Cerca nel blog

sabato 30 maggio 2020

Stromboli: Abbassato livello di allerta. Questo ed altro nella comunicazione odierna del sindaco Giorgianni (video)

Coronavirus: aumentano i guariti, solo due nuovi contagi ed un deceduto. I dati di oggi 30 maggio in Sicilia

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato ad oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 148.871 (+2.892 rispetto a ieri), su 127.725 persone: di queste sono risultate positive 3.442 (+2), mentre attualmente sono ancora contagiate 999 (-138), 2.170 sono guarite (+139) e 273 decedute (+1).
Degli attuali 999 positivi, 74 pazienti (0) sono ricoverati - di cui 7 in terapia intensiva (0) - mentre 925 (-138) sono in isolamento domiciliare.
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province:
Agrigento, 35 (0 ricoverati, 105 guariti e 1 deceduto);
Caltanissetta, 18 (3, 145, 11);
Catania, 444 (27, 529, 99);
Enna, 18 (2, 378, 29);
Messina, 136 (24, 372, 57);
Palermo, 299 (17, 244, 35);
Ragusa, 18 (0, 72, 7);
Siracusa, 17 (1, 205, 29);
Trapani, 15 (0, 120, 5).
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 30.05.20

Come erano le Eolie e gli eoliani (video fotografico II parte) .wmv

La famiglia Fonti ringrazia i sanitari dell'ospedale e il dottor Paino per l'assistenza alla loro mamma e ribadisce l'importanza del mantenimento del presidio.

La famiglia Fonti, desidera pubblicamente ringraziare l'Ospedale di Lipari in tutte le sue componenti ed in particolare nelle persone del Direttore Sanitario dott. Compagno, dei dott.ri Crosca, Noto e Cogode ed ovviamente il dott. Mario Paino, Direttore Generale dell'ospedale Papardo per la preziosa collaborazione. 
Tutti hanno manifestato grande disponibilità a livello umano, ma soprattutto a livello professionale con la quale hanno tempestivamente gestito e affrontato il particolare caso della nostra cara mamma. Il nostro territorio ha bisogno tutto l'anno di personale sanitario preparato ed efficiente, festivi compresi. 
Il nostro Ospedale deve continuare a funzionare. Ma per questo è necessario che gli operatori sanitari vengano messi in condizioni di lavorare, con adeguate attrezzature che oggi mancano e soprattutto con professionisti seri e preparati. 
Il nostro Ospedale, ci offre una grande opportunità, che difficilmente potremo trovare fuori dal nostro territorio, qui possiamo essere considerati tutti una grande famiglia. Questo è fondamentale per la tutela e la salvaguardia dei servizi offerti. 
Dunque cosa dire di più: Eoliani dobbiamo avere tutti e per tutti a cuore il Nostro Ospedale ed impegnarci personalmente affinché questo possa continuare a funzionare, come abbiamo diritto e come meritiamo. 
Sosteniamo il comitato "l'Ospedale di Lipari non si tocca". 
La famiglia Fonti

Come eravamo, una pagina della nostra storia (2 foto)

La prima foto è scattata durante una pausa delle riprese del film "VULCANO" di Anna Magnani, girato nel 1950  a Vulcano.
Sono riconoscibili Rossano Brazzi e Geraldine Brooks che ha interpretato Maria, sorella di Maddalena (Anna Magnani). Secondo da sinistra Fortunato Caserta, coniugato con Maria Biancheri di Lipari


In questa foto: Da sinistra: Eros Albergo, Tom Giuffrè, Pino Marrara, Eduardo Paino, Luciano Siracusa

E' deceduto Giuseppe "Pino" Li Donni. Messa in suffragio lunedì a Porto Salvo.


Feste e processioni sospese sino al 15 ottobre 2020. Il decreto di Mons. Accolla, Arcivescovo di Messina, Lipari e Santa Lucia del Mela

 
Visto il decreto arcivescovile 139/20/20 del 13 maggio 2020 con cui, in linea con le disposizioni civili ed ecclesiastiche in materia di contenimento dell’epidemia da Covid-19, si dispone la ripresa delle celebrazioni con il popolo, secondo quanto previsto dal Protocollo sottoscritto dal Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dal Ministro dell’Interno il 7 maggio 2020; 
Considerato che tra le attività di culto rientrano quelle legate alla pietà popolare, in modo particolare le processioni che, soprattutto nel periodo estivo, caratterizzano in modo assai peculiare la vita pastorale delle comunità parrocchiali e di tutta la comunità diocesana; 
Atteso che la grande partecipazione dei fedeli alle manifestazioni della pietà popolare non è facilmente controllabile, generando una prossimità tra gli stessi che non si pone in linea con il divieto di assembramenti e che non favorisce il distanziamento sociale che ancora sussiste a tutela del bene primario della sanità pubblica; 
In forza del presente decreto, DISPONE in tutto il territorio dell’Arcidiocesi di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela LA SOSPENSIONE DI OGNI MANIFESTAZIONE ESTERNA DELLE FESTE PATRONALI, PARROCCHIALI E DI QUALUNQUE ALTRO GENERE quale (a titolo soltanto esemplificativo e non esaustivo) processioni, trasferimento pubblico di immagini sacre, fiaccolate o momenti di preghiera all’aperto che creino assembramenti incontrollabili o non consoni alla normativa vigente. 
Le feste siano, invece, vissute nella cura delle celebrazioni liturgiche (consultando anche gli uffici diocesani competenti), nell’incremento delle iniziative catechetiche, nella particolare sobrietà dell’organizzazione e nella contestuale attenzione alle povertà generate o accentuate dalla pandemia, manifestando la solidarietà della Chiesa attraverso forme di condivisione. 
Il presente decreto, salvo eventuali modificazioni o integrazioni, avrà vigore fino al 15 ottobre 2020.  ✠ Giovanni Accolla

Buon Compleanno!

Auguri a Matteo Palino, Mariagrazia Alongi, Laura Gilberti, Dominic Toretto, Gabriele Lo Schiavo, Nunzia Quadara, Tabede Giunta, Rosa Formica, Angela Ferraro, Stefano Mirenda, Diana Natoli Edwards, Paola Cafarella, Cosimo Bonaccorso, Emiliano Nastasi, Riccardo Portanova

C.S. Lipari... Una storia a tinte rosso - blu: Anno 1959 (3 foto)

Quest'oggi pubblichiamo una foto di una formazione del CS Lipari del 1959 (gara Lipari- Ispoto) e due documenti: il timbro e la dicitura dietro la foto, e una lettera sempre del 1959 inviata dal segretario della società Giuseppe La Cava al tifoso-socio Gaetano Medorini.
Tutta questa documentazione ci è stata inviata da Aldo Claudio Medorini, nipote dell'indimenticabile Giovannino.

Messa in suffragio a Pirrera per Andrea Zaia


Lipari, un caso di buona sanità e il "terno al lotto" legato all'incertezza dei servizi sanitari. La nota del Comitato "L'ospedale di Lipari non si tocca"

Riceviamo e pubblichiamo:
Desideriamo rendere noto alla nostra comunità un episodio accaduto all’ospedale di Lipari in data 28/05/2020. Può sembrare lungo, prendetevi un attimo e leggete per favore. 
Una signora di 83 anni è stata sottoposta ad una consulenza cardiologica presso l’ospedale di Lipari. La signora manifestava da un po' di tempo un particolare senso di affaticamento. Indipendentemente da prenotazioni, richieste o altre procedure burocratiche, il cardiologo in servizio non si è limitato ad effettuato la visita generica e l’elettrocardiogramma, ma ha ritenuto necessario effettuare anche l’ ecocardiocolordoppler. Grazie a questo approfondimento diagnostico, è stato scoperto un problema particolare, per il quale la donna era in imminente pericolo di vita. I
mmediatamente il cardiologo, dopo aver contatto i colleghi dell’ UTIC del Papardo di Messina, ha richiesto l’intervento dell’elicottero. Li, dove la signora è adesso ricoverata, è stata confermata la stesssa diagnosi (attraverso l'utilizzo di apparecchiature più sofisticate), la signora è stata poi sottoposta a terapia farmacologica ed è monitorata 24 ore su 24 in attesa di un probabile intervento cardiochirurgico. 
Non è la prima volta che a Lipari si riscontrano eventi clinici di tale gravità che SOLO PER CIRCOSTANZE FAVOREVOLI, QUASI FORTUITE, possono essere trattate con la dovuta perizia e competenza, offrendo la possibilità di salvare vite umane. Le nostre vite umane. 
Da quando è operativo il servizio di cardiologia in convenzione con l'Ospedale Papardo, di cui abbiamo già parlato, attivo purtroppo solo nelle ore diurne, e non di domenica, di casi strappati ad evoluzione infausta se ne contano parecchi. 
La realtà del nostro Ospedale è estremamente complessa, troppo spesso ci si deve arrangiare alla meno peggio per mancanza di mezzi e personale specializzato. 
La convenzione tra l’Ospedale di Lipari e la Cardiologia dell’Ospedale Papardo ha in parte risollevato alcune criticità e sta sicuramente migliorando la qualità dei servizi, ma ciò non basta! Insomma ti deve andare bene, perché quasi quasi devi essere fortunato e trovarti lì al momento giusto. 
Ricordiamo che in forza, presso il nostro ospedale, al momento vi è solo un cardiologo. E allora ci domandiamo : 
1) cosa sarebbe accaduto, se il caso di cui sopra si fosse presentato di domenica o durante le ore notturne, quando presso il nostro ospedale non è prevista alcuna prestazione specialistica ? 
2) come è possibile affrontare i problemi in termini di approfondimenti diagnostici su soggetti a rischio in mancanza di semplici apparecchiature di fondamentale necessità per la cardiologia (tapis roulant per test ergometrico, cyclette, Holter cardiaco, Holter pressorio)? 
3) perchè continuano a precludere a noi isolani, a noi Eoliani, la possibilità di usufruire di servizi sanitari che dovrebbero essere garantiti uniformemente su tutto il territorio nazionale? 
4) quanto, in termini ovviamente economici, ma non solo, si potrebbe risparmiare nell’evitare trasporti spesso inutili, effettuati solo per precauzione o per incertezze diagnostiche? 
Sarebbe ora di tradurre le parole in fatti, perchè la soluzione è dietro la porta. Evitiamo di continuare a rimandare, qui parliamo della nostra Salute, della nostra Vita. 
Vogliamo poter parlare più spesso di casi come questo, di buona Sanità, di Sanità Eoliana, ma per farlo abbiamo bisogno di personale e di strumentazione, ma sopratutto abbiamo bisogno che ci sia la volontà reale di far funzionare le cose.
Comitato "L'ospedale di Lipari non si tocca"

Eolie, nasce l'A.T.E. (Associazione Tecnici Eoliani)


Contribuisci alla libera informazione : Supporta Eolienews con un contributo

I nostri lettori ben sanno che Eolienews vive senza alcun contributo, grazie alla pubblicità, quella che è possibile in un momento difficile come questo, e con tanti sacrifici per informare in tempo reale per essere sempre sulla notizia.
Il nostro giornale ha anche bisogno del supporto di voi lettori, sotto forma di un modesto, anche piccolo contributo (quello possibile per ognuno di voi).
Può essere effettuato tramite:
- un versamento sulla Postepay n° 5333 1710 2104 44 21 

Il versamento sulla Postepay non deve essere necessariamente fatto alle Poste ma può essere fatto in uno dei punti autorizzati (ricevitorie - tabacchi)- un bonifico all' IBAN IT20 C 05034 26000 000000200502
L'Intestatario, in entrambi i casi è il direttore Salvatore Sarpi
( Codice Fiscale SRP SVT 59 B14 E606 P )


Per gli operatori turistico - commerciali il contributo può essere devoluto sotto forma di pubblicità, regolarmente fatturata. Contattateci al 3395798235.

Grazie anticipatamente

La Chiesa festeggia oggi Santa Giovanna d'Arco


Oggi è il 30 maggio. Buongiorno con questa cartolina da Salina


venerdì 29 maggio 2020

L'assessore Chiofalo lascia " Divergenze coi consiglieri". L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 29.05.20

Coronavirus: in Sicilia situazione stabile, nessun decesso. i dati al 29 maggio

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato ad oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 145.979 (+3.463 rispetto a ieri), su 125.340 persone: di queste sono risultate positive 3.440 (+2), mentre attualmente sono ancora contagiate 1.137 (-8), 2.031 sono guarite (+10) e 272 decedute (0).
Degli attuali 1.137 positivi, 74 pazienti (-6) sono ricoverati - di cui 7 in terapia intensiva (-1) - mentre 1.063 (-2) sono in isolamento domiciliare.
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province:
Agrigento, 35 (0 ricoverati, 105 guariti e 1 deceduto);
Caltanissetta, 18 (3, 144, 11);
Catania, 445 (28, 529, 98);
Enna, 16 (1, 378, 29);
Messina, 274 (25, 234, 57);
Palermo, 299 (16, 244, 35);
Ragusa, 18 (0, 72, 7);
Siracusa, 17 (1, 205, 29);
Trapani, 15 (0, 120, 5).
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

Interruzione di energia elettrica domenica in varie zone di Lipari

Come eravamo, pagine della nostra storia: Canneto, estate 1966


C.S. Lipari...Una storia a tinte rosso - blu: Una delle formazioni della gestione Lo Re. Grazie a Giovanni Aricò per questa foto

Da sx in alto: Riganò, Germanà, Cristiano, Capuano, D'Auria, Accetta, Lo Schiavo, Lo Re (presidente), Ferro (allenatore)
Accosciati da sx: GiuffrèV., Zanca (massaggiatore), Barrica (cap.), Bottari, Torino, Aricò, Famularo, Saltalamacchia

Incontro RAM e sindacati: l’impianto di Milazzo rimane strategico ma il futuro è legato anche al Piano dell’Aria


“La Raffineria di Milazzo rimane un impianto strategico per gli azionisti. Siamo convinti che i vincoli imposti dal Piano Regionale di Tutela della Qualità dell’Aria saranno superati”. A sostenerlo gli Amministratori Delegati della Raffineria di Milazzo in rappresentanza dei due soci della società, ENI e Q8 durante l’incontro odierno in Sicindustria con i sindacati.
Nonostante un periodo storico difficilissimo, forse come mai prima, con una situazione sanitaria per via dell’emergenza COVID 19 ancora molto complicata, un crollo repentino dei consumi ed una forte contrazione, ormai da alcuni mesi, dei margini di raffinazione in tutta Europa, gli azionisti Eni e Q8 confermano che la Raffineria di Milazzo continua ad essere un sito produttivo strategico. Ma il periodo richiede una assunzione di responsabilità da parte di tutti gli attori coinvolti. Il mondo è cambiato, il settore della raffinazione è cambiato ed è necessario mettere in campo, oggi, azioni correttive per resistere ed essere pronti nel prossimo futuro a cogliere tutte le opportunità del mercato, nell’interesse di tutti gli attori coinvolti: RAM, imprese operanti nell’indotto, dipendenti diretti e dipendenti dell’indotto. In questo contesto, si aggiunge il Piano Regionale di Tutela della Qualità dell’Aria che, imponendo alle raffinerie siciliane limiti emissivi irraggiungibili e senza fondamento tecnico, mette a rischio il futuro dell’azienda.
E’ quanto emerso nell’incontro odierno tenutosi presso la Camera di Commercio di Messina, organizzato da Sicindustria Messina, per discutere della tematica occupazione del personale dell’indotto. Incontro al quale hanno partecipato, oltre alla RAM, le aziende operanti nell’indotto, i segreterai confederali territoriali di CGIL, CISL e UIL ed i segretari delle rispettive categorie.
Si è trattato di un incontro aspro ma vivace ed aperto al dialogo. In apertura, il direttore generale della RAM, Luca Amoruso, ha ribadito le difficoltà operative relative all’attuale emergenza sanitaria. “In questi mesi – ha evidenziato Amoruso - la RAM e le ditte operanti all’interno del sito hanno dovuto conciliare le esigenze di lavoro con le disposizioni governative, che hanno imposto un contingentamento delle presenze, per permettere la continuità operativa del nostro servizio essenziale di produzione carburanti. Permettetemi di dire – ha continuato Amoruso – che le misure messe da noi in atto sono state immediate ed efficaci”. In più, hanno aggiunto gli Amministratori Delegati, il crollo dei consumi ha determinato pesanti ripercussioni per il settore della raffinazione che sommato ad una contrazione dei margini di raffinazione in Europa, ha costretto tutte le raffinerie, compresa la RAM, a fermare alcune unità produttive.
In tale contesto, RAM, come tutte le aziende, ha dovuto avviare una revisione dei processi e degli investimenti che, purtuttavia, prevedono un esborso di 45 milioni di euro, per la maggior parte legati ad interventi ambientali richiesti dall’ AIA rilasciata nel 2018 e che ora, dopo meno di due anni, è di nuovo in discussione per via del Piano Aria della Regione Sicilia. Anche a causa dell’emergenza COVID, la RAM ha inoltro dovuto posticipare al 2021 la fermata programmata di manutenzione.
Nel corso dell’incontro, inoltre, le parti hanno condiviso che le ditte appaltatrici assicureranno una rotazione del personale oltre ad un utilizzo distribuito ed equo degli ammortizzatori sociali straordinari disponibili.
RAM, aziende dell’indotto e sindacati hanno infine convenuto di incontrarsi periodicamente per gli aggiornamenti del caso con il comune obiettivo di permettere alla Raffineria di Milazzo di continuare ad essere considerata una risorsa imprescindibile per il territorio.

L'Interclub Lipari guarda avanti e parte dalla riconferma del forte portiere Di Dio per la stagione 2020 - 2021.


76mila euro per nuclei familiari disagiati restano nelle casse comunali. Fonti e Mollica tornano a sollecitare e preannunciano intervento alla Regione

In riferimento al DDG n. 340 del 04 aprile 2020 Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro - Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali - Regione Siciliana.

La Deliberazione di Giunta Regionale n. 124 del 28.03.2020 e s.m.i., ha disposto misure urgenti per sostenere i nuclei familiari che versano in condizioni disagiate e che non possono fare fronte con risorse proprie ad esigenze primarie, destinando complessivi € 100 mln, di cui € 30 mln a valere sul PO FSE obiettivo specifico 9.1, di cui il Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali è Centro di Responsabilità e sono stati individuati i Comuni quali soggetti pubblici cui assegnare le risorse in quota capitaria, giusta Tabella allegata alla stessa Deliberazione.
Con il DDG n. 340 del 04 aprile 2020 si approva lo schema in Allegato 1, parte integrante del presente decreto, che ripartisce tra i Comuni le risorse disponibili in quota FSE 2014/2020, complessivamente pari a € 29.999.346,00, in misura pari al 30% della quota di riparto per Comune prevista nella Tabella allegata alla Deliberazione di Giunta Regionale n. 124 del 28.03.2020, e si dispone l’erogazione, tramite mandato di pagamento, in favore dei soggetti beneficiari delle somme così come indicate nell’Allegato 1.

In data 04 maggio 2020, sono state accreditate sul conto corrente del Comune di Lipari le risorse impegnate in forza del DDG n. 340 del 04 aprile 2020 e per il rispettivo importo di 76.926,00 euro.
A distanza di un mese, l’Amministrazione del Comune di Lipari non ha provveduto ad impegnare la prima tranche del contributo erogato per le “Misure di sostegno all’emergenza socio- assistenziale da COVID-19” ai sensi della Deliberazione della Giunta Regionale n. 124 del 28.03.2020.

Con l’Ordinanza di Protezione Civile n. 658 recante “Ulteriori interventi di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili” si assegnava ai Comuni italiani un contributo pari a 400 milioni di euro per interventi di solidarietà alimentare. E il Comune di Lipari ha ricevuto la propria quota di finanziamento pari a 108.000,00 euro circa.

Con l’Interrogazione n. 1/2020 del 16.4.2020 "Erogazione buoni spesa nel territorio comunale” abbiamo chiesto chiarimenti all’Amministrazione in merito alle procedure di assegnazione del beneficio e alle modalità organizzative per l’erogazione dei buoni spesa.
Siamo intervenuti, affidando a una interrogazione a risposta scritta considerazioni e dubbi sulle procedure, per rispondere alle richieste di aiuto pervenute da più parti. Moltissimi cittadini hanno infatti lamentato l’esclusione dal beneficio nonostante il dichiarato stato di necessità e il possesso di tutti i requisiti richiesti per l’assegnazione dei buoni spesa.

Non essendo pervenuta alcuna risposta scritta, entro il termine previsto per legge, in data 18.5.2020 con un’altra nota abbiamo sollecitato l’Amministrazione comunale ad adempiere entro e non oltre le 24 ore. E il termine era motivato ovviamente dalla gravità delle circostanze.

Con nota Prot. n. 6804 datata 15.5.2020, pervenuta ai sottoscritti in data 18.5.2020, avente ad oggetto “Riscontro Interrogazione n. 1/2020 del 16.4.2020 "Erogazione buoni spesa nel territorio comunale” l’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Lipari rispondeva parzialmente ai quesiti posti e dava informazioni riguardo al numero di istanze pervenute (1.053 di nuclei richiedenti) indicando quelle accolte (485 istanze su 750 circa ammissibili), fino ad esaurimento delle risorse (108.000,00 euro circa), con l’erogazione di ben 1080 buoni spesa.

Se la matematica non è un’opinione, ricaviamo un dato preoccupante ovvero che nel Comune di Lipari ben 265 famiglie, ritenute dagli Uffici Servizi Sociali in possesso dei requisiti per l’accesso al sostegno alimentare, non hanno ricevuto alcuna risposta e attendono il contributo previsto per legge da oltre due mesi.

Riteniamo il ritardo nell’utilizzo delle risorse impegnate in forza del DDG n. 340 del 04 aprile 2020 e per il rispettivo importo di 76.926,00 euro, peraltro più volte da noi denunciato nel corso delle sedute di Consiglio Comunale, oltremodo ingiustificabile.

I decreti varati dal Governo nazionale e dal Governo regionale per il sostegno alimentare dei meno abbienti e per l’accelerazione delle misure di sostegno economico rispondono a precisi bisogni delle comunità. E’ un preciso dovere delle Istituzioni territoriali agire nell’interesse delle persone in momentanea difficoltà perché un evento assolutamente imprevedibile non diventi occasione utile alle disuguaglianze.

L’emergenza sanitaria ancora in corso ha determinato, a seguito del lockdown, una crisi economica che preoccupa. E’ bene che ognuno di noi faccia la propria parte perché nessuno resti indietro come è giusto che sia in una società solidale e in un paese democratico.

Se l’Amministrazione comunale non dovesse, in tempi brevissimi, utilizzare le risorse di cui dispone per il sostegno alimentare dei meno abbienti, pubblicando un altro Avviso pubblico e modello di richiesta del beneficio, invieremo per i motivi citati e per le opportune verifiche una nota dettagliata all’ Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro - Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali - e all’Assessorato Regionale delle Autonomie Locali e della Funzione della Regione Sicilia.

Gesuele Fonti ed Eliana Mollica (Moderati per Calderone)

Regione: governo Musumeci nomina quattro dirigenti generali

Il governo Musumeci ha proceduto alla nomina dei dirigenti generali con competenze di Autorità di programmazione, per i quali era stato prescelto l'avviso pubblico con requisiti specifici. Si tratta di Ignazio Tozzo (Ragioneria generale), Benedetto Mineo (dipartimento Finanze/Fsc), Dario Cartabellotta (dipartimento Agricoltura/Psr) e Patrizia Valenti (dipartimento Formazione/Fse). Per il dipartimento della Programmazione, Autorità di gestione del Fesr, la Giunta regionale ha dato mandato di procedere all'avviso pubblico verso l'esterno per la selezione del nuovo dirigente generale, tenuto conto che non vi è stata alcuna domanda di partecipazione fra gli interni.

Alla luce del parere reso dal Consiglio di giustizia amministrativa, in sede consultiva, lo scorso 27 maggio e sentita la relazione del capo della segreteria tecnica della presidenza della Regione, la Giunta ha ritenuto necessario un ulteriore approfondimento tecnico-giuridico relativo alla posizione giuridica dei dirigenti di seconda fascia, prorogando l'incarico degli attuali direttori generali per 15 giorni.

«In questo momento - dichiara il presidente della Regione, Nello Musumeci - i cittadini si attendono concretezza e scelte adeguate. Per questo abbiamo dato priorità alla scelta di quei dirigenti ai quali sono affidate le delicate fase successive all'approvazione della legge finanziaria. Abbiamo individuato persone competenti e di grande spessore, riconosciute per la propria qualità. Per la prima volta si procede a nominare la dirigenza generale dopo un formale atto di interpello ed è un significativo metodo di lavoro improntato alla trasparenza e alla meritocrazia. Di questo ne sono assolutamente contento».

--

Buon Compleanno!

Auguri a Marzia Lorizio, Francesco Ingenito, Mirella Beraha, Maurizio Biviano, Giuseppe Aricò, Davide Giannitto, Antonio Giuffrè, Erina Iacono, Davide Casamento, Roberto Piemonte, Grazia Sciacchitano, Lucia Puglisi, Massimo Biviano

Come eravamo, pagine della nostra storia: Carnevale 1957 al Cinema Eolo a Lipari


Come eravamo, pagine della nostra storia: La Caravaggio e il porto di Sottomonastero (anno 1975)


Al via a giugno i lavori di ripristino e messa in sicurezza ad Acquacalda e Stromboli.

COMUNICATO STAMPA

Completati gli ultimi adempimenti amministrativi, prenderanno finalmente avvio, lunedì 1 giugno, i lavori di ripristino e messa in sicurezza infrastrutturale della frazione di Acquacalda (Lipari) e di Stromboli, duramente colpite dalle mareggiate nello scorso dicembre e per cui, con Ordinanza di Protezione Civile n. 657 del 28 marzo 2020, era stato dichiarato lo stato di calamità.
            Il Sindaco Marco Giorgianni, nominato Soggetto Attuatore per effettuo della stessa Ordinanza, ha seguito in questi mesi, nonostante gli inevitabili rallentamenti dovuti all’emergenza sanitaria da Coronavirus, il percorso amministrativo sia per quanto riguarda le progettazioni necessarie alle diverse aree colpite che gli stanziamenti e il recupero delle somme adeguate ad interventi risolutivi definitivi: “Iniziamo con i primi interventi di messa in sicurezza a Stromboli, con il ripristino della viabilità della Via Marina, e ad Acquacalda, con i lavori di ripristino parziale della viabilità della via Mazzini, che speriamo possano dare respiro al borgo e ai suoi abitanti. Si tratta, naturalmente di una prima fase, in attesa dell’approvazione definitiva da parte della Regione del progetto – ben più consistente e strutturato - di sistemazione e riqualificazione ambientale della costa di Acquacalda e di protezione dell’abitato e della strada litoranea, per cui abbiamo chiesto e ottenuto il recupero dei fondi residui di precedenti finanziamenti, per un importo totale di oltre 4 milioni di euro da eseguire in 2 lotti, e che dovrebbe verificarsi comunque in tempi brevi, per cui siamo in costante contatto con gli Uffici preposti. È in fase di svolgimento anche l’iter di approvazione degli interventi a Vulcano, in località Ponente e Gelso, di cui daremo notizie già nei prossimi giorni mentre, come noto, sono già stati realizzati i lavori di ripristino del molo di attracco degli aliscafi a Ginostra, effettuati tramite procedure in somma urgenza dal Comune di Lipari, prima ancora che fosse emessa l’Ordinanza di Protezione Civile e dichiarato lo stato di calamità.”
                                                     L’Amministrazione Comunale

La Chiesa festeggia San Massimo di Verona.


Oggi è il 29 maggio. Buongiorno con questa cartolina da Panarea


giovedì 28 maggio 2020

Esercizi commerciali, ad eccezione dei supermercati, aperti domenica e festivi. Ordinanza di Giorgianni

IL SINDACO

Rilancio del turismo. insorge Federalberghi. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 28 maggio 2020




Coronavirus: in Sicilia boom di guariti e nessun decesso. I dati al 28 maggio.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato ad oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 142.516 (+2.221 rispetto a ieri), su 122.600 persone: di queste sono risultate positive 3.438 (+3), mentre attualmente sono ancora contagiate 1.145 (-173), 2.021 sono guarite (+176) e 272 decedute (0).
Degli attuali 1.145 positivi, 80 pazienti (-3) sono ricoverati - di cui 8 in terapia intensiva (-2) - mentre 1.065 (-170) sono in isolamento domiciliare.
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province:
Agrigento, 38 (0 ricoverati, 102 guariti e 1 deceduto);
Caltanissetta, 18 (3, 144, 11);
Catania, 446 (29, 528, 98);
Enna, 15 (1, 378, 29);
Messina, 275 (26, 233, 57);
Palermo, 300 (18, 243, 35);
Ragusa, 18 (0, 72, 7);
Siracusa, 21 (3, 201, 29);
Trapani, 14 (0, 120, 5).
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

C.S. Lipari... Una storia a tinte rosso - blu: Stagione calcistica 95-96 - Il team che viene promosso dalla Promozione in Eccellenza (2 foto)

In Sicilia riaprono musei e Parchi archeologici, ingresso gratuito per una settimana.

Da sabato i musei regionali, i Parchi archeologici e gli altri siti siciliani della cultura riaprono al pubblico, dopo la chiusura forzata dovuta all’emergenza coronavirus. #Laculturariparte è il messaggio che la Regione vuole dare a tutti. E per farlo, dal 30 maggio a domenica 7 giugno i musei e le aree archeologiche dell'Isola apriranno gratuitamente. L’iniziativa del governo Musumeci segna il rilancio dell’attività culturale nella regione e vuole essere un gesto per ringraziare i siciliani e tutti coloro che, mostrando serietà e responsabilità, per oltre due mesi sono rimasti in casa, contribuendo, in questo modo, alla limitazione dei contagi, che in Sicilia, fortunatamente, non hanno raggiunto i livelli di altre zone d’Italia.

Per evitare code agli ingressi, sarà obbligatorio prenotarsi online in anticipo, cliccando sul link https://youline.eu/laculturariparte.html e verificando così la disponibilità nel giorno e nella fascia oraria prescelta, tenuto conto che gli ingressi saranno contingentati e sottoposti a tutte le misure sanitarie previste dalla legge. Per chi prenoterà la visita gratuita, basterà poi esibire all’ingresso il codice di prenotazione ricevuto. Non sarà consentito, per ragioni di sicurezza e per mantenere il distanziamento, l’ingresso a coloro che non avranno preventivamente utilizzato il sistema di prenotazione on line.

La riapertura avverrà, dunque, grazie a un sistema di gestione dei visitatori totalmente informatizzato, messo a disposizione gratuitamente da un’azienda che sponsorizza l’iniziativa. Si tratta dell’applicazione Youline, creata da due medici siciliani, che consente la gestione dei flussi, evitando assembramenti e code. Un sistema, che non richiede di installare software. Le stesse informazioni richieste per la prenotazione saranno conservate per un periodo limitato, nel rispetto delle disposizioni sulla sicurezza sanitaria e per ottenere i report sui flussi e i dati numerici.

«#laculturariparte è il messaggio che vogliamo dare a tutti – sottolinea l’assessore dei Beni Culturali e dell’identità siciliana Alberto Samonà – perché la Sicilia vuole ripartire sotto il segno della cultura, aprendo i siti archeologici, i musei e i luoghi della memoria. E lo facciamo gratuitamente, quale gesto di ringraziamento verso tutti i cittadini che responsabilmente hanno collaborato nel periodo dell’emergenza Covid-19, consentendo alla nostra Regione di mantenere livelli di contagio molto bassi. Per questo, mi sento di dire grazie a tutti i siciliani. Fra i siti che riaprono ci sono anche la Neapolis di Siracusa e Palazzo Bellomo e il pensiero non può non andare al direttore del Parco archeologico aretuseo Calogero Rizzuto e alla funzionaria Silvana Ruggeri, tragicamente scomparsi a causa del virus: dedichiamo a loro la riapertura, seguendo un filo rosso che non si è spezzato e che ci guida nel nome dell’amore per la cultura e la bellezza».

Questi i siti della cultura che riapriranno il 30 maggio:

Sabato 30 maggio riapriranno esclusivamente quei siti che si sono dichiarati pronti, anche in relazione alle prescrizioni sanitarie e di sicurezza a tutela di lavoratori e visitatori.
Museo regionale Agostino Pepoli di Trapani (sabato 30 maggio dalle 11 alle 22, negli altri giorni dalle 9 alle 17,30); Area archeologica di Segesta (dalle 9 alle 18,30); Area archeologica di Selinunte (dalle 9 alle 19); Valle dei Templi, Agrigento (30, 31 maggio e 2, 6 e 7 giugno dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 19,30; 1, 3, 4, 5 giugno dalle 15 alle 19); Villa Romana del Casale, Piazza Armerina (dalle 9 alle 19), Area archeologica di Morgantina (dalle 14 alle 18); Museo archeologico di Aidone (dalle 9 alle 19, lunedì 1 giugno dalle 14 alle 19); Teatro romano e Odeon, Catania (dalle 9 alle 19); Teatro antico di Taormina (dalle 17 alle 22), Area archeologica di Naxos (dalle 9 alle 19), Museo di Naxos (dalle 9 alle 19), Isolabella (dalle 9 alle 19); Museo archeologico eoliano “Bernabo Brea” di Lipari (dalle 9 alle 19, domenica e festivi dalle 9 alle 13); Galleria regionale di Palazzo Abatellis, Palermo (dalle 9 alle 19, chiuso il lunedì); Museo archeologico Salinas, Palermo (dalle 9 alle 18, domenica e festivi dalle 9 alle 13); Castello della Cuba, Palermo (dalle 9 alle 18, domenica e festivi dalle 9 alle 13); Chiostro di San Giovanni degli Eremiti, Palermo (dalle 9 alle 18, domenica e festivi dalle 9 alle 13); Castello della Zisa, Palermo (dalle 9 alle 18, domenica e festivi dalle 9 alle 13, chiuso il lunedì); Chiostro di Santa Maria La Nuova – Duomo di Monreale (dalle 9 alle 18, domenica e festivi dalle 9 alle 13); Museo di arte moderna e contemporanea, Palermo (dalle 9 alle 19,30, domenica e festivi dalle 9 alle 13); Area archeologica della Neapolis, Siracusa (dalle 9 alle 19); Galleria regionale, Siracusa (dalle 9 alle 19, domenica e festivi dalle 9 alle 12,30); Casa museo “Antonio Uccello” Palazzolo Acreide (dalle 9 alle 18,30, domenica e festivi dalle 14,30 alle 19). 
Gli ingressi saranno consentiti (sempre con la prenotazione online) per le fasce orarie previste nell’app di prenotazione. 
Per i siti della cultura gestiti da “Aditus” (Area archeologica della Neapolis e Palazzo Bellomo a Siracusa, Museo archeologico Bernabò Brea di Lipari, Teatro Antico di Taormina, Isolabella e Area archeologica di Naxos) sarà possibile prenotarsi online a partire dal pomeriggio di venerdì 29 (ore 17) con i sistemi già previsti per questi luoghi. 

Corse straordinarie in aliscafo nel fine settimana e il 2 giugno



COMUNICATO STAMPA

In attesa che la Regione Siciliana accolga la nota inviata qualche giorno fa dai Sindaci dei 4 Comuni Eoliani per richiedere l’avvio anticipato dell’orario estivo nei collegamenti marittimi, per cui è necessario apposito decreto presidenziale, si rende noto che per garantire da subito maggiore efficienza nel servizio sia in termini di numero di corse e dei relativi posti disponibili sia a garanzia delle misure di sicurezza e distanziamento sociale per i viaggiatori, l’Assessorato Regionale ai Trasporti e la Compagnia di navigazione Liberty Lines, che qui si ringraziano,  sono stati disponibili ad effettuare due corse straordinarie dei mezzi veloci per i giorni di venerdì 29, sabato 30 e domenica 31 maggio e per martedì 2 giugno con i seguenti itinerari/orari:

-          Partenza da Milazzo ore 10:00 per Vulcano – Lipari – S.Marina Salina - Panarea – Stromboli – Milazzo arrivo ore 14:00

-          Partenza da Milazzo ore 15:00 per Vulcano – Lipari – Panarea – Stromboli – Panarea – S.Marina Salina – Lipari – Vulcano – Milazzo arrivo ore 19:40
L’Amministrazione Comunale

Buon Compleanno!

Auguri a Julia Fabbro, Antonio Cosenza, Alessandro Giuseppe D'Angelo, Angelo Ziino, Marco Manni, Valentina Squadrito, Anthony Cappadona, Christian Sidoti, Giacomo Giampino, Daniele Fonti, Gaetano Di Mech, Pasquale Stella, Vincenzo Basile, Giulia Mollica

Come eravamo, pagine della nostra storia: 13 settembre 1956: La prima volta della Lipari

Tre interventi dell'elisoccorso a Lipari.

Per ben tre volte nell'arco di quattro ore l'elicottero dell'elisoccorso è intervenuto a Lipari per trasferire cittadini in strutture della terra ferma.
Per motivi diversi ad essere trasferiti sono stati due donne e un uomo.

Calderone: Ancora poche le corse per le Eolie

Isole Eolie, ancora poche corse.
L' ultimo aliscafo da e per Lipari è alle 17 e le corse sono ridotte.
Stamattina ho rappresentato quanto sopra all' onorevole Falcone, Assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità, il quale mi ha garantito che già si sta lavorando per aumentare le corse.
Gli abitanti dell'arcipelago eoliano non possono patire ulteriori danni e disagi.
Tommaso Calderone (Deputato Regionale)

Noi Eoliani dopo le dimissioni di Chiofalo: "Lipari ancora tradita nella speranza che ha riposto nei suoi amministratori"


COMUNICATO
Apprendiamo a mezzo stampa, con tristezza e rammarico delle dimissioni dell’ Assessore Luca Chiofalo. 
La tristezza e il rammarico sono indubbiamente rivolti verso la popolazione Eoliana che, in un momento così difficile della storia umana, si ritrova all’orizzonte la più scura programmazione in ogni campo. 
Si rammarica come una compagine politica che rappresentando la maggioranza della popolazione del Comune di Lipari non riesca a far convogliare in un nome o in una programmazione adeguata un’ideologia di politica e di indirizzo che soltanto pochissimi giorni fa sembrava sposata e apprezzata. 
Tristezza per Lipari che ancora oggi si ritrova tradita nella speranza che ha riposto nei suoi amministratori i quali, in virtù del momento particolare e con spirito di responsabilità, avrebbero dovuto trovare , linee, prospettive, strade di collaborazione e programmazione. 
Rammaricati che neppure la morte annunciata di un territorio che subisce, pur essendone stato esente, le conseguenze della pandemia, abbia investito amministratori e politici della responsabilità insita nel ruolo che hanno giurato. Gli uomini liberi non si piegano ma gli amministratori, come buoni padri famiglia hanno il dovere di trasformare quella libertà e modellarla per il bene comune.

Calcio: Prima che fosse C.S. Lipari (1 Gennaio 1956)

Lipari, dopo 70 giorni si dimette l'assessore Luca Chiofalo: "inconciliabili divergenze con i consiglieri di maggioranza"

“Con questo atto, decreto la fine di ogni mia presente e futura velleità politica. Un abbraccio e le mie scuse a tutti coloro che hanno creduto potessi dare un contributo significativo alla cura dell’interesse collettivo ed alle prospettive della nostre comunità”. Così scrive su fb l’ormai ex assessore Luca Chiofalo

DAD diventa occasione di "gemellaggio"

Quando la sera del 4 marzo si è saputo attraverso i media nazionali che le scuole sarebbero rimaste chiuse per un po’, nessuno immaginava che non avrebbe più “rivisto”, senza l’ausilio di monitor e dispositivi elettronici, i propri alunni.
La scuola è fatta di empatia, sguardi, emozioni, complicità tra ragazzi, bambini e insegnanti.…tutto questo ci manca.
Noi docenti ci siamo reinventati, abbiamo imparato nuove modalità di lavoro, gli alunni sono stati pronti ad innovarsi e cimentarsi in questo nuovo modo di fare scuola, abbiamo insieme scoperto mondi nuovi e condiviso comunque esperienze educative e didattiche “senza confini”.
La scuola non si è fermata !
Riporto di seguito le parole di una mia collega che insegna alla scuola media Santa Lucia che con professionalità e caparbietà non ha rinunciato a far vivere ai suoi alunni le esperienze promesse !


“In una calda giornata dell’agosto 2019 nasce un desiderio… Proporre al Preside della mia attuale scuola, IC Lipari S.Lucia, di fare un gemellaggio con la scuola di Asti, in cui ho lavorato qualche anno fa. L’entusiasmo viene subito accolto e si moltiplica grazie alla viva e fervida collaborazione del Preside Renato Candia dell’IC Lipari S. Lucia, della Preside Rosa Savarese dell’IC” di Asti e degli ex colleghi astigiani. Nel corso dell’anno questa idea diventa sempre più reale fino ad arrivare alla programmazione di una gita ed un vero e proprio incontro tra i ragazzi di Lipari ed Asti. Sarà una gita fantastica: salone del libro, Torino, città nuove!!! L’attesa si riempie di significati, amicizie a distanza che bramano di veri abbracci… È quasi tutto pronto quando: arriva il Codiv-19! E tutto svanisce! Ma non del tutto, non per tutti. Scopriamo la DAD, insegnanti ed alunni si cimentano in questa impresa, si sperimentano varie soluzioni, ci si tiene in contatto! E allora, ecco che le distanze si accorciano, tanto da tenere unite, forse ancor più di prima, quelle due scuole che avevano deciso di incontrarsi. I lavori svolti insieme a distanza si intensificano e così nascono il Dantedì, attività comuni sulla Resistenza Partigiana per il 25 Aprile, che ci ha regalato anche un saluto da parte del Sindaco Rasero venuto a conoscenza del gemellaggio.

Ma la cosa che più ci rende soddisfatti è che ad unirci è stata la “lettura”. Per un intero anno le classi terze dei due istituti leggono contemporaneamente un libro “La mia Estate Indaco” di un autore astigiano Marco Magnone. Il progetto è proposto dalla Biblioteca G. Faletti di Asti, e nonostante i chilometri che ci separano, l’IC S. Lucia decide di partecipare con piacere all’iniziativa.

Oggi le classi terze dei due Istituti Comprensivi, hanno concluso in bellezza l’originale progetto: incontrare l’autore. Marco Magnone si è presentato ai nostri alunni che lo hanno travolto con le loro domande e lui, gentilissimo come sempre, ha affrontato con loro tutte le tematiche trattate nel libro: adolescenza, amori, amicizie, partenze e nuove conoscenze, soffermandosi anche sul magico rapporto nonni-nipoti. I ragazzi hanno dedicato a Magnone un ebook con racconti e disegni, un piccolo simbolo del loro impegno.

L’incontro di oggi ha concluso un progetto, ma ha aperto ai nostri ragazzi la possibilità di scoprire che la lettura è vita, unione, amicizia, dialogo e viaggi, che vale la pena vivere intensamente.

Orgogliosa delle mie scuole gemelle”

Prof.ssa Formica Alessandra.

Le Eolie nella II° guerra mondiale (a cura dello storico Giuseppe La Greca)

CENTRO STUDI E RICERCHE DI STORIA E PROBLEMI EOLIANI
(Giuseppe La Greca) Con l'arrivo della guerra il 10 giugno 1940 comincia per gli eoliani un duro periodo di difficoltà, di incertezze, di lotta per la sopravvivenza. Lipari vedrà la guerra da vicino solo poche volte ed in un solo caso essa procurerà dei morti. Oltre all'evento dell'affondamento del Santamarina su cui ci soffermeremo due altri episodici di natura bellica furono registrati nelle isole. Nel 1942 un sottomarino inglese silura l'incrociatore Bolzano della Marina nelle acque di Panarea e negli stessi mesi – ricordano gli anziani che vissero quegli anni – ci fu una sorta di mobilitazione popolare per dei volantini che erano stati trovati per le strade con su scritto "Cittadini scappate del mare che stanotte bombarderemo". Non si seppe mai se veramente questo volantino fosse destinato a Lipari o era lì giunto o per un disguido o per lo scherzo di qualche bontempone – non mancano mai nemmeno nelle situazioni meno opportune – che l'aveva raccolto a Messina o in altra parte della costa tirrenica. Il fatto è che la notizia del volantino passò di casa in casa e nel pomeriggio ci fu un esodo verso le campagne di intere famiglie con i beni di prima necessità. Poi la notte non bombardarono. Ci fu solo un rapido volo di aereo che gettò sull'area del porto spezzoni incendiari per illuminarlo e poi andò via. Fu una notte a metà fra una veglia carica di preoccupazioni per le case, il futuro e la scampagnata paesana. Comunque l'indomani mattina la maggior parte dei liparesi tornò alle sue case archiviando l'evento.
Ma se non ci furono bombardamenti ed azioni cruente sul territorio non per questo alla popolazione furono risparmiati disagi e sofferenze. I cibi cominciarono a scarseggiare e alcuni beni di prima necessità – il pane, la pasta, lo zucchero, ecc. – erano razionati a mezzo di una tessera familiare. La carne si poteva acquistare una sola volta la settimana – per solo 100 grammi – con lunghe file estenuanti di fronte alle macellerie autorizzate. Si consumava farina di mais ed anche di piselli e il pane aveva a volte un colore assai strano. Il caffè era quello ottenuto dai ceci o dall'orzo.
Pur in un clima di totale censura per le informazioni resa più efficace dall'insularità, qualche notizia sul reale andamento del conflitto filtrava anche a Lipari e che le cose non andavano bene la gente comincia a capirlo perché alla propaganda euforica dei primi mesi fa seguito,nel tempo, un silenzio sempre più assordante e così il pessimismo comincia a serpeggiare. Anche le modalità dell'austerità e dell'autarchia che in un primo momento erano state accettate quasi con divertito interesse e così si canticchiava la canzone – in perfetta sintonia con la propaganda fascista - sull'"orticello di guerra" e alcuni riconvertivano il pezzetto di terreno vicino casa seminando ortaggi invece di fiori, col tempo divengono sempre più pesanti e accolti con insofferenza. Così è per l'oscuramento e la limitazione della luce elettrica a cui ormai da quasi quindici anni la gente si era abituata. Dall'imbrunire all'alba i paesi e le città dovevano rimanere al buio e dalle finestre e dai balconi non doveva filtrare alcuna luce.
L'affondamento del Santamarina
Un'altra occasione di disagio erano divenuti i trasporti marittimi. Requisiti i piroscafi Vulcano, Luigi Rizzo ed Eolo rimaneva a svolgere il servizio regolare solo il Santamarina fino a quando il 9 maggio del 1943 non fu affondato da un sommergibile inglese. L'evento fu un grande dramma per la popolazione eoliana perché nell'affondamento perirono 61 persone e non ci fu famiglia che non fosse toccata dalla tragedia.

Lo sbarco degli inglesi
La guerra era ormai agli sgoccioli. La notte fra il 9 e il 10 luglio 1943 le truppe alleate sbarcano nei pressi di Gela e cominciano a dilagare per la Sicilia. Palermo fu occupata il 22 luglio ed il 3 agosto gli americani entrarono a Catania. Il 17 agosto, martedì, capitolò Messina e lo stesso giorno, alle 12 e 30, gli inglesi sbarcarono a Lipari con tre mass ed un cacciatorpediniere che operava nei dintorni. Scesero a terra ufficiali, marinai ma anche dei siciliani che si erano trasferiti in America da vari anni.
"Alla vigilia dello sbarco – raccontano alcuni testimoni - , ormai ritenuto imminente, ansia e paura si diffusero tra la gente, nella convinzione peraltro che il nemico avrebbe fatto razzìa di tutto. E così furono parecchi coloro che si preoccuparono di nascondere o addirittura sotterrare denaro, preziosi, argento e quant'altro si riteneva opportuno fare scomparire. Ma poi la paura si mostrò infondata. La truppa da sbarco era composta da un capitano e pochi soldati. La popolazione fu semplicemente invitata a denunciare e depositare presso i Carabinieri ogni tipo di arma posseduta. E così in caserma vennero ammassati vecchi fucili, revolver, sciabole. Più cimeli che vere armi".
Il governo del colonnello Jeo
Il colonnello Jeo giunse il 24 agosto e prese possesso del Municipio assumendo i pieni poteri e governando per circa nove mesi sino al 12 maggio del 1944 quando lasciò l'isola. L'iniziativa più importante intrapresa dal colonnello è quella di aver pensato a rimettere ordine nel sistema scolastico eoliano.
Per la scuola, nell'ottobre 1943, il col. Jeo chiede la collaborazione della professoressa Isabella Eller Vainicher Conti . Napoletana di famiglia e di nascita, fin dal 1933, dopo che si era sposata con Riccardo Conti, la professoressa si era trasferita a Vulcano dove aveva creato la prima scuola elementare dell'isola, una scuola sussidiaria privata per i figli dei coloni, diretta e sostenuta solo da lei.
Fu probabilmente perché si era reso conto delle grandi doti organizzative e soprattutto della sua forte volontà che il Governatore inglese le chiese di riorganizzare il sistema scolastico eoliano. Lo studio approfondito della situazione e delle esigenze della popolazione studentesca delle Isole, la portò a richiedere subito la soppressione dell'esistente Scuola di Avviamento Professionale e la creazione di una Scuola Media e di un Istituto Tecnico Commerciale, che lo stesso Governatore istituiva con Decreto il 1 dicembre del 1943.
Un nuovo sindaco
La vita politica locale riprenderà nel maggio del 1944 quando il colonnello Jeo lascerà Lipari. Durante il periodo del Governatorato le funzioni di Sindaco le aveva svolte il segretario comunale Ugo Sclafani. Partito Jeo il Comitato di Liberazione Nazionale designa come primo sindaco della Lipari liberata l'avv. Francesco Casaceli che svolgerà questo ruolo per più di un anno fino all'ottobre 1945. Casaceli era un moderato ma anche un democratico e fu quello che in pieno fascismo, nel corso di un Consiglio comunale ebbe il coraggio di commemorare l'uccisione dell'on. Giacomo Matteotti caduto per mano di sicari fascisti.

La Chiesa festeggia oggi San Germano di Parigi

Oggi è il 28 maggio. Buongiorno con questa cartolina da Filicudi.