Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 7 dicembre 2013

Buonasera agli amici di Eolienews


REGOLAMENTO della mostra a tema 
"IL NATALE VISTO CON LI OCCHI DI UN BAMBINO"
IL COMITATO SPONTANEO "U PRESEPIU I SUTTA MUNASTERU" promuove l'iniziativa del PRESEPE DEI BAMBINI allo scopo di incentivare la diffusione del simbolo più bello del SANTO NATALE.
La realizzazione del PRESEPE dovrà riprodurre la grotta di Betlemme con le figure che rappresentano la Natività e/o quelli della leggenda popolare ad essa connessa.
L'inizio delle iscrizioni, a titolo gratuito, fissato in data 8 dicembre c.a., dalle ore 18,00, in occasione dell'inaugurazione "U PRESEPIU I SUTTA MUNASTERU".
L'età dei partecipanti non deve superare i 10 anni.
Le opere saranno esposte all'interno del PRESEPE per arricchirne il valore simbolico attraverso la partecipazione attiva dei bambini.
I lavori dovranno pervenire alla sede sopracitata, o presso il negozio PARTYLANDIA, entro e non oltre il 22 dicembre 2013, indicando il nome e cognome del bambino/a con un recapito telefonico dei genitori, al quale verrà consegnato un numero abbinato all'opera realizzata, per l'estrazione finale del 6 gennaio 2014, alle ore 16,30, alla presenza di tutti i partecipanti.
La misura massima del presepe non dovrà superare i cm.25x25, privo di qualunque fonte di illuminazione (per motivi di sicurezza) e dovrà essere realizzato con materiali di recupero quali: plastiche, carta e cartone, stoffe, sughero, poliaccoppiati (brik-tipo contenitore latte), nastri, velcro etc...
Il premio in palio per il vincitore sarà un gioco adatto all'età del bambino/a estratto.
A tutti gli iscritti alla mostra sarà assegnato un piccolo dono di partecipazione, contestualmente alla restituzione dell'opera realizzata.
Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi all'attività commerciale PARTYLANDIA sita in Via ten. Mariano Amendola n.18 - SOTTOMONASTERO.
Si ringraziano anticipatamente tutti i bambini che vorranno aderire all'iniziativa.

Tutti in fila a Lipari..per il carburante

Stamattina c'erano state le prime avvisaglie a Lipari della psicosi carburante.
Nel pomeriggio, ed ancora adesso, si è sviluppata una fila (più o meno consistente) alle pompe dei carburanti.
E’ uno degli effetti dell’annunciato blocco dell’autotrasporto promosso dal movimento dei Forconi. 

Calcio a 5. Serie C2. Vince la Ludica. Sconfitta per il Salina

Vittoria casalinga per 4 a 1 della Ludica Lipari di calcio a 5 impegnata al campetto Freeland club contro l'OR.SA PG.
Il Salina è stato sconfitto in casa dal Savio Messina per 4 a 2. 
Entrambi gli incontri erano validi per il campionato di C2

Calcio. Terza Categoria. Gli impegni delle eoliane

Questi, domani, domenica 8 dicembre 2013, gli impegni delle  formazioni eoliane che disputano il campionato di terza categoria. L'Eoliana affronterá, al Monteleone di Lipari, il Duilia 81. Il Malfa ospiterà il Messinaudace. Lo Stromboli Scirocco sarà impegnato in trasferta a Spadafora.

Messina. Domani omaggio all'Immacolata

Domani Messina, come da tradizione, renderà omaggio all'Immacolata Concezione di Maria, Patrona Particolare della Città. Nel Tempio di San Francesco d'Assisi di Viale Boccetta, retto dai Frati Minori Conventuali guidati da Padre Giuseppe Catalano, Domenica 8 Dicembre alle ore 10.00 sarà celebrata la Santa Messa solenne da S. E. l’Arcivescovo Mons. Calogero La Piana. Nel pomeriggio, a partire dalle ore 16.00, tradizionale processione per le vie del centro storico che quest’anno vedrà percorrere anche la Via XXIV Maggio in modo da poter effettuare una sosta davanti al Monastero di Montevergine ove le suore di clausura offriranno un omaggio floreale. Confermata anche l'accoglienza in Cattedrale come omaggio ufficiale della Città all'Immacolata. Le vie toccate dalla processione saranno: Via Fratelli Bandiera, Viale Boccetta, Piazza Fontana Arena, Via Longo, Via Gagini, Viale Boccetta, Via XXIV Maggio, Via Sant’Agostino, Corso Cavour, Piazza Duomo, Via I Settembre, Via Cesare Battisti, Piazza Catalani, Via Garibaldi, Piazza Juvarra, Via Fata Morgana, Via Mons. D'Arrigo,Via Concezione, Via San Giovanni di Malta e Via Fratelli Bandiera.
Il culto alla Vergine Immacolata a Messina è molto sentito ed antico in quanto fin dal 1647 il Senato di Messina volle nominarla Patrona Particolare della Città oltre ad essere stataPatrona Principale del Regno delle Due Sicilie ed attuale Patrona della Sicilia. Segno tangibile di questo forte legame devozionale al titolo mariano dell’Immacolata Concezione è la veneratissima statua custodita nella basilica francescana del Boccetta. Il simulacro fu realizzato in legno da ignoto scultore alla fine del seicento e rivestito interamente da ricca ed elaborata lamina d’argento nel 1743, in occasione della conclusione di una tremenda epidemia di peste. L’interessante opera di arte e fede rimase miracolosamente indenne in occasione del catastrofico incendio del 1884, dell’immane terremoto del 1908 e dalle barbare bombe incendiare del 1942-1943.

Stromboli. Al lavoro per la realizzazione di un'area destinata a deposito di collettame

L'amministrazione comunale di Lipari ha conferito un incarico per lo screening e valutazione d'incidenza relativamente al progetto per la realizzazione di un'area da adibire a deposito di collettame in localita' Scari, nell'isola di Stromboli. 
Sono stati incaricati: il dottor Fausto Ronsisvalle, il geologo Salvatore Nocifera e l'architetto Giuliano Mignemi, tutti di Catania. 
Saranno liquidati dopo la presentazione delle rispettive fatture. 

Associazione autonoma autotrasportatori revoca blocco in Sicilia. Confermano la protesta i "Forconi"

Dopo una riunione che si è tenuta in prefettura a Catania, l’Aias, l’associazione autonoma di autotrasportatori, ha stabilito di revocare il blocco che assieme al movimento dei Forconi era stato annunciato in Sicilia a partire domenica sera. Al momento non sono stati resi noti ulteriori dettagli, ma la decisione sarebbe stata assunta anche dopo un confronto fra gli stessi autotrasportatori nel corso di una lunga riunione che si è tenuta nella sede catanese dell’associazione guidata da Giuseppe Richichi.
Il movimento dei Forconi, invece, metterà in atto comunque la protesta che prevede blocchi e 
presidi in tutto il territorio siciliano.
A Catania, come nel resto della Sicilia (parzialmente anche a Lipari) è scattata, comunque, la corsa ai rifornimenti di benzina che soprattutto in serata sono stati presi d’assalto dagli automobilisti. In prossimità delle stazioni di servizio si sono formate lunghe code che hanno rallentato sensibilmente la viabilità.

SVOLTA EPOCALE: CARTE ALLA CORTE DEI CONTI. ARS, GIÙ GLI STIPENDI: UGUALI AI CONSIGLIERI DELLE ALTRE REGIONI

La conferenza dei capigruppo dell’Assemblea regionale, riunita nell’Ufficio del Presidente, Giovanni Ardizzone, ha affrontato la spinosissima questione degli emolumenti ai deputati regionali. Una tappa fondamentale per potere andare in Aula, mercoledì prossimo, per un esame e l’approvazione di un testo condiviso di recepimento del decreto n.174 del 2012, conosciuto come decreto Monti” sulla spending review.
I capigruppo hanno raggiunto una intesa di massima, ma restano ancora alcuni elementi da discutere, su cui i partecipanti alla Conferenza non hanno ancora le idee chiare. In ogni caso, l’intesa dovrà passare allo “scanner” dei gruppi parlamentari e della stessa Assemblea, dove ciascun deputato potrà manifestare il proprio punto di vista, presentare emendamenti, votare a favore o contro la proposta condivisa.
Se sorgeranno intoppi, il recepimento del Decreto Monti potrebbe subire un rinvio, saltando le festività natalizie. Sarebbe un guaio, perché dal primo gennaio del 2014, i gruppi parlamentari saranno sotto la vigilanza della Corte dei Conti, contrariamente a quanto è avvenuto finora grazie alla cosiddetta “autodichia”, l’autonomia amministrativa del Parlamento regionale. Una svolta di 360 gradi, alla quale l’Ars dovrà adattarsi in tempi brevi: tutti i documenti di spesa, infatti, saranno esaminati e sorvegliati dalla Corte dei Conti, cui spetterà di giudicarne la legittimità, cioè l’uso delle risorse per fini istituzionali.
L’intesa di massima raggiunta in Conferenza riguarda lo stipendio lordo di ciascun deputato regionale,11.100 euro mensili, uguale a quello dei consiglieri delle altre regioni italiane. Il tetto stabilità potrà essere elevato grazie alle cariche istituzionali (presidenti dell’Ars e della Regione, presidenti di Commissioni, componenti uffici di presidenza, membri del Consiglio di Presidenza), ma non potrà superare il tetto di 13.800 euro, omnicomprensivo.
Resta l’emolumento assegnato ad ogni deputato per l’espletamento della sua attività. Dovrebbe essere previsto un contributo ai gruppi parlamentari pari a circa 3.280 euro per ogni componente del gruppo. Ma la cifra è destinata a subire modifiche. Recependo la normativa dettata dal decreto Monti, l’Assemblea dovrà tenere conto dei contratti in essere dei collaboratori (i cosiddetti portaborse e il personale stabilizzato). E’ possibile, quindi, che gli emolumenti subiscano variazioni anche nella loro assegnazione ai destinatari, dovendo avere riguardo ai contratti già stipulati.
Alla conferenza ha partecipato il presidente della Commissione speciale sulla spending review, Riccardo Savona, che ha avuto posizioni esempio a quelle del suo predecessore, Antonello Cracolici, favorevole ad un recepimento globale del Decreto Monti, sic et simpliciter.
L’intesa traccerebbe una linea mediana, ma non risolverebbe tutto. E’ assai probabile che mercoledì prossimo, quando inizierà l’esame del testo in Aula, vengano presentati degli emendamenti e proposti nuovi “adattamenti” al Decreto Monti. Il presidente dell’Assemblea, Giovanni Ardizzone, ha “giurato” sul recepimento della spending review. Una specie di “cane di guardia”, dunque.
Potrà contare su Baldo Gucciardi. Il presidente del gruppo parlamentare del Pd è uno dei sostenitori dell’intesa raggiunta in Conferenza. A conclusione della riunione è apparso moderatamente soddisfatto.“La specialità della Regione siciliana non può essere usata per giustificare un trattamento speciale”, ci ha detto. “I deputati regionali siciliani devono avere un trattamento uguale ai consiglieri delle altre Regioni italiane, è una condizione essenziale, perché si partecipi con le carte in regola alle decisioni nazionali, e si pretenda un trattamento equo ed idoneo ai bisogni della Sicilia”.
“Sullo status dei deputati – ha avvertito Gucciardi – dovranno essere assunte scelte politiche nette nelle prossime ore. Ognuno dovrà assumersi le proprie responsabilità – ha concluso – ma la mia linea è chiara: recepimento della spending review”.

Auguri a..

Eolienews augura Buon Compleanno a Concetta Russo, Titti Cannistrà, Manuela Saltalamacchia ed Enrico Nulli

UE, pugno duro su reti derivanti, spadare e ferrettare

Il commissario europeo per gli Affari marittimi e per la pesca, Maria Damanaki, ha annunciato che intende risolvere in maniera definitiva il contenzioso con l'Italia riguardo la decennale violazione del divieto europeo sulle reti derivanti, spadare e ferrettare, diffusamente impiegate in maniera illegale da centinaia di pescherecci italiani e che rischia di costare al nostro paese una sanzione di 120 milioni di euro.
"Accogliamo con favore l'intervento del commissario Damanaki e chiediamo al ministro De Girolamo di sostenere pienamente il divieto di tutte le reti derivanti con la sola eccezione di quelle denominate menaidi o menaica impiegate da circa una trentina di piccoli pescherecci in Sicilia e Campania" – hanno dichiarato le associazione ambientaliste Legambiente, Marevivo e Ocean2012.
Il recupero della legalità nel settore della pesca non può prescindere dalla risoluzione di un problema, quello dell'uso illegale delle reti derivanti, ignorato se non tollerato per oltre 10 anni dal governo italiano e purtroppo molto spesso anche dalle autorità di controllo. Sicilia e Calabria ospitano un numero considerevole degli oltre 350 pescherecci che sono stati identificati per l'uso illegale delle reti derivanti. Molti di questi hanno persino usufruito di oltre 14 milioni di euro di contributi messi a disposizione dall'Unione europea per promuovere la pesca sostenibile.
"Spetta ora al governo dimostrare che intende adottare tutte le misure necessarie per combattere la pesca pirata, mettendo in atto le misure necessarie affinché le reti derivanti vengano distrutte e non vendute in paesi terzi, e si impedisca a chi viola gravemente le misure di conservazione della Politica Comune Europea di continuare a ricevere aiuti pubblici" hanno aggiunte le associazioni ambientaliste.
L'introduzione di misure di condizionalità mirate a sospendere o revocare gli aiuti comunitari sono uno degli aspetti più controversi del negoziato sul nuovo Fondo Europeo per gli Affari marittimi e la Pesca, attualmente in corso tra il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione.
"Ci auguriamo che il nostro governo intervenga con forza presso la presidenza UE lituana per sostenere l'introduzione di vincoli di condizionalità che evitino che i soldi dei contribuenti europei finiscano per alimentare la pesca illegale, a detrimento della salute dei nostri mari e dei pescatori che lavorano nel rispetto delle regole" hanno concluso le associazioni.

Partylandia augura Buon Compleanno ad Oriella che compie 18 anni

Lo staff di Partylandia augura Buon Compleanno ad Oriella che oggi festeggia il suo 18° Compleanno
Nesos informa:
Domenica 8 Dicembre - Passeggiata archeologica a Filicudi - Appuntamento alle ore 8.00 all'aliscafo Siremar CdI con il biglietto già fatto. Rientro previsto alle 17.30

Danza Sportiva: Si inizia con il 6° Trofeo Sicilia Ballerini da tutta la Sicilia al PalaCatania sabato 14 e domenica 15 dicembre

COMUNICATO
La nuova stagione sportiva della FIDS Comitato Regione Sicilia inizierà sabato 14 dicembre a Catania, alla presenza del Presidente regionale Giovanni Costantino. L’appuntamento sarà il primo evento regionale del calendario 2013 – 2014 FIDS la Federazione Italiana Danza Sportiva.
Per la prima prova di circuito regionale è stato scelto come location il PalaCatania, l’importante struttura sportiva della città etnea, i lavori inizieranno alle ore 11.30 di sabato 14 per concludersi nella serata di domenica 15.
Gli atleti ballerini siciliani parteciperanno sabato 14 dicembre alla prima gara del 6° Trofeo Sicilia, mentre domenica 15 oltre al Trofeo si svolgeranno anche le gare della Coppa Campioni regionale.
Gli amanti del ballo sono invitati a partecipare all’evento e dalle accoglienti tribune dell’impianto etneo, potranno vedere gare di Liscio Unificato, Ballo da Sala, Standard, Latino Americane, Danze Caraibiche, Carribean Show Dance, Country Western, Danze Accademiche, Danze Orientali, Danze Artistiche, Danze Freestyle e Danze Street Dance.
La stagione sportiva della FIDS siciliana si concluderà l’11 maggio 2014, con l’ultima gara del circuito regionale.

venerdì 6 dicembre 2013

Sicilia. L'elenco dei 76 manager dal quale la giunta individuerà i 18 che guideranno Asp e Ospedali

E' ufficiale l'elenco dei 76 manager che hanno superato anche le prove orali per diventare direttore generale di Asp e ospedali.  L'assessore alla Sanità, Lucia Borsellino, lo ha consegnato stamani al presidente Rosario Crocetta. Vi figurano molti nomi storici di manager e altri ex dirigenti generali della Regione nominati sia dal governo Lombardo che da quelli precedenti. Da questo elenco la giunta dovrà individuare i 18 manager che guideranno Asp e ospedali.
L'elenco ufficiale dei 76 manager: Alberti Valerio Fabio; Alongi Giuseppe; Amico Gianluigi Maurizio;Arico' Maurizio; Basile Francesco; Bedogni Corrado; Bonaccorsi Giampiero; Brambille Valeria;Brugaletta Salvatore; Bua Antongiulio; Candela Antonino; Cantaro Salvatore Paolo; Capodieci Giuseppe; Caruso Armando; Coiro Ilde; Colimberti Domenico; Dara Andrea: De Almagro Daniele; De Nicola Fabrizio; Di Lorenzo Rosario; Di Rosa Salvatore; Di Vincenzo Ferdinando; D'Urso Antonio; Failla Corrado; Faraoni Daniela; Ferri Roberto; Ficarra Salvatore Lucio; Fidelio Giovanna; Floridia Francesco; Galati Casimiro; Galeazzi Marina Antonietta; Galizia Giuseppe; Garufi Francesco; Giammanco Giuseppe; Giglione Salvatore; Granata Pasquale; Grasso Pietro; Greco Germana; Grossi Ida; Gulizia Michele; Iacolino Salvatore; Iacono Carmelo; Iudica Francesco; Lanza Maurizio Letterio; Lelli Rossella Colomba; Li Donni Renato; Lo Piccolo Francesco; Macaluso Maria Rosaria;  Madeddu Anselmo; Migliore Giovanni; Munafo' Manlio; Muscarnera Calogero; Noto Giuseppe; Olivero Guido; Ombra Salvatore; Parrino Enza; Pecoraro Giuseppe; Pellicano' Angelo; Piergentili Paolo:; Pullara Carmelo; Restuccia Marco; Romano Carlo; Rosso Benedetto; Salina Antonino; Sampieri Giacomo; Santonocito Giorgio Giulio; Scalisi Giuseppe; Sciacca Giuseppe; Sirna Gaetano; Surdi Francesco; Tanese Angelo; Tozzo Ignazio; Tranchida Livio; Venuti Gervasio; Vullo Michele; Zappia Mario

LABORATORI D’ANALISI, TAR SICILIA BOCCIA IL DECRETO RUSSO

Nuovo capitolo nella ‘guerra’  tra i laboratori d’analisi e la Regione siciliana. Mentre va avanti lo scontro sul fronte della restituzione delle somme incassate dai centri con il vecchio tariffario regionale, nonostante l’entrata in vigore  del ”Bindi”, oggi i titolari dei laboratori d’analisi siciliani  incassano una vittoria. Il Tar, infatti, ha cassato il decreto dell’ex assessore alla Salute dell’Isola, Massimo Russo, che prevedeva  l’introduzione di soglie minime per gli esami, ‘costringendo’ i  piccoli centri a fondersi in consorzi. Pena la perdita  dell’accreditamento, ossia l’espulsione dalla lista dei laboratori  convenzionati.
I giudici amministrativi hanno bocciato la norma, pubblicata  nell’agosto del 2012, per due ordini di motivi. Intanto perche’ il  decreto dell’ex assessore Russo e’ stato presentato dopo le dimissioni dell’allora governatore siciliano, Raffaele Lombardo, e l’articolo 8  dello Statuto siciliano prevede che nel periodo che intercorre tra lo  scioglimento dell’Assemblea regionale siciliana e la nomina del nuovo  Governo gli assessori possono compiere solo “atti di ordinaria  amministrazione”.
Allora, secondo il Tar il decreto non rientrerebbe nell’ambito della ordinaria amministrazione.“L’introduzione della  soglia minima (100mila prestazioni all’anno, ndr) come criterio per  l’accreditamento e la contrattualizzazione e previsione di mancata  contrattualizzazione per il mancato raggiungimento – si legge nella  sentenza – non presenta le caratteristiche ne’ di un atto di ordinaria amministrazione, ne’ di un atto urgente ed indifferibile:  limitatamente a tale parte, il decreto assessoriale deve, pertanto,  essere annullato”. Inoltre, secondo i giudici amministrativi il  provvedimento l’accorpamento che va fatto non puo’ realizzarsi senza  una maggiore gradualita’.
“Se puo’ convenirsi con la difesa erariale sulla necessita’ di  introdurre una soglia minima – dicono dal Tar -, non puo’, invece,  rimanere esente da censure il tentativo di raggiungere tale obiettivo  senza alcuna seria graduazione temporale per l’applicazione di tale  nuova regolamentazione per le strutture gia’ definitivamente  accreditate”. Soddisfazione per la sentenza viene espressa da Marco  Falcone, vice capogruppo del Pdl – Fi all’Assemblea regionale  siciliana, secondo il quale si trattava di un “odioso decreto che  ledeva il libero esercizio della professione. Finalmente i laboratori  d’analisi siciliani potranno fruire delle convenzioni senza dover  sottostare a condizionamenti e imposizioni da parte della Regione”.
“Il Tar – ha detto l’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino - si e’ espresso sui termini temporali per l’aggregazione dei laboratori e sulla questione dell’obbligo sul processo di aggregazione. Adesso stiamo avviando un percorso virtuoso sulla qualita’ dei servizi e con l’obbligo, quale requisito di accreditamento, della valutazione esterna di qualita’ che portera’ una competizione virtuosa e la possibilita’ di far permanere nella rete le strutture che erogano servizi di qualità’”.
Sull’intenzione di un ricorso, rispetto al provvedimento assunto dal Tribunale Amministrativo, Borsellino ha aggiunto: “Noi stiamo procedendo dando dei termini temporali compatibili ad un processo di verifica dei requisiti di accreditamento e di riqualificazione della medicina di laboratorio che in linea con i nuovi parametri pero’ prevede dei tempi maggiormente ragionevoli”.

Fuochi in agricoltura. Il presidente di Legambiente-Circolo delle Eolie- scrive al sindaco

Legambiente Circolo delle Isole Eolie 
Lipari 06 dicembre 2013
  
Al signor sindaco del Comune di Lipari
Marco Giorgianni
 E p.c.
 Al Consigliere Comunale
 Annarita Gugliotta
  
Oggetto: nuove misure per la combustione controllata di materiali vegetali di origine agricola

Signor sindaco,
abbiamo letto con interesse l’interrogazione dell’attento consigliere Annarita Gugliotta  che evidenzia una necessità molto sentita all’interno della nostra comunità, tuttavia, sentiamo l’esigenza di fare alcune puntualizzazioni:
a)      la norma contenente le nuove misure per la combustione controllata in agricoltura è inserita in un disegno di legge che deve essere trasformato in legge dal Parlamento Nazionale e recepito dalla Regione Siciliana;
b)      in assenza di approvazione della legge non è il caso di operare con una ordinanza sindacale;
c)      qualsiasi intervento va programma per tempo e che nelle more dell’approvazione definitiva della legge le disposizioni contenute nel Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 sono pienamente operative.
Alla luce di quanto sopra, noi riteniamo che lo strumento appropriato per recepire le “disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali”, sia un apposito regolamento comunale concordato con l’Azienda Demaniale Forestale di Messina, che gestisce le riserve naturali orientate di Alicudi, Filicudi, Panarea e Stromboli e con il distaccamento della Forestale di Lipari, per le isole di Lipari e Vulcano. Anche la Circolare n. 16924 dell' Assessorato Territorio e Ambiente della Regione - Comando del Corpo Forestale regionale - del 12.05.2011, viene espressamente fatto riferimento ai "Regolamenti" comunali che disciplinano la materia.
Il decreto, infatti, prevede che i Comuni, tenuto conto delle specifiche peculiarità del territorio individuino le aree, i periodi e gli orari in cui è consentita la combustione controllata, sul sito di produzione, del materiale vegetale di origine agricola, suddiviso in piccoli cumuli e in quantità giornaliere non superiori a tre metri per ettaro, mediante processi o metodi che in ogni caso non danneggino l'ambiente né mettano in pericolo la salute umana. Nei periodi di massimo rischio per gli incendi boschivi, dichiarati dalle Regioni, la bruciatura di residui vegetali agricoli e forestali è sempre vietata. I Comuni e le altre Amministrazioni competenti hanno la facoltà di sospendere, differire o vietare la bruciatura dei predetti residui all'aperto in tutti i casi in cui sussistono condizioni meteo climatiche o ambientali sfavorevoli, ovvero in tutti i casi in cui da tale attività possano derivare rischi per la pubblica e privata incolumità e per la salute.
Riteniamo essenziale che, nelle more dell’approvazione delle norme da parte degli organi nazionali e regionali, l’amministrazione deve attivare per tempo gli uffici competenti per rivedere il regolamento comunale approvato nei primi anni duemila  e adeguarlo alla nuova normativa, programmando in base alle specifiche peculiarità delle singole isole del Comune di Lipari, evitando un ritorno al “tutto come prima”, in cui ognuno faceva quello che voleva.
Cordiali saluti
Il presidente del Circolo
Dott. Giuseppe La Greca

Ncd. La Via: "grande entusiasmo per progetto con basi europeiste"

"C´è grande entusiasmo intorno al progetto del Nuovo Centro Destra, il cui simbolo presentato quest´oggi conferma le solide basi europeiste su cui si fondano i nostri valori". Così Giovanni La Via, capogruppo del Ncd al Parlamento europeo, commenta la presentazione del simbolo del Nuovo Centro Destra avvenuta ieri sera a Roma, al tempio di Adriano.
"Domani -prosegue La Via- sarà un grande momento democratico e liberale per il lancio di un soggetto politico che mantiene la sua natura politica nell´area del centro destra e nella famiglia politica del Partito Popolare Europeo. Saremo in tanti -sottolinea l´europarlamentare- a portare il nostro consenso per un partito fondato su merito, democrazia e diffusione capillare sul territorio".
Secondo La Via, "il nuovo simbolo richiama i colori della nostra tradizione popolare europea, cosi´ come ha ricordato il vice-premier Alfano e si distingue per una forma innovativa, cosi´ come innovativa vuole essere la nostra proposta politica". Il capogruppo Ncd a Bruxelles conclude affermando che "adesso inizia una fase di radicamento in tutte le regioni ed i comuni italiani volta a premiare i giovani e tutti coloro che vorranno spendersi per il territorio e lavorare proficuamente vicino alla gente".

L'otto Dicembre, si vota per le segreteria nazionale del PD. Io voto perche

L’8 dicembre si vota per eleggere la Segreteria nazionale del Partito Democratico.
Nelle Eolie si vota: a Lipari, sul Corso Vittorio Emanuele (uffici La Cava a fianco Farmacia Internazionale), a Stromboli (in via Marina) e a Leni (in via Libertà).
I seggi resteranno aperti dalle ore 8,00 alle ore 20,00.
Per votare non occorre essere iscritti al Partito Democratico.
Hanno diritto di voto le cittadine/i e le elettrici/elettori che hanno compiuto il sedicesimo anno d’età.
L’8 dicembre alle primarie del Partito Democratico io voto perché sono convinto che il Partito, che a Lipari rappresento, ha certamente mille difetti e non è il caso di negarlo ma, sicuramente, si sforza da anni di disconoscere una idea della politica che ha seriamente compromesso la nostra realtà. Abbiamo smarrito la strada e perso ogni misura lasciando che l’impulsività e l’autodeterminazione governassero la nostra quotidianità. Niente progetti e programmi di lungo respiro, nessuna prospettiva ideale, niente solidarietà tra uomini.
L’8 dicembre alle primarie del Partito Democratico io voto perché sono convinto che questo Partito possa concretamente ridare dignità alla politica e alla sua aspirazione più alta, esaltando la centralità della persona, della sua umanità, delle sue fragilità e dei suoi bisogni.
L’8 dicembre alle primarie del Partito Democratico io voto perché è necessario riaffermare che, al di là dei discorsi e delle ambizioni personali, poi arriva sempre la razionalità e la capacità di risolvere i problemi.
L’8 dicembre alle primarie del Partito Democratico io voto perché il mio Partito diventi un Partito alternativo al modello culturale che ci hanno imposto negli ultimi 20 anni. Un Partito che sappia mostrarsi molto audace, progressista, riformista, coinvolgente e sorprendentemente coraggioso.
L’8 dicembre alle primarie del Partito Democratico io voto perché questo è un Partito che al suo interno tollera il dialogo ed il confronto, anche brusco, ma che rifugge sempre dall’idea del pensiero unico, della espulsione per vilipendio al capo, dell’assenza di spirito critico.
L’8 dicembre alle primarie del Partito Democratico io voto perché Civati, Cuperlo e Renzi hanno saputo, ognuno secondo il proprio talento e capacità, riportarci in una discussione su noi stessi, sul nostro futuro e sul futuro del nostro Paese. A loro va riconosciuto il merito di essersi spesi anche per cercare di far comprendere a tanti di noi che non bisogna fuggire dalla politica ma che anzi alla politica bisogna ritornare, con una idea nuova di noi stessi e del nostro vivere collettivo.
Non perdiamo questa occasione e come segretario del PD di Lipari-Eolie invito tutti a partecipare al voto delle primarie per fare della giornata dell’8 Dicembre la grande festa della democrazia e della libertà.
Saverio Merlino
Segretario del Partito Democratico di Lipari-Eolie

DDL Isole minori in discussione alla IV commissione dell'Ars. Pagoto ( sindaco delle Egadi): necessario molto lavoro

Si è tenuta a Palermo una importante riunione convocata alla IV Commissione – Territorio e Ambiente – all’Assemblea Regionale Siciliana, per discutere dell’Esame del disegno di legge n. 460-294-496 ´Legge quadro sulle Isole di Sicilia´.
All’incontro erano presenti Maria Lo Bello, assessore regionale per il territorio e l´ambiente, Fulvio Bellomo, della segreteria tecnica dell´assessore regionale per le infrastrutture e la mobilità, Giovanni Arnone, dirigente generale dipartimento regionale infrastrutture, mobilità e trasporti e ancora Attilio Licciardi, sindaco di Ustica, Salvatore Gabriele, sindaco di Pantelleria, Massimo Lo Schiavo, sindaco di Salina, Giuseppe Pagoto, sindaco delle Egadi, Francesco Di Chiara, della segreteria generale Isole minori, Giampiero Trizzino, presidente della Commissione, e i deputati Antonio Malafarina, Giorgio Assenza, Maria Cirone, Girolamo Fazio, Concetta Raia, Giuseppe Sorbello, Valeria Sudano e Girolamo Turano Girolamo.
Il progetto di legge quadro vuole dare risposte certe agli abitanti delle isole, dove ogni problema ordinario si trasforma in un’emergenza. Il ddl mira a cambiare il volto praticamente a tutti i settori della vita isolana, dalla salute, al paesaggio, dal turismo alle altre attività economiche. 
“Abbiamo discusso del disegno di Legge per le Isole Minori della Sicilia – dice Pagoto, il sindaco delle Egadi. Certo non e´ un bel periodo per chiedere risorse o interventi straordinari, pero´ abbiamo accolto disponibilita´ e sensibilita´ verso le nostre istanze da parte di tutte le forze politiche, sia di maggioranza che di opposizione. Sicuramente saranno necessari molti mesi di lavoro e di approfondimento delle varie tematiche, ma questa legislatura regionale potròà finalmente approvare una Legge organica per le Isole Minori”.

Servizi Socio-Sanitari. 27 deputati a Governo "Attivare Fondo Unico. Oggi maggiore spesa per peggiori servizi"

Per colpa della mancata attuazione del Piano sulla salute mentale approvato a luglio del 2012 e dell'attuazione del Fondo Unico per le attività socio-sanitarie, la Regione siciliana spende ogni giorno fra i 300 e i 500 euro per ognuno dei pazienti psichiatrici costretti neireparti di Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura e trattati per lo più farmacologicamente, quando esiste già dal 2011 la normativa regionale che permetterebbe un radicale abbattimento di questa spesa.
A questa già assurda situazione si aggiunge il fatto che a pagare le conseguenze sono anche le strutture residenziali che oggi ricevono compensi inadeguati, con tariffe vecchie quasi vent'anni pur in presenza di una richiesta di prestazioni altamente professionali sempre maggiori.
E' questa la denuncia di un nutrito gruppo di 27 parlamentari regionali di diversi schieramenti, che hanno sottoscritto la mozione preparata da Toti Lombardo del Partito dei Siciliani, finalizzata ad impegnare il Governo a dare immediata attuazione alla normativa vigente in materia di servizi socio-sanitari per i pazienti psichiatrici e ad attuare la previsione del Fondo Unico per le Attività socio-sanitarie.
In sostanza, si legge nel documento, già a partire dal 2001 a livello nazionale e dal 2009 a livello regionale, il ricorso a strutture residenziali di tipo non ospedaliero per i pazienti psichiatrici è individuato a livello normativo come la modalità di trattamento principale, in una ottica di integrazione socio-sanitaria. Si tratta di strutture che come le case-appartamento o le comunità-alloggio che secondo quanto riconosciuto dallo stesso Assessorato regionale per la sanità "rappresentano un modello di integrazione socio-sanitaria altamente efficace."
Con il Piano sanitario regionale e il relativo Protocollo d'Intesa approvati a fine del 2011 dalla Presidenza della Regione, si è spianata la strada al "Piano strategico per la salute mentale" approvato a luglio del 2012 nel quale le strutture residenziali vengono individuate come punto cardine di un sistema "che provvede a percorsi terapeutici individualizzati" necessari per evitare che si determinino inserimenti dei pazienti a tempo indeterminato nelle strutture ospedaliere "con nuove forme di istituzionalizzazione."
Ad aggravare la situazione e a creare un vero paradosso per cui si pagano di più i servizi terapeuticamente meno efficaci, è, secondo i firmatari della mozione, la mancata emanazione dei criteri attuativi del Piano Sanitario da parte del Governo per quanto riguarda l'accreditamento delle strutture residenziali, la revisione delle tariffe e la mancata attuazione del Fondo Unico per le attività Socio-sanitarie che permetterebbe di svincolare la gestione di molti pagamenti dalla contabilità degli enti locali, oggi notoriamente gravati da problemi di finanziari e di liquidità non indifferenti. Una situazione che mette a rischio la stessa sopravvivenza delle comunità (circa 200, con 2.000 pazienti e 1.800 dipendenti).
Da qui quindi la proposta dei firmatari del documento che impegna il Governo: a mettere in atto tutto quanto necessario per dare attuazione al Piano Sanitario, ed in particolare al sistema regionale integrato socio-sanitario per le comunità alloggio per disagio psichico; ad adottare i provvedimenti per la creazione del Fondo Unico  per tutte le attività socio–sanitarie e a definire le procedure di accreditamento delle strutture private, con criteri imparziali e coinvolgendo l’Assemblea Regionale Siciliana.
"Non possiamo più permettere per la salute e la dignità dei pazienti psichiatrici, così come per la professionalità degli operatori impegnati nelle strutture residenziali - afferma Toti Lombardo - che continui una situazione davvero paradossale dove la Regione paga di più per offrire i servizi meno efficaci dal punto di vista terapeutico."
La mozione è stata firmata dai parlamentari Toti Lombardo, Roberto Di Mauro, Vincenzo Figuccia, Giovanni Greco, Giuseppe Federico, Cataldo Fiorenza, Giovanni Lo Sciuto, Luisa Lantieri, Bernadette Grasso, Carmelo Currenti, Michele Cimino, Giuseppe Sorbello, Margherita La Rocca Ruvolo, Marco Falcone, Nello Musumeci, Vincenzo Vinciullo, Gianfranco Vullo, Giuseppe Milazzo, Bruno Marziano, Salvatore Pogliese, Alice Anselmo, Gianluca Micciché, Valeria Sudano, Edy Tamajo, Santi Formica, Fabrizio Ferrandelli, Giuseppe Arancio

SANITÀ, BORSELLINO: “MANAGER ENTRO LA FINE DELL’ANNO

“Entro fine anno potremo avere la nomina dei manager delle aziende sanitarie, la commissione ha ultimato il suo lavoro ed in queste ore si sta pubblicando l’elenco dei selezionati, si tratta di 76 profili che sono stati ritenuti maggiormente meritevoli nella platea di tutti coloro che hanno fatto istanza”. Cosi’ l’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, a margine del convegno organizzato dal gruppo Pd “Sanita’ si cura”, in merito alle nomine dei manager delle aziende sanitarie siciliane.
“E’ innegabile che il percorso articolato – ha detto Lucia Borsellino - abbia determinato anche a livello personale dei momenti di disagio mio personale, visto che era prevedibile che si sarebbe creato un dibattito acceso”.

Auguri a...

Eolienews augura Buon Compleanno a Rostyslav Kordiyaka, Paola Imbesi, Nicoletta Favaloro, Joseph Lello Merlino

giovedì 5 dicembre 2013

Funzionalità uffici giudiziari: arriva il parere favorevole in Commissione Giustizia, tra le condizioni il mantenimento della sezione distaccata del tribunale a Lipari

Riceviamo dall'avvocato Intilisano, che ringraziamo, quanto pubblicato oggi in una rivista giuridica
La Commissione Giustizia, martedì 3 dicembre, ha espresso parere favorevole con condizioni sullo schema di decreto legislativo recante disposizioni integrative, correttive e di coordinamento delle disposizioni di cui ai decreti legislativi n. 155/2012 e n. 156/2012, tese ad assicurare la funzionalità degli uffici giudiziari.
Si chiede ripristino dei Tribunali in 10 comuni. La Commissione, nello specifico, ha espresso parere favorevole condizionato al ripristino dei Tribunali di Rossano, Lucera, Vigevano, Nicosia (con accorpamento ad esso del Tribunale di Mistretta), Alba, Bassano del Grappa, Pinerolo, Chiavari, Sanremo e Sala Consilina, esprimendosi affinché quest'ultimo sia inserito nel distretto di Corte d'Appello di Salerno, con accorpamento di alcuni Comuni limitrofi facenti parte attualmente della Sezione distaccata di Eboli.
Istituire Sezioni distaccate.
 Inoltre, «la Commissione» – ha chiarito il presidente della Commissione Giustizia, Nitto Francesco Palma - «ha condizionato il proprio parere favorevole a che siano istituite Sezioni distaccate o appositi uffici giudiziari dei Tribunali accorpanti nelle sedi dei Tribunali soppressi nonché che siano mantenute le sezioni distaccate di Ischia, Lipari e Portoferraio».

Buona serata ai lettori di Eolienews con questa foto di Katia Merlino

Riceviamo e pubblichiamo questo articolo apparso sul settimanale Centonove


METROMARE IN SCADENZA, LA FIT CISL PRONTA A DENUNCIARE LA SITUAZIONE DI STALLO ALL’AUTORITA’ NAZIONALE DEI TRASPORTI

“Denunceremo all'Autorità Nazionale dei Trasporti la situazione di stallo dell'attraversamento dello Stretto di Messina. Una situazione paradossale”. E’ l’intenzione manifestata questa mattina dal segretario generale Fit Cisl Sicilia Amedeo Benigno e dal segretario provinciale della Fit Cisl, Enzo Testa, stanchi dei “fiumi di parole spese un po' da tutti. Con la situazione attuale – affermano Benigno e Testa - al 31 di dicembre il servizio dovrebbe essere sospeso. Nasce, quindi, l'esigenza di prendere in mano la situazione e andare oltre, perché il servizio di attraversamento deve continuare oltre quella data”.
“Pertanto – affermano - considerato che la vigilanza e la garanzia della mobilità rientrano  tra i compiti istituzionali dell’Autority dei Trasporti, che trova origine all'interno del Decreto Legge  201/2011(Salva Italia), è ad essa che ci rivolgeremo”.
Nelle more e vista la ristrettezza dei tempi, per la Fit Cisl si dovrà passare all'affidamento diretto del servizio all'attuale gestore, in attesa del nuovo bando di gara che dovrà prevedere più corse rispetto alle attuali per far fronte alle esigenze di mobilità.
“La possibilità di attraversare lo Stretto per persone e cose – concludono Benigno e Testa - non è un regalo, come vorrebbero farci intendere, ma è un diritto riconosciuto dalla nostra costituzione e dai trattati europei”.

Crocetta si riduce lo stipendio

Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, ha dato disposizioni affinchè a partire dal 2014 gli venga ridotto lo stipendio e gli siano sospese ulteriori indennità spettanti per il pagamento dei portaborse in applicazione di quanto previsto dal decreto Monti.
Il Governatore ha inviato una lettera, in tal senso, al Presidente dell’Ars, al Segretario generale dell’Assemblea regionale siciliana ed al Ragioniere generale.
Nella missiva Crocetta scrive: “In coerenza con le iniziative gia’ adottate da questo Governo regionale in materia di riduzione della spesa pubblica e, nel caso di specie, di costi della politica, nelle more della definizione dei procedimenti di adozione da parte della Regione siciliana dei provvedimenti di competenza in materia, finalizzati ad uniformare le indennità spettanti ai deputati regionali alle prescrizioni dettate dal legislatore statale con diverse normative, lo scrivente chiede che gli Uffici in indirizzo provvedano ad assicurare che, a far data dall’1 gennaio 2014, siano applicate le riduzioni alle indennita’ spettanti nella qualita’ di Presidente della Regione siciliana e deputato regionale, nelle misure come in atto determinate per effetto del Decreto Monti”.
“Inoltre, sempre nelle more dell’adozione del provvedimento da parte dell’Ars, lo scrivente chiede che venga sospesa dall’1 gennaio 2014 la corresponsione di ogni ulteriore indennità spettante e afferente la copertura degli oneri inerenti la retribuzione di propri collaboratori parlamentari esterni (portaborse) ritenendo, in ogni caso, che tali compensi non debbano assolutamente transitare sul mio conto corrente personale, ma dovrebbero piuttosto essere erogati direttamente ai dipendenti del singolo deputato, su delega del parlamentare che dovesse ricorrere all’assunzione di collaboratori esterni”.

I volti di "A'nciuria". Mostra di Emilie Di Paola del Maggio 2010

"Ruderi d'oro" alle Eolie. Le dinamiche della truffa e i responsabili (dalla G. del sud di oggi)

Ruotava principalmente su due società, con sede legale nel Lazio, la maxi-truffa che ha portato ai "domiciliari" Stefano Triolo, 59 anni, originario delle Isole Eolie ma domiciliato a Roma, e la compagna Samira Nathlouthi, 42 anni di origini tunisine, ultimo domicilio a Napoli, alla quale è stato imposto l'obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria.
Ad entrambi la Guardia di finanza della Compagnia di Milazzo ha notificato i provvedimenti emessi dal Gip di Messina, Maria Teresa Arena, a Roma.
Gli altri indagati, invece, risiedono a Messina, Malfa e San Filippo del Mela.
Tutti - secondo l'accusa - avrebbero creato una vera e propria associazione a delinquere attraverso al compravendita di case degli emigrati dell'arcipelago eoliano, acquisite in modo illecito.
La Guarda di finanza di Milazzo sotto le direttive del capitano Antonio Ranaudo, ha anche sequestrato 13 immobili a Filicudi, Alicudi e Salina.
Gli inquirenti hanno accertato che tutto ruotava attorno a due società di Albano Laziale, la Cogedil srl e la Grotta Azzurra srl, società delle quali Triolo era amministratore unico.
L'uomo, approfittando del fatto che la maggior parte degli immobili versava in stato di abbandono o erano disabitati da molti anni, si avvaleva della collaborazione di tecnici ai quali di volta in volta conferiva l'incarico di eseguire ricerche e visure catastali, pratiche di successione, perizie di stima di immobili. In tal modo - secondo l'accusa - variando dolosamente i dati catastali del fabbricato e dei terreni oggetto delle future compravendite, ne attribuiva fittiziamente la titolarità in capo ai soggetti da lui rappresentati e a discapito dei legittimi proprietari e degli stessi acquirenti, in buona fede. Quindi, con l'ausilio di una sorta di "sensali" che operavano nelle varie isole, avvicinava i probabili compratori e per avvalorare la paternità del bene scriveva sui muri di ruderi abbandonati persino con una bomboletta spray il proprio nome o quello di chi lo rappresentava nell'azione fraudolenta.
A far saltare il "tappo" ad un'operazione così accuratamente congegnata è stata la proprietaria di un immobile di Filicudi che, nel Giugno del 2010, ha chiesto l'intervento dei carabinieri della locale stazione in quanto una vicina di casa l'aveva avvisata che, sul rudere di sua proprietà, erano stati apposti cartelli con la scritta "Proprietà privata" ed era stato sostituito il lucchetto posto alla porta d'ingresso. Ciò ad opera di quattro persone che non sono state identificate. Sono scattate le verifiche ed è venuto fuori che l'immobile risultava intestato a Samira Nathlouthi alla quale era stato venduto da Stefano Triolo, persona nota alla signora di Filicudi in quanto, originario come lei, delle Isole Eolie.
A quel punto sono scattate le indagini ed è venuto fuori che Triolo, il quale disponeva di procure generali e speciali conferitegli da soggetti immigrati all'estero, ottenute con il pretesto di curare i loro affari, individuava i terreni e gli immobili e poi, dopo averli fatti rientrare nel patrimonio di coloro che gli avevano conferito la procura, li alienava a terze persone all'insaputa dei "rappresentati" il cui nome veniva, dunque, falsamente utilizzato per incassare i ricavati delle vendite.
Per chiudere il cerchio gli inquirenti hanno dovuto avviare un'attività di collaborazione internazionale con l'Australia e lì i reali proprietari dei beni hanno confermato di essere all'oscuro di qualsiasi compravendita e di aver firmato procure in favore del Triolo. Ma dalle indagini sono venute fuori anche trattative di vendita saltate quando un acquirente ha chiesto approfondimenti al Triolo dopo aver versato una caparra che non gli è stata restituita.
Le indagini hanno altresì dimostrato che il Triolo, avuta la certezza dell'avvio del procedimento a suo carico, dopo una perquisizione subita a Messina, si è attivato per continuare a porre in essere una serie di trasferimenti di proprietà, con l'intento di ostacolarne l'illecita provenienza. In questo contesto scaturisce il coinvolgimento di Samira Nathlouthi, convivente dell'uomo, la quale - sostengono gli inquirenti - pur non avendo mai presentato dichiarazione dei redditi - è diventata in un breve lasso di tempo intestataria di numerosi immobili che ha rivenduto alle società Cogedil e Grotta Azzurra delle quali Triolo è amministratore. Ciò consentiva al compagno di rivendere i beni a terzi.
Dagli accertamenti è emerso che, in meno di due anni, Triolo avrebbe incassato assegni per circa 600mila euro.
La verifica dei conti correnti da parte delle Fiamme Gialle ha però portato a rilevare un saldo pari a 0. L'ordinanza del gip Arena, che ha portato Triolo agli arresti domiciliari e la sua compagna all'obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria, fa parte di un più ampio e articolato procedimento che vedeva originariamente indagati anche notai, avvocati e tecnici la cui posizione è stata stralciata e definita con decreto di archiviazione.

Il maestro Giovanni Giardina ha rielaborato, adeguandolo ad oggi, il testo di "Volare" che diventa "Tassare ! ‘un si nni po cchiù"

                            Tassare ! ( ‘un si nni po cchiù )
                           Pienzu ca un ghiuornu accussì ‘un’aggira mai cchiù
                           stava uardannu i programmi davanti a Ti Vù ,
                           poi all’improvvisu o Senatu cuminciàru a vutàri….
                          pi graziàri on latrùni, o pi u cunnannàri…..
                          
                         Votàre, oh ! oh !
                         Votàre, oh ! oh ! oh !
                         Vutàru, pi n’ura e cchiù
                         Finu a quannu u teatrinu finù !
                         Ma un latrùni, ca cumanna da anni,
                         nun supporta cunnanni, currù ‘npiazza e spiegò:
                      “ Quannu unu è potenti o innoccenti , cunnannàri ‘un si po”,
                         mentri a genti ca l’avia supra e balli da gioia gridò !…..  
                         ‘Ngalera , oh ! oh !
                         ‘Ngalera , oh ! oh ! oh !
                         Dda intra,‘un po trasiri cchiù ,
                         Finalmenti u burdellu ti finù !
                          Mentri ddu falcu reali avìa spisa i jttàri,
                         a tanti falchi e palummi ci vinni a mancàri,
                         poi un bellu juornu i palummi unni ièru a vulàri ?
                       ‘Nto jad..dinàru di polli, pi putilli spinnàri….

                       Spinnàri ! oh ! oh !
                       Spinnàri ! oh ! oh ! oh !
                       Manciàri ! sempri di cchiù,
                         Di cca , cu si nni va cchiù ?…
                         E manciàri, manciàri, manciàri,
                         cchiù du puorcu i ‘nta stadda e ancòra di cchiù,
                         mentri a spisa, ca scusa da crisi, pi l’autri finù…
                         tantu a vriògna e u russùri ‘nta facci, oramai si pirdù…
                         Tassàre ! oh ! oh !
                         Tassàre ! oh ! oh ! oh !
                         Ormai ‘un si nni po cchiù,
                         du nord, finu a quaggiù,
                          o sud , ancora di cchiù…
                         Latrùni, ma va iti a ffa ‘ncul….
                         ffa …’ncul !

Cimitero a Pianoconte. L'interrogazione del consigliere D'Alia

Eolie nel circuito “Sicilia km zero”. Adesione al costituendo network Aziende del “Sicilia km zero”. Il comunicato UNSIC di Lipari

L’art. 8 della Legge regionale n. 25/2011 che attribuisce all’Assessore regionale per le risorse agricole e alimentari il compito di disciplinare i criteri e le modalità per l’istituzione e la diffusione del logo “chilometro zero”, dall’emanazione del D.A. n. 53 del 18 ottobre 2012, pubblicato nella GURS n.5 del 25-01-2013 parte prima, che ha istituito il logo “Sicilia km 0 (chilometro zero)” con l’obiettivo di promuovere la valorizzazione delle produzioni regionali agricole, zootecniche e alimentari di qualità, favorendone il consumo e la commercializzazione, garantendo ai consumatori una maggiore trasparenza dei prezzi e assicurando una adeguata informazione sull’origine e le specificità di tali prodotti. I servizi connessi al logo “Sicilia km 0” e al relativo circuito promozionale sono rivolti agli esercenti le attività di ristorazione e alloggio, ai commercianti, agli artigiani agroalimentari e alle imprese del settore turistico e agroalimentare che intendano qualificare la propria attività, valorizzando i prodotti agricoli di origine regionale e favorendo una migliore conoscenza delle produzioni di qualità e delle tradizioni alimentari regionali da parte dei consumatori.
Le imprese di servizi esercenti attività di ristorazione, ospitalità e vendita al pubblico che operano nel territorio regionale, con sede nella regione Sicilia e iscritte al Registro Imprese della Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura, per accedere al circuito regionale e fregiarsi del relativo logo “Sicilia km 0” devono presentare la documentazione prevista.
Si intendono prodotti regionali a km zero le produzioni agricole e agroalimentari coltivate e trasformate nel territorio della regione Sicilia afferenti alle seguenti categorie:
a) Denominazione d’origine protetta (DOP), ai sensi del Regolamento (UE) n. 1151/2012;
b) Indicazione geografica protetta (IGP), ai sensi del Regolamento (UE) n. 1151/2012;
c) Specialità tradizionale garantita (STG), ai sensi del Regolamento (UE) n. 1151/2012;
d) Biologico, ai sensi del Regolamento (CE) n. 834/2007;
e) Prodotti a sistema di qualità nazionale e/o regionale;
f) Agricoltura integrata, ai sensi del Disciplinare di Produzione Integrata (DPI) della Regione
Sicilia;
g) Prodotti agroalimentari tradizionali in conformità del disposto dell’art.3, comma 3, del decreto ministeriale 8 settembre 1999, n.350. Questi prodotti devono avere almeno per i componenti/ingredienti principali un origine regionale documentata (Fatture di acquisto che devono riportare l’indicazione dell’origine, natura, qualità e quantità dei prodotti acquistati e altra documentazione che permetta di attestare l’origine regionale).
L’U.N.S.I.C. sede zonale di Lipari in sinergia al C.C.N. Isola di Lipari vuole sostenere il circuito e promuovere intese, accordi e partnership finalizzate a manifestare l’interesse all’iniziativa regionale.
Per fare ciò si invitano le Aziende Eoliane a manifestare il proprio interesse inviando una email all’indirizzo di posta elettronica unsiclipari@gmai.com oppure ccnisoladilipari@email.it.
Sarete contattati per partecipare alla riunione operativa nella quale verrà predisposto un piano di adesione e verranno raccolte le manifestazioni di interesse da inviare agli uffici preposti.
UNSIC sede zonale di Lipari
Il referente sindacale
Antonio Casilli

Sulla segnaletica della Via Filippo Maggiore (di Aldo Natoli)

Prendo atto di quanto comunicato dal Sig. Taranto in merito ad un immediato provvedimento da parte dell'Amministrazione Comunale per rimodulare la segnaletica esistente nella via Filippo Maggiore, rispondendo così ad un'interrogazione del Consigliere Pietro Lo Cascio.
Debbo ricordare che già in data 22 novembre 2012 ( prot. n° 39624 )il sottoscritto ha segnalato all'Amministrazione Comunale la situazione esistente, chiedendo l'eliminazione degli stalli inutili, perchè non utilizzati, a vantaggio di stalli per sosta di auto, oltre l'eliminazione dei cassonetti della spazzatura dinanzi alla Scuola per evitare un ovvio inconveniente igienico-sanitario. 

In data 5 dicembre 2012 (prot. n° 41624)ho
ricevuto dall'Assessore Bartolo Lauria copia della disposizione inviata al Dirigente del IV Settore. Ma dopo un anno la situazione è sempre la stessa. Anzi è peggiorata. Mi auguro che dopo l'intervento del Consiglio d'Istituto, che bene farebbe ad aprire il parcheggio posto all'interno dell'area scolastica,  e del Consigliere Comunale, al quale dovrebbe rispondere  l'Amministrazione Comunale, non dobbiamo riparlarne alla fine del 2014. 

Aldo Natoli

PROVINCE, LA SICILIA PARTE PRIMA, ARRIVA ULTIMA. ROMA INCALZA

Finanziaria, spending review, province. Un’agenda severa per Sala D’Ercole. La vigilia di Natale è un collo di bottiglia. Da sempre. Non solo per l’attività parlamentare. In Sicilia, tuttavia, le giornate di fine anno si caricano di dilemmi insoluti, contraddizioni irrisolte, questioni appena sfiorate. Non è la conclusione di un percorso. Si ricomincia da capo, uno start up stanco, talvolta rabbioso, che induce ai compromessi peggiori piuttosto che alle soluzioni ragionevoli. A meno che non finisca con il “tu mi dai una cosa a me ed io ti do una cosa a te…”, come avviene nelle migliori famiglie.
La spending review ha impegnato l’Assemblea per mesi, in Commissione. Le resistenze sono state molto forti, ma anche le volontà sono apparse altrettanto irriducibili. Va dato atto che su questo tema il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, abbandonando l’arcinota duttilità democristiana, è apparso irriducibile: il “fascicolo” bisogna chiuderlo, ha detto e ripetuto, la Sicilia deve attraversare il guado e rispettare il tetto di spesa imposto dai parametri “suggeriti” da Roma. Dal primo gennaio, dunque, nuove buste paga. Vedremo che cosa partorirà la montagna e quanta attenzione verrà data alla trasparenza, ben più importante di qualunque riduzione di spesa.
In questo ambito, va anche affrontata l’ormai annosa questione delle province: abolite senza abolirle. La Sicilia era partita per prima, ora arranca nelle ultime posizioni fra le regioni italiane, perché nell’Isola prevalgono i “provinciali”, coloro che di riffa o di raffa vorrebbero resuscitare le province, che ancora “respirano”, e non sono affatto morte. Il ministro Del Rio promette premi alle Regioni che ridurranno gli enti intermedi e renderanno operative le città metropolitane entro il 30 settembre del 2014
Il governo nazionale considera la riforma di importanza strategica e sta adottando misure che saltano l’ostacolo della Corte costituzionale (il decreto svuota province). Ormai si delinea in modo chiaro il modello di riforma: le funzioni delle province verranno trasferite ai comuni, alle unioni dei comuni, alle città metropolitane e alle Regioni.
Le province, inoltre, non disporranno di personale politico (abolite le elezioni), ma manterranno la pianificazione territoriale, del trasporto e della rete scolastica, ma “al servizio dei comuni”. Saranno guidate dai sindaci, che diverranno consiglieri, componenti dell’assemblea provinciale o presidenti. Il governo calcola un risparmio iniziale di 110 milioni di euro, 700-800 a regime.
A Palazzo dei Normanni il nuovo assetto degli enti intermedi ha vissuto alterne fortune, dalla prima Commissione Affari istituzionali dell’Ars è uscita addirittura una “direttiva” che ripropone, di fatto, le province, o quasi. Una scelta che ha mandato in bestia una delle componenti della maggioranza, l’Udc, anche per le modalità del percorso (nessun confronto preliminare).
Al ritorno delle province si è risposto con la loro definitiva abolizione e la rinuncia alle simil-province, i consorzi dei comuni, “vagheggiati” dallo Statuto speciale della Regione siciliana. Le funzioni delle amministrazioni provinciali passerebbero dunque alla Regione ed ai comuni, ma verrebbe lascato un varco alle “unioni dei comuni” sul modello romano.

Registro elettronico, password per i genitori. Nuovi indirizzi. Il "Conti" guarda avanti. Intervista con il dirigente scolastico, Tommasa Basile

Mutuo da un miliardo di Euro. MpA lascia lavori della Commissione

Lasciando l'Aula della Commissione Bilancio dove ieri sera si è discusso il disegno di legge presentato dal Governo per l'assunzione di un mutuo trentennale da quasi un miliardo di euro, finalizzato al pagamento di alcuni creditori delle ASP e dei Comuni Siciliani, Toti Lombardo che partecipava ai lavori in rappresentanza del Partito dei Siciliani MPA ha dichiarato che "Stiamo assistendo ad una manovra oscura da parte del Governo, che nonostante i richiami formali del Presidente Ardizzone e nonostante le nostre ripetute richieste di fornire informazioni trasparenti su quali saranno le imprese beneficiarie del mutuo e su quali siano i criteri di scelta, continua ad andare avanti fornendo documenti a dir poco ridicoli come i due foglietti portati oggi in Commissione Bilancio."
"Invece di dare risposte chiare - afferma Lombardo - oggi il Governo ha portato un foglietto con la lista di alcuni comuni che saranno beneficiari del provvedimenti (senza però spiegare per quali importi e per quali dei rispettivi creditori) ed una lista altrettanto ridicola di debiti "approssimativi" delle ASP, ancora una volta senza dare informazioni certe e senza chiarire quali e quanti di tali debiti saranno coperti col mutuo."
"In questa situazione a noi non resta che lasciare i lavori della Commissione dove è evidente che non si tiene conto dei diritti dell'opposizione e degli obblighi di trasparenza. Proseguiremo la nostra battaglia al momento del voto della legge in Aula, se il Governo non dovesse rinsavire prima."