Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 2 aprile 2011

Morace (Ustica Lines): "Nessun abuso di posizione dominante perchè servizi e prezzi sono stabiliti da Stato e Regione"

"Non vi può essere alcun abuso di posizione dominante, ne’ discrezionalità sui prezzi o un peggioramento della qualità dei servizi, poiché tariffe e servizi sono stabiliti dallo Stato e dalla Regione e ad essi l’azienda aggiudicataria deve obbligatoriamente attenersi, se non vuole incorrere in sanzioni pesantissime". Lo precisa il presidente della società Ustica Lines Vittorio Morace, intervenendo a seguito delle dichiarazioni rese dal presidente dell’associazione Noi Consumatori Europei che ha annunciato di avere presentato un esposto all’Autorità garante per la concorrenza e il mercato in relazione alla gara per la vendita della società Siremar.
“Ustica Lines – precisa Morace – è una società solida, che intende affrontare la logica della concorrenza e del mercato, partecipando ad una gara, come qualsiasi altra azienda, nel rispetto delle regole imposte nell’ambito delle procedure stabilite dal commissario straordinario. Qualora dovesse aggiudicarsi la gara – prosegue – come qualsiasi altra azienda sarebbe obbligata a rispettare tariffe e servizi stabiliti a priori da Stato e Regione. Di conseguenza, non si potrebbero mai e per nessun motivo determinare le situazioni vietate dall’art. 3 della legge 287/1990, che sono, appunto, le seguenti: imposizione di prezzi d’acquisto, di vendita o altre condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose; subordinare la conclusione dei contratti all’accettazione da parte degli altri contraenti di prestazioni supplementari che non abbiano alcuna connessione con l’oggetto dei contratti stessi; impedire,  limitare la produzione, gli sbocchi o gli accessi al mercato, lo sviluppo tecnico o il progresso tecnologico, a danno dei consumatori; applicare nei rapporti commerciali con altri contraenti condizioni oggettivamente diverse per prestazioni equivalenti, così da determinare per essi ingiustificati svantaggi nella concorrenza. Poiché prezzi e servizi sono stabiliti da Stato e Regione non si  vede come si potrebbero determinare inefficienze o innalzamento dei prezzi, come paventato dal presidente dell’associazione Noi Consumatori Europei”.
Il presidente di Ustica Lines aggiunge: “Ben venga l’esposto presentato all’Autorità, che avrà così il modo per verificare direttamente che quanto sostenuto dall’associazione, per i motivi che ho espresso, è assolutamente privo di fondamento”.
E conclude: “Non vorrei che su questa vicenda vi fosse una strumentalizzazione volta a penalizzare la nostra società e sono pronto a tutelare in ogni sede gli interessi dell'azienda e di coloro che quotidianamente vi operano, con grande professionalità”.

"La gente potrebbe morire". Cosa intende dire il sindaco? Vogliamo la verità (di Pino La Greca)


Il 24 marzo scrivo una mia personale riflessione sullo stato in cui versa il nostro approdo di Sottomonastero, concludendo con la nota con un invito:
Mi auguro, pertanto, che la gravità della situazione, la stagione turistica alle porte, il silenzio ormai insostenibile, stimoli il presidente del consiglio comunale ed i singoli consiglieri ad attivarsi per una seduta specifica del consiglio comunale che tratti esclusivamente la situazione di sottomonastero.
 Nei giorni successivi apprendiamo di una nota a firma del sindaco del Comune di Lipari di una gravità inaudita, il primo cittadino, conclude la Sua missiva con due considerazioni:
la prima che: Anche nella zona di Marina Corta si è verificato un fenomeno di subsidenza così come da relazione del Dirigente del 3° Settore, Arch.- De Vita.
La seconda che: Mentre le carte viaggiano la gente potrebbe morire.
 Alla luce della gravità di queste affermazioni ritengo fondamentale che agli eoliani venga detta la verità, tutta la verità:
Intanto cosa succede a Marina Corta? Di che cosa parla, o ancor meglio, scrive il dirigente De Vita?
Cosa intende il sindaco quando afferma che “la gente potrebbe morire”?
 Non amo fare allarmismi o creare paure e preoccupazione nella gente ma non ci troviamo di fronte alle chiacchiere da bar di qualche personaggio più o meno sbronzo, ma alle affermazioni contenuto in un documento divulgato dal sindaco pro-tempore del nostro Comune: per cortesia, può il primo cittadino chiarire la portate delle Sue affermazioni?

Lipari 02.04.2011
Giuseppe La Greca

Dalla Gazzetta del sud di oggi

Totoelezioni: Dopo Rizzo in corsa Saro Venuto
Salvatore Sarpi
Lipari
L'avvocato Rosario (Saro) Venuto, già presidente dell'ATO "Eolie per l'ambiente", potrebbe essere il candidato a sindaco di una lista civica alle prossime amministrative del comune di Lipari del 2012. La probabile candidatura sarebbe maturata nel corso di un incontro-confronto con un gruppo amici. L'avvocato Venuto, ovviamente, non si è sbilanciato ma tutto lascia pensare che il "progetto", una volta allargato ad altri soggetti, possa diventare realtà. Nei giorni scorsi, a dimostrazione che nel maggiore comune dell'arcipelago c'è già una certa fibrillazione, era circolato il nome dell'avvocato Francesco Rizzo, sponsorizzato dal presidente del consiglio comunale Pino Longo. Nell'ambito del centro-sinistra il nome più attendibile per la corsa alla poltrona di primo cittadino rimane quello del ragioniere Marco Giorgianni, già antagonista dell'attuale sindaco Bruno nelle scorse amministrative. Un altro politico locale ben visto nell'area del centro-sinistra è il dottor Mario Paino. Un recente sondaggio sul web ha indicato, sempre nella stessa area, quale potenziale candidato a sindaco il ragionier Saverio Merlino.
Claudio Merlino ha allestito a Canneto, presso la sala parrocchiale una mega mostra fotografica tematica.
Nelle 1200 foto esposte è racchiusa tanta storia dei nostri luoghi e della nostra gente nel tempo.
Trattasi in effetti dell'ultima mostra che, dal 3 al 10 aprile - dalle 17,00 alle 20,30, offrirà all'attenzione di quanti intendono visitarla uno spaccato di ricordi della nostra realtà attraverso tantissimi scatti fotografici raccolti con certosina pazienza ed esposti per temi nella capiente sala.


venerdì 1 aprile 2011

Si inaugura domenica a Canneto la mega-mostra di Claudio Merlino. In oltre 1.200 foto gli ultimi cento anni delle Eolie

Si inaugura domenica prossima, alle 17, nei locali del Centro Parrocchiale di Canneto la "Mega-mostra" di Claudio Merlino. Una "mega-mostra" che, in oltre 1.200 foto, raccoglie gli ultimi 100 anni delle Eolie e degli eoliani. Si tratta- come ci ha dichiarato Merlino nell'intervista che abbiamo realizzato- dell'ultima sua mostra fotografica. Un'occasione, quindi, unica per ripercorre e rivedere in foto luoghi, avvenimenti e personaggi delle nostre isole.
Stasera vi proponiamo l'intervista con Merlino. Domani vi proporremo una edizione speciale di "Come erano le Eolie e gli eoliani" con una decina di foto tra quelle che saranno esposte.
L'INTERVISTA:

Siremar. Rischio monopolio. La denuncia di Nuovi consumatori europei

Il Presidente nazionale di Nuovi Consumatori Europei Nunzio Vasta, in merito alla procedura di cessione della Siremar spa in a.s, ha presentato un esposto all’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato lamentando un tentativo di concentrazione tra le imprese Ustica Lines spa e Siremar spa. Nell’esposto Vasta evidenzia che “la Società Ustica Lines s.p.a. detiene nella Regione Sicilia una quota di mercato pari al 40% e fruisce di contributi regionali per assicurare le c.d. “tratte sociali” per circa 50 milioni di euro. La Siremar viceversa detiene nella Regione Sicilia una quota di mercato pari al 50% e fruisce di contributi statali per circa 56 milioni di euro, onde assicurare le c.d. “tratte sociali”.
Nella ipotesi in cui il gruppo di Vittorio Morace dovesse risultare aggiudicatario della Siremar in a.s. lo stesso deterrebbe il 90% delle quote di mercato del trasporto marittimo passeggeri nella Regione Sicilia e fruirebbe di oltre 100 milioni di euro su base annua per assicurare le c.d. “tratte sociali”. Non è chi non veda che in siffatta ipotesi verrebbe palesemente violato il disposto di cui all’art. 3 L. 287/1990 atteso che verrebbe a definirsi una chiara ipotesi di concentrazione tra imprese con un evidente abuso di posizione dominante in un mercato “rilevante” quale è quello della Regione Sicilia.” Vasta si auspica che a tutela degli interessi dei consumatori venga evitata ogni pericolosa forma di concentrazione ed assicurata la concorrenza a tutela di un contenimento dei prezzi ed una maggiore efficienza dei servizi. Vasta si chiede tra l’altro come potrebbe essere erogato in favore di un unico gruppo una così cospicua somma pari ad oltre 100 milioni di euro da Regione e Stato senza che vi sia l’obbligo di garantire la concorrenza.
L’Associazione Nuovi Consumatori Europei, in persona del Presidente pro tempore Nunzio Vasta, espone: Con provvedimento del Commissario Straordinario nominato dal Ministero delle Attività Produttive è stata disposta la vendita del complesso aziendale denominato Siremar S.p.A. posto in amministrazione straordinaria. Tra i soggetti che hanno manifestato l’interesse all’acquisizione del complesso aziendale vi è una società del gruppo Vittorio Morace. Al fine di una corretta comprensione della vicenda, giova sin d’ora premettere che il gruppo Vittorio Morace detiene, tra l’altro, la società Ustica Lines S.p.A. Per quanto qui di interesse è sufficiente evidenziare che la Ustica Lines s.p.a. gestisce il servizio trasporti marittimi passeggeri nella Regione Sicilia da e per le isole minori. A tal fine è, altresì, utile premettere che la società Ustica Lines s.p.a. fruisce di oltre 50 milioni di euro annui erogati a titolo di contributo dalla Regione Sicilia onde garantire le c.d. “tratte sociali”. E’ di tutta evidenza che, ove dovesse risultare aggiudicatario dell’azienda Siremar in a.s. il predetto gruppo Morace, verrebbe compromesso il diritto di concorrenza sotto i due diversi profili dell’abuso di posizione dominante nel mercato e della concentrazione tra imprese, per i seguenti motivi di diritto.
Come noto le figure delle intese, delle concentrazioni e dell’abuso di posizione dominante rientrano nella tipologia delle pratiche anticoncorrenziali sanzionate dalla legge n. 287/1990 (c.d. Antitrust), configurando tutte ipotesi di comportamenti volti all’acquisizione di una posizione di predominio sul mercato. Tali forme ricadono entro la disciplina legislativa, se ed in quanto abbiano quale scopo o quale effetto di impedire o limitare in qualsiasi modo l’accesso o la permanenza sul mercato di altri operatori, conseguendo di fatto (ed abusando di) una posizione di monopolio che è destinata a ripercuotersi sui consumatori. A norma dell’art. 3 L. 287/90 «è vietato l’abuso da parte di una o più imprese di una posizione dominante all’interno del mercato nazionale o in una sua parte rilevante». Ed invero, la suddetta norma vuole impedire che la conquista di una posizione dominante ovvero di una posizione di monopolio tolga competitività al mercato, ledendo la sua essenziale struttura concorrenziale e, quindi il diritto degli altri imprenditori a competere con il dominante, con consequenziali danni sui fruitori finali dei prodotti e dei servizi (come nella specie, servizi di interesse generale). Orbene nel caso di specie la Società Ustica Lines p.a. detiene nella Regione Sicilia una quota di mercato pari al 40% e fruisce di contributi regionali per assicurare le c.d. “tratte sociali” per circa 50 milioni di euro.
La Siremar viceversa detiene nella Regione Sicilia una quota di mercato pari al 50% e fruisce di contributi statali per circa 56 milioni di euro, onde assicurare le c.d. “tratte sociali”. Nella ipotesi in cui il gruppo Vittorio Morace dovesse risultare aggiudicatario della Siremar in a.s. lo stesso deterrebbe il 90% delle quote di mercato del trasporto marittimo passeggeri nella Regione Sicilia e fruirebbe di oltre 100 milioni di euro su base annua per assicurare le c.d. “tratte sociali”. Non è chi non veda che in siffatta ipotesi verrebbe palesemente violato il disposto di cui all’art. 3 L. 287/1990 atteso che verrebbe a definirsi una chiara ipotesi di concentrazione tra imprese con un evidente dominante in un mercato “rilevante” quale è quello della Regione Sicilia. Per le esposte considerazioni si chiede alla Ecc.ma Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ed al Commissario Straordinario della Siremar in a.s. di adottare gli opportuni provvedimenti al fine di evitare la temuta concentrazione tra le imprese Siremar s.p.a. in a.s. e Ustica Lines s.p.a. abuso di posizione.

I comuni a vocazione turistica. Ci sono Lipari, Leni, Malfa e Santa Marina Salina

E' stato pubblicato, oggi, sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana il decreto dell'assessore regionale al Turismo, Daniele Tranchida, sui comuni a vocazione turistica, con il bando per consentire alle localita' che dimostreranno di averne i requisiti, di essere inseriti. I comuni interessati avranno 30 giorni di tempo per presentare la domanda all'assessorato.
"Sono 88 - dice l'assessore regionale al Turismo, Daniele Tranchida - le localita' nella lista, per l'attivazione delle linee di intervento del Programma operativo Fesr 2007/2013, individuate sulla base di criteri oggettivi; ne fanno parte i 9 comuni capoluogo, i comuni siciliani che rientrano nel club dei borghi piu' belli d'Italia riconosciuti dalla Consulta del turismo dell'Anci, insieme a i centri che vantano beni dichiarati dall'Unesco patrimonio dell'umanita', le isole minori, i centri di 'conclamata storica valenza turistica' e le localita' costiere che hanno ottenuto riconoscimenti dal Touring club e da Legambiente per la qualita' delle acque".  Il decreto pubblicato oggi in Gazzetta contiene anche il bando per consentire ad altre localita' di essere inserite nella lista.
I comuni interessati avranno trenta giorni di tempo per presentare l'istanza. "Abbiamo accorciato i tempi - aggiunge Tranchida - per consentire ai siti che ne avessero i requisiti, di essere inseriti nella lista e di accedere ai bandi di prossima pubblicazione ad opera delle varie amministrazioni, per l'attivazione delle linee di finanziamento comunitarie. Sara' una commissione a esaminare, in tempi brevi, le documentazioni".
L'avviso prevede le caratteristiche e i criteri oggettivi: l'adeguata presenza di beni culturali, artistici e architettonici; la collocazione all'interno di parchi regionali; la localizzazione paesaggistica e naturalistica, la persistenza e la tutela dei centri storici, l'adeguata dotazione infrastrutturale alberghiera (che comprende alberghi, agriturismi, turismo rurale, paesi-albergo, case vacanza, bed and breakfast); l'organizzazione, da oltre un triennio di manifestazioni, rassegne o grandi eventi culturali e un'adeguata presenza turistica, in base ai dati riferiti agli ultimi tre anni. I comuni che intendono partecipare al bando dovranno averne almeno 3 tra quelli citati.
Di seguito, l'elenco completo delle localita' a vocazione turistica individuate nel decreto.
Capoluoghi di provincia: Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani; Brolo, Castelmola, Cefalu', Geraci Siculo, Montalbano Elicona, Novara di Sicilia, San Marco d'Alunzio e Savoca, in quanto rientrano compresi tra i borghi che la Consulta del Turismo dell'Anci riconosce come i piu' belli d'Italia; Lipari, Leni, Malfa, Santa Marina Salina, nelle isole Eolie, Caltagirone, Militello Val di Catania, Modica, Noto, Palazzolo Acreide, Piazza Armerina, Scicli, Sortino, Ferla e Sant'Alfio che detengono beni dichiarati patrimonio dell'umanita' dall'Unesco; Lampedusa, Favignana, Pantelleria e Ustica, per la loro particolare localizzazione paesaggistica e Acireale, Erice, Giardini Naxos, Milazzo, Sciacca, Taormina, Salemi, Monreale, San Vito Lo Capo, Marsala, Ribera, Menfi, Giarre, Paterno', Vizzini, Linguaglossa, Castiglione di Sicilia, Castelbuono, Petralia Soprana, Gangi, Pollina, Piana degli Albanesi, Avola, Mazara del Vallo, Castellamare del go lfo, Alcamo, Siculiana, Cattolica, Palma di Montechiaro, Burgio, Santo Stefano di Camastra, Letojanni, Tusa, Forza d'Agro', Pachino (Marzamemi), Grammichele, Riposto, Nicolosi, Acicastello, Gagliano Castelferrato, Aidone, Nicosia, Mussomeli e Terrasini, per la loro conclamata, storica, valenza turistica e Campobello di Mazara, Castelvetrano (Selinunte), Custonaci, Sant'Agata di Militello, Gioiosa Marea, Patti, Piraino, Capo d'Orlando, Portopalo di Capo Passero, localita' premiate con le vele della Guida blu di Legambiente e Touring club italiano.

"Fughe e approdi" sbarca al cinema

(di Ilaria Ravarino) Più che una conferenza stampa pare un compleanno. Un aperitivo durato due ore, rustici e pizzette, patatine e vino bianco per i brindisi che si moltiplicano nella bella veranda della Casa del Cinema di Roma: tutti i bicchieri sono alla salute della festeggiata, Giovanna Taviani, riuscita a portare in sala dall’8 aprile il suo documentario Fughe e Approdi – Ritorno alle Eolie tra Cinema e realtà. "È un miracolo – si dice ad alta voce sotto al tendone di Villa Borghese – portare al cinema un documentario oggi è un vero miracolo». L’età media degli invitati, amici della regista poco più che trentenne, è alta. I curriculum sono importanti: le due ore di aperitivo conciliano strette di mano, abbracci, un chiacchiericcio chic d’aggiornamento sui reciproci progetti. Ci sono quelli che Giovanna chiama semplicemente "i padri fondatori", suo padre Vittorio, il regista Marco Leto, Renzo Rossellini. C’è Marcello Sorgi, ex direttore de La Stampa, e c’è qualche politico in rappresentanza dei ministeri. C’è un docente del Centro Sperimentale, ci sono una manciata d’imbucati, e alla fine arriva anche Giuseppe Fiorello, "un amico - dice Giovanna– conosciuto a Palermo". Quando finalmente la conferenza ha inizio, per la regista si chiede esplicitamente "un tifo da stadio": all’appello rispondono in molti, "vedo tante facce note" dice la Taviani. Seduto in platea, a garbata distanza, suo padre le sorride incoraggiante.
Come si sente, Giovanna, in questa specie di riunione di famiglia?
Giovanna Taviani: Ci sono tanti amici, qua, e la cosa mi rende felice. Ma sono felice anche per altri due motivi. Il primo è sapere che il mio documentario uscirà in sala, e sappiamo quanto la cosa abbia del miracoloso, grazie a Luciano Sovena con Cinecittà Luce e a Grazia Volpi con la Kaos Cinematografica. E poi sono contenta perché proprio qui, alla Casa del Cinema, ho fatto il mio esordio con I nostri 30 anni - Generazioni a confronto. Fu una serata magnifica, conclusa da una conversazione con giovani e meno giovani registi, c’era Paolo Sorrentino e c’era anche Mario Monicelli. Il mio documentario lo voglio dedicare non solo agli abitanti delle Eolie, ma anche ai padri fondatori del nostro cinema, persone come Monicelli e come gli artisti presenti in questa sala. Il mio film è un viaggio nella nostra memoria cinematografica, e in un momento come questo, in cui il paese dimentica il tributo ai padri del cinema, io lo dedico a tutti coloro che mi hanno ispirata.
I produttori possono spiegarci la genesi del miracolo?
Grazia Volpi: io conosco Giovanna fin da quando era una bambina e noi della Kaos siamo stati conquistati dal cuore del suo film: ci sono le Eolie con tutta la loro magia, la politica, persino il gossip... Credo che questo sia il più puro modello di documentario, cinema vero e vissuto in prima persona. Per il miracolo dobbiamo ringraziare il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che ha preso subito in considerazione un documentario, genere per cui non è facile trovare finanziamenti, il Ministero per lo Sviluppo Economico e la Regione Sicilia.
Luciano Sovena: come distributori del film siamo felici di annunciare che uscirà con il circuito Microcinema. Dopo il brutto momento che ha passato Cinecittà Luce è un piacere essere di nuovo qui, in piedi, con questo film e grazie all’affetto del mondo del cinema, e persino della politica che ci ha sostenuti in modo trasversale.
Nino Strano: come Regione Sicilia ci sentiamo un po’ la mamma di questo film. La nostra regione ama il cinema, sia quello più grande che quello più indipendente come il film di Giovanna. Abbiamo sostenuto questo prodotto e continueremo a farlo girando a Lampedusa, ad aprile, un corto che speriamo di vedere alla Mostra di Venezia.
E i padri fondatori cosa ne pensano? Che effetto vi fa la dichiarazione d’amore della Taviani?
Marco Leto: mi riempie di felicità, anche se a dire il vero io Giovanna non ho mai capito di chi fosse figlia... per me è la figlia dei Taviani, tutti e due, e basta. A parte gli scherzi, è stato un piacere rivedere le Eolie del suo film, io che là girai negli anni ’70 La villeggiatura. Un film che si vede poco in giro, ormai.
Renzo Rossellini: Il film di Giovanna io l’ho visto subito e me ne sono innamorato: l’ho sentito chiamare documentario o film, ma per me è semplicemente un racconto per immagini, un’opera cinematografica bella che sa dire cose importanti per chi abita quelle isole e per quel pezzo di paradiso vicino a casa che non sappiamo amare abbastanza. Sono orgoglioso di essere amico di Giovanna e penso che il suo film sia sulla stessa linea di Stromboli, che mio padre girò nel ’49. Stromboli servì a papà per uscire dal luogo comune di “regista del neorealismo”. Lui voleva sperimentare nuove strade, mettersi alla prova con nuove sfide: si innamorò di queste isole e ci fece un film, un film contro i pregiudizi sui diversi, sugli stranieri. Un film per questo modernissimo, che oggi dovrebbe esser rivisto pensando a quanta poca ospitalità sia stata espressa da altre isole nei confronti di altri stranieri. Stromboli è una lezione ancora attuale, uno sforzo di intelligenza, etico e culturale.
Vittorio Taviani: la mia è una posizione imbarazzante, perché sono il padre della regista e anche del musicista del film, e un padre corre il rischio di essere padrone o padrino. Non ci volevo venire stasera, poi mi sono detto: sono protetto dalla mia età, che mi permette di fare anche cose insolite come questa. A me sembra che questo sia un buon film, mi tremano le gambe nel dirlo e proverò ad astrarmi dalla mia figura di padre e spiegare perché. È buono perché è fatto di tanti colori, di immagini, di dimensioni poetiche, inclusa quella, dispotica, della natura. Il cinema prima di Giovanna ha trasformato le Eolie in molti modi: le ha fatte diventare oscure e inquiete con Antonioni, severe nel bianco e nero de La villeggiatura, traslucide e cangianti con De Seta, aggressive e aspre in Stromboli. È un film buono per le creature, i volti e i visi che rappresenta: c’è una specie di Virgilio pescatore, Franco, che sente su di sé le pene dell’isola vivendole come in simbiosi; c’è quella pastora che racconta il suo incontro col demonio, in uno splendido esempio di ironia contadina. E poi è buono perché ricuce il filo della memoria, la memoria della regista che è stata spesso nelle isole da bambina e la memoria del cinema, di chi ha ripreso le isole prima di lei.
Questo è il suo giudizio di padre fondatore. Quello di padre, invece?
Vittorio Taviani: Qui c’è un problema. Perché Giovanna oggi è figlia ma anche collega. Figlia significa amore, collega significa competizione. Da una parte la gente si chiede quanto avrò incoraggiato questa mia figlia nel suo lavoro, e devo dire di si, l’ho fatto. L’ho fatto di giorno. Ma di notte no. Di notte sentivo un certo disagio, una specie di rimorso, un tumulto di ansie, di domande e risposte. Credo sia inevitabile.

Amministrative nel comune di Lipari. Uno dei candidati a sindaco potrebbe essere l'avvocato Venuto

L'avvocato Rosario (Saro) Venuto, già presidente dell'ATO EOLIE, potrebbe essere il candidato a sindaco di una lista civica alle prossime amministrative del comune di Lipari. Elezioni che si terranno nella primavera del 2012.
L'indiscrezione arriva da fonti attendibili. La probabile candidatura sarebbe maturata nel corso di un incontro-confronto con un gruppo amici. L'avvocato Venuto, ovviamente, non si è sbilanciato ma tutto lascia pensare che il "progetto", una volta allargato ad altri soggetti, possa diventare realtà.

A proposito delle tariffe dell'acqua

 Mi dispiace,  è molto antipatico e mi pesa dire oggi che, quando sono state notificate le bollette del consumo idrico da parte del Comune di Lipari, avevo detto e scritto che non dovevano essere pagate perchè conteggiate in modo errato,  assurdo e illegittimo.
Mi piacerebbe, adesso, conoscere il parere degli esperti, dei sapientoni e dei difensori (anche degli opportunisti  del momento  che ne avevano preso la difesa) che sostenevano la corretta applicazione da parte del Comune  della tariffa per calcolare il costo dell'acqua.
Saverio Merlino

Lampedusa e le isole minori della Sicilia nell’immaginario del Presidente del Consiglio. Il consigliere Lo Cascio scrive a Lo Schiavo, presidente ANCIM Sicilia


Gentile Sindaco Lo Schiavo,
 chi le scrive è consigliere comunale di una delle isole che lei, in qualità di Presidente ANCIM Sicilia, rappresenta, e lo fa per manifestarle la sensazione di sconforto e di tristezza di fronte all’ultima “sceneggiata di regime” che il Presidente Berlusconi ha messo in atto mercoledì scorso a Lampedusa.
Come isolano, non mi offendono le probabili e numerose falsità che sono state dette ieri, speculando su una situazione volutamente gestita per trasformarla nell’ennesima emergenza, né l’idea balzana del Nobel, né ancora gli acquisti immobiliari del Presidente, il quale è libero di disporre dei suoi soldi nel modo che preferisce.
Mi offende, invece, la percezione che il capo del governo mostra di avere delle isole minori e di tutti quelli che – come lei, come me – le abitiamo. L’idea dei campi da golf e del casinò, proposti come grottesca soluzione di fronte ai problemi reali di un’isola e dei suoi cittadini, può fare sorridere la stampa nazionale e internazionale, ma io la trovo profondamente, intimamente offensiva. Lampedusa ha una sua precisa identità e una sua connotazione, persegue un proprio modello di sviluppo in maniera più o meno coerente alla sua storia e alla sua economia, e dunque ha una sua dignità; non ha certamente bisogno di essere camuffata da qualcos’altro per averne una posticcia, o per sentirsi più “luogo” di quanto non sia già. Forse il capo del governo confonde la sua insularità, il suo essere isola, con uno dei paradisi fiscali d’oltre oceano dove abitualmente trascorre dorate vacanze tra palme e campi da golf, o dove le società che egli controlla effettuano massicci investimenti immobiliari senza troppe regole d’intralcio.
Non ho dubbi che Lampedusa, passata la buriana, campi da golf e casinò non ne vedrà mai. Ciò che trovo offensivo, invece, è il fatto che una delle massime autorità dello stato la tratti alla stregua di un posto di serie B, privo di questi benefit che – secondo stereotipi che rivelano una modesta capacità di immaginazione – risulterebbero necessari per adeguarla a standard opportuni per un’isola. Berlusconi va in un’isola minore della Sicilia e non parla di scuole, di ospedali e strutture sanitarie, del costo dell’acqua, della qualità della vita della gente, di trasporti marittimi, ma di campi da golf, porti franchi e casinò.
Se il capo del governo esprime in una simile occasione il meglio che questo governo è capace di delineare e proporre per il futuro delle nostre isole, diventa facile comprendere il lungo corollario di silenzi, di omissioni e di promesse puntualmente disattese che hanno caratterizzato fasi cruciali per la nostra esistenza insulare, tuttavia molto lontane – evidentemente – dall’essere state comprese da questi nostri rappresentanti; cito soltanto la vergognosa gestione della privatizzazione della Siremar e l’abbandono delle isole minori al loro destino, un destino incerto, nella totale latitanza dello Stato.
Ritengo che tacere di fronte a questo sfoggio di superficialità, di assoluta distanza dalla realtà, di fronte all’ennesimo esempio di come le comunità insulari vengano considerate tribù indigene da tenere buone con le perline colorate e le loro isole siano percepite soltanto come luogo di vacanza del nababbo di turno, sia un pericoloso errore. È raro che le nostre isole godano di attenzione mediatica durante gli undici mesi all’anno all’infuori di agosto, ed è triste che ciò avvenga a spese di migliaia di disperati in fuga dalla fame e dalla guerra; ma, signor Sindaco, ne approfitti. Risponda al capo del governo che Lampedusa, con 300 millimetri di pioggia all’anno e un costo dell’acqua trasportata con le navi che grava sul bilancio dello Stato per svariati milioni, non ha bisogno del campo da golf per sentirsi un pezzo di questo Paese. Sono altre le cose di cui ha bisogno, al pari delle altre isole che lei rappresenta, ed è possibile comprenderle solo ascoltando le istanze delle loro comunità, che non necessitano di patetiche comparsate come quelle di mercoledì scorso a Lampedusa.
La ringrazio per quanto vorrà fare e le porgo cordiali saluti.
Pietro Lo Cascio
consigliere comunale del Comune di Lipari
Sinistra Ecologia e Libertà

giovedì 31 marzo 2011

Tirrenia: verso aggiudicazione a cordata Onorato-Aponte Compagnia a privati per 280 mln, investimenti entro fine aprile

(ANSA) Si profila l'acquisizione ai privati per la compagnia di navigazione Tirrenia. Domani, secondo quanto si e' appreso, la societa' marittima, ora in liquidazione, verra' aggiudicata alla cordata di imprenditori napoletani costituita da Gianluigi Aponte, con il gruppo Snav e Msc, e da Vincenzo Onorato, con la sua Moby. La Tirrenia verrebbe acquistata per 280 milioni di euro, 100 in meno rispetto alla base d'asta. Pronto anche il piano industriale: subito le navi e le rotte ma nessun investimento sulla compagnia almeno sino alla fine di aprile

Tariffe idriche nel comune di Lipari e ultimi risvolti. L'interrogazione di Lo Cascio

Al Signor Sindaco
del Comune di Lipari
Dr. Mariano Bruno

INTERROGAZIONE CONSILIARE
Oggetto: tariffe servizio idrico del Comune di Lipari e lettera della Commissione nazionale per la vigilanza sulle risorse idriche n. prot. LR/6940 del 22 marzo 2011.
Gentile Signor Sindaco,
alla luce della contestazione dell’aumento da parte del Comune di Lipari del 131,28% del costo dell’acqua per il 2009 avanzato dalla società Eol.Mare s.r.l., e del successivo pronunciamento della Commissione nazionale per la vigilanza sulle risorse idriche, comunicato anche all’Ente con lettera n. prot. LR/6940 in data 22 marzo 2011, dove la stessa Commissione evidenzia come tale aumento non rispetti i limiti previsti dalla delibera CIPE n. 117/2008,
la interrogo per conoscere
come intenda procedere il Comune di Lipari, in considerazione della necessità di determinare la tariffa dei servizi idrici nel rispetto delle indicazioni relative delle apposite delibere CIPE, che prevedono un aumento massimo nella percentuale di 1,15% (e certamente non del 131,28% come è invece avvenuto), ovvero, in quale modo e in quali tempi intenda verrà riformulata la tariffa in maniera coerente con tali indicazioni;
in quale modo e in quali tempi intenda agire nei confronti dei cittadini che hanno già effettuato il pagamento e che si trovano dunque ad avere pagato l’acqua a un costo pari a circa il 130% in eccedenza rispetto a quanto previsto nelle delibere CIPE;
a quanto ammontano per l’Ente i costi del servizio bollettazione che, alla luce di detta comunicazione, risulta fondato su presupposti assolutamente errati e inaccettabili e che dovrà pertanto essere modificato?
RingraziandoLa anticipatamente per la cortese risposta scritta che vorrà farmi pervenire entro i termini previsti per legge, porgo distinti saluti.
Pietro Lo Cascio
consigliere comunale di Sinistra Ecologia e Libertà

Associazione commercianti Eolie auspica provvedimenti "pro-turismo"

Egregi amministratori,
in considerazione dei primi arrivi stagionali e dei già significativi sbarchi di turisti giornalieri, l 'ASS.COMM.EOLIE auspica, in tempi brevissimi, la predisposizione delle ordinanze di limitazione al traffico e regolamentazione dei parcheggi per il centro storico dell'isola di Lipari. Ciò per consentire, ai  succitati "graditi ospiti", una serena fruizione delle nostre splendide piazze e delle nostre caratteristiche vie.
Si confida, inoltre, in provvedimenti per il miglioramento dell'arredo urbano, al fine di rendere curata e più attraente l'immagine generale del paese.
Sempre disponibili alla collaborazione, porgiamo ossequi.
                                    IL PRESIDENTE
                                   LUCA CHIOFALO

SP Pianoconte-Quattropani. Sarà riaperta da domani con limitazione

Riapre da domani mattina al traffico autoveicolare la provinciale Pianoconte-Quattropani, sino ad oggi chiusa all'altezza di località Madoro. La circolazione, sin dal primo mattino, sarà a senso unico alternato. Dalle 17, a conclusione della giornata lavorativa, la strada potrà essere percorsa così come d'abitudine

Assessore Spinella sollecita incontro con amministratori comuni eoliani e Federalberghi sui risvolti della crisi nordafricana sul turismo eoliano

COMUNICATO
In data 30 Marzo 2010  l’ assessore al turismo del Comune di Lipari Anna Spinella, ha sollecitato un  incontro con gli assessori al turismo dei Comuni di Santa Marina Salina, Malfa e Leni, e con il Presidente della Federalberghi Isole Eolie
L’obiettivo è quello di analizzare se e come,  i problemi  sorti in seguito alla crisi nordafricana possano nello specifico influenzare la realtà eoliana,  e di conseguenza stabilire eventuali punti da affrontare con il Presidente della Regione Siciliana dott. Lombardo e  con l’assessore Regionale  Tranchida.  Le  Eolie infatti, intendono promuovere con i Comuni della  Sicilia, eventuali azioni volte soprattutto  a riabilitare l’immagine della Sicilia con le sue Isole ed i suoi Arcipelaghi, in Italia e all’estero.

Aumento tariffe servizio idrico. Dopo l'esposto della EOL.MARE la commissione per la vigilanza sulle risorse idriche "tira le orecchie" al comune di Lipari

Le isole minori della Sicilia attraversano un periodo di difficoltà e vanno assistite nell’interesse comune. Si faccia chiarezza su processo di privatizzazione Siremar.

Si faccia chiarezza sul processo di privatizzazione di Siremar.
Le isole minori della Sicilia attraversano un periodo di difficoltà e vanno assistite nell’interesse comune. È questa la sintesi del messaggio accorato lanciato dal presidente di Federalberghi Isole Minori della Sicilia, Christian Del Bono.
La crisi libica ha falciato le speranze di una, sia pur lenta, ripresa dell’economia turistica siciliana e le piccole isole ne sono state investite particolarmente.
Le 14 isole siciliane rappresentano un patrimonio di risorse culturali e naturalistiche di primaria importanza, sono mete di eccellenza dell’offerta turistica regionale, fungono da attrattori e da volano economico anche per molte delle località della terraferma a queste prospicienti e come tali andrebbero trattate.
Le piccole isole sono tuttavia caratterizzate da ecosistemi fragili ed economicamente poco strutturati. Non sono pertanto in grado di sopportare, denuncia Del Bono, fenomeni quali la tardiva gestione del flusso di migranti a Lampedusa o la perdurante chiusura dell’aeroporto di Trapani Birgi. Non sono nemmeno in grado, rincara la dose Del Bono, di reggere la folle gestione del processo di liberalizzazione dei collegamenti marittimi così come ci è stata imposta sino ad oggi dal Governo.
Ad oltre due ani dalla scadenza dei termini imposti dall’UE per la liberalizzazione dei servizi di collegamento marittimo, il Governo italiano tra una proroga e l’altra non è ancora riuscito ad affidare il servizio, sottoponendo le isole ad un lungo, doloroso e costoso calvario. Chi pagherà le sanzioni UE che inevitabilmente verranno imposte a partire dal 1 aprile? Chi risarcirà gli abitanti e gli operatori economici delle isole minori per tutti i disagi e i danni patiti negli ultimi 2-3 anni.
Si chiudono e si riaprono i termini di gare impostate senza ascoltare gli stakeholders locali e il cui esito sembrava già chiaro due anni orsono quando il Governo decise di far coincidere il concetto di liberalizzazione con quello di privatizzazione. Si procede a fari spenti tra una serie dichiarazioni scomposte provenienti da una parte delle istituzioni, i timori per presunte future posizioni di monopolio e, soprattutto, le fondate preoccupazioni per il rischio di un eventuale aumento delle tariffe.
Il Governo nazionale non può pensare di stanziare una cifra fissa per 12 anni, notoriamente inferiore a quella necessaria per gestire i servizi Siremar, e pensare che qualcuno possa credere alla favola del mantenimento dei livelli occupazionali, delle frequenze e della qualità del naviglio e dei servizi. Né può pensare di far sopportare all’economia delle isole l’effetto negativo di un eventuale aumento del costo dei biglietti di navi ed aliscafi per sopperire all’insufficienza degli importi stanziati.
Purtroppo, la conferma alle nostre preoccupazioni è data dall’effettiva gestione dei servizi negli ultimi anni ed in particolare nel 2010: carente e a singhiozzo su tutta la linea per mancanza di fondi.
L’industria turistica si basa sui rapporti di fiducia tra gli operatori e tra questi e gli utenti finali. Ad oggi, non siamo in grado di offrire certezze. Il Governo, chiede Del Bono, ci metta nelle condizioni di poter operare senza ulteriori penalizzazioni e di poter essere credibili nei confronti dei nostri ospiti.
Attendiamo, chiede Del Bono, che il Ministro Matteoli convochi, di concerto con la Regione Sicilia, al più presto le parti coinvolte e dia un colpo di spugna ai dubbi che da troppo tempo ci affliggono creando i presupposti per un immediato ripristino della normalità e delle condizioni a garanzia del futuro dei collegamenti marittimi delle isole minori siciliane.
Federalberghi Isole Minori della Sicilia
Federalberghi Isole Eolie

mercoledì 30 marzo 2011

EOLIE&TURISMO di Aldo Natoli

Secondo le segnalazioni dell'Agenzia Italia-Enit nel primo trimestre dell'anno in corso è stata registrata una notevole richiesta di vacanze in Sicilia.Purtroppo la situazione degli sbarchi di migranti non solo ha bloccato questa crescita ma sta addirittura facendo registrare una notevole quantità di disdette delle prenotazioni, tant'è che lo stesso Presidente della Regione, Raffaele Lombardo, si è dichiarato convinto sulla inevitabile comprommissione della stagione estiva. Certamente le Eolie per la loro posizione geografica non sono direttamente interessate agli sbarchi, ma necessariamente subiranno la crisi che questi hanno prodotto sul  settore delle vacanze dell'intera Regione. Non a caso Taormina e Giardini Naxos hanno già segnalato il giungere del fenomeno delle disdette alberghiere. Ritengo che anche i nostri Amministratori dovrebbero attenzionare questa situazione e far sentire la loro voce per garantire gli imprenditori turistici locali, e non solo, di eventuali agevolazioni che sicuramente saranno poste in essere dalla Regione e dallo Stato. Non bisogna dimenticare che le Eolie vivono un dramma altrettanto devastante per il turismo che è quello dei servizi marittimi e della situazione portuale. Insomma "se Sparta piange Atene certo non ride".

SANITA': COSA PREVEDE IL NUOVO PIANO DELLA SALUTE 2011 - 2013 DELLA REGIONE SICILIA

Il Piano della Salute 2011-2013 della Regione siciliana, che copre un vuoto lungo piu' di dieci anni (l'ultimo piano risale al 2000), traccia le linee di sviluppo programmatiche a cui deve essere improntata l'azione dell'assessorato e delle Aziende sanitarie e pone alla base di tutto la centralita' dell'utente. L'offerta dei servizi viene articolata in un sistema di rete, esteso in modo capillare a tutto il territorio regionale, rispondente agli effettivi bisogni di salute della popolazione. Si tratta di uno strumento flessibile di programmazione degli interventi poiche' e' suscettibile di aggiornamenti, approfondimenti ed integrazioni in relazione ad eventuali esigenze sociosanitarie emergenti o a nuove disposizioni normative.
Il Piano da un lato promuove il territorio quale sede primaria di assistenza e di governo dei percorsi sanitari con la realizzazione di un sistema che costituisca un forte riferimento per la prevenzione, la cronicita', le patologie a lungo decorso e la personalizzazione delle cure; dall'altro, pone le condizioni per la riqualificazione dell'assistenza ospedaliera puntando all'appropriatezza dei ricoveri, dall'acuzie alla riabilitazione e alla lungodegenza.
Il Piano della Salute e' articolato in quattro sezioni principali.
La prima, "Analisi di contesto", comprende un approfondimento del profilo demografico, biostatistico, epidemiologico e socio-economico della popolazione siciliana distribuita nelle nove province, finalizzata all'individuazione del fabbisogno di salute.
La seconda sezione, "La risposta di salute in Sicilia", mette in evidenza la rilevanza strategica, sia dal punto di vista sociale che sanitario, dell'attivita' di prevenzione nei diversi ambiti specialistici, compresi quelli alimentare, veterinario e dell'ambiente. Prevede una parte dedicata alla centralita' del territorio con la riorganizzazione dell'assistenza primaria, il potenziamento della rete assistenziale territoriale e l'implementazione di piu' qualificati modelli di cura per la gestione delle cronicita' e la continuita' assistenziale. Viene dato rilievo alle tematiche relative all'integrazione sociosanitaria includendo la non autosufficienza, le disabilita' e gli immigrati, le politiche del farmaco, la nuova configurazione dell'offerta ospedaliera secondo il principio delle reti integrate e l'applicazione del modello "hub & spoke", le innovazioni del sistema di emergenza-urgenza e l'assistenza nelle isole minori.
La terza sezione, "Aree prioritarie di intervento", delinea specifici ambiti di intervento in aree di peculiare interesse quali la salute della donna e del bambino, l'area oncologica, l'area cardiologica, le neuroscienze, la gestione del politraumatizzato, l'area dei trapianti e il Piano sangue, l'area della salute mentale e le dipendenze. Per ciascuna area viene trattato l'intero percorso assistenziale.
La quarta sezione, "Qualita', ricerca e sviluppo", affronta temi trasversali ai vari ambiti specialistici, di fondamentale importanza per la riqualificazione del sistema sanitario e per la sua misurabilita', tra i quali si annoverano il miglioramento della qualita', il governo clinico e la sicurezza dei pazienti, la formazione degli operatori, la comunicazione/consenso informato, la ricerca e la programmazione degli investimenti nonche' le modalita' di monitoraggio e valutazione delle azioni inerenti l'attuazione del Piano.

Inps. Domande di disoccupazione e di indennità. Dal primo aprile presentazione on line

A partire dal primo aprile, le domande di disoccupazione ordinaria, di indennità di mobilità ordinaria e le comunicazioni obbligatorie relative al rapporto di lavoro domestico potranno essere presentate all'Inps esclusivamente attraverso il canale telematico.
Si tratta di un ulteriore passo verso la completa telematizzazione delle domande di prestazione/servizio, nell'ambito di un processo ormai avviato di crescita di efficienza amministrativa e di aumento della qualità delle prestazioni nei confronti dei cittadini e delle imprese.
Il processo di digitalizzazione delle varie domande di prestazione avviene con gradualità , dopo un periodo transitorio durante il quale le consuete modalità di presentazione continuano comunque ad essere garantite. Terminato il periodo transitorio, le domande possono essere inoltrate solo usando il canale telematico.
Il periodo transitorio per la domanda di disoccupazione ordinaria (circolare n. 170/2010), di indennità di mobilità ordinaria (circolare n. 171/2010) e per le comunicazioni relative al rapporto di lavoro domestico (circolare n. 49/2011) scadrà domani, 31 marzo prossimo, per cui dal giorno successivo le domande non potranno più essere presentate in modalità cartacea, ma solo attraverso uno dei seguenti canali:
- via Web - la richiesta telematica dei servizi è accessibile direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell'Istituto, www.inps.it;
-al telefono tramite il contact center integrato, al numero verde 803164;
-tramite i patronati e tutti gli intermediari dell'Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi. "L'Inps continua nel suo cammino di accentuata prossimità agli utenti e alla cittadinanza“ commenta il presidente dell'Istituto, Antonio Mastrapasqua“ proseguendo in quel processo di digitalizzazione che coinvolgerà nel corso del 2011, con la dovuta gradualità , tutte le tipologie di domande da presentare all'Inps. I cittadini potranno attivare le procedure che li riguardano senza doversi scomodare da casa per andare allo sportello. Telematizzazione vuol dire trasparenza e semplificazione: l'Inps vuole essere al servizio del Paese e dei suoi cittadini secondo le modalità di comunicazione più moderne ed efficienti. Si tratta di una trasformazione dovuta, che sarà guidata e assistita per assicurare a tutti i cittadini l'accesso ai servizi e alle prestazioni ".

Problema igienico sanitaria in piazza Salvatore D'Austria. Segnalazione degli operatori della zona al sindaco

OPERATORI ECONOMICI E FINANZIARI
PIAZZA LUIGI SALVATORE D'AUSTRIA
98055 LIPARI
AL SIG. SINDACO
DEL COMUNE DI
98055 LIPARI
Con la presente Le segnaliamo  un grave inconveniente igienico- sanitario che riscontriamo nella piazza Luigi Salvatore D'Austria di Lipari, in cui ricadono le nostre attività.
Infatti, quotidianamente il pavimento della stessa è cosparso di feci di cani.
Tale situazione di degrado, che non trova riscontro nei paesi civili, incide,negativamentae anche sul decoro urbano.
Come Le è noto, tale spazio pubblico è posto nel centro storico di Lipari e registra un'alta frequenza di residente e vacanzieri che fanno ricorso  ai nostri servizi.
Al fine di tutelare l'interesse collettivo, La preghiamo, vivamente, di volere adottare tutte le misure volte a reprimere tale deteriore fenomeno che sfregia, pesantemente, l'immagine della nostra isola.
Nel ringraziarla cogliamo l 'occasione per porgere i nostri più distinti saluti.
Seguono le firme

Proposta di legge per la funzionalità e la continuità didattica nelle scuole di montagna e nelle piccole isole

Proposta di legge dei deputati del Pd , primo firmatario l'on. Alessandra Siragusa, per la funzionalità e la continuità didattica delle scuole situate nei territori di montagna e nelle piccole isole. La proposta, a livello eoliano, è stata sollecitata e sponsorizzata da Saverio Merlino
ART. 1.
(Finalità).
Al fine di realizzare quanto previsto dagli articoli 33 e 34 della Costituzione, di salvaguardare la continuità territoriale, assicurando parità di trattamento a tutti i minori, nonché di garantire l’obbligo di istruzione e la qualità del sistema scolastico anche nei territori svantaggiati geograficamente, la presente legge riconosce e valorizza le scuole delle montagne e delle piccole isole, quali strutture educative e formative per gli studenti e di promozione socio-culturale per le comunità locali, operanti in contesti geografici svantaggiati, e si propone di eliminare gli ostacoli alla loro piena autonomia e all’efficacia della loro azione per la realizzazione degli obiettivi fissati dalla Costituzione.
ART. 2.
(Individuazione delle istituzioni scolastiche destinatarie degli interventi).
Ai fini della presente legge, per scuole di montagna si intendono i plessi scolastici situati oltre 1.000 metri sul livello del mare, che distano più di 20 chilometri da un centro abitato ove è presente il medesimo ordine e grado di scuola, e per scuole delle piccole isole si intendono i plessi scolastici delle isole minori.
ART. 3. (Interventi a favore delle scuole di montagna e delle piccole isole).
Il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca destina agli istituti scolastici un finanziamento per l’acquisto di sussidi didattici e per l’installazione di nuove tecnologie informatiche e telematiche da destinare ai plessi scolastici di cui all’articolo 2.
2. Ai fini del comma 1, è iscritto annualmente nel bilancio dello Stato uno stanziamento pari alle necessità rilevate dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.
ART. 4.
(Organico).
1. Al fine di assicurare la stabilità dell’organico del personale, nelle scuole di cui all’articolo 2 è costituito l’organico funzionale d’istituto.
2. L’organico di cui al comma 1 è aggiornato periodicamente in base al numero delle iscrizioni calcolate nell’arco di almeno tre anni consecutivi.
ART. 5.
(Incentivi a favore della continuità didattica).
1. Al personale direttivo, docente e amministrativo, tecnico ed ausiliario (ATA) di ruolo che fa espressa richiesta di servizio nelle scuole di cui all’articolo 2 e che dimostra di possedere la contestuale residenza
e l’abituale dimora nei medesimi territori è attribuita precedenza di nomina nell’ordine delle rispettive graduatorie, nei trasferimenti, nei passaggi di cattedra e negli incarichi a tempo indeterminato.
2. Gli incarichi a tempo determinato per le scuole di ogni ordine e grado di cui all’articolo 2 hanno durata triennale.
3. Al personale direttivo, docente e ATA assunto a tempo determinato con il vincolo della triennalità o a tempo indeterminato e non residente, che presta effettivamente servizio in modo continuativo. nelle scuole di cui all’articolo 2, sono riconosciuti i seguenti ulteriori incentivi:
a) indennità per sede disagiata a titolo di indennizzo per sopperire ai costi degli alloggi e al disagio lavorativo;
b) equiparazione ai residenti circa il diritto alla riduzione del costo del biglietto dei trasporti marittimi e terrestri, ove applicato.
4. Al personale docente a tempo determinato, assegnato a pluriclassi, che presta effettivamente servizio in modo continuativo nelle scuole di cui all’articolo 2 della presente legge si applicano i benefìci previsti
dall’articolo 3, secondo comma, della legge 1o marzo 1957, n. 90.
ART. 6.
(Supplenze brevi).
1. Al fine di assicurare la tempestività della sostituzione dei docenti assenti, nel caso si debba ricorrere a supplenze temporanee, limitatamente alle supplenze di durata non superiore a un mese, è assicurata
la precedenza assoluta ai docenti che dimostrano di possedere la contestuale residenza e l’abituale dimora nel territorio nel quale è conferita la supplenza. Le supplenze non sono prorogabili.
ART. 7.
(Deroghe).
1. Al fine di garantire il diritto allo studio e pari opportunità a coloro che vivono nelle località di montagna e nelle piccole isole, per le scuole di cui all’articolo 2 della presente legge sono ammesse deroghe a quanto previsto dal decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 81 e dal regolamento di cui al
decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 2009, n. 119.
2. Le deroghe di cui al comma 1 sono individuate in sede di Conferenza unificata, di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, sentiti i sindaci dei comuni
interessati.
ART. 8.
(Norma finale).
1. Gli incentivi di cui all’articolo 5 sono oggetto di apposita contrattazione sindacale.

Buon Compleanno Italia. Il resoconto delle due giornate organizzate dagli alunni della classe 3^ media di Canneto in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia.

BUON COMPLEANNO ITALIA

Il 16 marzo scorso, noi alunni della classe III A della Scuola Media “Galilei Galieo” di Canneto, Istituto Comprensivo Lipari 1, con il supporto della nostra insegnante la prof. Carmelita Merlino, abbiamo organizzato la seconda giornata dedicata ai festeggiamenti per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia denominata BUON COMPLEANNO ITALIA. Questo incontro è stato il proseguo di quello che si è svolto il 1° marzo al quale avevano partecipato il dott. Michele Giacomantonio e il dott. Giuseppe La Greca. Le due conferenze sono state legate da un unico filo conduttore che si è dipanato intorno a delle unità didattiche ben specifiche che hanno contemplato approfondimenti e riflessioni sull’importanza dell’Unità d’Italia e sul processo storico che l’ ha generata.
Infatti, le attività che abbiamo sviluppato in classe hanno focalizzato il grande movimento Risorgimentale e gli ideali che hanno spinto diverse migliaia di italiani a combattere proprio per metterli in atto. Particolari sono stati i riferimenti alle pagine di storia locale. Abbiamo preso spunto dalla magnifica relazione “Lipari al tempo dell’Unità d’Italia” del dott. Michele Giacomantonio, esposta nella conferenza del 1° marzo, e dal suo volume “Navigando nella storia delle Eolie”, soffermandoci in particolare sull’impresa di Garibaldi in Sicilia. Particolarmente interessanti sono risultati anche i riferimenti alla storia locale enunciati dal dott. Giuseppe La Greca ed il suo libro “La lunga notte di Lipari”.  
Inoltre abbiamo passato a rassegna una galleria di personaggi che hanno contribuito alla realizzazione di questa importante unione territoriale, che ha portato alla nascita del Regno d’Italia. Personaggi che abbiamo rintracciato anche nelle vie di Canneto realizzando un’uscita didattica dal tema “Il Risorgimento nelle vie del mio paese”, e così ne abbiamo rintracciato alcune intitolate a dei protagonisti di questo periodo storico. Partendo dalla nostra scuola che è ubicata proprio in Via Risorgimento e si immette nella strada principale di Canneto, nella Marina Garibaldi, il nostro itinerario è proseguito poi nel individuare alcuni vicoli che sono intitolati a Giuseppe Mazzini, Francesco Crispi e a Cavour.
Ma tra questi personaggi abbiamo particolarmente approfondito il mitico Giuseppe Garibaldi con una lettura critica comparando due punti di vista: uno dello storico inglese Mack Smith e uno dello storico italiano Maurizio Viroli: Garibaldi - uomo comune o buon politico?
Dopo questo primo excursus abbiamo analizzato i valori cardini del Risorgimento: Libertà, Patria, Nazione, Democrazia e Gioventù.
“Se un Risorgimento è stato possibile e un’unità è stata raggiunta, lo si deve innanzitutto alla libertà. Nell’Italia Risorgimentale la Patria diviene il territorio sul quale e per il quale combattere, e insieme il primo obiettivo da raggiungere e l’ideale della Nazione sarà essenziale per portare a compimento il percorso unitario. Democrazia come comunione dei cittadini in uno Stato unitario. Democrazia come abolizione delle ingiustizie e dei privilegi. Democrazia come espressione di uno Stato unitario, che riconosce a ciascuno i propri valori. Infine può essere la gioventù un valore? In epoca risorgimentale lo fu. Il Risorgimento fu la celebrazione della gioventù. Giovani erano molti degli eroi che lo vissero, e giovani erano anche gli ideali che li animavano”.
Un’altra unità didattica ha esaminato la poetica risorgimentale con particolari riferimenti alla produzione di Giovanni Berchet, di Alessandro Manzoni e di Alessandro Poerio, oltre che di alcune poetesse risorgimentali appartenenti soprattutto al sud Italia: ricordiamo tra le altre Maria Guacci, Irene Ricciardi, Mariannina Coffa Caruso. Una sezione l’abbiamo dedicata anche alle donne che hanno svolto un ruolo importante nelle lotte Risorgimentali: Anita Ribeiro da Silva, moglie di Garibaldi e Virginia Oldoini, contessa di Castiglione.
Inoltre ci siamo soffermati su una pagina importante della nostra letteratura e precisamente sul famosissimo romanzo “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa riflettendo in particolare sugli avvenimenti legati alle elezioni che si sono svolte in Sicilia nel 1860 e che ne hanno confermato l’adesione al nuovo regno.       
La scaletta dell’incontro del 16 marzo è stata molto varia ed articolata. Oltre alla presenza dei relatori intervenuti, il giornalista Antonio Brundu e lo scrittore Italo Toni, hanno animato la giornata anche alcuni alunni della Scuola Primaria del plesso di Canneto che ci hanno intrattenuto con un simpatico ed originale lavoro didattico, realizzato con il loro insegnante il prof. Gianluca Veneroso,  “L’alfabeto dell’Unità d’Italia”.
Ha aperto i lavori il nostro Dirigente Scolastico, professor Renato Candia, seguito dall’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Lipari dottor Ivan Ferlazzo.
Poi è intervenuto il dottor Brundu che ci ha intrattenuto su una pagina del  momento storico che stiamo analizzando con particolari riferimenti alle problematiche del dopo Unità d’Italia, quando le popolazioni meridionali e quindi gli eoliani vivevano una profonda crisi economica e molti sono stati costretti ad emigrare. Brundu ha tracciato un dettagliato panorama storico di quello che è stato il grande fenomeno dell’emigrazione eoliana e l’italianità diffusa nel mondo dai nostri migranti.
Dopo abbiamo presentato lo scrittore Italo Toni e il suo ultimo volume “Fratelli d’Italia”pubblicato per la ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, e dedicato agli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore di Lipari. 
Particolare attenzione abbiamo altresì riservato ai canti. Prendendo spunto dal libro “Fratelli d’Italia” del sig. Toni, e dal CD “Sanremo – nata per unire” abbiamo approfondito alcuni testi e canti di guerra e patriottici, anche con il supporto della nostra insegnante di musica la prof. Nilde De Pasquale.
 Ha destato in noi particolare emozione, oltre ‘O surdato ‘nnammurato”,  il canto “Addio mia bella addio” . “E’ l’alba del sogno di un’Italia che diverrà realtà tredici anni più tardi. Siamo a Firenze, la sera del 20 marzo 1848. Carlo Alberto Bosi è seduto al tavolino di un caffè e in strada vede sfilare un battaglione di volontari toscani, per la maggior parte studenti, che va ad affrontare l’invasore austriaco. Così inizia a scrivere di getto, il testo di quello che diverrà uno dei canti più amati del Risorgimento. Poi lui stesso partirà per il fronte.
Conosciuto come “Addio mia bella addio”, ma il titolo è “Addio del volontario”, non è un retorico inno alla battaglia, bensì il momento intenso dell’addio alla propria amata di un soldato che parte per il fronte.
Non si sa chi sia l’autore della melodia, però, all’epoca, il canto si diffuse rapidamente, e si racconta che abbia infuocato l’orgogliosa resistenza italiana provocando agli austriaci più danni delle stesse armi”.    
Al termine della giornata abbiamo rivolto un caloroso augurio alla nostra ITALIA,  e a tutti noi italiani, affinché da queste celebrazioni possa scaturire un vero e autentico messaggio d’identità e unità nazionale come espressione di realtà e peculiarità di tutte le Regioni che la compongono.
Abbiamo concluso le manifestazioni, in un’atmosfera decisamente patriottica, con le note dell’Inno di Mameli “Fratelli d’Italia”, il più amato canto dell’unificazione, non solo durante l’epoca risorgimentale, ma anche nei decenni successivi; infatti fu quasi naturale che il 12 ottobre 1946 questo inno divenisse l’inno nazionale della Repubblica Italiana.