Cerca nel blog

sabato 29 maggio 2021

Noi andiamo avanti (di Sandro Biviano)

Oggi, pur non condividendo alcune prese di posizioni unilaterali del comitato "iosonolorenza", ma rispettandone le scelte e senza voler in alcun modo cadere in sterili polemiche, ma dissociandomi con altri componenti e non volendone più far parte continuiamo, senza se e senza ma, il nostro percorso, seguendo la linea scelta e condivisa a tutela del nostro ospedale, del sistema sanitario delle nostre isole e della tutela della salute dei cittadini Eoliani. 
 Quando lo scorso anno sono arrivato all'ospedale, iniziando la protesta con l'occupazione, ho fatto in cuor mio una promessa, a Lorenza e a tutta la comunità Eoliana: non avrei mollato fino a quando all'ospedale di Lipari non sarebbe arrivato tutto quello che ci siamo promessi, affinché quello che è accaduto a Lorenza non succedesse mai più... La mia parola è una e sola. Ho fatto tantissimi sacrifici e li continuerò a fare finché tutto quello che ci siamo prefissati diventi realtà. Non importa come e quanto ci metterò, l'importante è non arrendersi mai, anche per rispetto a tutte quelle persone che come me hanno fatto i turni in ospedale, hanno occupato il porto, mi hanno aiutato a sostenere le spese a Palermo, etc..etc.. 
Ringrazio il Direttore Generale, Dr. Alagna, per aver ascoltato le nostre richieste e le nostre proposte, per essere riuscito ad ottenere il finanziamento di 450 mila € per la terapia intensiva nel nostro Ospedale, servizio di vitale importanza per la sicurezza e la salute di tutti i cittadini. Particolare di non poco conto : TERAPIA INTENSIVA E NON PIU’ SUB-INTENTESIVA.  
Sono felice che i pazienti affetti da patologie oncologiche, a breve non dovranno più affrontare pesanti viaggi della speranza, anche solo per la somministrazione di qualche pastiglia poiché da circa un mese nel nostro ospedale si è dato il via alla somministrazione di chemioterapici per via orale in una sala dedicata. 
A breve, e ci auguriamo molto presto, si potrà procedere alla somministrazione di chemioterapici per via infusionale attraverso il potenziamento del servizio diretto dal Dott. Ferraù, primario del reparto di oncologia all’ospedale di Taormina. 
 A breve sarà pubblicato un comunicato ufficiale con tutti i punti affrontati durante l'incontro con il Direttore Generale dell’ASP, Dott. Bernardo Alagna. 
Ringrazio tutte le persone che hanno creduto e credono in questa battaglia e lottano senza mai mollare insieme a me. In particolare Danilo Conti , Presidente del Comitato Eolie 20-30, di cui io e Sara facciamo parte, Salvatore De Gregorio che vi è appena entrato, oltretutto vice presidente nazionale ANSPI che, insieme a Bartolo Cappadona e ai nostri cari amici dell'ospedale, non ci hanno mai abbandonati in questa battaglia. 
Grazie a tutti gli amici eoliani e non, che ci sostengono, ci aiutano e ci esortano a non mollare. 
Noi andiamo avanti sul percorso già intrapreso, senza guardarci indietro, nonostante le delusioni e gli attacchi gratuiti ricevuti, perché la salute è un dono prezioso e deve essere salvaguardata e tutelata ad ogni costo anche nelle nostre amate isole.
Sandro Biviano

Covid oggi in Sicilia, 385 contagi e 7 morti

Sono 385 i nuovi contagi da coronavirus in Sicilia, secondo la tabella del bollettino di oggi, 29 maggio. Registrati inoltre altri 7 morti. I nuovi casi di Covid 19 registrati nelle ultime 24 ore emergono da 15.094 tamponi effettuati. Sono poi 1.005 i pazienti dimessi o guariti. In totale, nell'isola, i positivi sono 9.988 - 627 in meno rispetto a ieri - e di questi 502 sono ricoverati in regime ordinario, 72 in terapia intensiva e 9.414 in isolamento domiciliare.

M5S: Più attenzione alle Eolie. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 29 maggio 2021

 

Ripulita per l'ennesima volta dai depositi abusivi l'area di Canneto dentro. L'amministrazione: "Esiste uno specifico servizio, pronti a sanzionare"

COMUNICATO

Per l’ennesima volta su disposizione degli uffici competenti la ditta incaricata del servizio raccolta e smaltimento rifiuti ha provveduto a rimuovere e smaltire rifiuti ingombranti posizionati illegittimamente nell’area adiacente il cimitero di Canneto.

Si rinnova la raccomandazione di non ripetere tali comportamenti che creano non solo dei problemi igienici sanitari ma insopportabile offesa al nostro territorio e in
particolare in quel sito alla memoria dei nostri defunti, rammentando che per il conferimento degli ingombranti è attivo un servizio a chiamata e che i comportamenti diversi saranno adeguatamente sanzionati.

L’Ammistrazione comunale

Limitata capienza sugli aliscafi e disagi. L'amministrazione Giorgianni: "ecco come ci siamo attivati"

COMUNICATO STAMPA

Si rendono note le azioni che l'Amministrazione Comunale ha intrapreso nella settimana appena trascorsa ai fini di una riorganizzazione dei servizi di collegamento marittimo in aliscafo che, a causa del limite della capienza al 50% dettato dalle normative anti covid, sta generando fortissimi disagi ai passeggeri sia residenti che devono recarsi sulla terraferma per attività  essenziali, lavorative, scolastiche, visite mediche ecc...e poi rientrare sulle isole che per i turisti che hanno scelto di soggiornare sul nostro territorio e che necessitano di poter viaggiare adeguatamente anche tenendo conto delle coincidenze con altri mezzi di trasporto.

È stata trasmessa una richiesta urgente al Presidente della Regione, all'Assessorato Regionale ai Trasporti e ai Ministeri dei Trasporti e della Salute manifestando e argomentando tali criticità e le gravi conseguenze che comportano chiedendo, dato che a livello comunale non è possibile assumere provvedimenti in merito, immediate soluzioni che vertano su un aumento delle corse, almeno nei momenti di maggior richiesta, e/o su una deroga al limite del 50%, in coerenza con le condizioni epidemiologiche e fermo restando un rigido rispetto delle altre misure di contenimento. Quest'ultima ipotesi, che a nostro parere rappresenta la soluzione più adeguata a seguito delle interlocuzioni avute per le vie brevi, è realizzabile solo a livello centrale per cui auspichiamo in un celere riscontro da parte del Ministro Speranza, avendo avuto notizia che l'Assessore Regionale Marco Falcone abbia sostenuto questa richiesta presso il Ministero per tutte le isole minori siciliane.  Non mancherà da parte di questa Amministrazione ulteriore pressante sollecito.

                                                                L’Amministrazione Comunale

Nei palazzi della politica locale (133° puntata) : Maria Grazia Bonica, presidente Circoscrizione Filicudi e consigliere comunale

Lipari. Vacanze tranquille. Ordinanze e divieti. L' articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 29 maggio 2021

I Flag delle coste della Sicilia occidentale e delle isole minori stipulano intesa per realizzazione progetti strategici per la valorizzazione della Risorsa Mare

Le società di sviluppo locale (Flag - Fisheries Local Action Groups), Flag Torri e Tonnare del litorale Trapanese, il Flag Isole di Sicilia, Il Flag Golfi di Castellammare e Carini e l’Agenzia di Sviluppo della Sicilia Occidentale Asso stipulano un accordo che esprime una vera e propria sinergia territoriale per la realizzazione di un programma di investimenti integrato pubblico-privato incentrato sulla Risorsa Mare. 
I tre Flag e l’Agenzia di sviluppo Asso condividono le finalità di preservare il Mare quale risorsa per la sopravvivenza e, insieme, risorsa capace di generare ricchezza, occupazione e innovazione secondo un modello di sviluppo collaborativo e sostenibile. 
Su questi presupposti i Presidenti si impegnano a valorizzare la Risorsa mare e ad attuare la Blue Economy attraverso lo strumento del Contratto Istituzionale di Sviluppo (Cis) al fine di accelerare la realizzazione di progetti strategici orientati alla valorizzazione dei territori. 
Si tratta di candidare progetti per circa 250 mila Euro tra i quali adeguamenti infrastrutturali degli enti locali, interventi per il rilancio dei numerosi comparti economici e produttivi quali ad esempio: pesca artigianale e trasformazione del pescato, la valorizzazione dei beni culturali e dei servizi turistici, cantieristica e diportistica, logistica, ricerca e tutela ambientale. 
A firmare il documento sono Andreana Patti (Presidente del Flag Trapanese, con funzioni di capofila), Giovanni Basciano (Presidente del Flag Isole di Sicilia), Pietro Puccio (Presidente del Flag Golfo di Castellammare e Carini), Aldo Ruffino (Presidente ASSO). 
La pianificazione strategica sarà diretta a concertare lo sviluppo costiero in modo integrato verso la programmazione futura ed il sostegno ai piani di investimento di rilancio di numerosi comparti economici e produttivi che operano in relazione al mare e, segnatamente: 
✔ Settore della pesca (specie artigianale) e della trasformazione del pescato; 
✔ Settore turistico della valorizzazione dei beni culturali e dei servizi turistici (Es. ristorazione); 
✔ Settore estrattivo (Es. Saline); 
✔ Settori manifatturieri che svolgono la propria attività in prossimità del mare e/o dei fiumi con scarico diretto a mare; 
✔ Settore dei servizi alla balneazione; 
✔ Settore delle attività sportive e ricreative legate allo sfruttamento del mare; 
✔ Settore cantieristico e diportistico, sia privato che con finalità turistiche;
 ✔ Settore della logistica e del trasporto di merci e persone per via d’acqua; 
✔ Settore della ricerca, regolamentazione e tutela ambientale; 
✔ ogni settore che possa avere rilevanza diretta o indiretta con la risorsa mare Con la costituzione di un unico gruppo di lavoro si consentirà di predisporre il documento a base del contratto istituzionale di sviluppo e di dare attuazione ad una cooperazione tra Flag in coerenza con la programmazione comunitaria finanziata dai fondi comunitari della pesca l (FEAMP). 
I presidenti si dichiarano soddisfatti per l’avvio del percorso di attivazione del contratto di sviluppo. 
Si tratta di un momento opportuno per accogliere l’opportunità della recente approvazione della Z.E.S. (Zona Economica Speciale) Sicilia Occidentale e delle risorse nazionali determinate dalla programmazione legata ai Recovery plan, per costruire un piano per attrazione degli investimenti produttivi sui diversi territori. Il progetto intende, oltre gli sgravi fiscali e le agevolazioni già previste dalla ZES, stimolare l’interesse delle imprese operative nell’ambito dei comparti della Blue Economy. 
Dal punto di vista tecnico e delle procedure da seguire –si avvierà un vero e proprio Tavolo Istituzionale per la Costa Trapanese, apripista alla definizione di una strategia più vasta di rilancio della Sicilia Occidentale. 
Il Flag Trapanese coinvolge i comuni di Mazara del Vallo, Petrosino, Marsala, Paceco, Valderice, Custonaci, Trapani, Erice, San Vito Lo Capo e numerosi soci privati del settore della pesca). 
Il Flag Isole di Sicilia coinvolge i Comuni di Favignana, Pantelleria, Ustica, Lipari, Malfa, Leni, S.M. Salina. Il Flag Golfi di Castellammare e Carini coinvolge i Comuni di Castellammare del Golfo, Alcamo, Balestrate, Trappeto, Capaci, Carini, Cinisi, Terrasini, Isola della Femmine.

Ospedale di Lipari: Eppur si nasce. Benvenuto Antonino

Ancora un parto all'ospedale di Lipari, nonostante il "punto nascita" chiuso ormai da tempo.
A venire alla luce, nella notte appena trascorsa, Antonino Saltalamacchia, figlio di Gaetano e Rossella Caruso. 
Il bimbo, che non ha voluto attendere l'arrivo dell'elisoccorso per il trasferimento in altro ospedale, e la mamma stanno bene.
Non è la prima volta che a Lipari, con il punto nascita chiuso, si partorisce in emergenza.
Una decina le nascite negli ultimi anni. 

29 maggio 2019: Le Eolie sulla Gazzetta del sud con un articolo del nostro direttore

Ricordando... Giuseppina Mandile


Ricordiamo che le foto vengono pubblicate in modo casuale e a titolo gratuito dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta non sono a titolo gratuito

Supporta la ricerca. In distribuzione a Lipari la gardenia di Aism

Sino alle ore 13,00 di oggi, presso la Piazzetta delle Lettere (la Palma) sul Corso Vittorio Emanuele di Lipari, si svolgerà l’iniziativa “Bentornata Gardensia” di Aism – Associazione Italiana Sclerosi Multipla a sostegno della ricerca per una malattia le cui cause sono ancora sconosciute e per cui non esiste una cura risolutiva.
La gardenia, fiore simbolo di AISM, verrà distribuita a fronte di una donazione minima di 15€, iniziativa sul nostro territorio promossa dalla sezione Aism di Milazzo con la collaborazione di volontari locali.
I fondi raccolti serviranno a sostenere la ricerca scientifica sulla sclerosi multipla e garantire i servizi per le persone con SM.

Buon Compleanno a Grazia Sciacchitano, Marzia Lorizio, Margherita Villani, Mirella Beraha, Maurizio Biviano, Giuseppe Aricò, Davide Giannitto, Antonio Giuffrè, Erina Iacono, Davide Casamento, Roberto Piemonte, Francesco Ingenito, Lucia Puglisi, Massimo Biviano

La Chiesa festeggia oggi San Paolo VI

 San Paolo VI




Giovanni Battista Montini nacque a Concesio, presso Brescia, il 26 settembre 1897. da famiglia agiata. Suo padre era avvocato, redattore politico e deputato parlamentare; la madre, verso la quale il figlio nutriva molto affetto, aveva un profondo senso religioso. Timido e di salute delicata, ma amante dei libri, seguì gli studi presso il seminario diocesano; fu ordinato sacerdote il 29 maggio 1920 e prosegui gli studi universitari a Roma.

Dal 1922 ebbe incarichi nella segreteria di stato del Vaticano e per un breve periodo (maggio-novembre 1923) nella nunziatura di Varsavia, che fu poi costretto a lasciare per motivi di salute. Svolse un servizio intenso e costante presso la segreteria di stato dedicando le ore di libertà, dal 1924 al 1933, al movimento cattolico studentesco; dal 1931 insegnò storia diplomatica nell'accademia pontificia per coloro che erano avviati a tale carriera. L'8 luglio 1931 fu nominato prelato domestico di sua santità e il 13 dicembre 1937 sostituto alla segreteria di stato allora sotto la direzione del cardinale Eugenio Pacelli.

Quando questi salì al trono pontificio nel 1939, G.B. Montini continuò a lavorare in stretto contatto con lui e nel 1944 ricevette la direzione degli affari interni della chiesa. Divenuto prosegretario di stato nel novembre del 1952, il 1 novembre 1954 fu nominato arcivescovo di Milano, una diocesi molto vasta dove si agitavano innumerevoli problemi sociali. Questa nomina è stata interpretata come segno di non apprezzamento da parte del papa nei suoi confronti.

Considerandosi l'«arcivescovo dei lavoratori», sempre però accompagnato dalle sue ormai leggendarie novanta casse di libri, egli si gettò con instancabile energia nel nuovo campo di lavoro: desiderava far rifiorire la diocesi devastata dalla guerra e riconquistare le masse operaie che si erano allontanate dalla chiesa. Nel novembre del 1957 svolse per tre settimane un'intensa opera missionaria che mirava a raggiungere ciascuna parrocchia della città, ma il suo zelo nel settore missionario — e in quello diocesano — non ebbe il successo desiderato. Trovò anche il tempo di tentare nuove vie nel campo dell'unità cristiana, aprendo, per citare un esempio, un dialogo con un gruppo di anglicani nel 1956.

Il 5 dicembre 1958 Giovanni XXIII, nel suo primo concistoro, lo nominò cardinale: una nomina ovvia, e tuttavia sempre evitata da Pio XII nonostante ripetuti appelli da parte dei milanesi. Come confidente del papa ebbe una parte notevole nei preparativi per il concilio Vaticano II (19621965); il suo atteggiamento verso la prima sessione (11 ottobre - 8 dicembre 1962), nella quale parlò solo due volte, fu riservato, quasi critico.

Durante quegli anni viaggiò molto, visitando l'Ungheria (1938), gli Stati Uniti d'America (1951 e 1960), Dublino (1961) e l'Africa (1962). Nel conclave del giugno 1963, al quale parteciparono ottanta cardinali fino a quel momento il più grande conclave della storia, nel quinto scrutinio venne eletto successore di Giovanni. Scelse un nome che suggeriva una grande apertura apostolica.

Paolo, che aveva vissuto in profonda intimità di intenti con il suo predecessore, assicurò immediatamente (22 giugno) che avrebbe continuato il concilio Vaticano II, interrotto dalla morte di Giovanni XXIII; intendeva anche rivedere il diritto canonico, promuovere la giustizia nella vita civile, sociale e internazionale e lavorare inoltre per la pace e per l'unità dei cristiani tema che gli sarebbe divenuto sempre più caro.

Aprì la seconda sessione del concilio il 29 settembre 1963 introducendo importanti riforme procedurali tra l'altro l'ammissione di laici come uditori, la nomina di quattro moderatori e una più discreta formulazione delle norme di segretezza e la chiuse il 4 dicembre 1963 promulgando la Costituzione sulla sacra liturgia e il Decreto sui mezzi di comunicazione sociale.

Fra il 4 e il 6 gennaio 1964 fece un pellegrinaggio aereo senza precedenti in Terra Santa, incontrando a Gerusalemme il patriarca ecumenico Atenagora I. Dopo aver annunciato (6 settembre) che le donne, religiose o laiche, potevano partecipare al concilio come uditrici, aprì la terza sessione il 14 settembre 1964; la chiuse il 21 novembre promulgando la Costituzione sulla Chiesa (con l'aggiunta di una nota che spiegava la collegialità dei vescovi, cioè la dottrina secondo cui i vescovi formano un collegio che, agendo di comune accordo e non indipendentemente dal suo capo, il papa, ha la suprema autorità nella chiesa); promulgò pure il Decreto sull'Ecumenismo (di cui modificò di propria autorità alcuni passi) e il Decreto sulle chiese orientali cattoliche; inoltre proclamò la B.V. Maria «madre della chiesa», nonostante i padri non fossero tutti d'accordo. Durante l'intervallo tra le sessioni conciliari si recò in volo (25 dicembre 1964) a Bombay per il congresso eucaristico internazionale.

Nella quarta e ultima sessione del concilio (14 settembre8 dicembre 1965), durante la quale si recò in volo a New York (4 ottobre) a perorare per la pace davanti alle Nazioni Unite, Paolo si impegnò a costituire un sinodo permanente di vescovi con poteri tanto deliberativi quanto consultivi.

Prima della messa del 7 dicembre fu letta pubblicamente una dichiarazione comune del papa e del patriarca Atenagora I, che deplorava i reciproci anatemi pronunciati dai rappresentanti delle chiese d'Occidente e d'Oriente a Costantinopoli nel 1054 e lo scisma che ne era derivato; il giorno dopo, Paolo confermò solennemente tutti i decreti del concilio e proclamò un giubileo straordinario (1 gennaio29 maggio 1966) da dedicare alla riflessione e al rinnovamento nella luce delle dottrine conciliari.

Subito dopo, cominciò a mettere in opera le deliberazioni del concilio con grande coraggio e anche con un'acuta consapevolezza degli ostacoli che potevano frapporsi alla loro attuazione; torna a suo favore il fatto che riuscì a guidare la chiesa attraverso un periodo di cambiamenti rivoluzionari evitando uno scisma.

Istituì diverse commissioni post-conciliari (per esempio commissioni per la revisione del breviario, del lezionario, dell'ordo missae, della musica sacra e del diritto canonico) e approvò la sostituzione del latino con la lingua volgare con intrepida determinazione. Riorganizzò la curia e le finanze del Vaticano sia nell'amministrazione che negli investimenti e confermò i segretariati permanenti per la promozione dell'unità dei cristiani, per le religioni non-cristiane e per i non-credenti.

Mirando all'ecumenismo ebbe incontri con l'arcivescovo di Canterbury (Michael Ramsey) a Roma (24 marzo 1966) e con il patriarca ecumenico Atenagora I a Istanbul (25 luglio 1967) e a Roma (26 ottobre 1967). Nel maggio del 1974 raggiunse in aereo Fàtima in Portogallo per visitare il santuario della B.V. Maria su invito personale Suo, come affermò e pregare per la pace.

Fra le sue encicliche sono da ricordare la Mysterium fidei (3 settembre 1965), che preparava il terreno alla riforma liturgica e riconfermava la tradizionale dottrina eucaristica; la Populorum progressio (26 marzo 1967), chiara difesa della giustizia sociale; la Sacerdotalis eoelibatus (24 giugno 1967), che insisteva sulla necessità del celibato ecclesiastico; l' Humanae vitae (25 luglio 1968), che condannava i metodi artificiali di controllo delle nascite, e la Matrimonia mixta (31 marzo 1970). Mentre quest'ultima permetteva modeste deroghe alle regole per i matrimoni misti, che però non soddisfecero molto i cristiani non romani, 1' Humanae vitae non trovò l'accoglienza sperata; vi contribuì anche il fatto che la maggioranza della commissione pontificia, nominata nel 1963 per esaminare la questione, si era pronunciata in favore della contraccezione, in determinate circostanze.

Il 6 agosto 1968 la conferenza di Lambeth dei vescovi anglicani respinse l'enciclica; Paolo VI rimase decisamente convinto della giustezza della propria decisione, ma la critica reazione internazionale lo scosse profondamente. Dopo il 1968 alcuni avvertirono un'ombra sempre più cupa sul suo pontificato. Paolo VI parve ritirarsi in se stesso, preoccupato da fenomeni come il terrorismo internazionale e da tensioni all'interno della chiesa per esempio la crescente richiesta del matrimonio per i chierici, la provocante resistenza del vescovo Marcel Lefebvre e di altri alle riforme liturgiche, le lotte fra tradizionalisti e progressisti e anche i segni della comparsa di un nuovo tipo di modernismo.

Nel 1974 si parlò di una sua possibile rinuncia al papato; ma, pur essendo reale, il suo malessere interiore può essere stato sopravvalutato. In questi stessi anni si assistette ad alcuni dei più sensazionali viaggi internazionali del «papa pellegrino».

Nel giugno del 1969 Paolo andò a Ginevra per pronunziare un discorso all'Organizzazione internazionale del lavoro e al Consiglio mondiale delle chiese; in luglio visitò l'Uganda per onorare i martiri di quel paese; nell'aprile del 1970 si recò in Sardegna per onorare Nostra Signora di Bonaria, e fra il novembre e il dicembre del 1970 fu nell'estremo Oriente, dove, a Manila, sfuggì a un attentato.

Il 25 ottobre 1970 canonizzò, nonostante che all'inizio gli anglicani mossero proteste, quaranta martiri cattolici inglesi e gallesi del XVI e XVII secolo; inoltre proclamò dottori della chiesa Santa Teresa d'Avila (15151582) e Santa Caterina da Siena (13471380), le prime donne che ricevettero questo titolo.

Nel medesimo anno fissò l'età per le dimissioni dei preti e dei vescovi (settantacinque anni) e dichiarò che i cardinali ultraottantenni non potevano essere più ammessi al governo della curia.

Per promuovere la collegialità da lui sostenuta purché non violasse il primato del papa convocò sinodi episcopali internazionali nel 1971 (sul sacerdozio), nel 1974 (sull'evangelizzazione) e nel 1977 (sulla catechesi). Nell'aprile del 1972 Paolo VI e l'arcivescovo di Canterbury (Donald Coggan) emisero una dichiarazione comune che prometteva un lavoro concorde per la riunione delle chiese, ma non faceva menzione dell'intercomunione richiesta dall'arcivescovo.

Forse l'eredità più importante che Paolo VI lasciò alla chiesa, e che portò a compimento in questa fase conclusiva del suo pontificato, fu il costante ampliamento e l'internazionalizzazione del sacro collegio. Questo, al momento della sua elezione, contava circa ottanta membri, ma nel 1976 il numero era salito a centotrentotto; inoltre i membri italiani erano divenuti una piccola minoranza e vi erano molti rappresentanti del terzo mondo. Pur non riuscendo gradito a tutti, Paolo aveva un carisma per i gesti significativi; tuttavia non si può determinare con sicurezza l'orientamento complessivo dei suoi interventi: Giovanni XXIII lo aveva definito «un po' come Amleto». Infatti vi fu in lui contrasto fra la visione progressista e la diffidenza verso ogni innovazione che potesse minare l'integrità e l'autorità della dottrina della chiesa.

Esaltò costantemente il mistero della fede e il distacco dal mondo terreno che essa implicava; ebbe anche timore di tutto ciò che potesse orientare il pensiero umano verso il naturalismo scientifico.

Una sua notevole iniziativa fu la riduzione della pompa e delle cerimonie papali; per soccorrere i poveri vendette anche la tiara che gli era stata donata al momento dell'elezione.

Nel suo ultimo anno di vita fu profondamente turbato dal rapimento e dall'assassinio (9 maggio 1978) dello statista democristiano Aldo Moro, suo grande e fedele amico; l'ultima volta che comparve in pubblico fu per presiedere al suo funerale in San Giovanni in Laterano. Ammalatosi poi di artrite e colpito da un attacco cardiaco mentre si celebrava la messa presso il suo capezzale, morì a castel Gandolfo il 6 agosto, festa della Trasfigurazione.

Venerabile dal 20 dicembre 2012, dopo che papa Benedetto XVI ne aveva riconosciuto le virtù eroiche, è stato beatificato il 19 ottobre 2014 e proclamato santo il 14 ottobre 2018 da papa Francesco

Canone Unico Patrimoniale in Commissione: Riduzione del canone dal 2022

Ieri – come comunica con una nota il presidente Giuseppe Grasso- si è tenuta la Commissione Consiliare n.2 con all’ODG: Canone Unico Patrimoniale. 
"La commissione -scrive Grasso -  riconvocata a seguito delle richiesta pervenuta dalle associazioni nella precedente riunione, di venerdì scorso, si è tenuta in seconda convocazione alle ore 10,30, alla presenza, oltre dello scrivente, dei Consiglieri Comunali Finocchiaro, Muscarà e Fonti. Nel corso della riunione si sono ascoltate le istanze delle associazioni presenti e si è data risposta ad alcuni quesiti, con la collaborazione dei funzionari Sulfaro e Furnari.

E’ stata poi avanzata richiesta di sentire l’amministrazione sul tema ed a tal proposito è stato invitato il Sindaco, che ha risposto a quesiti riguardanti per lo più la possibilità di emendare la proposta in alcune parti e soprattutto sulle modalità di riduzione del canone, già preannunciate nella scorsa seduta di commissione, dando atto che dall’esercizio 2022 si potrà dare seguito alla predetta riduzione. Successivamente è stato evidenziato dai componenti della commissione, come grazie al canone patrimoniale unico, si apriranno le porte alle future amministrazioni, per programmare ulteriori riduzioni anche negli anni avvenire, attraverso le potenziali entrate derivanti dalla riscossione degli altri tributi presenti nel nuovo strumento.

La commissione si scioglie dando disponibilità affinché, a prescindere dall’approvazione di questo regolamento, le associazioni potranno continuare a predisporre istanze, accorgimenti e suggerimenti relativi al canone, in modo da raccogliere materiale per una futura revisione dello stesso, prendendo spunto da quelle che potranno essere le criticità che potrebbe mostrare uno strumento nuovo”.

Stromboli: E' deceduta la signora Anna Saccavino in Zaia

A Stromboli è deceduta la signora Anna Saccavino in Zaia, suocera del sindaco di Lipari, Marco Giorgianni.  

Alla famiglia le condoglianze della famiglia Sarpi e di Eolienews 

Oggi è il 29 maggio. Buongiorno con questa cartolina da Panarea


venerdì 28 maggio 2021

Covid in Sicilia: Contagi in lieve crescita e 9 morti

Sono 418 i nuovi contagi da Coronavirus in Sicilia, secondo la tabella del bollettino di oggi, 28 maggio. Registrati inoltre altri 9 morti, che portano il totale dei decessi nell'isola da inizio pandemia a 5.807. I dimessi/guariti nella regione attualmente sono 208.396 (+1.134) e gli attuali positivi 10.615 (-725). Sono complessivamente 19.386 i tamponi processati.

Lipari e Vulcano. Quelle Stazioni marittime|"fantasma". L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 28 maggio 2021



 

Nei palazzi della politica locale (133° puntata) : Maria Famularo, Pino Longo, Maria Teresa Alfino, Giovanni Famularo

Dalla Regione oltre due milioni ai Comuni “premiati” a livello nazionale. Tra questi Lipari

Due milioni e trecentomila euro a 41 Comuni siciliani per attivare o potenziare interventi o servizi di accoglienza e promozione territoriale e turistica. Lo prevede un decreto congiunto firmato dagli assessori regionali alle Autonomie locali Marco Zambuto e all’Economia Gaetano Armao, che ha ripartito le somme tra gli enti che hanno ottenuto, negli anni scorsi, il riconoscimento di “Bandiera blu”, “Bandiera verde”, “Borgo dei borghi” o “Borgo più bello d'Italia”.

«Il governo Musumeci – sottolineano gli assessori Zambuto e Armao – continua a essere a fianco dei Comuni siciliani. Abbiamo voluto premiare tutti quegli enti locali che sono stati insigniti di prestigiosi riconoscimenti a livello nazionale per le attività di promozione e attrazione turistica, ma anche per la gestione sostenibile del territorio, la salvaguardia dell’immenso patrimonio artistico e naturalistico dell’Isola».

Ecco a chi vanno le risorse.

“Borgo più bello d’Italia”: un milione di euro per 21 Comuni.
Sambuca di Sicilia (provincia di Agrigento), Sutera (Caltanissetta), Militello e Castiglione di Sicilia (Catania), Troina e Sperlinga (Enna), Castelmola, Castroreale, Montalbano Elicona, Novara di Sicilia, San Marco d’Alunzio e Savoca (Messina), Gangi, Geraci Siculo e Petralia Soprana (Palermo), Monterosso Almo (Ragusa), Ferla e Palazzolo Acreide (Siracusa), Erice e Salemi (Trapani).

“Borgo dei borghi”: trecentomila euro per 4 Comuni.
Sambuca di Sicilia (Agrigento), Montalbano Elicona (Messina), Gangi e Petralia Soprana (Palermo).

“Bandiera blu”: settecentomila euro per 8 Comuni.
Menfi (Agrigento), Alì Terme, Lipari, Santa Teresa di Riva e Tusa (Messina), Ragusa, Ispica e Pozzallo (Ragusa).

“Bandiera verde”: trecentomila euro per 12 Comuni.
Catania, Giardini Naxos (Messina), Palermo, Balestrate e Cefalù (Palermo), Modica, Santa Croce Camerina e Vittoria (Ragusa), Noto (Siracusa), Campobello di Mazara, Marsala e San Vito Lo Capo (Trapani).

Master di II Livello per la Dottoressa Luana Svezia


La Dott.ssa Luana Svezia ha conseguito, il 27 maggio 2021 presso la Scuola “Enrico Redenti” dell’Alma Mater Studiorum di Bologna, il Diploma di Specialista per le Professioni Legali.
Alla dottoressa Svezia le nostre congratulazioni e l'augurio per un brillante futuro
Felicitazioni per i genitori e i parenti tutti

Bentornata Gardensia (di Tiziana De Luca)

Sabato 29 Maggio dalle ore 09,30 alle ore 13,00 presso la Piazzetta delle Lettere (la Palma) sul Corso Vittorio Emanuele di Lipari si svolgerà l’iniziativa “Bentornata Gardensia” di Aism – Associazione Italiana Sclerosi Multipla a sostegno della ricerca per una malattia le cui cause sono ancora sconosciute e per cui non esiste una cura risolutiva.

In occasione della Settimana Mondiale dedicata alla malattia, ritorna in piazza la gardenia, fiore simbolo di AISM, a rappresentare la volontà di non arrendersi mai e di condividere l’impegno per fermare la sclerosi multipla, che verrà distribuita a fronte di una donazione  minima di 15€, iniziativa sul nostro territorio promossa dalla sezione Aism di Milazzo con la collaborazione di volontari locali.

I fondi raccolti serviranno a sostenere la ricerca scientifica sulla sclerosi multipla e garantire i servizi per le persone con SM.

Cultura, presentate alla Regione le Giornate Fai Primavera, Musumeci: «E adesso riapriamo il Parco Orléans»

I giardini di Palazzo Orléans riapriranno nei prossimi giorni. Lo ha annunciato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, durante la conferenza stampa di presentazione delle giornate Fai di Primavera in Sicilia che si è tenuta questa mattina nella sede della Presidenza della Regione.

«Abbiamo dovuto faticare tre lunghi anni: il tempo necessario per chiudere un complesso contenzioso con il privato, proprietario di buona parte del patrimonio faunistico dei giardini, e per avviare le procedure autorizzative con la prefettura e con il ministero dell’Ambiente. Adesso gli animali del parco sono tutti passati al patrimonio della Regione e le autorizzazioni essenziali sono state già acquisite. Rimane aperta la interlocuzione con il ministero per definire gli ultimi dettagli, ma abbiamo già anticipato che nel frattempo restituiamo questo angolo meraviglioso alla pubblica fruizione dei palermitani e di tutti i visitatori» ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

L’apertura dei giardini, zoologico e botanico, è prevista dopo le giornate Fai di Primavera in Sicilia, dove apriranno al pubblico, sabato 5 e domenica 6 giugno, aree archeologiche, musei, orti botanici, itinerari naturalistici e borghi storici: 42 luoghi in tutta la Sicilia, poco conosciuti o inaccessibili. Alla conferenza di stamane hanno partecipato il presidente del Fai regionale, Giuseppe Taibi, gli assessori regionali, rispettivamente, ai Beni culturali e all'Economia, Alberto Samonà e Gaetano Armao, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il comandante della Legione Carabinieri Sicilia, il generale Rosario Castello, e Marco Magnifico, vicepresidente esecutivo del Fai. Hanno seguito la presentazione, in videoconferenza, anche le delegazioni Fai di tutta la Sicilia.

«Il Fai nasce a Panarea, quindi in Sicilia, e mi ha sempre impressionato la generosità con cui questa Regione ci ha sempre ripagato. Il Fai opera secondo l'articolo 118 della Costituzione, ossia valorizza il lavoro dei cittadini singoli o associati per contribuire al ruolo sociale dell'ente pubblico» ha dichiarato Marco Magnifico, vicepresidente esecutivo del Fai.

La manifestazione del Fondo per l’Ambiente Italiano è realizzata con il patrocinio del ministero della Cultura e della Regione Siciliana e con il supporto della Protezione Civile, della Croce Rossa Italiana e dell'Arma dei Carabinieri che in Sicilia aprirà 7 caserme storiche.

«Grande collaborazione con il Fai, grazie al quale apriamo le nostre caserme che costituiscono non solo un patrimonio artistico ma anche delle vere e proprie "case" dei cittadini. L’Arma dei Carabinieri punta alla valorizzazione e alla tutela dei beni culturali» ha dichiarato il comandante della Legione Carabinieri Sicilia, il generale di brigata Rosario Castello.

«Apriremo luoghi in tutta la Sicilia grazie al contributo di tantissimi volontari: un entusiasmo che dimostra voglia di Italia e fiducia nel Paese» ha commentato Giuseppe Taibi, presidente del Fai Sicilia.

L'edizione di quest'anno è stata, inoltre, insignita della Targa del presidente della Repubblica e ancora una volta consentirà ai siciliani di scoprire luoghi più o meno conosciuti del patrimonio culturale dell’Isola grazie al lavoro dei volontari delle delegazioni e dei gruppi Fai.

«Dobbiamo cominciare a pensare che la cultura è bene economico e vaccino interiore contro ogni bruttura della vita» ha dichiarato l’assessore regionale ai Beni culturali, Alberto Samonà.

«Quella del Fai è un’operazione di trasformazione, perché ha contribuito a fare percepire i beni pubblici e i beni privati come comuni» ha sottolineato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

Il Fai ricorda che i posti disponibili sono limitati ed è consigliata la prenotazione online all’indirizzo https://fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/sicilia/

Le Eolie nelle stampe d' epoca (Puntata CCLXVII): Stromboli da nord - ovest


 

Accadde alle Eolie: 28 maggio 1959 - Corpus Domini - Prima Comunione a Canneto

Ricordando... Giuseppina Di Stefano


Ricordiamo che le foto vengono pubblicate in modo casuale e a titolo gratuito dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta non sono a titolo gratuito

Buon Compleanno a Giuseppa Foti, Christian Sidoti, Giacomo Giampino, Daniele Fonti, Gaetano Di Mech, Antonio Cosenza, Stella Pasquale, Vincenzo Basile, Angelo Ziino, Valentina Squadrito, Marco Manni, Giulia Mollica,Julia Fabbro, Anthony Cappadona

La Chiesa festeggia oggi San Germano di Parigi





Santo del giorno: San Germano di Parigi -

Visse al tempo dei Merovingi. Ebbe come amico e biografo l'ultimo grande poeta di lingua latina, Venanzio Fortunato. Svolse un ruolo decisivo nel consolidamento della Chiesa e della monarchia in Francia.
Germano nacque ad Autun, in Borgogna, verso la fine del V secolo da famiglia agiata che gli garantì una buona formazione culturale e religiosa.
Ordinato diacono e sacerdote, nel 540 venne scelto dal vescovo Nettarlo come abate del monastero di San Sinforiano. Due i tratti caratteristici del suo governo monastico: una forte pratica ascetica nella vita quotidiana; e l'attenzione per i poveri, cui destinava parte dei beni del monastero, suscitando la protesta di alcuni monaci per l'eccessivo rigore.
Nel 555 venne nominato vescovo di Parigi dal re Chilperico. Tre anni dopo consacra la Chiesa costruita dal sovrano alle porte della città dedicandola al martire spagnolo san Vincenzo. Accanto alla Chiesa fonda un grande monastero facendovi venire dei monaci da San Sinforiano. Il sostegno del re gli consente di dare impulso alle opere di carità e di promuovere nuove fondazioni di chiese e monasteri. Venanzio parla di una nobile gara di generosità tra il re e il vescovo.
Nulla può, invece, nella sanguinosa falda che oppone i figli dopo la morte del re. il suo appello alla pace resta inascoltato. Muore in tarda età nel 576 ed è subito venerato come santo. Due secoli dopo, nel 756, Pipino il Breve fa solennemente traslare il suo corpo sotto l'altare maggiore della chiesa di San Vincenzo che da quel momento diventa Saint-Germain des-Prés, appena al di fuori della cinta muraria parigina. Sempre alle prese con i re, san Germano è ricordato soprattutto per il suo amore per i poveri.

Oggi è il 28 maggio. Buongiorno con questa cartolina da Filicudi.

giovedì 27 maggio 2021

Covid: 7 positivi nel Comune di Lipari

Sono sette i positivi al Covid nel Comune di Lipari.Lo ha comunicato in diretta fb il sindaco Marco Giorgianni. Sei di questi cittadini sono a Vulcano, uno a Lipari

Accadde alle Eolie: 27 maggio 1928 - Sta per sbarcare a Lipari Monsignor Bernardino Re

 

E' deceduta la signora Maria Vitagliana

Le onoranze funebri sono a cura della ditta
ALFA E OMEGA di Lipari

                                                 Alla famiglia le nostre condoglianze

Covid oggi Sicilia, 383 contagi e 20 morti


Sono 383 i nuovi contagi da coronavirus in Sicilia secondo il bollettino di oggi, 27 maggio. Registrati inoltre altri 20 morti. 738 i pazienti dimessi o guariti. Nell'isola attualmente ci sono 11.340 positivi, 375 in meno rispetto a ieri.


 

Nei palazzi della politica locale (132° puntata) : Marco Giorgianni, Gaetano Orto, Davide Merenda

De Luca (M5S): «La Regione trascura il patrimonio delle Eolie e abbandona le Cave di pomice»

Il deputato regionale del Movimento Cinque Stelle incalza il presidente della regione Musumeci e l’assessore per il Territorio e per l’Ambiente Cordaro, chiedendo interventi urgenti per salvaguardare il territorio eoliano ed il suo importante patrimonio storico culturale

 Quali sono i progetti del Governo regionale per lo sviluppo eco-sostenibile dell’isola di Lipari, sia per quel che riguarda la messa in sicurezza delle cave di pomice sia per la tutela e conservazione del patrimonio storico culturale delle Eolie? E’ quanto si chiede in sintesi il deputato regionale del Movimento Cinque Stelle Antonio De Luca, insieme ai colleghi del gruppo pentastellato all’Ars, in un'interrogazione indirizzata al presidente della regione Siciliana Nello Musumeci e all’assessore per il Territorio e per l’Ambiente Toto Cordaro .

«L’ultimo ventennio - si legge testualmente nell’atto depositato all’Ars -   il territorio dell’isola di Lipari ha subito un significativo processo di degrado ambientale, proprio nell’area delle Cave di Pomice, in cui v’erano gli insediamenti della società PUMEX s.p.a., (oggi oggetto di procedura fallimentare). Il perenne stato di abbandono del sito industriale, rappresenta per la comunità eoliana una fonte di pericolo e di rischio ambientale».

Il Portavoce pentastellato denuncia nel suo documento che «il territorio in località Porticello, ex stabilimenti Pumex, in occasione delle sempre più frequenti piogge torrenziali, è interessato da fenomeni di allagamenti, smottamenti e frane di terreni collinari, con grave pregiudizio per la viabilità e per la sicurezza di persone e cose»·

«Gli agenti atmosferici, quali vento, sole, pioggia - si legge ancora nell’interrogazione -  hanno amplificato l’azione erosiva della collina, con rischio di crollo delle Cave sulle vie pubbliche aggravando le situazioni di pericolo sopra enunciate con grave nocumento per l’incolumità pubblica».

Il deputato regionale De Luca ed i colleghi del gruppo parlamentare invocano dunque un «tempestivo intervento di urgenza e di messa in sicurezza».

Il patrimonio storico culturale delle Eolie rappresenta un fiore all’occhiello per la Sicilia nel mondo - conclude il deputato regionale De Luca - sottolineando l’urgenza di metterlo in sicurezza e tutelarlo e ricordando altresì che l’isola di Lipari dal 2000 è Patrimonio dell’UNESCO e che, insieme alle altre isole dell’arcipelago delle Eolie, l’isola di Lipari è stata inserita nell’elenco dei Siti di Interesse Comunitario (SIC), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 20 Febbraio 2004 dall’Assessorato del Territorio e dell’Ambiente.

RTL 102.5 in onda questa estate tutti i giorni da Lipari con 2 programmi. L'annuncio e l'intervento del sindaco Giorgianni

Stromboli: E' cessata l'attività effusiva

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che dalle telecamere di sorveglianza e da personale INGV in campo, si conferma la fine dell'attività effusiva iniziata giorno 19 maggio. 
Contestualmente continua l'attività esplosiva che si pone su un livello basso ed è predominante dall'area craterica Nord rispetto a quella Centro-Sud. In particolare, per quanto riguarda l'attività di spattering all'area N1, nel corso della giornata e' stato osservato un graduale decremento sino all'estinzione. L'andamento dell'ampiezza media del tremore vulcanico si mantiene su valori medi comparabili con quelli del precedente comunicato. 
Frequenza e ampiezza dei transienti riconducibili ad eventi esplosivi non mostrano variazioni significative. 
Non si rilevano variazioni significative nelle serie temporali delle reti di monitoraggio delle deformazioni del suolo.

Le Eolie nelle stampe d' epoca (Puntata CCLXVI): Stromboli da est

Ricordando... Giuseppina Costa ved. Giuffrè

Ricordiamo che le foto vengono pubblicate in modo casuale e a titolo gratuito dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta non sono a titolo gratuito

Lipari, per il 30 maggio convocato in sessione urgente il consiglio comunale

Buon Compleanno a Piero Favaloro, Leo D'Albora, Giovanni Natoli, Angelo Coluccio, Alessia Martinez, Nicholas Cincotta, Mario Focardi, Massimo Favaloro, Paolo Faralla, Giuseppe Raffaele, Tindara Palamara

La Chiesa festeggia oggi Sant'Agostino di Canterbury

Volgeva l'anno 596 quando i Sassoni, gli Angli e gli Juti, popoli germanici pagani, cacciati i Bretoni occuparono l'odierna Inghilterra. Angli sunt? Angeli fiant!, disse San Gregorio Magno. Non potendo andarvi lui stesso salito al Pontificato, scelse un gagliardo manipolo di suoi monaci benedettini e li inviò alla conquista dei conquistatori. Capo di questo eroico manipolo era Agostino, priore del monastero di SantAndrea. Giunti in Francia, atterriti dalle relazioni loro fatte, si arrestarono spaventati.

Il Papa, anima grande, li rincorò e quei missionari rianimati, con alcuni francesi per interpreti, approdavano nel 597 all'isola di Thanet in numero di quaranta.

Agostino notificò la sua venuta ad Etelberto, re di Kent, il più potente re dell'eptarchia. Questi andò a visitarli in quell'isola e dopo familiari conversazioni: « I vostri discorsi, disse, sono assai belli, lusimsbiere e magnifiche le promesse, ma sembrano un po' incerte. Però non sarà permesso che siate molestati; predicate pure liberamente ai miei popoli ». Li condusse nella capitale Canterbury dove li provvide di tutto quanto abbisognavano.

Quegli ardenti figli di San Benedetto si erano preparati alla missione con veglie, austerità, digiuni e ferventi preghiere ed ora erano pronti a suggellare col sangue la loro fede. Alla loro infuocata parola, fecondata dallo Spirito Santo, le genti accorrevano in folla, abbandonavano le loro superstizioni e venivano battezzate. La conversione del re (che poi si fece santo) fu seguita da quella di un'innumerevole moltitudine di sudditi. Nel Natale del 597 diecimila furono i rigenerati alla grazia nelle acque battesimali del Tamigi.

Poco appresso Agostino, invitato dal Papa, passò in Francia per essere consacrato vescovo ad Arles. Nel 601, il Papa gli mandò il pallio e lo costituì metropolita d'Inghilterra.

Agostino scriveva spessissimo a Roma per informare il Papa e consigliarsi in ogni contingenza.

Favorito del dono dei miracoli, attirava le moltitudini alla croce, e la fede progrediva mirabilmente di giorno in giorno. Alla sua prima visita pastorale, fu accolto ovunque con entusiasmo.

Volle pure arrivare ai Bretoni, i quali cacciati dagli invasori, come dicemmo, si erano ritirati sulle montagne del Galles. Essi erano cristiani, però avevano degenerato. Agostino, giunto alla loro frontiera, chiamò a concilio i loro vescovi e sacerdoti: costoro con varie pretese vollero che si convocasse un Sinodo generale: Agostino acconsentì, ma essi si ostinarono nei loro errori, onde Agostino, piangendo, predisse il loro sterminio. Finalmente, estenuato dalle fatiche apostoliche, volava al cielo il 28 maggio del 607.

PRATICA. Tre quarti degli uomini sono ancora nelle tenebre dell'idolatria e della superstizione. Preghiamo e aiutiamo le opere missionarie.

PREGHIERA. O Signore, che con la predicazione e i miracoli del tuo beato confessore e vescovo Agostino, ti sei degnato illuminare della luce della vera fede la Nazione inglese, concedi, te ne preghiamo per la sua intercessione, che i cuori degli erranti ritornino all'unità della vera fede, e noi restiamo fedeli alla tua santa volontà.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Canterbury, in Inghiltérra, sant'Agostino Vescovo e Confessore, il quale, mandato là insieme con altri dal beato Gregório Papa, predicò agli Inglesi il santo Vangelo di Cristo, ed ivi, glorioso per virtù e per miracoli, si riposò nel Signore. La sua festa si celebra il ventotto di questo mese.

Oggi è il 27 maggio. Buongiorno con questa cartolina da Lipari


mercoledì 26 maggio 2021

Presidente Grasso convoca per venerdì commissione consiliare per "Canone patrimoniale unico ( suolo pubblico)"

Gentile direttore, 
si chiede di poter utilizzare il suo giornale online per poter dare notizia della convocazione della commissione consiliare n.2, che si terrà questo venerdì 28/05/2021, alle ore 09,30 presso l'aula consiliare del comune di Lipari, con all'ordine del giorno: "canone patrimoniale unico ( suolo pubblico)". 
Con la presente si invitano a partecipare i rappresentanti delle associazioni di categoria portatori di interesse, che potranno esprimere i pensieri dei loro associati. 
L'invito è fatto in maniera generalizzata per non rischiare, invitando le associazioni singolarmente, per non rischiare di tralasciare e/o far sentire esclusa nessuna associazione di vecchia o nuova costituzione. 
Cordialmente 
Giuseppe Grasso ( presidente seconda commissione consiliare)

Covid Sicilia, oggi 375 contagi e 20 morti

Sono 375 i nuovi contagi da Coronavirus in Sicilia secondo il bollettino di oggi, 26 maggio. Nella tabella si fa riferimento ad altri 20 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati 1.244 i dimessi o guariti. Degli attuali positivi i ricoverati con sintomi sono 553, mentre si trovano in terapia intensiva 86 pazienti.

Lo Stromboli si mantiene... vivo. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 26 maggio 2021

Comune di Lipari, stop ai lavori edili e/o rumorosi dal 15 giugno


La festa neroazzurra in altre due foto di Bartolo Giunta