Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 28 marzo 2009

Rifiuti speciali occultati sotto le ex spiagge bianche? Scattano gli accertamenti

Rifiuti speciali occultati sotto la sabbia dell'ex spiaggia bianca di Lipari?. La dettagliata denuncia presentata da un cittadino liparese ha già fatto registrare ieri il primo sopralluogo da parte di due funzionari dell'ARPA, del vigile urbano Pippo Martella, del tecnico comunale Antonino Fiore e di personale del Circomare Lipari. Il gruppo, presente anche il cittadino che inoltrato la segnalazione-denuncia, ha effettuato una prima ricognizione suoi luoghi per verificare e individuare la parte della spiaggia che sarebbe interessata a questo conferimento di rifiuti speciali. Sul sopralluogo non trapela nulla ma viene dato per scontato che, nei prossimi giorni, si procederà ad effettuare dei sondaggi onde accertare l' esistenza di questi rifiuti speciali e l'eventuale grado di inquinamento ambientale. Certo per quella che, nel passato, è stata una delle spiagge più rinomate dell'isola(quando era bianca per via degli sversamenti di pomice), si tratterebbe di un duro , brutto colpo.

Lettere al direttore: Ci scrive il consigliere Fonti

Gent.mo Direttore,
essendo io "esponente politico", chiedo cortesemente la Sua disponibilità per un piccolo spazio nel Suo Giornale on line.
Con riferimento alla nota pubblicata, dal titolo "Ci spiace ma non siamo d'accordo, noi ringraziamo la NGI", mi siano consentite alcune brevissime considerazioni:
Rispetto profondamente il pensiero dei genitori degli alunni che la sera del 24 marzo u.s. sono riusciti a tornare a Lipari da Milazzo con l´ultima nave della N.G.I., società che non ho certamente inteso bistrattare con le mie considerazioni.
Tuttavia confermo in toto i contenuti ed il pensiero esplicitati con la mia nota del 27 marzo 2009.
Per quanto attiene ai rapporti con il consigliere Corda, preciso che con Rosaria mi legano antichi rapporti di amicizia. Ovviamente, quando non condivido il suo modus operandi o, come spesso accade, quello dell´amministrazione comunale che Lei difende a spada tratta, non esito ad esternare le mie opinioni ed il mio pensiero, con libertà ed estrema franchezza, tuttavia sempre nel rispetto degli altrui convincimenti.
Cordialmente
Gesuele Fonti (Consigliere Comunale)

Incontro con i rappresentanti degli istituti di credito. Il comunicato dell'amministrazione Bruno

COMUNICATO STAMPA
L’Amministrazione Comunale di Lipari, attenta alle problematiche del territorio Eoliano ed alla crisi che sta investendo tutte le Nazioni, ha ritenuto di dovere dare inizio ad una serie di concertazioni con agenti del territorio che possono concorrere e trovare delle soluzioni per scongiurare che l’economia locale debba subire crisi irreversibili.
La prima riunione che si è tenuta presso il palazzo Municipale ha visto l’incontro del Capo dell’Amministrazione con il Sig. Marcello Stefanati, Dirigente MPS (ex Antonveneta), il Sig. Piero Subba, Dirigente MPS, il Sig. Antonio Pellenino, in rappresentanza del Dirigente del Banco di Sicilia - Unicredit, il Sig. Pierpaolo Porzio, Dirigente Banca Popolare di Lodi, il Sig. Emiliano Bitetti, Dirigente Banca Agricola Popolare di Ragusa.
Il Sindaco ed i predetti Dirigenti hanno posto l’accento sull’andamento dell’economia eoliana scambiandosi opinioni circa la maniera con la quale bisognerebbe intervenire sul territorio, al fine di accompagnare sia le imprese che le famiglie in questo periodo estremamente difficile.
Si è esaminata la ciclicità e la stagionalità della maggior parte delle attività presenti sull’isola così da valutare, in concorso con le rispettive Direzioni Generali, la possibilità di prodotti o interventi legati proprio alla peculiarità delle imprese e delle famiglie dell’Arcipelago.
Gli stessi Dirigenti si faranno portavoce presso i rispettivi Istituti così da intrattenere i responsabili sui contenuti della riunione e con loro valutare interventi specifici per il territorio, allargando la tematica anche alle esigenze di tutte le isole minori della Sicilia.
Ed in questa ottica sarà anche interessata la Regione Siciliana, ai vari livelli, per inserire iniziative nel settore creditizio e fiscale per le isole minori della Sicilia.
Le riunioni proseguiranno incontrando i Sigg. commercialisti, le imprese del settore turistico, edilizio, commerciale, artigianale, del mondo della pesca(già avvenuta) ed i rappresentanti locali delle associazioni dei consumatori.
Al termine di questi incontri il Sindaco, Mariano Bruno, rivedrà i Dirigenti degli Istituti di Credito così da riferire agli stessi sulle criticità emerse e sulla strategia da mettere in atto a salvaguardia dell’economia eoliana ed isolana.

Canneto: Ancora muti il 50% dei telefoni fissi. A mezzogiorno tutto dovrebbe tornare alla normalità

Telefoni fissi ancora "muti" in metà della frazione liparese di Canneto. Dal tardo pomeriggio di ieri hanno ripreso a funzionare solo una parte degli apparecchi il resto dovrebbe tornare alla normalità entro le dodici di oggi.
I tecnici esterni a Telecom dovrebbero, infatti, completare il lavoro sulla via prof. Emanuele Carnevale di Lipari dove si è verificato il corto circuito. Danno provocato, come accertato, dalla trivella della ditta che sta eseguendo i lavori pubblici in quell'area e che ha tranciato di netto il cavo di Telecom.
Ieri, dopo una giornata di duro lavoro, si è riusciti a ridare "voce" ad una parte dei telefoni fissi di Canneto e ai cellulari.

venerdì 27 marzo 2009

Lettere al direttore. "Ci spiace ma non siamo d'accordo, noi ringraziamo la NGI"

Riceviamo e pubblichiamo una lettera a firma di una ventina di genitori di alunni che frequentano il biennio delle scuole superiori di Lipari. Una lettera che pubblichiamo quale ulteriore testimonianza per una vicenda che ha fatto discutere. Chiariamo sin da ora che, battibecchi a distanza sull'argomento, se non producenti e produttivi, non troveranno più spazio sul nostro sito.
Gentile Direttore,
Le scrivo a nome di un gruppo di genitori LIPAROTI dopo aver letto sul suo sito la lettera con la quale il consigliere Fonti risponde ad un’ altra lettera di Rosaria Corda riguardante il viaggio della NGI del 24 marzo scorso.
Non mi dilungherò più di tanto ma alcune considerazioni me le permetta. Quella sera ,vorrei ricordare al signor Fonti, circa ottanta ragazzi e tanti altri eoliani se hanno potuto raggiungere Lipari lo devono solo ed esclusivamente alla tanto da lui bistrattata NGI. In caso contrario, “grazie” alla Siremar, i nostri ragazzi sarebbero rimasti a Milazzo nonostante le condizioni meteo permettessero tranquillamente e in sicurezza la traversata.
E qui, attenzione, nessuno discute la professionalità dei comandanti Siremar anche se, in questo caso, più che la professionalità serviva il buon senso.
Non so, non sappiamo, e non ci interessano, quali discorsi e/o contrasti lui abbia con la signora Corda.
Al signor Fonti però vogliamo ricordare, inoltre, che i nostri ragazzi sono stati rifocillati “gratuitamente” dalla società di navigazione cosa che, stando alle cronache riportate anche da questo giornale online, altri in un recente passato non hanno fatto.
Le beghe politiche non ci interessano indipendentemente dai nostri(variegati) orientamenti personali.
Il signor Fonti ci consenta però di dire, senza spirito di polemica, che, in questa occasione, la difesa d’ufficio della Siremar (perché questo è la sua lettera) è fuori luogo. E tra noi, ci creda, c’è chi di Fonti ha apprezzato gli interventi a favore della gente.
Non tocca a noi difendere la NGI, che quale esercente di un servizio convenzionato deve certamente svolgerlo al meglio, ma stare ad elencare in un arco ristretto di tempo le corse saltate è perlomeno assurdo.
Faccia una indagine direttore e metta a confronto quante volte nell’arco di un anno saltano i servizi Siremar e Ustica Lines e quante volte quelle della NGI. Quante volte questa e l'altra compagnia omette l'approdo negli scali. Siamo certi che il risultato non sarà sicuramente a sfavore di quest’ultima.
Per chiudere un ultimo appunto che non riguarda questa vicenda, se non in modo parziale.
Da lettore del suo giornale on line del quale apprezzo lo stile e la linearità sento di non dover condividere il grande, enorme spazio, che dedica alle interrogazioni di destra, di sinistra e di centro, a alle lunghe e stucchevoli note di questo o di quell’altro esponente politico. Ci sembra solo ed esclusivamente la “vetrina dell’apparire”, l’impossessarsi di un sito che è suo ma, se mi permette, anche di coloro che lo seguono. Agire nell’interesse del paese è un merito che, sicuramente, va riconosciuto a chi opera per il bene del paese ma forse… essere meno prolissi e più efficaci può essere la soluzione migliore.
Con la stima di sempre
(seguono una ventina di firme)
EDITORIALE- Sulla questione NGI ci sembra di aver espresso chiaramente quella che è la mia posizione, oltre al ringraziamento personale(quella sera a Milazzo c'era anche mia figlia) al dott. Sergio La Cava.
Per quanto concerne il secondo appunto cioè quello sulle note "prolisse" che vengono pubblicate le considerazioni espletate nella suddetta lettera ci trovano in parte d'accordo. Stavavamo, infatti, valutando, dopo aver tagliato i comunicati "a gratis" di trovare un modo di ridurre queste note(politiche e non) senza togliere comunque visibilità alle iniziative

Fuel surcharge: La NGI lo ha ridotto già dal dicembre 2008

Riceviamo e pubblichiamo una nota inviataci dal dott. Sergio La Cava della NGI
Negli ultimi giorni continuo a leggere una serie di notizie e proteste in merito al costo aggiuntivo sui biglietti inserito lo scorso anno quando il gasolio sfiorò cifre record che lo resero necessario.
Come al solito, e sempre più spesso a Lipari, si parla senza essersi almeno documentati.
La NGI(stavolta potrebbero accusarmi di auto elogio)risulta al momento essere l'unica società che nel lontano 4.12.2008 ha comunicato alla Regione siciliana che avrebbe ridotto il fuel surcharghe nella misura del 50%, (il costo del gasolio è sceso del 30-35% circa) cosa che ha immediatamnente attuato.
Quindi non risponde a verità che tutte le compagnie non hanno abbassato il balzello.
Questa mia non vuole avere intenti polemici ma desidero invitare tutti gli utenti di un strumento come il suo, gentile direttore, a confrontarsi anche direttamente con le società al fine di fornire informazioni esatte non inquinate da pensieri e alchimie che niente hanno a che vedere con la verità.

Lipari: Elicottero del 118 provvidenziale per un dipendente del 118 in servizio a Lipari

Si trovava a Lipari per prestare il consueto servizio con l'ambulanza del 118, di stanza nel capoluogo delle Eolie, quando è stato colto da malore. F.S., quarantenne, originario di Montalbano Elicona, immediatamente soccorso dai suoi colleghi, è stato dapprima trasportato all'ospedale di Lipari dove gli sono state prestate le prime cure. La presenza di problemi cardiaci, in un primo momento si temeva potesse essere un infarto in fase di sviluppo, hanno spinto i sanitari del pronto soccorso liparese a richiedere l'intervento dell'elicottero del 118. L'uomo è stato così trasferito all'ospedale “Papardo” di Messina dove sottoposto agli accertamenti del caso è risultato essere in preda a problemi cardiaci ma che, comunque, non erano sfociati nell'infarto. Probabilmente le cure prestategli a Lipari e il trasferimento immediato in elicottero in una struttura specializzata hanno evitato conseguenze ben più gravi. Come dire che, una volta tanto, il velivolo del 118, dopo aver contribuito a salvare tante vite di residenti e turisti, ha esteso i suoi “benefici” ad un addetto ai lavori.

"Elogio agli amici" di GESUELE FONTI

Riceviamo dal consigliere comunale Gesuele Fonti e pubblichiamo una nota dal titolo "Elogio agli “AMICI”
"Ho avuto modo di leggere una nota dalla collega Rosaria Corda nella quale elogiava la società N.G.I. per avere effettuato regolarmente la corsa delle ore 20,00 la sera del 24 marzo u.s., e allo stesso tempo inveiva contro la società di stato Siremar per avere omesso la cosa delle ore 18,30 sempre la sera del 24 marzo.
Debbo constatare come la collega Corda non si smentisce mai, infatti, non è la prima volta, e credo che non sarà neanche l'ultima, che la stessa attacca in modo sconsiderato la società di stato ed il Personale della stessa senza nemmeno sapere di cosa sta parlando.
Intanto preciso che la mia, non vuole essere una difesa d’ufficio alla società Siremar, gestita in questi anni in modo quasi criminoso dai vertici aziendali, ma certamente alcune puntualizzazioni a sostegno della professionalità e dell’onorabilità del personale della società di Stato sono quantomai doverose.
Ovviamente, come intuito oramai da tempo, ne è prova ciò che è avvenuto in data 8 gennaio u.s. sulla nave Laurana, il pensiero della collega Corda rispecchia quello dell'intera Amministrazione, tutti impegnati a perorare la causa del sindaco commissario e ad elogiare le società di navigazione private piuttosto che legittimare la gestione in “regime pubblico” del servizio di cabotaggio marittimo da e per le isole minori.
Ne è la riprova il convegno “flop” organizzato dall'Amministrazione Comunale, nel quale “autorevoli” parlamentari, alcuni distintisi in un recente passato per essersi cimentati in Parlamento con salumi alla mano, sono venuti a raccontare una lunga serie di frottole, fra le quali, quella colossale secondo cui non era possibile lo scorporo di Siremar, per il resto sono stati puntualmente smentiti dal Signor Ministro Matteoli, che proprio oggi ha affermato che DEVE, ripeto DEVE, necessariamente operare dei TAGLI a pena di danno erariale.
Già, danno erariale, non danno per l'economia delle isole minori!!
Ma i pochi consiglieri di maggioranza presenti all’incontro sono rimasti così soddisfatti dalle promesse dei parlamentari tant’è che non sono nemmeno intervenuti nel dibattito.
Ma veniamo ai fatti.
Non ho dubbi, circa la professionalità del personale tutto della Società Siremar, ed in particolare, in quel caso, del Comandante dell'Isola di Stromboli Nicola Laborano, chiamato ad operare in orario notturno con una nave leggera in approdi inesistenti, vedi la VERGOGNA dell’approdo di Sotto Monastero! Tuttavia è inutile spiegarlo, la collega Corda certamente non lo capirebbe, non saprebbe distinguere la differenza di manovrabilità e di propulsione fra navi di tipologie diverse, le viene molto più facile elogiare la N.G.I. del collega di partito La Cava anziché quelli che gli potrebbero fare concorrenza, e che operano nel rispetto del codice della navigazione a garanzia della sicurezza della navigazione e dunque dei passeggeri.
Si è chiesta la collega Corda, se i cittadini di Alicudi e Filicudi hanno lo stesso diritto alla mobilità di quelli di Lipari e Vulcano, alunni compresi ?
Ebbene ieri la Pietro Novelli comandata dal Cap. Damiano Russo ha raggiunto tutte le isole di ponente fino a raggiungere Alicudi per portare un solo passeggero nonostante soffiasse un vento da ovest a 35 Km orari.
Così come l’altro ieri, quando la N.G.I. del suo amico La Cava è stata ferma, mentre la Siremar, non appena le condizioni meteo lo hanno consentito, ha mollato gli ormeggi da Milazzo per raggiungere Vulcano, Lipari, Salina e viceversa rendendo un servizio pubblico.
Si è chiesta perché la società che Lei tanto elogia sabato scorso non ha effettuato la corsa delle 06,30 del mattino da Milazzo per Lipari, Salina Isole minori? Eppure per tutta la mattinata e fino al primo pomeriggio hanno regolarmente viaggiato gli aliscafi.
Si è chiesta perché in altre circostanze, vedi la sera del 13 febbraio u.s. la nave della N.G.I. non è partita nonostante ci fosse ad attendere l’imbarco la salma di una nostra concittadina che doveva rientrare a Lipari, mentre l’aliscafo partito da Lipari alle 19,15 è arrivato a Milazzo regolarmente alle ore 20,15 ?
Si è chiesta cosa prevede il bando di gara relativamente agli obblighi per le società private regolarmente retribuite con i soldi dell'erario? Obblighi che regolarmente disattendono senza che nessuno li controlli. A proposito, la Siremar deve ancora avere il saldo del 2008 mentre per il 2009 sta operando senza copertura finanziaria, perché ad oggi la copertura finanziaria, nonostante le promesse, di fatto non c’è.
Credo, nell’interesse sovrano delle comunità isolane, che sia l’ora di finirla di sostenere in ogni occasione interessi di bottega, ma è tempo di agire solo ed esclusivamente nell’interesse della nostra comunità, lo dobbiamo ai nostri giovani, ai nostri cittadini e ai nostri imprenditori.
Lipari 27 marzo 2009
Gesuele Fonti

Lo Cascio e il capanno abusivo per la riscossione del ticket a Vulcano

Una interrogazione sul capanno abusivo realizzato per la riscossione del ticket al cratere di vulcano è stata presentata dal consigliere comunale Pietro Lo Cascio. La stessa ha come oggetto: Ancora sul capanno abusivo del cratere di Vulcano, interrogazione consiliare.
Gentile Signor Sindaco,
insieme al consigliere Francesco Megna, in data 20 ottobre 2008, avevamo presentato una interrogazione-esposto relativa alla situazione dell’accesso e, in generale, del degrado del sentiero che conduce al cratere La Fossa di Vulcano. In questa occasione Le evidenziavamo come il capanno degli “addetti” alla riscossione del ticket, oltre a presentarsi in uno stato assolutamente indecoroso e affatto consono alla naturale bellezza di un sito “Patrimonio dell’Umanità”, risultava non “essere stata in alcun modo autorizzato né provvisto dei necessari titoli abilitativi che di norma devono essere rilasciati dagli uffici di competenza in maniera conforme alle prescrizioni di legge” e, come tale, dovesse pertanto essere considerato assolutamente abusivo.
Il fatto di non avere mai ricevuto una risposta formale, eccetto una nota dove si dava disposizione al dirigente del settore di competenza di fornirne una compiuta (che non è mai arrivata), non mi dissuade dal ritentare, a distanza di mesi, nell’evidenziarLe quanto sia paradossale la situazione segnalataLe. Il capanno, sorto per mano misteriosa alcuni anni fa a seguito dell’istituzione del ticket di accesso al cratere nell’ambito dell’Emergenza Eolie, è stato di fatto utilizzato da personale incaricato di svolgere un compito istituzionale; è però contraddittorio che tale compito istituzionale sia espletato in una struttura che lo stesso Ente dovrebbe provvedere a rimuovere, una volta accertata la sua natura abusiva.
In tal senso, debbo precisare che una risposta – informale – l’ho avuta qualche mese fa dall’Assessore D’Auria, il quale mi annunciava con una certa soddisfazione un imminente intervento di rimozione del capanno, ringraziandomi della segnalazione. Forse erronaeamente ho colto una vena ironica in questa breve conversazione, ma ho sorriso pensando all’intervento riparatorio di un Comune che provvedeva finalmente a eliminare una bruttura realizzata quando Lei era Commissario all’Emergenza, facendolo però quando Lei non ricopriva più tale incarico.
Giorni fa ho appreso della Sua nuova nomina a Commissario, notizia che ci rassicura su come il governo nazionale non sia sempre distratto riguardo ai problemi delle Eolie; porgendoLe i miei auguri per il lavoro che dovrà svolgere, mi sono però chiesto quale sarà, a questo punto, il futuro del capanno in questione. Indipendentemente dal fatto che Lei vorrà o meno re-istituire il “ticket di accesso al vulcano”, sono certo che la struttura non possa essere bonariamente “sanata”, facoltà non prevista tra i poteri assegnati al ruolo che Lei ricopre, e quasi certo che non vorrà smentire le affermazioni di un Assessore della Sua giunta; per tali ragioni
Le chiedo nuovamente
come e quando il Comune di Lipari intenderà provvedere alla rimozione dei detrattori ambientali e paesaggistici che insistono sui luoghi, con particolare riferimento al sequestro e alla demolizione della struttura citata priva di titoli abilitativi.
Le allego una foto della struttura, piuttosto datata, precisando che oggi, a causa dell’incuria e dell’usura del tempo, versa certamente in condizioni peggiori, che mortificano ulteriormente l’aspetto e la bellezza di uno dei siti di maggior pregio e importanza del Comune e del Patrimonio dell’Umanità che Lei amministra.
RingraziandoLa anticipatamente per il Suo cortese riscontro, Le porgo distinti saluti
Pietro Lo Cascio
consigliere comunale di Sinistra Democratica
gruppo consiliare “Eolie nel Cuore”

Matteoli, con la Tirrenia si rischia il danno erariale

Tirrenia e' un argomento pericoloso anche per il sottoscritto perche' se non taglio le corse l'Ue mi richiama per dire che non ci sono i soldi per continuare e perche' insiste per una gara di privatizzazione. Finora ho tenuto duro, ma rischio di essere richiamato a rispondere di un danno erariale". Lo ha detto il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, durante un'audizione alla Camera, riferendosi al servizio di Tirrenia sulle rotte per le isole minori in attesa di una soluzione per la privatizzazione. "Non e' una questione facile. Anche ieri, un altissimo funzionario del Ministero e' andato a Bruxelles" per discutere della questione. "Non e' un problema che stiamo sottovalutando". Inoltre, ha continuato, "al Ministero c'e un tavolo permanente per affrontare il tema, al momento senza i sindacati che saranno convocati".

"Siremar/Tirrenia Abbassare la guardia adesso sarebbe un errore imperdonabile" di Christian Del Bono

(Christian Del Bono) Il comunicato del Presidente dell´U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M., Antonino Nobile, sull´incontro tenutosi lo scorso 23 marzo al Ministero dei Trasporti, conferma purtroppo le nostre perplessità sull´attuale disponibilità da parte del Governo delle somme necessarie a garantire i collegamenti marittimi per l´anno 2009. L´alto dirigente del Ministero, Dott. Pujia, avrebbe confermato che per l´anno 2009 sarebbero disponibili € 173,4 milioni a fronte di un costo di gestione stimato in 220 m., oltre ai € 22 m. ancora necessari per ripianare le perdite del 2008 e che il Ministero delle Finanze pare non sia intenzionato a coprire con ulteriori impegni.
Ieri, invece, contrariamente da quanto temesse il Dott. Pujia, è stato fatto un piccolo passo avanti grazie all´approvazione di un emendamento al decreto sulle "Misure urgenti a sostegno dei settori industriali in crisi", secondo il quale "le somme rese disponibili per pagamenti non più dovuti, relativi alla sovvenzione degli esercizi pregressi a favore del gruppo Tirrenia per l'importo di € 6.615.681,63, possono essere utilizzate a parziale copertura del disavanzo 2008 del Gruppo". Bene, ne mancano ancora quasi € 16 per coprire il 2008 e € 47 abbondanti per garantire il 2009.
Stando, inoltre, a quanto affermerebbe Puja, pare che l´attuale stato di stallo sia dovuto "alla mancata fornitura dalle Amministrazioni Regionali di indicazioni condivisibili sulle linee per garantire la mobilità dei cittadini, il cui parametro per la U.E. innanzitutto è quello con la provincia di appartenenza". Continua pertanto il pericoloso ping pong tra Regione e Ministero. Tradotto in altre parole, la Regione Sicilia ha provveduto, già da tempo, ad inviare le indicazioni sulle linee da mantenere ma il Ministero avrebbe invece "ipotizzato" dei drastici tagli, tra i quali, la nostra nave Eolie-Napoli.
Altra lamentela avanzata dal Dott. Puja sarebbe quella inerente la decisione di alcune Regioni (la Sicilia) che, nonostante fossero perfettamente a conoscenza della scadenza delle convenzioni e della situazione finanziaria in atto, hanno ritenuto di procedere ugualmente ad effettuare le gare per l´assegnazione dei contributi per il finanziamento dei servizi complementari (aggiudicati da Usticalines ed N.G.I.).
Che dire, infine, dell´ennesima dichiarazione del Ministro Matteoli, in un´audizione alla Camera dei Deputati: "Tirrenia e' un argomento pericoloso anche per il sottoscritto perché se non taglio le corse l'Ue mi richiama per dire che non ci sono i soldi per continuare e perché insiste per una gara di privatizzazione". Ma davvero il Sig. Ministro Matteoli pensa di poter continuare a sostenere simili tesi e, per giunta, in sedi così importanti? Cosa c´entra l´UE con i soldi che mancano allo Stato italiano e con la privatizzazione decisa dallo Stato italiano? Appare più verosimile la tesi illustrata dal suo Direttore Generale, Dott. Pujia, il quale, stando a quanto riportato dal Presidente Nobile, avrebbe affermato: "la scelta della privatizzazione, già prevista nella Finanziaria 2007, è tutta Italiana in contrapposizione alla richiesta della U.E. di adeguamento al Regolamento Comunitario 3587/92 sulla liberalizzazione del cabotaggio, per le quale premono essenzialmente gli Armatori Privati Italiani".
Christian Del Bono

Addizionale bunker. L'assessore Maggiore scrive alle società di navigazione

Una lettera è stata inviata dall'avv. Giovanni Maggiore , assessore al Turismo del comune di Lipari , alle società di navigazione Siremar, Ustica Lines ed Ngi. La lettera ha per oggetto: Addizionale Bunker.
La presente per significarVi quanto segue:
Nonostante un notevole calo del prezzo dei carburanti, nel costo del biglietto di viaggio persiste una voce di spesa relativa all’addizionale bunker che fa lievitare il prezzo finale. Essendo il prezzo del carburante tornato a livelli fisiologici non trova più alcuna giustificazione di ordine economico e/o di altra natura l’applicazione nel costo del biglietto dell’addizionale suddetta. Il Garante per la concorrenza, Antonio Catricalà, parlando in Senato in occasione dell’indagine conoscitiva sulla dinamica dei prezzi dei prodotti petroliferi ha ricordato espressamente che ci sono elementi per una riduzione immediata delle tariffe dei trasporti visto che si continua a chiedere agli utenti l’addizionale carburante che non ha più motivo di esistere. Lo stesso Garante si è rivolto ai tour operator ed agli agenti di viaggio al fine di invitare i propri assistiti ad eliminare dal listino la voce carburanti e quindi ribassare i prezzi delle tariffe. Tale argomento è stato ripreso con forza dal Ministro per lo sviluppo Economico Claudio Scajola il quale ha inviato un dettagliato rapporto al medesimo Garante per la concorrenza ed al Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Altero Matteoli evidenziando che di fronte a tariffe formalmente invariate gli aumenti dei prezzi dei biglietti sono da imputarsi esclusivamente alla voce “adeguamento carburante” che hanno prodotto forti incrementi, anche sino al 111%, sul prezzo finale.
E’ di tutta evidenza che continuare ad applicare sul prezzo del biglietto anche l’addizionale “bunker e diversi” costituisce una palese violazione delle norme e delle direttive del Garante della concorrenza e del Ministro dello Sviluppo Economico. Tale problematica, peraltro, emerge in tutta la sua gravità in una realtà turistica qual è quella delle Isole Eolie, laddove dinanzi alle croniche difficoltà dei collegamenti marittimi e della durata dei viaggi si aggiunge un prezzo del biglietto enormemente elevato. L’eliminazione dell’addizionale carburanti con la conseguente diminuzione del prezzo finale del biglietto costituirebbe oltre a che una corretta perequazione dei costi anche un elemento di spinta per l’intero comparto turistico peraltro già fortemente penalizzato dalla congiuntura economica internazionale.
Né si possono sottacere i costi che ogni cittadino Eoliano è costretto a sopportare allorquando, per molti anche quotidianamente, si deve recare per motivi di lavoro, di studio, di salute e/o di altro genere sulla terraferma.Vi invito pertanto ad eliminare l’addizionale “bunker e diversi” dal costo del biglietto con la conseguenziale drastica riduzione del prezzo finale dello stesso.
E’ chiaro che un Vostro mancato riscontro alla mia richiesta mi vedrà costretto a rivolgermi alle Autorità preposte ai controlli nell’interesse dei cittadini eoliani e di tutti gli operatori economici.
Distinti saluti.Avv. Giovanni Maggiore Assessore al Turismo

Contatori elettronici. I consiglieri Megna e Fonti fanno proprie le sollecitazione del dott. Rijtano e di Eolie news

AL SINDACO COMUNE DI LIPARI Dott. Mariano Bruno, ALL'ASSESSORE Servizi Elettrici
Sig. Giulio China, ALLA S.E.L. Società Elettrica Liparese, AL Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti c/o Ministero dello Sviluppo Economico e p.c. Autorità per l’Energia Elettrica è indirizzata una nota dei consiglieri comunali Francesco Megna e Gesuele Fonti avente per oggetto: CONTATORI ELETTRONICI UTENZE S.E.L. (Società Elettrica Liparese)

Da alcune settimane la Società Elettrica Liparese, gestore monopolista dell’energia elettrica nell’isola di Lipari (Isole Eolie – Provincia di Messina), sta provvedendo a sostituire gli obsoleti contatori a disco, elettromeccanici ad induzione, con i nuovi contatori elettronici, così come previsto dalla normativa vigente.
Molteplici i vantaggi prospettati per l’utenza: il nuovo contatore promette infatti di migliorare in termini di trasparenza ed efficienza il rapporto con la clientela, con particolare riferimento alla possibilità di misurazione e verifica costante dei consumi, rende inoltre possibile l’adozione di tariffe multi-orarie, che consentiranno maggiori risparmi per i clienti. La telelettura non permetterà l’addebito di consumi presunti, ma soltanto dell’energia effettivamente erogata nel bimestre, pertanto non si dovranno più pagare anticipi e/o conguagli.
Apparecchi certamente innovativi i nuovi contatori, tuttavia non privi di difetti tant’è che numerosissime sono state le proteste per i disagi subiti dall’utenza, a fronte di costi che si sono addirittura incrementati. Inaccettabile per la gran parte dei clienti, il peggioramento qualitativo del servizio ricevuto, in quanto con i nuovi misuratori non è stato più possibile utilizzare contemporaneamente gli stessi carichi, come accadeva con il vecchio contatore analogico, e conseguentemente si sono sensibilmente incrementati i costi in bolletta, nonostante si fossero mantenuti apparentemente inalterati i carichi giornalieri.
Numerosissime sono state le segnalazioni di “distacco” del contatore per sovraccarico. I nuovi contatori, infatti, risultano talmente precisi da interrompere l’energia non appena superata la potenza per i quali sono stati tarati (3,3 Kw, per i contatori di 3 Kw) anche per picchi di qualche secondo.
L’utente pertanto si trova costretto a richiedere al gestore un incremento della potenza contrattuale con costi ulteriori in bolletta, ad esempio per le utenze domestiche (da 3 Kw a 4,5 Kw), di circa Euro 10 mensili ed Euro 200 una tantum.
La soluzione esiste ed è quella di ampliare la taratura dei nuovi contatori aumentando la soglia di tolleranza, così come avvenuto per 30 milioni di utenze su tutto il territorio nazionale a seguito di un accordo siglato dalle principali Associazioni dei Consumatori con l’ENEL, principale gestore italiano, con il beneplacito dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas, in forza del quale, ormai da alcuni anni, è stata prolungato da 1 a 3 ore giornaliere il tempo di “tolleranza” durante il quale il cliente con contatore da 3 Kw, può disporre di una potenza fino a 4 Kw.
Parte integrante dell’intesa è stata inoltre l’introduzione di una tariffa bi-oraria, anche per i contatori da 3 Kw, cosicché, differenziando il costo del chilowattora (riducendolo nelle fasce notturne, dalle 21 di sera alle 7 del mattino, nei week-end, giorni festivi e nel mese di agosto), si realizzasse un maggiore risparmio per l’utenza.
Un altro problema lamentato dai cittadini riguarda l’aumento del costo della bolletta, susseguente all’installazione dei nuovi misuratori.
Premesso che i Consiglieri scriventi non hanno competenze tecniche nella materia oggetto della presente nota, tuttavia, da una breve ricerca su internet, appare evidente che il fenomeno dell’aumento delle bollette non sia una peculiarità tutta Eoliana, anzi, già dal 2003 sono stati ripetutamente segnalati incrementi medi del 33% nelle bollette a seguito dell’installazione dei nuovi contatori Enel, che, a quanto è dato sapere, hanno caratteristiche analoghe (se non del tutto identiche) ai contatori montati dal gestore SEL.
Se da un lato la maggiore precisione dei nuovi misuratori, può occasionalmente condurre a moderati aumenti e la mancata lettura dei contatori per alcuni bimestri, cumulandosi i consumi, può dar luogo ad una bolletta particolarmente “salata”, ciò non giustifica tuttavia i sostanziali incrementi segnalati dalla gran parte delle utenze liparesi, senza che fossero state modificate le abitudini di vita, né (almeno apparentemente) i relativi consumi.
A quanto pare infatti i nuovi contatori elettronici, a differenza dei precedenti, misurano oltre alla “potenza attiva” anche quella “reattiva”, che non è certamente un consumo dell’utente.
Infatti, mentre la potenza attiva è la potenza effettivamente consumata, quella che effettivamente “svolge il lavoro” ed eroga il servizio all’utente, la potenza reattiva non svolge attività diretta, anche se comporta produzione di energia “alla fonte” (cioè da parte del produttore, la SEL, nello specifico).
A conferma di quanto affermato, giunge la risposta ad una interpellanza Parlamentare del 22/04/2004, del Sottosegretario di Stato alle Attività Produttive On. Mario Valducci, che testualmente afferma: “Il contatore elettronico permette, infatti, anche la misurazione dell'energia «reattiva»“.
Pertanto, con il Contatore Elettronico, l’utente paga non solo quello che effettivamente consuma, che dipende dal numero e dal tipo degli apparecchi che usa, ma TUTTA la potenza che il gestore produce per quella utenza!
Gli utenti che utilizzano elettrodomestici e punti luce a basso consumo, verranno addirittura svantaggiati, secondo quanto ipotizzato dall’ex ministro dell’ambiente On. Pecoraro Scanio.
In altre parole, con i nuovi contatori i gestori scaricano sugli utenti la PRODUZIONE di energia elettrica, anche quella che effettivamente non viene consumata.
Per quanto attiene alla trasparenza delle letture, è evidente che il procedimento diventi adesso quanto mai disagevole, se non proibitivo per utenti anziani e fasce deboli, in quanto attraverso la “tele-lettura” gli importi verranno calcolati dal gestore a distanza, in modalità “remota”.
In considerazione di quanto testé enunciato, i sottoscritti Consiglieri Comunali
Francesco MEGNA e Gesuele FONTI
= C H I E D O N O =
All’ Amministrazione Comunale ed al Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti, che rappresenta tutte le associazioni di categoria
di farsi parti attive per rimuovere i grandi disagi che l’installazione dei nuovi contatori elettronici sta recando all’utenza, soprattutto in termini di aumento delle bollette e del fastidioso e continuativo “distacco” dell’energia elettrica per sovraccarico, promuovendo azioni, di concerto con il gestore dei servizi elettrici (la SEL), miranti al recepimento integrale dell’accordo Enel/Consumatori, e cioè all’innalzamento della soglia di tolleranza dei contatori, durante il quale l’utente potrà usufruire di una potenza superiore, senza dover necessariamente implementare la potenza contrattuale e all’introduzione di tariffe biorarie o multi-orarie tali da razionalizzare il sistema aumentandone l’efficienza e garantendo al contempo maggiore risparmio all’utenza;
Alla Società Elettrica Liparese
se corrisponde al vero che i nuovi contatori elettronici, a differenza dei precedenti, misurano oltre alla potenza attiva anche quella reattiva ed inoltre, se esiste un marchio di controllo/taratura dei nuovi misuratori e qual’è, eventualmente, la percentuale stimata di errore (in difetto e/o in eccesso) dei nuovi contatori.
Riconoscenti e sinceramente grati alla Società Elettrica Liparese, per la qualità del servizio reso, per l’alta serietà e la grande professionalità messe in campo ormai da decenni a servizio della comunità Liparese, i consiglieri scriventi auspicano che si possa, in tempo consono, giungere ad un intesa istituzionale che salvaguardi le legittime finalità dell’azienda, ma contestualmente tuteli il cittadino, nella sua qualità di utente / fruitore di pubblici servizi.
Con osservanza.
Lipari lì 26-03-2009
________________ ________________
Francesco MEGNA Gesuele FONTI

Canneto: Tacciono buona parte dei telefoni di rete fissa. Disagi anche per noi

Telefoni di rete fissa in tilt da ieri mattino intorno alle dodici e trenta in una larghissima parte della frazione liparese di Canneto. I telefoni sono muti- così come ci ha confermato il 187 a causa di un corto circuito all'impianto elettrico delle centraline Telecom. Difficoltà si registrano anche per la ricezione dei telefonini. Operai Telecom sono al lavoro ma il guasto non potrà essere riparato, almeno così ci è stato detto, non prima di domani. Tutto potrebbe slittare, comunque, a lunedì.
Il guasto che sta interessando Canneto finisce per penalizzare anche Eolienews. I nostri aggiornamenti, che spesso vengono messi in rete da Canneto, subiranno ovviamente dei rallentamenti. Costretti, come saremo, a spostarci nella sede di Lipari Centro.
Dei ritardi ci scusiamo con i lettori.

Privatizzazione di Tirrenia, evitare scorciatoie

La privatizzazione di Tirrenia deve avvenire dopo un attento ed equilibrato monitoraggio di tutte le implicazioni connesse ai servizi e ai collegamenti assicurati sino ad oggi dalla compagnia". E' quanto afferma Beniamino Leone, Segretario Nazionale Marittimi Fit-Cisl intervenuto al Congresso della Federazione Regionale della Sicilia che si tiene a Termini Imerese. "Vi e' sulla questione Tirrenia - prosegue Leone - una preoccupante sottovalutazione sugli effetti e le conseguenze che potrebbero prodursi non solo sul lavoro, ma sulla continuita' territoriale e sulla qualita' dei servizi dovuti ad una accelerazione dei processi di privatizzazione, soprattutto in assenza di un prolungamento della concessione. Non e' certo questo il momento migliore per privatizzare la Tirrenia - ribadisce Leone - con una crisi che estende i suoi pesantissimi effetti a tutto il settoremarittimo, privatizzare rischiando di ottenere ben poco in una precaria situazione di mercato". Il segretario Generale della Fit Cisl, Claudio Claudiani, precisa che "e' quanto mai necessario aprire un confronto a tutto campo sulla Tirrenia. Occorre evitare il rischio che alle complicazioni gia' evidenziate se ne aggiungano altre per la continuita' territoriale oggi assicurata dai collegamenti della Tirrenia, per l'internazionalizzazione dei territori, per il mantenimento di servizi insostituibili per delicate aree del Paese come sono le isole, soprattutto quelle minori, la cui vocazione allo sviluppo potrebbe essere pregiudicata se non si trovano risorse e garanzie tali da assicurare comunque una continuita' dei collegamenti". Il sindacato chiede da tempo la possibilita' di esprimere, in una sede appropriata, proposte e valutazioni sui processi di privatizzazione e liberalizzazione che investono la Tirrenia al pari di altri settori del trasporto. "E' necessario - ribadisce Claudiani - non restringere l'ambito del confronto, bensi' aprirlo alle opportune correzioni per evitare di sacrificare posti di lavoro, stabilita' dei collegamenti, qualita' del servizio universale e un now how che interessa marittimi ad elevato tasso di professionalita' e territori, soprattutto al Sud e nelle isole dove gia' pesante e' la situazione occupazionale e dove gli eventuali effetti negativi della privatizzazione di Tirrenia potrebbero farsi sentire maggiormente"."Ci aspettiamo - conclude - di poter proseguire con il Ministro un confronto sereno e produttivo che scongiuri i pericoli, eviti decisioni frettolose e dia al Paese un tessuto di collegamenti marittimi piu' efficienti e competitivi, senza che cio' si traduca solo in insopportabili riduzioni dell'occupazione e dei servizi marittimi".

giovedì 26 marzo 2009

Lipari: La GDF dissequestra un'area del cantiere di contrada Valle

Le fiamme gialle di Lipari hanno dissequestrato, su disposizione del dott. Francesco Massara della Procura della Repubblica di Barcellona, l'area di contrada Valle a Lipari che era stata posta sotto sequestro lo scorso anno in quanto i lavori che si stavano realizzando, rientranti nel progetto di copertura dell'omonimo torrente, non erano stati ancora regolarmenti autorizzati. Il rilascio delle autorizzazioni, e l'accertamento espletato da un CTU che ha verificato la conformità dell'opera al progetto presentato, ha portato il magistrato a disporre il dissequestro.

Colori delle Eolie. Le precisazioni dell'architetto Lo Cascio

Riceviamo e pubblichiamo una nota dell'arch. Giuseppe Lo Cascio in risposta alla recente circolare inviata dal presidente dell'AGE geom. Bartolo Favaloro sul tema dei colori delle Eolie.
Il testo:
Sig. Presidente della
Associazione Geometri
delle Isole Eolie
Ho letto con estremo interesse la Sua circolare, avente come Oggetto “tutti i colori delle mie isole…..”, che emotivamente condivido nei suoi intenti, sia come architetto che come cittadino eoliano.
E devo anche aggiungere che non è soltanto il problema dei “fantasmagorici colori”, a provocare la tanto temuta trasformazione dell’ambiente originario, ma vi si aggiunge anche l’utilizzazione (peraltro appositamente vietata dal R.E.C., almeno nel centro storico) di infissi in alluminio anodizzato, di zoccolature in materiali vari, di rivestimenti e mostre decorative diverse.
E perché no, delle stesse insegne !
Vorrei, come architetto, partecipare al dibattito (anche solo epistolare) che certamente non può non nascere, suscitato da questa Sua ottima iniziativa, e che spero possa essere estremamente produttivo e chiarificatore.
E vorrei farlo, facendo alcune precisazioni che ritengo doverose.
La prima: non risponde completamente a verità il fatto che “tutto è affidato agli operatori del settore, non necessitando l’intervento di specifica autorizzazione amministrativa, che, con il proprio estro e gusto, utilizzano tinte estranee all’ambiente eoliano”.
In realtà, una possibilità la prevede persino il R.E.C. dell’ormai vetusto Programma di Fabbricazione, che al suo art. 25 prevede la possibilità, da parte della Commissione Edilizia, di richiedere campionature dei colori e dei rivestimenti.
E potrebbe, a questo punto, risultare sufficiente l’applicazione di quanto prescritto dal Piano Paesistico, all’art. 38, punto c), circa le tipologie di materiali e le tecniche di applicazione.
E’ poi invece verissimo che il R.E.C. annesso al Piano Regolatore non affronta minimamente il problema dei colori; ma non è, purtroppo, la sola carenza del nostro Piano, che ancora deve nascere, e già si presenta drammaticamente vecchio.
Seconda precisazione, che mi coinvolge (e di questo, La ringrazio): l’incarico affidatomi per la redazione di un “Piano quadro dei colori e del decoro urbano” è stata una delle tante iniziative intelligenti (e visto come vanno le cose, lungimiranti) di una passata Amministrazione.
Aveva un solo, drammatico limite: era legato alla remota possibilità di finanziamento di interventi, da parte della Regione; che non aveva i fondi per finanziare nulla.
Io, esclusivamente a mie spese, ho visitato alcuni Comuni dotati di Piano dei Colori; mi sono (ritengo ampiamente) documentato su quanto era stato proposto e/o portato a compimento in questo settore; ho rilevato tutta la parte interessata da un “primo stralcio”, i prospetti di Piazza Ugo di Sant’Onofrio e la Salita di San Giuseppe; ho redatto il Progetto relativo a questa parte, completo di quantificazione degli interventi, e ho presentato il tutto all’Amministrazione.
Sono stato complimentato e ringraziato. Ma mancando la materia prima, il denaro dei finanziamenti, tutto è stato sospeso e, spero, rinviato a tempi migliori.
Come diceva quel genio del teatro che era Eduardo de Filippo, “ha da passà ‘a nuttata”!
Terza precisazione, o meglio, il punto nodale del dibattere: Lei si riporta alla “rappresentazione iconografica” di Luigi Salvatore d’Austria, che La porta ad affermare che “fino agli anni ’80 del secolo scorso……il colore utilizzato nei prospetti dei fabbricati era il bianco e solo il bianco”.
Ricordo che tanti anni fa, il Centro Studi Eoliani organizzò una conferenza-dibattito sui colori di Filicudi (che poi si estese naturalmente ai colori di tutte le Eolie), con il Prof. Brini (progettista di numerosi Piani dei Colori nello hinterland torinese e per la stessa Torino), il dott. Pino Paino, il prof. Giuseppe Jacolino ed il sottoscritto.
Ricordo anche che durante il dibattito, si pose il problema, certamente provocatorio, del perché porre gli anni della visita del d’Austria come punto fermo per codificare i colori delle nostre architetture, e non considerare, ad esempio, quanto certamente avveniva negli anni, che so, della dominazione romana, quando le case e le costruzioni in genere erano decorate con colori anche vivacissimi.
Inoltre devo dirLe che non risulta rispondente interamente al vero, che le costruzioni sino agli anni ’80 del secolo passato fossero solamente bianche.
Per non dilungarmi troppo, Le riporto solo tre esempi.
La torre di Mendolita, che tutti noi ben conosciamo, risalente ai primi anni del 1600, aveva intonaci di colore ocra chiaro.
La casa in cui io abito è stata realizzata nella prima metà del 1700, un secolo prima della venuta di Luigi Salvatore d’Austria, ed ancora oggi, in larga parte dei suoi due prospetti principali (in quell’epoca, si decoravano soltanto i prospetti più importanti), affiorano tracce della colorazione originaria: un azzurro ottenuto certamente con solfato di rame (azzuolo) diluito nel latte di calce, e delle lesene e marcapiani di colore ocra.
La facciata verso Lipari della villa dell’ing. La Rosa, anch’essa della medesima epoca, prima di una “ripresa” del prospetto principale era bianca, ma con lesene e rifasci di un intenso colore giallo.
Con la fine poi del XIX e l’inizio del XX secolo, l’abitudine di decorare con colori ottenuti da pigmenti naturali e latte di calce si diffonde ed interessa larghissima parte delle nuove costruzioni.
Ma va anche ricordato che l’insediamento di genti diverse, provenienti dalla Calabria, dalla Campania e persino da paesi stranieri, ed il mescolarsi delle loro consuetudini, delle loro civiltà, del modo di intendere e decorare le costruzioni, risale già agli anni immediatamente successivi al sacco del Barbarossa.
Oggi, ed in questo Le do ragione, si assiste al progressivo abbandono “dei colori originari, utilizzando tonalità troppo sature e con materiali sintetici”, e di questo ne va dato carico sia al disinteresse della Soprintendenza che non applica quanto prescritto dal Piano Paesistico, ma soprattutto alle scarse conoscenze ed alla mancata voglia di aggiornarsi degli operatori del settore, che potrebbero invece adottare materiali prodotti dalle Ditte specializzate nella commercializzazione di intonaci e colorazioni specifici per il recupero dei Centri Storici.
Abbiamo tutti fatto del male, e le maggiori responsabilità sono a carico di noi Progettisti e Direttori dei Lavori.
Ma devo, al riguardo, citarLe un vecchio detto eoliano, quello secondo cui “il granchio prende in giro l’aragosta, perché cammina all’indietro”, ricordandoLe che la maggior parte dei Tecnici Progettisti e Direttori dei Lavori, di certo almeno numericamente, sono proprio geometri, quelli che oggi, attraverso Lei, esprimono queste lamentazioni.
Infine, concordo pienamente con Lei sulla necessità di un dibattito con l’Amministrazione e l’Ufficio Tecnico comunale, riguardante il corretto impiego del colore, ma anche del decoro urbano, nelle nostre isole, ma non credo alle “precise direttive della Soprintendenza BB. CC. AA.” , il cui lassismo ha, sino ad oggi, consentito tutto questo.
Credo invece che sia fondamentale affiancare, al Piano Regolatore, un idoneo Piano Quadro dei Colori e del Decoro Urbano, riprendendo ed estendendo l’iniziativa la cui necessità era già stata individuata da una Amministrazione precedente.
Passerà così “’a nuttata”?
Cordiali saluti
Giuseppe Lo Cascio, architetto

"Ancora Siremar". Considerazioni e riflessioni di Rosaria Corda

(Rosaria Corda) Permettemi una breve e ulteriore riflessione sui trasporti, questa volta a partire dalla qualita’ e dalla certezza del servizio che la societa’ pubblica dovrebbe assicurare agli eoliani. Martedi 24 scorso mi sono ritrovata a Milazzo, dopo una giornata passata a fare controlli medici nel catanese e con tutta la famiglia. Partita alle 7,50 da Lipari con il catamarano dell’Ustica lines, navigato in un mare che potrei definire nella norma delle condizioni del periodo primaverile, alle 17.30 le agenzie comunicano che le corse veloci si interrompono per il previsto giungere di una perturbazione. Insieme ad un centinaio di persone ci rechiamo a bigliettare per il traghetto “Isola di Stromboli”. Sarebbe quasi inutile riferire il solito e scontato ritornello: “il comandante ha deciso di non partire”. Stiamo tutti con il naso all’insu’ a scrutare il cielo e le nuvole, per cercare di capire quale tempesta poteva impedire la partenza della nave. Qualcuno ipotizza di chiamare in aiuto il Sindaco o il Prefetto, si ascoltano le solite voci arrabbiate di chi e’ magari arrivato con il mezzo appena precedente e che giura e rigiura che il mare e’ quasi calmo. Ovviamente l’agenzia chiude i battenti e a noi non resta che dirigerci verso quella della Ngi, ma si potra’ avere qualche notizia solo dopo l’arrivo del traghetto, previsto per le ore 20,00. Nel contempo ci accorgiamo che circa 80 ragazzi del biennio dell’itc Isa Conti, di ritorno dal viaggio di istruzione, rimangono appiedati con bagagli al seguito sul molo di imbarco. E ci rendiamo anche conto delle difficolta’ che si presenterebbero qualora si dovesse pensare ad una sistemazione logistica per tutti. E nel frattempo, non si sente alitare vento. Alle 20,00 arriva l’annuncio positivo della partenza della Ngi. Siamo tutti a bordo e stanotte riusciremo a rientrare a casa.
E a bordo ci attende un’altra piacevole sorpresa. La societa’ ha messo a disposizione di tutti, ed in particolare degli studenti eoliani, un ricco buffet di pizza e rustici, quasi a chiedere scusa di un disagio che pure stavano risolvendo.
Il viaggio e’ stato molto tranquillo e piacevolmente intrattenuto dalla finale del programma di Maria De Filippi “Amici”.
E molti mi hanno chiesto di firmare idealmente insieme questo appunto. E siccome proprio il giorno precedente avevo raccolto, nell’ambito del confronto con le parti politiche organizzato dal comune, voci squillanti in favore della societa’ pubblica Siremar, adesso vorrei invitare un po’ tutti a riflettere su quello che chiediamo, cosa chiediamo e come lo chiediamo. Ritengo che una societa’ che deve rendere un pubblico servizio possa anche valutare diversamente le informazioni ufficiali, date dai bollettini meteo, dalle reali condizioni. Non posso e non voglio credere che un comandante di una nave quale l’Isola di Stromboli, sia meno capace di governare un mezzo, che in un’ora e’ in grado di coprire la distanza tra Milazzo e le Eolie, rispetto al collega della compagnia privata. Non posso e non voglio giustificare il comportamento di quanti, a diverso titolo, dovrebbero fornire un “servizio pubblico essenziale” e che al contrario preferiscono trincerarsi dietro un qualsiasi bollettino o un semplice avviso ai naviganti, trattando gli eoliani alla stregua di un cittadino che perso un autobus, ne puo’ prendere uno successivo. Non posso e non voglio pensare che una societa’, alla quale tutti noi contribuiamo da decenni, possa lasciare ottanta ragazzi, centinaia di utenti, al freddo in mezzo ad una strada, abbassando semplicemente la grata di una agenzia e ritirando il portellone di una nave.
E questa per noi e’ storia di ordinaria amministrazione. Pertanto non ritengo assolutamente utile continuare a perorare la causa di chi ci ha sempre trattato con sufficienza, superficialita’ e spesso maleducazione. Difendiamo con forza il diritto alla mobilita’, pretendiamo che lo stato si assuma l’onere di garantire tale diritto a noi tutti e per sempre, ma per favore smettiamola con questo scorporo! Lavoriamo insieme per la nostra dignita’, che sia rispettata con l’efficienza, la garanzia e la cortesia dei servizi, cosi’ come spettano ad ogni popolazione civile. E un grazie alla Ngi che, nonostante non ne avesse l’obbligo, ci ha anche dato una lezione di vita. Infatti un mezzo piccolo e brutto, piuttosto che una nave bella e moderna, si e’ improvvisamente trasformato nel piu’ accogliente e familiare degli ambienti e ci ha riportato felicemente a casa.Rosaria Corda

Centorrino (Eolie nel cuore): Interrogazioni a raffica su discarica, torrenti, auto elettriche, acqua a Lami

Ben quattro interrogazioni sono state presentate dal consigliere comunale di "Eolie nel Cuore" Sarino Centorrino a sindaco e assessori del comune di Lipari:
1) Al Signor Sindaco del Comune di Lipari e p.c. al Presidente del Consiglio Comunale di Lipari
OGGETTO: interrogazione Bonifica ex discarica di Lami
Egregio Signor Sindaco,
faccio seguito ad una Sua nota datata 7.12.2007 prot. 26998 nella quale mi comunicava che “relativamente alla chiusura dell’impianto di smaltimento di Lami, l’ATO ME 5, ha avviato, d’intesa con il Comune, una serie di iniziative e di incontri presso la Regione Siciliana per la bonifica del sito e la relativa messa in sicurezza”;
Come nulla è dato sapere sul risultato della serie di iniziative e di incontri presso la Regione Siciliana nel corso dell’anno 2008 e nei primi mesi del 2009;
Ciò premesso, La interrogo per conoscere, nel dettaglio e sotto ogni aspetto tecnico, quali iniziative, progetti, proposte sono state avanzate dall’ATO ME 5 d’intesa con l’amministrazione comunale per la bonifica del sito e la relativa messa in sicurezza, come dai Lei scritto.
Attendo risposta scritta e copia degli atti prodotti in merito. Invito il Presidente del Consiglio a vigilare affinché lo scrivente venga posto nelle condizioni di poter svolgere il proprio ruolo di consigliere comunale sollecitando gli uffici competenti al rilascio degli atti.
Distinti saluti.
2) Al Signor Sindaco del Comune di Lipari e p.c. al Presidente del Consiglio Comunale di Lipari
OGGETTO: interrogazione interventi di manutenzione e pulizia dei torrenti
Egregio Signor Sindaco,f
accio seguito ad una Sua nota datata 15.04.2008 prot. 6259 nella quale mi comunicava che l’Amministrazione “ha particolare cura della manutenzione e della pulizia dei torrenti” concludendo che “nulla sarà tralasciato perché dalla fase emergenziale si possa passare ad una fase programmatica”. A distanza di quasi un anno dalla Sua nota di risposta mi auguro che l’amministrazione sia riuscita a superare la fase emergenziale e passare alla fase programmatica soprattutto per i torrenti che attraversano l’abitato del centro urbano di Canneto, partendo dal torrente Boccetta per arrivare al torrente Calandra.
Ciò premesso, La interrogo per conoscere, nel dettaglio e sotto ogni aspetto tecnico, quali iniziative, progetti, proposte sono state programmate dall’amministrazione per la manutenzione e pulizia dei torrenti del centro abitato di Canneto come dai Lei affermato.
Attendo risposta scritta e copia degli atti prodotti in merito. Invito il Presidente del Consiglio a vigilare affinché lo scrivente venga posto nelle condizioni di poter svolgere il proprio ruolo di consigliere comunale sollecitando gli uffici competenti al rilascio degli atti.
Distinti saluti.
3) Al Signor Sindaco del Comune di Lipari, all’assessore Massimo D’Auria e p.c. al Presidente del Consiglio Comunale di Lipari
OGGETTO: interrogazione sullo stato del progetto di sostegno all’utilizzazione di veicoli a trazione elettrica per il trasporti pubblico “APQ energia”.
Egregio Signor Sindaco,
faccio seguito alla nota inviata dall’assessore D’Auria in data 12.04.2008 prot. 13353 nella quale mi si comunicava, in merito alla collocazione delle colonnine di distribuzione dell’energia elettrica all’interno del territorio comunale che la “gestione unitamente alla fornitura dei mezzi necessari sarà affidata alla ditta GIANO AMBIENTE SRL vincitrice di regolare evidenza pubblica” Considerato che ormai è quasi un anno che attendo di vedere circolare per la nostra isola i mezzi elettrici di cui alla suddetta fornitura augurandomi che non siano invisibili;
Ciò premesso, La interrogo per conoscere, qual è lo stato dell’iter di affidamento alla Giano Ambiente srl della gestione e della fornitura dei mezzi elettrici.
Attendo risposta scritta e copia degli atti prodotti in merito. Invito il Presidente del Consiglio a vigilare affinché lo scrivente venga posto nelle condizioni di poter svolgere il proprio ruolo di consigliere comunale sollecitando gli uffici competenti al rilascio degli atti.
Distinti saluti.
4) Al Signor Sindaco del Comune di Lipari e p.c. al Presidente del Consiglio Comunale di Lipari
OGGETTO: interrogazione problema idrico Lami-Penninella.
Egregio Signor Sindaco, faccio seguito ad una Sua nota datata 7.12.2007 prot. 26998 nella quale mi comunicava “circa il problema idrico della zona di Lami-Penninella è stata impegnata la somma di euro 19.800,00 al fine di eliminare la difficile e grave esistente situazione”, sembrava tutto risolto. Forse Lei si è dimenticato del problema, ma le difficoltà di approvvigionamento idrico della zona di Lami – Penninella restano a distanza di oltre un anno dal Suo impegno.
Ciò premesso, La interrogo per conoscere, nel dettaglio e sotto ogni aspetto tecnico, quali procedimenti siano stati effettivamente adottati nel corso dell’anno 2008 e del 2009 per risolvere la difficile ed ormai lunghissima problematica dell’approvvigionamento idrico della zona di Lami –Penninella.
Attendo risposta scritta.
Distinti saluti.
Il consigliere Comunale
Rosario Centorrino

Marina Corta: "Solito" spettacolo di "melma" sotto gli occhi dei turisti. Operatori protestano al comune

A poco più di due settimana dalla Pasqua la zona di Marina Corta a Lipari vive nell'abbandono più totale. I turisti, che cominciavano ad affluire nell'isola, per passare da una parte all'altra della piazza, devono addirittura "navigare" sul fiume di melma che sgorga con frequenza dal pozzetto delle acque nere sito in prossimità del ponticello. Per le attività commerciali e turistiche della zona è un vero e proprio disastro.
Due operatori della zona, la signorina Elisa Groppo e il pasticciere Giovanni D'Ambra stamattina, dopo l'ennesima fuoriuscita di liquami, hanno raggiunto il comune per chiedere chiarimenti al sindaco Bruno. Questi li ha messi in contatto con il dirigente Domenico Russo il quale, telefonicamente, ha spiegato che il problema sarà risolto con l'apposizione delle nuove apparecchiature. Nel frattempo ha garantito interventi di espurgo giornalieri onde evitare il verificarsi dell'incredibile e vergognosa situazione.
Il personale delle imprese che sono intervenute stamani per risolvere il problema hanno evidenziato come nei pozzetti viene ritrovato di tutto ivi compreso garze e altro materiale medicale. Questi oggetti- è stato sottolineato- finiscono per bloccare in qualche modo i motori, danneggiandoli a volte irreparabilmente.
Nelle foto: Il lago di liquami formatosi sotto il ponticello con a terra le garze estratte dai pozzetti/ la signorina Elisa Groppo mentre discute con il dott. Domenico Russo/ il pasticciere Giovanni D'Ambra

Lipari: Per agevolare il credito nell'arcipelago il sindaco Bruno ha incontrati i rappresentanti delle agenzie degli istituti di credito

Il sindaco di Lipari Mariano Bruno ha incontrato questa mattina a palazzo comunale i direttori e i rappresentanti delle agenzie degli istituti di credito che operano nell'isola. La riunione è servita per mettere a punto un piano di misure speciali per agevolare il credito nell'arcipelago eoliano. Piano e richieste che, ovviamente, saranno trasferite dai funzionari locali degli istituti di credito alle sedi centrali.
Bruno ha anche annunciato che l'iniziativa, in qualità di presidente dell'Ancim, la allargherà anche alle altre isole minori siciliane. Inoltre il primo cittadino liparese ha annunciato di avere in cantiere nei prossimi giorni una serie di incontri con le categorie produttive presenti sul territorio.

Canneto: Marina Garibaldi "gruviera". Il comitato sollecita interventi

Al Signor Sindaco del Comune di Lipari, al Signor Assessore ai lavori pubblici del Comune di Lipari , al Dirigente del 4° Settore e Comandante del Corpo di Polizia Municipale del Comune di Lipari, al Dirigente del 3° Settore del Comune di Lipari è indirizzata la lettera dell'Associazione "Per Canneto" a firma del presidente Antonino Giardina ed avente per oggetto: Buche manto stradale Marina Garibaldi di Canneto
E’ sotto gli occhi di tutti lo stato di degrado in cui versa il manto stradale della Marina Garibaldi di Canneto in particolare nel tratto da Unci fino all’incrocio con la Via Adua ed il tratto antistante la Via Livorno.-
Si nota la presenza di parecchie buche che, fra l’altro, documentiamo con tanto di documentazione fotografica.-
Un situazione che sta diventando insostenibile per il pericolo che, giornalmente, corrono i cittadini che transitano in un vero e proprio colabrodo con il rischio di incidenti e danni ai veicoli che percorrono i tratti di strada dissestati.-
Occorre intervenire con la massima urgenza anche in considerazione del fatto che con l’approssimarsi della stagione turistica, pensiamo già alle festività Pasquali, la strada sarà oggetto di traffico molto più intenso.-
Pertanto, Vi invitiamo ad intervenire con immediatezza al fine di predisporre gli l’interventi necessari per la messa in sicurezza della strada onde scongiurare il verificarsi di incidenti ed evitare danni ai veicoli per la precarietà in cui versa la carreggiata.-
Certi di un Vs intervento, nell’attesa, ringraziamo e porgiamo distinti saluti.-
Associazione “Per Canneto”
Il Presidente
Antonino Giardina

"Odissea" degli studenti del "Conti" dalla Gazzetta del sud di oggi

La Siremar non salpa Gli ottanta studenti riportati a casa da Ngi
Salvatore Sarpi
Ottanta studenti, tra i quattordici e i quindici anni, bloccati a Milazzo per circa tre ore, e ricondotti al Lipari solo a tarda sera, grazie a un mezzo della Ngi, (Navigazione generale italiana). È' accaduto martedì sera.
Oltre ai ragazzi, il mezzo della società privata ha riportato a Vulcano e a Lipari un'altra settantina di persone che non erano riuscite a ripartire dalla città del Capo per la sospensione delle corse serali di Ustica Lines e Siremar «causa avverse condizioni meteo» fra cui quella della nave "Isola di Stromboli".
La decisione, specie quella adottata dalla società di Stato, ha creato forte malcontento e malumore nell'arcipelago, anche alla luce – così come hanno dichiarato i residenti che hanno viaggiato con il mezzo della NGI – della traversata tranquilla. Certo il giudizio del comandante del mezzo è insindacabile ma tutti si chiedono come mai (per l'ennesima volta) il mezzo privato (un fuscello rispetto al mastodontico mezzo Siremar) è riuscito a garantire in sicurezza il collegamento e invece, considerando che le annunciate avverse condizioni meteo tardavano ad arrivare, il mezzo della società di Stato ha preferito non mollare gli ormeggi in un orario, quello delle diciotto e trenta che avrebbe permesso sia il trasferimento a Lipari degli studenti ed eventualmente anche il rientro dell'unità navale a Milazzo posto che vi fosse il rischio di non riuscire a passare la notte a Lipari in sicurezza.
Tra l'altro per tutta la serata l'approdo a Sottomonastero non presentava alcun problema. Dicevamo grande è stata la delusione per la decisione tenuta dalla Siremar. Eloquente il commento di un genitore in attesa nel porto liparese. «Da mesi – ha detto – lottiamo per mantenere i collegamenti Siremar ma a che serve se poi non riescono neanche a riportare i nostri figli a casa?».
Per la cronaca vi è da evidenziare che il maltempo, con mare alquanto agitato, ha investito in pieno l'arcipelago solo ieri con i disagi consueti.

mercoledì 25 marzo 2009

Si è laureata all'Università di Bologna Barbara Brundu

Con 110 su 110 si è laureata oggi all'Università di Bologna, Facoltà di Storia dell'Arte(indirizzo Medievale e moderno), Barbara Brundu. Ha discusso brillantemente la tesi "La Sicilia del Gran Tour e le isole Eolie tra il '700 e l' 800"
Per la dottoressa Brundu si tratta della seconda laurea. La prima l'aveva conseguita all' Università Cattolica di Brescia.
Alla dottoressa Brundu e a tutti i suoi familiari le felicitazioni di Eolie news e l'augurio di un futuro sereno e radioso

Redazionale: Metteteci la faccia, oltre alla firma giusta

Nel pomeriggio abbiamo ricevuto al nostro indirizzo mail ssarpi@libero.it una lettera che trattava del convegno sui trasporti tenutosi al Palacongressi. Una lettera "pulita" dove erano riportate considerazioni e constatazioni condivisibili o non condivisibili.
Una lettera che, però, abbiamo ritenuto di non dover pubblicare in quanto vi era una palese contraddizione tra il nome di chi in premessa ci chiedeva fosse pubblicata la sua lettera e la firma apposta alla fine della lettera stessa. In poche parole in premessa si è firmato Angelo Biviano Caio e nella lettera Giuseppe Ziino
Una doppia firma quanto meno sospetta.
Invitando il signore che ci ha inviato la lettera(lo abbiamo già fatto anche per mail) a farci sapere come realmente si chiama e, a questo punto, darci la possibilità di verificarlo, ricordiamo che Eolie news non pubblica lettere anonime o apocrife.
Nel bene e nel male ognuno, riteniamo, debba avere il coraggio di esporre il proprio punto di vista, di metterci la faccia. Così come facciamo noi , insieme ad altri colleghi che fanno questo questo lavoro con correttezza e professionalità!

Pontile Ex Italpomice: Il sindaco sollecita l'azienda

Questo il testo della lettera inviata dal sindaco di Lipari Mariano Bruno alla società Italpomice e per conoscenza al Presidente della Provincia Regionale di Messina, al Comandante dell'Ufficio Circondariale marittimo di Lipari e al Capo del Dipartimento della Protezione civile
Oggetto. Pontile Italpomice- località Acquacalda
Il recente consiglio comunale, tenutosi ad Acquacalda di Lipari, alla presenza e con gli interventi dei cittadini della citata località, ha, tra le altre emergenze, evidenziato che la più urgente e la più pericolosa, per la quotidiana incolumità a terra ed a mare, è rappresentata dalle precarie condizioni strutturali del pontile realizzato ed a suo tempo in uso alla Vostra spettabile società.
Nella certezza che considererete lo stato di pericolosità discendente dal crollo di parte di detto pontile ed i danni consequenziali che ne potrebbero scaturire, in caso di eventuali ulteriori crolli della struttura, si invita codesta spettabile società ad intervenire, prontamente, al fine di evitare ogni e qualsiasi pericolo, sia sulla strada che sulla spiaggia ed ancora a mare.
Non è fuori luogo ricordare l'ordinanza del Circomare di Lipari che di fatto limita l'utilizzo, in un ampio raggio, di ogni tipo di fruibilità, con i conseguenti negativi risvolti sociali ed economici.
In conclusione, e per completezza d'informazione, va rilevata la disponibilità della Provincia Regionale di Messina esplicitata dal Sig. Presidente, Avv. Ricevuto, che potrete contattare al fine di concordare l'immediatezza degli interventi.
Il comune di Lipari si intende impegnato a sollecitare quanti di competenza sia per la questione pontile che per evidenziare i pericoli derivanti dallo stato di abbandono delle cave di pomice di Porticello e di Acquacalda, attraverso una azione di monitoraggio e di intervento.

Pontile Ex Italpomice: Lo Cascio interroga il sindaco

Oggi abbiamo pubblicato la risposta che il dirigente del IV settore Domenico Russo ha dato all'avvocato Francesco Rizzo di Fare Verde sulla delicata questione del "Pontile ex Italpomice". La risposta ha spinto il consigliere comunale Pietro Lo Cascio a presentare sull'argomento una interrogazione al sindaco di Lipari. Ripubblichiamo la nota di Russo e a seguire l'interrogazione di Lo Cascio.
La nota di Russo
Oggetto: Pontile in ferro Italpomice in località Acquacalda di Lipari
A riscontro della nota prot. 4265 del 06.02.2009- scrive Russo- il sottoscritto informa di non avere competenza alcuna nell'argomento di cui trattasi le cui problematiche dovranno essere inoltrate all'Assessorato Territorio ed Ambiente(Sezione Demanio) nonché alla ditta propietaria della struttura in argomento.
L'interrogazione di Pietro Lo Cascio
Al Signor Sindaco del Comune di Lipari e p.c. al Signor Presidente del Consiglio Comunale di Lipari
Oggetto: interrogazione sulla situazione del pontile Italpomice di Acquacalda.
Gentile Signor Sindaco,
ho appreso dalla stampa la risposta del Dirigente del IV Settore del Comune di Lipari, Dr. Domenico Russo, a una nota inviata dal responsabile provinciale dell’Associazione Fare Verde, Avv. Francesco Rizzo, relativa alla rimozione di ciò che resta del pontile in ferro Italpomice ad Acquacalda; il dirigente afferma che le competenze non sono del Comune, bensì dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente e della ditta proprietaria della struttura.
Da ormai quattro mesi, il pontile rappresenta un pericolo che incombe sulla spiaggia e sul tratto di mare antistante, e l’Ufficio Circondariale di Lipari ha provveduto a emettere una ordinanza di divieto di transito e sosta nei suoi paraggi. La situazione venutasi a creare dopo il crollo rende impraticabile la parte più ampia e accessibile della spiaggia di Acquacalda, penalizzando diversi esercizi commerciali che – di fatto – vivono grazie all’afflusso turistico di una sempre più breve stagione balneare, come del resto l’intera frazione, e si aggiunge alla lunga lista dei problemi che hanno investito Acquacalda durante gli ultimi mesi. La stagione turistica è ormai alle porte e questi cittadini aspettano risposte precise e interventi concreti, ma le affermazioni del dirigente – tecnicamente inappuntabili – gettano una luce tetra sulle prospettive di una soluzione della vicenda, almeno a medio termine, visto che il “breve” è ormai alle nostre spalle.
Per questa ragione, La interrogo per conoscere
se e con quali atti e/o informative Lei ha trasmesso comunicazione all’Assessorato regionale Territorio e Ambiente e/o alla società proprietaria relativamente alla situazione che si è venuta a determinare a seguito del crollo del pontile;
se analoghe comunicazioni, e quali, sono state trasmesse dagli uffici del IV settore agli stessi destinatari;
se ed eventualmente quali risposte sono state fornite al Comune di Lipari dall’Assessorato e dalla società proprietaria, in particolare riguardo ai tempi e alle modalità di intervento per la rimozione;
quali misure intende assumere per fronteggiare questa emergenza e i danni economici che certamente subiranno gli esercizi commerciali della zona, nel caso che lo stato di abbandono del pontile e delle aree limitrofe dovesse perdurare per la mancata rimozione dello stesso.
Certo di un Suo cortese e pronto riscontro alla presente interrogazione, La ringrazio anticipatamente per la risposta scritta che vorrà darmi; onde alleviarLe tale compito, tuttavia, mi dichiaro sin d’ora disponibile ad ottenere una risposta verbale nel corso del prossimo consiglio comunale, che si terrà il giorno 30 c.m. nella frazione di Acquacalda.
Distinti saluti
Pietro Lo Cascio
consigliere comunale di Sinistra Democratica
gruppo consiliare “Eolie nel Cuore”

Incidente nel primo pomeriggio a Bagnamare

Un incidente si è verificato nel primo pomeriggio lungo la provinciale 181 all'altezza dei lavori in corso a Bagnamare. Coinvolti tre mezzi che viaggiavano in direzione Lipari. I mezzi, una Renault Twingo, una Fiat Panda ed un furgoncino, sono stati oggetto di un tamponamento a catena. Probabilmente il primo della fila ha frenato e gli altri gli sono finiti addosso. Ad avere la peggio una donna, che ha battuto la testa, riportando un sospetto trauma cranico con forti dolori alla schiena. E' stata trasferita in ospedale con l’ambulanza del 118.
Sul posto sono intervenuti gli ispettori della Polizia Municipale Martella e De Pasquale

L'associazione "Per Canneto" si occuperà delle aiuole e del verde pubblico

Interventi di sistemazione verde pubblico ed aiuole a Canneto è l'oggetto della lettera inviata dall'Associazione Per Canneto al Signor Sindaco del Comune di Lipari, al Signor Assessore all’arredo urbano e verde pubblico del Comune di Lipari, al Dirigente del 4° Settore e Comandante del Corpo di Polizia Municipale del Comune di Lipari e al Dirigente del 3° Settore del Comune di Lipari. IL TESTO:
Considerato che le palme piantumate lungo il marciapiede antistante la Piazza di San Cristoforo e le aiuole site lungo la Marina Garibaldi nella zona dal bar Miramare a Calandra necessitano di interventi di potatura, sistemazione e pulizia, è intenzione di questa Associazione, giorno 29 Marzo 2009 (Domenica), con l’ausilio di cittadini volontari, effettuare gli interventi del caso, per il decoro del paese.-
Per tale operazione chiediamo a codesto Ente di voler fornire un supporto con personale tecnico ed anche un supporto logistico, onde assistere, per gli interventi in questione, L’Associazione ed i volontari che daranno la propria disponibilità.-
E’ auspicabile, visto anche lo stato di abbandono dei luoghi, che l’iniziativa venga accolta favorevolmente e che venga altresì fornita l’assistenza richiesta.-
Nell’attesa di un Vs tempestivo riscontro, ringraziamo e porgiamo distinti saluti.-
Associazione “Per Canneto”
Il Presidente
Antonino Giardina

Arcipelago praticamente isolato. Fa discutere la decisione della Siremar di non partire ieri sera da Milazzo.

Arcipelago eoliano praticamente isolato quest'oggi per via del vento che soffia da nord-ovest e che ha ingrossato il mare. ancora isolate. Mezzi saldamente ormeggiati a Milazzo, almeno per il momento. Un aliscafo della Siremar è invece riparato a Porto Pignataro. L'unico mezzo che sta viaggiando e che da pochi minuti è approdata a Lipari (vedi foto) è la "Laurana" della Siremar che ieri sera è partita da Napoli diretta verso l'arcipelago e che tra poco proseguirà alla volta di Milazzo.
Intanto fa ancora discutere ed è oggetto di rimostranze la decisione adottata dalla Siremar di non fare partire ieri sera alle 18 e 30 la nave veloce "Isola di Stromboli" alla volta dell'arcipelago. Decisione che ha creato forti disagi a circa centocinquanta eoliani, tra cui ottanta ragazzi tra i 14 e i quindici anni dell'ITC "Conti", rimasti bloccati per diverse ore nel porto mamertino e riportati a casa dal traghetto della NGI, partito dalla città del Capo intorno alle 21 e che ha raggiunto senza alcun problema particolare-così come evidenziato da coloro che si trovavano a bordo- Vulcano e Lipari. Tra l'altro i ragazzi che sono rimasti sul porto ad attendere la partenza sono stati rifocillati a spese della stessa NGI

Santo Mariano di PIERO ROUX

I "ruderi d'oro" eoliani Primi sequestri della Guardia di finanza. Due troller di documenti scottanti

(Peppe Paino-Gazzetta del sud) La pubblica denuncia del maggio scorso del consigliere comunale d'opposizione, Adolfo Sabatini, sulla razzia di terreni e ruderi in alcune isole delle Eolie, ai danni degli emigrati ha fatto scattare, su disposizione del pm Olindo Canali, della procura della Repubblica di Barcellona, l'intervento della fiamme gialle.
L'operazione è coperta dal massimo riserbo. Comunque, secondo alcune indiscrezioni, gli uomini della Guardia di Finanza di Milazzo, al comando del capitano Danilo Persano si sono presentati ieri mattina intorno alle 8 in un appartamento di via Cesare Battisti a Messina, preso in affitto da T.S. un sessantenne originario delle Eolie che, dopo una vita passata in Australia, è tornato a vivere nella sua terra. Dopo una mattinata di verifiche preliminari, i finanzieri hanno lasciato l'abitazione verso le 13. Avrebbero sequestrato e portato via il contenuto di due trolley. Pare in prevalenza documenti vari, tra denunce di successione, procure e visure catastali. Da oggi le indagini si spostano nelle Eolie e si preannunciano clamorosi sviluppi.
Nella denuncia di Sabatini, come si ricorderà, era stato evidenunziato che «molti emigrati si sono visti privare dei loro beni da alcuni personaggi i quali dichiarano davanti ad un notaio di aver posseduto quello stesso bene per molti anni e che lo rivendono ad amici o turisti compiacenti, all'insaputa dei legittimi proprietari». Ed ancora, il consigliere, geometra Sabatini (Civica Nuovo Giorno) professione, aveva rimarcato una vera e propria "stranezza": «Com'è possibile che due o tre personaggi possano aver dichiarato in questi anni di aver avuto l'uso di centinaia di terreni e decine di fabbricati, di averli coltivati e mantenuti indisturbatamente. Il tutto tra l'indifferenza dell'Ordine dei notai, del catasto di Messina e dell'ufficio successioni di Roma».
Ma i finanzieri di Milazzo oggi torneranno alle Eolie anche per altro. Nel mirino le aree artigianali di Canneto Dentro a Lipari, ancora nel nulla di fatto dopo anni di parole e il rilascio di alcune concessioni.

martedì 24 marzo 2009

La solita NGI....per fortuna

Più di centocinquanta eoliani bloccati a Milazzo e tra questi una ottantina di giovanissimi studenti(14 e 15 anni) del "Conti" e, come al solito, a riportarli a casa ci sta pensando la "solita" (per fortuna) NGI.
Siremar e Ustica Lines, infatti, hanno ritenuto nel tardo pomeriggio di non dover lasciare l'ormeggio di Milazzo giustificando la mancata partenza con le avverse condizioni meteomarine. Di lasciare l'ormeggio non s'è l'è sentita anche la nave "Isola di Stromboli" della Siremar.
Certo il giudizio dei comandanti è insindacabile, però ci sorge spontanea una riflessione che poi è anche un interrogativo: visto che l'annunciata tempesta tardava ad arrivare non si sarebbe potuta fare la traversata alle diciotto o alle diciotto e trenta e magari fare poi ritorno a Milazzo per porsi in sicurezza?
Al momento e sono le ventuno e venticinque, e a Lipari si può approdare tranquillamente. Problemi di navigazione? .... ma allora quelli della NGI sono dei pazzi!!
Sarà che noi ricordiamo i comandanti di un tempo che, con spirito di sacrificio, affrontavano con mezzi meno stabilizzati di quelli odierni il mare in tempesta per riportare la gente a casa, ma quando accaduto oggi ci sembra assurdo.
Per fortuna esistono l'NGI e responsabili imprenditori eoliani... che non solo stanno portando a casa gli eoliani ma, come ci segnala uno degli studenti che si trova a bordo, si sono attivati per rifocillare gratuitamente con della pizza i nostri ragazzi .
Se la memoria non ci inganna ci sembra che , tempo fà, su un altro mezzo (ci sembra Siremar) non sia accaduta la stessa cosa per degli studenti che non erano potuti sbarcare a Salina ed erano stati trasportati sino a Filicudi-Alicudi
NB) Da evidenziare che tutti coloro che sono sbarcati a Lipari dal mezzo della NGI(giovani studenti compresi) hanno affermato di aver fatto un viaggio tutto sommato tranquillo e che le condizioni del mare non erano certo proibitive.
Ma questa è un'altra storia..o forse è sempre la stessa..cioè quella che ci si trincera dietro un asfittico bollettino meteo e non si guarda a ciò che è la realtà in campo....pardon in mare

Piero Roux illustra con una vignetta il "convegno autocelebrativo" e manda un invito al sindaco Bruno

Il reiterato disinteresse da parte dell'esecutivo liparese e regionale al futuro dei trasporti marittimi ha permesso la privatizzazione -in atto- della Tirrenia e della collegata Siremar.
Il sindaco Bruno è colpevole quanto il Ministro Matteoli (ieri AN ed oggi PDL) ed il leader massimo del suo partito: Berlusconi.
Abbiamo perso il servizio pubblico con il connesso diritto alla mobilità, allo studio, allo sviluppo socio economico ma in un convegno sul tema- vuoto di contenuti e di proposte- apprendiamo il raggiungimento di un grosso traguardo: la nomina del sindaco Bruno a Commissario straordinario all’emergenza” vulcanica e turistica siglato nientepopodimeno che dallo stesso Berlusconi.
Che il sindaco Bruno si erga- oggi- a paladino dei diritti negati agli eoliani, sembra tanto ad un escamotage per riacquistare la verginità perduta.
Gli chiederei di dimettersi a remissione del suo fallimento politico ma sò che - in genere- "i politici non sono coerenti e non tengono vergogna".
Dimostri di essere veramente dalla parte della sua gente rinnegando- almeno- la sua provenienza politica.
Piero Roux

No a nuove licenze per taxi nel comune di lIpari

(lipari biz) No a nuove licenze taxi. Lo ha reso noto l'amministrazione comunale che stamane ha incontrato i tassisti isolani, allarmati, da indiscrezioni su iniziative politiche avviate in tal senso presso la Provincia Regionale di Messina, ente che ha la competenza territoriale per la concessione delle autorizzazioni per l'esercizio dell'attività. " Siamo già oltre il numero consentito. Altre licenze ci metterebbero in un periodo di forte crisi in grossa difficoltà" hanno esclamato alcuni dei tassisti che hanno incontrato l'assessore Giannò. Discussa anche la possibilità di nuovi stalli.

Potrebbe essere finlandese l'uomo ritrovato impiccato a Lipari

Potrebbe essere un finlandese l'uomo ritrovato, la settimana scorsa, impiccato in un rudere di contrada San Nicola a Lipari. A questa ipotesi porterebbero le indagini esplicate dai carabinieri della locale stazione dell'Arma.
Accertamenti per arrivare all'identificazione dell'uomo, il cui decesso risale a circa tre mesi fa, sono in corso attraverso gli organismi internazionali di polizia.

Lo Schiavo chiede l'abolizione del sovrapprezzo "bunker"

Con una lettera inviata al Dipartimento regionale ai Trasporti il sindaco di Santa Marina Salina Massimo Lo Schiavo ha chiesto all'organismo regionale "di voler prendere in considerazione la possibilità di imporre alla ditta aggiudicatrice dell’appalto di collegamento da e per la Sicilia(USTICA LINES), l’abolizione del costo aggiuntivo del bunker, essendo questi costi già previsti dall’art. 8 del capitolato d’appalto, senza ulteriori aggravi per i cittadini delle Isole Eolie, nonché peri turisti che scelgono queste magnifiche terre per trascorrervi le proprie vacanze".

Circomare Lipari: Intensa attività in mare e a terra

Intensa attività negli ultimi giorni da parte degli uomini del Circomare Lipari, coordinati dal comandante Luca Politi e dal luogotenente Mario Guarnuto.
Sono stati effettuati numerosi controlli, in particolare a Lipari, Vulcano e Panarea, contro l'abusivismo demaniale, sulla filiera della pesca, circolazione, sosta e attività varie in ambito portuale. Sono stati eseguiti anche numerosi accertamenti in mare.
Sono stati denunciati due titolari di concessioni per abusivismo demaniale e una persona per violazione all'art. 1095 del codice della navigazione. Sono stati inoltre elevati 15 verbali amministrativi per sosta non autorizzata in ambito portuale, 2 verbali amministrativi per infrazione al codice del diporto, 1 verbale amministrativo per inosservanza di norme sulla sicurezza della navigazione e 1 verbale amministrativo al titolare di un supermercato di Lipari per inosservanza delle norme relative alla tracciabilità dei prodotti ittici. L'ammontare dei verbali è di euro 3.300. Sopralluoghi sono stati effettuati, unitamente ad organi tenici, al fine di verificare la stabilità dei pontili di Acquacalda e Porticello, nonchè accertare l'avanzamento dei lavori in corso nei tre approdi dell'isola di Vulcano. L'attività nei prossimi giorni interesserà anche le altre isole del'arcipelago.

Megna e Fonti (Il Faro) interrogazioni su bilancio e Corte dei Conti

Due interrogazioni sono state presentate dai consiglieri comunali Gesuele Fonti e Francesco Megna riguardano il bilancio e la Corte dei Conti. A seguire il testo integrale delle due iniziative:
INTERROGAZIONE N°1
SIGNOR SINDACO COMUNE DI LIPARI, ASSESSORE AL BILANCIO, PRESIDENTE CONSIGLIO COMUNE DI LIPARI, SEGRETARIO GENERALE e p.c. PRESIDENTE COLLEGIO REVISORI DEI CONTI Dott. Antonino Italiano, DIRIGENTE II° SETTORE
INTERROGAZIONE: Bilancio di Previsione anno 2009 e pluriennale 2009/2011;
CON RIFERIMENTO ai molteplici e reiterati solleciti del Dirigente del Settore Economia e Finanze, Dott. Francesco Subba di cui alle note, di pari oggetto
prot. n. 32364 del 10 Ottobre 2008;
prot. n. 36564 del 11 Novembre 2008:
prot.n. 40508 del 2 Dicembre 2008;
prot. n. 3644 del 3 Febbraio 2009;
prot. n. 54114 del 16 Febbraio 2009;
prot. n. 9247 del 17 Marzo 2009;
con le quali si sottolineava la mancata approvazione da parte degli organi competenti di una serie importante di allegati obbligatori al Bilancio di Previsione, né risultavano inoltrate dai servizi operativi e/o di supporto dell’Ente, le proposte di intervento e di stanziamento per la formazione dei Bilanci di cui in oggetto.
APPRESO che le carenze ripetutamente evidenziate dal Ragioniere Generale nelle predette note, non permetteranno l’approvazione del Bilancio di Previsione entro i termini di legge fissati per il 31 Marzo 2009 e che contestualmente veniva declinata dal Dirigente del Settore Finanze, ogni responsabilità derivante dalla mancata o ritardata approvazione del principale strumento di pianificazione e programmazione finanziaria dell’Ente.
Per le ragioni fin qui espresse
I SOTTOSCRITTI CONSIGLIERI COMUNALI
Francesco MEGNA e Gesuele FONTI
INTERROGANO le SS.LL. per conoscere
Quali sono le motivazioni per le quali, nonostante i ripetuti reiterati solleciti, addirittura dal mese di Ottobre 2008, non sia stato ancora approvato dalla Giunta Comunale, il Bilancio di Previsione 2009;
Quali le motivazioni e a quali soggetti sono ascrivibili eventuali responsabilità per il mancato inoltro delle proposte di intervento e di stanziamento, e per la mancata o ritardata redazione/approvazione degli atti propedeutici e degli allegati obbligatori al Bilancio di Previsione;
Quali sono gli indirizzi politici che l’Amministrazione Comunale intende formalizzare per far fronte allo scompenso entrate/spese pari ad Euro 300.000,00 circa, annunciato dal Ragioniere Generale con nota prot. n. 9247 del 17 Marzo 2009.
Si rappresenta inoltre che per la mancata approvazione del bilancio di previsione entro i termini di legge, il Comune di Lipari sarà ritenuto inadempiente e ciò comporterà inevitabilmente l’azione sostitutiva dell’Assessorato agli Enti Locali, con la nomina di un commissario ad acta ed il conseguente avvio delle procedure relative all’applicazione delle sanzioni.
Si resta in attesa di urgente riscontro alla presente interrogazione e si declina, sin d’ora, ogni responsabilità per eventuali ingiustificati ritardi, certamente non ascrivibili al Consiglio Comunale, che produrranno sanzioni ed ulteriori spese aggiuntive, per le quali si sollecita opportuna azione di responsabilità.
Con osservanza
Lipari lì 23/03/2009

INTERROGAZIONE N° 2
SIGNOR SINDACO COMUNE DI LIPARI, ASSESSORE al Contenzioso, ASSESSORE ai Servizi Idrici e Fognari, ASSESSORE al Bilancio, SEGRETARIO GENERALE, DIRIGENTE I° SETTORE
DIRIGENTE IV° SETTORE, PRESIDENTE CONSIGLIO COMUNE DI LIPARI e p.c. CORTE DEI CONTI Sez. di controllo per la Regione Siciliana, PRESIDENTE COLLEGIO REVISORI DEI CONTI Dott. Antonino Italiano, DIRIGENTE II° SETTORE
INTERROGAZIONE: Delibera di Consiglio Comunale n. 54/2008 in risposta ai rilievi della Corte dei Conti sez. Regionale;
Con l’Ordinanza n. 42/2008 della sezione Regionale della Corte dei Conti, la magistratura contabile aveva individuato una serie di criticità e violazioni a carico del Comune di Lipari ed aveva ordinato al Consiglio Comunale di adottare, entro 90 giorni, le “necessarie misure correttive”.
La Corte dei Conti aveva evidenziato:
la violazione delle regole in materia di patto di stabilità per l’anno 2006;
la presenza di debiti fuori bilancio per importi considerevoli nel triennio 2004/2006;
un considerevole volume di residui attivi al 31-12-2006 relativamente anche alle entrate correnti;
Il Consiglio Comunale riunitosi il 20 Ottobre 2008 per discutere della problematica e per fornire gli indirizzi politici all’Amministrazione Comunale, al fine di ottemperare alle richieste formulate dall’Organo di Controllo, deliberava precise iniziative per fronteggiare le anomalie individuate ed impegnava l’Amministrazione individuando le priorità di intervento.
Tra le altre cose, nello specifico, si dava mandato all’Amministrazione:
di fornire, unitamente all’Ufficio Contenzioso del Comune di Lipari, una dettagliata relazione sullo “stato del contenzioso” con valutazione evolutiva e prospettica, al fine delle consequenziali scelte programmatiche degli organi politici;
di individuare e rimuovere, con priorità assoluta, le disfunzioni e/o carenze degli uffici idrico e fognario, oggetto delle osservazione della Corte dei Conti, relazionando sulle ragioni che hanno determinato l’attuale stato di cose, tra cui la mancata fatturazione per diversi anni delle bollette del servizio idrico integrato.
di accertare, quantificare e recuperare i crediti vantati nei confronti dell’EAS per canoni fognari e di depurazione dei reflui;
Alla data odierna non è dato conoscere agli scriventi di atti e/o iniziative dell’Amministrazione, coerenti con il mandato della Deliberazione di Consiglio Comunale n. 54/2008, pertanto, i sottoscritti Consiglieri Comunali
Francesco MEGNA e Gesuele FONTI
interrogano le SS.LL. per conoscere
nel dettaglio, quali atti e “misure correttive”, sono stati posti in essere dall’Amministrazione e dagli Uffici competenti con riferimento al Deliberato del C.C. n. 54/2008, relativamente alle materie Contenzioso, debiti fuori bilancio per atti e/o sentenze esecutive, debiti per incarichi legali, Servizio Idrico e Fognario, accertamento e recupero crediti EAS per mancato riversamento del canone fognario e di depurazione.
Si sollecitano con estrema urgenza, la redazione e produzione degli atti consequenziali al predetto Deliberato, con particolare riferimento
alla relazione sullo “stato del contenzioso” con valutazione evolutiva e prospettica, in virtù della preoccupante mole di debiti fuori bilancio presenti e futuri, per lo più generati da Contenziosi e spese per incarichi legali, attraverso i quali si rischiano irreparabili dissesti nel Bilancio Comunale e si limitano concretamente le possibilità di intervento e programmazione sul territorio. A tal fine si rammenta che negli anni decorsi la Corte dei Conti aveva formalmente definito il metodo di affidamento degli incarichi del Comune di Lipari “foriero della produzione di debiti fuori bilancio”;
alla relazione sulle ragioni che hanno determinato le gravissime disfunzioni e/o carenze nella gestione del servizio idrico comunale, anche alla luce della futura gestione unitaria del servizio e degli attuali gravi ritardi negli adeguamenti regolamentari e nell’individuazione dei criteri gestionali..
Con osservanza
Lipari lì 23/03/2009
________________ ________________
Francesco MEGNA Gesuele FONTI

Brontola lo Stromboli Immediato divieto di accesso ai crateri

(Gianluca Giuffrè-Gazzetta del sud) Il sindaco di Lipari, Mariano Bruno, con apposita ordinanza, ha interdetto l'accesso ai crateri dello Stromboli in seguito all'intensificarsi dell'attività eruttiva del vulcano. Gli strumenti di monitoraggio hanno registrato anomalie e il vice capo Dipartimento della Protezione Civile - Area Tecnico Operativa -, prof. Bernardo De Bernardinis, ha informato il sindaco con una nota dell'Ufficio previsione, valutazione, prevenzione e mitigazione dei rischi naturali. De Bernardinis ha segnalato una situazione di forte criticità dell'attività dello Stromboli.
Sono state quindi subito sospese tutte le attività escursionistiche fino a nuove e comunicazioni del Dipartimento di Protezione civile.
Da ieri pomeriggio, per far rispettare l'ordinanza, sono stati istituiti posti di blocco dei carabinieri, lungo i sentieri d'accesso ai crateri. Il Dipartimento della Protezione civile ha comunque rassicurato abitanti e turisti che il divieto d'accesso ai crateri sommitali è a scopo precauzionale.
Numerosi gli escursionisti che ieri sera non hanno potuto scalare il vulcano, in particolare si tratta di gruppi organizzati di tedeschi e francesi. L'alternativa, per tutti, guide comprese, è stata di vedere le spettacolari eruzioni dall'osservatorio di Punta La Bronzo.
Un po' di preoccupazione si è registrata sul versante di Ginostra ( il più colpito dalle recenti esplosioni) dove dallo scorso novembre, a causa dei danni riportati in seguito a una mareggiata, è fuori uso il pontile.
"L'approdo non è efficiente e le luci notturne così come il faro sono guaste - ha affermato Riccardo Lo Schiavo, delegato dell'associazione Marevivo di Stromboli - come potrebbero mai essere evacuati gli abitanti di Ginostra in caso di emergenza ?"
Intanto, questa mattina, sull'isola, giungeranno vulcanologi ed esperti dell'Ingv per studiare meglio i fenomeni eruttivi del vulcano.