare".
Confintesa Messina "lancia un appello al Presidente della Regione Siciliana e ai 108 sindaci dell’area metropolitana affinché prendano posizione e si schierino apertamente dalla parte dello sviluppo, rendendo possibile un’opera, che senza dubbio apporterà ricchezza e lavoro in un territorio da tempo abbandonato dalla politica e dalle istituzioni".
"Riteniamo, inoltre, doveroso - conclude la nota - , sollecitare il Sindaco metropolitano di Messina ad abbandonare la posizione personale del 'no a prescindere' ed assumere una posizione istituzionale costruttiva. Chiediamo, quindi, l’attivazione di un tavolo di concertazione che possa valutare, con il coinvolgimento delle parti sociali, tutte le possibili iniziative da mettere in campo affinché questo progetto possa essere compiutamente realizzato". (Italpress)

Dipartimento della Protezione Civile Sicilia sensibilizza Amministrazioni locali a dotarsi di un piano di protezione civile o di aggiornare quelli esistenti

“Voglio ancora una volta richiamare all’attenzione dei Sindaci dei 390 comuni dell’Isola – dichiara Calogero Foti dirigente generale del DRPC Sicilia – su quanto stabilito dalla Legge n°225/92 (come modificata e integrata dalla Legge n°100 del 12 luglio 2012) che, istituendo il Servizio Nazionale di Protezione Civile, individua negli Enti locali/Comuni, i soggetti chiamati a svolgere sul territorio di rispettiva competenza le funzioni fondamentali dell’attività di protezione civile, quali l’attuazione degli interventi di prevenzione, sia di tipo passivo, sia di tipo attivo, delle varie ipotesi di rischio, la predisposizione dei piani comunali di emergenza, la gestione dei primi soccorsi e interventi urgenti, la predisposizione di strutture di emergenza, l’utilizzazione del volontariato.
Corre l’obbligo altresì ribadire – prosegue Foti – che i Sindaci costituiscono l’Autorità locale di protezione civile e, quindi, ricade su Essi la responsabilità di vigilare e affrontare con gli uomini e le risorse disponibili i primi momenti di difficoltà o le situazioni molto localizzate.
Per poter soddisfare queste necessità occorre innanzitutto che i Piani comunali di protezione civile, definiscano gli scenari di rischio sulla base della vulnerabilità della porzione di territorio interessata (aree, popolazione coinvolta, strutture danneggiabili, etc.), predisponendo un quadro globale e attendibile relativo all’evento atteso e dimensionando, preventivamente, la risposta operativa necessaria al superamento delle criticità territoriali/calamità con particolare attenzione alla salvaguardia delle vite umane (in termini di strutture di comando e controllo, di risorse umane, di volontari, di materiali e mezzi, di strade o itinerari di fuga, di edifici strategici, strutture di ricovero, aree sanitarie, aree di protezione civile, etc, …).
È di ogni evidenza che l’elemento fondamentale della predetta pianificazione è la conoscenza delle risorse disponibili, direttamente o indirettamente, in ambito comunale per intervenire in emergenza, nel presupposto che, non essendo possibile che tutti gli Enti locali dispongano di tutte le risorse e/o di tutti i mezzi e attrezzature necessarie, tali dati risultano indispensabili ai fini di una pianificazione più ampia che coinvolga i livelli intercomunale o regionale, anche ipotizzando una condivisione di mezzi e attrezzature tra i comuni limitrofi o con appositi accordi di area vasta.
Non si può altresì non rilevare che molto spesso gli stessi Comuni, non prendono nella giusta considerazione, in termini di risorse umane, di attrezzature e di mezzi, l’utilizzo delle Associazioni di volontariato di protezione civile della Regione siciliana, in grado di fornire un servizio organizzato, capillare, efficace e tempestivo e, in tal senso si auspica un maggiore interesse verso questo settore e un suo maggiore coinvolgimento in quanto il Volontariato rappresenta la porzione di cittadinanza attiva, solidale, gratuita e professionale che può accrescere la risposta del sistema locale di protezione civile.
Da parte nostra - conclude Foti - nel rappresentare l’importanza del piano di protezione civile per la definizione di procedure chiare e condivise che consentano la definizione di CHI DEVE FARE COSA COME E QUANDO, chiediamo con urgenza alle Amministrazioni locali che comunichino a questo Dipartimento, anche al fine di individuare le particolari criticità delle Amministrazioni stesse, a salvaguardia di tutto il sistema locale, intercomunale e regionale di protezione civile: 1) lo stato dei piani di protezione civile; 2) le risorse umane, di materiali, di mezzi adeguati e di attrezzature efficienti di cui ogni Comune dispone o può disporre direttamente o indirettamente anche tramite accordi con le realtà locali; 3) le modalità di impiego e attivazione, anche in convenzione, delle Organizzazioni di volontariato di protezione operanti nei rispettivi territori.”

Acquedolci: Acquista la bara e la conserva in casa per 18 anni

Vedi il servizio realizzato da ondatv cliccando sul link 
http://caosvideo.it/v/acquista-la-bara-e-la-conserva-in-casa-per-18-anni-29930?u=salvatoresarpi

UNIVERSITA’: DOMANI, ARDIZZONE A PRESENTAZIONE ASSOCIAZIONE ARTU

Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, parteciperà domani alle 18 alla presentazione della nuova associazione culturale universitaria Artu (Associazione rappresentativa territorio e università). L'incontro si svolgerà a Messina, nella sala Sinopoli del Teatro Vittorio Emanuele.
Ardizzone dialogherà con gli studenti su ‘Giovani e politica: utopia possibile’. Nel corso della serata verrà presentato anche il sodalizio che, come spiega il presidente Giuseppe Ziino, “si prefigge il compito di realizzare iniziative per avvicinare gli studenti dell’Università di Messina, e non solo, al territorio. Vogliamo affrontare temi che riguardano la nostra città, dibattere e lanciare proposte in maniera costruttiva. Mondo universitario e territorio – osserva il rappresentante di Artu – sono due sistemi coesistenti e imprescindibili l’uno dall’altro”.
“Incontriamo il presidente dell’Ars – conclude Ziino – convinti dell’importanza di aprire uno spiraglio tra la politica e i giovani, in un momento particolarmente critico dove, proprio questi ultimi, sono sempre meno vicini alla cosiddetta ‘arte del governo’”.
Oltre a Ziino fanno parte dell’organigramma dell’associazione due vicepresidenti, Giovanni Ceraolo e Valentina Coppola e sette consiglieri. Presidente onorario è Andrea Faraone.
L’associazione Artu è in Rete alla pagina Facebook Artu - Associazione rappresentativa territorio e università.

Via Isa Conti . Installate due "batterie" di dissuasori della velocità


Due "batterie" di dissuasori della velocità sono stati installati stamane sulla via Isa Conti dagli operai ex Pumex in forza al Comune di Lipari, con la supervisione della Polizia municipale e dell'assessore alla viabilità, Roberto Marturano.
Sono stati posizionati in prossimità dell'Istituto "Conti" e del panificio Martino.
Con questi dissuasori viene completata una parte del piano sulla sicurezza stradale, predisposto dall'amministrazione Giorgianni, in alcune delle arterie più a rischio e per frenare il dilagante fenomeno delle folli corse nei centri abitati dell'isola.
Per "spezzare" la velocità dissuasori erano stati posizionati in precedenza sulla Falcone-Borsellino (tre), teatro questa di incidenti anche mortali, e sulla Cesare Battisti a Canneto.
Contestualmente ai dissuasori è stata apposta idonea segnaletica che obbliga i mezzi in transito, così come già avvenuto nelle altre arterie interessate,  a non superare i 30 km./h
Le tre "zone trenta" sono state deliberate dalla giunta Giorgianni unitamente ad una quarta: il C.so Vittorio Emanuele. In questa strada ubicata in pieno centro storico non è prevista, comunque, l'apposizione di dissuasori.
Vi è da evidenziare, infine, che limitatori della velocità vengono richiesti dai cittadini di Canneto sulla Marina Garibaldi, teatro questa, sempre più frequentemente, di folli corse di scooter ed auto.

"Padri e figli" sarà il tema del SalinaDocFestival 2017. Online il bando

Tema di quest'anno PADRI E FIGLI. VERSO TERRE FERTILI. La deadline per l’iscrizione dei film è il 30 aprile 2017. Il festival, dedicato al documentario narrativo, si svolgerà a Salina (Isole Eolie - Messina) dal 25 al 29 giugno 2017.
Abbiamo deciso di proporre un Concorso Nazionale” - dichiara la direttrice del festival, Giovanna Taviani - “perché vogliamo concentrarci sul documentario italiano, che sta vivendo un momento di grande vitalità in tutto il mondo, e che sta cominciando solo ora nel nostro paese a trovare la giusta visibilità e un’equa distribuzione.
Siamo convinti, come ripetiamo da anni, che si possa documentare la realtà raccontando una storia, in un felice connubio tra realtà e finzione, e il Salinadocfest, Festival del documentario narrativo, ha scommesso in questi anni su giovani documentaristi come GiovannesiDionisioMezzapesa, che oggi sono approdati alla finzione senza dimenticare lo sguardo del documentarista che pedina la realtà per inventare storie.
Vi aspettiamo dunque con i vostri film documentari per riflettere insieme sul grande tema della prossima edizione. Un’edizione speciale totalmente dedicata ai giovani, nuovi protagonisti del Mediterraneo, e sul tradimento dei figli ad opera delle classi dirigenti d’Europa. Dai minori non accompagnati che arrivano sulle nostre sponde e vengono respinti; ai nostri figli costretti ad emigrare lontano per essere riconosciuti altrove; ai giovani immigrati di seconda e terza generazione nati in Europa, che decidono di lasciare i loro padri e le loro madri, per arruolarsi nell’Isis. Ma anche a quelli che dicono no e che ogni giorno resistono e combattono per rendere fertile la terra in cui vivono.
Tutti insieme per riflettere, attraverso il cinema, sul patto generazionale tra padri e figli, che mai come in questo momento sembra essersi interrotto, e sulla ricerca di terre fertili da parte dei giovani che non vogliono arrendersi a un mondo sbagliato.”
Online il bando ufficiale SalinaDocFest 2017: http://www.salinadocfest.it/2016/salinadocfest-2017-il-bando/

Sondaggi nell'area portuale di Sottomonastero (Lipari)

Sondaggi in corso nell'area portuale di Sottomonastero al fine di verificare se è possibile il prolungamento del molo degli aliscafi.
I sondaggi dovranno verificare la presenza o meno di reperti archeologici collegati al limitrofo molo romano sommerso. 
Se non vi sono reperti si potrà dare il via, non appena espletate le formalità burocratiche, ai lavori

Pescando" nell'archivio video di Eolienews: Cristina Velardita canta "Ariadenu u pirata" di Bartoluzzo Ruggiero

Centosedicesima puntata. Oggi: Cristina Velardita canta "Ariadenu u pirata" di Bartoluzzo Ruggiero

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 26 Gennaio

Buon Compleanno a Fabrizio Di Maggio, Tommaso Mangano, Danilo Iacono, Lucia Mandarano, Antonio Pellegrino, Anna Laura Iacono, Maria Giovanna Cafarella, Riccardo Coluccio, Salvatore D'Amico

Accadde oggi...alle Eolie

26/01/2011
Per non dimenticare. I ragazzi della III A di Canneto hanno incontrato un reduce dell'ultima guerra
http://eolienews.blogspot.it/2011/01/per-non-dimenticare-i-ragazzi-della-iii.html

Oggi è il 26 Gennaio. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

ALBA A LIPARI (FOTO ANTONIO IACULLO)
SANTO DEL GIORNO: SANTI TIMOTEO E TITO
La memoria di due Vescovi delle primissime generazioni cristiane, ambedue convertiti da San Paolo e suoi collaboratori, è stata abbinata nel nuovo Calendario della Chiesa. Timoteo e Tito non erano israeliti, non appartenevano al Popolo eletto. Ambedue perciò impersonavano il primo grosso problema incontrato dalla Chiesa nascente. Il problema era questo: era lecito entrare nella Chiesa cristiana senza prima passare dalla Sinagoga ebraica? I pagani potevano essere battezzati direttamente, oppure il battesimo doveva essere riserbato soltanto ai circoncisi?
La questione venne affrontata dagli Apostoli, a Gerusalemme, verso l’anno 50, in quello che può esser definito il primo Concilio della Chiesa. La controversia fu vivace, ma San Paolo, per quanto israelita, sostenne le ragioni dei pagani convertiti, e in tal senso convinse anche gli altri Apostoli, e San Pietro, che dette autorità alle decisioni del concilio.
Timoteo era figlio di una donna israelita e di padre gentile, cioè pagano. Egli rappresentava in qualche modo un punto d’incontro e d’intesa tra le due tendenze. Per rispetto al padre, la madre non l’aveva fatto circoncidere. Quando San Paolo giunse in Asia Minore, a Listra, patria di Timoteo, convertì la madre e battezzò il giovane, promettente figlio.
Tito, a sua volta, era proprio uno di quei pagani della Siria che, convertito da San Paolo, era entrato a far parte della Chiesa di Antiochia. Quattordici anni dopo, Paolo lo portò con sé a Gerusalemme, proprio nel momento cruciale della controversia circa il battesimo dei Gentili. L’Apostolo si oppose risolutamente alla circoncisione del cristiano di Antiochia, e Tito divenne così il vivente simbolo del valore universale del Cristianesimo, senza distinzioni di nazionalità, di razza e di cultura.
Diverso fu invece il comportamento di San Paolo nei confronti di Timoteo. Incontrandolo dopo alcuni anni, gli consigliò la circoncisione. Ciò sembrava in contrasto con i principi paolini, ma evidentemente l’Apostolo delle Genti voleva fare di Timoteo un missionario presso gli Ebrei.
Timoteo divenne così uno dei migliori e più assidui collaboratori di Paolo, docile e affettuoso, riflessivo e fedele. E utilissimo collaboratore dell’Apostolo fu anche Tito, eloquente e ispirato, zelante e irreprensibile. Ambedue, Timoteo e Tito, furono latori delle lettere di San Paolo alle varie comunità cristiane. Due lettere dell’Apostolo, importantissime, furono indirizzate proprio a Timoteo; un’altra lettera, anche questa fondamentale, venne indirizzata a Tito, che era restato ad evangelizzare l’isola di Creta, dove divenne Vescovo di Gòrtina, morendovi vecchissimo, verso la fine del primo secolo cristiano.
Timoteo, invece, inviato da Paolo ad organizzare la Chiesa di Efeso, divenne il primo Vescovo, amato e venerato, di quella grande città orientale, dove morì verso l’anno 97. La tradizione lo disse Martire, ucciso a colpi di pietra dai pagani della città, adirati perché il Vescovo cristiano si sarebbe opposto ai Baccanali, durante una festa pagana. Ma nessun documento conferma quest’ultimo capitolo della vita del fedele «figlio spirituale» di Paolo.

mercoledì 25 gennaio 2017

Vento Eoliano interroga Giorgianni su contributo per servizio di vigilanza e salvataggio per le spiagge libere

Al Sindaco del Comune di Lipari
Rag. Marco Giorgianni
OGGETTO: Richiesta contributo ai sensi della Legge Regionale n. 17 del 1 Settembre 1998 riguardante il servizio di vigilanza e salvataggio per le spiagge libere siciliane.
Considerato che
-         con la Legge Regionale l settembre 1998, n. 17, è stato istituito il servizio di vigilanza e salvataggio per le spiagge libere siciliane, con finalità di prevenzione e tutela della incolumità dei bagnanti durante la stagione estiva;
-         tale servizio di vigilanza e salvataggio per le spiagge libere dell’arcipelago risulta strumento indispensabile al fine di garantire l’incolumità e la sicurezza dei bagnanti in realtà come le nostre ad alta criticità  sismica;
-         i Comuni costieri interessati sono tenuti ad individuare le spiagge ricadenti nel territorio da adibire alla balneazione e lungo tali spiagge, secondo quanto previsto dalla legge regionale n. 17,  i Comuni sono tenuti ad assicurare un servizio di vigilanza balneare con la presenza di bagnini di salvataggio e altresì bisogna provvedere a dotare le spiagge delle attrezzature e dei servizi necessari per l’incolumità della vita a mare;
-         l’Assessore regionale per gli enti locali è autorizzato ad erogare un contributo annuo pari al 50% degli oneri retribuitivi relativi al personale addetto alla vigilanza ed al salvataggio . Un contributo annuo pari alla metà del restante 50% sarà erogato a ciascun comune dalla provincia regionale competente per territorio, non comportando così alcun impegno di spesa per il nostro Comune;
-         necessario risulta  ai fini della possibilità di ammissione al contributo  far pervenire apposita istanza documentata  all’Assessore Regionale degli enti locali entro il 31 gennaio di ogni anno e l’Assessore successivamente provvederà ad assegnare le somme entro il 31 marzo di ogni anno;
Visto che
-         in data 25.01. 2013 , 21.01.2014, 30.01.2015 gli scriventi  hanno provveduto ad inoltrare alla SVI apposite richieste con le quali si chiedeva se era stata presentata istanza documentata all’Assessorato Regionale degli enti locali, cosi come previsto dall’art. 5 della Legge Regionale 1 settembre 1998 n. 17 per gli anni 2013, 2014 e 2015
-         malgrado i ripetuti solleciti la scorsa stagione nelle spiagge dell’arcipelago non è stato offerto il servizio in questione
Tutto ciò premesso
Si chiede
Se è stata presentata apposita  istanza documentata all’Assessorato Regionale degli enti locali cosi come previsto dall’art. 5 della Legge Regionale 1 settembre 1998 n. 17 ai fini dell’attribuzione del contributo e in caso contrario di provvedere urgentemente alla relativa trasmissione.  
                                                                                                                       
     Avv. Francesco Rizzo                            Dott.ssa Annarita Gugliotta                   Gianluca Giuffrè
(Fondatore Vento Eoliano)                         (Cons. Com. Vento Eoliano)           (Cons. Com. Vento Eoliano)

Sulla "Religione liberamente". Nuovo incontro venerdì a Lipari

di Michele Giacomantonio
L'impressione è che incontro di venerdi' scorso sia andato bene, ma se ne discutiamo un pò forse il prossimo andrà meglio.
Per questo ci troviamo venerdi' prossimo alle 17,30 nella chiesetta del Pozzo per una verifica del programma, vedere se ci sono argomenti da sviluppare e se ci sono punti del primo incontro da approfondire magari affidandosi a sottogruppi.
Ragazza referenziata residente a Lipari con esperienza lavorativa come addetta ai piani e aiuto cucina cerca lavoro in alberghi come addetta alle pulizie o alle colazioni o anche per pulizie domestiche anche a ore o come assistente agli anziani o come aiuto cuoca o pasticceria o commessa. Maxi serietà e professionalità. Cellulare 3343189743

Italicum, Consulta boccia ballottaggio. Sentenza subito applicativa

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimi ballottaggio e pluricandidature. La Consulta si è espressa sulla legittimità dell'Italicum, la legge elettorale approvata nel 2015 dal governo guidato da Matteo Renzi. I giudici si sono pronunciati sui dubbi di costituzionalità sollevati da 5 tribunali (Trieste, Messina, Genova, Perugia e Torino) sui punti chiave della legge. "All'esito della sentenza, la legge elettorale è suscettibile di immediata applicazione", spiega la Corte costituzionale nella nota diffusa sulla sentenza sull'Italicum.
La Corte ha quindi accolto le questioni, sollevate dai tribunali di Torino, Perugia, Trieste e Genova, relative al turno di ballottaggio, dichiarando l'illegittimità costituzionale delle disposizioni che lo prevedono, nonché quella relativa alla disposizione che consentiva al capolista eletto in piu' collegi di scegliere a sua discrezione il proprio collegio d'elezione. "A seguito di questa dichiarazione di incostituzionalità - si legge nella nota diramata dalla Consulta - sopravvive comunque, allo stato, il criterio residuale del sorteggio previsto dall'ultimo periodo, non censurato nelle ordinanze di rimessione, dell'articolo 85 del dpr 361 del 1957".

Appalti, Ars approva legge sull’Urega Elezioni ex province rinviate a dicembre

“L’Assemblea finalmente approva”. Così il Presidente dell’Ars Ardizzone ha salutato ieri l’approvazione della legge sull’ Urega (Ufficio regionale per l’espletamento di gare per l’appalto di lavori pubblici), varata a Sala d’Ercole dopo numerosi rinvii per mancanza di numero legale. In aula erano presenti questa volta 53 deputati. La votazione finale del testo ha avuto questo esito: 40 favorevoli, 2 contrari e 11 astenuti. 
Ardizzone ha stoppato il tentativo di presentare emendamenti aggiuntivi che avrebbero rischiato di frenare nuovamente l’approvazione della legge. In aula era presente l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità (con competenze sui Lavori Pubblici), Giovanni Pistorio.
Velocemente approvata anche la legge che posticipa le elezioni nelle Città Metropolitane e nei Liberi Consorzi (ddl 1283/A). Il testo giunto in aula prevedeva che le elezioni dovessero tenersi entro il 31 luglio 2017. In aula invece è stato approvato un emendamento dell’opposizione, a firma di Santi Formica (Lista Musuemci) che fissa le elezioni in una data compresa tra il primo dicembre 2017 e il 31 dicembre 2017, comunque non oltre il 31 dicembre 2017 “al fine – si legge nella norma – di evitare sovrapposizioni con le elezioni amministrative e regionali e consentire al Parlamento di modificare la legge di riassetto delle ex province e delle Città metropolitane”. In questo caso 41 i sì alla legge, 14 gli astenuti e un contrario.
L’aula tonerà a riunirsi martedì prossimo (31 gennaio 2016 alle 16) per dre un parere sul programma del Piano di azione e coesione che nel frattempo dovrà essere esitato dalla seconda commissione. Si tratta di un passaggio tecnico che il governo ritiene necessario per passare all’esame della finanziaria, il cui approdo in aula è previsto per il 14 febbraio (da approvare entro fine febbraio quando scadrà l’esercizio provvisorio).

Calcio a 5 - Serie D. I ragazzi liparesi del Milazzo 1937 "fanno 13"...e volano in testa alla classifica

Foto d'archivio
Nuova rotonda vittoria dei ragazzi liparesi del Milazzo 1937 che quest'oggi, nell'incontro di recupero del campionato di serie D di calcio a 5, si sono imposti per 13 a 0 al Sant'Alessio. L'incontro si è disputato al Freeland
Sono andati a segno: Felice Puglisi (4), Del Monaco (4), Groppo (4), Pellegrino
Tra i pali dal primo minuto Francesco Cafarella, figlio d'arte
La formazione eolo-milazzese scavalca così la Spadaforese e si porta in testa con un punto di vantaggio ed una gara da recuperare

Gruppo comunale volontariato Protezione Civile apre al servizio trasporto infermi. Pubblicato bando dal Comune di Lipari

Pubblicato dal Comune di Lipari bando di selezione di cittadini volontari per la costituzione nel Gruppo Comunale di Volontariato della Protezione Civile del servizio trasporto infermi.
PER VISUALIZZARE IL BANDO CLICCARE SUL LINK 

http://www.comunelipari.gov.it/mc/mc_attachment.php?mc=18709


N.B. Scorrendo la pagina che si apre si trova anche il modulo di richiesta d'adesione

MARITO E MOGLIE SORPRESI A RUBARE AL PARCO COROLLA A MILAZZO. ARRESTATO L'UOMO

Con l’accusa di furto aggravato in concorso i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno arrestato nella giornata di ieri FRANGU Florin classe 89, di origini rumene, con precedenti specifici e denunciato a piede libero la coetanea D.M.. 
L’hobby della famiglia era quello di trafugare tra la merce esposta degli esercizi commerciali del Parco Corolla e dopo aver danneggiato i dispositivi anti taccheggio in maniera tale da eludere i controlli allontanarsi indisturbati. 
A porre fine alle continue razzie ci hanno pensato i carabinieri che dopo qualche segnalazione si portavano all’interno del centro commerciale e bloccavano i due soggetti. 
All’atto del controllo la donna faceva perdere le proprie tracce tuttavia grazie alla visione dei filmati del sistema di video sorveglianza i militari della Stazione di Milazzo sono riusciti a risalire all’identità della donna. 
Per l’uomo invece, trovato in possesso di diverse bottiglie di super alcolici dal valore approssimativo di 100 euro si è proceduto a dichiararlo in stato di arresto. 
A seguito della perquisizione personale la merce sulla quale era stata apposta un adesivo per eludere le barre antitaccheggio è stata prontamente restituita al legittimo proprietario. Portato in caserma per gli accertamenti di rito, è stato tratto in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto condotti presso il rispettivo domicilio in attesa dell’udienza di convalida con l’accusa di furto aggravato. 
Nella giornata di ieri l’arresto è stato convalidato e l’uomo sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Pescando" nell'archivio video di Eolienews: Bartolo Famularo canta "Anciulinedda" di Bartoluzzo Ruggiero

Centoquindicesima puntata. Oggi: Bartolo Famularo canta "Anciulinedda" di Bartoluzzo Ruggiero

Sparatoria stamattina sul viale Giostra a Messina. Gambizzati due ambulanti

Sparatoria stamane intorno alle 8 e 30 sul viale Giostra a Messina. I fruttivendoli ambulanti Gaetano e Paolo Arrigo, rispettivamente padre e figlio, sono stati colpiti alle gambe dai colpi partiti da un fucile a pallettoni.
A sparare un uomo, giunto nell'area del mercato a bordo di uno scooter e subito dopo dileguatosi.
L'ambulanza del 118 ha trasferito i due in un ospedale cittadino.
La polizia ha avviato le indagini del caso.

Come eravamo. L'ingresso nell'area del palazzo vescovile di Lipari con le gibbie dell'acqua

Pubblichiamo la foto (ricavata da un dipinto) di come era tantissimi anni fa l'ingresso nell'area del palazzo vescovile di Lipari.
In evidenza il Seminario e le due "gibbie" (cisterne) per l'acqua
La foto si riferisce alla zona ribattezzata oggi "La Palma", prospicente il C.so Vittorio Emanuele

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 25 Gennaio

Buon Compleanno ad Aurora Beninati, Alessandro Merlino, Cheyenne Santoro, Antonino Reitano, Nicoletta Isabella China, Niccolò Lauricella Cincotta, Maria Catena Marchetta, Filippo Virgona, Giorgio Cannistrà, Carolina Russo 

Oggi è Mercoledì 25 Gennaio. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

SANTO DEL GIORNO: CONVERSIONE DI SAN PAOLO APOSTOLO
Uno dei più gloriosi trionfi della grazia divina é senza dubbio la conversione di S. Paolo, che la Chiesa celebra oggi con festa particolare. 
S. Paolo era ebreo della tribù di Beniamino. Fu circonciso l'ottavo giorno dopo la nascita, e fu chiamato Saulo. Apparteneva, come il padre, alla setta dei farisei: setta la più rigorosa, ma nello stesso tempo la più recalcitrante alla grazia di Dio. 
I suoi genitori lo mandarono per tempo a Gerusalemme, alla scuola di Gamaliele, celebre dottore in legge. Sotto questa sapiente guida. Saulo si abituò alla più esatta osservanza della legge mosaica. Questo zelo fu quello appunto che fece di Saulo il persecutore più terribile dei primi seguaci di Gesù. 
Lo vediamo nella lapidazione di Stefano custodire le vesti dei lapidatori, non potendo far altro, non avendo l'età prescritta; egli stesso però lapidava nel suo cuore, non solo Stefano, ma tutti i Cristiani, avendo in mente una sola cosa: sradicare dalle fondamenta la 
Chiesa di Cristo e propagare in tutto il mondo il Giudaismo. 
Con questo zelo quindi non vi è niente da stupire se fu uno dei più fieri, anzi il più terribile ministro della persecuzione che infierì contro i Cristiani di Gerusalemme e ben presto fece scomparire i Cristiani che colà si trovavano; ma non pago di ciò, chiese lettere autorizzative al Sommo Sacerdote, per poter fare strage dei Cristiani rifugiatisi in Damasco. Qui però il Signore l'attendeva: qui la grazia divina doveva mostrare la sua potenza. 
Eccolo sulla via di Damasco, accompagnato da arcieri, spirante furore e vendetta. Ma d'improvviso, mentre galoppa, una luce fulgida lo accieca; una forza misteriosa lo sbalza da cavallo ed egli ode una voce dal cielo che gli grida: « Saulo, perchè mi perseguiti? ». 
— Chi sei tu? — risponde Saulo, meravigliato e spaventato ad un tempo. 
Ed il Signore a lui: 
— Io sono quel Gesù che tu perseguiti. 
— Che vuoi ch'io faccia, o Signore? 
— chiede Saulo interamente mutato dalla grazia. 
— Va' in Damasco 
— gli risponde il Signore colà ti mostrerò la mia volontà. 

Saulo si alza, ma essendo cieco, si fa condurre a Damasco, dove rimane tre giorni in rigoroso digiuno e in continua orazione. Al terzo giorno Anania, sacerdote della Chiesa Damascena, per rivelazione di Dio, si porta nel luogo dove si trova Saulo, lo battezza e gli ridona la vista. Da quel momento Paolo è mutato da feroce lupo in docile agnello : la grazia di Dio opera in lui per formare il vaso di elezione, l'Apostolo delle genti. 
Paolo, docile ai voleri di Dio, tanto crebbe nell'amore di Gesù, che arrivò a dire: « Chi mi separerà dalla carità del mio Gesù? forse la persecuzione? la fame? i sacrifici o la morte? Ah, no, né la vita, né la morte, né il presente, né il futuro saranno capaci di separarmi da quel Gesù per cui vivo, per cui lavoro e col quale sono crocifisso. Egli sarà la mia corona perché non sono io che vivo ma è Gesù che vive in me ». 

PRATICA. Iddio permette nella Chiesa le persecuzioni affinché la sua vigna, potata, produca frutti più abbondanti (S. Agostino). 

PREGHIERA. Dio, che con la predicazione del beato apostolo Paolo hai istruito il mondo intero, deh! fa' che, mentre oggi veneriamo la sua conversione, per i suoi esempi veniamo a te. 

martedì 24 gennaio 2017

Pena ridotta. Scarcerato il marocchino che tentò violenza su una 24enne liparese

E’ stato scarcerato il venticinquenne marocchino Marzak Amine, arrestato dai carabinieri a Lipari il 13 marzo 2016 per tentata violenza sessuale nei confronti di una 24 enne isolana.
La ragazza, figlia di un noto professionista dell'isola, aggredita sulla via Garibaldi, reagì mettendo in fuga l'aggressore che poi venne individuato ed arrestato in una abitazione limitrofa alla via Roma.
Il venticinquenne era stato condannato in primo grado, con rito abbreviato, al Tribunale di Barcellona, a 2 anni e 4 mesi.
A seguito dell'appello redatto e presentato dall’avv. Rosa Guglielmo, difensore di fiducia dell’imputato, la Corte d’Appello di Messina, in parziale riforma della sentenza di primo grado, ha ridotto la pena ad 1 anno e 10 mesi di reclusione, concedendo a Marzak la sospensione condizionale della pena.
Dopo la sentenza il marocchino, dal quale è opportuno ricordare l'integrata comunità marocchina di Lipari ha preso le distanze, condannando il fatto, ha lasciato il carcere di Agrigento, dove era ristretto ormai da 10 mesi
Nella foto d'archivio: gli amici della ragazza davanti alla casa dove si era rifugiato il marocchino dopo il tentativo di violenza.


WhatsApp, ora è possibile modificare i messaggi inviati. Ma solo nella versione beta...

Nella versione beta di WhatsApp dedicata agli smartphone Android è stata introdotta la possibilità di modificare i messaggi
Dopo aver rilasciato l’aggiornamento che permette di cancellare i messaggi inviati, WhatsApp integra una nuova funzionalità: gli utenti potranno modificare il testo dei messaggi. Un nuova funzionalità molto richiesta dagli utenti, soprattutto perché già disponibile su altri servizi di messaggistica istantanea.
Al momento la nuova funzionalità si può utilizzare solamente nella versione beta dell’applicazione. Per poter provare la nuova feature è necessario scaricare il file in formato APK (Android Packag) dell’applicazione e installarlo sul proprio smartphone. WhatsApp prima di rilasciare ufficialmente una nuova funzionalità la testa su “un circuito parallelo” fino a quando tutti i bug non vengono risolti. Al momento lo staff di WhatsApp è al lavoro per rilasciare nuove funzionalità che saranno via via integrate nella versione ufficiale dell’applicazione.
Come modificare i messaggi su WhatsApp
Con la nuova funzionalità introdotta nella versione beta di WhatsApp non si dovrà più temere di sbagliare il testo di un messaggio. Anche dopo averlo inviato, sarà possibile modificare eventuali errori e refusi. Al momento non si sa per quanto tempo si potrà editare il testo del messaggio, ma è molto probabile che l’utente avrà a disposizione non più di qualche ora. Per poter cambiare il testo, basterà selezionare il messaggio e in alto a destra spunterà la dicitura “Edit”. Tutto molto facile e veloce. 
Ricordiamo che questa nuova funzionalità è disponibile solamente nelle versione beta di WhatsApp.

Curiosità..."andando per isole". A Palmeto una roccia a forma di viso...con un bel naso. Foto: Francesca Falconieri

Come eravamo: Una formazione dei Lupi di Mare (Foto Sandro De Luca)


Il ringraziamento delle famiglie Zaia e Mandarano

Esami per agenti di affari in mediazione sez. Immobili e con mandato a titolo oneroso Il 31 gennaio la scadenza delle domande alla Camera di commercio

COMUNICATO STAMPA

Messina, 24 gennaio 2017. La Camera di commercio comunica che è stato avviato il procedimento per lo svolgimento degli esami per Agenti di affari in Mediazione sez. Immobili e con mandato a titolo oneroso.
Gli interessati in possesso dei requisiti richiesti (legge 03/02/89 n. 39, modificata dall‘art. 18 della legge 05/03/2001 n. 57) possono presentare domanda di ammissione agli esami entro il 31 gennaio 2017.
La domanda di ammissione potrà essere trasmessa alla casella di posta elettronica certificata della Camera di commercio: cciaa.messina @me.legalmail.camcom.it
Per le domande di ammissione trasmesse per posta raccomandata, farà fede il timbro d’accettazione dell’ufficio postale.
Il modello per la presentazione delle istanze è disponibile sul sito camerale: www.me.camcom.it
Per ulteriori informazioni, 090/7772283.

Frana costone roccioso sotto chiesa a Ginostra. Circomare Lipari emette ordinanza d'interdizione di accesso al demanio marittimo

Eolian Noleggi...non è solo noleggio. Da noi trovi tutto per auto, scooter, mezzi pesanti, imbarcazioni

A CANNETO (LIPARI) EOLIAN NOLEGGI
Pneumatici per auto scooter e mezzi pesanti.
Per i pneumatici, se richiesto, si effettua anche il montaggio.
Ritiro e consegna del mezzo al vostro domicilio. 
Preventivi gratuiti su richiesta.
Batterie, olii, lubrificanti, liquido radiatore, grasso, prodotti chimici.
Candele, lampadine e centraline per auto e scooter.
Caschi per adulti e bimbi, omologati scooter e bici.
Riparazioni scooter


Eolian Noleggi è anche Noleggio e ricambi scooter, automobili e imbarcazioni
EOLIAN NOLEGGI 
 è in Via Marina Garibaldi, 11/12 
                 Canneto (Lipari)                     
www.eoliannoleggi.it
 info@eoliannoleggi.it
Giusy:338 2476192 / Luigi: 333 7440201