Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 13 marzo 2010

Ex Pumex: Stralcio dell'intervento di Pietro Sturniolo

Tra gli intervenuti oggi pomeriggio, durante il sit-in nella stanza del sindaco e nel corso della registrazione effettuata dalla Rai vi è stato anche Pietro Sturniolo.
Vi proponiamo un brevissimo stralcio del suo intervento, preceduto da alcune immagini da noi realizzate sempre nel pomeriggio:

Ex Pumex: Uno stralcio dell'intervento dell'ex Pumex, Bartolo Natoli

Operai al balcone, stanza del sindaco gremita in ogni dove. Come anticipato è perfettamente riuscito il sit-in delle donne legate agli ex pomice.
Nel video sottostante uno stralcio dell'intervento di Bartolo Natoli.
Tra oggi e domani vi proporremo altre immagini, stralci di altri interventi e una intervista a Giovanni Portelli, già operaio Pumex e sindacalista:

Ex Pumex: Perfettamente riuscito il sit-in organizzato dalle donne


Oltre 300 tra mogli di ex lavoratori della pomice, figli e semplici cittadini hanno partecipato oggi pomeriggio ad un pacifico sit-in organizzato dalle donne nella stanza del sindaco di Lipari Mariano Bruno per rivendicare il diritto al lavoro e al recupero della dignità persa in questo continuo vagabondare da una situazione precaria all'altra.

Il sit-in, tra l'altro, è stato ripreso dalla Rai sbarcata a Lipari per documentare quella che sta diventando, ancora di più, una drammatica situazione non solo per gli ex lavoratori in sciopero della fame ma anche per tutti coloro che vivono intorno a loro.
Vi proponiamo un breve video realizzato in prossimità dei primi arrivi nella stanza del sindaco. Nel filmato anche due battute con Neda Saltalamacchia, da tre giorni in sciopero della fame:

Ex Pumex: Lettera aperta delle mogli e delle madri. L'intervista alla signora Daniela Mantineo

LETTERA APERTA DELLE MOGLI E DELLE MADRI DEGLI EX LAVORATORI DELLA POMICE
Scusate se vi vogliamo rubare qualche momento del vostro tempo, noi siamo le madri e le mogli degli ex lavoratori della pomice, Voi vi chiederete cosa vogliamo; ebbene abbiamo qualcosa da dire anche noi.
Molti di Voi credono che questo problema non li riguardi direttamente,ma crediamo che 38 famiglie che non hanno più il loro sostentamento invece vi coinvolge.
Si perchè vedete, noi siamo quelle che tutti i giorni vengono a comprare il pane, noi veniamo nei supermercati a fare la spesa, a comperare la carne, entriamo nei vostri negozi (ormai raramente è vero, visto però la nostra attuale situazione), anche noi andavamo a mangiare la pizza o un gelato, anche noi ristrutturiamo le nostre case(nostre ancora per poco,visto che non riusciamo a pagare i mutui), consumiamo l'energia elettrica e anche se con notevoli difficoltà abbiamo continuato a pagare le bollette, e così via......
Forse voi pensate che la nostra situazione non peserà anche sulle vostre attività, noi crediamo invece che non sia proprio così,perchè anche noi contribuiamo all'economia del paese, a differenza dei turisti,noi viviamo sull'isola 365 giorni l'anno.Noi non chiediamo l'elemosina, ma Vi esortiamo ad essere solidali concretamente con noi ed i nostri mariti e figli, perchè il titolo di Patrimonio dell'Umanità di cui ci si riempie tanto la bocca non ha riempito le tasche e lo possiamo vedere dalle presenze dei turisti:ogni anno sempre meno e solo nei 15 giorni d'agosto, ma ai nostri cari ha tolto il loro posto di lavoro, la loro dignità di uomini ma sopratutto di padri i quali non hanno il coraggio di guardare negli occhi i loro figli visto che non hanno modo di poterli mantenere.
I nostri figli siedono tra i banchi di scuola con i vostri, sono amici dei vostri e crediamo che anche loro meritano le stesse cose.
Questi uomini stanno protestando non perchè non hanno voglia di lavorare, come spesso abbiamo sentito dire; al contrario loro vogliono poter lavorare,loro avevano un lavoro e gli è stato tolto con forza dalle Istituzioni, le stesse che hanno assicurato che questo posto glielo avrebbero ridato.
Ci dispiace constatare che ancora una volta tutti gli eoliani di cui noi facciamo parte, preferiscano girare la testa, guadare dall'altra parte, ognuno pensa ai propri interessi, altre volte quando si sono presentate problematiche di comune interesse tutti hanno protestato : certo ognuno ha il proprio dio denaro a cui pensare!!!!!!!!!
E poco importa se 38 famiglie hanno subito una grande ingiustizia e debbano essere solo loro a pagare le inadempienze e le bugie di tutte le Istituzioni.
Concludiamo citando 2 articoli della Costituzione:
Art.1 L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro.
Art.4 La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendono effettivo questo diritto.
A voi trarre le conclusioni GRAZIE!!!!!!!!!!
VI PROPONIAMO L'INTERVISTA DA NOI REALIZZATA CON DANIELA MANTINEO, MOGLIE DI UNO DEGLI OPERAI CHE SONO FUORI DALLA MOBILITA':

Calcio: Ludica Lipari superata dall'Oliveri

Si interrompe sul campo dell'Oliveri la serie positiva della Ludica Lipari. Gli eoliani sono stati superati per 4 a 2 (2 a 1). Le reti della ludica sono state segnate da Antonello Giunta e Cesare Saltalamacchia.

Lipari: Scendono in campo le donne degli ex Pumex. Chiedono supporto e solidarietà. E' il momento di esserci

"Scendono in campo" anche le mogli degli ex Pumex che invitano, per oggi pomeriggio alle 15 e 30, tutte le donne liparesi (ma anche gli uomini) a sostenerle, a portare la loro solidarietà, durante il pacifico sit-in di protesta che terrano al palazzo municipale di via Falcone e Borsellino.
In un paese dove spesso si solidarizza solo a parole è l'occasione giusta per fare sentire la propria presenza "reale" a chi sta combattendo una lunga e dura battaglia per ritornare a riavere il posto di lavoro "scippatogli".
Eolienews invita tutti ad esserci, nonostante l'infelice giornata di pioggia. Anche perchè, vorremmo aggiungere, senza ulteriori commenti " Non bisogna mai dire di quest'acqua non ne bevo".
A buon intenditore poche parole

C'è posta per.... amministratori e dirigenti del comune

Tre note sono state prodotte ed inviate agli organismi competenti dai consiglieri comunali Gesuele Fonti e Francesco Megna.
LE PUBBLICHIAMO:
1)
SIGNOR SINDACO
COMUNE DI LIPARI
Dott. Mariano Bruno
ASSESSORE ECOLOGIA
COMUNE DI LIPARI
Sig. Giulio China
DIRIGENTE IV SETTORE
COMANDANTE Polizia Municipale
Dott. Domenico Russo
Oggetto: discarica abusiva rifiuti ingombranti – località Quattropani
Da oltre un anno, nella frazione di Quattropani, insiste una discarica abusiva di rifiuti ingombranti nell’area comunale in uso alla Provincia Regionale di Messina.
Orbene, senza soffermarci in questa sede sulle responsabilità di chi ha autorizzato ed attuato un danno ambientale di così grave portata, urge con immediatezza procedere allo sgombero ed alla tempestiva bonifica dell’are interessata, anche perché, soggetti a cui è sconosciuto il vivere civile nonché il rispetto per l’ambiente, continuano nottetempo a depositare altri rifiuti.
Per quanto è dato sapere ai consiglieri comunali scriventi, l’area in questione, non risulta essere sottoposta a sequestro giudiziario, pertanto nulla può ostacolare le operazioni di bonifica che devono essere portate a compimento in tempi celerissimi.
Stante quanto sopra, si sollecitano le SS.LL., a disporre lo sgombero e l’immediata bonifica dell’area indicata, dando formale incarico alla Società d’Ambito “Eolie per l’Ambiente S.r.l.” (A.T.O. ME 5 ), potendo la stessa utilizzare all’uopo l’utile di impresa accumulato negli anni 2007/2008 e, in alternativa, i fondi regionali per il trasferimento dei rifiuti a terraferma, atteso che gli stessi dovranno necessariamente essere smaltiti a terraferma in impianti autorizzati.
Con osservanza
Lipari lì 12/03/2010
________________ ________________
Gesuele FONTI Francesco MEGNA
2)
SIGNOR SINDACO
COMUNE DI LIPARI
Dott. Mariano Bruno
POSTE ITALIANE SPA
Direttore Filiale 2 MESSINA
Dott. Fabrizio Gaudio
Fax.: 090-6257270
Oggetto: ufficio postale – località Quattropani
Da circa un anno e mezzo l’Ufficio postale di Quattropani è stato chiuso, per quel che è dato sapere, in quanto nei locali che lo ospitavano è stato programmato un intervento di manutenzione straordinaria che li ha resi indisponibili per la fruizione pubblica.
Nei mesi scorsi, il Sindaco di Lipari, con nota prot. n. 38083 del 02/10/2009 inviata al Direttore delle Poste Italiane - Filiale 2 Messina - Dott. Fabrizio Gaudio, ha comunicato l’impegno formale dell’Amministrazione a sostenere le spese per l’affitto di un locale da destinare ad ufficio postale nella frazione di Quattropani.
Da notizie assunte nei giorni scorsi pare che, a seguito di alcuni sopralluoghi effettuati dai funzionari delle Poste, siano stati individuati due locali risultati idonei ad ospitare l’ufficio.
Occorre appena sottolineare che la prolungata chiusura dell’ufficio postale di Quattropani, ancorché potendo configurare la fattispecie penalmente rilevante dell’interruzione di pubblico servizio, ha altresì causato gravissimi disagi agli abitanti della frazione e comportato un sovraccarico di lavoro nell’ufficio postale di Pianoconte, dove un solo impiegato è costretto a smaltire carichi di lavoro eccezionali, che fino a pochi anni fa venivano ripartiti tra almeno quattro funzionari.
Stante quanto sopra, gli scriventi Consiglieri Comunali, sollecitano la S.V. a comunicare al Comune di Lipari, con estrema urgenza, quali locali sono stati individuati e ritenuti idonei, al fine di consentire che gli uffici comunali preposti possano predisporre il contratto di locazione ed istruire tutti gli atti amministrativi propedeutici alla immediata riapertura dell’ufficio postale.
Lipari lì 12/03/2010
________________ ________________
Gesuele FONTI Francesco MEGNA

3)
SIGNOR SINDACO
COMUNE DI LIPARI
Dott. Mariano Bruno
ASSESSORE ECOLOGIA
COMUNE DI LIPARI
Sig. Giulio China
DIRIGENTE IV SETTORE
COMANDANTE Polizia Municipale
Dott. Domenico Russo
Oggetto: servizio di spazzamento, pulizia e diserbamento nelle frazioni
Da alcuni giorni, nella frazione di Pianoconte, presta servizio giornaliero un operatore ecologico addetto alla pulizia ed al diserbamento delle strade principali.
Gli organi deputati alla gestione del servizio hanno finalmente, seppur tardivamente, compreso quale fosse lo stato di abbandono e di incuria nel quale versava la frazione di Pianoconte e cercato di fornire risposte concrete alle legittime lamentele della cittadinanza, con l’auspicio sincero, che detto servizio non sia stato disposto in via provvisoria, ma venga effettuato in modo continuativo, in tutti i periodi dell’anno.
Fatta una tale premessa, appare altresì evidente che anche i cittadini delle altre frazioni del Comune di Lipari (Quattropani, Acquacalda, Lami, Serra, Pirrera, Santa Margherita, Monte Gallina etc) nonché delle altre isole minori del comune, dovrebbero vantare analoghi diritti, necessitando al pari degli abitanti di Pianoconte, di un servizio di gestione integrata dei rifiuti qualitativamente accettabile, con la necessaria presenza, costante e continuativa, di operatori addetti ai servizi di pulizia, spazzamento e diserbamento. Servizi che, per di più, sono espressamente previsti nei bandi di gara e contrattualmente a carico delle imprese aggiudicatarie dell’appalto di gestione integrata dei RSU, ciò nonostante, gli stessi servizi non vengono resi ovvero vengono effettuati in modo parziale ed incompleto, creando gravi disagi alla popolazione e producendo un notevole danno all’immagine turistica del territorio eoliano.
Stante quanto sopra, si invitano le SS.LL. a verificare con urgenza se le modalità di effettuazione dei servizi di spazzamento e diserbamento siano conformi al capitolato d’appalto, al contratto di servizio ed alla progettazione tecnica di esecuzione del servizio RSU e rientrino pertanto, tra gli obblighi contrattuali per i quali il Comune di Lipari trasferisce annualmente ingenti somme di denaro.
In virtù dell’approssimarsi delle vacanze pasquali che sanciscono, o almeno dovrebbero sancire, l’inizio della stagione turistica alle Isole Eolie, si sollecitano le SS.LL. a disporre l’osservanza di tutti gli obblighi contrattuali, programmando tempestivamente gli interventi, anche straordinari, che consentano a tutte le frazioni dell’isola di Lipari e delle altre isole del comprensorio, di beneficiare di un servizio decoroso, nell’interesse esclusivo della comunità eoliana.
Lipari lì 12/03/2010
________________ ________________
Gesuele FONTI Francesco MEGNA

Ex Pumex: "Cede" anche Saltalamacchia ! Ma la protesta, così come lo sciopero della fame non si ferma

Continua la " falcidia" degli ex Pumex impegnati a rivendicare il legittimo diritto a riavere un lavoro.
Quest'oggi a "cedere", o per meglio dire ad essere costretto a "cedere" dalle precarie condizioni di salute, constatate dal sanitario della guardia medica, è stato Gaetano Saltalamacchia: uno dei tre ex operai Pumex che da giovedì aveva iniziato lo sciopero della fame in sostituzione di altri compagni ai quali erano state riscontrate analoghe, precarie, situazioni di salute.
Nel momento in cui stiamo scrivendo l'ambulanza del 118 sta provvedendo a trasferire Saltalamacchia al pronto soccorso dell'ospedale di Lipari per le necessarie.
Nonostante le ovvie difficoltà fisiche gli ex Pumex non mollano e proseguono nella loro protesta. Il posto di Saltalamacchia sarà preso da un altro compagno.

Lipari: Torneo misto di calcetto al Freeland

Si è disputato al Freeland club un "Torneo misto" di calcetto. I nostri giovani hanno dato vita a delle gare entusiasmanti e all'insegna del divertimento.
Il torneo se lo è aggiudicato la formazione che nelle foto è con la maglia gialla. Secondo posto per la formazione in maglia blu.
Per le foto (si ingrandiscono cliccandoci sopra) un grazie a Manori Wijayaratne






Pontile di Porticello. Non sarà approdo per nave dei rifiuti

Il sindaco di Lipari ha risposta ad una nota del 14/12/2009 del consigliere Sarino Centorrino che chiedeva chiarimenti sui lavori in corso al molo di Porticello e sul suo futuro utilizzo.
Questa la risposta:
AL CONSIGLIERE COMUNALE
Sig. Rosario CENTORRINO
Via Nazario Sauro
98055 CANNETO LIPARI
Oggetto: Lavori di completamento ed utilizzo pontile in cemento di Porticello.
In riferimento alla Sua nota evidenziata a margine ed afferente l'oggetto, introitata al N° 46564 del protocollo generale dell'Ente in data 14 dicembre 2009, Le assicuro che l'utilizzo del pontile non è assolutamente riferibile ad una volontà dell'Amministrazione di adibire lo stesso quale zona di carico dei rifiuti solidi urbani verso la terraferma.
Non so chi abbia potutto dirLe queste stupidaggini, si faccia dire da queste persone da chi hanno appreso questa notizia.
Per quanto riguarda gli incartamente la S.S. potrà accedere presso l'Ufficio Lavori Pubblici del Comune e visionare quanto riterrà opportuno e, se del caso, estrarre le copie richieste.
L'attuale situazione dei rifiuti è quella che lei conosce e non mi giunge nessuna comunicazione da parte dell'ATO ME 5 "Eolie per l'Ambiente" di diversa località per il carico se non di quella di Sottomonastero.
IL SINDACO
(Dott. Mariano Bruno)

Auguri a....

Auguri di Buon Compleanno da Monika per Julie Ferlazzo e Katia Raffaele.
Agli auguri si associa anche Eolienews

Gli ex Pumex e il "diritto al lavoro". Ci scrive Salvatore Stramandino

Gentile Direttore,
Sono un cittadino di Lipari, mi chiamo Salvatore Stramandino e sono un Caporale dell'Esercito italiano.
Ho seguito fin dall'inizio la "questione" pumex e vorrei dire che non sono qui per polemizzare, ma solo per ricordare, a tutti i nostri cari assessori ed al nostro sindaco la legge al diritto al lavoro, che parla chiaro e che è stata una delle prime leggi ad essere inserita nella Costituzione italiana.
L'articolo 4. della Costituzione italiana dice che tutti i cittadini hanno il DIRITTO al LAVORO e che lo Stato si deve impegnare a intervenire nel sistema economico per creare possibilità di lavoro per i cittadini; interventi di questo tipo sono perciò un OBBLIGO per il nostro Stato, che si caratterizza dunque come Stato sociale.
Viste le vicende che in questi anni hanno "turbato" gli onesti lavoratori della pumex, invito a nome di tutta la cittadinanza di Lipari a rispettare quella che è la nostra legge, ed a far riflettere il nostro caro sindaco su quello che sta facendo.
Salvatore Stramandino

Ludica Lipari ad Oliveri in anticipo. Meligunis e Avis Lipari in campo domenica

Per quanto concerne il calcio torna in campo oggi pomeriggio la Ludica Lipari impegnata ad Oliveri nell'anticipo dell'incontro valido per il campionato per il campionato di prima categoria. Per la pallavolo- come ci informa Patrizia Lo Surdo- alle ore 15:00 di domenica al Nicola Biviano, l'Avis-Lipari serie D, affronterà il Pgs Domenico Savio di Messina.
Alle ore 11:00, in trasferta a S.Agata, le ragazze della prima divisione giocheranno la prima partita del girone di ritorno contro il Pgs Auxilium

Ex Pumex. L'appello di Merlino ai politici del PD

Una nota-appello è stata inviata da Saverio Merlino (Segretario reggente del PD di Lipari) al segretario nazionale, al segretario regionale, ai deputati nazionali, ai senatori e ai deputati regionali del Partito Democratico.
IL TESTO:
Cari Amici,
Lipari sta vivendo un grave problema sociale.
Esiste, da molti anni, un’assurda diatriba sulla riconversione delle cave di pomice che, alla fine, ha portato alla chiusura dell’industria e alla perdita di oltre 50 posti di lavoro (oltre l’indotto).
Da 2 anni 50 famiglie vivono una situazione drammatica e, cosa più grave, non s’intravede alcuna prospettiva.
Da oltre un triennio, i 50 ex lavoratori della pomice (tutti eoliani), continuano ad essere “mortificati” dal governo comunale, regionale e nazionale che non riescono, in alcun modo, a trovare una soluzione concreta per mettere fine ad un dramma sociale.
Per onesta intellettuale e per amore della verità devo riconoscere che neanche l’impegno del nostro Partito, a livello regionale e nazionale, più volte sollecitato, è stato abbastanza incisivo su questa questione.
Si poteva fare di più. Su questo ne sono convinto.
Questi ex lavoratori, arrivati all’ultima spiaggia, stanchi, delusi, impauriti per il loro futuro e quello delle loro famiglie, hanno messo in atto, da 5 giorni, un’eclatante azione di protesta.
Oltre ad occupare la stanza del Sindaco di Lipari hanno avviato, contestualmente, uno sciopero della fame ad oltranza.
La situazione, purtroppo, sta evolvendo tragicamente con gravissimi malori registratisi tra alcuni aderenti alla forma di protesta, che sono stati ricoverati presso il locale ospedale, avendo portato avanti, e non intendono fermarsi, pervicacemente la volontà di rifiutare qualsiasi tipo d’alimentazione.
Questi ex lavoratori della pomice chiedono in maniera chiara e definitiva di sapere quale sarà la loro sorte e lo stanno facendo con un gesto forte ma pericoloso per la loro salute.
Sperano che, almeno questa volta, il Governo Regionale ed anche quello Nazionale non continuino a prenderli in giro e mantengano gli impegni già assunti e non mantenuti con questi lavoratori, con le loro famiglie e con la comunità eoliana (occupazione certa e Piano di Riconversione delle cave di pomice).
Cari amici, a tal proposito, vi chiedo, non solo la solidarietà per questi ormai ex lavoratori eoliani e per le loro famiglie, che do per scontato, ma azioni politiche concrete, che non siano demagogiche e populistiche, nei modi e nelle forme che ognuno di voi ritiene più opportuno per aiutare a risolvere la questione.
Fiducioso del Vostro impegno, Vi ringrazio e nell’attesa di conoscere le Vostre determinazioni, con stima Vi saluto.
Saverio Merlino
Segretario Reggente Partito Democratico Lipari

Sciopero e dignità (di Anna Miracula)

(Anna Miracula) Così è la vita, momenti in cui non vedi più la luce , momenti in cui non scorgi di lei che un piccolo puntino alla fine di un lungo tunnel buio e speri prima o poi di arrivare alla fine di quel tunnel, massacrato, umiliato, deriso e amareggiato fino all’inverosimile, ma vivo e finalmente sereno.
Solo contro tutto e tutti , nemmeno una mano,un sorriso,una stretta di mano ti risollevano da questo burrone dove senti di essere precipitato e non vedi nessun appiglio dove aggrapparti.
Ecco, io è così che immagino cosa stia vivendo ognuno dei mortificati lavoratori (non mi piace la parola Ex, vale a dire una sconfitta del loro essere persone dignitose).
Ho visto nei loro occhi e negli occhi dei loro familiari un senso di vuoto e di sconforto,misto a rabbia e risentimento verso chi li ha lasciati in balia di un mare in tempesta e adesso non gli sta tendendo una corda per salvarli.
Le mogli, con la stanchezza nei loro volti ,stanno sostenendo i mariti, i colleghi con tutti i sacrifici che questo comporta alla loro normale gestione familiare : figli,anche piccolissimi lasciati presso amici,nonni,parenti ; le loro case abbandonate da giorni ,con tutte le difficoltà che più di altri ogni donna conosce.
Tutte unite e solidali con i loro compagni e con il resto dei lavoratori che ignorano quando e se finirà questa spaventosa vicenda, ma ancor di più stressa l’attesa di sapere il MODO in cui finirà questo calvario.
E tutto questo lo stanno affrontando da soli ,con la solidarietà di parte della popolazione, con il supporto della stampa e dell’informazione on-line, ma senza una mano tesa dalla parte politica, totalmente assente , sia dal punto di vista istituzionale che fisico.
Una indifferenza totale, assurda,ostile , quasi come questi uomini fossero invisibili dentro quel Palazzo che ricordo ,non è una casa privata , ma la sede del Comune di Lipari dove “vive” e si
“nutre”la nostra classe politica.
No, non è questo che si aspettavano queste persone da quest’ultimo tentativo disperato, o forse un po’ lo avevano previsto, reduci dalle esperienze degli anni precedenti, dove tutto è finito nel silenzio.
Loro e i loro figli, futuro della nostra società distaccata che sa della loro protesta solo perché ne legge un trafiletto sui giornali locali e regionali ; Loro e i loro figli sono le vittime, immolate in nome di una scorretta e squallida politica farcita del potere e condita dall’arroganza che si protrae da anni e che ha portato degli uomini onesti e lavoratori a questo punto di rottura .
Credo che il minimo che noi eoliani possiamo fare sia dargli una mano in questo momento difficile,che non è difficile solo per loro ma lo è per tutti noi,e continuerà ad esserlo fin quando non ci metteremo in testa che l’unione di un popolo fa la forza.
Il sacrificio che tutti loro stanno facendo deve servire da esempio alla nostra collettività ; mentre noi stiamo comodamente seduti in poltrona davanti alla tv o a sparare fesserie al Pc, o ancora mentre ci stiamo divertendo nei locali, presso il Palazzo Comunale vi sono padri di famiglia che non dormono,non mangiano un pasto normale già da alcuni giorni, o addirittura non mangiano affatto, e si organizzano i turni per continuare a presidiare la Sala del Sindaco.
E tutto questo ha un solo fine : conquistarsi nuovamente un posto da cittadino dignitoso nella società e guadagnarsi il diritto di poter dire a tutti <>, potersi guardare allo specchio da uomo ,da padre e da marito e tornare ad essere ottimista.
E’il mio augurio per tutti loro, e credo che non sarà una buona Pasqua se prima non si regalerà una speranza a tutte queste famiglie, ma una speranza concreta perché di promesse credo ne abbiano già sentito troppe.
E con le promesse non porti il pane in tavola ai tuoi figli.
Anna Miracula

Tirrenia/Siremar. Lavoratori marittimi di serie C

(Osservatorio Sicilia) I fatti ci inducono a pensare che i Lavoratori Marittimi siano considerati dal Governo lavoratori di serie C, forse perché non possono esercitare il diritto di voto, a differenza dei loro colleghi di tante altre nazioni.
E forse è per questo motivo che ancora oggi non riescono ad essere destinatari dei benefici previdenziali da esposizione all’amianto pur appartenendo ad una categoria che fu tra le più esposte a tale pericoloso materiale. Il Governo, in merito, è di un silenzio assordante.
Il governo della repubblica appare completamente disinteressato alle sorti dei lavoratori del Gruppo Tirrenia di Navigazione. Malgrado le molteplici richieste avanzate dai sindacati di categoria, in testa l’U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M affinchè si possa istituire un tavolo di concertazione, il silenzio è assordante mentre oltre 3.000 lavoratori rimangono nella più assoluta incertezza.
Da questo contesto di indifferenza generale istituzionale si sgancia il Governo Regionale Toscano che in tempi relativamente brevi per la politica italiana, ha perfezionato Accordo Sindacale e risolto le incancrenite vertenze Toremar ereditate dalla precedenza gestione “statale”.
E’ notizia di oggi che le OO.SS. tornano a chiedere con forza il tavolo di concertazione preavvertendo la silente controparte governativa che le stesse non resteranno immobili ed incapaci di giungere a decisioni estreme in presenza di fatti estremi.
L U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M’ afferma che non è nello stile dell’organizzazione esprimere giudizi sull’operato di altre Organizzazioni Sindacali, ma disapprovano fortemente le dichiarazioni di chi, secondo l’ U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M, ,dimenticando il difficilissimo quadro delineato, crede di fare sindacato in forma non certamente “sindacale”. Il nostro ruolo, continua l’U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M è quello di affrontare i problemi reali, nei termini e nei modi dovuti, e non attraverso pubbliche dichiarazioni contro chicchessia, creando spaccature con ricadute negative a carico di chi si rappresenta. Il superamento delle enormi difficoltà passa certamente da una volontà univoca per il raggiungimento degli obiettivi richiesti, come avvenuto per gli ex dipendenti Gruppo Tirrenia di Navigazione ovvero della Toremar. Gli stessi problemi sono presenti in Siremar, di cui ci siamo già occupati, ma a breve tutte le OO.SS. saranno chiamate a difendere unitamente le aspettative ed i destini dei dipendenti del Gruppo Tirrenia di Navigazione”.

Parchi, vetrine e riunioni atipiche. Comunicato stampa di Pietro Lo Cascio

Comunicato Stampa
Apprendo dalla stampa on-line (Eolie News, postato alle 9:49) quanto segue: “Il sindaco di Lipari, Mariano Bruno ha indetto per lunedì prossimo una riunione. Argomenti della discussione il parco delle isole Eolie e la problematica delle tende, delle vetrine e dei condizionatori d’aria”.
Lieto che si parli – finalmente – di questi argomenti, resto perplesso di fronte alle modalità con le quali si “indice” una riunione. Innanzitutto, si tratta di una riunione pubblica o di una riunione per pochi “intimi”, ultima delle mumerose alle quali – a quanto mi risulta – partecipano SOLO i consiglieri di maggioranza. Se si tratta di un incontro pubblico, lunedì a che ora? Presso il comune, ma esattamente dove, nell’aula consiliare o nella sala congressi? Si porteranno delle carte, dei documenti, o sarà solo una riunione dove dare libero sfogo a opinioni vaghe basate su cognizioni inesistenti, ed evidentemente indisponibili? Come si può poi pensare di affrontare credibilmente, nel corso di un’unica riunione, argomenti di straordinaria complessità come il parco, da una parte, e le vetrine e i condizionatori, per i quali numerosi cittadini del Comune di Lipari hanno ricevuto avvisi di garanzia, dall’altra? Come si pensa infine di dare diffusione alla notizia, affidata a due righe e mezzo di comunicazione e passata praticamente inosservata sui siti web? Si utilizzeranno manifesti? Banditori pubblici? Megafoni? Volantini lanciati da un elicottero, o uno striscione attaccato sulla poppa di quello dell’elisoccorso?
Se invece avessi interpretato male, e la riunione è aperta a una selezionata cerchia di partecipanti, vorrei allora comprendere per quale motivo il sindaco la indica il giorno 15, quando il giorno dopo è stato convocato un consiglio comunale sull’argomento del parco? Non è, per caso l’ennesimo tentativo di scavalcare il legittimo organo di rappresentanza dell’intera cittadinanza, che è – e resta, con buona pace del sindaco – proprio il consiglio comunale?
Queste e altre domande sono, probabilmente, frutto di miei limiti di comprensione, che desidero però esprimere nella certezza che altri colleghi consiglieri, e tanti altri cittadini, siano come me vittima di questo imbarazzante problema.
Pietro Lo Cascio, consigliere comunale di Sinistra e Libertà
NDD- Caro consigliere Lo Cascio,
la notizia da noi pubblicata (ma credo anche da altri organi d'informazione) è solo il "frutto" di quanto comunicatoci, prima dello svolgimento dell'ultimo consiglio comunale, da un componente l'amministrazione
Anche noi siamo rimasti perplessi circa il "miscuglio" di argomenti e, come le fa giustamente rilevare, anche noi abbiamo cercato di capire quali fossero le modalità e l'orario.
Ci è stato riferito che si stava ancora verificando quale fosse quello più "congruo" e che ci sarebbe stato comunicato.
Anche noi, come lei e i lettori, attendiamo di sapere.

venerdì 12 marzo 2010

Le Eolie all'ITB di Berlino

Anche quest’anno le Eolie stanno facendo bella mostra d se all’ITB, principale fiera del settore turistico, in corso a Berlino dal 10 al 14 marzo.
Uno stand, personalizzato, presso l’area ENIT, permette di accogliere gli operatori del settore e i numerosi visitatori della fiera. Presso lo stand, allestito con foto e uno schermo al plasma proiettante documentari sulle Eolie, è possibile ritirare una brochure che illustra le principali caratteristiche dell’offerta turistica eoliana e che riporta tutte le strutture turistiche aderenti all’iniziativa.
La partecipazione, organizzata anche da Federalberghi, fa parte del programma fieristico 2010 che, dopo le partecipazioni di Vienna, Milano e Monaco, vedrà presenti le Eolie anche a Parigi e a Londra.
Di grande rilevanza la conferenza stampa delle Eolie di giovedì pomeriggio - tenuta, tra gli altri, dal Presidente di Federalberghi Christian Del Bonoda Damiano Maio della Tarnav - per la caratura degli intervenuti.
Oltre all’Assessore al Turismo della Regione Sicilia, Nino Strano erano, infatti, presenti anche il Direttore d’Area ENIT per la Germania, l’Austria, la Svizzera e i Paesi dell’est Europa, Marco Montini e il direttore dell’ENIT di Monaco, Leonardo Campanelli.
Alla platea, formata principalmente da giornalisti ed intermediari del settore turistico, le Eolie sono state presentate per il ricco mix di attrazioni (storia, natura, wellness, eventi, enogastronomia, produzioni tipiche e tradizioni popolari) che sono in grado di proporre in aggiunta al sole e al mare. Da sottolineare la squisita ospitalità garantita dall’ENIT e la grande disponibilità e dichiarata attenzione mostrata nei confronti dell’Eolie da parte dell’Onorevole Strano.

STROMBOLI: "ESPLOSIONE MAGGIORE" E FRANE NELL'AREA DEL VULCANO

(AGI) Un "evento esplosivo maggiore" sullo Stromboli e' stato segnalato dall'Istituto nazionale di genofisica e vulcanologia. Tale evento, spiegano i tecnici, presenta le caratteristiche sismologiche tipiche delle esplosioni maggiori, con una parte iniziale ad alta frequenza di ampiezza medio-alta e una coda di tremore vulcanico, di ampiezza alta, della durata di circa dieci muniti. L'Osservatorio vesuviano alcune ore prima aveva registrato, peraltro, tre segnali simici associabili a eventi franosi di piccola entita' nell'area della Sciara del fuoco, conseguenza di precedenti esplosioni e, quindi, probabilmente legati al rotolamento lungo la Sciara del materiale emesso.

Sabatini...per avere il referente politico che manca ad altri "passa" alla Lega Nord?

Riceviamo e pubblichiamo:
Da troppo tempo i partiti di maggioranza rappresentati nel Consiglio Comunale del Comune di Lipari (MPA, AN e FI) non sono stati in grado di risolvere le evidenti necessità degli ex lavoratori della PUMEX.
Proprio ieri durante la seduta di Consiglio Comunale il Sindaco di Lipari Mariano Bruno esponente di FI, ha pubblicamente dichiarato che se pur avendo promosso il massimo impegno non è stato “all’altezza di farsi ascoltare” dai Suoi Onorevoli e Ministri di partito e di coalizione.-
Il sottoscritto è stato eletto in una lista civica denominata Nuovo Giorno e forse per questo non posso far altro che mettere tutto me stesso e tutta la mia attenzione per aiutare gli amici in difficoltà non avendo nessun referente politico a cui posso rivolgermi.-
Poi questa notte, pensando e ripensando ai tragici accadimenti durante il Consiglio Comunale, mi è venuta un’idea, una soluzione.-
Mi rivolgo a BOSSI e aderirò alla LEGA NORD così avrò anch’io un partito a cui rivolgermi per provare a risolvere le necessità degli ex lavoratori della PUMEX.-
Non credo che BOSSI abbia niente in contrario ad essere rappresentato da un terrone in seno al Consiglio Comunale di Lipari.
Anticipo quindi questa mia decisione e presto farò la dichiarazione di appartenenza alla LEGA NORD, avrò un partito a cui riferirmi, degli Onorevoli a cui rivolgermi e dei Ministri che potranno legiferare in favore degli ex lavoratori.-
Gli Eoliani mi scuseranno se dopo parlerò “lumbard” e dovrò dire pubblicamente di averlo “duro”, ma se voglio fare qualcosa…….
Viva il NORD, viva la LEGA NORD.-
Adolfo Sabatini
Consigliere Comunale

Lipari: E le chiamano strade! Rischi ovunque per centauri ed automobilisti. Tragicamente ridicolo non intervenire

Strade di Lipari sempre più dissestate. Vere e proprie trappole per automobilisti e centauri ma anche per i pedoni. Tra qualche ora vi proporremo un video tour (vi risparmiamo Porticello) che parte dai lavori in corso sulla sprofondata Via Isa Conti, alle mini e maxi buche davanti alla scuola media di Lipari, al tombino e ad un tratto della via S. Lucia che sta sprofondando, alle pericolosissime basole "erette" della discesa di Sant'Anna, al mancanto intervento e alle mini frane di Bagnamare, al prossimo sprofondamento di Calandra. Ma è solo un esempio del degrado che regna sulle strade! Oltre a vergognarsi qualcuno pensa di intervenire per evitare drammi?

IL VIDEO:

Il video è visibile anche su http://www.youtube.com/watch?v=F59Y0ues0Kc

Drammatica situazione degli ex lavoratori della pomice. Il sindaco Bruno scrive al ministro, al presidente e agli assessori regionali e al prefetto

Al Sig. MINISTRO DELL’AMBIENTE E TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE, On. Stefania PRESTIGIACOMO, Al Sig. PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIANA, On. Raffaele LOMBARDO, Al Sig. ASSESSORE REGIONALE DEI BENI CULTURALI E DELL’IDENTITà SICILIANA, On. Gaetano ARMAO, Al Sig. ASSESSORE REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE, On. Roberto DI MAURO, Al Sig. ASSESSORE REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO, On. Nicola LEANZA Al Sig. PREFETTO
Dott. Francesco ALECCI e,p.c. Alle CONFEDERAZIONI SINDACALI CISL – CGIL - UIL E' STATA INVIATA DAL SINDACO DI LIPARI, MARIANO BRUNO, UNA NOTA AVENTE PER OGGETTO: Situazione drammatica ex lavoratori pomice.
La drammatica situazione degli ex lavoratori della pomice, da oltre un triennio portata a conoscenza delle SS.LL., è sfociata in una eclatante occupazione della stanza del Sindaco e contestuale avvio dello sciopero della fame da parte di alcuni lavoratori.
La situazione si sta evolvendo tragicamente con gravissimi malori registratisi tra alcuni aderenti alla forme di protesta, che sono stati ricoverati presso il locale ospedale, avendo portato avanti pervicacemente la volontà di rifiutare qualsiasi tipo di alimentazione.
Tra i lavoratori è persistente la volontà della continuazione delle forme di lotte con ulteriori adesioni allo sciopero della fame.
Al fine di ridare funzionalità alle attività istituzionali, di riportare tranquillità nei lavoratori e nelle loro famiglie si chiede a ciascuna delle Autorità in indirizzo, per la parte di competenza, di voler convocare un tavolo di lavoro alla presenza anche delle forze sindacali per un esame della situazione che consenta in maniera chiara e definitiva di far conoscere al Comune di Lipari e agli stessi lavoratori quale sarà la loro sorte in considerazione di accordi sottoscritti ed atti amministrativi prodotti e compiuti.
IL SINDACO
(Dott.Mariano Bruno)

Ex Pumex: Leanza convoca i sindacati a Palermo

Raccogliendo l'istanza avanzata nei giorni scorsi dalla Filca Cisl Sicilia e da quella messinese, l'assessore regionale all´assessore regionale al Lavoro, Politiche Sociali e Famiglia on. Nicola Leanza ha convocato per mercoledì prossimo alle 15 e 30 una riunione a Palermo. Vi prenderanno parte il segretario regionale della Cisl Maurizio Bernava, i segretari generali di Filca Cisl Sicilia Santino Barbera e della Filca messinese Giuseppe Famiano e una ristretta delegazione degli ex pomice (3/4 al massimo).
All'incontro dovrebbe partecipare anche il sindaco Mariano Bruno.
L'incontro urgente era stato chiesto, all'indomani dell'occupazione della stanza del sindaco e dell'inizio dello sciopero della fame, "per affrontare la vertenza in maniera costruttiva e definitiva, trovando - attraverso l´istituzione di un tavolo specifico - la soluzione finalizzata al reinserimento occupazionale e soprattutto riporti serenità a tutti i lavoratori interessati e alle loro famiglie".

L'ORDINE DEL GIORNO PRO-PUMEX

L'ORDINE DEL GIORNO APPROVATO IERI SERA ALL'UNANIMITA' DAL CONSIGLIO COMUNALE DI LIPARI:
Il Consiglio Comunale di Lipari approva e sottoscrive il seguente Ordine del giorno:
Di esprimere la piena solidarietà ai lavoratori del settore pomicifero del Comune di Lipari che si stanno battendo per un diritto garantito dalla costituzione italiana: il diritto al lavoro;
Di Invitare il Presidente della Regione Siciliana, On.Le Raffaele Lombardo, a partecipare ad una seduta straordinaria del consiglio Comunale per affrontare e risolvere la delicata problematica dei lavoratori del settore pomicifero alla luce degli impegni assunti dai precedenti Governi Regionali;
Di Invitare il Presidente della Regione Siciliana, On.Le Raffaele Lombardo, nel caso di impossibilità a partecipare alla seduta del consiglio comunale sopra detta, a ricevere in un incontro a Palermo, il Consiglio Comunale di Lipari per trattare la delicata problematica che investe i lavoratori del settore Pomicifero del Comune di Lipari;
Di chiedere ai parlamentari regionali eletti nella provincia di Messina di sollecitare il Governo Regionale per il mantenimento degli impegni assunti con gli operai del settore pomicifero e con la comunità eoliana;
Di invitare il Presidente del consiglio a riconvocare il consiglio comunale entro 15 giorni per verificare se il Governo Regionale ha recepito quanto richiesto dal presente ordine del giorno e in caso contrario per organizzare forme di lotta e di protestata ancora più incisive;
Di invitare il Presidente del Consiglio Comunale a convocare una seduta del consiglio comunale, entro sette giorni dalla odierna deliberazione, per trattare la problematica del Piano di riconversione delle cave di pomice e l’istituzione del Parco geo-minerario della Pomice come già posto in essere nella Regione Siciliana per i parchi delle Zolfatare
Il sopra riportato ordine del giorno, proposto dal gruppo di minoranza (primo firmatario Pietro Lo Cascio), è stato integrato con quest'altro, predisposto dal Faro (primo firmatario Francesco Megna)
IL CONSIGLIO COMUNALE
IMPEGNA L’AMMINISTRAZIONE
a mettere in mora la Regione Siciliana, diffidandola a mantenere gli impegni presi in sede di Conferenza dei Servizi del 24/1/2008, sottoscritti per il Comune di Lipari dal Presidente del Consiglio Comunale Rag. Giuseppe Longo su delega del Sindaco, per il Museo Archeologico Eoliano dal Direttore Dott. Riccardo Gullo, per l’Assessorato Regionale al Lavoro dal Capo di Gabinetto dott. Paolo La Ferla, per l’Assessorato Regionale ai Beni Culturali dal Capo di Gabinetto Dott. Sergio Gelardi;
ad avviare l’iter procedurale per la gestione a favore di società a capitale interamente pubblico, “IN HOUSE”, di tutti i servizi pubblici locali, ai sensi dell’art. 23 bis comma 3 della Legge 133/2008, così come modificato dall’art. 15 comma 3 della Legge 166/2009;
di prevedere l’impiego dei lavoratori ex Pumex, nelle società di gestione dei servizi pubblici locali, ai sensi della vigente normativa, ovvero chiedendo formale deroga al Presidente della Regione Siciliana, a tutti i gruppi parlamentari dell’Assemblea Regionale Siciliana, all’Agenzia Regionale per i Rifiuti e le Acque, che preveda il passaggio diretto ed immediato dei lavoratori ex Pumex.
Primo firmatario: Francesco Megna + 6

Il consigliere Sabatini in sintonia con l'assessore Arabia "Il porto principale per le Eolie sia Messina"

Riceviamo e pubblichiamo:
Non voglio dedicare troppo tempo alla notizia relativa alla "mozione del consigliere Russo", che reputo priva di ogni significato ed inutilmente attenzionata.-
Ma nel dubbio che lo stesso consigliere Russo pensa di averci preoccupato, come CITTADINO e Consigliere Comunale in uno dei Comuni delle Isole Eolie, mi dichiaro assolutamente in sintonia con l'Assessore Domenico Arabia sullo spostamento del porto principale da e per le Eolie a MESSINA e mi dichiaro disponibile a votare favorevolmente una MOZIONE in tal senso.-
Adolfo Sabatini
Consigliere Comunale

Ex Pumex. Si fanno identificare i consiglieri Fonti, Lo Cascio e Megna. L'ex Pumex Sturniolo parla di "comunità non solidale".

Insoddisfatti dell'atteggiamento tenuto ieri sera dal consiglio comunale e dall'amministrazione di Lipari, va avanti lo stato di agitazione degli ex Pumex. Prosegue, quindi, l'occupazione e lo sciopero della fame.

Stamattina, in linea con quanto concordato ieri nell'ambito del civico consesso, i consiglieri comunali Gesuele Fonti, Pietro Lo Cascio e Francesco Megna hanno raggiunto gli ex Pumex nella stanza del sindaco procedendo a farsi identificare dagli agenti di polizia municipale in servizio.
Immagini che vedrete nel video sottostante unitamente l'intervista rilascia ad Eolienews da Pietro Sturniolo:


Politica e riflessioni (di Salvatore Naso)

(Salvatore Naso) Quando ero bambino mi raccontavano che una volta per vincere le elezioni amministrative era indispensabile costituire liste civiche e i partiti dovevano accontentarsi di pochi coraggiosi per formularne una; le liste civiche puntualmente vincevano le lezioni e cominciavano a dare battaglia perchè libere, sganciate dai partiti, poi erano gli stessi partiti che per conquistare gli uomini e potersi garantire la presenza e di conseguenza il prestigio su tutto il territorio dovevano cedere qualcosa, così vi erano gli eoliani al parlamento e le concessioni di benefici alle Eolie.
Oggi le campagne elettorali per le amministrative si fanno tra partiti, o meglio tra uomini che, spesso senza tessera, si offrono ai partiti sperando di ricevere in cambio tutele e prestigio. La conseguenza è che i partiti non hanno più bisogno di conquistarsi nulla e nessuno, neanche la stima dei cittadini del territorio, tanto alle prossime elezioni dovrai schierarti con qualcuno di loro o con una coalizione da loro orchestrata; gli amministratori e i consiglieri di turno, sia essi di maggioranza o di opposizione vengono svuotati di forza ed efficacia e le decisioni del territorio vengo prese dagli alti dirigenti di partito; gli eoliani al parlamento nazionale ce li possiamo dimenticare; i problemi rimangono irrisolti, salvo qualche colpo di mano pre campagna elettorale.
Questa tediosa premessa per arrivare ad una domanda molto attuale: cosa aspettano i politici di casa nostra a sganciarsi dai partiti? Che benefici ne hanno avuto in termini di risoluzione delle problematiche del territorio? Questione operai ex pumex - Questione Acquacalda - Questione Trasporti - Questione sicurezza del territorio, soprattutto lungo le strade provinciali - Questione Ospedale - Questione spiagge; su quali di questi argomenti c'è stato un intervento dei partiti atto a risolvere il problema? Nulla solo illusioni e "ci penserò" in concreto il politico eoliano è disarmato e impotente di fronte a qualsiasi problema.
Riflettete politici eoliani e quando manifestate solidarietà, maggioranza e opposizione, fatelo in modo personale, sulla vostra persona potete garantire e la gente lo apprezzerà di più, invece se manifestate solidarietà per conto dei partiti ai quali appartenete, siete sicuri di

CittadinanzAttiva attenta ai problemi della sanità eoliana, "bacchetta" il vice-sindaco China

COMUNICATO STAMPA
La nostra associazione, come si evince dalla fitta corrispondenza avuta (bontà loro) con gli uffici dell'assessorato alla Sanità e del direttore generale dell'Asp 5 , è molto attenta alle problematiche inerenti alla sanità nelle Eolie.
Il vice sindaco Giulio China sbaglia quando afferma che il dott. Mobilia intende demolire la realtà del nostro presidio ospedaliero: tutt'altro, grazie al dr. Mobilia e al sindaco Mariano Bruno si è potuta organizzare, per giorno 18 marzo alle 11,30 presso l'ufficio dell'Urp e di CittadinanzAttiva, un incontro dibattito proprio sui problemi incombenti nel nostro presidio ospedaliero, in cui sono stati invitati i sindaci di Santa Marina Salina, Malfa, Leni e tutti gli operanti nel settore sanità delle Eolie, ivi compresi tutte le autorità civili e ecclesiastiche, ma forse di tutto ciò il vice sindaco non è al corrente.
Inoltre siamo felici delle richieste del vice sindaco: l'ortopedico, il potenziamento del reparto di cardiologia, altri anestesisti, altri medici per la dialisi, ma arriva con notevole ritardo, in quando la nostra associazione aveva già, tempo or sono, sollevato tali problemi agli organi competenti. Pertanto noi chiederemmo al vice sindaco, di occuparsi a tempo pieno di tali problematiche, e non saltuariamente, e cercare di capire a pieno le intenzioni di chi, di tali problemi ne ha fatto ragione di vita, evitando in tal modo di correggere terzi.

FORMAZIONE: CENTORRINO FIRMA BANDO PER MESTIERI DI MARE E PESCA

L'assessore regionale per l'istruzione e la formazione professionale, Mario Centorrino, ha firmato un bando 'in.for.MARE', per la realizzazione di attivita' formative destinate alla gente di mare per lo sviluppo dei nuovi mestieri del mare e della pesca.
La finalita' dell'intervento proposto dalla Regione siciliana, in armonia con le innovazioni introdotte dalla programmazione del Fondo sociale europeo per il periodo 2007-2013, e' quella di garantire un'offerta formativa di qualita' nel territorio siciliano in grado di assicurare le competenze professionali necessarie a sostenere l'occupabilita' di personale marittimo, e piu' in generale, del settore della nautica e della pesca.
Una offerta che si colloca, per quelle professioni che lo richiedono, nel pieno rispetto delle disposizioni emanate dal ministero delle Infrastrutture e dei trasporti (e ove previsto anche d'intesa con il ministero della Istruzione, Universita' e della Ricerca), e con la normativa emanata dall'organizzazione Marittima internazionale, contenute nella convenzione internazionale sugli standard minimi di addestramento e certificazione della gente di mare (STCW'95).
In particolare le proposte formative presentate sul bando devono concorrere a:
"integrare ed approfondire l'istruzione scolastica e/o professionale fornendo le conoscenze e i titoli necessari per inserirsi nel mercato del lavoro e nei percorsi di carriera della gente di mare;
contrastare e prevenire la disoccupazione della gente di mare con particolare riferimento al personale marittimo che rischia di essere espulso dai processi produttivi in quanto privo di competenze".

'A 'Za Lina ('A Papella) rivive in guida turistica della Sicilia in lingua polacca

Guardando la guida turistica (in lingua polacca) della Sicilia appartenente ad una mia amica di Cracovia, in vacanza in atto a Lipari, sono rimasto felicemente sorpreso dal vedere che la foto di copertina ritraeva un personaggio della nostra Lipari che di recente ci ha lasciati.
Ritrovare su quella guida la foto da 'Za Lina (A' Papella), davanti al suo negozio della XXIV Maggio, è stata davvero una emozione forte che voglio condividere con i lettori delle nostre news.
Nello stesso tempo una occasione per ricordarla

Il Camaro si gode il grande riscatto dell'esperto Riganò

E' finalmento arrivato il primo gol in maglia giallorossa per il liparese Massimo Riganò. Un gol pesantissimo che vale tre punti. Un gol in un momento delicato per il Camaro. Reduce da due sconfitte consecutive ha ridato quella serenità necessaria per affrontare l'ultimo scorcio di stagione.
Il bomber eoliano, non più giovanissimo, ad aprile compirà 37 anni, ha aspettato pazientemente il suo momento senza mai creare problemi nello spogliatoio, contribuendo, anzi con la sua esperienza a trasmettere serenità.
Giocatore furbo, vero rapinatore dell'area di rigore, domenica è stato lui l'uomo partita. Quarantacinque minuti da vero protagonista, un gol, un paio di occasioni pericolose e tanta voglia di regalare soprattutto la vittoria al Camaro.
– Un gol dal sapore particolare anche perché contro una ex squadra?
«Assolutamente no. Anzi per certi versi mi dispiace perché all'Orlandina necessitavano punti per una maggiore tranquillità. Per noi era importantissimo tornare a vincere perché le critiche, ingiuste, che ci sono piovute addosso dopo le due sconfitte consecutive stavano distruggendo quando di buono fatto fin'oggi. Nessuna rivalsa, sono ovviamente felicissimo di aver contribuito con una mia rete a ridare serenità al Camaro, che adesso potrà affrontare le ultime quattro gare con maggiore serenità».
– Questo gol cosa significa per te in ottica futura...
«Assolutamente nulla. Come sempre sarò a disposizione del tecnico rispettando le sue scelte».
I numeri non si possono contestare e quindi non sfugge l'enorme differenza di reti realizzate tra le formazioni che vi precedono in classifica e voi...
«Sicuramente, ma la nostra è stata una stagione straordinaria, i 51 punti conquistati rappresentano un ottimo score, l'unico neo in questa stagione, la presenza di formazioni stratosferiche che non hanno nulla a che vedere con questa categoria. È chiaro che se avessimo realizzato qualche rete in più forse avremmo potuto puntare ancora più in alto. Ma vi assicuro che quello che è stato fatto è straordinario».

Eolnet e Internet WIFI nelle Eolie

Eolnet, in collaborazione con una importante azienda che si si occupa di connettività, ha la possibilità di offrire connessione Internet WIFI nei luoghi delle Isole Eolie non connessi.
Per verificare le potenzialità della cosa e per sapere dove ci sono le maggiori necessità chiediamo a chi fosse interessato o avesse necessità diulteriori informazioni di compilare il seguente form http://www.eolnet.it/prenotazioni/richiestainfowifi.asp
Potremmo in questo modo capire l'interesse che suscita la cosa riuscendo anche ad organizzare meglio la copertura della zona richiesta.
Ovviamente la compilazione del form non rappresenta alcun impegno

Istituto Comprensivo Lipari 2. Le graduatorie del personale esperto

Istituto Comprensivo 2 Lipari - Comunicato
Sono pubblicate all’Albo della Scuola le graduatorie definitive per la selezione del personale esperto da utilizzare nei percorsi P.O.N. citati in oggetto.
IL DIRIGENTE SCOLASTICO
Prof. Giuseppe Li Donni
“ Le scienze attraverso i robot”
1 Nocifora Fabrizio 26
2 Cardone Marco 12 Precede per età
3 Cortese Massimiliano 12
4 Meloni Massimiliano 7
5 Marino Luca 4
6 Macaione Chiara 2 Precede per età
7 Natoli Giuseppe 2 Precede per età
8 Bernava Paola 2
“ A scuola di turismo”
1 Basile Francesca 32
2 Cammarano Teresa 19
3 Corrieri Davide 13 Precede per età
4 D’Ambra Daniel 13
5 Pajno Ersilia 12
6 Catena Guendalina 11
7 Natoli Roberta 9
8 Doria Mariachiara 7
9 Giardina Maria 5
10 Marino Valentina 4
11 Circolo Vincenza 3
12 Macaione Chiara 2
13 De Luca Tiziana 0.50 diplomata
“ La Vita sotto le Eolie”
1 Scontrino Antonino * 24.50 Con brevetto di istruttore e adeguata attrezzatura subacquea per tutti gli allievi, finalizzata all’attivazione del laboratorio
2 Isgrò Carmelo 13
3 Conti Fortunata 2 Precede per età
4 Scolaro Mariangela 2
Azione obiettivo F/1 FSE- 2009-1683
“ Crescere nella scuola”
1 Pino Antonino 34
2 Panciotto Caterina 32
3 Concetta Alessandro 30
4 Impalà Maria Angela 22
5 Picciolo Giusy 17
6 La Torre Daniela 14
7 Catena Guendalina 12 Precede per età
8 Caselli Claudia 12
9 Basile Francesca 8
10 Giardina Maria 2 Precede per età
11 Macaione Chiara 2 Precede per età
12 Natoli Angelo 2
13 De Luca Tiziana 0.50 diplomata
“I piccoli informatici Vulcano”
1 Nocifora Fabrizio 36
2 Basile Francesca 17
3 Lo Presti Andrea 15
4 Cardone Marco 12
5 Meloni Massimiliano 11
6 Marino Luca 4 Precede per età
7 Macaione Chiara 4
8 Corrieri Davide 2 Precede per età
9 Bernava Paola 2
10 Merlino Patrizia 1.50 diplomata
“I piccoli informatici Pianoconte”
1 Nocifora Fabrizio 36
2 Basile Francesca 17
3 Lo Presti Andrea 15
4 Cardone Marco 12
5 Meloni Massimiliano 11
6 Marino Luca 4 Precede per età
7 Macaione Chiara 4
8 Corrieri Davide 2 Precede per età
9 Bernava Paola 2
10 Marturano Roberto 7.50 diplomato
11 Merlino Patrizia 1.50 diplomata
“I piccoli informatici Quattropani”
1 Nocifora Fabrizio 36
2 Basile Francesca 17
3 Lo Presti Andrea 15
4 Cardone Marco 12
5 Meloni Massimiliano 11
6 Marino Luca 4 Precede per età
7 Macaione Chiara 4
8 Corrieri Davide 2 Precede per età
9 Bernava Paola 2
10 Marturano Roberto 7.50 diplomato
11 Merlino Patrizia 1.50 diplomata
“Musica/Insieme”
1 Brundu Barbara 14 Precede per età
2 Restuccia Fortunata 14
3 Mollica Davide 0.50 diplomato
“Biologia marina delle Eolie”
1 Ruggeri Marika 20
2 Macaione Maria Teresa 14
3 Isgrò Carmelo 12
4 La Greca Antonino 3
5 Conti Fortunata 2 Precede per età
6 Scolaro Mariangela 2 Precede per età
7 Giardina Maria 2
“In/Formare”
1 De Luca Nunzio Maria 26
2 Brundu Barbara 14 Precede per età
3 Caselli Claudia 14
4 Meloni Massimiliano 6
5 Messina Francesca 5
6 Macaione Chiara 2 Precede per età
7 Bernava Paola 2
8 De Luca Tiziana 0.50 diplomata

Parco e tende. Lunedì riunione al comune di Lipari

Il sindaco di Lipari, Mariano Bruno ha indetto per lunedì prossimo una riuniono. Argomenti della discussione il parco delle isole Eolie e la problematica delle tende, delle vetrine e dei condizionatori d'aria

La vicenda degli ex Pumex sulla Gazzetta del sud di oggi

Staffetta tra disperati Altri lavoratori al posto dei compagni stremati
(gazzetta del sud - Salvatore Sarpi)
"Barcolliamo ma non molliamo". Sembra essere il leit-motiv degli ex Pumex impegnati a rivendicare il diritto al lavoro sottrattogli attraverso l'estremo tentativo dello sciopero della fame e dell'occupazione della stanza del sindaco di Lipari, Mariano Bruno.
Le precarie condizioni di salute di Maurizio Cesario e Michel Raffaele, due dei tre ex operai che stavano portando avanti l'iniziativa dello sciopero della fame e che sono stati trasportati in ospedale "giocoforza" ,dopo una visita medica, non interrompono la protesta degli ex Pumex. Il loro posto è stato già preso da Gaetano Saltalammacchia, Ciccio Carbonaro e Neda Saltalamacchia. Altri, comunque, sono già pronti allo sciopero della fame.
«Mi vergogno – ha detto Gaetano Saltalamacchia, prima di iniziare lo sciopero della fame – a non poter prontamente dare a mia figlia la piccolissima cifra che mi chiede di tanto in tanto». Durissimo Maurizio Cesario in un faccia a faccia con il sindaco Mariano Bruno: «Gli operai della Pumex siamo un peso ma non perchè non riuscite a ridarci il nostro lavoro. Per voi è un problema averci in mezzo ai piedi».
Intanto a fianco dei lavoratori in lotta sono scese in campo ieri pomeriggio le donne dell'isola direttamente coinvolte, unitamente ai laro figli, alcuni in tenera età. Hanno presidiato l'aula consiliare, chiedendo con fermezza e, comunque, con grande compostezza, il diritto ad un posto di lavoro per i loro cari. «Quel posto che avevano – hanno ribadito all'unisono – e che gli è stato sottratto in nome di un titolo che ci ha solo affamato».

Ticket. "Avanti il prossimo" di Gianni Iacolino

(Gianni Iacolino) Chi la fa......l'aspetti !
Così recitava un vecchio proverbio.
In un paese così difficile da riconoscere, come l'Italia, ognuno si sente più furbo dell'altro, o, quantomeno, più defraudato dell'altro.
Lo fa il Comune di Lipari nei confronti di chi arriva ( e per fortuna che ancora arriva ), lo ripeterà l'amministrazione di Messina per chi attraverserà lo Stretto. E quelli di Milazzo sono mica più fessi? Ed allora anche loro alla carica: ticket per chi sbarca dalle isole.
Tre comuni della stessa provincia, dirimpettai, tre sindaci dello stesso pensiero politico ed amministrativo.
In questa forsennata rincorsa a chi può ricavare di più infilando le mani - non diceva così Silviuccio ? - nelle tasche dei cittadini viaggiatori, non sarebbe augurabile un bel balzello per i Liparoti che fanno scalo a Salina e viceversa , magari con lo sconto residenti alla Eolie, per fottere Messinesi e Milazzesi che hanno osato imitarci ed , oltretutto, residenti non sono? E poi, che siamo tutti gli stessi? I Salinari stanno a due miglia da noi ed i Milazzesi a poco più di venti: la paranoia localista prende il sopravvento; poche miglia non sono una distanza, ma una parodia della distanza.
Antiche visioni rurali,campanilistiche, strapaesane di una superata tradizione medievale, contadina.
Il problema è che tutto questo armamentario di campanilismo e di visione limitata al proprio naso, sposandosi con la voglia di fare cassa con facilità, è diventato politica e governo.
Continuate così, siamo in buone mani!

La mia esperienza a fianco degli ex Pumex (di Dimitri Greco)

(Dimitri Greco) Ho avuto modo di presenziare alla seduta del consiglio comunale riguardante il problema che sta coinvolgendo 38 lavoratori della Pumex che ancora oggi per protesta sono in sciopero della fame. Secondo il mio punto di vista personale c’è un continuo “SCARICA BARILE”, che non può continuare ad attuarsi di volta in volta.
Ho riscoperto per l’ennesima volta il gusto aspro della mala-politica che viene fatta da alcuni amministratori e consiglieri concretizzata dalle chicchere e non dai fatti, ma sicuramente non è questo che mi abbatte nel protestare e chiedere esasperatamente il vero senso civico. L’esperienza che mi ha profondamente toccato è stata quella di partecipare attivamente alla protesta presenziando negli uffici comunali sino a tarda notte (02:30) che ricordo sono occupati dai lavoratori stessi, che continuano con forza e determinazione la loro protesta per ottenere il sacrosanto diritto al lavoro.
Ho avuto modo di confrontarmi, parlare e discutere con alcuni lavoratori (Bartolo, Tiziano ecc…) che con grande piacere mi hanno accolto e dato la possibilità di esprimere le mie opinioni in merito.
Questo mi aiuta a cresce dal punto di vista morale e capire che le difficoltà della vita sono diverse.
Spero con tutto il cuore che la situazione attuale venga definitivamente risolta, dando la possibilità a tutti coloro che si trovano in questa drammatica situazione di avere uno stipendio e un lavoro che soddisfi in parte le loro esigenze.

Ticket per gli eoliani a Milazzo. "Consigliere Russo si documenti...e rifletta". Intervento dell'assessore liparese Ivan Ferlazzo

Riceviamo e pubblichiamo:
Egregio Direttore,
mi permetto di commentare con animo decisamente amareggiato circa la mozione presentata dal Consiglere Comunale del Comune di Milazzo Pippo Russo, che, seppur legittimato a dire la sua nell'ambito del civico consesso mamertino, dovrebbe "studiare" bene e soprattutto "leggere" i documenti che vengono prodotti al fine di non sparare a zero sulla popolazione eoliana. Mi riferisco innanzi tutto al ticket istituito dal Sindaco di Messina, probabilmente giusto, dal quale sono esonerati tutti i cittadini residenti nelle Provincie di Messina e Reggio Calabria, quindi anche Lei ed io.
Dovrebbe inoltre farsi un giro per le vie limitrofe al porto di Milazzo, e contare le aree di sosta libere, così come Lei le chiama. Sono pochissime, forse due o tre, per un totale di circa cento posti auto (probabilmente meno). Mi pare che una città che conta più di trentamila abitanti riesca a sopportare il "grandissimo" disagio procurato da queste circa cento auto parcheggiate che, in quanto tali, non creano danni alla circolazione. I parcheggi a tempo sono ovunque nelle vie limitrofe al porto, quindi l'eoliano sa che, se vuole un parcheggio libero, deve andare ben lontano dal porto, mentre molto più spesso, proprio per non avere questo stress, preferisce tenere la propria auto in uno dei tanti garage sorti, chissà come mai, proprio intorno l'area portuale, oppure addirittura la noleggia, garantendo quindi un certo business.
La invito a passare qualche ora sul porto di Milazzo all'arrivo dei primi aliscafi e/o navi la mattina, vedrà come Noi Eoliani, tutto l'anno, e non solo durante il periodo estivo, garantiamo a Voi amici della città di Milazzo un cospicuo ritorno economico.
Nella bella Milazzo, che da un po di tempo a questa parte sta cercando di darsi un volto nuovo, più moderno, e probabilmente più funzionale, e con questo devo fare i miei complimenti all'attuale Sindaco ed alla sua Amministrazione, vivono sicuramente delle splendide persone che sanno bene che le Eolie rappresentano sicuramente un bene poichè creano un notevole indotto per la locale economia. Veda, caro Consigliere, il "mordi e fuggi" è un problema che attanaglia sicuramente di più le Eolie della Sua città. Una città ricca di storia che ha pagato, certe "scelte" fatte in passato e magari perchè accecati dall'immediato guadagno economico, con un pesante disagio sociale ed ambientale che si sta ripercuotendo nella zone limitrofe.
Veda, Noi Eoliani, ma così anche gli amici turisti che passano per venire alle Eolie, non siamo contenti se le cattive condizioni metereologiche creano disagi, impedendoci un tranquillo ritorno a casa o il raggiungimento di una meta, magari sognata per l'intero anno lavorativo.
Il disagio creato alla popolazione di Milazzo il 9 marzo u.s., e per il quale chiedo scusa agli amici della citta del capo, è stata una reazione esasperata, di gente che è stufa di soffrire per un proprio diritto. Il diritto alla mobilità, che qualcuno dall'alto probabilmente ha dovuto attenzionare perchè nel corso degli anni troppi sono stati gli sprechi, ed ora Noi ne paghiamo le conseguenze. Una mobilità che a tutti i cittadini del mondo, grazie all'acquisto di semplice abbonamento, consente di raggiungere uno dei più bei posti d'Italia allo stesso prezzo di un residente...
Caro Consigliere Russo, io spero che Lei rifletta sulla mozione presentata, la riveda e manifesti, invece, solidarietà alla gente Eoliana che comunque garantisce "linfa" ai suoi concittadini. Nell'augurarmi di incontrarla presto per una bella chiaccherata Le invio un cordiale saluto.
Dott. Ivan Ferlazzo
Assessore allo Spettacolo - Affari Culturali - Beni Culturali - Beni Ambientali - Biblioteca - P.I. - Edilizia Scolastica - Decentramento località e frazioni Lipari - Programmazione - Politiche GiovaniliComune di Lipari

Il parco delle Eolie ? Un'opportunità ! Interviene il sindaco di Santa Marina Salina, Massimo Lo Schiavo

COMUNICATO STAMPA
Apprendiamo dagli organi di stampa una serie di comunicati e opinioni che alimentano una disinformazione totale circa il costituendo Parco Nazionale delle Isole Eolie. Leggiamo intere discussioni basate solo su divieti (peraltro alcuni totalmente falsi o infondati) atti a disinformare la popolazione Eoliana o a costituire preconcetti, a tal punto da ingenerare preoccupazioni in relazione a ciò che, invece, dovrebbe essere visto come un’opportunità per l’intero Arcipelago Eoliano.
Se è vero, come è logico che sia, che all’interno di un parco non si può cacciare (ci mancherebbe!!!), false sono, invece le preoccupazioni per la pesca ( l’ambito marino non fa parte delle discussioni in atto relative al parco), per l’agricoltura, per i proprietari terrieri, per gli allevatori, e per tutti quei diritti che la Legge garantisce.
L’isola di Salina, già sede della prima Riserva Naturale delle Isole Eolie dal 14 marzo 1984 è un ottimo esempio che ha dimostrato negli anni come un territorio può utilizzare la propria valenza naturale affinché diventi un bene da proteggere e promuovere, a tal punto da ottenere i massimi riconoscimenti a livello nazionale, come l’assegnazione delle 5 vele di Legambiente per tre anni consecutivi.
Riteniamo che se all’epoca la stessa strada fosse stata imboccata dalle altre isole dell’arcipelago eoliano, oltretutto anch’esse ricche di pregi naturalistici unici, si sarebbe potuto evitare di finire sui giornali con notizie caratterizzate da un forte impatto negativo a livello mondiale, come la paventata esclusione delle Isole Eolie dalla lista dei Beni Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco (World Heritage List), che di certo non hanno giovato all’immagine delle Isole Eolie.
Consideriamo inoltre, che se la scelta di un parco naturale eoliano, fosse stata fatta in passato in modo consapevole e lungimirante dalle Amministrazioni locali, l’intero nostro territorio avrebbe avuto certamente ricadute occupazionali nel settore della salvaguardia e della tutela del bene “Natura”.
E’ doveroso ricordare che, oggi, il Parco Nazionale delle Isole Eolie è una scelta delle Amministrazioni Locali, che insieme alla Provincia Regionale di Messina e all’Assessorato Territorio e Ambiente, partecipano attivamente alla sua costituzione, non rimanendo semplici spettatori passivi che subiscono “l’ennesimo pacco calato dall’alto”, come erroneamente si apprende da diversi comunicati stampa.
Gli eoliani oggi sono, e devono continuare ad essere, artefici del proprio futuro
Eviteremmo, quindi, discussioni prive di fondamenta, che dovrebbero anzi essere basate su notizie e fatti oggettivi, come le bozze dello Statuto e dei vari Regolamenti, e inviteremmo le associazioni di categoria a discutere nelle sedi opportune affinché, in un’ottica costruttiva e non distruttiva, lo spirito generale prevalga sui personalismi.
Rimaniamo fermamente convinti che l’interesse da tutelare sia quello collettivo di tutta la popolazione delle Isole Eolie e non solo di una piccola parte di essa. Se si considera che il principale motore dell’economia di queste isole è diventato il turismo, i cui flussi si muovono verso le nostre isole prevalentemente per le bellezze storiche, paesaggistiche e naturalistiche locali, noi tutti dobbiamo essere custodi gelosi del nostro territorio affinché, il bene “Natura” possa essere trasmesso intatto alle future generazioni, e dal quale si possa avere una ricaduta anche occupazionale.
Il Sindaco
Massimo Lo Schiavo

Caro consigliere Russo... ti scrivo. La presa di posizione dell'assessore Arabia sul ticket per gli eoliani

Egregio Consigliere Russo,
da eoliano, apprendo con un certo stupore della mozione da Lei presentata al Consiglio Comunale di Milazzo, di cui Lei è membro, in relazione alla possibilità di istituire un ticket solo per gli eoliani in transito dalla città mamertina, che a Suo dire, arrecherebbero “enormi disagi alla viabilità, al decoro urbano e all’economia di Milazzo”.
Ferma restando le Sue prerogative di Consigliere Comunale che le consentono di presentare interrogazioni e mozioni su qualsivoglia argomento, mi permetta, a riguardo, di farLe notare che l’episodio verificatosi in data 09 marzo u.s. presso la cortina del porto, per quanto possa aver arrecato disagi alla circolazione stradale per circa un’ora, è scaturita dall’esasperazione di tanti eoliani che troppo spesso rimangono bloccati a Milazzo a causa delle condizioni meteo marine avverse, o paventate tali, che impediscono loro di raggiungere le proprie abitazioni nelle Isole.
Sono sicuro di parlare anche a nome dei miei concittadini eoliani, quando affermo che tutti noi faremmo volentieri a meno di rimanere bloccati a Milazzo, anche per diversi giorni con tutte le conseguenze soprattutto di tipo economico che ne derivano, preferendo invece fare ritorno dalle nostre famiglie.
Dipingere però un episodio isolato come una delle cause, se non la causa principale, dei problemi che la città di Milazzo si trova ad affrontare quotidianamente, mi pare una forzatura intellettuale. Vorrei ricordarLe che buona parte dello sviluppo commerciale dell’area portuale di Milazzo, e di tutte le attività che ruotano attorno ad esso (bar, hotel,servizi taxi,autobus,compagnie marittime private, etc.) non esisterebbero se non ci fossero stati gli eoliani e i turisti diretti alle Eolie ad alimentarlo costantemente.
Mi permetta, caro Consigliere, di confutare alcune delle Sue affermazioni:
gli eoliani da diversi anni oramai non possono parcheggiare più nelle zone limitrofe al porto a causa della istituzione dei parcheggi a pagamento dove un tempo si poteva sostare liberamente, costringendoli ad utilizzare i parcheggi privati per le proprie autovetture o a noleggiarle in loco per potersi spostare, contribuendo alla sopravvivenza di questo genere di attività;
la viabilità che tanto Le sta a cuore, da diverso tempo penalizza, soprattutto lungo la cortina del porto, solo ed esclusivamente la comunità eoliana e i turisti diretti alle isole: l’aver abolito nella suddetta via la fermata dell’autobus, costringe noi eoliani a percorrere decine di metri a piedi( se non centinaia nel caso si utilizzi il servizio AST) per poter giungere alle biglietterie, molte volte facendoci perdere il mezzo in partenza e costringendoci a “sostare” presso i bar, nei quali ci rifocilliamo a pagamento;
le attività commerciali che a Suo dire sarebbero state penalizzate dal blocco stradale durato circa un ora, non potevano essere raggiunte tramite altre vie?o la cortina del porto è l’unica strada che collega la città da nord a sud?
L’individuo non residente alle Eolie, o pendolare, che giunge nelle isole per lavoro ha la possibilità di comperare un abbonamento per il viaggio in aliscafo o nave, che equipara il costo a quello sostenuto da noi residenti, sul quale non è previsto il costo del ticket d’ingresso;
Additare, inoltre, gli eoliani come coloro che arrecano danno al decoro urbano della città di Milazzo, come coloro che impediscono la vivibilità dei suoi abitanti e ne impediscono i movimenti della cittadinanza non solo è inverosimile (sono molto più numerosi i non milazzesi provenienti dall’hinterland che si riversano in città durante il week-end )ma è soprattutto offensivo.
Spero sinceramente che il Consiglio Comunale di Milazzo, conscio dell’inconsistenza dei presupposti da Lei enunciati, bocci la Sua proposta. In caso contrario, proporrò io stesso una petizione popolare che abbia come tema: “Spostamento del porto principale per le Eolie da Milazzo a Messina”…Se dovessero ancora sussistere i problemi che Lei ha descritto nonostante l’assenza di eoliani a Milazzo, in seguito allo spostamento del porto principale per le Eolie ad altra sede, potrà sicuramente trovare altri capri espiatori per le Sue crociate.
Senza rancore.
L’Assessore alla Mobilità,Programmazione e Infrastrutture del comune di Santa Marina Salina
Domenico Arabia

"Grazie Ustica per aver svuotato Milazzo dagli Eoliani...Consigliere Russo si scusi". La nota del sindaco Lo Schiavo

COMUNICATO STAMPA
Si ringraziano il Comandante e l’equipaggio della Ustica Lines che, ieri pomeriggio, con la partenza delle 16.20 da Milazzo, hanno permesso, non solo agli eoliani ,di far ritorno a casa (vista la sospensione dell’aliscafo della Siremar delle ore 17.00!!!) ma soprattutto di aver cosi’ svuotato la citta’ mamertina da una “servitu’ di passaggio da parte degli abitanti nelle Isole Eolie”……
Inoltre si chiede al consigliere Pippo Russo di scusarsi con tutti gli Eoliani per le assurdita’ scritte nella sua mozione presentata al Consiglio Comunale di Milazzo, e resa nota dai notiziari on line.
Il sindaco di Santa Marina Salina
Massimo Lo Schiavo

Lipari & discariche (di Salvatore Naso)

Riceviamo da Salvatore Naso e pubblichiamo:
Ho trovato l'articolo di Anna Miracula molto interessante, e mi sento di poterlo sottoscrivere in toto, tuttavia volevo intervenire in merito alla sua proposta finale sui comitati a difesa dell'ambiente, per dire che mi pregio e sono orgoglioso di fare parte di un'associazione che si chiama BORGATA LAMI, che già fa questo lavoro sul proprio territorio, che è intervenuta già due volte anche fisicamente, costringendo chi voleva buttare rifiuti nell'area della ex discarica di Malopasso a caricarseli nuovamente invitandoli, non con molta calma per la verità, a smaltire in modo legale tali rifiuti, vi ricorderete anche la situazione dei pneumatici depositati sullo stesso sito da ignoti, ebbene vi rivelo un retroscena, furono prelevati da chi di competenza nel giorno che l'associazione aveva deciso di caricarne uno ciascuno sulle auto per poi depositarle davanti al Comune e all'ATO.
L'associazione BORGATA LAMI non è soltanto feste, sagre, eventi mondani, che certo è stata capace di organizzare al meglio, è vicina ai problemi dei suoi abitanti e viglile nel proprio territorio e chi vuole deturparlo è avvisato.
Cordialmente.
Salvo Naso

giovedì 11 marzo 2010

Ex Pumex. Consiglio approva mozione unitaria. Prosegue lo sciopero della fame e l'occupazione

Un documento atto ad individuare possibili soluzioni definitive per gli ex Pumex nel campo dei servizi di competenza comunale (idrico, fognario, cimiteriale ecc.), e per mettere in mora la Regione che non ha mantenuto quanto sottoscritto in un protocollo d'intesa, è stato approvato alle 21 e 15 all'unanimità dei presenti (12) dal consiglio comunale di Lipari.
Il documento ha come "cuore" quanto proposto dai consiglieri di minoranza, con l'integrazione di due proposte dei consiglieri Megna e Fonti (Il Faro)
Si è chiusa, quindi, dopo circa 4 ore, una discussione che ha avuto momenti di forte tensione e, purtroppo, ha fatto registrare un problema di natura fisica (di lieve entità) per una signora, moglie di uno degli ex Pumex.
Da evidenziare, comunque, che gli ex Pumex vanno avanti nella loro protesta. In tre: Neda Saltalamacchia, Ciccio Carbonaro e Gaetano Saltalamacchia proseguono nello sciopero della fame. Così come si prosegue nell'occupazione della stanza del sindaco
I lavori del consiglio che dovevano poi proseguire con la discussione e l'approvazione dei debiti fuori bilancio sono stati poi aggiornati. Aggiornamento votato solo dal gruppo di maggioranza + Megna dopo che, proprio quest'ultimo, aveva evidenziato come, alla luce di uno "studio" portato avanti da un dirigente, fosse necessario più che mai necessario acquisire idonea documentazione. Il consiglio dovrebbe tornare a riunirsi sull'argomento entro 20 giorni.
Per Eolienews ha tracciato un sunto di quanto votato dal civico consesso liparese il consigliere Gesuele Fonti:

Ticket d'accesso per gli eoliani in transito a Milazzo? Consigliere Russo ha perso una occasione per stare zitto!

Riceviamo un comunicato stampa nel quale viene evidenziata la proposta del consigliere Russo del comune di Milazzo di istituire un ticket per coloro che si "servono" di Milazzo per raggiungere le Eolie.
Il consigliere Russo, forse svegliatosi in concomitanza dell'inizio della campagna elettorale nella città del Capo, giustifica il tutto con la "servitù" a cui è sottoposta Milazzo nei confronti delle Eolie, prende spunto dalla manifestazione degli eoliani bloccati a Milazzo nei giorni scorsi, per le difficoltà di parcheggio che hanno i milazzesi nelle zone del porto.
Al consigliere, al quale sono già state indirizzate le precise e puntuali reazioni degli amministratori di S. Marina Salina e Lipari e che pubblicheremo nelle prossime ore, da parte nostra, impegnati a seguire discorsi ben più importanti(quelli dei nostri concittadini ex lavoratori Pumex), vogliamo fare giungere solo questa considerazione: Consigliere, ha davvero sprecato una grossa occasione per stare zitto!!!

L' appello degli ex lavoratori della pomice durante la seduta del consiglio comunale di Lipari

Come anticipato gli ex lavoratori della pomice, durante i lavori del consiglio comunale di Lipari, hanno chiesto di poter intervenire in aula, attraverso il loro rappresentante Bartolo Natoli per esplicare quella che è la loro posizione e per chiedere al civico consesso e all'amministrazione Bruno l'assunzione di una iniziativa ben precisa.Vi proponiamo il video dell'intervento di Natoli e una parte dell'intervento del consigliere Adolfo Sabatini:

Consiglio comunale a Lipari. Si parla di ex Pumex. Consiglieri "disattenti" e "showman"ed esplode la rabbia

Consiglio comunale ad "alta tensione" in corso a Lipari.
Sedici i consiglieri presenti in apertura (poi Lauria ha lasciato per divergenze sulla conduzione del consiglio). Si doveva parlare di debiti fuori bilancio ma, come era inevitabile e giusto, si è affrontata la delicata situazione degli ex Pumex.
Dietro le transenne sono presenti una ventina di operai con le loro famiglie che non hanno mancato di fare sentire la loro voce e la loro rabbia.
Dopo la proposta Longo di affrontare la delicata problematica, e la distribuzione da parte degli ex Pumex di un appello a tutte le parti politiche, si sono susseguiti gli interventi e le proposte.
La minoranza, così come la maggioranza e il gruppo del Faro, hanno prodotto delle mozioni.
Antonio Casilli (Pdl) ha proposto di sospendere la seduta, di riunire i capi gruppo e di approvare un odg unitario. La proposta è stata bocciata anche perchè tra la maggioranza si sono astenuti Gugliotta e Longo.
Via libera, quindi, alla proposta della minoranza di fare prima, in aula, il punto della situazione.
Prima di questo gli ex Pumex hanno chiesto ed ottenuto che parlasse il loro rappresentante
Bartolo Natoli chiedendo "azioni concrete e sinergiche".
Di fronte ad interventi, ritenuti veri e propri show, è scattata la contestazione e la situazione si è riscaldata alquanto nel momento in cui alcuni consiglieri hanno cominciato a parlare al telefonino in aula o a leggere il giornale.
Forte è stata la presa di posizione delle mogli dei lavoratori che non hanno certamente lesinato attacchi e critiche. Tra urla, lacrime e tanta rabbia la signora Lucia Cesario, moglie di Maurizio (finito in ospedale stamani) , è stata colta da malore e si è reso necessario l'intervento del 118.
Vi proponiamo due brevi video che mostrano come, giustamente, la tensione sia alle stelle.






Lipari: Ha preso il via il consiglio comunale. Prime "schermaglie" in corso

Hanno preso il via a Lipari i lavori del consiglio comunale. Sedici i consiglieri comunali presenti. Per l'amministrazione in aula il sindaco Mariano Bruno e l'assessore Corrado Giannò. Dietro le transenne gli ex lavoratori della Pumex e i loro congiunti.

Il video della parte iniziale del consiglio:





"Mi vergogno a non poter dare dieci euro a mia figlia". L'intervista a Gaetano Saltalamacchia

Gaetano Saltalamacchia (nella foto) è il primo degli ex Pumex che ha iniziato oggi lo sciopero della fame dopo la forzata rinuncia (per motivi di salute) di Profilio, Cesario e Raffaele. Gli altri due sono Ciccio Carbonaro e Neda Saltalamacchia
Vi proponiamo l'intervista da noi realizzata prima che iniziasse il digiuno:


"Barcolliamo ma non molliamo" Ex Pumex intenzionati ad andare avanti ad ogni costo

"Barcolliamo ma non molliamo" sembra essere questo il leit-motiv che muove e da forza agli ex Pumex impegnati, attraverso una forma di protesta estrema quale lo sciopero della fame, a rivendicare il lavoro, un diritto garantito garantito dalla Costituzione a loro sottratto in nome del titolo di "Patrimonio dell'Umanità".

Dopo la defaince di Cesario e Raffaele, che comunque non avrebbero mollato se non costretti da un certificato medico al quale l'autorità amministrativa e le forze dell'ordine non potevano non ottemperare, altri...ed altri ancora.. sono già pronti a prenderne il posto.
Vi proponiamo l'intervista realizzata con Bartolo Natoli:


"Il padre di famiglia non lascia soli i suoi figli.... la verità è che gli ex Pumex sono un peso". Maurizio Cesario, faccia a faccia, con Bruno

Faccia a faccia tra Maurizio Cesario (qualche ora prima che venisse trasportato al pronto soccorso) e il sindaco di Lipari Mariano Bruno. Ve ne proponiamo un ampio stralcio:

Lipari: Rifiuti, degrado, coscienza civile e pubblica amministrazione (di Anna Miracula)

Riceviamo da Anna Miracula e pubblichiamo:
Caro Direttore,
con piacere noto che la “saga” dei rifiuti a cielo aperto nelle Eolie e in particolare sull’isola di Lipari continua ad appassionare e a far sì che la gente, giorno dopo giorno , prenda coscienza di quanto accade sul nostro territorio.
Ora, volevo far notare un altro degrado fra i tanti, che si aggiunge a quello ormai noto sulla provinciale Canneto Dentro, documentato tante volte e del quale le autorità sono informate.
Non credo ci sia bisogno di documentare con foto in quanto siamo in molti a transitare tutti i santi giorni lungo questa strada.
Per iniziare , scendendo dal sito del dissalatore verso Canneto , dopo il Cimitero ,oltre ai camion del servizio di nettezza urbana che ormai da tanto tempo giacciono proprio sulla prima curva costituendo pericolo; subito dopo, sulla seconda curva , segue lo scheletro di un carro carnevalesco e procedendo ancora carcasse di auto , alcune dotate ancora di targa , alcune no, che stazionano in punti pericolosi , fino ad arrivare al bivio Canneto –Lipari (per la precisione al Crocifisso) dove insistono da tantissimo tempo ,delle vecchie auto targate ma ormai in disuso .
Quello che mi sconvolge, però è il fatto che , oltre ai tanti cittadini che percorrono questa strada, vi sono anche le forze dell’ordine , e più di tutti la Polizia Municipale.
Mi chiedo, allora, ma non è uno dei loro compiti mantenere l’ordine, la disciplina e il rispetto lungo le strade e far sì che noi tutti non incorriamo in pericoli causati appunto dalla noncuranza di chi ha deciso di far di Lipari una pattumiera?
Perché si fa sempre finta di non vedere quello che succede intorno, ci si gira dall’altra parte, aspettando che prima o poi le cose cambino?
Di certo i resti del carro non andranno via da soli se qualcuno non provvede, sicuramente le carcasse d’auto in curva non spariranno se nessuno le fa portare via e prima o poi, Le assicuro caro Direttore, qualcuno si farà male.
Perché ,per quanto riguarda le auto, specie quelle TARGATE , non si iniziano a ricercare chi sono i legittimi proprietari facendo pervenire loro delle sanzioni ,in modo da “rieducare” alla civiltà quanti non intendono farne parte?
Perché dopo un mese ancora un carro di Carnevale rimane parcheggiato su una strada pubblica,come un relitto e le istituzioni alle quali compete l’ordine pubblico non lo vedono?
E ricordo anche che la strada in questione è diventata altrettanto pericolosa quando il tunnel , per il secondo anno consecutivo è stato chiuso per il carnevale, costringendo a far transitare, oltre alle auto, anche autobus e camion , senza effettuare un minimo di pulizia dalle carcasse e da altri depositi abusivi.
Pertanto si deve sempre attendere la disgrazia prima di rendersi conto dei pericoli esistenti?
Pertanto, si invitano le autorità competenti a far un piccolo sopralluogo sul posto , anche solo per rendersi conto che sulle strade vi circolano i cittadini e non le mandrie o i maiali e il fatto che esistano dementi che insistono nel distruggere la dignità di quest’isola, non fa di tutta l’erba un fascio.
Se in molti scriviamo denunciando questi degradi è segno che teniamo al nostro territorio, ma non è il silenzio e la totale assenza da parte degli enti addetti, che farà di quest’isola un gioiello.
Perché, e l’ho imparato a mie spese, chi denuncia un degrado,soprattutto pubblicamente , non viene apprezzato ma bastonato e chi ha provocato il degrado non viene punito ma lasciato libero di agire nuovamente e indisturbato, tanto sa bene che non vi saranno sanzioni.
Mentre una buona abitudine da parte delle istituzioni ed è anche una proposta costruttiva sarebbe quella di ascoltare di più i cittadini che evidenziano dei deturpamenti del paesaggio, significherebbe che il paese ha voglia di crescere e di migliorare.
Perché non costituire un associazione dei cittadini che possa collaborare con il Comune per segnalare i vari degradi e gli abusi sul nostro territorio? Di certo chi si accorge meglio di ciò che succede intorno è il cittadino, di certo non il politico, preso dai suoi impegni, e dunque perché non iniziare con uno –due cittadini per zona che dovranno vigilare e ,all’occorrenza segnalare quello che accade?
Anna Miracula

Ospedale di Lipari: "Io la penso così" (di Salvatore Naso)

Riceviamo e pubblichiamo:
Dopo aver ascoltato per strada opinioni contrastanti sull'argomento ospedale e sul pericolo che lo stesso possa essere ridotto al rango di puro ambulatorio di pronto soccorso, finalmente ho avuto il tempo di leggere anche le posizioni sui giornali on-line del Vice-Sindaco Giulio China e di Saverio Merlino.
Come fa il vice-sindaco a dire che ci sono una serie così preoccupante di carenze di organico e mezzi e con la stessa tranquillità invitare a non destare inutili allarmismi, anche soltanto nel dubbio che possa essere come asserisce Merlino, tesi che personalmente condivido, come si fa a rimanere tranquilli? Ci sono segnali inconfutabili di qualcosa che si sta muovendo in modo negativo; da semplice cittadino che abita nei pressi dell'ospedale constato che l'eliambulanza che fino a qualche anno fa si utilizzava poche volte al mese e talvolta anche più di rado, oggi si utilizza a frequenza giornaliera; pare che sia già ufficiale o quantomeno ufficioso un' imminente accorpamento di Ostetricia a chirurgia e di Pediatria a Medicina; da tempo non vengono più mandati i necessari primari previsti in pianta organica; per un gesso bisogna raggiungere Milazzo; a questo vanno aggiunte le altre carenze denunciate dal signor Giulio China.
Non basta questo per far sorgere il ragionevole dubbio? Di fronte a questi fatti concreti non è meglio agire immediatamente nelle sedi preposte per farsi mettere nero su bianco gli obbiettivi, e magari, spero la smentita di questo stato di cose con impegno di rilancio di una vitale struttura come quella eoliana? Non vorrei che a partire dal primo aprile, data destinata all'applicazione della riforma sanitaria regionale ci piovesse l'ennesima tegola senza essere stati capaci di prevenirla.
Intanto non sarebbe opportuno informare in modo adeguato la cittadinanza?
Cordialmente.
Salvatore Naso

Facta non verba (fatti non parole) di Marco Saltalamacchia

Riceviamo dal dottor Marco Saltalamacchia e pubblichiamo:
Mi sia consentita una più generale riflessione. Ma non prima di aver dato alcune precisazioni “ en passant”:
del futuro di Lipari e di Acquacalda me ne occupo da sempre ed in modo più attivo almeno dal 2003, attraverso l’attivo supporto alle attività culturali del Centro Studi Eoliano (di cui mi onoro di essere socio onorario) e del Festival del Cinema ed attraverso la costituzione dell’associazione Amici di Acquacalda, che mi onoro di presiedere.
Della falesia che minaccia l’abitato di Acquacalda ho già scritto ripetutamente (ultima volta a Settembre 2009) e disinteressarmi della stessa sarebbe quanto meno “imbecille” (cito dal Garzanti : Dal lat. imbeci°lle(m) ‘debole fisicamente o mentalmente’) da parte mia, visto che comunque da lì devo passare per andare a casa…
Adesso sul merito della questione. Mi si spiega che diligentemente il Comune ha provveduto a reperire fondi per 6 milioni di euro (e che mai una tale cifra era stata raccolta). È del tutto evidente la scarsa abitudine dei nostri Amministratori a confrontarsi con i fatti e soprattutto con la realtà. Probabilmente il fatto di vivere in un mondo virtuale fatto di burocrazia, di ricorsi, di scarico di responsabilità fa sì che il confronto con la realtà che i cittadini devono vivere quotidianamente diventi secondario o irrilevante.
Per questo ritengo che il dovere di una cittadinanza attiva, attraverso le sue forme associative più diverse, sia quello di richiamare i nostri amministratore a questo “principio di realtà”.
Allora confrontiamoci sui fatti:
1) Difesa dell’abitato di Acquacalda: il tema sta sul tavolo da almeno 6 anni. Esiste oggi ad Acquacalda una qualche forma di difesa dell’abitato? No. Come cittadino, le giustificazioni che portano altrove (provincia, regione, protezione civile) non interessano. La forma organizzativa che ci si è dati in Italia pone il Comune ed il suo Sindaco come interlocutore primario della cittadinanza sul territorio e fa sì che egli sia comunque il primo responsabile e che stia dunque a questi la ricerca della soluzione. Il contrario sarebbe inattuabile. Cosa si dovrebbe fare dunque, laddove il livello locale dimostrasse la sua incapacità (a qualsiasi titolo)? Esautorarlo e prendere l’iniziativa come privati cittadini? È evidente che il Comune è e resta l’interlocutore unico dei cittadini preposto alla soluzione dei problemi degli stessi. Non casualmente gode anche delle deleghe che il Governo centrale su temi come la Protezione Civile o l’ordine pubblico. Sul tema specifico, il sapere che esistano dei fondi disponibili e che non possano essere utilizzati fino a che la giustizia compirà il proprio corso è cosa nota ma che avvilisce. Soprattutto, sapendo che i lavori ormai sono stati interrotti da un anno e che del processo in questione si è celebrata una sola udienza. Dovremo attendere altri sei anni, ancora? La vita è troppo breve, caro Sindaco per accettare questi tempi, e non mi risulta che in altri posti d’Italia le cose “fatte”si misurino in decadi (chi ne avesse piacere guardi il piano di intervento delle coste della Regione Liguria per esempio). Il partito che lei rappresenta si fregia spesso di essere un “partito del fare” e gode dell’invidiabile vantaggio di essere maggioranza a tutti i livelli (provincia, regione, stato). Non dovrebbe quindi essere difficile ottenere il necessario supporto per far sì che le cose succedano… Direi che vale la pena di aggiungere che le mareggiate di quest’inverno a Canneto, a Lipari ma anche a Salina, Stromboli o Filicudi abbiamo dimostrato che non esiste un piano organico di protezione delle coste e che la logica di intervento resta sempre quella “emergenziale” per dirla con un termine che ci è tanto caro.
2) Il pontile Italpomice. Mi limito a ricordare che è crollato nell’ottobre 2008 e che sta ancora lì.
3) Strada provinciale: nessuna novità a parte la chiusura (formale) della stessa.
4) Falesia: senza una adeguata protezione della costa sottostante non potremo mai dormire sonni tranquilli. Quali sono i piani in proposito?
Il continuo ribadire che ogni cosa possibile sia stata esperita e che i fondi siano a disposizione è solo irritante ed anche offensivo dell’intelligenza comune se solo ci si voglia confrontare con la realtà che se cambia, ahimè, lo fa solo in peggio (prima “solo” la difesa dell’abitato, poi il pontile ed il divieto di balneazione, poi la falesia ma dovremmo dire le falesie visto che ce n’era già un’altra cento metri prima, ed infine la strada provinciale a Porticello).
Chi amministra ha l’onere di farlo e bene, lo fa per propria scelta e sulla base di un preciso mandato degli elettori. Ha il dovere di rispondere alle istanze legittime dei cittadini, e di battersi per migliorare la qualità di vita della comunità. La realtà dei fatti ci dimostra amaramente il contrario. Ed i fatti sono le sole cose che contano.
Cordialmente.
Marco Saltalamacchia