Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 14 agosto 2010

Come erano le Eolie ..e gli eoliani (94° puntata) (R)

Continua il "viaggio fotografico" attraverso la rubrica "Come erano le Eolie...e gli eoliani".Per molti sarà un viaggio nel passato, per altri sarà uno scoprire un parte delle "radici", una parte di queste isole e di coloro che le hanno popolato ed amate, per molti rivedere volti conosciuti, per altri ancora rivedersi.. come non si è più.
Chiunque volesse contribuire alla riuscita di questa rubrica e vuole proporre foto delle Eolie, di personaggi, di avvenimenti può farcele pervenire a questa http://ssarpi@libero.it
In caso di problemi di scannerizzazione si possono affidare a noi le foto contattandoci al 339.57.98.235.
Le foto cartacee saranno restituite
Nelle foto:1) Lo Snoopy Club di pallavolo femminile (anno 1989)
In basso da sinistra: Fausto Amendola, Caterina Persiani, Rita Barrica, Giovanna Finocchiaro, Alessandra Costa, Patrizia Barrica
In alto da sinistra: Nicola Biviano, Alfredo, Franco Belfiore, Michela Guerrera, Sabrina Casali, Nunzia Ziino, Carla Gallo, Patrizia Guerrera, Anna Tesoriero e Antonella Mirabito
2) Michela Guerrera, Salvatore Sarpi, Anna Casamento
3) Il pescatore Greco cuce la rete davanti alla chiesa di San Giuseppe a Lipari
4) La "Via del Concordato" (Salita della Cattedrale) Lipari
5) Salina: Lavori di prolungamento del porto (anni '20)

Sisma al largo di Stromboli. Nel tardo pomeriggio

Una scossa di terremoto di magnitudo 2.5 è stata registrata oggi alle 18.18 (ora italiana) a sud est dell'isola di Stromboli
L’epicentro del sisma è stato localizzato in mare, a 102 km di profondità. Non è stato avvertito dalla popolazione e non si registrano danni a persone e/o cose.

Vulcano. Due incendi in corso. Affidato al sindaco coordinamento operazioni sull'isola. Brucia anche Lipari (articolo in aggiornamento dalle 19)

Piromani senza sosta e senza ritegno stanno mettendo a ferro e fuoco nelle ultime 24 ore l'arcipelago.
Da diverse ore, come un grande fiammifero in mezzo al mare, brucia di nuovo l'isola di Vulcano già oggetto la notte scorsa, unitamente ad Alicudi, delle attenzioni di questi soggetti. In un primo momento interessata l'area di Luccia/Capo Grillo
Sul posto vigili del fuoco e forestali con una situazione che a tratti è stata delicatissima. Le fiamme si sono avvicinate alle case ed importante si è rivelato l'intervento dei vigili del fuoco, della forestale e dei volontari. Al momento per le abitazioni non sembra esserci più pericolo e anche il fronte del fuoco sembra essersi ridotto.
Ma i piromani non si arrendono e da qualche minuto è ripartito il fuoco a Lentia nella stessa zona di ieri sera.
Il sindaco Mariano Bruno, rientrato sull'isola dai funerali tenutisi a Milazzo e al quale Prefettura e Protezione civile hanno affidato il coordinamento delle operazioni necessarie per fronteggiare l'incendio e in supporto a vigili del fuoco e forestali, non sa più a che santo votarsi. Costretto com'è, insieme a pompieri a forestali, a fronteggiare tutte le varie situazioni. Non bisogna, infatti, dimenticare che sta bruciando anche l'area di Caolino a Lipari. Vista l'emergenza- da quanto apprendiamo- sono stati chiamati in servizio alcuni dei vigili del fuoco che oggi erano liberi.
Vi mostriamo le immagini, di oggi alle 19, dell'area di Luccia/Capogrillo interessata dall'incendio:

"Lavaggio" delle strade del centro di Lipari a titolo gratuito. Iniziativa della ditta Pittari

Un intervento di "lavaggio" delle strade del centro storico di Lipari è stato effettuato stamani, a titolo assolutamente gratuito, dalla ditta di Francesco Pittari e figlio di Lipari. "Un piccolo contributo- ci ha dichiarato Alessandro Pittari- a mantenere, anche in considerazione della notevole affluenza turistica di questi giorni, più pulita la nostra isola. Il video con uno stralcio dell'intervento, effettuato stamani di buon'ora:

Di tutto un po (notizie in aggiornamento durante la giornata)

Piromani scatenati. Brucia anche Lipari- Anche oggi pomeriggio i piromani non si sono riposati e hanno preso di mira la località di Caolino a Quattropani dove sono andati in fumo un paio di ettari di vegetazione. Ad evitare il peggio, anche stavolta, il tempestivo intervento di Forestale e Vigili del fuoco. L'incendio, sviluppatosi intorno alle 15, è stato circoscritto intorno alle 17 e 30 sono iniziative le operazioni di bonifica
(nella foto: l'incendio notturno di stanotte a Vulcano, visto da Lipari)

Lipari: Mostra sui carabinieri aperta sino a domani- E' stata prorogata sino a domani, visto l'enorme successo riscontrato, la mostra "Carabinieri, Patrimonio delle Comunità" in corso di svolgimento al Centro Studi di Lipari. La mostra è organizzata dal Centro Studi "Salvo d'Acquisto". Per chi non l'ha ancora visitata una occasione da non perdere. Nei giorni scorsi la mostra è stata visitata anche dal Presidente del Senato, on. Renato Schifani.


Fiamme ad Alicudi, intervengono anche mezzi aerei- Il vasto incendio che si era sviluppato la notte scorsa ad Alicudi, la piu' piccola delle isole Eolie, e' stato appena spento.
Sull'isola, che e' particolarmente impervia e attraversata solo da strade rurali e mulattiere, sono intervenuti oltre alla squadre di Vigili del Fuoco e del Corpo Forestale, anche un Canadair e un elicottero.
L'aereo sta ancora compiendo una serie di lanci per spegnere gli ultimi focolai


Lipari: Lectio magistralis di Vincenzo Consolo- Mercoledi 18 agosto alle ore 19.00 il maestro Vincenzo Consolo sarà al Centro Studi di Lipari per tenere la sua “Lectio magistralis” dal titolo “I muri d’Europa”, d’investitura nel nuovo ruolo di Presidente Onorario del Centro Studi Eoliano. Seguirà presentazione del libro “Diari di viaggio alle isole Eolie” di Dumas e Maupassant, secondo volume della collana “Alle Eolie sulla scia di Ulisse” curato da Clara Raimondi

J'accuse (di Piero Roux)- Viviamo in un paese di frontiera, ove regole, legalità, rispetto per le altrui esigenze sono quotidianamente calpestate. Vige l'arroganza del più forte o del più furbo, il disinteresse del bene collettivo, la predazione costante del territorio. Tutto questo avviene sotto gli occhi dei nostri amministratori che non intervengono, andando ad alimentare il clientelismo smodato assunto a perpetuazione del potere. ( se proprio debbono fare un atto simbolico, attaccano giustamente un'illecito - che andrebbe ampiamente perseguito su tutto il territorio - ma lo fanno con un membro dell'opposizione).
D'altronde " chi non è con me è contro di me" lo insegna il Berlusca cercando di distruggere mediaticamente il non più allineato Presidente della Camera Fini.
Dio salvi le Eolie...
Piero Roux

Ore 12. Vigilia di Ferragosto a Lipari.

Ore 12. Vigilia di ferragosto a Lipari ....che caos!
C'è chi arriva, chi parte, chi aspetta, chi organizza, chi è già stanco. E sul porto fioccano i controlli e le operazioni di disciplina del traffico in entrata e uscita da parte di Carabinieri e Circomare.
IL NOSTRO VIDEO:

Buongiorno Eolie!. Lo spettacolo dell'alba (di Antonio Iacullo)

Ancora una splendida alba a Lipari immortalata da Antonio Iacullo LA FOTO SI INGRANDISCE CLICCANDOCI SOPRA

L'elicottero dopo l'incendio e le vittime dell'incidente di Giammoro. Il cordoglio




L'amministrazione comunale di S.Marina Salina esprime per la sconcertante scomparsa del giovane Com.te Davide Taranto e di alcuni suoi collaboratori, sentimenti di affetto e di sincero cordoglio, alle famiglie colpite dalla disgrazia. Rimarrà indelebile il ricordo di un giovane eoliano fortemente legato alla sua terra a tal punto da volerne ridisegnare positivamente le fattezze attraverso il suo impegno quotidiano. La sua capacità organizzativa sostenuta dall’ impegno lavorativo di tutta la famiglia Taranto, hanno permesso alle Isole Eolie, di avere una nuova immagine positiva legata al trasporto marittimo. Il suo impegno, profuso anche attraverso la partecipazione alle diverse fiere turistiche, è stato da sostegno per tutte le amministrazioni eoliane. Raro esempio di disponibilità e di servizio verso le nostre isole.
Agli amici Davide Taranto, Pippo Adige e al giovane Enzo Fricia il nostro ultimo affettuoso saluto.

L'ispettore Agostino Portelli della polizia municipale di Lipari, unitamente a tutto il gruppo della gestione emergenziale, partecipa al dolore della famiglia Taranto per la tragica dipartita di Davide del quale ricordano la grande cordialità e gentilezza.

Federalberghi Isole Eolie piange l´associato Davide Taranto, tragicamente e inaspettatamente scomparso questa mattina.
Di Davide ricorderemo l´intraprendenza ma anche il sorriso e il suo essere sempre propositivo e disponibile.
Ai familiari di Davide e delle altre tre vittime della sciagura va il cordoglio della Federalberghi e dei propri associati.

Come erano le Eolie ..e gli eoliani (93° puntata) (R)

Continua il "viaggio fotografico" attraverso la rubrica "Come erano le Eolie...e gli eoliani".
Per molti sarà un viaggio nel passato, per altri sarà uno scoprire un parte delle "radici", una parte di queste isole e di coloro che le hanno popolato ed amate, per molti rivedere volti conosciuti, per altri ancora rivedersi.. come non si è più.
Chiunque volesse contribuire alla riuscita di questa rubrica e vuole proporre foto delle Eolie, di personaggi, di avvenimenti può farcele pervenire alla mail ssarpi@libero.it
In caso di problemi di scannerizzazione si possono affidare a noi le foto contattandoci al 339.57.98.235.
Le foto cartacee saranno restituite
Nelle foto (si ingrandiscono cliccandoci sopra) :
1 e 2) Il gruppo dello Snoopy club di Lipari nel Carnevale del 1985.
Foto 1 (tra gli altri) : Luciano Mollica, Nicola Biviano, Fausto Amendola, Massimo Caminiti, Roberto Paino, Mario Di Maggio, Giovanni Maggiore, Lino Natoli, Michela Guerrera, Felice Natoli Foto 2 (tra gli altri) : Nicola Biviano, Lino e Rosellina Natoli, Bartolomeo Favaloro, Antonio Iacullo, Michela Guerrera, Graziella Mirabito, Gisella Cullotta
3) Il postale a Marina Corta (Lipari) anno 1927
4) Il C.so Vitt. Emanuele di Lipari e la Chiesa del Pozzo

Auguri Luana !!!!!

In questa corsa frenetica che è la vita, troppo spesso ci dimentichiamo di cogliere la magia dell'esserci.
Proprio per questo... per il tuo compleanno... niente regali... ma un augurio fatto dalla profondità dell'anima.
Ti auguro che tu possa cogliere ogni sfumatura della vita gioendo per essa.... secondo dopo secondo... minuto dopo minuto... ora dopo ora... giorno dopo giorno.... mese dopo mese.... anno dopo anno.
Insomma..... SEMPRE!!!!
Un bacio ! Buon Compleanno !

Massimo Lo Schiavo: "Con Davide ho perso un fratello". Proprio giovedì dovevano parlare di un progetto. Potrebbe essere stato l'ultimo a sentirlo.

Il giovane imprenditore Davide Taranto, tragicamente deceduto, sul R44 a Giammoro, stava raggiungendo Salina non solo per un intervento che l'elettrauto Pippo Adige doveva effettuare su una barca della Tar.nav.
Vi proponiamo l'articolo che oggi, a firma del nostro direttore Salvatore Sarpi, è stato pubblicato sulla Gazzetta del Sud di Messina.
Salvatore Sarpi – Un intervento su una delle sue imbarcazioni ferme a Salina ma non solo quello. Aveva un duplice un obiettivo il viaggio in elicottero del povero Davide Taranto nell'isola eoliana. Infatti, avrebbe dovuto incontrare il sindaco di Santa Marina Salina, Massimo Lo Schiavo per discutere e pianificare una progettazione relativa a servizi di collegamento marittimi da e per quel comune.
Lo apprendiamo dallo stesso primo cittadino di Santa Marina Salina, sconvolto dal drammatico evento e per avere perso quello che, senza mezzi termini, seppure con un filo di voce, rotto dalla commozione, definisce: “Un vero e proprio fratello”.
Davide e Massimo, come anticipato, stavano lavorando da tempo ad un qualcosa che mettesse insieme l'imprenditorialità e le capacità del primo nel settore dei collegamenti e la necessità, per il secondo, di superare problemi atavici in quel campo per il suo comune ma più in generale per la sua isola.
Non ne vuole parlare più di tanto Massimo Lo Schiavo e, davanti alla nostra insistenza, si limita a dire: “Ormai non ha più senso. Davide non c'è più e nulla potrà essere come avevamo pensato”. Dalle sue poche, mezze, parole si capisce però che l'oggetto dell'incontro doveva essere la realizzazione di un qualcosa (uno o più collegamenti) che consentissero alla comunità salinara di affrontare al meglio le difficoltà nella movimentazione da e per Milazzo, forse anche da e per Lipari, specie nel periodo invernale quando i normali mezzi di linea restano “al palo” e i privati (Tarnav in testa) affrontano il mare anche in condi-meteo per altri avverse.
Il sindaco Lo Schiavo, apprendiamo, ha sentito Davide Taranto alle 8 e 15 di quel drammatico giovedì. Potrebbe essere stato uno degli ultimi, se non l'ultimo, ad avere parlato con lui al telefono, prima della disgrazia..
“ Aveva scelto- ci dice il sindaco- di arrivare in elicottero sia per effettuare, attraverso Pippo Adige, un intervento tempestivo su quella barca sia perchè subito dopo il nostro incontro aveva necessità di tornare sulla costa. Al telefono ci eravamo dati appuntamento- conclude- alle 9 e 15 all'elipista di Malfa ”.
Un appuntamento che Davide, in genere abbastanza puntuale, ha disatteso, poiché stavolta ne aveva un altro: Con il destino.

"Mezzanotte di fuoco" per la Guardia Costiera di Lipari...in corsa di isola in isola

"Mezzanotte di Fuoco" per gli uomini della Guardia Costiera di Lipari.
Intorno alle 23.00 della scorsa notte, il Comando dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari
è stato allertato per supportare la squadra dei VV.FF. di Lipari che aveva la necessità di raggiungere l'isola di Alicudi, martoriata da un incendio di vaste proporzioni.
Contemporaneamente un altro incendio divampava sul lato Ovest dell'isola di Vulcano, alimentato dai venti di scirocco, sul quale stava intervendo una squadra del Corpo Forestale Regionale, coordinata dal Comandante Carmelo MAIELI.
Il Circomare Lipari, interessato dalla Dott. ssa Ruggeri della Prefettura di Messina, si interessava per organizzare l'intervento sull'isola più ad ovest dell'arcipelago.
Il Comandante T.V.(CP) Giuseppe DONATO, già in sala operativa per coordinare un soccorso di un natante proveniente da Palermo, con due persone a bordo, rimasto in balia delle onde a 13 miglia SW dalle bocche di Vulcano, rientrato in porto grazie all'intervento del battello G.C.A05, tentava di contattare l'equipaggio dell'aliscafo Calypso, ormeggiato al porto di Pignataro, per il trasporto del personale operativo, senza riuscire nel suo intento.
Immediatamente veniva allertata la Motovedetta CP 266, messa a disposizione, in servizio temporaneo alle isole Eolie, dal Direttore Marittimo di Catania, Contrammiraglio (CP) Domenico De Michele.
L'Unità, in servizio all'isola di Panarea, raggiungeva Lipari, imbarcava la squadra dei VV.FF. e dirigeva per Alicudi, con a bordo il C.te dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari T.V.(CP) Giuseppe DONATO, raggiungendo l'isola alle 02.30, permettendo alla squadra di monitorare la situazione ed iniziare ad operare contro le fiamme.
Il pattugliatore della Guardia Costiera, si tratteneva in zona operazioni su richiesta del 115 e disposizione della Prefettura di Messina.
Gli operatori dei VV.FF. riferivano che la squadra a terra aveva informato in merito alla "possibile" presenza di ustionati da trasferire presso le strutture ospedaliere della maggiore isola Eoliana.
Interessato il Dirigente del 4° Settore - C.te della Polizia Muicipale di Lipari - Dott. Domenico RUSSO, si concordavano le procedure di eventuale richiesta d'intervento dei CANADAIR.
Questi ultimi, richiesti dai VV.FF., per il successivo coordinamento da parte del locale Comando del Corpo Forestale Regionale, si sarebbero levati in volo alle prime luci dell'alba per domare le fiamme.
Alle 05.45 il Battello G.C.A05 mollava gli ormeggi alla volta di Alicudi con a bordo la squadra del Corpo Forestale Regionale, capitanata dal C.te MAIELI, per il coordinamento dell'operato dei velivoli e la successiva necessaria bonifica delle aree interessate dall'incendio.
La giornata dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari era già stata caratterizzata da intensa attività in materia di soccorsi in mare, con due interventi degli uomini della Guardia Costiera del distaccamento di Stromboli.
Gli stessi, impegnati nel servizio di interdizione della Sciara del Fuoco dell'isola di Stromboli, in ottemperanza del protocollo d'intesa tra Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto e Dipartimento di Protezione Civile Nazionale, erano intervenuti su due unità che imbarcavano acqua, procedendo a mettere in sicurezza le stesse presso l'approdo di Scari di Stromboli.
Una lunga notte ed una mattina di intenso lavoro, che ha richiesto un coordinamento "interforze" , rodato con successo, con l'unico scopo della salvaguardia della vita umana.

venerdì 13 agosto 2010

Vigile zelante... e caos. Il dottore Subba scrive al comandante della polizia municipale di Lipari

QUESTO IL TESTO DELLA LETTERA CHE IL DOTT.GIUSEPPE SUBBA HA INVIATO AL COMANDANTE VIGILI MUNICIPALI DEL COMUNE DI L I P A R I E, p.c. AL SIG. SINDACO DEL COMUNE DI
L I P A R I, ALL’ASSESSORE ALLA VIABILITA’ DEL COMUNE DI L I P A R I
Oggetto: Complimenti al vigile urbano n. 17.
Il giorno 9 corrente, alle ore 11,42, il vigile urbano, distinto con il n. 17 (la firma è illeggibile), ha redatto il preavviso di verbale n.18/44 per il mio scooter (Vespa 150) targato BT27259.
La causale del verbale è la seguente: “ha lasciato in sosta il predetto veicolo fuori dagli appositi spazi previsti dalla segnaletica, art. 157, commi 5 e 8”.
Il suindicato veicolo, in effetti, era posteggiato nella carreggiata, di fronte all’asilo delle suore francescane di Lipari, priva di segnaletica.
Si tratta, quindi, di uno spazio utile ma non utilizzabile anche se non esiste alcun cenno di segnaletica verticale e orizzontale.
Ho già pagato la somma di € 38,00 il giorno successivo per soddisfare lo zelo e l’abnegazione, dimostrati dal dipendente comunale.
La vespa, nel luogo in cui era posteggiata, non creava alcun intralcio e pericolo alla circolazione stradale, perché in linea con gli altri autoveicoli, in sosta nello stesso lato della stessa via.
Non Le sembra strano che un vigile vada a cercare il “pelo nell’uovo” mentre nel resto del paese, specie nella circolazione stradale, regna un caos infernale?
Ciò posto, quale cittadino contribuente, a norma della vigente normativa in materia di trasparenza amministrativa,
C H I E D O
di volermi fornire le seguenti informazioni:
Il numero di preavvisi di verbali redatti dallo zelante vigile nelle strade dell’isola di Lipari, prive di segnaletica orizzontale e verticale, indicante la possibilità di posteggio;
Perché negli spazi liberi non utilizzati non è stata posta in essere la segnaletica per consentire il posteggio alle auto e moto di residenti e di incauti turisti che hanno scelto di passare le vacanze in uno dei posti più remoti d’Italia per la grave carenza dei servizi essenziali, compresi quelli relativi alla viabilità.
Quanti preavvisi di verbali sono stati redatti nella Via Isabella Conti di Lipari dove, giornalmente, gli utenti della strada sono esposti a gravi pericoli per assenza totale di strisce pedonali, sosta in seconda fila, posteggio davanti a cassonetti dei rifiuti e passi carrabili ecc.
Le faccio presente che le suindicate notizie mi occorrono per presentare un circostanziato esposto alle autorità competenti, compresa quella Giudiziaria.
Lipari, 13/08/2010.
Giuseppe Subba

Di tutto un po (notizie in aggiornamento durante la giornata)

Davide Taranto, domani il funerale- Le esequie di Davide Taranto si terranno domani 14 agosto 2010, alle ore 17 nel Duomo di Milazzo. Lo rende noto la famiglia attraverso la Tarnav


Tappa panarellese per Dolce e Gabbana e il loro "Regina d'Italia" - Tappa a Panarea per gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana.
A bordo del loro "Regina d'Italia (nella foto nel mare di Panarea) hanno lasciato Stromboli per concedersi una puntatina nell'isola vip. Sono, comunque, rimasti al largo tra gli isolotti. Impossibile capire chi vi potesse essere con loro a bordo.


Elicottero precipitato, tra le cause ipotizzate l'eccessivo peso - Potrebbe essere stato il peso eccessivo a bordo dell'elicottero a fare precipitare ieri mattina il 'Robinson' , un incidente costato la vita a 4 persone. E' questa una delle ipotesi al vaglio della Procura di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) che coordina l'inchiesta sul disastro di ieri mattina.
Con ogni probabilita', ma al momento non ci sono certezze, l'elicottero e' precipitato, dopo avere urtato il capannone, a causa del peso ritenuto eccessivo sia dei passeggeri che delle attrezzature che servivano per sistemare un guasto ad una nave ormeggiata a Salina, alle Eolie.
Questa mattina, il pm Michele Martorelli ha effettuato un sopralluogo con il consulente nominato, un esperto, insieme ai vigili del fuoco. La carcassa dell'elicottero e' gia' stata rimossa. I resti dell'elicottero sono stati posti sotto sequestro e sistemati in un hangar in attesa di ulteriori ispezioni.

Messina: elicottero precipitato, oggi "difficile" autopsia su resti quattro vittime- Verra' eseguita nel pomeriggio di oggi, o al massimo domani mattina, l'autopsia sui resti delle quattro vittime dell'elicottero precipitato ieri mattina nel messinese subito dopo il decollo. Sara' molto difficile eseguire l'esame autoptico, come spiegano gli inquirenti, perche' i cadaveri sono carbonizzati e quasi ridotti in cenere.
Oggi il pm Michele Martorelli della Procura di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), che coordina l'inchiesta per i reati di disastro aereo e omicidio colposo plurimo, affidera' l'incarico al medico legale e nel pomeriggio si dovrebbe eseguire l'autopsia.
Intanto, la Procura ha nominato ieri sera un consulente esperto in disastri aerei che dovra' tentare di ricostruire quanto accaduto a Giammoro, nel piazzale della 'Cometra'. Questa mattina e' stato eseguito un sopralluogo del pm e del consulente, con un esperto Enac, sul luogo del disastro a Giammoro. Le vittime sono il pilota Domenico Messina, 38 anni, gli imprenditori Pippo Adige e Davide Taranto e l'operaio Vincenzo Fricia di 19 anni appena.

Lipari. Incidente a Bagnamare- Una scooterista è caduta stamani, intorno alle undici, in località Bagnamare, nei pressi della caserma dei vigili del fuoco, battendo la testa. E' stata trasferita in ospedale con l'ambulanza del 118. Da quanto abbiamo appreso a causare l'incidente un'auto che le avrebbe tagliato la strada.
Un breve video:



Da oggi non vedremo più occupazioni abusive di suolo pubblico(di Aldo Natoli)
Dalle pagine dei Notiziari online ho appreso del verbale elevato ieri dalla Polizia Municipale alla Signora Famularo Grazia in via Vittorio Emanuele per le tre sedie in plastica collocate fuori del proprio negozio di souvenir e ceramica. La notizia, considerato a quanto giornalmente assistiamo su tutto il territorio, mi è sembrata talmente ridicola che ho chiesto conferma all’interessata. Naturalmente voglio cogliere l’aspetto positivo della vicenda. Da oggi non vedremo per le strade di Lipari, e non solo, occupazioni abusive di suolo pubblico; non vedremo tavolini e sedie che sbordano dagli spazi assegnati (accanto alla mia agenzia in via Garibaldi succede ogni sera); non vedremo panchine, tabelloni, manichini, ombrelloni, stuoie, cestini ed oggetti vari su marciapiedi e strade; non vedremo commercianti seduti dinanzi il proprio negozio che si godono un po’ di aria fresca ed ammirano il passeggio. Altrimenti, Comandante Russo, saremo in presenza di un’omissione, ed all’intervento di ieri dovremo dare altro significato.

Napolitano rientra da Stromboli. La coppia presidenziale e' sbarcata a Napoli- Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e la moglie, signora Clio, sono giunti a Napoli provenienti da Stromboli.
La coppia presidenziale ha viaggiato a bordo della motonave 'Laurana', della Siremar, ed e' sbarcata al Molo Immacolatella del porto di Napoli.
Rilassato, in giacca blu e pantaloni grigi, senza cravatta, il presidente si e' limitato ad un cenno di saluti ed e' subito salito sull' auto che lo condurrà a Roma.

Lipari. "Nutella indigesta" per palermitano tratto in arresto dai carabinieri per detenzione di cocaina

“Nutella indigesta” per un palermitano fermato ed arrestato non appena sbarcato a Lipari.
Il giovane M.C.A., 32 anni, durante uno dei tanti controlli effettuati dai carabinieri nell'isola, ed in particolare agli imbarcaderi di traghetti ed aliscafi è stato trovato in possesso, complessivamente, di 45 grammi e mezzo di cocaina e 1.040 euro ritenuti proventi di attività illecita.
E' stato intercettato e bloccato dagli uomini dell'Arma che hanno notato come il giovane, non appena accortosi della loro presenza sul molo, ha tentato di intrufolarsi in un gruppo di turisti stranieri anch'essi appena sbarcati sull'isola. Sottoposto a perquisizione personale gli è stata rinvenuta addosso cocaina per un peso di circa due grammi e mezzi e il suddetto contante.
Il rinvenimento della sostanza stupefacente ha fatto estendere la perquisizione anche allo zaino del giovane. All'interno di questo venivano ritovati un bilancino di precisione ed un barattolo di Nutella che da un successivo esame è risultato contenere, oltre alla sostanza alimentare, anche 43 grammi circa di stupefacente del tipo “cocaina”.
Colto in flagranza di reato per l'uomo scattava l'arresto per detenzione illecita di sostanze stupefacenti.
Il materiale sequestrato e lo stupefacente, è stato sottoposto a sequestro e inviato presso il RIS Carabinieri di Messina per le analisi. Su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, il giovane è stato imbarcato stamattina su una motovedetta dell'Arma per essere trasferito a Messina presso la casa circondariale di Gazzi. Per i carabinieri di Lipari si tratta dell'ennesima brillante operazione e di un ulteriore colpo inferto in questa stagione estiva a coloro che operano nel settore della detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.


Vulcano: Controllo del territorio per la prevenzione dei reati di tipo predatorio: due giovani della provincia Catanese arrestati dai Carabinieri per il furto di un ciclomotore.
Proseguono in queste ore i servizi di prevenzione posti in essere dai Carabinieri della Stazione di Vulcano, impegnati in mirati servizi per il contrasto dei reati di natura predatoria.
In tale contesto, i Carabinieri di una pattuglia dell’Arma di Vulcano, nell’ambito degli specifici servizi preventivi, hanno arrestato ieri notte, un 20enne ed un 24enne entrambi originaria della provincia di Catania, per furto aggravato in concorso.
A fare scattare l’intervento dei Carabinieri impegnati ad effettuare un posto di controllo della circolazione stradale è stata il repentino cambiamento della direzione di marcia di due giovani che a bordo di un ciclomotore stavano per giungere in prossimità della pattuglia dell’Arma.
Immediatamente, i due soggetti a bordo del ciclomotore si allontanavano da quella località a forte velocità, subito inseguiti dai Carabinieri che, dopo circa un chilometro, con una manovra repentina riuscivano a bloccare il rocambolesco tentativo di fuga.
A bordo del ciclomotore, i Carabinieri identificavano DI MAURO Alessio, nato a Catania cl. 1990, ma residente ad Acicatena (CT), pregiudicato e FICHERA Mario, nato ad Acireale (CT) cl. 1986, incensurato.
Stante la flagranza di reato, per DI MAURO Alessio e FICHERA Mauro scattava l’arresto con l’accusa di furto aggravato in concorso.
Il ciclomotore, un Piaggio modello “SI”, che era stato asportato pochi minuti prima dai due malfattori, veniva quindi riconsegnato al legittimo proprietario.
Su disposizione del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto i due giovani venivano temporaneamente ristretti presso i rispettivi domicili sull’isola, in regime di arresti domiciliari, in attesa delle decisioni dell’A.G..
FONTE: COMUNICATO STAMPA COMANDO PROVINCIALE DEI CARABINIERI

Intensa attività della Guardia di Finanza.

Comunicato stampa
A Ferragosto, rafforzate le attività di controllo economico del territorio svolte dai finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina. L’impegno più consistente, anche in ragione del maggior numero di presenze, è stato destinato verso le località turistiche messinesi di maggiore richiamo ed in particolare del litorale tirrenico a ridosso del milazzese e le isole eolie.
Oltre al ritrovamento dei 100 panetti di hashish dei giorni scorsi, gli uomini del Nucleo Mobile della Compagnia di Milazzo, durante un’attività su Lipari, ricevuta la segnalazione di un furto di alcuni capi di abbigliamento da parte del titolare di un negozio situato nel centro storico, si sono messi alla ricerca dei due turisti rintracciandoli in poco tempo e recuperando l’intera refurtiva del valore di circa 1.000 Euro.
I soggetti fermati - C.V. di anni 22 e D.T.L. di anni 20, entrambi residenti a Messina, di buona famiglia in vacanza alle isole eolie, incensurati - sono stati denunciati a piede libero alla competente Procura della Repubblica di Barcellona P.G..
La presenza del Corpo si è manifestata attraverso lo svolgimento di tutte le attività tipiche della funzione di Polizia Economico Finanziaria. Una presenza istituzionale che si estrinseca mediante l’esecuzione di controlli: per la regolare emissione di ricevute e scontrini fiscali, per contrastare qualsiasi forma di abusivismo, e per garantire ai turisti di trascorrere una vacanza in serenità e sicurezza.
Si segnala, ancora, durante queste giornate, nel settore dei marchi contraffatti e tutela della sicurezza del consumatore, la denuncia di nr. 11 persone ed il sequestro di complessivi 2851 pezzi posti alla vendita illegalmente.
Anche i controlli ai pontili di attracco degli aliscafi destinati alle Eolie hanno consentito di segnalare nr. 9 soggetti alle autorità competenti trovate in possesso di sostanze stupefacenti del tipo eroina, hashish, marijuana, metadone.

Come erano le Eolie ..e gli eoliani (92° puntata) (R)

Continua il "viaggio fotografico" attraverso la rubrica "Come erano le Eolie...e gli eoliani".
Per molti sarà un viaggio nel passato, per altri sarà uno scoprire un parte delle "radici", una parte di queste isole e di coloro che le hanno popolato ed amate, per molti rivedere volti conosciuti, per altri ancora rivedersi.. come non si è più.
Chiunque volesse contribuire alla riuscita di questa rubrica e vuole proporre foto delle Eolie, di personaggi, di avvenimenti può farcele pervenire a questa http://ssarpi@libero.it
In caso di problemi di scannerizzazione si possono affidare a noi le foto contattandoci al 339.57.98.235.
Le foto cartacee saranno restituite
Nelle foto (si ingrandiscono cliccandoci sopra):
1) Lipari: Il Regio ufficio di porto a Marina Corta
2) Erano i tempi in cui li chiamavano "I Cips" : Agostino Portelli e Guido Natoli
3) Classe II elementare a Canneto (Lipari) Anno 1971-72 : Insegnante Lina Profilio
Seduti ,da sinistra: Cris Merlino, Andrea Restuccia, Giovanni Russo, Sandro Crivelli, Angelo Ficarra;
Prima fila, da sinistra: Roberto Piemonte, Graziella Mondello, Patrizia Mazza, Toni Fiore, Rosaria Fonti, Caterina Cacace, Angelo Sidoti;
Seconda fila, da sinistra: Nunzia Parisi, Felicino Merlino, Elisa Ficarra, Lucia Zaia

Tirrenia, UilTrasporti rinuncia a ricorso per stato d'insolvenza. D'Andrea assicura regolarità dei collegamenti

La UilTrasporti ha deciso di rinunciare a presentare ricorso contro la sentenza di insolvenza della Tirrenia pronunciata dal Tribunale fallimentare di Roma. Il Segretario Generale, Giuseppe Caronia, così si è espresso in una nota: "Abbiamo esaminato con molta attenzione la sentenza emessa dalla sezione fallimentare del Tribunale di Roma che ha riconosciuto la propria competenza territoriale a trattare il ricorso presentano dal commissario straordinario, Dott. D’Andrea volto ad ottenere la dichiarazione, cosi come è conseguentemente avvenuto, dello stato di insolvenza della soc. Tirrenia e pur continuando ad esser convinti della fondatezza sostanziale e giuridica delle motivazioni che ci avevano spinto a presentare ricorso avverso, abbiamo deciso di non presentare appello".
La Tirrenia navigazione "potra' continuare ad assicurare il servizio pubblico nel rispetto degli obblighi convenzionali".
E' quanto si legge su un avviso a pagamento del "messaggero", firmato dal commissario straordinario di Tirrenia, Giancarlo D'Andrea, che sottolinea come l'amministrazione straordinaria ha finalita' "conservative del patrimonio produttivo mediante la prosecuzione delle attivita' imprenditoriali". "La Tirrenia - si legge nell'avviso - comunica che seguiteranno ad essere effettuati con regolarita' i collegamenti programmati e pubblicati sugli orari a stampa e sul sito ufficiale".
"Contrariamente a quanto da piu' parti ed in varie circostanze viene impropriamente affermato, la Tirrenia navigazione spa, stante la richiamata procedura di amministrazione straordinaria, potra' continuare ad assicurare il servizio pubblico nel rispetto degli obblighi convenzionali. La Tirrenia comunica inoltre che, nel caso di imprevedibili eventi di natura tecnica che dovessero comportare la modifica di quanto programmato, sara' cura della societa' - conclude l'avviso - informare tempestivamente gli utenti interessati".

Filicudi. Mercoledì appuntamento con la più piccola biennale del mondo

COMUNICATO STAMPA
VIII Biennale d’Arte di Filicudi
La più piccola biennale d’arte del mondo
Mercoledì 18 agosto 2010, ore 20.30
Casa atelier Basler, contrada Pecorini
Mercoledì 18 agosto 2010 torna l’appuntamento con la Biennale d’Arte di Filicudi, giunta quest’anno alla sua ottava edizione.
Un evento culturale unico che viene rappresentato con precisione dal titolo, di cui si fregia dal 1996 (anno della prima edizione), di più piccola biennale d’arte del mondo. Un primato spiegato non soltanto per le dimensioni raccolte dell’esposizione, ma anche per la sua durata: secondo una formula di successo infatti, tutto si svolge in una sola notte, creando una cornice di forte intensità.
A partire dalle 20,30, la casa atelier Basler, nella contrada di Pecorini, sede storica di tutte le otto edizioni della Biennale, si animerà attorno alle 33 opere di scultori, pittori, ceramisti, designer, architetti, fotografi, poeti e scrittori che da anni frequentano l’isola.
Il tema dell’esibizione sarà, come sempre, il rapporto degli artisti con Filicudi che, attraverso i loro lavori, frutto di diverse espressioni d’arte, raccontano punti di vista originali ed emozionati, capaci non soltanto di stupire, ma anche di svelare volti inediti della vita filicudara.
Evento nell’evento, la notte della Biennale d’Arte di Filicudi è diventata un momento di aggregazione tra i più classici della vita isolana. Tra vino e malvasia, l’ampia partecipazione di villeggianti e abitanti di Filicudi riesce a far incrociare nel corso della notte la totalità della popolo estivo: un appuntamento ideale anche per i neofiti dell’isola, per scoprirne l’anima più appassionata e sincera.
Per informazioni:
Adriana Basler Ilaroni
Telefono 0909889879
Mobile 3402299329

giovedì 12 agosto 2010

LETTERA APERTA DI SAVERIO MERLINO "SULL'ATTUALE SITUAZIONE DI LIPARI
Vorrei continuare a restare in silenzio “politico”, ma è molto difficile quando ci si guarda intorno, si ascoltano (come oggi) interviste a turisti trasmessi da televisioni nazionali, si leggono e si ascoltano interviste a Dirigenti e Politici locali ma, principalmente, quando si parla con la gente, specialmente con quella che soffre per la mancanza di lavoro, per le ingiustizie e i torti subiti, quelli che sono trattati come cittadini di serie B, quelli che non sanno come difendersi da certe situazioni e quelli che non si sentono rappresentati e garantiti.
In questa situazione quello che uno sente non può essere un fatto privato e riservato; attiene la vita della nostra comunità con tutte le sue aspettative, contraddizioni e manchevolezze e va quindi esternato e condiviso.
Visti i risultati e quello che si sente e si vede in giro per le isole del Comune (certamente non quelli delle campane di parte) si converrà con me che quest’Amministrazione Comunale e questa maggioranza non sono state un fulgido esempio di buon governo.
Sicuramente una prima e una seconda legislatura confusa e insignificante, capace solo di deludere il rapporto di fiducia che la maggioranza degli elettori del Comune di Lipari aveva accordato al primo cittadino.
Perdura la scarsa sensibilità istituzionale; si dimentica che il mandato conferito dagli elettori al Sindaco, grazie alla votazione diretta del medesimo, rappresenta un atto di fiducia, una sorta di contratto attraverso cui buona parte della città accorda al primo cittadino il compito di “governare” la comunità a nome e per conto di tutti.
Una sorta d’amministratore delegato del “bene e dell’interesse comune”.
Un mandato al termine più che sine die nel corso del quale l’eletto deve dimostrare tutta la sua capacità e buona volontà per onorare gli impegni presi e il giuramento fatto.
A fronte di tale compito è corrisposta un’indennità che la legge riconosce adeguata agli obblighi da svolgere.
In definitiva, sindaco e amministratori sono collocati nel libro paga della comunità che deve amministrare, la medesima che le ha conferito il voto di fiducia.
I risultati di quest'amministrazione sono sotto gli occhi di tutti, non penso che vale la pena elencare le cose che non vanno, perché sarebbe come sparare sulla Croce Rossa e poi, per brevità, converrebbe sicuramente enunciare le poche cose che vanno per farsi un’idea di come (non) funziona niente.
In definitiva, si nota solo un Comune messo male e privo della sua dignità.
Lipari sembra un Comune alla deriva, scevro d’interesse collettivo e all’insegna dell’improvvisazione (non bastano e non risolvono i nostri problemi i Vip e i Politici Nazionali di passaggio per le proprie vacanze).
Tale situazione è foriera di un profondo senso di scoraggiamento, di resa e disinteresse verso la “cosa pubblica”.
Mi sembra che l’indignazione sia diventata una professione di pochi e, purtroppo, è una realtà che sconcerta, priva di prospettive, che segna il passo, blocca l’entusiasmo, impedisce pensare bene e sperare il meglio.
È come se si fosse girato l’interruttore sulla posizione “off” e tutto sia piombato nel buio della vergogna, inerzia e passività.
Manca ormai, in moltissimi, “la capacità di un soprassalto collettivo contro di ciò che avviene sotto i nostri occhi” e ci si persuade, sempre più, che la politica sia simile ad un male incurabile, inesorabile e pernicioso con una classe politica il cui valore e la capacità della sua azione diminuiscono sempre più.
Non capisco perché, per esempio, quest’amministrazione non parla con la gente comune, ma soltanto con quelle abituate a costituire il codazzo.
Perché non guardano e non vedono tutto ciò che c’è da osservare; perchè non fanno un sopralluogo nelle Frazioni e nelle Borgate, nei punti di raccolta dei RSU, nei luoghi d’interesse comune, nelle scuole, e, in questo momento della stagione turistica, nei parcheggi, sulle spiagge, sul porto e all’imbarco degli aliscafi e, anche la sera tardi e la notte, per il centro, le vie e i vicoli di Lipari, per toccare con mano il polso di questo Comune sottoposto ad una costante spoliazione di servizi, controlli, sicurezza e funzioni e tornare poi al “palazzo” per convocare Giunta, Dirigenti e Funzionari e raccontare ciò che si è visto ricordando loro che essere seduti attorno a quel tavolo non è una condizione di privilegio ma di servizio.
Poi, se penso a com’è ridotta l’economia di questo Comune, specialmente quella turistica, m’immagino l’angoscia degli operatori e mi viene in mente un vecchio detto che recita: “Chi rompe paga e i cocci sono suoi”.
Perché questa massima popolana non trova applicazione negli Enti pubblici?
Mi conforta, comunque, leggendo sui vari blog, che ci sono amici e concittadini (anche se pochi) che dimostrano capacità, senso civico e coraggio culturale e ciò mi lascia sperare come, forse, tutto non è perduto e che Lipari, nonostante tutto, può ancora sperare in un futuro diverso, migliore e sicuramente meglio governato.
Saverio Merlino

Acqua, bollette e consumo zero. Nuova interrogazione di Lauria

AL SINDACO DEL COMUNE LIPARI e.p.c. AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE LIPARI
Oggetto: Interrogazione urgente.
Ho avuto modo di leggere la comunicazione fatta da un utente di Filicudi che per una casa utilizzata nel periodo estivo, e con il contatore a consumo 0, si è visto arrivare una fattura di 18 mila e 500 euro.
Le motivazioni formulate dall’utente ed il suo stato d’animo, che è quello di circa 9.000 utenti, dovrebbero far provare vergogna alla S.S., che ancora continua ad ignorare una richiesta ben precisa fatta dal Consiglio Comunale di annullare tutte le fatture, ed al Dirigente del Servizio che, anziché propinarci il solito ritornello, dovrebbe dare una risposta concreta a tutte le problematiche che sono state sollevate.
Anziché aprire un’inchiesta amministrativa per accertare i fatti e le eventuali responsabilità di una gestione disastrosa del Servizio Idrico, si continua a convocare riunioni su riunioni, probabilmente con l’intento di incassare i soldi di qualche utente non ancora informato e di sollevare inutili polveroni.
L’elenco dei 1500 utenti con contatore a consumo “0”, che è stato redatto dal Servizio Idrico (bisognerebbe capirne la finalità), dimostra chiaramente la superficialità della gestione del Servizio.
Infatti detto elenco comprende: le utenze ex E.A.S., le utenze comunali, le utenze di fabbricati chiusi o che non utilizzano l’acqua, le utenze di quanti hanno provveduto a modificare l’intestazione del contatore, le utenze con contatori guasti, le utenze con contatori che presentano delle anomalie, utenze per le quali, fatto gravissimo, non è stata effettuata la lettura al 31 dicembre 2009.
L’elenco, proprio per i sospetti che sta generando, doveva essere redatto facendo le dovute differenziazioni, e dopo aver eseguito i necessari accertamenti. Bisogna chiedersi infatti perché tutto questo non è stato fatto prima di emettere le fatture? Perché non sono stati fatti gli accertamenti dei casi più eclatanti, o a campione? Perché sono state redatte fatture su un consumo presunto? Esiste un rilievo storico delle varie utenze? La lettura dei contatori è stata effettuata e certificata da dipendenti comunali o da personale incaricato, e da chi? In caso di utenti “furbi” non vi è una corresponsabilità dell’Ente?
Egregio Signor Sindaco, i cittadini desiderano avere “certezze” e non chiacchiere, soprattutto perché si tratta di un bene primario, qual è l’acqua, e di un prelievo che giunge in un momento di crisi economica che incide principalmente sulle famiglie a basso reddito.
La invito pertanto a voler riscontrare con estrema urgenza le interrogazioni formulate dal sottoscritto al fine di consentirmi di effettuare più attente valutazioni.
La invito altresì a pubblicare il citato elenco nel sito del Comune per evitare ogni tipo di speculazione.
La informo che in mancanza di una immediata risposta alle varie interrogazioni, considerata la gravità e specificità dell’argomento, sarò costretto ad inviarle, per le valutazioni di competenza, al Prefetto, all’Assessorato Enti Locali ed alla Procura della Repubblica.
Distinti saluti.
BARTOLO LAURIA Consigliere Comunale UDC

Di tutto un po (notizie in aggiornamento durante la giornata)

"La lunga notte di Lipari". Presentazione domani al Centro Studi - Nell'ambito dei Pomeriggi culturali domani alle 19, nei Giardini del Centro Studi, sarà presentato il libro "La lunga notte di Lipari" di Pino La Greca. Interverranno, oltre all'autore, Alberto La Volpe e Marco Saltalamacchia

Tirrenia. Dichiarata insolvente- Il Tribunale di Roma ha accertato lo stato d'insolvenza della compagnia di navigazione Tirrenia, la cui proprietà fa capo a Fintecna, la holding pubblica controllata dal Tesoro.Lo riferisce il segretario generale della Uilt, Giuseppe Caronia, che nei giorni scorsi aveva presentato un ricorso per far spostare il giudizio a Napoli ed è stato informato dagli avvocati della decisione dei giudici."Sì, purtoppo il tribunale ha deciso in questo senso [dell'insolvenza]. Valuteremo se fare ricorso", dice il sindacalista.

Lipari. Piante di canapa finalizzate all'uso personale. Rimessa in libertà la Rizzo- E' stata rimessa in libertà Geraldine Rizzo, la giovane liparese di 27 anni, tratta in arresto dai carabinieri di Lipari, e posta ai domiciliari, con l'accusa di produzione illecita di sostanze stupefacenti. Lo ha disposto il GIP del Tribunale di Barcellona Antonino Zappalà che, nel convalidare l'arresto, ha anche accolto la tesi sostenuta dall'avvocato Vincenzo La Cava. Cioè che le quattro piante di canapa indiana, ritrovate dai carabinieri in un terreno limitrofo all'abitazione della Rizzo, fossero finalizzate solo ed esclusivamente all'uso personale.

Lipari: Posti a sedere "salati" davanti ad una boutique del centro storico- Tre sedie sulla sede stradale limitrofa alla sua boutique di Corso Vittorio Emanuele e per la proprietaria Grazia Famularo multa di 150 euro per occupazione abusiva di suolo pubblico da parte vigili urbani. La signora Famularo è la moglie del consigliere comunale dell'UDC, Bartolo Lauria. Questi ha evidenziato: "Si userà lo stesso metro per tabelloni, sedie e tavoli che occupano spazio pubblico al di là o senza le autorizzazioni?"

SFIORATA TRAGEDIA IN MARE PER RAGAZZI DIRETTI ALLE EOLIE- Stava per trasformarsi in tragedia una gita in barca alle isole Eolie per un gruppo di ragazzi. Partita poco dopo le 18 di ieri dal porto di Capo d'Orlando a bordo di un motoscafo, la comitiva composta da 8 giovani intendeva trascorrere qualche giorno alle Eolie, quando, non ancora superato la metà del tragitto, il motore della barca è andato in avaria e lo scafo ha iniziato a girare vorticosamente su se stesso. L'effetto centrifuga ha sbalzato fuori dalla barca una ragazza che è quindi finita sotto l'elica del motore. Bloccato il motoscafo impazzito, sono scattati i soccorsi. La freddezza dei ragazzi della comitiva ha evitato la tragedia: sono infatti riusciti a tamponare la vasta ferita alla gamba destra della ragazza legandola con una fune. Un gommone che si trovava nelle vicinanze è giunto a prestare soccorso ed ha subito trasportato la giovane (residente a Barcellona) a Capo d'Orlando.
La raqazza è stata quindi trasferita con l'elisoccorso al Policlinico di Messina dove nella tarda serata è stata sottoposta ad intervento chirurgico. A quanto pare, non versa in pericolo di vita. L'intervento dei compagni di viaggio è stato provvidenziale. Tutti gli altri componenti della comitiva, sotto choc, sono stati poi trainati a riva. Sull'incidente in mare è stata aperta un'inchiesta da parte della capitaneria di porto di Milazzo.

Elicottero precipitato e diretto a Salina. I deceduti: Giuseppe Messina, Davide Taranto, Pippo Adige e Enzo Fricia

Sarebbero Davide Taranto (32 anni), imprenditore nel settore delle navigazioni (Taranto Navigazione), Pippo Adige (54 anni) di Milazzo, elettrauto che spesso si occupava di impianti su barche, Enzo Fricia, (21 anni ) di Siracusa, dipendente di Taranto, i tre passeggeri che hanno perso stamani la vita sull'elicottero preso a noleggio per raggiungere le isole Eolie, presumibilmente Salina, dove una barca della Tar.nav. era ferma, precipitato stamattina a Giammoro.
In mattinata, invece, si era appreso che il pilota del velivolo, anch'egli deceduto, era Domenico Messina, di 38 anni, di Barcellona Pozzo di Gotto (nella foto in basso, proprio a bordo del R44).
All'identità (anche se non confermata ufficialmente) delle quattro vittime si è risaliti solo attraverso le auto posteggiate all'esterno della Nuova Cometra, l'industria di profilati metallici di Giammoro, da dove il quadriposto Robinson 44 della "Rent fly" di Bari si era levato in volo alle 8 e 20. Salvo poi andare ad urtare, come sembrerebbe, contro un capannone. L'elicottero, dopo essere precipitato, ha preso fuoco. Impossibile riconoscere i corpi letteralmente carbonizzati.
Tra i rottami bruciati del Robinson R44 (nella foto in alto a sinistra tratta da Repubblica.it) è rimasto solo, quasi intatto, l'orologio gps del pilota che è resistente al fuoco.
Le bare arrivate nel piazzale dove e' precipitato questa mattina l'elicottero privato 'Robinson' sono state riportate indietro vuote perche' e' stato impossibile ricomporre i corpi delle quattro vittime. I loro corpi sono totalmente carbonizzati e quasi polverizzati.
La Procura di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) ha aperto un'inchiesta. A coordinarla il pm di turno Michele Martorelli arrivato sul luogo del disastro.
La notizia ha destato grande commozione alle Eolie dove sia il Taranto che Adige erano conosciuti.
Cordoglio per le famiglie delle vittime è stato espresso dal sindaco di Lipari Mariano Bruno a conclusione di una intervista rilasciataci sul suo incontro di oggi a Stromboli con il Capo dello Stato.

Stromboli. Bruno incontra il Capo dello Stato. Dall'assessore Giannò omaggio floreale per la signora Schifani

“E' stata una vacanza breve ma di grande tranquillità. Come sempre accade d'altronde a Stromboli”. Lo ha confidato il Capo dello Stato Giorgio Napolitano al sindaco di Lipari, Mariano Bruno che ha voluto incontrare prima di lasciare l'isola eoliana. In attesa di “tuffarsi” nel calderone della politica nazionale il Capo dello Stato ha voluto fare il punto su alcune delle problematiche delle Eolie.
Mentre il sindaco incontrava il Capo dello Stato l'amministrazione comunale di Lipari ha voluto portare il suo saluto al Presidente del Senato Renato Schifani.
Stamani, prima della partenza da Lipari, per una immersione a Strombolicchi, vi è stata la visita a bordo dell'assessore comunale Corrado Giannò che, accompagnato dagli ispettori Giacomo Marino e Bartolo Portelli, ha voluto salutare gli ospiti e omaggiare con un mazzo di fiori la signora Franca, moglie del Presidente del Senato.
L'INTERVISTA CON IL SINDACO MARIANO BRUNO DOPO IL RIENTRO DA STROMBOLI. IL SINDACO ESPRIME ANCHE IL CORDOGLIO PER I DECEDUTI NEL TRAGICO INCIDENTE DI GIAMMORO:

Basilio Germanà: "Via la nave dei rifiuti da Sottomonastero e per il parco bisogna tenere in considerazione il volere dei cittadini"

Sottomonastero: il rumore e il lezzo della nave dei rifiuti. Cittadini protestano con l'on. Schifani e l'ex parlamentare Germanà.
Parco delle Eolie. "Bisogna tenere in considerazione il volere dei cittadini. Si, quindi, ad un piccolo parco dei vulcani, così come ad una piccola area marina protetta.
Sono i due argomenti che abbiamo affrontato con l'ex parlamentare Basilio Germanà.
L'INTERVISTA

Utenze idriche e tabulato del "consumo zero". Il geometra Aldo Natoli scrive al responsabile del servizio idrico

QUESTA LA LETTERA INVIATA DAL GEOMETRA, ALDO NATOLI, AL RESPONSABILE SERVIZIO IDRICO LIPARI e.p.c. AL DIRIGENTE IV SETTORE LIPARI e AL SINDACO DEL COMUNE LIPARI
Il sottoscritto è titolare delle seguenti utenze idriche:
1)Magazzino in via XXIV Maggio n° 40. Utenza commerciale beni durevoli con Codice n° 5006 – Contatore matricola n° 95381007 (Servizio ex E.A.S.) Per detta utenza, non avendo utilizzato del rifornimento, il consumo dell'acqua è stato rilevato a 0. E' pervenuta la fattura n° 1180 del 23.06.10 per un importo di Euro 338,00, applicando per il consumo 0 di acqua, la media storico-statistica. Successivamente è pervenuta la fattura correttiva n° 7069 del 09.07.10 per un importo di Euro 100,00.
2) Monolocale in via Agliozzo-Canneto s.n.c. Utenza domestica non residenti senza fognatura con Cod. 1169 Contatore matricola n° 876877 (Servizio comunale). Per detta utenza il sottoscritto ha richiesto la verifica del contatore in data 11.02.10 con prot. n° 5153, ed ancora oggi la pratica è in fase di risoluzione. Per tale motivo non doveva procedersi ad alcuna fatturazione. Nonostante ciò è pervenuta la fattura n° 4535 del 23.06.2010 per un consumo di 110 mc. applicando il consumo in base alla media storico statistica. Successivamente è pervenuta la fattura correttiva n° 8215 del 09.07.10 con consumo “0” per un importo di Euro 154,00.
3) Fabbricato per civile abitazione in Quattropani via Aria Morta n°49 Utenza domestica residente con Cod. n° 1342 Matricola contatore n° 03186056 (sostituito in data 13.02.06). (Servizio comunale). Per detta utenza, non avendo in questi ultimi anni usufruito del servizio, risultando sufficiente l’accumulo dell’acqua piovana nella cisterna, il consumo dell’acqua è stato rilevato a “0” in data 31.12.09. E’ pervenuta fattura n° 2831 del 23.06.10 con consumo di 211 mc, applicando il consumo in base alla media storico statistica per un importo di 217,00. Tale importo è stato rideterminato in Euro 101,00 con fattura n° 7.815/10.
Dalla visione dell' elenco redatto in data 08.07.2010 dal Servizio Idrico con le 1.500 utenze a consumo 0, che tanto fa parlare e scrivere, ho riscontrato la presenza delle citate utenze.
Per evitare qualsiasi sospetto, e strumentalizzazione invito Codesto Servizio a confermare pubblicamente la reale situazione delle utenze a me intestate e, in caso di dubbi, effettuati i controlli di competenza, a trasmettere gli atti all' Autorità Giudiziaria.
Attendo un riscontro e porgo distinti saluti.
Aldo Natoli

Portualità di Sottomonastero a Lipari. Proficua riunione al comune

Si sono riunite stamattina a Lipari, in modo congiunto, su convocazione del presidente Gianfranco Guarino, la commissione Lavori Pubblici e la commissione speciale sulla portualità. Oggetto della riunione i lavori da realizzarsi a Sottomonastero e che sono stati al centro di polemiche, prese di posizione e difformità di vedute. La commissione ha svolto i suoi lavori in modo estremamente pacato convergendo su quello che ormai abbiamo definito il "progetto Guarino". In tale ottica sarà investito il consiglio comunale. A conclusione della riunione abbiamo fatto il punto con il consigliere Guarino con il quale abbiamo anche affrontato il "piano casa". L'intervista:

Come erano le Eolie ..e gli eoliani (91° puntata) (R)

Continua il "viaggio fotografico" attraverso la rubrica "Come erano le Eolie...e gli eoliani".
Per molti sarà un viaggio nel passato, per altri sarà uno scoprire un parte delle "radici", una parte di queste isole e di coloro che le hanno popolato ed amate, per molti rivedere volti conosciuti, per altri ancora rivedersi.. come non si è più.
Chiunque volesse contribuire alla riuscita di questa rubrica e vuole proporre foto delle Eolie, di personaggi, di avvenimenti può farcele pervenire a questa http://ssarpi@libero.it
In caso di problemi di scannerizzazione si possono affidare a noi le foto contattandoci al 339.57.98.235.
Le foto cartacee saranno restituite
Nelle foto:1) Antonio Pellegrino (Stecca)
2) Una formazione dell'Eoliana.
Da sinistra a destra (in piedi): Bartolo Biviano, Tindaro Villani, Franco Li Castro, Pino Bertè, Salvatore Tripi, Santino Zanca
Da sinistra a destra (in basso): Lino Natoli, Rosario Rossano, Nino Bonannella, Marcello Saltalamacchia, Felice De Fina, Alberto Lo Presti
3) Una nave da carico al pomtile Italpomice ad Acquacalda
4) Mareggiata a Marina Corta (Lipari)
5) La piazza Libertà (oggi Ugo di S. Onofrio, meglio conosciuta come Marina Corta) e la Capitaneria di Porto

Passaggio servizio idrico tra Eas e comune di Lipari. E' stato fatto tutto quello che era necessario? Interrogazione del consigliere Biviano (PD)

AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI LIPARI E, P.C. ALL’ASSESSORE AGLI ENTI LOCALI REGIONE SICILIA, AL PREFETTO DI MESSINA, AL DIRIGENTE DEL IV SETTORE COMUNE DI LIPARI,ALL’ASSESSORE AI SERVIZI IDRICI COMUNE DI LIPARI
OGGETTO: Interrogazione urgente – Chiarimenti sul passaggio di gestione del servizio idrico tra EAS e Comune di Lipari.
Il sottoscritto Giacomo Biviano, Consigliare Comunale del Comune di Lipari, nel pieno rispetto del proprio ruolo e presenza politica in seno al Consiglio Comunale, delle proprie competenze istituzionali che, fra l’altro, gli impongono il potere di controllo attraverso lo svolgimento della propria attività istituzionale, “al fine di evitare che la disinformazione portata avanti da alcuni soggetti per speculare sulla buona fede dei cittadini, ingeneri preoccupazioni inutili”, sempre più convinto, insieme a tutto il Partito Democratico di Lipari, che la procedura che ha portato alla fatturazione del consumo dell’acqua relativo all'anno 2009, non è stata lineare e corretta e, come si afferma, forse anche il sottoscritto e il suo partito “non sono a conoscenza di tutta la Legge sul Servizio Idrico Integrato attraverso la fatturazione dei consumi, l'approvvigionamento e distribuzione dell'acqua potabile, la manutenzione della rete idrica, la gestione amministrativa del servizio, la gestione della fatturazione, la gestione e manutenzione della rete fognaria e la gestione e manutenzione dell'impianto di pretrattamento liquami”
Interroga
La S.V. per conoscere, con urgente risposta scritta:
1)Come ha fatto l’EAS a trasferire al Comune di Lipari gli impianti considerato che gli stessi, in massima parte, sono stati realizzati dalla Cassa per il Mezzogiorno e trasferiti in proprietà alla Regione Siciliana che, a suo tempo, li ha solo affidati, con decreto assessoriale, all’EAS, il quale Ente, quindi, è solo assegnatario e non proprietario;
2)Con quale decreto l’Assessorato Regionale ha annullato l’affidamento all’EAS e il conseguente trasferimento al Comune di Lipari.
3)Il nominativo del Responsabile Unico del procedimento e il Dirigente che ha preso in carico gli impianti.
Il sottoscritto, chiede, inoltre di avere copia dei seguenti atti:
1)Verbale di Consistenza del trasferimento degli impianti dall’EAS al Comune;
2)Delibera della Giunta o del Consiglio Comunale di ricevimento del Verbale di Consistenza per il trasferimento degli impianti dall’EAS al Comune;
3)Verbale redatto tra EAS e Comune sulla presa in
carico dei contatori e sulla contabilità per utente;
4)Verbale e registro allineamento dati Utenze Comunali;
5)Cartografia con ubicazione degli impianti e l’indicazione del tipo degli stessi con tutte le valvole o saracinesche collocate alle varie linee;
6)Relazione dell’indagine preliminare della società GF Ambiente di Calderaia di Reno;
7) Piano economico (gestione e pianificazione) del servizio e relativa determinazione delle tariffe;
8)Comunicazioni da parte dell’EAS agli Utenti sul trasferimento del servizio idrico al Comune di Lipari;
9)Comunicazioni del Comune di Lipari agli Utenti con la quale fa presente di essere il nuovo gestore del servizio idrico;
10) Contratti stipulati dagli utenti del servizio idrico e il Comune di Lipari, nuovo gestore del servizio;
11)Carta dei servizi predisposta dal Comune, gestore del servizio.
Si richiede risposta scritta.
In attesa d’urgente riscontro si porgono cordiali saluti.
Lipari, 11/08/2010
Dott. Giacomo Biviano
Consigliere Partito Democratico

mercoledì 11 agosto 2010

Rinviata la decisione sull'insolvenza di Tirrenia

Fumata nera per Tirrenia. Il tribunale fallimentare di Roma avrebbe dovuto pronunciarsi sull'istanza di insolvenza della compagnia presentata dal commissario straordinario Giancarlo D'Andrea, ma ha rimandato la decisione. Il collegio, presieduto da Ciro Monsurrò (delegati Francesco Taurisano e Fabrizio Di Marzio), si dovrà esprimere anche sull'eccezione di competenza territoriale presentata dalla Uil trasporti, secondo la quale il giudizio spetta al tribunale di Napoli, dove ha sede legale il gruppo di navigazione.
Nell'udienza di oggi in camera di consiglio, durata poco più di un'ora, a quanto si è appreso D'Andrea avrebbe fatto una relazione sulla struttura dell'azienda mentre il suo avvocato Andrea Zoppini - affiancato dal collega Aristide Police, nel 2008 presidente per quattro mesi di Alitalia - avrebbe difeso la scelta del Tribunale di Roma per il ricorso, dal momento che nella capitale vengono assunte le decisioni più importanti del gruppo di navigazione.
Uscendo dal tribunale, Police ha spiegato ai cronisti che la decisione sulla competenza territoriale è distinta da quella sull'insolvenza aggiungendo: «Confidiamo di aver scelto bene il giudice competente». Dopo la dichiarazione di insolvenza, il commissario può procedere alla ricerca di acquirenti degli asset che intenderà cedere.
Quanto all'eccezione sollevata per volere del segretario generale della Uiltrasporti, Giuseppe Caronia, e ammessa nel procedimento, l'avvocato Massimiliano Vannicola ha spiegato che si chiede di «rigettare la richiesta di dichiarazione di insolvenza per difetto di competenza territoriale, dichiarando competente il tribunale di Napoli» dove si trova la sede fin dalla sua costituzione, «la direzione operativa e di armamento della flotta e il centro informativo dell'intero gruppo».
Inoltre, la Uil trasporti chiede «di rigettare la richiesta stessa per carenza assoluta dei presupposti di legge» in quanto l'insolvenza, «a prima vista non appare, ma sembra solo provocata ad arte dal socio unico (lo Stato ndr.), che ha all'ultimo momento rifiutato di vendere la società "in bonis" a chi si faceva carico di tutti i debiti societari».
Per il 30 e 31 agosto prossimi la Uilt ha dichiarato uno sciopero dei lavoratori di tutta la flotta. Una protesta che secondo il patron di Moby Lines, Vincenzo Onorato, decreterebbe «la definitiva fine della compagnia e a pagarne le spese, oltre ai lavoratori, sarebbe l'intera economia della Sardegna, isola dove Tirrenia prevalentemente opera». Onorato ha poi affermato che Tirrenia «è stata per decenni »un duumvirato« dell'ex a.d. » Franco Pecorini (per 26 anni alla guida del gruppo ndr) e lo stesso Caronia». Quest'ultimo ha annunciato una querela.
Secondo l'armatore napoletano, «il fallimento della privatizzazione» di Tirrenia dichiarato dalla proprietaria Fintecna (la finanziaria di Stato) che ha escluso l'unico potenziale acquirente, Mediterranea holding, «risiede nell'aver voluto privatizzarla insieme a Siremar» (la divisione siciliana), mentre »sono due modelli di business non compatibili: Tirrenia opera su rotte nazionali e Siremar su quelle in Sicilia. Bisogna separare le due gare». Onorato ha infine ribadito la disponibilità a rilevare Tirrenia senza Siremar, quindi se verranno fatte due gare distinte, e la volontà di fissare il quartier generale in Sardegna che costituisce il «core business».

Sfogliate e babà presidenziale. Diamo a "Cesare quel che è di Cesare"

Sfogliate e babà della festa a Stromboli con il presidente Napolitano sono "made in Lipari", per la precisione provengono da Pianoconte e sono una produzione dei signori Riccardo Casamento e Rosa Fonti (nella foto).
La precisazione, anche se non richiesta, è d'obbligo. Anche per dare a "Cesare quel che è di Cesare" (in questo caso la famiglia Casamento).
Infatti due articoli, pubblicati in origine su AM notizie e su Repubblica.it ,attribuivano ad altri le prelibatezze graditissime dal Capo dello Stato

Piano casa.....mancata assunzione di responsabilità da parte di un consiglio comunale inesistente (di Bartolo Favaloro)

Riceviamo dal geom. Bartolo Favaloro, presidente dell'Associazione Geometri delle Eolie, e pubblichiamo:
La legge regionale n. 6 del 23/03/2010, pubblicata sulla GURS in data 23/03/2010, in attuazione dell’intesa tra Stato, Regioni ed Enti locali, ha reso operativo il cosiddetto “Piano casa”. Grande era l’attesa degli operatori del settore edile e non, (tecnici, imprese edili, cittadini, impiantisti, operai, etcc..) in un momento di grave crisi economica, di poter rilanciare l’economia e dare respiro a buona parte della nostra popolazione. Già di per sé la legge limita di molto gli interventi, limitandoli alle sole zone compatibili del territorio, ma ciononostante, l’art. 6 comma 4, dava la possibilità ai Comuni della Sicilia, di “…..poter, motivatamente, con delibera consiliare da varare entro 120 giorni dalla entrata in vigore della legge (scaduti il 26.07.2010) escludere o limitare l’applicabilità delle norme di cui agli art. 2 e 3 ad immobili o zone del proprio territorio o imporre limitazioni e modalità applicative, sulla base di specifiche ragioni di carattere urbanistico, paesaggistico ed ambientale”.
Ritengo che il Consiglio Comunale di Lipari, in quanto Organo preposto alla pianificazione del Territorio, abbia perso una occasione importante di poter entrare nel merito della legge (giusta o sbagliata che sia), sfruttando l’opportunità concessa dall’art. 6 per indirizzare e regolamentare gli interventi che si andranno ad effettuare sul territorio.
Da quanto ho appreso, il Consiglio Comunale di Lipari, regolarmente convocato, ha disertato le riunioni e la possibilità di discutere su una proposta di atto deliberativo, che diligentemente era stato approntato dal Dirigente del 3° Settore (proposta n. 13 del 05/07/2010) e che prevedeva la possibilità di estendere i benefici della legge sugli edifici di scarsa rilevanza storica ricadenti negli ambiti A/3 e limitatamente agli edifici collegabili con le lettere c) e d) dell’art. 99 delle Norme Tecniche attuative del PRG.
La quasi totalità dei centri urbani del territorio del Comune di Lipari è stato ricompreso, nell’adottato PRG, appunto in zona A/3 ed in applicazione del comma j) dell’art. 11 tutti gli edifici ricadenti nelle zone A verrebbero esclusi dai medesimi benefici. Ciò significa quasi l’80% del patrimonio edilizio esistente.
Constatiamo purtroppo che la mancata assunzione di responsabilità da parte di un Consiglio Comunale inesistente, smembrato e poco motivato, per motivazioni o per ragioni che nulla hanno a che vedere con la politica, vadano, ancora una volta a ricadere sugli interessi dei cittadini e sulla nostra economia.
Bartolo Favaloro presidente Associazione Geometri delle Isole Eolie

Lipari. Ladruncoli messinesi per le vie del centro. Individuati e bloccati

Giovani ladruncoli messinesi in trasferta a Lipari si sono impossessati qualche ora fa di alcuni capi di abbigliamento in tre attività del centro storico. Grazie alla "perspicacia" di uno dei titolari delle attività sono stati individuati e bloccati. Avevano ancora con loro la refurtiva consistente in alcuni capi d'abbigliamento per circa un migliaio di euro.
A bloccarli per poi trasferirli a Milazzo sono stati gli uomini delle Fiamme gialle.

Acqua: Il mistero delle 1.500 utenze "fantasma" o "a consumo zero". A Lipari in tanti si danno alla lettura...ma non dei contatori. L' Editoriale

Oggi Lipari, frazioni comprese, si è trasformata in una maxi sala di lettura. Per via del nostro lavoro che ci porta spesso in mezzo alla gente abbiamo potuto notare nei bar, come anche su qualche spiaggia, così come in qualche ufficio (pubblico e non), tante persone intente a leggere.
Non che gli eoliani non leggano ma, un numero così intensamente coinvolto, in qualche caso un vero e proprio capannello di gente, ci ha incuriositi.
"Mistero" immediatamente svelato.
Oggetto della lettura non un quotidiano, o un settimanale, ma piuttosto un tabulato. Guarda caso quello delle famose 1.500 utenze idriche a consumo zero. Evidentemente, così come d'altronde avevamo previsto, fotocopiato e diffuso, se non in modo "industriale" quasi.
Insomma tutti intenti a cercare questo o quel nome, questa o quell'attività. Forse anche a "verificare" se tra i 1.500 si potesse trovare il proprio di nome.
Tralasciamo il dettaglio dei commenti. Improntati, comunque, su due direzioni: quella dello stupore di fonte a certi nomi oppure verso il più classico "Me lo immaginavo che questo c'era"
Insomma si è verificato quanto paventavamo, cioè la caccia e l'additamento del "parsimonioso". Alla luce di ciò assume un certo valore la decisione intrapresa da questa redazione di non pubblicare (e potevamo farlo da tempo) i nomi.
Adesso cosa accadrà?
L'esplosione c'è stata.....bisognerà vedere se si tratta di un fumogeno o di qualcosa di più consistente.
Da quanto abbiamo potuto apprendere si "aprono nuovi orizzonti". Ad esempio il consigliere Bartolo Lauria, ma è presumibile che lo facciano anche altri consiglieri e/o semplici cittadini, è orientato ad inviare i tabulati, unitamente alle sue interrogazioni, alla Procura.
Se son rose...... spine a volontà.
continua.......

Da Filicudi Bocchino contrattacca: "Si dimettano Berlusconi e i ministri sotto inchiesta"

(Da La Repubblica.it) "Prima di chiederlo a Fini, dovrebbe essere Berlusconi a dimettersi perché è sotto processo. E con lui si dovrebbero dimettere, per lo stesso motivo, i ministri Matteoli, Fitto e il sottosegretario Bertolaso". Se il capo del governo pensava che la quotidiana manganellata mediatica, fermasse gli uomini del presidente della Camera, si dovrà ricredere.
Cala la sera a Filicudi, quando Italo Bocchino lancia l'ultima sfida. Le probabilità che Fini si dimetta "sono pari a zero". E certo, prima di lui, "che non è nemmeno sotto processo", toccherebbe ad altri, in primis a Silvio Berlusconi, "al contrario imputato in più processi", e ad altri esponenti del suo governo, farsi da parte e lasciare la poltrone.
Bocchino, lei sta dicendo parole pesanti."
Sono parole adeguate alla situazione. Se vanno avanti di un solo passo siamo alla crisi istituzionale. La sta aprendo il presidente Berlusconi, consapevolmente o inconsapevolmente, nel momento stesso in cui chiede le dimissioni del presidente della Camera. E' una deriva pericolosa, gravissima. La nostra Costituzione prevede che il presidente del consiglio dipenda dal Parlamento che gli dà la fiducia ma il Parlamento non può e non deve dipendere dal governo".
Il presidente della Camera è la terza carica dello Stato.
"Appunto. E un governo che ne chieda le dimissioni apre una seria ferita istituzionale, viola il principio della leale collaborazione tra i poteri dello Stato".
Fini comunque non ha alcuna intenzione di dimettersi.
"Mi chiedo come faccia Berlusconi a pretendere un passo del genere, proprio lui che è imputato in più processi, così come lo sono Matteoli, Fitto e Bertolaso. Noi non abbiamo mai chiesto le loro dimissioni. Pensiamo che debbano continuare a fare il loro lavoro e che la magistratura debba esprimersi".
Comunque, al caso, lei dice: se qualcuno deve saltare quello non è Fini.
"Certo. Si dimettano prima gli altri".
C'è da dire che Berlusconi in questi giorni ufficialmente non si è pronunciato...
"Ci sono prove inconfutabili che lui sia il mandante di tutta l'operazione. Le dimissioni le ha chieste il portavoce del suo partito, Daniele Capezzone, e lui non lo ha mai smentito. L'altra prova è la raccolta di firme contro Fini avviata da "Il Giornale" che è una sua proprietà".
A questo punto si va alla crisi.
"Non saremo certo noi ad aprirla. Noi non lavoreremo mai a scenari alternativi rispetto a quello emerso dal voto, mai ad alleanze con la sinistra. E' chiaro però che quando lo scontro esce dall'alveo della politica e approda ad un livello istituzionale e personale, il viottolo per risolvere i problemi si fa sempre più stretto".
E allora che cosa chiedete?
"Esigiamo come precondizione il rispetto del ruolo istituzionale e politico di Gianfranco Fini. Non possiamo più stare a guardare gli avvoltoi, non possiamo più tollerare che il presidente della Camera sia quotidiano bersaglio della stampa berlusconiana".
Quindi stop alla richiesta di dimissioni. E poi?
"E poi si può tornare a far politica. Berlusconi convochi un vertice di maggioranza con i tre gruppi, Pdl, Lega e Futuro e Libertà, e si vada ad una verifica su come proseguire l'azione di governo e il lavoro parlamentare. Noi garantiamo tre cose: L'ancoraggio al centrodestra; la fedeltà al mandato elettorale ricevuto sulla base del programma con il quale ci siamo presentati; e la disponibilità a sostenere il governo fino all'ultimo giorno della legislatura".
Bocchino, scusi, allo stato dei fatti, sembra fantascienza. Tra di voi volano gli stracci.
"Lo ripeto. Se ha sensibilità istituzionale, Berlusconi deve fermare gli uomini del suo partito e i lanciatori di stracci dei giornali di sua proprietà".
Più facile si apra la crisi e poi si vada ad elezioni.
"Lo scenario alternativo lo può costruire solo Berlusconi. Ma non è detto che dalla crisi si arrivi alle elezioni. Non dimentichiamoci che il presidente della Repubblica ha il dovere di verificare il parere dei gruppi parlamentari e in quel contesto è indubbio che, a causa dello spirito di sopravvivenza dei singoli, potrebbe materializzarsi una maggioranza contraria alle elezioni. Difficile dire che tipo di maggioranza e per fare cosa".
C'è da immaginarsi un presidente della Repubblica allarmato da una situazione così deteriorata e addirittura del possibile insorgere di una crisi istituzionale."Nessuno può interpretare il suo pensiero ma, conoscendo lo spessore di Napolitano, sarà certamente preoccupato di quel che sta accadendo. Sono convinto che garantirà sempre la libertà di espressione degli organi costituzionali e quindi anche la libertà di espressione del presidente Fini".

Di tutto un po (notizie in aggiornamento durante la giornata)

DROGA: GDF PESCA 11 CHILI DI HASHISH NEL MARE DI MILAZZO- Un involucro con oltre 11 kg di hashish e' stato recuperato in mare della Guardia di finanza di Milazzo (Messina). Il pacco ritrovato da una pattuglia in servizi di controllo del territorio, conteneva la sostanza stupefacente divisa in 100 panetti, e galleggiava a meno di una decina di metri dalla battigia del litorale di ponente della citta'. S'indaga per risalire ai responsabili del traffico

Santa Marina Salina: La terrazza del 12 agosto xv edizione "L'anima dell'acqua"- Da questa sera prende il via nel comune di Santa Marina Salina l'attesa e ormai conosciuta "Terrazza del 12 agosto" evento culturale arrivato alla xv edizione.Il tema delle tre serate sara' l'acqua o meglio" l'anima dell'acqua". Acqua come fonte di vita, come creazione, come madre, elemento del carattere sacrale. L'acqua come bellezza, come culla, come viaggio, come trasformazione, come rinascita e purificazione, come sete, ma l'acqua e' anche emblema delle emozioni, metafora delle forze naturali, ma anche dell'ansia e delle paure inconscie. L'acqua vive in tutte le culture una sorta di dualismo. Le acque sotterranee sono associate al caos, le acque del cielo alla fertilita'.
Questa sera nella splendida cornice della piazza di Santa Marina Salina alle 22.00
concerto della staordinaria cantante etno-jazz Rita Botto, accompagnata dai musicisti jazz Carlo Cattana al sax, Giuseppe Finocchiaro alla tastiera,Giovanni Arena al contrabbasso e Ruggero Rotolo alle batterie e percussioni. Se pensate allìenergia del sole. ai colori dell'estate..alle luci e ai riflessi sul mare, vi sara' facile capire la Sicilia, o meglio l'isola cosi come lei la vive e la canta.
I suoi occhi parlano, le sue mani parlano, la sua voce dondola e si libra nel vento oltre ogni spazio catturando l'animo che si inebria di tanta pace raggiunta. Attraverso ritmi che serpeggianoi leggeri come foglie riusciamo a vedere l'animo della sicilia ...l'anima dell'acqua( da qui il titolo del concerto di questa sera ONDE MEDITERRANEE )che emerge dal cuore di una voce capace di comunicare emozioni e poesia.E musica che arriva lontano e che porta l'estate nel cuore, una magia, quasi una favola.


CACCIA: BUFARDECI "PRONTO NUOVO DECRETO PER STAGIONE VENATORIA"- Si sblocca la stagione della caccia in Sicilia. Dopo lo stop imposto con ordinanza del Tar al decreto siglato nel mese di giugno scorso dall'assessore regionale alle risorse agricole Titti Bufardeci, gli uffici hanno predisposto un nuovo decreto per il calendario venatorio 2010-2011, documento che tiene conto puntualmente delle motivazioni contenute nell'ordinanza del Tribunale amministrativo regionale.
"Per grandi linee, il nuovo decreto - spiega Bufardeci - consente l'apertura della stagione venatoria secondo le date gia' stabilite col vecchio calendario, in attesa che il Consiglio di giustizia amministrativa valuti le memorie difensive che il dipartimento ha presentato per opporre ricorso alla decisione del Tar".
La sentenza del Consiglio di giustizia amministrativa e' attesa per la seconda meta' di settembre. "I tempi lunghi del giudizio - continua l'assessore - non sono compatibili con le esigenze sociali ed economiche del settore della caccia. Per queste ragioni, e' stato stilato un nuovo calendario per garantire l'avvio della stagione venatoria. Ma siamo convinti di potere difendere anche il vecchio calendario in sede di giudizio amministrativo".


Rimesso in libertà Cacace- Era stato arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti ma il Tribunale del Riesame di Messina ha rimesso in libertà Roberto Cacace, 42 anni di Lipari. Resta, invece, ai domiciliari, nell'isola, Gianluigi Bellia, 37 anni di Caltagirone arrestato nel medesimo contesto. Per Cacace il giudice ha ritenuto non vi fossero gravi indizi di colpevolezza.

ARCI “SENZA CONFINI”- FURNARI – COMUNICATO STAMPA "FESTA DELLA MUSICA" - Il circolo ARCI “SENZA CONFINI” di Furnari, organizza il tradizionale appuntamento della “Festa della Musica”, che nel corso degli anni ha avuto l'onore di ospitare artisti di fama internazionale come la pianista IRENE VENEZIANO, ed il gruppo “IL PARTO DELLE NUVOLE PESANTI". Lo slogan che caratterizza la manifestazione della “Festa della Musica 2010” è: “La musica contro il razzismo”.
La musica è da sempre l’espressione artistica che promuove l’incontro e il dialogo tra culture diverse. Dall’incontro delle diversità, nel campo musicale sono nati straordinari capolavori, innovazione, percorsi di crescita reciproca delle persone. La musica è strumento essenziale di promozione di culture diverse e lontane: un linguaggio universale che parla a tutta l’umanità. Il mondo della musica è tra i più consapevoli dei rischi della diffusione del razzismo in Italia e nel mondo.
Il programma, prevede, Lunedi 16 Agosto 2010, l’esibizione del gruppo musicale di origine calabrese “I KALAMU”, e Martedì 17 Agosto 2010 l'esibizione del gruppo musicale dell'artista “TOTI POETA”. Nel corso della seconda serata ci sarà la consegna del “PREMIO LEGALITA' ADOLFO PARMALIANA”, alla compagnia teatrale “Il movimento città aperta”. Gli spettacoli si svolgeranno a Furnari (ME), in Piazza Marconi a partire dalle 21:30.

Arredo urbano. Prima iniziativa del Centro Commerciale Naturale "Isola di Lipari"

Prima "concreta" presenza sul territorio isolano del Centro Commerciale Naturale "Isola di Lipari".
Stamattina sono state posizionate lungo le strade del centro storico, e in altre zone di pregio, un centinaio di piante che sono state acquistate grazie ad un finanziamento della Provincia regionale di Messina. Si è cominciato da Marina Corta.
Questo primo intervento ha, almeno a livello di "sollecitazione" la firma del consigliere comunale Antonio Casilli (Forza Italia) e del consigliere provinciale Salvatore Coppolino (Forza Italia).
Le operazioni di posizionamento dell'arredo urbano sono state seguite, per ampia parte, dagli assessori Anna Spinella e Giuseppe Finocchiaro oltre che dal presidente del Centro Commerciale, Demetrio De Salvatore.
Con quest'ultimo abbiamo scambiato due brevi battute:

"Cipollino" Boldi e Serena Natoli

Nuova "testimonianza" del passaggio di ieri pomeriggio di Massimo Boldi a Lipari.
Nella foto posa con Serena Natoli.
Boldi si trova a bordo di uno yacht che staziona nelle ore notturne a Porto Pignataro (Lipari)

Vip alle Eolie. Tappa a Lipari per Bruno Vespa. Giornali, barba, acquisti vari e poi di nuovo in mare







Anche Bruno Vespa, il popolare conduttore di Porta a Porta, ha fatto tappa a Lipari durante la sua vacanza eoliana che sta trascorrendo, ospite di amici, sulla barca "Slam".
Pantaloncini scuri, polo fucsia e scarpe da tennis, visibilmente abbronzato, Bruno Vespa di buon'ora ha raggiunto la piazza di Marina Corta dove ha fatto la consueta "scorta" di giornali.
Subito dopo, contrariamente a quanto ci era stato riferito, ha fatto tappa dal coiffeur Franco Lo Surdo per una bella rasatura.
Subito dopo si è addentrato nel centro storico di Lipari. Qui ha comprato un capo d'abbigliamento e del pesce e a piedi, attraversando tutta Marina Lunga, ha raggiunto l'imbarcazione degli amici che, nel frattempo, aveva raggiunto il frequentatissimo Eolian Bunker di Casali e Merenda per fare rifornimento di carburante.
Noi di Eolienews non potevamo farcelo sfuggire e lo abbiamo intercettato proprio all'Eolian Bunker, fotograndolo e riprendendelo.
Vespa, ad onor del vero, ha dimostrato grande disponibilità in tal senso.
Non appena salito a bordo l'imbarcazione ha ripreso il largo.

IL NOSTRO VIDEO:

Le ansie di Napolitano alla festa di Stromboli. "È un bailamme, ma ho il dovere di sperare"

(di Giovanna Vitale/ Da Repubblica.it) Una cena tra amici per celebrare un vecchio rito: ascoltare il "concerto al tramonto" officiato da Alberto Contri, presidente di Pubblicità Progresso ed ex consigliere di amministrazione Rai, che da più di trent'anni invita ogni estate una sessantina di intimi nella sua bella dimora alle pendici del vulcano per godere lo spettacolo del sole calante nel mare di Stromboli mentre il cielo si riempie di note.
Una compilation selezionata con cura dal padrone di casa all'insegna della contaminazione: dalla sonata di Beethoven eseguita da Glenn Gould al Fado di Dulce Pontes, dall'aria mozartiana del Don Giovanni a "Let me live" dei Queen, con una divagazione sulla canzone napoletana in onore degli ospiti più illustri.
Giorgio Napolitano e sua moglie Clio, habituè dell'isola, per nulla al mondo avrebbero rinunciato all'appuntamento in casa Contri, frequentato ormai da dieci anni.
Certo, il rischio di mancarlo, di dover rientrare di corsa a Roma se la crisi politico-istituzionale avesse subito un'accelerazione, era alto.
"In effetti il Paese sembra in stato confusionale" aveva confidato con preoccupazione il capo dello Stato agli amici più cari, già qualche giorno fa, stigmatizzando le troppe parole in libertà fiorite in questa calda vigilia ferragostana e ribadendo tuttavia di non avere "alcuna idea precostituita" rispetto alla prosecuzione o meno della legislatura, dal momento che "il percorso che il presidente della Repubblica deve seguire è indicato con chiarezza nella Costituzione".
E così lunedì sera la coppia presidenziale si è presentata, puntuale e informale, sul terrazzo tra ulivi e lecci secolari strappati all'assedio dei rovi. Camicia bianca fuori dai pantaloni e golf rosso allacciato sulle spalle, lui; una cappa in seta grigio perla con sandali in tinta, lei. Napolitano e consorte hanno applaudito la selezione di brani musicali commentata da Contri ("Che non duri più di un'ora" lo aveva ammonito per gioco il presidente) e poi cenato con le pietanze tipiche della cucina regionale italiana - dalle frittatine di pasta alle cotolette alla milanese, fino al babà fatto arrivare da Napoli - che come rito vuole ciascun ospite aveva portato in dono a Caterina Longanesi, schiva ed energica padrona di casa.
Il presidente sorride e posa paziente accanto agli ospiti che chiedono una foto. Ringrazia Contri per avergli fatto ascoltare un pezzo a lui sconosciuto, "Lascia ch'io pianga", in cui la tromba di Paolo Fresu dialoga con il piano di Uri Caine. Preferisce non parlare in dettaglio della situazione politica attuale.
La cautela resta la stella polare, ma qualche riflessione viene affidata alle persone che conosce bene, di cui si fida. "Siamo in un gran bailamme" sussurra. E a chi lo incoraggia ad andare avanti, indicando lui come unico scoglio cui aggrapparsi tra le onde, Napolitano risponde: "Io ho il dovere di mantenere la speranza, per me è un punto programmatico". Pur senza nascondere che "viviamo un periodo incertissimo" perché mai come ora è difficile per chiunque "valutare le convenienze e pesare le incognite".
Sarà anche per questo che i nove giorni di vacanza a Stromboli rimarranno gli unici della sua estate 2010. Domani si torna a Roma.

Il consigliere Fabrizio Famularo auspica la cittadinanza onoraria per Sorgi

Att.ne del Sindaco del comune di Lipari, il dott. Mariano Bruno
OGGETTO: proposta cittadinanza onoraria al Dott. Marcello Sorgi
Il sottoscritto nella qualità di consigliere comunale dell’amministrazione del comune di Lipari
chiede al sindaco Mariano Bruno di annoverare il Dott. Marcello Sorgi tra i cittadini onorari. Infatti, oltre ad essere un assiduo frequentatore delle isole Eolie, il suddetto ha contribuito con la redazione dei due romanzi “Edda Ciano e il Comunista” e “Le amanti del Vulcano” , entrambi ambientati nell’arcipelago, a diffondere il nome delle Eolie nel panorama italiano.
Le succitate opere narrative, con la loro grande eco, oltre a trasferire emozioni, hanno gettato luce su accadimenti di vita reale che hanno segnato inevitabilmente percorsi della nostra storia nonché aspetti della cinematografia italiana.
Per quanto sopra, il firmatario chiede che la sopraindicata proposta venga posta all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale.
Fabrizio Famularo