Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri ed Alice Profilio
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

lunedì 29 maggio 2017

Giudici di pace indispensabili....ma precari.

Trattati, da anni, come precari. Pagati, da sempre, come dipendenti ad ore, considerati indispensabili ma equiparati a lavoratori senza stabilità.
I giudici di pace, che già nei mesi scorsi avevano aderito ad uno stato di agitazione per il trattamento loro riservato dal Governo - nonostante le promesse - tornano a rivendicare il loro ruolo anche alla luce della proposta che vedrebbe triplicati i compiti loro assegnati a fronte di un assegno mensile di circa 800 euro.
«Lo scorso anno – si legge in un comunicato – ha visto il completarsi dell’iter legislativo con l’entrata in vigore della Legge delega di riforma della magistratura onoraria (la n. 57) e con l’emanazione del primo decreto legislativo attuativo che ha disciplinato la conferma nell’incarico di tutti i magistrati onorari ed ha regolamentato la sezione autonoma del Consiglio Giudiziario per la Magistratura Onoraria. Ora è in attesa di essere portato all’esame del Consiglio dei Ministri il secondo decreto legislativo di attuazione della magistratura onoraria per la disciplina “a regime” prevedendone la durata dell’incarico, le modalità d’impiego e le tutele previdenziali ed assistenziali, a cui seguirà un terzo decreto per la disciplina transitoria dei magistrati in servizio. Per quanto attiene all’iter legislativo della riforma - si legge ancora nel documento - occorre considerare che, a seguito delle richieste di procedure di infrazione, la Commissione UE ha attivato un’istruttoria per chiedere informazioni in merito alla compatibilità della disciplina nazionale con la direttiva 1999/70/CE. La Commissione UE ha dato una prima risposta ai rilievi dello Stato italiano, respingendo la ricostruzione da questi offerta del rapporto di servizio onorario come essenzialmente gratuito ed estraneo ad un rapporto di lavoro ed affermando che il magistrato onorario è un lavoratore ai fini del diritto dell’Unione Europea e che, conseguentemente, vanno allo stesso applicati tutti i diritti della qualifica corrispondente (ossia previdenza, ferie e malattia)». Presupposti positivi, quindi, che adesso invece sembrano sfociare in proposte irricevibili. E i magistrati onorari minacciano nuove proteste perché, questa volta, in ballo c’è la dignità personale e professionale.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.