Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 7 luglio 2012

Caldo...ancora per lungo tempo...con picchi tra l'8 e il 9 luglio e tra il 13 e il 16

da meteoweb.eu
Sono sempre più preoccupanti le prospettive per i prossimi giorni in Sicilia: l’ondata di caldo Africano che sta iniziando in queste ore, e che inizierà a fare sul serio già da domani, domenica 8 luglio, durerà tantissimo, molto probabilmente per 10 giorni, fino al 17 luglio. E saranno giorni di fuoco, soprattutto nelle due vampate più intense, la prima appunto tra 8 e 9 luglio, domani e dopodomani, e poi la seconda tra 13 e 16 luglio, i giorni più caldi in cui si potranno raggiungere i +45°C nelle zone interne dell’isola, e localmente anche i +40°C nelle zone costiere. Non stiamo parlando di un’ondata di caldo eccezionale, nel senso che c’è stato di peggio negli ultimi decenni e molto probabilmente non si batteranno i record storici assoluti delle temperature più alte mai toccate in Sicilia, ma è comunque un’avvezione notevolissima per la sua intensità e soprattutto per la sua durata. 10 giorni di tale inferno Africano sono tantissimi, e le temperature potrebbero aumentare ancora di più proprio per la persistenza del caldo. E’ allarme per il rischio incendi e per la salute, soprattutto nei soggetti più esposti (anziani e bambini)

Le blatte eoliane si trasferiscono a Napoli ? A noi sembra solo fantasia o follia

UNA NOTIZIA RIPRESA DA DIVERSI GIORNALI E AGENZIE TITOLA:
LE BLATTE ARRIVATE A NAPOLI DALLE ISOLE EOLIE - La blatta rossa ha colto impreparati un po' tutti. Si tratta, infatti, di una novità importata da circa 4 o 5 anni con i traghetti che provengono dalle Eolie e che, per selezione naturale, ha soppiantato i vecchi e più fragili scarafaggi napoletani. Ed è proprio nella zona del porto che hanno cominciato la loro proliferazione mentre solo negli ultimi tempi, attraverso la rete fognaria, sono arrivate anche nelle zone collinari. Il fatto che vivono, si cibano e proliferano nelle fogne le rende pericolose, aumenta, infatti, il rischio di infezioni e malattie, cosiddette orofecali, anche con conseguenze gravi. Intanto le soluzioni fai da te all'invasione di blatte dilagano in città, dalle ampie spruzzate di disinfettante al nastro adesivo e ai cartoni per tappare i tombini.
Nota Del Direttore - Al di là del fatto che attribuire l'invasione di blatte a Napoli alle Eolie e ai traghetti che svolgono tali collegamenti ci sembra pura "follia" o se preferite pura "fantasia" vogliamo riportare una dichiarazione rilasciata a Napoli today dalNapoli, emergenza blatte rosse: pericolo malattie epatite A e tifo
la docente di Igiene dell'Università Federico II, Maria Triassi. Dichiarazione che, almeno a noi, riporta alla memoria le montagne di rifiuti che, sino a qualche tempo fa, ricoprivano Napoli e non per la prima volta.




Napoli, emergenza blatte rosse: pericolo malattie epatite A e tifo
"Le accortezze da adottare - dice la Triassi - sono invece semplicemente due: ora, per tamponare il problema, bisogna procedere con le disinfestazioni. Poi bisogna mantenere pulite le strade dai rifiuti, spazzare e fare frequenti lavaggi, e scongiurare assolutamente una nuova emergenza che in questo momento sarebbe tragica. E, infine, bisogna liberare le grate dei tombini perché è la mancanza di ossigeno nelle fogne che fa uscire all'esterno questi animali. A settembre, poi, bisogna procedere con una disinfestazione massiccia e a tappeto in modo da eliminare le uova di questi animali che depositano sul fondo dei tombini".
 

Sindacati pensionati chiedono confronto serio sui temi sociali


I sindacati dei pensionati SPI Cgil, FNP Cisl e UILP Uil nella riunione del giorno 6 luglio presso la ex chiesa di Santa Maria Alemanna, chiedono agli Enti locali della provincia di Messina, di aprire un confronto serio sui temi sociali come le imposte, le tariffe dei servizi, ma anche la loro qualità, l’equità fiscale ed il recupero di risorse, con un vero e proprio patto contro l’evasione e l’elusione fiscale.
Al centro dell'iniziativa, la richiesta di confronti preventivi la stesura dei Bilanci di Previsione 2012. La contrattazione sociale resta uno strumento essenziale per la tutela del reddito dei pensionati: Sulle aliquote IRPEF (aumentate dallo 0,4% allo 0,8% in  quasi tutte la regioni <<la Regione Sicilia ha un’addizionale dell’1,23%>>), occorre inserire elementi di progressività, specie per le pensioni più (che sono la stragrande maggioranza).
Per quanto riguarda la tassa sulla casa (IMU), si chiederanno ai comuni possibilità di esenzione, o, almeno, di riduzione all’aliquota minima, per i meno abbienti.
Nella piattaforma programmatica per le prossime vertenze autunnali, particolare attenzione è stata rivolta alle questioni riguardanti gli anziani soli (ora alle prese anche con il terribile problema del caldo torrido), alle persone portatrici di handicap e quelle non autosufficienti (per dirla con Locorotondo: “una tragedia immane per loro stessi e le rispettive famiglie!”).
Il punto nodale resta l’insufficiente qualità e quantità del funzionamento dei distretti socio sanitari. La legge 328 del 2000, che doveva servire proprio a garantire la sinergia e l’integrazione dei servizi socio-sanitari, legge mai recepita e male applicata dalla Regione Sicilia, non ha potuto esplicare i suoi effetti. Il risultato è stato che i piani di zona hanno approvato progetti fotocopia, che hanno dato la netta impressione di essere stati utili a chi li ha presentati (sempre i soliti), piuttosto che alle persone veramente bisognose!
Da ultimo, l’assemblea ha espresso tutta la propria costernazione e lo sdegno, dopo avere appreso che il Distretto Socio Sanitario D26 (quello di Messina, comune capofila ed altri 13 comuni, da Alì a Villafranca Tirrena), non ha attivato le procedure che gli avrebbero consentito di far decollare il piano di zona 2010-2012. Ora, al danno si aggiunge la beffa: queste risorse rischiano di essere nuovamente introitate dalla Regione e destinate ai Comuni più virtuosi!

Pino Insegno si sposa a Lipari. In anteprima su Eolienews le foto

Come già da noi anticipato si sono uniti in matrimonio stamani a Lipari, davanti al sindaco Marco Giorgianni, l'attore e doppiatore Pino Insegno e l'attrice Alessia Cacciotti-Navarro.
Grazie ad Alessandro Mollica vi proponiamo due momenti della cerimonia, svoltasi per pochi intimi nel salone di rappresentanza del comune.
 Testimoni:  Marco Guadagno, Osvaldo De Santis della 20th Century Fox e Filippo Timi . Si è trattata di una cerimonia sobria, con pochi invitati, tenutasi nel salone di rappresentanza del comune. Sposi, testimoni ed invitati erano vestiti in modo molto casual. Insegno indossava un jeans, una maglietta verde con foulard al collo. La sua compagna un jeans e una maglietta grigia.
Pino e Alessia hanno raggiunto piazza Mazzini sul taxi di Gianfranco Corrieri.

Lipari. Come anticipato c'è anche Gerry Scotti

Come vi avevamo già anticipato ieri, a Lipari si trova in vacanza anche il noto presentatore e personaggio di Canale 5.
Nella foto (1) è con Carmelo Sparacino mentre si trovava a transitare  lungo il Corso V.E. diretto verso il ristorante Filippino dove ieri sera ha poi cenato.
Nella foto (2) è con Alessia Rubino e Samantha Stramandino

Riunione per dare vita al comitato per i festeggiamenti di San Bartolo

L'ASSESSORE ALLO SPORT SPETTACOLO E TURISMO FEDERICA MASIN,
invita per
LUNEDI' 9 LUGLIO ore 16.00 al COMUNE di LIPARI (Piazza MAZZINI), tutti gli operatori di MARINA CORTA,
VIA GARIBALDI, VIA MAUROLICO, VIA ROMA e delle zone limitrofe e di chiunque sia interessato a collaborare per la realizzazione di un comitato per l'organizzazione dei festeggiamenti del SANTO PATRONO SAN BARTOLOMEO.
La riunione, che servirà per concordare una serie di azioni per la promozione turistica di MARINA CORTA e delle zone limitrofe, anche attraverso l'organizzazione di piccoli eventi musicali, darà spazio a idee e servirà a mettere le basi per riportare MARINA CORTA, volano importantissimo per la valorizzazione, la promozione del territorio e la creazione di nuova occupazione, nuovamente al centro della scena turistica delle isole eolie.
Compatibilmente con impegni istituzionali imprevisti, hanno dato disponibilità a parteciparvi, il Sindaco MARCO GIORGIANNI e gli Assessori tutti.
CORDIALI SALUTI
NINO e DANIELE ORIFICI

TRASPORTI: VECCHIO, CONTRATTI ONEROSI E INADATTI A RICHIESTE UTENZA

Palermo, 7 luglio 2012 (SICILIAE) - "Gli attuali contratti che la Regione ha stipulato per il trasporto su gomma e per quello via mare sono assi onerosi e, spesso, non tengono conto delle esigenze dell'utenza. In vista della loro naturale scadenza e' necessario ripensarli proprio tenendo conto dei reali bisogni ed e' per questo che ho intenzione di coinvolgere docenti e studiosi delle Universita' di Palermo, Catania e Messina che si occupano di mobilita'. Ne metteremo a frutto l'esperienza e le analisi e, visti i tempi, chiederemo loro di offrire un contribuito gratuito".
Lo ha detto l'assessore regionale ai Trasporti e alla Mobilita', Andrea Vecchio, che a Palermo ha moderato un seminario sulle prospettive di sviluppo dei sistemi di trasporto collettivo.
"Anche per le infrastrutture - ha aggiunto - si sono operate, a volte, scelte che non hanno minimamente tenuto in considerazione carenze e domanda. Un metodo scellerato che in Sicilia ha prodotto inefficienze ed oltre 250 incompiute. E' il momento di mettere da parte le convenienze della politica e, anche se dal punto di vista amministrativo sento di essere come un malato terminale, mi battero' fino all'ultimo giorno perche' si possa voltare pagina" .

Insegno e Cacciotti (Navarro). Sposi a Lipari.

Matrimonio vip stamani, intorno alle 12 e 30, al comune di Lipari. Il sindaco Marco Giorgianni ha unito in matrimonio, con rito civile, Pino Insegno (53 anni) e Alessia Cacciotti (Navarro (29 anni)
Testimoni:  Marco Guadagno, Osvaldo De Santis e Filippo Timi .
Si è trattata di una cerimonia sobria, con pochi invitati, tenutasi nella stanza di rappresentanza del comune. A conclusione un rinfresco è stato offerto dall'amministrazione nella stanza del sindaco Marco Giorgianni.
I due sposi sono giunti a piazza Mazzini con il taxi di Gianfranco Corrieri.
Impossibile avvicinare gli sposi o "penetrare" nella sala di rappresentanza a noi di Eolienews la "consolazione" di dare per primi la notizia
Come si ricorderà Pino Insegno è stato il marito di Roberta Lanfranchi dalla quale ha avuto due figli

REFERENDUM abrogativo parziale sulla legge per le indennità parlamentari. Si può firmare entro il 30 LUGLIO 2012

(di Paola Centorrino) Alzi la mano chi sapeva che presso 
i Comuni è possibile firmare per un Referendum abrogativo 
parziale sulla legge per le indennità parlamentari 
(Art.2 L. 31/10/1965, n. 1261).
Ben pochi, credo.
Si tratta di un referendum, si, l'ennesimo referendum che 
però ha un fine più che nobile: il taglio degli stipendi 
della casta politica.
La raccolta firme si concluderà il 30 luglio 2012 (termine 
per la presentazione al Comitato promotore 31/07/2012).
Cosa occorre fare? Nulla di più semplice: recarsi presso 
il proprio Comune ed andare a firmare.
Provate però a domandarvi come mai questa notizia non è 
passata sui giornali.
Non è che per caso c'è un forte connubio tra i finanziamenti 
elargiti alla carta stampata e la casta politica? Meditate 
gente.
Intanto, con qualsiasi mezzo, DIFFONDETE LA NOTIZA!!!!!
Voglio proprio vedere se anche stavolta la passano liscia.
E poi dopo fate un salto in Comune.
Ci vogliono 500.000 firme altrimenti avremo perso l'ennesima 
buona occasione per dare un duro colpo alla casta.
Ma attenzione, la notizia è poco nota e quindi dovete 
DIFFONDERLA!!!!

Il “Centro Studi eoliano” presenta la raccolta di scritti di Curzio Malaparte curata dallo storico eoliano Giuseppe La Greca.


“Sbarcai anch’io, come l’eroe dell’Odissea, sulla nera riva di Marina Corta, quasi sugli scalini della chiesa del Purgatorio, costruita su uno scoglio alla estremità del piccolo molo, ai piedi dell’alta rupe a picco della rocca d’Eolo”. Curzio Malaparte trascorre al confino di Lipari circa sette mesi dal 30 novembre 1933 fino alla fine di giugno del 1934. Mesi in cui lo scrittore, privato della libertà, impara a osservare la natura delle isole Eolie e scrive. Non un diario del suo soggiorno ma prose, poesie, racconti, lettere ai familiari che Giuseppe La Greca raccoglie nel volume “Curzio Malaparte alle isole Eolie. Vita al confino, amori e opere” edito dal Centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani.

Malaparte viene arrestato il 7 ottobre 1933 e condotto nel carcere romano di Regina Coeli con l’accusa di “attività antifascista all’estero”. Accusa poi trasformata in “calunnia e diffamazione di un ministro in carica”, poiché il giornalista pratese aveva attaccato Italo Balbo in due lettere indirizzate al direttore del Corriere Padano. Il tribunale lo condannerà, nel novembre dello stesso anno, al massimo della pena: 5 anni di confino a Lipari. La condanna sarà poi ridotta di molto. In soccorso di Malaparte, interverranno Galeazzo Ciano e lo stesso Mussolini che accetterà lo spostamento dell’intellettuale da Lipari, per motivi di salute, dopo pochi mesi. Malaparte sarà, quindi, trasferito prima a Ischia e nell’ottobre del 1934 nella sua amata Toscana, a Forte dei Marmi.  Il proscioglimento totale arriverà nel giugno del 1935.

Curzio Malaparte approda a Lipari accompagnato da due agenti in borghese e dalla madre. La sua residenza sarà una casa affacciata sul porto di Marina Corta, lungo la salita San Giuseppe.
La costrizione forzata è per lo scrittore inizialmente intollerabile. “Troppo mare, troppo cielo, per un’isola così piccola e per uno spirito così inquieto”, scrive Malaparte al fratello Sandro nel gennaio del 1934. L’intellettuale non riesce ad accettare l’idea di risiedere su un’isola così lontana dal proprio mondo, privato della libertà di vita e di pensiero, senza possibilità di contatti e confronti.
Lentamente, però, il vivere a Lipari diventa per Malaparte l’occasione per osservare la classicità greca dell’isola e per apprezzare la gente isolana: “A parte la solitudine e la naturale malinconia, dovuta alla stagione, al mare, all’eterno vento eolio e al ricordo del tempo passato, io sto sereno e non mi sono mai sentito così in armonia con me stesso.” Lo scrittore impara ad ammirare i tramonti da Chiesa Vecchia, la baia di Marina Corta, il rumore delle onde e i panorami che può vedere durante le passeggiate per l’isola. “I giorni si allungavano, i tramonti s’erano fatti rosei e trasparenti, una brezza verde trascorreva sul mare, i primi mandorli in fiore s’alzavano come nuvole dal ciglio delle colline”.
A Lipari, l’intellettuale prova a capire cosa significa isola. Malaparte, grande ammiratore dell’Inghilterra e degli inglesi, racconta nell’opera “L’inglese in Paradiso” come la permanenza a Lipari gli abbia permesso di conoscere e penetrare la natura degli isolani: “Seduto sulla riva deserta, in mezzo a tre vulcani incoronati di fumo e di fiamme, io ringrazio Dio di aver fatto di me, da quel perfetto continentale che ero, un uomo assai più insulare, cioè assai più libero, di qualunque inglese”.

Nei mesi di confino a Lipari, Malaparte continua, comunque, a soffrire la solitudine che neanche le visite di Flaminia riescono a mitigare. Sull’isola, il suo “solo e incomparabile amico” è Febo, un cane che lo scrittore salva dalla vita randagia e che poi lascerà l’isola con lui.  A Febo, Malaparte dedica diverse pagine e il cane sembra essere l’unico in grado di comprendere il difficile momento che attraversa. “Se io non fossi un uomo, e non fossi quell’uomo che sono io, vorrei essere un cane, per assomigliare a Febo. Vorrei essere un cane come lui.”

Difficile è per lo scrittore svolgere durante il confino la sua attività di giornalista. La posizione assunta dal regime lo condanna anche all’isolamento intellettuale. Soltanto l’intervento di Aldo Borelli, direttore del Corriere della Sera e legato da amicizia alla famiglia Malaparte, consentirà la pubblicazione di alcuni elzeviri anche se a firma “Candido”. 

Dopo il 1934 Malaparte non tornerà più sull’isola. Lipari la saluterà da lontano solo vent’anni dopo, durante un viaggio in nave da Napoli verso la Grecia.

Il libro “Curzio Malaparte alle isole Eolie. Vita al confino, amori e opere”, con Presentazione di Piergaetano Marchetti e con Prefazione di Gian Antonio Stella, è già disponibile in molte librerie italiane. Il volume sarà presentato a Lipari e nelle altre isole nel corso della manifestazione “Un mare di cinema” e durante i “Pomeriggi Culturali” del Centro Studi nei mesi di luglio e agosto.

Lipari, 7 luglio 2012

U vecchiu e u computer! di Giovanni Giardina 07-07-2012-


Ormai  l’anzianu  ‘un’e’ cunsidiratu,
‘un’e’  cchiu’  degnu  d’essiri  ascutatu
finu’ quannu  u   piru,  dava i so  frutti,
ora c’on servi cchiu’…cu  si  nni  futti !

Si senti  sulu, cu e’ con’ebbi figghi,
cumu na porta, priva di  manigghi
chiddu ca  invesci fu,cchiu’ furtunatu
malidisci  puru u juornu  quannu e’ natu.

Oggi i figghi ,’un’hannu cchiu’ cuscenza,
‘un sannu cchiu’ chi e’ a  riconoscenza,
si  sentunu  ranni, pirchi’ missiru i pinni,
m’ancora a quarant’anni, vonnu i minni !
.
Pi  curpa di  tutti chisti  marchingegni,
si  fisciru  sucari  tutti  i meningi.
pi l’arti  di na vota  provanu  sdegnu
ormai, ‘un sunnu cchiu’ fonti i uadagnu!

U  munnu  ormai  e’ tuttu computerizzatu,
u viecchiu  si senti  cumu  on disgraziatu,
ora c’avia  bisognu,cchiu’ d’attenzioni
e’ sulu  tinutu  p’amuri  da pinsioni !

Navigati giuvintu’, curriti  forti !
Curriti  senza meta e senza sorti !
Ora  vi  fisciru  tutti  st’artifisci
e da buttana  d’iddi e cu li fisci.

Processi, cunnanni, politica,informazioni,notizie, elezioni,
Si  fannu  tutti :  pi  televisioni,
 
Programmi,dibattiti,,denunci,reclami,condoglianze,
 pagamenti, baci,abbracci , auguri, prenotazioni,
Si fannu  tutti  pi  via di st‘invenzioni:
( Skype, facebook, email,google, you tube, )

E u viecchiu  c’avi a fari, si po’ ammazzari ?
O puru,  a st’eta’, si po’ mettiri a studiari ?
Sicunnu  mi,  u  sangu  po’  jttari,!
S’ancora  cacchi  annu  voli campari !.

Ma  cumu , ‘un  l’hannu  dittu  sempri  i viecchi:?
“Ca  a  veccchia  avi’a  cent’anni  e  ancora  ‘mparava? “
Si ! :ma  e’ puru  veru , ca senza sti marchingegni, cchiossa’ campava!

U  vecchiu  perdi l’anni, ma no u guidiziu !
Quannu  si senti i dari: Na vasata,,na carizza,  n’abbrazzata,
na strinciuta i manu, na timpulata o na  sputazzata  n’faccia,
Vu  dicu ‘ncunfidenza:
Ca  prova cchiu’ piasciri……quannu  u fa i presenza !   

Federalberghi: continuano le umiliazioni sul versante collegamenti marittimi per le isole minori della Sicilia.

Esprimiamo ancora un volta tutto il nostro disappunto e la nostra preoccupazione per il perdurare della situazione di incertezza che avvolge la questione dei tagli ai collegamenti marittimi integrativi a servizio delle isole minori della Sicilia, dichiara il presidente di Federalberghi Isole Minori, Christian Del Bono.
Quasi un anno fa avevamo lanciato l’allarme per i pericoli connessi all’approvazione della delibera 207 del 5 agosto 2011 on la quale la Giunta Regionale impegnava le amministrazioni regionali ad avvalersi, nei contratti di fornitura di beni e servizi dell’istituto della riduzione del quinto d’obbligo. Per un anno intero abbiamo chiesto chiarimenti al governo regionale senza che questi potessero trovare alcun riscontro per poi trovarci improvvisamente, all’inizio della stagione turistica, nel bel mezzo dello scarica barile tra gli assessorati economia e finanze e quello ai trasporti, al quale facevano da contorno le sterili riunioni delle commissioni interessate. Oltre al taglio del quinto d’obbligo abbiamo assistito all’incapacità da parte della regione di reperire le somme necessarie per bandire le gare relative ai servizi in scadenza. Quest’anno è la volta delle Egadi di Pantelleria ed Ustica. L’anno prossimo sarà quella delle Eolie.
La Regione Siciliana abbia, una volta per tutte, il coraggio di dichiarare che ha deciso di isolare le piccole isole della Sicilia ricondannandole all’emigrazione. Diversamente, conclude Del Bono, dimostri serietà, impegnandosi a reperire le some necessarie per garantire una programmazione adeguata dei collegamenti marittimi.

Le problematiche della guardia medica di Panarea in una nota della locale circoscrizione


In riferimento al "travagliato" pronto soccorso dell'altra sera a Panarea allego questo documento che descrive la situazione della Guardia medica dopo i tagli del 16 dicembre scorso.
La Circoscrizione di Panarea invia a voi, sedi dell'informazione locale, questo scritto affichè venga pubblicato con il maggior risalto possibile anche se è possibile nelle testate dei giornali nazionali.
Vi ringrazio per la cortese attenzione.
Mirella Masi
La circoscrizione di Panarea


PROBLEMATICHE GUARDIA MEDICA PANAREA

Sembra ormai chiaro: i pochi ammalati delle isole eolie che avranno la fortuna di usufruire dell’assistenza di due medici saranno solo quelli che azzeccheranno l’orario giusto.
Nell’ottica del risparmio, che sembra essere l’unica priorità dell’ASP 5, sebbene essa sia preposta a garantire ben altro, la mannaia dei tagli si abbatte non solo sul raddoppio dei medici in servizio presso le guardie mediche, ma anche sul progetto EOLIENET, sino a qualche mese fa considerato fiore all’occhiello della sanità siciliana.
Il progetto, fino al 16 dicembre 2011, ha permesso, tramite l’ausilio di mezzi telematici, di eseguire sul posto una moltitudine di esami (elettrocardiogramma, prelievo ematico per gli enzimi cardiaci, chimica clinica, ionemia, emocromo, esame urine) consentendo diagnosi tempestive ed evitando impropri utilizzi dell’elicottero del 118, ma soprattutto ha permesso di trattare efficacemente sul posto i residenti e i tanti turisti che nei mesi estivi affollano le Eolie. Sono stati ad esempio inviati pazienti con l’elisoccorso con ecg ed enzimi fatti da Alicudi a Panarea, con orgoglio dei sanitari e con una riduzione dei tempi d’intervento, al passo con la “golden hour”, l’ora d’oro prevista dal protocollo dell’ischemia cardiaca. Sono stati trattati nelle guardie mediche di Stromboli e Vulcano pazienti con fibrillazione atriale o pazienti per i quali, senza l’ausilio di macchinari che escludessero patologie più gravi, il ricovero sarebbe stato inevitabile. Per non parlare dell’intervento sanitario attuato a Filicudi, quando un paziente è stato prelevato dal 118 solo dopo 24 ore dalla richiesta, per l’impossibilità dell’elicottero di atterrare, causa avverse condizioni meteo.
Tutte queste realtà, sorprendentemente al passo con i tempi in un sud notoriamente arretrato dal punto di vista tecnologico e spesso agli onori delle cronache per casi di malasanità, invece di essere incentivate con finanziamenti mirati, vengono considerate sprechi economici da tagliare.
Dal 16 dicembre l’azienda sanitaria ha dimezzato il numero dei medici delle guardie mediche, medici sui quali la popolazione residente ha sempre contato, riponendovi fiducia al di là del loro ruolo, soprattutto nei giorni festivi, nelle notti, quando il mare in tempesta non consente ai medici di base di arrivare sulle isole anche per 4 – 5 giorni consecutivi (e vengono però pagati lo stesso) o quando la popolazione in estate aumenta in modo esponenziale fino a raggiungere un numero di quasi 20.000 persone, al giorno se consideriamo anche le barche presenti alle boe o in rada. E tutto questo grazie al Progetto Eolie Net, progetto che permette di trattare politrauma, ictus, coma, infarti, edema polmonari, e patologie che sulla terra ferma tratterebbe solo il 118; con un solo medico, non potrà funzionare: questi si troverà da solo a fare il medico, il portantino, l’infermiere, l’analista davanti al computer e dovrà anche occuparsi del trasporto dei pazienti all’elipista, facendo affidamento sui volontari e sul 118, perdendo tempo utilissimo per la salvezza del paziente.
L’azienda 5, invece, ha trovato una soluzione a dir poco incredibile: dal momento che alcuni medici sono in esubero, si raddoppieranno i medici presenti in guardia medica, ma solo per poche ore settimanali e sempre in orari diurni.  Ad esempio, il martedì potrebbero esserci due medici a Ginostra dalle 8,00 alle 16,00, ma dalle 16,00 in poi ce ne sarà uno solo sino al venerdì poi nuovamente due per altre sei ore. Per cui se ti viene un infarto il martedì entro le 16 , hai buone probabilità di sopravvivere altrimenti negli altri orari e fuori dal martedì troveresti un solo medico.
Dal 15 giugno, poi, i pazienti più fortunati saranno quelli che si ammalano dalle 8 alle 20, perché l’ASP ha deciso di raddoppiare i medici solo di giorno, e non di notte, come servizio di Guardia Medica Turistica; peccato che non ci siano aliscafi dopo le 20 cosicché i medici si troveranno sequestrati sull’isola e tenuti o a lavorare gratis o ad essere denunziati per omissione di soccorso. I turisti dunque sono tenuti a non ammalarsi di notte.
Nell’ottica di un ridimensionamento dell’ospedale di Lipari con gli elicotteri del 118, che fanno già avanti e indietro da un presidio ospedaliero all’altro, i quali ormai non garantiscono alcuna emergenza, la riduzione dei medici nelle isole minori porterà inevitabilmente ad un ulteriore incremento dell’utilizzo dell’eli-soccorso e dei costi.
Le Isole Eolie, patrimonio dell’Unesco e conosciute in tutto il mondo, sembrano non meritare di più. Sarà forse necessario dichiarare l’emergenza e chiedere aiuto ad associazioni come Emergency o a Medici Senza Frontiere, come un paese del terzo mondo? Non sarebbe forse meglio adottare una politica della lungimiranza e della prevenzione, piuttosto che quella del risparmio (si fa per dire) ad ogni costo?


La circoscrizione di Panarea

Mini-incendio a Lami

Un incendio di sterpaglie e rovi ha interessato stamani una minuscola area (circa 900 metri) sul costone limitrofo alla strada che porta a Lami.
Sul posto sono giunti  i vigili del fuoco (vedi foto) (caposquadra Lo Pinto) e la squadra antincendio della forestale.
Nessun problema per le abitazioni e i residenti nella zona.

Chiusura della sezione staccata del tribunale di Lipari. Pavone propone

Ho letto con estrema attenzione la nota preoccupante dell'avv. Ziino, sulla questione riguardante il Tribunale di Lipari, pare in fase di chiusura.
Come cittadino eoliano e dirigente sindacale(Anief) ritengo doveroso proporre quanto segue:”In questo momento di grande confusione,di grande crisi economica-sociale dovuta all’imminenza di possibili tagli per la Giustizia,Sanità,Istruzione è necessario con la massima urgenza istituire una delegazione,tra i vari Comuni presenti nel nostro comprensorio Isole Eolie composto di: Sindaci,Assessori,Dirigenti,OO.SS. autorizzati per discutere il da farsi per evitare altri disagi che andrebbero a colpire tutta la nostra comunità eoliana.
Queste delegazioni avrebbero in compito di stipulare un documento unitario da discutere direttamente alla massina fonte istituzionale governativa attraverso l’indizione di un tavolo di concertazione presso i vari Ministeri .I tagli previsti dalla spending review p.v. nella Pubblica Amministrazione avranno una ricaduta devastante se non saranno presi seri provvedimenti e corretti.
Noi in modo particolare,che viviamo in zone disagiate,in questo momento particolare, non siamo in grado di poter affrontare, giornalmente,queste misure indette dal Governo Nazionale. Tagliare i servizi essenziali, diminuire gli organici,creare altri disservizi non è un risultato positivo solo con l’obiettivo di fare cassa . Occorre, come ha detto bene l'Avv. Ziino responsabilità da parte di tutti, al fine di evitare altri disagi, costi elevati alle famiglie che saranno costrette a spostarsi per avere riconosciuto i propri diritti sanciti dalla nostra Costituzione.
Lipari 06/07/2012.                                   
Cordiali saluti.
Ins. Bartolo Pavone

Accadde lo scorso anno

Articolo pubblicato lo scorso anno, nello stesso giorno

Autorizzazioni per il suolo pubblico e disparità di trattamento. L'interrogazione di Giovanni Sardella

AL SIG. SINDACO DEL COMUNE
LIPARI

Oggetto: Interrogazione urgente
 Avendo appreso della lettera pubblica a firma dell’Avv.to Rosario Venuto con la quale evidenzia delle irregolarità nel rilascio delle Autorizzazioni di Suolo Pubblico e “disparità di trattamento” il sottoscritto invita la S.S. a disporre un’inchiesta amministrativa al fine di accertare:
 1) se tutte le nuove  autorizzazioni di suolo pubblico (stagionali e permanenti) per le attività di somministrazione sono state rilasciate in conformità a quanto disposto dalla Circolare dell’Assessore alla Sanità  del 07.01.1997 n° 907 e dall’art.9 comma 4 del Regolamento comunale per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (D.CC. n° 30/2001);
2) se le autorizzazioni di suolo pubblico permanenti già rilasciate sono state regolarizzate alle disposizioni sanitarie, così come disposto dall’art. 24 del citato  Regolamento.
            Il sottoscritto resta in attesa di una urgente risposta e porge distinti saluti.

Giovanni Sardella
            Consigliere UDC
Gli auguri di oggi sono per Ilary Marrazzo e Ugo Bertè
Volete fare gli auguri ai vostri cari? Inviateceli. Raccomandiamo solo di farlo con qualche giorno in anticipo. L'indirizzo a cui spedirli è s.sarpi@libero.it
N.B. Gli auguri (di qualunque genere) con le foto sono a pagamento (vedi tariffario in alto a questa pagina), così come gli auguri (anche senza foto) che non siano di Buon Compleanno.
Volete fare gli auguri ai vostri cari? Inviateceli. Raccomandiamo solo di farlo con qualche giorno in anticipo.
L'indirizzo a cui spedirli è s.sarpi@libero.it
N.B. Gli auguri (di qualunque genere) con le foto sono a pagamento (vedi tariffario in alto a questa pagina), così come gli auguri (anche senza foto) che non siano di Buon Compleanno
E' stata ritrovata a Canneto la chiave di un mezzo. E' in un portachiavi che termina con un gancio. Sulla stoffa che unisce il gancio all'anello portachiave vi è la scritta wind stopper su sfondo rosso.
Contattare il 339.57.98.235

venerdì 6 luglio 2012

Vip alle Eolie: C'è anche Gerry Scotti

C'è anche Gerry Scotti tra i personaggi (oltre a quelli ospiti della 20th century fox) che si trovano in questo momento a Lipari.
Il noto presentatore, con un gruppo di amici, nel pomeriggio è stato a Papisca.
In questo momento sta cenando nel noto ristorante Filippino.
A Lipari vi è anche Veronica Maya, intercettata qualche minuto fa al teatro del castello di Lipari

Nel centenario della nascita di Celibidache, il Centro Studi Eoliano rende onore al grande direttore e compositore rumeno, innamorato delle Eolie

Quest’anno ricorre il 100° anniversario della nascita di Sergiu Celibidache; il centro Studi ha fissato per mercoledì 11 luglio una serata per ricordare la figura del grande direttore d’orchestra. Il Centro Studi, nell’ambito della programmazione 2012 dei Pomeriggi Culturali Eoliani che sarà presentata domani sera, presso l’hotel Meligunis, ricorderà il maestro Celibidache con un evento curato da Raffaele Napoli (presidente ass. italiana Celididache) e Marco Manni (centro studi)
Il maestro sarà ricordato Mercoledì 11 luglio, ore 19.30 presso i giardini di via Maurolico a Lipari
Sergiu Celibidache nacque l'11 luglio 1912 a Roman nella parte nord orientale della Romania. Dopo il servizio militare, di cui conservò un tremendo ricordo, raggiunse Parigi, che gli apparve subito come la terra promessa. Casualmente ascoltò alla radio un quartetto d'archi del professore berlinese Heinz Tiessen che lo affascinò al punto tale da indurlo a spedirgli a Berlino, presso il conservatorio, una propria composizione. Tiessen , tra l’altro giornalista impegnato a far conoscere la musica contemporanea, riconobbe in Celibidache il potenziale musicale insolito e gli rispose rapidamente, invitandolo a proseguire gli studi con lui. Nella Berlino liberata, un tragico concorso di circostanze ( il direttore Lèo Borchard, che era stato nominato dagli americani, fu ucciso da una sentinella durante una passeggiata notturna) in assenza di direttori "non-sospetti" disponibili nell’immediato, Celibidache fu chiamato a dirigere il 29 agosto 1945 il primo concerto sinfonico della sua vita, alla guida della più famosa orchestra europea: la Filarmonica di Berlino. Celibidache fu subito nominato direttore titolare e diresse con l'orchestra, solo nel corso della prima stagione, più di cento concerti. Tra il 1945 e il 1954 saranno già 527. Nel 1948 arrivano le prime esperienze con importanti orchestre estere: la London Philarmonic, Berliner Philarmonike e ancora l'anno seguente Celibidache dirigerà in Austria, Italia, Francia. Nel maggio del ‘52 trionfa a Buenos Ayres.
In Italia, alle Eolie.
Fu molto attivo anche in Italia. Tra il 1953 e il 1967 diresse: l'Orchestra de "la Scala", "l'Accademia di Santa Cecilia", le orchestre della RAI de Roma, Milano, Torino, Napoli, Bologna e Firenze (molti di questi concerti sono stati filmati). Nel 1962 divenne il direttore della Stockholm Radio Symphony Orchestra, che ricostituì completamente (fino al 1971). Nel Maggio del 1965 Sergiu Celibidache sposò Loana Procopie Dhnitrescu, pittrice, che conosceva fino dagli anni dell'infanzia, che mise al mondo il 19 giugno 1968 il loro unico figlio Serge Ioan Celebidachi. Dalla fine degli anni cinquanta per oltre un ventennio, fu un assiduo frequentatore delle Eolie; a Lipari in particolare fissò la residenza estiva di famiglia, non a caso dinnanzi all’imponente Gran Cratere di Vulcano. Il Maestro rimarrà sempre legato all'isola "dolce-amara" e alla sua gente che lo aveva accolto con entusiasmo, ma temendo il rapimento dell’unico figlio ad opera di malavitosi siciliani, fu costretto ad abbandonare il sud. In molti ricordano Sergiu come un grande benefattore, altri rammentano con simpatia il suo essere ecclettico, stravagante, innamorato della vita, amante del piacere. Impossibile in questa sintesi, passare in rassegna tutti i successi conseguiti, dall’America del sud al Giappone. Davvero innumerevoli e prestigiose le onorificenze ricevute da ogni parte, in particolare dalla Germania. Nel 1990 nel corso di un’esecuzione ha un malore; si riprende ma decide, da quel momento, di dirigere da seduto. Tiene lezioni di fenomenologia anche a Monaco e a Parigi. Le conseguenze di una brutta caduta, verificatasi in un hotel a Firenze, lo condizioneranno per tutto il resto della vita. Qualche settimana prima di morire (giugno 1996), Celibidache dirigeva ancora la sua orchestra, la Filarmonica di Monaco di Baviera, e teneva lezioni pubbliche di direzione d'orchestra (Schola-Cantorum, luglio 1996) con l'entusiasmo di sempre. Il Maestro Sergiu Celibidache ci ha lasciati il 14 agosto 1996, a Neuville-sur-Essonne, nel Loiret, tra Parigi e Orléans, dove è anche sepolto. Non è noto il motivo per cui sulla sua tomba il cognome sia stato variato in Celebidachi, assunto anche dal figlio. La moglie è venuta a mancare all’inizio del 2012.


Un modo innovativo di dirigere e di concepire l’esecuzione orchestrale. Il suo insegnamento Celibidache riteneva che al fine di applicare il suo metodo innovativo, ogni orchestra dovesse andare incontro ad un certo rinnovamento. Stranamente è verso l'America del Sud che volse il suo interesse per perseguire il suo "anti-carrierismo". Le orchestre erano senza dubbio di livello meno elevato rispetto a quelle europee, ma più predisposte, essendo meno assoggettate alle logiche commerciali e potè così sviluppare, il suo metodo innovativo, grazie al maggior numero di prove concesse, nel corso delle quali i musicisti imparavano a lasciar vibrare la musica dentro di sé, e ad abbandonare ogni abitudine fisica e psichica, sforzandosi di non tralasciare nessun particolare necessario alla valorizzazione del processo compositivo. Dopo qualche tentativo intorno agli anni cinquanta, Celibidache rinunciò definitivamente alla registrazione di dischi essendosi persuaso del fatto che, ogni qualvolta si ascolta una registrazione, si soffoca sempre di più la propria capacità di commuoversi, che invece può raggiunge l’apice solo in presenza del suono vivo. Inoltre, lo stesso missaggio in studio altera di fatto la naturale dinamica dei suoni, riuscendo ad esaltare persino lo strumento più debole, che così perde la sua intensità caratteristica. Per Celibidache solo la coordinazione fatta da un essere vivente, di tutti i parametri interagenti in un'opera d'arte concepita organicamente, permette all’ascoltatore di cogliere integralmente la stessa esperienza artistica. La riproduzione è quindi deformazione, falsificazione che abitua lo spettatore o l'ascoltatore ad una percezione meccanica, denudata di spontaneità. Le grandi orchestre moderne, per lo meno fino ai tempi di Celibidache, si erano persuase del fatto che la loro sopravvivenza finanziaria dipendesse essenzialmente dalla notorietà acquisita tramite il mercato discografico, oggi in crisi con l’avvento di internet che, spesso consente di scaricare velocemente files musicali, sacrificando spesso la qualità audio, in cambio dell’ immediata fruibilità dei dati (download ). A questo scopo i files vengono considerevolmente impoveriti, attraverso algoritmi di compressione ( l’ mpeg 3 ne è solo un esempio) che sfruttando principi di psico-aucustica, privano il suono di componenti “meno essenziali”, come un suono debole (meglio parlare di frequenza) tra due di maggiore intensità. In questo senso il messaggio di Celibidache, la sua avversione nei confronti della registrazione, dei mezzi di diffusione, la manipolazione sonora, risultano drammaticamente attuali, soprattutto in relazione alla mancata tutela dell’artista e delle sue opere, mentre l’esaltazione dell’esecuzione dal vivo rappresenta ancora oggi l’unico deterrente efficace contro il deterioramento qualitativo dell’ascolto, introdotto dalla distribuzione virtuale dei contenuti, troppo spesso sinonimo di pirateria.



Sezione distaccata del tribunale di Lipari. La nota dell'avvocato Ziino

Egregio Direttore,
 leggo oggi che il Ministro della Giustizia, nel presentare l'elenco dei Tribunali da sopprimere, accorpandoli ad altri, ha anche comunicato la totale eliminazione di tutte le Sezioni Distaccate dei vari Tribunali, soppressi o meno che siano. Quindi anche la Sezione Distaccata del Tribunale in Lipari.
Tuttavia, a dire degli addetti ai lavori, pare esista uno spiraglio per la conservazione delle tre Sezioni Distaccate di Tribunali insistenti nelle isole minori, ed esattamente Elba, Ischia e Lipari, e  tanto in ragione della loro assoluta specificità geografica.
Ovviamente, se nessuno se ne curerà, il Tribunale in Lipari non avrà speranza di sopravvivenza, cosa che non comporterà disagi solo agli avvocati, che il loro lavoro dovranno comunque continuare a farlo
magari gravando di maggiori costi i propri assistiti, ma comporterà pesantissimi oneri a carico dei cittadini. Appena giorni addietro scrivevo che, ad esempio, i testimoni, privi di qualsiasi interesse alla causa, se costretti fuori dalle isole, rischiano di mancar da casa anche tre giorni.
Ritengo che sarebbe un dovuto servizio alla collettività il fatto che i Consigli Comunali eoliani votassero intanto un qualche ordine del giorno, ben motivato ed articolato, per il mantenimento della Sezione Distaccata di Tribunale in Lipari, trasmettendolo quindi al Ministro competente, ed impegnando altresì i vari parlamentari di riferimento a perorare la causa presso lo stesso Ministro. Staremo a vedere.
 Avvocato Alfio Ziino

GIUSTIZIA: CDM, VIA LIBERA A REVISIONE CIRCOSCRIZIONI GIUDIZIARIE

(AGENPARL) - Roma, 06 lug - La riunione del Consiglio dei Ministri sospesa alle ore 01.30 di giovedì 4 luglio, è ripresa oggi alle ore 10.00. Segretario il Sottosegretario di Stato alla Presidenza, Antonio Catricalà.
Il Consiglio - si legge nel comunicato - ha approvato il decreto legislativo di revisione delle circoscrizioni giudiziarie che da attuazione alla delega al Governo attribuita dalla legge per la stabilizzazione finanziaria n. 148 del 2011 approvata dal precedente Esecutivo. Attuando in maniera rigorosa i criteri di carattere tecnico previsti dalla legge delega, lo schema di decreto legislativo – che ora passerà alle Commissioni parlamentari per un parere obbligatorio ma non vincolante – prevede: - - - la riduzione e l’accorpamento di 37 tribunali e di 38 procure (per il Tribunale di Napoli Nord non è previsto l’ufficio di procura, la cui competenza è attribuita alla Procura di Napoli Sud); la soppressione di tutte le 220 sezioni distaccate di tribunale; la ridistribuzione sul territorio del personale amministrativo e dei magistrati restanti, la cui pianta organica non subirà alcun ridimensionamento. A questa riorganizzazione si aggiunge quella degli uffici dei giudici di pace che ha già portato all’individuazione di 674 sedi che saranno soppresse e rispetto alle quali è atteso il parere delle commissioni competenti. Alcuni criteri – non derogabili – di delega seguiti dal Governo hanno inciso pesantemente sulla possibilità di sopprimere e accorpare uffici di dimensioni inferiori agli standard individuati, come ad esempio l'obbligo di permanenza del tribunale ordinario nei circondari capoluogo di provincia. Il secondo limite è stato rappresentato dalla cosiddetta ‘regola del tre’ (non meno di tre tribunali e procure per ciascun distretto di Corte di Appello), che ha impedito la soppressione di uffici palesemente al di sotto degli standard fissati. Proprio la concomitanza di queste due regole ha ristretto notevolmente l'ambito di intervento sul totale dei 165 tribunali. Oltre al recupero dell’efficienza, la riduzione degli uffici giudiziari comporterà anche risparmi di spesa, pari a circa 2.889.597 euro per il 2012, 17.337.581 per il 2013 e 31.358.999 per il 2014. I costi per questa operazione di razionalizzazione saranno di entità di gran lunga inferiore rispetto ai vantaggi e ai risparmi che si otterranno a regime e che connoteranno il sistema giudiziario per i prossimi decenni. Per quanto riguarda l’edilizia giudiziaria, nei soli casi in cui la sede accorpante non sarà in grado di ospitare gli uffici ivi trasferiti, lo schema di decreto legislativo prevede che possano essere utilizzati, per un periodo fino a cinque anni, gli immobili adibiti a servizio dei tribunali e delle sezioni distaccate soppressi.

La piscina e l'ingresso alla stufa termale di San Calogero (foto Silvia Sarpi)



La Compagnia Teatrale Piccolo Borgo Antico porta a casa una carrellata di successi da Ancona.

La Compagnia Teatrale Liparota, dopo aver superato un accurata selezione  tra più di 30 Compagnie in gara, è stata scelta tra i 6 finalisti del Festival Nazionale del Teatro Dialettale, “La Guglia d’oro”.  Il 30 Giugno, si è esibita ad Ancona  con la commedia campestre in tre atti, Liolà, dopo un accurato riadattamento che la regista ha effettuato affinchè lo spettacolo fosse comprensibile anche a chi non conosce il dialetto eoliano.  Il Piccolo Borgo Antico, sbaragliando le altre compagnie in gara ha riscosso i seguenti premi:
-         premio alla regia per Tindara Falanga,
-         premio miglior scenografia, Gabriele Furnari Falanga,
-         la medaglia del Presidente della Repubblica ai due giovanissimi Bartolo Fonti e Mariano Emma
Ha inoltre riscosso meriti e ammirazione  la presenza di molti giovani, come parte attiva all’interno della Compagnia.
A breve le date della 12° rassegna estiva che si terra a Lipari, “Le Maschere di Dionisio”.
Laura Spanò

SANITA': INVALIDITA' E 104,INTESA CON INPS PER UN SISTEMA MIGLIORE

Importanti novita' nelle procedure di accertamento delle invalidita' civili e dell'handicap grazie a un protocollo d'intesa firmato oggi dall'assessore regionale per la Salute Massimo Russo e il direttore regionale dell'Inps, Sandra Petrotta. L'obiettivo e' quello di rendere efficiente e trasparente l'intero processo burocratico che presentava numerosi punti deboli e che costringeva gli utenti a lunghe attese.
Il protocollo prevede anche l'intensificazione dei controlli dei requisiti sanitari per il riconoscimento dei benefici della legge 104 al personale in servizio nelle aziende del Servizio sanitario regionale, "settore nel quale - ha ammesso Russo - vengono segnalati alcuni abusi".
Le principali novita' inserite nel protocollo, sono l'obbligo di non superare il limite di venticinque visite per ciascuna seduta di Commissione; l'obbligo di sottoporre ad unica visita i soggetti che avanzano richieste diverse di accertamento dello stato invalidante; l'obbligo per tutte le Commissioni mediche di utilizzare la procedura telematica predisposta dall'Inps per la redazione e l'invio telematico dei verbali attestanti l'esito della visita collegiale; l'obbligo di allegare al verbale, in formato elettronico, tutta la documentazione sanitaria presentata dall'utente; l'obbligo di incrementare il numero delle sedute settimanali per smaltire le richieste nei termini previsti ed evitare il ricorso a contenziosi da parte dei cittadini.
L'Inps si impegna ad assicurare la massima partecipazione dei propri medici nelle sedute delle Commissioni per evitare che il cittadino debba essere regolarmente sottoposto a seconda visita, con evidenti disagi e rallentamenti delle procedure. L'Inps provvedera' anche a fornire eventuale supporto informatico.
"Grazie alla collaborazione con l'Inps - ha dichiarato l'assessore Russo - snelliremo le procedure burocratiche e smaltiremo gli arretrati agevolando i cittadini che devono spesso sopportare ritardi e inefficienze causati anche da una certa approssimazione organizzativa. Con questo provvedimento rendiamo obbligatoria la procedura telematica che non tutte le commis-sioni adottavano e daremo trasparenza e omogeneita' alle pratiche permettendo la tracciabilita' del provvedimento e la contrazione dei tempi del giudizio definitivo. Fissando a 25 il numero massimo delle visite giornaliere eviteremo le lunghe attese e favoriremo visite mediche piu' approfondite, prevedendo al tempo stesso un numero maggiore di sedute delle commissioni mediche. La presenza stabile di un medico dell'Inps alle riunioni delle commissioni evitera' tra l'altro inutili duplicazioni del lavoro. E' un provvedimento che va nella direzione della "sburocratizzazione sanitaria" che ritengo un presupposto fond! amental e per un migliore rapporto tra i cittadini e le istituzioni".

Gravidanze a rischio: All’U.O. Centralizzata di Medicina legale e fiscale il compito di emanare i provvedimenti di interdizione anticipata dal lavoro


COMUNICATO STAMPA

Messina, 06/07/2012. Il Commissario Straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina, dott. Francesco Poli, ha assegnato all’Unità Operativa Centralizzata di Medicina legale e fiscale, diretta dal dott. Francesco Di Cara, il compito di emanare i provvedimenti di interdizione anticipata dal lavoro nel caso di “gravi complicanze della gravidanza o di preesistenti forme morbose che si presume possano essere aggravate dallo stato di gravidanza”. Una decisione presa nel rispetto della nuova normativa, l’articolo 15 del D.L. n. 5 /2012, convertito in Legge n. 35 del 04/04/2012, che ha infatti stabilito il passaggio di tali competenze dall’Ispettorato del Lavoro alle Aziende Sanitarie Provinciali.
Per la presentazione delle pratiche, l’U.O. Centralizzata di Medicina legale e fiscale, con sede presso l’ex Ospedale Regina Margherita (viale della Libertà), riceve il pubblico dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,00 alle 12,30.

INFRASTRUTTURE: INSEDIATA UNITA' DI CRISI, SBLOCCO DEI PAGAMENTI

"All'inizio della prossima settimana sara' emanata una direttiva per procedere ad uno screening di tutti i capitoli di competenza del dipartimento.
Speriamo che cio' possa consentire di reperire le somme necessarie a sbloccare almeno una parte dei pagamenti rimasti fino ad oggi in sospeso per via del patto di stabilita'".
Lo ha annunciato l'assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilita', Andrea Vecchio, dopo l'insediamento dell'unita' di crisi composta da funzionari dell'assessorato e da rappresentanti di Ance, Aniem, ordine degli ingegneri e degli architetti.
"E' la prima risposta concreta - ha spiegato Vecchio - alle richieste provenienti dalla societa', tra cui il mondo delle imprese e delle professioni che abbiamo voluto al nostro fianco per un contributo di idee e di progetti da realizzare".
Oltre allo sblocco delle pratiche ferme per motivi tecnici, burocratici o amministrativi, la task force, coordinata dal capo di gabinetto Fulvio Bellomo, ha gia' individuato alcuni temi da affrontare: il miglioramento della legge sugli appalti; il rispetto della normativa comunitaria per l'affidamento degli incarichi professionali; l'istituzione di un fondo di rotazione per gli enti locali, nel tentativo di munire le amministrazioni di un adeguato parco progetti; una migliore sincronia tra bandi ed affidamento dei lavori. E, ancora, la piena operativita' della legge sull'housing sociale e l'istituzione di bandi tipo per gli incarichi ai professionisti.

PUBBLICATO IL LIBRO "STRUMENTI E TECNICHE DI VALUTAZIONE PEDAGOGICA" a cura di Samuele Amendola e Alessandro Prisciandaro.

"La valutazione in ambito pedagogico ed educativo costituisce un processo dinamico cui sono chiamati tutti i professionisti che attuano interventi educativi o didattici. Si tratta di un momento assai delicato e complesso, ma necessario, che si pone all’inizio di un percorso (valutazione diagnostica) con lo scopo di delineare il livello di partenza in base al quale rilevare eventuali difficoltà ma anche e soprattutto potenzialità e bisogni e quindi progettare un piano educativo individualizzato. La valutazione diagnostica richiede la necessità di prestare particolare attenzione ai processi messi in atto, in quanto non può prescindere dal soggetto, dalle sue personali aspettative e dai suoi bisogni. Per questo motivo, l’azione valutativa, in tutta la sua complessità e delicatezza, si profila come uno strumento di fondamentale importanza, poichè consente al professionista dell’educazione di aiutare il soggetto nella realizzazione di un personale progetto di vita."
"Filomena Durante, Daniela Pacilio, Ilenia Amati, Angela Pisa, Carmela Pezza, Monica Garau, Daniela Sanna, Katia Celidonio, Giovanna Padalino, Ilaria Cianchi, Giulia Giovinazzo, Cinzia Urbano, Giorgio Cingari, Maria Luisa Rapisarda, Samuele Amendola, sono i nomi degli autori, educatori e pedagogisti certificati APEI ( Associazione Pedagogisti Educatori Italiani ) che hanno voluto fortemente la pubblicazione di questo libro che racconta come in tanti ambiti, dal sociale al socio sanitario, migliaia di educatori lavorano tutti i giorni facendosi carico delle persone a loro affidate, prendendosene cura o, ancor meglio, prendendosi "a cuore", ponendosi al loro fianco nella lunga strada della crescita umana e sociale. Il Libro è stato curato da Samuele Amendola, educatore esperto in Pedagogia Interculturale, responsabile coordinatore di progetti educativi rivolti ad adolescenti e famiglie. L'Introduzione è di Alessandro Prisciandaro, presidente nazionale dell'Apei."

http://www.facebook.com/index.php?lh=711fd6ce26fba0001d2c18b93e259edd&#!/pages/Strumenti-E-Tecniche-Di-Valutazione-Pedagogica/358322847574563

Domani commemorazione del compagno Giuseppe Persiani.



Lipari: 20enne arrestato dai Carabinieri in esecuzione di ordine di carcerazione.


COMUNICATO COMANDO PROVINCIALE DEI CARABINIERI 
Ieri mattina, i Carabinieri della Stazione di Lipari hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Messina, a carico di M.S., nato a Lipari (ME) cl. 1990.
Il citato M.S., minorenne all’epoca dei fatti, già sottoposto agli arresti domiciliari dal mese di maggio 2012, secondo quanto indicato nel provvedimento custodiale, dovrà scontare un anno di reclusione, per resistenza a Pubblico Ufficiale, minaccia e ingiuria.
Dopo la notifica del provvedimento, il prevenuto è stato quindi condotto presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi a disposizione dell’A.G..

Legambiente chiede accesso ad atti e copie riguardanti strutture da realizzare Lipari


Legambiente Circolo delle Isole Eolie
 All’avvocato Rosario Venuto
Liquidatore della Ato ME 5 Eolie per l’ambiente srl
In liquidazione
Via Madre F. Profilio
Lipari
 E p.c.
 Al signor sindaco del Comune di Lipari
Rag. Marco Giorgianni
Piazza Mazzini
 Oggetto: istanza accesso atti e rilascio copie
 Lo scrivente, Giuseppe La Greca, nella qualità di Presidente del Circolo Legambiente delle Isole Eolie,
chiede
l’accesso agli atti e l’eventuale rilascio copie dei sotto elencati progetti:

1)      Progetto definitivo ed esecutivo per la realizzazione di un Centro Comunale di Racconta per RAEE, localizzato in Lipari, località, presumibile Canneto Dentro, realizzato dalla Vs. società nell’ambito degli “interventi infrastrutturali e impiantistici in accordo alle previsioni della pianificazione regionale” per un importo di euro 102.200,00 circa – circolare attuativa della linea di intervento 2.4.1.1 – D.D.S. n. 486del 24/12/2009 (GURS n. 4 del 29.01.2010) nota prot. 477/C.7.2. del 27 aprile 2010.
2)      Progetto per la realizzazione di una Piattaforma Integrata per la gestione degli RSU: Impianto di compostaggio – impianto di Selezione. Sistema integrato di gestione dei rifiuti nell’ATO ME 5 Isole Eolie, realizzato dalla Vs. società nell’ambito della Linea di intervento 2.4.1.1 – “Azioni di sostegno alla realizzazione di interventi infrastrutturali e impiantistici in accordo alle previsioni della pianificazione regionale” nota prot. 484/10/C.7.2 del 28 aprile 2010.

Distinti Saluti.

Il Presidente del Circolo

Lo Schiavo, coordinatore Ancim Sicilia, incontra Lombardo


COMUNICATO STAMPA
 Il Sindaco di Santa Marina Salina, Massimo Lo Schiavo, dopo la notte passata nell’aula della III Commissione dell’ARS con i colleghi di Favignana, Ustica e Pantelleria, ed in rappresentanza anche dei colleghi di Malfa e Lipari, è stato convocato questa mattina, in qualità di Coordinatore ANCIM Sicilia, dal Presidente della Regione Siciliana, On. Raffaele Lombardo.
Il Sindaco Lo Schiavo, il cui intento immediato è scongiurare la sospensione delle navi RO-RO a partire dal 7 luglio p.v. per le isole del settore ovest della Sicilia, che provocherebbe il collasso economico, durante l’incontro con il Presidente ha ribadito la ferma volontà a rappresentare come intoccabili le voci di spesa che riguardano i diversi settori collegati ai territori insulari.

Stasera in anteprima nazionale proiezione del film "L'era glaciale 4"

Proiezione in anteprima nazionale stasera al Teatro del Castello di Lipari del film della Fox "L'era glaciale 4". La proiezione sarà preceduta da una cena buffet presso il Chiostro della Cattedrale, dalla sfilata A' BIDDIKKIA collezione Spring Summer 2013 e dall'introduzione dei doppiatori del film "L'era glaciale 4"