Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 1 marzo 2008

Ci scusiamo ma per problemi tecnici non dipendenti dalla nostra volontà non siamo in grado, in questo momento, di completare le notizie con le foto. Appena sarà possibile torneremo a farlo, inserendo le foto anche negli articoli già pubblicati. Grazie

Eolie: Forti raffiche di vento e disagi

Imperversa il maltempo nelle Eolie. Dal pomeriggio forti raffiche di vento stanno investendo l'arcipelago eoliano. Le forti raffiche hanno costretto, per qualche ora, la nave veloce “Isola di Stromboli”, alquanto leggera, a restare saldamente ormeggiata nel porto di S. Marina Salina. Omessa di conseguenza la corsa pomeridiana per Lipari-Milazzo. Approfittando di una fase di calma la nave veloce "Isola di Stromboli" ha poi lasciato Salina e, in questo momento (vedi foto) è ormeggiata nel porto di Sottomonastero a Lipari. Il mare in tempesta ha costretto anche l'Ustica lines a “stoppare” le ultime corse serali.

Trasporti marittimi integrativi: Così non va

“Insorgono” anche il sindaco di Lipari Mariano Bruno e il presidente della Federalberghi Vito Russo contro gli orari proposti da RTI-TPS, la società che ha avuto l'incarico dalla Regione di condurre uno studio per l'ottimizzazione dei servizi di collegamento marittimo verso le isole minori siciliane in previsione del prossimo bando per i collegamenti integrativi. Orari già "respinti" al mittente da Massimo Lo Schiavo (S. Marina Salina), Salvatore Longhitano (Malfa) e Antonio Podetti (Leni). Sulla stessa lunghezza d'onda e fortemente critico, come anticipato, anche il sindaco di Lipari Mariano Bruno che auspica una migliore organizzazione degli itinerari orari anche in previsione di quella che dovrebbe essere la dismissione delle Tirrenia. Bruno anticipa che martedì prossimo a Palermo si terrà un incontro chiarificatore. Secondo la Federalberghi i previsti itinerari-orari sarebbero fortemente penalizzanti e peggiorativi del servizio in atto svolto.

S.Marina,Leni e Malfa protestano contro RTI-TPS

Fortemente critici i tre sindaci di Salina contro gli itinerari-orari proposti da RTI-TPS la società che ha avuto l'incarico dalla Regione siciliana di condurre uno studio per l'ottimizzazione dei servizi di collegamento marittimo verso le isole minori della Sicilia in previsione del prossimo bando per i collegamenti integrativi.
In una lettera, inviata all'Assessorato regionale Turismo comunicazione e trasporti I sindaci Massimo Lo Schiavo (S. Marina Salina), Salvatore Longhitano (Malfa) e Antonio Podetti (Leni) hanno evidenziato come “ da una prima lettura degli orari proposti emerge l’assoluta inadeguatezza degli stessi rispetto alla mobilità primaria dei cittadini dell’isola di Salina. Si rappresenta inoltre- hanno scritto i sindaci- che alla riunione del 15 gennaio scorso tenutasi presso il comune di Lipari queste amministrazioni non hanno rappresentato le esigenze di mobilità, bensì linee guida di carattere generale, rinviando l’approfondimento ad altre riunioni che si sarebbero dovute tenere presso i rispettivi territori, cosa mai avvenuta. Pertanto- concludono Lo Schiavo, Podetti e Longhitano- si fa presente di non condividere assolutamente quanto trasmesso con la nota di RTI-TPS del 21 febbraio e si richiede un incontro urgente per rivedere quanto proposto, in base alle reali necessità di mobilità dei residenti e di tutti coloro che giungono a Salina sia per lavoro sia per turismo”.

Lipari: Domani il PD elegge il segretario

Si riunirà domani alle 10,00 il comitato del PD di Lipari per procedere all'elezione del segretario. Salvo colpi di scena dovrebbe essere eletto l'ex segretario dei Democratici di sinistra, Pino La Greca. Intanto i consiglieri comunali del centro sinistra hanno interrogato il sindaco di Lipari Mariano Bruno sulla "riorganizzazione del personale".
"Nei giorni scorsi- hanno scritto- abbiamo letto di rinnovi, di conferme, di dimissioni date e poi ritirate, tali e tanti da creare una gran confusione non solo nei consiglieri comunali ma, ancor più, nell'opinione pubblica. Considerato che numerosi cittadini ci chiedono informazioni più precise non possiamo far altro che “girare” a Lei le loro richieste.
La interroghiamo per sapere: quali e quante posizioni organizzative sono state concesse, confermate, rinnovate o meno, nel corso dell'ultimo anno dal 1 gennaio 2007, settore per settore;
quali e quanti dirigenti sono stati confermati, rinnovati o meno, nel corso dell'ultimo anno dal 1 gennaio 2007, settore per settore".

TARSU: Commissione tributaria da ragione al comune

“Mani in saccoccia” per diversi titolari di strutture ricettive, della ristorazione e anche commerciali del comune di Lipari. La commissione tributaria provinciale ha rigettato una ventina di ricorsi avanzati contro le cartelle di pagamento relative alla TARSU emesse dal comune di Lipari e relative agli anni che vanno dal 2002 al 2004. Non sono cifre da poco se si considera che solo tre strutture alberghiere ubicate rispettivamente a Stromboli, Vulcano e Lipari dovranno pagare complessivamente circa 70.000 euro. Un'opificio di Lipari, adesso in liquidazione, dovrà pagare circa 20.000 euro.
Complessivamente, da una prima stima, l'importo che dovrebbe entrare nelle casse comunali(solo per questi casi) ammonta ad oltre 250.000 euro. I “condannati” al pagamento avevano puntato sulla nullità del ruolo e della cartella di pagamento in quanto il regolamento adottato dal consiglio comunale era stato oggetto di annullamento nel 2004 da parte del Tar di Catania. Inoltre veniva contestato il fatto che la tassa per le strutture ricettive e imprenditoriali non era stata equiparata a quella delle abitazioni private. Non tenendo conto che il comune, come ha dimostrato il legale incaricato dall'ente, aveva sanato successivamente il vizio che era stato alla base della sentenza del Tar.

Che indecenza..si lascia di tutto..eternit compreso

Soltanto qualche giorno fà si era proceduto a ripulire alcune aree dell'isola di Lipari da frigoriferi, poltrone e vecchi elettrodomestici. Neanche il tempo di farlo e ad ogni angolo è tornato a spuntare di tutto. Dal sedile di un auto, con pericolose sporgenze in ferro, a non più di un paio di metri dalla scuola di Canneto, ai soliti mobili vicino ai cassonetti dell'immondizia di San Vincenzo sempre a Canneto. Ma c'è ancora di più: in uno dei tornanti della contrada di Serra in mezzo agli alberi è spuntato un bel serbatoio in eternit, materiale che, come è risaputo, è fortemente cancerogeno e che andrebbe smaltito con una procedura particolare.
Lanciando l'appello al comune affinchè faccia rimuovere e smaltisca come si deve il serbatoio in eternit non possiamo che evidenziare come l'incuria e l'inciviltà prendano sempre più il sopravvento in quest'isola. Anche perchè il serbatoio non è stato lasciato solo.. un tornante più sotto rifiuti...rifiuti e ancora rifiuti

venerdì 29 febbraio 2008

Lipari: Lunedì sarà notificato il reintegro di Beninati

Lunedì sarà notificata al comune di Lipari la sentenza in forza della quale l'amministrazione liparese dovrà reintegrare il geometra Claudio Beninati nelle originarie funzioni di responsabile del 2° servizio del 3° settore (ufficio illeciti edilizi). Come anticipato, nei giorni scorsi, la reintegrazione è stata decisa dal giudice Gianluca Grasso che ha accolto il ricorso presentato dagli avvocati Rosario Venuto e Santo Napoli e annullato, di conseguenza, il provvedimento di mobilità intersettoriale. Il giudice ha anche condannato il comune di Lipari, in persona del sindaco pro tempore, al pagamento delle spese processuali quantificate in 1.000 euro, oltre alle spese generali. Il comune è stato difeso dall'avvocato Cosimo Genovese. Beninati, trasferito con provvedimento del 27 dicembre 2006 al IV settore per occuparsi di impianti idrici e fognari, resta per il momento in quest'ufficio in attesa delle determinazioni della pubblica amministrazione liparese una volta che gli sarà notificato la sentenza del giudice del Lavoro. L'incarico di Beninati al settore illeciti edilizi era stato affidato al geometra Placido Sulfaro.

Il consigliere Casilli convoca le associazioni eoliane

"Il Comune riconosce e valorizza la funzione sociale, educativa e formativa delle attività culturali e sportive, attraverso la realizzazione delle necessarie strutture, sostenendo l'associazionismo". Partendo da questo articolo dello statuto comunale il consigliere Antonio Casilli ha organizzato
per domenica prossima alle 16:00 un incontro con tutte le Associazioni esistenti e operanti nelle Isole Eolie. L'incontro si terrà presso i locali del Comune di Lipari(CST) , siti in via Maurolico.
Il consigliere che da tempo si occupa di associazionismo sul territorio vuole censire tutte le associazioni presenti sul territorio e quindi sviluppare un modello di partecipazione alla vita attiva dell'Amministrazione Comunale.
"All'ordine del giorno- dichiara Casilli- è prevista una elencazione delle stesse, dei loro scopi sociali e degli ambiti in cui operano o vorrebbero operare, affinché si possano pianificare una serie di appuntamenti operativi che l'amministrazione si impegnerà a promuovere nelle debite sedi. Verranno inoltre individuati i soggetti che avranno il compito di promuovere e sviluppare la giusta programmazione per lo sviluppo del territorio".

Consiglio comunale: Il "Faro" replica al centro-sinistra

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dei consiglieri comunali Francesco Megna e Gesuele Fonti(Il Faro) nel quale si replica al documento emesso dal centro-sinistra e riguardante il consiglio comunale di ieri e pubblicato in questa pagina.
N.B. Il carattere stampatello non vuole evidenziare questo comunicato rispetto ad altri ma ci è stato inviato così dal gruppo. Per darne immediata contezza a chi ci segue non abbiamo perso tempo a riscriverlo.
COMUNICATO STAMPA
"RESPINGIAMO QUANTO AFFERMATO NEL COMUNICATO STAMPA A FIRMA DEI CONSIGLIERI COMUNALI DI MINORANZA IN QUANTO PRIVO DI OGNI FONDAMENTO.
SI FA APPENA NOTARE CHE GLI ARGOMENTI POSTI ALL’ORDINE DEL GIORNO DOVEVANO ESSERE DISCUSSI NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE PREVISTA PER IL 25 FEBBRAIO 2008 NELLA QUALE ERA PRESENTE SOLO UN CONSIGLIERE DI MINORANZA.
I CONSIGLIERI DI MINORANZA OGNI QUALVOLTA SI TRATTANO IN CONSIGLIO ARGOMENTI CHE COMPORTANO ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA’ (VEDI BILANCIO, DEBITI FUORI BILANCIO E ALTRO) HANNO REGOLARMENTE ABBANDONATO L’AULA ED IN QUALCHE CIRCOSTANZA FATTO CADERE IL NUMERO LEGALE.
IL GRUPPO CONSILIARE "IL FARO" NON SI E’ MAI TIRATO INDIETRO AVENDO AFFRONTATO A TESTA ALTA TUTTI GLI ARGOMENTI POSTI ALL’ORDINE DEL GIORNO, NON AVENDO MAI AVUTO PAURA DI AFFRONTARE LE DISCUSSIONI SUGLI ARGOMENTI DA TRATTARE, PRODUCENDO FATTI E NON DEMAGOGIA A DIFESA DEI CITTADINI"
Lipari 29 febbraio 2008

Portualità di Sottomonastero: Interviene Ziino (MPA)

Questo il comunicato diffuso dall'MPA di Lipari a firma del coordinatore Bartolomeo Ziino:
In relazione all'incontro tenutosi al comune di Lipari per discutere del progetto di messa in sicurezza del porto di Sottomonastero, il partito dell'MPA, considerati gli interventi dei tecnici presenti: ing. Fabio Arena del Genio civile opere marittime di Messina, nella qualità di progettista dell'opera, ing. Antonino Pelle, nella qualità di consulente del comune di Lipari
Dichiara di condividere il progetto in questione, auspicando una piccola modifica che preveda alla radice del pontile la realizzazione di alcune opere necessarie per l'attracco simultaneo di due navi accostate allo stesso.
Inoltre il partito dell'MPA si impegna con la presente a porre in essere tutti gli atti necessari affinchè si possa realizzare nell'immediato futuro il prolungamento del suddetto pontile per ulteriori 100 metri, al fine di permettere l'attracco anche delle navi da crociera.
Cogliendo l'occasione della presente e riguardo alle polemiche che in atto si sono create sulla realizzazione della suddeta opera, il partito dell'MPA, Chiede a tutti i partiti un impegno serio e concreto speso a costruire e a non demolire iniziative a favore dello sviluppo del nostro paese".

Archeologi subacquei alla Regione

Si chiama “progetto Navis” ed è nato con l’obiettivo di formare, all’interno dell’amministrazione regionale, una nuova figura professionale: quella dell’esperto nell’intervento archeologico subacqueo. Sono stati 18 i dipendenti degli uffici regionali e delle Soprintendenze provinciali dei beni culturali che hanno seguito un corso di 300 ore per acquisire le necessarie competenze tecniche da mettere a disposizione di un settore che continua a regalare preziose scoperte come l'anfora "ripescata" a Panarea o una serie di frammenti di ceramica da cucina, risalenti al XVII secolo, che si trovavano adagiati su una prateria di posidonia nella zona antistante il molo di Patti Marina.
Come spiega Sebastiano Tusa, direttore della Soprintendenza del Mare, “per la prima volta l’amministrazione regionale ha cercato di indirizzare la formazione dei propri impiegati, a tutti i livelli, verso un settore estremamente innovativo. C’era la necessità di fare acquisire ai nostri addetti le metodologie più elementari nel campo della ricerca archeologica subacquea rendendoli, allo stesso tempo, tecnologicamente avanzati: dai rilievi fotografici alle riprese video, alle modalità di guida del robot sottomarino utilizzato per scandagliare i fondali alla ricerca dei tesori perduti”.

Pesca: Apparecchi radio, via libera a proroga annuale

Respiro di sollievo per i pescatori eoliani ma più in generale per tutta la marineria. Nel contesto del cosidetto decreto “Mille proroghe”, convertito ieri in legge al Senato, è stata approvata la proroga annuale per l’adeguamento degli apparecchi radioelettrici, quali previsti dagli appositi decreti ministeriali. Lo rendono noto il presidente nazionale di Lega Pesca Ettore Ianì e il responsabile di Lega Pesca per le Eolie Antonio Gugliotta(nella foto) .
Fino al 1 gennaio 2009 , quindi, continueranno ad applicarsi le disposizioni di sicurezza, relative all’art. 28, previste dal decreto del Ministro della marina mercantile 22 giugno 1982, nonché le norme di cui al decreto 19 aprile 2000 del Ministro delle politiche agricole e forestali, di concerto con il Ministro dei trasporti e della navigazione. Questo provvedimento non comporta oneri aggiuntivi per la finanza pubblica e consentirà agli operatori che non hanno completato, entro il 1° gennaio 2008, le procedure necessarie per l’acquisizione dei certificati di abilitazione all’uso degli apparati radio, di non sospendere la propria attività nelle more dei tempi tecnici necessari per il conseguimento degli stessi.

Eolie: Indagini su presunto abusivismo (fonte AGI)

Indagini su presunto abusivismo edilizio nelle Eolie e avvisi di garanzie per aree artigianali. Questa la notizia pubblicata dall'AGI (Agenzia giornalistica Italia) :
"Nuovo impulso alle indagini della Procura per accertare abusi edilizi nelle Eolie. La Procura ha avviato una inchiesta, affidata alla Guardia di finanza, nel cui ambito presso la tenenza di Lipari sono state sentite diverse persone. L'indagine si preannuncia molto delicata, considerato l'interesse turistico che suscitano le isole Eolie, dichiarate dall'Unesco patrimonio dell'umanità e quindi di inestimabile valore naturalistico e paesaggistico. La procura intende verificare se i progetti approvati dagli organismi preposti (comune di Lipari, soprintendenza di Messina e genio civile) siano effettivamente regolari o se vi siano state delle forzature. Al vaglio degli inquirenti numerosi elaborati che negli ultimi tempi hanno avuto via libera, nonostante nelle Eolie i vincoli siano rigidissimi. Numerosi negli ultimi mesi i sequestri operati dalla polizia municipale e dai carabinieri. Nei prossimi giorni nell'arcipelago saranno effettuati accertamenti aerei per documentare eventuali nuove costruzioni rispetto ad una precedente rilevazione. La lotta a "cemento selvaggio" promette dunque ulteriori sviluppi.
La procura ha anche avviato da qualche tempo, sulla scorta di una denuncia, un'indagine su alcune autorizzazioni rilasciate per le aree artigianali a Lipari. Sarebbero stati emessi già due avvisi di garanzia".

Stromboli tra i 100 film da tutelare

Monumenti dell'arte. Patrimonio di spettacolo e di costume. Tesori del nostro Novecento. Strumenti di riflessione. Testimonianza viva di cultura. Non parliamo di architettura, pittura o letteratura. Parliamo di cinema. E questa è già una bella novità: perché per la prima volta, in maniera organica, i film italiani vengono visti come un vero e proprio tesoro. Qualcosa da proteggere, da conservare, da far vedere ai giovani.
Una commissione di esperti, rispondendo all'appello lanciato nel 2006 dalle Giornate degli Autori di Venezia, ne ha selezionati cento. O meglio, 101. In un arco temporale che va dal 1942 al 1978. Dall'alba del neorealismo agli anni di piombo. Un patrimonio immenso da custodire e/o restaurare. Tra questi film è stato inserito Stromboli di Roberto Rossellini.

Consiglio comunale: Comunicato del centro-sinistra

In un comunicato stampa (che riportiamo integralmente) i consiglieri comunali di minoranza (primo firmatario Giacomo Biviano) hanno criticato fortemente quanto accaduto ieri pomeriggio in consiglio comunale a Lipari.
COMUNICATO STAMPA del 29 Febbraio 2008
"Ennesima seduta inconcludente del consiglio comunale di Lipari per responsabilità dei consiglieri di maggioranza. Il consiglio comunale, convocato ieri, in prosecuzione, era chiamato a discutere le autoconvocazioni dei gruppi di minoranza su argomenti di vitale importanza per il comune tra cui la gestione dei rifiuti e la portualità delle isole Eolie.
I consiglieri di minoranza, tutti presenti, tranne il consigliere Lo Cascio (assente perchè fuori sede), si sono presentati nella convinzione di poter discutere delle problematiche che nei prossimi giorni potrebbero creare problemi alla nostra comunità, quali, sicuramente, l’aumento della tassa sui rifiuti, si parla di un rincaro del 50%, se non addirittura del 100% a carico degli utenti eoliani, e soprattutto dell’avvio dei lavori di messa in sicurezza del porto di Sottomonastero. Argomento, quest’ultimo, che ha sollevato numerose critiche da parte di esperti per i quali volevamo chiedere una seduta apposita del consiglio comunale.
I consiglieri di maggioranza, incluso il presidente del consiglio, hanno preferito registrare la presenza ad inizio dei lavori per allontanarsi successivamente dall’aula impedendo il proseguo dei lavori e l’approfondimento di qualsiasi ulteriore discussione sui problemi del comune. Tipico di chi vuole evitare qualsiasi discussione e mettere i cittadini di fronte al fatto compiuto. Quale? Il possibile aumento sproporzionato della tassa sui rifiuti del 50/100%.
E’ una situazione paradossale: la maggioranza ha paura di discutere dei problemi e preferisce lanciare proclami demagogici su fantomatiche riduzioni del canone dell’acqua che da oltre un mese non riesce a portare in consiglio, lasciando che il resto dei problemi travolga la nostra comunità".

Green Lipari: Assolto comandante

Il comandante della motonave "Green Lipari", in servizio alle isole Eolie per il trasporto dei rifiuti solidi urbani, Antonino Giuseppe Messina 70 anni, originario di Villa San Giovanni, è stato assolto ieri dal giudice Anna Adamo, nel processo col giudizio abbreviato, dall'accusa di naufragio doloso per un incidente avvenuto la notte del 28 agosto 2005 durante le manovre di attracco al porto di Sottomonastero di Lipari. La nave che trasporta i rifiuti, intorno alle 3 e 15 della notte, aveva infatti speronato il Caicco "Nina", imbarcazione tipica turca, utilizzata per minicrociere nell'arcipelago eoliano. Il natante speronato aveva subito danni notevoli ad una fiancata, senza peraltro provocare feriti. L'imputato, difeso dall'avv. Saro Venuto, è stato assolto con la formula, "perché il fatto non sussiste". Il pubblico ministero Michele Martorelli aveva chiesto l'affermazione della responsabilità per l'imputato e una condanna a 9 mesi di reclusione. Il difensore ha sostenuto che il fatto contestato al comandante della nave non poteva essere classificato come naufragio, perché nell'incidente non vi sono stati feriti.

giovedì 28 febbraio 2008

Lipari: Furto ai danni di un extracomunitario

Un furto è stato compiuto la notte scorsa ai danni di un extracomunitario, residente nell'isola da quasi un ventennio e perfettamente integrato, unitamente alla sua famiglia, nella comunità isolana al punto da essere “ribattezzato” con il nome di Salvatore.
Ignoti hanno forzato uno dei vetri della sua vecchia auto, posteggiata come sempre nel posto che occupa abitualmente, asportando tappeti, asciugamani, lenzuola e altra mercanzia. Per l'uomo l'amara sorpresa si è concretizzata stamattino quando è andato a prendere il suo mezzo con il quale gira per l'isola per cercare di piazzare la sua merce. Per l'extracomunitario che ultimamente, vista la crisi economica che ha finito per penalizzare anche la sua attività, si impegna a collaborare con un artigiano dell'isola, sicuramente un brutto colpo.
“Salvatore”, fra le lacrime, non riusciva a spiegarsi quanto accaduto. “Qui- ha detto- mi hanno sempre trattato bene e da amico”. Si è anche detto certo che non c'entrano nulla gli altri extracomunitari presenti a Lipari

Eolie: Scossa tellurica

Una scossa di terremoto è stata registrata oggi in mare, a 24 km. di profondità, al largo delle isole di Alicudi- Filicudi. La scossa è stata di magnitudo 2.7 della scala Ritcher. Non si registra nessun danno a persone e cose.

Regione: Sonia Alfano è la candidata di Grillo

Sonia Alfano, figlia del giornalista antimafia Beppe Alfano, sarà la candidata del movimento “Amici di Beppe Grillo” alla presidenza della Regione siciliana. La sua candidatura è stata presentata oggi. In atto a correre per la poltrona di governatore di Sicilia sono in tre. Oltre a Sonia Alfano sono già state ufficializzate le candidature di Anna Finocchiaro e Raffaele Lombardo.

Eolie: Progettazioni con risorse regionali

Canneto e Santa Marina Salina potrebbero letteralmente cambiare volto e, la frazione dell'isola di Lipari, risolvere uno dei problemi atavici che l'attanagliano specialmente durante la stagione estiva. Nell'ambito delle “economie di spesa” la giunta regionale ha destinato all'isola di Lipari, alla frazione di Canneto in particolare, 293 mila e 600 euro per la progettazione di nuove opere, secondo quanto prevede il programma elaborato dall’Ufficio delle Isole minori della presidenza della Regione siciliana. Opere che potranno poi essere realizzate con i fondi della programmazione 2007-2013 e con le risorse ordinarie della Regione. Una progettazione importante, per risolvere l'intasamento estivo di auto che causa spesso incidenti e difficoltà, è quella relativa al parcheggio di contrada Sparanello/Ghiozzo per il quale sono stati destinati 117 mila euro per la progettazione dell’opera. Inoltre per il progetto dell’illuminazione e riqualificazione della frazione di Canneto, sono stati destinati 81 e 600 euro. Altri 95 mila euro circa per il progetto dell’arredo urbano, sempre per la frazione cannetara. Cinque gli interventi per il comune di Santa Marina Salina: 40 mila euro per il progetto di recupero e per il consolidamento di Vallone e Torrente Casella; 31 mila euro circa per il progetto di riqualificazione del borgo di Lingua; 140 mila euro per il progetto di recupero delle vecchie cave del Vallone Ristagno; 35 mila euro per il progetto relativo alla ristrutturazione, il recupero e il consolidamento di Vallone e Torrente Batana’; 12 mila euro per la progettazione del Centro per la formazione lavorativa e culturale nella frazione di Lingua

Canneto: Interrogazione su "arredo urbano"

Una interrogazione avente per oggetto "arredo urbano Marina Garibaldi di Canneto" è stata presentata dai consiglieri del centro-sinistra (primo firmatario Rosario Centorrino) al sindaco di Lipari.
Nell'interrogazione si legge: "chi passeggia lungo la via Marina Garibaldi di Canneto nota delle colonnine che sembrano elementi di arredo urbano mentre sono dei distributori di energia per auto a trazione elettrica.
Considerato che numerosi cittadini ci chiedono a che cosa servono e/o serviranno non possiamo far altro che “girare” a Lei le loro richieste la interroghiamo per sapere:
se e quanto si avvierà il progetto per l'introduzione delle auto a trazione elettrica per le quali sono state collocate le suddette colonnine; come sarà attuato operativamente tale iniziativa e con quali modalità".

Brevi dalle Eolie

Ancora furti a Filicudi. Questa volta i ladri sono entrati in azione nella località di Pecorini, penetrando in un ristorante e nel limitrofo magazzino. Dal ristorante hanno “prelevato” la macchina del caffè e altri oggetti. Dal magazzino materiale diverso fra cui il serbatoio(tanica) di carburante lasciato “posteggiato” dal giornalista Gianni Minoli che ha casa nell'isola.

Alcuni lavoratori ex Pumex hanno incontrato il presidente del consiglio comunale di Lipari Pino Longo per fare il punto della situazione in vista della reimmissione nel mondo del lavoro. Longo ha riferito degli incontri avuti a Messina all'INPS e alla Sovrintendenza.

Ginostra: Lavori di protezione del molo

La ditta Scuttari di Chioggia lavorerà a Ginostra per posizionare i massi protettivi per la struttura portuale danneggiata dalle mareggiata. La Protezione civile ha stanziato circa due milioni di euro per l'intervento. Intanto è in arrivo (presumibilmente entro domenica) il terzo cassone da utilizzare per il prolungamento del lato nord del molo di Marina Corta.

mercoledì 27 febbraio 2008

Moretto I°: Ancora tu...in avaria? Passeggeri sbarcati a Panarea


Lasciati per circa sei ore sul porto di Panarea in attesa della prossima corsa in aliscafo. E' accaduto stamattina ai trenta passeggeri che si erano imbarcati sul Moretto I° della Ustica Lines. Il mezzo della società privata non appena arrivato a Panarea si è guastato e il comandante, giocoforza, ha dovuto invitare i passeggeri a scendere. Vibrate le proteste, non tanto per il guasto (anche se qualcuno ha posto l'accento sull'inefficienza dei mezzi), quanto per il fatto che si “abbandonassero” gli utenti sull'isola, in attesa dell'aliscafo Siremar del pomeriggio, invece di programmare una corsa sostitutiva in grado di permettere a tutti di proseguire nell'itinerario per cui era stato acquistato il biglietto.
Da ricordare che il “Moretto” I° già il 18 febbraio scorso per un altro guasto aveva lasciato a terra, al porto di Lipari, 150 persone dirette a Messina. Sicuramente non un buon viatico in vista del primo afflusso turistico pasquale.

Sottomonastero: Riunione e dubbi, tanti dubbi

Riunione tecnica stamattina al comune di Lipari per quanto riguarda la messa in sicurezza del porto di Sottomonastero. Vi hanno preso parte il progettista ing. Antonino Pelle, l'ing. Fabio Arena del Genio civile opere marittime, la ditta Scuttari, ormeggiatori, comandanti e consiglieri comunali.
Molte le perplessità espresse dagli addetti ai lavori sugli interventi che si intendono. Peplessità ancora più forti sono state espresse- ad esempio dal consigliere Sabatini, intervenuto come tecnico, su quanto ad un certo punto è stato affermato dal progettista e cioè che la messa in sicurezza sarebbe funzionale, esclusivamente, a mettere in sicurezza gli aliscafi.
Gli esperti del settore hanno evidenziato che l'opera, così come progettata, restringerebbe la manovrabilità all'interno del porto andando a pregiudicare l'attuale situazione.

Breve dal comune di Lipari

Con apposita delibera la giunta Bruno ha individuato le somme che non possono essere soggette a pignoramento da parte di eventuali creditori. Si tratta di circa dieci milioni di euro e il periodo interessato va dal 1°gennaio al 30 giugno 2008.
Queste le somme non pignorabili e il relativo settore: 1.438.000 mila euro per gli stipendi dei dipendenti comunali; 2.500.000 euro per i servizi dell’amministrazione generale; 300.000 euro per la pubblica istruzione; 210.000 euro per i servizi cimiteriali; 500.000 euro per acqua e fognature; 1.700.000 euro per la nettezza urbana; 2.100.000 per viabilità e energia elettrica e 600.000 mila per servizi vari

Portualità: Iniziativa di La Greca,Merlino e Giorgianni


"Lavori di messa in sicurezza del porto di Sottomonastero nell'isola di Lipari- Osservazioni e suggerimenti" è l'oggetto di un documento congiunto di Pino La Greca(PD), Saverio Merlino (PD) e Marco Giorgianni (UDC) hanno inviato al Prefetto di Messina - Commissario per l'emergenza delle Isole Eolie, all'Assessorato Regionale LL.PP. Dipartimento Lavori Pubblici, al Genio Civile OO.MM. Regione Siciliana , al sindaco del comune di Lipari, al dirigente del comune di Lipari RUP, al comandante Capitaneria di porto di Milazzo, al comandante del Circomare Lipari, al Direttore della Siremar S.p.A. Palermo e per conoscenza ai consiglieri comunali del comune di Lipari. Il testo integrale in: www.webalice.it/s.sarpi/DOCUMENTI.html

martedì 26 febbraio 2008

Comune: Il geom. Beninati torna all'ufficio illeciti

Reintegrato nell'originario posto comunale di lavoro il gemetra Claudio Beninati. Lo ha disposto il giudice del Lavoro del Tribunale di Barcellona, Gianluca Grasso. Lo spostamento d'ufficio e di settore di colui che ha ricoperto per diverso tempo l'incarico di responsabile dell'ufficio illeciti edilizi è stato giudicato illegittimo.
Il geometra Beninati aveva richiesto l'intervento del giudice dopo che, con determina sindacale, era stato trasferito al IV settore per occuparsi di impianti idrici e fognari. Il suo incarico al settore illeciti era stato affidato al geometra Placido Sulfaro.

Lipari: Espulsi i quattro extracomunitari

Celebrato al Tribunale di Lipari il processo contro i quattro extra-comunitari arrestati nella notte fra sabato e domenica dai carabinieri. Giudice dell'udienza il dottor Roberto Gurini, mentre la pubblica accusa era rappresentata dal pm Francesco Massara. Difensore d'ufficio l'avvocato OnofrioNatoli . Per il 22 enne iracheno Jimmi Navarro e i per tunisini Lazhar Ben M'Hamed Saafi (25 anni) , Nasri Walid (27 anni) e Mohamed Ali Omranne(31) è scattato il provvedimento d'espulsione. Safi e Omranne hanno anche patteggiato una pena di 5 mesi e 20 giorni.

"Per Canneto": Chiesti interventi per la frazione

Un intervento urgente per la difesa dell’abitato della frazione di Canneto dalla mareggiate è stato richiesto al sindaco di Lipari. La nota, a firma di Ninì Giardina, presidente della neonata associazione “Per Canneto”, è stata inviata per conoscenza anche al Dipartimento della Protezione civile. E' stato evidenziato come
“ nei giorni scorsi si è verificata l’ennesima mareggiata che, nonostante sia stata certamente di scarsa entità, con venti da nord –est forza 4-5, ha causato l’invasione da parte dei marosi di lunghi tratti della via Marina Garibaldi. Non vi è alcun dubbio- si legge nella nota- che i tetrapodi posizionati per assolvere alla funzione di barriera frangiflutti non svolgono più tale funzione tant’è che spesso il mare, con estrema facilità, invada la carreggiata stradale, ed ovviamente, in alcuni casi, lambisce anche le abitazioni. Gradiremmo conoscere- si legge ancora- quali sono le iniziative che , eventualmente, l’amministrazione comunale ha intrapreso o intende intraprendere per la protezione della spiaggia e del centro abitato della frazione, anche in virtù del fatto che l’attuale barriera frangiflutti risulta inefficace per garantire la difesa della Marina Garibaldi e delle abitazioni prospicienti”. L'associazione “Per Canneto”, anche in previsione delle festività pasquali, ha chiesto all'amministrazione quali iniziative ha intrapreso o intende intraprendere per la pulizia delle spiagge della frazione, il sito balneare più frequentato e più facilmente raggiungibile dell'isola di Lipari.

Breve da Lipari

Sono sbarcati stamattina a Lipari con il furgone della polizia penitenziaria i quattro cittadini extracomunitari che non avevano ottemperato al decreto di espulsione e che nella notte sono stati tratti in arresto a Lipari dai carabinieri. Gli arrestati, l'iracheno Jimmi Navarro(1986) e i tunisini Lazhar Ben M'Hamed Saafi (1983) , Nasri Walid (1981), Mohamed Ali Omranne(1977), sono tornati a Lipari per essere processati con rito direttissimo al tribunale di Lipari.
Ad attendere l'arrivo della nave i carabinieri del maresciallo Francesco Villari che poi hanno scortato il furgone sino alla sede del tribunale.

Rifiuti a Panarea: Petizione esercenti attività ecomomiche

Una petizione è stata inviata da 15 esercenti attività economiche dell'isola di Panarea al Prefetto di Messina, al sindaco di Lipari, all' assessore all’Ecologia ed Ambiente, al presidente e all'amministratore delegato dell’A.T.O. 5 Eolie, al presidente della Federalberghi Eolie. Oggetto della petizione "problematiche afferenti l’espletamento del servizio r.s.u. nell’isola di Panarea- posizionamento di scarrabili in zone da concordare".
Questo il testo integrale:
"Con la presente, i sottoscrittori, segnalano alle Autorità in indirizzo ognuno per le proprie competenze quanto appresso:
Nonostante le numerose riunioni tenute dal locale Consiglio Circoscrizionale di Panarea,
finalizzate a dare soluzioni in merito ad un sito idoneo per il posizionamento di due o tre scarrabili compattatori per lo smaltimento fuori dall’Isola dei r.s.u, a tutt’oggi non hanno risolto nulla.
Gli interessi personali di taluni personaggi, privi di sensibilità e maestri nell’arte di creare sempre problemi a tutte le amministrazioni; ambientalisti solo quando devono contrastare iniziative tendenti a risolvere atavici problemi che attanagliano l’Isola, sostenitori accaniti delle singole contrade, dovrebbero essere subordinati agli interessi generali e preminenti dell’Isola.
Per questi motivi, i maggiorenti rappresentanti, delle società produttive di Panarea, allarmati per quanto sta accadendo in merito alla scelta della zona di stoccaggio , per le indicazioni suggerite da taluni cittadini, e che comunque rappresentano la minoranza della popolazione, fanno presente che la zona antistante al molo di S. Pietro delle tre soluzioni è quella meno adatta per i sotto indicati motivi:
a) Il molo di San Pietro è l’unica zona di attracco di tutte le navi di linea , delle imbarcazioni
a diporto,in detta area durante la stagione turistica, quotidianamente transitano migliaia di vacanzieri.
b)Lungo la zona interessata sono ubicati il 90% di tutte le strutture turistico alberghiere
esistenti a Panarea.
c) L’operatore ecologico locale non avrebbe la possibilità di operare per la considerevole presenze di turisti dimoranti e pendolari, perché gli mancherebbe lo spazio materiale per il transito, di conseguenza non potrebbe conferire i rifiuti nei compattatori.
d)L’eventuale scelta della su indicata zona (molo S. Pietro) risulterebbe essere in contrasto con le scelte della stessa Amministrazione che sta realizzato un progetto finanziato dai Patti Territoriali denominato “Welcome”.
Pertanto, alla luce di quanto sopra avanzato, gli odierni istanti, operatori economici, chiedono e fanno presente alle Autorità in indirizzo,di volere prendere atto della presente petizione di categoria, adottando, con carattere di urgenza provvedimenti consequenziali volti alla risoluzione di detto increscioso problema che certamente se non risolto nel modo giusto ed obiettivo, potrebbe offuscare la credibilità dell’amministrazione comunale e l’immagine dell’isola già da tempo fortemente afflitta da non poche problematiche" .

Panarea: "Pescata" un'anfora

Un'anfora greco-italica è stata “pescata” nel mare di Panarea da Gaetano Zagami di Lipari. Nelle sue reti, infatti, unitamente al pesce è finito anche il reperto archeologico.
Immediatamente il pescatore ha raggiunto Lipari e ha consegnato il reperto al Circomare che, a sua volta, l'ha trasferita al Museo Archeologico. L'anfora sarebbe stata “pescata” in un tratto di mare dove non risultano esserci relitti sottomarini. Per verificare la presenza di relitti o di altri reperti saranno avviate delle ricerche.

Vigili urbani di Lipari:Il giudice da ragione ai ricorrenti

Il comune di Lipari non poteva assegnare mansioni superiori alla propria qualifica agli ispettori capo Giacomo Aldo Marino e Francesco Cataliotti chiamati, a partire dal luglio 2006,con determine dirigenziali, a ricoprire gli incarichi, rispettivamente, di comandante e vice-comandante del corpo di polizia municipale.
Il dott. Gianluca Grasso, della sezione controversie di lavoro del Tribunale di Barcellona, ha accolto il ricorso presentato dall'avvocato Alessia Giorgianni per conto dei vigili urbani(ispettori capo) Francesca De Pasquale, Bartolo Portelli, Francesco Ficarra , Francesco Belfiore, Giuseppe Martella e ha dichiarato illegittimi i provvedimenti impugnati dai ricorrenti e cioè gli atti con cui il dirigente del IV settore del comune di Lipari ha provveduto a conferire gli incarichi a Marino e Cataliotti.
Il giudice del Lavoro ha altresì ritenuto di dover rigettare le altre domande proposte dai ricorrenti e compensare per metà le spese di lite, condannando il comune al pagamento della restante parte di euro 900,00 per diritti ed onorario, oltre alle spese generali.
L'avvocato Giorgianni nel ricorso aveva evidenziato come il conferimento dell'incarico agli ispettori Marino e Cataliotti comportasse un danno per gli altri colleghi in quanto questi ultimi, in caso di procedura concorsuale, si vedrebbero sicuramente penalizzati in fase di valutazione dei titoli. Il legale dei vigili ricorrenti ha anche evidenziato come una norma stabilisca per il caso in questione(vacanza di posto in organico) che “per chiare esigenze di servizio il prestatore di lavoro può essere adibito a mansioni proprie della qualifica immediatamente superiore per non più di sei mesi, prorogabili fino a dodici qualora siano state avviate le procedure per la copertura dei posti vacanti”. L'avvocato Alessia Giorgianni, sottolineando come non sia stato bandito il concorso per la copertura dei posti nei tempi previsti, ha posto anche l'accento sul fatto che nel conferimento dell'incarico di comandante e vice-comandante a Marino e Cataliotti non si è tenuto assolutamente conto di anzianità di servizio e titoli vantati dai ricorrenti.
Dal comune di Lipari fanno sapere, che al di là della sentenza, il concorso è in dirittura d'arrivo.
Nelle foto: Gli ispettori-capo Giacomo Aldo Marino e Francesco Cataliotti e il dirigente del IV settore Domenico Russo

lunedì 25 febbraio 2008

Lipari: Richiesto decreto che disciplina l'afflusso di auto e moto

Limitare lo sbarco indiscriminato nelle isole del comune di Lipari anche nella prossima stagione turistica. La richiesta, avallata da una apposita delibera di giunta municipale, è partita dall'amministrazione presieduta dal sindaco Mariano Bruno all'indirizzo del Ministero dei Trasporti.
In poche parole si è chiesto di reiterare il decreto che disciplina e regola l'afflusso nelle isole dei mezzi a motore nel periodo compreso tra il 1° maggio e il 31 ottobre.
La giunta ha richiesto che lo sbarco venga vietato : dal 1° maggio al 31 ottobre nelle isole di Panarea e Stromboli; dal 1° luglio al 31 ottobre nell’isola di Alicudi; dal 1° luglio al 30 settembre a Filicudi e dal 1° luglio al 30 settembre a Lipari e Vulcano.
Deroghe potranno essere consentite, dove le dimensioni delle strade lo permettono, per i turisti che saranno in grado di dimostrare la permanenza sull'isola per almeno una settimana o per coloro che potranno attestare che la struttura che li ospita abbia nella disponibilità un parcheggio. Via libera per i portatori di handicap e anche per coloro che hanno la residenza nelle isole, o vi paghino le tasse comunali. Per questi ultimi non sarà possibile però fare sbarcare più di un mezzo. I mezzi commerciali e di soccorso dovranno sottostare ad altri vincoli. I primi ad esempio, nelle isole più piccole, dovranno sostare nelle aree portuali il tempo minimo indispensabile per effettuare le operazioni di carico e carico scarico. “Puntelli” quelli richiesti dalla giunta Bruno sicuramente necessari per rendere meno caotica la circolazione e rendere più tranquilla la vacanza di coloro che scelgono le isole ma che necessitano di costanti e assidui controlli in modo da evitare come accaduto anche lo scorso anno lo sbarco indiscriminato di mezzi a due e quattro ruote.

Lipari: Stamattina consiglio comunale

Si è riunito stamattina il consiglio comunale di Lipari sotto la guida del vice-presidente Francesco Megna. In apertura i consiglieri comunali di maggioranza hanno approvato un debito fuori bilancio di circa 1.600 euro relativo alla pulizia dell'area del megaparcheggio nei giorni di mercato. In tale occasione i consiglieri comunali di minoranza presenti hanno deciso di abbandonare momentaneamente l'aula. Si è poi passati ad affrontare la “questione idrica” In assenza di una proposta di deliberazione, avallata dai pareri dei dirigenti competenti, il consiglio comunale, ha approvato all'unanimità un ordine del giorno con il quale si dà mandato all'amministrazione comunale di presentare proposte e atti alla competente commissione idrico/fognaria. In particolare, in previsione dell'aggiornamento del regolamento idrico, si dovrà affrontare il minimo tariffario con la presentazione, entro dieci giorni, del piano finanziario. E' stata anche chiesta la costituzione di un tavolo di confronto tra la commissione consiliare competente, i rappresentanti della So.ge.sid.(la società a cui l'ex commissario Mariano Bruno si è appoggiato per il ciclo dell'acqua) e il commissario per l'emergenza idrica(il Prefetto) o un suo delegato.

Carabinieri: Quattro arresti a Lipari e patenti ritirate











Quattro cittadini extracomunitari che non avevano ottemperato al decreto di espulsione sono stati tratti in arresto a Lipari. Gli arresti sono stati effettuati dai carabinieri di Lipari, in collaborazione con i colleghi arrivati da Milazzo e facenti parte della compagnia della città del Capo, durante un servizio di controllo coordinato del territorio e finalizzato alla prevenzione e alla repressione di reati.
Gli arrestati sono l'iracheno Jimmi Navarro(1986) e i tunisini Lazhar Ben M'Hamed Saafi (1983) , Nasri Walid (1981), Mohamed Ali Omranne(1977). Saranno processati domani mattino con rito direttissimo al tribunale di Lipari.
Inoltre a Milazzo sono stati segnalati all'Ufficio territoriale del Governo tre giovani per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale. Si tratta di A.F. (1983 di Milazzo), M.A. (1973 di Barcellona P.G) e M. T. (1981 Barcellona P.G.). Sono state effettuate anche numerose perquisizioni con l'ausilio delle unità cinofile giunte da Catania e Palermo. Circa 200 le persone controllate, 100 i veicoli e 20 esercizi pubblici. Oltre una quindicina le patenti ritirate per guida in stato d'ebbrezza. Una decina, come da noi anticipato ieri, solo a Lipari.

domenica 24 febbraio 2008

Lipari: Grave incidente stradale nella notte

Un grave incidente stradale, che ha visto coinvolte due ragazze di Lipari, ha rischiato di far diventare drammatica la notte fra sabato e domenica. Per cause in corso di accertamento la vespetta condotta da C. T., 18 anni, è andata a sbattere contro la delimitazione laterale di un ponticello in località Mendolita(nella foto).
M. F., anch'egli diciottenne, che si trovava sullo stesso mezzo, è stata disarcionata. Dopo un volo di alcuni metri la giovane è finita sulla strada sottostante riportando ferite-lacero contuse al capo e al volto, trauma cranico e sospette lesioni al fegato, escoriazioni varie. Dopo i primi interventi effettuati all'ospedale di Lipari è stata trasferita con l'elicottero del 118 all'ospedale Piemonte di Messina dove i sanitari l'hanno sottoposta ad intervento chirurgico al fegato. Le sue condizioni sono definite stazionarie e, al momento, viene mantenuta in coma farmacologico.
Decisamente più fortunata l'altra diciottenne C. T. tutt'ora ricoverata all'ospedale di Lipari ma che non ha riportato ferite e traumi gravi.

Brevi da Lipari

Riunione stamattina a Pianoconte. Presente una folta rappresentanza di cittadini. Si è parlato del piano di gestione del sito Unesco delle Eolie, predisposto dall'equipe del professor Aurelio Angelini. Non sono mancate le critiche al piano.


La polizia municipale di Lipari ha posto sottosequestro un’area di circa cento metri quadri dove si stava effettuando uno sbancamento non autorizzato. Il comandante Giacomo Marino e il vice Franco Cataliotti hanno denunciato il proprietario P.A., di Lipari alla procura della Repubblica di Barcellona. L’area è stata sequestrata.

Lipari: Controlli a tappeto dei carabinieri

Controlli a tappeto durante la notte a Lipari da parte dei locali carabinieri in collaborazione con i militari della compagnia di Milazzo. Posti di blocco ovunque, controlli sul tasso alcolemico effettuati con l'etilometro (è la prima volta che succede a Lipari), una decina di patenti ritirate.
Contestualmente è stata effettuata dalla compagnia di Milazzo una operazione che interessa tutta l'area territoriale di sua competenza.
Nelle prossime ore si dovrebbero avere maggiori particolari.

La Bit di Milano vista da un amico delle Eolie

Riceviamo e pubblichiamo:
"Mi chiamo Salvatore d'Amico e trascorro parecchio tempo a Salina, leggo spesso le sue news, le scrivo perche sono stato in fiera alla BIT ed ho notato che le isole sono ben presenti con gli stand Isole Eolie di Aldo Di Nora, Federalberghi e Air Panarea. Anche nello stand del Parco dei Nebrodi c'erano documenti delle Isole Eolie, ma la sorpresa più grande è stata nel riconoscere parecchi persone di Salina e di Stromboli nella grande foto con i volti "noi siciliani siamo tutti antipatici" di Leonardo Sciascia".