Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 19 gennaio 2013

Il sindaco Giorgianni fa il punto a Teleisole sulla riunione di Roma. Argomenti: PC, Emergenza idrica e sicurezza

Un grazie per il filmato al collega Peppe Paino

Leni: una persona denunciata dai Carabinieri

Nell’ambito delle attività volte alla prevenzione ed al contrasto dell’abusivismo edilizio, effettuate nel territorio del Comune di Leni (ME), i militari della Stazione Carabinieri di Santa Marina Salina hanno segnalato all’A.G. di Messina una persona di 47 anni, ritenuta responsabile di abuso edilizio.
In particolare, nell’ambito di una specifica attività volta alla prevenzione e repressione della particolare fattispecie di reato, i Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà un 47enne del luogo, poiché ritenuto responsabile, di avere realizzato, in assenza delle prescritte autorizzazioni un centro di recupero e riutilizzo di materiali inerti e di scarto di lavorazioni edili, in un area di circa 5.000 mq.. L’intera area è stata sottoposta a sequestro.

Dimensionamento scolastico in Sicilia. Ci scrive Bartolo Pavone

Caro Direttore,
con la lentezza serafica che caratterizza noi siciliani, anche nell’isola si avvieranno la prossima settimana le procedure per il dimensionamento / razionalizzazione della rete scolastica.
Era ora. L’Assessorato Regionale all’Istruzione ha annunciato una riunione tecnica per i prossimi giorni per fare il punto della situazione che è presto detto: bisogna mettere in discussione – tranne rare eccezioni – tutto quello che si è fatto durante l’anno scolastico e tutto quello che è rimasto in sospeso.
In ogni caso bisognerà fare i conti con il Miur che ha fatto sapere chiaramente il suo pensiero attraverso i Direttori Generali Regionali, convocati, a tal uopo, a Viale Trastevere.
La mancata Intesa Miur-Conferenza delle Regioni sul dimensionamento implica il mantenimento a regime dell’art. 19 della legge n. 111/2011 come modificata dalla legge n. 183/2011 e quindi, per il prossimo anno scolastico, si potrebbe arrivare ad adottare il parametro medio di 900 alunni per istituto.
Tanto basta perché la Sicilia rimetta in discussione quasi tutto quello che è stato deciso per quest’anno, tenendo presente che, in applicazione delle norme citate sopra, se la scuola non raggiunge i 600 alunni o i 400, in casi particolari, non si prevede l’assegnazione del Ds e del Dsga titolare!
Poiché in Sicilia quest’anno, grazie agli interventi scriteriati consumati dalla Regione, operano ben 171 scuole sottodimensionate e si finiscono – anzi è auspicabile che si finiscano! – ben due concorsi per Dirigenti Scolastici sono bene assicurare non solo stabilità istituzionale alle scuole, ma anche il massimo di posti certi al neo Dirigenti Scolastici e, di conseguenza, ai Dsga. 

Bartolo Pavone

Calcio a 5. Per la Ludica Lipari vittoria "pesante" in trasferta

Vittoria pesante, ai fini della classifica per i ragazzi della Ludica Lipari di calcio a 5 impegnati nel campionato di C2.  Si sono imposti per 8 a 7 in trasferta sul campo dell'A.S.C. La Madonnina di Belpasso. La vittoria preziosissima è maturata nei minuti finali.  Le reti sono state messe a segno da Pellegrino Daniele (6), Rosi e Sturniolo.
Le ragazze di calcio a 5 della Ludica, dopo il vittorioso esordio di domenica scorsa, domani giocheranno a  Messina. 

"Colpo di mano" sull'emergenza idrica nelle Eolie. L'on. Bratti risponde a Merlino

Riceviamo da Saverio Merlino e pubblichiamo una nota inviatagli dall'on. Alessandro Bratti a proposito del "colpo di mano" al Senato inerente l'emergenza idrica e alla richiesta dello stesso Merlino di presentare alla Camera un emendamento che blocchi il tutto. 
Caro Saverio,
Sapevo il tutto. Il problema è che il nostro margine di manovra alla Camera è assolutamente limitato perchè è difficile per non dire impossibile che se modifichiamo il provvedimento questo ritorni al Senato data la situazione...Ti assicuro che faremo il possibile per contrastare questa scelta.
Saluti
Alessandro Bratti

Spazio ai Lettori: "C’era una volta un valore chiamato libertà". Ci scrive il signor D'Angelo


Gentile Direttore, se ritiene opportuno, desidererei fosse pubblicata questa lettera, non è un articolo mirato, ne informativo, sono soltanto delle  considerazioni sul Nostro stato sociale con l'approssimarsi delle elezioni. 
Le scrivo perchè mi  sembra di aver capito che abbia inserito nel Suo giornale uno spazio dedicato 
ai lettori apposito, anticipatamente ringrazio. 
Giuseppe Alessandro D'Angelo
Egregio Direttore, sfogliando sui quotidiani sia Nazionali che locali, noto con rammarico che più il tempo passa più la Nostra società “per così dire civile” invece di emanciparsi imparando e traendo insegnamento dai nostri stessi errori che hanno segnato la storia di questo paese, sta via via regredendo, tutto ciò che ci circonda, dai rapporti interpersonali di carattere sociale, civile, al modo di vivere la Nostra quotidianità, sembra mutarsi drasticamente ed in peggio. Tutti quei valori, per i quali si sono sacrificati ed hanno lottato scendendo in piazza i Nostri padri, le nostre Madri basati su principi di uguaglianza, di libertà e di democrazia, si stanno sempre più rendendo vani usando una antica e blanda scusa “è per il Vostro bene e per il pubblico interesse” strano, questa frase la disse zio Adolfo e sappiamo tutti come andò a finire, siamo passati dalla legge sulla privacy a SERPICO che ci passa al setaccio la Nostra situazione economico finanziaria, lasciando a Noi cittadini l’onere di dimostrare la Nostra innocenza fino a prova contraria. Siamo passati dalla libertà, uguaglianza e parità dei diritti, a “è meglio che le donne per il loro bene non escano di casa dopo il tramonto” frase citata dal Prefetto di Bergamo, per non finire alle telecamere di sorveglianza dei cittadini che debbono essere messe in ogni vicolo delle strade per riprendere tutto tutti e chiunque, all’obbligo di usare bancomat e carte di credito a chiunque anche alle persone anziane che hanno poca manualità con la tecnologia per tenere sotto costante controllo e rintracciabilità le nostre “ormai ridotte all’osso” spese, senza contare l’ argomento Giustizia, tutti vengono spiati controllati ed intercettati da tutti, per poi essere messi alla pubblica gogna in prima pagina sui giornali ancor prima che l’interessato sia stato messo al corrente delle accuse, una volta il codice citava “tutti sono innocenti fino a prova contraria” adesso invece intanto sei colpevole, poi si vedrà. 
Concludendo, paragonando la società odierna a quella di trent’anni fa “visto che il suo giornale ha un angolo che si intitola come eravamo” adesso siamo: più poveri, più disoccupati, meno tutelati, più tartassati, più spiati e più sfruttati, tenendo conto che almeno, se volevi, potevi nascere Liparoto. 
Ma il Popolo una volta non era SOVRANO??? Viva la Democrazia.
Giuseppe Alessandro D’Angelo

"Non dia al cittadino eoliano dell'omertoso". Il signor Turcarelli replica al dottor Giacomantonio


 Egregio Direttore,
Seguo sempre il suo notiziario, da un po di tempo e noto una costante rubrica del Dott. Giacomantonio dove ricorda l'inciviltà diffusa nel comprensorio locale, dove haimè anche il Dott. Giacomantonio ne è stato a suo malcapitato protagonista.
 Mi permetta Dott. Giacomantonio ma Lei non può permettersi di dare al cittadino Eoliano dell' OMERTOSO.
Lei che proprio sotto la sua abitazione evidentemente non distingue giovani che fumano una sigaretta da uno SPINELLO (credo ancora sia proibito dalla legge).
Lei che se non ricordo male pose dei cancelli all'ingresso del palazzo comunale,
Lei che in occasione dell'incendio dello studio della Sig. Salmieri/Lagreca non scrisse due righe,
Lei che in occassione del tentato incendio all'abitazione della consorte dell'attuale Presidente del Consiglio forse non era a Lipari.
Lei che in occassione dell'aggressione al Sig. Agrip nel marzo 2008 forse non ebbe tempo di invocare controlli e dispensare suggerimenti.
Lei che in occasione dell'incendio doloso della mia autovettura nuova nel gennaio 2009 forse pensò IMPARERA' A FARSI I FATTI SUOI.
Mi permetta Lei a me in quanto cittadino Liparoto non può e non si deve permettere a darmi dell'OMERTOSO.
Piuttosto prenda la busta di spazzatura e la depositi Lei al cassonetto piu vicino, stia tranquillo che il proprietario la vedrà e si sentirà molto più in imbarazzo dal'esempio di un cittadino modello e civile come è Lei.
Mi scusi Dott. Giacomantonio io la stimo come uomo e come ex amministratore ma OMERTA' è una parola che va bene "pi puddaciari" sicuramente non per chi come me è Eoliano dalla nascita.
Mi permetta infine una piccola punta politica, ma Lei come esponente ed ex Sindaco di un partito (oggi) al governo del Comune possibile non riesca a farsi portavoce di tutte le Sue condivisibili osservazioni ?.
CON LA STIMA E L'AMMIRAZIONE CHE SERBO PER LEI CORDIALMENTE
                                                                                    MAURIZIO TURCARELLI


NOTA DEL DIRETTORE: Caro Maurizio, solo una precisazione. Non si tratta di una costante rubrica che il dottor Giacomantonio tiene su questo. Ma gli scritti ai quali fai riferimento sono delle riflessioni/considerazioni che l'ex sindaco scrive (come può fare ogni altro cittadino che si firma) su questo sito e credo, contemporaneamente, sugli altri siti.

Vigili del fuoco "infermieri" a Lipari. Intervenuti per una segnalazione di pericolo, portano una anziana in ospedale

Erano intervenuti in località Tufo-Pianogreca di Lipari a seguito di una segnalazione verbale che, in mattinata, era stata fatto loro dalla 83enne M.V.. Segnalazione che riguardava la potenziale pericolosità di un palo Telecom parzialmente divelto. Ma, una volta giunti sul posto e recatisi nell'abitazione della donna, i vigili del fuoco del distaccamento di Lipari (caposquadra Salvatore Pannuccio, vigili Nicola Bombaci, Gennaro Biviano, Puccio D'Angelo, Masino Spanò, Davide Favaloro e Nunzio Giuffrè, il vigile discontinuo Massimo Libro) hanno trovato l'anziana in non perfette condizioni di salute. Per  la precisione con alcune ferite lacero-contuse al viso che la poveretta aveva provveduto a medicare alla meno peggio. Ai vigili ha raccontato che, nel tornare a casa, era stata urtata da un'auto ed era finita a terra.  Alle sollecitazioni dei pompieri di farsi trasportare in ospedale, con l'ambulanza  del 118 che loro stessi avrebbero provveduto a chiamare, la donna ha opposto un fermo diniego. Solo dopo insistenti pressioni dei vigili la signora ha acconsentito a farsi accompagnare in ospedale ma ad una condizione: che la trasportassero i pompieri sulla loro "campagnola". 
L'anziana è stata così accompagnata in ospedale, medicata e riportata a casa. 

Lo Stromboli si "quieta". La nota della Protezione civile

Dopo giorni di intensa attivita', si quieta lo Stromboli.
Dall'analisi dei dati acquisiti dalle reti di monitoraggio, negli ultimi due giorni il flusso lavico lungo la Sciara del fuoco, spiega il Dipartimento nazionale della Protezione civile e' apparso non piu' alimentato e in continuo raffreddamento.
Anche i parametri dell'attivita' esplosiva sono rientrati sui valori tipici della normale attivita' stromboliana. "Nonostante la costante attivita' di monitoraggio - viene spiegato - lo Stromboli e' caratterizzato da attivita' continua e persistente che puo' dar luogo a variazioni repentine non prevedibili". Per quanto riguarda le deformazioni del suolo, non si registrano variazioni significative a livello di edificio vulcanico, ne' della Sciara del fuoco, ma permane una velocita' di deformazione alta della zona craterica sommitale, sebbene in netta diminuzione rispetto ai giorni scorsi. Sono proseguite sull'isola le attivita' di manutenzione delle stazioni di monitoraggio e dei sistemi di allertamento, nonche' le attivita' previste dal Piano d'emergenza. Il Centro funzionale rischio vulcanico del dipartimento continua nell'attivita' di sorveglianza, sia attraverso i centri di competenza (Ingv e universita' di Firenze), sia attraverso proprio personale presente sull'isola.

Videosorveglianza? Giacomantonio propone di "risparmiare sui vigili urbani"

Riceviamo dal dottor Michele Giacomantonio e pubblichiamo:
Il controllo del territorio a Lipari è un’emergenza. Certo anche sulle strade esterne all’abitato come ha dimostrato il danneggiamento delle macchine del geom. Sulfaro, ma anche ed in particolare nei centri urbani dell’isola a cominciare da Lipari. Rispetto a questa emergenza il servizio di prevenzione e repressione è inadeguato: sia quello dei carabinieri sia quello della polizia municipale. Questa emergenza viene da lontano ed in particolare hanno influito dieci anni di latitanza dell’amministrazione comunale. Per questo credo che non abbia diritto il sig. Giulio China di alzare la voce e quando lo fa mi ricorda tanto quel vecchietto che la sera sulle tv spolvera le sedie, dice barzellette, e se la prende con Monti e con i giudici.Ma restiamo a noi. Proprio perchè l’emergenza viene da lontano non si può trascurare. Avevo salutato con grande interesse il progetto di istituire un servizio di videosorveglienza, ma pare che non se ne farà niente perchè non ci sono, mi si dice, le risorse. Non vorrei apparire polemico ma forse si potrebbe risparmiare sui vigili...per quello che servono. Avevo segnalato due giorni fa un materasso in un vicolo ed una borsa di rifiuti in un’aiuola. Sono ancora lì. Voi credete che qualcuno sia venuto a vedere? Nemmeno per sogno. Un primo materasso era comparso nello tesso posto un mese fa, ci vollero dieci giorni per portarlo via. 
Avreste creduto che qualche vigile abbia fatto una piccola indagine per sapere chi era l’incivile che se n’era liberato in maniera così poco urbana. Ma nemmeno per sogno. Mi si dice che i vigili hanno tanto da fare a controllare le strade... Voi dite? C’è una curva a Lipari molto pericolosa proprio in pieno centro storico: è quella che immette da via Umberto I in corso vittorio Emanuele danti alla pescheria. A dire il vero è divenuta pericolosa da quando si è permesso al bar di realizzare una copertura che prende tutto il marciapiede confinante con l’ultimo tratto di via Umberto I; anzi siccome erano rimasti trenta centimetri liberi si è pensato bene di occuparli con una fila di piante. Ora proprio in quel tratto di strada,. tutte le mattine parcheggiano una o due e persino tre macchine. 
Il malcapitato cittadino che, magari con la pioggia, deve imboccare il vicolo a fianco alla pescheria, deve affidarsi l’anima a Dio e sperare quando supera a destra ( a sinistra non c’è spazio sufficiente)le macchine parcheggiate, non giunga da via Umberto I una macchina o peggio una moto a tutto gas. E se il cittadino ha un bambino per mano o una carrozzella? Ebbene si è mai visto un vigile che faccia spostare le macchine, o dia una multa, o si accerti che si renda libero (come il codice della strada prescrive) un pezzo di marciapiede per non dovere traversare nel centro della strada? 

Per questo dico polemicamente che se bisogna trovare i soldi per istituire un servizio di videosorveglianza forse si potrebbero tagliare i costi della polizia municipale. Con un servizio di questo tipo forse si scoprirebbero gli incivili che gettano materassi ed altro nei vicoli, che si ubbriacano e la notte distruggono le macchine, che per gioco strappano alle macchine specchietti e tergicristalli, che soprattutto il sabato notte orinano per le strade, urlano, si azzuffano. Forse si riuscirebbe a spiegare a tanti ragazzi che divertirsi non vuol dire danneggiare e disturbare il prossimo. 
La sera del 6 gennaio, quella della Befana, quando danneggiarono la mia macchina a villa Mazzini, ne danneggiarono gravemente anche altre due. Si è detto che erano quattro o cinque ragazzini fra i 14 ed i 16 anni ubriachi fradici che avevano una Jeep forse presa ad un parente e guidando all’impazzata fecero quel “popò” di danno. Poi, si dice, che si pestarono fra di loro. Ma di tutto questo ufficialmente non si sa niente. Eppure quella jeep deve essere finita da un carrozziere con una grossa ammaccatura e forse qualche ragazzo deve essere andato a farsi medicare. Ma a Lipari l’omertà regna sovrana.
Michele Giacomantonio 

DESISTENZA NELLE REGIONI IN BILICO, INGROIA CI PROVA

Antonio Ingroia ha annunciato che il suo Movimento, Rivoluzione civile, riflettere sull’opportunità di una desistenza nelle regioni “a rischio”, dove il centrodestra potrebbe guadagnare il premio di maggioranza. Sarà tuttavia determinante un’altra circostanza, che Rivoluzione civile abbia modeste possibilità di ottenere un seggio.
Il Movimento potrebbe non presentare una propria lista nel caso in cui queste due condizioni si verifichino. Si tratterà, però, di una valutazione “unilaterale”. Nessuna trattativa, nessuno scambio con chicchessia, cioè con il Partito democratico o il centrosinistra.
Ingroia ha annunciato questa “svolta” – finora l’idea era stata respinta pregiudizialmente – nel corso di una trasmissione radiofonica. E’ difficile che la coalizione di Ingroia – Idv, Fds, arancioni e Verdi – sposi l’idea della desistenza, stando a quanto finora è stato detto da alcuni autorevoli leader, come Leoluca Orlando. Il sindaco di Palermo proprio nei giorni scorsi ha detto ai quattro venti, per esempio, di avere ricevuto una proposta da parte di Dario Franceschini nel corso di una conversazione telefonica, sulla desistenza nelle Regioni a rischio. Il sindaco ha riferito di avere respinto la proposta, commentando che essa sarebbe testimonianza della debolezza, spaventato dai passi avanti che Rivoluzione civile sta facendo ai danni del centrosinistra.
La dichiarazione che non ha certo fatto felice Dario Franceschini, costretto a spiegare  l’inspiegabile.Non era nelle sue intenzioni proporre un patto, ha detto , ma segnalare quanto fosse svantaggioso per la sinistra, e vantaggioso per Berlusconi, frammentare un’area politica che può aspirare al successo, impedendo al centrodestra di tornare al governo. L’inghippo, comunque, è un altro: le Regioni in bilico, Sicilia e Campania, potrebbero dare dei seggi a Rivoluzione civile e quindi non possono essere un territorio di desistenza. Restano la Lombardia e il Veneto.
Anche Luigi De Magistris, come Orlando, è sembrato intenzionato a non fare passare alcun patto di desistenza. Se stanno così le cose, l’auspicio di Antonio Ingroia, non può che essere solo un auspicio, è destinato a rimanere tale, a meno che dalla valutazione unilaterale non si vada al tavolo della trattativa “sommersa”.
Siccome le primarie non consentono liberalità al Partito democratico sulle composizioni delle liste, restano due possibilità: candidature ben piazzate nelle liste di sostegno o un entante cordiale all’indomani del voto, in sede di formazione del governo.
Ma queste eventualità, allo stato, sono da scartare, visto che Ingroia ha fatto cenno unicamente ad una valutazione unilaterale da parte di Rivoluzione civile. Allo sportello dei bookmakers, la desistenza allo stato verrebbe data una a cinquanta. Come vincere la lotteria di Natale.

IN FUGA DA GRANDE SUD: IL PD APRE LE PORTE AI RIBELLI

“Esprimiamo apprezzamento per la scelta compiuta oggi dagli onorevoli Michele Cimino, Riccardo Savona, Edy Tamajo e Titti Bufardeci, i quali hanno deciso di uscire dal Grande Sud per poter aprire un dialogo con il centrosinistra, in particolare con il Partito Democratico, a partire dalla prossime elezioni politiche nazionali. E’ un atto forte e coraggioso: denota fiducia nei nostri confronti, per cui li ringraziamo, e tale atto merita la massima attenzione”. Così in una nota Giuseppe Lupo, segretario regionale Pd della Sicilia, e Davide Zoggia, responsabile Enti locali del Partito Democratico.
Il Pd dialoghera’ con gli esponenti di Grande Sud Michele Cimino, Riccardo Savona, Edy Tamajo e Titti Bufardeci, in rotta con Gianfranco Micciche’ dopo l’alleanza elettorale siglata dall’ex sottosegretario con Silvio Berlusconi e la Lega. “Si tratta di un fatto importante nel panorama politico e per le sorti della Sicilia. E non solo in quanto avvenuto del tutto al riparo da logiche e ombre di opportunismi e convenienze ma anche, e soprattutto, perche’ si fonda su un programma serio e interessante di rilancio dell’economia e della societa’ siciliana – dicono – Dall’incontro tra le idee e il patrimonio di esperienze dei deputati Cimino, Savona, Tamajo, Titti Bufardeci e il centrosinistra puo’ infatti nascere una sinergia capace di risollevare la Sicilia dal ristagno politico e dall’abbandono a cui il centrodestra, nonostante innumerevoli proclami, l’ha condannata per favorire gli interessi dell’alleato leghista. La Sicilia ha invece tutte le potenzialita’ per poter diventare, da problema, un punto di forza e di riferimento non solo a livello nazionale ma anche continentale. Non si tratta di obiettivi irrealizzabili.
“Come indicato da Michele Cimino, Riccardo Savona, Edy Tamajo e Titti Bufardeci – conclude la nota – con i necessari investimenti infrastrutturali, efficaci interventi in materia occupazionale, il rilancio dell’agricoltura, attenzione al sociale, tutto questo, unito ovviamente alla lotta alla criminalita’ organizzata, puo’ diventare possibile. Su misure di questo genere intendiamo per questo lavorare per la costruzione di un futuro rapporto con Michele Cimino, Riccardo Savona, Edy Tamajo e Titti Bufardeci non solo per rafforzare il governo nazionale ma anche quello regionale di Rosario Crocetta”.

Auguri a..Peppe, Anna e Laura

Gli auguri di buon compleanno oggi sono per Peppe Paino, Anna Merlino e Laura Mandarano
Volete fare gli auguri ai vostri cari? Inviateceli. Raccomandiamo solo di farlo con qualche giorno in anticipo. L'indirizzo a cui spedirli è s.sarpi@libero.it
N.B. Gli auguri (di qualunque genere) con le foto sono a pagamento (vedi tariffario in alto a questa pagina), così come gli auguri (anche senza foto) che non siano di Buon Compleanno

Pd: no a Crisafulli, Caputo e Papania nelle liste

corriere.itLa Commissione nazionale di garanzia del Partito Democratico, presieduta da Luigi Berlinguer, in base a un criterio di opportunità ha deciso di non includere nelle liste elettorali le candidature di Mirello Crisafulli (di Enna), su cui pesa un rinvio a giudizio per abuso d'ufficio; di Antonio Papania (di Trapani), che ha patteggiato davanti al gip di Palermo una pena di 2 mesi e 20 giorni di reclusione per abuso d'ufficio, quando ricopriva l'incarico di assessore al lavoro presso la Regione Siciliana; e di Nicola Caputo (di Caserta), indagato per rimborsi falsi come consigliere regionale.
RINUNCE VOLONTARIE - I garanti del Pd hanno emesso il loro «verdetto» per alcune candidature giudicate inopportune e in contrasto con i principi del codice etico. Per Nicola Caputo la Commissione ha considerata decaduta la deroga concessa dal Comitato elettorale nazionale. La Commissione di garanzia ha inoltre preso atto di due rinunce volontarie alla candidatura da parte di Bruna Brembilla (candidata in Lombardia) e Antonio Luongo (in Basilicata).
LA DECISIONE - C'era attesa per la decisione della Commissione: si trattava di sciogliere un nodo non facile, quello delle candidature di «pezzi grossi» come Angelo Capodicasa, Vladimiro Crisafulli, Giovanni Papania e Francantonio Genovese che, insieme, raccolgono oltre 40 mila preferenze. Sull'opportunità politica di candidarli, c'è ora la pronuncia ufficiale.
«GIACOBINISMO E GIUSTIZIALISMO» - Non si è fatta attendere la reazione del senatore Crisafulli: «È giacobinismo allo stato puro. Un errore e una scorrettezza clamorosa». Intervenendo alla Zanzara, trasmissione di Radio 24, Crisafulli ha anche parlato di «posizione giustizialista», ricordando che però «c'è sempre uno più puro che ti epura». Il senatore aveva dominato le primarie nella sua Enna, doppiando largamente il secondo candidato, Maria Gaetana Greco. Anche Papania («Preferisco non parlare») aveva superato con ampio margine Pamela Orrù. Stessi toni anche per il campano Caputo, che si dichiara «esterrefatto» perché «basta un solo un avviso di garanzia per mettere uno fuori gioco».
«IMMAGINE E ONORABILITÀ» - Il presidente della Commissione, Luigi Berlinguer, ha commentato: «La Commissione nazionale di garanzia del Partito democratico ha voluto mantenere fermi due principi tra di loro in difficile equilibrio: da un lato quello costituzionale che si fonda sulla presunzione di innocenza del singolo e, dall'altro, quello che impone alla commissione che presiede la tutela dell'immagine e della stessa onorabilità di quel grande corpo collettivo che è un partito di massa come il Pd». «Di fronte a polveroni mediatici e a sommari processi di piazza (magari via web) che creano un irrespirabile clima di intolleranza e di generiche accuse all'intero sistema democratico - ha spiegato Berlinguer -, la Commissione ha scelto sulla base dell'interpretazione severa di codice etico, statuto, leggi dello Stato. Questo ci ha portato a ottenere due rinunce volontarie e a deliberare l'esclusione, con motivazioni tra loro diverse, di tre candidati dalle liste del partito».

venerdì 18 gennaio 2013

E' deceduta la nonnina di Ginostra

Si è spenta all'età di 85 anni, a Barcellona P.G,  la ginostrese Assunta Lo Schiavo. Mamma esemplare, instancabile lavoratrice, orgogliosa battagliera nel rivendicare e difendere i diritti della terra natia. Insomma, una grande donna. Un pezzo di storia e memoria di Ginostra che viene a mancare ma che resterà sempre presente e viva nei ricordi della comunità ginostrese e non solo. Alla famiglia le più sentite condoglianze da parte della comunità ginostrese e da Eolienews

Proroga emergenza idrica. "Bombardiamoli" di mail (di Silvia Carbone)

Mi spiacerebbe dover ammettere che, come spesso accade, sono pochissime le persone che su quest' isola sono pronte a mettersi in gioco in prima linea nelle battaglie civili.
Infatti mi risulta che, a tutt'oggi, solo Saverio Merlino abbia prontamente aderito all'iniziativa che ho lanciato sul web, contro la proroga dell'emergenza idrica.
La sua email delinea molto più ampiamente della mia il problema e mi pare giusto copiarla e inviarla.
Spero che non tardino ad arrivare altre adesioni, a garanzia che il lavoro "certosino" dell'Avv. Intilisano, che ci rappresenta come comunità contro scelte che garantiscono gli interessi di pochi, non rimanga sepolto nelle aule dei tribunali.
Quindi avanti con le email, un vero e proprio bombardamento!!!!
P.s. mi dicono che il Sindaco sia a Roma ad affrontare istituzionalmente la faccenda. si attende conferma
Silvia Carbone

Potenziare il presidio dei carabinieri e istituzione di un presidio fisso di polizia. Il pensiero di Lucio Raffaele

Riceviamo e pubblichiamo
L’episodio increscioso accaduto quest’oggi e subìto dal geometra Placido Sulfaro, a cui esprimo la mia solidarietà, è sintomatico di una situazione grave che deve essere necessariamente affrontata e risolta. Occorrono segnali forti da parte di tutte le istituzioni , non si tratta solo di “maleducazione o di inciviltà” ma di comportamenti violenti reiterati da inquadrare in un clima di tensione che la nostra comunità non può e non deve permettere ,  non bisogna assolutamente abbassare la guardia quando si tratta di garantire la serenità dei propri concittadini.È evidente ormai che il numero dei componenti delle forze dell’ordine è troppo esiguo per un territorio vasto come Lipari, l’amministrazione comunale si faccia promotore di una richiesta di potenziamento del presidio dei carabinieri e dell’istituzione di un presidio fisso di polizia….ormai non è più tempo di aspettare.
 Lucio Raffaele

LA DENUNCIA DEL M5S ALL'ARS: “DEPUTATI ASSENTI, TESSERINI PRESENTI”

“Cinquantasette tesserini di altrettanti deputati inseriti sui banchi all’Ars, ma soli 27 presenti. Non mi sembra una bella forma di rispetto per i deputati presenti in aula, per i cittadini siciliani, oltre che un buon metodo per risparmiare sui costi della politica”. Questa la denuncia di Giancarlo Cancelleri
Il capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Ars durante l’odierna seduta d’aula ha segnalato “deputati assenti in aula, ma formalmente presenti grazie ai duplicati dei tesserini, schede magnetiche che vengono inserite nei banchetti di votazione, facendo risultare i deputati formalmente presenti, anche se questi non ci sono, falsando così la possibilità dell’Assemblea di potersi esprimere per mancanza di numero legale e consentendo però ai deputati di percepire per intero la diaria”.

La solidarietà di Federalberghi al geometra Sulfaro

Desideriamo rappresentare la nostra piena solidarietà al Geometra Placido Sulfaro per il grave atto vandalico subito questa notte.
Pur sperando che non si tratti di un atto intimidatorio, è ormai sin troppo evidente che non siamo in presenza di un episodio isolato.
Sono trascorsi alcuni anni da quando, a Lipari e nelle altre isole, si poteva dormire o lasciare le case incustodite con la chiave nella toppa. È però altrettanto vero che, nella nostra comunità, oltre ad un’azione di monitoraggio del territorio si avverte sensibilmente il bisogno di intraprendere delle azioni concrete di crescita e sviluppo socio-culturale.
 Christian Del Bono
Presidente Federalberghi Isole Minori della Sicilia
Presidente Federalberghi Isole Eolie

Il cittadino chiama. Eolienews in collaborazione con il personale Telecom risolve

Il titolo dice tutto su quanto può essere  importante un organo d'informazione come il nostro anche per risolvere piccole problematiche.
Non più di venti minuti fa ci hanno segnalato che lo sportello dell'armadio di parti-linee della Telecom (ubicato di fronte all'Esso) era praticamente semi-aperto e, quindi, alle mercè di qualunque malintenzionato.
Abbiamo provveduto ad informare il tecnico Telecom Sergio Acquaro che, tempestivamente, si è recato sul posto e ha verificato la veridicità di quanto segnalatoci e messo in atto un intervento tampone. Ha anche provveduto a segnalare a chi di competenza la necessità di un intervento più mirato e che rientra nelle competenze di altri.

Proroga emergenza idrica nelle Eolie. Merlino(PD) scrive ai deputati del suo partito evidenziando qualche "anomalia"

Riceviamo da Saverio Merlino e  pubblichiamo:
Caro Onorevole,
ti invio un breve resoconto di quanto avvenuto ieri in Senato con riferimento all'emergenza idrica delle isole Eolie.
Come saprai il DL 59/2012 ha previsto che tutte le emergenze cessano al 31 dicembre 2012.
Il Governo, in data 14 gennaio 2013, con il DL 1/2013 ha previsto che alcune emergenze per gravi problemi ambientali (tra cui la Costa Concordia ) in deroga alla norma sopracitata erano prorogate per un anno.
Il Senato, però, ieri (16 gennaio 2013) in sede di conversione del Decreto Legge 1 del 14 gennaio 2013 ha approvato, nonostante il parere negativo del Governo, un emendamento proposto dal senatore Bruno
Alicata  di Siracusa del PDL con cui si proroga sino al 31 dicembre 2013 la sola emergenza idrica nel Comune di Lipari in cui è stato nominato Commissario  l’avv. Luigi Pelaggi (già capo della segreteria tecnica dell’allora Ministro Stefania Prestigiacomo di Siracusa del PDL).
Trattasi dell’emergenza n. 3738/2009 che è stata dichiarata nel 2002 e con cui si dovrebbe realizzare un nuovo dissalatore sull’isola di Lipari (l’appalto è già in corso) nonché due depuratori: uno sull’isola di Lipari ed un altro sull’isola di Vulcano e un altro dissalatore sull’isola di Vulcano.
Gli appalti delle ultime tre opere sono stati già aggiudicati e si deve solo provvedere alla firma del contratto nonché poi alla realizzazione delle opere .(con problematiche serie che da anni ci portiamo dietro e  per le quali chiediamo modifiche e massima trasparenza).
Non è stata prorogata, invece, l’emergenza Stromboli (il cui Commissario era il capo della Protezione Civile) e questo non è sicuramente un dramma perché la soluzione, per tale emergenza, a mio avviso e non solo, non
è un  intervento straordinario (gli ultimi 4 anni ne sono una prova) ma un intervento con una legge ordinaria che può sicuramente garantire certezze per gli abitanti dell'Isola di Stromboli e delle Eolie in generale.
Ti invio in allegato il resoconto della seduta del senato e come potrai notare la votazione e l’approvazione dell’emendamento del Senatore Alicata è molto ma molto anomala (prima non è approvato e poi è approvato).
Sarebbe importante ed opportuno proporre alla Camera un emendamento abrogativo.
Chiedo, pertanto, un tuo intervento in tal senso.
Grazie
Saverio Merlino (Partito Democratico Lipari - Eolie)


RESOCONTO SENATO
Commissione 16 gennaio 2013
Riprende l'esame del disegno di legge in titolo, sospeso nella seduta di ieri.
Il presidente D'ALI' dichiara improponibili, ai sensi dell'articolo 97, comma 1, del Regolamento, l'emendamento 1.2 e gli emendamenti da 2.0.1 a 2.0.18, nonché l'emendamento 2.0.21.
Illustra quindi l'emendamento 1.100 che reca una correzione formale al fine di correggere un erroneo riferimento normativo presente nel decreto.
Illustra quindi l'emendamento 1.200 e riformula, al fine di rimediare ad un errore materiale, l'emendamento 1.0.100 nel testo 2. Tale proposta emendativa differisce al 1° luglio 2013 l 'entrata in vigore della TARES.
Il senatore ALICATA (PdL) illustra l'emendamento 2.1 che proroga la  gestione commissariale per il completamento di talune opere volte a risolvere l'emergenza idrica nelle isole Eolie.
PRESIDENTE - “Passiamo all'esame dell'emendamento riferito all'articolo 2 del decreto-legge, che si intende illustrato e sul quale invito il  rappresentante del Governo a pronunziarsi.
FANELLI, sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare. Signor Presidente, il Governo esprime parere contrario sull'emendamento 2.1 (testo corretto), in quanto non ritiene che in merito alla questione delle isole Eolie esistano i requisiti, previsti esplicitamente nell'articolo 2, di condizioni di emergenza ambientale e di straordinaria necessità ed urgenza. Inoltre, faccio notare che tale emendamento, per come è formulato, fa sì che continuino a produrre effetti anche i provvedimenti presupposti, conseguenti e connessi alle ordinanze.
PRESIDENTE. Metto ai voti l'emendamento 2.1 (testo corretto), presentato dalla Commissione. Non è approvato.
RIZZI (LNP). Chiediamo la controprova.
PRESIDENTE. Ordino la chiusura delle porte. Procediamo alla controprova  mediante procedimento elettronico.
È approvato. (Applausi del senatore Rizzi).

Ferrara: Da traghettatore di belle donne a traghettatore di colleghi. Grazie a lui due vigili tornano a casa

Traghetti ed aliscafi non viaggiano e a "portare a casa" i due vigili del fuoco "smontanti" di Vulcano ci pensa il collega (anche lui smontante) Maurizio Ferrara. I tre reduci "dalla notte di fuoco" hanno preso posto sulla "mitica" Carola e, in che non si dica, hanno raggiunto la vicina Vulcano.
Un "passaggio" gradito che Maurizio non ha potuto estendere agli altri colleghi che avrebbero dovuto raggiungere Milazzo. Troppo forte il mare e miglia marine che sono al di fuori di quelle che rientrano tra quelle di competenza di questa barca.
Per una volta Maurizio invece di trasportare turisti e belle  donne in giro per gli isolotti di Panarea si è dovuto accontentare.... ha fatto da "Caronte" a due amici.

Cittadinanzattiva su pensioni di invalidità:bene il ritiro della circolare, ma l'Inps non sostituisca Parlamento e Ministero. Sulla materia ascoltare le associazioni dei cittadini

"Bene il passo indietro fatto dall'INPS, ma siamo preoccupati dalla evidente invasione di campo che l'Istituto pensionistico aveva attuato con la circolare, oggi ritirata anche a seguito dell'intervento del Ministro Fornero e della mobilitazione di sindacati ed associazioni contro il provvedimento" è quanto dichiara Tonino Aceti, responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei malati cronici (CnAMC) di Cittadinanzattiva in merito al ritiro della Circolare 149 del 28 dicembre 2012, che sanciva a partire dal 2013 quale limite reddituale per l'accesso alle stesse indennità i redditi sia del richiedente che del coniuge.
"In assenza di tale dietrofront, anche l'Indirizzo politico fornito dal Parlamento con la legge di stabilità rispetto al supporto alla non autosufficienza sarebbe caduto nel vuoto: da una parte lo Stato avrebbe dato, dall'altro avrebbe tolto, con la conseguenza per i cittadini di non ricevere alcun sostegno.
Come Cittadinanzattiva chiediamo che l'INPS si attenga strettamente alle sue competenze e, al tempo stesso, che il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, nella sua annunciata attività di approfondimento della materia, tenga conto degli orientamenti già espressi sulla materia dalla Corte Costituzionale e colga l'occasione per approfondire, con il parere delle associazioni dei cittadini, dei pazienti e delle persone con disabilità, anche la Nota interna INPS del 20 settembre 2010 che rivede i requisiti per la concessione delle indennità di accompagnamento.
Monitoreremo attentamente gli ulteriori sviluppi della vicenda stigmatizzando ulteriori decisione illegittime e penalizzanti i diritti dei cittadini".
CittadinanzAttiva Isole Eolie

“Sicilia: no all’istituzionalizazione del volontariato archeologico”

La Confederazione Italiana Archeologi esprime la propria ferma opposizione alla proposta avanzata dall’associazione Siciliantica all’assessore Zichichi in merito all’istituzionalizzazione del volontariato archeologico.
 “Abbiamo rispetto per il mondo del volontariato – afferma Donata Zirone, responsabile della Confederazione Italiana Archeologi Sicilia e le associazioni che offrono un contributo generoso all'archeologia,  ma il loro operato deve rimanere al di fuori del mercato del lavoro e della libera concorrenza tra società o professionisti. Non si confonda il volontariato con il lavoro svolto a costo zero.”
“ Siamo fiduciosi che il presidente Crocetta e l’assessore Zichichi – afferma Donata Zirone  - si adopereranno per garantire il rispetto della professionalità degli archeologi e di tutti i professionisti dei beni culturali. Ci auguriamo, inoltre, che la nuova Amministrazione regionale promuova un tavolo di concertazione con le associazioni di categoria, che rappresentano i professionisti e gli operatori del settore, per elaborare delle proposte condivise per il rilancio del patrimonio archeologico della nostra regione”.
Valentina Di Stefano (Ufficio stampa archeologi italiani)

Plauso ai professori della media di Pianoconte

Mi permetto di scrivere queste righe al mio nome ma, credo, anche a nome di tutti genitori della SCUOLA MEDIA di Pianoconte per dire quanto i professori di questa scuola siano stati ESEMPLARI dall'inizio dell' anno e, in particolare modo, in questa settimana molto difficile. Al solito le due professore di lettere sono venute come fanno sempre con qualsiasi tempo e con qualsiasi mare; oggi con la nave di questa mattina alle 7 per tre ore di lezione di pomeriggio sapendo che le probabilità di tornare stasera ma anche domani erano quasi nulle, della professoressa di matematica che dorme qui da due giorni, dal professore di sostegno, le professoresse di matematica e di francese che hanno preso la casa qui già dall'anno scorso..... l'insieme ha permesso quest'anno ai ragazzi di non perdere mai una giornata di scuola...MAI..... 
Credo che TUTTO QUESTO abbia ridato ai ragazzi il senso della scuola, del dovere....Non si alzano più con, come primo pensiero, "Viva: domani c'è maltempo non c'è scuola"...... 
Grazie di cuore per l'impegno di tutti. Io se fossi Ministro della Pubblica Istruzione inventerei un sistema di punti per premiare questi docenti e il loro impegno verso i nostri figli. In modo tale di fare si che loro possano raggiungere più velocemente il loro traguardo:avvicinarsi giustamente alle loro famiglie. 
Spesso noi genitori sembriamo molto critici ma certe situazioni riscontrate in certe scuole sono difficili da vivere sia per i bambini e i genitori ....penso ai bambini della scuole materne e ai bambini che hanno un maestro di sostegno che viaggia; a certe classi che hanno docenti molto spesso assenti.  
Forse possiamo augurarci semplicemente che tutte le scuole funzionino come questa scuola Media quest'anno....
Ringraziando per avermi permesso di essere letta sui vostri siti.
 Christine Berart (membro del Consiglio d'Istituto Lipari 2)

Emergenza idrica alle Eolie. "Non se ne può più" di Silvia Carbone

(di Silvia Carbone) Non se ne può più!!!
Grazie al solerte interessamento del Senatore Alicata (Siracusa) il 15 c.m.  è stata approvata dal Senato la proroga di 1 anno per l'emergenza idrica alle Eolie!!!!
Propongo  ai miei concittadini, e comunque a tutti quelli che seguono con apprensione la vicenda DEPURATORE DI CANNETO DENTRO,  di inviare ai deputati ed ai membri della commissione TERRITORIO ED AMBIENTE la seguente email:
 "Egregio Onorevole,
 in data 15 gennaio 2013,  su proposta del senatore Bruno Alicata di Siracusa e con il parere contrario del Governo, in sede di conversione del Decreto Legge n.1 del 14 gennaio 2013 il Senato ha approvato un emendamento in cui si proroga sino al 31 dicembre 2013 l’emergenza idrica per l’isola di Lipari con cui è stato nominato commissario delegato l’avv. Luigi Pelaggi.
Non capiamo quali siano le ragioni e la necessità di tale proroga.
Ed in particolar modo non capiamo come mai si è prorogata un’emergenza idrica che ormai riguarda solo ed esclusivamente la gestione di un appalto la cui gara è stata espletata,  mentre non è stata prorogata l’emergenza Stromboli, attualmente in eruzione, ove sono in gioco le vite e l’incolumità di noi isolani.
Chiediamo che sia data priorità alla sicurezza di noi eoliani e pertanto chiediamo che alla Camera il predetto emendamento, in conformità con il parere del Governo, sia revocato. "

Emergenza collegamenti marittimi con le isole minori. Federalberghi scrive al presidente Crocetta

L’emergenza collegamenti marittimi permane al centro dell’agenda delle piccole isole siciliane. Federalberghi isole minori della Sicilia chiede formalmente un incontro urgente al presidente della Regione, Rosario Crocetta.
È di ieri la notizia di ulteriori paventati tagli per euro 35 milioni sul bilancio provvisorio della Regione Sicilia. Un taglio, dichiara Christian Del Bono, presidente di Federalberghi isole minori Sicilia, che renderà ancora meno competitive le nostre isole sui mercati nazionali e internazionali. Già lo scorso anno, incalza Del Bono, erano state soppresse alcune linee importanti. Ad esempio, nel caso delle Eolie, è stato di fatto tagliato fuori l’aeroporto di Reggio Calabria e dimezzato il collegamento con Palermo. Senza contare gli ingenti e reiterati disagi connessi alla mancanza di fondi per il rinnovo dei servizi a mezzo nave ro ro con la quale sono tutt’ora alle prese le Egadi, Pantelleria e Ustica: i bandi sono scaduti e bisogna – sempre in emergenza - assolutamente reperire le somme per poterli rinnovare.
L’allarme è serio e una rimodulazione dei servizi di collegamento non basta. È necessario colmare pendenze pregresse e intercettare in modo strutturato le risorse necessarie per bloccare un emorragia che rischia di spazzare via, assieme alla crisi, le speranze di ripresa delle piccole economie insulari.

Altre foto della Mercedes incendiata a Capistello



L'amministrazione Giorgianni vicina alla famiglia Sulfaro dopo il grave episodio di stanotte.

Appresa la notizia del gravissimo episodio verificatosi  l'Amministrazione Comunale tutta intende manifestare l'assoluta ed incondizionata vicinanza al geom. Placido Sulfaro ed alla Sua famiglia, per il gravissimo atto intimidatorio subito. E' inconcepibile che una comunità come la nostra, abbia al proprio interno individui capaci di tali spregevoli gesti. Queste "mele marce", per non definirli altrimenti, vanno perseguiti ed assicurati alla giustizia il prima possibile. L'Amministrazione Comunale auspica e spera che tale violento attentato non sia ascrivibile all'attività professionale svolta dal geometra Sulfaro nell'interesse dell'Ufficio di cui ne è il responsabile, perchè se così fosse sarebbe ancora tutto più grave ed inquietante. Le Forze dell'Ordine tutte mettano in essere tutte le necessarie ed urgenti azioni per scovare i colpevoli al fine di tutelare tutti i cittadini e far ritornare nelle famiglie eoliane la serenità necessaria, soprattutto in questo momento di crisi.
 L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE 

Lombardo capolista MPA al Senato?

(da gazzetta del sud.it) I rumors danno per scontato che Raffaele Lombardo sarà il capolista Mpa al Senato in Sicilia, una battaglia che gli autonomisti affrontano da soli anche se in apparentamento col Pdl. Da giorni il pressing dei suoi deputati, stamattina un nuovo incontro col presidente del Pdl Silvio Berlusconi e tutto porta a ritenere che alla fine la scelta sarà fuori discussione, non solo per il livello della partita in corso ma per la stessa prospettiva dell’Mpa. Senza il leader in campo, la tenuta sarebbe a rischio nel tempo; peraltro, Lombardo vive di passione politica e la scelta di rimanere in panchina nel ruolo di padre nobile, seppure inizialmente vera e anche indotta dalle trattative col Centro democratico, era stata metabolizzata con amarezza. Adesso c’è da ripensare l’intero assetto con Grande Sud, alleato dell’Mpa alla Camera in Sicilia e nelle regioni del Sud dove sono stati mobilitati i presidenti di Regione per supportare questa sorta di “Lega Sud”. Sempre oggi, riunione del direttivo Pdl per chiudere le liste-Sicilia. Hanno già definito il loro organigramma l’Udc (Casini sarà capolista al Senato seguito dal messinese Saro Sidoti; D’Alia alla Camera seguito da Adornato in circoscrizione uno e da Pistorio in Sicilia 2), e “Rivoluzione civile” di Ingroia

Eruzione Stromboli, Coltelli (Ingv): “attività diversa da quella che provocò lo tsunami del 2002″

Un’enorme nuvola di polvere ha allarmato sabato scorso, ma per breve tempo, gli strombolani, riportando alla memoria il crollo che provoco’ lo “tsunami” del dicembre 2002. “Niente di paragonabile a quell’evento”, dice all’Adnkronos Mauro Coltelli, direttore delle ricerche sui vulcani siciliani dell’Ingv, inviato immediatamente a verificare lo stato di attivita’ dello Stromboli. “Non si e’ verificata nessuna frattura sottomarina nel lato della Sciara del fuoco -dice Coltelli-, e anche il fenomeno visibile, sicuramente scenografico, e’ stato completamente differente“. Il vulcano e’ entrato in una fase di attivita’ piu’ intensa del solito, ma “del tutto nei parametri“, dalla fine dello scorso dicembre, con un picco eruttivo il 23. “In questo periodo si stanno verificando ‘trabocchi’ ogni 10 minuti circa, ed e’ iniziata una fase di arrivo in superficie di una notevole quantita’ di magma, ma non tale da dare preoccupazione. Sabato -riassume Coltellisi e’ verificato un fenomeno piu’ intenso delle altre volte si e’ accumulata lava molto rapidamente sul versante della Sciara, e si e’ verificata una frana. Ma in questo caso, a differenza del 2002, e’ stata una frana superficiale“. Per tutti i residenti l’allarme e’ stato immediato, “ma loro stessi, che conoscono benissimo il vulcano, si sono resi conto durante un sopralluogo che non c’era motivo di preoccuparsi -dice ancora Coltelli-. Il collasso del 2002 venne provocato da un fenomeno piu’ profondo e fu istantaneo, questa frana e’ durata 16 minuti“. Nessuna preoccupazione dunque per un altro ‘tsunami’: “certo, la situazione potrebbe evolvere -conclude Coltellima la conoscenza del passato ci dice che e’ molto improbabile“.

Notte di fuoco a Capistello. A fuoco i mezzi del geometra comunale Sulfaro

A Lipari, per la precisione in contrada Capistello, è stata una notte di fuoco. Intorno all'una e trenta, nello spazio antistante l'abitazione del geometra comunale Placido Sulfaro (50 anni), un incendio (di probabile natura dolosa) ha interessato tre mezzi di sua proprietà che erano posteggiati.
Le fiamme hanno avvolto e  letteralmente carbonizzato un Mercedes (classe A), danneggiate una Ford Ka e una vespetta. Gli ultimi  due  mezzi non hanno subito la stessa sorte del Mercedes per il tempestivo intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Lipari (caposquadra Salvatore Pannuccio, componenti: Ferrara,  Giuffrè, Scaffidi, Abbondanza, D'Angelo e Bombaci)) che con l'ausilio  di due mezzi (un'autobotte e  un camion APS) hanno impedito il propagarsi delle fiamme che avevano cominciato ad aggredire la Ford e la vespetta.
Il geometra Sulfaro, che al momento dell'incendio (partito dal Mercedes) si trovava solo in casa, non appena si è reso conto di ciò che stava accadendo, oltre ad allertare i vigili del fuoco, ha tentato di spegnere in modo autonomo l'incendio. Durante questa fase ha riportato una intossicazione da fumo ed è stato trasportato in ospedale a Lipari per le cure del caso. La prognosi dei sanitari è stata di quattro giorni, salvo complicazioni.
Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Lipari che, ovviamente, hanno avviato le indagini del caso.
Come anticipato l'incendio ha  un'alta probabilità di essere stato doloso. Resta da capire se legato in qualche modo all'attività che il Sulfaro espleta all'interno del comune.
Il sindaco Giorgianni non appena informato dell'accaduto, dopo essersi messo in contatto con il Sulfaro stesso, ha stigmatizzato il grave episodio e ha auspicato che, eventuali responsabili, vengano assicurati al più presto alla giustizia.
Intanto nell'isola questo ennesimo episodio delinquenziale ha messo in allarme e  in apprensione la popolazione

Notte di fuoco e di paura a Lipari. In fiamme i mezzi del geometra Sulfaro

"Notte di fuoco" e di paura a Lipari. Hanno preso fuoco(probabile il dolo) due auto e  un motociclo di proprietà del geometra comunale Placido Sulfaro. L'intervento dei vigili del fuoco(caposquadra Pannuccio)  ha scongiurato che le fiamme potessero causare ulteriori danni.
Grande, ovviamente, la paura
Questo è il succo della notizia che vi diamo in anteprima, ma vi aggiorneremo con ulteriori dettagli.

Auguri a...Serena, Camilla e Emanuela

Gli auguri di buon compleanno oggi sono per Serena Zaia, Camilla Spinella e Emanuela Caponetto
Volete fare gli auguri ai vostri cari? Inviateceli. Raccomandiamo solo di farlo con qualche giorno in anticipo. L'indirizzo a cui spedirli è s.sarpi@libero.it
N.B. Gli auguri (di qualunque genere) con le foto sono a pagamento (vedi tariffario in alto a questa pagina), così come gli auguri (anche senza foto) che non siano di Buon Compleanno

giovedì 17 gennaio 2013

"Colpo di mano" al Senato. Prorogata l'emergenza idrica alle Eolie.

Con un "colpo di mano" il Senato, approfittando dell'assenza di diversi senatori, ha approvato un emendamento presentato dal senatore Bruno Alicata (SR) che proroga di un anno (fine 2013) l'emergenza idrica alle Eolie (ciclo delle acque, depuratore etc). Questo nonostante il parere contrario del Governo che riteneva di porre fine alla situazione emergenziale.
Contro la proroga dell'emergenza idrica nelle isole Eolie, e contestuale gestione commissariale, si è espresso sin dal primo momento anche il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni.
La parola passa adesso alla Camera dei Deputati che potrebbe anche decidere di "sposare" l'orientamento del Governo.

Circoscrizione Stromboli trasferita momentaneamente presso il COA

Comunicato sul Trasferimento Ufficio Circoscrizionale di Stromboli
In virtù dell’attuale stato del vulcano Stromboli, l’Ufficio della Circoscrizione è stato trasferito presso il Centro Avanzato della Protezione Civile.
I cittadini che necessitano di chiarimenti e informazioni sullo stato del vulcano possono recarsi al C.O.A. (o chiamare al numero 090986095) ove troverete personale disponibile a qualsiasi chiarimento in merito.
Il Presidente del Consiglio di Circoscrizione.

Carlo Lanza.


Germanà e Fontana (PDL) sollecitano al Presidente Crocetta misure e provvedimenti urgenti a favore delle isole minori

I due deputati del Pdl all’Assemblea Regionale Siciliana Nino Germanà e Vincenzo Fontana hanno rivolto al Presidente della Regione ed agli Assessori per l’economia, per le Autonomie Locali e la funzione pubblica e professionale, perla Salute, per le Infrastrutture e la mobilità, un’interrogazione a firma congiunta, al fine di sollecitare l’adozione di misure e provvedimenti urgenti a favore delle isole minori. 
“Anche in veste di deputato nazionale – dichiara Germanà – ho sempre riservato una particolare attenzione nei confronti delle situazioni di disagio che spesso si vengono a creare nelle isole minori che per la loro stessa natura, sono fortemente penalizzate per ciò che concerne i collegamenti e si trovano ad affrontare costantemente problematiche inerenti al comparto dell’istruzione, della sanità e purtroppo anche dell’approvvigionamento dei farmaci”. I due deputati continuano all’unisono ritenendo che “questi problemi sono lesivi per la salute e per la dignità stessa degli abitanti delle Isole Eolie che hanno difficoltà a reperire farmaci che, a causa della loro connotazione di trasporti speciali, non solo impiegano più tempo per essere trasferiti sul territorio delle piccole isole, ma abbisognano anche di particolari accorgimenti come il loro trasporto in piccoli contenitori stagni da installare sugli aliscafi e sulle navi veloci ”. 
“Si pone quindi l’evidenza – conclude Germanà - dell’urgenza di rendere effettiva una circolare di quasi vent’anni fa avente ad oggetto il trasporto di merci e prodotti alimentari su aliscafi, convocando una conferenza di servizi che coinvolga tutti i soggetti interessati alla realizzazione delle piccole celle idonee al trasporto dei farmaci e degli alimenti, facendo inoltre presente che i contenitori necessari potrebbero altresì essere acquistati da privati senza quindi produrre ulteriori oneri a carico del bilancio regionale”. 

IMU Crack - Il punto di non ritorno (di Leonardo Russo)


Tra i vari interventi legislativi varati dal Governo Monti nell’ultimo anno, merita una approfondita riflessione l’effetto che nell’economia italiana avra’ l’Imu.
Accanto infatti alla valanga di tasse e balzelli che hanno prostrato e depresso tutti gli italiani l’introduzione dell’Imu, con questi parametri, segna un momento decisivo per la storia fiscale di questo paese.
Senza bisogno di essere dottori o laureati tutti abbiamo conoscenza di quello che in fisica viene chiamato punto di rottura, il punto cioe’ in cui il carico sopportabile viene superato e di conseguenza porta al collasso dell’intera struttura.
Quasi tutti i cittadini prima ed i politici in campagna elettorale poi, hanno indicato il grave effetto negativo che l’Imu ha causato agli italiani, soprattutto sulle case, prima o seconda che fosse, lamentando di fatto un trasferimento delle tredicesime appena prese dal reddito familiare al fisco insaziabile.
Pochi pero’ hanno evidenziato un fatto particolarmente ingiusto, aberrante e massimamente distruttivo insito nella natura stessa dell’IMU, la non deducibilta’ per le aziende di questa tassa.
Se, infatti, al momento dell’ introduzione dell’ICI la tassa di possesso era vista come un contributo tutto sommato marginale, con i nuovi parametri e’ di fatto diventata una nuova Irpef, che non legata ai ricavi di bilancio, in moltissimi casi ridotti od minimi, esige un tributo di sangue ed energia alle imprese di fatto insostenibile.
Prendiamo ad esempio un’azienda di 500 mq che abbia dichiarato utili per 14.000,00 nell’anno in corso. La quota da versare all’erario sara’ con un conto approssimato di 5.500,00 euro, con un netto di 7.500,00. La tassa di proprieta’ quantizzata da Monti e’ di 6.000,00 euro portando cosi’ di fatto i ricavi a 1.500,00 euro su un reddito di 14.000,00, il prelievo finale e’ quindi dell’ 85%.
Ovviamente se l’azienda ha utili piu’ bassi o se e’ in perdita il prelievo dell’Imu non cala, portando a percentuali di prelievo sulle aziende superiori del 100%.
So che sembra incredibile che una politica cosi’ autodistruttiva ed priva di ogni barlume di razionalita’ possa essere stata partorita da qualcuno ma e’ quello che purtroppo sta accadendo in Italia oggi.
L’Edilizia e’ stata immediatamente colpita con una tassazione sugli immobili invenduti enorme che sta facendo fallire aziende sanissime , colpevoli solo di essere patrimonializzate con immobili invece che con liquidita’.
Al secondo posto il settore Turismo, vera risorsa del paese, che sara’ massacrato con la tassazione sugli alberghi.
Tutte quelle strutture infatti che in special modo al Sud vantano 40-50 camere e che magari lavorano 2-3 mesi l’anno con utili non altissimi, si troveranno a pagare Imu di 30.000,00 euro con guadagni di 25.000,00.
Al terzo possiamo posizionare sicuramente l’agricoltura con i magazzini e le grandi stalle scarsamente produttive diventate improvvisamente voragini di 15.000,00 20.000,0 euro annui a fronte di ricavi modestissimi.
Industria e commercio seguiranno a ruota verso la chiusura o il fallimento trascinati tra l’altro da un’economia mai cosi’ stagnante.
Come contromisura disperata tutti imprenditori o semplici cittadini stanno ricorrendo alla svendita del patrimonio immobiliare, ma nonostante il deprezzamento, in alcuni casi gia’ al 50%, non si riesce a vendere.
E’ quindi importantissimo agire immediatamente alla riduzione e alla deducibilita’di questa tassa, che priva di ogni logica economica sta per diventare per l’ancora con cui annegare definitivamente la piccola e media impresa, e con essa, tutto il paese.
Leonardo Russo M5S – Candidato al Senato, Sicilia

Vice-presidente Ars esprime solidarietà al Presidente di Confindustria Sicilia Antonello Montante ed al Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta

 Il Vicepresidente dell’Assemblea Regionale Siciliana Antonio Venturino esprime solidarietà al Presidente di Confindustria Sicilia Antonello Montante ed al Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta: “Apprendere notizia di minacce al Presidente di Confinduistria Sicilia Antonello Montante ed al Presidente della Regionale Sicilia Rosario Crocetta- dichiara Venturino- provoca una sensazione disdicevole. Un becero atto che richiama violenza, che va stigmatizzato e denunciato. Confidiamo nel sistema giudiziario per fare luce sull’accaduto, individuando i responsabili”. Dello stesso tenore le dichiarazioni del Capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Ars Giancarlo Cancelleri che aggiunge: “La tracotanza di certi atteggiamenti colpisce non solo chi li riceve, ma la cittadinanza tutta. Indignazione per quanto accaduto e solidarietà a Rosario Crocetta ed Antonello Montante”.

"OPERAZIONE SAVANA" A MESSINA COMUNICATO CON VIDEO DIFFUSO DAL COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI

Alle prime luci dell’alba di oggi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Messina hanno eseguito un provvedimento cautelare in carcere nei confronti di 11 persone, tra cui una donna, ritenute appartenenti a due distinte organizzazioni criminali che avevano base nel rione Mangialupi del capoluogo peloritano ed erano dedite, una alla commissione di furti in abitazione, mentre l’altra al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti. Il provvedimento di custodia cautelare in carcere è stato emesso dal GIP del Tribunale di Messina, Dott. Giovanni DE MARCO, su richiesta dei Sostituti Procuratori Dott. Giuseppe VERZERA e Dott.ssa Maria PELLEGRINO, della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Dalle indagini, condotte dal mese di aprile 2008 dal Nucleo Investigativo del Reparto Operativo, emergeva l’esistenza di un’organizzazione criminale dedita alla commissione di furti in abitazione, la maggior parte perpetrati nel capoluogo peloritano e nella provincia, ma alcuni anche in provincia di Catania. Tale organizzazione era composta da soggetti che, con cadenza quasi quotidiana, dopo preliminari sopralluoghi diurni, apponevano appositi segnali per avere certezza che gli immobili fossero disabitati, indi durante l’arco notturno ritornavano sul posto introducendosi nelle abitazioni ed asportando mobili antichi e tutto ciò che potesse essere commercializzato presso ricettatori, negozi di antiquariato o mercatini dell’usato. Elemento apicale dell’organizzazione era CUTÈ Alessandro, il quale operava unitamente a NOSCHESE Salvatore ed a BRIGANTI Gennarino, ma a tale struttura stabile si aggiungevano CARDILE Natale e CUTRONEO Giovanni, i quali partecipavano alla pianificazione delle iniziative criminali, alla suddivisione degli utili ed alla ripartizione dei compiti in seno al sodalizio. Altro elemento ritenuto comunque un riferimento per l’organizzazione era ANNETTI Antonino, il ricettatore del quale il gruppo si avvaleva per smerciare la refurtiva. Sulla base di quanto emerso dalle indagini, tra l’aprile ed il giugno del 2008 l’organizzazione è stata ritenuta responsabile di ben 34 furti (tra consumati e tentati) in abitazione, la maggior parte commessi nella provincia di Messina e qualcuno in provincia di Catania. Nel medesimo contesto, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Messina individuavano anche i componenti di un’organizzazione criminale finalizzata al traffico ed allo spaccio di stupefacenti, gestita quasi a livello familiare e composta da LO CASCIO Giuseppe, ritenuta la figura apicale, nonché dalla sorella LO CASCIO Concetta e dal cognato GUGLIOTTI Santino, i quali affiancavano il citato LO CASCIO Giuseppe non solo nella custodia dello stupefacente, ma anche nel confezionamento delle dosi e nelle attività di spaccio. Ai predetti si aggiungeva COPPOLINO Alessio, il quale affiancava il cugino LO CASCIO Giuseppe nelle attività di spaccio al di fuori del rione Mangialupi di Messina. Secondo quanto emerso nel corso delle indagini condotte dai Carabinieri, l’organizzazione si occupava del rifornimento di varie tipologie di stupefacente, tra cui cocaina, eroina, hashish e marijuana, indi del successivo smercio principalmente all’interno del quartiere Mangialupi. Dalle attività investigative emergeva altresì che la citata organizzazione riusciva a rifornire di stupefacente anche altre strutture organizzate operanti in contesti territoriali di altra provincia siciliana. Nel corso dell’attività odierna sono state altresì effettuate 26 perquisizioni domiciliari nei confronti di altrettanti indagati. Le persone colpite dal provvedimento, per quanto riguarda l’associazione finalizzata ai furti in abitazioni sono:  ANNETTI Antonino, nato a Messina, cl. 1961, ivi residente;  BRIGANTI Gennarino, nato a Messina, cl. 1953, ivi residente, già detenuto per altra causa;  CARDILE Natale, nato a Messina, cl. 1960, ivi residente, già detenuto per altra causa;  CUTÈ Alessandro, nato a Messina, cl. 1957, ivi residente;  CUTRONEO Giovanni, nato a Messina, cl. 1963, ivi residente;  NOSCHESE Salvatore, nato a Messina, cl. 1953, ivi residente. Le persone colpite dal provvedimento, per quanto riguarda l’associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti sono:  CUTÈ Antonino, nato a Messina, cl. 1978, ivi residente, già detenuto per altra causa;  COPPOLINO Alessio, nato a Messina, cl. 1989, ivi residente;  GUGLIOTTI Santino, nato a Messina, cl. 1979, ivi residente;  LO CASCIO Concetta, nata a Messina, cl. 1978, ivi residente;  LO CASCIO Giuseppe, nato a Messina, cl. 1986, ivi residente.

Giorgianni a China:" Lavoro anche per rimediare al disastro economico, sociale e amministrativo, prodotto da chi mi ha preceduto"

COMUNICATO STAMPA: IL SINDACO GIORGIANNI REPLICA A CHINA Nonostante io abbia deciso di non rispondere alle provocazioni, quanto scritto dal signor Giulio China va oltre ogni limite di sopportazione al punto che, quando entrerò in possesso della nota, che non ho tutt’ora ricevuto e che leggo in forma ridotta su alcuni organi stampa,  mi riservo di tutelare con ogni forma il buon nome del sottoscritto.
L’attività svolta dal sottoscritto e da questa amministrazione è sotto gli occhi di tutti.
Ho avuto modo, recentemente, di comunicare, anche attraverso delle interviste, le attività prodotte. Non mancherò di farlo anche formalmente nella relazione che la legge prevede il sindaco debba  fare.
Qui, oggi, evito di fare l’elenco di tutte le iniziative attuate con successo dalla mia amministrazione. Certamente so di dovere fare molto ancora: anche per rimediare al disastro economico, sociale e amministrativo, prodotto da chi mi ha preceduto e, in particolare proprio dal signor China che, dopo otto mesi di amministrazione, vorrebbe risolti tutti i problemi che lui, da vice-sindaco, non solo non ha risolto ma ha evidentemente peggiorato.
Non posso dimenticare che lo stesso signor China, a pochi giorni dalla mia elezione, scriveva agli organi competenti per la mancata attività in alcuni settori da parte della  mia amministrazione. Dimenticando che erano proprio i settori dove, fino a qualche giorno prima, l’attore protagonista era stato lui, addirittura nelle vesti di vice-sindaco.
Io non pago cambiali elettorali. Anche perché questo, oltre ad essere contro la mia cultura e alla mia educazione, è del tutto inutile visto il grande consenso che i miei concittadini hanno ritenuto di darmi proprio per impedire che, persone come il signor China, continuassero a governare il comune.
Di tutto quanto scritto dal China solo una cosa è condivisibile e cioè che i cittadini di Lipari si aspettano i cambiamenti che io, molto modestamente e umilmente, provo a porre in essere.
Non ho la bacchetta magica ma spero che, con il lavoro e l’impegno quotidiano e i tempi necessari, riuscirò ad attuare.
Un cambiamento in linea con quello che si aspettano i  cittadini e che è totalmente all’opposto al modo di amministrare rappresentato proprio dal signor China.
Il sindaco 
Marco Giorgianni

ORE FEBBRILI, LAVORI IN CORSO LE LISTE DEI CANDIDATI

di Chiara Billitteri -
Domenica 20 e lunedì 21 sono i giorni fissati per la presentazione delle liste dei candidati alle prossime Politiche per Camera e Senato. Molti i partiti che non hanno ancora annunciato la composizione delle liste, tra questi i partiti della coalizione di centrodestra guidata dal Popolo delle Libertà e di cui fanno parte anche Fratelli d’Italia, Grande Sud e Partito dei Siciliani (ex Mpa). Trattative ancora in corso anche per la lista del pm Antonino Ingroia, ‘Rivoluzione Civile’.
Partito Democratico, Sinistra, Ecologia e Libertà, Movimento 5 Stelle, Scelta Civica (lista Monti), e ‘Fare per fermare il declino’ (la lista capeggiata dal giornalista del Corriere della Sera Oscar Giannino), sono i partiti che hanno già annunciato le candidature. Ecco le liste siciliane per la Camera dei Deputati (Sicilia 1 e 2) e per il Senato.
Partito Democratico
Camera
Sicilia 1: 1 BERSANI Pierluigi, 2 CULOTTA Magda, 3 CAPODICASA Angelo, 4 TARANTO Luigi, 5 CAUSI Marco, 6 FARAONE Davide, 7 CARDINALE Daniela, 8 PICCIONE Teresa, 9 RIBAUDO Franco, 10 MOSCATT Tonino, 11 JACONO Maria, 12 SAFINA Dario, 13 STADARELLI Rosalia, 14 CAMILLERI Daniele, 15 CORPORA Francesca, 16 MILITELLO Marina, 17 MATTARELLA Bernardo, 18 CAMMARATA Davide, 19 GALVANO Angela Maria, 20 FARAGI Rosa, 21 ANGILERI Annamaria, 22 FILORAMO Rosario, 23 MANGIONE Sabrina, 24 AGNELLO Domenico, 25 TAGLIAVIA Roberto.
Sicilia 2: 1 NARDELLI Flavia, 2 BERETTA Giuseppe, 3 GENOVESE Francantonio, 4 LAURICELLA Giuseppe, 5 RACITI Fausto, 6 ZAPPULLA Giuseppe, 7 CRISAFULLI Vladimiro, 8 ALBANELLA Luisella, 9 GULLO Maria Tindara, 10 BURTONE Giovanni, 11 AMODDIO Sofia, 12 SAMPERI Marilena, 13 SPITALERI Tania, 14 GRECO Maria Gaetana, 15 CATANIA Amanda, 16 LAROSA Nunzia, 17 INTILLISANO Luciana, 18 RUSSO Alessandro, 19 RAPE’ Katya, 20 URCIULLO Massimiliano, 21 CARTESIO Milena, 22 OCCHINO Giuseppe, 23 ROCCUZZO Giuseppe.
Senato: 1 MINEO Corradino, 2 PAPANIA Nino, 3 PADUA Venerina, 4 BIANCO Amedeo, 5 ORRU’ Pamela, 6 MODICA Liliana, 7 BARBAGALLO Giovanni, 8 SIRAGUSA Alessandra, 9 BELLASSAI Gigi, 10 APPRENDI Pino, 11 SAITTA Antonio, 12 RUSSO Tonino, 13 CAFEO Giovanni, 14 SPEZIALE Lillo, 15 TARRO CELI Lucia, 16 BARONE Angela, 17 CASTELLUCCIO Carmela, 18 BATTAGLIA Giovanni, 19 ZERILLI Giuliana, 20 DI GIROLAMO Enzo, 21 MAGGIO Antonella.
Sinistra, Ecologia e Libertà
Camera
Sicilia 1: 1 Laura Boldrini, 2 Erasmo Palazzotto, 3 Roberta Pulizzi, 4 Massimo Fundarò, 5 Giovanna Triassi, 6 Salvatore Castronovo, 7 Monia Cassarà, 8 Luca Lecardane, 9 Sergio Boccadutri, 10 Paola Parisi, 11 Giuseppe Pipia, 12 Manuela Di Marco, 13 Rosolino Grisanti, 14 Antonina Villabuona, 15 Giuseppe Craparo, 16 Giuseppe Renda, 17 Salvatrice Alberti, 18 Antonino De Stasio, 19 Carlo Dones, 20 Gasparino Giacalone, 21 Marco Barsalona, 22 Santo Zito, 23 Fabrizio Arena, 24 Daria Lucchesi, 25 Valnea Zottino.
Sicilia 2: 1 Laura Boldrini, 2 Sofia Martino, 3 Salvatore Chiofalo, 4 Marilia Di Giovanni, 5 Saverio Bosco, 6 Marianna De Martino, 7 Santino Romano, 8 Antonina Inserra, 9 Alessandro Acquaviva, 10 Annamaria Basso, 11 Antonio Giuliana, 12 Giuseppa Cannamela, 13 Giammarco Di Cara, 14 Gaetano pace, 15 Santi Barresi, 16 Vincenzo Vitale, 17 Livia Nicotra, 18 Daria Lucchesi, 19 Rosario Lombardo, 20 Antonio Portaro, 21 Domenica Visalli, 22 Valnea Zottino, 23 Giuliana Buzzone, 24 Diego Indaino, 25 Bruno Grasso, 26 Fabio Giusa, 27 Maurizio Parisi.
Senato 1: Francesco Forgione, 2 Raffaele Gentile, 3 Anna Bonafede, 4 Andrea Carbone, 5 Domenica Costa, 6 Orazio Rinciani, 7 Daniela Carella, 8 Luigi Carollo, 9 Lorenza Laudicina, 10 Concetta Giurdanella, 11 Vincenzo Occorso, 12 Daniela Alparone, 13 Giuseppe Fermo, 14 Salvatore Russo, 15m Fortunato La Monica, 16 Francesco Conti, 17 Rosario Libasci, 18 Caterina Catania, 19 Florida Magnano, 20 Filadelfo Carrà, 21 Letizia Di Maggio, 22 Carmela Pittera, 23 Claudio Fazzina, 24 Antonino Bartolotta, 25 Vito Massimo Candela.
Scelta Civica – Con Monti per l’Italia
Camera
Sicilia 1:
1 Gea SCHIRO’ PLANETA , 2 Ettore ARTIOLI , 3 Giovanni BATTISTA BARATTA, 4 Massimo PLESCIA , 5 Lorenzo ALESSI , 6 Paolo MINACORI AGRIGENTO , 7 Giacomo D’ANNIBALE , 8 Salvatore GALLO , 9 Vittoria VASSALLO , 10 Salvatore SODARO , 11 Giulio BONANNO , 12 Caterina FERRARA , 13 Giuseppina LI CAULI , 14 Sabrina AMODEO , 15 Vincenzo MUSSO , 16 Gaspare BIONDO , 17 Mario LUPICA , 18 Gaia GERETTO , 19 Angela CAVIGLIA , 20 Luigi MARIA ZUMBO , 21 Anna DI MARTINO , 22 Paolino LOMBARDO , 23 Raimondo BRUCCULERI , 24 Alessandra TRAINITO , 25 Maria Teresa CIMINNISI.
Sicilia 2:
1 Andrea VECCHIO, 2 Roberto VISENTIN, 3 Gennaro IORIO, 4 Michelangelo MARIA, 5 Alessandro BONANNO, 6 Marisa GIUNTA, 7 Massimo DE NATALE, 8 Cristina VITALE, 9 Salvatore MIZZI, 10 Antonio LATORA, 11 Andrea VENTIMIGLIA, 12 Ferdinando OFRIA, 13 Andrea CALDERONE, 14 Maria CRISTINA CASTELLI, 15 Gisella SCOLLO, 16 Martina MILAZZO, 17 Anna PALMISANO, 18 Carmela SAPIA, 19 Maria Luisa D’AGOSTINO, 20 Alessandra NICOSIA, 21 Stefano GIARDINA, 22 Nunzio GOZZO, 23 Walter TORRISI, 24 Patrizia ROMANO.
Senato
1 CASINI Pierferdinando, 2 SIDOTI Rosario, 3 ADRAGNA Benedetto, 4 BALDASSARRI Mario, 5 RECCA Antonino, 6 RAITI Salvatore, 7 BONA Giovanna, 8 BRANCATO Pietro, 9 MANCUSO Renato, 10 MIRTO Caterina, 11 ARCIDIACONO Sebastiano, 12 MELI Renato, 13 BADALAMENTI Vito, 14 GULISANO Giovanni, 15 D’ALESSANDRO Sabina, 16 TRISCHITTA Giuseppe, 17 SAMMARTANO Antonino, 18 LA TONA Pietro Giovanni, 19 MAZZOLA Angela, 20 GIALLONGO Concetta, 21 BIONDO Fabrizio, 22 INGRAO, 23 GRACEFFA Piera, 24 DI LERNIA Guido, 25 MASSARO Assunta.
Movimento 5 Stelle
Camera
Sicilia 1: NUTI Riccardo, DI VITA Giulia, DI BENEDETTO Chiara, LUPO Loredana, CANCELLERI Azzurra, MANNINO Claudia, LO MONACO Giuseppe, DI CARO Giovanni, LUPO Francesco, SALVINO Pietro, ZAGARRIO Giuseppe, PANTALEONE Alice, DELLI CARDILLO Emanuele , PINTAGRO Vincenzo, GIULIVI Mauro, ROMANO Ermanno, BOGNANNI Mirko, TREMAMONDO Laura, LANZAFAME Salvatore, PIAZZA Giacomo, STASSI Giorgio, VETRO Alessandro, SCALANI Salvatore, NEGRI’ Marco, PARADISO Stefano, DANI NEREO Luigi.
Senato
Campanella Francesco, Mario Michele Giarrusso, Vincenzo Santangelo, Nunzia Catalfo, Fabrizio Bocchino, Ornella Bertorotta, Sergio Tancredi, Angelo Nicotra, Emma Giannì, Leonardo Russo, Roberto Anzalone, Luigi Rosario Cammarata, Caterina Prato, Antonino Vitale, Alfio Mazza, Calogero Santangelo, Calogero Schifano, Croce Domenico Maira.
Fermare il declino
Camera
Sicilia 1: GIANNINO Oscar, SALTALAMACCHIA Marco, DI TRAPANI Giosafat, PIERGENTILI Alessandro, MORREALE Giovanni, RICOLO Dario, SERIO Claudia, VITALE Rosa, MINEO Roberto, SANTISE Gianluca, MANACHINI Barbara Rosy Ines, PIAZZA Rita Maria Rosa, PIRRELLO Daniele, PERRONE Bernardo, CAIOLA Orazio, PAGANO Roberto, BENIAMINO Gigliola
Sicilia 2: GIANNINO Oscar, Carlo COCINA, Ruggero ARICO’, Antonio CARUSO, Salvatore GIAN PARLATO, Giuseppe GRAZIANO BONELLI, Vittorina ROSSI, Rosario BRANCHINA, Nunzio TASCA, Orazio PRIVITERA, Giuseppe MUSCATELLO, Adriano CONIGLIONE, Loredana GALLIA, Angelo MARLETTA, Salvatore DI FIDI, Agata PINO.
Senato
GERVASI Giorgio, PALAZZO Carlo, GIAMMANCO Carlo, DE GIORGI Luca, MAZZONE Daniela Paola, SALERNO Giovanni Maurizio, GRILLO Ennio, VENTIMIGLIA Francesco, FERULLO Michele, PENNISI Roberto.
Unione di Centro 
Camera
Sicilia 1: Gianpiero D’Alia, Ferdinando Adornato, Rosario Basile, Antonio Gagliano, Domenico Porretta, Angelo Mistretta, Antonino Amato, Mimmo Guarneri, Gioacchino Cardarella, Nicolò Giacalone, Toni Costumati, Michele Botta, Annalisa Fazia, Pietro La Torre, Fabio Bongiovanni, Grazia Lo Cascio, Carmelo Sciarrabone, Adriano Barba, Luciano Marino, Carmencita Mangano, Orlando Dicembre, Laura Ancona, Maria Tumminaro, Romina Adriana, Rocco Gumina.
Sicilia 2: Gianpiero D’Alia, Giovanni Pistorio, Salvo Di Salvo, Salvatore Giuffrida, Edy Bandiera, Giuseppe Lavina di Modica, Lorenzo Granata di Nicosia, Daniela Bruno, Carola Parano, Michele Stornello, Letterio Daidone, Santo Primavera, Antonino Naso, Giovanni Leonardi, Laura Marsala, Matteo Francilia, Sebastiano Zagami, Arcangela Palmeri, Salvatore Abate, Enza Tallarita, Concetta Carbone, Giorgio Muscolino, Giovanni Litteri, Rocco Leonardi, Paolo Vicari, Andrea Guzzardi e Paola Consiglio.
Per il Senato le candidature rientrano nella lista ‘Scelta Civica – con Monti per l’Italia’