Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 20 marzo 2010

Politica: L'on. De Luca a sostegno della Sparacino

Comunicato stampa
"De Luca a sostegno dell’Assessore Sparacino"
“Le dimissioni di Mimma Sparacino, dimostrano di quanto sia alto il livello del rispetto delle istituzioni, da parte di chi ha sempre inteso fare politica per servire e non per servirsene”. Questa è stata la prima dichiarazione rilasciata dall’On.Le Cateno De Luca, subito dopo aver appreso con dispiacere la scelta dell’Assessore Sparacino. Per la quale espresso la propria solidarietà, comunicando già da subito che tra qualche settimana sarà a Lipari per una conferenza stampa a sostegno dell’attività svolta dalla Sparacino. “Attività - ha dichiarato l’On.Le De Luca- che la Sparacino continuerà a svolgere anche al di fuori della giunta, e per la quale mi prodigherò, più di quanto abbia fatto fino adesso, poiché - ha concluso l’On.Le Cateno de Luca- non si può disperdere il patrimonio amministrativo e umano, accumulato in questa, se pur breve ma intensa, esperienza amministrativa”.

Ospedale: Nelle isole minori monta la protesta

Lettera dei presidenti delle circoscrizioni al Prefetto di Messina, Alecci:Con la presente i sottoscritti Presidenti dei Consigli di Circoscrizione di Alicudi - Filicudi , Panarea, Stromboli e Vulcano fanno propria la richiesta formulata dal Sindaco di Lipari, Dott. Mariano Bruno, a S. E. il Prefetto di Messina, con la quale si chiede l’immediata sospensione dell’attuazione del provvedimento di rimodulazione della rete ospedaliera.
La soppressione della possibilità di effettuare ricoveri ordinari presso l’unico ospedale del nostro comune suonerebbe come gravissimo campanello d’allarme non solo per la popolazione residente ma, altresì, per i numerosi turisti presenti dalle nostre parti nei periodi di media ed alta stagione.
Non possiamo vederci negato il diritto alla salute, non possiamo accettare passivamente uno scriteriato provvedimento come quello in questione.
Ed è per questo che sin da subito nell’essere pienamente a fianco del Sindaco di Lipari, dichiariamo di essere pronti a scendere in piazza in maniera forte, ferma e decisa per rivendicare un diritto che nessuno può negarci.
I Presidenti dei Consigli di Circoscrizione
Rosalba Abbondanza (Vulcano)
Giovanni Rando (Alicudi – Filicudi)
Carlo Lanza (Stromboli)
Paolo Spanò (Panarea)

Ad Aprile Kevin Costner alle Eolie per la commedia 'Learning italian'

L'attore americano sarà in Italia per girare un film ambientato a Lipari. Il regista Kevin Reynolds ('Fandango' e 'Robin Hood') è già sull'isola per i sopralluoghi. Le riprese inizieranno a fine aprile. Kevin Costner sarà impegnato tra faraglioni, ossidiana e cave di pomice per interpretare Carl, un agente della Ciaun po' pasticcione che come copertura fa il tecnico audiovisivo e l'antennista. Anni prima, in seguito a un errore commesso durante una missione, venne inviato per punizione in un delizioso paesino siciliano a picco sul mare a tenere sotto sorveglianza un boss mafioso. Ma quella che doveva essere una punizione per Carl si rivela un premio: fa amicizia con i pescatori, si innamora di una ragazza del posto e non vuole più tornare in patria. 'Learning italian' è solo l'ultimo di una lunga serie di pellicole girate alle Eolie

Rimodulazione ospedaliera. Il sindaco Bruno chiede al prefetto immediata sospensione

Questa la nota inviata dal sindaco Mariano Bruno al prefetto di Messina:
La rimodulazione della rete ospedaliera, sopprimendo la possibilità di effettuare ricoveri ordinari presso l’Ospedale di Lipari, confinandolo ad un reparto MCAU (medicina e Chirurgia di Accettazione e d’Urgenza) con possibilità di effettuare solo ricoveri urgenti e per un periodo massimo di 72 ore, sopprime il diritto alla salute, lede la legge sui Livelli Essenziali di Assistenza e determina un vero e proprio problema di ordine pubblico per i possibili risvolti nei confronti della popolazione che potrebbe andare incontro a reazioni inconsulte e dagli effetti incontrollabili.
E’ appena il caso di ricordare che non si ritiene possibile sopprimere ad una popolazione insulare e ai tanti villeggianti la possibilità di effettuare un ricovero ordinario, che i trasporti attuali, già insufficienti a garantire la mobilità delle persone sane, non possono garantire la mobilità delle persone ammalate, che non è scontato che i già pochi posti disponibili per acuti negli ospedali della terra ferma siano sufficienti a garantire i ricoveri provenienti dalle isole Eolie, che il numero degli elicotteri che necessiterebbero per trasportare gli infermi sarebbe elevatissimo e dai costi esorbitanti, che non vi sono ambulanze, personale e trasporti pubblici marini idonei a garantire il trasferimento a mezzo nave.
Si chiede l’immediata sospensione dell’attuazione del provvedimento di rimodulazione della rete ospedaliera per motivi di ordine pubblico al fine di consentire ricoveri ordinari presso l’Ospedale di Lipari e valutare soluzioni alternative di rimodulazione, concertate con questa Amministrazione, come per legge.
Si ricorda, fra l’altro, che il provvedimento adottato è difforme da quello approvato dall’assemblea dei sindaci e presenta dubbi di costituzionalità a causa della lesione dei Livelli Essenziali di Assistenza previsti dalla legge.
IL SINDACO
(Dott. Mariano Bruno)

Parco delle Eolie. "Si, ma senza demandare le nostre prerogative a nessuno". Comunicato dei consiglieri di minoranza

A PROPOSITO DEL PARCO DELLE ISOLE EOLIE…………
Le forze di opposizione rappresentate nel Consiglio Comunale del Comune di Lipari ritengono necessario puntualizzare alcune considerazioni sul dibattito accesosi sull’istituendo Parco delle Isole Eolie.
Ciò si rende necessario visto il mancato approfondimento della questione in Consiglio Comunale, e l’impossibilità di discutere la nostra autoconvocazione presentata già a febbraio.-
Si ricorda al Sindaco che il Consiglio Comunale decide sullo statuto e sui regolamenti Comunali, sui programmi di opere pubbliche, sui piani che regolano l’edificabilità del territorio, sul bilancio e su tutti gli atti di programmazione e di indirizzo ai quali il Sindaco e la Giunta dovranno attenersi nella loro funzione di gestione amministrativa.
Non riteniamo quindi che altre sedi con riunioni di capigruppo o convocazioni telefoniche della segreteria del Sindaco, ecc… siano le sedi giuste dove chi amministra deve relazionare e poi adottare le azioni necessarie.
Già al momento della autoconvocazione ci motivava la preoccupazione che il Parco potesse essere istituito senza la dovuta partecipazione e conoscenza del Consiglio Comunale, unico organo deputato alla programmazione urbanistica nel nostro Comune, senza la auspicabile condivisione delle associazioni, delle Circoscrizioni e della comunità locale.
Assistiamo oggi, sempre più preoccupati e perplessi, a dichiarazioni della Amministrazione e della maggioranza e/o di parte di essa che annunciano posizioni e pareri sull’argomento a dir poco contraddittori.
Si partecipa a Tavoli tecnici alla Regione Siciliana per l’identificazione della giusta perimetrazione, ed il giorno dopo si descrivono questi appuntamenti a volte come informali, a volte come istituzionali, senza che il Sindaco, ad oggi, abbia ritenuto doveroso riferire nella sede giusta, ovvero il Consiglio Comunale, sull’azione autonomamente svolta dall’Amministrazione.
Anzi, quando il Consiglio Comunale attraverso la riunione dei capigruppo prende coscienza della necessità di svolgere il ruolo che gli compete nella programmazione territoriale, ecco subito che uno sparuto numero di consiglieri appartenenti a Forza Italia, contesta la giusta richiesta.
Questa confusione merita invece un chiarimento da parte di tutte le forze politiche sulle aspettative che ognuno di noi riversa sull’istituzione del Parco.
Per questo riteniamo doveroso, con la presente, esprimere pubblicamente ciò che pensiamo, visto che ci è stato impossibile farlo in Consiglio Comunale: noi siamo favorevoli all’istituzione di un parco che sia in funzione del territorio.
Noi condividiamo la necessità di valorizzazione del nostro territorio e crediamo che un Parco, dotato di una adeguata e giusta normativa, identificato in una altrettanto giusta e proporzionata perimetrazione, possa essere per le Eolie un'opportunità di crescita.
Ma il punto è proprio questo.
Qual'è la perimetrazione e la normativa giusta che coniughi la valorizzazione del nostro patrimonio paesistico e naturalistico con l’esigenza di non negare ai noi tutti l’uso e non l’abuso del nostro territorio?
Con la stessa determinazione con cui condividiamo l’istituzione del Parco, crediamo che la sua realizzazione debba favorire le giuste aspettative di crescita della nostra comunità.
Pertanto, riteniamo che la regolamentazione e la conseguente perimetrazione e zonizzazione:
non devono annullare la realizzabilità delle attesissime aree artigianali;
non devono includere le zone di espansione previste nell’altrettanto atteso PRG o negli altri attuali strumenti urbanistici;
non devono compromettere la realizzazione dell’edilizia agevolata e convenzionata;
non devono includere i centri urbani e impedire la realizzabilità dei servizi di cui abbiamo bisogno (scuole, impianti sportivi, ampliamento dei cimiteri, attività produttive)
non devono precludere la possibilità di attivazione o continuazione di attività agricole, marinare, artigianali e turistiche compatibili con il nostro territorio e con le sue tradizioni.
Debbano recepire, per quanto possibile, le giuste istanze di cittadini ed associazioni di categoria o proposte scaturite dagli incontri con tutta la comunità locale.
Convinti che il Parco possa costituire una reale occasione di sviluppo e di valorizzazione delle nostre risorse, ci attendiamo , però, che la sua gestione venga orientata con chiarezza e immediatezza verso:
una concreta politica a favore dell’agricoltura, attraverso iniziative di recupero e di rilancio delle colture tradizionali e di pregio;
la realizzazione di un riconoscimento dei prodotti agroalimentari “tradizionali” che, a differenza dei DOC, DOCG, IGP ecc. identificati per provenienza geografica, può essere certificato dal Parco mediante iscrizione a un elenco nazionale approvato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (D.M. 350/1999);
la definizione di progetti di recupero e valorizzazione del “vigneto storico” e dei vitigni autoctoni e, in generale, per la sostenibilità della viticoltura nelle aree del Parco;
concreti e urgenti interventi correttivi riguardo alla normativa paesistica che attualmente limita nel nostro territorio la realizzazione di interventi finalizzati al risparmio energetico e all’utilizzo di fonti rinnovabili, e la contestuale attivazione di agevolazioni e contributi a questo scopo;
un ampio intervento di recupero del paesaggio terrazzato e dello straordinario patrimonio costituito dai muri in pietra a secco che caratterizzano buona parte del territorio eoliano, altrimenti destinato alla sua irrimediabile perdita;
analoghi e sostanziali interventi per il recupero, la manutenzione e la valorizzazione della rete sentieristica;
la tutela delle spiagge e delle coste, anche attraverso l’immediata pianificazione di periodici interventi di pulizia che coinvolgano la cooperative e le società di barcaioli e, in generale, la marineria locale;
interventi finalizzati al recupero e alla restituzione alla comunità come “bene pubblico” di quelle aree che si presentano attualmente degradate e abbandonate: in primo luogo le cave di pomice, attraverso una messa in sicurezza che permetta la realizzazione di un parco geo-minerario.
Siamo inoltre convinti che l’istituzione del Parco nazionale debba avvenire entro tempi certi, per evitare vincoli di salvaguardia troppo lunghi, e nello stesso tempo debba essere accompagnata da risorse finanziarie in grado di consentire alle imprese locali di potere operare in sinergia con la gestione del parco.
Per ottenere questo risultato è necessario il coinvolgimento più ampio, e in tal senso chiediamo al Sindaco, ribadendo quanto già affermato nell’autoconvocazione, di ritornare su i suoi passi, coinvolgendo - anche se tardivamente - non solo il Consiglio Comunale, a cui tale ruolo è dovuto, ma la parte più ampia della cittadinanza, la quale solo così potrà sentirsi partecipe della costruzione di una possibile opportunità di crescita sociale ed economica e non vittima di un ennesimo vincolo determinato dall’esterno.
A quei pochi Consiglieri, che certamente nello specifico non sono la maggioranza, troppo preoccupati di non ledere le inesistenti prerogative dell’Ammnistrazione e la Sua autorevolezza, rammentiamo ancora una volta che: il Consiglio Comunale decide sullo statuto e sui regolamenti Comunale, sui programmi di opere pubbliche, sui piani che regolano l’edificabilità del territorio, sul bilancio e su tutti gli atti di programmazione e di indirizzo ai quali il Sindaco e la Giunta dovranno attenersi nella loro funzione di gestione amministrativa (vedi sito ufficiale del Comune di Lipari).
Se siete disposti a delegare questo Nostro diritto/dovere, sappiate che Noi invece intendiamo esercitarlo pienamente.
PD – SEL – EOLIE NEL CUORE - NUOVO GIORNO - UDC

Giulio China sulla rimodulazione ospedaliera per Lipari. "Stacchiamoci da questa regione che toglie il diritto alla salute"

Una lettera è stata inviata dal vicesindaco di Lipari Giulio China al Prefetto di Messina e al Presidente della Regione Sicilia.
Il piano di rimodulazione della rete ospedaliera , approvato dalla giunta regionale, mortifica l’Ospedale di Lipari e la gente eoliana, impedendo loro persino la possibilità di ricorrere al ricovero ordinario.
Non riteniamo sia possibile continuare a essere cittadini di questa regione che toglie financo il diritto alla salute e cominciamo a pensare seriamente che sia venuto il momento di chiedere il distacco definitivo dalla Regione Sicilia, matrigna che abbandona i suoi figli al loro destino, impedendogli persino di ricoverarsi nel proprio ospedale.
Chiedo a S.E. il Prefetto di richiedere con immediatezza la sospensione del provvedimento di rimodulazione perché illegale e di ricondurre il piano a quello approvato dall’assemblea dei sindaci e dell’azienda sanitaria, ripristinando le aree di degenza medica e chirurgica.
Si ricorda che la mancata garanzia dei livelli essenziali di assistenza costituisce elemento di vulnerabilità del provvedimento e che la mancata possibilità di ricovero potrebbe comportare rilevanti conseguenze di ordine pubblico o medico legale di cui fin d’ora si intendono richiamare le personali responsabilità.
Non si può chiedere ad una comunità di rinunciare al bene più prezioso che è la salute in nome di una rimodulazione dagli incerti risultati economici di risparmio.
Si intende sottolineare che con l’avvento della stagione estiva le presenze nell’isola aumenteranno in maniera esponenziale e pertanto è necessario ripristinare con immediatezza la degenza ordinaria presso l’ospedale di Lipari, almeno per le discipline mediche e chirurgiche più comuni.Si intende altresì ribadire l’impossibilità di attuazione di un piano così nefasto che non consentirebbe alla gente eoliana la indispensabile tranquillità per poter attendere alle altre occupazioni quotidiane.
Si confida in una rapida soluzione della problematica.
Il Vicesindaco
Giulio China

Federalberghi e Innova Bic mettono a disposizione corsi di formazione gratuiti

Le opportunità formative a breve, organizzate da Federalberghi Isole Eolie
Ben cinque i corsi di formazione messi a disposizione da Federalberghi Isole Eolie, grazie alla collaborazione con Innova BIC di Messina, per il miglioramento del livello di professionalità dei dipendenti delle strutture alberghiere ed extralberghiere delle nostre isole.
Le opportunità si rivolgono al personale di "front office", agli "addetti ai piani" e al "personale di sala". A questi, si aggiungono due corsi per lo sviluppo di competenze trasversali, quali l´"inglese" e la "qualità del servizio".
La partecipazione ai corsi è gratuita. Le aziende interessate dovranno comunicare entro e non oltre il 22 marzo i nominativi dei dipendenti che intendono prendervi parte, specificando a quale percorso formativo sono interessati.
Per maggiori informazioni è possibile scrivere a info@eoliehotel.com o contattare la Dott.ssa Cafiso (Innova Bic) al numero: 090 6010230.
Christian Del Bono

"Grazie preside Candia per la sua sensibilità". Ci scrive una lettrice

Riceviamo e pubblichiamo:
Gentile Direttore,
ho letto la lettera di Renato Candia.
Sono indignata dalla gratuita cattiveria di esseri umani che sfogano i loro complessi su esseri più deboli, in questo caso dei poveri cani.
Vorrei, attraverso Lei, ringraziare il Preside Candia per le Sue parole e la sua sensibilità.
Dare spazio su un giornale a questi temi forse aiuterà a sensibilizzare gli animi di esseri, altrimenti, insensibili e, forse, migliorerà la qualità degli esseri umani.
Grazie, Eleonora B.

Settima edizione di "Conosci le tue isole"?

L’Associazione Nesos invita isolani e ospiti a partecipare alla settima edizione di “Conosci le tue isole ?”: un programma di escursioni primaverili alla scoperta dei sentieri delle Eolie.
Programma
domenica 21 marzo – * Lipari: Pianoconte Vallone Fuardo, Fontanelle, Malo Pertuso e Pianoconte
domenica 28 marzo – *** Alicudi: porto, Contrada Sgurbio, Bazzina alta
domenica 11 aprile – ** Salina: Valdichiesa, Monte Fossa delle Felci, Lingua
domenica 18 aprile – *** Filicudi: porto, Fossa delle Felci
domenica 2 maggio – ** Vulcano: Lentia, Monte Saraceno, Vallonazzo, Grotta Abbate
domenica 9 maggio – ** Salina: Pollara, Monte dei Porri (mezza costa), Filo di Branda, Piano del Vescovo, Leni
difficoltà dei percorsi:
*bassa **media ***elevata

Escursioni accompagnate da guide AIGAE. La partecipazione è libera; il costo delle trasferte (in bus o in aliscafo) è a carico dei partecipanti. Si richiede una minima attrezzatura da trekking (scarpe e abbigliamento adeguato, acqua); si consiglia la colazione al sacco (a propria discrezione). Il calendario potrà subire variazioni a seconda delle condizioni meteo. Gli organizzatori provvederanno a comunicare punto di ritrovo, orario di partenza (sempre di mattina) e orario di rientro (previsto) con un cartello affisso alla bacheca dell’Associazione Nesos (via Vittorio Emanuele 24) il sabato che precede l’escursione. Per eventuali informazioni contattare il 347 5768609 o scrivere a: nesos@nesos.org.

Il consigliere di Milazzo, Russo risponde alle critiche sulla sua iniziativa pro-ticket

Il consigliere comunale Pippo Russo risponde alle critiche ricevute dopo la sua proposta di istituire un ticket con una lettera inviata ai sindaci di Milazzo, Lipari, Leni, Malfa, Santa Marina Salina e al presidente della Federalberghi Eolie.
IL TESTO:
Ho letto nei giorni scorsi una serie di prese di posizione da parte di amministratori ed operatori Eoliani relativi alla mia mozione su un possibile ticket da far pagare a coloro che si recano alle Eolie quale contributo ai servizi resi dalla città e al “disagio” che Milazzo subisce.
Sono rimasto sorpreso di come si colga un qualsiasi minimo spunto per levate di scudi che invece non dovrebbero esistere tra due comunità vicine che, anzi dovrebbero cooperare per la crescita e lo sviluppo.
E lo dico in particolare al sig. Del Bono di Federalberghi Eolie, l’obiettivo del mio intervento andava proprio in questa direzione: creare quei “reciproci interessi” che non ci sono mai stati concretamente.
Anche perché, e questo dovrebbe essere noto agli amministratori isolani, Milazzo non può da sola attuare alcun ticket, perché non ha le competenze od i poteri per farlo.
Desidero innanzitutto sottolineare che non ho alcuna animosità nei confronti degli Eoliani, anzi è forse il mio grande amore per le Eolie, chi mi conosce fra gli Eoliani lo sa bene, che mi ha portato provocatoriamente a dare una scossa solo per cercare di avviare finalmente un percorso comune per assicurare una migliore qualità dei servizi e una migliore organizzazione di un comprensorio che vede le Eolie e Milazzo protagoniste.
E’ notorio che i turisti oggi chiedono servizi e quando si registrano disservizi (ad esempio il comandante che decide di non far partire l’aliscafo o il netturbino che non ha provveduto a pulire la cortina del porto) le conseguenze le paghiamo tutti. Non Milazzo o le Eolie. Il messaggio che parte è quello di un Sud dove non vale la pena ritornare, dove il soggiorno ha costi non idonei ai servizi resi e tutto il resto.
Non ho mai pensato, come qualcuno ha voluto far credere, che gli Eoliani e i Turisti che transitano o sostano nella nostra città, siano un peso o un occasione di confusione.
C’è però un dato incontrovertibile: quello di dover assicurare l’accoglienza. E ciò può avvenire solo attraverso un servizio di qualità che ha dei costi che necessariamente devono ricadere sugli ospiti.
Oggi in tutto il mondo il viaggiatore vuole innanzitutto i servizi ed è disposto a pagare. L’organizzazione dei servizi deve essere fatta sinergicamente dai comuni di Milazzo e delle Eolie, col contributo degli operatori turistici. Tutti insieme per un “pacchetto di accoglienza” che sia basato non sull’approssimazione bensì su servizi puntuali ed efficienti.
Assumiamo assieme le decisioni che contano. Ad esempio la gestione del trasporti marittimi e quindi gli orari non può essere una prerogativa delle compagnie di navigazione e del Comune di Lipari ma deve venir fuori da una concertazione che tenga conto di tutto ciò che ad essa è collegata. Penso alle coincidenze con i treni, ai collegamenti con l’aeroporto che andrebbero istituzionalizzati e non essere periodici ed ancora alla gestione delle corse dei bus con l’istituzione di un Terminal bus unico per tutte le compagnie, o alla stessa gestione del movimento passeggeri.
Cominciamo col creare una efficiente segnaletica turistica, ma sicuramente da non tralasciare è l’informazione al turista, che necessità di essere assistito sin dal suo arrivo a Milazzo, utilizzando gli uffici informativi della stazione e del porto, che dovremmo gestire congiuntamente, al fine di avere, e ribadisco questo termine la giusta “accoglienza”, così come accade quando siamo soliti visitare una capitale europea e ci accorgiamo che tutto funziona in maniera impeccabile e senza esitare paghiamo i servizi richiesti.
Questo era ed è il senso della mia proposta di ticket da intendere non come un onere da versare per chi è diretto alle Eolie o come qualche amministratore l’ha definita, una “tassa per gli Eoliani”, bensì come il pagamento di un servizio offerto.
Dopo aver letto le affermazioni dell’assessore Arabia di Salina, vorrei ricordare che la mia storia personale è stata sempre volta a tutelare gli Eoliani. Ricordo all’assessore che da presidente della Pro Loco di Milazzo, a metà degli anni ’80 ho denunciato personalmente, assumendomi tutte le conseguenze, il titolare di una biglietteria che costringeva a sostare per strada coloro che dovevano acquistare il biglietto per le Eolie, che venivano venduti attraverso le maglie della serranda. Ma anche l’attività svolta a favore di Salina (nel 1998 sono stato il candidato alla Provincia più votato nell’isola) quando sedevo al Consiglio provinciale, finalizzata sempre alla tutela dell’isola attraverso una costante manutenzione e qualificazione dei servizi di competenza della Provincia. Da ultimo sono stato anche uno dei promotori per la realizzazione del Terminal che l’Autorità portuale ha costruito sulla banchina Luigi Rizzo e ancora oggi sto lavorando per far sì che la struttura possa offrire quei servizi che necessitano per i viaggiatori diretti alle Eolie.
Sono io il primo a dire, collaboriamo, vediamo tutto quello che non funziona agevoliamo veramente i cittadini Eoliani, diamo a Milazzo lo status di 8a isola dell’arcipelago Eoliano, e i nostri concittadini saranno tutti abitanti di una unica comunità .
Studiamo quindi assieme, istituzioni di Milazzo e delle Eolie il metodo per questa nuova politica turistica, anche attraverso una conferenza di servizi, e a tal proposito rivolgo l’invito ai Sindaci, finalizzata a stabilire sia il quantum, sia il modo di contribuzione (contributo sul biglietto o intervento degli Enti Locali) ma soprattutto le strategie da attuare assieme per offrire servizi di accoglienza decisamente diversi rispetto agli attuali.
Distinti saluti.
Giuseppe Russo
Consigliere Comunale

venerdì 19 marzo 2010

Lipari: Si dimette l'assessore Sparacino. Era stata sfiduciata dal MPA

La dottoressa Mimma Sparacino dalle 12 e 30 circa di oggi non è più un assessore del comune di Lipari. Ha, infatti, ufficializzato le sue dimissioni dall'incarico.
La dottoressa, entrata nella giunta Bruno quale esponente del MPA, in sostituzione del dimissionario dott. Alfredo Biancheri, come si ricorderà era stata sfiduciata dal circolo liparese del Movimento per l'autonomia che in una lettera inviata al sindaco, a firma del segretario Salvatore Coppolina, evidenziava "di non riconoscersi piu' nelle posizioni e nelle scelte dell'assessore dott.ssa Mimma Sparacino e il mancato coinvolgimento in tutte le iniziative politico-amministraive poste in essere, sovente in antitesi con le linee programmatiche e gli indirizzi operativi".

Lipari: Nel pomeriggio la processione di San Giuseppe

Si è sviluppata oggi pomeriggio lungo le vie del centro di Lipari la processione di San Giuseppe. La processione ha preso il via dalla chiesa di San Giuseppe a Marina Corta e si è snodata lungo la via Garibaldi, Via XXIV Maggio, C.so Vitt.Emanuele, Via Roma per fare poi ritorno in chiesa. In serata, dopo i giochi d'artificio, la Santa Messa, e i tradizionali "sfinci", Don Giuseppe è andato al comune di Lipari per incontrare gli ex Pumex e le loro famiglie.
Vi proponiamo un breve video della parte iniziale della processione


Lega navale italiana: Opportunità imbarco su nave Palinuro

Comunicazione della Lega Navale Italiana Sezione di Lipari
Si riporta di seguito l’opportunità di imbarco su Nave Palinuro che lo Stato Maggiore della Marina Militare ha fornito, per il momento, per la primavera 2010:
NAVE PALINURO (dal 10 al 18 aprile 2010)
TRATTA: Genova-Trapani dal 10/04/2010 al 18/04/2010
Gli allievi L.N.I. dovranno imbarcare a Genova sabato 10 aprile alle ore 16.00 e sbarcheranno a Trapani domenica 18 aprile alle ore 10.00.
Si ricorda che l’imbarco è riservato ai Soci della Lega Navale Italiana in regola con il tesseramento per l’anno solare in corso, di età compresa tra i 16 ed i 25 anni. I non Soci LNI che volessero partecipare alla selezione devono prima iscriversi alla LNI.
Le domande devono essere inviate alla Presidenza Nazionale, il più anticipatamente possibile, secondo il modulo di richiesta scaricabile dal portale www. leganavale. it (cliccando sulla pagina “Imbarco su Navi Scuola” contenuta nella Sezione “Le nostre attività”).
Tutti i candidati all’imbarco sono tenuti a prendere visione delle “Regole di comportamento” e delle “Istruzioni particolari”, scaricabili dalla medesima pagina del portale. Inoltre, nel caso dei minorenni, il modulo di richiesta dovrà essere corredato, con valore di autorizzazione ad effettuare il viaggio per/da il porto d’imbarco/sbarco e l’imbarco stesso, dalla firma e dai dati relativi al genitore o tutore legale.
*Soci di specifica esperienza e di età superiore ai 25 anni possono proporsi come accompagnatori: le richieste devono essere inviate alla Presidenza Nazionale dalle Sezioni/Delegazioni di appartenenza con allegato un curriculum vitae del richiedente. Chiunque volesse avanzare la propria candidatura è pregato di prendere visione del “Decalogo dell’accompagnatore ideale” (scaricabile dalla pagina “Imbarco su Navi Scuola”, Sezione “Le nostre attività) in cui si elencano le funzioni e responsabilità che l’accompagnatore assumerà al momento della designazione.
Per tutte le altre indicazioni relative alle modalità di partecipazione alla selezione, modalità di imbarco e norme di comportamento a bordo si rimanda alla pagina “Imbarco su Navi Scuola”.
Cordiali saluti
Il presidente della Sezione Lega Navale di Lipari

Ospedale di Lipari: Solo 14 posti letto...ma solo per le emergenze. SVEGLIA, CHE E' TARDI!!!!

Come avevamo già anticipato ieri mattino, nell'ambito della rimodulazione ospedaliera, all'ospedale di Lipari (vedi mappa) sono previsti solo 14 posti letto.... ma attenzione... da quel che si capisce solo per le emergenze.
A Lipari, in poche parole, vi sarà una degenza indistinta di prima emergenza che non si potra' protrarre per piu di 72 ore. Dopo i pazienti, non ancora in condizione di essere dimessi perche' necessitanti di ulteriore terapia ospedaliera e accertamenti diagnostici, dovranno essere trasferiti altrove.
Vorrano i nostri politici fare qualcosa o avere quanto meno chiarimenti? Il quesito è più che logico così come logiche dovrebbero essere le iniziative concrete. Non è più tempo solo di lettere crediamo... a meno che... non abbiamo piacere o goduria a continuare a subire tagli su tagli.. questa volta anche abbastanza dolorosi visto il settore.
Se poi qualcuno riuscirà a fare capire agli amministratori, a chi gestisce la sanità in Sicilia e in Italia, che un ricovero costa decisamente meno di un viaggio in elicottero e che siamo su un'isola dove un parente per spostarsi a supporto del congiunto ricoverato a Patti, Milazzo, Messina, ecc deve gettare al vento fior di quattrini e sobbarcarsi viaggi non sempre facili (visti anche i tagli nei trasporti) gliene saremmo grati!
Vi proponiamo le immagini della conferenza stampa sulla rimodulazione ospedaliera e le interviste a Lombardo e Russo:

San Giuseppe lavoratore. Viaggio per Immagini tra religione e tradizione

Come già anticipato oggi a Lipari, nella chiesa omonima che sovrasta la piazza di Marina Corta, si sta festeggiando San Giuseppe lavoratore.
In attesa degli eventi pomeridiani, dopo avervi proposto il messaggio di Don Giuseppe Mirabito e l'intervento di Bartolo Ziino, vi proponiamo un filmato che dall'allestimento del "quadaro", passando attraverso la Santa Messa, arriva alla benedizione e alla consumazione del "quadaro" stesso.
IL VIDEO:

I festeggiamenti per San Giuseppe a Lipari. Il messaggio di Don Giuseppe Mirabito

Sono entrati nel clou stamani a Lipari nella parrocchia di San Giuseppe a Lipari i festeggiamenti per il Santo Patrono della famiglia.
Oltre alla parte religiosa si è anche proceduto alla distribuzione del quadaro. Nel pomeriggio la processione, i giochi d'artificio e dopo la Santa Messa sarà il momento degli "sfinci" titpici dolci di questa festività. Analoga iniziativa si è tenuta ad Acquacalda.
Vi proponiamo il video con il messaggio di Don Giuseppe Mirabito:
All'avvenimento dedicheremo ancora ampi servizi, tra cui l'intervista a Bartolo Ziino che ci racconterà dell'avvenimento dal punto di vista storico tradizionale
Analoga iniziativa si è tenuta ad Acquacalda

Parco delle Eolie: I consiglieri di maggioranza hanno fiducia nel sindaco e lo scrivono al Ministro. Nuovo atto del "teatrino" della politica eoliana

Nuovo atto nel "teatrino" della politica liparese cinque consiglieri comunali di maggioranza, smentendo quanto affermato e richiesto dal presidente del consiglio Pino Longo (espressione della maggioranza) e da altri consiglieri di minoranza e del Faro, hanno ribadito totale fiducia nel sindaco Mariano Bruno dissociandosi dalla posizione evidenziata da questi. (La nota la si può leggere cliccando su questo link http://www.blogger.com/post-edit.g?blogID=5705629886110191982&postID=2448975377213544110
Lo hanno scritto in una lettera inviata al Ministro dell'Ambiente e tutela del Territorio e all'Assessore regionale Territorio ed Ambiente.
IL TESTO:
Oggetto: Istituzione Parco Nazionale delle Isole Eolie. Risposta a nota prot. n. 10021 del 18/03/’10.
In riferimento alla comunicazione datata 18/03/2010, assunta al n. di prot. 1002,1 a firma del Presidente del Consiglio Comunale di Lipari più cinque Consiglieri Comunali, riguardante la richiesta di accreditare lo stesso, unitamente ad un tecnico locale, alla partecipazione alle riunioni dalle SS. LL. convocate sull’argomento meglio evidenziato in oggetto, al fine di sottoporre le indicazioni espresse dal Consiglio Comunale
I SOTTOSCRITTI CONSIGLIERI
fanno presente che tale volontà non rispecchia il volere del Consiglio Comunale e che anzi sull’argomento sono in maggioranza assolutamente contrari potendo derivare da tale decisione una limitazione di Autorità dell’Amministrazione, come previsto da regolamento, Statuto e leggi in vigore relative alla rappresentanza dell’Ente, una forma di controllo sulla stessa assolutamente inopportuna ed evidentemente posta in essere con il solo scopo di soddisfare il presenzialismo di qualcuno desideroso di mettersi in vista, adottando forme estemporanee di azioni parallele e non concordate.
Nel ribadire la piena fiducia nell’operato del sindaco e/o di suoi delegati, i sottoscritti Consiglieri ribadiscono la propria contrarietà a quanto chiesto con la nota sopra meglio indicata, in alternativa, chiedono la presenza di tutti i Capigruppo nonché di tutti i venti Consiglieri facenti parte del Civico Consesso.
F.to Letterio Finocchiaro
Antonio Casilli
Raffaele Rifici
Felicino Mirabito
Mario Cincotta
Fabrizio Famularo

PESCA: BUFARDECI, DA VERTICE DOHA NESSUNO STOP A TONNO ROSSO

Dal vertice di Doha, dove era riunita la commissione Cities, arrivano buone notizie per il futuro sulla pesca del tonno rosso. ''La proposta di inserire il tonno rosso nell'allegato uno - spiega l'assessore alle risorse agricole della regione Siciliana, Titti Bufardeci - e' stata bocciata''.
Al di la' del valore politico della decisione assunta dal comitato, Bufardeci sottolinea la forte importanza di questa scelta per la pesca siciliana: ''si rischiava di cancellare un pezzo della nostra tradizione alimentare e culturale, creando al tempo stesso danni all'industria peschiera, gia' segnata da una forte crisi strutturale. Siamo stati al fianco dei nostri pescatori e siamo contenti di questo risultato.
Una scelta giusta, perche', come sosteniamo da tempo, non ci sono indicatori scientifici tali da dover considerare il tonno rosso una specie a rischio''. Ma non sara' caccia indiscriminata.
''Esistono le quote e vanno rispettate - spiega Bufardeci - anche perche' il modello di pesca che vogliamo far crescere e' quello di un sistema compatibile con il mare e la sua tutela. Stiamo orientando, proprio lungo questa direzione, le scelte strategiche per il futuro della pesca siciliana, con la volonta' di utilizzare le risorse che il fondo europeo mette a nostra disposizione per garantire sicurezza a bordo dei natanti, e per creare una nuova dimensione professionale del pescatore, che dovra' essere, sempre di piu', la sentinella del mare, cogliendone i frutti ma tutelando al tempo stesso le preziose risorse che ci offre madre natura''.
Proseguendo su questa linea, continua Bufardeci, ''ora riteniamo necessario il ricorso a interventi di carattere scientifico per definire le modalita' ottimali per uno sfruttamento sostenibile dello stock. E' comunque certo che una specie cosi' preziosa non debba essere svalutata da una commercializzazione massiva e indistinta''.

Le mie Eolie (video)

Vi proponiamo un video che riprende aree di bellezza unica dell'isola di Lipari. Un viaggio per immagini: dal Cappero a Fontanelle da San Calogero ad uno stupendo tramonto su Filicudi e Alicudi.

Sicilia: Approvata la riduzione degli Ato da 27 a 10

Avanti, adagio, verso l'approvazione della riforma del sistema di raccolta integrata dei rifiuti. È passata, infatti, la norma (art.5) che riduce da 27 a 10 gli Ato, gli ambiti territoriali ottimali. Ce ne saranno uno per ogni provincia e uno per le isole minori. Delimiteranno i territori di competenza e, al contrario di quanto prevedeva il vecchio piano dei rifiuti, non rappresentano più gli enti gestori. La gestione sarà affidata alle società di regolamentazione del servizio di raccolta dei rifiuti (Srr), organizzate sulla base delle disposizioni contenute nell'art. 6 sul quale si è avvitato il dibattito per quasi l'intera durata della seduta. Fra gli emendamenti aggiuntivi del governo, infatti, anche quello che dovrebbe consentire la sopravvivenza, sotto forma di Srr, degli attuali Ato di Termini Imerese, Caltagirone, Sciacca e Mazara del Vallo, contestato duramente, oltre che dall'opposizione del Pdl e dell'Udc, anche dall'indipendente Cateno De Luca e, soprattutto, dal Pdl-Sicilia.
«O il disegno di legge passa nel testo originario del governo, quello approvato dalla commissione senza apportarvi una sola modifica e che tutti abbiamo apprezzato - ha minacciato a un certo punto il capogruppo Giulia Adamo, rivolta ai deputati del Pd che sostenevano quell'emendamento - o noi del Pdl-Sicilia abbandoniamo l'aula e la legge ve la fate da soli».
In difesa di quell'emendamento, poco prima, il capogruppo del Pd Antonello Cracolici aveva affermato che «non sarebbe corretto considerare alla stessa stregua chi ha gestito bene e chi invece ha creato danni».
Alla fine, su richiesta del presidente della Regione Raffaele Lombardo l'emendamento è stato accantonato. Subito dopo sono stati esaminati ed approvati gli articoli 7 e 8 riguardanti l'avvio e le funzioni delle autorità d'ambito (Ato). I lavori d'aula, per l'esame degli altri articoli riprenderanno martedì prossimo alle 16.

Sala rianimazione non operativa a Lipari. Giovane partoriente all'ultima settimana costretta a fare le valigie per Patti.

"All'ultima settimana di gravidanza mia figlia è costretta a trasferirsi all'ospedale di Patti poichè in caso di problemi la sala rianimazione dell'ospedale di Lipari non può essere operativa".
A denunciare l'episodio e è il padre della giovane A. D. , costretto a fare i salti mortali per trasferire la figlia nel nosocomio pattese dove, ad onor del vero, ha trovato la più ampia disponibilità e dove la ragazza potrà contare sulla presenza di un sanitario liparese, che opera in quella struttura, ovvero la dottoressa Caterina Cacace.
Il padre della ragazza evidenzia di essere fortemente perplesso. "Del potenziale problema cardiaco all'ospedale di Lipari i medici che hanno seguito mia figlia erano già a conoscenza da diverso tempo. Così come- da quanto appreso- della non operatività della sala rianimazione. Sarebbe stato più giusto, meno rischioso e più umano che questa situazione venisse prospettata prima in modo da organizzarsi per tempo, non correre rischi legati all'avanzato stato di gravidanza".
Un ennesimo caso che mette in evidenza come l'ospedale di Lipari, nonostante le promesse, sia sempre più ridotto all'osso in tema di assistenza e che costringerà A.D., nonostante il pancione e questo potenziale rischio cardiaco, a sobbarcarsi il viaggio sino a Patti.

La Siremar, la difesa d'ufficio e la "foglia di fico" del bollettino meteo. Ci scrive il dott. Iacolino

Riceviamo dal dott. Gianni Iacolino e pubblichiamo:
Egr. Direttore,
una difesa d'ufficio quella dell'ad della Siremar che,come tutte le difese d'ufficio, non convincono proprio nessuno.
Si perde di credibilità, quando si pretende persino di fare passare per carnefice chi è periodicamente vittima di disservizi e di macroscopiche vessazioni.
I porti sono gli stessi ai quali sino a qualche anno fa attraccavano puntualmente le stesse navi e gli stessi aliscafi attualmente in linea; mezzi inidonei, si afferma spesso, e , comunque, proggettati non certamente dai passeggeri.
Se poi i passeggeri hanno protestato davanti alla biglietteria della Siremar e non di un'altra agenzia, l'amministratore delegato non si pone nessun dubbio sull'efficienza della sua compagnia, ma intravede subito - ormai è di moda - un complotto, sparando a zero contro chi vorrebbe viaggiare, ma puo' solo protestare.
Ma 'stu binidittu cristianu, che parla di gazzarra indecente dei viaggiatori, in che mondo vive? Ha mai fatto la trafila mortificante dei giorni in cui il bollettino prevede, anche a distanza di molte ore, un minimo di perturbazione che nulla ha a che vedere nè col breve tragitto, nè con la sosta in banchina a Lipari? Certamente mai!
Le decisioni, cosidette insindacabili, di un professionista non possono essere dettate anche da altre motivazioni che non siano esclusivamente quelle cui fa riferimento l'amministratore delegato?
E quindi perchè tanta sicumera nel sostenere di continuo che le decisioni di un comandante sono sempre insindacabili?
Ho praticato per quasi trenta anni la professione di anestesista, avendo quindi la pesante responsabilità quotidiana di decidere se fare "partire" un intervento chirurgico o decretarne il rinvio, così come fa il comandante di una nave.
Ma credo che il mio giudizio fosse sindacabilisimo , così come lo è ogni decisione di chi riveste ruoli di responsabilità.
Per questo le difese d'ufficio servono solo a perpetrare in eterno gli stessi errori, non ponendosi mai alcun dubbio.
Bisogna pure sapere ascoltare le ragioni di chi , a Milazzo, tante volte, a ragione, si sente preso per i fondelli da chi tenta , in modo maldestro, di nascondersi dietro la foglia di fico del bollettino meteorologico.

Maggioranza assente in consiglio comunale a Lipari? Nessuno scontro solo solidarietà per ex Pumex

COMUNICATO STAMPA
All’indomani dell’incontro tenutosi a Palermo, presso l’Assessorato alla Famiglia, alle Politiche Sociali e del Lavoro, e unicamente per rispondere alla richiesta di solidarietà che i lavoratori ex Pumex hanno espressamente richiesto a ciascuno di noi, gli scriventi consiglieri comunali di maggioranza, comunicano che diserteranno le riunioni previste per il pubblico consesso fino all’esito del prossimo incontro previsto per la settimana ventura.
Auspicano, in tale ottica, che da nessuna parte vengano riportate notizie in merito contrarie allo spirito suesposto, che si tradurrebbero esclusivamente in pure e deleterie illazioni e che avrebbero come unico scopo quello di volere creare nella pubblica opinione visioni distorte e false dell’atteggiamento che si è deciso di assumere sul problema.
Casilli Antonio, Cincotta Mario, Famularo Fabrizio, Finocchiaro Letterio, Mirabito Felice, Rifici Raffaele, Giuffrè Cristian, Gugliotta Antonio, Corda Rosaria, Guarino Gianfranco.

Judo: Doppio appuntamento per gli atleti dello Sporting di Lipari

Doppio appuntamento questo fine settimana per gli atleti delle Classi pre agonisti ed agonisti Esordienti A dello Sporting club Lipari.
L' associazione sportiva ha in programma due trasferte: una a Messina e l'altra a Paola in Calabria
A Messina l’associazione Lotta Olimpica di Katarzyna Juszezak organizza il “4° Memorial M° Franco Costa “ 6° Torneo Colapesce di Judo.
La gara, riservata agli atleti delle classi Bambini, Fanciulli e Ragazzi (nati tra il 2005 ed il 1999 ) si disputerà al Palarescifina di San Filippo domenica 21 mattina.
Gli atleti che parteciperanno alla competizione , accompagnati dall' istruttore tecnico Lillo Di Grado sono :
LUCA GRECO (BAMBINI KG 25)
KEVIN GUERCIO, VERONICA GUERCIO, CHIARA GRECO (FANCIULLI KG 25)
GIACOMO GRECO (FANCIULLI KG 30)
La trasferta a Paola, in provincia di Cosenza , si svolgerà in concomitanza. La competizione, organizzata dall’ASD Judo Club Paola, denominata “ 6° Torneo di Judo Città di Paola”, è riservata ad atleti delle classi Bambini, Fanciulli, Ragazzi ed Esordienti A e B e avrà luogo al palazzetto dello Sport di Paola, contrada Tina.
Gli atleti che parteciperanno alla competizione, accompagnati dagli istruttori Gaetano Bisazza ed Adalgisa Ferlazzo, oltre ad un nutrito gruppo di genitori sono:
ALEXANDER BELLETTI e JULIE GRECO (BAMBINI KG 23)
SOFIA NATOLI (BAMBINI KG 20)
ANDREA DE SALVO (FANCIULLI KG 25)
ALICE NATOLI (FANCIULLI KG 42)
VALERIO TOWLER (RAGAZZI KG 33)
LEONARDO ZIINO (RAGAZZI KG 42)
FABRIZIO GRECO (RAGAZZI KG 50)
VALERIO FERLAZZO (RAGAZZI KG 46)
ALESSANDRO FORMICA (RAGAZZI KG + 55)
ARIANNA TOWLER (ESORDIENTE A KG 36)
Questa trasferta, un po’ più lunga prevede la partenza sabato mattina con il rientro domenica pomeriggio.

Auguri a....

A poco meno di due mesi dal brutto incidente che lo ha visto coinvolto e che ha comportato l'effettuazione di un intervento chirurgico abbiamo incontrato ieri, con grande piacere, sulle strade della nostra Lipari, il prof. Giuseppe Iacolino.
Superato il momento difficile, con l'abituale forza e tenacia e con il supporto dei figli Gianni e Venanzio e dei familiari tutti, il novantenne storico eoliano si è già "tuffato" nella vita di sempre... pronto a donare alle Eolie e agli eoliani, ma più in generale a tutti coloro che amano la storia e la cultura, altri saggi del suo sapere.
Al professore, che tra l'altro oggi festeggia l' onomastico e il suo essere padre, gli auguri di Eolienews e l'ennesimo grazie per il patrimonio storico-culturale che ci ha donato e continuerà a donarci

Siremar: strumentale la protesta di Milazzo

(Gazzetta del sud) Replica della Siremar dopo la protesta per i fatti di Milazzo, al sindaco Bruno che aveva formalizzato le proprie rimostranze al al Ministero dei Trasporti con la richiesta alla Procura della Repubblica di Barcellona di verificare le ragioni per le quali gli eoliani erano rimasti a Milazzo bloccati per le avverse condizioni meteo marine e autori di una protesta nei confronti dei comandanti di aliscafi e navi. «La Siremar e i suoi equipaggi – ha evidenziato l'amministratore delegato della società Lorenzo Murrali – sono usi a svolgere e a portare a termine la propria opera nell'esclusivo interesse del mantenimento delle condizioni di sicurezza, prescindendo totalmente dalla pressioni esterne o peggio strumentali e inutili sommosse spontanee che avrebbero meritato quantomeno una presa di distanza delle autorità locali». L'amministratore della Siremar nell'evidenziare come le proteste si siano abbattute solo su questa società nonostante la Ustica Lines abbia omesso le proprie corse, ha puntualizzato che i paragoni con la Ngi che ha assicurato la partenza alle 21 non dimostrano nulla dal momento che il mezzo da tale compagnia possiede caratteristiche tecnico – nautiche differenti.
« Sarebbe più opportuno – ha aggiunto Murrali – che gli amministratori locali, anziché rivolgere gratuiti apprezzamenti curassero gli approdi di loro competenza che necessiterebbero di radicale ristrutturazione ed invece non vengono neanche sottoposti ad interventi di manutenzione ordinaria se non quando la società è costretta a sollecitare più volte interventi che però si risolvono in tamponi del tutto provvisori».
Il dott. Murrali ha infine chiarito che le rimodulazioni attivate da tempo sia per gli aliscafi che per le navi trovano motivo in esigenze di carattere tecnico che per altre evenienze, come alcune vertenze con il cantiere costruttore dei nuovi aliscafi che hanno bloccato per molto tempo, ad esempio, i lavori sul "Calypso", sia al programma di adeguamento della flotta previsto dallo "Stockolm Agreement", obbligatorio per legge e formalmente portato all'attenzione di tutti gli enti competenti come a quelle di tutti i sindaci interessati.

Confitarma. Perplessità su processo privatizzazione Tirrenia

Paolo d'Amico, Presidente di Confitarma ha espresso qualche perplessità circa il processo di privatizzazione di Tirrenia. "Con forza quindi mi auguro che venga finalmente posta la parola "fine" alla contrapposizione tra flotta privata e pubblica e la privatizzazione del Gruppo Tirrenia possa concludersi al più presto, in linea con le indicazioni comunitarie, ripristinando pienamente nel mercato le regole di concorrenza" ha detto d'Amico, durante la conferenza annuale."Più volte nel recente passato abbiamo manifestato perplessità in merito alle procedure di liberalizzazione e non siamo mai stati invitati ai tavoli ministeriali di approfondimento e confronto in materia"."La scelta di procedere all'affidamento in blocco dei servizi marittimi a una stessa società di navigazione, invece che ad una pluralità di operatori attraverso gare linea per linea, certamente non aiuta - ha proseguito d'Amico - come pure non aiuta la prevista durata di 12 - 8 anni delle convenzioni ad esclusivo appannaggio delle società ex-regionali e della società Tirrenia. Inoltre, ci pare non accettabile la commistione dei ruoli tra regolatore e gestore che si verrebbe a creare qualora fossero le Regioni, tramite partecipazioni in società, ad acquisire le ex-regionali del gruppo Tirrenia: sovrapposizione più volte oggetto di rilievo da parte della nostra Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Infine, il fatto che la materia sia stata oggetto di osservazioni da parte delle istituzioni comunitarie nel dicembre scorso, e ultimamente addirittura di una procedura di infrazione, conferma le perplessità che sussistono sull'intera procedura".
"Intanto il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia ha affermato "E' giusto riparlare di privatizzazione pero' e' inopportuno prorogare per 10 anni le convenzioni ai nuovi acquirenti" di Tirrenia". Ha chiesto al Governo "di fare scelte chiare a favore del mercato e della concorrenza e di fare della privatizzazione di Tirrenia un'opportunita' vera".

giovedì 18 marzo 2010

Parco delle Eolie. Consiglio comunale di Lipari "esautorato"? La presidenza chiede di partecipare ai tavoli tecnici

In una missiva inviata al Ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo e all'Assessore regionale al Territorio e Ambiente Roberto Di Mauro, il presidente del consiglio comunale di Lipari Pino Longo (ex AN) e il vice Francesco Megna (Il Faro), sottolineando soddisfazione per l'accellerazione dell'iter e per la priorità riservata alla concreta attuazione del parco delle Eolie, al quale tutte le rappresentanze politiche locali sono favorevoli, hanno chiesto di poter partecipare, unitamente ad un tecnico locale, alle riunioni dei tavoli tecnici che riguarderanno l'istituendo parco.
La nota, firmata anche dai capigruppo consiliari d'opposizione, evidenzia come a tutt'oggi il civico consesso liparese non sia stato a tutt'oggi informato dal sindaco in ordine alle attività intraprese, ne è stato coinvolto nelle scelte e nei pareri espressi dal primo cittadino

S. Marina Salina: Torna ad attraccare un traghetto Siremar

COMUNICATO STAMPA
Si comunica che in data odierna alle ore 16.15 la motonave Filippo Lippi della società Siremar ha fatto operazione presso la radice del molo commerciale di S. Marina Salina, come chiesto nei giorni scorsi a gran voce dal Sindaco Massimo Lo Schiavo.
Il Sindaco, presente all’attracco, ha espresso soddisfazione e vivo ringraziamento al comandante Garuffo che con facilità ha ormeggiato nuovamente nel porto di Salina.

Prima splendida giornata di sole. Bellezze norvegesi in riva al mare

Ci sarebbe da dire, finalmente, dopo tanta pioggia, una splendida giornata di sole.... alle Eolie.
La giornata odierna, con temperature decisamente al di sopra di quelle medie degli ultimi tempi, ha rappresentato una specie di prova generale in vista della primavera.
Primi turisti in giro per l'isola di Lipari e prime belle ragazze in riva al mare
Le prime nostre foto balneari di quest'anno sono per Linn e Hallois, due giovani norvegesi intercettate in riva al mare ad Unci(Canneto) e che hanno volentieri posato per noi.

Ferlazzo propone ai presidenti dei centri commerciali naturali una chiusura pro ex Pumex

Riceviamo da Angelo Ferlazzo e pubblichiamo:
Faccio seguito all'appello che puntualmente e gentilmente hai voluto pubblicare, i cui riscontri anche se timidi non tardano a farsi sentire, per invitare i Presidenti dei Centri Commerciali Naturali Isola di Lipari, Liparyon, Marina Corta di Lipari, Canneto Isole Eolie, Centro Urbano Stromboli, Isola di Vulcano a chiedere ai propri consorziati in forma chiaramente spontanea se lo ritengono opportuno e giusto, il Giorno 23 Marzo per una chiusura collettiva di mezza giornata dalle ore 8:00 alle 13:00, in segno di concreta solidarietà alle famiglie di lavoratori oggi in difficoltà.
Apprendo con gioia che finalmente si muove qualche cosa e incrociamo le dita.

Benvenuta Alessandra!

Dopo aver collaborato per due anni con la testata giornalistica online Terranauta, ieri mattina Alessandra Profilio ha superato il colloquio presso l’Ordine dei Giornalisti del Lazio.
Tra pochi giorni, quindi, sarà ufficialmente iscritta nell’albo della categoria, come giornalista pubblicista.
Figlia di due eoliani “doc” (Antonino Profilio e Floriana Ferlazzo) e affezionatissima alla sua meravigliosa isola d’origine (Lipari), Alessandra da quasi sette anni vive a Roma con la sua famiglia.
Ad Alessandra, ovviamente, le congratulazioni di Eolienews e un benvenuto nella famiglia dei giornalisti

EX PUMEX. FILCA CISL: “DOPO DUE ANNI DI IMPEGNI NON MANTENUTI, FIDUCIA NEL NUOVO PERCORSO STABILITO DALL’ASSESSORE LEANZA”.

“Ci fa piacere che, dopo due anni, anche la politica si è accorta che a Lipari c’è un serio problema occupazionale legato agli ex lavoratori della pomice. Certo, se i rappresentati politici avessero mantenuto gli impegni presi in campagna elettorale due anni fa, oggi i 38 lavoratori eoliani avrebbero avuto un lavoro certo e stabile. Adesso, ai proclami e alle parole di solidarietà, ci aspettiamo che seguano i fatti e da parte dei politici locali ci sia la giusta pressione sul governo regionale affinché rispetti gli impegni”.
La dichiarazione, che arriva all'indomani dell’incontro con l’assessore regionale al Lavoro Lino Leanza, arriva dai massimi esponenti regionali e provinciali della Filca Cisl Santino Barbera Giuseppe Famiano.
La Filca Cisl guarda con moderato ottimismo a questo nuovo percorso "a tappe certe" tracciato dall’assessore al Lavoro Leanza. "Dopo l’incontro di ieri- evidenziano Bernava e Famiano- ci attendiamo che al prossimo, che si terrà entro la fine della prossima settimana a Palermo alla presenza anche degli assessori regionali ai Beni Culturali e al Territorio, ci siano tutte le basi per analizzare la situazione e arrivare all’elaborazione di una soluzione attuabile in tempi brevi". Intanto, dopo le rassicurazioni dell’assessore Leanza, la Filca Cisl ha già concordato con i lavoratori di sospendere lo sciopero della fame, ma verrà mantenuto il presidio presso il Comune di Lipari in attesa che la vicenda veda, finalmente, una definitiva soluzione occupazionale.

SANITA': DEFINITA LA RIMODULAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA

E' stata varata la nuova rete ospedaliera siciliana. I decreti con cui viene stabilita la nuova mappa degli ospedali siciliani - uno per ognuna delle 17 aziende sanitarie della Sicilia - hanno gia' ricevuto il "positivo apprezzamento" dell'Agenas, l'agenzia ministeriale per i servizi sanitari alle Regioni.
La rimodulazione della rete ospedaliera, espressamente prevista dal Piano di rientro e coerente con i principi della legge di riforma, tiene conto di tutti i nuovi indicatori presenti nel "Patto per la Salute". Sara' garantita una distribuzione funzionale ed omogenea dei posti letto, evitando le duplicazioni del passato che hanno provocato elevati indici di inappropriatezza, garantendo al paziente la presenza in ogni provincia delle funzioni base di medicina e chirurgia.
Verra' dunque assicurata la sopravvivenza e la rifunzionalizzazione dei piccoli ospedali e la loro organicita' alle grandi strutture di riferimento che saranno presenti nelle aree metropolitane.
La dotazione complessiva della Sicilia raggiunge la quota complessiva di 19.524 posti letto: 11.868 sono i posti letto per acuti del servizio pubblico a cui vanno aggiunti i 3.845 del settore privato, i 548 delle "sperimentazioni gestionali" e dell'ospedale classificato Buccheri La Ferla di Palermo e i 3.263 posti letto per riabilitazione e lungodegenza, che sono stati implementati di circa 2.000 unita'. In termini percentuali si raggiunge, a livello di sistema, la quota di 3,87 posti letto per mille abitanti, di cui 3,22 per acuti e 0,65 per riabilitazione e lungo degenza.
I decreti recepiscono le indicazioni espresse dai dirigenti generali delle aziende e dalle conferenze dei sindaci, tranne che nei casi in cui c'era un contrasto con le rigorose misure ministeriali. E l'Agenas, nella sua relazione conclusiva di "validazione" del provvedimento, scrive che "sono superate le principali criticita' rilevate", che la riorganizzazione "risulta coerente con le indicazioni previste dal Piano di rientro" ed e' "rispondente ai parametri dettati dal Patto per la Salute con riferimento alle percentuali di posti letto rispetto alla popolazione".
La rimodulazione della rete, la cui applicazione compete adesso ai direttori generali, sara' "dinamica" e non "statica", nel senso che ogni sei mesi saranno fatte le opportune verifiche per capire se apportare piccole modifiche in ragione di accertate esigenze o in base agli indici di occupazione che saranno costantemente monitorati.
L'organizzazione della nuova rete punta sulla piena e perfetta integrazione tra grandi ospedali di riferimento (hub) presenti nelle aree metropolitane e nei capoluoghi di provincia e i piccoli ospedali dei centri periferici (spoke): tutte le province siciliane avranno garantite le funzioni basilari di medicina e di chirurgia mentre le alte specializzazioni saranno allocate nei grandi ospedali di riferimento. Tutto cio' garantira' elevati standard di qualita' e sicurezza per il paziente e permettera' un miglioramento degli indici di ospedalizzazione che gia' sono stati sensibilmente ridotti passando - in appena due anni - dal 248 al 195 per mille.
Con il nuovo piano saranno complessivamente aumentati i posti letto delle terapie intensive, con opportune misure per riequilibrare il numero dei posti letto nelle varie province. I posti letto delle unita' operative sono stati ridotti e riorganizzati sulla base dei parametri del Patto per la Salute secondo cui per alcune patologie (per esempio: dermatologia, oculistica e oncologia) non sara' piu' previsto il ricovero ordinario (tranne che per casi particolarmente gravi) bensi' il trattamento del paziente in day hospital o in day service.
Una delle novita' e' rappresentata dalla creazione, negli ospedali piu' piccoli, di posti letto "indistinti" di day hospital sia di area medica che chirurgica per far si' che le equipe distrettuali possano svolgere attivita' anche per discipline non presenti nell'ospedale e garantendo cosi' ai pazienti - in determinati casi - di ottenere la prestazione sanitaria nella propria citta' e da un'equipe che avendo una casistica adeguata assicura una piu' sicura erogazione della prestazione sanitaria.
Prevista anche l'istituzione di nuovi posti letto nei pronto soccorso degli ospedali dei capoluoghi di provincia, i cosiddetti MCAU (medicina chirurgia accettazione urgente) dove il paziente potra' essere trattenuto fino a 72 ore per evitare ingolfamenti delle unita' operative con ricoveri inappropriati. In tutti i pronto soccorso della Sicilia saranno anche istituiti posti tecnici di osservazione breve. La rimodulazione, a regime, permettera' una migliore risposta organizzativa e assistenziale.

Consiglio comunale di Lipari. Due "salti" per mancanza del numero legale. Nostra intervista a Megna sull'incontro palermitano sugli ex Pumex

Erano previste per stamani due riunioni del consiglio comunale di Lipari.
Entrambe sono saltate per mancanza del numero legale.
I due consigli dovevano trattare del parco delle Eolie e di altri argomenti tra cui l'istituzione della commissione speciale sulla portualità.
Dietro le transenne al momento dell'appello era presenti gli ex Pumex e i loro familiari pronti, così come annunciato, ad occupare l'aula.
Nei due video sottostanti:
1) La fase dell'appello con gli ex Pumex dietro le transenne
2) L'intervista al consigliere Francesco Megna (Il Faro) che ieri ha partecipato alla riunione di Palermo:




Vicenda ex Pumex. Ci scrive Salvatore Naso

Riceviamo da Salvatore Naso e pubblichiamo:
Apprendo con grande gioia che qualcosa si sta muovendo nella vertenza ex pumex, segno che la sinergia tra enti e organizzazioni ha dato i suoi isultati, infatti sono convinto che l'azione forte e contemporanea di: comune, forze politiche (un plauso particolare credo sia dovuto al forte impegno degli ultimi giorni del partito democratico) e sindacati a tutti i livelli abbia prodotto questo primo punto di partenza, chiaro che è ancora presto per esultare e per ritenere tutto risolto, ma è un buon passo in avanti, finalmente la regione fa la prima cosa scontata che c'era da fare, rendersi conto che professionalità fossero presenti e dunque in che modo possono essere ricollocatì senza preventivi e ulteriori perdite di tempo di corsi di riconversione professionali, del resto sapevamo tutti che tra gli ex pumex c'erano così svariati tipi di professionalità che era possibile ricollocarli subito, è solo mancata la volontà.
Ma questa vicenda ci sta insegnando una triste lezione, che speriamo non si ripeta più, che, per muovere tutti, padri e madri di famiglia si sono esposti al pericolo di un occupazione clamorosa come quella della stanza del sindaco ed addirittura alcuni di loro hanno dovuto mettere a repentaglio la propria vita con lo sciopero della fame per far capire a tutti che per la situazione urgeva un'azione immediata.
Coraggio, vediamo cosa succede in questa settimana, altrimenti mi impegnerò in prima persona e sono convinto che sarò affiancato da tanti amici per fare appello a tutti i cittadini che sapranno andare oltre al facile pietismo e tutti quanti hanno veramente a cuore questo pezzo della nostra terra per organizzare altre forme corali di protesta.
Salvo Naso

Calcio: La Ludica Lipari cala il poker sul Finale (dalla Gazzetta del sud di oggi)

Ludica Lipari 4 Finale 1
Marcatori: 21° Saltalamacchia Cesare, 55° Licari, 70° A. Giunta, 81° Fonti, 92° Biundo
Ludica Lipari: Orto, Mazzeo, Saltalamacchia (dal 66' Caprara), Currò (dal 71' Fonti), Caruso, Giunta R., Marino, Giunta A.(dal 70' Li Donni), Licari, Sturniolo, Zagami.
Finale: Famularo, Martorana Salvatore, Martorana Marco, Martorana Sergio (dal 51' Tuminello), Mogavero, Russo (dal 75' Lipari), Biundo, Teresi, Mastrandea (dal 70' Visconti), Botindari, Fertitta.
Arbitro: Tomaso di Messina
Una Ludica Lipari pimpante non si concede pause in questi ultimi appuntamenti casalinghi della stagione e porta a tre le vittorie consecutive tra le mura amiche del Monteleone. Per i ragazzi del Finale, scesi in campo a Lipari con l'obiettivo di portare a casa almeno un punto, non c'è stato assolutamente nulla da fare.
Gli ospiti sono riusciti in qualche modo a contenere i padroni di casa (complici madornali errori sotto porta) nel primo tempo, chiusosi sull'uno a zero, ma sono letteralmente affondati nella ripresa sotto il tambureggiante assedio di Giunta e compagni.
Una Ludica che, nonostante le frequenti amnesie e atteggiamenti edonistici, non ha concesso agli avversari se non il gol della bandiera quando i calciatori padroni di casa erano già da diverso tempo con la testa negli spogliatoi.
Salvatore Sarpi
Eolienews sempre più in crescita nel numero delle visite (+ 9,3% negli ultimi 28 giorni) ed Eolnet sempre più internazionale
La società che monitorizza gli accessi sia di Eolienews che di Eolnet ha rilevato un accesso dalle Aland Islands e lo ha comunicato con questa mail
This is an 'opt-in' email alert from NeoWORX.net.
Congratulations! You just had your first visitor from Aland Islands.

Comune. Per crisi di liquidità e carenze di risorse umane il pagamento degli stipendi potrebbe subire ritardi, anche notevoli.

"Liquidazione emolumenti stipendiali. Comunicazioni" è l'oggetto della nota prot.9783 del 16/03/2010, a firma del dottore Francesco Subba e del ragionier Stefana Salmieri pervenuta a tutti i dipendenti comunali dal Settore Finanziario.
La nota, per opportuna conoscenza, è stata inviata:al Sig. Sindaco, al Sig. Segretario/Direttore Generale, ai Sigg. Assessori.
IL TESTO DELLA NOTA DI SUBBA E SALMIERI
In riferimento all'argomento riportato in oggetto si comunica che, a causa delle gravi problematiche che coinvolgono l'ente, sia per quanto riguarda la crisi di liquidità che per gli aspetti della carenza di risorse umane, per le quali si è già ampiamente e ripetutamente relazionato, il pagamento degli stipendi e degli altri emolumenti di natura stipendiale potrebbero subire ritardi, anche considerevoli.
La presente viene resa, a seguito di condivisione del Sindaco e dell'Assessore alle Finanze, per le problematiche rappresentate da alcuni dipendenti che per ogni fine mese hanno scadenze di pagamenti vari che si intendono correlare alla riscossione dello stipendio.
Ogni dipendente dell'ente potrà valutare la nuova situazione e cercare di adottare le misure che possano attenuare eventuali disagi, di ordine economico/finanziario, connessi ad una eventuale ritardata corresponsione degli emolumenti stipendiali.

Ex Pumex sulla Gazzetta del sud di oggi

Fiducia a Leanza, gli ex lavoratori Pumex sospendono lo sciopero della fame
Lunedì due funzionari di "Italia Lavoro" sbarcheranno sull'isola per l'analisi delle posizioni
Salvatore Sarpi
Lipari

Gli ex lavoratori della Pumex dal tardo pomeriggio di ieri hanno sospeso lo sciopero della fame in segno di fiducia verso l'assessore regionale al Lavoro Lino Leanza a risolvere una volta per tutte la delicata problematica, esplosa dopo la chiusura della cava Pumex di Porticello, in ottemperanza alle indicazioni dell'Unesco e per consentire alle Eolie il mantenimento del titolo di "Patrimonio dell'Umanità".
Un calvario che si protrae da tre anni per decine di padri di famiglia che hanno perso un lavoro certo sul tavolo di un titolo prestigioso e non certo per una crisi aziendale. «Gli ex lavoratori della Pumex – così come si legge in un comunicato stampa diffuso subito dopo la conclusione della riunione palermitana – interrompono lo sciopero della fame (in corso da dieci giorni) ma, al tempo stesso, mantengono alta la guardia e continuano nell'occupazione della stanza del sindaco Mariano Bruno e nel "blocco" delle sedute dei consigli comunali, nei giorni delle loro convocazioni».
Insomma una specie di "fiducia condizionata" che è contemporaneamente il frutto di tante "illusioni" del passato e dell'incontro tenutosi a Palermo e al quale hanno preso parte, oltre all'assessore al Lavoro Lino Leanza e alcuni deputati regionali, gli esponenti dei vertici regionali e provinciali del sindacato dei lavoratori, il sindaco di Lipari Mariano Bruno, una delegazione di ex Pumex e di rappresentanti del consiglio comunale liparese. L'assessore Leanza ha chiaramente lasciato intendere che intende risolvere in via definitiva la situazione che riguarda in atto 38 ex Pumex. La strada che si intende percorrere è quella del passaggio nell'ambito dei beni culturali (museo, aree archeologiche) o, in alternativa, il loro utilizzo all'interno di società "in house" che dovrebbero gestire alcuni importanti servizi comunali. Il primo passo sarà compiuto lunedì prossimo quando sbarcheranno a Lipari due funzionari di "Italia lavoro" per effettuare una ricognizione sia sulla posizione degli ex Pumex prossimi al pensionamento che su quelli da ricollocare. Dopo questa ricognizione e il punto della situazione che sarà fatto con l'assessore Leanza vi è l'impegno di convocare un incontro presso l'assessorato regionale ai Beni Culturali per addivenire ad un piano, il più celere possibile, per consentire il reintegro, a pieno titolo, di questi eoliani nel campo del lavoro. «Mi sono rivolto al senso responsabilità di tutti – ha detto Leanza – e sono contento che i lavoratori abbiano accolto il mio appello. Ho spiegato che non vogliamo creare illusioni e che da parte del Governo regionale c'è il massimo impegno per risolvere la loro vicenda». I funzionari di Italia Lavoro – come detto – saranno a Lipari per un'analisi della posizione di ciascun lavoratore. «La verifica - ha continuato l'assessore - servirà per avere un quadro completo e dettagliato della situazione di ogni operaio. E per la prossima settimana ho chiesto di concordare una riunione con gli assessori per i Beni culturali, per il Territorio e per le Autonomie locali».
Gli ex Pumex, in una nota facente seguito alle dichiarazioni del presidente-liquidatore della Pumex, Enzo D'Ambra di essere disposto alla loro riassunzione nel contesto del presentato piano di messa in sicurezza della cava, hanno evidenziato come a tutt'oggi sono in attesa della liquidazione da parte dell'imprenditore stesso del trattamento di fine rapporto (TFR) e come ciò, unitamente alla perdita del posto di lavoro, abbia creato loro non poche difficoltà. «Alla luce di ciò – hanno evidenziato – non riusciamo a capire e comprendere come il dottore D'Ambra, rimasto sinora in silenzio nei nostri confronti e sordo alle nostre problematiche, torni a farsi sentire e a proporre soluzioni che vedono direttamente coinvolte le nostre persone».
L'incontro di ieri a Palermo arriva all'indomani dell'ordine del giorno all'Ars, presentato dai deputati regionali del Pd, Franco Rinaldi (primo firmatario), Giuseppe Lupo, Giuseppe Laccoto, Giuseppe Picciolo, Filippo Panarello. «Questo immobilismo deve cessare – hanno detto il segretario regionale Giuseppe Lupo e il parlamentare messinese Francantonio Genovese – le istituzioni devono iniziare a dare risposte concrete senza fare finta che la vertenza della Pumex non si sia già trasformata in un dramma sociale che mortifica decina di famiglie».
Duro anche il commento del senatore messinese Gianpiero D'Alia: «È un momento drammatico nel quale è necessario un concreto intervento del governo regionale e nazionale».

Oggi la rimodulazione della rete ospedaliera. Convocati i manager. Laccoto conferma: Lipari, ospedale per l'emergenza.

(Gazzetta del sud) Direttori generali delle Asp convocati oggi a Palermo per la rimodulazione ospedaliera. L'assessore Massimo Russo illustrerà il piano di riassetto che aggrega, taglia e riorganizza cercando di coniugare rientro della spesa e mantenimento dello standard assistenziale sul territorio.
Questioni che hanno immediata ricaduta nei presidi ospedalieri alle prese con un avvio di riforma che dopo le enunciazioni dei programmi adesso entra "in corpore viri" alla ricerca di un equilibrio non facile. Ne sa qualcosa il presidente della sesta Commissione dell'Ars Giuseppe Laccoto, in questi ultimi mesi impegnato ad assecondare la rivoluzionaria riforma nella convinzione che bisognava intervenire per risanare l'aspetto finanziario e garantirne l' efficienza e tuttavia recepire le molteplici e varie esigenze dei rappresentati di categoria come delle amministrazioni locali.
- Difficile accettare tagli!
«Si tratta di salvaguardare equilibri e coniugare esigenze del territorio con linee guida congrue. Occorrono correttivi».
- Dalle numerose audizioni, qual è la percezione nella classe medica della riforma?
«Che attraversiamo una fase di modifica radicale, necessaria ma che deve essere attenuata nei primi effetti, senza danneggiare i servizi. Finora la mia Commissione è stata una sorta di camera di compensazione dove abbiamo cercato di contemperare istanze diverse. Bisogna tenerne conto nell'attuazione dei programmi»
- Insomma tagli minimi e con molta cautela?
«L'Agenzia nazionale dei servizi sanitari ci invita a tagliare gli ospedali piccoli, ma penso che poi bisogna fare i conti col territorio. Nel caso dei distretti di Messina, abbiamo ottenuto di salvare gli ospedali di Mistretta e di S. Agata perchè unico presidio per un bacino di circa centomila persone. Caratterizzando la loro prestazione si è puntato su Mistretta per la riabilitazione; su S. Agata per chirurgia, cardiologia, medicina, ortopedia, psichiatria; a Patti per chirurgia, unità intensiva neonatale, cardiologia, chirurgia vascolare, Utic, psichiatria e rianimazione, oltre ai programmi di nefrologia. Nel Distretto di Messina 2: Milazzo (polo chirurgie), Barcellona (medicina), Taormina (chirurgia oncologica e generale), Lipari (emergenza). Ma Milazzo merita anche la ginecologia o ostetricia oltre ai reparti di anestesia e rianimazione, cardiologia e Utic. Nei due distretti di Messina si è riusciti a salvaguardare il massimo».
- Pensa di ottenere un ridimensionamento dei tagli?
Quella attuale è una fase di sperimentazione, si tratta di non fermare i servizi, riuscire nell'obiettivo di eliminare le liste di attesa e di ridurre i ricoveri impropri che attualmente sono il doppio del resto d'Italia».
- Coinvolgendo i medici di base ?
«Certo è indispensabile la collaborazione del medico di famiglia e vanno potenziati i Pta, i servizi sul territorio. Ma servono finanziamenti»
- Cosa non la convince delle recenti direttive alle aziende?
«Il ridimensionamento della figura di direttore sanitario e l'introduzione del "facility management" (cui fa capo l'accoglienza del paziente) che in altre regioni ha mostrato di non funzionare. Gestire il cambiamento non è facile ma certamente tutti, parlamento e governo dobbiamo tendere a un equilibrio tra sforzo ragionieristico e offerta di salute. Altrimenti il rischio è di non governare i processi di cambiamento».(ma. cav.)

"San Giuseppe trasmetta forza e competenza ai nostri amministratori" E domani a Lipari si rinnova l'appuntamento con il quadaro e gli sfinci.

Caro direttore,
in questo momento particolare per la nostra cittadina spero faccia bene pensare ad un momento di comunione nel nome del Santo che rappresenta più di ognuno la Famiglia vera, San Giuseppe.
Che possa Lui trasmettere a tutti i nostri amministratori locali, regionali e nazionali, tutta la forza e competenza per poter risolvere i problemi innumerevoli che in questi ultimi anni investono il nostro arcipelago.
Inviamo un piccolo comunicato dei festeggiamenti che la Confraternita di San Giuseppe organizza da diversi anni.
La Confraternita di San Giuseppe di Lipari rende noto alla cittadinanza tutta che, venerdì 19 marzo 2010 per i festeggiamenti di San Giuseppe, come ogni anno, Il “Quadaro di San Giuseppe” sarà distribuito dopo la Santa Messa delle ore 11:00 e la tradizionale “Sfincia di San Giuseppe” dopo la processione e la Santa Messa delle ore 18:30.
Inoltre la Confraternita di San Giuseppe fa presente che ha organizzato, e reso ormai momento immancabile ( VII edizione ) nei festeggiamenti di San Giuseppe, “Il Torneo di Calcetto intitolato ad Angelo ZIINO” ( con la collaborazione con Bartolo Giunta & C.) e la “Maratona di San Giuseppe” di cui verranno premiati i vincitori dopo la Santa Messa del 18 marzo 2010 alle ore 19:00.
Un ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita dei festeggiamenti.

Consorzio Metromare e collegamenti con le Eolie. Le richieste di Federalberghi

E' indirizzata al Ministero delle Infrastrutture e trasporti, alla Provincia Regionale di Messina, all' Autorità Portuale di Messina, ai Comuni di Messina e Reggio Calabria, alle Capitanerie di Porto di Messina e Reggio Calabria, alla SO.G.A.S. S.p.A., alla Rete Ferroviaria Italiana e all' Ustica Lines S.p.A. una nota a firma del presidente della Federalberghi delle Eolie avente per oggetto: Servizio Consorzio Metromare dello Stretto e collegamenti Ustica Lines con le Isole Eolie.
Con riferimento e ad integrazione della nostra nota del 02 marzo 2010, attraverso la quale si richiedeva, tra l’altro, l’istituzione di un tavolo tecnico nell’ambito del quale affrontare una serie di problematiche inerenti al sistema dei porti e dei collegamenti marittimi, con la presente chiediamo che:
1. nella definizione degli itinerari orari del servizio Metromare, si tenga conto delle corse di aliscafo già previste per le isole Eolie;
2. si valuti attentamente la possibilità di far attraccare gli aliscafi provenienti dalle Isole Eolie direttamente al pontile dell'aeroporto dello Stretto, considerato che la stragrande maggioranza dei passeggeri che transitano dalle Eolie a Reggio Calabria lo fanno con l’obiettivo di raggiungere l’aeroporto;
3. si assicurino, anche in periodi di bassa stagione, n. 2 corse giornaliere di aliscafo tra le Isole Eolie e Messina, modificando l’allegato tecnico in ottemperanza a quanto già previsto dal bando quinquennale aggiudicatosi dalla Ustica Lines S.pA.
In attesa di un gradito riscontro, si porgiamo i nostri migliori saluti.
Christian Del Bono
presidente
Federalberghi Isole Eolie

mercoledì 17 marzo 2010

Ex Pumex sospendono lo sciopero della fame. Il nostro video del momento in cui i lavoratori ufficializzano la loro decisione

I 38 lavoratori della Pumex di Lipari hanno sospeso lo sciopero della fame. La decisione e' stata assunta dopo l'incontro a Palermo tra l'assessore regionale per la Famiglia, il Lavoro e le Politiche sociali, Lino Leanza, e i sindacati.
Presente anche il sindaco di Lipari, Mariano Bruno.
"Mi sono rivolto al senso responsabilita' di tutti - ha detto Leanza - e sono contento che i lavoratori abbiano accolto il mio appello. Ho spiegato che non vogliamo creare illusioni e che da parte del Governo regionale c'e' il massimo impegno per risolvere la loro vicenda".
Lunedi', intanto, due funzionari di Italia Lavoro saranno a Lipari per un'analisi della posizione di ciascun lavoratore. "La verifica - ha continuato l'assessore - servira' per avere un quadro completo e dettagliato della situazione di ogni operaio. E per la prossima settimana ho chiesto di concordare una riunione con gli assessori per i Beni culturali, per il Territorio e per le Autonomie locali, nonche' con l'amministrazione comunale di Lipari, per trovare una soluzione che offra una risposta definitiva a queste 38 persone che vivono nell'incertezza".
Eolienews vi propone il video degli ex Pumex raccolti, unitamente alle loro famiglie e all'assessore Giannò, nella stanza del sindaco in attesa delle notizie provenienti da Palermo. Abbiamo ripreso Neda Saltalamacchia nel momento in cui "concorda" con gli ex Pumex presenti a Palermo la sospensione dello sciopero della fame:

Ex Pumex: Sospeso lo sciopero della fame dopo i segnali positivi da Palermo

Comunicato
Gli ex lavoratori della pomice, a seguito della riunione tenutasi oggi pomeriggio a Palermo, c/o Ass.to al Lavoro ed alla Famiglia ex Enti Locali, alla presenza dell'Assessore On. Leanza, dei Sindacati, del Sindaco di Lipari e di una ns. rappresentanza,
COMUNICANO la sospensione immediata dello sciopero della fame, ma al tempo stesso mantengono alta la guardia e continuano pertanto l'occupazione della stanza del Sindaco ed il blocco delle sedute dei Consigli Comunali, nei gg. delle loro convocazioni.
Tuttò ciò, in attesa di un nuovo incontro, previsto per la prossima settimana a Palermo.
Gli ex Lavoratori della pomice

La decisione degli ex Pumex arriva dopo che l'assessore Lino Leanza ha confermato l'interesse e la disponibilità a risolvere una volta per tutte la vertenza. Lunedi' saranno a Lipari rappresentanti di "Italia Lavoro". Eolienews vi proporrà a seguire un servizio con le immagini realizzate al comune di Lipari proprio mentre da Palermo venivano comunicate agli ex Pumex e ai loro familiari i risultati della riunione.
E' deceduto a Lipari all'età di 81 anni il signor Giovanni Mangano.
Ai familiari le condoglianze di Eolienews.
I funerali si terranno venerdì 19 alle 9 e 30 nella chiesa di S. Croce a Pianoconte (Lipari)

Ludica Lipari. Quattro gol al Finale

Rotonda vittoria della Ludica Lipari che nell'incontro di recupero con il Finale si è imposta 4 a 1. Le reti sono state messe a segno da Cesare Saltalamacchia (nel primo tempo) , Licari, Antonello Giunta e Antonello Fonti.
Gli ospiti hanno segnato la rete della bandiera in pieno recupero.

Porticello... che degrado ambientale... Eppure ci si ripropone

Leggiamo di proposte di messa in sicurezza, di riqualificazione ambientale delle ex cave di Porticello da parte di chi ha gestito negli anni in quell'area l'attività di cava e non possiamo che resterare esterrefatti per tutta una serie di motivi.
Primo fra tutti non riusciamo a capire come per riqualificare l'area ci si debba affidare proprio a chi quell'area non l'ha certo lasciata nelle condizioni in cui dovrebbe trovarsi un sito di grande valenza ambientale, nonchè "Patrimonio dell'Umanità"
Riservandoci di pubblicare alcune nostre considerazioni sulla "resurrezione" di imprenditori che non hanno i fondi per liquidare il TFR ma hanno la forza economica per riprendere in carico i lavoratori, di direttori trombati che ritornano alla carica per nuove sponsorizzazioni e di "tromboni professionisti", gettati via ormai da qualche tempo e in malo modo, che continuano a suonare professionalmente la musica che gli si propone, vi proponiamo solo alcune delle immagini che abbiamo realizzato (il resto lo proporremo in seguito) e che dimostrano quanto e cosa si trovano in quell'area... e solo nella parte più a vista.
Alla faccia dell'ambiente e della salvaguardia.

Eolie: Quattro scosse di terremoto in quaranta minuti tra Salina e Filicudi

Quattro scosse di terremoto sono state registrate oggi, tra le 12.01 e le 12 e 43 dalla rete sismica nazionale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Catania nelle isole Eolie.
Il tratto di mare dove sono state registate si trova fra le isole di Filicudi e di Salina. Gli eventi sismici – rispettivamente di magnitudo 3.1, 2.7 e 2.4 e ancora 2.4 – sono stati localizzati a una profondità compresa tra gli 8,8 km e i gli 11,2 km.
Non si registrano danni a persone e cose

Ospedale: Carenza anche di ausiliari. L'intervento del consigliere Lauria

Una lettera è stata inviata dal consigliere comunale Bartolo Lauria al Direttore generale dell'Asp 5 e al Prefetto di Messina. Oggetto: La grave carenza di ausiliari al P.O. di Lipari
Continuiamo purtroppo a registrare disattenzioni da parte dell'Azienda Sanitaria Provinciale nei confronti dell'Ospedale di Lipari.
Alcuni giorni addietro ci siamo riferiti alla carenza di ortopedici, cardiologi, anestesisti, servizi riabilitativi del Centro di Canneto.
Non si è spenta ancora l'eco di tali segnalazioni che siamo costretti a lamentare la sempre più evidente carenza di personale ausiliario che rende sempre più difficoltosa la gestione del quotidiano nel nostro ospedale.
Ausiliari costretti a curare la pulizia di interi piani per carenza di organico, a tralasciare le pulizie straordinarie degli uffici e degli ambulatori per potersi dedicare ai reparti di degenza; difficoltà si sono riscontrate per rendere disponibile una unità che accompagni i dializzati al loro domicilio al termine della seduta dialitica.
Analogamente a quanto abbiamo fatto per la carenza di personale medico, facciamo appello perchè la politica dei tagli indiscriminata non produca ulteriori penalizzazioni.
Distinti saluti
Bartolo Lauria

Siremar non approda con i traghetti a Santa Marina Salina. Il sindaco Lo Schiavo denuncia : "E' interruzione di pubblico servizio"

"Disservizi marittimi società Siremar S.p.a. settore Eolie–Interruzione di pubblico servizio" è l'oggetto della nota che il sindaco di Santa Marina Salina, Massimo Lo Schiavo ha inviato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti/ Alla c.a. del On. Ministro Altero Matteoli e del Direttore Generale Dr. Enrico Maria Pujia. La nota per conoscenza è stata trasmessa anche alla Siremar.
IL TESTO INTEGRALE:
PREMESSO CHE una violenta mareggiata verificatasi nel mese di gennaio 2010 ha provocato il crollo di parte del molo di sopraflutto del porto commerciale di Santa Marina Salina, nel quale venivano effettuate prevalentemente le operazioni di tutte le navi operanti nel settore Eolie, comportando l’interdizione dello stesso molo a tutti i mezzi navali(ordinanza C.P. n. 1 del 13.01.2010);
CONSIDERATO che lo scalo interessato dal crollo non è l’unico approdo del porto di Santa Marina Salina, essendovene un altro ubicato alla radice del molo di sopraflutto nel quale attualmente effettuano le operazioni di ormeggio solo ed esclusivamente le navi del vettore privato N.G.I.;
VISTO che il porto, per una comunità isolana, è l’unica via d’accesso con la terra ferma attraverso il quale transitano persone e merci che alimentano la vivibilità e l’economia della popolazione locale, alla stregua dei servizi stradali delle città;
CONSIDERATO che da gennaio 2010, in seguito agli eventi calamitosi di cui sopra, le navi della società Siremar non effettuano operazioni nel porto di Santa Marina Salina;
PRESO ATTO dei risultati scaturiti dal sopralluogo effettuato nello scalo in radice da parte di Delemare Salina, alla presenza del vice-Sindaco di questo Comune, di alcuni rappresentati della Società Siremar S.p.a e del Gruppo Ormeggiatori delle Isole Eolie, dal quale si evince l’inesistenza di ostacoli all’attracco delle navi della società Siremar S.p.a;
VISTI i numerosi rapporti telefonici intrattenuti con il Dirigente Generale della Siremar S.p.a. Dr. Casagrande, al quale si è chiesto di intervenire affinché lo scalo di Santa Marina Salina fosse ripristinato nelle rotte delle navi Siremar;
VISTA la propria nota prot. N. 994 del 24.02.2010 con la quale lo scrivente chiede a Delemare Salina se insistono nello scalo in radice condizioni ostative che impediscono l’attracco delle navi della Società Siremar;
VISTA la risposta di Delemare Salina prot. 1074 del 01.03.2010 con la quale “non si rileva alcun motivo ostativo all’attracco delle navi della Società Siremar e al mantenimento delle tratte commerciali da e per Santa Marina Salina da parte delle stesse” confermando pertanto “ le conclusioni raggiunte nell’ambito del sopralluogo dello scorso 20 gennaio”;
PRESO ATTO che ad oggi nessuna nave della Siremar ha mai tentato di ormeggiare nello scalo in radice del molo di sopraflutto, perfettamente utilizzato dal vettore N.G.I.;
VISTI i disservizi che ormai da troppo tempo la popolazione di Salina è costretta a subire da parte della società Siremar S.p.a., tra cui va annoverata da ultimo la riduzione nel settore Eolie del numero di navi e aliscafi operanti in zona, che comporta uno stravolgimento di tutto l’impianto di orari ed itinerari da e per Salina;
CONSIDERATO che la mancanza di navi della società Siremar S.p.a nel porto di Santa Marina Salina ha arrecato, e continua ad arrecare, ingenti danni economici alle attività presenti sul territorio e agli operatori di settore, nonché alle esigenze di mobilità di residenti e di turisti che già si apprestano a scegliere l’isola come meta delle proprie vacanze;
con la presente si chiede alla SS. LL. Ill.me di voler intervenire affinché lo scalo di Santa Marina Salina sia immediatamente ripristinato da parte delle navi della Società Siremar, come già richiesto dallo scrivente e mai avallato da chi dovrebbe assumersi tale onere, alla luce dell’inesistenza di situazioni che impediscono il reale attracco delle navi nel porto.
Nel caso in cui dovesse perdurare ancora la situazione di disagio e omissione dello scalo di Santa Marina Salina nelle rotte delle navi Siremar S.p.a., il sottoscritto si riserva il diritto di denunciare all’Autorità giudiziaria la società stessa per interruzione di pubblico servizio, intentando successivamente una causa per il risarcimento dei danni economici provocati da tale scellerato ed incomprensibile comportamento da parte dei vertici societari e dei comandi di bordo.
Tanto si doveva per opportuna conoscenza.
Il Sindaco
Massimo Lo Schiavo

Cisl sindacato del padrone? Gli ex Pumex non ci stanno

Comunicato stampa
Gli ex lavoratori della pomice invitano, ancora una volta, questa emittente (ndd- il riferimento è ad una tv del comprensorio milazzese) ad evitare di divulgare notizie che possono nuocere alla già critica e difficile trattativa che li vede coinvolti. Riteniamo sia assolutamente da stigmatizzare il commento, dannoso a nostro giudizio, fatto nel tg del 16 marzo 2010 sul comportamento assente dei sindacati in questa nostra vicenda identificando la CISL come sindacato del padrone perché, pur se fra momenti di tensione, incomprensioni e spesse volte divergenza di vedute sul modo di trattare la nostra problematica, è stata per noi, pur sempre, l’unica organizzazione sindacale presente.
L’ultima prova a conferma di ciò è che è stata la CISL e la FILCA – CISL, nei suoi dirigenti regionali e provinciali, a chiedere con forza all’assessore al lavoro On. Leanza la formazione del tavolo tecnico per trovare una soluzione definitiva del nostro problema; cosa che, ad onore del vero, non possiamo dire della CGIL che negli ultimi anni è completamente scomparsa dalla scena per tornare a farsi presente in questi movimentatissimi ultimi giorni.
Sicuramente questo a noi fa molto piacere perché siamo convinti che l’unità sindacale, forte ed univoca, possa risultare sicuramente decisiva per la soluzione positiva della nostra triste vicenda. Si chiede quindi a codesta emittente, pur ringraziandola per il continuo interessamento alla nostra problematica, ad usare un po’ più di cautela nel fare dichiarazioni che potrebbero provocare ulteriori fratture e tensioni nello svolgimento della trattativa.
Cordiali saluti e grazie
Gli ex lavoratori della pomice

Lipari: Rimandato incontro su "Passato, Presente e Futuro del presidio ospedaliero delle Eolie"

COMUNICATO STAMPA
Si comunica che il previsto incontro dibattito sul tema "Passato, Presente e Futuro del Presidio Ospedaliero delle "Isole Eolie" organizzato per il 18/03/2010 con la prevista partecipazione dei Sindaci, delle autorità civili ed ecclesiastiche e del comparto medico
E' rimandato a data da destinarsi, visto il contemporaneo svolgimento del consiglio comunale che impedirebbe la partecipazione della componente politica.
Cittadinanza Attiva Lipari
Marcello Tedros

Lipari. Accesso al buono socio-sanitario

Si ricorda che entro il 30 aprile p.v. possono essere presentate al Comune di Lipari - Ufficio Servizi Sociali - le istanze per l'accesso al buono socio-sanitario in favore dei nuclei familiari con anziani non autosufficienti o con soggetti disabili.
E' stato anche approvato dal competente organismo regionale il Piano di Zona del Distretto socio-sanitario 25 Isole Eolie per il triennio 2010-2012.
Il Piano, redatto ai sensi della legge 328/2000, prevede l'attivazione di servizi ed interventi atti a favorire l'integrazione socio-sanitaria e ad incerntivare le politiche sociali in ambito territoriale.
La programmazione comprende sei azioni progettuali finalizzate a migliorare la qualità di vita della comunità locale, con particolare attenzione nei confronti delle fasce sociali tradizionalmente "deboli" : anziani, disabili, nuclei disagiati e soggetti svantaggiati.
Quello del Distretto Isole Eolie è stato il quarto Piano di Zona - sui 55 distretti regionali - ad essere approvato. Il finanziamento sul Fondo Nazionale Politiche Sociali, stanziato per l'intero triennio, ammonta ad € 1.164.057,00 ma il budget complessivo per la realizzazione del programma di interventi - comprese le quote di co-finanziamento a carico dei comuni - sarà di € 1.297.140,30.Il Piano di Zona completo potrà essere visionato sul sito web www.comunelipari.it link : servizi sociali/segretariato sociale.
Il Coordinatore Gruppo Piano DSS25
Dott.ssa Matilde Pajno