Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 21 marzo 2009

Centro di riabilitazione di Canneto. Lauria scrive al Prefetto

Al Signor Prefetto di Messina è indirizzata la lettera del consigliere comunale Bartolo Lauria(UDC) avente per oggetto: centro di riabilitazione di Canneto
Signor Prefetto,
a distanza di circa un anno dall’incontro promosso in Prefettura dallo scrivente unitamente ad altri consiglieri di minoranza del Comune di Lipari Le torno a scrivere per chiederLe un suo autorevole intervento presso i dirigenti dell’'Azienda USL n. 5 di Messina, in merito al Centro di riabilitazione di Canneto, recentemente sguarnito di alcune figure professionali indispensabili per le azioni di riabilitazione proprie della suddetta struttura, tra le quali il logopedista.
Non è dato conoscere i motivi e le giustificazioni di tali carenze tuttavia, quello che chiede, Signor Prefetto, è un intervento affinché il servizio venga ripreso al più presto possibile senza che, eventuali carenze dell’apparato burocratico, vengano a pesare sulla comunità eoliana.
Certi del Suo autorevole intervento Le invio distinti Ossequi.
Lipari, 20 marzo 2009
Il consiglieri Comunale
Bartolo Lauria

Si pescherà a "zig-zag" ?

(lipari biz) Un nuovo attrezzo da pesca " made in Lipari", ideato dal rag. Pinuccio Spinella, raccogliendo le testimonianze della marineria locale, per la cattura dei grandi pelagici, ha riscosso notevole interesse nel corso della riunione di ieri al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Dipartimento Pesca, in vista dell'inizio della nuova stagione. Al Ministero, e del resto anche in una precedente riunione tenutasi al Comune di Lipari, con i pescatori, sono stati chiari: No alle ferrettare che, tra l'altro si trasformano in spadare ( raddoppiate di numero negli ultimi anni nonostante il fermo divieto di utilizzo). Nella riunione tenutasi al Ministero, oltre al rag. Spinella, c'erano anche il sindaco Mariano Bruno e il consigliere comunale Antonio Gugliotta

Lipari: Colpi di pistola contro un'auto in sosta

Due colpi di pistola sono stati esplosi durante la notte contro una Citroen C 15(modello autocarro) di proprietà di Antonino Saltalamacchia(detto faffà), 57 anni, di Lipari-Acquacalda. Il mezzo si trovava posteggiato, in prossimità della Chiesa di Santa Lucia a Lipari, nei pressi di una officina meccanica che doveva provvedere ad effettuare alcuni interventi sullo stesso mezzo. Uno dei proiettili ha frantumato i vetri (lato guida e lato passeggero) del veicolo e fuoriuscendo ha colpito, mandando in mille pezzi, anche il vetro (lato guida) di una Fiat Tempra di proprietà di Stefano Mazza che si trovava posteggiata nelle vicinanze. Il secondo proiettile è stato esploso contro il tettuccio dell'autocarro.
I carabinieri, al comando del maresciallo Francesco Villari, intervenuti sul posto dopo la segnalazione di Saltalamacchia, che ha anche presentato denuncia, hanno ritrovato uno dei bossoli e hanno avviato le indagini

venerdì 20 marzo 2009

IL MESSINESE SANTINO BARBERA ELETTO OGGI SEGRETARIO GENERALE DELLA FILCA CISL SICILIA

Con cinquantanove voti su sessanta aventi diritto e una scheda bianca, Santino Barbera, 46 anni di Patti, segretario provinciale della Filca Cisl, è stato eletto questo pomeriggio Segretario Generale della FILCA Cisl Sicilia. Un riconoscimento prestigioso per il segretario della Filca di Messina, carica che ha ricoperto per otto anni. Santino Barbera è stato eletto al termine del Congresso della Federazione dei edili che si è tenuto ieri e oggi presso l’Hotel Saracen di Isola delle Femmine, in provincia di Palermo. A coadiuvare Santino Barbera, sono entrati in segreteria il palermitano Salvatore Scelfo e il catanese Gavino Pisanu.
“Abbiamo evidenziato in questi due giorni le difficoltà che il settore delle costruzioni sta attraversando in quasi tutta la regione – ha detto Santino Barbera – Da domani stesso ci metteremo a lavorare sul ripristino della legalità contrattuale e salariale dei lavoratori. Oggi il 50% degli addetti del settore non si vedono riconosciuto il salario come previsto dal contratto nazionale e da quello integrativo. Saremo attenti, e faremo denunce mirate al riguardo, affinché vengano osservate tutte le misure di sicurezza nei cantieri edili. Abbiamo l’obbligo di fare riaffermare i valori morali ed etici che ci hanno consentito di superare crisi anche più gravi di queste. Serve il recupero dei valori della famiglia, del lavoro e della solidarietà”.

Lipari: Effettuata l'autopsia sul corpo dell'uomo ritrovato impiccato a Santa Nicola

E' stata effettuata stamattina presso la camera mortuaria del cimitero di Lipari l'autopsia sul corpo dell'uomo ritrovato impiccato mercoledì notte in un rudere di contrada San Nicola. Ad effettuarla il dottor Giovanni Crisafulli dell'Istituto di medicina legale di Messina. Sono stati acquisiti, inoltre, tutta una serie di elementi che dovrebbero permettere di individuare il periodo al quale fare risalire il decesso.
Intanto continuano le indagini dei carabinieri per accertare l'identità dell'uomo che, a quanto pare, sarebbe un abituale frequentatore dell'isola e, specie d'estate, della zona di Marina Corta.

No Siremar.... di PIERO ROUX

La proposta di manifesto di Piero Roux per l'incontro sul tema: "I trasporti marittimi da e verso le isole minori" del prossimo 23 marzo

Leni: Ufficiale la candidatura a sindaco del dottor Santisi

(Michele Merenda) Si sono dimostrate fondate le indiscrezioni che parlavano di Maurizio Santisi come candidato alle elezioni comunali di Leni, nell’isola di Salina. Santisi, medico del 118 ed attuale Assessore alla Sanità di S. Marina Salina (altro comune isolano), ha infatti confermato che contenderà a Riccardo Gullo, per le elezioni di giugno, la carica di sindaco. “Questo impegno – ha dichiarato Santisi – è nato inizialmente come un semplice ‘pour parlé’ con alcuni abitanti di Leni. Ma tra il serio ed il faceto queste parsone mettevano in evidenza la necessità di un volto nuovo per il proprio comune. Personalmente – ha continuato Santisi – sono sempre stato stimato per il mio impegno e per i risultati che ho portato in dieci anni di lavoro a Salina. Anche se provengo da Messina, mia madre è di Stromboli e quindi so quali sono le esigenze degli isolani. Da parte mia porterò al paese un buon rapporto col comune di Malfa, un ottimo rapporto con quello di S. Marina e, per finire, un ottimo rapporto con Lipari. Senza contare i contatti con Provincia e Regione. Ricordo che alle elezioni provinciali del 2008, nella lista del Presidente Nanni Ricevuto, sono arrivato quarto su dieci candidati. Mi sento di dire – ha puntualizzato il dottore – che non si può far nulla senza queste basi necessarie. Ai cittadini prometterò solo ciò che sarà effettivamente possibile fare, inutile illuderli. Ma fin da adesso, in caso di vittoria, mi impegno a portare un’ambulanza fissa con tanto di personale specializzato. Entro il 22 di questo mese ci sarà una prima riunione operativa, mentre dal 12 aprile mi stabilirò definitivamente a Salina”.

Vulcano senza campo sportivo

(lipari biz) Il Comune di Lipari e i giovani di Vulcano da questa mattina hanno ufficialmente perso il campo sportivo isolano per morosita da parte dell'ente nei confronti dei proprietari della ERRE.VI Costruzioni Srl. Contro il provvedimento è stata presentata richiesta di sospensiva e opposizione. Intorno alle 10,00 proprio mentre, alcuni calciatori della locale compagine stavano svolgendo una seduta d'allenamento, si sono presentati nel fondo i legali della società, Alfio Ziino, e dell'ente Edoardo Zampella, unitamente all'ufficiale giudiziario che ha notificato " l'immissione in possesso" nella struttura a favore dell'impresa napoletana, così come disposto a gennaio dal giudice monocratico di Lipari, Roberto Gurini. La ERRE.VI nell'isola e a Lipari, vanta una novantina di titoli di proprietà tra beni immobiliari e terreni anche di interesse pubblico, rilevati dalla signora Giovasnna Maria Paino. Il prof. Zampella, difensore del Comune, aveva chiesto all'ufficiale giudiziario il rinvio del procedimento presentando la disponibilità dell'ente a versare i fitti da Gennaio. Ha, inoltre, fatto rilevare, con tanto di esibizione di atti, come le attrezzature presenti, per le quali si chiede la demolizione, non rientrino nel perimetro del campo del calcio.

giovedì 19 marzo 2009

Erre.vi sulla vicenda discarica di Vulcano: "Ma quale vittoria?" ed insiste nel risarcimento

Riceviamo da Daniela Morrone della ERRE.VI di Napoli, e pubblichiamo, una lettera in merito alla vicenda giudiziaria sul risarcimento danni per l'ex discarica di Vulcano.
Oggetto: discarica rifiuti dell'isola di Vulcano (Lipari)
La scrivente Morrone Daniela nella qualita di Amministratore della società ERRE. VI. COSTRUZIONI SRL , proprietaria del suolo in oggetto, sente l'obbligo di rispondere alle affermazioni rilasciate in merito al giudizio civile incardinato presso il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto per precisare quanto segue:
- L'azione giudiziana a carico del COMUNE DI LIPARI è fondata sulle risultato di tre perizie redatte in contraddittorio tra i periti di parte, del Comune e del Tribunale. Tali perizie riassumevano il valore del danno subito dalla societa istante in lire 8.000.000.000(ottomiliardi);
- Il Comune di Lipari di conseguenza, ammettendo la responsabilità, propone in transazione la somma di lire 2.600.000.000 (duemiliardiseicentomilioni) con pagamento dilazionato in otto mesi, lasciando quindi pendente l'azione, nelle more dell'effettivo pagamento.
Alla luce di questi fatti non si comprende come si possa parlare di vittoria del Comune. Considerato anche che il Tribunale revoca la transazione e il successivo decreto ingiuntivo soltanto perchè l'accordo economico proposto dal Comune non aveva la necessaria copertura finanziaria. Resta fermo invece il giudizio del danno subito dalla proprietà.
Pertanto la Erre. Vi. Srl proseguirà l'azione giudiziaria per il risarcimento del danno subito, insistendo anche e soprattutto nell'aspetto più grave del danno ambientale causato alla collettività.
Il COMUNE DI LIPARI , insistendo nei suoi comportamenti dissennati, ha fatto realizzare un progetto per la realizzazione di un dissalatore delle acque e di serbatoi fognari sempre sui suoli della istante e dove ancora pende il giudizio di cui all'oggetto. La proprietà, come rappresentata e difesa dai propri legali di fiducia, ritiene questi comportamenti privi di ogni valenza giuridica e svolti in dispregio di ogni norma ambientale; pertanto tutelerà i propri diritti e ragioni in ogni ordine e grado di giudizio, penale e civile, nonché interessando ogni Autorita competente per la tutela e salvaguardia dell' ambiente.
La vittoria dell'Avvocato Zampella, in difesa del Comune, consiste quindi nel vedere annullare una transazione per il minore importo di lire 2.600.000.000 a favore di una maggiore richiesta di risarcimento che riparte dagli otto miliardi di lire. Se questa è una vittoria, ben si spiegano tutti gli assurdi comportamenti tenuti dalle amministrazioni comunali che si sono succedute in questi anni. Vittoria sarebbe invero un momento di riflessione di chi amministra la cosa pubblica che ritrovando un minimo di lucidità abbandoni inutili e dannose azioni legali in difesa di posizioni palesemente colpevoli. La via del negoziato quindi è tuttora auspicabile, nell'interesse delle parti e soprattutto della comunità isolana.
Cordialità
Daniela Morrone

Lipari: Ancora senza nome l'impiccato di San Nicola. Potrebbe essere un britannico

Potrebbe essere di nazionalità britannica, o per lo meno di un paese di lingua inglese, l'uomo ritrovato impiccato ed in avanzato stato di decomposizione in un rudere(vedi foto) di località San Nicola a Lipari. All'interno del cappotto che l'uomo indossava è stato ritrovato un dizionario inglese-italiano.
L'uomo, più volte nel passato, sarebbe stato avvistato mentre a piedi e di sera transitava lungo quella strada. Nessuno, al momento, è stato in grado di fornire le sue generalità.
Mentre proseguono le indagini dei carabinieri di Lipari, che stamattina sono tornati nel rudere per acquisire altri possibili elementi, si resta in attesa delle disposizioni del magistrato che potrebbe anche decidere di fare trasferire il corpo dell'uomo(dall'apparente età di 50 anni) a Messina all'Istituto di Medicina legale.

Lipari: Albo pretorio informatizzato. Interrogazione del consigliere Biviano

E' indirizzata al Sindaco del Comune di Lipari Dott. Mariano Bruno e per conoscenza al Presidente del Consiglio Comunale Rag. Giuseppe Longo e all’ Assessorato Autonomie Locali
Regione Sicilia una interrogazione del consigliere comunale Giacomo Biviano avente per oggetto:
Obbligo di pubblicazione nel sito internet di atti deliberativi adottati dalla giunta e dal consiglio e delle determinazioni sindacali e dirigenziali (art.18 Legge regionale n.22 del 16 dicembre 2008).
Egregio signor Sindaco
PREMESSO
Che in passato i consiglieri del gruppo “Il Faro” hanno più volte sollevato la questione circa l’istituzione dell’albo pretorio informatizzato ai fini di una maggiore informazione per i cittadini e di una più ampia trasparenza;
Che numerosi Comuni si avvalgono di questo ormai fondamentale strumento per una migliore fruizione e facilità di accesso degli atti amministrativi, alleggerendo notevolmente il carico degli uffici nel rilascio di detta documentazione entro i termini previsti dai vigenti regolamenti comunali.
CONSIDERATO
Che in materia è intervenuta la Legge regionale n.22 del 16 dicembre 2008 che all’art.18 recita:
1. E' fatto obbligo alle amministrazioni comunali e provinciali, ferme restando le disposizioni a tutela della privacy, di rendere noti, per estratto, nel rispettivo sito internet tutti gli atti deliberativi adottati dalla giunta e dal consiglio e le determinazioni sindacali e dirigenziali, ai fini di pubblicità notizia.
2. E' fatto obbligo alle aziende pubbliche (ex municipalizzate) di rendere noti nel rispettivo sito internet tutti gli atti adottati dal consiglio di amministrazione e le determinazioni presidenziali e dirigenziali.
Che la stessa Circolare esplicativa del 20/02/2009, emanata dall’Assessorato regionale delle Autonomie Locali, chiarisce quanto segue:
La disposizione dell’art. 18 della L.R. è intesa a formalizzare una prassi, in atto presso le amministrazioni locali, della pubblicazione per estratto delle deliberazioni e dei provvedimenti monocratici e dirigenziali, in attesa di specifiche norme che prevedano interlocuzioni dirette dei cittadini anche tramite gli uffici stampa.
LA INTERROGO PER SAPERE
Se l’ Amministrazione ha provveduto, tramite i propri Dirigenti di settore, a disporre gli atti necessari affinchè il nostro Comune si adegui a quanto stabilito dall’art.18 della L.R. n.22 del 16 dicembre 2008;
Con quali modalità e in che tempi l’Amministrazione intende dotare il nostro Comune di questo fondamentale e ormai indispensabile servizio.
Si richiede risposta scritta.
Il Consigliere Comunale
Partito Democratico
Dott. Giacomo Biviano

Aree artigianali a Lipari. La mozione presentata domenica dalla minoranza consiliare

Il testo di una delle mozioni che nel consiglio comunale di domenica scorsa era stata presentata dai consiglieri di minoranza del comune di Lipari. Riguarda le aree artigianali.
Alla Presidenza del Consiglio Comunale di Lipari
Premesso
Che recenti notizie di stampa evidenziano ritardo e problemi per l'assegnazione delle aree artigiani ormai da diversi anni;
Considerato:
che negli ultimi due anni si assiste ad una serie di iniziative avviate e mai portate a conclusione con notizie contrastanti sull'intera problematica con gravissimi problemi a carico delle imprese artigiane presenti all'interno del territorio comunale;
Che l'azione posta in essere dall'amministrazione comunale appare incerta e poco incisiva per la soluzione positiva dell'intera problematica delle imprese artigiane all'interno del territorio comunale;
che fra i compiti del Consiglio Comunale, se non il principale, vi è quello dell’indirizzo programmatico del territorio
i sottoscritti consiglieri comunali
chiedono la trattazione al ………… punto del seguente argomento non iscritto nell’elenco degli affari: Problematica relativa alle aree artigianali del Comune di Lipari, discussioni ed eventuali determinazioni.

Ex discarica di Vulcano, annullato decreto ingiuntivo di quattro milioni.La Corte d'Appello di Napoli ha azzerato una transazione di dieci anni fà

(Peppe Paino- Gazzetta del sud) Pericolo scampato per le casse libere del Comune di Lipari, anche se di soldi, per vari aspetti, ce ne sono sempre meno. La Corte d'Appello di Napoli ha, infatti, accolto il ricorso presentato dal legale dell'ente, l'avv. prof. Edoardo Zampella del foro partenopeo, su un pesante decreto ingiuntivo, quattro milioni di euro, dei privati della "Erre.Vi costruzioni" per i danni provocati in anni e anni di conferimento dei rifiuti nell'ex discarica di Vulcano.
«Un grande risultato – ha commentato l'avv. Zampella – per il sindaco e per l'attuale amministrazione oltre che, ovviamente, per la cittadinanza». All'origine del decreto, un atto transattivo concretizzato dieci anni fa dall'amministrazione Giacomantonio per chiudere una controversia (risalente ai tempi dell'ex sindaco Checchino Vitale) con la stessa "Erre.Vi" e "Nestore Coseglia" per l'occupazione abusiva dei suoli adibiti a discarica e quindi degradati. «Una transazione anomala – ha evidenziato l'avv. Zampella –. Era stata fatta dal sindaco dell'epoca su autorizzazione della sua amministrazione per 2 miliardi e 600 milioni di lire. Malgrado l'anomalia, la ErreVi ottenne il decreto ingiuntivo dal tribunale di Napoli, contro il quale il Comune presentò opposizione, successivamente rigettata». Zampella, il quale subentra in questa fase (Comune pignorato) su incarico conferito dal sindaco di Lipari, Mariano Bruno, ha, quindi, ricordato di essersi distaccato dalla linea seguita dal precedente legale dell'ente presentando richiesta di sospensiva al decreto ingiuntivo puntando sulla diversità tra un atto pubblico non più impugnabile e uno di natura privatistica, e quindi sull'annullamento della transazione attraverso l'illegittimità di ogni singola clausola fino al decreto.
E dopo la sospensiva, di un paio di anni fa, la revoca di oggi del decreto ingiuntivo e della transazione che il comune stipulò dieci anni fa con la ErreVi e Coseglia. Rimane, tuttavia, il contenzioso per l'annullamento di tutti gli atti notarili sulla base dei quali gran parte dei beni di Vulcano, anche e soprattutto di interesse pubblico, di proprietà della signora Giovanna Maria Paino sono stati venduti, attraverso un suo procuratore, alla ErreVi Costruzioni che oggi si trova ad essere proprietaria di un enorme patrimonio immobiliare che viene contestato. «Anche il Comune – avverte l'avv. Zampella – è parte di questi giudizi e deve tutelarsi come nel caso dello sfratto (avverrà stamane, ndr) dal campo sportivo a causa della sua morosità. Ma se l'ente – ha concluso il prof. Zampella – pagasse la ErreVi dovrebbe risarcire a sua volta anche la l'ex proprietaria del fondo».

mercoledì 18 marzo 2009

Lipari: Ritrovato un uomo impiccato in un rudere a Santa Nicola

Il cadavere di un uomo, in avanzato stato di decomposizione e di conseguenza irriconoscibile, è stato ritrovato in tarda serata, all'interno di un rudere in località Santa Nicola. L'uomo è stato trovato impiccato con una corda legata ad un tubo posto sopra la vasca da bagno.
A lanciare l'allarme un residente che, attirato dal continuo abbaiare del suo cane che era penetrato nel rudere, si è trovato di fronte il cadavere.
Dopo l'arrivo dei carabinieri, che hanno effettuato i rilievi del caso ed avviato le indagini di rito, il corpo è stato rimosso e con un carro funebre trasferito all'obitorio del cimitero di Lipari.
E' stato informato il magistrato di turno alla Procura di Barcellona P.G. che, presumibilmente, domani darà disposizioni per l'effettuazione dell'autopsia.
Intanto si sta cercando di capire chi possa essere l'uomo. Si pensa ad un turista, in ogni caso quasi sicuramente ad un non residente. L'età dovrebbe essere intorno alla cinquantina, anche se lo stato in cui è stato ritrovato il corpo non consente al momento certezze. Il decesso potrebbe risalire ad almeno due mesi orsono

Verso il gemellaggio fra il comune di Lipari e la Comunità montana del Casentino

Gemellaggio Lipari- Comunità montana del Casentino
COMUNE DI LIPARI(Provincia di Messina)
“Eolie Patrimonio dell’ umanità”
SETTORE I “AFFARI ISTITUZIONALI”
AREA SERVIZIO I : “Funzionamento Organi – Affari Culturali – Attività Sportive e Ricreative”
PROPOSTA DI DELIBERAZIONE
OGGETTO: ADESIONE PROPOSTA DI GEMELLAGGIO TRA COMUNE DI LIPARI E COMUNITÀ MONTANA DEL CASENTINO (AR)
IL CAPO AREA
PREMESSO:
che il Comune di Lipari, in data 11 settembre 2008, ha partecipato, attraverso un proprio amministratore, ad un convegno organizzato dalla Comunità Montana del Casentino sul “Cinema Familiare”, tenutosi presso il Comune di Stia provincia di Arezzo, in occasione del quale è stato proiettato il documentario “Gente lontana”, imperniato sulla lavorazione della pomice di Lipari, opera ascritta al regista Lionetto Fabbri;
che la realizzazione di tale importante momento d’incontro socio-culturale è stata possibile grazie all’invito rivolto all’Amministrazione Comunale da parte dell’Associazione “Pro-Loco Isole Eolie Lipari”, organismo locale che persegue finalità di promozione sociale, turistica e storico-culturale; CONSIDERATO che, in quella circostanza, la stessa Amministrazione, rappresentata dall’Assessore Giannò Corrado, nell’apprezzare l’iniziativa ed il valore del patrimonio storico-artistico-culturale delle realtà territoriali facenti capo alla Comunità Montana del Casentino, ha avanzato la proposta di un gemellaggio istituzionale, in considerazione anche del trait d’union tra il questa e la comunità liparese, rappresentata dall’opera del regista Fabbri;
VISTA la nota prot.n.17755/01.1G del 02/10/2008, fatta pervenire dal Presidente della predetta Comunità Montana, incamerata al n. 32806 del protocollo generale dell’Ente il 10/10, con la quale comunica di accogliere positivamente la proposta in parola, manifestando l’intendimento di promuovere e favorire azioni congiunte, ai fini della formalizzazione del gemellaggio istituzionale tra i due Enti;
VISTA la nota datata 14.01.2009, assunta al n. 3689 protocollo generale dell’Ente il 20 gennaio 2008, con la quale il Presidente della “Associazione Pro-Loco Isole Eolie Lipari”, arricchendo di contenuti ed illustrazioni la proposta de qua, ne evidenzia, al tempo stesso, le strategie di avanzamento, che si concretizzerebbero con la creazione di un piano eco-museale, nell’ambito del quale andrebbe attivato un progetto volto alla identificazione ed alla valorizzazione della componente culturale del territorio, attraverso la presenza di chiari elementi di riconoscimento;
VISTA la nota integrativa del 04.03.2009 (prot. dell’Ente n. 7607/2009), a firma dello stesso organo presidenziale di cui sopra, con cui viene ribadito che l’azione di gemellaggio istituzionale fra i due Enti costituirebbe una formale attestazione di relazioni privilegiate, in condizione di reciprocità, finalizzate all'intensificazione di rapporti culturali, sociali, politici, economici, con costante riferimento ad un’azione comune per la pace, la solidarietà e l'incontro fra i popoli;
CONSIDERATO che con la medesima nota viene, altresì, evidenziato come la realizzazione dell’ambizioso progetto di gemellaggio tra le due realtà, abbia come fine ultimo quello di attivare la sperimentazione di un percorso con le rispettive comunità locali di appartenenza, rivolto alla conservazione, interpretazione e comunicazione del proprio patrimonio culturale;
ATTESO che il gemellaggio rappresenta uno strumento valido ed un legame simbolico per sviluppare strette connessioni politiche, economiche e culturali tra comunità diverse, istituzioni ed altri soggetti del tessuto sociale, e trova la sua ratio ed il suo fondamento nel favorire, soprattutto, relazioni umane, nonchè nel rafforzare rapporti interculturali, nella sua più ampia accezione, tra i due gemellati, ponendo in essere una serie di iniziative atte a far conoscere le rispettive identità e realtà territoriali, con uno scambio vicendevole di valori, tradizioni e storia;
TENUTO CONTO che, da decenni, il gemellaggio è ufficialmente riconosciuto come uno dei pilastri della società europea in divenire, oltre che uno dei massimi strumenti di edificazione della pace e, dunque, uno straordinario mezzo di azione interculturale tra le regioni d’Europa, ed all’interno delle singoli nazioni europee, come l’Italia, capace di associare i cittadini e i loro rappresentanti eletti nel cammino di costruzione europea: favorisce la conoscenza, vince pregiudizi, crea legami tra giovani, di lingue e costumi diversi, verifica complementarietà economica fra città di regioni distanti d’Europa, si presenta, insomma, come momento di conoscenza e di confronto;
RITENUTO, alla luce anche dell’orientamento e dell’intendimento manifestati favorevolmente dall’Amministrazione Comunale, che l’iniziativa de qua vada favorita e sostenuta, sussistendo le condizioni previste dagli indirizzi normativi, nazionali e comunitari, in materia enunciati, ed in quanto essa diviene, al tempo stesso, strumento di sensibilizzazione dei cittadini dei due contesti territoriali, poiché efficace riferimento non solo di rapporti tra istituzioni pubbliche, ma anche di relazioni tra popolazioni diverse, unite da un comune sentire, che induce alla scoperta ed alla valorizzazione di realtà, mediante attività finalizzate anche alla crescita delle varie componenti sociali ed istituzionali, ivi comprese scuole e associazioni;
RITENUTO opportuno designare un organismo capace di interagire, in collaborazione con questo Ente ed in maniera diretta, nei rapporti e nei procedimenti volti alla programmazione, alla gestione ed alla esecuzione delle attività correlate;
CONSIDERATO che la iniziativa in parola non comporta, in questa fase preliminare, alcun onere a carico del bilancio comunale, ponendosi il Comune di Lipari come rappresentante della città ospitata;
VISTA la circolare prefettizia prot.n.11248/2004 Area II del 13 luglio 2004, in tema di iniziative di gemellaggio dei comuni italiani;VISTA legge 5 giugno 2003 n. 131 (legge “La Loggia”) , art. 6, comma 7;
VISTO il Decreto Lgs 267/2000;
VISTO il Testo Coordinato delle ll.rr. relative all’ordinamento degli Enti Locali 2008 (GURS 09/05/2008);
PROPONE alla Giunta Municipale, l’adozione di atto deliberativo nei seguenti termini:
1.Di aderire alla proposta di gemellaggio istituzionale tra il Comune di Lipari e la Comunità Montana del Casentino.
2.Di incaricare il Capo Area del Servizio I “Funzionamento Organi, Affari Culturali e Attività Sportive e Ricreative” – Settore I “Affari Istituzionali”, nonché Responsabile dell’Ufficio di Gabinetto e Cerimoniale, degli adempimenti amministrativi connessi e consequenziali al presente deliberato.
3.Di avvalersi della collaborazione, a titolo gratuito, dell’Associazione “Pro-Loco “Isole Eolie Lipari”, avente scopo no profit e perseguente finalità di promozione sociale, turistica, di valorizzazione di realtà e di potenzialità naturalistiche, culturali, storiche ed enogastronomiche - dichiaratasi in tal senso disponibile - , quale organismo interlocutore per l’attivazione delle buone prassi necessarie alla realizzazione del gemellaggio fra i due soggetti istituzionali in parola, stanti le capacità propositive ed esecutive dimostrate ed offerte in più occasioni a questo Ente dallo stesso.
4.Dare atto che dal presente deliberato non discende alcun onere a carico del bilancio comunale, eccetto eventuali modeste spese di rappresentanza che si rendessero necessarie, nell’ambito della prima fase che la iniziativa assumerà, con visita di questo Comune presso l’ente territoriale ospitante (Comunità Montana del Casentino)
IL CAPO AREA DEL SERVIZIO IRESPONSABILE UFFICIO DI GABINETTO E CERIMONIALE
(Anna Vitagliana)

Lipari: Consegnati i lavori del 2° Lotto "Torrente Valle"

COMUNICATO STAMPA
ASSESSORATO LL. PP.
COMUNE DI LIPARI
Nella mattinata di oggi, presso gli uffici LL. PP. del comune di Lipari, si è proceduto alla consegna dei lavori riguardanti il 2° lotto di “Torrente Valle” a Lipari.
Presenti il RUP, Arch. Biagio De Vita, i direttori dei lavori, ing. Maiolino ed arch. Ficarra, la ditta risultata vincitrice “Geognostica Agrigentina” di Favara (AG).
I lavori a base d’asta risultano essere pari ad € 624,083 e sono stati aggiudicati con un ribasso a pari al 7,31.
L’inizio degli stessi dovrebbe già avvenire la prossima settimana.
L’odierna consegna è stata ovviamente accolta con viva soddisfazione dall’amministrazione comunale ed in particolare dall’Assessore al ramo Corrado Giannò.

Emergenza trasporti marittimi. Novelli e Laurana via per essere sostituiti da mezzi inadeguati. L' allarme di Megna e Fonti

Via la Laurana e la Novelli in arrivo il Veronese e il Martini l'allarme lanciato dai consiglieri comunali Francesco Megna e Gesuele Fonti lanciato in una nota inviata al sindaco di Lipari, alla Siremar di Palermo e per conoscenza al Ministro dei Trasporti, al Presidente della Regione, all'Assessorato regionale Turismo, comunicazione e trasporti.
La nota ha per oggetto: Emergenza trasporti marittimi.
Le isole dell’arcipelago Eoliano, per collocazione geografica e conformità, richiedono un sistema particolareggiato di collegamenti marittimi, che costituiscono indubbiamente l’asse portante e strategico, da cui dipende l’intera esistenza delle comunità isolane.
Non c’è soltanto un problema di continuità territoriale da assicurare alle popolazioni isolane, ma anche una molteplicità di relazioni che garantiscano durante tutto l’arco dell’anno diritti fondamentali quali la difesa della salute, il diritto all’istruzione, lo sviluppo economico e sociale dei territori.
Tuttavia, quanto sta avvenendo in questi mesi, con particolare riferimento anche all’arcipelago eoliano, rappresenta certamente quanto di più dissennato e destabilizzante si possa temere.
Senza soffermaci sulle già note vicende della proroga “fantasma” di un anno della convenzione con Tirrenia, o del mancato scorporo di Siremar e delle società regionali dal processo di privatizzazione, senza per il momento voler menzionare le scriteriate ipotesi di razionalizzazione abbozzate dai tecnici del Ministero ai Trasporti, gli scriventi intendono porre all’attenzione delle SS.LL. alcune allarmanti notizie, apprese nei giorni scorsi ed ampiamente anticipate in ns. precedenti missive, che se confermate arrecheranno ulteriori gravi danni alla comunità eoliana.
Secondo quanto riferito ai consiglieri scriventi, nei prossimi giorni il M/T Laurana sarà trasferito dal settore Eolie al settore Pelagie in sostituzione del M/T Palladio, in quanto quest’ultimo dovrà gioco forza recarsi in cantiere per i previsti lavori di classe.
Il M/T Laurana di TLS (Tonnellate Lorde Stazza) 10.977 sarà sostituito sulla tratta Eolie Napoli dal M/T Paolo Veronese TLS 2.894, quindi di stazza e portata enormemente inferiori.
La conferma dell’utilizzo sulla linea C 1 Eolie-Napoli del M/T Paolo Veronese deriva dal fatto che sulla linea Eolie-Napoli e Viceversa per il periodo pasquale sono solo 10 le cabine di 1a classe disponibili, quante in effetti ve ne sono sul Veronese, al contrario del M/T Laurana che dispone di oltre 100 alloggiamenti di categoria superiore.
Inoltre, il M/T Paolo Veronese, attualmente impiegato sulla tratta Trapani-Pantelleria, dovrebbe essere sostituito dal M/T Pietro Novelli attualmente impiegato nel settore Eolie sulla linea C3/C4 (interisole)
Il M/T Pietro Novelli di TLS 2.352 verrà pertanto rimpiazzato nella linea Eolie-Milazzo e viceversa dal M/T Simone Martini di TLS 1.494.
Sopprimere due unità navali determinanti (Laurana e Pietro Novelli), impiegate nel nostro arcipelago nel periodo invernale, per sostituirle nel periodo primaverile pasquale e pre-estivo con due unità di caratteristiche nettamente inferiori, per portata passeggeri, autovetture e stazza, significa attentare all’immagine del nostro arcipelago ed infliggere un colpo mortale all’economia delle isole.
Ancora una volta la nostra comunità rischia di essere mortificata da decisioni premeditate e scriteriate assunte da personaggi esterni al nostro territorio, in totale spregio delle legittime aspirazioni della comunità eoliana e dei numerosi operatori del turismo e dei vari settori dell’indotto.
E tutto ciò giunge ad appena due settimane di distanza dall’ultimo proclama ufficiale del Ministro Matteoli, che ribadiva l’assoluta infondatezza di ipotetici tagli a linee e mezzi, per l’anno in corso, nel settore Eolie.
Stante quanto sopra, si chiede al signor Sindaco del Comune di Lipari di verificare con immediatezza se quanto precedentemente esposto possa ritenersi fondato e veritiero e nel caso affermativo, si chiede che vengano poste in essere tutte quelle iniziative atte ad impedire l’ormai imminente sostituzione delle motonavi Laurana e Pietro Novelli.
I sottoscritti consigliere comunali si riservano tuttavia ogni azione a difesa e tutela degli interessi legittimi e dell’immagine della comunità eoliana.
Lipari lì 18-03-2009
_______________ ________________
Gesuele FONTI Francesco MEGNA

Trasporti: L' USCLAC/UNCDIM il 27 gennaio aveva chiesto (inutilmente) di essere convocata dal ministro Matteoli. Ma l'organizzazione non si arrende

Questo il testo di una raccomandata che l'USCAC/UNCDIM, a firma del presidente Nobile, aveva inoltrato lo scorso 27 gennaio al ministro Altero Matteoli sulla “Vertenza Gruppo Tirrenia di Navigazione”
Le scriventi Organizzazioni Sindacali, aderenti alla Federazione Nazionale Dirigenti Aziende Industriali, si pregiano di chiedere la convocazione in oggetto allo scopo di valutarne i risvolti sociali ed occupazionali.
Riconfermiamo quello che è il nostro convincimento di assetto futuro del Gruppo :
deroga dal processo di privatizzazione di tutti quei servizi necessari ad assicurare la continuità territoriale dello Stato, e/o comunque ascrivibili nelle fattispecie tutelate dalla Dichiarazione 30 sulla insularità, allegata all’articolo 158 del Trattato di Amsterdam;
ponderata privatizzazione, da realizzare nei tempi tecnici necessari ancor più imposti dalla tempesta finanziaria mondiale e dai recenti dati di sviluppo economico futuro, per cui il Governo ha già predisposto delle risorse, così come da decreto anticrisi di recente approvazione.
Certi di potere individuare le strategie necessarie ad una chiusura ottimale della vertenza, rimanendo in cortese attesa della richiesta convocazione, porgiamo i nostri più distinti saluti.
Nobile
Questo il testo invece di una missiva inoltrata oggi alla Federalberghi delle Eolie dal Cap. Francesco Giuseppe D'Anniballe della Segreteria Nazionale USCLAC/UNCDiM- Responsabile per Sicilia
Noi siamo sostenitori della stessa tesi di Voi sindaci ed operatori turistici delle Isole. Teniamoci per mano senza perderci perchè remiamo tutti nella stessa direzione e un rematore in più fa sempre comodo. La partita è tutta da giocare e i tempi, malgrado il decreto P.d.C. sulla privatizzazione, arrivano al 2011. Adesso è da vedere la volontà politica della Regione Sicilia ed è il Governo Regionale che deve fare da punta di diamante in merito.

Sulla sentenza della Corte d'Appello di Napoli circa la controversia Erre Vi Costruzioni e Comune di Lipari e la Transazione del marzo 1999.

(Michele Giacomantonio) La notizia che la Corte d’Appello di Napoli ha accolto il ricorso del Comune di Lipari nella controversia con la società ErreVi Costruzioni relativa alla transazione per la discarica di Vulcano, merita qualche approfondimento e qualche richiamo al passato, visto che si è trattato di una controversia anche molto infuocata. La Corte d’Appello di Napoli ha finalmente accolto, a dieci anni di distanza dalla firma della transazione per la chiusura di un contenzioso antico sulla discarica di Vulcano che risaliva ai tempi del Sindaco Vitale, quella che era la tesi della mia amministrazione: la transazione non rappresentava un impegno definitivo e formale ma solo un passaggio importante di un iter che si sarebbe perfezionato con un ulteriore passaggio in Consiglio Comunale e con lo stanziamento in Bilancio della somma necessaria per il quale si accettava il buon esito di una richiesta alla Regione. Mancando lo stanziamento in Bilancio la transazione – che all’epoca era di 2.600 milioni di lire - non era operativa. Questa tesi in vari Consigli Comunali – tenutisi fra il 2002 e il 2005 - che si occuparono della vicenda fu contestata dal Sindaco Bruno salvo poi essere fatta propria dall’avv. Zampella adeguandosi così alla linea dell’avv. Angelo Pajno che era stato l’avvocato del Comune, in questa vertenza, prima di Zampella.
Ora la Corte d’Appello di Napoli non solo libera il Comune di Lipari dal pignoramento, ma chiude una volta per tutte le vicende della transazione che d’altronde era stata sospesa dalla Giunta Giacomantonio già nel 2000 quando si ebbe notizia di una controversia fra la Erre Vi Costruzioni e la signora Paino che rivendicava i diritti sul terreno. Chiude la vicenda della transazione ma non chiude il contenzioso fra i proprietari dell’area ( chiunque essi siano) e il Comune di Lipari. Infatti rimane in piedi la vertenza principale presso il Tribunale di Barcellona – che la transazione voleva risolvere – che riguarda l’utilizzo senza titolo per decine e decine di anni da parte del Comune di Lipari di un’area che era passata dai 13 mila mq del 1974 a circa 170 mila mq degli anni 90 e per la quale i proprietari chiedevano, allora, nel 1999, circa 7 miliardi di lire.
Michele Giacomantonio

Vigili Urbani. I quesiti di Sabatini

Il consigliere Adolfo Sabatini ha inoltrato una interrogazione al Sindaco del Comune di Lipari Dott. Mariano Bruno,all’Assessore alla Polizia Municilale Dott. Alfredo Biancheri e al Comandante dei VV.UU. Geologo Domenico Russo
L'oggetto dell'interrogazione è :
servizio h. 24 Vigili Urbani.-
Da molti cittadini mi viene segnalato che il pronto intervento h. 24 per tutti i tipi di illeciti, crimini o reati, viene garantiti solo dai carabinieri che per altro per fortuna danno ampie e necessarie garanzie.-
Atteso che tante volte i cittadini vorrebbero effettuare le segnalazioni ai Vigili Urbani che vengono ritenuti anch’essi in grado di affrontare alcune problematiche, ma non esistendo un numero telefonico dedicato con relativo piantone, sono limitati telefonare ai carabinieri.-
Esposto quanto sopra, con la presente Vi INTERROGO per sapere:
come viene disposto il servizio di piantone presso il comando dei VV.UU.;
in che ore è attivo tale servizio;
quale è il numero dedicato e come mai non viene pubblicizzato;
se è stato previsto, soprattutto nel periodo estivo, un servizio h. 24.-
Si richiede risposta scritta.-
Cordiali saluti.-
Lipari 17.3.2009
Il Consigliere Comunale di Nuovo Giorno
Adolfo Sabatini

SalinaDocfest a piazza Vittorio. Domani serata finale

Domani 19 marzo (ore 20.30), con una ricca degustazione dei prodotti eoliani di SalinaIsolaVerde si chiude la finestra invernale e romana del SalinaDocFest, il festival del documentario narrativo ideato e diretto da Giovanna Taviani.
Grazie all´ospitalità del Piccolo Apollo, gli isolani delle Eolie hanno portato nella capitale momenti ricchi e vitali della loro storia, con i documenti della Panaria Film, la prima storica casa di produzione cinematografica dedicata al documentario in Italia.
"Isolani si Isolati no!" è stato lo slogan della manifestazione, in sintonia con le proteste di questi ultime settimane contro la soppressione dei traghetti Siremar, che condannerebbe, davvero, le Eolie all´isolamento.
Per un turismo che rispetti natura e cultura, da sempre patrimonio di tutti, il festival di Salina si propone come nuovo punto di riferimento per inaugurare un modo davvero diverso di `leggere´ il Mezzogiorno e il Mediterraneo. Proprio per questo, l´ultima giornata della manifestazione è dedicata a una particolarissima testimonianza del nostro sud, quella di "Pinuccio Lovero", il becchino stipendiato ma felicemente sfaccendato di un paesino pugliese dimenticato dalle cronache e, forse per questo o nonostante questo, miracolosa `enclave´ d´eternità. Interverranno: il regista Pippo Mezzapesa, il produttore Gregorio Paonessa (Vivo Film) e, come portavoce delle Eolie, il sindaco di Santa Marina di Salina Massimo Lo Schiavo.
Il film sarà preceduto dalla proiezione del cortometraggio ISOLE DI FUOCO di Vittorio De Seta (1954), 11' -Premiato come miglior documentario al Festival di Cannes del 1955, Isole di Fuoco è stato realizzato durante una violenta eruzione dello Stromboli, in un paesaggio caratterizzato da un silenzio irreale, interrotto solo dal rumore delle onde e dallo stridio degli uccelli. A Stromboli, sulla riva, i pescatori si apprestano a partire, i pastori portano i loro greggi sulle pendici del vulcano, le donne raccolgono la legna. Ma gli occhi sono tutti puntati sul cratere da cui cola la lava. Proiezione video, alla presenza dell'autore, della mostra fotografica SALINA - ISOLA DI LUCE di Melo Franchina
Saluto sindaci e assessori eoliani a chiusura della rassegna. Degustazione. L'ingresso è come sempre libero, grazie alla tessera Apollo 11 che consente la partecipazione gratuita a tutta la programmazione annuale
E' ONLINE IL BANDO DELLA III EDIZIONE DEL CONCORSO INTERNAZIONALE DEL SALINADOCFEST
Possono partecipare al concorso tutti i documentari realizzati dopo il 1° settembre 2008 che abbiano come tema l'indagine su IL MIO PAESE: GLI INVISIBILI, indagine che va dal mondo del lavoro alla realtà sociale contemporanea, dai flussi migratori alle tradizioni locali. Il premio verrà assegnato da una Giuria composta da 3 personalità scelte tra esperti del genere, critici e personalità del mondo della cultura. L'iscrizione non prevede pagamento. Se di nazionalità straniera, i lavori debbono pervenire sottotitolati in italiano o in inglese. Se di nazionalità italiana debbono pervenire con i sottotitoli in inglese. L'autore/l'autrice può inviare più lavori ma può partecipare al concorso con una sola opera selezionata. Gli autori delle opere che intendono partecipare al Concorso dovranno inviare il materiale ENTRO E NON OLTRE il 10 agosto 2009E' ONLINE IL BANDO DEL 1° CONCORSO DI FOTOGRAFIA DOCUMENTARIA A TEMA AMBIENTALE: "OBIETTIVO AMBIENTE" Il concorso si propone di mostrare la bellezza della natura e del territorio delle Isole Eolie con particolare attenzione all´utilizzo in loco delle energie rinnovabili (come quella eolica o l´energia solare termica). Le fotografie dovranno ritrarre spazi, ambiente e territorio delle Isole Eolie (Lipari, Vulcano, Stromboli, Filicudi, Alicudi, Panarea e Salina) che esprimano e facciano emergere il valore fondamentale e positivo della natura all'interno del paesaggio oppure che valorizzino l'ambiente naturale attraverso la vita vegetale ed/o animale. Il premio verrà assegnato da una Giuria composta da 3 personalità scelte tra esperti del genere, critici e personalità del mondo della cultura. L'iscrizione non prevede pagamento. Ogni partecipante dovrà inviare un percorso fotografico composto da un minimo di 3 a un massimo di 6 scatti, formato 15 x 22 ENTRO E NON OLTRE il 08 08 2009 .Per informazioni e iscrizioni www.salinadocfest.org
Il SalinaDocFest si svolgerà sull'isola di Salina, Isole Eolie, dal 18 al 27 settembre 2009.

Programma triennale dei lavori pubblici. Il consigliere Biviano chiede la convocazione della commissione

Al Presidente della Commissione Lavori Pubblici Geom. Gianfranco Guarino è indirizzata la "Richiesta convocazione Commissione Lavori Pubblici a seguito di approvazione con Delibera di Giunta Comunale n.19 del 16/02/2009 dello schema di Programma Triennale dei Lavori Pubblici 2009/2011 ed elenco annuale dei lavori anno 2009" da parte del consigliere Giacomo Biviano
Egregio Presidente,
PREMESSO
Che sono stati posti in essere tutti gli atti preliminari propedeutici alla redazione del programma triennale dei lavori pubblici, così come previsto dall’art. 3 del D.A. 24.10.2002 e specificatamente:
L’identificazione e la quantificazione dei fabbisogni e delle relative esigenze, riportati schematicamente nella scheda, procedendo ad individuare gli interventi occorrenti al loro soddisfacimento;
La definizione delle disponibilità finanziarie, accertando la presenza di apporti di capitale privato;
Il quadro delle disponibilità finanziarie destinate all’attuazione del programma.
Che l’attività di programmazione si è conclusa con la redazione degli schemi del programma triennale e dell’elenco annuale, sintetizzati nelle schede approvate dal D.A. 24.10.2002 ed in altri elenche approntati dall’ufficio tecnico del nostro comune;
Che in data 16 febbraio 2009 la Giunta Comunale ha approvato con delibra n.19 l’adozione dello schema di Programma Triennale dei lavori Pubblici 2009/2011 ed elenco annuale dei lavori anno 2009 (adozione ai sensi dell’art. 2 del D.A. LL.PP 24 ottobre 2002);
Che lo stesso schema di programma triennale e i suoi aggiornamenti annuali sono in fase di pubblicazione, mediante affissione all’albo pretorio del nostro comune per almeno 60 giorni consecutivi, così come prevede il comma 2 dell’art. 14 della legge 109/94, come introdotto dalla L.R. 7/2002 e successive modifiche ed integrazioni,
LE CHIEDO
Di valutare l’opportunità, data la complessità ed importanza dello strumento di programmazione, di convocare al più presto la Commissione Lavori Pubblici, del quale il sottoscritto è componente, al fine di procedere in tempo alla valutazione ed analisi del Piano Triennale dei Lavori Pubblici 2009/2011 ed elenco annuale dei lavori anno 2009;
Di invitare a partecipare ai lavori di Commissione il Dirigente ed i tecnici preposti alla redazione del suddetto Piano, così come l’Assessore competente in materia, al fine di dare i dovuti chiarimenti e suggerimenti ai componenti della Commissione.
Distinti Saluti.
Il Consigliere Comunale
Partito Democratico
Dott. Giacomo Biviano

All'interno dell'ex inceneritore di Vulcano. "Originale" collocazione di giochi per bambini. Lo Cascio interroga il sindaco.

Al Sindaco del comune di Lipari e per conoscenza al Presidente del Consiglio Comunale è indirizzata una interrogazione del consigliere Pietro Lo Cascio avente per oggetto: Interrogazione su “originale” collocazione di giochi da esterno per bambini nell’isola di Vulcano.
Gentile Signor Sindaco,
nel corso di una recente visita nella Sua isola, Vulcano, ho avuto modo di apprezzare ancora una volta la sorprendente originalità di talune direttive amministrative della Giunta municipale che Lei presiede. Affacciandomi all’interno dei locali dell’ex-inceneritore (Monte Saraceno, nei pressi del Piano), ho infatti trovato, accatastati accanto a spazzatura e vecchi materassi, numerosi giochi da esterno per bambini. La cosa che mi ha colpito di più è il fatto che si trattasse di giochi nuovi, o meglio, nuovi come possono essere degli attrezzi – evidentemente mai usati – abbandonati tra cumuli di rifiuti ed esposti all’azione delle intemperie.
Chiaccherando con alcuni concittadini, sempre a Vulcano, ho appreso che nell’isola, subito prima delle elezioni del 2007, circolava voce di una Sua promessa relativa all’imminente realizzazione di un parco giochi – anche piccolo – per i bambini. Questo parco non è stato realizzato, ma a Vulcano, evidentemente, i giochi non mancano.
Certamente esistono problemi più gravi e urgenti nel Paese, dal rischio di perdere i trasporti marittimi essenziali alla crisi economica, al dissesto della rete stradale, ai problemi di chi non ha una casa e attende da anni di poterla realizzare. Tuttavia, mi sono chiesto quale triste e impietoso destino avesse trasformato degli oggetti intrinsecamente allegri, come i giochi per bambini, in una presenza inquietante all’interno di un luogo – già di per sé alquanto orrido – come l’ex-inceneritore; e anche il perché, trattandosi di attrezzi di pregevole fattura che devono essere costati una discreta cifra all’Ente che Lei amministra.
Per tale ragione, desidero interrogarLa per conoscere
quale è stato il costo sostenuto per l’acquisto di detti giochi;
chi ha disposto la loro “collocazione” nei locali dell’ex-inceneritore, e con quale motivazione;
infine, per quanto tempo ancora si intende “mantenere” i giochi in parola nello stato attuale, alla luce del fatto che esistono diverse aree – a Vulcano, ma in alternativa anche a Lipari, Stromboli, Filicudi, Alicudi, Panarea – dove con una spesa minima ma con grande soddisfazione di bambini e genitori sarebbe possibile attrezzare una piccola zona ludica attrezzata.
Certo di un Suo cortese e puntuale riscontro scritto, Le porgo i miei distinti saluti
Pietro Lo Cascio
consigliere comunale di Sinistra Democratica
gruppo consiliare “Eolie nel Cuore”

Trasporti. "Sembra proprio che le nostre tesi fossero corrette" di Christian Del Bono

(Christian Del Bono) Purtroppo, l´intervista pubblicata da "IschiaBlog", a cura di Andrea D'Ambra di "Generazione attiva" e riportata dai nostri portali di informazione locali, conferma le tesi e i timori emersi nel comunicato del Comitato per la difesa dei Collegamenti Marittimi, pubblicato lo scorso 25 febbraio.
In quel comunicato, ci si interrogava sull´interpretazione fornita dal governo del concetto di liberalizzazione laddove questi decideva di farlo coincidere con quello di privatizzazione. Nel comunicato, tra l´altro si affermava che: nella peggiore delle ipotesi, laddove non si riuscisse a trasferire direttamente le sovvenzioni statali ad un´ipotetica compagnia regionale, questa potrebbe in ogni caso concorrere con altri armatori comunitari ad una gara pubblica per l´assegnazione dei servizi.
L´intervista del Presidente dell´associazione "Generazione Attiva" chiarisce o perlomeno ci obbliga a verificare un punto fondamentale. Alla domanda "Le Regioni potrebbero vedersi affidate la gestione delle compagnie regionali di trasporto marittimo o ciò è da voi (Bruxelles) vietato?" il rappresentante dell´UE risponde quanto noi cerchiamo, da mesi, di trasferire in tutte le lingue e in tutte le sedi al Ministro Matteoli: Sotto stringenti condizioni e in presenza di insufficienza del mercato, le autorità locali (e quindi le regioni) ben potrebbero rilevare le società regionali per far loro effettuare servizi di cabotaggio, purché nel loro ambito territoriale di competenza (all´interno di una stessa regione). Stando a questa affermazione, non solo la Siremar è (o forse, meglio, era) scorporabile e quindi regionalizzabile (dato che nessuna delle nostre linee nell´arco di 12 mesi può definirsi economicamente sostenibile) ma addirittura finanziabile in forma diretta, evitando pertanto addirittura la gara.
Desidero lanciare un appello ai sindaci delle isole minori, affinché il prossimo 23 marzo, a Lipari, stabiliscano, con le altre parti sociali, una strategia comune, realistica ma ferma e da portare avanti in tutte le sedi a salvaguardia dei nostri collegamenti marittimi.
Che i Sindaci si facciano promotori e portino a Lipari quegli assessori e quei parlamentari regionali che dovrebbero rappresentare e far valere i nostri diritti in sede nazionale, a prescindere dal potenziale elettorale espresso dalle isole minori della Sicilia.
Christian Del Bono
Presidente
FEDERALBERGHI ISOLE EOLIE

martedì 17 marzo 2009

Bruxelles: “Mai chiesto all’Italia di privatizzare Tirrenia”

(da ischia blogolandia- Andrea D'Ambra) Da diverso tempo si sente parlare sempre con maggior frequenza (e a questa corrisponde maggior preoccupazione delle popolazioni isolane coinvolte) della privatizzazione di Tirrenia(approvata dal Governo nel consiglio dei ministri di venerdì 13 Marzo scorso) e la voce che circola è che tale privatizzazione sia stata imposta all’Italia dall’Unione Europea.
Questa voce, è accreditata dal più importante rappresentante istituzionale e responsabile del ramo trasporti del nostro paese, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteoli che appena un mese fa, rispondendo ad un’interrogazione parlamentare, con particolare riferimento alla sorte delle compagnie regionali marittime Siremar, Toremar, Caremar e Saremar e all’eventualità, richiesta a gran voce dalle popolazioni isolane interessate e da alcune delle stesse regioni di trasferire la gestione di queste compagnie rispettivamente alle Regioni Sicilia, Toscana, Campania e Sardegna aveva affermato “non possiamo fare una trattativa”, perché Bruxelles “non lo consente”.
Ovviamente l’”informazione” che abbiamo in Italia si limita a fare da cassa di risonanza ai politici e porgli il microfono, senza alcuna verifica dell’informazione che si da al cittadino (figuriamoci poi le domande).
Fortunatamente c’è modo di aggirare questa vera e propria disnformazione e verificare di persona. Così si scopre che ci stanno raccontando tante frottole...
Il chiarimento ci arriva da Bruxelles, abbiamo chiesto delucidazioni a coloro i quali, secondo il Governo imporrebbero di privatizzare Tirrenia e le compagnie regionali.
AD: E’ vero che la Commissione ha chiesto all’Italia di privatizzare Tirrenia e le società regionali del gruppo? Come si può conciliare con il diritto alla continuinità territoriale degli abitanti dele isole?
R) La Commissione non ha mai chiesto allo Stato italiano di privatizzare la compagnia Tirrenia o le società regionali facenti parte del suo gruppo e che, d’altronde, essa non avrebbe mai avuto il diritto di farlo (cfr. articolo 295 del trattato CE). Bruxelles tiene a ricordare inoltre come il diritto comunitario riconosce pienamente la necessità, per gli Stati membri, di garantire la coesione territoriale, economica e sociale delle loro isole. Il regolamento n. 3577/92 del Consiglio, sul cabotaggio marittimo, infatti, permette agli Stati membri di stipulare dei contratti di servizio pubblico e/o imporre degli oneri di servizio pubblico al fine di assicurare i collegamenti con le proprie isole secondo i requisiti che essi ritengono più appropriati. Spetta in effetti agli Stati membri o ai loro enti regionali o locali, in base al principio di sussidiarietà, adottare ogni decisione in merito e assumerne i relativi oneri finanziari.
AD: Cosa impone allora il regolamento 3577/92 di cui la Commissione chiede il rispetto?
Il suddetto regolamento impone come unico vincolo che tali contratti vengano stipulati senza discriminazioni tra gli armatori comunitari, requisito d’altronde di fondamentale importanza ai fini della realizzazione di un mercato unico per il trasporto marittimo. Allo scopo di garantire il concreto rispetto di tale principio, gli Stati membri devono scegliere l’operatore del servizio pubblico attraverso una procedura di messa in concorrenza, trasparente e verificabile, tra tutti gli armatori comunitari interessati alla prestazione di servizio in questione.
AD: Si possono quindi conciliare obbligo di gara e continuità territoriale?
Bisogna osservare al riguardo che non solo non c’è contraddizione fra obbligo di gara e continuità territoriale, ma la gara è il solo mezzo per assicurare che i fondi pubblici per la continuità territoriale stessa siano spesi al meglio, ottenendo dall’armatore prescelto il massimo del servizio a parità di risorse erogate. In effetti, sono proprio gli utenti del servizio e i contribuenti che hanno un interesse diretto a che vere gare aperte vengano fatte.
AD: Alcune persone sostengono che ci siano state deroghe alla normativa sul cabotaggio, ad esempio nei confronti della Grecia.
Bisogna ancora precisare che non sono mai state concesse deroghe di sorta alle regole sul cabotaggio, che i periodi transitori cui Lei fa riferimento sono terminati dal 1999 e dal 2003 per la Grecia, che l’Italia in teoria ha beneficiato del periodo più breve (fino al 1999) ma di fatto è stata sotto regime transitorio fino a fine 2008 grazie al meccanismo delle “convenzioni esistenti”.
AD: Quindi ribadite che la Commissione non ha chiesto alcuna privatizzazione di Tirrenia ma che questa è stata una autonoma scelta del Governo Italiano?
I contatti attualmente in corso tra la Commissione e le autorità italiane riguardano unicamente il rispetto dell’obbligo di gara. Ed è esattamente in questo contesto che le autorità italiane hanno spontaneamente manifestato la propria intenzione di associare l’attuazione del regolamento sul cabotaggio marittimo alla privatizzazione della compagnia Tirrenia.
AD: Le Regioni potrebbero vedersi affidate la gestione delle compagnie regionali di trasporto marittimo o ciò è da voi (Bruxelles) vietato?
Sotto stringenti condizioni e in presenza di insufficienza del mercato, le autorità locali (e quindi le regioni) ben potrebbero rilevare le società regionali per far loro effettuare servizi di cabotaggio, purché nel loro ambito territoriale di competenza (all’interno di una stessa regione).
Bene! Come vediamo le bugie hanno le gambe corte….
Grazie alla Commissione Europea ora conosciamo la verità dei fatti anche sulla questione Tirrenia e ci è ancora più palese la sfrontatezza di chi in Italia ci governa come se fossimo un popolo di pecore.

Lipari: Problematica servizio postale. Fatto il punto della situazione, richiesto nuovo personale

Doppio summit stamani a Lipari per la problematica poste. Tematica che era stata sollevata sia dal sindaco Mariano Bruno che da alcuni consiglieri di minoranza. Il primo incontro, con il direttore provinciale delle poste di Messina2 Audino e dei funzionari regionali Visalli e Marcelli, si è tenuto presso l'ufficio postale di Lipari centro. Il succesivo al comune di Lipari con il sindaco Mariano Bruno. Ai funzionari è stato sollecitato il potenziamento dell'organico sia nella sede centrale che negli uffici periferici di Lipari e delle isole minori. La situazione potrebbe diventare ancora piu' critica con il pensionamento di due dipendenti già il primo maggio. I funzionari delle poste hanno assicurato che da parte della direzione nazionale c'è la disponibilità a potenziare l'organico soprattutto dei portalettere, ma bisogna fare i conti con la ritrosia dei dipendenti a trasferirsi nell'arcipelago.

"Annullamento bandi per la progettazione". L'interrogazione di Megna e Fonti

Interrogazione al Sindaco, agli assessori alla Programmazione e ai lavori pubblici dei consiglieri comunali del Faro, Francesco Megna e Gesuele Fonti.
OGGETTO: ANNULLAMENTO BANDI PER LA PROGETTAZIONE
In data 23 Febbraio 2009 sono stati redatti e pubblicati presso l’Albo Pretorio Comunale n. 4 BANDI PUBBLICI per l’affidamento di incarichi di progettazione e direzione dei lavori dei seguenti interventi:
- € 80.000,00 (base di gara) per Demolizione e Ricostruzione di edificio esistente al centro urbano di Lipari in Corso Vittorio Emanuele;
- € 95.639,70 (base di gara) per Riqualificazione della frazione di Canneto di Lipari – arredo urbano – parcheggio;
- € 50.000,00 (base di gara) per Recupero edificio scolastico esistente in Lipari, frazione di Acquacalda, per la scuola dell’artigianato locale;
- € 81.631,12 (base di gara) per Illuminazione e Riqualificazione della frazione di Canneto dell’Isola di Lipari;
Con avviso pubblicato sul sito del Comune di Lipari, datato 10 Marzo 2009, a firma di un Dirigente Comunale non meglio identificato né menzionato (presumibilmente l’Arch. Biagio De Vita, Dirigente del III settore), è stata disposto l’annullamento dei bandi suddetti, ben prima della data di scadenza fissata per i giorni 24 e 26 Marzo 2009, per imprecisati motivi di natura finanziaria e tecnica. Inoltre, gli scriventi, recatisi presso l’ufficio tecnico comunale, non hanno potuto visionare le schede progettuali descrittive degli interventi, né le relative progettazioni preliminari, necessarie ai fini della determinazione dei costi di progettazione posti a base di gara e per la definizione e specificazione degli interventi che si intendono effettuare.
Pertanto I SOTTOSCRITTI CONSIGLIERI COMUNALIFrancesco MEGNA e Gesuele FONTI
INTERROGANO LE SS.LL. PER CONOSCERE
- Quali sono, NEL DETTAGLIO, le motivazioni tecniche e le motivazioni finanziarie che hanno imposto l’annullamento dei 4 bandi pubblici per la progettazione testè citati;
- Con quali atti amministrativi (tipologia, data, numeri di protocollo, firmatari/responsabili) sono stati annullati i bandi già pubblicati da alcune settimane;
- Per quali ragioni l’Ufficio Tecnico Comunale non possiede (o non permette l’accesso!!!) le schede progettuali descrittive dell’intervento, i quadri economici e le progettazioni preliminari degli interventi per la cui progettazione e direzione lavori era stata bandita procedura concorsuale;
- Come mai tutti i bandi riportano espressamente, tra i servizi da affidare, le PROGETTAZIONI PRELIMINARI, che vanno altresì effettuate preventivamente alla richiesta di finanziamento, costituendone allegato fondamentale ed imprescindibile;- Se corrisponde al vero che l’Amministrazione Comunale, negli scorsi anni, ha già affidato direttamente, senza alcuna procedura ad evidenza pubblica, a professionisti locali e non, alcune progettazioni per interventi analoghi od addirittura identici (Riqualificazione di Canneto, Parcheggio in località Sparanello-Agliozzo etc…) ed in tal caso, con quali atti amministrativi e con quali conseguenze tecnico-giuridiche stante l’anomala, probabilmente illegittima sovrapposizione
Si resta in attesa di urgente riscontro scritto.
Con osservanza
Lipari lì 17/03/2009
Francesco MEGNA Gesuele FONTI

lunedì 16 marzo 2009

"La borsa del turismo eccellente". Premiate due studentesse

Si è svolta stamani all'Itc "Conti Vainicher" di Lipari la cerimonia di premiazione del concorso " La Borsa del turismo eccellente" promossa dalla società Sviluppo Eolie srl.
Il concorso ha premiato con un viaggio-soggiorno presso la I.B.T. di Parigi ( che avrà luogo dal 19 al 22 marzo) le alunne Sara Basile e Arianna Spinella dela classe quarta, sez. turistica, che si sono distinte per merito negli studi.
Alla cerimonia, introdotta dalla professoressa Mirella Nardacci, sono intervenuti il sindaco di Lipari Mariano Bruno, l'assessore Corrado Giannò, l'amministratore delegato di Sviluppo Eolie Alessandro Seminara, il presidente della medesima società Giovanni Mollica.
Le due ragazze hanno anche ricevuto un attestato di merito.

Ato Eolie: Nave dedicata per il trasporto dei rifiuti, l'appalto alla Navalservice

Si è tenuta all'Ato Me 5 Eolie per l'ambiente la gara d'appalto per la nave dedicata al trasporto dei rifiuti . Se l'è aggiudicata la Navalservice di Civitavecchia che ha praticato un ribasso dello o,2%. L'importo a base d'asta era di 8 milioni e 700 mila euro per tre anni. Il finanziamento è regionale

Tirrenia verso i privati con 900 milioni di debiti

(Fabio Pavesi- ILSOLE24ORE.COM) È uno degli ultimi carrozzoni pubblici ad andare sul mercato. E non a caso. Finora la Tirrenia più che navigare ha traccheggiato. Quella manciata di milioni di utili – 15 nel 2007, meno del 3% dei 595 milioni di fatturato – che produce ogni anno non devono incantare. Senza il cospicuo intervento dello Stato che versa in conto esercizio una media di 200 milioni l'anno, quei profitti sarebbero pura illusione ottica. Certo per chi esercita un servizio pubblico e deve gestire rotte spesso anti-economiche è normale essere assistito. Ma è sempre un problema di misura. E qui si è andati ben oltre.
Debiti per 900 milioni .Ma più che la redditività, cui la messa sul mercato dovrebbe ovviare (in meglio), il vero macigno che pesa sulla compagnia di navigazione è la mole dei debiti cumulati negli anni. A fine 2007 l'esposizione verso terzi era di ben 903 milioni (con una media di oltre un miliardo dal 2004 al 2006), un livello superiore di tre volte all'intero patrimonio del gruppo. Una soglia oltre il livello di guardia da anni e nel quale le banche la fanno da padrone. Dei 900 milioni, infatti, ben 731 sono soldi presi a prestito dagli istituti di credito. Che ovviamente si sono ben cautelate, vista la rischiosità del cliente. Quasi tutta la flotta è ipotecata dalle banche. Non solo. Anche le due sedi sociali di Napoli e Venezia sono in pegno al Mediocredito centrale per un finanziamento del 2005.Gli amministratori possono replicare che il solo valore delle navi-traghetto tocca il miliardo di euro. Starà ora all'advisor valutare: sta di fatto che come rileva la Corte dei Conti su 26 navi in esercizio a fine 2007 ben 11 sono assai vetuste con un'età che va dai 13 ai 32 anni. Più che battelli qualcosa di più vicino alle "carrette del mare". Compensi fuori misura Con la privatizzazione quanto meno dovrebbe sanarsi un'anomalia. I membri del Cda avevano un tetto complessivo agli emolumenti di 275mila euro, poi ridotto a 120mila. Volete sapere se è stato rispettato? Assolutamente no. La magistratura contabile nel suo ultimo rapporto fa notare che i compensi totali nel 2007 degli amministratori risultavano di 973mila euro. Il tutto senza spiegazioni.

Le problematiche degli uffici postali eoliani nella disamina di quattro consiglieri d'opposizione

"Problematiche Uffici Postali Isole Eolie" è l'oggetto della nota inviata dai consiglieri comunali Giacomo Biviano, Bartolo Lauria, Pietro Lo Cascio e Adolfo Sabatini a:
AMM.RE DELEGATO POSTE ITALIANE SPA, DIRETTORE COMP.LE POSTE ITALIANE SPA, HRO RUR SUD 2 –ING. ALDO MACHI’, DIRETTORE FILIALE 2 POSTE ITALIANE SPA, DIRETTORE COMP.LE POSTE ITALIANE SPA.
La nota è stata inviata per conoscenza al sindaco del comune di Lipari.
Il testo:
I sottoscritti, nella qualità di Consiglieri Comunali di minoranza del comune di Lipari con la presente rappresentano il disagio della comunità residente nelle Isole Eolie a causa dei cronici disservizi dell’Ente Poste, infatti assistiamo a cronici ritardi nella consegna della corrispondenza, file inammissibili agli sportelli, molti dei quali sono chiusi per carenza di personale, sedi distaccate aperte solo in alcuni giorni alla settimana, ecc.
Analizzando ad uno ad uno gli aspetti dei vari servizi si notano le seguenti criticità:
servizio di recapito
Già la passata riduzione delle zone ha comportato un surplus di lavoro per i portalettere, i quali si sono dovuti caricare porzioni di zona in aggiunta alla propria, inoltre da mesi alcuni portalettere sono assenti per comprovate ragioni di salute, e l’Ente invece di ricorrere ad opportune sostituzioni, ha lasciato le zone ferme con conseguente accumulo di giacenza, e pesanti lamentele da parte dell’utenza che non vede effettuato il servizio di recapito soprattutto nelle frazioni di Quattropani e Canneto, e che deve chiedere negli uffici notizie delle bollette scadute e della corrispondenza varia
-servizio di smistamento e tracing
Questo servizio viene effettuato solo nell’Ufficio di Lipari Centro, il servizio, vitale per il prosieguo della corrispondenza e della tracciabilità della stessa, è stato effettuato da sempre da almeno 3 unità, anche questo servizio è stato smembrato, trasferendo due delle tre unità a Messina, creando anche qui accumuli non smaltibili, paralizzando un altro settore dell’Azienda, analoga situazione si è verificata nell’isola di Stromboli, dove l’unica unità interna è stata recentemente trasferita come altri nella sede di Messina
- Servizio allo sportello
L’ufficio di Lipari centro dispone di quattro postazioni, di queste abitualmente solo due sono aperte e disponibili all’utenza, per carenza di personale, altrove, ad esempio nella frazione di Quattropani l’Ufficio apre solo 3 giorni la settimana, nella frazione di Acquacalda è addirittura chiuso da tempo, nelle altre isole poi la situazione diventa spesso ancora più drammatica, infatti nel caso di malattia o ferie dell’unico operatore, la sede di Lipari deve inviare in sostituzione gli operatori degli sportelli della sede di Lipari per effettuare il servizio, sguarnendo ulteriormente il servizio nell’ufficio di Lipari.
Non ci dilunghiamo oltre nell’elenco dei problemi di queste nostre sedi, ma desideriamo porre all’attenzione delle SS.LL. che questo stato di cose non porta benefici a nessuno: né all’immagine ed alla produttività dell’ente, né agli addetti ai servizi, né tantomeno alla collettività.
Purtroppo l’organizzazione e la gestione dei servizi locali è demandata a sedi fisicamente e concettualmente lontane dalle realtà isolane, che non hanno in alcun modo paragone con l’organizzazione e la gestione dei servizi sulla terraferma, pertanto probabilmente riesce difficile da comprendere quali problemi possano scaturire da un aliscafo che non viaggia da e per le isole con il carico umano di persone che fanno salti mortali per garantire efficienza e produttività, nessuna considerazione per i costi psicologici e fisici che tutti questi operatori giorno dopo giorno sono costretti a pagare in nome del profitto, unico dato che sembra importante per l’ente.
Ebbene, le nostre isole hanno realtà e peculiarità particolari, ed in quanto tali meritano attenzione e rispetto, pertanto appare opportuno che la gestione degli aspetti organizzativi dei servizi non venga più demandato ad organismi esterni avulsi dalle realtà specifiche, ma richiede il distacco organizzativo per il nostro arcipelago oliano, in modo tale che responsabili locali, formati ed esperti, possano provvedere ad un riordino di tutto il servizio, attingendo a personale locale prioritariamente e mettendo in atto tutti i meccanismi possano comunque razionalizzare i costi in relazione ai servizi, ma che possano ridare efficienza e serenità ad un Ente in passato perfettamente funzionante.
Distinti Saluti.
Giacomo Biviano
Bartolo Lauria
Pietro Lo Cascio
Adolfo Sabatini

E' deceduto Padre Ponzio. Per trent'anni è stato sacerdote nelle Eolie

E' deceduto a Giardini il 12 marzo Don Giuseppe Ponzio. Il sacerdote, conosciuto a Lipari come padre Ponzio, ha trascorso ben 30 anni del suo sacerdozio nelle Eolie dove è arrivato nel lontano 1956.

Autorizzati e consegnati i lavori. A breve "primo mattone" per la Capitaneria di porto delle Eolie a Pignataro

Primo “mattone” imminente per la futura Capitaneria di Porto delle isole Eolie che, come anticipato ai vari livelli, nascerà non appena nel capoluogo delle Eolie sarà disponibile una struttura idonea. In quest'ottica sono stati consegnati e prenderanno a giorni il via i lavori per la ristrutturazione del vetusto edificio che a porto Pignataro (Lipari) ospitò sino alla fine degli anni '80 la sede del Circomare. Un edificio poi abbandonato per le sue precarie condizioni strutturali e per la situazione di pericolo derivante dalla montagna sovrastante. La ristrutturazione, per la quale sono in atto disponibili finanze per un milione e trecento mila euro, messe a disposizione dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti durante il precedente Governo Berlusconi, avverrà seguendo il progetto consegnato a suo tempo al CTA del Provveditorato interregionale per le opere marittime di Sicilia e Calabria. Nell'immobile, che si eleva su due piani e per circa 600 metri quadri-così come ci ha illustrato il comandante del Circomare di Lipari Luca Politi che sin dall'inizio del suo incarico ha fortemente pressato affinchè si arrivasse all'inizio dei lavori- saranno consolidate le parti murarie e i solai, si rifaranno sia la copertura che la pavimentazione interna ed esterna allo stabile. All'interno saranno realizzate le camere per il personale dipendente tenendo in considerazione dell'ingresso in Marina anche delle donne. Il completamento dei lavori non avverrà in tempi brevi(si parla di circa due anni). Intanto il comandante del Circomare Lipari Luca Politi ha evidenziato l'intenzione di seguire il previsto iter, compreso il ricorso al giudice di pace, per ottenere l'annullamento del verbale elevato alla sua auto dagli stessi marinai del Circomare per sosta in area portuale senza esposizione del previsto disco orario. “Ero sul porto- ha evidenziato- per motivi di servizio in quanto stavo effettuando congiuntamente a personale del Genio civile un sopraluogo nell'area oggetto dell'incidente alla Pietro Novelli. Plaudendo alla professionalità dei suoi il comandante Politi ha precisato “non sono avvezzo a violare le norme e, prima di lasciare la mia auto nello spazio riservato alla sosta di auto con disco orario, ho cercato un posteggio negli appositi spazi riservati all'autorità marittima che risultavano però occupati da auto dei cittadini”.

Consiglio comunale di Lipari: L'opposizione, gli argomenti proposti e la trattazione rinviata di PIETRO LO CASCIO

Comunicato stampa
Leggiamo sui blog dei giornalisti locali la laconica notizia relativa al Consiglio Comunale di ieri, dove è avvenuta l’elezione del (nuovo) difensore civico, avv. Francesco Rizzo, votato dagli undici consiglieri di maggioranza. Tutto qui. C’è un’altra verità, che definiamo supplementare, e desideriamo che la cittadinanza venga messa a conoscenza di quanto accaduto.
Questa mattina, prima che la maggioranza votasse il suo candidato a difensore civico con una “fretta” che – alla luce dei quindici anni trascorsi tra l’istituzione di questa figura e il voto odierno – diviene francamente sospetta, l’opposizione ha proposto una serie di punti da inserire tra gli argomenti in discussione che sono assolutamente ed evidentemente fondamentali per il paese: il dissesto finanziario dell’Ente, del quale da mesi giungono allarmanti notizie tramite lettere inviate ai consiglieri dal dirigente Subba; la privatizzazione della Tirrenia S.p.A. votata dal Consiglio dei Ministri, che di fatto mette la parola fine a un teatrino di mesi di bugie da parte del governo nazionale e ci dà il benservito; il futuro del servizio idrico e le sue implicazioni; una bozza di legge regionale per le isole minori, che avrebbe necessitato di indicazioni utili e migliorative da questo consiglio comunale ma che sarà varata senza che i consiglieri abbiano avuto tempo e modo di discuterne; il futuro del personale INGV, e dunque del monitoraggio sismico e vulcanico, alla luce delle nuove riduzioni di organico varate dal governo nazionale; qualche notizia su un “Regolamento delle antenne di telefonia mobile” che il Comune di Lipari dovrebbe predisporre, prima che il nostro territorio divenga il Far West dei trasmettitori e dei ripetitori.
Accusati di voler paralizzare i lavori del consiglio e strumentalizzare il dibattito, i consiglieri di minoranza sono stati gratificati da un “contentino” – li mettiamo all’ordine del giorno ma dopo la votazione del difensore civico – ma poi, puntualmente, a elezione avvenuta qualcuno ha alzato il ditino e proposto di rinviare il consiglio a “data da destinarsi”, che vuol dire: non affronteremo queste questioni per i prossimi mesi, come da mesi – o da anni – si trascinano autoconvocazioni proposte dalla minoranza e sapientemente relegate all’“esimo” punto delle liste degli argomenti da trattare.
Così oggi, per l’ennesima volta, abbiamo assistito all’edificante dimostrazione di quanto i problemi reali, importanti, urgenti di questo Paese siano meno reali, importanti e urgenti per questa maggioranza.
Anche per oggi, grazie di cuore.
Pietro Lo Cascio
consigliere comunale
Sinistra Democratica

domenica 15 marzo 2009

Ludica Lipari. Tre a zero al Monforte e la promozione è certezza

Formazione Ludica :Billè, Marino, Restuccia, Currò, Mazzeo, Giunta R., Manfrè, Giunta A., Tripi, Sturniolo, Li Donni.
Panchina: Orto, Caparra, Caruso R., Formica, Ingenito, Natoli, Vitagliana.
Alenatore: Mr Caruso.
Sostituzioni:
Caruso R per Li Donni . al 50°
Caprara per Res
tuccia al 55°
In
genito per Sturniolo al 75°
Non allenta la tensione la Ludica Lipari e al Franchino Monteleone liquida il Monforte con un secco 3 a 0.
Agli eoliani bastava solo un punto per avere la certezza, a due giornate dalla fine del torneo, della promozione in prima categoria.
Per gli uomini di Caruso le reti sono state messe a segno da Sturniolo su rigore, Tripi e A. Giunta. Il primo tempo si era chiuso sull'uno a zero.
I bianco azzurri eoliani, quindi, portano a termine la missione e conquistano la prima categoria. Una vittoria meritata in un campionato che ha visto la formazione liparese protagonista fin dal primo momento e, partita dopo partita, il sogno si è trasformato in realtà.
E' stata una partita difficile che ha visto inizialmente le due formazioni stentare nel prendere l’iniziativa. La Ludica ci crede di più ed al 20° Tripi entra in area e viene atterrato da un difensore del Monforte. Il tiro dal dischetto di Sturniolo porta gli eoliani in vantaggio. Le occasioni per la formazione di Caruso si sprecano ma il primo tempo finisce con la Ludica in vantaggio per una sola rete.
Nel secondo tempo la Ludica ingrana la marcia e spinge sull’accelleratore. Caruso manda in campo forze fresche: prima il figlio d’arte Ruben Caruso e poi Francesco Caprara, il primo classe '93 ed il secondo' 92. La manovra prende velocità e prima Tripi e poi Antonello Giunta, a coronamento di un fantastico gioco di squadra, trafiggono la difesa del Monforte.

Lipari: Francesco Rizzo nuovo difensore civico. Carnevale al Tar

L'avvocato Francesco Rizzo è stato eletto difensore civico del comune di Lipari. L'elezione è avvenuta nella seduta del consiglio comunale conclusasi da qualche minuto. Rizzo ha riportato gli undici voti dei consiglieri di maggioranza. Gli stessi consiglieri hanno votato l'immediata esecutività. Alla votazione, dopo aver presenziato ai lavori del civico consesso, non hanno preso parte i 6 consiglieri di minoranza e i due indipendenti del gruppo "Il Faro".
Intanto l'avvocato Emanuele Carnevale, eletto difensore civico in una precedente seduta con i voti dei soli otto consiglieri presenti in quell'occasione e che si è visto successivamente revocare la nomina, si è rivolto al Tar di Catania per far annullare la delibera con la quale il consiglio comunale ha approvato in autotutela la revoca della deliberazione con la quale era stato eletto. Il ricorso è stato presentato dalla dottoressa Alessia Giorgianni. Il decano degli avvocati eoliani ritiene si tratti di "una palese illegittimità". Come da noi già riportato l'avvocato Carnevale ha già denunciato penalmente gli 11 consiglieri comunali di maggioranza che hanno votato la delibera di revoca e il vice-segretario del comune presente a quella seduta.

Lipari: Un consiglio comunale "grandi scontri" è in corso

Consiglio comunale sul difensore civico in corso da una quarantina di minuti a Lipari. Ma è un consiglio comunale, al di là del risultato che riuscirà a produrre, molto caldo e da "grandi scontri". In particolare forti contestazioni vengono mosse dai banchi dell'opposizione al presidente Pino Longo accusato di non seguire le norme che disciplinano le sedute consiliari. Forti contestazioni si stanno verificando, in questo momento, per una controversia sorta a proposito della riunione dei capigruppo.
In aula presenti anche il sindaco Mariano Bruno e il vice-sindaco Alfredo Biancheri.

Lipari- Zinzolo: Ordinanza di evacuazione

Abitazione a rischio a causa delle perdite dalla rete idrica ubicata nel sottosuolo che hanno causato una grave situazione di pericolo per la pubblica incolumità. Per la famiglia di Maria Famularo, residente in un vicolo che si affaccia sulla via Zinzolo, è stata emessa dal sindaco Mariano Bruno, ordinanza ( la n° 13 del 2009) di evacuazione.