Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 26 settembre 2009

Federmar-Cisal. Lunedì sciopero di 24 ore dei marittimi Siremar. Garantiti i servizi essenziali

COMUNICATO
La FEDERMAR – Federazione Marittimi aderente CISAL – ha dichiarato per il giorno 28 settembre 2009 24 ore di sciopero per i dipendenti della SIREMAR S.p.A., Società esercente servizi marittimi regionali di collegamento con le isole minori. Il personale imbarcato si asterrà dal lavoro dalle ore 00.00 alle ore 24.00 del 28/09/2009.
Saranno interessati i collegamenti con le isole Eolie, le Egadi, la linea Palermo – Ustica, la linea Milazzo – Napoli, la linea Porto Empedocle – Linosa e la linea Porto Empedocle – Lampedusa. Saranno, in ogni caso, assicurati i servizi essenziali previsti dalla legge 146/90 e dagli accordi in essere.
Questa O.S., proclamato lo stato di agitazione, ha dovuto prendere atto che la Siremar non ha voluto esaminare le problematiche illustrate, sempre da questa O.S., in materia di regolarizzazione ed adeguamenti degli status contrattuali del personale navigante, anche in presenza dei diritti acquisiti, e di riconoscimento di qualifiche e mansioni per il personale amministrativo. Vedi, per esempio: la regolarizzazione del personale avente diritto ai passaggi in Ruolo Organico, in Continuità di Rapporto di Lavoro e di conseguenza la riformulazione del turno particolare, il che significa maggiore garanzia per le famiglie di coloro che hanno svolto il loro lavoro con serietà; il caso alloggi per il personale che per motivi di servizio deve pernottare fuori sede; da anni, pure se la Siremar rappresenta, comunque, una solida e forte situazione economica, costringe detto personale a trascorrere la notte in locali vetusti, con ambienti poco salubri, che presentano servizi in numero tale da non garantire la necessaria e civile riservatezza personale. La realtà ambientale in cui versa la Siremar non è proprio una gradevole rappresentazione di civiltà, un gruppo di lavoratori è impegnato a risollevarla da questa condizione riscontrando non poche difficoltà, mentre, come è ormai a conoscenza di tutti, incombe la privatizzazione del Gruppo Tirrenia di cui fanno parte le collegate regionali Siremar, Caremar, Toremar, Saremar. Notizie e dichiarazioni, anche di fonte governativa, si accavallano nel prospettare l’imminente avvio delle procedure per la suddetta privatizzazione.
La Federmar – Cisal ha sempre espresso viva preoccupazione per i posti di lavoro, in quanto il proposito del Governo di trasferire le società minori del Gruppo Tirrenia alle rispettive Regioni con l’obbligo, dettato da precise disposizioni dell’Unione Europea, di affidare i servizi di collegamento con le isole minori, oggi gestiti dalla Siremar, tramite procedure di aggiudicazione aperte e non discriminatorie, in assenza di un programma quale garanzia sociale, potrebbe divenire motivo di disoccupazione. Gare aperte significa la partecipazione di chiunque abbia i titoli richiesti, quindi per questa organizzazione sindacale non è dato per scontato che un domani saranno le attuali società Siremar, Caremar, Saremar, Toremar a svolgere i collegamenti richiesti e quindi si aprirebbero inevitabilmente gravi problemi occupazionali, tenuto pure conto che le eventuali aziende subentranti non avrebbero alcun obbligo di assumere navi ed equipaggi dalle aziende uscenti. Per questi motivi la Federmar – Cisal ha sempre giudicato indifferibile l’apertura di un confronto con il Governo per entrare nel merito delle garanzie e degli strumenti di carattere sociale da attivare a difesa dei livelli occupazionali e dei lavoratori nell’ambito di tale operazione

Il convegno Eures a Lipari. Il punto di vista di Christian Del Bono (Federalberghi)

(Christian Del Bono) Il Convegno organizzato dal Dipartimento Lavoro -Servizio Eures (European Employment Services - Servizi europei per l'impiego) dell'Assessorato Lavoro della Regione Siciliana, dal Ministero del Lavoro e dalla Federalberghi Isole Eolie, con il supporto del GAL Leader II Eolie, dal titolo "Eures e la mobilità dei lavoratori provenienti dai paesi appartenenti alla U.E. - una risorsa per l'imprenditoria eoliana", tenutosi quest'oggi all'Hotel Gattopardo, ha permesso agli imprenditori e alle istituzioni presenti di meglio comprendere quali siano le opportunità in materia di selezione, formazione ed impiego del personale comunitario.
Il Servizio Eures, le cui finalità sono state egregiamente illustrate dal coordinatore nazionale, Dott. Costantino, e da quello regionale, Dott. Badami, potrà sicuramente contribuire a migliorare il "matching" tra domanda e offerta. Da una parte, il servizio consentirà alle nostre imprese di fruire gratuitamente di un servizio professionale di ricerca e di selezione, mirato alle precipue esigenze di ogni singola azienda, con un raggio di azione che spazia sull'intero territorio comunitario. Dall'altra, sarà possibile offrire ai giovani eoliani l'opportunità di usufruire delle potenzialità in uscita del servizio, permettendo loro di proporsi, attraverso una rete internazionalmente riconosciuta, ai vari paesi membri del'Unione, in base alle proprie competenze, aspirazioni e conoscenze linguistiche.
Sono state, inoltre, accolte con grande interesse le dichiarazioni del Dott.Bologna, Dirigente Generale dell'Assessorato al Lavoro della Regione Sicilia, con riferimento alla disponibilità a fornire un'informazione mirata alle necessità del territorio sugli strumenti correnti in materia di flessibilità del lavoro. Laddove gli strumenti devono consentire di trovare la soluzione di impiego ottimale di risorse umane che, nella stragrande maggioranza dei casi, si trovano alle prese con impieghi di natura stagionale o temporanea.
Di assoluta rilevanza l'apertura del Segretario Generale del Ministero al Lavoro, Dott. Verbaro, all'eventuale ipotesi di creare proprio alle Eolie un'area pilota per attuazione del progetto "Lavoro e Sviluppo 4". Questo fornirebbe alle attività produttive strumenti finanziari di primaria utilità per il miglioramento dell'occupazione e la formazione del personale.
Federalberghi Isole Eolie registra, infine, con soddisfazione la piena disponibilità sia da parte della dirigenza del Ministero sia da parte di quella dell'Assessorato Regionale Lavoro, nel voler avviare un processo bottom-up attraverso il quale recepire, appunto dal basso, le istanze degli attori locali del territorio.

CINEMA: I VINCITORI DEL SALINADOCFEST 2009

Si assegnano i premi della griffe del SalinaDocFest per i migliori film a Malfa, a Salina. Il "Premio Salinadocfest - Tasca D'Almerita", riservato al Miglior Documentario "Il mio paese: gli invisibili", se lo aggiudica il film ''Padre nostro'' di Carlo Lo Giudice ''Per l'intenso trattamento cinematografico della relazione padre-figlio, ritratta nella sua intimita' piu' estrema, pur conservando il massimo rispetto per i personaggi. Film di alta intensita' emozionale, capace di trasmettere allo spettatore, grazie a un'elaborazione di grande bellezza estetica, sensazioni e sentimenti umani raramente investigati nel documentario attuale ''. Questa la motivazione della giuria costituita da Irene Bignardi, Antonio Delgado, Agostino Ferrente, Pietro Montani, Iacopo Quadri.
Due le menzioni speciali della giuria: ''En enero, quiza's'' di Diogo Costa Amarante e ''Earthquake '68 - Gente di Gibellina'' di Emanuele Svezia. Il "Premio Docume'" e' invece assegnato al film ''Noi che siamo ancora vive'' di Daniele Cini; il "Premio Ip Pubblico Salina" (Premio del pubblico di Salina) al film ''Noi che siamo ancora'' vive di Daniele Cini (Italia, 2008); il "Premio Documentiamoci" attribuito dal pubblico di Salina al miglior documentario della sezione ''Finestra Sul Presente'' va al film ''Below Sea Level'' di Gianfranco Rosi

Calcio: Al via domani il campionato di 1° categoria. La Ludica Lipari esordisce ad Alcara Li Fusi

(Giuseppe Cirino) Domani alle ore 14:30 partirà il campionato di 1^ Categoria della Lega Nazionale Dilettanti Comitato Regionale Sicilia. Ad aprire i giochi, con un’ora d’anticipo, sarà la Ludica Lipari, impegnata in trasferta contro l’Alcara Li Fusi ( l’anticipo di un’ora rispetto al calendario previsto, è stato concesso dalla LND per consentire agli eoliani di rientrare in giornata a Lipari, cosa che altrimenti sarebbe impossibile vista la notevole distanza da percorrere.
I ragazzi di Caruso e Licastro, ieri, hanno effettuato l’allenamento di rifinitura in vista dell’importate impegno di domenica.
Questa nuova "avventura", comunque, ha avuto inizio il 27 Agosto con l’avvio della preparazione che, con grande sorpresa da parte di tutti, ha visto presenti al Franchino Monteleone la media di 25 ragazzi che con assiduità hanno svolto i 4 allenamenti settimanali previsti.
Si spera che l’impegno ed il sacrificio vengano ora premiati con un risultato positivo già in trasferta. I tecnici hanno dichiarato che, “serve ancora un buon lavoro di scarico prima che la rodata macchina della Ludica possa esprimere il suo miglior gioco”.
In questo momento a preoccupare non è la forma fisica ma, piuttosto, le precarie condizioni dello stadio Franchino Monteleone che non si presenta ancora al meglio. La sfida per la prima partita in casa del 04/10/2009 con il Rocca di Caprileone è quello di rendere il campo di calcio idoneo allo svolgimento della gara, e per questo dirigenza e giocatori saranno impegnati nella prossima settimana in sforzi supplementari, con la collaborazione delle altre società sportive che usufruiscono della struttura. Intanto il rettangolo di gioco viene ancora utilizzato come elisuperficie da parte di società private.
Comunicazione: il sorteggio indetto dalla Ludica Lipari, si svolgerà Domenica 04/10/2009 presso lo stadio Franchino Monteleone, nell’intervallo della partita di campionato.

Lettere al direttore. Ancora sulla "lettera firmata"

Mi spiace di avere suscitato polemiche per l'email* non firmata, ma sia per mio carattere, che per la delicatezza della mia professione preferisco non apparire.
Terrei a precisare però che l'espimere delle opinioni, se valide, dovrebbe suscitare discussioni costruttive indipendentemente da chi le abbia prodotte.
Mi viene un dubbio: le idee vengono prese in considerazione per quel producono o per l'appartenenza ad un gruppo sociale o ancor peggio ad uno schieramento politico?
Se fossero valide quest'ultime ipotesi, mi sentirei "onorata" a non aver esplicitato la mia appartenenza.
Se le considerazioni espresse ieri sono degne di nota, discutiamone e magari organizziamo dei dibattiti aperti ai quali, sarei onorata di partecipare.
Ringrazio voi direttori dei notiziari online per avermi dato questa opportunità.
Lettera firmata

*L'email a cui si fa riferimento è a quella da noi pubblicata ieri con il titolo Lettere al direttore "Vedo una gran confusione di idee e di proposte.. "

A proposito di discariche...incontrollate e ...insanzionate

Abbiamo affrontato proprio stamani la questione delle discariche e del deposito di materiale vario lungo tutta l'isola. Lo abbiamo fatto prendendo spunto da un articolo della Gazzetta del Sud che evidenziava l'intenzione di applicare a Messina la "tolleranza zero" per questo fenomeno. Lo abbiamo fatto chiedendoci cosa si è fatto e cosa si vuole fare a Lipari.
Di certo sino ad oggi poco o nulla. Lo dimostra questa bella discarica (se preferite deposito) di ogni genere di porcherie all'interno di Porto Pignataro a Lipari, a pochi metri dall'ascensore di una attività ricettiva. La foto per la cronaca è delle dieci di stamane.
E' davvero così difficile capire..e sanzionare.. i responsabili?
Chiediamo scusa se ci sbagliamo! Probabilmente (il dubbio ci è sorto scrivendo) non siamo a conoscenza che la "discarica" è stata già avvistata dagli organismi competenti(come sembra avvenga ogni qualvolta una problematica viene attenzionata dai blog o dai cittadini). Magari si sarà già anche individuato il colpevole!

A Messina tolleranza zero per gli "untori" e a Lipari cosa si pensa di fare?

Tolleranza zero contro gli "untori". L'aveva preannunziata nei giorni scorsi il presidente di MessinAmbiente, riferendo delle prime denunce all'autorità giudiziaria relative a casi di cittadini colti in flagrante mentre smaltivano illegalmente rifiuti di ogni genere e dimensione. Ma ora il sindaco Buzzanca e l'avvocato Nino Dalmazio dichiarano "guerra" su tutto il territorio comunale: «È un malcostume che a Messina è diffuso più che in altre città, è uno sfregio all'immagine ed è anche un "buco nero" nei conti pubblici, perché per risanare i tratti deturpati spendiamo in media ogni anno più di un milione di euro».
Dall'alba del 2009 fino a ieri mattina sono state bonificate 1182 discariche abusive. Un numero enorme, a rispecchiare un fenomeno che non conosce zone di serie A o di serie B. Tre giorni fa – confermano gli uomini della polizia municipale e di MessinAmbiente – perfino a piazza Cairoli qualcuno aveva depositato suppellettili e materassi. In quel caso si è intervenuto subito, ma è la conferma che davvero si è oltrepassato il segno. E il Comune ha deciso allora di seguire altre strade rispetto anche al recente passato: stavolta niente più lamentazioni e accuse generiche, ma la meticolosa ricerca delle responsabilità. Sono state denunciate finora numerose ditte e diffidati parecchi esercizi commerciali del centro, si è ventilato il reato di inquinamento ambientale (e non solo di smaltimento illegale dei rifiuti), è stato chiesto anche il risarcimento dei danni.
Sembra una delle fatiche di Ercole. Vi sono aree dove le discariche a cielo si sono riformate anche a un'ora di distanza dal passaggio dei mezzi Nu. Vi sono casi eclatanti come quello del litorale di Maregrosso, dove nei giorni scorsi è stata posta sotto sequestro un'ampia porzione di spiaggia "sequestrata" da un privato e adibita a deposito di elettrodomestici in disuso. Era uno "spettacolo" ben conosciuto, evidenziato nelle immagini e nelle riprese televisive durante i sopralluoghi effettuati via mare dalla guardia costiera e dalla polizia municipale. Finalmente si è intervenuti.
Che si sia in presenza di una vera e propria emergenza ambientale, è fuor di dubbio. Ed è ancora più grave se si pensa che sono pochissimi, almeno in percentuale, i cittadini che fanno ricorso al servizio di smaltimento dei rifiuti ingombranti.
Il sindaco Buzzanca si appella ai messinesi: «Senza il contributo dei cittadini, la nostra è solo una lotta contro i mulini a vento. Possiamo prenderci in carico tutte le colpe del mondo, ma dovrà farlo anche chi non vuol bene a questa città. Staneremo giorno per giorno i responsabili e li obbligheremo a pagare i danni arrecati all'ambiente e all'immagine di Messina». Tolleranza zero, appunto. (Gazzetta del Sud)

NDD- Se Messina piange Lipari non ride di certo. Discariche piccole, medie e maxi e di ogni tipologia sorgono dappertutto. Elettrodomestici,mobili, materassi, sono sempre più abbandonati vicini ai cassonetti; gli stessi "prodotti" più olii esausti ed inerti vengono abbandonati ovunque a formare vergognose discariche.
Logico chiedersi cosa si fa e cosa farà l'amministrazione, forse anche l'ATO, per bloccare lo scempio e l'inquinamento ambientale.
Non si può continuare a giustificare il tutto con l'esiguità delle forze a disposizione nell'ambito della polizia municipale. E se è vero che i vigili sono pochi e non possono fare tutto, è anche vero che esistono altre strade. Ad esempio la videosorveglianza nei punti strategici, le guardie ecologiche, ecc.
Sono questi solo due esempi, sarà la pubblica amministrazione a trovare le soluzioni migliori se davvero si vuole ancora porre fine a questa vergogna e salvare l'ambiente... inevitabilmente anche con l'applicazione di multe salate (per come vanno le cose il finanziamento per la sorveglianza è garantito) e delle previste denunce all'autorità giudiziaria.
C'è realmente questa volontà? Ci auguriamo di si, altrimenti il nostro è solo tempo perso!

L'on. Romano era eleggibile: seggio salvo alla Regione. Ribaltata sentenza di primo grado

L'on. Fortunato Romano, messinese e attuale assessore comunale alla Protezione civile, eletto nella lista dell'Mpa all'Assemblea regionale nelle consultazioni di un anno e mezzo fa, vicino al parlamentare nazionale Carmelo Lo Monte, resta deputato a Sala d'Ercole. La Prima sezione civile della Corte d'appello palermitana ha accolto le tesi prospettate dai legali del parlamentare peloritano e di un elettore, ribaltando la sentenza di primo grado che nei mesi scorsi aveva dato ragione a Santino Catalano, primo dei non eletti che aveva sollevato una questione di ineleggibilità. A tutelare la posizione dell'on. Romano (circa 9000 preferenze personali) sono stati gli avvocati Velardio, Miracola, Caldarera e Raimondi. «Sono sempre stato fiducioso nella giustizia», ha commentato ieri l'on. Romano. «Non era possibile che i tanti anni dedicati all'associazionismo e al sociale potessero essere motivo di esclusione da una carica elettiva così importante conquistata grazie al consenso di migliaia di messinesi».

venerdì 25 settembre 2009

"Le lettere firmate". L'opinione di Roberto Piemonte

Caro Direttore,
ho letto l'intervento dell'amico Adolfo Sabatini, in merito alle cosiddette "lettere firmate", che condivido in pieno.
Ogni volta che leggiamo una "lettera firmata" credo venga quasi istintivo chiedersi: firmata, firmata da chi?
Fermo restando le motivazioni che possano indurre chi scrive e chiede da far pubblicare i propri scritti a trincerarsi dietro un incomprensibile anonimato che, certamente, non gli rende onore, appaiono troppo superficiali le giustificazioni addotte dai notiziari circa la pubblicazione di questi scritti in quanto non lo trovo eticamente corretto nei confronti di chi legge e nei confronti di chi, eventualmente, potrebbe replicare e/o argomentare sulle varie questioni oggetto delle "lettere firmate" che, forse, rischiano anche di diventare di moda e se così fosse mi chiedo e Vi chiedo quali benefici Vi potranno essere per la stessa informazione tenendo conto del ruolo importante che oggi i media, in tutte le loro forme, rivestono.-
Con la stima di sempre
Roberto Piemonte

Acquacalda: Situazione generale sempre più tragica. Il CASTA scrive anche all'on. Prestigiacomo e a Bertolaso

"Situazione criticità frazione di Acquacalda-Lipari" è l'oggetto della lettera che il C.A.S.T.A. (Comitato Apartitico Salvaguardia Territorio Acquacalda) ha inviato, a firma del suo presidente Enzo Mottola, al Ministero Territorio e Ambiente (c.a. On. Stefania Prestigiacomo), alla Protezione civile (dott. Guido Bertolaso), alla Protezione civile regionale, al Presidente della Provincia regionale, al Prefetto di Messina, alla Direzione marittima di Catania,al Circomare Lipari e al sindaco di Lipari. IL TESTO:
Ancora una volta ci corre l’obbligo di richiamare l’attenzione di tutte le Autorità competenti sulla reale situazione di pericolo in cui versa tutta la zona alta di Acquacalda, frazione di Lipari.
Come è a tutti noto la falesia che va da Grotte delle mosche a Porticello, è interessata da un fenomeno di “erosione progressiva” così come venne definito dall’ing. Cocina della Protezione Civile di Palermo, nella drammatica riunione del giorno 8 novembre 2008 nella sede comunale di Lipari.
Altrettanto note sono le cause di tale disastro ambientale e ci sembra superfluo elencarle ulteriormente.
Purtroppo il segno inequivocabile di quanto seria sia la situazione è dato dalla voragine verificatasi l’8 novembre 2008, tuttora in progressivo aumento, come testimoniato dalle immagini fotografiche.
Va ben sottolineato che buona parte della zona è abitata non da sporadici turisti bensì da intere famiglie che qui vivono quotidianamente.
L’unico intervento sin qui attuato dall’Amministrazione Provinciale è stata la realizzazione della “bretellina” che ha permesso, dopo quattro lunghissimi mesi, di riunificate i due tronconi della borgata.
Nel novembre 2008, il Ministero dell’Ambiente stanziava 900 mila euro per “interventi a tutela dell’ambiente e del suolo”, specificatamente per Acquacalda.
Ad oggi, l’Amministrazione Comunale ha ancora in fase di studio l’intervento da attuare.
È appena il caso di evidenziare che il finanziamento sopraccitato, al netto degli oneri amministrativi ammontanti al circa il 40%, metterà a disposizione 500/600 mila euro! È ben evidente che per il risanamento e la messa in sicurezza dell’intera zona c’è bisogno di ben altre cifre!
Tutta questa premessa sarebbe stata del tutto superflua poiché, a chi ha competenza in materia, sono tutti fatti ben noti, peraltro puntualmente segnalati, sin dalla nascita del nostro Comitato, nella corposa corrispondenza che, ci duole constatare, raramente è stata presa nella giusta considerazione.
Ci deve scappare necessariamente il morto?
Per dare credibilità alla voce di chi qui vive c’è bisogno necessariamente dell’appoggio del potente o del politico di turno?
Per non essere tacciati di mero qualunquismo, becero disfattismo, inopportuno nichilismo, mancanza di senso civico e quant’altro, ci permettiamo formulare alcune proposte e di sottoporle all’esame di chi vorrà, benevolmente, leggere.
1. Nomina una commissione paritetica ristretta, formata da tecnici degli Enti competenti (Protezione Civile, Amministrazioni regionali, provinciali e comunali, Demanio Marittimo) che, in tempi veramente brevi, siano in grado di esaminare, valutare e rendere pubblico l’esatto stato della zona in questione, indicare i necessari interventi per il totale risanamento ambientale, elaborare un preciso programma attuativo dei lavori da eseguire e soprattutto chiarire inequivocabilmente a chi tali lavori competono, al fine di evitarci ulteriori disdicevoli giochini a scarica barile.
2. Nell’incontro con il Sindaco del 16.06.09, avente come oggetto primario la rimozione del pontile di ferro dell’Italpomice, ci permettemmo di suggerire di adoperare gli otto piloni di testata del pontile stesso (già ampiamente collaudati) come base di appoggio di un molo, debitamente progettato, che costituirebbe un valido baluardo contro i marosi, proteggendo particolarmente la fascia costiera maggiormente danneggiata dall’erosione marina. (tant’è che fu redatto un preventivo di spesa, per la rimozione parziale del relitto per circa 35mila euro successivamente sostituito da un ulteriore preventivo per ben 143mila euro).
Quali possono essere i motivi ostativi per un siffatto intervento?
In una logica di corretta programmazione non sarebbe opportuno valutare tale soluzione al fine anche di notevoli risparmi di spesa?
Ci sembra che i tempi siano più che maturi per affrontare in maniera definitiva un problema che interessa direttamente la sopravvivenza di una intera frazione, ma anche indirettamente tutta l’isola di Lipari, patrimonio dell’umanità, poiché, per triste esperienza vissuta, l’interruzione della S.P. 180 non ha consentito i collegamenti nell’intera isola e se un ulteriore impedimento dovesse verificarsi, a ridosso della stagione turistica, costituirebbe un ennesimo gravissimo colpo alla già dissestata economia locale.
Il Comitato, a nome di tutti i suoi iscritti e nell’interesse di quanti amano Acquacalda, chiede a gran voce di prendere nella più alta considerazione e con serietà d’intenti questo appello, rivolto a tutte le Autorità e gli Enti competenti e responsabili della tutela e del benessere dei cittadini, dell’ambiente e del territorio.
Auspicando che ciò avvenga, porgiamo i nostri più distinti saluti.
Il Presidente
Enzo Mottola

"L'esasperato senso civico" di Michele Giacomantonio

(Michele Giacomantonio) Che cos’è l’esasperato senso civico? Ce lo siamo chiesto questa mattina leggendo la nota di cosiddetto “chiarimento” che il Comandante della polizia municipale dott. Domenico Russo ha inviato “con una certa ritrosia”, come lui scrive, ai mezzi di informazione locale. L’esasperato senso civico, per quello che abbiamo capito, è di coloro che denunziano sui blog atti vandalici, violazioni delle norme di difesa e salvaguardia dell’ambiente, inquinamento e quant’altro. Infatti, sembra essere la filosofia del capo dei vigili, quando c’è una violazione essa è già stata notata e magari anche perseguita e la denuncia sui blog o è inutile o dannosa perché può intralciare l’espletamento delle indagini. Quindi cittadini dotati di un esasperato senso civico o che il senso civico avete di recente riscoperto, se proprio volete denunciare, dovete farlo direttamente alle autorità preposte sempre ammesso che riusciate a trovarle e che qualcuno vi ascolti.
Ebbene noi siamo cittadini dall’esasperato senso civico che tutte le sere diamo voce alle lamentele che raccogliamo non solo sui blog ma per le strade. Parliamo di vicoli intasati dalle motorette posteggiate, di strade con lavori in corso sospesi che non si sanno quando riprenderanno, di discariche che sbocciano un po’ da tutte le parti, di fogne che scoppiano e tombini che si intasano, dell’unico semaforo che c’è a Lipari e che molte volte non funziona e non viene mai sostituito, di una estate con un chiasso infernale e con la immondizia che trasbordava dovunque, solo per parlare delle cose minute e che non hanno mai avuta una risposta. Per non parlare poi dei problemi più gravi. Di come è finita la progettazione del ciclo dell’acqua e del depuratore di Lipari, del perché si è accettato ad Acquacalda la nuova revisione dei costi che riduceva l’opera di oltre il 50%, di come è finita la discarica di carcasse di auto a Quattropani e di chi ha ragione fra la Provincia ed il Comune, come è finito il primo concorso per vigili trimestrali ecc. ecc. Di tutte queste ed altre domande non abbiamo avuto una risposta, nemmeno con ritrosia.
Come abbiamo già detto un’altra volta la trasparenza a Lipari non è una virtù e l’ideale di cittadino che l’Amministrazione predilige - e la nota del Comandante dei vigili sembra confermare - è quello che si fa i fatti suoi, che non vede, non sente e non parla, che accetta tutto con rassegnazione. Purtroppo per chi governa anche a Lipari – dopo una troppa lunga fase di torpore – qualcosa sembra risvegliarsi soprattutto in molti giovani che prima di proporsi per governare “disposti a ballare anche col diavolo” si misurano sui problemi, si indignano per gli abusi ed i soprusi, si interrogano sulle cause del disagio giovanile, si industriano per cercare soluzione ai loro problemi di lavoro. Può essere che questi giovani esasperino chi sogna una realtà sottomessa e rassegnata. Ma non c’è che fare. E’ il prezzo da pagare se vuoi amministare la cosa pubblica.

Utilizzare fondi Fse per i precari della scuola

L'Assemblea regionale siciliana ha approvato l'ordine del giorno presentato dal gruppo parlamentare dell'Udc con il quale si chiede al governo regionale di utilizzare le risorse del Fondo sociale europeo per progetti formativi in cui impiegare i docenti precari della scuola pubblica.
''E' necessario - spiegano Rudy Maira e Fausto Fagone, rispettivamente capogruppo Udc e presidente della commissione Cultura e Pubblica istruzione dell'Ars - che una quota significativa del fondo sociale europeo sia utilizzata in Sicilia a favore di progetti formativi riservati alla docenza prelevata dal precariato. Le risorse comunitarie - aggiungono Maira e Fagone - sono infatti finalizzate alla formazione ed alla educazione permanente''.
''Il governo siciliano - chiedono tutti i deputati dell'Udc firmatari dell'ordine del giorno - deve formalizzare un accordo di programma con il ministero dell'Istruzione per aggiungere risorse statali con l'obiettivo di impegnare almeno 2500 docenti, riconoscendo loro il formale punteggio previsto da un pari impegno all'interno della scuola ordinaria''.

La "lettera firmata". Ci scrive Adolfo Sabatini

Rilevo che spesso a margine di alcune note pubblicate viene da Voi scritta la dicitura “lettera firmata”.-
Ritengo questo non esaustivo per quanto riguarda la trasparenza sugli atti e poco edificante sapere che c’è qualcuno che manifesta una propria idea ma chiede/preferisce/non ha il coraggio? di far pubblicare il proprio nome.
Vi chiedo quindi di conoscere, come previsto dalle norme vigenti, l’identità di chi ha inviato le note che regolarmente avete pubblicato.-
Vi ringrazio per l’attenzione.
Adolfo Sabatini

Gent.mo,
non tutti i lettori/lettrici desiderano essere cittati nelle mail che ci inviamo intervenendo su tematiche che interessano la società.
Come tu ben sai (ne abbiamo parlato una volta), e come ben sanno i lettori di Eolienews, questa redazione non pubblica lettere anonime e/o a firma apocrifa. A tutti coloro che ci scrivono (anche quando vogliono mantenere il pubblico anonimato) chiediamo (pena la non pubblicazione)un nome certo e un recapito telefonico attraverso il quale potere accertare quella che abbiamo definito "l'esistenza in vita". Ciò per non dare spazio ad "untori" e "mistificatori".
E' chiaro che nessuna richiesta, in tal senso, la avanziamo nei confronti di coloro che, come Lei, scrivono abitualmente a questa redazione e dei quali conosciamo quanto meno l'indirizzo mail.

Cordialità
Salvatore Sarpi
Questo per non dare

Lami: "I copertoni non ci sono più". In attesa dell'ordinanza sindacale intervento dell'ATO. Puntualizzazione sul senso civico (di Saverio Merlino)

(Saverio Merlino) I 60 copertoni scaricati da ignobili ignoti nel vallone Castagna di Lami il 28 Agosto 2009 (28 giorni orsono) sono stati portati via.
Ci risulta che tale operazione è stata eseguita su disposizione dell´Amministratore Delegato dell´ATO rag. Mimmo Fonti e che gli stessi sono stati depositati all´interno dell´area di competenza dall´ATO stessa nell´attesa di ricevere l´ordinanza del Sindaco di Lipari per lo smaltimento in adeguata discarica.
Ci risulta, altresì, che sono a buon punto, anzi praticamente concluse, anche le indagini che il sindaco di Lipari, avvalendosi da alcuni uomini della polizia municipale, sta portando avanti per individuare il responsabile dell´incivile gesto.
Ci si augura che ciò accada davvero convinti che, individuando i responsabili e denunciandoli, anche pubblicamente, all´opinione pubblica, possa servire per scoraggiare chi del nostro territorio vuol continuare a fare una discarica senza soluzione di continuità.
Vorrei assicurare chi avesse qualche dubbio che il senso civico dei soci e di tutto gli abitanti della Borgata Lami non è nato ieri, non è stato scoperto di recente, non è per niente esasperato e stiano tutti tranquilli che, anche se si è risolto(ancora in parte e lo seguiremo tutti i giorni) il problema dei copertoni non ci sentiamo assolutamente "appagati". Continueremo ad impegnarci a salvaguardare il meraviglioso territorio della Borgata Lami che, per anni ed anni, ha sopportato, quasi in silenzio, come fosse un dovere verso l´intera comunità eoliana, una discarica.
Così come ho dichiarato tante volte, in piccola parte mi sento responsabile di quanto è successo alla mia Borgata. Responsabile per non aver messo al primo posto, come hanno fatto gli altri, gli interessi personali.
Per troppo "senso civico", per responsabilità del ruolo che allora ricoprivo, per vero spirito di servizio e fiducia (purtroppo non ricambiata) verso altri, ho ritenuto invece che non era giusto rivendicare l´appartenenza a quella o a questa parte del territorio comunale ma al primo posto andavano messi gli interessi della collettività che in quel preciso momento (mese di Luglio) erano molto compromessi.
Quella ferita, purtroppo, ancora oggi è aperta e chi ha le cure per chiuderla completamente non interviene adeguatamente.
Mi guardo giro, osservo quello che c´è e succede sul nostro territorio, e mi viene spontaneo dire: "Con quale coraggio oggi qualcuno " invita tutti i cittadini il cui senso civico è stato di recente riscoperto" a fare il proprio dovere e a segnalare i reati a cui si assiste".
Gli abitanti di Lami non ci stanno anche perché aspettano solo riconoscenza da parte di tutti.
Lipari, 25/09/2009
IL PRESIDENTE
Saverio Merlino

Lipari. Agevolazioni Tariffarie per il servizio idrico

Pubblichiamo sperando di fare cosa gradita ai nostri lettori un avviso apparso sul sito del comune di Lipari
AVVISO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO IDRICO
IN ATTUAZIONE ALLA DELIBERA CONSILIARE N. 66 DEL 27.05.2009, AI FINI DELL’APPLICAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI TARIFFARIE PREVISTE PER LA FATTURAZIONE DEI CONSUMI IDRICI DELL’2009, GLI UTENTI INTERESSATI SONO INVITATI A PRESENTARE LA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE DISPONIBILE PRESSO L’UFFICIO IDRICO ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2009.
LA MODULISTICA E’ DISPONIBILE ANCHE SUL SITO INTERNET DEL COMUNE www.comunelipari.it

Hanno diritto alle agevolazioni:
1. i nuclei familiari e soggetti utenti del servizio con indicatore ISEE inferiore o uguale ad € 7.583 (riduzione del 30%)
2. gli utenti che versano in particolare condizioni mediche e portatori di handicap con indicatore ISEE non superiore ad € 10.500 (riduzione del 30%)
3. le utenze famigliari composte da ultra sessantacinquenni o nei quali sono presenti soggetti con invalidità superiore al 66% e che hanno un indicatore ISEE fino ad € 7.583 (riduzione del 20%)
4. le utenze famigliari con indicatore ISEE compreso tra € 7.583 e 11.696 composto da 4 o piu’ componenti.(riduzione del 30%)
L’Assessore ai Servizi Idrici
Giulio China

Lettera al direttore. L'invito a segnalare...con quale risultato?

Riceviamo e pubblichiamo:
Prima di scrivere ho letto e riletto più volte la lettera del dottor Domenico Russo con la quale si "invitano" i cittadini a segnalare "i reati a cui si assiste direttamente alle autorità preposte e ciò al fine di consentire l’espletamento delle indagini che altrimenti potrebbero essere anche inficiate dalla pubblicizzazione delle notizie".
Dottore Russo ha mai provato a guardare la cosa dall'altra parte? Cioè dal punto di vista dei cittadini che segnalano, protestano, denunciano e ottengono solo "promesse d'intervento" e zero fatti concreti?
Lei invita a segnalare. Ma, per fare un piccolo esempio, visto che mi ha coinvolto direttamente, cosa è stato fatto per bloccare il "caos musicale" nel centro storico di Lipari durante l'estate? Nulla, assolutamente nulla! Eppure i blog (sempre loro) hanno sottolineato l'esistenza di una ordinanza limitativa, mai apllicata!
Lei invita a segnalare. Ma cosa è stato fatto per accertare chi sono gli inquinatori di Lami? Cosa è stato fatto per risalire ai propietari di elettrodomestici di uso commerciale che compaiono di tanto in tanto accanto ai cassonetti. Eppure non dovrebbe essere difficile!
Capirà quindi che rivolgersi ai blog (grazie a Dio esistono) è solo l'effetto del disinteresse riscontrato presso le istituzioni nell'affrontare le varie problematiche; è un modo per mettervi davanti alla cruda realtà e spingervi ad operare(a Canneto dentro ho la convinzione che si è operato poichè la signora Anna e i blog "sputtanarono" quella violenza sul territorio); è un modo per fare capire che questo paese è ancora vivo e vegeto nonostante le continue "iniezioni di sfiducia"; che ci sono giovani e meno giovani che hanno voglia di dire la loro...purtroppo attraverso i blog...poichè altri non ascoltano o fanno finta di ascoltare!
Lettera firmata

Lettera al direttore. "Vedo una gran confusione di idee e di proposte.. occorre diversa offerta formativa e preparazione culturale"

Riceviamo e pubblichiamo:
Sono un operatore sociale e seguo spesso i blog locali; devo dire che nelle ultime settimane vedo una grande confusione di idee e di proposte per il nostro arcipelago sia tra i “vecchi” che tra i giovani ( tra quest’ultimi qualcuno anche indolente ) tendente, per la maggior parte, a sfruttare anziché preservare e custodire questo patrimonio dell’umanità…, frase molto abusata, forse senza capirne il vero significato. Mi ha molto colpito l’analisi fatta alcune settimane addietro dal Dott. Saltalamacchia, sulla situazione socio-culturale- ambientale del territorio molto veritiera e corrispondente a ciò che anche noi operatori abbiamo sempre evidenziato.
Ma vi siete accorti di come sono le nostre famiglie ed i nostri giovani? Abbiamo tutte le caratteristiche negative della società moderna pur vivendo in un contesto piccolo e per certi versi protettivo. I nostri giovani lavorano soltanto 4-5 mesi l’anno con qualifiche inferiori e gli altri 7 mesi sono in “depressione” e non vogliono lavorare anche perché per il 90% trattasi in nero. Le azioni politiche attuate sono soltanto per l’incremento del turismo. Ma la nostra vita e quella dei nostri figli?
Sono stati previsti dei progetti sociali per affrontare le problematiche giovanili, ma, nonostante le risorse finanziarie siano ferme da molti mesi, non vengono attivati perché i vari politici di turno “non vogliono trovare i locali disponibili”.
Si parla solo di incrementare il turismo come l’unico toccasana per il nostro benessere.
Penso che noi cittadini non ci rendiamo conto che le nostre, sono isole e come tali, hanno dei limiti, positivi e negativi, come d’altronde accade per Ustica, Capri, Ponza, etc. ( a proposito, qualsiasi paragone per lo sviluppo deve essere fatto con tali realtà e non con la Sardegna, un pochino più grande!) Se io vivo o scelgo di fare vacanza alle Eolie devo sapere che posso avere dei problemi di trasporto con il mare in tempesta, altro discorso se invece non posso viaggiare perché con il mare forza 3 l’approdo non è sicuro o, ancora peggio, le corse sono poche ed i mezzi spesso in avaria perché obsoleti. Abbiamo bisogno di collegamenti quotidiani tra le isole, con Milazzo e Messina.
Sembra che la cosa importante sia progettare aeroporto, megaporto, strade e quant’altro per distruggere il territorio e richiamare il turismo. Mi chiedo: se non abbiamo acqua, fogne, depuratori, adeguato smaltimento dei rifiuti, come facciamo a sostenere l’arrivo dei turisti? Le barche da diporto dove smaltiscono i liquami ed i rifiuti? Forse a mare come avviene da sempre? Infatti dopo le ore 13.00 molto spesso i litorali sono talmente sporchi da non poterci fare il bagno. Forse per questo che il sindaco chiede l’emergenza turismo?
Credo che il turismo che possiamo permetterci, data la limitatezza del territorio, debba essere un turismo di qualità: “ poco ma buono”, che desidera nuotare in acque pulite e non vedere immondizia o sentire rumori di ogni genere. Turismo di qualità e sostenibile, a mio parere, significa valorizzare e preservare le bellezze naturali esistenti ed incrementare altre attività collegate alla vocazione turistica che vogliamo darci: per esempio incrementare l’agricoltura ed iniziare a produrre in loco i prodotti che i ristoratori potranno offrire ai loro ospiti ( degli imprenditori del Nord stanno investendo in viticolture e noi locali stiamo a guardare); incrementare le attività inerenti la trasformazione dei prodotti ittici ed alimentari; incrementare l’artigianato locale, tutte attività che permettono ai nostri giovani di lavorare 12 mesi l’anno e di poter avere progetti per il futuro anziché precarietà e superficialità. INSOMMA BASTA ALBERGHI E CEMENTO. Ma tutto questo, come diceva il Dott. Saltalamacchia, deve innanzitutto cominciare da una diversa offerta formativa e dalla preparazione culturale.
LETTERA FIRMATA

Chi non vuole i collegamenti con gli elicotteri? Il dubbio del dottor La Greca

"Chi non vuole i collegamenti con gli elicotteri?" è il tema di una nota ricevuta dal dottor Pino La Greca che pubblichiamo:
Mi sono posto questa domanda, ieri sera, subito dopo aver sentito un amico da qualche minuto atterrato a Lipari da un elicottero. Il mio amico era riuscito a raggiungere Lipari da Milazzo nel tardo pomeriggio con un breve volo di circa 12 minuti.
Mi racconta che durante il volo il comandante esprime la volontà di voler realizzare, a proprie spese, una pista commerciale per i collegamenti con elicotteri a Lipari, ma....lamenta di non aver trovato alcuna collaborazione da parte dell´amministrazione per l´individuazione del terreno idoneo per l´uso.
Strano. Molto strano. È da diversi anni che si sente parlare di collegamenti con elicotteri, in alcune dichiarazioni sembrava quasi questione di pochi giorni dall´avvio di questo importantissimo servizio che ci consentirebbe di raggiungere la Sicilia e gli aeroporti più vicini, Reggio Calabria, Catania, Palermo, Lamezia Terme nello spazio di 60 minuti al massimo.
Faccio una rapida ricerca nel mio archivio è trovo una lettera firmata da me e da Saverio Merlino il 21 settembre 2006, indirizzata al sindaco di Lipari ed all´allora vicesindaco, con all´oggetto "collegamenti con elicotteri".
Nella nota scrivevamo: "Signori, a seguito dell´incontro tenutosi a Lipari nei giorni scorsi su iniziativa dell´associazione "Ama le Eolie" e dalla lettura di un comunicato affisso per le vie cittadine dall´Ing. Vincenzo Cincotta, riteniamo utile fare alcune precisazioni in merito alle potenzialità del collegamento con elicotteri fra le Eolie e i principali aeroporti della Sicilia e della Calabria.
La nostra posizione in merito ai collegamenti con elicotteri è nota da anni, già nel 2004 nell´ambito di un convegno sui collegamenti abbiamo presentato una serie di proposte per dei collegamenti integrativi rispetto a quelli marittimi utilizzando gli elicotteri e, nel caso di disponibilità di compagnie aree,anche con idrovolanti. Rispetto a quanto affermato da qualche personaggio interessato ci risulta che da diversi anni nelle Eolie, in maniera più o meno organizzata, esistono compagnie che operano collegamenti con elicotteri, precisamente: La società Air Panarea s.r.l., la Icarus s.r.l. , la Dedalus.
Tali collegamenti, pertanto, non sono "un salto nel buio", ma una realtà che va sostenuta ed incentivata, non tanto sotto l´aspetto economico, ma con la realizzazione di piccole piste per atterraggio a basso impatto ambientale. La possibilità di non dover distruggere il nostro territorio è un fattore che non va assolutamente sottovalutato, il patrimonio naturale è il nostro principale motore di attrazione del turismo, la nostra carta d´identità, il nostro essere " Patrimonio dell´Umanità", non si può proporre di distruggerlo con un facile populismo, rischiando di snaturarlo completamente perdendo la risorsa principale del nostro arcipelago, il turismo. Per quanto affermato dai responsabili della Elifox i loro collegamenti si rivolgono sia agli eoliani sia ai turisti, con regolari voli di linea, in coincidenza con i principali voli in arrivo e partenza da Catania, non parliamo quindi di voli charter, rivolti esclusivamente a gruppi turistici, (come proposto da altri operatori) ma a servizi aggiuntivi per la nostra popolazione.
In tale ottica va chiesto alle società che operano nel nostro territorio di fare una capillare opera di informazione in merito ai collegamenti ed alla sicurezza del volo rappresentato dalla grande affidabilità del veicolo utilizzato per i collegamenti.
La valutazione dei costi va fatta rispetto a quelli che attualmente gli eoliani ed i turisti sostengono per raggiungere gli aeroporto di Catania, Reggio Calabria o Palermo, equiparando i tempi di percorrenza. Ad una semplice valutazione il trasporto con elicotteri è assolutamente concorrenziale.
Vogliamo infine puntualizzare alcuni punti sulla localizzazione.
Il 30 giugno 2006, Vi abbiamo espresso all´amministrazione la nostra posizione favorevole ai collegamenti attraverso elicotteri con gli aeroporti più vicini alle nostre isole, manifestando, tuttavia, alcune perplessità sulla scelta del campo di calcio di Quattropani individuato come sede della futura pista di atterraggio degli elicotteri. (....).

Concludevamo dicendo che"Riteniamo che un´opera così importante come una pista commerciale per elicotteri, in grado di collegarci con i principali aeroporti siciliani e calabresi, sia per il periodo estivo sia per il periodo di bassa stagione, vada accompagnata da una ottimale scelta del sito che consenta di operare in piena sicurezza sia per i passeggeri sia per le abitazioni limitrofe alla pista. Ancora una volta riteniamo che l´Amministrazione debba impegnarsi per la individuazione di un sito più idoneo e vicino al centro urbano e diamo sin d´ora la nostra disponibilità per un sereno confronto in tal senso."
Sono passati tre anni. In tre anni l´amministrazione "del fare" non è riuscita a fare nulla, niente. Nessuna reale azione per individuare un sito idoneo e dare concreta attuazione ad una serie di collegamenti con elicotteri in grado di fornire servizi veri, reali, agli eoliani.
L´assenza, il silenzio, appare ancor più assordante, alla luce di recenti notizie di stampa che parlano di un incontro il 16 settembre scorso, tra il presidente dell´ENAC, Vito Riggio e l´assessore ai Trasporti della Regione Siciliana, Nino Strano. In particolare i due hanno concordato sulla necessità di realizzare una rete di eliporti che contribuirebbe notevolmente allo sviluppo economico e turistico dell´intera Sicilia. Il presidente Riggio ha confermato che l´Ente è pronto ad elaborare un protocollo aggiuntivo che preveda l´inserimento della rete di eliporti e tutta la propria esperienza tecnica, in raccordo con gli altri enti e società coinvolte, per la definizione del sito e delle caratteristiche necessarie per la realizzazione del progetto.
Concludo nella certezza che occorra sostenere ed incentivare i collegamenti con gli elicotteri attraverso la individuazione di uno o più siti per l´atterraggio degli apparecchi ma, molto probabilmente, dovremo attendere la prossima amministrazione, frutto di un cambiamento radicale rispetto al momento politico attuale,per avere un qualche risultato; quando le priorità della nostra comunità saranno le priorità dell´amministrazione e non viceversa.
Giuseppe La Greca

Trasporti marittimi dal 2010. Il ministero risponde alla Federalberghi Eolie

Il direttore generale del ministero delle infrastrutture e dei trasporti Enrico Maria Puja ha risposto alla nota della Federalberghi delle Eolie per quanto concernente i collegamenti marittimi dal 2010. IL TESTO:
In ordine a quanto lamentato per il collegamenti del 2010, si fa presente che nell'ambito della procedura di privatizzazione della Tirrenia che prevede la conclusione entro il 31.12.2009, le amministrazioni centrali dello Stato stanno condividendo tale percorso sia con gli organi della Comunità Europea che con le regioni territoriali competenti, al fine di rendere concertata e condivisa l'operazione di privatizzazione e stipulare accordi di programma con le stesse regioni per disciplinare gli oneri di servizio pubblico a partire dal 2010. Attualmente è in corso la fase conclusiva dell'attività preparatoria a tale stipula. La definizione delle prenotazioni sarà successivamente disposta e comunque saranno assicurati nel rispetto del principio delle competenze territoriale, i servizi di collegamento marittimo.

Judo Lipari: Ripresa l'attività agonistica in vista degli ormai imminenti primi incontri

Ad inizio settembre è ripresa l’attività per gli atleti agonisti dell'Associazione sportiva Sporting club Judo Lipari in vista del ricco calendario di gare che entrerà nel clou già in ottobre.
Saranno gli Esordienti A ed i Cadetti ad aprire la stagione agonistica il 3 ottobre con il Gran Premio Esordienti A e Coppa Italia Cadetti
Anche i tecnici della società, Bisazza, Ferlazzo e Di Grado sono stati impegnati con il corso aggiornamento che annualmente riunisce tutti gli insegnanti tecnici della Sicilia per l’incontro di verifica.
L'associazione ricorda che i corsi di attività motoria si apriranno giorno 30 settembre dalle ore 17:30 alle ore 18:30
Il judo per i preagonisti mercoledì 30 settembre dalle ore 18:30 alle 19:30.
Si ricorda, inoltre, che le iscrizioni all’associazione sportiva Sporting Club Judo Lipari sono aperte già dal primo settembre. Gli interessati possono recarsi per informazioni o iscrizione presso il palazzetto dello sport di Lipari N. Biviano nei giorni di mercoledì, giovedì e venerdì dalle ore 19:30 alle 20:30.
Si fa presente che le iscrizioni sono a numero chiuso.

Enac d'accordo sui due aeroporti minori da realizzare ad Agrigento e Messina

Il presidente dell'Enac, Vito Riggio, ha incontrato ieri il presidente della Regione Raffaele Lombardo con il quale è stato concordato di aggiornare il protocollo d'intesa in materia di sviluppo aeroportuale firmato l'8 aprile 2009 tra il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la Regione Siciliana, l'Enac e le società di gestione, per inserire, come richiesto dalla Regione, una rete di eliporti e alcune altre infrastrutture di volo. Riggio ne aveva già parlato la scorsa settimana con l'assessore regionale ai Trasporti, Nino Strano. In particolare, per le Province di Agrigento e di Messina la Regione ha chiesto di poter realizzare, con fondi propri o di privati, due aeroporti minori in grado di consentire un'operatività di terzo livello, ovvero con aeromobili di tipo regionale oltre che di aviazione generale. Le strutture dovranno, comunque, potersi coordinare con la rete degli aeroporti nazionali che verrà delineata dal ministero attraverso il Piano nazionale degli aeroporti, per il quale l'Enac sta predisponendo uno studio. Dopo la stipula dell'aggiornamento dell'accordo, che dovrebbe avvenire il più presto possibile anche per verificare le fonti di finanziamento rimaste scoperte nell'accordo dell'8 aprile 2009, il ministro delle Infrastrutture, con un'apposita conferenza dei servizi, dovrà provvedere alla localizzazione dei siti aeroportuali, valutando i relativi vincoli e acquisendo i sedimi individuati.
L'Enac conferma la propria disponibilità ad attuare il piano sulla base dei progetti che verranno presentati dagli enti territoriali o da privati per giungere all'approvazione dei progetti stessi e alla realizzazione delle infrastrutture. Riggio si è anche incontrato con il ministro della Giustizia Angelino Alfano che ha fortemente sollecitato, assieme al sindaco e al presidente della Provincia di Agrigento, l'avvio delle procedure. «Una volta sgombrato il campo dalla precedente localizzazione e dimensione dell'infrastruttura aeroportuale di Agrigento ritenuta del tutto inaccettabile dalle strutture tecniche dell'Ente - ha detto Riggio - finalmente ci si avvia su una strada di concretezza che, dopo la decisione che si auspica verrà presa dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli e dal presidente della Regione Siciliana, consentirà all'Enac di mettere a disposizione della Sicilia, come sempre fatto, le proprie strutture amministrative e tecniche per l'auspicabile sviluppo della comunità siciliana, segnatamente di quelle aree che per ragioni di carenze infrastrutturali soffrono tuttora di un grave isolamento».

"L'esasperato senso civico", le indagini su Canneto Dentro e le pressioni della stampa (di Anna Miracula)

Riceviamo dalla signora Anna Miracula e pubblichiamo:
Seppur grati al Dirigente del IV settore , per la sua “cortesia” nel voler esplicare le sue ragioni per quanto riguarda la vicenda dei rifiuti in zona Canneto Dentro, noi cittadini dotati di ESASPERATO SENSO CIVICO e principalmente io, che ho voluto segnalare quanto accaduto mi scuso se ho arrecato fastidio alla corte del Palazzo comunale, sollevando questo polverone .
Ci tengo a sottolineare che, quanto affermato da Lei, egregio Dirigente , e cioè che “già prima della pubblicazione sui "Notiziari online" di quanto segnalato dalla Sig.ra Anna Miracula, gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale, interessati alle indagini, avevano individuato i responsabili e provveduto ad disporre la rimozione dei rifiuti oltre che applicare le sanzioni previste dall’art.255 comma 1 del D.Lgs. n.152/2006.”non è vero, in quanto il fatto accadde il giorno 2 settembre ,intorno alle ore 17 e prima di quell’ora già vi era ammassata la prima catasta , forse dalla notte precedente, forse il giorno prima, non si sa, ma non credo proprio che già vi fossero in corso indagini , perché se così fosse stato, CHI VI HA NUOVAMENTE SCARICATO, non sarebbe stato così imprudente da rifarlo nello stesso sito. Ne conviene con me o no??
E come mai , la sua dichiarazione avviene dopo più di venti giorni dal giorno in cui è accaduto? Perché le pressioni da parte della stampa locale sono divenute insopportabili in modo tale da indurla a fare o dire qualcosa per mettere a tacere questa massa?
Per quanto riguarda poi, il tanto declamato “senso civico” che “alcuni cittadini” hanno,riscoperto, come Lei ingiustamente ci tiene a sottolineare, vorrei precisare che ,in tutti noi EOLIANI il senso civico vi è sempre stato, ed è una grave offesa quello che Lei ha fatto a tutta la comunità eoliana , perché invece di apprezzare chi vuole veramente ancora bene a queste isole, si fa di tutto per scoraggiare qualsiasi iniziativa, o segnalazioni di abusi e altro ancora.
Comunque, la mia campagna di certo non finirà qui, nel segnalare cose che non vanno, e la prossima volta io, o altri cittadini, ci ricorderemo ciò che ha raccomandato, ci rivolgeremo alle autorità ,e io, personalmente verrò direttamente da Lei , certi che il malfattore verrà consegnato e punito, almeno stavolta.
Anna Miracula

Canneto Dentro: "Individuati e sanzionati i responsabili". La nota del comandante Russo

Egr. Direttore,
anche se con una certa ritrosia, ritengo necessario fare chiarezza sulla vicenda legata al deposito di materiale ingombrante in località Canneto Dentro, sperando che l’esasperato “senso civico” espresso da alcuni sulla vicenda possa sentirsi appagato.
Per quanto possibile esplicitare, si informa che già prima della pubblicazione sui blog di quanto segnalato dalla Sig.ra Anna Miracula, gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale, interessati alle indagini, avevano individuato i responsabili e provveduto ad disporre la rimozione dei rifiuti oltre che applicare le sanzioni previste dall’art.255 comma 1 del D.Lgs. n.152/2006.
Detto questo, vorrei invitare tutti quei cittadini, il cui senso civico di recente è stato riscoperto, che i reati a cui si assiste vanno segnalati direttamente alle autorità preposte e ciò al fine di consentire l’espletamento delle indagini che altrimenti potrebbero essere anche inficiate dalla pubblicizzazione delle notizie.
Distinti saluti
IL COMANDANTE DELLA P.M.
(Dott. Domenico Russo)

giovedì 24 settembre 2009

"Attendo la spiegazione di Nico Russo" (di Michele Giacomantonio)

(Michele Giacomantonio) Scrive Anna Miracula sui blog mercoledì 23 settembre – dopo la pronta denuncia del 2 settembre - che a Canneto dentro “si continuano a scaricare rifiuti di ogni genere, all’impazzata e senza ritegno, causando deturpamenti all’ambiente che ci circonda e che dovremmo cercare di proteggere”. Stamattina sul blog Eolienews di Eolnet è stata pubblicata una lettera (firmata anche se il direttore ha omesso il nome del mittente) in cui si dice:
“Abbiamo avuto modo di leggere sul suo autorevole giornale on line l'interrogazione del consigliere Pietro Lo Cascio sul vergognoso episodio di Canneto Dentro dove si stava perpetrando un grave reato di inquinamento ambientale "sventato" dalla cittadina Anna Miracula e dall'informazione locale.
Apprezziamo l'intervento di Lo Cascio ma, nello stesso tempo, siamo certi non produrrà effetto alcuno, resterà lettera morta, noi cittadini non sapremo mai la verità e il responsabile non verrà punito.
Motivo per cui, stanchi di subire, abbiamo deciso di inviare tutta la documentazione (lettere e foto pubblicate dall'informazione locale sulla vicenda) al NOE dei carabinieri e alla Procura della Repubblica di Barcellona e non solo a questa.
Certo la strada della "denuncia" non è proprio quanto di più conducente esista ma l'unica da perseguire di fronte all'inerzia.
Una linea questa che da questo momento porteremo avanti per qualsiasi situazione di degrado o di abusivismo che interesserà il nostro territorio, di qualsiasi origine e natura essa sia! Non possiamo più permettere questo scempio e questo massacro delle nostre isole!”.
Si tratta di una testimonianza grave non solo e non tanto per i fatti a cui si fa riferimento che pure sono notevoli ed inqualificabili e registrano un abuso continuato e tollerato del territorio, ma in particolare per la completa sfiducia che si esprime verso le forze dell’ordine locale a cominciare dalla polizia municipale. E questo lo giudichiamo un fatto tragico. Ma quando abbiamo letto il corsivo che fa seguito alla lettera la tragedia si è tinta di commedia. Il corsivo dice “Apprendiamo che il dirigente del IV settore, comandante della polizia municipale, dott. Domenico Russo, proprio ieri, ha approntato una mail da inviare agli organi di stampa per fare chiarezza sulla situazione. Mail che, presumibilmente - così come ci ha confermato il dottore Russo - non è giunta a destinazione per problemi alla connessione. Nelle prossime ore dovrebbe esserci recapitata”.
Abbiamo atteso fino al momento di andare in onda ma nulla è giunto alla nostra redazione e nulla è apparso sui blog a questo proposito. Ci siamo detti: “Ad inquinare ci vuole un’ora ad informare invece ce ne vogliono più di 48. Ed a perseguire i reati quante ce ne vorranno?”. Ci verrebbe da dire parafrasando il sommo poeta :
“Ahi serva Lipari, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non regina di isole, ma bordello!”.

Rotto l'isolamento. Due mezzi collegano Milazzo con l'arcipelago

Rotto l'isolamento delle isole maggiori dell'arcipelago con il porto di Milazzo. Dalla Città del Capo, quasi in contemporanea, hanno mollato gli ormeggi il vaporetto privato "Lipari island" della Merenda Navigazione e il catamarano "Aquarius" della Ustica Lines(nelle foto della nostra webcam).
Il primo aveva collegato già Lipari con Milazzo. I due mezzi, come visibile dal video, sono giunti quasi contemporaneamente(ore 18 e 13 circa) nel porto liparese di Sottomonastero. Dopo una giornata d'isolamento sembra davvero una "grande grazia" la partenza di due mezzi quasi in contamporanea da Milazzo. Per la cronaca- così come riferitoci da un passeggero che si trovava a bordo del "Lipari island"- la decisione del catamarano di mollare gli ormeggi è arrivata solo dopo che la Merenda Navigazione ha cominciato ad imbarcare. "Prima-ha affermato-nessuno è stato in grado di dare certezze sulla partenza del mezzo a contributo regionale".
IL VIDEO DELL'APPRODO DEI DUE MEZZI:

Lettere in redazione: "A proposito dell'elogio..."

Riceviamo dalla dottoressa Francesca De Pasquale e pubblichiamo:
A proposito dell'elogio del Dott. Russo all'ausiliare del traffico, Rita Mandarano (elogio che credo sia meritato), per una questione di giustizia, vorrei ricordare che, in occasione dell'incendio del 17 agosto u.s., altro collega, fuori dal servizio, ha dato la propria preziosa collaborazione.
Si tratta peraltro dello stesso collega, nella persona dell'Ispettore Franco Ficarra, che non molto tempo addietro si era prodigato, per ore ed ore, a causa dell'incendio sviluppatosi all'Officina Urso, pur non essendo in servizio ( per la verità stava tornando a casa dopo un turno di sei ore).
In entrambi i casi nessun elogio è stato formulato nei suoi confronti.
Francesca De Pasquale - Ispettore Capo della Polizia Municipale

OMAGGIO A ROSSELLINI AL SALINADOCFEST DOMANI A STROMBOLI

Domani il SalinaDocFest sbarca a Stromboli, l'isola del fuoco, per dedicare una giornata di omaggio a Roberto Rosselini in occasione dei sessant'anni del film Stromboli, terra di Dio, ospite d'onore il produttore Renzo Rossellini, figlio del regista e prezioso testimone dell'epoca.
La celebrazione si aprira' con la presentazione del progetto Museo del Cinema di Stromboli a cura di Zalab e La stanza dello scirocco, proseguira' con le proiezioni di Il e'tait une fois... Rome, ville ouverte di Marie Genin e Serge July (2006-Francia) e Siamo donne-Ep. Ingrid Bergman di Roberto Rossellini (1953-Italia) e si chiudera' con la consegna di un riconoscimento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al SalinaDocFest e ai sindaci delle isole per il loro contributo alla diffusione del cinema nelle Eolie e nel mondo.
Sessant'anni dalla guerra dei due vulcani: la Bergman a Stromboli e la Magnani a Vulcano. Molti abitanti delle isole portano ancora negli occhi e nel cuore il ricordo di quei giorni, primo fra tutti Stefano Cincutto, il ragazzino che, a piedi scalzi, portava tutte le mattine il caffe' alla Bergman in cima al vulcano. Lui e tutti gli altri ''invisibili'' di allora, saranno i veri protagonisti di questo evento speciale.
Dare visibilita' agli Invisibili e' proprio il tema che Giovanna Taviani ha posto al centro del concorso della terza edizione del suo festival, richiamandosi anche al motto di protesta degli abitanti delle Eolie (''Isolani si, Isolati no!'') contro la soppressione dei mezzi di trasporto che rischia di isolarli davvero dal continente condannandoli, appunto, all'inivisibilita'. E' una scommessa che il SalinaDocFest lancia a tutto il mondo del cinema e della cultura. In questa direzione si colloca l'omaggio a uno dei padri del Neorealismo che, insieme a De Sica e Visconti, seppe dare voce a chi non ne aveva e torna oggi a essere un vitale punto di partenza per le nuove generazioni di registi e scrittori cresciuti dopo il crollo del muro di Berlino.
Il festival si chiude sabato 26 con la premiazione dei film vincitori e la consegna del premio Dal testo allo schermo allo scrittore pakistano Mohsin Hamid, autore del romanzo Il fondamentalista riluttante, che incontrera' il pubblico a bordo dello storico rimorchiatore Liberty Tug, ormeggiato nel porto di Santa Marina (Salina-Eolie).

Lipari: E' nato l'Inter club Isole Eolie "Peppino Prisco"

Adesso è ufficiale. E' stato costituito a Lipari l'Inter Club Isole Eolie "Peppino Prisco".
Il club, regolarmente costituito con atto notarile, è già ufficialmente affiliato al Coordinamento Inter Club.
Presidente del club è il giovane Andrea Tesoriero. Vice-presidente Maurizio Ferrara. Segretario Carmelo Sparacino. Tesoriere Davide Belletti. Consigliere Mimmo Parisi. Addetto stampa Salvatore Sarpi
Sono ovviamente aperte le iscrizioni. La quota è di euro 20,00. Quattordici dei quali, come da regolamento degli Inter club, da versare al Coordinamento nazionale. Chiunque fosse interessato può rivolgersi ad Andrea Tesoriero al 339.78.74.106 o a Salvatore Sarpi 339.57.98.235

Lipari. "Elogio" all'ausiliare del traffico Rita Mandarano

Un elogio è stata formalizzato oggi, attraverso la consegna di apposita documentazione, dal dirigente comandante della polizia municipale di Lipari dott. Domenico Russo nei confronti dell'ausiliare del traffico Rita Mandarano.
L'elogio è susseguente al ruolo svolto dalla Mandarano in occasione dell'incendio sviluppatosi il 17 agosto scorso in una abitazione del centro storico di Lipari, per la precisione sulla via Franza.
Rita Mandarano- così come si evince dall'attestazione di elogio- "pur non essendo al momento in servizio, a spregio di qualsiasi difficoltà e pericolo ha volontariamente fornito assistenza ad altro personale della Polizia municipale giunto sul posto, controllando il traffico ed evitando qualsiasi intralcio, da parte dei cittadini residenti o curiosi, alle operazioni di spegnimento".
Per l'ausiliare del traffico che, in quell'occasione dimostrò forte senso del dovere, sicuramente un giusto e doveroso riconoscimento.

Museo di Lipari, il nuovo direttore Benfari: "sarà luogo di ricerca e cultura" (di Agata Polizzi)

(Hercole.it)"Non nascondo l’emozione per l’incarico che mi è stato affidato. Se ne parlava già da qualche mese". A parlare è Michele Benfari, il nuovo direttore del museo di Lipari.
Direttore Benfari, ci racconti di questo esordio, o meglio dell’ennesima avventura per lei in questi luoghi.
"Da gennaio di quest’anno il direttore Gullo è andato in pensione e il museo da quel momento si è trovato senza un dirigente in grado di determinare anche il minimum essenziale per il suo funzionamento. Devo ringraziare l’assessore ai beni culturali Lino Leanza e il direttore generale del dipartimento Russo per la fiducia accordatami. Appare superfluo sperare, in questo momento cosi difficile per la nostra economia e per la nostra terra, in una collaborazione straordinaria di tutti i dipendenti ma soprattutto delle istituzioni presenti sul territorio".
Il territorio che supporta la cultura, dunque, cosa si aspetta?
"Ho contezza delle grandi difficoltà e per superarle bisognerà che tutto il personale faccia la propria parte. Come in molti sanno, ho avuto la possibilità di lavorare per tre anni all’azienda di soggiorno e turismo a Lipari; in questo contesto ho avuto la fortuna di collaborare con persone qualificate e di grande umanità e di conoscere la bellezza e la natura di queste isole che credo non abbiano eguali. Del resto l’Unesco ne ha riconosciuto le peculiarità e non solo ambientali".
E per quanto riguarda nello specifico il Museo Bernabò Brea?
"Il museo archeologico Bernabò Brea non lo devo certamente svelare io. E’ sicuramente il più importante e conosciuto al mondo per i suoi reperti marini e per la storia degli innumerevoli scavi. In pratica ce lo invidiano tutti".
Obiettivi?
"Il mio vero grande obiettivo è fare del Museo attuale non solo un luogo di conservazione di beni culturali ma un luogo privilegiato di scambi culturali, di studi, ricerca scientifica e anche di formazione. Un luogo dove la storia dell’uomo possa mescolarsi con l’arte contemporanea, la musica, il teatro, la danza".
Pensa già a degli strumenti precisi per ottenere tutto questo?
"Ovviamente per attuare un simile programma si richiede un rinnovamento anche delle forme giuridiche e gestionali del Museo, tenendo conto anche delle esperienze maturate in altri Paesi. Insomma penso ad una dimensione imprenditoriale che implica nuove modalità di management, nuove collaborazioni con sedi istituzionali, ad accordi con privati, con fondazioni. Se penso a tutti gli uomini potenti del mondo che si sono fermati almeno una volta con i loro yacht nei mari dell’arcipelago eoliano, mi viene facile fare quattro conti..".
Insomma una sorta di network con cui le Eolie entrano nel sistema dell’arte, no?
"Questo ovviamente può accadere se le istituzioni e la politica si rendono conto che un museo come quello di Lipari, và visto con un occhio moderno che stimola la ricerca di metodi innovativi di promozione, quali per esempio l’esportazione temporanea di opere in altri musei del mondo con la clausola di riceverne altre di pari importanza, magari nei momenti di minor flusso turistico, in modo da creare quella famosa destagionalizzazione di cui si parla tanto. Per fare questo, oltre al mio impegno personale, c’è bisogno di un forte interesse e di una grande passione di tutti gli uomini di buona volontà che hanno a cuore le sorti di questo scrigno nel quale viene custodito uno dei più grandi patrimoni culturali del mondo, senza dimenticare le altre meraviglie paesaggistiche e culturali tra cui Filicudi e Panarea, Salina e Stromboli, anch’esse con i loro piccoli contenitori museali, testimoni della cultura di questi luoghi".
Qualche anticipazione sulla seguente programmazione?
"Ci stiamo lavorando, ho in mente molte cose, penso ad una stagione di appuntamenti ragionata, fresca, attenta a rispettare la sacralità di questo luogo, di questo contenitore museale, che vorrei fosse un incubatore di cultura dinamico, aperto, vivo".
Il primo appuntamento del suo mandato?
"Il 28 settembre si inaugura a Lipari, nello spazio espositivo di Santa Caterina 'L’Eros nell’arte. Dalle veneri classiche all’immagine contemporanea del corpo'. Un appuntamento che vuole coniugare sin da subito archeologia e contemporaneità proponendo una riflessione, anche piuttosto forte, sull’immagine del corpo. In particolare sull’eros, da sempre presente nell’arte con le molteplici implicazioni che la sua interpretazione comporta. Un excursus per immagini di opere arcaiche e contemporanee, ma anche parole, musica e danza, attorno ad un tema così attuale, così complesso".

Lipari: Assemblea del Circolo comunale del PD

Comunicato Stampa del PD del Circolo di Lipari
Si comunica agli iscritti ed ai simpatizzanti del Partito Democratico che è convocata l´assemblea del Circolo del Comune di Lipari, per l´elezione dei Delegati
alle Convenzioni Provinciali per la costituzione delle Convenzioni Nazionali e Regionali, per giorno 29.09.2009 alle ore 17,00 in Lipari c/o L´Hotel Arciduca di
via Giuseppe Franza
O.d.g. :
1. Elezione dei Delegati alla Convenzione Provinciale per la Costituzione della
Convenzione Nazionale
2. Elezione dei Delegati alla Convenzione Provinciale per la Costituzione della
Convenzione Regionale.
Programma dei Lavori:
1. Apertura lavori e costituzione Presidenza
2. Illustrazione linee politico-programmatiche delle mozioni
3. Presentazione liste dei delegati alle Convenzioni Provinciali per la costituzione delle Convenzioni Nazionali e Regionali
4. Dibattito sulle Mozioni Giorno 29.09.2009 alle ore 17,15.
5. Inizio operazioni di voto Giorno 29.09.2009 alle ore 18,00.
6. Scrutinio Pubblico
7. Compilazione verbale di Circolo e chiusura lavori
Il Coordinatore del Circolo
Dott. Saverio Merlino

Lettere al direttore. Discarica di Canneto. Preannunciato l'invio di documentazione al NOE dei carabinieri e alla Procura

Caro direttore,
abbiamo avuto modo di leggere sul suo autorevole giornale on line l'interrogazione del consigliere Pietro Lo Cascio sul vergognoso episodio di Canneto Dentro dove si stava perpetrando un grave reato di inquinamento ambientale "sventato" dalla cittadina Anna Miracula e dall'informazione locale.
Apprezziamo l'intervento di Lo Cascio ma, nello stesso tempo, siamo certi non produrrà effetto alcuno, resterà lettera morta, noi cittadini non sapremo mai la verità e il responsabile non verrà punito.
Motivo per cui, stanchi di subire, abbiamo deciso di inviare tutta la documentazione (lettere e foto pubblicate dall'informazione locale sulla vicenda) al NOE dei carabinieri e alla Procura della Repubblica di Barcellona e non solo a questa.
Certo la strada della "denuncia" non è proprio quanto di più conducente esista ma l'unica da perseguire di fronte all'inerzia.
Una linea questa che da questo momento porteremo avanti per qualsiasi situazione di degrado o di abusivismo che interesserà il nostro territorio, di qualsiasi origine e natura essa sia! Non possiamo più permettere questo scempio e questo massacro delle nostre isole!
Lettera firmata
NDD- Apprendiamo che il dirigente del IV settore, comandante della polizia municipale, dott. Domenico Russo, proprio ieri, ha approntato una mail da inviare agli organi di stampa per fare chiarezza sulla situazione. Mail che, presumibilmente-così come ci ha confermato il dottore Russo- non è giunta a destinazione per problemi alla connessione. Nelle prossime ore dovrebbe esserci recapitata.

Brevi

Eolie isolate - Arcipelago isolato nonostante un leggero miglioramento delle condizioni meteomarine. Al momento restano fermi nei porti di riferimento traghetti, aliscafi e catamarani. A Lipari sono bloccati un gruppetto di turisti. Si tratta di quelli che non sono riusciti a prendere posto sull'unico aliscafo che stamani ha lasciato Lipari alle 7 e 40. Bloccati a Milazzo gli eoliani. Difficoltà nelle scuole e negli uffici pubblici.

L'artista Virgilio Lo Schiavo ricordato nella sua Salina- Nel suo nutrito programma culturale, la Biblioteca comunale di Malfa ha dedicato una due giorni speciale per celebrare il centenario della nascita di Virgilio Lo Schiavo (1909-2009), cittadino illustre che si è distinto durante tutto l'arco della propria vita, soprattutto in campo artistico. Autore degli affreschi e dei dipinti murali presenti nella chiesa patronale di S. Lorenzo, Lo Schiavo è emigrato in Australia ed ha continuato la sua attività, realizzando opere di rilievo nella cattedrale di Brisbane, oltre a quelle presenti nell'università e nella chiesa laurenziana di Sidney. Da ricordare le opere artistiche dedicate allo scrittore inglese W. Shakespeare, che gli hanno permesso di conseguire importanti riconoscimenti a livello internazionale. Per l'occasione è giunto sull'isola il coro polifonico australiano "Surplis Singers". Tra i componenti del gruppo Fabian Lo Schiavo, nipote di Virgilio, che ha raccontato la storia della propria famiglia.

Messina:Nuovo caso di influenza, ma il ragazzo sta bene. Frequenta il La Farina, come una figlia di Giovanna Russo, ma i medici assicurano che non c'è correlazione Ancora un caso di influenza A-H1N1 a Messina. Da martedì pomeriggio, un ragazzo di 17 anni, M.M. le iniziali, è ricoverato nel reparto di Malattie infettive del Policlinico con una diagnosi di influenza A. La conferma è arrivata ieri, quando dal Centro di riferimento regionale di Palermo sono stati comunicati al direttore generale del Policlinico, Giuseppe Pecoraro, gli esiti degli esami del tampone faringeo e nasale.
Il giovane ha avuto sino a ieri pomeriggio una temperatura costante (38°), ma in serata – come hanno fatto sapere i sanitari che lo hanno in cura nel Reparto di malattie infettive – le sue condizioni sono nettamente migliorate (quasi sfebbrato). Anche la Tac ha escluso complicazioni e viene tenuto sotto osservazione solo a scopo precauzionale.
Il ragazzo frequenta il Liceo classico La Farina, così come una delle figlie di Giovanna Russo, la donna morta al Papardo sabato scorso. Ma secondo i medici si tratta soltanto di una coincidenza, non ci sarebbe correlazione tra i due fatti.

Pdl-Sicilia, attacco frontale ai coordinatori

I parlamentari siciliani del Popolo delle Libertà, Fabio Granata, Dore Misuraca,Pippo Scalia, Carmelo Briguglio e Nino Lo Presti, hanno ufficialmente avviato il nuovo progetto politico che si sostanzierà nella creazione del Pdl Sicilia.
Il primo passo istituzionale e politico sarà la comunicazione, nei prossimi giorni, alla Presidenza dell'Ars, della formazione del nuovo gruppo parlamentare che conta di raccogliere anche l'adesione dei deputati regionali vicini alle posizioni del sottosegretario Gianfranco Miccichè. Contestualmente - dicono i parlamentari - si valuterà la possibilità di costituire gruppi autonomi anche negli enti locali dell'Isola, partendo dalle realtà metropolitane e dalle province più grandi. « Il Pdl Sicilia – spiegano i parlamentari – intende rappresentare un punto di riferimento certo non solo per i rappresentanti istituzionali e per i militanti che aderiranno, ma anche per il mondo dell'associazionismo e per tutti quei cittadini che desiderano dare un contributo d'innovazione e modernità alla politica siciliana».
Da Roma replica il coordinatore nazionale del Pdl Ignazio La Russa: «Per fortuna si tratta solo di un annuncio e di solito non a tutti gli annunci seguono fatti. Sarebbe una cosa poco responsabile, bisogna lavorare per unire e non per dividere».
E gli fa eco Enrico La Loggia, vicepresidente dei deputati del Pdl: «Concordo con il ministro La Russa che la formazione di un gruppo Pdl Sicilia, oltre che poco responsabile, sarebbe anche del tutto inutile e dannoso. La Sicilia non ha bisogno di questo, ma di una politica alta al servizio dei suoi cittadini. Cosa che può essere realizzata solo da un Pdl che sia in grado di ricomporsi ed agire unitariamente».
Ma Carmelo Briguglio, deputato siciliano tra i promotori del Pdl Sicilia ribatte a ruota: «Mi meraviglio di certe meraviglie. Se il Pdl Sicilia nascerà sarà perchè il Pdl nazionale non ce la farà a superare l'anomalia politica e statutaria, unica in tutta Italia, di due co-coordinatori regionali che peraltro, quando straparlano come in questi giorni dell'aut aut posto al ministro della Giustizia e al presidente del Senato di ordinare ai loro assessori di riferimento del governo Lombardo, non registrano nessuna indignazione, nessun richiamo all'ordine da parte di chi aveva il dovere di farlo. Il Pdl Sicilia non costituirà il gruppo domani e nemmeno dopodomani, ma - prosegue - è inevitabile che nasca come soggetto politico e parlamentare molto presto, se non verrà superata l'attuale gestione del Pdl siciliano, obiettivamente inadeguata sul piano della rappresentatività e incapace di svolgere il proprio ruolo nella maggioranza che sostiene Lombardo, che ha il sostegno di Berlusconi e Fini. C'è ancora tempo e spazio politico per ritrovare una sintesi unitaria - aggiunge - ma occorre farlo molto presto. Auspico che al di là delle schermaglie strumentali, in sede nazionale parta già domani una forte iniziativa politica in grado di ricomporre il partito intorno a una leadership regionale autorevole e condivisa».
E il deputato nazionale Fabio Granata rincara la dose: «intendiamo sostenere il governo Lombardo peraltro secondo le indicazioni a suo tempo sia di Berlusconi che di Fini e non è possibile assistere indifferenti ai continui attacchi che si muovono al suo governo. Le nostre città sono ultime nelle classifiche per qualità della vita e benessere, pur essendo una regione con straordinarie potenzialità che certo non sono quelle del Molise o della Basilicata, eppure sprofondiamo mentre c'è da mettere mano con urgenza all'utilizzo dei fondi europei dell'Agenda 2007- 2013. Questa è la vera irresponsabilità, non rendersi conto che bisogna aiutare i governo a portare avanti i progetti, incalzarlo su questo fronte, piuttosto che parlare di elezioni anticipate o di ritirare dalla giunta gli assessori. Un'ipotesi folle solo a pensarla, perché non tiene conto della drammaticità della realtà che richiede corale sforzo a impegnarsi per lo sviluppo. Il che non significa appiattirsi sulle scelte del governo ma contribuire alla sua azione di motore propulsore per l'economia, accelerare i progetti».
Nino Lo Presti dice che il gruppo potrà contare su 14-15 deputati: Non c'è alcuna divisione col Pdl, di divisione si potrà parlare solo quando qualcuno romperà l'aleanza con Lombardo e quel qualcuno potrà essere, come ha detto il ministro Alfano, solo Berlusconi».

mercoledì 23 settembre 2009

Eolie: Imperversa lo scirocco. Approdo vietato per il "Novelli" a Lipari

Imperversa lo scirocco e i passeggeri(quelli provenienti dalle isole minori), qualche turista (in partenza da Lipari) e diversi eoliani (in rientro da Milazzo) pagano già il primo "salato" prezzo ad approdi non altezza.
Intorno alle 18 e 45, dopo ben 4 tentativi, la nave Pietro Novelli della Siremar,proveniente da Alicudi, Filicudi e Salina, ha dovuto rinunciare ad approdare a Lipari con il disappunto di chi doveva sbarcare ed è stato trasportato sino a Milazzo e di chi doveva lasciare l'isola e non ha potuto farlo.
"Abortito" a Capo Milazzo anche un tentativo del mezzo dell'Ustica Lines di raggiungere l'arcipelago. Il mezzo, partito alle 18, è stato costretto al rientro.

Chi si ricorda di San Calogero? (di Michele Giacomantonio)

(Michele Giacomantonio) Un silenzio tombale è sceso sulle Terme di S. Calogero. Non ne parla più nessuno a cominciare dall’Amministrazione comunale che pure, in passato, aveva assicurato di volerne fare un cavallo di battaglia.
Il 24.04.2002 il consiglio comunale di Lipari ebbe a deliberare la costituzione di una società per la Trasformazione Urbana dell’area di Pianoconte-San Calogero. A seguito della deliberazione venne chiesto al Ministero delle Infrastrutture un finanziamento di 100 mila euro per far effettuare uno studio di fattibilità. In quell’occasione il Sindaco Bruno presentò la Dott. Cristina Rossi quale capofila di un gruppo imprenditore interessato ad investire sulle terme. A distanza di diversi anni niente abbiamo saputo. Tutto avvolto dalle nebbie del non fare.
Dal 7 dicembre 2002 al 3 novembre 2004 a più riprese appaino sui giornali notizie che l’Amministrazione abbia voglia vendere (ammesso che fosse nelle sua disponibilità) le Terme ma erano notizie sempre smentite affermando che invece vi erano altri progetti. Ma di quali fossero non è si è saputo nulla. Poi fu indetta una sorta di gara fra chi volesse utilizzare i locali, ma anche questa iniziativa è finita nel nulla.
L’edificio è lì chiuso, privati ricevono i turisti in visita, fanno visitare il tolos miceneo e intascano le mance.
Eppure è un peccato che il complesso venga lasciato abbandonato con il bisogno di punti di interesse che il nostro turismo ha, per sottolineare percorsi culturali naturalisitici.
Certo ripristinare le Terme come erano un tempo è ormai praticamente impossibile. I posti letto che si possono recuperare nella struttura sono insufficienti per dare vita ad una sorta di realtà paraospedaliera con gli standard di servizio e di assistenza che oggi sono divenuti obbligatori. Né questo può essere ovviato con strutture alberghiere esterne giacchè nella zona non ne esistono, né si può pensare di crearle visto il PTP delle Eolie. Inoltre vi è il problema dell’acqua che negli ultimi 120 anni ha subito una lenta e continua diminuzione della portata e della temperatura della sorgente. Per la temperatura si è passati da valori superiori a 90° C del 1872, a valori prossimi a 60° nel periodo 1906-1972. a 47° nel 1996. Quanto alla portata questa è passata dai 60 l/min agli attuali 20l/min..
Più realistico è pensare – come sostiene Pino La Greca nel suo libro “Le terme di San Calogero” – ad un Museo delle terme, composto da stanze, camere e gallerie che espongono riproduzioni di codici miniati, pitture incisioni, fotografie, documenti e testimonianze sulla storia notevole delle terme liparesi ed italiane in genere, affiancato da una mostra permanente fotografica, documentale e materiale dell’arte e delle tradizioni contadine dell’isola di Lipari. Una struttura che sarebbe unica in Sicilia e nell’intera Italia Meridionale. Fin qui Pino la Greca.
A fianco al Museo delle Terme potrebbe essere forse recuperata, trovando i finanziamenti, un’idea ambiziosa maturata al tempo della mia Amministrazione, e cioè quella di un grande parco che si stagli sul mare e che comprenderebbe oltre l’area San Calogero anche la valle del Fuardo, ove siano inseriti, in modo sinergico, un polo Benessere e Bellezza ed un polo Salute naturalmente un parco aperto che non preveda ospedalizzazione. Nell’ipotesi i due poli venivano collegati fra loro da un percorso coperto e protetto in modo da renderlo fruibile tutto l’anno.
Intorno erano previste una serie di piazze-solarium panoramiche su più livelli differenziati, piazze come luoghi di socialità ed incontro con vista panoramica sul circondario che permettano di spaziare con gli occhi a 360°.
In quest’ambiente si possono pensare inseriti un grande minigolf, zone d’intrattenimento all’aperto e da ballo, sistemazione di percorsi sportivi, parco dei bambini e ragazzi e così via.
Siccome uno dei problemi più seri è quello di ridurre al minimo l’impatto ambientale, nell’ipotesi allora formulata, il polo benessere e bellezza che comporterebbe l’attuazione di piscine al chiuso ed all’aperto si ipotizzerebbe come struttura realizzata totalmente fuori terra e, che, per la parte al chiuso sarebbe successivamente interrata con un’opera di attenta modellazione del riporto del terreno. Queste zone infine venivano ricoperte di verde, di fiori e piante in modo da ottenere un ambiente quanto mai curato e di grande fascino e presa sugli ospiti e sui visitatori.
Certo che un centro di interesse di questo tipo sarebbe un grande richiamo che valorizzerebbe non solo tutta l’area del circondario ma l’intera isola di Lipari.
Solo un sogno? Con un’Amministrazione che si muove solo dietro all’emergenza non può rimanere che un altro sogno come quello del parco di Porticello e delle cave, oppure del Caolino.

Campi boe nelle isole minori e nelle aree protette. Via libera dal Senato

Il Senato ha oggi approvato all'unanimita' la legge presentata dai senatori del Pd Raffaele Ranucci, Luigi Zanda, Roberto Della Seta e Riccardo Villari del Gruppo misto che prevede l'istituzione dei cosiddetti 'campi boe'. ''La legge - spiega il primo firmatario Ranucci- consentira' la realizzazione di un progetto di infrastrutturazione leggera delle isole minori italiane, delle aree marine protette e di reperimento e di particolari tratti di costa, che li doti di campi di ormeggio attrezzati, cosiddetti campi boe, laddove piu' alta e' la pressione del diporto''. ''Cosi' - spiega ancora Ranucci - sara' possibile limitare, se non eliminare del tutto, gli ancoraggi sulle praterie di Posidonia o comunque in aree con fondali protetti per evitare una eccessiva pressione turistica ed antropica che invece alcuni tratti di costa, le isole minori, le aree marine protette e le aree marine di reperimento sono costrette a subire durante il periodo estivo con il rischio di comprometterne l'inestimabile valore''. ''Sara' inoltre possibile regolamentare gli ancoraggi e gli accessi nelle aree protette. Cosa che, oltre a rispondere alla predetta esigenza ambientale, si rende necessaria per far fronte alle difficolta' degli approdi particolarmente sentita nel periodo estivo''. ''I campi boe - conclude Ranucci - sono insomma una soluzione semplice studiata per consentire di godere della bellezza dei nostri mari ma nel pieno e assoluto rispetto dell'ambiente e della salvaguardia di fondali ricchi di vegetazione marina''.

Canneto Dentro: E' "cresciuta" un'auto-carcassa. (di Anna Miracula)

Riceviamo da Anna Miracula e pubblichiamo: Vorrei fare una precisazione , tanto per dovere di cronaca e informazione.
Nell’articolo scritto domenica scorsa riguardo sempre alla discarica formatasi nella zona di Canneto Dentro, avevo inviato, insieme alle altre , una foto che ritrae la curva dove giacciono un furgone , altre carcasse d’ auto , il tutto abbellito da altri rifiuti intorno.
Volevo far notare la differenza tra la foto scattata in data 2 settembre,il famoso giorno in cui furono scaricati da quel furgoncino giallo altri materiali e la foto scattata in data 20 settembre.
Non notate tutti che accanto al furgone sia “cresciuta” un'altra auto-carcassa, che ai tempi fu una fiat panda nera?
E’ stata scaricata lì credo da qualche settimana,ma anche se fossero pochi giorni poco importa.
Importa invece, che in quel sito si continuano a scaricare rifiuti di ogni genere, all’impazzata e senza ritegno, causando deturpamenti all’ambiente che ci circonda e che dovremmo cercare di proteggere.
Anna Miracula

Turismo e selezione di figure professionali: Convegno Eures a Lipari sabato 26 settembre

Il Dipartimento Lavoro - Servizio Eures (European Employment Services -Servizi europei per l'impiego), - dell'Assessorato Lavoro della Regione Siciliana, e il Ministero del Lavoro e la Federalberghi Isole Eolie con il supporto del GAL Leader II Eolie, organizzano il convegno "Eures e la mobilità dei lavoratori provenienti dai paesi appartenenti alla U.E. - una risorsa per l'imprenditoria eoliana".
L'incontro che si terrà a Lipari, il 26 settembre, alle ore 11:00, presso la
sala congressi dell'Hotel Gattopardo, al quale parteciperanno anche i sindaci dei comuni eoliani, presenterà le opportunità messe a disposizione dalla rete Eures coordinata dalla Commissione Europea.
L'iniziativa nasce con l'obiettivo di aiutare le imprese eoliane del settore turistico-alberghiero a selezionare, nell'ambito dei paesi membri, le figure professionali necessarie a soddisfare le proprie esigenze occupazionali. Si
tratta di un servizio gratuito e personalizzato teso ad rintracciare, selezionare e proporre i potenziali candidati disponibili a spostarsi, anche per il solo periodo estivo, nello Spazio Economico Europeo (SEE).
Favorire una maggiore mobilità dei lavoratori, sia tra le occupazioni (mobilità professionale) sia tra e nei Paesi (mobilità geografica), può contribuire infatti al progresso economico e sociale, ad un alto livello di occupazione e al raggiungimento di uno sviluppo sostenibile ed equilibrato.
Lo sviluppo della mobilità permette anche all'economia europea, all'occupazione e ai lavoratori di adattarsi in modo più flessibile ed efficace alla situazione mutevole di un'economia mondiale aperta alla concorrenza. Una maggiore mobilità fra gli Stati membri favorirà inoltre anche una più stretta integrazione politica nell'ambito UE.
Infine, tra gli obiettivi correlati all'iniziativa ci sarà anche quello di poter far accedere - attraverso una sinergia tra il Servizio EURES dell'Assessorato Regionale al Lavoro e il Ministero del Lavoro - gli imprenditori del settore turistico alberghiero delle Isole Eolie al Progetto per il turismo "Lavoro e Sviluppo 4".

PARLARE SEMPRE…LAVORARE ANCOR DI PIU’!!! (di Tiziana De Luca)

Leggendo e rileggendo in questi giorni le notizie online, non posso fare altro adesso che scrivere due righe anch’io su questo, a mio modesto avviso, continuo, fastidioso ed infruttuoso “botta e risposta” fra le persone.
Io sono una donna a cui piace il dialogo, il confronto, stare in mezzo alle gente, parlare ed ascoltare, dunque legittimi le critiche, i disappunti, le voci di chi vuol dire la propria, ma a tutto c’è un limite.
Accetto i consigli di Michele Giacomantonio, persona capace e preparata, che si mette in gioco continuamente, grazie all’intraprendenza che dovrebbe arrivare più da un giovane che da uno meno giovane, e che comunque, è ovvio, non è esente da imputazioni di critiche di qualsivoglia genere.
Accetto le denunce che mettono in evidenza deturpazioni ed inquinamenti del territorio, ingiustizie, abusi e falsità.
Non accetto, al contrario, consigli, opinioni e giudizi da parte di ragazzini o in qualificati opinionisti, a cui né io né nessuno possiamo togliere il diritto di esprimere le proprie idee, ma a cui posso dire, da persona intelligente, sensibile e con un po’ di cultura, che la supponenza è sintomo d’ignoranza, quindi da parte mia l’augurio a chi vuole riceverlo di acquisire, prima di giudicare, gli strumenti giusti per comprendere la realtà, attraverso lo studio e la lettura, di bere una copiosa dose di umiltà e di calarsi nella politica, che non è quella delle poltrone, ma è l’occuparsi attivamente della società, attraverso canali formativi, di cui il più importante, secondo me, è l’associazionismo.
Quindi,prima delle leggi, prima delle poltrone, prima della selezione delle persone che vi siederanno sopra, vi è una fase di assimilazione di concetti e strutture importanti, quali la cultura, la condivisione, il lavoro di gruppo e soprattutto la considerazione ed il rispetto per le persone e per il territorio in cui si vive, che portano a formulare i progetti più giusti ed intraprendere le strade migliori per se stessi e per la comunità che si ha voglia di far crescere e migliorare insieme.
Cosicché, a volte, piuttosto che scrivere e parlare, sarebbe meglio per tutti rimboccarsi le maniche e lavorare.
Dunque, parlare sempre…lavorare di più!!
Buon lavoro a tutti…
Tiziana De Luca
ASSOCIAZIONE GIOVANI EOLIANI

Nessun prospettiva per il futuro: concausa del disagio giovanile alle Eolie.

Il termine “educare” letteralmente significa “tirar fuori”, tirare fuori dal ”soggetto” le sue capacità, i suoi sogni le sue aspettative e renderlo in grado di realizzare il proprio “progetto di vita”. Affinchè questo processo si svolga in maniera regolare è necessario che il “giovane” sia accompagnato, aiutato. Ha bisogno di avere accanto figure che sappiano “stare con lui”, figure di riferimento capaci di comprendere senza giudicare, capaci di fornire un orizzonte di valori che possa consentire il pieno sviluppo individuale e delle proprie potenzialità. Leggendo attentamente quanto scritto dall’ex Assessore, l’avvocato Maggiore, relativamente agli interventi predisposti nel Piano di Zona per i Servizi Sociali, in riferimento alla questione del disagio giovanile, mi sono accorto che talune cose importanti sono state fatte. Vari progetti, tra cui l’istituzione di un Centro Socio Educativo nell’isola di Lipari 8 progettato ma non ancora realizzato ), mi sembra senza alcun dubbio un notevole passo in avanti, una vera svolta. Certo, la sua istituzione di per sé non è risolutiva, ma le iniziative che ad esso potrebbero essere correlate, consentirebbero ai ragazzi, ai giovani di queste isole, di alzare un pò la testa e di poter guardare al futuro con maggiore positività, in quanto aiutati da persone competenti a creare un proprio progetto di vita. E' difficile, stante l'attuale situazione, essere ottimisti relativamente al compimento di questi progetti e soprattutto immaginare un regolare svolgimento dei bandi, selezioni, assegnazioni e gestione delle varie iniziative: ecco perché i giovani sono sfiduciati. E' verò che l'ozio e la noia dovuti alla assoluta assenza di iniziative comunali atte a coinvolgere gli adolescenti e i giovani in attività che possano costituire un’alternativa alla semplice “passeggiata sul corso”, al non fare niente, al non sentirsi presi in considerazione, al non intravedere reali possibilità per il proprio futuro, costituiscono le principali cause di disagio. Accanto a questo però, bisogna collocare la quasi totale assenza di figure di riferimento e d’esempio che dovrebbero essere riscontrate negli adulti. In una comunità dove ciascuno pensa a coltivare il proprio orticello e dove ognuno cerca di non pestare i piedi all’altro, anche quando l’altro di fatto non agisce rispettando le regole e spesso le leggi. Con esempi pessimi all’interno degli organi di amministrazione e di rappresentazione che dovrebbero garantire il futuro dei giovani di queste isole. Vige a mio parere una situazione di totale abbandono e di mancanza di programmazione, non esiste una politica giovanile, un progetto che possa rappresentare una valida speranza per i ragazzi di queste isole. Assenza di progettualità in chi amministra, assenza di progettualità tra gli adulti, non può che tradursi in un futuro negato ai giovani. Ma forse questo conviene ai nostri amministratori?! Perché un giovane senza futuro, con poche speranze, con innegabili limiti dal punto di vista della formazione e dell’istruzione, in difficoltà a realizzare le proprie aspirazioni è più facilmente ricattabile. E’ senza dubbio più semplice per chi punta solo ed esclusivamente a raggiungere il potere e le poltrone, se i giovani possono essere illusi con questo o quel miraggio in cambio di un voto. Giovani ben istruiti, pienamente realizzati, con iniziative ed opportunità, fanno paura a chi ci amministra. Ed allora perché preoccuparsi del disagio che serpeggia tra i nostri ragazzi?! ...Meglio così, porteranno voti in futuro. Il sociale a Lipari è rappresentato solo dalle iniziative di gruppi di cittadini, di ragazzi che si associano e cercano, attraverso l’arte o lo sport, di coinvolgere, di accompagnare e di educare. La scuola fa ciò che può, ma da sola non riesce a seguire prima i bambini e poi i ragazzi, nel corso della loro formazione personale. Il risultato di tale situazione e l’abbandono di queste isole, da parte della maggioranza dei nostri giovani, che una volta trasferiti altrove, molto difficilmente torneranno; perché mai dovrebbero farlo, perché ripiombare in questa situazione?! Non possiamo negare che tutto questo però non sia imputabile solo ed esclusivamente alla politica. Un ruolo determinante svolgono le famiglie, il bisogno di essere compresi, ascoltati, amati all’interno dell’ambiente familiare. Ed allora il problema diventa più generale e si estende oltre l’orizzonte che delimita il nostro splendido mare. Le condizioni esterne sono lo sfondo, ma il rischio reale che il disagio si trasformi in disadattamento, sta dentro ciascuna di queste giovani vite.
Samuele Amendola.