Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 6 febbraio 2010

Scontro diretto per la Ludica Lipari a Milazzo. Tre appuntamenti per la pallavolo

Condizioni meteomarine permettendo la Ludica Lipari sarà impegnata domani sul campo del Sacro Cuore di Milazzo. Per gli eoliani che devono recuperare una gara casalinga è un incontro delicato. Con una vittoria, infatti, i milazzesi li scavalcherebbero in classifica.
Tempo permettendo- come ci informa Patrizia Lo Surdo- torneranno in campo anche le squadre giallo-blu del Club Meligunis. Questi gli appuntamenti: prima divisione femminile in trasferta alle ore 11:oo contro il Volley Roccalumera; seconda divisione femminile a Messina alle ore 11:30 contro il Pgs Savio; al Nicola Biviano, i ragazzi della squadra maschile Avis-Lipari, recupereranno l'incontro del 10 gennaio scorso contro l'Acireale.

Si girerà a Lipari la fiction "Edda Ciano e il comunista". Leonida sarà Beppe Fiorello

(Peppe Paino- Gazzetta del sud) Passa dal libro alla fiction l'intrigante, quanto semplice, storia d'amore tra la figlia del Duce, Edda Ciano, e il partigiano Leonida Bongiorno, consumata durante gli otto mesi di confino, dal settembre del 1945 al giugno del 1946, della contessa nella principale isola eoliana.
Lo annuncia, da Londra, dove ha presentato il volume "Edda Ciano e il Comunista", il giornalista Marcello Sorgi, autore di un libro che, oltre a mettere a nudo, con lettere e documenti d'epoca la liaison tra "Ellenica" e "Baiardo" testimonia, se non simboleggia in una maniera del tutto singolare, tanto da essere incomprensibile all'estero, quel forte desiderio di riconciliazione avvertito dalla nazione dopo la guerra e la dittatura.
«Il film – dichiara Sorgi – sarà prodotto da Luca Barbareschi per Raiuno per la regia di Graziano Diana. La produzione intende iniziare le riprese a Lipari in settembre per programmarne la visione nella primavera del 2011. Leonida – svela per il momento l'autore del libro – sarà impersonato da Beppe Fiorello».
Non si sa nulla, invece, o non si può dire di più sull'attrice che reciterà il ruolo di Edda Ciano. Quel che è emerge, tra l'altro, è come due eoliani d'adozione, come Sorgi da un lato e Barbareschi dall'altro, stiano lavorando per le loro isole e per un grande ritorno d'immagine internazionale.
Sorgi, a tal proposito, sta lavorando a un altro libro su un'altra particolare vicenda che riguarda proprio l'arcipelago. Intanto, a Londra «il nostro libro eoliano, attraverso la storia di Edda e Leonida – spiega l'ex direttore de "La Stampa" – è diventato il pretesto per parlare della fine della seconda guerra mondiale, il capitolo di storia al quale gli inglesi tengono di più. Per loro il modo in cui l'Italia ha condotto la guerra cominciandola dalla parte fascista e finendola da nemica dei nazisti è qualcosa di incomprensibile».
Proprio come la storia tra Edda e Leonida, sempre per gli inglesi, ovviamente. Il dibattito, presentato dal giornalista John Lloyd, che si è sviluppato per oltre un'ora, ha stuzzicato la curiosità dei partecipanti i quali – ha raccontato sempre Sorgi – non potevano credere all'amore tra la fascista e il comunista. Del resto, Winston Churchill, il celebre uomo politico britannico premiato col Nobel, sosteneva che gli italiani affrontano una guerra come una partita di calcio e una partita di calcio come una guerra.

Eolie isolate

A causa del forte vento da nord ovest il mare attorno all'arcipelago è alquanto mosso e le Eolie tornano ad essere isolate. Da Milazzo per le isole non viaggiano ne gli aliscafi della Siremar e della Ustica Lines ne i traghetti. Un aliscafo Siremar sta garantendo i collegamenti tra Lipari, Vulcano e Salina. Da Lipari, per Vulcano- Milazzo, sono invece sono partiti il traghetto mattutino della Siremar e un catamarano della Ustica Lines. Isolate Panarea, Stromboli, Ginostra, Alicudi e Filicudi.

La truffa sui ticket per le Eolie Quattro a giudizio, 21 prosciolti

(Leonardo Orlando- Gazzetta del sud) Finisce in una bolla di sapone la maxi inchiesta "Eolian Tax" della Guardia di finanza sulla truffa dei falsi ticket per l'ingresso alle isole Eolie di turisti e visitatori stampati in una tipografia di Tropea in Calabria e spacciati per veri allo scopo di truffare l'erario, danneggiando soprattutto il Comune di Lipari beneficiario finale degli introiti.
Su un totale di 25 indagati – tra armatori e comandanti di motonavi siciliane e calabresi – solo 4 persone sono state rinviate a giudizio, tre per truffa aggravata e una per minacce a pubblico ufficiale.
Gli altri 21 imputati accusati di truffa aggravata in concorso ai danni dello Stato e di falso in scritture private sono stati tutti prosciolti da ogni accusa contestata "perchè il fatto non sussiste". La decisione è stata assunta, dopo oltre un anno di schermaglie procedurali, ieri dal Gup Antonino Zappalà che aveva dato una accelerazione al procedimento. Il 25 gennaio del prossimo anno dovranno comparire dinanzi al giudice monocratico di Lipari: Vincenzo Accoranti 48 anni, Francesco Zungri 49 anni e Filippo Niglia 49 anni, tutti di Briatico. Dovrà essere invece citato direttamente a giudizio dalla Procura – così come ha stabilito il giudice – Costantino Comerci 47 anni, anche lui di Briatico, prosciolto dall'accusa di truffa e che dovrà invece rispondere con citazione diretta del reato di minacce a pubblico ufficiale. Non luogo a procedere e conseguente proscioglimento invece per gli altri 21 indagati che sono: Salvatore Taranto 47 anni, Francesco Salamone 48 anni, Davide Taranto 33 anni, tutti di Milazzo; Bartolo Taranto 57 anni di Leni, Maurizio Sciacchitano 42 anni, Domenico Giardina 26 anni, Angelo Beninati 28 anni, tutti di Lipari, Luigi Antonio Genovese 46 anni, Mariano Genovese 41 anni, entrambi di Falcone; Costantino Paviolo 50 anni di Brolo, Samuele Giardina 38 anni di Gioiosa Marea; Giovanni Frisone 37 anni contrada Acqualadroni Messina; Mirco Savadori 31 anni di Cervia, prov. di Ravenna.
Del gruppo degli indagati calabresi prosciolti fanno parte: Antonio Comerci 55 anni, di Briatico; Pasquale Vallone 55, Severino Serrao 62 anni, Gregorio Pisano 31 anni, tutti di Pizzo Calabro, Salvatore La Rosa 49 anni di Tropea, Antonio Sposaro 52 anni di Amantea, Vincenzo Barresi 33 anni di Villa San Giovanni, Giovanbattista Foderaro 73 anni di Lamezia Terme.
Il Comune di Lipari, con il sindaco Mariano Bruno, Commissario straordinario per l'emergenza Eolie, si è costituito parte civile con l'avv. Giuseppe Di Pietro. Il collegio di difesa è strato composto dagli avv. Giuseppe Lo Presti, Fabrizio Formica, Piero Emanuele, Giovanni Randazzo, Diego Lanza, Anna Maria Abbate, Massimo Pugliese, Letterio Arena, Antonella Privitera, Ester Arena, Franco Pizzuto, Giuseppe Bagnato, Giacomo Franzoni, Giuseppe Zanghì.
L'inchiesta della Finanza aveva aveva evidenziato presunti raggiri messi in atto da armatori che non avrebbero versato nelle casse del Comune di Lipari il contributo di un euro fissato con decreto del Governo nazionale per ogni visitatore che durante la stagione estiva sbarca come crocerista nelle isole Eolie.
Dura la battaglia dei difensori che dall'inizio avevano chiesto che fosse specificato il periodo esatto in cui si sarebbero verificati gli episodi di truffa con la consegna ai croceristi dei biglietti falsi, fatto questo respinto e che alla fine hanno ottenuto i prosciolgimenti.

TIRRENIA: MATTEOLI, SALVATI 3800 POSTI, ORA OCCHIO A GARE REGIONI

“Il 31 dicembre dello scorso anno Tirrenia era morta, se il governo non avesse ottenuto un anno di proroga oggi ci sarebbero state oltre 3.800 persone a casa. Quest’anno di proroga e’ stato utile per individuare soluzioni con le regioni. Si sono trovati gli accordi e si stanno facendo le gare e la Sicilia ha dimostrato un interesse non solo per traghetti di competenza regionale, ma anche per qualcosa di piu’. Le gare che stiamo facendo nelle altre regioni assicurano posti di lavoro perche’ era previsto nell’accordo che abbiamo auspicato e alla fine sottoscritto. Chi vincera’ la gara potra’ continuare a operare senza perdere posti di lavoro e senza tagli ai collegamenti”. Lo ha detto il ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Altero Matteoli, ieri a Palermo, commentando la situazione della Tirrenia.

Tirrenia/ Onorato (Moby): Entro febbraio manifestazione interesse

Moby intende presentare, entro la scadenza fissata per la fine di febbraio, una manifestazione di interesse per la Tirrenia. Ad affermarlo, a margine della presentazione del Mascalzone Latino Audi Team 2010, il numero uno della stessa Moby, Vincenzo Onorato.
"Tirrenia sarà privatizzata con la Siremar e questo complica le cose, ma il nostro interesse è molto forte ed entro febbraio presenteremo da soli la manifestazione di interesse per tutta la Tirrenia", ha affermato Onorato. Il numero uno di Moby ha poi aggiunto che "il vero valore di Tirrenia sono le convenzioni, gli asset valgono poco".

venerdì 5 febbraio 2010

Lombardo "A Termini produzione auto"

"A Termini Imerese deve restare la produzione di automobili e ci opponiamo a qualunque ipotesi di vendita di stoviglie o lampade da tavolo. Su questo la Regione non molla. Il patrimonio di alta professionalita' che negli anni si e' consolidato a Termini Imerese non puo' essere disperso". Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, dopo aver partecipato con l'assessore regionale alle Attivita' Produttive, Marco Venturi, al tavolo tecnico sulla questione dello stabilimento Fiat di Termini Imerese che si e' svolto nella sede del ministero dello Sviluppo Economico. LE DICHIARAZIONI DEL GOVERNATORE DOPO IL TAVOLO TECNICO:

Portualità nel comune di Lipari: Minoranza presenta richiesta di autoconvocazione del consiglio comunale

Una richiesta di autoconvocazione del consiglio liparese è stata presentata dai consiglieri di minoranza, primo firmatario Giacomo Biviano. E' inviata al signor Presidente del Consiglio Comunale di Lipari, al segretario Comunale e p.c. al Vice Presidente del Consiglio Comunale di Lipari, al Vice Segretario del Comune di Lipari e al Sindaco del Comune di Lipari
Oggetto: autoconvocazione consiglio comunale sulle problematiche relative al Piano Regolatore Generale dei Porti del Comune di Lipari: discussione ed eventuali determinazioni.
I sottoscritti consiglieri comunali ai sensi e per gli effetti delle vigenti disposizioni legislative statutarie e regolamentari e del vigente regolamento del funzionamento del Consiglio Comunale:
Vista la deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 06.02.2009 nella quale viene deliberato di Impegnare l’amministrazione comunale “A porre in essere tutti gli atti consequenziali per l’approvazione da parte del consiglio comunale di Lipari, del Piano Regolatore generale dei Porti del Comune di Lipari, entro il termine di giorni 30 dalla presente deliberazione;” deliberato approvato all’unanimità;
Vista la nota prot. 15692 del 27 aprile 2009 indirizzata al Presidente del Consiglio Comunale;
Considerato che a distanza di oltre dieci mesi dalla deliberazione n. 22 del 06.02.2009 nulla è dato sapere del fondamentale strumento di programmazione del territorio evidenziando un grave ritardo da parte dell’Amministrazione Comunale e del Presidente del Consiglio nei confronti di un deliberato all’unanimità del consiglio comunale;
Considerato che da quasi un anno il Consiglio Comunale non ha più avuto alcuna notizia sull’andamento dei lavori di messa in sicurezza dei porti e sul Progetto della Società Porti di Lipari S.p.A.;
Considerato, inoltre, che lo stesso Consiglio Comunale ha in precedenza deliberato l’istituzione di una Commissione speciale relativa alla portualità nel Comune di Lipari;
considerato che la suddetta Commissione non è mai stata istituita, contravvenendo, quindi, allo stesso dispositivo votato all’unanimità;
tutto quanto sopra detto e considerato
richiedono la convocazione (autoconvocazione) del Consiglio Comunale con il seguente Ordine del Giorno: Stato della portualità e Piano Regolatore Generale dei Porti nel Comune di Lipari: discussione ed eventuali determinazioni.
L’Ufficio di Presidenza del Consiglio Comunale è invitato a mettere, nei modi e termini di legge, all’ordine del giorno nel prossimo consiglio comunale la superiore proposta di autoconvocazione.
Primo firmatario
Giacomo Biviano

Lipari: Biviano chiede a Guarino la convocazione della commissione LL.PP.

Una richiesta per una immediata convocazione della commissione consiliare Lavori pubblici è stata avanzata dal consigliere Giacomo Biviano al presidente Gianfranco Guarino. IL TESTO:
Egregio Presidente,
PREMESSO
Che la Giunta Comunale ha già approvato con propria delibera l’adozione dello schema di Programma Triennale dei lavori Pubblici 2010/2012 ed elenco annuale dei lavori anno 2010 e che lo stesso è in fase di pubblicazione, mediante affissione all’albo pretorio del nostro comune per almeno 60 giorni consecutivi;
Che alcuni progetti dei lavori di messa in sicurezza dei porti del nostro comprensorio hanno subito ulteriori e sostanziali modifiche, in particolar modo la variante apportata al progetto di sottomonastero, per il quale lo stesso Ing. Arena ha affermato che si stanno valutando gli effetti della realizzazione del molo, laddove oggi attracca la nave dei rifiuti, nella sottostante via Ten. Mariano Amendola interessata da fenomeni di bradisismo e per questo spesso allagata.
Che nulla è dato sapere sull'andamento o, addirittura, paralisi di alcuni importantissimi lavori che riguardano il nostro Comune o sullo stato di avanzamento progettuale o di inizio lavori di altrettante opere pubbliche, in particolar modo: Stato di avanzamento dei lavori di messa in sicurezza di Marina Corta; Stato di avanzamento, o meglio, paralisi, dei lavori di protezione dell'abitato di Acqualcalda; Stato di avanzamento progettuale per la protezione e messa in sicurezza dell'abitato di Canneto; Pogettazione e realizzazione ampliamento Cimitero di Pianoconte.
Che la società Lipari Porti S.p.a. non ha ancora presentato ufficialmente alcuna modifica significativa al progetto originario per la realizzazione di un sistema portuale integrato nelle principali rade dell’ isola di Lipari (Megaporto), mentre da più parti ricorrono voci di una sua sostanziale modifica, con conseguente enorme aggravio di spesa (da 80.000.000 euro a quasi 140.000.000 euro).
Che lo stesso sembra stazionare in mani ignote, nascosto ai più, e soprattutto lontano dalla partecipazione e condivisione di tutti i cittadini.
Alla luce di quanto sopra
LE CHIEDO
Di valutare l’opportunità, data la complessità, l'urgenza, l'importanza e la non chiarezza delle opere e dei fatti sopra esposti, di convocare al più presto la Commissione Lavori Pubblici, del quale il sottoscritto è componente, al fine di procedere alla trattazione e alla disamina dei seguenti punti:
Progetto per la realizzazione di un sistema portuale integrato nelle principali rade dell'isola di Lipari da parte della società Porti di Lipari S.p.a. (Condotte d'Acque + Comune di Lipari) alla luce di eventuali e sostanziali modifiche apportate;
Pogettazione e realizzazione ampliamento Cimitero di Pianoconte;
Variante di progetto per la messa in sicurezza di Sottomonastero;
Stato di avanzamento progettuale per la protezione e messa in sicurezza dell'abitato di Canneto;
Stato di avanzamento dei lavori e messa in sicurezza del porto di Marina Corta;
Stato di avanzamento, o meglio, paralisi, dei lavori di protezione e messa in sicurezza dell'abitato di Acqualcalda – loc. San.Gaetano;
Stato di avanzamento progettuale per la protezione e messa in sicurezza dell'abitato di Canneto;
Programma Triennale dei lavori Pubblici 2010/2012 ed elenco annuale dei lavori anno 2010;
Di invitare a partecipare ai lavori della Commissione i Dirigenti, i funzionari e i tecnici che Lei ritenga opportuno, così come gli Assessori competenti in materia, al fine di dare i dovuti chiarimenti a tutti i componenti della Commissione.
Distinti Saluti.
Il Consigliere Comunale
Partito Democratico
Dott. Giacomo Biviano

Ex Pumex. Il sindaco di Lipari: "Abbiamo espresso la nostra posizione politica. Si muovano adesso gli uffici"

Come da noi già anticipato ieri il sindaco di Lipari, Mariano Bruno ha incontrato gli ex lavoratori della Pumex, tornati in stato di agitazione sia per quanto riguarda la "problematica mobilità" sia per la decisione assunta dal dott. Nico Russo di "svincolarsi" dalla loro gestione.
Il sindaco, investendo della problematica il direttore generale dell'Ente, è stato chiaro: "Noi- ha detto- ci siamo espressi per quanto riguarda la parte politica, per la parte gestionale gli uffici e i dirigenti si assumano le proprie responsabilità. In attesa di notizie provenienti dal direttore generale gli ex Pumex presidiano pacificamente l'area antistante il palazzo comunale.
Ma ascoltiamo cosa ci ha dichiarato il dottore Bruno:

Ginostra in coro: Grazie dottor La Cava! Grazie NGI !

COMUNICATO STAMPA
Dopo oltre quindici mesi di parziale isolamento, ieri il traghetto Bridge della compagnia di navigazione NGI ha ripristinato i collegamenti a mezzo nave con la frazione di Ginostra.
Con l’occasione si ritiene doveroso esprimere i più sinceri ringraziamenti all’armatore dott. Sergio La Cava che, oltre ad essersi fatto carico nei giorni scorsi di effettuare un sopralluogo per verificare l’operabilità del pontile, da sempre ha manifestato la disponibilità a disporre la ripresa dei collegamenti non appena lo scalo avesse presentato le minime condizioni di sicurezza per operare e fossero state rilasciate le necessarie autorizzazioni.
Da ieri dunque a Ginostra potranno nuovamente sbarcare i mezzi per rifornire la comunità oltre che di derrate alimentari, di materiali per la manutenzione delle case, di bombole di gas, e di tutte quelle merci indispensabili per riprendere a condurre una vita all’insegna di una troppo spesso negata “normalità”.
Un piccolo ma significativo passo verso l’agognato ritorno alla piena fruibilità del pontile realizzato dalla Protezione Civile che comunque non può prescindere dalla ultimazione dei lavori di messa in sicurezza della vitale infrastruttura interrotti dallo scorso settembre.
Prof. Riccardo Lo Schiavo
Delegato MAREVIVO della sezione di Ginostra-Stromboli

giovedì 4 febbraio 2010

Santa Marina Salina: Si è concluso il torneo di calcio a cinque in memoria del giovane Pittorino

Si è conclusa ieri sera a Santa Marina Salina,la seconda edizione del Trofeo di calcio a cinque “Vincenzo Pittorino”, organizzato e promosso dal Comune di Santa Marina Salina. Il torneo, che si è disputato nel corso degli ultimi due mesi, ha riscosso un successo maggiore rispetto allo scorso anno, testimoniato dall’aumento delle squadre iscritte (dieci) e soprattutto dalla partecipazione di ben nove sponsor (Ristorante Portobello, Ristorante Bar Cambusa, Ristorante Pizzeria Batanà, Ristorante da Alfredo in cucina, Ristorante A’Cannata, Alimentari Carpe Diem, Supermercato Conad, Ristorante Lido Rapa Nui, Off Side forniture sportive), che hanno permesso la ottima riuscita dell’evento.
“Anche in questa edizione del torneo Pittorino - ha commentato durante la premiazione l’Assessore Luigi Follone, ideatore del Torneo - è emerso l’aspetto più importante, cioè la volontà di stare insieme, di giocare e divertirsi, sempre con grande sportività, dimostrato sia dal pubblico sempre numeroso, sia dai giocatori stessi, a prescindere dal comune di appartenenza o residenza e mettendo da parte campanilismi vecchi e nuovi.”
La finale giocata ieri sera presso l’impianto sportivo Rapa Nui ha visto , per il secondo anno consecutivo, la vittoria della formazione Saleçao, capitanata da Davide Osvaldo, imporsi per 5 a 2 su La Folgore guidata da Franco Di Losa, in una partita equilibrata per tatticismo e tecnica. Assegnati inoltre i premi per miglior giocatore, assegnato all’unanimità dagli arbitri a Diego Micera –Saleçao, miglior portiere a Eugenio Lo Castro – Saleçao, capo cannoniere a Gianluca Re – Saleçao e ,novità di quest’edizione, è stato assegnato alla formazione Forever Young, il premio Fair Play per la squadra che ha dimostrato maggiore sportività durante il torneo. Ogni giocatore(circa ottanta in totale),inoltre, ha ricevuto una piccola coppa personale, a ricordo della partecipazione alla seconda edizione del “Trofeo V. Pittorino”.
L’appuntamento per la terza edizione è prevista per ottobre 2010.

CONFINDUSTRIA.Nuovo incarico nazionale.Matteo Salin è vicepresidente dei Servizi innovativi

(Il giornaledivicenza.it) Matteo Salin, presidente di Ashmultimedia e presidente uscente della Sezione Servizi Innovativi e tecnologici di Confindustria Vicenza, è stato eletto vicepresidente del Comitato nazionale coordinamento territoriale (Cnct) di Confindustria Servizi innovativi e tecnologici. Presidente è il salernitano Roberto Magliulo.
Il Cnct rappresenta 15 mila aziende italiane del settore.«I primi impegni che il Comitato dovrà affrontare nei prossimi tempi sono tre - osserva Salin -. Il primo è il contratto di lavoro della categoria: finora non c'è e occorre lavorare per farne uno in grado di venire incontro ai bisogni delle imprese. Il secondo è riuscire a costruire un sistema 'web 2.0' per fare in modo che le aziende che si occupano di innovazione possano 'fare rete' . Il terzo è quello della formazione e dell'alta formazione, che possa portarci, con l'aiuto di Fondimpresa, a formare figure sempre più professionali».

A Matteo gli auguri di Eolienews

REGIONE: EDILIZIA RESIDENZIALE, AGGIORNATE QUOTE ALLOGGI

Sara' aumentato il limite massimo dell'intervento della Regione, a favore delle imprese e cooperative edili che intendono costruire alloggi, che passera' da circa 72mila (quota fissata con il decreto nel 2000, per alloggio di 95 metri quadrati) a poco piu' di 93mila euro. La Regione si fara' carico del pagamento degli interessi dei mutui contratti dagli imprenditori con le banche.
L'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilita', Luigi Gentile, ha gia' incaricato il dirigente generale, Vincenzo Falgares, di aggiornare la quota d'intervento nell'ambito del settore dell'edilizia residenziale pubblica.
"Un aggiornamento che arriva dopo dieci anni - ha detto l'assessore Gentile - e che portera' seri vantaggi al settore edile. La quota fissata nel 2000 non e' piu' adeguata alle esigenze attuali, i problemi legati alle politiche edili sono il nodo cruciale dell'assessorato alle Infrastrutture che il governo regionale intende monitorare con la massima attenzione".

Fiamme gialle al comune di Lipari

Blitz delle Fiamme gialle al comune di Lipari. Secondo indiscrezioni sarebbe scattato a seguito di una segnalazione-denuncia inerente la presenza/assenza di qualche dipendente nelle ore d'ufficio. Nel mirino vi sarebbe un settore in particolare. Massimo riserbo, ovviamente, sia sulle indagini, sia sul settore che sui risultati.
Intanto va avanti la famosa indagine sui "ruderi d'oro" inerente la "razzia" di terreni e ruderi in alcune isole delle Eolie, ai danni degli emigrati. Indagine che, come si ricorderà, ha portato al sequestro a Messina di tutta una serie di documenti in possesso di un emigrante di ritorno.
Il cerchio e il raggio d'azione si sarebbe allargato non soltanto ai "ruderi d'oro" degli emigranti ma anche al mercato di compravendita degli immobili insistenti sul territorio isolano e agli interventi posti in essere per la ristrutturazione degli stessi.
Come si ricorderà il comune di Lipari ha firmato il protocollo "antiabusivismo" proposto dalla Procura. Nel "calderone" potrebbero finire, o essere già finiti, non solo i grandi abusi ma anche i "piccoli" abusi

Vulcano: Dopo le sollecitazioni del consigliere Rifici, interventi radicali su strade comunali e provinciali. Riapre la via Reale.

Completati a Vulcano tutta una serie di interventi su strade comunali e provinciali. Dopo gli interventi di scarifica e bitumazione le strade sono tornate ad essere così come non lo erano più da diverso tempo. L'intervento è stato effettuato sia sulle strade comunali che provinciali a spese dell'amministrazione comunale di Lipari.
Una nota importante è rappresentata dal fatto che, a seguito dei predetti lavori, è ritornata perfettamente agibile la via Reale chiusa, di fatto, da oltre un anno.
L'effettuazione dei lavori è stata seguita dai tecnici dell'ufficio lavori pubblici e direttamente dall'assessore Corrado Giannò.
L'effettuazione di tali lavori a Vulcano è stata sollecitata a più riprese dal consigliere comunale Raffaele Rifici che in una breve dichiarazione rilasciateci si è dichiarato soddisfatto di quanto posto in essere e dell'interesse dimostrato dall'amministrazione per la risoluzione di una problematica che stava a cuore ai cittadini di Vulcano.

Lipari: Ex Pumex in fermento. Il dirigente Russo "lascia" la loro gestione?

Ex Pumex in fermento alla luce di tutta una serie di situazioni che si stanno delineando. Tra questi il "tira e molla" per i tre dipendenti per i quali è stata rinnovata la mobilità scaduta e non si riesce ancora materialmente a reinserirli tra gli Asu del comune, per l'ormai imminente scadenza (l'otto gennaio) della mobilità per altri otto di loro, per la decisione del dott. Domenico Russo, così come hanno appreso, di non essere più intenzionato a proseguire nella loro gestione amministrativa già a partire dal prossimo 8 di febbraio.
Di questo si è parlato stamani tra una delegazione degli ex Pumex e gli assessori Corrado Giannò e Massimo D'Auria. Contestualmente un altro gruppo attendeva notizia nell'atrio del palazzo comunale.
L'assessore Giannò si è attivato affinchè già domani ci possa essere un incontro con il primo cittadino.
In attesa dell'incontro con il sindaco Bruno gli ex Pumex, o perlomeno la larghissima maggioranza di loro, si asterrà oggi dal rientro pomeridiano.
A BREVE IL VIDEO CON UNO STRALCIO DEGLI OPERAI IN ATTESA E DELLA DELEGAZIONE:

Canneto: Incidente in un cantiere nautico. Sensibili danni ad imbarcazioni

Incidente nel cantiere nautico di Canneto, in località Unci, di proprietà di Massimo Peluso. Una gru, nel corso di operazioni di cantiere, si è parzialmente ribaltata terminando la sua corsa contro alcune imbarcazioni che si trovavano nella struttura per le operazioni di rimessaggio. Da una prima stima si parla di danni di un certo livello.
In concomitanza con l'incidente (illeso il conducente della gru) il traffico in entrata per Canneto è stato bloccato. Per accedere al centro della frazione e verso le altre zono limitrofe il traffico è stato indirizzato lungo lo stradale che abitualmente è adibito al traffico entrante, rientrando sul lungomare attraverso la via Adua.

MPA: PRESENTATA INTERROGAZIONE SUL DISSESTO IDROGEOLOGICO DEI COMUNI DELLA ZONA DEI NEBRODI (MESSINA)

COMUNICATO STAMPA
I parlamentari dell’Mpa hanno presentato un’interrogazione parlamentare sul dissesto idrogeologico dei comuni della zona dei Nebrodi in provincia di Messina a prima firma dell’onorevole Ferdinando Latteri.
“Le piogge torrenziali di metà gennaio hanno ancora una volta devastato la provincia di Messina e per scongiurare una nuova tragedia, come quella avvenuta nell’ottobre 2009, chiediamo al Governo lo stato di calamità per il territorio nebroideo e l’immediato intervento della protezione civile.
La situazione è grave. Molti i comuni, sia montani che marini, colpiti da dissesti idrogeologici. Le arterie stradali importanti sono chiuse al transito a causa di frane e non si preannunciano tempi brevi per il ripristino della viabilità. In molti paesi collinari, le strade di campagna, che di fatto sono “vie di fuga”, sono interrotte da dissesti di varia entità ed isolano nuclei residenziali e rurali. Le abitazioni risultano direttamente coinvolte da fenomeni franosi e i centri abitati sono in evidente stato di rischio, destando molta preoccupazione per i residenti del luogo. Infine, le fiumane sono oggetto di costante monitoraggio perché a rischio di esondazione”.
L’onorevole Ferdinando Latteri ha dichiarato: “Bisogna intervenire al più presto. Occorre che il Presidente del Consiglio dichiari lo stato di calamità per il territorio nebroideo, con l’auspicio dell’immediato intervento della protezione civile a sostegno della popolazione coinvolta e per gli interventi di ripristino delle vie di comunicazione delle zone colpite dalle frane”.

Ipse dixit (Comunicato stampa della minoranza consiliare di Lipari. 3° puntata))

Comunicato stampa
Ipse dixit
3^puntata
04.02.2010
Prosegue la nostra iniziativa di informazione i cittadini sulle verità nascoste dall’amministrazione Comunale, nei giorni scorsi abbiamo parlato del Distretto Turistico e della portualità, oggi parliamo di Piano Regolatore Generale e del Parco Nazionale delle Isole Eolie.
Piano Regolatore Generale
Il sindaco nel corso dell’intervista parla del Piano Regolatore Generale del nostro comune, ma, ancora una volta, la risposta ci è sembrava evasiva, poco chiara, dettata sempre per dare l’impressione che tutto vada bene, che non ci sono problemi, che tutto quello che il sindaco fa è positivo per la nostra comunità. Invitiamo il sindaco, allora, a relazione in consiglio comunale dove giace da qualche mese una nostra autoconvocazione proprio sul PRG., e di dare compiuta risposta, per iscritto, alle diverse interrogazioni presentate sull’argomento.
Parco Nazionale delle Isole Eolie
La scelta del parco è nata quasi tre anni fa su iniziativa di due parlamentari, l’on.le D’Ali e l’On. De Petris, che nella seduta n.239 del 25 ottobre 2007 in Commissione Senato hanno proposto l’istituzione del Parco Nazionale, Marino e terrestre, delle Isole Eolie, da sempre auspicato dai rappresentanti di tutte le associazioni locali maggiormente impegnate nella salvaguardia e nella valorizzazione del territorio delle Isole Eolie. Già nel 2007 si costituì un comitato spontaneo “Pro Parco” delle Isole Eolie con quasi un centinaio di adesioni.
Il Parco Nazionale che auspichiamo darà uniformità di normative su l’intero territorio delle Isole Eolie, semplificando le norme relative alle Riserve Naturali Orientate, alla Zone Z.P.S. e S.I.C., alle norme del Piano Territoriale Paesistico, integrandosi con il Piano di Gestione del Sito Unisco.
Ci auguriamo che anche su questo fondamentale strumento l’amministrazione decida di avere un confronto serio e sereno con il consiglio comunale e con l’intera comunità.
I consiglieri comunali
U.D.C. – NUOVO GIORNO – EOLIE NEL CUORE (PD – SEL)

Calcio: Ludica ancora k.o. in trasferta

Ancora una sconfitta in trasferta per la Ludica Lipari. La formazione del presidente Cirino, impegnata ieri sul campo del Rocca di Caprileone, è stata superata per 3 a 1.
La rete degli eoliani è stata messa da Antonello Giunta.
La formazione liparese deve recuperare la gara casalinga con il S. Stefano.

Da oggi un traghetto della NGI raggiungerà la frazione di Ginostra (Dalla Gazzetta del sud di oggi)

(Salvatore Sarpi- Gazzetta del sud) Da oggi il traghetto della NGI collegherà ogni giovedì la frazione di Ginostra nell'isola di Stromboli. Per quella piccola comunità sarà quindi finalmente possibile approvvigionarsi con una certa continuità dei beni di prima necessità indispensabili per un vivere il più civile possibile. La novità, grazie anche all'immediata disponibilità dell'imprenditore marittimo Sergio La Cava, è emersa a margine di un incontro che il sindaco di Lipari Mariano Bruno ha avuto ieri mattino al Comune con una delegazione di ginostresi. Il dottor La Cava, investito della problematica dal primo cittadino, ha dato ai ginostresi l'immediata disponibilità ad effettuare il collegamento. La NGI, da sempre vicina alle problematiche degli eoliani, già alla vigilia di Natale aveva provveduto a trasferire a Ginostra, nonostante le condizioni meteo avverse e un accesso al porto rischioso, un carico di bombole. La settimana scorsa, dopo che i ginostresi avevano fatto presente che la mareggiata aveva rimosso un grosso masso che di fatto rendeva pericoloso l'accesso allo scalo, un traghetto della NGI aveva verificato la possibilità di poter operare in sicurezza. Restava però da superare l'ordinanza emessa a suo tempo dal Circomare Lipari che vietava l'accesso ai traghetti per via della situazione di pericolo. Situazione superata ieri. Il sindaco Mariano Bruno in attesa di un nuovo sopralluogo dell'Autorità marittima ha emesso una apposita ordinanza a tempo indeterminato che autorizza la NGI ad approdare nel borgo per il trasferimento dei beni necessari alla vita dei ginostresi. Lo stesso sindaco è intervenuto sulla questione dell'elipista di emergenza di Stromboli nella quale, durante un soccorso, coinciso con un black-out dell'Enel, non si è attivato il gruppo elettrogeno d'emergenza e la pista è rimasta al buio. Il sindaco ha dichiarato che quell'elipista non rientra tra quelle la cui manutenzione spetta al comune essendo la stessa affidata ad una società che opera con il servizio di soccorso. Il primo cittadino ha dato disposizione viste che si diffidi chi di competenza ad intervenire e nel frattempo si agisca, in sostituzione.

mercoledì 3 febbraio 2010

Siremar. Federmar Cisl domani sciopero dei lavoratori

La Federmar Cisl ha proclamato per domani uno sciopero generale che vedrà la partecipazione dei lavoratori di Siremar per rivendicare il sostegno all’occupazione, le aspettative di carriera, abitazioni “civili” agli scafisti che vivono in strutture fatiscenti, e non ultimo, l’impiego del personale avvenga con metodi trasparenti e rispettosi della dignità del lavoratore.
Saranno garantite le corse essenziali

Sanità in Sicilia: Presentate in commissione le linee guida dei PTA

Prendono forma i Pta (presidi territoriali di assistenza) che, secondo quanto previsto dalla legge regionale di riforma del sistema sanitario, avranno il compito di riqualificare i servizi territoriali. L'assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, ha illustrato le linee guida alla commissione sanita' dell'Ars.
I PTA costituiranno il nuovo modello per l'erogazione dei servizi sanitari a livello territoriale: verranno organizzati in modo appropriato, efficace ed efficiente i percorsi assistenziali dei pazienti in relazione ai loro bisogni di salute, con particolare attenzione ai pazienti con patologie a lungo termine. Verra' data grande attenzione ai territori periferici, nei quali saranno mantenuti poliambulatori con le attivita' specialistiche essenziali, quali cardiologia, ginecologia, medicina e oculistica.
"L'istituzione dei Pta, insieme alla rimodulazione della rete ospedaliera - ha spiegato l'assessore Russo - e' la grande scommessa che abbiamo fatto con la riforma del sistema sanitario e consentira' di esaltare le grandi professionalita' presenti sul territorio regionale a cominciare dalla figura dei medici di famiglia e dei pediatri di libera scelta che avranno un ruolo fondamentale. Stiamo promuovendo un modello piu' funzionale e piu' moderno, in linea con i sistemi sanitari piu' evoluti. Ci vorra' qualche mese prima di poter constatare gli effetti positivi di questa rivoluzione assistenziale ma siamo sicuri che attraverso i Pta potremo fornire un'assistenza molto piu' completa e capillare ai cittadini e porteremo avanti il processo di deospedalizzazione che ha gia' prodotto un miglioramento degli indici di inappropriatezza". (Segue).
Il Pta, che avra' diverse formule a seconda della sua allocazione sul territorio (cittadina o periferica), si caratterizzera' come punto unico di accesso per le cure territoriali, con all'interno il centro unico prenotazioni (Cup provinciale, collegato a quello regionale) e come punto di accesso alle cure domiciliari: prevedera' inoltre uno sportello dedicato al "paziente fragile" (diabete, scompenso cardiaco con disabilita'), con l'obiettivo di attivare circuiti assistenziali privilegiati in base alle diverse esigenze.
Nei Pta cittadini di maggiori dimensioni trovera' allocazione un "punto di primo intervento", la cui finalita' sara' quella di poter gestire urgenze di basso o medio livello, evitando di intasare i pronto soccorso per problemi minori.
Nei Pta periferici, piu' distanti dai grossi presidi ospedalieri, potra' essere allocato un Pte (punto territoriale di emergenza), con apertura h. 24, collegato alla rete di emergenza - urgenza 118, in modo da poter trasferire rapidamente i pazienti che necessitano di ospedalizzazione e poter invece curare in loco le emergenza minori.
Tutte queste attivita' saranno strettamente collegate alla rete dei medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta, dei medici della guardia medica (che saranno ivi allocate per garantire le h. 12 notturne): cio' permettera' una forte integrazione, attualmente piuttosto complessa, tra medici assistenziali e specialisti dei poliambulatori.
In questo disegno di riorganizzazione delle cure primarie del territorio si e' voluto dare priorita' ai pazienti cronici, che sono i piu' problematici perche' necessitano di esami e controlli ciclici e che spesso sono costretti a girovagare tra piu' strutture senza alcun coordinamento. Sono tra l'altro i pazienti che si ricoverano piu' frequentemente e che generano ingenti costi per il sistema sanitario, una buona parte dei quali legati alle disfunzioni organizzative. Per questi pazienti il piano prevede una gestione integrata tra i medici di medicina generale e gli specialisti e, per i pazienti piu' complessi, la realizzazione di una attivita' di "day service" territoriale con team specialistici multi professionali che effettueranno controlli periodici per evitare lo scompenso della malattia e i frequenti ricoveri.
La riorganizzazione prevede anche un'altra importante novita', la forte valorizzazione delle funzioni infermieristiche: sono infatti previsti ambulatori infermieristici nei Pta e una forte centralita' dell'infermiere nella cura dei pazienti cronici.
Per assicurare il collegamento con i Pta, negli ospedali sara' prevista l'istituzione di un ufficio territoriale che sara' il riferimento per le "dimissioni protette" dei pazienti che hanno bisogno di assistenza domiciliare o residenziale e di "dimissioni facilitate" per tutti i pazienti cronici e per alcuni pazienti fragili come, ad esempio, i pazienti dimessi dopo un ictus.
Il piano ora dovra' essere modulato dalle singole direzioni regionali delle Asp che hanno gia' attivato fasi di studio e analisi dei dati.

Lipari: Toh, chi si rivede! La dottoressa Mazziotta a palazzo comunale

Visita di cortesia o.... la nostra indiscrezione non era solo tale? Stamattina al comune di Lipari abbiamo "incrociato" la dottoressa Angela Mazziotta. Era in attesa di essere ricevuta dal sindaco Mariano Bruno. Cosa, ci dicono, puntualmente avvenuta.
Di cosa avranno parlato? Forse della possibilità della dottoressa Mazziotta (vedi nostro articolo di ieri) di diventare assessore in sostituzione del dimissionario Giovanni Maggiore?
"Maretta" in casa ex Forza Italia....permettendo!

ICE(In caso di emergenza)

Riceviamo dal comandante Carmelo Maieli della Forestale e pubblichiamo:
Gli operatori delle ambulanze hanno segnalato che molto spesso, in occasione di incidenti stradali, i feriti hanno con loro un telefono portatile, ma gli operatori non sanno chi contattare tra la lista interminabile dei numeri salvati nella rubrica.
Gli operatori delle ambulanze hanno lanciato l'idea che ciascuno inserisca, nella lista dei contatti del proprio cellulare, la persona da contattare in caso d'urgenza sotto uno pseudonimo predefinito.
Lo pseudonimo internazionale conosciuto è ICE (In Case of Emergency). E' sotto questo nome che bisognerebbe segnare il numero della persona che operatori delle ambulanze, polizia, pompieri o primi soccorritori potrebbero contattare.
In caso vi fossero più persone da contattare si può utilizzare la definizione ICE1, ICE2, ICE3, etc....Facile da fare, non costa niente e può essere molto utile.
E' una buona idea ed è anche promossa dalle autorità preposte al soccorso.
Fai circolare questa notizia in modo che questo comportamento diventi un'abitudine diffusa.
Per maggiore conforto abbiamo copiato uno stralcio tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera sul web.
ICE (In Caso di Emergenza)
Il programma ICE (In Caso di Emergenza - In Case of Emergency) è stato concepito per permettere ai primi soccorsi (soccorritori, vigili del fuoco, polizia) di identificare le persone e di contattare i loro parenti prossimi per ottenere informazioni mediche. Il consiglio è di tenere nella rubrica del proprio cellulare i numeri da contattare, appunto, in caso di emergenza registrandoli con il seguente formato: ICE1 mamma, ICE2 papà, ICE3 eccetera.
Simbolo ICE
Per promuovere maggiormente l'uso di ICE, è stato studiato un nuovo simbolo, facilmente riconoscibile, per aiutare il personale di emergenza a reperire rapidamente i parenti, in caso ci sia bisogno di informazioni mediche d'emergenza per un paziente in stato di incoscienza. Il simbolo ICE è stato sviluppato per dare al pubblico degli strumenti fai-da-te, così da poter promuovere il programma ICE da parte di organizzazioni e di singoli individui per aiutare il reperimento di informazioni d'emergenza. Per esempio, il simbolo ICE sotto forma di etichetta su un cellulare permette ai soccorritori di sapere immediatamente che il paziente ha inserito i numeri di emergenza nella rubrica secondo questo criterio. Il simbolo è stato sviluppato per essere gratuito e con libertà di distribuzione. Tutti sono incoraggiati ad usare questo simbolo per promuovere la sicurezza individuale e la prontezza dei soccorsi.
Nei paesi sviluppati, circa l'80% o più delle persone possiede un telefono cellulare, e la polizia o i paramedici spesso lo utilizzano per identificare le vittime di incidenti stradali o di altro tipo. L'idea di ICE è che ognuno metta un contatto di emergenza con il relativo numero nel telefono sotto la parola "ICE". Questo permetterebbe al personale d'emergenza di avere un posto fisso dove guardare.

"Operativo" il difensore civico del comune di Lipari. Ruolo, compiti e modalità di accesso. L'intervista all'avvocato Rizzo

Primo giorno di "contatto" con i cittadini per il difensore civico del comune di Lipari, avv. Francesco Rizzo. Il legale, che è a disposizione dei cittadini, spiega ad Eolienews qual'è il suo ruolo e cosa bisogna fare per fissare un appuntamento ed incontrarlo. Il difensore civico incontrerà i cittadini che ne faranno richiesta il prossimo 11 febbraio dalle 10 alle 13 al palacongressi (attuale palazzo comunale) nell'ufficio del presidente del civico consesso liparese. L'intervista:


Fruizione area archeologica del castello di Lipari. Nuovo suggestivo percorso pedonale

COMUNICATO STAMPA
Nell’ambito degli interventi finalizzati a valorizzare l’intera area del Parco Archeologico Eoliano e garantire alla comunità dell’arcipelago ed ai turisti la fruizione di sempre maggiori spazi all’interno dello stesso, si comunica l’apertura al pubblico di un nuovo suggestivo percorso pedonale che attraversando le mura di cinta del Castello – lato mare- arriva fino alla Chiesa della Madonna delle Grazie e all’anfiteatro.
Grazie alla sinergia ed ai proficui ed indispensabili rapporti di collaborazione instaurati con l’Amministrazione Comunale, infatti, i lavori di manutenzione e sistemazione dell’ ”antico percorso della ronda”, risalente a Carlo V, sono stati ultimati dal Comune e consegnati a questo Istituto Museale.
Pertanto, effettuati i necessari interventi di pulizia e sistemazione degli spazi verdi, l’intera comunità potrà, tra non molto, fruire di questo nuovo affascinante percorso.
F.TO IL DIRETTORE DEL MUSEO
Michele Benfari
Vi proponiamo il video di un tratto della stradella e uno scorcio del panorama che da essa si può ammirare

PESCA: A BANDO 5 MILIONI PER AMMODERNARE SETTORE

Sarà pubblicato il prossimo 12 febbraio, sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana, il bando del dipartimento Pesca dell'assessorato regionale alle Risorse agricole e alimentari relativo ai Piani di gestione locali (misura 3.1- Azioni collettive). Il bando rende disponibili 5 milioni di euro per le annualità 2007-2010.
Benefiviari dei contributi sono i consorzi di imprese di pesca e le organizzazioni di produttori (Op) riconosciute: potranno presentare progetti pluriennali, della durata massima di tre anni, destinati a una gestione sostenibile degli ambienti marini e alla tutela delle risorse ittiche.
L'avvio dei Piani di gestione, ha spiegato l'assessore regionale alle Risorse agricole, Titti Bufardeci, “attiene a una seconda fase di programmazione del settore. L'obiettivo è ristrutturare attraverso i Piani l'intero segmento produttivo a partire dalle filiere, incentivando la costituzione di consorzi come modelli di sviluppo capaci di utilizzare in modo sinergico i benefici del programma operativo del Fep (Fondo europeo della Pesca). Il traguardo è ammodernare l'intero settore a livello locale e salvaguardare l'occupazione e il reddito dei pescatori”.
“Con l’introduzione di sistemi di cogestione - ha aggiunto il dirigente generale del dipartimento, Gianmaria Sparma - la Regione mira a un uso responsabile delle risorse ittiche e del nostro mare, e alla conservazione delle pesche tradizionali locali attraverso la limitazione di uno sforzo di pesca massiccia che ha un impatto assolutamente negativo sotto il profilo economico e ambientale”.
Sarà finanziato un solo Piano per ognuna delle aree individuate dagli stessi piani presentati, con un contributo pubblico pari al 100% della spesa ammessa.
La manifestazione d’interesse, per l'elaborazione dei Piani di gestione locali (Gpl) dovrà essere presentata al dipartimento entro 30 giorni a decorrere dal giorno successivo alla data di pubblicazione nella Gazzetta regionale. Se la scadenza coincide con un sabato o un giorno festivo, il termine slitterà al primo giorno utile lavorativo. Entro ulteriori 30 giorni dalla data di presentazione della manifestazione di interesse, l’amministrazione avvierà la fase istruttoria, al termine della quale sarà redatta la graduatoria che sarà pubblicata sulla Gazzetta e sul sito internet del dipartimento regionale degli interventi per la Pesca.

Ipse dixit (Comunicato stampa della minoranza consiliare di Lipari) II puntata

Comunicato stampa
Ipse dixit
2^ puntata
Prosegue la nostra iniziativa di informazione i cittadini sulle verità nascoste dall’amministrazione Comunale, ieri abbiamo parlato del Distretto Turistico, oggi parliamo della problematica legata alla portualità.
Il sindaco nell’intervista di qualche giorno fa, ha parlato espressamente della portualità turistica di Porto Pignataro, soltanto di porto Pignataro, lanciando un breve segnale per le altre isole. Come abbiamo sempre detto e sostenuto, i porti si fanno seguendo le leggi della Repubblica Italiana e le leggi della regione Siciliana.
Ancora una volta le responsabilità dell’amministrazioni sono palesi, il Comune di Lipari non dispone di un Piano Regolatore Generale dei Porti, e l’assumere esperti più o meno capaci di volta in volta, non supplisce a questa carenza assoluta dettata dalle norme regionali e dal Piano Paesistico Regionale delle Isole Eolie.
Senza il Piano Regolatore dei Porti, senza progetti approvati secondo la normativa regionale, non sarà possibile accedere ai finanziamenti comunità, sia da parte del Comune di Lipari e ancor più da parte di società più o meno partecipate. Appare inutile, quindi, scaricare responsabilità sull’Unesco o su altri enti che nessuna competenza hanno in termini di approvazione e/o bocciature di progetti.
Infine vogliamo ricordare che a distanza di alcuni mesi rimane inevasa una domanda fondamentale per le finanze del Comune di Lipari, chi deve pagare i quasi 400 centomila euro per i membri della Commissione di Gara per la scelta del socio privato per la “Lipari Porti S.p.A.” il Comune di Lipari o i privati?
I consiglieri comunali
U.D.C. – NUOVO GIORNO – EOLIE NEL CUORE (PD – SEL)

Da domani ogni giovedì la NGI collegherà Ginostra

Incontro stamattina al comune di Lipari tra il sindaco Mariano Bruno e una delegazione di abitanti di Ginostra. I ginostresi hanno investito il primo cittadino della situazione inerente l'approdo dei traghetti nella frazione anche alla luce dello spostamento, per via della mareggiata, del masso che ostruiva l'ingresso al porto. Situazione questa verificata durante un sopralluogo della NGI. Il sindaco Bruno, così come visibile nel nostro primo filmato, ha informato i ginostresi di aver già in questo senso avviato dei contattati con il dottor Sergio La Cava.
Alla presenza dei ginostresi il primo cittadino (vedi secondo filmato) ha contattato telefonicamente l'imprenditore della NGI il quale ha annunciato che già da domani collegherà Ginostra. Previa ordinanza di protezione civile che sarà emessa già nelle prossime ore dal sindaco Bruno. I due video:



Il video del contatto tra il sindaco e l'imprenditore La Cava e l'intervento in viva voce di quest'ultimo:

Salina. Un'isola, tre comuni e una storia da riscoprire

(Michele Merenda- Gazzetta del Sud) Dopo il comune di Leni, anche Malfa celebra il proprio centenario, ricordando quel 26 dicembre del 1909 in cui si formarono i tre comuni di Leni, Malfa e S. Marina Salina. La scissione interna avvenne dopo il distacco da Lipari nel 1867 (ad oggi Salina è l'unica che non dipende dall'isola più grande dell'arcipelago eoliano).
Dopo quella storica data le borgate andarono avanti a forza di contrasti, dissenzi, dispetti più o meno gravi ed interrogazioni parlamentari. Una storia complessa che è stata riassunta nel convegno tenutosi sabato scorso nella Struttura polifunzionale di Malfa dal giornalista RAI Andrea Montanari. «È assolutamente necessario – ha detto Montanari – conoscere la propria storia, altrimenti non sapremo mai chi siamo realmente e sarà molto difficile capire in quale direzione dovremmo andare. Lavorando nella biblioteca del Senato – ha svelato il giornalista –, mi sono imbattuto nella legge n. 807 che venne promulgata il 10 gennaio 1910, recante come titolo: "Divisione dell'isola di Salina in tre comuni". Vengo qui dagli anni 70 ed in me nacque subito la curiosità di capire come si era arrivati al varo di questa legge, che comunque presupponeva un dibattito parlamentare ed un nutrito apparato di documentazione». Questo e tanto altro, innestato in un momento in cui in Italia prendeva spazio un atteggiamento molto statalista e quindi poco incline a concedere nuove autonomie territoriali, è stato dibattuto assieme ai tre attuali sindaci (Riccardo Gullo, Salvatore Longhitano e Massimo Lo Schiavo), ricordando anche il ruolo giocato da personaggi storici come lo statista Giovanni Giolitti o il marchese On.le Ugo di Sant'Onofrio. Dopo aver ricordato i propri predecessori, i primi cittadini hanno ribadito le motivazioni concrete che hanno portato a quella divisione e l'importanza di capirne i contenuti, affinché, pur nel rispetto della propria identità ed autonomia, si possa portare avanti un discorso comune per il bene di Salina. Era presente, oltre ai rappresentanti delle Forze dell'Ordine, il senatore Nino Randazzo, nato proprio a Salina e poi emigrato giovanissimo in Australia. Randazzo ha evidenziato come da sempre i centri principali di Salina si siano differenziati tra loro.

martedì 2 febbraio 2010

Stromboli: Black out elettrico. Il gruppo elettrogeno dell'elipista non funziona. Impossibile atterrare per l'elicottero del 118

Può accadere in un'isola come Stromboli, sovrastata da un vulcano attivo, ed oggetto ormai da qualche anno del provvedimento governativo denominato “Emergenza Stromboli”, che l'elipista per i soccorsi resti al buio in assenza della normale erogazione Enel?
Dovrebbe essere impossibile, invece è accaduto sabato scorso.
A tarda serata, in seguito ad un black out nell'erogazione di energia dovuto al violento fortunale che imperversava sull'isola, l'elipista dove sarebbe dovuto atterrare l'elicottero del 118 chiamato per una emergenza è rimasta al buio.
Il gruppo elettrogeno d'emergenza, così come evidenziato in una lettera inviata dalla locale stazione dei carabinieri al sindaco Mariano Bruno, non è entrato in funzione e, ovviamente, nella pista non c'erano le condizioni per l'atterraggio.
Per la cronaca, Antonio Lo Schiavo “Capellaccio”, l'uomo, per il quale era stato richiesto il soccorso ha perso la vita a seguito ad infarto e, ad onor del vero, secondo quanto emerge dalle testimonianze, anche se l'elicottero era messo nelle condizioni di atterrare non sarebbe cambiato, purtroppo, nulla essendosi verificato il decesso prima dei tempi necessari per l'operazione di arrivo ed atterraggio del velivolo.
Resta, di fatto, il problema. E va risolto nell'immediatezza.
Il sindaco Mariano Bruno, dopo aver contattato il dirigente del IV settore dott. Nico Russo, ci ha dichiarato che quell'elipista non rientra tra quelle la cui manutenzione spetta al comune essendo la stessa affidata ad una società che opera con il servizio di soccorso. Il primo cittadino, comunque, ha dato disposizione, viste anche le problematiche legate alla pubblica incolumità, che si diffidi chi di competenza ad intervenire e nel frattempo si agisca, in sostituzione, per risolvere la problematica.
Da Stromboli, infine, giungono forti richieste di presenza sull'isola sia di personale medico altamente specializzato nelle emergenze così come delle idonee attrezzature. E questo al di là degli interventi posti in essere nel caso del povero Lo Schiavo.

Ipse dixit (Comunicato stampa della minoranza consiliare di Lipari)

Comunicato stampa del 02.02.2010
Ipse dixit
Ascoltando le interviste del Sindaco Bruno si ha la netta sensazione che il nostro primo cittadino si senta un po’ come Pitagora di Samo, il depositario di una verità misteriosa e divina che non può essere contraddetto. Noi, tuttavia, sappiamo che non è così, visto che il primo cittadino sfugge costantemente al confronto nelle sedi istituzionali proprie, il Consiglio Comunale, per preferire i proclami via etere. Non abbiamo bisogno di trovare parole, frasi, che affermano quanto diciamo, basti ricordare cosa scrivono di lui suoi ex assessori, presidenti del Consiglio, il vice sindaco in carica.
Nel corso dell’anno appena passato numerose sono le dichiarazioni che sconfessano l’atteggiamento e la megalomia politica del nostro primo cittadino provenienti dai suoi più stretti collaboratori.
Abbiamo ancora il ricordo di una nota a firma del Presidente del Consiglio Comunale, Pino Longo (già assessore nel precedente mandato), inviata il 10 gennaio 2009, ai giornali locali, nella quale lo stesso dichiarava: “(…) Se una colpa mi ascrivo, è di non aver inseguito il Sindaco nella sua affannosa corsa alla ricerca dell’applauso, arrivando la sera stessa dell’8 gennaio sulla nave Laurana. Non è un caso infatti che la commedia dell’arte sia nata in questo paese . D’altronde si sa, prima donna si nasce. “
Molto dettagliato, a distanza di un paio di mesi, il giudizio dell’ex assessore Giovanni Maggiore: (…) Ciò posto devo dirLe con tutta franchezza che ormai da diversi mesi il rapporto politico tra me e Lei è logorato, deteriorato, inesistente. E' da tempo che non condivido la Sua linea politica e la Sua conduzione del Paese. Tutto è basato sull'improvvisazione, sugli interventi e le decisioni dell'ultima ora quando una scadenza legislativa o amministrativa impone delle scelte, sulle enormi contraddizioni in settori di primaria necessità, come lo smaltimento dei rifiuti e la gestione dei servizi idrici. Non vi è ne vi è mai stata una reale programmazione sull'indirizzo da dare alla nostra comunità e al nostro territorio.”
Infine, tanto per festeggiare il Natale 2009, la famosa nota dell’assessore China, suo attuale vice-sindaco che scrive “(…) cosa dovrei rispondere agli interroganti? Che l’amministrazione naviga a vista poiché non esiste un indirizzo politico ed un piano di programmazione?”
Veniamo, adesso, nel dettaglio, alle affermazione del primo cittadino nel corso di un intervista “a reti unificate”.
Distretto Turistico
Da mesi seguiamo con attenzione, attraverso notizie di stampa e lanci di agenzia, le novità che stavano maturando nel Governo Regionale e nell’intero territorio siciliano in merito ai Distretti Turistici. Abbiamo seguito con attenzione anche tutta la polemica nata nel corso del mese di ottobre a seguito di tentativi di stringere rapporti sinergici con l’area dei Nebrodi. Il sindaco di Lipari che partecipa ad Ucria in un convegno promosso da Slow Food Valdemone, in collaborazione con l'Ente Parco dei Nebrodi; alcune affermazione dell’assessore Giannò; La netta e chiara presa di posizione del Consigliere Lo Cascio, esposta alla fine del mese di ottobre, specchio della posizione di tutte le forze di opposizione.
Abbiamo avuto la netta sensazione che mentre si diceva una cosa si pensava di farne un’altra, o forse alla luce di quelle polemiche l’amministrazione decide di “rivedere” la Sua posizione e seguire una strada diversa.
La nostra autoconvocazione sulle linee di indirizzo del Distretto Turistico “Isole di Sicilia” sono l’affermazione e il convinto sostegno ad un’idea che ritenevamo vincente e si è dimostrata vincente, soprattutto alla luce delle decisioni assunte dall’assessore Regionale On. Nino Strano.
A domani per la II^ puntata…..
I consiglieri comunali
U.D.C. – NUOVO GIORNO – EOLIE NEL CUORE

La "Lunga notte di Lipari". Il Centro Studi chiarisce

Comunicato Stampa del 02.02.2010
Oggetto: convegno “La Lunga Notte di Lipari”
Alla luce delle notizie apparse nella giornata di ieri sui siti dei giornalisti eoliani, riteniamo opportuno chiarire alcune aspetti del programma del convegno.
L’idea del convegno nasce a seguito della decisione del Centro Studi di dare alle stampe il frutto di una lunga serie di ricerche, durate oltre due anni, da parte del Dott. Giuseppe La Greca sulla tematica del confino coatto nell’isola diLipari.
La monografia ricostruisce le vicende storiche, sociali ed umane legate al confino coatto comune, ed ancor più al confine coatto politico, sia nel corso del Regno delle Due Sicilie sia nel corso dei primi quarant’anni del Regno d’Italia.
Nel corso del Regno delle Due Sicilie sono numerosi gli esponenti della nobiltà giacobina (Il Duca di Accadia, Fabrizio Dentice), dei carbonari, dei parlamentari del Governo di Ruggiero Settimo del 1848 (Sebastiano Carnazza) condannati all’esilio ed al confino coatto nell’isola di Lipari.
Anche nel Regno d’Italia, sin dalla nascita, sono state numerose le persone condannate al confino coatto prima, ed al confino coatto politico nel corso degli ultimi venti anni dell’ottocento.
Grazie alle loro memorie, ai loro scritti (quasi sempre inediti e sconosciuti al grande pubblico), ai giornali che si pubblicavano a Lipari nel corso del 1890/1891, 1912/1913, 1926, conosciamo le condizioni di vita in cui erano tenuti tanti operai, lavoratori, sindacalisti, esponenti politici nell’isola di Lipari.
I libri denuncia scritti da Ettore Croce ispirarono delle fortissime campagne stampa, conferenze, dibattiti, per pervenire all’abolizione di questa drammatica condizione in cui erano tenuti tantissimi italiani.
Le condizioni di vita dei coatti di Lipari, sia comuni sia politici, trovano spazio in Parlamento, grazie ad una straordinaria testimonianza dell’Onorevole Andrea Costa.
Il Centro Studi, a conclusione di tale lavoro, ha deciso di dare una stampe il volume che racconta “La Lunga Notte di Lipari” ed organizzare un Convegno a Lipari nelle giornate del 28 e 29 maggio 2010, da tenersi all’interno del Castello di Lipari, il lungo nel quale i coatti erano tenuti segregati per buona parte della loro giornata.
Il programma è ancora nella fase di costruzione e potrà subire modifiche nei relatori e negli enti che decideranno di sostenere e patrocinare l’iniziativa.
Cordiali Saluti
Il Presidente del Centro Studi
Nino Saltalamacchia

PESCA IN SICILIA: AL VIA DOMANDE PER FONDI CALAMITA' NATURALE 2009

E' stata pubblicata sul sito internet del dipartimento regionale della Pesca la circolare che contiene anche lo schema di domanda per pescatori e armatori interessati ad accedere alle provvidenze della legge 33 del '98 che applica alle marinerie, per la prima volta, l'istituto della calamita' naturale.
Le domande vanno presentate entro trenta giorni dalla data di pubblicazione, presso la competente Capitaneria di Porto.
Per le calamita' naturali dell'anno 2009, sono stati reperiti 35 milioni di euro. "Si tratta -dice l'assessore regionale alla Pesca, Titti Bufardeci- dell'ultimo passaggio tecnico che, di concerto con le Capitanerie di Porto, consente di liberare concretamente le risorse stanziate dal governo regionale, per la prima volta dopo 11 anni".

L'idroambulanza non si tocca dalle isole. L'intervento del consigliere provinciale Branca

Il consigliere provinciale Massimiliano Branca ha, con lettera aperta, rivolto una richiesta di immediato intervento al Presidente, Nanni Ricevuto ed all’assessore provinciale di competenza, per chiarire e provvedere all’incresciosa situazione che sta provocando una vera e propria rivolta nelle Isole Eolie, in generale, e nell’isola di Vulcano in particolare.
Il problema riguarderebbe l’idroambulanza che -acquistata nel corso dell'amministrazione Buzzanca dalla Provincia Regionale di Messina e destinata al servizio di soccorso nelle Isole Eolie- e' stata concessa in comodato d'uso gratuito alla Croce Rossa di Messina la quale ha provveduto a garantire il servizio, fino al 2008 con base nell'isola di Salina e per l'anno 2009 con base nell'isola di Vulcano. Ultimamente però, su richiesta della Croce Rossa di Messina, la stessa idroambulanza, acquistata con denaro della Provincia , è stata ceduta in proprietà alla stessa CRI, che, da fonti bene informate, apprendiamo, - scrive il consigliere- sarebbe intenzionata a destinarla ad altro comune. La Croce Rossa - dopo aver sospeso il servizio di Pronto soccorso nelle Isole di Filicudi e Vulcano e disposto il ritiro delle Ambulanze (tranne quella di Vulcano che e' stata temporaneamente trattenuta a seguito della protesta dei cittadini ed un’ ordinanza del Sindaco di Lipari)- sembrerebbe in tal modo determinata ad assestare un duro colpo ai cittadini isolani ed ai turisti ledendo il loro costituzionalmente garantito diritto alla salute. E' opportuno, pertanto, - continua Branca - una dura presa di posizione da parte dell’Ente Provincia, impedendo il trasferimento del mezzo ad altra sede, e provvedendo, invece, ad assicurare un pronto intervento sanitario attrezzato con tutti gli strumenti necessari.

Richiesta di risarcimento per 100 mila euro + interessi. Il geometra Beninati scrive al dirigente del III° settore del comune di Lipari

Richiesta di risarcimento per 100mila euro + interessi a favore della signora Bacchetti.
Il geometra Claudio Beninati(nella foto) scrive al dirigente del III° settore Biagio De Vita e preannuncia azioni di tutela della sua immagine.
Lo stesso geometra Beninati ci ha fatto pervenire copia della lettera (prot.3919) che volentieri pubblichiamo:
IL TESTO:
Lipari 02/02/2010
Al dirigente del III° settore
Arch. Biagio De Vita
e p.c. Sig. Sindaco
Oggetto: comunicazione- pratica Bacchetti Sabrina (prat. ill. 179/04)
In data 28/01/2010 nel sito Eol News ed in altri siti, nonchè sul quotidiano Gazzetta del Sud è apparso un articolo con il quale il legale, Avv. Alfio Ziino, ha rappresentato che una sua assistita ovvero la Sig.ra Bacchetti Sabrina, intende promuovere un'azione risarcitoria nei confronti del comune di Lipari per euro 100.000,00 ciò in ragione di una sentenza della Corte di Appello di Messina sez. penale, con la quale è stato travolto l'accertamento edilizio dell'ufficio illeciti congiunto con i VV.UU., cos' manifestando una non veritiera attività di accertamento da parte degli uffici e quindi anche del sottoscritto, specificatamente nominato.
Avendo conferito mandato al mio legale di fiducia, Avv. Rosario Venuto, affinchè assuma ogni iniziativa finalizzata a tutelare la mia immagine e la serietà dell'attività che ho svolto e che svolgo da anni nell'interesse dell'Ente, con la presente e per la correttezza che mi contraddistingue, Le invio il fascicolo de quo affinchè la S.S. possa affidarla ad altro tecnico.
Tanto dovevo nel rispetto dell'Ente presso il quale sono assunto
Distinti saluti
Il responsabile del II° servizio
(Geom. Claudio Beninati)
Nota del direttore- Così come è nel nostro stile e nella correttezza professionale che ci ha sempre contraddistinto abbiamo pubblicato integralmente la lettera che ci è stata fatta pervenire dal tecnico comunale.
Pronti a seguire l'evoluzione della vicenda, e a darne ampio risalto, non possiamo che puntualizzare quanto segue:
Gli articoli a cui si fa riferimento, uno in modo più ampio, l'altro in modo più ridotto, non fanno altro che riportare, con tanto di virgolettato, quanto riportato nell'atto stragiudiziale che l'avvocato Alfio Ziino ha fatto notificare al sindaco di Lipari, il 18/1/2010, a seguito di sentenza della Corte d'Appello favorevole alla sua cliente.
Il riferimento alla testimonianza del comandante della Forestale, Carmelo Maieli, è estrapolato da quanto riportato nella sentenza (n.981/2009) emessa dalla Corte d'Apppello di Messina (Presidente Mango) il 19 ottobre 2009 e depositata in cancelleria l'11 gennaio 2010.
L'articolo in questione su eolienews è visibile a questo link
http://eolienews.blogspot.com/2010/01/labuso-non-ce-dopo-la-sentenza-della.html
Per la cronaca sul sito è stato pubblicato il 27 gennaio e non il 28 come riportato dal geometra Beninati.

Agevolazioni ai meno abbienti. In una interrogazione la "proposta Centorrino"

Una interrogazione avente per oggetto agevolazioni riguardanti acqua, luce, trasporti, ecc. è stata presentata dal consigliere comunale Rosario Centorrino al sindaco di Lipari.
IL TESTO:
In diversi periodi dell’anno, molti sono i cittadini che, in base al proprio reddito, possono usufruire dei vantaggi esposti in oggetto.
Ottima iniziativa che andrebbe perfezionata in modo da non penalizzare quanti, in mancanza di informazioni, non possono presentare le dovute domande per accedere a tali benefici.
Chiedo alla S.S. che intervenga affinché venga elaborato un elenco degli aventi diritto a tali detrazioni, operando verso tutti e in automatico sulle bollette, evitando in tal modo che nessuno dei possibili beneficiari venga escluso.
Si richiede risposta scritta.
Cordiali saluti.
Lipari, lì 02/02/2010
Il Consigliere Comunale
Rosario Centorrino

Concessione del buono socio sanitario. Le modalità

Comune di Lipari Capofila Distretto socio-sanitario 25
Il Presidente del Comitato dei Sindaci
VISTA la L.R. n. 10/2003 , art. 10
VISTO il Decreto Presidenziale 7 luglio 2005
VISTO il Decreto Presidenziale 7 ottobre 2005
VISTO il Decreto Presidenziale 10 luglio 2008
Rende noto
Che si accolgono le domande di concessione del buono socio-sanitario di cui alla L.R. n. 10/2003 , art. 10.
Possono presentare istanza le famiglie residenti nel territorio regionale che accolgono nel proprio ambito:
- anziani ultra69enni in condizioni di non autosufficienza certificata (invalidità civile 100% con indennità di accompagnamento)
-disabili gravi riconosciuti e certificati ai sensi della L. 104/92.
I soggetti per i quali viene richiesto il beneficio devono essere conviventi e legati da vincoli di parentela.
Il limite di reddito del nucleo familiare (compreso il soggetto da assistere) per l’accesso al buono , valutato con certificazione ISEE, è fissato in euro 7.000,00.
Le istanze di concessione del buono, redatte su apposito modello disponibile presso l’ufficio servizi sociali, dovranno essere inoltrate al comune di residenza entro e non oltre il 30 aprile 2010, e dovranno essere corredate dalla seguente documentazione :
-attestazione I.S.E.E. dell’intero nucleo familiare ;
-verbale della commissione invalidi civili attestante l’invalidità al 100% con i.a. (se anziano);
-certificazione attestante la disabilità grave ai sensi dell’art. 3 comma 3 della L. 104/92 (se disabile);
-piano personalizzato proposto dal medico di base.
Per informazioni ed il ritiro dei moduli rivolgersi all’ufficio servizi sociali del Comune di Lipari. Lipari, 1 febbraio 2010
p. Il Presidente del Comitato dei Sindaci(Assessore Massimo D’Auria)

Più Mazziotta che Spinella. Sarà una donna il prossimo assessore della giunta Bruno. "Tempeste" permettendo

Sarà sicuramente una donna il prossimo assessore della giunta Bruno. Il sindaco è pronto a nominarla... "tempeste" politiche permettendo.
Il sindaco di Lipari Mariano Bruno questa settimana, al più tardi la prossima, dovrebbe nominare l'assessore che prenderà il posto del dimissionario Giovanni Maggiore. Il condizionale è d'obbligo visto come vanno e come potrebbero andare le cose. Bruno è intenzionato a nominare la dottoressa Angela Mazziotta.
La fonte è certa, anche se il primo cittadino, da noi interpellato, ha preferito glissare sul nominativo, non ha ne confermato ne smentito, ma, sotto sotto, ha lasciato intendere che le cose potrebbero andare così.
Bruno ci ha invece confermato i tempi per la nomina del nuovo assessore
Dopo il nome della dottoressa Anna Spinella, più volte assessore in pectore(nonostante le smentite) e sul quale non ci sarebbe una totale convergenza, il dottore Bruno sembra intenzionato a puntare sulla dottoressa Angela Mazziotta, già candidato a sindaco nelle scorse amministrative.
Certo resta da capire se è una idea del dottore Bruno (ribadiamo la notizia è certa) e cosa accadrà.. o sta già accadendo tra gli ex forzisti.
Quel che è certo sarà tempesta...o perlomeno....maretta!

Sicilia. Piano casa da rivedere tra progetti di qualità e incentivi ai privati nei centri storici

Da oggi a Sala d'Ercole si torna a parlare del Piano Casa. E il dibattito si preannuncia vivace, anche per gli emendamenti che potrebbero portare alla rimodulazione del testo uscito dalla commissione, approvato con i soli voti dei rappresentanti di Mpa, Pdl-Sicilia e Pd. Infatti, il rappresentante dell'Udc, Totò Cintola, ha votato contro, mentre quelli del Pdl, i cosiddetti lealisti, con in testa il presidente Fabio Mancuso, hanno disertato la votazione, facendo, però, sapere, non solo di non essere d'accordo sul disegno di legge approvato dalla commissione, ma di avere intenzione di riscriverlo in aula. Oltre agli emendamenti di Pdl e Udc, comunque, dovrebbero essere discussi anche quelli del Partito democratico che intende ripresentare in aula gli emendamenti concernenti la riqualificazione degli ambiti urbani degradati e il trasferimento ai comuni della programmazione di interventi per la qualità urbana. "La tragedia di Favara - ha dichiarato in proposito il deputato Davide Faraone del Pd deve far riflettere: il "Piano casa" recentemente approvato dalla commissione Ambiente dell'Ars è un primo passo importante per dotare la Sicilia di una legge utile per far fronte all'emergenza abitativa, ma può e deve essere migliorato, tenuto conto delle condizioni in cui versa il patrimonio edilizio e urbano della maggior parte delle città siciliane". Sulla stessa linea l'assessore regionale ai Beni culturali e all'Identità siciliana, Gaetano Armao, che ha auspica la promozione della qualità del progetto d'architettura e puntare su opere di architettura contemporanea. "La ratio dell'emendamento - ha precisato Armao - individua nel Piano casa lo strumento del rinnovo edilizio attraverso iniziative individuali e diffuse. Si punta sull'architettura contemporanea, con particolare riferimento alle periferie. Ma il discorso vale anche per i contesti storico artistici e paesaggistici, nel rispetto degli strumenti di tutela e salvaguardia". "Il riferimento non è solo al profilo strutturale e alla bioedilizia - ha concluso Armao - ma anche ad una profonda riqualificazione del tessuto delle nostre città lacerato, se non devastato, da ondate reiterate di abusivismo".
In questa direzione andava un bando cui si stava lavorando all'Assessorato lavori pubblici, suggerito da un gruppo di tecnici messinesi coordinati dall'ing. Pietro Mandanici, che avevano proposto di ridare linfa alla ricostruzione nei centri storici, offrendo ai proprietari la copertura degli interessi a fronte di prestiti bancari a carico dei singoli. Un incentivo che spronerebbe a mettere in sicurezza edifici malandati, immobili ricadenti nelle zone "A" (art. 12, comma 2, lettera j) che specie nei piccoli centri presentano piccole unità abitative, in passato destinate a stalle, fienili, concimaie, abitazione popolari, ecc. ed oggi prive dei più elementari requisiti sia urbanistici ed igienico-sanitari (per altezze e superfici degli ambienti interni, rapporti di areo-illuminazione inferiori ai minimi necessari), sia strutturali (strutture portanti fatiscenti, orizzontamenti e coperture pericolanti). Il rispetto del dettato delle vigenti normative, in particolare quelle relative al superamento delle barriere architettoniche, oppure, e soprattutto, quelle sismiche (anche con l'entrata in vigore delle Nuove Norme tecniche per le costruzioni, normativa antisismica riconosciuta, tra l'altro, tra le più avanzate al mondo), è facilmente raggiungibile soltanto attraverso un integrale intervento di demolizione e ricostruzione, non celandosi dietro ad onerose (e non attendibili dal punto di vista prestazionale) opere di manutenzione ordinaria, straordinaria e di restauro conservativo, uniche tipologie di interventi consentiti, nella stragrande maggioranza dei casi, per gli immobili in zona "A". La proposta quindi di eliminare l'esclusione prevista all'art. 12, permettendo l'esecuzione degli interventi proposti anche in quegli immobili ancorché ricadenti in zona "A", privi di qualsiasi valore storico-architettonico, mediante la redazione di una valida progettazione architettonica da assoggettare comunque alla preventiva autorizzazione delle Soprintendenze.
La giornata di ieri è stata caratterizzata da riunioni di partiti e gruppi parlamentari. A Catania, alla direzione Udc, il segretario Saverio Romano ha smentito l'imminente passaggio di deputati del suo gruppo all'Ars e, in particolare, quello dell'on. Fausto Fagone, presidente della commissione Cultura, all'Api di Rutelli. Il movimento, presentato all'Ars l'altra settimana dall'on. Egidio Ortisi, conta già sul sostegno dell'on. Mario Bonomo, passato dal Pd al gruppo misto, e sono in molti ad essere convinti che presto a Sala d'Ercole potrà contare su un proprio gruppo parlamentare. Sempre a Catania si è riunita anche la direzione regionale del Pd: il segretario regionale Giuseppe Lupo ha fatto il punto sulla situazione determinatasi a livello regionale. Contrario al sostegno al governo Lombardo si è dichiarato il senatore Enzo Bianco che, come si ricorda, nel 2005 perse la corsa alla carica di sindaco per la presenza delle liste del neo costituito Mpa.
A Palermo, la capogruppo del Pdl-Sicilia, Giulia Adamo, ha insistito sulla necessità che i beni confiscati a Cosa nostra siano destinati "in un'ottica risarcitoria delle comunità locali e, in maniera proporzionale ai valori sequestrati o confiscati, allo sviluppo economico dei territori danneggiati".

Tonno rosso: Via libera alla moratoria: congelato in Italia il 70% della quota 2010

Via libera alla moratoria: la pesca del tonno rosso rimarrà bloccata per un anno in Italia. Lo ha approvato la Commissione consultiva centrale della pesca e dell’acquacoltura presieduta dal sottosegretario del ministero delle Politiche agricole Antonio Buonfiglio. In pratica ci sarà il congelamento di oltre il 70% delle quote destinate all’Italia per il 2010, pari a circa 1.500 tonnellate assegnate al sistema a circuizione, considerato a più alto impatto ambientale.
"Si tratta di una sorta di riserva nazionale - spiega soddisfatto Buonfiglio al termine della riunione - che abbiamo voluto costruire oggi in attesa dell’evoluzione della situazione che rispetta le esigenze un pò di tutti".
La decisione è stata quindi comunicata a Bruxelles e, a questo proposito, il sottosegretario auspica che il modello italiano possa essere seguita da altri Paesi dell’Ue.
La Commissione consultiva ha condiviso la proposta di Buonfiglio volta a una sostenibilità economica e ambientale.
Una decisione, fa notare il sottosegretario, che sembra convenire a tutti: agli ambientalisti per la ricostituzione degli stock in mare del tonno rosso, tra gli animali con i più lunghi tempi di riproduzione (2 anni), ma anche ai pescatori, ai quali non conveniva comunque uscire in mare con una quota poco remunerativa e insufficiente per affrontare la campagna 2010 che durava appena 1 mese.
Tutti contenti insomma, fanno sapere dal ministero, all’insegna della sopravvivenza del tonno, ma anche, grazie alle garanzie economiche previste, per la sopravvivenza di una comparto che rappresenta migliaia di posti di lavoro tra indotto e operatori diretti.

Riforme elettorali. Il PD per il ritorno alla doppia scheda

Elezione dei sindaci e dei presidenti di Provincia: il Pd per il ripristino della doppia scheda, come previsto dalla legge del '92, varata con il governo Campione, che introdusse, facendo da apripista all'Italia intera, l'elezione diretta dei sindaci. La legge siciliana fu poi modificata su pressione delle segreterie dei partiti romani e adeguata alla normativa nazionale. "Penso - ha detto in proposito Giuseppe Lupo, concludendo i lavori della direzione regionale - che una delle riforme più ambiziose che possiamo proporci è l'introduzione della doppia scheda per l'elezione dei sindaci e dei consigli comunali e dei presidenti di provincia e dei consigli provinciali. L'attuale legge elettorale, che prevede l'elezione degli organi degli Enti locali con un'unica scheda, distorce le regole della democrazia, mortifica la partecipazione e la libertà di scelta degli elettori". "Il cittadino- ha spiegato Lupo - è spesso ignara vittima di un meccanismo politico-clientelare di attribuzione automatica del voto di preferenza espresso a favore dei candidati per i consigli anche a favore dei candidati alla carica di sindaco o di presidente di provincia delle liste collegate. Meccanismo, questo, - ha aggiunto - che porta al proliferare di liste e candidati ai consigli al solo fine di trascinare il voto a vantaggio di un sindaco che l'elettore in realtà non ha consapevolmente scelto. Non si spiega diversamente l'elezione di sindaci che stanno governando malissimo

lunedì 1 febbraio 2010

"La lunga notte di Lipari" Prende corpo il convegno sul confino coatto politico

Il 28 e il 29 maggio nei luoghi del carcere coatto del Castello di Lipari si terrà il convegno: “LA LUNGA NOTTE DI LIPARI” - IL CONFINO COATTO POLITICO DURANTE IL REGNO DELLE DUE SICILIE E NEL REGNO D’ITALIA- ASPETTI STORICI, ASPETTI SOCIALI
Questo il programma di massima:
28/05/2010
Inaugurazione del convegno con la Mostra Fotografia sul confino coatto a Lipari
Michele Benfari, Direttore Museo Archeologico Luigi Bernabò Brea di Lipari
Inizio convegno
Saluto delle Autorità locali e regionali;
Interventi
IL CONFINO COATTO POLITICO NELLA LEGISLAZIONE DEL REGNO DELLE DUE SICILIE
la rivoluzione del 1795
la rivoluzione del 1820
la rivoluzione del 1848
IL CONFINO COATTO POLITICO NELLA LEGISLAZIONE DEL REGNO D’ITALIA
il ventennio della repressione- 1880 – 1900, il movimento operaio, i Fasci Siciliani, la nascita dei sindacati, la nascita del Partito Socialista
i governi Crispi, di Rudini’, Pelloux: la repressione Crispina, i moti della Lunigiana, la repressione dei moti della fame a Milano;
anarchici e socialisti al confino
Relatori:
Giorgio Benvenuto Presidente Fondazione Bruno Buozzi
Piero Crateri, ordinario di Storia contemporanea Università degli Studi Sant’Orsola Benincasa di Napoli, Napoli
Alberto La Volpe
Prof. Franco Cardini, Firenze
- Prof. Adriana Ferlazzo, Università degli studi di Messina
Nella serata: rappresentazione Teatrale
a cura del Piccolo Borgo Antico di Lipari
***
GIORNATA DEL 29/05/2010
Lipari al tempo dei coatti
I relegati Comuni e i relegati Politici nel corso del Regno delle Due Sicilie: giacobini, carbonari, rivoluzionari.
Il Duca Fabrizio Dentice, duca d’Accadia, evaso da Lipari il 29.12.1799
Stefano Mollica di Lipari, combattente per la libertà nelle giornate di Napoli del 1848.
I relegati coatti e politici nelle Isole Siciliane: Ustica
I relegati comune e politici nel corso del Regno d’Italia
Gli anarchici: Amedeo Boschi
I socialisti: Ettore Croce
La campagna politica per l’abolizione del confino coatto politico a Lipari: Andrea Costa
Relatori:
Lidia Ravera; Giuseppe La Greca, autore della Monografia “La Lunga notte di Lipari”, Presidente Centro Studi di Ustica Simonetta Fiori, Tano Gullo “Repubblica”
Nella serata
Concerto musicale in chiusura del convegno

Lipari: La minoranza propone un pro-memoria al presidente del consiglio Longo

E' indirizzata al Presidente del Consiglio Comunale di Lipari e al Segretario Generale del Comune di Lipari una nota dei consiglieri di minoranza avente per oggetto: calendarizzazione sedute del Consiglio Comunale
Signor Presidente,
a seguito della conferenza dei capigruppo del 28 gennaio u.s., le confermo l’elenco delle priorità per la seduta del consiglio comunale in cui saranno discusse le autoconvocazione ad oggi depositate e poste all’o.d.g, dei lavori del consiglio:
1^ seduta
1 - linee di indirizzo relative alla costruzione del Distretto Turistico “Isole di Sicilia” (Biviano + 6).
2 - Piano Regolatore Generale, discussione ed eventuali determinazioni (Lo Cascio + 6);
3 - Trasporti marittimi e trasporti intermodali delle Isole Eolie, discussione ed eventuali determinazioni ( Lauria + 6) [possibilità di unificazione con punti: collegamenti intermodali con aeroporti della Sicilia e Reggio Calabria, discussione ed eventuali determinazioni, mozione Lo Cascio + 5];
4 – Problematiche relative alla gestione delle reti Idriche del Comune di Lipari. Discussione ed eventuali determinazioni, mozione Biviano + 3; [possibilità di unificazione con il punto “Modifica art. 7 del regolamento del servizio Idrico approvato con delibera del consiglio comunale n. 93 del 10.12.2002, mozione Megna e Fonti];
5 – problematica relativa alle aree artigianali del Comune di Lipari, discussione ed eventuali determinazioni (Biviano +3 );
6 – Problematiche relative al Piano di utilizzazione delle spiagge e del demanio marittimo nelle isole del Comune di Lipari, discussioni ed eventuali determinazioni (Biviano + 6);
7 - problematica relativa allo Stabilimento di San Calogero, discussione ed eventuali determinazioni (Biviano + 7);
8 – emergenza nel territorio delle Isole Eolie, discussione ed eventuali determinazioni (Biviano + 6);
9 – catasto dei soprassuoli percorsi dal fuoco e pianificazione antincendio per l’anno 2009, discussione ed eventuali determinazioni (Lo Cascio + 5);
10 – problematiche relative alla riconversione delle cave pomicifero dell’isola di Lipari, discussione ed eventuali determinazioni, (Lo Cascio + 7);
11 – Problematiche relative alla istituzione di Comitati di Quartiere nell’isola di Lipari, discussione ed eventuali determinazioni (Biviano + 7);
2^ seduta
1 – Decreto Ingiuntivo a carico del Comune di Lipari da parte dei membri della commissione per l’individuazione del socio di maggioranza per la società per azioni mista pubblico-privata “Lipari Porto S.p.A.” discussioni ed eventuali determinazioni (Lo Cascio +5);
2 – problematiche relative alla “San Giorgio S.p.A.” discussioni ed eventuali determinazioni (Lauria + 4) [da unificare con “Problematiche sollevate dal Dirigente del Settore Economia e Finanze del Comune di Lipari, discussione ed eventuali determinazioni (Biviano + 3)];
3 – Problematica relativa alla sentenza T.A.R. di Catania, discussione ed eventuali determinazioni (Lauria + 6);
4 – Problematiche relative alla Piazza Ugo S. Onofrio ed aree limitrofe, discussione ed eventuali determinazioni(Biviano + 6);
5 – Problematiche relative ai servizi elettrici nel territorio comunale, discussione ed eventuali determinazioni (Lo Cascio + 4);
6- Problematica relativa alla chiusura dell’Ufficio Postale nella frazione di Quattropani, discussione ed eventuali determinazioni (Biviano);
7- Rafforzamento delle Forze dell’Ordine all’interno del territorio comunale, discussione ed eventuali determinazioni (Biviano + 3) [da unificare con “Voto di Plauso per l’azione svolta dal Comando della Guardia di Finanza di Lipari e Milazzo per la tutela ambientale del territorio delle Isole Eolie, (Paino + 3)].
8 – problematica relativa all’interruzione del rapporto di Lavoro del personale precario in servizio presso l’istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Catania. Discussione ed eventuali deteterminazioni (Biviano + 3);
9 – rettifica dell’attuazione tabulazione delle strade Vico Baleari e Vico Marte e iniziative per ulteriori revisioni della toponomastica stradale per una restituzione della memoria storia delle vittime del confino fascista nel Comune di Lipari, discussione ed eventuali determinazioni (Lo Cascio + 2);
10 – discussione sulla bozza di legge regionale sulle Isole Minori della Sicilia, discussione ed eventuali determinazioni (Lo Cascio + 4);
11 – Locali del Palazzo Municipale da destinare ai gruppi di Minoranza del Consiglio Comunale,discussione ed eventuali determinazioni (Sabatini + 2).
12 – Interrogazioni ed interpellanze.
Le ricordiamo, inoltre, che ad oggi non è stata inserita all’o.d.g., del lavori del consiglio la decisione deliberata ad unanimità dei voti in merito alle indagini amministrative votata il 30.11.2009, delibera 104, a seguito delle affermazioni del Vice Sindaco Giulio China.
Distinti Saluti.
I consiglieri Comunali

Da You tube il video di "Maria Marea" girato dai Pooh a Lipari

Girando su youtube abbiamo rintracciato il video realizzato dai Pooh nel 1993 a Lipari per la canzone "Maria Marea". Cliccando sul sottostante link, oltre alla canzone, scorreranno le immagini dove avrete occasione di vedere alcuni personaggi dell'isola, decisamente più giovani.

In arrivo un nuovo balzello da parte del comune di Lipari

(di Aldo Natoli) La Concessioni Edilizia, oggi Permesso per costruire, essendo equiparata ad atto pubblico, appena rilasciata deve essere trascritta presso l’Ufficio dei Registri Immobiliari di Messina. Tale compito spetta al Segretario Comunale, oggi al Dirigente. Al beneficiario dell’atto compete soltanto l’onere di pagare la tassa di trascrizione ed i relativi bolli.
Il Comune di Lipari, probabilmente per sanare qualche pauroso arretrato, in questi giorni ha pubblicato un bando con il quale intende trasferire tale compito ad agenzie di servizi catastali, o singoli professionisti (Ingegneri, Architetti, Geometri), con comprovata esperienza in materia. Non entro nel merito sulla fattibilità giuridica del mandato che si vuole trasferire all’esterno dell’Ente essendo la trascrizione dell’atto di chiara competenza degli uffici comunali, ma intendo soffermarmi sull’aspetto economico. E’ chiaro che l’agenzia o il professionista incaricato della trascrizione dovrà percepire un compenso. E’ altrettanto chiaro ed ovvio che tale onere non può essere posto a carico dell’utente rientrando la trascrizione della C.E., come già detto, tra i compiti che l’Ordinamento Amministrativo assegna a dipendenti comunali, quali P.U.
Tra l’altro i cittadini per ottenere il rilascio del Permesso per costruire, o C.E, versano al Comune la somma di Euro 150,00 per spese istruzione pratica ed Euro 50,00 per diritti di segreteria (Delibera G.M. n°37/05). Tali somme comprendono tutto il disbrigo della pratica edilizia.
E’ quindi l’Ente che deve farsi carico di pagare ai professionisti esterni la prestazione di lavoro effettuata. Non può l’Amministrazione comunale, o il Dirigente, riversare l’onere sui cittadini per ridurre il carico di lavoro dei dipendenti.
Non credo che la Corte dei Conti, il Segretario Dirigente Generale dell’Ente, o il Difensore Civico, che finalmente è all’opera, possano consentire che venga posto a carico dei cittadini anche questo “balzello”, palesemente illegittimo. Ritengo quindi che il Bando vada annullato o modificato. Se l' Ente non è in grado di assolvere alla trascrizione delle C.E, lo ammetta, diminuisca le somme richieste (Euro.200,00) che comprendono anche questa prestazione, e lasci liberi gli utenti di assolvere direttamente o tramite i propri tecnici alla regolarizzazione dell'atto.
Pongo una domanda all'Amministrazione Comunale ed al Dirigente. Se il problema sorge per una considerevole quantità di pratiche che giacciono presso il Servizio Urbanistica e Condono Edilizio, il personale ex Pumex, e non solo, dislocato nei vari uffici, che annovera anche diversi tecnici professionisti, non è forse in grado di assolvere a tale compito?

Marina Corta: Sopralluogo dell'ing. Fabio Arena

Nuovo sopralluogo stamattina dell'ing. Fabio Arena del Genio Civile opere marittime alle opere di prolungamento e messa in sicurezza del porto di Marina Corta. Al sopralluogo ha preso parte anche l'arch. Biagio De Vita.
Smentita categoricamente dall'ing. Fabio Arena la voce che circolava a Marina Corta e cioè che al prolungamento già attuato venissero aggiunti altri due cassoni.
I due cassoni che si trovano a Marina Corta saranno, quanto prima, trasferiti a Sottomonastero per l' opera di prolungamento e messa in sicurezza prevista in quella zona e per la quale è stata approvata la variante.

Collegamenti bloccati. A Lipari non si gioca (dalla Gazzetta del sud di oggi)

Ludica Lipari S.Stefano non disputata
Non si è giocato al "Franchino Monteleone" di Lipari l'atteso incontro tra la Ludica Lipari e il Santo Stefano. Le avverse condizioni meteomarine, e il conseguente blocco dei collegamenti marittimi, non hanno consentito agli ospiti e al direttore di gara di raggiungere l'isola. Per la Ludica Lipari, reduce da una settimana alquanto tormentata, era quello di ieri uno degli appuntamenti clou di una stagione che si sta rivelando sofferta, anche al di là di quelle che potevano essere le più pessimistiche aspettative. L'incontro casalingo rappresentava, infatti, un vero e proprio scontro diretto da vincere ad ogni costo per non restare coinvolti in quella che è la zona a rischio play-out. Ma non bisogna dimenticare che la formazione allenata da Fulvio Caruso è scesa spesso in campo con una formazione largamente imbottita di juniores. «Stiamo soffrendo – ci ha dichiarato il presidente Peppe Cirino – il passaggio di categoria e tutta una serie di situazioni che hanno frenato il nostro cammino. Siamo però certi che la strada intrapresa, quella di puntare sui giovani, è quella giusta. Speriamo di poter presto tornare a contare sull'apporto del nostro pubblico».
Salvatore Sarpi

Siremar: La Federmar Cisl proclama lo sciopero il 4 febbraio dei lavoratori

La Federmar Cisl ha proclamato per il prossimo 4 febbraio, uno sciopero generale che vedrà la partecipazione dei lavoratori di Siremar per rivendicare il sostegno all’occupazione, le aspettative di carriera, abitazioni “civili” agli scafisti che vivono in strutture fatiscenti, e non ultimo, l’impiego del personale avvenga con metodi trasparenti e rispettosi della dignità del lavoratore.
Il Comandante Nobile, presidente dell’USCLAC/UNCDiM, ha comunicato che il proprio sindacato dà la propria convinta adesione allo sciopero indetto da Federmar Cisl.
E l'USCLAC/UNCDiM interviene anche sulla problematica amianto.
Facciamo seguito -si legge in una nota di Giuseppe D'Anniballe- alle recenti comunicazioni da noi fornite in merito all'annosa problematica della certificazione per i Lavoratori Marittimi dell'esposizione all'amianto, impossibile da realizzare fino a chè non sarà validato l'estratto matricola mercanrtile rilasciato dalle Capitanerie di Porto in tutti i casi, e non per le sole Società di Navigazione cessate così come da Direttiva Ministeriale del 14 luglio 2009, ed in sostituzione del curriculum lavorativo previsto dal D.M. 27 ottobre 2004 , per aggiungere un nuovo tassello : la vittoria giudiziaria in Sede di Appello c/INPS a Cagliari dei Lavoratori Marittimi, appartenenti a tutte le qualifiche (Coperta, Macchina, Camera e Cucina) per cui il giudice ha ritenuto valido il documento di navigazione ion sostituzione del Curriculum Lavorativo.
Una domanda ci è lecita porgercela : cosa aspetta il Governo ad emanare la norma già richiesta da più parti (determinazione della IX e XI Commissioni nel 2005, molteplici interrogazioni parlamentari di tutte le forze politiche, IPSEMA ed ultima all'unanimità il 27/01/2010 la Conferenza dei Presidenti delle Regioni) oltre alle svariate sentenze tutte favorevoli ai Lavoratori ? Non è nemmeno un problema di costi poichè le domande in esame giacenti presso IPSEMA sono trentamila, molte delle quali riguardanti i pescatori nei cui natanti l'unico amianto era quello di coibentazione del collettore di scarico per cui è dubbio che possano rientrare nel beneficio previdenziale. Ed ancora, molti dei richiedenti hanno superato il massimo della contribuzione. A quanto si ridurranno le 30.000 domande ?
Infine, perchè questa difformità dato che la Marina Militare dopo le prime sconfitte giudiziarie sta accordando la certificazione ? Il Ministro forse non sa che Confitarma con la propria Circolare n. 2 del 2009 ha invitato ai propri associati di non rilasciare il Curriculum ai sensi del D.M. 27 ottobre 2004 ? Non sa nemmeno che una direttiva internazionale per la turela della vita umana a mare sino al 1985 ha imposto l'utilizzo dell'amianto a bordo perchè materiale isolante, coibente ed atermico ? che gli operai dell'indotto e della cantieristica per il semplice fatto di avere lavorato a bordo (il mariitimo oltre a lavorarci ha vissuto a bordo per tutto l'imbarco), correttamente, hanno avuto certificazione e riconoscimento dei benefici preevidenziali ?
Posso concludere che con le mie mani, così come tanti miei Colleghi, dal 02/02/1965 a quando fu bandito, ho impastato polvere d'amianto preparando cuscini d'amianto cucicti con cordoncino d'amianto, ho decoimbentato e recoimbentato per lavori di manutenzione, ho lavorato vicino a parti coibentati in oceano con mare forza otto/nove e conseguente sfaldamento. Tale è stato il lavoro a mare.

domenica 31 gennaio 2010

Stromboli. Ci scrive Salvatore Esposito

Riceviamo e pubblichiamo:
Caro direttore,
leggendo l'articolo che riguarda il nostro amico "capellaccio" mi sento in dovere di dire , ancora una volta , che sulle isole minori urge sia in inverno e, sopratutto nel periodo estivo , un presidio di "pronto soccorso" ove medici specializzati nell'intervento di primo soccorso sia pronto in caso di emergenza.
Perchè nel 2010 è impossibile che in un caso come questo non ci siano specialisti in grado di praticare cure immediate.
Un altro episodio di disgusto è stato il mancato atterraggio dell'elisoccorso, a causa della mancata illuminazione che in quel momento mancava su tutta l'isola. E' mai possibile che, in un isola ad alto rischio vulcanologico, con la sommità del vulcano chiusa con ordinanza del sindaco, non ci sia un'alimentazione di emergenza????
Spero che questo messaggio entri a far parte di discussione nei prossimi consigli comunali con le parti di dovere, affinchè episodi di questo genere non si verificano piu'....
Con affetto porgo sentite condoglianze alla famiglia Lo Schiavo
Esposito Salvatore

Sport: Tutte rinviate le gare delle eoliane

Non si è giocato al “Franchino Monteleone” di Lipari l'atteso incontro tra la Ludica Lipari e il Santo Stefano. Le avverse condizioni meteomarine, e il conseguente blocco dei collegamenti marittimi, non hanno consentito agli ospiti e al direttore di gara di raggiungere l'isola. Per la Ludica Lipari, reduce da una settimana alquanto tormentata, era quello di oggi uno degli appuntamenti clou di una stagione che si sta rivelando sofferta, anche al di là di quelle che potevano essere le più pessimistiche aspettative. L'incontro casalingo con il Santo Stefano, rappresentava, infatti, un vero e proprio scontro diretto da vincere ad ogni costo per non restare coinvolti in quella che è la zona a rischio play-out.
Rinviate anche tutte le gare del campionato di terza categoria dove sarebbero dovute scendere in campo le eoliane. L'unica eccezione il Canneto che nell'anticipo di ieri è stato battuto per 7 a 0 dal Peloro.
Rinviate per il maltempo- così come c'informa Patrizia Lo Surdo- anche le partite di pallavolo previste per oggi al Nicola Biviano.
Domenica prossima le giovanissime della seconda divisione saranno impegnate a Messina alle ore 11:30 contro il Pgs Domenico Savio. La squadra di prima disione alle ore 11 sarà in trasferta contro il Volley Roccalumera per l'ultima partita del girone di andata.
La maschile di serie D, Avis-Lipari ha già terminato il girone d'andata, ma dovrà disputare un recupero casalingo."