Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 6 novembre 2010

Lettere al direttore. Ci scrive Tiziano Profilio. Contento per i bambini di Torrente Aurora ma ricordo al sindaco c'è anche via Zinzolo

Egregio direttore,
Leggendo il tuo notiziario online ho letto la lettera che il sig. sindaco di Lipari Mariano Bruno ha scritto al giovane Munafò.
Premesso che sono molto contento che questi bambini possano giocare con le loro bici (finalmente!) vorrei ricordare che quello che è stato fatto era un atto dovuto perchè, se non erro, caro direttore è un loro diritto! Ma vorrei fare notare al sig. sindaco che i bambini di Via Zinzolo, ex via S. Lucia o vecchia mulattiera, non hanno nemmeno il diritto di camminare nella loro strada, il sindaco lo sa...i vari tecnici comunali lo sanno anche loro.
Anche questi bambini sig. sindaco hanno il diritto di poter uscire sicuri di casa e lei sà benissimo che più volte alcuni sono finiti all'ospedale.
Sicuramente lei che è un sindaco attento, dopo più di tre anni di promesse non mantenute a questa parte di cittadini dimenticati , saprà dare finalmente una risposta in modo che possano camminare (a piedi s'intende, la bici l'abbiamo dimenticata già da tempo) tranquilli scongiurando, come da abitudine, di visitare il pronto soccorso dell'ospedale di Lipari.
Distinti saluti
Profilio Tiziano

Caro piccolo Aldo... (di Adolfo Sabatini)

Caro piccolo Aldo,
non scrivo il tuo cognome per rispetto della privacy, ma per non confonderti con un altro bambino che porta il tuo stesso nome, ti chiamerò con un cognome di fantasia: Geometra.-
Allora, caro bambino Aldo Geometra, sono veramente felice che al sindaco di Lipari stanno a cuore i problemi dei bambini e che da “grande” sindaco qual è, sono sicuro che risponderà al più presto alla mia ed alla tua letterina.
Amico Aldo Geometra (cognome di fantasia) io ho scritto tante, ma tante, ma tante letterine al sindaco ma alle stesse non ho MAI avuto PRONTA O AFFIDABILE risposta.-
La mia mamma, mi ha detto: vuoi vedere che il sindaco ti risponde per i morticini? Ed infatti dei bei morticini nelle scarpe ce li siamo trovati tutti gli Eoliani (anche quelli che l’hanno votato).-
Allora nel ringraziare anch’io il sindaco, vorrei fare un appello: visto i morticini che il sindaco ci ha messo nelle scarpe, lo dispensiamo dei regali di Natale.-
Ha! dimenticavo, per avere i documenti del Megaporto ho scritto anche al difensore Civico ed alla Guardia di Finanza.-
Speriamo che almeno loro mi ascoltino.-
Grazie sindaco.-
Adolfo Sabatini

Arresto a Vulcano. La precisazione dell'impresa al comunicato stampa dell'Arma

A seguito del comunicato stampa, diffuso dai carabinieri, relativo all'arresto eseguito a Vulcano, abbiamo ricevuto questa mail che pubblichiamo.
Si tratta, viene evidenziato, di una precisazione (ovviamente riferita al comunicato stampa):
Caro direttore
Volevamo precisare riguardo al comunicato stampa dell’arresto a Vulcano, teniamo a evidenziare che non si tratta di rifiuti pericolosi ma di semplici calcinacci derivati da lavori edili che per legge sono definiti riutilizzabili. Gli stessi non vengono abbandonati ma raccolti su un terreno recintato di proprietà, fino al raggiungimento di un carico da portare a discarica autorizzata, poiché nell’isola non vi è un’area destinata a tal senso. Nonostante gli sforzi per mantenere i nostri cantieri e l’isola pulita questi sono i risultati….
L’impresa moralmente si sente nella legalità poiché sull’isola non esiste altro sistema per lo smaltimento.
L'impresa

Diamo una chance a Fabiola di partecipare ad Amici. Votate il suo video

Un video della giovane e brava cantante liparese Fabiola Biviano è stato inserito nella home page degli AMICI DI MARIA DE FILIPPI.
Fabiola potrebbe essere chiamata, quindi, come sfidante ad Amici.
E' essenziale però darle una "mano d'aiuto" votando il suo video. Per votare cliccare su questo link che vi porterà alla pagina di Amici dove, seguendo le istruzioni, si può votare. Vi ricordiamo che si può votare più volte un video ma solo una volta al giorno. 


Domani a Lipari commemorazione dei caduti. Le iniziative

COMUNICATO
A seguito di direttive della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Prefettura di Messina ha disposto che eventuali celebrazioni a carattere popolare, per la ricorrenza commemorativa dei gloriosi caduti per la vittoria - Festa dell’ Unità Nazionale del 4 novembre, non assumendo detta data carattere festivo, abbiano luogo nella giornata del 7 c.m..
Come ogni anno, l’Amministrazione Comunale intende dare il giusto e doveroso risalto alla ricorrenza che trova unanimi e profondi consensi della cittadinanza.
A tale scopo, celebrazioni liturgiche si terranno domani 7 novembre
- alle ore 08,30, presso la Chiesa “Parrocchia di S. Pietro” di Lipari, da cui si snoderà un corteo per portarsi in Piazza Mazzini.
- alle ore 10,30, presso la Basilica Minoris “Parrocchia di S. Cristoforo” di Canneto.
Dopo le solenni messe, le cerimonie evocative proseguiranno nei rispettivi luoghi con la deposizione di corone di alloro ai monumenti eretti a perenne memoria dei caduti, per rendere doveroso omaggio della città liparese .
L’Amministrazione ha disposto, altresì, come per il passato, la deposizione di corone nelle frazioni e nelle isole del territorio, compresa Ginostra.
Lipari, 28 ottobre 2010
Il Sindaco
(dott. Mariano Bruno)

Telemedicina nelle Eolie. Operativo il progetto "Eolienet"

E' diventato operativo il progetto di telemedicina per l'arcipelago Eoliano, denominato "Eolienet", progetto di alto valore strategico fortemente voluto dall'assessore regionale per la Salute, Massimo Russo. Il progetto prevede l'attivazione di una rete telematica per la trasmissione di informazioni ed immagini, il teleconsulto, la teleformazione per il personale medico, la teleanalisi di laboratorio, la telediagnosi ECG(elettrocardiogramma) e la realizzazione di uno specifico portale internet.
In tutte le sedi di continuita' assistenziale (Alicudi, Filicudi, Stromboli, Ginostra, Panarea, Vulcano, Salina-Malfa) sono state installate le apparecchiature per l'esecuzione di analisi cliniche di base, nonche' i supporti informatici per la trasmissione dei dati e la ricezione dei relativi referti validati. E' stata anche avviata una prima formazione del personale medico di continuita' assistenziale.
"In questo modo - spiega l'assessore Russo - i cittadini delle isole Eolie non saranno piu' penalizzati e anzi garantiremo loro un salto di qualita' nell'assistenza sanitaria. E' un progetto di grande interesse strategico, studiato d'intesa con il Ministero della Salute e che potrebbe rappresentare un esperimento pilota anche per altre regioni italiane con problemi analoghi.
Migliorera' la qualita' del servizio sanitario, diminuiranno i disagi per i cittadini e ci sara' l'opportunita' di ottimizzare le risorse a disposizione, a cominciare dall'elisoccorso".
L'assessore Russo, oggi a Messina per un convegno, ha constatato personalmente l'operativita' del progetto con il direttore generale dell'Asp di Messina, Salvatore Giuffrida, il responsabile del servizio "Isole minori", Lorenzo Maniaci e il responsabile locale del progetto, Salvatore De Gregorio.
"Eolienet" e' stato finanziato con i fondi del Ministero della Salute sulla base di una convenzione stipulata alcuni anni fa con l'assessorato regionale e l'Asp di Messina. I servizi di telemedicina non erano mai stati avviati ad eccezione dell'attivita' di telediagnosi ECG: gli altri erano stati fermati da alcuni problemi, anche di natura amministrativa. Su input dell'assessore Russo e' stata effettuata la riattivazione dei collegamenti telematici, sono state effettuate le verifiche tecniche sullo stato di funzionalita' delle apparecchiature che adesso risultano essere funzionanti, e' stato riattivato il portale internet e sono state rese disponibili le funzioni di teleformazione, di teleconsulto e di caricamento degli esami.
Contestualmente e' stato raggiunto un accordo aziendale con i medici della continuita' assistenziale ed e' stata effettuata la formazione specifica degli operatori sull'utilizzo delle procedure e delle apparecchiature. L'Azienda sanitaria provinciale di Messina, che gestira' i quasi 2 milioni di euro di fondi ministeriali, sta provvedendo ad implementare la piattaforma di e-learning presente nel portale.
"Nella riorganizzazione dell'assessorato - ha aggiunto Russo - ho voluto prevedere un servizio per le "Isole minori" proprio per provvedere ad un costante monitoraggio delle attivita', per fornire risposte efficaci ai bisogni di salute di queste popolazioni, garantendo l'erogazione dei livelli essenziali di assistenza (Lea), valorizzando le risorse umane e strumentali e superando, ove necessario, le rigidita' organizzative".

"Sindaco Bruno ci risiamo". Nota del PD al primo cittadino

Riceviamo dal segretario della locale sezione del PD, Giuseppe Cincotta e pubblichiamo, pur non avendo realizzato noi l'intervista con il sindaco Mariano Bruno :
Ho avuto modo di ascoltare le interviste rilasciate dal Sottosegretario ai Trasporti Reina e dal Sindaco di Lipari Dott. Mariano Bruno relative alla questione dei trasporti e della portualità ed ho constatato che il nostro Sindaco, come spesso accade, non perde occasione per diffondere proclami falsi e strumentali.
Menomale, Sindaco, che a Lipari ci conosciamo tutti e soprattutto che i cittadini eoliani conoscono bene Lei e la Sua amministrazione: in 8 anni di governo avete avuto la capacità di riportare le Eolie indietro di ben 20 anni.
Piuttosto che diffondere informazioni false, La invito ad un confronto serio così da dimostrarLe che il PD, unitamente agli altri partiti di opposizione, ha un progetto concreto per queste isole in relazione alle tematiche della portualità e dei trasporti. Ne è testimonianza la produzione documentale avanzata dai consiglieri comunali di opposizione sugli argomenti nonché le numerose interrogazioni a cui Lei continua a non rispondere per capire che il PD, e l’attuale opposizione, alla “politica del vivere alla giornata” preferisce ed ha scelto quella dell’investimento sul futuro delle Eolie e degli Eoliani.
Pertanto, caro Sindaco, a confutazione di qual siffatto dubbio, il Partito Democratico è sicuramente a favore della portualità, dello sviluppo del sistema dei trasporti di queste isole e dell’occupazione; inoltre ben conosciamo il significato della parola “concerto”, da Lei più volte richiamata, in quanto noi siamo per “fare le cose di concerto” nell’interesse del nostro arcipelago ed è Lei, invece, colui che ha deciso di svendere le Eolie ai forestieri. Ed è sempre Lei che è venuto meno ad un confronto con il proprio territorio, determinato strutturalmente in maniera peculiare dal punto di vista geografico e sociale, affidando ad una società esterna le sorti della portualità e dell’economia delle nostre isole.
Per ciò che concerne i posti di lavoro, devo dirLe Sindaco che non solo sono graditi, ma sono oltremodo necessari, per non dire costituzionalmente definiti, per il benessere personale e per la ricchezza di un paese e che, anzi, il nostro partito è seriamente preoccupato per ciò che sta accadendo a Lipari a livello occupazionale.
A tal fine, colgo l’occasione per ringraziarLa a nome di tutti gli eoliani per tutte le opportunità lavorative che Lei in questi anni ha creato con l’apertura delle Terme di San Calogero, con il ripristino della sentieristica, con i finanziamenti del Gal Leader Isole Minori, con a riconversione delle Cave di Pomice.
Caro Sindaco, Le ribadisco che a Lipari ci conosciamo tutti e, poiché siamo veramente arrivati alla frutta, il Partito Democratico sarà lieto di ricevere un Suo invito per discutere di portualità e per concertare le fondamentali iniziative per un serio sviluppo delle nostre isole, ferma restando la convinzione che difficilmente, garantito il nostro apporto, con Lei comandante riusciremo a portare in salvo la nave che sta per affondare.
Giuseppe Cincotta
Segretario Partito Democratico
Sezione di Lipari

Vulcano: arrestato dai carabinieri un uomo per trasporto illegale di rifiuti pericolosi, in violazione alle recenti normative vigenti in Sicilia

COMUNICATO STAMPA COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI
In relazione a recenti direttive del Comando Provinciale Carabinieri di Messina, i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno effettuato, nel territorio di competenza, dei servizi straordinari per la prevenzione e per il contrasto dei reati di natura ambientale.
In tale contesto, nella serata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Vulcano, hanno tratto in arresto A. F., cl. 1960, nato Lipari e residente a Vulcano, imprenditore edile. Il predetto è stato sorpreso dai militari operanti, mentre trasportava, a bordo di un autocarro, privo di autorizzazione, materiale di risulta derivante da lavori di demolizione.
Successivi accerta,menti hanno permesso di individuare in quella contrada Piano una discarica non autorizzata e nella disponibilità dell'uonmo ove erano stato depositato abusivamente ulteriore materiale di risulta.
Il mezzo, il materiale trasportato e l’area adibita a discarica sono stati sottoposti a sequestro.
Stante la flagranza di reato, A. F. è stato tratto in arresto per attività di raccolta e trasporto di rifiuti speciali pericolosi e non, in assenza di autorizzazione e per abbandono di rifiuti speciali su un suolo in modo incontrollato e su un sito non autorizzato.
Dopo le formalità di rito, su disposizione del Magistrato, il prevenuto è tradotto presso l’abitazione in regime degli arresti domiciliari.
In proposito, come già più volte richiamato, con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 luglio 2010 è stato dichiarato fino al 31 dicembre 2012 lo stato di emergenza per lo smaltimento dei rifiuti urbani nel territorio della Regione Siciliana.
La dichiarazione del citato stato di emergenza permette l’applicazione in Sicilia della più grave disciplina sanzionatoria prevista dal D.L. 172/2008 convertito in Legge 210/2008, riguardante misure straordinarie per fronteggiare l’emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti ed in passato già applicata nella Regione Campania.
Nella circostanza, come detto, la vigente normativa, anche per il semplice trasporto non autorizzato prevede che “chiunque effettua una attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti in mancanza dell'autorizzazione, iscrizione o comunicazione prescritte dalla normativa vigente è punito:
con la pena della reclusione da sei mesi a quattro anni, nonché con la multa da diecimila euro a trentamila euro se si tratta di rifiuti non pericolosi;
con la pena della reclusione da uno a sei anni e con la multa da quindicimila euro a cinquantamila euro se si tratta di rifiuti pericolosi”.
I controlli da parte dei Carabinieri, in applicazione della richiamata normativa, continuano pressanti su tutto il territorio della provincia.

E' deceduto a Lipari il dott. Silvestro. Il nostro video-ricordo

E' venuto a mancare improvvisamente al'età di 78 anni il dott. Giovanni (Gianni) Silvestro. Persona stimatissima e a modo.
Ai figli Enzo e Roberta e a tutti i parenti le nostre condoglianze.
I funerali si terranno lunedì alle 15.00 nella chiesa di S. Pietro (Lipari)
Vogliamo ricordare il dott. Silvestro attraverso una video- intervista che ci aveva rilasciato il 13 maggio del 2009 per ricordare il comandante Stefano Mazza e l'episodio dell'affondamento del traghetto Costa Gaia dove i due si adoperarono, purtroppo inutilmente, per salvare la vita ad un camionista rimasto intrappolato (nella foto a destra: Il dottore Silvestro è in acqua, il comandante Mazza di spalle)

Stromboli, nuovo occhio sul vulcano

Sono stati completati i lavori di ripristino e potenziamento del sistema di monitoraggio video nel vulcano di Stromboli, il più attivo delle isole Eolie. Il nuovo sistema, voluto dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) di Catania, che d’intesa con la Protezione civile segue l’attività dello Stromboli, è costituito da 4 telecamere, da un sistema di acquisizione ed un videowall.
La telecamera termica è stata installata sul pizzo Sopra La Fossa ed ha un’ottica grandangolare, oltre ad un’apertura orizzontale di 90 gradi. «Questa telecamera», hanno spiegato i tecnici dell’Ingv, «consente il monitoraggio della terrazza craterica. La telecamera termica istallata ai Vancori con ottica grandangolare e apertura orizzontale di 90 gradi, data l’ampia inquadratura, consentirà la valutazione energetica degli eventi parossistici».
La telecamera termica brandeggiabile, invece, è stata installata a quota 400 metri per il monitoraggio degli eventi esplosivi che interessano la terrazza craterica ed i fenomeni che possano interessare la Sciara del fuoco.
È stato anche collocato un rack contenente i sistemi di acquisizione dei segnali per il processamento dei dati e lo streaming, in tempo reale, verso la sede centrale di Catania. E ancora un videowall, composto da 6 monitor lcd per la visualizzazione, nella sala operativa del centro operativo di Stromboli, dei segnali video acquisiti e dei dati processati. L’intera istallazione è stata completata in 10 giorni. (Ansa)

Il silenzio e il disagio giovanile. Riflessioni di Saverio Merlino

Il tragico evento di quest’ultimi giorni mi ha scosso moltissimo e quella drammatica sera, quando passando, per caso, davanti al cimitero di Lipari ho appreso la notizia ed ho visto tanti giovani, raccolti lì davanti, con le lacrime agli occhi, ho provato quel dolore silenzioso che non si grida mai sui giornali ma che solo la gente perbene si tiene dentro.
Quel tragico giorno tutti noi abbiamo perso un figlio (mia moglie anche un ex alunno).
Oggi, sento che quanto accaduto sta facendo discutere del disagio giovanile e delle sue conseguenze: ma dove?
Lungi da me l’intenzione di indicare colpevoli o responsabili in un momento come questo, anche perché non saprei chi escludere (genitori, nonni, istituzioni, scuola, chiesa….).
Vivendo giornalmente a contatto con i giovani noto che sempre più i ragazzi si sentono soli e la solitudine è forse il male del secolo, perché se da un lato hanno tutto quello che serve per la comunicazione (telefonini, internet...) dall'altro si sentono spesso abbandonati a se stessi e vittime di questa pazza corsa verso non si sa chi o che cosa: vuoi la bellezza estetica, vuoi la carriera, vuoi i meriti da conquistarsi….. insomma una società che corre vertiginosamente senza sapere perchè e verso quale destino sta andando.
Sempre più gli adolescenti vivono in un mondo pieno di televisione, amicizie virtuali, mondi fantasiosi, luoghi freddi in cui è la mente ad esercitarsi anziché il cuore.
Il male di vivere che dilaga ormai in tutte le famiglie, in tutti i gruppi, in tutta la società deve essere vinto dalla consapevolezza che la vita è una, e come tale va vissuta appieno, ma soprattutto va rispettata in quanto dono prezioso.
La famiglia, l’intera società, oggi è più che mai distratta e si affanna a rincorrere ciò che appaga i bisogni più prossimi richiesti dalla nuova società, bisogni spesso effimeri e lontani da alcuni valori.
Principalmente ritengo però che fino a quando nessuno di noi genitori o nonni si siederà davanti a questi giovani, con la voglia di ascoltarli, e non giudicare, con la voglia di stargli vicino davvero, il disagio e i cattivi pensieri non potranno fare altro che ingigantirsi.
Non dimentichiamo subito, non chiudiamo gli occhi, o far finta di non vedere.
C'è inquietudine nel mondo giovanile e tanto disagio, che richiedono ascolto e risposte adeguate.
Purtroppo, però, ad oggi, niente e nessuno (ripeto: Istituzione, Scuola, Chiesa), ha ritenuto di fermarsi un momento, discutere e fare riflettere su quanto accaduto.
Invece noto con grande soddisfazione che c'è tanta voglia dei nostri giovani di partecipazione e di sogni, non illudiamoli.
Lipari, 06/11/2010
Saverio Merlino

Nella foto: A.S. 1997/1998 - LA CLASSE QUINTA DI PIETRO- Maestra: Angela La Rosa - Pietro è al centro con il sorriso sulle labbra

Reina: «Il megaporto sarà realizzato in sinergia con i privati» Si terrà comunque conto delle esigenze locali. Siremar: le Eolie saranno garantite

(Gazzetta del sud- Peppe Paino) Sul cosidetto mega porto di Lipari «si troveranno i giusti equilibri e le necessarie compensazioni». Lo ha annunciato a Lipari il sottosegretario autonomista alle Infrastrutture e trasporti Giuseppe Maria Reina in riferimento alla contrarietà all'opera, da 80 milioni di euro, del Pd, alleato del governo Lombardo che ha dato il via libera all'operazione.
E' il commento del sottosegretario sembra ressere rivolto soprattutto alla contrarietà all'opera espressa dal Pd, alleato del governo Lombardo. Una posizione netta, come si ricorderà, manifestata di recente dal segretario regionale Giuseppe Lupo dopo le sollecitazioni giuntegli dalla sede di Lipari dove i tesserati, in alternativa sono pronti a restituire i loro contrassegni.
Reina sulla questione ha evidenziato che non è più pensabile realizzare opere pubbliche di grande entità senza l'ausilio dei privati perchè non ci sono risorse bastevoli. «Ma la politica – ha osservato – deve vigilare perché le opere vengano fatte nell'interesse collettivo. Quanto si deve realizzare deve venir fuori dalla discussione e dal confronto nell'interesse dei cittadini». Non giova a nessuno la contraddizione ideologica. Il sottosegretario a tal proposito ha dichiarato che «chi in politica cerca elementi di divisione o di polemica deve cambiar mestiere».
La politica certo deve vigiliare. A proposito del mega porto, o meglio della rifunzionalizzazione delle strutture portuali esistenti, va ricordato che due anni fa il Consiglio comunale di Lipari ha approvato una serie di paletti per stabilire cosa la società Lipari Porto spa potrà fare e gestire per 50 anni tra Marina corta, Sottomonastero, Marina Lunga e Pignataro. Paletti o limitazioni, probabilmente da migliorare, relativamente all'impiego esclusivo della manodopera locale, ma che ci sono. Così come non può essere sottaciuto che i locali concessi dal Comune di Lipari come quota societaria alla scadenza dei cinquant'anni torneranno nella disponibilità dell'ente. A due anni dalla costituzione della "Lipari Porto" inoltre, si sostiene come se gli atti notarili non contassero nulla, che il Comune starebbe partecipando nelle spese societarie. «Nulla di più falso» sottolinea il presidente Nando Corrado. «Le spese complessive sostenute finora per circa 300 mila euro – precisa – sono state sostenute dal socio privato come da bando di gara e gli esborsi futuri saranno sempre a carico della Lipari Porto S.p.A. . I bilanci sono pubblici e a disposizione di chi volesse consultarli nella sede di via Salaria a Roma o presso la Camera di Commercio in attesa dei locali messi a disposizione nell'isola». Sui progetti, invece, specie per Marina corta, Sottomonastero e Marina lunga ci sarebbe tanto da discutere tant'è che i consiglieri comunali di opposizione, Giacomo Biviano del Pd e Adolfo Sabatini di "Nuovo Giorno" hanno più volte chiesto di conoscere i nuovi elaborati approvati dalla Soprintendenza di Messina.
Legambiente, domenica scorsa a Lipari attraverso Gianfranco Zanna, ha comunque già reso noto che si opporrà fermamente.
Siremar - Tornando al sottosegretario Reina, l'esponente governativo ha tranquillizzato gli isolani, specie quelli lontani da Lipari e quindi più disagiati, su uno dei pericoli della privatizzazione Siremar.
«Lo Stato – ha detto – garantirà la continuità territoriale perchè le isole dovranno mantenere il loro livello di vita. E su quest'aspetto va chiarito che l'Unione Europea non è contraria ma ha chiesto soltanto delle informazioni».
Il sottosegretario si è soffermato anche sull'approvazione dell'emendamento con il quale sono stati assicurati i fondi Fas per il sud e anche per le isole minori. «Ora cambierà tutto. Il Cipe – ha spiegato Reina – prevedeva la maggior parte degli interventi al nord. Adesso si dovrà rimodulare questa impostazione con il via libera del Tesoro che non può lasciare l'Italia spezzata in due. E in questo contesto dovranno essere valorizzate tutte le isole minori siciliane".

venerdì 5 novembre 2010

Guardia Costiera di Lipari: Operazione Talasso

Dal 18 al 24 Ottobre scorso si è svolta, nell’ambito di un operazione complessa di controllo sulla filiera del prodotto ittico a carattere nazionale, un’attività di controllo in materia di “Etichettatura e tracciabilità” del prodotto ittico ai sensi del D.M. del 27/03/2002, controllo della pesca marittima professionale e sportiva, controllo della grande e piccola distribuzione.
Gli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari hanno effettuato n°36 controlli ispettivi su M/B da pesca locali, pescherie, grossisti locali, ristoranti e cooperative pesca, supermercati, accertando la corretta presenza della documentazione accompagnatoria al prodotto ittico unitamente, con particolare riferimento alle rivendite, all’accertamento della corretta “etichettatura” del prodotto esposto, a tutela e garanzia del consumatore finale.
Sono stati effettuati controlli a terra ed in mare, rilevando n°10 infrazioni amministrative che hanno portato all’elevazione di verbali di contestazione degli addebiti per un totale di € 9738,00.
Si è proceduto a due sequestri amministrativi, di cui uno, a carico d’ignoti, ha riguardato l’utilizzo illegale di richiami a fonte luminosa per la pesca del totano, non previsti da alcuna normativa e quindi non utilizzabili come fonte luminosa accessoria.
Si è proceduto ad un sequestro giudiziario preventivo per ipotesi di frode in commercio per non corrispondenza delle indicazioni dell’etichettatura con il reale contenuto della confezione, ai sensi dell’art. 515 C.P.
Per lo stesso articolo, sono stati effettuati controlli in merito alla corretta indicazione di “prodotto surgelato” contrassegnato da asterisco nei menu dei ristoranti eoliani, controllando la reale presenza di prodotto fresco in giacenza.
L’operazione ha avuto lo scopo principe nel controllo di presenza di Pesce Spada (Xiphias Gladius) proveniente dal bacino del mediterraneo (Zona Fao 37), prodotto per il quale il fermo della pesca è in vigore dal 01/10/2010 sino al 30/11/2010.
L’obiettivo delle suddette operazioni e dei successivi controlli non hanno, ovviamente, fine repressivo, ma di garantire la corretta implementazione della vigente normativa comunitaria in materia, la tutela del consumatore finale e della salute pubblica.
I risultati ottenuti a livello locale si sommano a quelli derivanti dai controlli effettuati su tutto il territorio nazionale, qui di seguito riportati:
7.558 controlli; 39 tonnellate di prodotto ittico sequestrato; 623 sanzioni amministrative per un totale di € 1.100.000,00; 843 violazioni accertate di cui: 400 in materia di tracciabilità del pescato; 119 per cattivo stato di conservazione del prodotto ittico; 74 le frodi alimentari; 57 violazioni contestate per pesca illegale;
56 pescato sotto la taglia minima.
Questi alcuni dei risultati dell’operazione “Talasso” che ha visto impegnati 4.000 uomini e donne del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera – in controlli all’intera filiera della pesca – sia in mare sia a terra – nei punti di sbarco, grossisti, mercati ittici, pescherie, ristoranti, magazzini di grande distribuzione, etc.
Tra gli episodi, particolarmente significativi da menzionare, le 02 (due) tonnellate di sardine e sgombri, sequestrate a Sanremo, non idonei al consumo perché in pessimo stato di conservazione, le 06 (sei) tonnellate di merluzzo provenienti dall’oceani indiano e dall’atlantico commercializzate come “merluzzo nostrano” – evidente tentativo di frode in commercio – individuata a Messina, un impianto abusivo di mitilicoltura, sequestrato a Taranto, con la successiva distruzione di 09 (nove) tonnellate di cozze, i 130 (centotrenta) esemplari di tonno rosso (Thunnus Thinnus) sotto misura, quindi inferiori a 115 cm. di lunghezza o 30 Kg. di peso, scoperti dalla Capitaneria di Porto di Brindisi a bordo di n°2 (due) pescherecci della marineria di Riposto.
“Questo genere di operazioni” ha dichiarato il Ministro delle Risorse Agricole, Alimentari, Forestali e del Mare, On. Giancarlo Galan, “rimarcano l’attenzione che, grazie alla costante vigilanza, affidata al personale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, poniamo a tutela dei consumatori.”

Rinnovata primavera amministrativa. Lettera al sindaco di Lipari (di Aldo Natoli)

(Aldo Natoli) Nella vita è sempre importante saper fare un passo indietro. Ricredersi nei giudizi. Il pronto intervento del Primo Cittadino nel risolvere il problema prospettato dal giovane Roberto e compagni mi porta a pensare che finalmente siamo dinanzi ad una “rinnovata primavera amministrativa”, dove il non vedere, non sentire e non parlare si è trasformato in “efficienza”. Tutto ciò, come vecchio amministratore ed opinionista, non può che procurarmi immensa gioia. Caro Consigliere Sabatini questo significa che a giorni avrai la copia del progetto dell’intervento portuale di Sottomonastero, richiesto e sollecitato; che il Dirigente De Vita ci illustrerà, sempre a giorni, la quantificazione dei fabbisogni effettuata per poter affermare che le zone “C” degli strumenti urbanistici sono sature per consentire la costruzione dei 147 alloggi di edilizia agevolata-convenzionata; che sempre il Dirigente De Vita ci spiegherà perché i lavori di protezione del litorale di Acquacalda sono fermi e chi pagherà il sovraprezzo; che i cittadini avranno risposte immediate alle tante richieste, etc.,etc. Grazie Sindaco.

Lipari: E' sbarcato il sottosegretario Reina

Visita quest'oggi a Lipari dell'on. Giuseppe Maria Reina, sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti del Governo Berlusconi.
Il sottosegretario, al suo arrivo è stato accolto dal sindaco Mariano Bruno, dal comandante di porto Giuseppe Donato, dal suo vice Michele La Torre e dagli ispettori di polizia municipale Franco Ficarra e Giacomo Marino.
Con il sindaco di Lipari, Mariano Bruno, l'argomento oggetto di discussione non può che essere la delicata situazione dei trasporti da e per l'arcipelago eoliano e le isole minori siciliane. Sul tavolo anche, ovviamente, tutto ciò che è legato alla privatizzazione della Siremar.
In questo momento il gruppo è a pranzo in un noto ristorante del centro dell'isola.

Linee guida per il Piano di Gestione delle spiagge e delle coste e piano dei porti. La Greca scrive al consulente del Presidente della Regione

Questa la nota che il dott. Giuseppe La Greca ha fatto pervenire, attraverso l'on. Filippo Panarello, al Dott. Giovanni Randazzo (Consulente del Presidente della Regione per il Piano Coste)
Oggetto: Coste e rade del Comune di Lipari
Dott. Randazzo,
Ho letto con grande attenzione delle sue “Linee guida per il Piano di Gestione delle Coste della Regione Siciliana”, illustrato nei giorni scorsi a Taormina.
Naturalmente, quale cittadino delle Eolie, sono d’accordo che le spiagge e le coste sono da tutelare dal rischio erosione e che vadano valorizzate per accrescerne l'attrattività turistica. La fascia costiera è la zona dove da una parte più frequenti e pericolosi sono i danni ambientali provocati in generale dalle attività antropiche e dall'altro dove più forti sono gli interessi degli operatori e degli addetti al turismo, l'intervento in questo settore è sicuramente uno dei più complessi dal punto di vista tecnico. Ritengo da sempre indispensabile per le Isole del Comune di Lipari procedere alla predisposizione di un piano per la salvaguardia, il recupero e di manutenzione delle coste e delle spiagge.
Ritengo, inoltre, fondamentale che il futuro Piano di gestione delle spiagge e delle coste debba interagire con il prossimo ed indifferibile Piano dei porti per essere sottoposto alla concertazione con ordini professionali, associazioni di categoria e associazioni ambientaliste riconosciute a livello nazionale.
Già nel corso dell’anno 2009 alcuni consiglieri comunali hanno presentato alcune auto convocazione, la prima per discutere del Piano di Gestione delle spiagge e la successiva per il Piano regolatore dei Porti e delle rade, argomenti mai affrontato in consiglio comunale.
Quale cittadino mi rivolge direttamente a Lei conoscendo l’inerzia della nostra amministrazione, e ritengo opportuno segnalarLe alcune priorità che interessano il nostro territorio:
Difesa abitato della frazione di Acquacalda: L'attività erosiva del moto ondoso ha fatto crollare una parte di strada che la Provincia Regionale di Messina ha dovuto chiudere al traffico. Alcune case, tuttavia, rischiano di essere interessate dal fenomeno franoso pertanto si richiede un intervento specifico in merito.
Acquacalda, inoltre, presenta una delle spiagge più belle dell'isola di Lipari ed in estate una delle più frequentate. Diversi anni fa sono stati collocati dei tetrapodi su un lungo tratto di spiaggia per essere poi posti in mare. Purtroppo questa seconda fase dell'operazione non si è mai effettuata ed i tetrapodi giacciono lì da anni imbruttendo il panorama e rubando spazio per le attività balneari arrecando evidente pregiudizio alla bellezza del litorale. Si chiede di voler verificare se sussistono motivi certi che richiedono il mantenimento dei massi nei siti descritti, ovvero se non sia più utile ricollocarli adeguatamente a salvaguardia dell'abitato dai marosi.
Rimozione pontili dismessi costa Canneto – Porticello - nello specchio acqueo antistante le località Campobianco, Pietraliscia e Spiaggia Arena di Canneto - Lipari - Esistono alcuni relitti di pontili semidistrutti dalle mareggiate e non più agibili, di proprietà dell’assessorato Regionale T. A., parte degli stessi è dispersa in mare non lontana dalla costa. Da oltre un decennio lo stato di pericolosità rappresentato da questi relitti impone all'Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari, al fine di tutelare la salvaguardia della sicurezza della navigazione e della vita umana in mare, l'interdizione delle zone di mare entro un raggio di 100 metri dalle attuali testale alla sosta delle navi di qualsiasi tipo comprese le unità da diporto, alla pesca anche subacquea ed ad ogni altra attività che presupponga il transito di natanti o di persone. Come si potrà ben comprendersi la situazione negli ultimi tre anni si è drammaticamente aggravata e si deve procedere alla rimozione dei relitti sopra descritti tenuto conto della necessità di un sollecito intervento in un area ad altissima densità di traffico da diporto e di balneazione, area di grande pregio paesaggistico e ad alta valenza turistica.
Difesa abitato della frazione di Canneto: Il litorale della frazione di Canneto, nell’isola di Lipari, è stato suddiviso dal Piano di spiagge del Comune in quattro settori dal sud verso nord: Spiaggia Lido Unci; Spiaggia di Canneto Sud; Spiaggia di Canneto Nord; Spiaggia di Calandra; Spiaggia di Papisca-Agliozzo; in detta spiagge sono stati autorizzati attività di noleggio sdraio ed ombrelloni al fine di valorizzare l’offerta turistica della frazione. Gli interventi richiesti sono duplici: Il Ripascimento della spiaggia sul versante sud (Canneto sud e spiaggia Lido Unci); La difesa dell’abitato attraverso la rifioritura della barriera frangiflutti che protegge l’intero litorale della frazione che nel corso degli anni si è progressivamente insabbiata.
Ripascimento e difesa della spiaggia di Marina Lunga: L’arenile di Marina Lunga sino a tutti gli anni sessanta era la spiaggia più frequentata dell’isola di Lipari. Nei decenni successivi la spiaggia è stata progressivamente abbandonata a seguito dell’errata collocazione della condotta di scarico dell’impianto di pretrattamento dei liquami, che hanno provocato lo collocazione dei divieto di balneazione . A metà degli anni novanta l’amministrazione pro tempore, dopo aver spostato la scarico dei liquami, ha progressivamente riqualificato l’intero litorale attraverso il Piano spiagge, con la collocazione di alcuni pontili galleggianti e di alcune pedane per le attività di somministrazione di alimenti e bevande. L’opera è stato completato con la realizzazione di un camminamento nel tratto da sottomonastero sino alla chiesa di M. SS. Di Porto Salvo. Per il litorale di Marina Lunga occorre procedere alla difesa ed alla tutela dell’arenile rafforzandone la tutela dei valori estetico-ambientali.
Ripascimento e difesa della costa di Marina Corta: La piazza sul mare di marina Corta è una delle caratteristiche paesaggistiche uniche dell’isola di Lipari. L’alto valore paesaggistico e storico dell’intera costa che da Sottomonastero arriva a Portinenti sono da tutelare da ulteriori interventi invasivi e distruttivi che rischiano di stravolgere in modo radicale ed irreversibile sia la Piazza sia la costa.
Ritengo, inoltre, che qualsiasi ulteriore intervento vada sottoposto alla preventiva approvazione del Piano regolatore dei porti e delle rade, come prescritto dal Piano territoriale Paesistico delle Isole Eolie.
Ripascimento e difesa della spiaggia di Portinente di Lipari. L’arenile di Portinente è stato sito ai primi anni ‘70 era una delle spiagge più frequentata del centro abitato di Lipari. Nei decenni successivi la spiaggia è stata erosa dalle mareggiate ed oggi appare totalmente scomparsa. Occorre al più presto predisporre un intervento di rinascimento e difesa per tutelarne l’alto valore turistico ed estetico ambientale.
Mi limito per il momento a questo breve elencazione per la sola isola di Lipari nella speranza che l’Amministrazione Comunale si attivi per segnalarLe tempestivamente tutte le ulteriori situazioni di criticità del nostro territorio.
Distinti Saluti.
Lipari, 05.11.2010
Giuseppe La Greca

Facciamo qualcosa nell'interesse dei nostri giovani e non solo chiacchere (di Giulia Perfetto)

A PROPOSITO DI GIOVANI

Leggo tanti interventi sulla morte del giovane Pietro, tante riflessioni di adulti su quello che si fa per i nostri figli. Mi auguro che quest’onda emotiva non si esaurisca in pochi giorni e che il tutto non si riduca poi nel classico NON FARE NULLA.
Mi rivolgo in particolare ai nostri amministratori di tutti gli schieramenti affinchè da tale tragedia possa scaturire la voglia di fare qualcosa di concreto per la comunità ed a non fare SOLO POLITICA DI INTERESSI .
Con la legge 328/00 sono stati assegnati un sacco di soldi al fine di realizzare dei progetti di aiuto per tutta la comunità.
Uno dei progetti realizzati prevede la creazione di un centro socio-educativo a Lipari con attività rivolte a tutti, ma in particolar modo alla fascia adolescenziale e preadolescenziale attuate da personale esperto: 1 assistente sociale, 1 educatore professionale, 2 animatori, 2 insegnanti, 2 artigiani, per cercare di dare delle risposte alle tante problematiche giovanili. Somma a disposizione quasi 187.000 Euro per 3 anni.
In una prima stesura del progetto era stato previsto una quota per l’affitto di locali preferibilmente in zona di facile accesso a tutti. L’Assessore competente di allora chiese la modifica del progetto in quanto i locali sarebbero stati messi a disposizione del Comune. Si cambia il progetto, arrivano i soldini, ma….. nel frattempo il sindaco requisisce i locali per farne uffici comunali provvisori. Nel luglio 2010 parte il progetto presso i locali della scuola elementare di Lipari ma gli obiettivi e le finalità vengono stravolti perché più che altro in concreto si fa babysitteraggio per la famiglie che lavorano e che non sanno a chi affidare i figli in estate, in definitiva i partecipanti sono soprattutto bambini dai 7 ai 10-11 anni.
Con l’inizio dell’anno scolastico il progetto continua sempre presso la scuola elementare ma nelle ore pomeridiane per 3 gg. x 4 ore ma sicuramente con attività ed obiettivi diversi o perlomeno incompleti da quelli previsti; ora ditemi chi adolescente si sognerebbe di andare a scuola elementare di pomeriggio per 4 ore?
Agli amministratori è stata evidenziata la problematica con la richiesta di reperire dei locali tra i vari presenti sul territorio o istituire un protocollo d’intesa con la Curia per il centro giovanile se possibile. Silenzio assoluto..
Si stanno sprecando risorse pubbliche dando un servizio il cui costo sarebbe potuto essere di gran lunga inferiore.
Per favore evitate di sciorinare elenchi di cose fatte perché tra quanto sulla carta e la realtà ci passa parecchio.
Facciamo tutti qualcosa nell’interesse dei nostri giovani e non solo chiacchere.
GIULIA PERFETTO

Il sindaco Bruno scrive al piccolo Munafò.

Caro Roberto,

la tua lettera mi ha reso immensamente felice ed anche orgoglioso di avere esaudito con successo il desiderio tuo e quello di tanti altri bambini.
Il ruolo di Sindaco che deve amministrare un Comune come Lipari, molto complesso e con problematiche quotidiane, non è assolutamente facile e diviene molto spesso motivo di amarezze e delusione pur cercando di fare molto e bene per il proprio paese e la sua gente.
Le tue parole mi hanno regalato un momento di gioia ed un sorriso per aver reso felice te Roberto insieme ai tuoi amici Pio, Andrea, Manuele ed altri ancora.
Ciao e grazie a te Roberto per aver apprezzato un piccolo gesto del tuo Sindaco Mariano che con la tua dolcezza hai fatto diventare “grande”.
Un forte abbraccio
IL SINDACO
(Dott.Mariano Bruno)

Di tutto un po (notizie in aggiornamento durante la giornata)

Don Gaetano ringrazia tutti - Attraverso la signora Lucia - che ieri è andata a trovarlo in ospedale - apprendiamo che il decorso post-operatorio di Padre Gaetano procede bene. Gaetano, che è molto sereno e circondato dai suoi familiari, ha incaricato Lucia, di fare giungere a tutti, attraverso il nostro sito, i suoi ringraziamenti per la vicinanza dimostratagli e stringe tutti in un grande abbraccio

Sabatini torna a richiedere gli elaborati del "megaporto" - Questa la nota che il consigliere Adolfo Sabatini ha inviato al Sindaco del Comune di Lipari, al difensore civico, al Comando Guardia di Finanza di Milazzo:
INSISTO per di avere copia cartacea o su CD-Rom del progetto di rifunzionalizzazione del sistema portuale nell’isola di Lipari, che si configura come un unico porto turistico-commerciale nella rada di Lipari, dato dalla successione di opere portuali nelle località di Marina Corta, Sottomonastero, Marina Lunga, Pignataro, Bagnamare, e ritengo che Lei non ha sufficiente autocontrollo nel rispondere alla mie richieste in modo valido, esaustivo e pertinente.-
Nel reiterare la mia richiesta con la presente si CHIEDE ancora una volta l’urgente rilascio di una copia del suddetto progetto corredato da TUTTI gli elaborati (disegni, relazione, redering fotografico, etcc.).

Parapetti a San Calogero saranno realizzati a breve - Il consigliere comunale Giacomo Biviano (PD) ha ricevuto ieri una lettera della Provincia Regionale di Messina con la quale gli viene comunicato che "i lavori di ricostruzione dei parapetti mancanti lungo la S.P. Terme di San Calogero saranno effettuati in tempi "alquanto brevi" essendo state ultimate le procedure di affidamento e in attesa quanto prima della stipula del contratto e del conseguente avvio dei lavori".
Biviano aveva per ben due volte (25/11/2009 e 24/09/2010) sollecitato tale intervento.

giovedì 4 novembre 2010

Milazzo: Eoliani all'acqua e al vento nell'area portuale. Intervento del sindaco Lo Schiavo

Questa la lettera che il sindaco Massimo Lo Schiavo (S.M. Salina) ha inviato al Presidente dell’Autorità Portuale di Messina, Prof. Dario Lo Bosco e  p.c. Presidente Provincia Regionale di Messina, On. Giovanni Ricevuto, sindaco del Comune di Milazzo, Dott. Carmelo Pino
OGGETTO: Richiesta urgente realizzazione copertura passeggeri imbarco aliscafi porto di Milazzo
Gent.mo Sig. Presidente,
desidero chiederLe accoratamente la soluzione di una problematica ormai non più sostenibile da chi quotidianamente viaggia da Milazzo verso le Isole Eolie: infatti non è più sopportabile la presenza dell’inadeguata pseudo-copertura che dovrebbe servire a tale scopo posta in prossimità degli imbarcaderi del porto di Milazzo, e che invece umilia sempre più la vita degli eoliani.
Non è più sostenibile il fatto che i passeggeri in transito da e per le Isole Eolie – sito riconosciuto come Patrimonio dell’ Umanità- debbano subire disagi di ogni genere( nonostante gli indubbi miglioramenti effettuati nell’ambito portuale di Milazzo).
Un’adeguata e dignitosa copertura posta in prossimità degli attuali imbarcaderi degli aliscafi, eviterebbe scene e disagi come quelli viste due giorni addietro, allorquando la pioggia battente ha letteralmente “colato” in modo umiliante bambini, neonati e anziani! Solo chi poteva stare ritto sulle fioriere è riuscito ad evitare l’immersione nell’acqua!!! E tutto ciò a causa della mancanza di un’adeguata copertura degna di tale nome.
La gente eoliana non deve più sopportare disagi e difficoltà, oltre quelle che già la condizione di insularità “regala” loro quotidianamente. La dignità di un eoliano è pari a quella di ogni persona residente sulla terra ferma.
Sono certo che Ella, con la sensibilità che La contraddistingue, saprà accogliere la mia accorata richiesta( che è quella di tutto il popolo eoliano )realizzando un’adeguata copertura che permetta il riparo dalla pioggia e dal freddo d’inverno e dai raggi del sole in estate, e ciò nel più breve tempo possibile.
La ringrazio per quanto Ella farà e porgo distinti saluti.
Il Sindaco
Massimo Lo Schiavo

Il saluto di Lipari e degli amici a Pietro (video e foto)

Avevamo deciso di non pubblicare ne foto inerenti il funerale di Pietro Caprara ne filmati. E questo nonostante le tante mail e sollecitazioni di amici di Pietro e di persone che hanno vissuto questa tragedia fuori dalle nostre isole.
Questa nostra decisione (dopo il benestare di un componente la famiglia al quale ci siamo rivolti, perchè consci che il dolore, specie per la perdita di un proprio caro, non può essere "espropriato" ad uso ed consumo dei media) è però rientrata.
Non abbiamo però ritenuto necessario violare ne la sacralità della Chiesa ne di un luogo sacro come il cimitero.
Abbiamo scattato delle foto e realizzato un breve filmato al di fuori di queste strutture ed in luoghi significativi . Le proponiamo:









IL VIDEO:

Da domani a Palermo la mostra retrospettiva di Hunziker

La Famiglia Hunziker – Casamento (hotel Villa Diana di Lipari) e La Galleria Elle Arte di via Ricasoli, 45 comunicano che venerdì 5 novembre 2010 alle ore 18,00 sarà inaugurata a Palermo la mostra retrospettiva di Edwin Hunziker(1901-1986)(fondatore dell’hotel Villa Diana)"Un sogno, una vita, un’isola" Opere 1950- 1979
La retrospettiva, realizzata nel ricordo della compianta Clelia, raccoglie ventisette oli su tela realizzati dal pittore svizzero, dal 1924 residente a Lipari , tra il 1950 e il 1979.
Le opere, appartenenti alla collezione degli eredi (Famiglia Hunziker- Casamento di Lipari),rappresentano paesaggi eoliani dipinti con l’amore di un autore che ha trovato la propria dimensione artistica e di vita.
Nonostante le origini nordiche Hunziker è riuscito come pochi a rappresentare i colori, gli umori e le tradizioni culturali dell’isola, lasciando ai posteri un appassionato documento delle trasformazioni subite negli anni dalla sua terra di elezione.
Nato nel 1901 ad Affoltern sull’ Albis, nel Cantone di Zurigo, dopo il diploma intraprese vari viaggi in Europa ed in Italia e nel 1921 iniziò a studiare pittura a Roma. Frequentò poi, nel 1922, l’Accademia di Belle Arti di Monaco di Baviera. L’amore per i viaggi lo portò ad approdare per la prima volta a Lipari nel 1924, dopo un breve soggiorno a Palermo. Fu affascinato dalla natura e stimolato artisticamente dai colori dell’isola e decise di stabilirsi alle Eolie insieme ad una piccola colonia di artisti stranieri, fra i quali Max Gubler ed Emilio Müller. Nel 1926 conobbe Curzio Malaparte, Carlo Rosselli e molti altri uomini di cultura, confinati dal regime fascista nella colonia penale dell’isola.
Hunziker ha dedicato tutta la sua vita ed il suo impegno artistico alle isole Eolie ed in particolare a Lipari, da lui stesso definita come ”Terra Promessa”.
Della sua opera hanno scritto tra gli altri:
Stefan Biffiger, Salvo Ferlito, Melo Freni, Aldo Gerbino, Aurelio Pes, Vincenzo Prestigiacomo, Tommaso Romano, Anna Maria Ruta, Daisy Sigerist.
 La mostra si protrarrà fino al 20 novembre 2010
Ingresso libero. Orari 16:30/19.30 (Chiuso Domenica) - Via Ricasoli 45 Palermo
Per informazioni tel. /fax 091-6114182; e-mail: ellearte@libero.it ; http://www.ellearte.it/ http://www.edwinhunziker.it/ - http://www.villadiana.com/

Ciao Pietro !

Stamattina, aprendo come d'abitudine la posta elettronica, ho trovato un messaggio. Un qualcosa che, in un primo momento, mi ha "spiazzato" ma che, poi, entrando dentro nell'argomento, mi ha colpito !
Una ragazza, una giovane signora che vuole mantenere l'anominato per una questione di timidezza e riservatezza (ma che io conosco e che svelerò ai genitori di Pietro quando sarà il momento opportuno), mi ha inviato una lettera di saluto a Pietro.
Una lettera che avrebbe voluto, se vi fosse stato spazio per i ricordi, io leggessi in chiesa senza svelare il suo nome.
Per una scelta precisa Don Giuseppe ha deciso, e condividiamo in pieno la sua scelta, di non dare spazio ai messaggi di saluto. Non abbiamo chiesto e non abbiamo voluto eccezioni.
Motivo per cui, subito dopo la cerimonia funebre, ho chiesto, a chi l'ha scritta, di poterla pubblicare su questo sito per poi consegnarla ai genitori di Pietro.
Ricevuto il consenso la pubblichiamo, in forma strettamente anonima, poichè riteniamo, tra l'altro, ne valga davvero la pena...per l'affetto che traspare..per il messaggio contenuto.

Ciao Pietro,

si, perché questo non può essere un addio. Ci piace pensare che è solo uno dei tanti saluti che ci siamo già scambiati innumerevoli volte…di quelli distratti, accennati quando si è di corsa, e tuttavia, sempre segnati dall’assoluta certezza che tanto ci sarebbe stato un “ dopo”, un “più tardi”…un “domani”.
E adesso? Ci piace pensare, Pietro, che tu sei partito per raggiungere una di quelle mete che tanto sognavi. No, non puoi essere morto. Muore solo chi è dimenticato, seppellito nella memoria, nei ricordi; ma questo non può appartenerti: nessuno riuscirà mai a spezzare quella catena di amore che ti circondava…lo sanno gli amici, lo sa Francesco, Angela, papà…lo sa la mamma. Quella mamma che facevi tanto arrabbiare quando piccino, piccino, col viso paffuto, combinavi le tue monellerie; allora lei si spazientiva sgridandoti…ma poi tornava sempre il sereno e tutte le volte che raccontava di te lo faceva sempre con una luce nel volto e non ti chiamava Pietro, ma VITA… quella vita che tu hai deciso di spezzare.
E’ in questa breve parola di appena quattro lettere che è inscritta la radice di quel misterioso legame che unisce indissolubilmente genitori e figli. Coloro che ci danno alla luce, che ci donano la vita è un po’ come se ci affidassero la propria. Su di noi riversano le loro aspettative, le loro speranze di un futuro migliore…Ma tu Pietro, hai voluto seguire un’altra strada. Forse già nel tuo nome era scritto il tuo destino: quando piccolino, provato da una difficile malattia, hai avuto la tenacia di combatterla; quando, qualche anno fa, quel brutto incidente sembrava paventare il peggio. Eppure no! Solo tu hai voluto decidere quando lasciare questo assurdo teatro che è la vita. Lo hai fatto nel modo più duro, quasi beffardo…quasi a voler dire “ IO NON HO PAURA”. Forse quella paura adesso ce l’abbiamo noi. Perché vedi Pietro, noi non siamo abituati a spiegare l’inspiegabile e se è pur vero che ogni cosa che accade ha una sua ragion d’essere, tu la tua te la sei portata dietro, non svelandola a nessuno, custodendola gelosamente.
Ma noi, che a tutti costi dobbiamo motivare, spiegare, dire, ragionare, ci arrampichiamo su argomenti scivolosi, come la lontananza delle istituzioni dal mondo dei giovani, il difficile rapporto tra genitori e figli. Ma a ben vedere sono solo maldestri tentativi per cercare di sopraffare quell’assordante silenzio che è piombato su tutti noi da quando sei andato via.
Chissà se in cuor tuo volevi che da tutto ciò potessimo trarre un insegnamento…quel che è certo che nella realtà in cui viviamo sempre più rarefatta, virtuale sembriamo ormai tutti anestetizzati e incapaci di vedere veramente “ l’altro”…dovremmo allora iniziare a VEDERE oltre che GUARDARE e ad ASCOLTARE oltre che, semplicemente, SENTIRE perché spesso dietro un volto sereno si nasconde un mondo che aspetta di essere celato…verrà forse un giorno in cui tu svelerai il tuo.
Noi continueremo a custodirti nei nostri cuori: è lì che ti troveremo tutte le volte che sentiremo la tua mancanza e magari il ricordo del tuo dolce sorriso riuscirà a placare quel grande dolore e quella tristezza oggi troppo difficili da colmare.
Ciao Pietro.

"Loro hanno bisogno di noi e noi di loro". Le riflessioni di Angelo Ferlazzo

(Angelo Ferlazzo) Così come nella più rigida e secolare tradizione che ha contraddistinto nei secoli le popolazioni eoliane, oggi si è consumato in compostezza, attenzione e comprensione, l'ultimo atto della vicenda che ha visto Pietro, un ragazzo come tanti, lasciare e salutare i suoi compagni ed i familiari, che si sono stretti intorno alla suo feretro, in un ultimo viaggio quello verso il cimitero che ne custodirà per sempre le spoglie.
Il silenzio credo sia il tema odierno per quanti di noi " genitori " e società civile dobbiamo combattere per non perdere i nostri figli.
Loro hanno bisogno di noi e noi di loro, passata la commozione, passata la tristezza per una vita spezzata, è il futuro l'obiettivo, impariamo dagli sbagli tutti ma proprio tutti, l'isolamento sociale, le opportunità per stare insieme, il dialogo fanno parte, oggi, del passato, un passato troppo remoto.
Li conosciamo? li comprendiamo? li aiutiamo? li ascoltiamo? .....li osserviamo?
Da oggi interroghiamoci cominciamo a dare delle risposte, tutti ma proprio tutti.
Per un ragazzo, per un figlio, per un futuro uomo

L'ultimo saluto a Pietro e...il dono della vita

Grandissima partecipazione quest'oggi, anche a livello emotivo, ai funerali di Pietro Caprara (20 anni) celebrati in Cattedrale a Lipari ed officiati da Don Giuseppe Mirabito.
Attorno ai genitori, ai fratelli e alle sorelle, e ai parenti tutti (ai quali vanno tutto l'affetto e le nostre condoglianze), si sono stretti tantissimi giovani e meno giovani. Al punto che l'enorme Chiesa Cattedrale non è riuscita a contenerli tutti.
Un messaggio di conforto e di vicinanza a tutti coloro coinvolti in questo tristissimo evento è giunto - attraverso Don Giuseppe- da Padre Gaetano Sardella che si trova a Messina per i noti problemi di salute.
Don Giuseppe, nel corso della Santa Messa, rivolgendo l'ultimo saluto a Pietro, affidandolo alla Madonna, ha sottolineato a più riprese l'importanza della vita.
Un messaggio quello dell'importanza della vita che i nostri giovani devono trovare anche, e principalmente, di fronte alla tragedia di Pietro.
Un messaggio- che tutti, a secondo del ruolo che ricopriamo nella società - abbiamo l'obbligo, il dovere di veicolare. Senza remora alcuna e senza ipocrisia.
Il corteo funebre, subito dopo la benedizione della salma, si è snodato dalla Cattedrale, lungo le vie Garibaldi, Maurolico, C.so Vittorio Emanuele sino a raggiungere il cimitero.
Particolarmente toccante è stato il momento in cui la bara con le spoglie mortali di Pietro è stata fermata davanti alla "Palma" abituale ritrovo, punto di riferimento, dei nostri ragazzi.
Pietro che ha deciso di lasciare questo mondo non è un "eroe" ma lascia, seppure può sembrare un controsenso rispetto alla scelta che ha fatto e che ha gettato nello sconforto i suoi cari e tutti coloro che gli volevano bene, un messaggio ben preciso ai suoi amici, ai ragazzi eoliani, agli adulti. Spesso dietro un sorriso, l'apparente sfrontatezza.... si nasconde un essere fragile, incapace di combattere sino in fondo.
Sta a noi tutti ritornare ad imparare a capire l'altro.... dargli la forza che non ha o che non trova.... perchè mai più nessuno dei nostri ragazzi possa pensare alla morte come alla soluzione di tutti i problemi.
 "La vita- per dirla con le parole di Don Giuseppe- è un dono di Dio". Va vissuta ed affrontata...anche a muso duro e con dolore, se è il caso, ma va vissuta sempre!
NDD- Avevamo deciso di non pubblicare ne foto inerenti il funerale ne filmati. E questo nonostante le tante mail e sollecitazioni di amici di Pietro e di persone che hanno vissuto questa tragedia fuori dalle nostre isole. Questa nostra decisione (dopo il benestare di un componente la famiglia al quale ci siamo rivolti, perchè consci che il dolore, specie per la perdita di un proprio caro, non può essere "espropriato" ad uso ed consumo dei media) è però rientrata.
Non abbiamo però ritenuto necessario violare ne la sacralità della Chiesa ne di un luogo sacro come il cimitero. Abbiamo scattato delle foto e realizzato un breve filmato al di fuori di queste strutture ed in luoghi significativi. Ve li proporremo nel corso della giornata

Oggi alle 11 in Cattedrale i funerali di Pietro Caprara.

Le famiglie Caprara-Cincotta, nel ringraziare attraverso Eolienews tutti coloro che si sono stretti attorno al loro dolore,  portano a conoscenza che i funerali del carissimo
PIETRO
si terranno oggi alle ore 11,00 nella chiesa Cattedrale di Lipari.
Il corteo funebre muoverà dalla chiesetta del Pozzo dove si trova in questo momento la sua salma.
In segno di lutto, e nel ricordo di Pietro, il Ristorante Filippino, dove il ventenne lavorava come cameriere, oggi resterà chiuso  

mercoledì 3 novembre 2010

Ginostra e la messa in sicurezza del pontile. Lo Schiavo scrive a sindaco e Protezione civile

Una lettera è stata inviata da Riccardo Lo Schiavo di Marevivo al sindaco Mariano Bruno e per conoscenza al direttore della Protezione Civile Guido Bertolaso

Oggetto: lavori messa in sicurezza pontile di Ginostra.
Egregio sig. Sindaco,
i lavori di messa in sicurezza del pontile di Ginostra ( se si eccettua il ripristino del respingente per l’attracco degli aliscafi – problematica paradossale su cui tornerò presto in una più dettagliata nota) stanno per essere ormai ultimati.
Mi preme però sottoporre alla Sua attenzione due particolari che destano qualche apprensione:
1.Dopo un anno, un inverno di inutili rischi… finalmente sono state effettuate le iniezioni di calcestruzzo nel cassone principale di nord-ovest, nello stesso però non mi sembra sia stato chiuso lo squarcio provocato da un tetrapodo che vi si era letteralmente conficcato.
2.Il punto in cui si congiungono i piccoli cassoni con l’inizio della stradina di collegamento al paese continua a restare “indifeso”… Si auspicava che in tale spazio venissero collocati un paio di tetrapodi o qualche masso naturale, ma così non è stato.
Confidando in una Sua tempestiva valutazione e dunque nei necessari interventi, porgo cordiali saluti.
Riccardo Lo Schiavo

Eolie, che succede? (di Bartolo Natoli)

Riceviamo dal geometra Bartolo Natoli e pubblichiamo:
Chiedo umilmente scusa a tutti per la presente ma, essendo una persona da sempre molto vicino ai giovani, mi chiedo, seriamente preoccupato, dove questa comunita' Eoliana e questo modo di fare e di vivere ci sta portando.
Non c'e' nessun bisogno di elogiare il redattore Salvatore Sarpi che, con estrema umanita' di padre prima e di redattore dopo ha diffuso e sta diffondendo le notizie sul povero PIETRO, facendosi  tra l'altro promotore di vari gruppi di solidarieta' ecc.
Ma vorrei riflettere e farVi riflettere su quanto noi genitori, voi  amministratori e noi societa' stiamo donando a questa nuova classe emergente rappresentata da Pietro e da tutti i suoi coetanei.
La mia vera paura e' che vi e' in atto un vero e proprio malessere giovanile dato dalla precarieta' del vivere - sopravvivere quotidiano.
Esattamente ventitrè anni addietro -noi-, allora ventenni, avevamo degli stili di vita quotidiana dettati da esempi sani e forti inculcateci dai nostri genitori, dalla nostra societa' e dalla nostra classe dirigente.
Siamo sicuri che tutti noi oggi stiamo dando ai nostri figli quanto noi, ieri, abbiamo ricevuto?
Attenzione, sono il primo a mettermi in discussione, ma siamo tutti pronti a metterci alla prova per il bene della nostra societa' e soprattutto dei nostri figli?
Vorrei veramente che quello che oggi stiamo vivendo, non debba e non devepiu' ripetersi.
Certo, sarebbe stato meglio che la presente fosse stata di aiuto a Pietro ma, non potendo fare tornare indietro l'orologio (magari fosse cosi' semplice) vorrei che da oggi si organizzassero stage, incontri, verifiche ecc. sullo stato dei nostri giovani e della nostra societa' partendo da quegli esempi sani come ai miei tempi era, uno tra gli altri, il mio professore di Religione Don Gaetano Sardella che, oltre ad essere il nostro
professore, era anche il nostro sacerdote ed il nostro primo  "complice"
Lui non esitava a darci consigli, ci bacchettava se vi erano i presupposti ma era il vero e proprio collante tra la famiglia , la societa' e le istituzioni.
Colgo l'occasione per salutarLo calorosamente ed augurargli una veloce guarigione affinche'possa riprendere prestissimo il suo posto di guida reale e spiritruale di tutti i nostri giovani eoliani.
Saluti
Geometra Bartolo Natoli

Di tutto un po (notizie in aggiornamento durante la giornata)

La salma di Pietro nella Chiesa del Pozzo - La salma del giovane Pietro Caprara ha lasciato, intorno alle 18 e 30, l'obitorio del cimitero di Lipari per raggiungere la chiesetta del Pozzo. Il corteo funebre, snodatosi lungo un tratto del C.so Vitt. Emanuele, ha visto la partecipazione, oltre che dei familiari, di oltre un centinaio di ragazzi. Ad aprire il corteo funebre lo striscione che, in questi giorni, ha campeggiato sulle mura del cimitero di Lipari.
All'arrivo della salma Don Giuseppe Mirabito ha invitato tutti alla preghiera.
I funerali, come anticipato, si terranno domani alle 11,00 nella chiesa Cattedrale.

Don Gaetano, intervento riuscito- E' riuscito, nonostante qualche difficoltà, l'intervento chirurgico a cui è stato sottoposto stamani a Messina Don Gaetano Sardella, investito da un auto il 1° novembre sulla via Conti.
Il presule- così come abbiamo appreso dal fratello Guglielmo- si è da poco risvegliato dallo stato di torpore indotto dall'anestesia. Ancora una volta a Don Gaetano i nostri migliori auguri che poi sono quelli di tutta la comunità eoliana.

Tunisino di nuovo a Gazzi - Torna a Gazzi, in carcere, il  tunisino residente a Lipari Hnaien Hicham, 29 anni, già arrestato lo scorso 10 settembre per lo sfregio al connazionale. L'uomo, che mercoledì scorso era evaso dai domiciliari e quindi arrestato, aveva ottenuto dal magistrato un nuovo provvedimento di custodia cautelare tra le mura domestiche. Stasera, a seguito di un aggravamento della sua posizione, è stato di nuovo trasferito a Gazzi. Da Lipari è stato inbarcato sulla motovedetta dell'Arma.



Nonostante lo scirocco oggi l'aliscafo va (la foto è di Gaetano Agrip)

Lipari: Attività del difensore civico

Ricevimento del 11.11.10 e 12.11.10.

Con la presente, si comunica che il Difensore Civico del Comune, Avv. Francesco Rizzo, riprenderà il ricevimento dal 12.11.2010 e 12.11.10, dalle ore 11 alle 13, presso il proprio ’ufficio di Piazza Mazzini, 1 Piano.
Al fine di concordare eventuali appuntamenti urgenti esaudendo alcune richieste pervenute in tale senso, fornisco, per l’opportuna diffusione ed al fine di migliorare il servizio reso, i recapiti di riferimento :
Ufficio “ Attività del Consiglio comunale e della Segreteria generale “,090-9887257- fax 090-9887910 , (Sig.ra Maria Famularo ); 392-4697535 ( utenza telefonica privata Avv. Francesco Rizzo).
In riferimento al ricevimento del 03.11.10
Si rappresenta che sono state svolte n. 2 audizioni di cittadini, sulle seguenti argomentazioni:
servizio idrico;
ripascimento spiagge;
Sono state esitate le seguenti istanze :
1.Buoni pasto lavoratori ex Pumex ;
2.servizio idrico;
3.regolamento tende- istanza associazione commercianti;
4.istanza concernente viabilità in via quartiere.
Il Difensore Civico
( Avv. Francesco Rizzo )

TAC inspiegabilmente guasta a Lipari. Il comunicato stampa del vice-sindaco China

COMUNICATO STAMPA
Tac inspiegabilmente guasta da oltre 15 giorni all'ospedale di Lipari, nella generale insensibilità, costringe i nostri concittadini a continui voli con elicotteri del 118, a tutte le ore del giorno e della notte per eseguire Tac per traumi cranici, certamente eseguibili in loco, specie se, come nella maggioranza dei casi, il trauma fortunatamente non ha prodotto emorragie cerebrali.
I cittadini eoliani continuano a pagare costi dell'insipenza dei nostri governanti.
Per il solo sopralluogo e la presa visione del guasto pare che il tecnico si sia recato a Lipari dopo dieci giorni dalla chiamata (cosa inconcepibile).
Da una settimana si attende un pezzo che deve provenire (a quanto si dice) da Amsterdam (ma sono così rari i voli da Amsterdam a Catania o sono giornalieri?).
Quanto tempo ancora ci vorrà affinchè il tecnico si decida a portare questo benedetto pezzo a Lipari? Ed è normale, e contrattualmente previsto, che un ospedale debba rimanere cosi' a lungo senza diagnostica perchè i tecnici non ritengono di venire a Lipari o il contratto di manutenzione prevede tempi piu' brevi a cui la ditta appaltatrice non si attiene? E l'Azienda Sanitaria ha adeguatamente vigilato affinchè la riparazione avvenga?
Il vice-sindaco Giulio China

Pietro nel ricordo di sissyna100.wmv

Vulcano: i carabinieri segnalano all’A.G. 3 cacciatori messinesi per omessa custodia di armi e munizioni.

COMUNICATO STAMPA
Nei giorni scorsi, in Vulcano, i Carabinieri della locale Stazione, hanno segnalato all’A.G. tre uomini tutti originari e residenti a Messina, per omessa custodia di armi e munizioni.
La pattuglia, nel corso di controllo alla circolazione stradale in quella località Porto di Levante, notava che all’interno di un’autovettura ivi parcheggiata con le portiere prive di sicura, erano stati lasciati incustoditi tre fucili da caccia cl. 12, un fucile da caccia cal. 8 e n. 51 cartucce da caccia cal. 8.
Immediate ricerche per risalire al proprietario del mezzo e delle armi, permettevano di identificare i tre uomini, che si trovavano sull’isola per una battuta di caccia ed in atto erano in un’abitazione sita in Piano dell’Arpa, in uso ad uno di loro.
Successivamente i Carabinieri effettuavano accurata perquisizione domiciliare nell’abitazione rinvenendo n. 1239 cartucce di vario calibro incustodite e sparse nelle stanze.
Le armi e le cartucce sono state poste sotto sequestro e per i tre individui è scattata la denuncia a piede libero all’A.G. per omessa custodia di armi e munizioni.

Completato l'esame medico-legale. Pietro restituito ai suoi cari

Completato l'esame medico-legale sul corpo del povero Pietro Caprara, 20 anni. Subito dopo, a seguito del nulla osta da parte del magistrato, il corpo è stato restituito alla famiglia.
Davanti all'ingresso dell'obitorio stazionano, in lacrime, decine e decine di amici di Pietro

IL SILENZIO DELLE ISTITUZIONI di Aldo Natoli

Sono passati ben 62 giorni da quando il Sindaco di Lipari, a conclusione della Conferenza di Servizio per la costruzione di 147 alloggi di edilizia agevolata-convenzionata nelle isole di Lipari Vulcano e Panarea da parte della Società ATI-Lipari , ha dichiarato che il Dirigente del III° Settore del Comune, Arch. Biagio De Vita, avrebbe fornito pubblicamente dei chiarimenti sulla regolarità della procedura seguita rispondendo così a tutte le eccezioni sollevate, anche dal sottoscritto. Ma ad oggi non risulta che il Dirigente De Vita abbia effettuato l’intervento annunciato dal Sindaco e, come ormai consuetudine del nostro Comune, sul problema è calato un silenzio tombale. Debbo pertanto ricordare che secondo la normativa urbanistica vigente per poter impegnare per la costruzione dei citati alloggi terreni che ricadono in zona agricola “E” dello strumento urbanistico è obbligatorio che le zone “C”, destinate per ospitare tali insediamenti, risultino essere sature
Elemento essenziale per occupare le zone agricole è la “quantificazione dei fabbisogni” attraverso l’andamento demografico. L’obbligatorietà di questa certificazione, per valutare l’ammissibilità dell’utilizzo delle zone “E” è stata anche ribadita dal Dirigente Generale dell’Assessorato Territorio ed Ambiente con la nota prot. n° 568367/09. Nella citata nota il Dirigente dell’Assessorato ricorda addirittura al Comune la Sentenza del TAR Sicilia di Catania n° 11/09 che ha visto soccombere le Cooperative Libertas, Eoliespress e Panarea, proprio per la mancanza di questa quantificazione.
Il Dirigente De Vita deve pertanto supportare la sua attestazione circa la necessità di reperire nuove aree spiegando e documentando a tutti noi i risultati di questa indagine, dovendosi altrimenti ritenere l’iter posto in essere dall’Ente “illegittimo”. Sono certo che il Primo Cittadino, che ha il compito di vigilare sulla regolare attività del Comune, disporrà a breve la convocazione di una conferenza stampa affinchè l’Arch. De Vita possa fornire ogni chiarimento su questa certificazione, tra l’altro, richiesta anche dall’Assessorato Regionale.

In corso l' esame autoptico sul corpo di Pietro Caprara

E' in corso, da circa trenta minuti, presso l'obitorio del cimitero di Lipari, l'esame autoptico sul corpo del ventenne Pietro Caprara ritrovato impiccato lo scorso 1° novembre in località Alta Pecora a Quattropani (Lipari).
L'esame medico-legale è stato disposto dalla Procura della Repubblica di Barcellona, che come da prassi, ha aperto una inchiesta sull'accaduto.
Fuori dal cimitero in questo momento si trovano decine di amici di Pietro, una parte di coloro che da ieri hanno posizionato un maxi-tabellone davanti alla palma (luogo di ritrovo dei giovani liparesi) di Corso Vittorio Emanuele.
Una volta completato l'esame medico-legale, i cui risultati si sapranno non prima di una trentina di giorni, il corpo del povero Pietro dovrebbe essere restituito alla famiglia per la celebrazione dei funerali.

"Questa idea del megaporto non mi piace, però se ci penso può darsi che………" (di Salvatore Agrip)

Angelo a me non interessa quello che vuoi fare tu, anch’io voglio fare qualcosa, conosco tanti amici che vorrebbero fare, altre cose, sai noi siamo gente tranquilla, lasciamo fare e vogliamo fare.

Uno di noi ha il desiderio di utilizzare del terreno per lavorare, so che non gli piace ararlo, coltivarlo, tanto a noi non ci interessa saperlo, quello che deve fare lo sa lui. Poi c’è un gruppo di amici che ha dei terreni a Quattropani, sarebbero contenti e felici di poterli dare per fare un aeroporto, in questa isola ce né tanto bisogno, si, tu vuoi fare il megaporto per migliorare i trasporti, ma qui in molti vogliono volare e poi così ci saranno tanti turisti tutto l’anno che ci porteranno tanti soldi, verranno anche con i temporali e con il mare forza otto, si l’aeroporto è proprio quello che ci manca.
Sai hai avuto proprio una bella idea, ma stai tranquillo è solo tua e mi sembra giusto ad ognuno la sua a questo punto possiamo stare bene in questa isola, sai però abbiamo un problema che ci impedisce di realizzare le nostre cose e sai qual’ è……….l’unesco! Che ci fa qui? Non l’abbiamo visto mai e non ci ha fatto avere mai niente (neanche un ringraziamento). Per liberarcene (dopotutto è un intruso) dobbiamo convincere tanta gente, ma non è difficile, basta dirgli che se sono d’accordo con noi li ripagheremo facendoli divertire, gli costruiremo un Parco……….si un parco giochi, un grande parco giochi, qui in questa isola lo spazio non manca mai, si può fare tutto basta volerlo, potranno giocare come e quando vogliono e tutti saremo felici e contenti.
Sai una cosa non l’ho capita………il tuo socio (il comune), come farai a convincerlo in questa tua idea, Angelo quello è un “dipendente”, si dovrebbe dimettere, licenziare, ……….insomma rendersi autonomo e indipendente.
Noi siamo forti dobbiamo crederci alle nostre idee, facciamoli navigare senza farle naufragare e ci porteranno lontanoooooooo!!
Salvatore Agrip

martedì 2 novembre 2010

Domani Don Gaetano sarà sottoposto ad intervento chirurgico

Dopo il brutto incidente di ieri sera Don Gaetano Sardella sarà sottoposto domani all'ospedale Papardo di Messina ad intervento chirurgico per ridurre le fratture alla tibia e al perone.
Don Gaetano- così come ci riferiscono amici che l'hanno sentito- è tranquillo e sereno e saluta tutti gli eoliani che si sono stretti attorno a lui.
A Don Gaetano ribadiamo il nostro più fervido augurio per una ripresa il più veloce possibile.

Via Conti: Urgono provvedimenti (di Aldo Natoli)

(Aldo Natoli) Ci auguriamo che quanto successo a Don Gaetano Sardella suggerisca ai responsabili del traffico cittadino, in considerazione del doppio senso di circolazione veicolare, dell’esistenza di esercizi pubblici e purtroppo dell’alta velocità che spesso i veicoli tengono, di evitare la sosta su ambo i lati sulla via Conti; di vietare la sosta dei bus gran turismo; di modificare l’illuminazione in modo adeguato.
Al caro Mons. Sardella, del quale ci mancheranno le accorate omelie domenicali, auguro una pronta guarigione.

Club Meligunis riprese le attività (di Patrizia Lo Surdo)

(Patrizia Lo Surdo) Anche se con un po' di ritardo il Club Meligunis, presieduto sempre da Angela Ivaldi, ha iniziato i nuovi corsi con Mister Biviano.
Per i piccoli la scuola pallavolo si effettua nei seguenti giorni: lunedì, mercoledì e sabato dalle 15,30 alle17.
Il gruppo femminile, nonostatante avesse mantenuto, il posto in prima divisione, ha deciso di ripartire dalla seconda in conseguenza anche dell'abbandono di alcune atlete; un nuovo gruppo si sta preparando per il campionato che inizierà intorno alla metà di novembre.
Per quanto riguarda il settore maschile, a malincuore si è dovuto chiudere; molti dei ragazzi non hanno rinnovato l'impegno di far parte del gruppo, pertanto è stato impossibile avere un numero sufficiente di atleti per prendere parte al campionato

Lettere al direttore. "L'incidente a Don Gaetano potrebbe non essere l'ultimo. Sulla via Conti urgono provvedimenti". Ci scrive Cristian Ruggiero

Caro direttore,
L´episodio accaduto a Don Gaetano Sardella era dietro l´angolo. Gia´ in passato e´ accaduto ad un mio caro amico, tale Roberto Giardina ,che proprio in prossimita´ del panificio Martino e´ stato investito con il suo motorino da un'auto.

In quel tratto di strada ogni giorno si sfiora l´incidente. Non riesco propio a capire come mai non si riesce a regolamentare il traffico. Sembra che nessuno veda, nessuno si accorga della pericolosita´.
Non credo bastino i divieti di sosta. Sarebbe opportuno, come fatto in altre zone, che vengano poste delle piante, dei paletti che vietino la sosta alle auto, che vengano posti sulla carreggiata dei piccoli dossi per limitare la velocita´ di auto e scooter.
Faccio gli auguri di pronta guarigione a Don Gaetano Sardella, con la speranza che questo episodio serva a sensibilizzare chi di competenza per porre fine a questo serio e grave problema che avrebbe potuto avere conseguenze ben piu´ gravi.
Cristian Ruggiero

"Mi faccio un porto. Anzi, un megaporto". (di Angelo Natoli)

(Angelo Natoli) M'è venuta un'idea: mi faccio un porto. Anzi, un megaporto. Intendo un porto tutto mio che inizia a Marina Corta e finisce a Pignataro. Dentro ci metto barche da diporto, yachts, barche da pesca, da traffico, ma anche aliscafi, navi. Insomma, un porto attraverso il quale devono passare tutti quelli che vogliono arrivare o partire da Lipari. Ovviamente non lo costruisco gratis, è chiaro che farò pagare tutti. E siccome sarò l'unico padrone del porto deciderò io quanto si dovrà pagare: chi ci sta ci sta, chi non ci sta può andarsene altrove. Costruire un porto di queste dimensioni però costa, non posso pensare di ripagarmi tutto in cinquant'anni di concessione solo con i posti barca o facendo pagare i mezzi commerciali. Intanto tutti quelli che lavorano dentro il porto sono gentilmente invitati ad uscire: il porto è mio. Ormeggiatori, gru, officine di rimessaggio, noleggio motorini, pontili galleggianti, taxi, pullmans, pescatori possono trovare spazio altrove. Poi però ho bisogno di altro, di molto altro. Per esempio tutto intorno al porto ci costruirò bar, ristoranti, agenzie turistiche, alberghi, spa, negozi, boutiques, rivendite di giornali, supermercati e tutto quello che potrà servire. Il porto, naturalmente, sarà chiuso, l'accesso riservato solo ai viaggiatori, agli ospiti ed agli addetti ai lavori. Quanto a tutti gli altri, vadano altrove. A Quattropani, per esempio, dove non ci sono rivendite di giornali o noleggi auto; oppure ad Acquacalda, dove non ci sono supermercati e boutiques. Insomma, io faccio il porto, mi prendo tutto e gli altri si arrangino. Del resto realizzerò un sacco di posti di lavoro, ma li darò a chi vorrò io. Tutti quelli che prima lavoravano in proprio potrebbero venire da me a chiedere di lavorare alle mie dipendenze. Poi io deciderò se assumerli o no. Dipende, dipende da come mi gira: il porto è mio. Non crediate però che sia così ingenuo, non è che sta cosa me la faranno fare così facilmente. Intanto devo trovarmi un socio che non mi crei problemi, anzi, che mi aiuti a risolverli. Un socio che non abbia troppi soldi, troppe competenze, troppe pretese; pronto a mettersi da parte al primo aumento di capitale. Chessò, potrei provarci col Comune. Poi rimane il problema dell'impatto ambientale, ma non mi sembra il più complicato da risolvere. Intanto è sempre un bell'argomento di conversazione e persino di polemica. E si sa, la polemica distrae. Mentre si discute sull'altezza del muraglione ci si scorda che quel muraglione, comunque verrà costruito, sarà solo mio e nessuno potrà salirvi sopra se io non lo vorrò. E poi, con tutto quello che è stato già costruito e distrutto, figuriamoci se m'impediscono di fare un bel porto, più bello di quello di Alessandria, di Rodi e di Atene messi insieme (avrei anche il progettista giusto).
So bene che qualcuno che mi leggerà penserà che sono impazzito, che non è possibile, che non si farà mai, che la gente di Lipari non lo permetterà mai, che il Comune si opporrà strenuamente, che gli Enti di tutela bocceranno tutto. Non so, non sarei così sicuro. Se non mi rubano l'idea io ci provo.

Lipari: Investito Padre Sardella

Un incidente stradale ha visto coinvolto ieri sera Don Gaetano Sardella. Il sacerdote, dopo aver celebrato al cimitero di Lipari la Santa Messa, si era fermato con l'auto in prossimità del panificio Martino: si dice per acquistare del pane. 
Mentre stava attraversando, da quanto si dice, è stato investito da un mezzo condotto da un giovane liparese.
Prontamente soccorso è stato trasferito all'ospedale di Lipari e da qui, dopo le prime cure, con un elicottero del 118 al Papardo di Messina.
Don Gaetano avrebbe riportato una frattura scomposta della gamba e lamenta dei problemi ad una spalla.
A Gaetano vanno i nostri auguri di una pronta guarigione.

I nostri giovani chiedono aiuto. L'appello di Dimitri Greco

La tragedia di Pietro...è il grido d'aiuto dei nostri giovani. Ascoltiamoli. L'editoriale

L'EDITORIALE DI SALVATORE SARPI
E' stata una lunga notte a Lipari all'interno delle case così come, e principalmente, all'interno del cimitero di Lipari.
Credo che, seppure per un attimo, tutti hanno parlato, affrontato, il tristissimo episodio della morte di Pietro Caprara.
Una morte che lascia increduli e sgomenti.
Incredulità e sgomento, mista a rabbia e dolore, che si leggeva chiaramente tra le decine e decine di giovani che, per tutta la notte, alla fioca luce delle lampadine accese per la ricorrenza dei defunti, hanno vegliato su Pietro, davanti alla porta dell'obitorio del cimitero.
Uno scenario irreale, dove alla luce delle lampadine, poste per la ricorrenza dei defunti, si accompagnava quella di decine e decine di lumini posti proprio all'ingresso del cimitero. Con il silenzio della notte rotto dai singhiozzi e da un perchè, urlato ad alta voce. Mentre fuori campeggiava, e campeggia tutt'ora, un lenzuolo bianco con una scritta più che eloquente:
Pietro x sempre nei nostri cuori
 I visi di quei ragazzi, della mia e dei vostri figli,  gonfi di lacrime e di stupore, quel perchè ricorrente... non debbono passare inosservati.... debbono aitarci a riflettere, a comprendere.
A comprendere quale grande "mistero" si può celare dietro la decisione di un ragazzo di vent'anni di farla finita con la vita....di non sorridere più....
Nessuno, più che mai in questo momento, e più che mai chi scrive, vuole fare il moralista. Non è ne il caso...ne il momento. Ma non si può non chiedersi: Conosciamo davvero i nostri figli? Diamo davvero loro, al di la del benessere apparente, di decine e decine di regali, di giochi e telefonini sempre più sofisticati, quello di cui realmente hanno bisogno?
Un quesito che non è rivolto solo ai genitori ma anche alle amministrazioni, alla nostra società, di cui questi ragazzi sono anche figli e componenti.
Quesiti, domande, che superato il momento di questo grande dolore non debbono cadere nel vuoto, devono essere oggetto di riflessione, di confronto, di discussione, nel paese, così come dentro le case. 
Non amo riportare testi tratti da altri siti ma, quest'oggi, non potevo fare a meno di riportare le considerazioni, rilasciate ad un altro sito d'informazione, dall'amico Francesco Coscione.
Francesco, tra l'altro, scrive: "Li abbiamo riempiti di regali e di benessere ma forse non siamo stati capaci di passargli la forza di vivere. Gli abbiamo insegnato come ci si fa strada e come si deve lavorare tanto per farsi un futuro ma quel futuro loro non lo vogliono. Ce lo hanno sbattuto in faccia il "nostro" futuro, i nostri regali, il nostro inutile benessereTutti quei ragazzi oggi sono forse diventati troppo presto uomini e non con un bel lavoro o una posizione sociale ma con il dolore. In giorni in cui il dolore, a volte solo rituale, della visita ai defunti, sarebbe importante che noi adulti che tanto a volte sbandieriamo il nostro saper fare, la nostra saggezza e il nostro apparire, avessimo il coraggio di "essere" davanti ai nostri figli. Questa morte non è come le altre, questa è diversa, deve essere un'altra cosa. Voglio sperare che qualcuno delle autorità di questo paese siano presenti a questo dolore, quello che è successo è una sconfitta per ogni società, per ogni famiglia e per ogni persona. Non capirlo sarebbe da folli".
Pietro è morto. Ha deciso di non sorridere più e di non "combattere". Ma solo se, noi adulti, sapremo capire il messaggio, dare delle risposte, lui non sarà morto invano.
Intanto, attesa delle determinazioni della magistratura....il corpo senza vita di Pietro resta lì...all'interno dell'obitorio del cimitero di Lipari....mentre fuori...in una giornata buia come può essere il più profondo dei dolori.....decine di ragazzi continuano a chiedersi: ...Pietro perchè ?
Un quesito che non avrà una risposta ma che dovremmo (dobbiamo) porci anche noi "adulti" (istituzioni in testa)...cercando...trovando...una risposta...e un aiuto!!!