Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 4 febbraio 2017

Lipari, e dopo l'incendio di Gennaio...ci hanno provato anche a Febbraio

Vigili del fuoco del distaccamento di Lipari in azione in località Coste d'Agosto a Quattropani per un principio d'incendio boschivo.
L'immediato intervento non ha consentito l'allargarsi delle fiamme.
Ricordiamo che il 22 Gennaio un vasto incendio aveva interessato, sempre nell'isola di Lipari, l'area di Palmeto

Calcio a 5 - Serie D. Cadono i ragazzi liparesi del Milazzo 1937. Domani il pronto riscatto?


 Si è interrotta oggi a Messina contro il Domenico Savio la striscia positiva dei ragazzi liparesi del Milazzo 1937 impegnati nel campionato di serie D di calcio a 5.
La formazione, scesa  in campo altamente rimaneggiata rispetto all'organico base, tornerà in campo domani tra le mura amiche del Freeland.
Occasione giusta per ripartire e puntare, sempre più determinati, al salto di categoria

Pallavolo. In campo domani a Lipari la libera mista del Club Meligunis



La Libera Mista del Club Meligunis, dopo la bella vittoria per 3 a 0 di domenica scorsa a Messina, contro la Virtus Fata Morgana, per 3 a 0, vuole continuare la striscia positiva per avvicinarsi sempre più alle finali provinciali,
Per questo sarà importante superare domani alle 15, al Palasport "Nicola Biviano", la formazione del Giovanni Paolo II.
Ragazzi e ragazze confidano nel sempre prezioso supporto del pubblico di casa

Destino crudele unisce due cugine. In un incidente d'auto muore la cugina dell'orlandina Lorena Mangano

L'articolo si ingrandisce cliccandoci sopra

Candelora: trionfo della luce in un'epoca di oscurità (di Gianluca Veneroso)

Chi non serba il ricordo, magico e al contempo maldestro, di noi bambini, intenti a esibire una preziosa candela, divisi tra il fascino della luce e l'ansia della cera rovente? 
È l'inconfutabile alchimia della Candelora, momento cristiano di transizione dalla festosità natalizia alla contrizione prequaresimale. 
Giovedì scorso, ancora con l'entusiasmo di sempre e la mai sopita cristianità che ci è propria, questo excursus di fiamme e anime, ha sfilato lungo il corso liparota, al seguito della nostra "fiaccola spirituale", Padre Gaetano Sardella. 
Una breve - ma intensa -processione luminosa alla volta della chiesa di San Pietro, dove alle 18:30 si è celebrata la tradizionale Messa. 
Noi del Coro di Santa Maria di Portosalvo/San Pietro, sostenuti dal "sacro fuoco musicale" di Gianluca Zanca, abbiamo piacevolmente "brillato" di armonie e preghiera, lodi e invocazioni, in una fase storica e umana che soffoca nell'indifferenza generale ogni scintilla di autenticità, sotto le ceneri di solitudine e qualunquismo. E proprio al recupero del lume della ragione, contro i fumi della corruzione etica, hanno inneggiato gli esempi "pennellati" durante l'Omelia da Don Gaetano. 
Quelle candele non sono mera materia! No! Sono un inno silente a una fede appannata e opaca. Sono immagine dell'estinto. Pienezza contro un vuoto. Parola di un non-luogo per ogni tempo!!! Calore che si vede ...unito a un'aura che, attraverso Cristo, fa eco nel cuore! Luce, luce, comunque luce....che irradia fuori e dentro noi! 
Gianluca Veneroso

E' deceduto Edoardo Taranto di Filicudi. Il cordoglio

Ho appena appreso una tristissima notizia.
Non ho il coraggio, né la forza di chiamare ..
Non ci sono parole, quando un caro congiunto se ne va.
Non ci sono parole quando chi ci lascia è una persona cara come Edoardo lo era per me.
Le nostre lunghe chiacchierate; i suoi racconti; i suoi punti di vista; il suo amore per il comune " scoglio" sono e restano nel mio cuore.
Sapere che nel ritornare, non lo ritroverò sulla panchina della piazzetta del porto, sotto gli alberi che mio padre ha piantato, come lui mi ricordava, mi addolora infinitamente.
Non ho parole per Concetta, per Onofrio, per Franco per Caterina ..per i nipoti tutti e i fratelli.
Faccio l'unica cosa possibile per me al momento: scrivere. Affidare a questo messaggio il mio affetto per voi , per la mia isola e la mia comunità che oggi perde un carissimo "figlio".
Addio Edoardo.Mio fidato amico e consigliere.
Ti sia lieve la terra.

Maria Grazia Bonica

Presidente, Vicepresidente e Consiglieri di Circoscrizione Filicudi e Alicudi piangono un amico, Edoardo Taranto, che oggi ha terminato il suo cammino terreno.
Tanti ricordi ci legano a lui.
Alla moglie, ai figli, ai fratelli ed ai familiari tutti porgiamo le più sentite condoglianze ed un grande abbraccio.

Calcio - Terza Categoria. Domani derby di ritorno a Stromboli. All'andata si imposero Lanza e compagni

Prima giornata di ritorno domani nel campionato di calcio di Terza Categoria (Messina - girone A).
A Stromboli si affronteranno nel derby la formazione di casa e la Ludica Lipari.
All'andata si impose lo Stromboli per 5 a 3
Lo Stromboli ha quindici punti in classifica e deve recuperare una gara. 
La Ludica Lipari 18 anch'essa con una gara da recuperare.
Entrambe sono tutt'ora in corsa per un posto nei playoff
Il Malfa ospiterà tra le mura amiche la vice-capolista Real Zancle

Manifesti anonimi contro Papa Francesco apparsi oggi nel centro di Roma. Incredibile...da lasciare senza parole

Roma, 4 feb. (askanews) – Manifesti contro papa Francesco sono comparsi questa mattina nel centro di Roma.
Nei manifesti, in cui è raffigurato il papa con un’espressione corrucciata, si legge: “A Francé, hai commissariato Congregazioni, rimosso sacerdoti, decapitato l’Ordine di Malta e Francescani dell’Immacolata, ignorato Cardinali… ma n’do sta la tua misericordia?”
I manifesti non riportano l’indicazione di un committente.

ISTITUITO A PALERMO IL PRIMO COORDINAMENTO DELL'EXTRALBERGHIERO

Oggi più che mai il turismo esperienziale è in continua crescita e anche in Sicilia e a Palermo sono tante le strutture scelte dai viaggiatori spinti dalla voglia di un soggiorno nuovo e di condivisione.
E' proprio il settore extralberghiero consolidato del capoluogo siciliano ad aver accolto l’invito di Federalberghi a compattare il mondo della ricettività turistica. 

Si è riunita, dunque, presso la sede Palermitana Federalberghi, la prima assemblea della sezione dell'extralberghiero, nella quale hanno partecipato tanti giovani accomunati dalla passione per l’Ospitalità, un gruppo eterogeneo fatto da proprietari e gestori di B&B, Affittacamere, Case Vacanze ed Ostelli.
"E’ stato istituito un coordinamento - dichiara Claudia Vitale - ed abbiamo creato dei gruppi di lavoro per cercare di essere più operativi”.
“Anche noi con le nostre piccole strutture- conferma Francesco Ponte- molte delle quali a conduzione familiare, vogliamo dare un contributo per la crescita del nostro territorio che ha una forte vocazione turistica”.
“Invitiamo altri proprietari di strutture extralberghiere- dice Danilo Alongi - a unirsi a noi perché siamo certi che come disse qualcuno “Nessuno può fischiettare una sinfonia. Ci vuole un’intera orchestra per riprodurla”.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 4 Febbraio

Buon Compleanno a Cinzia Ficarra, Enzino Sampieri, Margherita Ziino, Rita Cappadona, Chiara Martino, Luciano Mondello, Giusi Portelli, Raffaella Peluso, Marisa Virgona, Imma Cappadona, Mary Scecchitano,Sara Lopes, Mario Nicola Potenza, Edoardo Valguarnera, Corrado Ferrara, Clarissa Ficarra

Assunzioni a termine personale ATA. MIUR condannato. Ennesimo successo dell'avvocato Vincenzo La Cava

Il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto si è pronunziato in favore del personale ATA disponendo " l' illegittimità delle assunzioni a termine dal 2002 al 2011 su posti di organico di diritto avendo avuto una durata superiore a trentasei mesi peraltro consecutivi e presso il medesimo istituto".
La ricorrente M.G. P. di Lipari è stata rappresentata dall'avvocato Vincenzo La Cava
Inoltre il Tribunale nel dichiarare illegittime le supplenze annuali conferite dal Miur ha condannato la stessa amministrazione scolastica a corrispondere le differenze lorde tra il trattamento stipendiale effettivamente percepito e quello dovuto a far data dal 2007 cumulando i servizi dal 2002 al 2011.
Per aderire al ricorso contatta lo studio al numero 090.346288 oppure inoltra una mail a vincenzo.lacava@avvocatovincenzolacava.it

Aliscafo in avaria. Passeggeri sbarcati a Vulcano. Società farà arrivare altro mezzo

Avaria all'aliscafo Eduardo M. partito alle 7 per Vulcano - Milazzo.
I passeggeri, una cinquantina circa, sono stati fatti scendere a Vulcano dove sono in attesa di un aliscafo sostitutivo, messo disposizione della società, che li trasferisca nella Città del Capo

Oggi è Sabato 4 Febbraio. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

IL SANTO DEL GIORNO:
Prigioniero dei Turchi a Costantinopoli, fra Giuseppe era restato per tre giorni appeso a una croce per un piede e per una mano. E non era morto. Dio solo sa come riuscisse a sopravvivere a quel supplizio, e come si rimarginassero le sue terribili ferite. Si parlò dell'intervento miracoloso di un Angelo, che avrebbe sostenuto il suo corpo e curato le sue piaghe.
Certo non era facile spiegare in altro modo quella resistenza che sfidava tutte le leggi naturali, comprese quelle - terribilmente logiche - della tortura. E quasi un miracolo fu il fatto che il Sultano, forse ammirato per l'accaduto, commutasse la pena di morte con l'esilio perpetuo.
A Costantinopoli, il cappuccino Fra Giuseppe aveva compiuto un gesto degno veramente da folle. Aveva tentato di entrare nel palazzo per predicare davanti al Sultano in persona, sperando di convertirlo. Catturato dalle guardie, era stato giudicato reo di lesa maestà.
Bisogna dire che fino allora i Turchi lo avevano lasciato libero di predicare in città, dopo aver assistito i cristiani prigionieri. L'estrema povertà del frate e dei suoi compagni, sotto il saio color tabacco, lasciava perplessi i rappresentanti del potere e della religione ufficiale. Era difficile vedere in quegli umilissimi stranieri, sprovvisti di tutto, altrettanti pericolosi cospiratori contro la sicurezza dello Stato.
Giuseppe era nato nel 1556, a Leonessa, e nella cittadina umbra dal fiero nome, presso Spoleto, era entrato sedicenne tra i cappuccini della riforma, mutando il nome di Eufrasio Desiderato in quello dell'umile sposo della Vergine. Aveva compiuto il proprio noviziato nel convento delle Carceri, sopra Assisi, e in quella piega boscosa del Subasio si era temprato alla più dura penitenza e alla più rigorosa astinenza.
Con una tipica espressione francescana, chiamava il proprio corpo « frate asino », e diceva che come tale non aveva bisogno di essere trattato come un corsiero, un purosangue. Bastava trattarlo come un asino, con poca paglia e molte frustate.
La paglia forse si, ma le frustate - come abbiamo visto - non gli erano mancate durante la sua avventura in Turchia, dove il generale dell'Ordine lo aveva inviato, trentenne, per assistervi i prigionieri cristiani.
Tornato in Italia, poté seguire quella vocazione missionaria che l'aveva spinto a predicare davanti al Sultano. Questa volta, però, fu predicatore sull'uscio di casa, nei villaggi e nella città reatina, sua patria. I risultati furono altrettanto consolanti, e il suo zelo di carità ancor più necessario, perché il più difficile terreno di missione è spesso quello stesso sul quale fiorisce la santità in mezzo alle ortiche del vizio e ai rovi dell'indifferenza.
Cinquantacinquenne, s'infermò, ritirandosi nel convento d'Amatrice. Gli venne diagnosticato un tumore, e si tentò di operarlo, Dio sa come. Fu quello il suo secondo supplizio, ma rifiutò di essere legato, come suggerivano i medici. E non si sollevò più dal lettuccio chirurgico. Come anestetico si era stretto al petto, lungamente, il Crocifisso



venerdì 3 febbraio 2017

Santa Marina Salina al 28,91% di differenziata. La soddisfazione del vice-sindaco Arabia che punta ad un ulteriore incremento e annuncia novità nella tariffazione

COMUNICATO STAMPA – RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA
Grande soddisfazione viene espressa dall’Amministrazione Comunale di Santa Marina Salina in merito ai risultati positivi ottenuti nel 2016 nel settore rifiuti e raccolta differenziata. Dai dati forniti dalla SRR Isole Eolie si evince che il Comune di Santa Marina Salina, attestandosi al 28,91% di raccolta differenziata, ha prodotto meno rifiuti solidi urbani (RSU) ( circa 112 tonnellate non sono finiti in discarica) e incrementato la raccolta differenziata di circa 60 tonnellate rispetto all’anno precedente.
“Finalmente, da quando le competenze nel settore sono tornate ai Comuni nel 2013, si iniziano a vedere i primi risultati concreti in tema di rifiuti, conseguenza diretta dell’avvio del sistema di raccolta dei rifiuti porta a porta nel febbraio 2016” commenta il Vice Sindaco Domenico Arabia “che ha permesso alla nostra Comunità di migliorare e incrementare le percentuali di raccolta differenziata, che in alcuni casi sono raddoppiate. Questo è il percorso corretto che come Amministrazione abbiamo scelto di intraprendere, unitamente agli altri Comuni dell’Isola, e risultati ottenuti nel primo anno di esercizio del nuovo servizio fanno ben sperare”.
Rimane, però, ancora un buon 70% di rifiuti che non vengono differenziati e che di conseguenza finiscono in discarica, che invece possono essere ulteriormente differenziati eliminando ad esempio la c.d. “frazione umida”( come gli scarti di cucina), che può essere trattata dalle singole utenze mediante compostiere o soluzioni similari all’interno dei propri giardini, riducendo ulteriormente i rifiuti che finiscono in discarica e che rappresentano un importante costo per la Comunità.
“L’importante risultato di riduzione della spesa per il conferimento in discarica ottenuto nel 2016 consentirà all’Amministrazione di rimodulare al ribasso le aliquote del servizio TARI per il 2017” continua il Vice Sindaco “raggiungendo un importante traguardo per tutta la cittadinanza, come ci eravamo ripromessi all’atto del nostro insediamento nel 2012. Ma la vera sfida nel prossimo futuro sarà riuscire a ridurre la quantità di rifiuti che finisce ancora in discarica mediante le corrette pratiche di compostaggio domestico o di comunità”.
Ulteriore impulso al miglioramento del servizio rifiuti sarà certamente fornito con 
l’aggiudicazione dell’appalto per il servizio integrato di raccolta e trasporto dei rifiuti, (la cui gara è in corso presso l’UREGA di Messina) ideata e portata avanti dall’ARO Salina ( Ambito di Raccolta Ottimale comprendente i tre comuni isolani), che limiterà sull’isola la situazione emergenziale e di provvisorietà relativa al settore di rifiuti.
“La presenza di un gestore unico del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti che per sette anni opererà nel nostro territorio in modo continuativo e costante e che realizzerà gli investimenti richiesti dalle Amministrazioni, tra cui il compostaggio domestico e di comunità” conclude il Vice Sindaco Arabia “consentirà alla nostra Collettività di ridurre ulteriormente i costi di smaltimento in discarica e incrementare le quantità di materiali differenziati. Non appena il servizio sarà a regime e i reali costi saranno consolidati sarà possibile, finalmente, elaborare un sistema di tariffazione puntuale che consentirà di calcolare una parte della TARI sull’effettivo conferimento da parte dell’utente dei rifiuti indifferenziati, cancellando così l’attuale sistema basato invece esclusivamente sull’ampiezza delle aree sui cui i rifiuti vengono prodotti”

Orsa marittimi indice sciopero regionale marittimi Liberty Lines per il 6 Febbraio

Ci lascia la signora Grazietta Caputo ved. Grasso

E' deceduta a Lipari la signora Grazietta Caputo ved. Grasso.
Aveva 84 anni
Ai figli Gianfranco e Marisa, alla nuora, al genero, ai nipoti e ai parenti tutti le sentite condoglianze della famiglia Sarpi e di Eolienews

"Il mare d'Inverno" domenica ad Acquacalda e Porticello

“Il Mare d’Inverno 2017”Lipari. XXVIa Edizione (Domenica 5 Febbraio 2017 Spiagge di Acquacalda e Porticello).
Si comunica che, Domenica 5 Febbraio , a partire dalle ore 9,30 si svolgerà la consueta manifestazione denominata “Il Mare d’Inverno 2017 -.
I volontari di Fare Verde saranno impegnati a pulire le spiagge in oggetto per ricordare a tutti che l’inquinamento dei litorali è un problema che esiste per dodici mesi all’anno e non solo durante il periodo estivo.
La manifestazione di carattere nazionale, si svolgerà a Lipari sulle spiagge di Acquacalda e Porticello. Le operazioni di pulizia promosse da Fare Verde costituiranno occasione per informare i cittadini sulle possibilità di riduzione del mare di rifiuti che invade le vie delle nostre città, le strade, le autostrade, le campagne, le aree industriali e i quartieri residenziali, le cime delle montagne e i boschi, i prati e, naturalmente, le spiagge.
I volontari che puliranno le spiagge predisporranno, al termine della manifestazione, un censimento dei rifiuti raccolti.
Il gruppo locale di Messina/Lipari invita quindi tutti per la pulizia domenica 5 Febbraio p.v. dalle ore 9,30 alle ore 13,00. L’evento è rivolto ai più grandi ed ai più piccoli che saranno invitati a giocare ed educati alla conoscenza della flora e fauna delle dune.
Si auspica la partecipazione degli organi di stampa.
per l’Associazione ambientalista “Fare Verde Onlus” – Gruppo locale di Messina/Lipari
Francesco Rizzo
Dirigente nazionale
Piero Gatto Liana Cannata Bartolo Profilio Gennarino Saltalamacchia
Responsabili locali

Vento Eoliano rilancia candidatura Eolie a capitale europea della gioventù

Caro Sindaco,
ad oggi le ultime notizie sulla città di Palermo, divenuta Capitale italiana della cultura per l’anno 2018, mostrano a tutta la nazione un meccanismo di aggregazione e di partecipazione condivisa.
La candidatura della predetta città, sostenuta da un progetto originale- termine a Lei molto caro in riferimento alla piattaforma elettorale elaborata cinque anni orsono- di elevato valore culturale e sociale, consentirà alla medesima di lavorare soprattutto in termini di progettazione e promozione.
Nel 2012 il vento Eoliano aveva già presentato delle linee guida per la candidatura a “Capitale Europea della gioventù” offrendo anche una prima bozza di progetti e iniziative, invitando, indipendentemente dal risultato finale l’amministrazione “vincente” a portare avanti la proposta.
L’iniziativa avrebbe avuto come primo obbiettivo, quello di “valorizzare i beni culturali e paesaggistici” oltre a migliorare i servizi rivolti ai turisti il tutto finanziato a valere sulla quota nazionale del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, di cui all’articolo1, comma 6 della legge 27 Dicembre 2013, n 147 di circa e non oltre 1 milione di Euro.
Orbene, pur in clima generale di campagna elettorale La invitiamo di concerto con la giunta e con gli uffici competenti a proporre l’Arcipelago Eoliano, quale referente per questi imponenti progetti Europei che ci rilancerebbero clamorosamente all’attenzione internazionale, restituendo alla comunità la sua spiccata vocazione di epicentro di arte, cultura e bellezza.
Dott. Giulio Lucio Salpietro
Avv. Francesco Rizzo

Comune di Lipari aderisce a "I Comuni del Cuore" di Telethon. Invito ai cittadini

COMUNICATO STAMPA

AVVISO ALLA CITTADINANZA

Il Comune di Lipari ha aderito al programma “I Comuni del Cuore”, promosso dalla Fondazione Telethon in sostegno della ricerca sulle malattie genetiche rare, decidendo di partecipare concretamente alla stessa mediante donazioni volontarie - a fronte della distribuzione di prodotti solidali offerti da Telethon (cuore di cioccolato) - frutto di una raccolta realizzata all’interno del Comune, tra amministratori e dipendenti e la solidarietà di tanti cittadini.
L’impegno sociale per sostenere l’importante campagna prosegue, dunque, nell’intento di fare divenire anche il nostro un “Comune del Cuore”, attraverso la più ampia sensibilizzazione ed il coinvolgimento generoso di tutta la cittadinanza.
A tale scopo, saranno organizzati eventi/banchetti allestiti presso la “Sala delle Lettere” (sede del Centro Sociale Anziani) e/o nell’area antistante, siti sul Corso Vittorio Emanuele, nelle giornate e negli orari di seguito indicati:

Ø  Sabato        4 febbraio p.v. – dalle ore 16:00 alle ore 20:00
Ø  Domenica   5 febbraio p.v. – dalle ore 16:00 alle ore 20:00
Ø  Sabato       11 febbraio p.v. – dalle ore 16:00 alle ore 20:00
Ø  Domenica  12 febbraio p.v.  – dalle ore 16:00 alle ore 20:00

Si invita la cittadinanza tutta a voler rispondere all’appello di Telethon in favore della ricerca sulle malattie genetiche rare.
“Donando col Cuore” possiamo offrire risposte e terapie a persone, adulti e bambini, per restituire loro il futuro. 

Aiutiamo la ricerca e “Grazie di Cuore” da Telethon e dai suoi volontari.

Giornata mondiale delle zone umide 2017. Con Legambiente e Nesos il 5 febbraio a Vulcano.


Iscrizioni al primo anno al Conti. Segreteria aperta domani a disposizione delle famiglie

L'Istituto d'Istruzione Superiore di Lipari, Isa Conti Eller Vainicher comunica che la segreteria, in occasione della scadenza delle iscrizioni on-line per gli studenti di terza media per l'anno scolastico 2017-2018, nella giornata di sabato 4 febbraio 2017 sarà aperta, a disposizione delle famiglie, per effettuare le suddette iscrizioni, dalle ore 9 alle 13.
Il Dirigente Scolastico
Prof.ssa Tommasa Basile

Vulcano: pontile aliscafi , porto turistico, e le polemiche strumentali e senza senso. Ci scrive il dottor Sergio La Cava

Il dottor Sergio La Cava replica a polemiche inerenti sia la portualità  a Vulcano che un immobile.
Una "lettera aperta" che pubblichiamo, nonostante la polemica  non sia nata sul nostro giornale,  poichè riteniamo che quanto esposto da Sergio La Cava sia di interesse collettivo.
IL TESTO
Mi permetto di replicare ad affermazioni che ,come al solito, sono infarcite di informazioni”presunte” al solo scopo di far intravedere a tutti i costi "l'intreccio”.
La Siremar che ha demolito il pontile di Vulcano era la ex Siremar - Compagnia delle isole e non l’attuale, giusto per amore della verità.
Tutta la popolazione Vulcanara ha sofferto e soffre per la mancanza del pontile aliscafi e stiamo sollecitando il Sindaco, con tutte le nostre forze, per riattivarlo.
Ovviamente il pontile sarà riattivato per farci attraccare gli aliscafi, per quanto ne sappiamo a Vulcano.
I finanziamenti per il pontile saranno dati, ovviamente, per RIFARE il pontile e ripristinare cosi il naturale posto di ormeggio dei mezzi veloci a prescindere da chi abbia acquistato Remigio, come capirebbe chiunque, tranne chi vuole spargere un po di veleno gratuitamente.
Probabilmente per Lei che non vive Vulcano sarebbe stato meglio che il manufatto, che fa bella mostra di se in condizioni fatiscenti, da oltre un ventennio,come biglietto da visita dell’isola, restasse cosi com’è per altrettanti anni con il solo scopo di fare lamentare chiunque lo veda e lo commenta negativamente,con grave danno alla nostra isola(ma meglio lamentarsi che sistemare le cose).
Che al posto del pontile venga un porticciolo turistico non risulta a nessuno di noi,ma Lei,ad arte,lo inserisce sempre allo scopo di gettare un po di veleno gratuito.
Chiunque vedrebbe come un opera capace di dare una svolta non solo a Vulcano ma a tutte le isole la realizzazione di un porticciolo turistico per il quale, stia sereno, continueremo a batterci, magari chiederemo di farlo a Vulcano Piano cosi non desteremo sospetti.
Che il pontile aliscafi diventi un tutt'uno con il ritrovo Remigio non riesco a capirne il significato considerato che l’unica cosa che può accadere è che si ripristini il pontile COM’ERA PRIMA, e ,di conseguenza i passeggeri sbarcheranno e imbarcheranno da dove SBARCAVANO E IMBARCAVANO PRIMA.(VEDE? TUTTO COME PRIMA)
VUOLE INDICARE UNA SOLUZIONE DIVERSA DI ALLOCAZIONE DEL PONTILE CHE NON CONFLIGGA CON LA PROPRIETA' DI REMIGIO? Si accomodi almeno la sentiremo come pars costruens anzichè pars denstruens.
COSA DOVREI FARE? CHIEDERE ALLE AUTORITA’ SE CI FANNO RICOSTRUIRE REMIGIO DALL’ALTRA PARTE DEL PORTO CAMBIANDO IL SITO? MA PROBABILMENTE SAREBBE SOSPETTOSO IN QUANTO POTREBBE CREARE UN TUTT’UNO CON LE NAVI
Sono certo che se altri avessero acquistato il locale non si sarebbe potuto intravedere l’intreccio negandole il piacere di dare sfogo alla sua penna.
La conclusione del suo ragionamento sarebbe: NO A UNA STAZIONE MARITTIMA DECENTE CHE CONSENTA UN RIPARO AI NOSTRI OSPITI DEGNO DI UN PAESE CIVILE.
NO A UN IDEA DI PORTICCIOLO TURISTICO CHE CONSENTA ALL’ISOLA DI VULCANO DI FARE UN SALTO DI QUALITA’.
NO AL RECUPERO DI UN OPERA FATISCENTE POSIZIONATA PROPRIO COME PRIMO IMPATTO ALL’ARRIVO SULL’ISOLA.
Carissimo, lei ha parlato di colombe agendo da falco,in maniera incomprensibile  e sconsiderata da parte di chi invoca la pace che in questo paese, specie in campagna elettorale,proprio per “presunti intrecci” esposti da gente come Lei,è sempre più merce rara.
Con Affetto e Stima
AH! dimenticavo!
BACIAMO LE MANI
Sergio La Cava

Pescando" nell'archivio video di Eolienews: Halloween 2012 by Partylandia

Centoventunesima puntata

Dissuasori. Il parere di Francesco Coscione

Come ogni innovazione, qualunque ne sia l'ambito, comporta un periodo di adattamento e di opinioni diverse di approvazione o di biasimo. Tale è stata anche la reazione riguardo al posizionamento dei dossi rallentatori nelle nostre strade. Purtroppo devo anche constatare che procedendo a 30 km/h sulla via Falcone Borsellino vengo spesso sorpassato da auto (specialmente tipo fuoristrada), moto e scooter che procedono a velocità ben più elevate non tenendo in nessun conto ne il limite di velocità ne i rallentatori. Altri che, appena rallentando in prossimità di essi, accelerano subito dopo quasi in una gara con se stessi, raggiungendo ragguardevoli velocità. Lo stesso avviene nella via Isa Conti dove sono stati posizionati da poco. Questi mezzi chiamati di "dissuasione" chi ...dissuadono? Quelli che già teniamo un' andatura consona ai limiti e al buon senso civico? Partendo dal presupposto che ciò che evita veramente gli incidenti è una guida corretta, il rispetto della segnaletica e il senso civico ritengo che i tentativi da parte dell' amministrazione comunale di correre ai ripari a questo riguardo sia lodevole. Sento, tuttavia, molte lamentele da parte di molti cittadini, cosa per altro non sufficiente perchè l'amministrazione si "adatti" al volere di tutti, ci mancherebbe. Qualcuno mi ha fatto anche rilevare che esiste, e non poteva essere diversamente, una normativa sul loro posizionamento: Decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 28 dicembre 1992, n. 303 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada. Titolo 2 - Costruzione e tutela delle strade Capo 2 Paragrafo 6 - Segnali complementari (Art. 42 Codice della strada). Due sono i punti che fanno pensare, Il primo poco importante è: "per limiti di velocità pari o inferiori a 30 Km/h larghezza non inferiore a 120 cm e altezza non superiore a 7 cm." Forse meno traumatici per i nostri poveri ammortizzatori...
Il secondo punto sembra più importante: Il Ministero dei Lavori pubblici ha chiarito inoltre che “I dossi collocati su itinerari di attraversamento dei centri abitati, lungo le strade più frequentemente percorse dai veicoli di soccorso, di polizia o di emergenza, o lungo le linee di trasporto pubblico, devono essere rimossi”.
Considerando che sia la via Falcone Borsellino che la via Isa Conti sono le unica strade di passaggio per detti mezzi (ambulanze, vigili del fuoco, ecc) sembra che questi subiscano certamente un rallentamento nel portare soccorso e comunque, per quanto riguarda le ambulanze, sicuramente sobbalzi e scossoni non opportuni per esse.
In questi giorni mi ha positivamente colpito aver visto Carabinieri e Guardia di Finanza effettuare controlli in paese. I cittadini abbiamo "necessità" di vedere la presenza sul territorio delle forze dell'ordine o, come oggi si dice, dello Stato. Sarò vecchio e sognatore ma posso paragonare lo Stato, quello vero, a un padre di famiglia: i figli ci sentiamo sicuri se lo vediamo. La Polizia Municipale fa quello che può combattendo con organici e difficoltà, nulla da dire in merito.
Alla fine di ogni discorso è opportuno trarre delle conclusioni. Ciò che scrivo rispecchia l'opinione anche di tutti coloro che non scrivono e che non parlano, come in altri casi è già successo salvo poi fermarmi per strada per dirmi che avrebbero voluto dire le stesse cose. Siamo capaci di condividere cento bufale al giorno su Facebook oppure se a colazione mangiamo brioches o granita ma, escluso rari casi, la profondità del nostro pensiero si ferma a questo. Se vogliamo svegliare le coscienze dobbiamo prima passare dal rispetto del prossimo e delle regole che possiamo criticare costruttivamente come stiamo facendo, ma non stravolgerle o rimuoverle per fare i nostri comodi.
Quando il nostro senso civico sarà veramente grande e rispettoso, a quel punto si potremo togliere i dissuasori.
Francesco Coscione

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi. 3 Febbraio

Buon Compleanno a Loredana Paino, Carmela Nella Sgroi, Ivan Di Stefano, Giuseppe Schepis, Girolamo Quartuccio, Lorenzo Cafarella, Luca Valenti Palazzotto

Oggi è Venerdì 3 Febbraio. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno


IL SANTO DEL GIORNO:
S. Biagio nacque a Sebaste nell'Armenia. Passò la giovinezza fra gli studi, dedicandosi in modo particolare alla medicina. Al letto dei sofferenti curava le infermità del corpo, e con la buona parola e l'esempio cristiano cercava pure di risanare le infermità spirituali. 
Geloso della sua purezza ed amantissimo della vita religiosa, pensava di entrare in un monastero, quando, morto il vescovo di Sebaste, venne eletto a succedergli. Da quell'istante la sua vita fu tutta spesa pel bene dei suoi fedeli. 
In quel tempo la persecuzione scatenata da Diocleziano e continuata da Licinio infuriava nell'Armenia per opera dei presidi Lisia ed Agricola°. Quest'ultimo, appena prese possesso della sua sede, Sebaste, si pose con febbrile attività in cerca di Biagio, il vescovo di cui sentiva continuamente magnificare lo zelo. Ma il sagace pastore, per non lasciare i fedeli senza guida. ai primordi della procella, si era eclissato in una caverna del monte Argeo. 
Per moltissimo tempo rimase celato in quella solitudine, vivendo in continua preghiera e continuando sempre il governo della Chiesa con messaggi segreti. Un giorno però un drappello di soldati mandati alla caccia delle belve per i giochi dell'anfiteatro, seguendo le orme delle fiere, giunsero alla sua grotta. Saputo che egli era precisamente il vescovo Biagio, lo arrestarono subito e lo condussero al preside. 
Il tragitto dal monte alla città fu un vero trionfo, perchè il popolo, nonostante il pericolo che correva, venne in folla a salutare colui che aveva in somma venerazione. Fra tanta gente corse anche una povera donna che, tenendo il suo povero bambino moribondo sulle sue braccia, scongiurava con molte lacrime il Santo a chiedere a Dio la guarigione del figlio. Una spina di pesce gli si era fermata in gola e pareva lo volesse soffocare da un momento all'altro. Biagio, mosso a compassione di quel bambino, sollevò gli occhi al cielo e fece sul sofferente il segno della croce. 

— Mamma, sono guarito, 
— gridò tosto il bambino 
— sono guarito!... 


Giunto a Sebaste, il prigioniero venne condotto dal giudice Agricola°, che voleva convincerlo a sacrificare agli idoli; ma il Santo con gran calma gli dimostrò che quello era un atto indegno di una creatura ragionevole, perché la ragione dice all'uomo che vi è un Dio solo, eterno, e creatore di ogni cosa, e non molti &i. Per tutta risposta il giudice lo fece battere con verghe e poi gettare in carcere. 
Dopo qualche tempo lo volle di nuovo al tribunale, per interrogarlo nuovamente, ma trovò sempre in lui la più grande fermezza. Gli furono allora lacerate le carni con pettini di ferro e così lacero com'era fu sospeso ad un tronco d'albero. Sperimentati ancora contro l'invitto martire tutti i supplizi più inumani, fu condannato ad essere sommerso in un lago. I carnefici condottolo sulla sponda lo lanciarono nell'acqua, e mentre tutti si aspettavano di vederlo annegare. Biagio tranquillamente si pose a camminare sull'acqua finché raggiunse la sponda opposta. Il giudice. fuori di sè, vedendo di non poter spegnere altrimenti quella vita prodigiosa, lo fece decapitare. 


PRATICA. S. Biagio è invocato per il male di gola: un bellissimo ossequio in suo onore sarebbe il non contaminare mai la nostra bocca con bestemmie o con parole disoneste. 
PREGHIERA. Dio, che ci allieti con l'annua solennità del tuo beato martire e vescovo Biagio, concedi propizio, che come ne celebriamo la festa, così ci rallegriamo ancora della sua protezione.

Altri santi e venerazioni del 03 febbraio:

- Santa Vanessa

- Sant' Oscar (Ansgario)
Vescovo

- Sant' Adelino di Celles
Abate

- Sant' Anna
Vedova e profetessa

- Santa Berlinda di Meerbeke

- San Celerino di Cartagine
Martire

- Santa Claudina Thevenet (Maria di S. Ignazio)
Religiosa

- Beato Elinando
Monaco a Froidmont

- Beato Giovanni Nelson
Sacerdote e martire

- San Leonio
Sacerdote

- San Lupicino
Vescovo

- Beata Maria Anna Rivier
Fondatrice

- Beata Maria Elena Stollenwerk
Fondatrice

- San Remedio di Gap
Vescovo

- San Simeone il Vecchio

- San Tigrido (Teridio) di Gap
Vescovo

- Santa Vereburga
Badessa

giovedì 2 febbraio 2017

Ore 11:30: BAMBINI, SI VA IN ONDA! (di Concetta Forestieri e Gianluca Veneroso)

 Noi abitanti isolani di ONDE ne vediamo, subiamo...viviamo di continuo, accarezzati dagli sbuffi ribelli del capriccioso Eolo. Ma in questa sede ci vogliamo immergere tra onde AEREE, "non marittime" e cavalcarle per rendere più profondo il nostro "mare del sapere". 
Ecco che, affascinati dalla proposta di una lezione radiofonica, gli alunni della V C di Canneto(Scuola Primaria), appoggiati dai temerari insegnanti e spinti da una profONDA curiosità, hanno intercettato le frequenze di Radio3.rai.it per seguire ON AIR un'intrigante lezione sugli insetti a cura dell'entomologo Gianumberto Accinelli, presso gli studi di Roma. 
In realtà, avevamo effettuato un'iscrizione on line e inviato una serie di domande-curiosità sul mondo di minuscoli "ronzanti". 
Che emozione ha inONDAto il cuore dei piccoli quando la radio-conduttrice ha menzionato la "loro" scuola! 
Quando hanno sentito l'esperto misurarsi con i quesiti con cui l'infanzia sONDA gli sconfinati fONDAli dello scibile, della natura....del mondo! 
Quando si sono/ci siamo sentiti parte attiva, nonostante le distanze, di uno spaccato di informazione/formazione animato da curiosità, aneddoti, bimbi festosi presenti in studio. Sssssilenzio! 
Va IN ONDA un frangente di vita scolastica lieto e fuori dagli schemi. 
Una nota...RADIOsa che ci insegna, in un'epoca di boati mediatici, il valore dell'ascolto....il potere dell'immaginazione, il fascino di alcuni cari e vecchi strumenti mediatici che vanno riaccesi. 
Concetta Forestieri e Gianluca Veneroso

Protezione abitato Canneto. Che fine ha fatto? Ci scrive un lettore. Risponde il sindaco Giorgianni

Caro direttore,
mi piacerebbe sapere che fine hanno fatto i lavori per la protezione dell'abitato di Canneto che il sindaco di Lipari ha annunciato come imminenti durante l'incontro al palazzetto.
Chiedo a lei anche perchè il suo giornale ha pubblicato l'ordinanza  della Capitaneria a proposito dell'area interessata ai lavori che dovevano iniziare, se non sbaglio, la scorsa settimana
Grazie
Francesco Cannistrà

Nota del direttore
Carissimo,
le facciamo rispondere direttamente dal sindaco Giorgianni. E lo facciamo estrapolando un passaggio dall'intervista che abbiamo realizzato con il primo cittadino lo scorso lunedì

“SELFIEmployment”. Possibilità per giovani imprenditori. La segnalazione di Fabrizio Giuffrè

Riceviamo da Fabrizio Giuffrè e pubblichiamo:
Hai un'idea imprenditoriale e vorresti un aiuto per svilupparla? “SELFIEmployment” potrebbe fare al caso tuo!
Il Fondo - gestito da Invitalia nell’ambito del Programma Garanzia Giovani - finanzia con prestiti a tasso zero, fino ad un massimo di 50.000€, l'avvio di piccole iniziative imprenditoriali promosse da giovani NEET di età compresa tra i 18 ed i 29 anni.
Si tratta di finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma di garanzia reale e/o di firma rimborsabili in massimo 7 anni con rate mensili posticipate che partono dopo sei mesi dalla concessione del prestito.
Inoltre grazie all’iniziativa “Crescere Imprenditori” - coordinata da Unioncamere - i ragazzi potranno seguire un corso di formazione base della durata di 60 ore, più 20 ore di accompagnamento ed assistenza tecnica a livello personalizzato per la creazione d’impresa.
Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi al Centro per l’impiego di Lipari, che sostiene l’iniziativa, oppure contattare i seguenti recapiti:
cell. 339 86 54 129
fabrizio.giuffre@hotmail.it

#iGiovaniPeriGiovani

Fabrizio Giuffrè

Palazzetto dello sport "N. Biviano" senza manutenzione avanza il degrado. Quesiti e foto da una lettrice






 
Queste sono le condizioni in cui versa il Palazzetto dello Sport a Lipari. 
Di chi sono le competenze sulla manutenzione? 
La porta scorrevole d'ingresso si apre con grandissima difficoltà , la maniglia di apertura è ormai inesistente, la polvere sulle travi e sopra i punti di illuminazione è evidente che ci sia da anni, la porta del bagno che si trova a sinistra dell'entrata principale è scardinata.....vogliamo davvero che il nostro palazzetto rimanga in questo stato di abbandono?
Grazie.
Alessia D'Amico

Dissuasori anche sulla Torrente Cappuccini e reinstallazione fioriere (di Catello Pongolini)

Riceviamo e pubblichiamo:
Sarebbe opportuno collocare tali dossi anche nella Torrente Cappuccini in modo da “unire” l’asse viario a monte del centro abitato (dove sono ubicate tra l’altro le scuole di Lipari) e che ben vengano di nuovo le strisce pedonali. Colgo l’occasione per segnalare all’assessore che da alcuni anni, al passaggio pedonale all’angolo con la via Emanuele Carnevale e la torrente cappuccini (angolo scuole Santa Lucia) sono state rimosse le fioriere rendendo di fatto la fruizione di detto passaggio, di nuovo impossibile ai pedoni. Rimozione avvenuta durante questa amministrazione eseguita ( se non ricordo male) in coincidenza di qualche incidente, (qualche auto magari che correva, distratto a parlare al cellulare, a guardare dall’altro lato qualcuno passare o ignorando che la curva è da prendere larga) tamponava le fioriere messe a protezione dei pedoni. Tale passaggio immagino sia il frutto delle notevoli segnalazioni dei residenti e della conseguente pericolosità di quel tratto. Se proprio nulla si può fare penso sia venuto il momento di ultimare il lavoro togliendo il cartello e cambiare la “destinazione d’uso”.
Cordiali saluti
Pongolini Catello
Coppia di pensionati, affidabili, max serietà, cercano abitazione a piano terra, senza mobili, a Lipari. Contattarli al 333 976 7451

S. Agata Militello, finanziate le opere di salvaguardia e ricostruzione di un tratto del lungomare

Dopo una serie di incontri che hanno coinvolto la Regione Siciliana, la Città Metropolitana di Messina, il Comune di S. Agata Militello ed il Dipartimento Regionale di Protezione Civile, Sezione di Messina, si è giunti alla fase di determinazione dei finanziamenti relativi ai “lavori urgenti a protezione di tratto del lungomare S.P. 162 antistante la Caserma dei Carabinieri nel Comune di S. Agata di Militello” da realizzare nell’ambito dell’attuazione dell’intervento previsto nel Patto del Sud “lavori urgenti per la ricostruzione di un muro di sostegno diruto sulla S.P. 162 del lungomare di Sant’Agata di Militello, tratto compreso tra la via Campidoglio e Vallone Posta”.
L'importo complessivo assegnato per la realizzazione delle opere murarie, danneggiate dagli eventi erosivi, è pari a 2 milioni 200mila euro.
All’interno di tale progettazione è stato finanziato un ulteriore intervento per un totale di 200mila euro, somma prelevata sullo stesso finanziamento prima indicato e che è composta dalle economie che ammontano a 170mila euro (115mila euro come differenza del finanziamento rispetto al progetto, 45mila euro da decurtare dalla quota di imprevisti e 10mila euro da decurtare dalla voce spese per pubblicità) e da 30mila euro stanziati dal Dipartimento Regionale di Protezione Civile.
Con Decreto Commissariale n. 27 del 18 gennaio 2017 l’ing. Giovanni Lentini è stato nominato Responsabile Unico del Procedimento dei lavori relativi al finanziamento principale mentre i progettisti sono l’ing. Rosario Bonanno ed i geometri Antonino Letizia e Gino Castano, tutti dipendenti di Palazzo dei Leoni; per quanto riguarda l’intervento in via d’urgenza di importo complessivo pari a 200mila euro, sono stati nominati progettisti gli architetti Maurizio Venuto e Antonella Paparone, dipendenti del Dipartimento Regionale di Protezione Civile, Sezione di Messina.
L'importanza della sinergia tra i quattro Enti competenti è stata evidenziata nella conferenza tenutasi presso il Comune di S. Agata Militello lo scorso 28 gennaio, nel corso della quale il Presidente della Regione on. Rosario Crocetta ed il Direttore generale del Dipartimento Regionale di Protezione Civile ing. Calogero Foti hanno assicurato l'avvio dei primi interventi entro la prossima settimana per ciò che riguarda i lavori inerenti al finanziamento di 200mila euro; contestualmente si procederà alla fase della gara di appalto per l’aggiudicazione e l’avvio dei lavori progettati dalla Città Metropolitana di Messina di importo pari a 2 milioni 85mila euro.

Pescando" nell'archivio video di Eolienews: Protezione civile comunale bonifica spiaggia Marina Corta (24.10.12)

Centoventesima puntata

Gli auguri ai festeggiati di oggi, 2 Febbraio

Buon Compleanno a Eleonora Biviano, Fabrizio Polizzi, Paolo Mastropasqua, Alessandro La Cava, Enzo Sciacchitano, Gaetano Castelli, Letizia Oriente, Giuseppe Lazzaro

Aipf promuove vacanza alle Eolie per i soccorritori impegnati in Abruzzo. Lettera agli eoliani del presidente Luca Del Bono

Cari Eoliani,
 
Abbiamo seguito con apprensione e speranza le ultime vicende in Abruzzo, assistendo inerti alle immagini drammatiche dei salvataggi effettuati in particolare dai volontari della Protezione Civile Italiana e dai Vigili del Fuoco.
Quando avvengono queste tragedie in Italia, i veri portatori di speranza, sono coloro che sono realmente pronti a dare il meglio di se stessi per salvare vite umane e rispettare l’un l’altro.
Questo è uno dei gesti più nobili di cui l’essere umano è capace e questa generosità dovrebbe essere il vero caposaldo della nostra società.  
Trovo necessario estendere la nostra  ospitalità a chi ha più necessità oggi, in particolare proprio a gli eroi che si sono sacrificati in Abruzzo durante quest’ultima tragedia della valanga che ha travolto un’altra localita’ turistica, in particolare l’hotel.
Per ringraziare gli eroi, dei loro enormi sforzi, e tutto cio’ che fanno per il Nostro Paese, vogliamo invitare i soccorritori che hanno lavorato senza sosta per far fronte all’emergenza terremoto e valanga, a trascorrere una settimana nelle nostre Isole, per ri-energizzarsi, interamente offerta dalla Comunità Eoliana. Come loro hanno agito in squadra, possiamo farlo anche noi. 
Oggi stesso, ho sentito coloro che sono riuscito a raggiungere telefonicamente, e sono felice che tutti gli operatori di hotel, ristoranti e attività delle Isole Eolie con cui sono riuscito a parlare, nonché società di trasporto, hanno già aderito all'iniziativa, dando la piena disponibilità a contribuire nell’accogliere gli eroi Italiani alle Eolie.
Un piccolo gesto, per esprimere l’ammirazione a queste persone straordinarie, che hanno affrontato tale tragedia e ciò che hanno fatto e continuano a fare nella discrezione, e nell’umiltà del  volontariato durante le emergenze. 
Vi chiedo dunque di unirvi a noi, aprendo le braccia per accogliere coloro che si meritano relax e tranquillità dopo lo straordinario operato di cui tutti siamo stati testimoni. 
Per confermare la vostra intenzione nel partecipare a questa iniziativa, ovviamente quando fosse disponibile, Si prega di contattare la segreteria dell’AIPF info@aeolianpreservationfund.org cosi da organizzarci in bassa stagione, tra adesso (o quando le vostre attivita’ riapriranno) fino a Maggio, se vi e’ possibile.
Nel salutarvi con gioia, ci auguriamo che tanti eoliani partecipino ad organizzare il meritato benvenuto nelle nostre meravigliose isole.
Cordialmente,
Luca Del Bono

Chairman, AIPF

Oggi è Giovedì 2 Febbraio. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno


SANTO DEL GIORNO

«Oro puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo lo tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli luce per rivelarti alle genti e gloria del tuo popolo, Israele» (Luca 2, 29-31). 
Questa festa è chiamata con svariati nomi, ciascuno dei quali ricorda un fatto avvenuto in questa giornata in cui la Sacra Famiglia ci diede l'esempio della più perfetta ubbidienza. 
Iddio nell'Antico Testamento aveva prescritto che ogni figlio primogenito fosse consacrato a Lui in memoria del beneficio fatto al suo popolo quando tutti i primogeniti degli Egiziani perirono sotto la spada dell'Angelo sterminatore risparmiando invece gli Ebrei. 
Un'altra legge poi ordinava che ogni donna ebrea si presentasse al Tempio per purificarsi, quaranta giorni dopo la nascita del bambino, oppure dopo ottanta, se era una figlia, portando alcune vittime da sacrificarsi in ringraziamento ed espiazione. 
Siccome le due cerimonie potevano compiersi tutte due assieme, Giuseppe e Maria portarono Gesù alla città santa, quaranta giorni dopo il Natale. 
Benché Maria non fosse obbligata alla legge della purificazione, poiché Ella fu sempre vergine e pura, tuttavia per umiltà ed ubbidienza volle andare come le altre. 
Ubbidì poi al secondo precetto di presentare ed offrire il Figlio all'Eterno Padre; ma l'offrì in modo diverso dal come le altre madri offrivano i loro figliuoli. Mentre per le altre madri questa era una semplice cerimonia. senza timore di dover offrire i figli alla morte, Maria offrì realmente Gesù in sacrificio alla morte. poiché Ella era certa che l'offerta che allora faceva doveva un giorno consumarsi sull'altare della croce. 
Giunti nel recinto del tempio venne loro incontro un vecchio venerando di nome Simeone, uomo giusto e pio, a cui lo Spirito Santo aveva promesso che non sarebbe morto prima d'aver mirato il Salvatore del mondo. Illuminato dal cielo aveva riconosciuto che il figlio di Maria era appunto l'aspettato delle genti. Presolo fra le braccia nell'entusiasmo della riconoscenza esclamò: « Or lascia, o Signore, che il tuo servo, secondo la tua parola, se ne vada in pace... »: poi benedisse i genitori del Bambino dicendo a Maria: « Ecco Egli è posto a rovina e resurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione; ed anche a te una spada trapasserà l'anima ». 
Maria istruita nella Sacra Scrittura aveva già intravvisto tutte le pene che doveva patire il suo Figlio. e nelle parole di Simeone ne ebbe la dolorosa conferma. 
Maria a tutto acconsente. e con mirabile fortezza, offre Gesù all'Eterno Padre, ma la sua anima fu in quel momento attraversata da una spada.
Fatta l'offerta come prescritto dalla legge del Signore, Maria e Giuseppe ritornarono nella Galilea, alla loro città di Nazaret. E il Bambino cresceva e si fortificava pieno di sapienza, e la .grazia di Dio era con Lui. 
PRATICA — Maria per ubbidienza volle adempiere quanto prescriveva la legge, quantunque non vi fosse obbligata. Impariamo anche noi ad ubbidire a tutte le leggi, perchè, come dice la Sacra Scrittura, l'uomo ubbidiente riporterà vittoria. 
PREGHIERA — Dio onnipotente ed eterno, supplichiamo umilmente la tua maestà, che come l'Unigenito Figlio tuo quest'oggi fu presentato al Tempio nella sostanza di nostra carne, così tu faccia che noi siamo presentati a te con animo purificato. 
FILASTROCCA - Per la santa Candelora se nevica o se plora dell'inverno siamo fora; ma se l'è sole o solicello siamo sempre a mezzo inverno



Altri santi e venerazioni del 02 febbraio:

- Beato Andrea Carlo Ferrari

- San Burcardo di Würzburg
Vescovo

- Santa Caterina de' Ricci
Vergine

- San Flosculo (Floscolo) di Orleans
Vescovo

- Santa Giovanna de Lestonnac

- San Giovanni Teofane Venard
Sacerdote e martire

- San Lorenzo di Canterbury
Vescovo

- Beata Maria Caterina Kasper
Fondatrice

- Beata Maria Domenica Mantovani (Giuseppina dell'Immacolata)
Fondatrice

- Beato Nicola (Saggio) da Longobardi

- Beato Pietro da Ruffia
Sacerdote e martire

- Beato Simone Fidati da Cascia

- Beato Stefano Bellesini 

mercoledì 1 febbraio 2017

L'ex assessore Sardella, gli scaricati e l'intramontabile doppia morale (di Sergio La Cava)

Riceviamo dal  dottor Sergio La Cava e pubblichiamo:
Si legge in questi giorni un accenno di polemica del tipo “bagniamoci prima che piova”in merito alle dichiarazioni dell’ex assessore Sardella che, dichiarando di non avercela con il sindaco vorrebbe, a dire degli illuminati commentatori ,rientrare nello schieramento dell’attuale primo cittadino e dunque nel partito in cui da sempre ha militato.
Premesso che a mia memoria il sig. Sardella è stato sempre vicino politicamente all’attuale primo cittadino e non mi risulta abbia lasciato l’incarico inveendo contro quest’ultimo, non vedo il motivo dello scandalo.
Infatti, avrebbe certamente destato scalpore un suo ingresso in compagini avverse,considerato che sino a pochissimo tempo fa era un assessore molto operativo dell’attuale giunta, ma questo per i professionisti della doppia morale non conta,anzi era normale PURCHE’ SI SCHIERASSE CONTRO L’ATTUALE SINDACO. 
In buona sostanza si può uscire da una porta ed entrare in un'altra a patto che la porta di uscita sia quella dell’attuale Sindaco e la porta di entrata sia quella di CHIUNQUE SIA CONTRO senza destare scandalo.
Non fa scandalo, infatti, che nella compagine di un altro sfidante via siano,tra i più fervidi sostenitori,ex assessori dell’attuale giunta, e,ultimamente, anche promotori di liste delle ultime elezioni a sostegno dell’attuale amministrazione
Non fa scandalo che si annuncino candidature a Sindaco per poi paventarne la rinuncia a favore di un altro candidato PURCHE’ SIA CONTRO QUESTA AMMINISTRAZIONE.
Non si può e non si deve condurre una campagna elettorale contro, ma sarebbe auspicabile condurla “per” Lipari per il suo sviluppo che magari prevederà anche l’apertura di multisale ma non in conseguenza di pseudo scandali a senso unico.
All'amico Sardella un invito a proseguire secondo il suo orientamento scevro da condizionamenti non tralasciando la normale dialettica che lo contraddistingue pur se indirizzata al chiarimento ove lo ritenesse necessario.
slc

Domani i funerali di Franco Giunta

 Le onoranze funebri sono a cura della ditta Alfa e Omega di Lipari

Serie D femminile di calcio a 5. Settima vittoria consecutiva per la Ludica Lipari


 
Vittoria casalinga per le ragazze della Ludica Lipari nell'incontro con la Social Romettese valido come recupero dell'ottava giornata del campionato di serie D.
Il team di Sparacino - Villari - Giunta si è imposto per 8 a 5
A segno Wijayaratne (2), Guarnuto (2), Portelli (3), Cristiano
Con questa vittoria le ragazze salgono a quota 21 punti ed occupano la seconda posizione in classifica.
Da evidenziare però che la Ludica Lipari ha disputato un gara in meno rispetto alla prima (Scaletta) e ha già riposato. 
La prima, invece, riposerà all'ultima giornata.
Il  big-macht tra Ludica e Scaletta si disputerà il 22 Febbraio a Lipari