Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 25 dicembre 2010

Gli augurie il messaggio del comandante della polizia municipale di Lipari, Stefano Blasco

Nell’aver assunto ormai da quasi un mese il Comando del Corpo di Polizia Municipale di Lipari, ed in occasione delle feste natalizie mi è gradito formulare anche il più sincero e cordiale saluto ed i miei auguri a tutti i cittadini eoliani ed al loro Sindaco, con ogni ringraziamento per la considerazione e l’accoglienza ricevuta in questi primi giorni di lavoro.
In questi mesi successivi all’espletamento del concorso e durante le mie visite nell’Isola di Lipari, ho avuto modo di incontrare e ri-incontrare volti amici, conosciuti o semplicemente volti di cittadini che si ricordavano del sottoscritto già al Comando, quasi 8 anni fa, del Corpo.
Nel raccogliere pressoché unanimemente delle diffuse cordiali parole di simpatia e istanze di ”legalità” postemi da parte di tanti cittadini, tengo a chiarire che il mio pensiero di funzionario e persona preposta al rispetto delle regole non è soltanto uniformato alla semplice accezione di una parola (legalità) che può assume in sé il relativismo più esteso. Se infatti per “legalità” si intende l’applicazione pedissequa di leggi e regolamenti, scevra dal buon senso e dal senso di equità, se la si invoca soltanto per reclamare un proprio diritto e mai per adempiere un proprio dovere, si cade inevitabilmente in una concezione solo speculativa, che finisce inevitabilmente per scadere nella strumentalizzazione di qualsiasi comportamento altrui, sia esso di natura politica o sociale.
Per chiarire, intendo quale principio informatore della vita quotidiana e di quella del sottoscritto, oltre al normale rispetto delle regole, il concetto più antico, e forse desueto di “onestà”. Quel sentimento individuale che genera non solo la “legalità” nella sua accezione più ampia e vera, ma che fonda la vita civile di una società, preservandone i valori. Se ognuno perde questa qualità interiore, o non la percepisce più come pregio o dote, “legalità” diventa una parola vuota, e la società si deteriora.
Per questo, voglio continuare a svolgere la mia opera a Lipari uniformandola soprattutto ai principi interiori di onestà intellettuale e fattuale, con l’auspicio di trovare sempre - e da ogni parte - interlocutori che in tali principi si riconoscono.
Secondo tali principi di onestà intellettuale non posso che riconoscere il merito del dott. Russo, mio predecessore, che per anni ha sostenuto notevoli e molteplici carichi di responsabilità in un contesto frenetico, ma anche fattivo e concreto, nell’interesse dell’Amministrazione. In tal senso va il mio proposito di continuare e possibilmente migliorare in tale opera, anche in una ottica di possibile e indispensabile ridistribuzione delle suddette competenze funzionali tra i settori di area burocratica e nel rispetto di quel criterio di stretta appartenenza, tecnica o amministrativa, che l’Amministrazione vorrà considerare.
Il mio saluto va al sig. Sindaco, dott. Mariano Bruno, che ritrovo dopo tutti questi anni e del quale non finisco mai di stupirmi per l’energia interiore e la determinazione con ha perseguito e persegue obiettivi e traguardi, anche di carattere epocale. E mi riferisco in particolare a ciò che ha cambiato il volto di Lipari in questi anni recenti, ai nuovi flussi dei trasporti marittimi, alla sistemazione di Marina Corta e Marina Lunga, alla progettualità nella sede municipale storica e della piazza Mazzini.
Infine, una piccola notazione a margine riguarda gli organi di informazione locali, che ringrazio sinceramente per l’attenzione ed il riguardo nei confronti della mia persona. Attenzione e riguardo tali da porre il volto del sottoscritto all’interno di una simpatica scenetta satirica – fotomontaggio pubblicata su un sito telematico.
Pur amando la satira e considerandola vitale per l’arricchimento socio-culturale delle comunità, devo comunque precisare che chi scrive non riveste un ruolo pubblico in quanto politico, ma in quanto funzionario dello Stato e del Comune, e, pur non avendo nessuna connotazione negativa, un uso dell’immagine personale che esuli da contesti legati all’espletamento dei compiti d’istituto, non agevola una figura professionale che deve essere, come è sempre stata nel mio ed in altri casi, connotata da imparzialità, riservatezza e discrezione. Ciò è mio preciso dovere chiarire affinché il Corpo della Polizia Locale possa funzionare nel modo migliore a beneficio dei cittadini e per il prestigio di un Comando, preposto al rispetto delle leggi che li deve rappresentare, senza alcuna ombra di strumentalizzazione che provenga da qualsivoglia parte.
Tengo infine a manifestare il mio pensiero di questi primi giorni di vita nella in questa Lipari d’inverno che tanto ho amato sette anni fa ed in cui mi oggi mi ritrovo, come ieri. In particolare la consapevolezza, già esternata ai miei colleghi, di essere un privilegiato a poter lavorare in un posto così speciale. A tutti i cittadini che vivono ogni giorno la realtà quotidiana ed a volte non valutano la fortuna di poter vivere queste isole, vorrei comunicare questo mio sentimento, con l’auspicio di essere aiutato da tutti a preservare questa città unica e queste isole che entrano nel cuore di chi le osserva.
Nel ringraziare nuovamente la comunità liparese per l’accoglienza, rinnovo a tutti quindi il mio saluto ed i miei migliori auguri di buone feste, ponendomi, come d’abitudine, al servizio dell’Ente e della Città.
Stefano Blasco

venerdì 24 dicembre 2010

Ginostra.Salta per il maltempo la messa della notte di Natale. La Chiesa aveva trovato un sacerdote per la celebrazione

Riceviamo da padre Alessandro Lo Nardo e pubblichiamo:
Dopo aver appreso dell’appello di un cittadino di Ginostra rivolto al nostro Arcivescovo per mezzo di un canale televisivo nazionale dove si chiedeva che venisse garantita la Messa della notte di Natale, si rende noto quanto segue: il parroco, don Luciano D’Arrigo, già da Domenica 21 novembre aveva concordato con la comunità il calendario per l’Avvento e per il Natale dove si garantiva, con la sua presenza, la celebrazione del giorno di Natale, ogni iniziativa privata doveva essere pertanto esposta prima al Parroco.
Inoltre, oggi, si era ugualmente provveduto affinché un sacerdote giungesse per la celebrazione della notte di Natale, ma le condizioni meteo marine avverse, ne hanno impedito l’arrivo.
L’occasione ci permette di far giungere a tutti, particolarmente alla comunità di Ginostra, l’affetto e l’augurio di un Natale ricco di gioia e di serenità”.

Caro Babbo Natale ti scrivo per le Eolie....e per gli eoliani (di Pietro Di Grado)

Caro direttore,
colgo l'occasione per porgere i piu' sentiti auguri di Buon Natale a Te e a tutti i lettori di eolnet,con un abbraccio particolare verso i parenti e gli amici sparsi in giro per l'Italia e per il Mondo(JUVENTINI E NON)....ma anke a tutti coloro che abitano nel nostro piccolo disagiato e maltrattato comune!!!!
Che il Natale e l'Anno nuovo smuovano le Nostre coscienze e facciano si che si diventi piu' buoni, piu' civili e piu' rispettosi verso gli altri.....specialmente verso il nostro territorio cosi maltrattato e violentato senza nessun rispetto!!!!!
A Babbo Natale chiedo solo di rendere possibile lo sviluppo sociale economico e turistico delle nostre splendide isole,SENZA CHE NESSUN PERSONAGGIO POCO CHIARO(mafioso) E SENZA CHE NESSUNA SOCIETA' AMICA DEGLI AMICI(che con lo stesso nome di oggi gia' negli anni '80 faceva affari con i vari Pippo Calo',Raffaele Cutolo,Banda della Magliana e l'attuale presidente del consiglio!!! e alla quale circa 2 anni fa' non veniva rilasciato il certificato animafia)NE SIA PROTAGONISTA!!!
Noi eoliani ci siamo sempre distinti per la nostra poca voglia di sottostare a qualsiasi potere piu' o meno occulto.....MICA VOGLIAMO ARRENDERCI ADESSO?????
...e visto che ci siamo Caro Babbo Natale ti chiedo anche un po' di cose da parte dei mie concittadini che non hanno tanta dimestichezza con il pc.....
-fa che i commercianti delle nostre isole siano equiparati a quelli forestieri liberi di esercitare senza nessuna autorizazione,licenze e rilascio di scontrini fiscali in giro per il nostro comune(OPPURE BISOGNA REGALARE QUALCOSA A QUALCUNO?)
-fa' che non ci siano figli e figliastri per quanto riguarda gli illeciti edilizi(GARAGE CHE DIVENTANO APPARTAMENTI E CISTERNE CHE DIVENTANO VILLE.....OPS...ANKE CISTERNE CHE DIVENTANO PISCINE)
-fa' che i nostri(ONESTI) operatori turistici siano in qualche modo protetti da coloro che dalla terra ferma sfruttano il denaro di dubbia provenienza
-fa' che le nostre fogne non scoppino al minimo acquazzone
-fa' che il nostro comune torni oasi di sicurezza,senza rapine e furti(CI VUOLE TANTO?)
-fa'che la spazzatura venga raccolta in orari decenti(NON DALLE 10 ALLE 12)....
-.....anzi fa' che raccolgano che gia' e' tanto
-fa' CHE OGNI NOSTRO DIRITTO NON DIVENTI UN FAVORE
-fa' che i nostri mezzi di trasporto siano almeno un minimo garantiti(ANCHE D'INVERNO)
-fa'...anzi....CHE LO FACCIAMO A FARE QUEL MEGA(scandalo)PORTO SE TANTO NON ABBIAMO PIU' NESSUNO CHE CI PORTA A CASA?
-fa' che tutti i tipi di soprusi(POLITICI.CULTURALI,SOCIALI E RAZZIALI)abbiano fine
-fa' che gli ex dipendenti pumex trovino il loro posto fisso....perche' non se ne puo' piu' che per ogni ricorrenza religiosa arrivi un loro comunicato o una loro manifestzione
-fa' che le nostre strade tornino ad essere sicure
-fa' che i nostri sentieri diventino praticabili
-fa' che la MAFIA DEI COLLETTI BIANCHI cessi
-fa' che le nostre spiaggie ritonino BIANCHE...... E PULITE
-fa' che a Sottomonastero l'acqua del nostro amato mare non entri nelle case
....INFINE POTRESTI FARE ANCHE SOLTANTO UNA COSA......FARE TORNARE LIPARI QUELLA CHE ERA UNA VOLTA...BELLA SPLENDENTE...PULITA ED EFFICIENTE....CON TANTO DI PACE SOCIALE E SENSO DI APPARTENZA VERSO LA PROPIA TERRA....E SI...AI BEI TEMPI DICIAMO NOI....QUANDO GLI EOLIANI ERANO PRONTI A DIFENDERE LA PROPRIA TERRA CONTRO TUTTO E TUTTI!!!!!!!!!!!...SENZA CEDERE A NESSUNA PROMESSA...
CONSAPEVOLE CHE CI VORREBBE UN'ESERCITO DI BABBI NATALE PER RENDERE REALTA' TUTTE QUESTE RICHIESTE.....TI RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE!!!!!
GRAZIE E AL PROSSIMO ANNO(sicuramente con gli stessi problemi)
BUON NATALE
Pietro DiGrado

N.B.......adda' passa' a nuttata!!!!

Il presepe del mare e la Chiesetta del Purgatorio

Associazione SS. Cosma e Damiano Marinacorta - Lipari (Me)
COMUNICATO
Nell'ambito delle iniziative poste in essere dalla nostra Associazione, anche quest'anno, è stato allestito il "Presepe del Mare".
Non più nella "Grotta del bue marino" come lo scorso anno, bensì in una "Pinnata" di una casa eoliana, posta al centro di un ipotetico borgo marinaro in perfetto stile eoliano, verrà depositato il Bambinello che, in processione il 24 sera, sarà portato dalla Parrocchia di San Giuseppe alla Chiesetta delle anime del Purgatorio a Marinacorta di Lipari, alla fine della Santa Messa.
La realizzazione di questo Presepe, oltre che a continuare una tradizione antica della nostra gente, è finalizzata alla sensibilizzazione di residenti e visitatori sulle peculiarità del nostro territorio, di cui l'architettura è parte importante, e sull'importanza della sua conservazione a tutela della nostra identità culturale.
Nistro movente fondativo è stato il desiderio di ripristinare un manufatto di estremo interesse paesaggistico, storico e culturale rappresentato dalla Chiesetta, eretta nel 1545 sulla Penisoletta del Purgatorio prospiciente la Piazza Ugo di Santonofrio a Marinacorta, già Marina di San Giovanni.
E' il borgo marinaro più fotografato a Lipari, pieno di storia, di struggenti ricordi per i nostri emigrati, perchè l'ultima immagine che si è scolpita nei loro cuori quando da qui partivano perchè costretti a lasciare la propria terra natia.
La raccolta di fondi, per tentare di fermare un progressivo deterioramento della Chiesetta delle Anime del Purgatorio, continua a registrare una partecipazione di gente generosa che con ogni mezzo ha risposto al nostro appello.
E' evidente che servono ben più consistenti interventi.
Ma per iniziare bisogna pur mettere la prima pietra, per cui non ci stanchiamo di dire: LA BELLEZZA HA BISOGNO ANCHE DI TE.
Un invito a visitare il Presepe del Mare che, quest'anno, ha voluto regalare la possibilità di gustare uno squarcio importante delle nostre bellezze e della nostra cultura.
Un messaggio di Pace parte dal Presepe del Mare di Marinacorta per raggiungere tutti gli uomini di buona volontà, ovunque nel mondo: BUON NATALE E FELICE 2011

"Gioiamo per il regalo di Babbo Natale ai tennisti ma....si è dimenticato di altri doni". La lettera del presidente della Ludica

AL CONSIGLIERE COMUNALE Dr. LELIO FINOCCHIARO

Egr. dott. Finocchiaro,
essendo anch’io uno sportivo, non posso non gioire per l’importante traguardo raggiunto, sicuramente l’inerbamento di uno dei due campetti da tennis e la sistemazione delle relative infrastrutture a servizio, non possono non essere viste come uno splendido dono, per tutti coloro che questo sport nelle nostre isole praticano. La mia gioia è ancor più grande se penso che a beneficiare di un’opera così attesa sarà anche l’associazione Snoopy Club che in questi anni ha sempre posto un’attenzione particolare al mondo giovanile, e pertanto mi Auguro che la stessa possa vivere una nuova primavera.
Ma a mio avviso. è importante sottolineare che, come si da risalto ad una vittoria uguale importanza va data alle sconfitte ed alle mille cose che in questa cittadina ancora non vanno.
Babbo Natale ha portato uno stupendo regalo che, indubbiamente ha reso felici una parte della nostra comunità, ma ha purtroppo dimenticato tanti altri che di generosi doni natalizi non vedono neanche l’ombra. Anzi approfitto dell’amicizia che la lega all’illustre dispensatore di doni natalizi, e le chiedo di domandare a Babbo Natele , che fine hanno fatto, il campo di calcio di Filicudi; l’inerbamento, l’agibilità degli spalti e la sistemazione degli spogliatoi del Franchino Monteleone; la sistemazione del campetto di Mendolita e quello di Quattropani; la realizzazione di un’area sportiva a Pianoconte e Canneto; la realizzazione della Piscina di San Vincenzo e tante altre promesse non concretizzate???
Come può vedere la lista degli scontenti è lunga, e sono in tanti a non vivere un felice Natale. Ma nonostante ciò si va avanti e si cerca di fare quel che si può.
Il 28 dicembre la società Ludica Lipari (di cui mi pregio di essere presidente) , si recherà con tutti i propri ragazzi nella città di Messina per incontrare i giocatori dell’A.C. Siena e il presidente Massimo Mezzaroma con tutto lo staff dirigenziale. Il Siena calcio sarà a Messina per il richiamo preparazione dal 26 al 31 di questo mese.
Vede caro consigliere… se Babbo Natale si fosse ricordato dei trecento ragazzi che nelle nostre isole praticano lo sport calcistico ed avesse loro donato un campo di calcio degno di questo nome, oggi il Siena sarebbe a Lipari a fare richiamo di preparazione e sicuramente il ritorno di immagine per le nostre isole sarebbe stato rilevante. Purtroppo Babbo Natale non si è ricordato della promessa fatta… Mi auguro che almeno se ne ricordi per un futuro non troppo lontano e spero di riuscire a vedere il sogno di tanti realizzato.
Un Augurio senza invidia e senza retorica a tutti gli sportivi che come Lei un dono lo hanno ricevuto. Fate buon uso di quanto vi è stato elargito ed iniziate a risvegliare la gioventù eoliana dal letargico sogno in cui è piombata in questo lungo inverno.
Certo di un suo interessamento per i mancati doni, Le porgo i migliori saluti e gli Auguri di un Santo Natale.
Giuseppe Cirino

Auguri all'assessore Ferlazzo

Riceviamo dal dott. Lelio Finocchiaro e pubblichiamo:
Quest'anno è con grande piacere che ci sentiamo di inviare un augurio particolare all'assessore Ivan Ferlazzo per il suo recente matrimonio. Passo importante che di sicuro lo porterà a vivere una vita di grandi soddisfazioni e gioie familiari. Approfittiamo, ovviamente, per estendere tali auguri alle festività natalizie, accoppiandoli ai dovuti ringraziamenti per la disponibilità mostrata in occasione della condivisione del progetto per la manutenzione degli impianti sportivi di via Balestreri.

E' bene precisare a tale riguardo, per altro, che questo è il primo passo di un cammino che, insieme all'amministrazione,intendiamo percorrere per quanto riguarda anche tutte le altre attività sportive dell'arcipelago, che vedono coinvolti ed impegnati gli innumerevoli giovani sportivi eoliani.
Auguri e Buon Natale
Lelio Finocchiaro, capogruppo di Forza Italia

NDD- La redazione di Eolienews si associa porgendo ad Ivan e alla sua sposa i più sinceri auguri per una vita ricca di ogni gioia e serenità.

Ultima serata del mercatino di Natale a Lami (foto e video)






IL VIDEO:

Tennis. Buone nuove. L'amministrazione rifà..con manto in erba.. uno dei campi

Riceviamo dal consigliere comunale Lelio Finocchiaro e pubblichiamo:
Finalmente!.......

Dopo un tempo ormai troppo lungo, dopo l'impegno del sottoscritto che ormai disperava di ottemperare a quanto promesso in più di un'occasione, Lipari potrà avere uno dei due campi da tennis comunali messo a nuovo, a norma, con tanto di manto in erba, illuminazione, spogliatoi, etc....
Sarà stata l'influenza delle feste, ma certo Babbo Natale non poteva portarci regalo più bello.
Regalo ai tanti che questo sport praticano nonostante le precarie condizioni; regalo per chi, come me, ma anche come il presidente dello Snoopy Pippo Sottile e l'assessore Spinella, con l'aiuto dell'Ufficio Tecnico del Comune, hanno profuso tempo ed energie per realizzare un opera di cui il "paese di Lipari" aveva senz'altro bisogno; regalo per l'amministrazione che, una volta tanto al di fuori di polemiche e discussioni, potrà vantarsi di avere portato a compimento (la delibera è stata votata mercoledi 22 u.s.) una struttura di cui Lipari sentiva da tempo la mancanza.
La struttura di via Balestreri adesso, si spera, potrà decollare, potendo essere teatro di tornei anche a valenza regionale, ma anche come luogo di ritrovo per ogni manifestazione tennistica (e non solo...), e come destinazione di riferimento per tutti quei turisti (e non sono pochi) che del tennis fanno uno dei loro sport preferiti.
Nell'assicurare che i lavori saranno seguiti con particolare attenzione per essere certi che i risultati siano adeguati alle aspettative, già da questa estate, quindi, si potrà verosimilmente individuare nella stessa struttura un fiore all'occhiello per le attività sportive giovanili (ricordo i tanti successi ottenuti dalla squadra dello Snoopy club, pur maturati tra allenamenti precari e viaggi disagevoli).
Nel ringraziare tutti quelli che mi hanno aiutato a conseguire quello che considero, per il momento, un risultato appagante, auguro a tutti, sportivi e non, che questo Natale, ed i "Natali" che verranno, possano portare, in continuazione, buone novelle per Lipari e per i Liparoti.
BUON NATALE!!!!!
Lelio Finocchiaro

Depuratore. La mozione del presidente del consiglio comunale di Lipari, Pino Longo

MOZIONE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE PINO LONGO

Il Consiglio Comunale
PREMESSO
- che in data 6 dicembre 2010 si teneva presso la Prefettura di Messina una conferenza di servizi; (doc.1)
- che tale conferenza e gli atti non erano stata pubblicizzati sull’albo pretorio on line del Comune di Lipari ;
- che la precitata circostanza veniva rilevata dal Presidente del Consiglio Comunale, delegato dal Sindaco, unitamente alla limitatezza del tempo concesso per l’esame degli atti rilevando la necessità di aggiornare ai lavori in presenza di un vizio sulla validità della conferenza stessa; (doc.1)
- che lo stesso Presidente del Consiglio Comunale richiedeva un maggior tempo al fine di effettuare una più compiuta ed approfondita istruttoria; (doc.1)
- che in data 11 dicembre 2010 si è tenuto presso l’Aula Consiliare del Comune di Lipari un incontro pubblico indetto dal Presidente del Consiglio Comunale e dal Presidente della Commissione Consiliare LL.PP. tra alcuni consiglieri e la cittadinanza al fine di approfondire le tematiche relative al progetto definitivo in vista del Consiglio Comunale convocato per la giornata del 12 dicembre;
- che alla predetta partecipavano numerosi cittadini, associazioni di categoria, capigruppo e consiglieri comunali nonché il RUP;
- che all’esito dell’incontro emergeva una disinformazione della cittadinanza e dei Consiglieri comunali in ordine al progetto ed alla sua localizzazione, i quali avevano visione del progetto solo in quella data;
- che il Consiglio Comunale all’unanimità nella seduta del 12 dicembre 2010 approvava un ordine del giorno con cui si contestava la localizzazione dell’impianto a Canneto Dentro, ribadendo le scelte già effettuate con l’approvazione del PRG ; (doc.2)
- che contestualmente si richiedeva la trasmissione di alcuni atti del procedimento non ancora trasmessi (verbale conferenza di servizi del 6 dicembre 2010) nonché si riservava la presentazione di ulteriori ed approfondite osservazioni all’esito dell’acquisizione della documentazione; (doc. 2)
- che copia dell’ordine del giorno veniva inviata dal Presidente del Consiglio Comunale al Commissario Delegato con la richiesta del verbale del 6 dicembre 2010; (doc. 3)
- che anche il Difensore Civico chiedeva copia della documentazione al Commissario Delegato; (doc. 4)
- che in data 20 dicembre 2010 si teneva una conferenza dei capigruppo durante la quale si acquisivano le osservazioni rese da alcuni cittadini; (doc. 5)
- che in particolare pervenivano delle osservazioni rese da:
1. Petizione Popolare a firma di circa 350 abitanti con cui si lamentava, anche sotto il profilo della Valutazione di Incidenza Ambientale, la scelta della localizzazione dell’impianto tenuto conto della adiacente zona turistica residenziale, della vicinanza delle case poste ad una distanza inferiore a quella prevista dalla legge e dalle linee guida nonché della particolare conformazione dei luoghi che potrebbe moltiplicare le emissione odorose. (doc. 6)
2. Edilcisa s.r.l., con cui si lamentano pregiudizi all’attività economica esercitata; (doc. 7)
3. n. 7 consiglieri comunali, con cui si evidenziava che la scelta di Canneto Dentro danneggia
a) gli artigiani ed i loro dipendenti
b) i residenti di Pirrera, Serra e Canneto;
c) i turisti e gli operatori turistici di Canneto
I consiglieri inoltre contestavano, tra l’altro, gli impedimenti alla localizzazione dell’impianto nel luogo indicato nel PRG e dissentivano dalla scelte effettuate poiché incompetente istituzionalmente. (doc. 8);
4. n. 4 consiglieri, inoltre, integravano le osservazioni cui al punto 3 contestavano il mancato coinvolgimento del Consiglio Comunale nonché “le eventuali affermazioni false in cui si allude ad un coinvolgimento specifico del Consiglio Comuanle per la localizzazione del depuratore …” (doc.9)
5. Osservazioni rese dal Presidente della Commissione LL.PP. con cui evidenziano numerose e rilevanti problematiche emerse dall’esame del progetto con particolare riferimento a:
a) Realizzazione stazione di sollevamento a Marina Lunga
b) Realizzazione stazione di sollevamento Canneto Unci;
c) Realizzazione stazione di sollevamento di Timpone Corvo;
d) Impianto depurazione (problematiche con l’adiacente realizzanda area artigianale nonché emissioni odorose negli abitati vicini stante la particolare conformazione dei luoghi) (doc. 10)
nonché espressa non condivisione in ordine al sito scelto ed iter seguito;
- che risulta essere stata presentata dall’Assessorato regionale dell’energia e dei Servizi di pubblica utilità nota n. 47643 con la quale si lamentano gravi lacune nella documentazione progettuale inviate nonché nell’iter del procedimento (doc. 11);
- che il Codacons Messina ha fatto pervenire una nota con cui si evidenziava
(a) l’incompetenza del Commissario in ordine alla realizzazione del depuratore atteso che lo stato di emergenza è stato dichiarato in relazione all’approvvigionamento idrico e non all’intero ciclo di gestione delle acque,
(b) la disapplicazione delle ordinanze della Presidenza del Consiglio con cui si deroga alle normative in materia di procedimento anche sotto il profilo ambientale per violazione della normativa comunitaria e delle convenzione internazionali, nonché per insussistenza dello stato di emergenza sotto il profilo della depurazione così come richiesto dalla Commissione Europea,
(c) il mancato rispetto della partecipazione dei cittadini e delle associazioni di categoria stante la mancata possibilità di partecipare alla conferenza di servizi nonché il diniego (al momento sostanziale) al diritto di accesso nei ristretti termini dettati unilateralmente dal Commissario per la presentazione di eventuali osservazioni,
(d) omessa pubblicità della realizzazione dell’opera e degli atti del procedimento sui siti web (prevista sia per legge sia per espressa scelta del Commissario) non solo con riferimento alla procedura di approvazione del progetto ma anche in ordine alla procedura di VIA e Valutazione di incidenza per i siti SIC e ZPS nonché omessa pubblicazione del progetto (e visione dello stesso) in relazione alla procedura di esproprio,
(e) problematiche in ordine alla scelta della localizzazione dell’impianto stante il mancato rispetto delle distanze previste dalla norme di settore,
(f) mancato approfondito studio degli effetti delle emissioni odorose con riferimento alla particolarità del sito nonché alla brezze di terra e di mare tipiche delle zone costiere,
(g) mancato approfondito esame della incidenza tra l’impianto di dissalazione ed il realizzando impianto di depurazione sotto il profilo non solo delle prese d’acqua e degli scarichi a mare ma anche con riferimento all’impatto sul territorio,
(h) realizzazione della pompa di sollevamento e del collettore a pochi metri dall’unica spiaggia di Lipari e studi sulle eventuali emissioni odorose delle stesse nonché sulla possibilità di scarico diretto a mare dei liquami;
(i) mancata approfondita valutazione dell’impatto idrogeologico in ordine allo sbancamento stante le recenti colate di fango che hanno interessato la frazione di Canneto (zona Culia) e già accertate dal Comune a seguito di sbancamenti di minore entità;
- che inoltre in sede di conferenza di servizi del 6 dicembre 2010 quasi tutte le Amministrazioni presenti esprimevano forti riserve stante la mancanza di elementi essenziali nel progetto nonché la ristrettezza dei tempi per la visione dello stesso;
- che il Commissario Delegato inviava una lettera ai Consiglieri Comunali con la quale, nel ribadire l’asserita legittimità del proprio operato nonché l’asserito coinvolgimento dei Consiglieri Comunali nella scelta della localizzazione dell’opera, concludeva ricordando che “ulteriori intralci alla realizzazione dell’opera potranno determinare gravi responsabilità, giacchè il Comune di Lipari risulta già in “procedura di infrazione comunitaria” perché privo di un sistema di depurazione alla vigente normativa”concludendo che: “ le eventuali conseguenze economiche saranno ripartite dalla Regione Siciliana nei confronti dei Comuni responsabili delle mancate realizzazione delle opere in questione.”
RITENUTO
- che tutte le osservazioni presentate sono condivise e meritevoli di essere attenzionate dai singoli organi competenti atteso che evidenziano serie e motivate problematiche in ordine alla realizzando opera
- che tali osservazioni sono riferite non solo alla procedura di approvazione del progetto ma anche alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale e di Valutazione di incidenza attualmente pendente presso l’Assessorato Regionale all’Ambiente, nonché con riferimento alla procedura di esproprio;
- che la scelta del luogo ove dovrà eseguirsi l’impianto, posta in difformità da quanto indicato nel PRG, non è giustificabile non solo per le osservazioni sovra riportate, ma anche poiché essa sembra trovare ragione solo in ordine a fattori economici;
- che invero la localizzazione cambiata dal Commissario Delegato provoca una modifca dell’assetto territoriale appena approvato nonché potrebbe comportare ingenti e rilevanti danni all’economia delle borgate di Serra, Pirrera e della frazione di Canneto, nonché di tutta l’isola atteso che a Canneto è presente l’unica grande spiaggia facilmente raggiungibile,
- che inoltre la scelta del luogo già indicato nel PRG è stata frutto di un adeguato confronto con le esigenze della cittadinanza e delle attività produttiva dell’isola (artigianali e turistiche) nonché di adeguati e motivati studi tecnici compiuti dai redattori del PRG la cui validità non è scalfita da quanto ritenuto dal Commissario Delegato nella propria relazione;
- che tale scelta era stata oggetto di discussione all’interno del Consiglio Comunale organo amministrativo rappresentativo della cittadinanza di Lipari;
- che dunque la diversa localizzazione dell’impianto viola la volontà popolare già espressa nonché ratificata dalla Regione Siciliana con l’approvazione del PRG;
- che appare doveroso ricordare che le manifestazioni di opinioni del Consiglio Comunale e le delibere che lo stesso adottare sono espressioni della democrazia nonché attuazione di diritti costituzionalmente garantiti che non possono essere in nessun caso essere considerati intralci;
- che inoltre la tutela degli interessi della comunità è superiore a qualsiasi asserite “conseguenze economiche” paventate dal Commissario Delegato;
- che dalla relazione descrittiva del progetto appare che la modifica del luogo indicato nel PRG è stata dettata esclusivamente da ragioni economiche;
- che, invero, gli interessi della cittadinanza non possono essere frustati da ragioni economiche che pur se consentono un risparmio nell’esecuzione dell’opera, tuttavia nel lungo periodo arrecano danni di gran lunga superiori al risparmio effettuato;
- che appare inoltre necessario rilevare che non è nota alcuna notifica al Comune di Lipari di “procedura di infrazione comunitaria” con riferimento all’impianto di depurazione come asserito dal Commissario Delegato;
- che ancora non si ravvisa alcuna giustificazione in ordine all’accelerazione del procedimento con riferimento alla realizzazione del depuratore;
- che l’urgenza deve essere rivolta semmai al rifacimento della rete fognaria la quale arreca gravi disagi ai cittadini e che manca in alcune zone dell’isola densamente abitate (Piano Conte, Acquacalda e Quattropani) e non è oggetto del progetto presentato;
- che già in passato sono stati effettuati degli errori nell’approvazioni degli impianti per non tener conto delle osservazioni svolte dalla cittadinanza e rilevatasi poi fondate (doc. 12);
- che non si vuole che i fondi assegnati per l’esecuzione delle opere siano destinati alla realizzazione di un impianto di depurazione in luoghi che vanno in contrasto con gli interessi della comunità;
- che è necessario realizzare l’impianto di depurazione e che ciò era stato già previsto nel PRG;
- che sotto la giustificazione dell’asserita emergenza non si possono imporre scelte non condivise che, in nome di un interesse della comunità, nei fatti si concretizzano in penalizzazione della stessa comunità;
- che, appare comunque opportuno evitare danni erariali dovuti ad una non corretta localizzazione dell’impianto alla luce delle osservazioni svolte;
- che inoltre tale scelta ha determinato viva preoccupazione e forte tensione nella popolazione interessata e che non si vuole che la mancata risposta o esame delle osservazioni possa divenire motivo di ulteriori e giustificate proteste che vedrebbero il Consiglio Comunale schierato con i propri cittadini;
Tanto premesso e ritenuto
DELIBERA
- di ritenere di essere stato arbitrariamente ed in difetto di ogni presupposto esautorato dalla realizzazione dell’impianto di depurazione nonché che lo stesso non è stato minimamente coinvolto e/o investito dal Commissario Delegato nel procedimento;
- di chiedere al Commissario Delegato copia del provvedimento con cui lo stesso è stato delegato, in sostituzione del Comune di Lipari, espressamente anche alla realizzazione dell’impianto di depurazione nell’isola di Lipari, agendo in sostituzione dei poteri riservati al Consiglio Comunale;
- di ribadire le conclusioni già svolte al Consiglio Comunale del 12 dicembre 2010 in relazione alla localizzazione dell’impianto;
- di fare proprie tutte le osservazioni presentate sovra esposte che si allegano al presente provvedimento per farne parte integrante condividendo sostanzialmente il contenuto e la fondatezza delle problematiche sollevate;
- di chiedere a tutti gli Enti interessati e coinvolti nel procedimento, ognuno per la propria competenza, di analizzare le osservazioni rese con richiesta di parere scritto in ordine alla fondatezza delle stesse nonché richiedendo che i medesimi pareri scritti siano inviati al Commissario Delegato;
- di chiedere inoltre la verifica della computabilità del depuratore con tutte le opere ivi esistenti, nonché con quelle programmate e progettate con particolare riferimento alla compatibilità con la realizzazione delle aree artigianali esistenti e programmate, con l’impianto di dissalazione, con le attivitò economiche, turistiche ed imprenditoriali esistente nelle immediate vicinanze dell’impianto, e la verifica della presenza di specie vegetali protette;
- di chiedere al Commissario Delegato la sospensione del procedimento di approvazione del progetto e della procedura di esproprio considerata anche la mancata pubblicità dello stesso più volte lamentata;
- di chiedere all’Assessorato del Territorio ed Ambiente la sospensione del procedimento di VIA e Valutazione di Incidenza con espressa richiesta di partecipazione di un rappresentante del Consiglio Comunale ad ogni eventuale conferenza di servizi che dovesse tenersi;
- di incaricare gli uffici comunali competenti alla trasmissione della presente delibera e degli allegati alle amministrazioni:
a) Ministro dell’Ambiente
b) Commissario Delegato per l’emergenza idrica delle Isole Eolie
c) Presidenza Regione Siciliana
d) Comando Regionale Militare Sud
e) Assessorato Regionale Territorio e Ambiente – Dipartimento Regionale Ambiente e Dipartimento dell’Urbanistica
f) Assessorato Regionale Energia – Dipartimento Acque e Rifiuti e Dipartimento Energia
g) Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana – Dipartimento Beni Culturali e Soprintendenza BB.CC. AA. Messina
h) Assessorato Regionale delle Infrastrutture – Dipartimento delle Infrastrutture
i) Commissario Delegato per l’emergenza bonfiche e tutela delle acque in Sicilia
j) ARPA Sicilia
k) Ufficio Genio Civile di Messina
l) Ispettorato Dipartimentale delle Foreste
m) Provincia Regionale di Messina
n) A.T.O. 3 Messina
o) Comune di Lipari – III Settore Urbanistica - IV Settore Idrico
p) Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco
q) Capitaneria di Porto di Milazzo
r) Direzione Generale dell’ASP Messina
s) Consorzio Artigiani Lipari
t) S.E.L. Lipari
u) Enel Produzione S.p.A.
v) Telecom Italia S.p.a.
w) Prefetto di Messina

giovedì 23 dicembre 2010

Lami. Il presepe 2010

E'sceso stasera a Lami il sipario sull'edizione 2010 del "Mercatino di Natale" organizzato nella piccola borgata dalla locale associazione presieduta da Saverio Merlino.
Vi proponiamo un breve filmato realizzato all'ingresso della strada che porta alla chiesa.

Domani vi proporremo un video dell'ultima serata del mercatino con uno stralcio del concerto natalizio eseguito dalla Banda S. Bartolomeo di Lipari

Ex Pumex bistrattati annunciano non partecipazione a Messa di Natale al comune

MITT. EX LAVORATORI DELLA POMICE

ILL.MO SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI LIPARI
SPETT.LE DIRIGENTE IV° SETTORE DOTTORE STEFANO BLASCO
SIGNOR PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI LIPARI
OGGETTO: COMUNICATO EX LAVORATORI DELLA POMICE.
Gli ex lavoratori della pomice comunicano al Sindaco, all’Amministrazione tutta ed alla cittadinanza che, in considerazione del fatto di non potersi equiparare, visto come vengono trattati, a nessun titolo ai dipendenti comunale e/o assimilati che, non saranno presenti alla Messa di Natale che si terrà al Comune in Piazza Mazzini il 24.12.2010 ore 9,30, ma continueranno ha prestare la loro opera lavorativa regolarmente fino alle ore 14,00, ciascuno nell’area di competenza.
Nonostante tale decisione, desideriamo scusarci e porgere i nostri migliori Auguri di Buon Natale e Felice e Prospero Anno Nuovo a Don Giuseppe Mirabito che ci è sempre stato particolarmente vicino.
Tanto si comunica per vostra conoscenza e controllo.
Lipari, li 23.12.2010
I Lavoratori ex Pomice

Il testo integrale dell'interrogazion esul megaporto di Lipari presentata da Panarello Rinaldi e De Benedecits (PD)

INTERROGAZIONE
(urgente, con risposta orale)
AL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIANA
ALL’ASSESSORE REGIONALE DEL TERRITORIO E DELL’AMBIENTE
ALL’ASSESSORE REGIONALE DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ
Premesso che:
- la “Lipari Porto“ S.p.A., costituita dal Comune di Lipari e dalla Società Italiana per Condotte d’acqua S.p.A., ha presentato un progetto per la rifunzionalizzazione del sistema portuale nell’isola di Lipari che si configura come un’unica struttura turistico-commerciale nella rada di Lipari, dato dalla successione di opere portuali nelle località di Marina Corta, Sottomonastero, Marina Lunga, Pignataro, Bagnamare;
- è stata presentata, per le opere in oggetto, istanza di rilascio della concessione demaniale marittima relativa alle aree ed agli specchi acquei interessati, ai sensi dell’articolo 1 della legge regionale 17 marzo 2009, n. 3;
- in data 23.09.2010 l’Assessorato regionale per il Territorio e l’Ambiente - Dipartimento dell’Ambiente ha espresso l’assenso preventivo al rilascio della concessione demaniale marittima, sebbene lo speciale regime derogatorio configurato dalla norma in parola sia espressamente limitato alle “istanze presentate dagli enti pubblici territoriali in relazione agli interventi finanziati nell'ambito della programmazione regionale”, escludendone pertanto l’applicabilità al progetto in specie, presentato da una società mista, il quale non fruirebbe di finanziamenti regionali bensì di capitali privati;
- l’assenso preventivo rilasciato in data 29.03.2010 ai sensi dell’art. 1 della legge regionale 3/2009 è stato espresso limitatamente alla portualità turistica, in ottemperanza al comma 2 della norma citata che ne circoscrive l’applicazione alle strutture dedicate alla nautica da diporto, sebbene con nota del 4.11.2010 l’Avvocato Generale dell’Ufficio Legislativo e Legale della Presidenza della Regione Siciliana ha affermato che a quella data l’originario progetto presentato per l’esame non risultava “emendato nel senso di scorporare la parte relativa alle finalità turistiche da quella relativa a finalità commerciali“ e che pertanto tale progetto non era “positivamente esaminabile alla luce della legge n. 3/2009”
- con nota del 7 ottobre 2009 l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha rilevato come la procedura derogatoria di cui alla legge n. 3/2009 avvantaggi gli enti pubblici determinando una condizione “ingiustificatamente restrittiva della concorrenza” e dunque sarebbe a fortiori da escludersi l’applicabilità della norma ad un’istanza proposta da una società mista pubblico-privato, come nel caso in specie;
- la eventuale modificazione dell’oggetto della “Lipari Porto“ S.p.A. dopo la scelta a mezzo gara del socio privato, modificazione consistente nella eliminazione della parte commerciale dell’iniziativa, costituirebbe, come ha osservato l’Avvocato Generale dell’Ufficio Legislativo e Legale della Presidenza della Regione Siciliana nella citata nota del 04.11.2010, una “potenziale alterazione della par condicio relativa alla differenza di oggetto tra quanto messo a gara per la costituzione della società mista e quanto oggetto della proposta progettuale da parte del Comune di Lipari”
- il progetto di che trattasi sarebbe stato prodotto dalla stessa Società Italiana per Condotte d’acqua S.P.A. e donato al Comune di Lipari, potendosi configurare pertanto la violazione dell’articolo 90, comma 8, della legge 163/2006 (Codice dei contratti) laddove è previsto che “gli affidatari di incarichi di progettazione o altri soggetti controllati, controllanti o collegati all’affidatario di incarichi di progettazione, non possono partecipare agli appalti o alle concessioni di lavori pubblici per i quali abbiamo svolto la suddetta attività di progettazione”;
Considerato che:
- quanto sopra esposto è stato oggetto di una richiesta di chiarimenti formulata in data 19.10.2010 dall’Assessore regionale delle Infrastrutture e della Mobilità;
- a seguito della nota suddetta nonché delle valutazioni ulteriori che ne sono seguite, l’Assessorato regionale per il Territorio e l’Ambiente - Dipartimento dell’Ambiente ha sospeso in autotutela l'assenso preventivo rilasciato per la concessio¬ne delle aree e degli specchi acquei interessati dalle opere in oggetto;
- il previsto progetto di rinfunzionalizzazione del si¬stema portuale di Lipari produce un oggettivo rilevante impatto ambientale in un’area facente parte della Word Heritage List dell’Unesco;
PER SAPERE
- quali iniziative intendono assumere le SS.LL. per assicurare il pieno rispetto della procedure di legge nella iniziativa in questione e se non ritengano che quanto fin qui verificatosi non determini l’improcedibilità della stessa;
- se, essendo l’isola di Lipari compresa nella Word Heritage List dell’Unesco, il progetto di rifunzionalizzazione del sistema portuale sia stato oggetto di segnalazione ai competenti organi dell’Unesco, come previsto dall’art. dell’art. 172 delle Operational Guidelines for the Implementation of the World Heritage Convention.
Panarello Rinaldi De Benedictis

Quale opera a protezione di Marina Corta? La sciroccata di oggi...e il mare che invade tutto (da youtube)

Ludica. Campo squalificato per due giornate. Oltre al danno la beffa

Due giornata di squalifica sono state inflitte dal giudice sportivo al campo Franchino Monteleone di Lipari a seguito del referto stilato dall' arbitro Restuccia che ha diretto Ludica Lipari- Sacro Cuore.  La squadra eoliana dovrà disputare le prossime due gare in campo neutro a Santa Lucia del Mela.
Per la formazione eoliana, già fortemente penalizzata dall'arbitraggio non altezza, una ulteriore beffa.

Natale in ospedale

Santa Messa natalizia, con scambio di auguri, stamani alle 10 e 30 nel reparto medicina dell'ospedale di Lipari.
E' stata celebrata da Don Giuseppe Mirabito. Vi hanno preso parte i degenti, il personale medico, amministrativo e paramedica del nosocomio.
Domani alle 9 e 30 al comune di Lipari sarà celebrata la Santa Messa e vi sarà il tradizionale scambio di auguri

Lipari: Carabinieri arrestano cinese inosservante del provvedimento di espulsione

Nel tardo pomeriggio della Stazione di Lipari, collaborati dai militari della locale Motovedetta dell’Arm,a hanno tratto in arresto una cittadina di nazionalità cinese destinataria di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.
Il particolare servizio di controllo del territorio, orientato alla verifica della posizione dei cittadini extracomunitari, ha consentito di passare al setaccio il territorio dell’isola eoliana nonché l’area urbana del Comune di Lipari e delle frazioni presenti sull’isola.
Nel corso dei vari controlli è stata fermata una cittadina cinese sprovvista di documenti, la quale è stata sottoposta all’esame delle impronte digitali tramite l’accertamento alla Banca Dati AFIS che ne ha consentito la sua esatta identificazione in WU Lianzhu, nata nella Repubblica Popolare Cinese cl. 1973, in atto domiciliata a Messina, ambulante, già nota alle Forze dell’Ordine.
La cittadina cinese risultava destinataria, dallo scorso mese di settembre 2010, di un provvedimento di espulsione emesso dal Prefetto di Messina.
Dalla data di notifica del provvedimento di espulsione la cittadina cinese avrebbe dovuto lasciare il territorio nazionale entro 5 giorni; pertanto, stante la flagranza di reato, WU Lianzhu è stata tratta in arresto e, su disposizione dell’A.G. di Barcellona Pozzo di Gotto, la stessa è stata trasferita presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi, a disposizione dell’A.G. mandante.

Benvenuti a Sottomonastero !

Acqua alta da fare invidia a Venezia...e cassonetti in navigazione a Sottomonastero.
Un problema che si sta incancrenendo....ma non si fa nulla per risalire alla fonte del problema ed affrontarlo.
Ma non è tutto... sul molo di fronte all'approdo delle navi fa bella mostra una panchina....pardon...quello che resta di una panchina.
L'ultima barra, infatti, ha ceduto sotto il "peso" di una signora che è finita a terra.
 Non sarebbe il caso di sostituire quella panchina?

Tirrenia/Siremar. Per il 10 gennaio sciopero confermato

Per i sindacati, l’incontro di lunedì è stato interlocutorio, visto che nel tavolo tecnico, si è sentita l’assenza di Giancarlo D’Andrea, commissario straordinario della “Tirrenia Navigazioni”. Anche per questo motivo, lo sciopero dei lavoratori previsto per lunedì 10 gennaio 2011, è stato confermato. Arriva comunque una buona notizia, visto che il pagamento delle tredicesime, è stato previsto per il prossimo mese di gennaio.

Intanto, la Commissione Europea segue la privatizzazione della compagnia di navigazione. Pare che a Bruxelles siano preoccupati che la gara, prevista per marzo 2011, salti come quella dello scorso agosto. Pare che le Organizzazioni Sindacali non apprezzino il silenzio di D’Andrea che, secondo loro, non sarebbe chiaro sulle identità dei sedici concorrenti e su quali siano state le cause che hanno portato all’esclusione degli altri cinque.

mercoledì 22 dicembre 2010

Spese o regali di Natale? La nota del consigliere Biviano sulle iniziative natalizie dell'amministrazione Bruno

Riceviamo dal consigliere comunale Giacomo Biviano e pubblichiamo:
NUMEROSI CITTADINI HANNO CHIESTO AL SOTTOSCRITTO DI CONOSCERE I COSTI DI ALCUNE INIZIATIVE SOSTENUTE DALL'AMMINISTRAZIONE, IN PARTICOLAR MODO DALL'ASSESSORE GIANNO' E DALL'ASSESSORE FERLAZZO, PER IL NATALE 2010.
IN PARTICOLAR MODO SI CHIEDEVA DI CONOSCERE I COSTI RELATIVI ALLA FILODIFFUSIONE DI BRANI NATALIZI LUNGO IL CORSO VITTORIO EMANUELE E IL COSTO RELATIVO AD ALCUNI CONCERTI E RIPETUTI SPETTACOLI EFFETTUATI O DA EFFETTUARE.
INOLTRE, INTERROGATIVI CIRCA L'ESCLUSIONE DAI CONTRIBUTI FINANZIARI DI TALUNE ASSOCIAZIONI E/O MANIFESTAZIONI E L'EVENTUALE COINVOLGIMENTO O MENO DELLE DITTE LOCALI PER L'EFFETTUAZIONE DI ALCUNI SERVIZI HANNO PORTATO IL SOTTOSCRITTO A VERIFICARE LE VARIE SPESE E I CONTRIBUTI DI MASSIMA CHE L'AMMINISTRAZIONE HA INTENSO EROGARE AI SOGGETTI A CUI SONO STATI AFFIDATI GLI INCARICHI O A CUI E' STATA CONCESSA, ATTRAVERSO REGOLARE COMUNICAZIONE SCRITTA, AMPIA DISPONIBILITA' PER LA COMPARTECIPAZIONE FINANZIARIA.
TRALASCIANDO QUALSIASI COMMENTO RITENGO UTILE E MERITEVOLE, ANCHE PER GLI STESSI ASSESSORI, PUBBLICIZZARE IN MANIERA DETTAGLIATA LE VARIE CIFRE INTERESSATE DALLE MANIFESTAZIONI NATALIZIE.
PERTANTO, RIPORTO DI SEGUITO L'ELENCO DELLE SPESE PREVENTIVATE DALL'AMMINISTRAZIONE PER IL NATALE 2010.
AUGURI A TUTTI!!!!!
GIACOMO BIVIANO (CONSIGLIERE COMUNALE PD)

SPESE PREVENTIVATE DI RILEVANZA “MAGGIORE" PER IL NATALE 2010

- EURO 9.700,00 (??????????????) alla Coop. di MESSINA - RI.CA. Eventi e Servizi aziendali -.
Filo diffusione sonora e distribuzione di brani natalizi per 15 giorni (solo in determinate ore…….????????????????????) sul Corso Vittorio Emanuele + passeggiata di Babbo Natale per il giorno di Natale e di 2 Befane per giorno 6 gennaio con distribuzione di caramelle e dolci lungo il Corso principale.
Scelta effettuata a discrezione dell’Assessore agli Spettacoli Giannò senza alcuna gara pubblica
- Euro 6.000,00 (???????????????) alla Coop. di MESSINA - RI.CA. Eventi e Servizi aziendali -. Concerto Gospel nella chiesa dell’Immacolata di giorno
Scelta effettuata a discrezione dell’Assessore alla Cultura Ferlazzo ;
- Euro 8.500,00 alla Compagnia Popolare Liparense
N. 11 spettacoli da effettuare nelle varie chiese (durata 1 ora circa), senza amplificazione, + SIAE pagata dallo stesso Comune di Lipari
Scelta effettuata a discrezione dell’Assessore alla Cultura Ferlazzo
- EURO 7.500,00 alla Idealux di CASTELL’UMBERTO
Illuminazione artistica a Lipari e Canneto
Gara a trattativa privata predisposta dell’Assessore agli Spettacoli Giannò
TOTALE: EURO 32.000,00 circa (???????????)

SPESE PREVENTIVATE DI RILEVANZA “MINORE” PER IL NATALE 2010
- Euro 1.600,00 al Guppo Folk di LIPARI
5° ed. Presepe Eoliano
- Euro 1.500,00 all’ ACRS VULCANO
Presepe Vivente a Vulcano Piano
- Euro 500,00 all’Ass. Magmarhei di LIPARI
Spettacolo musicale di giorno 22 Dicembre
- Euro 500,00 all’Ass. Angels’ Dance di LIPARI
Spettacolo di giorno 6 Gennaio
- Euro 400,00 all’ Ass. Pro-Loco Isole Eolie di LIPARI
Spettacolo e premiazione Nacatola Doc
- Euro 200,00 Banda musicale di LIPARI
Sfilata con majorette per giorno 23 Dicembre
TOTALE: EURO 4.700,00 circa :-(((((((((((

Pianoconte :spicchitedda e 'nacatuli

(Riccardo Lo Schiavo) Si è svolto con successo nel plesso scolastico di Pianoconte l’atto conclusivo della prima fase del progetto “Noi e il territorio” curato dai professori Gaetano Megna, Antonella Madilia, Angela Ragini.
 Le tre classi della scuola media si sono cimentate nella preparazione di alcuni dolci tipici eoliani. Dopo avere ricercato ed imparato le relative ricette e avere procurato gli ingredienti necessari, sotto la sapiente ed esperta guida di due signore del luogo, Michela La Greca e Petrina Cincotta, gli alunni singolarmente a turno, hanno preparato, “modellato e decorato” ben oltre 200 pezzi fra spicchitedda e ‘nacatuli. Utilizzando quindi un piccolo forno elettrico in dotazione alla scuola, è seguita la fase di cottura che ha pervaso i locali della scuola di un caldo e flagrante profumo di pasta di mandorle, cannella, mandarino e vinocotto….
È stata imbandita poi una ricca tavolata quindi, in un clima di festa e composta allegria, si è proceduto alla fase più agognata dai giovani pasticcieri: la degustazione….
 All’iniziativa oltre a un gran numero di docenti, ha presenziato il Dirigente Amministrativo, Francesca La Macchia che, avendo apprezzato la validità dell’idea nonché la bontà dei prodotti, si è complimentata con gli organizzatori, ed in particolare col prof. Megna, baluardo storico della scuola, cui è stato riconosciuto il merito di essersi prodigato, anche grazie ai suoi radicati legami con il territorio, per la riuscita di un’iniziativa dal sano sapore antico. Il progetto, come auspicabile, vivrà nuovi momenti di sicuro interesse alla ripresa dell’attività didattica.
 Con l’occasione, anche a nome degli altri docenti della scuola media di Pianoconte, porgo da tutti i lettori e agli amici eoliani i più sinceri auguri di Buon Natale!!!!
La foto è di Giuseppe D'Arrigo

Prestigiacomo in lacrime: Lascio il Pdl ma resto ministro. Il ministro: Non mi riconosco più nel partito. Contestata per voto con l'opposizione per la legge sulla libera imprenditorialità

 Il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo ha annunciato che lascia il Pdl, ma che per ora resta ministro dopo un duro scontro in aula quando ha votato con l'opposizione a proposito della richiesta di rinviare a gennaio la legge sulla libera imprenditorialità.
 "Io non mi riconosco più nel Pdl", ha spiegato il ministro. "Lascio il Pdl, vado nel gruppo misto", ha dichiarato annunciando lo strappo con il Pdl dopo che la maggioranza non ha appoggiato il rinvio.
 A chi le ha chiesto se intendesse restare al governo, Prestigiacomo, tra le lacrime, ha detto: "Resto finché Berlusconi lo riterrà".
 Il ministro ha votato insieme alle opposizioni la proposta di rinvio sulla libera imprenditorialità, su cui la maggioranza non appare compatta, che è passata per soli tre voti, determinanti insieme a Lega e Pdl i "responsabili" ex finiani ed eletti con le opposizioni.
Al risultato del voto, il ministro ha lasciato l'aula, con richiesta di dimissioni esplicite dai banchi della maggioranza.

Lipari: Babbo Natale e i suoi aiutanti incontrano i bambini (foto e video)

Babbo Natale e i suoi aiutanti sono sbarcati a Lipari per incontrare i bambini. L'iniziativa dell'amministrazione comunale si è tenuta sul corso V.E.
Gioia, allegria e ...zucchero filato per tutti
FOTO E VIDEO:





Facciamo chiarezza sul megaporto. Nota di PD, UDC, SEL E NUOVO GIORNO

Riceviamo e pubblichiamo:
Dopo aver letto le inattendibili e strumentali dichiarazioni, fatte alla stampa dal Sindaco di Lipari sulla questione “Strutture Portuali” ci pare indispensabile chiarire la posizione delle forze di opposizione. Noi SIAMO FAVOREVOLI ALLA REALIZZAZIONE DI ADEGUATE E INDISPENSABILI STRUTTURE PORTUALI. Siamo FAVOREVOLI alla realizzazione di adeguate strutture destinate al diportismo, all’ampliamento della portualità di Pignataro, all’adeguamento e potenziamento dello scalo commerciale di Sottomonastero ed alla necessaria rivalutazione di Marina Corta. Prima ancora che da parti politiche ci chiediamo, da cittadini Eoliani, come ottenere questi risultati e soprattutto se con questo progetto otterremo quello che vogliamo. Quali costi siamo disposti a pagare per i presunti benefici prospettati da questa Amministrazione e quali garanzie ci sono che questi benefici, per tutti gli eoliani siano reali. Per tale motivo, in questa lettera aperta, non approfondiremo gli aspetti, seppur importanti, legati all’impatto ambientale ed alla compatibilità con la qualifica di Patrimonio Unesco così sbrigativamente liquidati dal Sindaco. Ne tantomeno ci soffermeremo sugli aspetti procedurali seguiti dall’amministrazione definiti dalla stessa Regione Siciliana di dubbia legittimità, non perché questo non sia ancora più preoccupante ma ritenendo che non sia questa la sede e rimandando ad altro momento questa importante verifica. Manifestiamo pubblicamente il nostro pensiero perchè invece vogliamo condividere con tutti i concittadini le perplessità e le preoccupazioni che scaturiscono dalla visione della pur limitatissima documentazione così tardivamente fornitaci. Per fare questo abbiamo organizzato un partecipato convegno pubblico , ma riteniamo di dover ricercare il confronto in tutti i modi possibili, anche con questa lettera aperta a tutti gli Eoliani.
 Noi siamo FAVOREVOLI AI PORTI, ma siamo CONTRARI a:
a) una realizzazione che affidi ad un privato la gestione dello scalo commerciale, la “porta delle Eolie” e quindi di tutti i suoi flussi sia dei residenti che dei turisti, considerato che un privato gestirebbe indubbiamente solo nel giusto intento di ricavarne dei profitti. Si è mai vista una stazione ferroviaria privata? Chi controllerà la Lipari Porto nell’applicazione di tasse di sbarco e balzelli? Il Comune di Lipari con il suo 30% contro il 70% del socio privato avrà la forza delle proprie determinazioni?
b) alla realizzazione di enormi ed ingiustificati edifici realizzati nella zona che va da Sottomonastero e Marina Lunga sino a Bagnamare e Pignataro, di cui non conosciamo la destinazione d’uso, la volumetria e il reale utilizzo.
I cittadini Eoliani hanno avuto modo di notare che è prevista la realizzazione di numerosi edifici, piscine, locali da adibire a Beautyfarm, attività commerciali, club nautici, una “Lipari 2” in un’area demaniale antistante l’abitato di Marina Lunga?. E’ il prezzo che vogliamo pagare quello di concedere ad una società a maggioranza privata una così ampia opportunità che creerebbe una indubbio svantaggio nei confronti della nostra imprenditoria che da anni investe e lavora per favorire una economia turistica nel disinteresse costante di una pubblica amministrazione incapace di un qualsiasi sostegno, e che oggi ci propone la cessione di questa opportunità come unica soluzione per la crescita futura? La crescita di chi? E tutto ciò lo cederemmo in cambio della realizzazione di nuovi posti barca gestiti sempre da questa società e che per questo avrà già i suoi legittimi utili? Ci incuriosisce anche sapere se tutte le aree demaniali dove verranno realizzate queste strutture che di fatto stravolgeranno Marina Lunga e creeranno un nuovo lungomare saranno fruibili da tutti i cittadini e turisti, o come è normale per le leggi in vigore sulla sicurezza e come avviene in tutti i porti d’Italia verranno CHIUSI e BARRIERE.
c) L’Amministrazione sostiene che questo è l’unico modo di realizzare delle opere portuali vista l’impossibilità dell’intervento pubblico. Ma quali progetti in tal senso sono stati presentati da questa Amministrazione e bocciati per mancanza di fondi? Forse non ne hanno mai prodotto uno, anche perché non si capisce come avrebbero potuto farlo visto che il Sindaco si è guardato bene dal portare a conclusione l’approvazione del Piano Regolatore dei Porti così per come chiesto dal Consiglio Comunale di Lipari con deliberazione n.22 del 6.2.2009. Il Piano Regolatore dei Porti è indispensabile a richiedere allo Stato ed alla Regione il finanziamento di qualsiasi opera portuale. Certamente non è un vanto per questa Amministrazione sostenere di non avere alcuna possibilità di ottenere finanziamenti pubblici nonostante la millantata amicizia con Ministri e Assessori Regionali, per altro appartenenti alla stessa maggioranza politica che in questi anni ha governato Lipari. Ma l’argomento più importante è rappresentato dalla affermazione del Sindaco che dichiara:
“Questa è una scelta condivisa dalla maggioranza degli isolani che hanno eletto questa Amministrazione sulla base del programma presentato” e continua, rispondendo alla domanda del giornalista che gli chiede se ritiene necessario che sia una scelta condivisa: “Certo il progetto dovrà essere sottoposto alle giuste Valutazioni di impatto “ …….”potranno intervenire le maggiori organizzazioni ambientali” noi ci chiediamo: I cittadini delle Eolie quando hanno espresso il loro parere, forse al momento delle elezioni gli è stato sottoposto questo progetto? Queste realizzazioni? Tutti quei cittadini e quelle forze politiche che allora sostennero questa Amministrazione condividono la realizzazione come oggi la vogliono realizzare? Il fatto di aver vinto le elezioni da al sindaco il diritto dovere di governare, non di operare scelte così importanti senza seguire tutti i percorsi previsti dalla legge per assicurare la trasparenza e la condivisione di un progetto di grande trasformazione urbanistica che è di esclusiva competenza del Consiglio Comunale, che nella sua interezza, rappresenta tutti i cittadini, quelli che hanno votato questa Amministrazione e quelli che non la hanno votato. La legge che non può essere sostituita dalle solite scorciatoie, prevede che sulla programmazione si esprima il Consiglio, che in questo caso si è espresso solo sulla condivisione di uno studio di fattibilità, inserito in un piano triennale delle opere pubbliche, nessun accordo di programma, nessuna verifica sottoposta al voto di questa progettazione. E’ questa la condivisione? O condivisione è l’aver distribuito a destra e a manca solo in questi giorni CD Rom contenente alcuni file dell’intervento da realizzare può lavare la coscienza di questa Amministrazione.
Non prendeteci in giro. Il Sindaco ad una precisa domanda postagli, al momento della presentazione del progetto, se intendeva verificare in Consiglio Comunale la condivisione della comunità Eoliana sulla proposta, ha risposto che ciò sarebbe accaduto “solo se previsto dalla procedura imposta dalla legge”. Alla faccia “dello spirito improntato al confronto ed all’approccio moderno non condizionato da logiche di appartenenza” che il Sindaco si attribuisce nell’articolo relegando gli altri, quando non sono d’accordo con lui, ad atteggiamenti gattopardiani. All’Amministrazione Comunale lo ha detto pure la Regione con la nota n.75763 “in assenza di Accordo di Programma, strumento non derogabile, non sussisterebbero i presupposti per assumere l’intervento nel suo complesso, e quindi anche alla parte che si riferisce ad opere di portualità turistica”. Cioè senza accordo di programma, che non avete voluto sottoporre prima al Consiglio Comunale l’opera non è realizzabile. Alla faccia dei titolati esperti e consulenti che vi hanno seguito in questo iter ed in tutti i comizi elettorali . Questo ennesimo fallimento, non è dovuto alle lungaggini ed ai lacci della pubblica amministrazione, non è dovuto ad un progetto “contro le Eolie”, questo è successo solo perché non avete rispettato le leggi e le procedure, per imperizia o per evitare in ogni modo il confronto e la condivisione che oggi senza alcun pudore dite di “voler rilanciare”
UDC, NUOVO GIORNO, PD, SEL

Megaporto. PD presenta interrogazione alla Regione

Comunicato Stampa
Presentata nella giornata di ieri una interrogazione parlamentare all’ARS sul mega porto di Lipari da parte dei parlamentari del PD Filippo Panarello, Francesco Rinaldi e Roberto De Benedictis, agli assessori al Territorio, alle Infrastrutture e al presidente della Regione. L’interrogazione fa seguito a quella presentata nei mesi scorsi all’assessore ai BB.CC.AA.
A detta dei deputati del PD “L’ipotesi di costruire un mega-porto a Lipari è incettabile dal punto di vista dell’impatto ambientale, e appare irregolare dal punto di vista delle procedure adottate dal Comune”.
L’interrogazione è stata presentata dai parlamentari del PD a seguito delle tantissime perplessità sollevate dal progetto preliminare all’intero della comunità eoliana per le ricadute economiche e sociali e nell’opinione pubblica nazionale, in considerazione del fatto che le Isole Eolie rientrano nella lista Unesco del “patrimonio mondiale dell’umanità”.
“Auspichiamo – concludono gli esponenti del PD – che accantonata un’ipotesi chiaramente irrealizzabile si possano promuovere, nell’ambito del piano regolatore dei porti e in un quadro di assoluto rispetto per l’ambiente, interventi che puntino a migliorare le infrastrutture portuali a Lipari e nelle Eolie, e non a favorire interessi privati”.
Giuseppe La Greca

TIRRENIA/SIREMAR. Incontro interlocutorio con Federlinea

Ieri come da programma si è avuto incontro con Fedarlinea, dott. Paolizzi e dott. Ruggeri, a carattere estremamente interlocutorio e riguardante esclusivamente la richiesta di adesione al loro programma di C.I.G.S.In via preliminare l’ U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M prende, atto che il ricorso alla Cassa Integrazione è dovuto al fatto eccezionale di dovere adeguare la Flotta Sociale alla “Stockolm Agrement” e non per degli esuberi strutturali. Ciò è testimoniato anche dal fatto che Tirrenia ha definitivamente escluso la cessazione della linea Bari – Durazzo.

Il problema principale in merito, anche se non riguarda le Categorie che rappresentiamo, è quello di assicurare agli iscritti in T.P. l’accesso alla C.I.G.S. Nessuno può disconoscere che tali Lavoratori Marittimi costituiscono la maggioranza nelle due Società in amministrazione speciale. E’ questo il motivo per cui il sindacato invita i propri Associati ad aderire ad ogni forma di lotta tesa a realizzare la giustizia sociale, così come oggi non è in Tirrenia.
L’U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M contesta invece, il perdurare dell’esclusione di tutte le OO.SS. dalla conoscenza di ogni dettaglio sull’iter delle privatizzazioni in essere e rimane in attesa di specifica convocazione.
L’erogazione delle gratifiche natalizie per i ratei insinuati, dalla scrivente richiesta con forza, è poca per compensare il vuoto di notizie sopra puntualizzato.
I tecnici U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M hanno riscontrato molteplici errori nei doc. 1 e doc. 2 Siremar, per cui ha fornito dettaglio e attende rapida soluzione. In assenza, invita i propri aderenti a fare egualmente le insinuazioni al passivo in forma tempestiva, avvalendosi della documentazione datoriale già ricevuta, poiché sarà cura della scrivente fornire al Giudice Fallimentare specifica degli errori riscontrati e di chiedere l’opportunità di nomina del C.T.U. per effettuarne verifica.
La USCLAC/UNCDiM, ricorda che in merito alla rescissione dei CC.NN.LL. continua ad opporsi per i seguenti motivi :
- i Regolamenti Organici sono tutelati da Leggi dello Stato e non possono annullarsi con accordi sindacali. Tra Tirrenia, ex Adriatica e Siremar, ad oggi, i Colleghi in R.O. ancora in servizio sono 57. Al riguardo siamo disponibili ad accettare proposte delimitate tra possibili incentivi per dimissioni volontarie e accompagnamento alla pensione;
- il C.C.N.L. delle Regionali ha recepito l’Accordo sulla Organizzazione del Lavoro a bordo del 06/08/81, quale strumento amministrativo per la pratica attuazione della Convenzione O.I.L. n. 109 recepita nel nostro ordinamento dalla L. 158 del 10/04/1981, e qualsiasi C.C.N.L. si andasse a stabilire per Siremar e Tirrenia deve avere in dote l’accordo sindacale in parola;
- le navi a servizio giornaliero di navigazione, avendo equipaggi ridotti per la presunzione di impiego contemporaneo di tutti i componenti dall’inizio approntamento per la partenza, il mattino, sino al rassetto definitivo, dopo l’ultimo collegamento serale, hanno specifica normativa (Art. 97 C.C.N.L. Regionali) che dovrà contemplarsi in qualsiasi C.C.N.L. si dovesse realizzare. L’alternativa è la puntuale applicazione del D.L. 108/05.
Ogni trattativa in merito, concludendo, non può prescindere da quanto sopra delineato

martedì 21 dicembre 2010

Depuratore di Canneto Dentro. La lettera del commissario Pelaggi ai consiglieri comunali

Ho appreso dalla stampa  il disagio manifestato da taluni esponenti del consiglio comunale in merito alla collocazione nell'area di Canneto Dentro del depuratore di Lipari, infrastruttura che rientra tra le competenze affidatemi con O.PC.M. n.3738 del 5 febbraio 2009.
 Disagio peraltro manifestato per la prima volta anche dal sig. Pino Longo nel corso della conferenza di servizi svoltasi il 6 dicembre u.s presso la prefettura di Messina, relativa al progetto definitivo.
Al riguardo, per dissipare ogni fraintendimento, con la presente, ritengo opportuno riepilogare i punti salienti che hanno determinato la scelta in questione, segnalando innanzitutto, che l'ubicazione del nuovo depuratore è stata oeggetto di un processo di analisi tecniche ed economiche che hanno interessato diverse ipotesi di soluzione e sulle quali si sono espressi qualificati organismi tecnici della Protezione civile e del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, investiti dell'argomento.
In particolare:
a) dagli atti risulta che nel corso di una riunione tenutasi presso il dipartimento della Protezione civile il 29 ottobre 2008 si è convenuto che il sindaco di Lipari si attivasse nei confronti dei consiglieri comunali per informarli della necessità di tornare alla ipotesi di utilizzare l'area di Canneto Dentro dopo che la segreteria tecnica della direzione generale qualità della vita del ministero dell'ambiente, a seguito di sopralluogo effettuato in data 28 luglio 2008, aveva bocciato le iniziali ipotesi di localizzazione nell'area del "Porto Pignataro".
Degli esiti della suddetta attività il commissario delegato, all'epoca prefetto di Messina, ha dato informazione con la nota del 12 novembre 2008, riferendo che la collocazione del depuratore "tanto nell'area di Canneto Dentro quanto in quella di Pignataro loc. Monterosa è ritenuta dai consiglieri non appropriata, mentre sono stati indicati come possibili altri due siti: uno in località Punta Castagna e l'altro al di sotto del campo sportivo di via Falcone-Borsellino; sempre nella stessa zone il commissario delegato ha riferito di avere avuto notizia dell'esistenza di un'area di proprietà privata di circa 2 mila mq, situata alle spalle del cimitero di Canneto e attualmente adibita a sede della stazione di trasferenza dei rifiuti e che presenterebbe caratteristiche tali da renderla adatta alla collocazione dell'aimpianto in argomento".
b) anche in relazione alle indicazioni pervenute dai consiglieri, sono state analizzate dagli uffici dello scrivente altre localizzazioni e si è pervenuti alla identificazione di cinque alternative di localizzazione "Monterosa, Punta Castagna, sotto il campo di calcio di Lipari, l'area alle spalle del cimitero di Canneto e quella di Canneto Dentro. In data 19 maggio 2009, per arrivare alla decisione finale, il Rup con il supporto tecnico di Sogesid e dell'ing. Pietro Colonna, rappresentante della segreteria tecnica del ministero dell'ambiente, ha eseguito un sopralluogo finalizzato a selezionare sul piano strettamente tecnico-progettuale e urbanistico territoriale, le possibili soluzioni localizzative dell'impianto di depurazione, concludendo che tra le localizzazioni esaminate quella di "Canneto Dentro" risultava l'unica fattibile sotto il profilo tecnico-urbanistico.
c) nel luglio 2009 lo scrivente ha effettuato con i propri esperti e con il Rup alla presenza del sindaco Bruno, un sopralluogo sulle possibili allocazioni fino a quel momento proposte, verificando che l'area di Canneto Dentro, effettivamente risultava una scelta equilibrata anche nell'ottica di riqualificare, dal punto di vista ambientale, l'area che allo stato attuale si presentava oltremodo degradata;
d) l'ipotesi di localizzazione del nuovo impianto a Canneto Dentro poteva essere, tuttavia, concretizzata a condizione che non si interferisse con il programma di insediamenti produttivi per il quale il Consorzio degli artigiani di Lipari aveva da tempo avviato l'iter burocratico necessario;
e) successivamente si è ritenuto opportuno incontrare i rappresentanti degli artigiani i quali erano preoccupati della scelta di allocazione del depuratore nell'area di Canneto Dentro per potenziali interferenze che detta opera poteva comportare con il loro programma;
f) nei primi mesi del 2010 è stato prediposto di conseguenza un rendering relativo all'ubicazione del depuratore nell'area di Canneto Dentro per dimostrare la compatibilità di questa opera con la destinazione artigianale dei terreni attigui al depuratore:
g) il 20 maggio 2010 è stata indetta presso il Comune una riunione pubblica alla quale hanno preso parte il sindaco, alcuni consiglieri tra cui Famularo e Centurrino, il presidente degli artigiani Fulvio Pellegrino. In tale occasione è stato presentato il predetto rendering che ha ricevuto gli apprezzamenti da parte di tutti gli intervenuti. Dell'iniziativa promossa dal commissario e dei contenuti della presentazione è stata data ampia pubblicità sia preventivamente, sia attraverso le interviste rilasciate ai giornalisti locali;
h) a seguito di tutta l'attività fino a quel momento posta in essere in data 22 settembre 2010, presso la prefettura di Messina, è stata convocata una conferenza di servizi preliminare sul progetto, il cui scopo principale era quello di acquisre la condivisione delle scelte progettuali, fra cui la localizzazione, in vista della possibilità di adottare i poteri  di deroga previsti dalle ordinanze di Protezione civile emanate allo scopo di realizzare l'intervento. Alla conferenza hanno preso parte anche il sindaco, il responsabile del servizio idrico Dal Zotto, il presidente Pellegrino, i quali con tutti i presenti hanno fornito il proprio contributo al progetto presentato senza eccepire argomentazioni ostative di alcun genere, anzi hanno apprezzato lo sforzo che l'Ufficio del Commissario ha fatto per contemplare le esigenze degli artigiani con quelle del progetto (sig. Pellegrino) e sollecitato la necessità di accellerare i tempi di esecuzione, data l'emergenza in atto (sindaco).
i) a seguito degli esiti favorevoli della conferenza, questo commissario, supportato dalla propria struttura, ha espletato le procedure per l'affidamento della progettazione definitiva e dato mandato ai professionisti individuati di redigere, conformemente anche quanto stabilito in sede di conferenza del 22 settembre, il progetto definitivo.
Il 6 dicembre u.s. presso la prefettura si èttenuta la conferenza per approvare il progetto nel corso della quale, mentre i funzionari del Comune (Placido Sulfaro e Dal Zotto) hanno espresso parere favorevole, il sig. Longo, presidente del consiglio, delegato dal sindaco a presenziare alla riunione ha chiesto un ulteriore periodo per esprimere il proprio parere, periodo che è stato concesso fino al 13 dicembre 2010.
Le scelte progettuali sopra descritte sono peraltro oggetto della procedura di rilascio del provvedimento di compatibilità ambientale, per la quale è in corso il termine di pubblicizzazione previsto dalla legge durante il quale il "pubblico" interessato può inoltrare le proprie osservazioni, che devono essere valutate dagli organi competenti.
Infine, è appena il caso di ricordare che ulteriori intralci alla realizzazione dell'opera potranno determinare gravi responsabilità, giacchè il Comune risulta già in "procedura di infrazione comunitaria" perchè privo di un sistema di depurazione adeguato alla vigente normativa. E' ovvio che le eventuali conseguenze economiche saranno ripartite dalla Regione nei confronti dei Comuni responsabili delle mancate realizzazioni delle opere in questione. Una tale situazione, ovviamente, oltre a procrastinare i possibili danni alla salute dei cittadini, avrebbe effetti negativi sulle attività produttive interessate e sull'immagine turistica dell'isola. In ragione di quanto sopra e ritenendo che nei limiti delle previsioni legislative, tale opera non determinerà nessun nocumento acustico, sanitario e ambientale, resto disponibile a fornire tutti i necessari chiarimenti in ordine al procedimento al fine di garantire la massima trasparenza quale stazione appaltante.
Luigi Pelaggi (Commissario delegato per l'emergenza idrica e fognaria)

Il presepe nella piccola chiesetta di Monte a Lipari

Anche nella piccola chiesetta di San Bartolo in località Monte a Lipari è stato realizzato un piccolo presepe. Ci hanno pensato le famiglie Fonti-Megna

Raccolta differenziata. Il punto di Mimmo Fonti, a.d. dell'ATO Eolie

Gentile Direttore,
 avrei piacere di essere ospitato nel suo blog per poter fornire alcune informazioni ed effettuare una precisazione riguardo una precedente divulgazione di notizie attinenti la raccolta differenziata.
Al 30 novembre di quest’anno la raccolta differenziata nei quattro comuni Eoliani complessivamente è stata del 15,39%; gli abitanti del comune di Leni si sono attesti al 24,64%, quelli del comune di Malfa al 30,44%, quelli del comune di Santa Marina Salina al 27,51% e quelli del comune di Lipari, purtroppo, al 13,02%.
Rispetto al 2008 (da un esiguo 2%) siamo cresciuti moltissimo ma certamente avremmo potuto fare meglio. La società che amministro, certamente, non si tira fuori dalle proprie responsabilità, forse non è stata incisiva nel precedente piano di comunicazione, forse non ha saputo motivare la ditta che esegue il servizio, o forse altro ancora….; comunque siamo giunti alla conclusione che due fattori sono fondamentali per determinare una buona raccolta differenziata : la prima è la consapevolezza da parte dei cittadini che facendola si risparmiano molti soldi per il conferimento in discarica, il che significa quantomeno evitare un progressivo aumento della bolletta; la seconda è un accurato controllo, da parte della autorità competente, del territorio e della stessa utenza che va aiutata a comportarsi con senso civico. Certo, ogni mezzo deve essere messo a disposizione per agevolare i conferimenti, raccolta porta a porta, isole ecologiche, risorse finanziarie, ecc., tutto quanto occorre per puntare ad un obiettivo possibile, quello di raggiungere almeno il 50% di raccolta differenziata entro il 2012. L’aspetto Etico che si annette al concetto di riciclo nonché quello ecologico che gratifica chi ha la consapevolezza che le nostre risorse sono limitate e che l’ambiente va salvaguardato, va a braccetto con quello economico, quindi il singolo contributo diventa determinante, ovvero ogni cittadino deve fare la sua parte.
In questo fine anno ci stiamo prodigando, nel ns. piccolo, a fare qualche ulteriore passo in questa direzione, tant’è che abbiamo previsto nella futura gara (apertura il prossimo 11 gennaio) la raccolta porta a porta negli agglomerati urbani più consistenti, abbiamo inoltre comprato piccoli contenitori per consentire la divisione dei rifiuti nell’ambito familiare da dare in comodato d’uso, piccole cose che potrebbero diventare rilevanti se l’utenza risponderà con coerenza, magari senza azioni coercitive.
Quest’ultime sono l’ultima ratio in un contesto civile e consapevole come credo sia il nostro, può persino diventare motivo di doglianza quando, nel tentativo di irretire, si portano a conoscenza delle autorità competenti nominativi che magari nulla hanno a che fare con certi insulsi comportamenti, come ad esempio  il bar (omissis) e il Ristorante (omissis) e altri ancora che impropriamente sono stati coinvolti in fatti da loro non commessi.
Concludo questa mia brevissima riflessione, che non vuole assurgersi ad analisi, nel convincimento che nel futuro non potremo che fare meglio.
Colgo l’occasione per porgere a tutti i cittadini, i miei personali e della società, Auguri di Buone Natale e di Felice Anno Nuovo.
Mimmo Fonti – a.d. Ato Me 5

N.B. La redazione ha deciso, così come fatto già nel passato, di omettere i nomi delle due attività

Lami-Malopasso: Messa in sicurezza della discarica. Silenzio tombale. Nuova interrogazione di Megna

SIGNOR SINDACO COMUNE DI LIPARI; ASSESSORE ALL’ECOLOGIA Sig. Giulio China; DIRIGENTE IV SETTORE Dott. STEFANO BLASCO;  E p.c. AGENZIA REGIONALE RIFIUTI E ACQUE; AGENZIA REGIONALE PROTEZIONE AMBIENTE; PRESIDENTE CONSIGLIO COMUNE DI LIPARI
INTERROGAZIONE: Messa in sicurezza discarica di Lami – Malopasso
Istanza accesso agli atti
Con avviso pubblico del 27 Marzo 2009, il Dirigente del IV settore Responsabile Unico del Procedimento, dott. Domenico Russo, ha avviato le procedure per il conferimento di incarichi professionali di progettazione, direzione dei lavori, coordinamento sicurezza, studio geologico ed assistenza geologica per la messa in sicurezza e riqualificazione ambientale della discarica comunale di Lami Malopasso.
Nel bando si evidenziava la necessità di provvedere con estrema urgenza ad affidare la progettazione visto “l’evidente stato di degrado ambientale” della discarica, definita “possibile fonte di pregiudizievoli situazioni igienico-sanitarie” per la popolazione e per il territorio interessato.
Stante “l’estrema urgenza”, più volte richiamata nel bando, veniva esplicitamente richiesto ai professionisti interessati il formale impegno a trasmettere il progetto nel più breve tempo possibile ed a presentare apposita istanza entro 10 giorni dalla pubblicazione all’albo comunale.
Sull’argomento, il Consigliere scrivente, interrogava l’Amministrazione Comunale con note prot. n. 42087 del 11 Dicembre 2008 e prot. n._33996 del 08/11/2009 (allegata in copia), formulando al contempo istanza di accesso agli atti del procedimento, le une e le altre rimaste prive di alcun riscontro, ad ormai 2 anni di distanza.
Risulta sconcertante, del tutto incomprensibile a fronte di un paventato rischio igienico-sanitario, apprendere che a distanza di due anni dalla data di pubblicazione del bando, le numerose manifestazioni di interesse pervenute in busta al Comune di Lipari, non sono state ancora sottoposte al vaglio del Dirigente competente , sulla cui scrivania giacciono inspiegabilmente chiuse senza formale motivazione.
In numerosissime occasioni l’Agenzia Regionale dei Rifiuti e delle Acque ha sollecitato l’Amministrazione Comunale ad affidare l’incarico per la redazione di un progetto esecutivo cantierabile, e contestualmente si è impegnata ad assicurarne la totale copertura finanziaria per la progettazione, nonché per la realizzazione dell’intervento.
La grave inerzia su una tematica ambientale ed igienico sanitaria così importante, ha tuttavia assunto i contorni della beffa ai danni della popolazione, in quanto appena una settimana dopo la presentazione dell’avviso pubblico, in data 4 Aprile 2009 per l’esattezza, il Sindaco ed il Dirigente Russo, incontravano i cittadini della Borgata di Lami per rassicurarli circa l’estrema celerità dei tempi per la realizzazione dell’interevento e garantivano massima attenzione per i risvolti di natura igienico-sanitaria che tanti timori e legittime preoccupazioni avevano provocato nella popolazione.
Il Dirigente, contestualmente si impegnava a richiedere all’A.R.P.A., un urgente monitoraggio dei livelli di inquinamento ambientale atmosferico e del suolo della ex discarica di Lami Malopasso.
Per le ragioni fin qui esposte, il sottoscritto Consigliere Comunale
Francesco MEGNA
Interroga le SS.LL. per conoscere
 Quali sono le ragioni per le quali, a distanza di due anni dalla pubblicazione dell’avviso e nonostante la garanzia della totale copertura finanziaria da parte dell’ARRA, non si è ancora avviata la procedura per affidare la progettazione dell’intervento di messa in sicurezza della discarica e le buste pervenute giacciono ancora chiuse sulla scrivania del Dirigente;
 Se sono stati richiesti agli organi competenti, il monitoraggio e la verifica dei livelli di inquinamento ambientale, così come assicurato alla popolazione in data 4 Aprile 2009, ed in tal caso, in quale data e con quali risultanze;
 Se sono state verificate, di recente, la stabilità dell’area, la regolare captazione dei biogas e l’eventuale presenza di sversamenti di percolato, in considerazione dei numerosi esposti dei cittadini, nonché dei consiglieri scriventi, circa la non perfetta integrità della guaina posta nel sottosuolo per evitare le suddette infiltrazioni e la continua fuoriuscita di fumi nauseabondi, potenzialmente pericolosi per la salute pubblica, avvertiti distintamente dalla popolazione anche ad alcuni chilometri di distanza;
 Se è stato individuato un custode della discarica;
= REITERA ALTRESI’ L’ISTANZA DI ACCESSO AI SEGUENTI ATTI =
già formulata con nota prot. n. 33996 del 08/09/2009 e nello specifico:
 Copia delle note prot. n. 17241 del 26/05/2005 e relativa nota di riscontro n. 17277 del 27/05/2005 afferenti le tematiche ambientali ed igienico-sanitarie di cui all’oggetto;
 Copia delle relazioni redatte a seguito dei sopralluoghi effettuati dall’ARRA nell’anno 2005 ed in data 25-09-2008;
 Copia della note prot. n. 18203 del 25-08-2004 e successiva nota prot. n. 1131 del 17-01-2005 del Commissario Delegato per l’emergenza rifiuti, con le quali è stata assicurata la copertura finanziaria;
 Copia della Deliberazione di Giunta Comunale n. 118 del 07-11-2008.
Con osservanza
Lipari lì 21/12/2010
Francesco MEGNA

Corteo studenti a Lipari 21.12.10.wmv

Vi proponiamo in questo video i vari momenti del corteo posto in essere stamani dagli studenti dell'Istituto superiore "Isa Conti" di Lipari:

Gli studenti eoliani si fanno sentire. Corteo di protesta contro riforma Gelmini e per le problematiche della scuola eoliana.

Studenti del "Conti" in corteo quest'oggi per le vie dell'isola per protestare contro la "riforma Gelmini" e per evidenziare le problematiche che affliggono la scuola eoliana e che vanno dalla precarietà dei mezzi di collegamenti, che impediscono una regolare frequenza scolastica agli studenti delle isole minori (a meno di costosissime affittanze a Lipari), alla precarietà degli edifici scolastici, all'impossibilità di potere usufruire di servizi che dovrebbero essere a portata della popolazione studentesca.
I ragazzi, dopo la partenza dall'Istituto, hanno sfilato lungo le vie del centro sino a raggiungere il palazzo comunale di piazza Mazzini dove sono stati ricevuti dal sindaco Mariano Bruno.
Il primo cittadino, schierandosi a fianco degli studenti per le loro legittime rivendicazioni, si è impegnato a fare pervenire al Ministro il documento-riassuntivo delle rivendicazioni degli studenti eoliani. Vi proponiamo una sequenza fotografica dell'avvenimento.
A BREVE ANCHE UN AMPIO SERVIZIO VIDEO












Lipari, un pregiudicato arrestato dai Carabinieri per evasione

COMUNICATO STAMPA
Nella mattinata odierna in Lipari, i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto il flagranza del reato di evasione il 27enne PAINO Christian, nato a Lipari e residente a Napoli, fabbro, con precedenti di polizia, già sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

I militari operanti, nel corso di un servizio di, prevenzione di reati in genere nell’area portuale, sorprendevano PAINO Christian nei pressi dell’imbarcadero degli aliscafi, in violazione alla misure restrittiva cui era sottoposto.
Il prevenuto, dopo le formalità di rito e su disposizione dell’A.G., è stato accompagnato presso l’abitazione perché risottoposto alla stessa misura custodiale.