Cerca nel blog

sabato 26 dicembre 2020

Canneto e non solo "ai piedi" di Monsignor Divola


E' proseguito, ininterrottamente per tutta la giornata, nonostante la pioggia e nel rispetto delle norme sul distanziamento, il "pellegrinaggio" dei cittadini di Canneto, così come del resto dell'isola, nel salone parrocchiale della frazione dove è stata allestita la camera ardente per Monsignor Gennaro Divola.

All'ingresso è stato posto un registro dove chiunque, lo volesse, può lasciare un suo pensiero, un ricordo, una frase.

Ricordiamo che la camera ardente resterà aperta anche domani dalle 9 alle 20.

Lunedì alle 9 e 30 i funerali in Basilica.

Come già preannunciato Eolienews trametterà in diretta la Messa esequiale sul suo gruppo fb 

Stiamo "lavorando" per diffondere la diretta anche sulla pagina di Eolienews, Canneto nel cuore e Sei di Salina se..

Covid : in Sicilia 337 nuovi casi e 27 morti

Altri 337 nuovi casi di covid in Sicilia nelle ultime 24 ore (ma con poco più di 4 mila tamponi) e 27 morti. E' quanto si legge nel bollettino del 26 dicembre del ministero della Salute.

Il nostro omaggio a Monsignor Gennaro Divola con 7 foto scattate il 16 agosto 2013 in occasione del 60° di sacerdozio







Parchi inclusivi in Sicilia: dalla Regione altre risorse ai Comuni

Quasi un Comune su due in Sicilia avrà un parco-giochi inclusivo. La Regione Siciliana si appresta a scorrere la graduatoria definitiva dei progetti ammessi, per realizzare luoghi di aggregazione e divertimento per i bambini, con uno sguardo speciale a chi vive una disabilità. Grazie a un ulteriore stanziamento di 2,6 milioni di euro deciso dall'assessore delle Politiche sociali, Antonio Scavone, sarà possibile finanziare quasi tutte le domande ritenute idonee.

“È un risultato importante – afferma il presidente della Regione Nello Musumeci - che raggiungiamo grazie all’utilizzo razionale e oculato delle nostre disponibilità finanziarie. L’obiettivo è creare, in maniera capillare sul territorio, condizioni di crescita, divertimento e inclusione per i più piccoli”.

“Con queste ulteriori somme – spiega l’assessore Scavone - riusciamo a finanziare tutti i progetti che arrivano al punteggio di 61, consentendo complessivamente a 163 Comuni dell’Isola di dotarsi di un parco giochi inclusivo”.

Con la prima graduatoria, approvata a novembre scorso con una dotazione finanziaria di 3,8 milioni di euro del Fondo nazionale politiche sociali, erano state 95 le istanze ammesse a contributo in altrettanti Comuni siciliani.

“Oggi – prosegue l’esponente del governo Musumeci - ne finanziamo altri 68. Sono strutture dove tutti i bambini e le bambine trovano, ognuno con le proprie abilità, concrete opportunità di gioco e di relazione e dove gli adulti possono prendersi cura di loro, dove non ci sono aree dedicate esclusivamente a bambini con disabilità, ma giochi per tutti, in quanto nessuno di essi può essere identificato come specifico per disabili. Penso alla loro utilità e a quanto potranno costituire elemento di socializzazione per tutti i bambini, nei prossimi anni, proprio nel periodo natalizio”.

I 163 Comuni ad oggi finanziati, quasi la metà dell'intera Sicilia, riceveranno un contributo nel limite massimo di 50 mila euro, con i quali potranno costruire un nuovo parco gioco o adeguarne uno già esistente con lavori riguardanti i percorsi e le rampe di accesso all’area gioco, la pavimentazione, le strutture ludiche.

Riproposizione: Eoliani che non ci sono più: XLIII parte - Deceduti a marzo - aprile 2020 (durata video: 3 minuti).

In questo video: Giuseppe Virgona, Anna Biancheri ved. Amendola, Antonino Restuccia, Bartola Angela Broccio ved. Mollica, Bartolo Raffaele, Gaetano "Tano" Russo, Pietro Sturniolo, Gilberto Sciacchitano, Gino Spadaro, Giovanni Cullotta, Giuseppe "Pino" Mandarano, Giuseppina Corda, Giuseppe Restuccia, Maria La Greca ved. Coluccio, Rinaldo Natoli, Rutilio Taranto, Sarino Natoli, Silvio Peruggia, Vittorio Favaloro

Gli auguri dei Cantori popolari delle Isole Eolie

 La pandemia che da quasi un anno ha bloccato ogni nostra attività, ha messo in seria difficoltà anche la nostra associazione “Cantori Popolari delle Isole Eolie”, abituata ormai da oltre un decennio, proprio in questi periodi a vivere tra la gente, con la gente, per la gente attraverso le varie iniziative.

Una di queste il Presepe vivente che  attraverso i diversi canali informatici e web e spinti dall’invito a non mollare fattoci dal Presidente Nazionale FITP, Benito Ripoli e  da noi e dalla Giunta tutta, è stato in un breve video realizzato per augurarvi un Sereno e Santo Natale.

Abbiamo messo su un lavoro che ha come protagonisti, tutti i nostri ragazzi  che attraverso questo messaggio desiderano diffondere il contagio del bene e della speranza.

Abbiamo bisogno di ricevere e di dare gesti di gentilezza che aiutano a vivere, abbiamo bisogno di parole che ci infondano speranza e coraggio.

Cerchiamo di mantenere le relazioni anche se siamo a distanza, portando serenità ed ottimismo. Il virus sta facendo molte vittime, sta lasciando ammalati, familiari in lutto, lavoratori senza lavoro, persone cadute in depressione.

Ci sono anziani che si ritrovano più fragili,  e più soli, famiglie già in difficoltà entrate definitivamente in crisi. Ci sono disorientamento e paura, ci sono donne e bambini ancor più esposti a forme di violenza.

Tutte queste persone devono farci riscoprire il Natale nel suo significato originale. In fondo il messaggio del Natale ci dice che il volto di Gesù Bambino è il volto di una persona, di chi è attorno a noi e che forse non abbiamo mai guardato.

In questo Natale cerchiamo di scoprire il volto di Gesù nel viso di donne e uomini  sofferenti, di far sentire loro la nostra vicinanza.

Pensare a chi ha meno di noi, è un aspetto fondamentale di umanità e giustizia: mi auguro quindi a nome mio personale e del gruppo che mi onoro rappresentare, che sia questo un Natale di altruismo, di attenzione e generosità attraverso atti concreti.

Il nostro vaccino si chiama….SOLIDARIETA’

Auguri dai

 “Cantori Popolari delle Isole Eolie"

Il Presidente 

Giuseppe Bianchi

Servizio Tg3 Sicilia su Eolie dichiarate Hope Spot di Mission Blue

Angelus di Papa Francesco oggi nella festività di Santo Stefano

Anche a Leni, lunedì pomeriggio, l'ultimo saluto a Monsignor Divola


 Le onoranze funebri sono a cura della ditta Alfa e Omega di Lipari
Alla famiglia le condoglianze della famiglia Sarpi e di Eolienews

Nei "palazzi" della politica locale (22° puntata): Afredo Biancheri e Massimo D'Auria (assessori), Mariano Bruno (sindaco di Lipari)

Accadde alle Eolie. 26 dicembre 2009: Il presepe vivente dei Cantori popolari (4 foto)





 

 


Fashion Project di Roby Paino è a Lipari sul Corso Vittorio Emanuele

Buon Compleanno a Letizia Barali, Stefano Triolo, Francesco Galletta, Catena e Stefania Greco, Francesco Morelli, Nadia Cataffo, Olga Giorgio, Giuseppe Grasso, Cristina Mollica


Aperta a Canneto la camera ardente per Monsignor Divola


Dalle 9 di stamane è aperta a Canneto la camera ardente per Monsignor Gennaro Divola.

Resterà aperta oggi e domani dalle 9 alle 20 nella Sala Parrocchiale.

La Messa Esequiale sarà celebrata e presieduta dall'Arcivescovo, lunedì alle 9 e 30.

Oggi è il 26 Dicembre. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno




IL SANTO DEL GIORNO E' SANTO STEFANO
Stefano fu il primo a dare la vita e il sangue per Gesù Cristo. Ebreo di nascita, e convertito alla fede dalla predicazione di S. Pietro, mostrò subito un meraviglioso zelo per la gloria di Dio e una grande sapienza nel confutare i Giudei, che increduli disprezzavano il Nazareno. 
 Fu eletto dagli Apostoli primo dei sette diaconi per provvedere ai bisogni dei primi fedeli, specialmente delle vedove e degli orfani di cui la Chiesa ebbe sempre cura particolare. 
 E S. Stefano pieno di grazia e di fortezza, animato dallo Spirito Santo predicava con forza e confermava la predicazione coi miracoli. 
 Per questo si attirò l'odio dei Giudei che non potevano soffrire tanto zelo, né resistere alla sua sapienza, operatrice di numerose conversioni. 
 Essi vollero dapprima disputare con Stefano, ma vedendosi vinti dallo Spirito che parlava per bocca di lui, cercarono falsi testimoni per accusarlo di bestemmia contro Mosé e contro Dio. 
Il Signore però volle manifestare la innocenza del suo servo facendo apparire il suo volto bello come quello di un Angelo. 
 Dopo la lettura delle accuse, il sommo sacerdote Caifa gli disse di parlare per difendersi, ed egli fece la sua apologia, rappresentando loro la bontà e la misericordia del Signore verso il popolo ebreo, cominciando da Abramo fino a Davide. 
 Se da una parte mostrò i benefici che il Signore aveva concesso alla nazione dei Giudei, dall'altra ricordò pure le ingiurie fatte a Dio dai loro padri. Ma non facendo quelle parole alcuna impressione in quei cuori induriti, pieni di malizia, mutando d'un tratto tono disse: « O uomini di dura cervice e incirconcisi di cuore. voi sempre resistete allo Spirito Santo; come fecero i vostri padri, così fate anche voi». 
Essi all'udire queste cose fremettero nei loro cuori e digrignarono i denti contro di lui. Ma egli pieno di Spirito Santo, fissati gli occhi nel cielo, esclamò: « Ecco io vedo i cieli aperti e il Figlio dell'Uomo stare alla destra di Dio ». 
Quelli, alzando grandi grida, si turaron le orecchie e tutti insieme gli si avventarono addosso e trascinatolo fuori della città si diedero a lapidarlo, deponendo le loro vesti ai piedi d'un giovane chiamato Saulo. E lapidarono Stefano che pregava dicendo : « Signore Gestì, ricevi il mio spirito », e ad alta voce: « Signore, non imputare loro questo peccato ». Ciò detto s'addormentò nel Signore. PRATICA. Perdoniamo e preghiamo per chi ci offende.  
PREGHIERA. Dacci, te ne preghiamo, o Signore, di imitare colui che veneriamo, onde impariamo ad amare anche i nostri nemici, poichè celebriamo la festa di colui che seppe pregare peí persecutori nostro Signore Gesù Cristo tuo Figlio il quale vive con te per i secoli dei secoli. 
 MARTIROLOGIO ROMANO. A Gerusalémme il natale di santo Stéfano Protomartire, il quale fu lapidato dai Giudèi non molto dopo l'Ascensione del Signore.

venerdì 25 dicembre 2020

Buon Natale da Eolienews a tutti i lettori, collaboratori e inserzionisti


Coronavirus, in Sicilia 720 nuovi positivi, 17 vittime

A Natale sono 720 i nuovi positivi al Coronavirus in Sicilia su 6.472 tamponi processati. In calo il numero delle vittime, 17 nelle ultime 24 ore. Scendono i ricoveri in regime ordinario che tornano sotto i 1.000 (995, -13 rispetto a ieri) mentre aumenta di una unità il numero dei ricoverati in terapia intensiva (174). I guariti sono 851. Sul fronte della distribuzione fra province nell’isola: Catania 222, Messina 201, Palermo 63, Caltanissetta 56, Agrigento 49, Ragusa 43, Siracusa 42, Trapani 37, Enna 7.

Le esequie del carissimo Mons. Divola in diretta su Eolienews

 
COMUNICAZIONE - Stante le restrizioni e per consentire a quanti più fedeli possibili di seguire le esequie del carissimo Mons. Gennaro Divola, sul gruppo fb di Eolienews , di concerto con Mons. Lillo Maiorana, trasmetteremo in diretta dalla Basilica di S. Cristoforo la Santa Messa Esequiale a partire dalle ore 9 e 25

Per quanto concerne invece questo blog, la Santa Messa Esequiale sarà trasmessa in differita di qualche ora.

Gli auguri in video della Ludica Lipari

Lunedì a Canneto i funerali di Mons. Divola. Camera ardente nel Centro Pastorale

Don Gennaro arriverà a Canneto questa sera alle ore 20.00 e verrà collocato nella camera ardente allestita presso il Centro Pastorale dove, in questi giorni, tutti potranno rendergli l'omaggio della preghiera.
Le onoranze funebri sono a cura della ditta
Alfa e Omega di Lipari


Smart Waves, Special Edition 2020 di Onde Sonore. Sant’Egidio e Caronte & Tourist per la solidarietà. Il video integrale della serata

Fondi Ue: Musumeci, via libera a riprogrammazione risorse per 1,3 mld

Con l'approvazione da parte della Cabina di regia, presieduta dal ministro per il Sud Giuseppe Provenzano, si è conclusa stamane la procedura per la riprogrammazione dei Fondi europei, proposta dal governo regionale. Si tratta di 1,3 miliardi di euro di risorse – già disponibili e mai utilizzate negli ultimi venti anni – che il governo Musumeci intende utilizzare, per interventi anche infrastrutturali, per far fronte all'emergenza post Covid. La voce più significativa è quella dei 380 milioni di euro a favore degli enti locali dell'Isola.

«Sono soddisfatto – sottolinea il presidente della Regione Nello Musumeci – per l'approvazione della nostra proposta, che ci ha visti impegnati in un confronto costruttivo e leale con il ministro Provenzano».

Emergenza Coronavirus: i contatti dedicati per aiuto e sostegno

Concerto di Natale dalla Basilica di San Giovanni in Laterano, diretto dal maestro Mons. Marco Frisina con il Coro della Diocesi di Roma e l'orchestra Fidelis et Amati

Covid: domenica a Palermo il primo vaccino in Sicilia

Nell' ambito del V-day, previsto in tutta Europa, domenica 27 dicembre alle ore 11.30 presso il padiglione 24 dell'ospedale Civico di Palermo verrà somministrata la prima dose 'siciliana' del vaccino anti-covid.

Abitare la Parola: Natale del Signore (25.dic.2020)

Ospedale di Lipari con un solo anestesista. Comitato ” L’ospedale di Lipari non si tocca” sollecita soluzione


La Pec inoltrata dal comitato "L’Ospedale di Lipari non si tocca" a La Paglia e Alagna

Con la presente nota “Urgentissima”
Desideriamo ricordarvi che in questi giorni il nostro presidio ospedaliero rimane un solo medico anestesista. Inutile elencare qui le tragiche conseguenze.
Purtroppo l’azienda Asp 5 era sicuramente a conoscenza di tale gravissima situazione già da mesi, vi chiediamo pertanto di adottare ” urgentemente” una soluzione a tale gravissima situazione.
Saluti
Il Comitato ” L’ospedale di Lipari non si tocca”

Il video messaggio natalizio dell'Arcivescovo Monsignor Giovanni Accolla

Oggi è il 25 Dicembre : Natale. A tutti i lettori di Eolienews e agli inserzionisti i nostri migliori auguri


Natale del Signore


Oggi si apre il cielo, si squarciano le nubi e appare l'Emmanuele, Dio con noi. L'Eterno Padre l'aveva promesso, lo vaticinarono i profeti e per quattromila anni lo sospirarono i giusti. La venuta di Gesù avvenne come ci narra il Vangelo:

« Essendo uscito in quei giorni un editto di Cesare Augusto, che ordinava il censimento di tutto l'impero, anche gli Ebrei dovettero andare nella loro città di origine per dare il loro nome. Giuseppe, essendo della regale stirpe di Davide, si recò con Maria in Betlemme, sua città nativa; essi erano poveri, non trovarono chi li accogliesse e furono costretti a riparare in una capanna. Quivi Maria diede alla luce e strinse al seno il divin Figlio, l'avvolse in poveri pannolini e l'adorò ».

S. Giuseppe condivideva i sentimenti di Maria.

Il Figlio di Dio si era fatto uomo per salvare gli uomini e la sua nascita umile, povera, oscura fu illustrata da tali miracoli che bastarono a farlo conoscere da chiunque avesse il cuore retto. Ecco che un Angelo discese dal cielo ad annunziare la venuta del Redentore non ai re, non ai ricchi, nè ai grandi della terra, ma ad alcuni poveri pastori, i quali ebbero la felice sorte e la grazia di adorare per primi il Dio fatto uomo.

I pastori passavano la notte nella campagna vicino a Betlemme alla guardia dei lori greggi quando l'Angelo del Signore apparve loro dicendo: « Non temete, ecco vi reco un annunzio che sarà per tutto il popolo di grande allegrezza: oggi nella città di David è nato il Salvatore, che è Cristo, il Signore. Ed ecco il contrassegno dal quale lo riconoscerete: troverete un bambino avvolto in fasce, giacente in una mangiatoia ».

E subito si unirono all'Angelo altri Angeli che lodavano il Signore dicendo : « Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà ».

Quando poi gli Angeli sparirono in cielo, i pastori presero a dire fra loro: « Andiamo a Betlemme a vedere quanto è accaduto riguardo a quello che il Signore ci ha manifestato ». Andarono e trovarono Maria, Giuseppe e il Bambino giacente nella mangiatoia. E vedendolo si persuasero di quanto era stato detto di quel Bambino, e se ne tornarono quindi alle loro abitazioni lodando e benedicendo Iddio per tutto quello che avevano visto.

MARTIROLOGIO ROMANO. Nell'anno cinquemilacentonovantanove dalla creazione del mondo, quando nel principio Iddio creò il cielo e la terra; dal diluvio, l'anno duemilanovecentocinquantasette; dalla nascita di Àbramo, l'anno duemilaquindici; da Mosè e dalla uscita del popolo d'Israele dall'Egitto, l'anno millecinquecentodieci; dalla consacrazione del Re David, l'anno milletrentadue; nella Settimana sessantesimaquinta, secondo la profezia di Daniéle; nell'Olimpiade centesimanovantesimaquarta; l'anno settecentocinquantadue dalla fondazione di Roma; l'anno quarantesimosecondo dell'Impero di Ottaviano Augusto, stando tutto il mondo in pace, nella sesta età del mondo, Gesù Cristo, eterno Dio e Figlio dell'eterno Padre, volendo santificare il mondo colla sua piissima venuta, concepito di Spirito Santo, e decorsi nove mesi dopo la sua concezione, in Betlémme di Giuda nacque da Maria Vergine fatto uomo. Natività di nostro Signore Gesù Cristo secondo la carne.


INNO A GESÙ BAMBINO


Natività di Gesù


Tu scendi dalle stelle, o Re del Cielo
 E vieni in una grotta al freddo, al gelo
 O bambino - mio divino Io ti vedo qui tremar: o Dio beato!
 Ah quanto ti costò l'avermi amato!

A te che sei del mondo il Creatore,
 Mancano panni e fuoco, o mio Signore:
 Caro, eletto - pargoletto,
 Quanto, questa povertà - Più m'innamora,
 Giacchè ti fece amor povero ancora.

Tu lasci dei tuo Padre il dtvin seno
 Per venire a penar su Fioco fieno,
 Dolce amore del mio cuore,
 Dove amor ti trasportò? - O Gesù mio
 Perchè tanto patir? per amor mio!

Ma se fu tuo volere il tuo patire
 Perchè vuoi pianger poi, perchè vagire?
 Sposo mio, amato Dio,
 Mio Gesù, t'intendo, si; Ah, mio Signore!
 Tu piangi non per duol, ma per amore.

Tu piangi per vederti da me ingrato,
 Dopo sì grande amor, si poco amato.
 O diletto dei mio petto
 Se già un tempo fu così. - Or te sol bramo
 Caro non pianger più, ch'io t'amo, io t'amo

Tu dormi, o Gesù mio, ma intanto il cuore
 Non dorme, no, ma veglia a tutte l' ore:
 De! mio bello e puro agnello
 A chi pensi dimmi tu? - O amor immenso
 A morire per te, rispondi, io penso.

Dunque a morir pér me tu pensi, o Dio.
 E che altro, fuor di te, amar poss'io ?
 O MARIA speranza mia:
 Se poc'anto il tuo GESU' Non ti sdegnare.
 Amalo tu per me, s'io noi so amare.

Liturgia



Natale! Alleluia! Facciamo festa che è nato Gesù! Maaaaaaa......

Il nostro natale è sempre stata una festa commerciale, un fatto di merci... senza preoccuparci di altro. La vita in questi giorni appena trascorsi è stata ridotta a merce e condotta dalla frenesia di comprare regali e preparare cenoni.

Ci viene da chiederci "allora abbiamo sbagliato tutto ? Come facciamo a vivere il Natale ? "
Ecco, bella domanda! Vi consiglio di non gettare via nulla ma di iniziare a trovare gli aspetti positivi aldilà delle vetrine, delle compere e dei festoni.

Iniziamo da un po' di storia che ogni tanto fa bene ricordare/studiare:
La festa del Natale cristiano nasce molto tardi e viene testimoniata per la prima volta nel calendario della feste del Cronografo romano nel 300. Si diffuse con lentezza sia in Occidente sia in Oriente e l’imperatore Giustino II fu costretto ad imporla a tutto l’Impero Romano. Il mondo romano celebrava in questo giorno il solstizio d’inverno, la nascita del dio Sole (Natalis solis invicti) e la scelta di far cadere la festività natalizia il 25 dicembre fu molto probabilmente a causa di questa festa pagana. Al posto della festa pagana ora stava prendendo piede una festa cristiana.

Storicamente ai cristiani nei primi secoli interessavano le scelte e il messaggio centrale di Gesù, non i suoi dati anagrafici. Infatti i vangeli di Luca e Matteo ci forniscono una versione teologica per darci un insegnamento. Se leggiamo seriamente i due brani leggendari capiamo che i protagonisti sono diversi: Matteo mette in luce Giuseppe e Luca invece fa risaltare Maria.

Ci viene da porci una domanda "Gesù chi è?"
Partiamo da un concetto importante per sfatare ogni dubbio: Gesù non è una leggenda, non é un personaggio mitologico o un’invenzione di qualcuno. Sono le narrazioni che sono simili a quegli stili letterari con cui si narrano le nascite e le gesta di personaggi antichi.

Andiamo con i piedi a terra e iniziamo a fare una ricerca letteraria storica .... la nascita di un bambino concepito da una vergine è un genere letterario che si ritrova nei testi antichi. Questi racconti che narrano la nascita e la fanciullezza di Gesù devono essere letti come leggessimo un mito perche è di questo che stiamo parlando se vogliamo dirci la verità. Ci troviamo di fronte a un racconto mitologico, non ad un racconto falso. Attenzione che questa distinzione è molto importante!

Gli evangelisti, proprio come gli autori antichi, vogliono comunicare con noi facendoci capire che i personaggi di cui narrano le gesta sono persone che hanno avuto una missione da Dio come ce l'abbiamo noi.
Essi sono per noi un punto di riferimento, un dono straordinario di Dio. Ma il personaggio più importante è proprio il dono più costoso che Dio ci ha fatto: Gesù.

Gesù è figlio di Maria e Giuseppe. Gesù è chiamato persino il figlio del falegname in Mt 13, 55 e di Giuseppe in Lc 4, 22 e in Gv 6, 42. Gesù nasce in un nucleo familiare numeroso come si può capire in Mc 3,31 e in Mt 13,55-56. Gesù ha dei fratelli e ha due genitori come tutte le famiglie normali di questo mondo. Ma anche questo fatto storico non comprometterà di certo la nostra fede in Cristo e nel suo messaggio a meno che non ci facciamo ancora a farci ammaestrare o influenzare con la favoletta della verginità di Maria.

Impariamo a studiare e a crescere nella fede senza raccontarci fiabe e invenzioni come si fa con i bambini! Vogliamo diventare adulti nella fede?

Parlando delle origini, questi racconti biblici vogliono richiamare la nostra attenzione sulla vita storica di Gesù, sul suo vero insegnamento. Nel linguaggio del loro tempo ci richiamano a non trascurare la persona, le scelte e l’insegnamento di Gesù.

Per Luca e Matteo, Gesù è un regalo che Dio ha fatto a tutti noi, un magnifico e meraviglioso dono. Noi siamo invece sempre tentati di mettere da parte e di sottovalutare il personaggio e il messaggio di Gesù.

Ecco iniziamo a interessarci di far nascere in noi la fiducia in Dio che ha sostenuto tutta la vita di Gesù.
Iniziamo a scoprire che quell’uomo chiamato Gesù di Nazaret è realmente vissuto come un vero credente in Dio e un vero profeta di giustizia. Un uomo innamorato della vita e dell'amore. Un uomo che stava in mezzo ai poveri e ai peccatori, non ai ricchi. Nato in povertà e vissuto di quello che aveva. Un uomo che ha pagato con la vita per le sue idee rivoluzionarie per cambiare in meglio l'animo delle persone e ci è riuscito tant'è che il suo messaggio non si è perso ma è arrivato fino a noi.

Vivere il Natale significa entrare nel cammino di Gesù. Vivere un Natale cristiano significa far nascere e rinascere continuamente in noi e attorno a noi l’impegno per una società più giusta, non violenta, senza discriminazioni, se abbattiamo i muri che ci siamo costruiti. Ed ecco che Natale non sarà più solo a dicembre ma tutto l'anno.

La vera storia di Gesù non è più un focalizzarci su come è nato ma su cosa ha fatto: ha lottato tutta la vita contro i pregiudizi perché la fraternità, l'amore, l'uguaglianza, la libertà diventassero lo stile di vita quotidiano per tutti e per tutte.

Buon Natale e buona meditazione!

giovedì 24 dicembre 2020

Il cordoglio per la dipartita di Monsignor Gennaro Divola


Esprimo sentimenti di profondo cordoglio a nome mio e di tutto il Consiglio Comunale per la dipartita di monsignor Gennaro Divola. La sua umiltà rimarrà d'esempio per tutti. Ha lasciato in tutti noi dei solchi indelebili di amore e fraternità contribuendo in maniera significativa a rendere la nostra comunità solidale e aperta verso i più bisognosi. Il Signore lo accolga tra le sue braccia così come lui ha accolto tutti noi.

Il Presidente del Consiglio Comunale di Lipari
Giacomo Biviano

Dalla Basilica di San Pietro, Santa Messa nella Notte di Natale, presieduta da Papa Francesco, nella Solennità del Natale del Signore (in diretta da Roma)

Coronavirus, contagi in calo in Sicilia ma tornano a crescere i decessi

Sono 853 i nuovi positivi al coronavirus oggi in Sicilia, in calo rispetto all'incremento di 932 casi di ieri. I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono 8.135 e così il tasso di positività è del 10,5%, lievemente superiore a quello di ieri che era circa del 10%. Tornano a crescere invece i decessi: 26 oggi, rispetto ai 10 di ieri. Il totale dei morti da coronavirus in Sicilia è di 2.239.

Con i nuovi dati sono a 33.380 gli attuali positivi, con una diminuzione di 234 casi rispetto a ieri. Di questi sono ricoverati 1.181 siciliani, 23 in meno rispetto al dato complessivo di ieri; 1.008 dei quali in regime ordinario, 20 in meno rispetto a ieri; 173 in terapia intensiva, 3 in meno rispetto a ieri. I guariti sono 1.061.

Rubrica: Guardando con nostalgia al Natale degli anni scorsi (12° puntata: Natale 2016 - 4 foto)








Accadde alle Eolie, pagine della nostra storia recente. 24 dicembre 2011: Omicidio a Quattropani. Gli articoli e le foto del giorno successivo al delitto





Un 2020 ricco di lavori pubblici e altri sono in arrivo nel 2021. Il bilancio del sindaco di Santa Marina Salina, Arabia


COMUNICATO STAMPA

Un’importante stagione di lavori pubblici sta per essere avviata nel Comune di Santa Marina Salina guidato dall’Amministrazione Arabia. Dopo aver avviato lo scorso giugno i lavori per il ripristino e messa in sicurezza del molo commerciale (1.350.000 euro) e per i quali si prevede di completare l’opera entro la fine di febbraio 2021, l’Amministrazione Comunale di appresta ad avviare le procedure di appalto per altre due grandi opere: l’adeguamento sismico e messa in sicurezza della scuola elementare per un valore di 1.380.000 euro finanziati dal MIUR, e il progetto di efficientamento energetico e riduzione delle perdite idriche per 800.000 euro finanziato dal Ministero dell’Ambiente, con il quale si prevede di sostituire parte della rete idrica per contenere le perdite, completarne alcuni tratti, sostituire le pompe di sollevamento ed effettuare interventi nei serbatoi comunali. Entrambe le gare saranno bandite dal Comune nei primi mesi del nuovo anno, non appena saranno conclusi gli ultimi adempimenti amministrativi.

Altra importante opera per la quale nei prossimi giorni sarà avviata la procedura di gara per l’aggiudicazione dei lavori, è il ripristino della Via Vittoria a Santa Marina Salina: una importante arteria pedonale, interdetta per un crollo da circa un decennio, che mette in collegamento la località Serro dell’Acqua con la località Barone, per la quale l’Amministrazione Comunale ha stanziato 215.000,00 euro di fondi comunali e che entro l’estate 2021 dovrà essere ultimata, mentre sono in corso le procedure di consegna dei lavori per il restauro conservativo della Chiesa Maria SS. Addolorata di Santa Marina Salina (470.000,00 euro)

A fine novembre sono stati consegnati alla ditta aggiudicataria i lavori relativi al I° lotto del progetto di protezione dell’abitato e del laghetto di Lingua, nel tratto compreso tra Punta Lingua e Vallone Nero, finanziati con fondi della Struttura Commissariale contro il Dissesto Idrogeologico nella Regione Siciliana (2.000.000,00 euro), grazie ai quali saranno realizzate le opere necessarie affinché le mareggiate invernali non provochino più l’esondazione del laghetto e il conseguente allagamento di tutta l’area circostante, prevedendo anche un ripascimento della spiaggia del tratto di costa interessato. L’Amministrazione comunale ha avviato nel mese di ottobre, subito dopo la nomina del Sindaco come soggetto attuatore per la gestione dei relativi fondi di Protezione Civile, la progettazione definitiva per il ripristino della piazzetta Nero (150.000,00 euro) nella frazione di Lingua, gravemente danneggiata dalle mareggiate del dicembre 2019 che hanno interessato tutte le Eolie, che sarà consegnata all’inizio di gennaio, in modo tale da poter appaltare anche quest’altra importante opera nei primi mesi del 2021.

Sempre a Lingua c’è da segnalare un importante intervento sul Faro di Punta Lingua da parte del Genio Civile: con un progetto dal valore di 500.000,00 euro sarà rinforzata la scogliera esistente, saranno ripristinati i ballatoi esterni distrutti dalle mareggiate del 2009 attorno al faro e sarà ristrutturata la torre luminosa. Inoltre, su esplicita richiesta dell’Amministrazione Comunale, saranno interrati i cavi elettrici che alimentano il Faro e rimossi i pali attualmente presenti.

Grande attenzione dell’Amministrazione Comunale continua a essere rivolta nelle attività di risparmio energetico: dopo aver attuato sostituito con illuminazione a led tutti i lampioni del lungomare di Lingua e del lungolago nel dicembre 2019, con ulteriori 50.000 euro stanziati dal MISE sono stati appaltati i lavori di efficientamento energetico degli impianti della via Risorgimento e della contrada Barese, mentre con circa 19.000,00 euro sono stati appaltati i lavori per l’efficientamento degli impianti luminosi presenti sul molo commerciale.

“Nonostante le difficoltà legate al covid-19 siamo riusciti durante quest’anno a continuare a lavorare e portare a compimento numerose opere pubbliche sulle quali abbiamo speso parecchie risorse ed energie” dichiara soddisfatto il Sindaco Domenico Arabia “che sono frutto di una programmazione precisa e puntuale, che permetterà nel corso del 2021 di investire sul territorio comunale, come non accadeva da parecchio tempo, oltre sei milioni di euro”.

Da segnalare infine che l’Amministrazione Comunale di Santa Marina Salina è stata destinataria di un finanziamento di 500.000,00 euro per la prevenzione degli incendi del bosco presente al Monte fossa delle Felci a valere sulla misura 8.3 del PSR Sicilia, di un finanziamento da parte del MIUR di 1.100.000 euro per la messa in sicurezza della scuola materna e di un ulteriore finanziamento di 950.000,00 euro a valere sul PO-FESR Sicilia 2014-2020- azione 6.5.1. per il recupero ecosistemico dello stagno di Lingua.

Approvato il bilancio di previsione della Città Metropolitana di Messina

Un risultato di rilievo quello ottenuto dalla Città Metropolitana di Messina che stamane ha approvato il Bilancio di Previsione 2021-2023.

Soddisfazione per il risultato ottenuto da Palazzo dei Leoni e stata espressa dal Sindaco Metropolitano, dott. Cateno De Luca, che grazie ad una politica di rigore finanziario e di tagli agli sprechi in appena due anni ha messo in sicurezza l’Ente.

“A soli due anni dall’insediamento nella qualità di Sindaco della Città Metropolitana di Messina, oggi 24 dicembre 2020, possiamo serenamente sostenere che abbiamo rimesso in piedi un Ente fallito. Il 2019 è stato un anno di grande impegno e sacrificio politico-amministrativo nel quale abbiamo rimesso in bonis l’apparato amministrativo dell’Ente e per la prima volta, dopo 3 anni, siamo riusciti a predisporre il Bilancio triennale 2020-2022 che ha visto la Città Metropolitana di Messina essere stata la quinta Città Metropolitana in Italia ad aver approvato il suo Bilancio di previsione. Un doveroso ringraziamento va agli Uffici della Città Metropolitana che hanno supportato in maniera puntuale l’intera strategia contabile che si è voluta imprimere all’Ente e che ha prodotto questo storico risultato. Lo stesso sincero e sentito ringraziamento per il risultato ottenuto va al Commissario dell’Ente ing. Santi Trovato che con puntualità ha seguito tutte le fasi amministrative degli atti che oggi segnano in maniera indissolubile la rinascita economico-gestionale dell’Ente. La Città di Messina è la seconda in Italia dopo la Città Metropolitana di Bologna, che ha approvato il suo Bilancio solo ieri pomeriggio, ad aver approvato il suo Bilancio di Previsione 2021-2023. Un Bilancio che vale complessivamente 226.766.532,63 euro e che, al suo interno, come dettagliatamente rappresentato nel Documento Unico di Programmazione, prevede investimenti per complessivi 65 milioni di euro così ripartiti: manutenzione straordinaria strade euro 9.027.000,00; interventi di edilizia scolastica per euro 32.398.000,00; interventi destinati alla realizzazione di ciclovie per euro 741.000,00; interventi da destinare alle aree rete viaria secondaria Sicilia euro 14.470.000,00; interventi relativamente alle opere del Masterplan/Patto per il Sud euro 22.800.000,00; interventi relativi al Patto per lo Sviluppo da destinare al progetto ‘aree strategiche’ per euro 8.500.000,00. Ulteriore importante risultato raggiunto con l’approvazione del Bilancio 2021-2023 è la copertura contabile dell’ultima rata del disavanzo di amministrazione registrato nell’anno 2018, che era in totale di euro 15.988.454,89, una copertura finanziaria che rimette definitivamente in bonis la gestione economica della Città Metropolitana. Desidero evidenziare che in questi giorni, parallelamente alla definizione ed all’approvazione del Bilancio, sono state poste in essere le azioni di stabilizzazione dei precari storici della Città Metropolitana, un’azione che, senza i documenti contabili in regola, non avrebbe potuto essere posta in essere. Due anni di intenso lavoro – ha concluso il Sindaco Metropolitano dott. Cateno De Luca – che hanno sancito in maniera chiara come la buona amministrazione sia superiore alla cattiva politica…essere la seconda Città Metropolitana in Italia ad aver approvato il suo Bilancio di Previsione, venendo dal collasso di un fallimento, è la vera risposta che questa Amministrazione ha dato nei fatti alle sterili critiche di chi agisce con le parole e mai con i fatti”.

Ci lascia Don Gennaro Divola, figura esemplare di Pastore di anime

Questa mattina, a seguito di un malore, Mons. Gennaro Divola è stato trasferito in elicottero presso l'ospedale Papardo di Messina e lì, nella tarda mattinata, ha reso l'anima a Dio.
Per oltre 50 anni pastore a Canneto, dove giunse nel gennaio 1959, ha rappresentato un prezioso e costante punto di riferimento per l'intera collettività e non solo per quella cannetara.
A lui si deve, tra l'altro, l'elevazione della chiesa di Canneto a Basilica

Come scrive Don Lillo Maiorana, nel gruppo fb della Basilica di San Cristoforo "Il Signore ricompensi questo suo servo fedele con la visione del suo volto e lo ammetta alla festosa liturgia del cielo.
Servo buono, generoso e fedele prendi parte alla gioia del tuo padrone."


Alla famiglia le nostre condoglianze

Sante Messe del 24 e 25 dicembre a San Giuseppe, Quattropani e Porto Salvo

COVID, IN SICILIA PRIMA FASE VACCINI A RAPPRESENTATI DI TUTTE LE AZIENDE SANITARIE

Saranno 685 in Sicilia le persone coinvolte nella fase iniziale della campagna vaccinale anti-covid che prenderà il via domenica 27 dicembre, così come in tutta Europa, con il vaccino day programmato all’ospedale Civico di Palermo. Saranno inoltre coinvolte le rappresentanze di tutte le aziende sanitarie siciliane: dal 28 al il 30 dicembre prossimi, infatti, le delegazioni provenienti dalle altre province dell’Isola giungeranno nel capoluogo siciliano dove sono già in allestimento i centri di somministrazione.
L’organizzazione è stata definita dai vertici dell’assessorato regionale alla Salute nel corso di una riunione appena conclusa.
A margine della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa ‘Sicilia per l’Italia’, l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza ha sottolineato che "la fase 1 della campagna vaccinale è stata approvata dal Parlamento nazionale. Come è noto toccherà agli operatori della sanità, chi è negli ospedali, chi lavora più a contatto con i pazienti positivi e coloro i quali sono impegnati nell'emergenza".

24 dicembre 2019: Le Eolie sulla Gazzetta del sud con un articolo del nostro direttore


 

Buon Compleanno a Ginevra Vadalà che compie 16 anni

La Chiesa commemora oggi San Delfino di Bordeaux

Oggi è il 24 dicembre. Buongiorno con questa veduta da Vulcano. Buon Compleanno a Elio Maria Conti, Simone Lauria, Serena Orlando, Paula Andreea Uries, Francesca Natoli, Samantha Caponetto


 

Buon Natale!

In un anno, che dir difficile è davvero riduttivo, vogliamo augurare 
ai nostri lettori e agli inserzionisti


 Un Natale che, nonostante l'incertezza del tempo che viviamo, porti affetto, amore e comprensione sia all'interno delle famiglie che nel vivere di ogni giorno