Cerca nel blog

sabato 14 marzo 2020

Intensificati i controlli agli imbarcaderi a Messina. Assessore Razza " Chi deve tornare in Sicilia lo faccia solo se indispensabile

"Chi arriva in Sicilia deve restare a casa e comunicarlo immediatamente alle autorità competenti. Per rispetto dei medici, degli operatori sanitari e di pubblica sicurezza e per contenere il contagio del coronavirus”.
Lo ha detto l’assessore alla Salute, Ruggero Razza, parlando con i giornalisti a Messina, dove sono stati intensificati i controlli, anche da parte della Regione Siciliana, per chi giunge dal Nord in treno o con le navi.
Il componente del governo Musumeci ha presieduto un vertice (al quale è intervenuto telefonicamente anche l'assessore alle Infrastrutture Marco Falcone), a cui hanno preso parte, tra gli altri, il capo della Protezione civile regionale Calogero Foti, il comandante del Nucleo operativo del Corpo forestale regionale Gianluca Ferlito, i rappresentanti del management delle Aziende sanitarie messinesi e i vertici delle società che si occupano dei trasporti marittimi.
Per ottimizzare le operazioni di controllo, è stato stabilito di fornire, già a Villa San Giovanni, i moduli di censimento Coronavirus, che verranno poi riconsegnati al Corpo forestale al momento dello sbarco in Sicilia, dove proseguiranno, comunque, le verifiche sanitarie su automobilisti e passeggeri. Chi dovesse presentare sintomi riconducibili al Covid-19 sarà accompagnato in ambulanza presso un presidio ospedaliero oppure, se dovesse viaggiare in auto, verrà scortato dagli uomini della Forestale.
"Quello che ci conforta su questi rientri - ha aggiunto Razza - è che se trentamila cittadini hanno voluto registrarsi sul portale della Regione è perché intendono rispettare le regole. Dopo il 3 aprile vedremo quali sono stati i primi effetti di questo rigore. Le misure di pubblica sicurezza competono allo Stato - prosegue - e il dialogo tra la Regione e lo Stato è molto intenso anche in queste ore. Facciamo appello ai cittadini: chi deve ritornare in Sicilia lo faccia solo se indispensabile. Se non ci sono ragioni di indispensabilità, già ora il decreto del presidente del Consiglio dei ministri obbliga alla permanenza presso il proprio domicilio".
Proprio da oggi è partito un controllo più serrato, come disposto dalla Regione.
"Ci saremmo aspettati qualche verifica in più - aggiunge Razza - lo invochiamo da settimane, ecco perché il presidente Musumeci parlava della necessità di intensificare i controlli nei porti, gli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie. C'è la necessità di far capire a tutti che chi arriva in Sicilia deve rimanere a casa e avvisare l'autorità sanitaria, a questo serve il filtro che è in atto. Nelle prossime ore, anche con le autorità dello Stato, vedremo quali altre iniziative assumere. Mentre io sono qui - sottolinea l'assessore - il presidente Musumeci sta interloquendo con i ministri Boccia e De Micheli con l'obiettivo di aumentare al massimo i controlli. Ci attendiamo da parte di tutti i cittadini un contributo a questa fase importantissima".

I dipendenti del Conti di Vulcano piangono l'amico Giovanni e si associano al dolore dei suoi cari

I dipendenti dell’Hotel Conti di Vulcano con immenso dolore rimpiangono il carissimo Giovanni. 
In lui vedevamo un fratello, un amico, un uomo dalla grande umanità, sempre pronto per un consiglio ed una buona parola. 
Ci stringiamo attorno alla famiglia Cullotta con la moglie Susan, la figlia Elisa, il genero, il nipotino, le sorelle, a tutti va il nostro abbraccio affettuoso con le sincere condoglianze.

Emergenza sangue nell'emergenza Coronavirus. L'appello: "Se siete in buona salute donate".


OdV (Organizzazione di Volontariato)


Cell.: 338.4986021 <> e-mail: avislipari.eolie@virgilio.it <> PEC: >aviscomunalelipari@pec.it<


*EMERGENZA  SANGUE  NELL’EMERGENZA  CORONAVIRUS*

Noi ci siamo e stiamo operando in sinergia con  l’A.S.P. di riferimento, nel rispetto delle condizioni per l’emergenza CORONAVIRUS e delle indicazioni del Centro Nazionale Sangue.

I Donatori di sangue sono cittadini modello: sensibili – generosi – attenti - responsabili – consapevoli – cooperanti - ligi al dovere – rispettosi  e partecipi.

DAL  CORONAVIRUS  SI  GUArisce    se  manca  il  sangue  si  muore

Le raccolte di sangue vengono effettuate in sicurezza, nel rispetto delle condizioni per l’emergenza CORONAVIRUS.

Non si applica la regola della “limitazione degli spostamenti” qualora la motivazione sia “la donazione di sangue”.

Se siete in buona salute
Telefonate alla Vostra Associazione di riferimento (338.4986021).

Chiedete informazioni. Date la Vostra disponibilità.

Prenotate la Vostra donazione.

NON SI PUO DONARE…..
….. SE SI HA FEBBRE, TOSSE, RAFFREDDORE, DIFFICOLTA’ RESPIRATORIE.
….. SE SI HA AVUTO CONTATTI  STRETTI  CON  CASI  PROBABILI  (TAMPONE
       DUBBIO)  O  CONFERMATI  DI  COVID-19.
….. SE LA TEMPERATURA CORPOREA E’ SUPERIORE A 37,5° C.



IL DIRIGENTE DELEGATO R.S. 
Giovanni Biviano
 IL PRESIDENTE PRO-TEMPORE
 Matteo Gullifa




Verso la festività di San Giuseppe. Video del 5° giorno del novenario a cura di Don Giuseppe Mirabito. Riprese di Bartolo Giunta

Il video messaggio del 14 Marzo del sindaco Marco Giorgianni

Ci rendiamo conto che non tutti i lettori di Eolienews sono iscritti su fb. 
Motivo per cui, il tempo di scaricarlo, e pubblicheremo qui il video - messaggio del sindaco Marco Giorgianni.

Il sorriso e la spontaneità dei bimbi: un motivo in più per combattere e vincere (V° pubblicazione)

Comunicazione per coloro che hanno inviato o intendono inviare foto e disegni per la rubrica "Il sorriso e la spontaneità dei bimbi: un motivo in più per combattere e vincere". Stante il numeroso materiale già pervenuto effettueremo tre pubblicazioni al giorno, invece delle due previste. Ricordiamo che coloro che vogliono inviare foto e/o disegni possono farlo alla mail ssarpi59.ss@gmail.com oppure su whatsapp al 3395798235 o su messenger del nostro direttore. Il materiale pervenuto sarà pubblicato in ordine d'arrivo. Il video messaggio "anticoronavirus" dei ragazzi dell'ASD OLYMPUS KARATE DI LIPARI

Emergenza Coronavirus. Oggi 14 marzo, sono 156 i positivi e 4 i guariti. La situazione in Sicilia.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 12 di oggi (sabato 14 marzo), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi validati dai laboratori regionali di riferimento (Policlinici di Palermo e Catania) sono 2.100, sono stati trasmessi all'Istituto superiore di sanità, invece, 156 campioni (26 più di ieri).
Risultano ricoverati 53 pazienti (quattordici a Palermo, ventitré a Catania, cinque a Messina, uno a Caltanissetta, tre ad Agrigento, due a Enna, due a Siracusa e tre a Trapani) di cui 11 in terapia intensiva, mentre 97 sono in isolamento domiciliare, quattro sono guariti e due deceduti.
Il prossimo aggiornamento avverrà domani. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87

Il cordoglio del Conti e della Banda musicale "Città di Lipari" per la dipartita del maestro Cullotta


Il Maestro Giovanni Cullotta
è nella luce di Dio
accolto dall’armonia dei
 Cieli
Con profonda tristezza
Masina Basile e la famiglia
dell’ Istituto Conti
Stringono
in un  affettuoso abbraccio
Caterina,
la figlia Elisa, la moglie Susy
e quanti lo hanno amato.



Buon Compleanno!

Auguri a Tiziano Profilio, Lorenzo Cincotta, Alessandro Licari, Miriam Ziino, Monica Stagno, Giuseppa Giardina, Stefano Vento, Emanuela Costa, Barbara Rijtano

E' deceduto il maestro Giovanni Cullotta.

Le onoranze funebri sono a cura della ditta Alfa e Omega di Lipari.
Eolienews partecipa al dolore dei suoi cari

Il sorriso e la spontaneità dei bimbi: un motivo in più per combattere e vincere (IV° pubblicazione)

Anna per i suoi nipotini
Per successive pubblicazioni inviate a ssarpi59.ss@gmail.com oppure su whatsapp al 3395798235 o su messenger del nostro direttore. Il materiale sarà pubblicato secondo l'ordine di arrivo.

E' morto Silvio Peruggia, un altro degli ex Pumex che se ne va.

E' deceduto all'età di 73 anni, a Dumenza , in provincia di Varese, Silvio Peruggia.
Dipendente della Pumex, aveva una grande passione per il mare e per le attività ad esso legate.
Lungimirante con l'ingegner Antonio Di Marca creò il Centro Nautico Eoliano
Alla famiglia le condoglianze di Eolienews.

Il sorriso e la spontaneità dei bimbi: un motivo in più per combattere e vincere (III° pubblicazione)

Eva Greco

Per successive pubblicazioni inviate a ssarpi59.ss@gmail.com oppure su whatsapp al 3395798235 o su messenger del nostro direttore

Nel pomeriggio diretta fb del sindaco di Lipari con gli ultimi aggiornamenti


COMUNICATO STAMPA

Si informa la cittadinanza che alle ore 16:00 di oggi, 14 marzo, il Sindaco Marco Giorgianni sarà in diretta Facebook per gli aggiornamenti sulla questione emergenza Coronavirus e, in particolare, per descrivere i contenuti della nuova ordinanza n.5 della Presidenza della Regione Siciliana.
Sarà possibile seguire la diretta anche sui gruppi e le pagine di informazione locale.

                                                                 L’Amministrazione Comunale

Santo del giorno: Santa Matilde.

Di principesca famiglia, nacque S. Matilde nella Sassonia. I cristiani genitori, consci della vanità delle grandezze umane, affidarono la fanciulla all'abadessa di Erfurt, perchè la educasse all'amore e al desiderio delle virtù cristiane. Matilde corrispose alle premure dei genitori e alle sollecitudini della sua educatrice, e non ritornò in famiglia, se non quando seppe essere quella la volontà di Dio.

Nell'anno 913 ella giurava fedeltà di sposa al principe Arrigo, figlio di Enrico duca di Sassonia. Questo matrimonio fu di grande vantaggio per Matilde. Infatti il suo pio sposo, dopo la morte di Corrado re di Germania, nel 919, divenne imperatore. La modestia, l'umiltà, l'innocenza e tutte le egregie doti del suo nobile animo colpivano chiunque la mirasse, molto più di quanto l'abbagliasse la magnificenza delle vesti regali. Sovente la Santa si portava a visitare gli ammalati e i poveri. Le occupazioni del suo stato non permettevano d'occupare nelle pratiche di pietà tutto quel tempo che avrebbe desiderato e perciò nel cuore della notte, mentre nella reggia tutto taceva, essa si portava in chiesa e passava ore ed ore in unione con Dio nella preghiera e nella contemplazione. Il marito era pure profondamente cattolico e assecondava la pietà e le opere della consorte.

La Divina Provvidenza quando chiama un'anima ad un grado sublime di santità, la fa passare per il crogiuolo del dolore. E Matilde che era un'anima tutta di Dio, fu visitata con il flagello della desolazione. Ecco infatti che, per una paralisi cardiaca, venne improvvisamente a mancarle lo sposo Arrigo. Fu questo per la Santa un colpo assai doloroso, sia per l'amore che portava all'amato consorte, sia per le tristi conseguenze che sarebbero seguite a questo decesso. Matilde aveva avuto tre figli: Ottone, Enrico e Brunone. Il primo era stato designato dal padre come suo successore. Ma siccome l'impero di Germania era elettivo, Enrico insorse a contrastare il potere del fratello. La Santa, che prediligeva il secondo, si dichiarò per lui, il che fu causa che fra i due prìncipi fratelli scoppiasse la guerra. Il Signore punì la predilezione della Santa per il secondogenito e permise che i suoi figli si alleassero contro di lei, la spogliassero di ogni potere. e la costringessero a ritirarsi presso un monastero. Grandi sofferenze, dispiaceri e umiliazioni dovette sopportare la regina in questi avvenimenti, tanto più che le erano causati da persone da lei tenerissimamente amate: ma tutto sopportò in ispirito di penitenza. Questa umiliazione fu lunga, ma la virtù della santa regina trionfò e i suoi figli si riconciliarono con lei e tra loro e rimisero la madre nel primitivo stato. S. Matilde spese il restante della vita specialmente nella preghiera e nelle opere di carità. Piena di meriti e di opere sante volò al premio il 14 marzo dell'anno 968.

PRATICA. L'inizio della santità sta nel desiderarla, nel domandarla a Dio, e nello sforzarsi per averla.

PREGHIERA. Dio, che con l'umiltà e costanza della tua serva Matilde ci hai insegnato come si giunga al possesso delle vere grandezze, fa', ti preghiamo, che anche noi ne imitiamo l'esempio e che le cose non ci siano che stimolo per il tuo santo servizio.

MARTIROLOGIO ROMANO. Ad Alberstadt, nella Germània, il transito della beata Matilde Regina, madre di Ottóne primo. Imperatore dei Romani, celebre per umiltà e pazienza.
Comunicazione per coloro che hanno inviato o intendono inviare foto e disegni per la rubrica "Il sorriso e la spontaneità dei bimbi: un motivo in più per combattere e vincere". Stante il numero di materiale già pervenuto effettueremo tre pubblicazioni al giorno, invece delle due previste. Ricordiamo che coloro che vogliono inviare foto e/o disegni possono farlo alla mail ssarpi59.ss@gmail.com oppure su whatsapp al 3395798235 o su messenger del nostro direttore. Il materiale pervenuto sarà pubblicato in ordine d'arrivo.

E' deceduto il maestro Giovanni Cullotta. Il ricordo di Gianni Iacolino

Geniale e modesto nello stesso tempo, Giovanni Cullotta, il Maestro, è stato un modello di abnegazione e passione nei confronti della musica e delle arti, nata da una tradizione familiare. Amava la musica in tutti i suoi aspetti. Musicista a tutto tondo, era esecutore, direttore ed artigiano costruttore di strumenti musicali.
Il tutto senza una scuola alle spalle, ma sostenuto da un forte impegno e da un assoluto disinteresse al guadagno.
Qualcuno lo ricorderà forse un po' burbero, ma era solo un timido che preferiva vivere in un mondo tutto suo , forse avulso dalla realtà, ma più congeniale alle sue passioni.
È mancato in un momento in cui non gli si può tributare il sentito ringraziamento per l'opera costante di educazione musicale svolta a favore dei nostri giovani.
Tanti decenni spesi, in silenzio, nei locali della Banda Musicale Città di Lipari senza mai godere di un riconoscimento ufficiale per il lavoro svolto. In quelle stanze di viale Bernardino Re echeggerà ancora il suono della sua voce insieme a quella di suo padre , mastro Pino.
Spero che, passata l'emergenza, ci si ricordi con la dovuta gratitudine di in 'si grande concittadino.
Gianni Iacolino

Oggi è il 14 marzo. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie.

Tramonto alle spalle di Alicudi

venerdì 13 marzo 2020

Santa Messa del 13 marzo con il Pontefice a Santa Marta

Verso la festività di San Giuseppe. Video del 4° giorno del novenario a cura di Don Giuseppe Mirabito. Riprese a cura di Bartolo Giunta.

Coronavirus: Razza, sospendere attività chirurgiche non urgenti

"Tutte le attività chirurgiche non urgenti vanno sospese immediatamente". Lo ha scritto l'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, in una nota inviata ai dirigenti generali delle Aziende sanitarie provinciali, degli ospedali e dei policlinici dell'Isola, oltre che all'Aiop, l'Associazione delle cliniche private.
La decisione è stata presa nell'ambito delle misure di prevenzione, contenimento e gestione dell'emergenza Coronavirus in Sicilia.

Il sorriso e la spontaneità dei bimbi: un motivo in più per combattere e vincere (II° pubblicazione)

Gabriel Favaloro

Coloro che vogliono inviare foto e/o disegni possono farlo alla mail ssarpi59.ss@gmail.com oppure su whatsapp al 3395798235 o su messenger del nostro direttore. Il materiale pervenuto sarà pubblicato in ordine d'arrivo. Effettueremo due pubblicazioni giornaliere.

Accadde alle Eolie: 13 marzo 1879


Emergenza Coronavirus. Oggi 13 marzo, questa la situazione in Sicilia.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 12 di oggi (venerdì 13 marzo), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi negativi analizzati dai laboratori regionali di riferimento (Policlinici di Palermo e Catania) sono 1.496, sono stati trasmessi all'Istituto superiore di sanità, invece, 130 campioni (15 più di ieri).
Risultano ricoverati 44 pazienti (dieci a Palermo, quindici a Catania, sei a Messina, uno a Caltanissetta, quattro ad Agrigento, due a Enna, due a Siracusa e quattro a Trapani) di cui solo 7 in terapia intensiva, mentre 82 sono in isolamento domiciliare, due sono guariti e due deceduti.
Il prossimo aggiornamento avverrà domani. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87
Dal Comune ci informano che la diretta del Sindaco Marco Giorgianni, programmata per le 16:00, sarà posticipata di qualche ora, anche in attesa della pubblicazione ufficiale della nuova ordinanza della Presidenza della Regione Siciliana.
Sarà comunicato, al più presto, il nuovo orario del collegamento che avverrà, comunque, nel pomeriggio/serata di oggi.

Via Crucis dalla Chiesa dell'ex convento dei Cappuccini a Lipari. A cura di Don Giuseppe Mirabito. Riprese Bartolo Giunta

Comunicato Federalberghi alle strutture turistico-ricettive eoliane.

Ritenendo di fare cosa utile, Federalberghi Isole Eolie, desidera chiarire gli aspetti salienti per il comparto turistico ricettivo, a seguito dei D.P.C.M. dell’8 del 9 e dell’11 marzo scorsi del Presidente del Consiglio dei Ministri e dell’Ordinanza Regionale dell’8 marzo scorso, tutti relativi all’emergenza Covid19.
  1. Non è previsto alcun obbligo di chiusura o di non apertura per le strutture ricettive. Queste possono continuare ad operare, seguendo le raccomandazioni e le prescrizioni dei DPCM in materia di prevenzione dei contagi.
  2. Le strutture ricettive possono ospitare viaggiatori che posseggano i requisiti di spostamento previsti dagli anzidetti decreti/ordinanza. Pertanto, a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo: chi è in viaggio per lavoro, chi si sposta per motivi di salute o per altre questioni di comprovata indifferibile necessità e chi è in attesa di poter rientrare nei luoghi di origine perché partito prima che venissero imposte le restrizioni.
  3. Non spetta al titolare della struttura turistico ricettiva la verifica della sussistenza dei presupposti che consentono lo spostamento delle persone fisiche.
  4. Trovandoci però in una situazione emergenziale, anche a tutela dei nostri collaboratori e concittadini, qualora dovessimo ravvisare delle situazioni non conformi alle direttive sui motivi di viaggio, si invitano i titolari delle strutture ad informare la clientela sulle normative vigenti.
  5. Le strutture ricettive, dotate di apposita licenza, possono continuare a somministrare pasti e bevande agli alloggiati.
  6. Rimane ad oggi in vigore l’ordinanza regionale ell’8 marzo che prevede la quarantena per quanti in arrivo o abbiano transitato o soggiornato nei 14 gg prima dell’8 marzo nelle “ex aree rosse” (Regione Lombardia e dalle province di Province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini; Pesaro e Urbino; Venezia, Padova, Treviso; Asti e Alessandria).
  7. Si sottolinea che le restrizioni allo spostamento delle persone fisiche si intendono tali anche all’interno dello stesso territorio comunale. Si invitano pertanto le strutture ricettive a facilitare i propri ospiti consegnando loro copia del modello di autocertificazione:  https://bit.ly/2W6ibIZ.    
Nei giorni scorsi, visto lo stato emergenziale, con spirito di servizio, abbiamo provveduto ad inviare le circolari di Federalberghi sia agli associati che ai non associati. Chi desiderasse essere aggiunto alla mailing list potrà farlo inviando un’email a: info@isoledisicilia.org.
L’occasione mi è gradita per esprimere tutta la nostra solidarietà all’industria turistica, alle imprese e ai cittadini eoliani. Mi unisco all’appello dei nostri Sindaci e delle istituzioni di attenerci scrupolosamente al rispetto delle norme stabilite, nell’interesse sanitario, economico e sociale di noi tutti. Nella convinzione che, stando alle conoscenze scientifiche attuali, la rapidità con la quale ci lasceremo alle spalle questo brutto momento, dipenderà esclusivamente dai nostri comportamenti e dal nostro senso civico.

Christian Del Bono
Presidente Federalberghi Isole Eolie e Isole Minori della Sicilia

I ringraziamenti della famiglia Restuccia.

Accadde alle Eolie: 13 Marzo 2011


Buon Compleanno!

Auguri a Rosa Favaloro, Alessia D'ascari, Mariarosaria Barbuto, Michele Rubino, Rosalia Naso, Roberta Bucedi, Umberto Cullota, Patrizia Naso, Anna Favaloro, Susanna Guarnuto, Julie Sferlazzo, Martha Cataliotti, Katia Raffaele

Il testo dell'ordinanza contingibile ed urgente del presidente Musumeci. "Tagliate", tra l'altro, due corse in nave da e per le Eolie.

Ordinanza contingibile e urgente n°5 del 12.03.2020 del presidente della Regione , Nello Musumeci :
ORDINA
  1. Articolo 1
  2. (Recepimento del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 11 marzo 2020)
    1. Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, sull’intero territorio regionale si applicano le misure previste dal Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 11 marzo 2020 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n.6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale”.
    2. Articolo 2
  1. (Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio regionale)
Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 sono adottate sull’intero territorio nazionale, le seguenti misure disposte con il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 11 marzo 2020:
  1. sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 1 del DPCM 11 marzo 2020, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro;
  2. sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto. Restano, altresì, aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;
  3. sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) diverse da quelle individuate nell’allegato 2 del DPCM 11 marzo 2020;
  4. restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi;
  5. in ordine alle attività produttive e alle attività professionali si raccomanda che:
  1. sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
  2. siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
  3. siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
  4. assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
  5. siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;
  1. per le sole attività produttive si raccomanda altresì che siano limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni;
  2. in relazione a quanto disposto nell’ambito dei numeri 5 e 6 si favoriscono, limitatamente alle attività produttive, intese tra organizzazioni datoriali e sindacali;
  3. è interdetto l’accesso al pubblico alle aree cimiteriali restando lo stesso consentito al personale addetto e alle imprese esercenti servizi funebri;
  4. al fine di evitare il sovraffollamento le banche e gli uffici postali devono privilegiare l’attività degli sportelli automatici e a tal fine devono assicurare la disponibilità dei prelievi alla luce delle sopravvenute esigenze provvedendo alla quotidiana sanificazione;
  5. per tutte le attività non sospese si invita al massimo utilizzo delle modalità di lavoro agile.
Articolo 3
  1. (Coordinamento attività con gli Enti Locali)
  2. L’art.35 del D.L. n.9/2020 vieta l’adozione di ordinanze sindacali contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l’emergenza in parola con misure in contrasto con quelle statali e quelle regionali di recepimento, pertanto, gli Enti locali che intendono adottare specifiche ordinanze sono tenuti a raccordarsi con il Coordinamento della Presidenza della Regione Siciliana per le attività necessarie per il contenimento della diffusione del COVID-19 di cui all’articolo 1 dell’Ordinanza contingibile e urgente n°2 del 26 febbraio 2020. Tale azione di raccordo può avvenire tramite l’ANCI-Sicilia ovvero direttamente tramite il Dipartimento regionale della Protezione civile.
Articolo 4
(Misure da applicare ai servizi di trasporto sull’intero territorio regionale)
  1. Gli esercenti servizi di trasporto pubblico locale di linea extraurbani su gomma assicureranno i servizi di trasporto unicamente nelle fasce orarie 5.30/9.00 – 13.30/16.00 con una coppia di corse e con mezzi quantitativamente adeguati a soddisfare le esigenze di mobilità di tutta l’utenza e garantire la distanza di sicurezza interpersonale dei passeggeri di almeno un metro.
Sarà obbligo delle imprese garantire con le stesse modalità una terza fascia oraria 17.00/19.00 in relazione alle esigenze della utenza lavorativa.
  1. Gli esercenti servizi di trasporto pubblico locale urbano devono garantire i servizi essenziali limitatamente alla fascia oraria 6.00/21.00.
Gli esercenti servizi di trasporto pubblico locale di linea che effettuano i collegamenti a mezzo navi traghetto con le isole regionali si atterranno allo svolgimento dei servizi secondo l’articolazione indicata nell’allegato 1 alla presente ordinanza.
Sono sospesi i servizi integrativi regionali di collegamento con le isole minori a mezzo unità veloci.
  1. Gli esercenti servizi di trasporto marittimo per il collegamento con le isole minori sono tenuti ad acquisire all’atto dell’emissione del biglietto di passaggio, ovvero di titolo di viaggio equipollente, l’autocertificazione da rendere per gli spostamenti delle persone fisiche all’interno di tutto il territorio nazionale ai sensi dell’art.1, comma 1, del DPCM del 8 marzo 2020 e dell’articolo 1, comma 1, del DPCM del 9 marzo 2020.
  2. Gli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera territorialmente competenti sono tenuti ad estendere agli aeroporti di Lampedusa e di Pantelleria i controlli in atto presso gli altri aeroporti del territorio regionale.
  3. L’obbligo di disinfezione giornaliera dei treni regionali e di tutto il trasporto pubblico locale via terra e via acqua.
  4. Il Dipartimento per le attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico dell’Assessorato regionale della salute provvede ad istituire presidi sanitari dedicati presso i porti di Palermo, Messina, Milazzo, Trapani e Porto Empedocle, per il controllo dei passeggeri diretti o provenienti dalle isole minori.
Articolo 5
(Ingresso di persone fisiche nel territorio regionale)
  1. I soggetti residenti o domiciliati nell’intero territorio regionale che vi facciano rientro da altre regioni o dall’estero devono comunicare tale circostanza al Comune, al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, nonché al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta con obbligo di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni dall’arrivo con divieto di contatti sociali, di osservare il divieto di spostamento e di viaggi, di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza. Nel caso in cui l’appartamento non gode di stanza isolata con bagno annesso ad esclusivo utilizzo, i familiari conviventi dovranno sottostare, con le medesime modalità, all’obbligo di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario.
  2. I soggetti che fanno ingresso nel territorio regionale per comprovate esigenze lavorative, purché rientranti tra quelle espressamente consentite dal DPCM del 11 marzo 2020, devono adottare tutte le misure previste per il contenimento del contagio da COVID-19 dalla normativa nazionale e regionale.
Articolo 6
(Ulteriori norme per le attività commerciali da osservare nel territorio regionale)
  1. Per garantire prioritariamente la distribuzione della filiera sanitaria e di quella agro-alimentare le imprese della grande distribuzione predispongono nelle aree di stoccaggio servizi igienici, anche amovibili, per assistere gli autotrasportatori.
  2. L’ingresso ai mercati ittici e ortofrutticoli è limitato ai soli operatori commerciali dei rispettivi settori.
  3. I Sindaci, verificate le condizioni di accessibilità e la possibilità di osservanza di tutte le misure precauzionali vigenti in materia di condizioni igienico-sanitarie, dispongono in ordine alla prosecuzione delle attività alimentari esercitate all’aperto con particolare riferimento ai mercati rionali.
Articolo 7
(Misure atte a prevenire fenomeni di allarme sociale)
  1. Per contrastare fenomeni di possibile allarme sociale determinati dall’acquisto di ingiustificate quantità di prodotti alimentari, sanitari e farmaceutici, i responsabili dei relativi esercizi commerciali sono tenuti a vigilare su episodi di accaparramento dei suddetti prodotti.
Articolo 8
(Norme riguardanti il personale in servizio presso tutti gli uffici dell’Amministrazione regionale)
  1. Al fine di salvaguardare la salute del personale in servizio presso gli uffici dell’Amministrazione regionale, tenuto conto delle esigenze connesse alla necessità di garantire l’efficienza dell’azione amministrativa nell’attuale fase emergenziale e degli adempimenti connessi a inderogabili future scadenze, e di assicurare il mantenimento di adeguate condizioni igienico sanitarie dei locali, si rende necessario adottare le seguenti misure:
  1. intraprendere azioni intese al rafforzamento e all’implementazione del ricorso al lavoro agile previa confronto con le Organizzazioni sindacali del settore per la definizione di criteri minimi, seppure nell’ambito del presente regime derogatorio, afferenti all’applicazione del dettato normativo ex Capo II della Legge 22 maggio 2017, n.81, come indicato nelle premesse, individuando, altresì, le attività indifferibili da rendere in presenza;
  2. per contemperare l’interesse alla salute pubblica con quello alla continuità dell’azione amministrativa, nell’esercizio dei poteri datoriali e nelle more di quanto previsto alla precedente lettera a), i Dirigenti Generali e i Responsabili di tutti gli Uffici dell’Amministrazione regionale adottano piani per la fruizione delle ferie residue dell’anno precedente del rispettivo personale, da predisporre contemperando eventuali comprovate esigenze connesse alla necessità di garantire il corretto adempimento degli obblighi in capo agli Uffici;
  3. disporre, con tempestività, la pulizia e disinfezione straordinaria dei locali sede di tutti gli Uffici. La pulizia straordinaria e accurata, con acqua e detergente, seguita dall’applicazione di disinfettanti quali ipoclorito di sodio, deve interessare, particolarmente, tutte le superfici di possibile contatto, le maniglie delle porte, delle finestre, i rubinetti, i corrimano e i pulsanti di scarico dei servizi igienici;
  4. installare dispensatori di disinfettante o antisettico per le mani nei locali di accesso e nei corridoi;
  5. sospendere gli accessi dell’utenza con la quale si manterrà la doverosa comunicazione a mezzo dei recapiti telefonici del personale e dei rispettivi indirizzi di posta elettronica da pubblicare, qualora non ancora provveduto, nei siti istituzionali degli uffici;
  6. procedere alla frequente aerazione dei locali e mantenere la distanza minima raccomandata di un metro lineare tra i presenti nonché il rispetto delle norme comportamentali intese a evitare qualsiasi tipo di contatto fisico;
  7. attenersi rigorosamente alle norme precauzionali di tipo igienico-sanitario di cui all’allegato 2 alla presente ordinanza.
La mancata osservanza degli obblighi di cui alla presente Ordinanza comporterà le conseguenze sanzionatorie previste dall’art.650 del Codice penale se il fatto non costituisce reato più grave.
La presente ordinanza, che ha validità fino a nuovo provvedimento, è pubblicata nel sito istituzionale della Regione. La pubblicazione ha valore di notifica individuale, a tutti gli effetti di legge, nei confronti di tutti i partecipanti alle menzionate procedure concorsuali.
La presente ordinanza, per gli adempimenti di legge, viene trasmessa al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Salute, ai Prefetti, ai Comuni.
Avverso la presente ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di sessanta giorni dalla comunicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi.
La presente ordinanza sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana.
Il Presidente
Musumeci
ALLEGATO 1
TRASPORTO PUBBLICO LOCALE A MEZZO NAVI TRAGHETTO
per collegamenti con isole minori regionali
UNITÀ DI RETE ISOLE EOLIE
Servizi essenziali Siremar
Linea C/1 Milazzo Napoli: SOSPESA
Linea Interisole C/2: partenza delle ore 09.00 da Milazzo SOSPESA
Linea C/6 Lipari Vulcano Milazzo e VV: limitatamente a Partenza da Lipari ore 06.30 per Vulcano Milazzo e ripartenza da Milazzo alle ore 17.15
Linea C/3 C/4: in esercizio regolare come in atto direttrice Milazzo Isole Eolie (capolinea Alicudi e Stromboli)
Linee Integrative regionali
Linea Regionale Milazzo Eolie e VV: partenza ore 06.30 trasporto carburante e mezzi commerciali, nei giorni di Lunedì, Martedì, Giovedì e Venerdì come da itinerari orari in atto;
Linea serale con partenza da Milazzo ore 21.00 SOSPESA
UNITÀ DI RETE USTICA
Servizi essenziali Siremar
Linea D1: come da itinerari orari, tranne la domenica
Linea Integrativa regionale
SOSPESA
UNITÀ DI RETE ISOLE EGADI
Servizi essenziali Siremar
Linea D2/D3: due partenze giornaliere (rispettivamente in fascia mattutina, con estensione a Marettimo, e pomeridiana limitatamente a Favignana e Levanzo)
Linea Integrativa regionale
mantenimento orari ed itinerari in atto, salvo sospensione per sostituzione con servizio statale con mezzo navale idoneo al trasporto di mezzi infiammabili
UNITÀ DI RETE PANTELLERIA
Servizi essenziali Siremar
Linea D4: come da itinerario e orario in atto, limitatamente a uno/max due giorni a settimana per trasporto infiammabili, secondo esigenze di approvvigionamento.
Linea Integrativa regionale
SOSPESA
UNITÀ DI RETE ISOLE PELAGIE
Servizi essenziali Siremar
Linea D5 SOSPESA
Linea Integrativa regionale
servizio da espletarsi sei giorni a settimana, comprensivo del trasporto esclusivo di merci pericolose, con partenza da Porto Empedocle alle ore 23:00 e doppio scalo a Linosa (andata e ritorno).
ALLEGATO 2
Norme precauzionali di tipo igienico-sanitario per contrastare la diffusione del COVID-19
  • Lava spesso le mani con acqua e sapone o con gel a base alcolica;
  • non toccare occhi, naso e bocca con le mani;
  • evita il contatto ravvicinato con tutte le persone, strette di mano e abbracci, attenendoti al mantenimento della distanza minima di 1 metro lineare;
  • starnutisci in un fazzoletto monouso evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie;
  • copri la bocca quando tossisci altrimenti usa la piega del gomito;
  • evita l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri;
  • pulisci accuratamente e frequentemente il tuo telefono.

Elipista di Ginostra di nuovo abilitata ai voli notturni. L'articolo di Gianluca Giuffrè sulla Gazzetta del sud

Il sorriso e la spontaneità dei bimbi: un motivo in più per combattere e vincere (I° pubblicazione)

 Da sx: Samuel, Giorgia e Mattia
Per successive pubblicazioni inviate a ssarpi59.ss@gmail.com oppure su whatsapp al 3395798235 o su messenger del nostro direttore

E' deceduto Giuseppe Restuccia.

 Le onoranze funebri sono a cura della ditta Alfa e Omega di Lipari
Eolienews partecipa al dolore dei suoi cari

Dalle 13 di oggi in funzione per gli aliscafi Piano "Servizi Minimi - EMERGENZA CORONAVIRUS", disposto dal Presidente della Regione


La tabella con gli orari s'ingrandisce cliccandoci sopra

Santo del giorno: San Rodrigo di Cordova.

Nei primi secoli della dominazione mussulmana della penisola iberica visse e morì martire San Rodrigo, accanto a molti altri cristiani intransigenti nella loro fede e troppo zelanti nel loro apostolato.

L'avvento dei Mussulmani segnò infatti, in Spagna, una dolorosa divisione tra popolazione cristiana e popolazione maomettana; una divisione che spesso si insinuava fin nell'interno delle famiglie, dando luogo a situazioni incresciose, e talvolta addirittura grottesche.

Nella famiglia di Rodrigo, per esempio, un fratello era acceso mussulmano; un altro, fervente cristiano. Rodrigo stesso, poi, era stato ordinato sacerdote cristiano. La convivenza, perciò, non era facile, e un giorno, in occasione di un alterco più violento del solito tra i due fratelli, Rodrigo si interpose come paciere, finendo per buscarne dall'uno e dall'altro. Ridotto privo di sensi, il fratello mussulmano gli giuocò il tiro più subdolo, caricandolo su una barella e portandolo in giro per le strade di Cordova, proclamando a gran voce che il fratello, già sacerdote cristiano, si era finalmente convertito alla fede del Profeta.

Ignaro di tutto ciò, quando si fu rimesso in sesto, Rodrigo riprese a esercitare il sacerdozio, e quando scoppiò una delle periodiche persecuzioni contro i cristiani, si allontanò da Cordova per ritirarsi in una località vicina.

Venne presto arrestato, non tanto perché cristiano, quanto come rinnegato. Se era vera infatti, come il fratello aveva proclamato, la sua conversione al Corano, il ritorno all'antica fede appariva come un vero e proprio tradimento, a meno che Rodrigo non si piegasse a rinnegare pubblicamente, davanti al Cadì, cioè al giudice arabo, la religione cristiana.
E poiché San Rodrigo non volle piegarsi, venne condannato al carcere, dove incontrò quel Salomone il quale viene oggi festeggiato, ma sul cui conto, fino a quel punto, non abbiamo notizia alcuna.

Si sa soltanto che tutti e due, Rodrigo e Salomone, si esortarono a vicenda nella fede, preparandosi al prossimo martirio. Furono infatti decapitati ambedue nell'anno 837, diventando, per così dire, fratelli di sangue, uniti in una famiglia che non conosce discordie né rivalità.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Cordova, nella Spagna, i santi Martiri Ruderico Prete e Salomone.

Oggi è il 13 marzo. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie.

Lo Stromboli

giovedì 12 marzo 2020

Nel pomeriggio avevo postato questo scritto "Stando a casa, ligio alle regole, oltre che perchè problemi pregressi mi consigliano di farlo, a maggior ragione, mi "esplodono" le idee. Non che prima non le avessi ma ora di più. Oltre alle rubriche religiose, che avete avuto modo di vedere in questi giorni, pensavo ad una rubrica "anti - coronavirus", ovvero pubblicare su Eolienews le foto dei nostri/vostri bambini impegnati a superare il momento, attraverso disegni, loro foto, piccoli video. Avevo anche pensato a questo titolo "il sorriso e la spontaneità dei bimbi: un motivo in più per combattere e vincere". Che ne pensate? Vi piace l'idea? E, innanzitutto, parteciperete? Esprimetevi postando un si o un no. Grazie".
Ottenuto il vostro "via libera" da domani/dopodomani al massimo (dipende da voi) si parte.
Il materiale che volete vedere pubblicato inviatelo a ssarpi59.ss@gmail.com , oppure su whatsapp al 3395798235 o su messenger del nostro direttore.
Aggiungete il nome del bimbo/bimba che ha realizzato quello che ci inviate. O il nome di chi è nella foto.

Coronavirus: Comune di Lipari da domani mette a disposizione numero per tutte le informazioni

Si comunica alla cittadinanza che a partire da domani, 13 marzo 2020, sarà attivo un numero telefonico dedicato, gestito dai volontari della Protezione Civile Comunale, per rispondere alle richieste di informazione in merito all’emergenza Coronavirus, ai comportamenti e agli obblighi previsti per le singole persone, per le attività commerciali e professioni dalle disposizioni nazionali e regionali, alle procedure da seguire negli spostamenti, alle modalità di accesso agli uffici comunali e a tutte le info di carattere generale.
Il numero è lo 090 9887210 e sarà possibile chiamare dal lunedì al venerdì, nelle fasce orarie 9:00/14:00 e 15:00/18:00: le risposte saranno fornite immediatamente o, laddove fossero necessari approfondimenti, si verrà ricontatti nel più breve tempo possibile per le giuste informazioni.
L’Amministrazione Comunale

ASP Messina, prendono servizio altri 3 dirigenti medici di Radiodiagnostica, due per l'ospedale di Lipari

Hanno firmato il contratto di lavoro oggi giovedì 12 marzo, presso la sede della Direzione Generale, e prenderanno servizio nei prossimi giorni altri tre dirigenti medici di radiodiagnostica che saranno immessi in servizio a tempo indeterminato il 1 aprile p.v. ; due lavoreranno all'Ospedale di Lipari e uno all'Ospedale di Barcellona PG dell'A.S.P. di Messina.
"Sarà così possibile - dice il direttore generale Paolo La Paglia - rafforzare l'organico dell'Ospedale di Lipari e dell'Ospedale di Barcellona e permettere continuità di assistenza in un momento di grande emergenza sanitaria."
Questi i nomi dei tre medici neoassunti: Fabiana Giacò e Cristina Di Bella (Ospedale di Lipari), Stefano Mistretta (Ospedale di Barcellona).
Sempre oggi l'ASP di Messina ha assunto un dirigente medico pediatra a tempo determinato destinato alla terapia intensiva neonatale dell'Ospedale di Taormina, la dott.ssa Giuseppina Tindaro Pagano che prenderà servizio il 16 marzo p.v.
Come da normativa contrattuale i vincitori hanno scelto la sede in base all'ordine di graduatoria concorsuale.
Nei prossimi giorni a seguito di scorrimento della graduatoria l'A.S.P. di Messina coprirà ulteriori posti vacanti di dirigente medico di radiodiagnostica.

Verso la festività di San Giuseppe. Video del 3° giorno del novenario a cura di Don Giuseppe Mirabito. Riprese a cura di Bartolo Giunta.