Cerca nel blog

sabato 12 febbraio 2022

Lipari: Nascerà un nuovo distributore di carburanti. Lo ha deliberato un commissario ad acta

Gaetano Basile
Un nuovo distributore di carburanti sarà realizzato a Lipari, per la precisione a Pianoconte, in viariante al Piano regolatore generale.
Lo ha deliberato, lo scorso dieci febbraio, il commissario ad acta Alfredo Scaffidi Abbate, nominato dal dirigente generale dell'Assessorato regionale del Territorio e dell'Ambiente - Dipartimento Urbanistica - per l'esecuzione della sentenza con la quale il Tar di Catania ha accolto il ricorso della società Elios Petroli contro il Comune di Lipari.
La Elios Petroli è amministrata dal dottor Gaetano Basile, presidente onorario, tra l’altro, dell'Inter Club di Lipari


Finalmente ecco i "rinforzi" per l'ospedale di Lipari. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 12 febbraio 2022


 

Dal nostro archivio. Processione di San Bartolo del 13.2.17. - Domani proporremo la Processione del 13.2.20 l'ultima, prima della pandemia

Operato Comitato "L'ospedale di Lipari non si tocca" soltanto critico?. Pronta la risposta all'affermazione di Alagna

Nota indirizzata al commissario dell'ASP Messina, Bernardo Alagna:

Abbiamo preso atto degli impegni da Lei espressi  circa i provvedimenti che intende portare avanti per il benessere degli  Eoliani, volti a garantire, in emergenza, a questa popolazione,  il miglioramento dei servizi del territorio, il progetto dell'ospedale di comunità, la Sub-Intensiva, la cura e l'assistenza ai pazienti oncologici, l'impegno  ad assumere tramite concorso o altre soluzioni come incarichi a Medici pensionati, per coprire le professionalità carenti.

Questo Comitato interviene però su una Sua dichiarazione sul nostro operato, che Viene giudicato soltanto "critico" e non  propositivo.

In tutti i nostri interventi, scritti e non, oltre che rappresentare tutta l'amarezza e la frusta zione dei  diritti negati, abbiamo richiesto azioni urgenti  affinché venissero ripristinate nelle Isole Eolie, le condizioni di sicurezza e assistenza pubblica.

Nel ribadire che vogliamo tornare a nascere e curarci a Lipari, abbiamo sempre chiesto che ci venga restituito un Ospedale degno di  tale nome, in cui siano garantiti i LEA e che soltanto le emergenze, e non le urgenze, siano curate fuori dal nostro territorio.

Abbiamo chiesto che si trovi un giusto equilibrio tra strutture ospedaliere centralizzate e strutture ospedaliere decentrate, ciò per tutelare le persone che vivono in zone disagiate.

 

Abbiamo chiesto sempre, a tutti i soggetti in causa, che venga approvata la legge speciale per le piccole isole e i territori disagiati, in discussione da ormai quattro anni.

Abbiamo chiesto di lavorare in sinergia per arrivare a soluzioni rapide che pongano fine ai gravi disagi della Comunità Eoliana.

 

Abbiamo chiesto l'incremento dei Cardiologi, la reperibilità degli stessi soprattutto nei fine settimana e nei giorni festivi, il potenziamento degli ortopedici, il ripristino dell'attività di Camera Iperbarica e la sostituzione di tutti i professionisti che sono stati trasferiti , che sono andati in pensione o altro.

Abbiamo chiesto l’invio di macchinari (relativamente semplici e poco costosi) che permettano ai malati eoliani di curarsi in loco, senza la necessità di continui e sfiancanti viaggi in terra ferma: un’accorata lettera di richiesta per un agitatore-incubatore piastrinico  inviata mesi fa (firmata anche da medici del nostro ospedale) che non ha mai ricevuto risposta.

Non si può programmare l'emergenza, perché in quanto tale, è imprevedibile, ed a questo proposito è bene che ci sia il servizio dell’elisoccorso, nonostante stiamo ancora aspettando l’elicottero in loco come promesso dall’Assessore Ruggero Razza.

Si può invece chiedere, come abbiamo fatto, un’assistenza ospedaliera e territoriale di base che garantisca la cura e la prevenzione.

La Sanità pubblica della Sicilia tutta è ridotta al collasso, senza personale, costretta  a  proporre l'assunzione di giovani specializzandi o medici pensionati.

 

Quanto sopra esposto è ciò che compete a questo Comitato, cioè la segnalazione di disservizi e problemi che dal punto di vista sanitario affliggono oramai da tempo la nostra comunità. Non è dunque compito nostro suggerire soluzioni, ruolo al quale invece è Lei richiamato, nella qualità di commissario straordinario dell’azienda

Occorre una grande sinergia per promuovere un cambiamento forte e che ristabilisca l'equità di trattamento dell'essere umano, specialmente in questi territori in quanto fragili.

Queste sono state "sempre" le nostre proposte, e saremmo felici di incontrarla quanto prima per discuterne più diffusamente , soprattutto in vista delle imminenti  scadenze relative al PNRR.

 Cordiali saluti.

Il Comitato spontaneo di cittadini, “L’OSPEDALE DI LIPARI NON SI TOCCA”.

Silvia Carbone, Marilena Mirabito, Angelo Natoli, Antonella Longo, Diana Bonofiglio, Francesca Giardina, Laura Zaia, Maria Giulia Romagnolo, Paolo Arena, Francesca Rando

Il Comune di Lipari verso le elezioni. FuturEolie: "Il candidato che vorremmo"

di Daniela Giuffrè (Presidente associazione FuturEolie)

Fa un po’ strano pensare che fra soli tre mesi ci saranno le elezioni comunali a Lipari (e a Salina) e che, a così breve distanza dalla corsa elettorale i punti fermi sono davvero pochi. Addirittura, a Lipari non è ancora chiaro quanti candidati a Sindaco ci siano, né tantomeno sono chiari e definitivi i loro nomi. Segno evidente che i giochi fra partiti non sono ancora finiti, che le squadre e le liste degli aspiranti consiglieri e assessori non sono ancora pronte. In una situazione di tale confusione pensare di poter vedere dei Programmi è a dir poco pura utopia. E invece è proprio qui che si giocherà la partita.

I tempi dei giochetti, delle velate minacce, pressioni, degli scambi di favori sono finiti, almeno ce lo auguriamo tutti, essendo questi gli strumenti della prima repubblica di cui non vorremo mai più sentir parlare.

Negli ultimi anni, lo sviluppo della rete e il grande successo dei social media hanno cambiato gli equilibri. La diffusione di notizie è diventata più rapida, i confronti sulle varie pagine social sono diventati più serrati, almeno tra i cittadini, più raramente tra amministratori e cittadinanza. Anzi, la comunicazione fra amministratori comunali e cittadinanza è stata molto carente in passato.

Questa carenza ha generato false notizie, distorsioni della realtà, fraintendimenti fra la classe politica e i cittadini. Una migliore comunicazione non avrebbe certo guastato. È stato evidente a tutti, ad esempio, quanto spazio si sia dato alle comunicazioni sui contagiati covid e quanto poco, o niente, ci sia stato in tema di vera informazione e gestione della pandemia, a partire dai numeri telefonici inesistenti o ai quali non rispondeva nessuno. Per il futuro auspichiamo una migliore comunicazione e un maggiore coinvolgimento dei cittadini nella gestione della cosa pubblica, specialmente di quelle associazioni di cittadini, come FuturEolie, ma ce ne sono molte altre, che, gratuitamente, offrono il loro tempo per il bene della comunità.

Sia chiaro e ribadisco che FuturEolie è un’associazione senza colore politico e nella competizione elettorale non si schiererà con o contro nessuno. I suoi membri lavoreranno lealmente con chi uscirà vincitore dalla competizione elettorale. Tuttavia, qualche riflessione vorremmo farla. Vorrei soprattutto attirare l’attenzione sulla necessità di poter visionare i programmi di ciascun candidato Sindaco. Non ci sono ancora PROGRAMMI ufficiali! Forse, per la prima volta, vorremmo votare NON una persona, NON per favore, NON perché conosco quel candidato da anni (a Lipari ci si conosce tutti, poi). Questa volta non vogliamo dare deleghe in bianco a nessuno, né ad una lista, né tantomeno a un candidato sindaco, basandoci solo sulla loro buona fede e sulle promesse. Vogliamo soprattutto votare un programma scritto e sottoscritto, un’idea di sviluppo, capire la visione strategica che sta dietro a quel programma e che il candidato si impegnerà a realizzare.

A questo punto il nome del candidato diminuisce di importanza ma l’azione che intende perseguire sarà invece fondamentale per decidere chi votare e per valutare l’operato del sindaco a fine mandato, specie se ne vorrà fare un altro. E questo è un appello che rivolgo ai miei concittadini. Se davvero volete bene alle nostre isole, votate solo per chi ha messo nero su bianco cosa ha intenzione di fare se diventerà sindaco o consigliere e se condividete le sue intenzioni. Un altro punto importante riguarda la persona dei candidati.

Vogliamo votare candidati capaci, onesti, di buona volontà e che siano in grado di mantenere quell’imparzialità che rende efficiente il potere amministrativo e che è perfettamente in linea con la nostra Costituzione. Essa vede nell’ “imparzialità”, appunto, uno dei principi fondamentali dell’azione amministrativa. Vorremmo vedere assessori scelti liberamente dal Sindaco in base alle loro capacità e specializzazioni e non sulla base dei negoziati elettorali stile vecchia politica (esempio classico: io ti porto tot voti – come se i nostri voti fossero cannoli – e tu mi devi dare uno o due posti in Giunta). Non ci sta più bene! Vogliamo assessori che conoscono bene il settore che tratteranno e che il sindaco sceglierà, ribadiamo, in base al loro curriculum vitae, capacità ed esperienza, non sulla base di altro, non perché è un bravo ragazzo o una brava ragazza.

Per carità, le qualità umane sono importanti ma da sole non bastano a tirarci fuori dal sottosviluppo in cui siamo finiti. Giorni fa, ripensando al passato, ho dovuto purtroppo constatare che, non soltanto lo sviluppo si è fermato a vent’anni o trent’anni fa ma, addirittura, mi vien da dire che quarant’anni fa stavamo meglio!
Siamo tornati indietro. Molti di voi ricorderanno le isole negli anni Settanta e Ottanta. Non credete che fossimo molto più avanti allora?

E che dire del Sindaco ideale che tutti vorremmo?
Ce lo immaginiamo come una persona onesta e capace, un vero leader che sa motivare e incentivare i propri collaboratori, i dipendenti amministrativi e le formazioni della società civile. Una persona empatica, che sa ascoltare i bisogni della gente e che sa creare rete e lavoro di squadra. Un leader moderno insomma.
Ci aspettiamo una persona che sia capace di aiutare chi ha bisogno ma anche una persona capace di riportare legalità sul territorio, far pulizia dove serve, applicare le regole, se questo è interesse della comunità, senza guardare in faccia a nessuno. L’interesse della comunità deve prevalere sugli interessi dei singoli. Solo così un Sindaco sarà meritevole di rispetto.

E infine – e finisco – il candidato ideale (sia esso sindaco o consigliere) è quello che sente la posizione per cui corre elettoralmente come una “Missione” a cui dedicherà la maggior parte del suo tempo ed energie. Non si può occupare una posizione di responsabilità in modalità part-time, ma serve una dedizione totale al servizio del territorio e degli interessi dei suoi cittadini.

I ringraziamenti delle famiglie Casamento e Matarazzo

Accadde alle Eolie. Dodici febbraio 2017: Si insedia a Lipari Mons. Giovanni Accolla (2 foto)

San Bartolomeo: La festa e la ricorrenza del 13 febbraio 264 (di Michele Giacomantonio)

La tradizione vuole che il corpo di San Bartolomeo arrivò a Lipari in una cassa di pietra, o di marmo, o di piombo il 13 febbraio del 264 d.C. che si accostò alla spiaggia di Portinente dove il vescovo Sant’Agatone andò in processione ad accoglierlo.
Forse la testimonianza più antica che parla  dell’arrivo e della presenza a Lipari del corpo di San Bartolomeo è quella di San Gregorio di Tours, vescovo e storico, il quale tra il 572 e il 590 scrive:
“La storia del martirio di Bartolomeo narra che egli patì in India [ secondo altre versioni: in Asia]. Dopo lo spazio di molti anni dal suo martirio, essendo sopraggiunta una nuova persecuzione contro i Cristiani, e vedendo i pagani che tutto il popolo accorreva al suo sepolcro e a lui rivolgeva preghiere e offriva incensi, presi da odio , sottrassero il suo corpo e, e ponendolo in un sarcofago di piombo, tenuto a galla dalle acque che lo sostenevano, da quel luogo fu traslato ad un’isola che si chiama Lipari, e ne fu data notizia ai Cristiani perché lo raccogliessero: e raccoltolo e sepoltolo, su di questo edificarono una grande chiesa (templum magnum). In questa chiesa è ora invocato e manifesta di giovare a molte genti con le sue virtù e le sue grazie”[1].
La data fa parte anch’essa di una antica tradizione sebbene il primo documento a noi noto, che riporta gli estremi del giorno e del mese, sia – osserva Giuseppe Iacolino[2]– del 1617 e si tratterebbe di un atto notarile di mons. Alfonso Vidal (1599-1617) del 9 giugno di quell’anno mentre l’abate don Rocco Pirri, autore dell’opera “Sicilia Sacra” che fu a Lipari fra il 1627 e il 1644, scrive: “La divina bontà spinse le spoglie di Bartolomeo all’isola di Lipari, e precisamente in un luogo distante dalla città, dove è ancora visibile, sott’acqua, il sarcofago. Così mi raccontano i Liparesi i quali ciò avevano appreso da una tradizione giunta sino ai nostri tempi”[3]. Infine la più antica fonte letteraria che espressamente menziona la baia di Pertinenti è Pietro Campis nel suo “Disegno storico”  che è del 1694[4]. Il Can. Carlo Rodriquez che nel 1841 scrive un  saggio dal titolo “Breve cenno storico sulla Chiesa Liparese”[5] riferisce che  “ Pure dà greci manoscritti conservati nel Monastero di Grotta Ferrata, ed in latino idioma tradotti per le istanze del Can. Agatino di Castiglione tenuti nella Chiesa di Lentini, si rileva che nell’anno 264 era la Chiesa di Lipari governata da santo Vescovo per nome Agatone. Si dice, che in quell’epoca fosse approdato ai nostri lidi il corpo di  S. Bartolomeo Apostolo a 13 febbraio com’è contestato dall’Ugelli, da S. Teodoro Studita, da S. Gregorio vescovo di Tours e dal Pirri ricordato…”.
Il Vescovo Agatone I è una figura storica?
Stando a queste pie tradizioni e comunque alla leggenda dell’arrivo di San Bartolomeo a Lipari che si sarebbe sedimentata nel corso dei secoli, il 13 febbraio del 264 d.C.  la Chiesa di Lipari era già costituita almeno da qualche tempo ed aveva un suo Vescovo Santo Agatone che la tradizione vuole fosse il primo vescovo di Lipari. Lo stesso Rodriquez riconosce che “ Nulla di reale si conosce dello primo Vescovo di questa Chiesa, si bene della sua morte successa l’anno 313 secondo il Maurolico nella sua Storia della Sicilia, essendo egli in età di 90 anni a dir di Pietro Campi. Non abbiamo altre notizie  di Vescovi che questa diocesi governarono dopo S. Agatone, né dalla Storia di Sicilia Sacra si rileva cosa alcuna, che anzi essa ci mostra il vuoto di anni 217 fino a che venne a reggerla Augusto nel 501”.
Si può pensare che anche a Lipari già fin dei primi decenni della nuova era si sentiva parlare della nuova religione magari in modo confuso e mischiato con elementi delle cosiddette “religioni della salvezza” che adoravano Demetra e Dionisio.
Ma la storia è fatta di documenti certi e Bernabò Brea[6] sulla base dei documenti può scrivere che  “Lipari è stata assai per tempo sede vescovile. E’ del tutto inconsistente, dal punto di vista storico, un primo vescovo, Sant’Agatone, che risalirebbe al III secolo, al tempo cioè della persecuzione di Valeriano. La sua figura è probabilmente immaginaria. Il nome sarebbe stato preso da quello del vescovo, assai più tardo, ricordato da San Gregorio Magno, l’unico dei primi vescovi di Lipari il cui nome fosse ricordato da fonti letterarie. Sant’Agatone compare infatti solo in fonti tarde e criticamente inattendibili e cioè nel complesso di leggende composte fra il VII ed il IX secolo, che fiorirono intorno ai santi martiri di Lentini Alfio, Cirino e Filadelfio. Il primo vescovo di cui si abbia notizia certa è Augusto che partecipa a due concili tenuti a Roma al tempo del Papa Simmaco: il primo nell’ottobre  501, per giudicare la contesa fra Papa Simmaco e l’antipapa Lorenzo; il secondo, del Novembre 502, convocato da Simmaco a proposito di una legge di Odoacre, che si era arrogato diritti sull’elezione del Papa e sull’amministrazione di beni ecclesiastici. Il  Duchesne[7]  osserva peraltro che il vescovado di Lipari deve essere assai più antico di questa prima data in cui è documentato. Ritiene infatti poco verosimile che nei tempi tristi e torbidi del V secolo si siano fondati vescovati in queste regioni d’Italia e ritiene, come quasi dimostrato, che ogni vescovato constatato prima della guerra gotica, vuol dire prima del 525, deve risalire almeno al IV secolo più o meno inoltrato”.
Se uno studioso del prestigio di Bernabò Brea solleva forti dubbi sulla storicità del primo Agatone vescovo ma sembra accogliere la tesi del Duchesne che in qualche modo riporta la data delle diocesi di Lipari agli inizi del 300  ci pare doveroso chiederci: ma allora a quando risale l’avvento del Cristianesimo a Lipari e la costituzione di una Chiesa Liparense? Ed proprio vero che il S. Agatone dato come primo vescovo di Lipari sia una figura leggendaria confusa con l’Agatone di cui parla S. Gregorio Magno alla fine del VI secolo?
Per sapere che la Chiesa esiste a Lipari ben prima del 501 abbiamo testimonianze epigrafiche cristiane in lingua greca. E’ della seconda metà del V secolo una scritta marmorea epigrafe per la morte di una giovane ventenne chiamata Proba  dove si parla dell’esistenza della “Santa e Cattolica Chiesa dei Liparéi”. Un’altra epigrafe riguarda un fedele morto nel 470. La lapide è oggi al Museo di Lipari  e proviene dall’area di Sopra la Terra o Maddalena. Una terza epigrafe è quella di Asella che risale al 394 che rivela moduli culturali e di costume così squisitamente cristiani da far pensare che quando essa fu scritta il cristianesimo fosse presente a Lipari da almeno un secolo. Ed a questo punto che ci chiediamo se sia del tutto inconsistente la figura di Agatone I. Proprio il Duchense,nel passo citato da Bernabò Brea, continua : “Potremmo giungere sino alla metà del sec. III se fosse prudente fidarsi della leggenda bizantina di Leontini”[8]. E proprio su questa leggenda dobbiamo puntare la nostra attenzione.
La leggenda di Lentini
Questa leggenda di Lentini si chiama “Passio de Sanctis Matyribus Alphio, Philadelphio, Cirino Leontinis in Sicilia”[9]e parla del supplizio di tre martiri fra il 254 e il 259 al tempo delle persecuzioni dell’imperatore Valeriano, scritta dal monaco siculo-greco Basilio nel 964. A parte il fatto che narra di fatti accaduti ben sette secoli prima, presenta numerosi problemi di critica legati alla scarsa attendibilità di ciò che vi è narrato e descritto: pletorica la massa dei personaggi, troppi i misteriosi interventi dall’alto e le guarigione miracolose, frequenti le fantasiose apparizioni di santi amplificate sino all’inverosimile. riesce a convincere
Comunque il riferimento al vescovo Agatone collocato nella fase delle persecuzioni di Diomede è preciso: “C’era nell’isola dei Liparitani un Vescovo che si chiamava Agatone, uomo pio, timorato di Dio e abbastanza erudito nelle Sacre Scritture. Ora siccome con violenza grandissima e con enorme ferocia l’empio Diomede perseguitava  colà i cristiani e ne uccideva molti, costui cercò anche del Vescovo Agatone per dargli la morte. Però Iddio il quale conosce ogni cosa prima che avvenga, dispose anche questo fatto straordinario : il beato Agatone, vedendo quel che avveniva in quest’isola e nelle altre isole vicine dove i ministri del demonio uccisero tutti i Cristiani, consultatosi con i principali cittadini, abbandonò il suo paese e con tre serventi s’imbarcò su un vascello e navigò verso la Sicilia…”.
Agatone sbarca ai piedi del monte Téreo e trova rifugio  in una spelonca sulle pendici del monte e qui incontra Alessandro, braccio destro del prefetto Tertillo, che era caduto in sospetto al tiranno perché aveva cercato di salvare dalla morte Alfio, Filadelfio e Cirino e deve fuggire. Agatone istruisce Alessandro nella cose della fede e lo battezza imponendogli il nuovo nome di Neofito. Più tardi gli conferisce il presbiterato e lo propone vescovo di Lentini. Il tiranno Tertillo muore trucidato personalmente dai tre fratelli martiri S. Alfio, S. Filadelfio e S. Cirino discesi dal cielo. Così la Chiesa ritrova la sua  libertà e a Lentini la popolazione si converte per opera di Agatone e procede nel suo cammino di fede sotto la guida sapiente del giovane vescovo Neofito.
“Dopo alcuni giorni i primi cittadini di Lipari e altri del Clero, avendo per divina rivelazione saputo che il beato Agatone era in Mesopoli di Lentini, presi da grande nostalgia, vennero alla casa di Tecla, e a lui dicono che la persecuzione contro i Cristiani è cessata e che essi ormai vivono tranquilli”.
Al di là della prolissità del racconto e le iperboliche digressioni del narratore, secondo lo storico benedettino Domenico Gaspare Lancia di Brolo, vissuto nel XIX secolo “ l’autore di questi atti non abbia fatto altro se non stendere, nei medesimi luoghi dove avvennero i fatti narrati, le tradizioni che, poche scritte e molte orali, correvano su questi santi nella stessa Lentini, però, allargandole e infiorandole con discorsi e dettagli che, sebbene esagerati, non dovevano essere privi di fondamento: perciò ritengo questi atti, con tutti i loro difetti, essere tanto più preziosi per la nostra storia quanto ogni altra memoria di quell’epoca è perita”.
E qual è la verità di fondo che si può ricavare da questa leggenda?:  1. Che esiste un vescovo che è fuggito per paura di fronte ad una persecuzione di cui esistono riscontri storici, come riscontri storici esistono della successiva pacificazione ai tempi dell’imperatore Gallieno il quale ai cristiani restituì beni patrimoniali e libertà di culto.  2. Se uno degli scopi di Basilio era quello di rievocare la genesi della Chiesa  Leontinese perché, con la sua fervida fantasia, non fece risalire quella Chiesa a quella di Siracusa che, rispetto alla periferica Chiesa di Lipari, vantava più nobili memorie e più solide tradizioni? Evidentemente – osserva il prof. Giuseppe Iacolino – il ruolo che nella primitiva comunità di Lentini esercitò il vescovo di Lipari – fuggiasco per giunta – doveva avere radici così profondamente storiche da non potere sottacersi o subire alterazioni di sorta.
La storicità di Agatone e la data del 13 febbraio 264
Ed è sulla base di queste considerazioni e di quelle di Duchesne  che si può affermare che le Chiese diocesane sicule nel 251 - quando i diaconi romani inviano loro una lettera - dovevano essere almeno sei e forse otto, cioè quelle medesime che agli studiosi moderni risultano, sulla base di sicuri elementi di prova, attestate tra il IV e le soglie del VI secolo e cioè le Chiese  di Siracusa ( a. 314), di Lilibeo ( a. 417), di Palermo (a. 442), di Taormina ( a. 447), di Catania (a. 447), di Lipari ( a. 501), di Messina ( a. 501).
Oltre a questa osservazione sta il fatto che S.Gregorio di Tours afferma con sicurezza, prima del 590, che il corpo di San Bartolomeo era giunto a Lipari. E ne parla come di un evento già antico. Ancora, siccome le altre tradizioni – San Teodoro Studita e San Giuseppe l’Innografo - tutte collegano questo evento con Agatone certamente non può trattarsi dell’altro Agatone che fu vescovo proprio negli anni in cui scriveva San Gregorio.
Ammesso – a questo punto dell’indagine - che  San Bartolomeo sia giunto a Lipari quando vescovo era Agatone e ammesso che Agatone I potrebbe anche essere una figura storica che governò la Chiesa di Lipari dal 251 al 313 ci sarebbe da chiedersi come mai è rimasta nella memoria una data così precisa : non solo l’anno ma anche il mese e il giorno.
Per quanto riguarda l’anno, se riconosciamo il collegamento con Agatone I qualsiasi anno diventa plausibile se compreso fra il 251 ed il 313. Se poi consideriamo che in tempi assai vicini al 260 in alcuni territori dell’oriente ferveva un clima di livore antiromano ed anticristiano mentre in occidente l’imperatore Gallieno (260-268) istaurava un’era di pacificazione religiosa, la data del 264 potrebbe essere probabile.  Quanto al mese e al giorno Iacolino[10] avanza una tesi. Nell’Italia romana  era diffusissimo il “culto dei padri” che ordinariamente venivano onorati nelle feste “parentalia”. Le parentalia si celebravano dal 13 al 21 febbraio mentre a partire dal secolo IV, in onore del Genius del popolo romano (genius loci) si tenevano giochi per  due giornate consecutive, l’11 e 12 febbraio. Si potrebbe ritenere che a Lipari fosse praticata almeno una delle sue celebrazioni, forse quella del Genius loci ( l’11 e 12 febbraio) e che, conclusasi tale festività pagana, i fedeli dell’isola facessero commemorazione del loro Genius loci, di stampo cristiano, che era impersonato dall’Apostolo San Bartolomeo. Non ci volle molto, in seguito, a motivare l’adozione di codesto giorno facendolo “derivare” dal presunto giorno dell’arrivo del Sacro corpo a Lipari.
Più facile è invece immaginare come avvenne il viaggio descritto dalla leggenda in un periodo in cui si era sviluppata nella cristianità un’ansia per il recupero delle “memorie” storiche della loro religione. E questo anche perché circolavano notizie e racconti sulla profanazione delle tombe dei martiri. Così non solo i corpi dei santi erano ardentemente ricercati affinchè agevolassero la finale salvezza dei devoti, bensì si tendeva anche a recuperare frammenti di ossa, oggetti, stoffe e vestimenti che con quei corpi erano venuti a contatto, perché a tutte codeste “cose” si diceva erano state trasmesse le virtù carismatiche e taumaturgiche dei rispettivi santi.
Si può supporre – osserva sempre Iacolino[11] - che non lontano dall’arcipelago, nell’ambito del basso Tirreno, nel III secolo che potrebbe essere anche il 264, ad una nave liparea, con equipaggio cristiano, venne fatto d’accostare una nave forestiera. Era un accadimento consueto che al largo si facessero di questi incontri e ne conseguisse di combinare un baratto di mercanzie. E con somma loro sorpresa i marinai nostri appresero della “disponibilità” di un “carico” di corpi santi che, con ogni probabilità, erano perfettamente mummificati e composti in rozze arche di legno oppure  – cosa che ci pare più verosimile – doveva trattarsi di resti ossei, numerosi e d’una certa consistenza, crani compresi, opportunamente sistemati, tra sete e porpore, in grandi teche a loro volta impreziosite da ornamentazioni metalliche.
Forse erano resti di oscura provenienza, ma si giurava dall’altra parte, essere stati pietosamente recuperati o trafugati sui lidi d’Oriente; martiri antichi, dicevano, e martiri recenti; vittime delle persecuzioni antiche e remote ma anche di quelle prossime. E’ da ritenere che l’equipaggio lipareo, una volta espressa la sua opzione per il corpo dell’Apostolo, abbia scortato l’imbarcazione forestiera sino alla propria isola e qui, nella rada di Pertinente, in tutta riservatezza, abbia avuto luogo lo sbarco e la consegna del prezioso carico. Dopo di che gli stranieri andarono per la loro strada forse verso altri lidi per consegnare altre reliquie. ( da www.archiviostoricoeoliano.it )

[1] Gregorius Turonensis, Liber de gloria Martyrum, PL, LXXI, col.734.
[2] G. Iacolino, Le isole Eolie nel risveglio delle memorie sopite ( Il primo millennio), Lipari, 1996, pag. 97 e ss.
[3] G. Iacolino, op.cit. pag.103. R. Pirri, Sicilia Sacra, tomo II, p.660.
[4] P. Campis,Disegno Historico della nobile e fedelissima Città di Lipari. 1694. A cura di Giuseppe Iacolino, Messina, 1991, pag. 161 “…e proprio dove si chiama Porto di Genti, et oggi corrottamente Portoniente”
[5] Can. Carlo Rodriquez, Breve cenno storico sulla Chiesa Liparese, Palermo, estratto dal Giornale letterario, n. 225 e 226, 1841, pag. 5 e 6.
[6] L. Bernabò Brea, Le Isole Eolie dal tardo antico ai Normanni, Ravenna, 1988, pag. 14-15.
[7] Mons. L. Duchesne( 1843- 1922  archeologo e storico della Chiesa.
[8] G. Iacolino, Le isole Eolie…, op.cit. pag. 72. Questa importante dichiarazione del Duchesne è contenuta in una lettera scritta nel 1912 al prof. Carlo Alberto Garufi che ne parla nel suo saggio “Le Isole Eolie a proposito del ‘Constitutum’ dell’Abate Ambrogio”, in “Archivio storico per la Sicilia orientale”, anno IX – 1912, pag. 159.
[9]  Un ampio estratto di questa leggenda è in G.Iacolino, Le isole Eolie…, op.cit. pagg 72-85.
[10] G.Iacolino, Le isole Eolienel risveglio delle memorie sopìte. Il primo millennio cristiano  pag. 116.117.
[11] G.Iacolino, op.cit. ,pag. 112-113.

Calcio . Prima categoria: Domani al Monteleone, Lipari - Monforte

Auguri a...


Buon Compleanno a Anna Romagnoli, Bartolo Bonfante, Pina Paino, Ferdinando Gallo, Alessia Marraro, Lorenzo Boni, Adriana Soraci, Danilo Manenti, Licio Iacono, Maria Favaloro, Maya Martello, Valentina Di Giorgio, Lorenzo Cortese

Il "Pensiero del giorno" con Don Bernardino Giordano: Tornare indietro per prendere la rincorsa

Oggi è il 12 febbraio. Buongiorno mondo

La spiaggia di Canneto (Lipari)

venerdì 11 febbraio 2022

Covid: la Sicilia tornerà in zona gialla da lunedì

La Sicilia tornerà in zona gialla da lunedì. 
Lo ha comunicato pochi minuti fa il ministro per la Salute, Roberto Speranza, all'assessore regionale alla salute Ruggero Razza. Si torna quindi al livello minimo di restrizioni dopo quasi un mese in arancione, anche se le differenze (soprattutto per i vaccinati) sono pochissime e riguardano per lo più i ristoranti e i trasporti.
Il governatore siciliano Nello Musumeci si è detto molto soddisfatto del passo avanti compiuto dalla Sicilia grazie agli sforzi di chi ha rispettato i divieti e si è vaccinato.

Sancita la liquidazione. Tramonta "Lipari porto". L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud dell'11 febbraio 2022

I ringraziamenti della famiglia Lachina

Promozione sviluppo turismo accessibile e inclusivo per persone con disabilità: 1,6 mln dalla Regione

Promuovere lo sviluppo del turismo accessibile e inclusivo per le persone con disabilità. Il governo Musumeci fa un altro passo avanti nell’affermazione dei diritti di chi vive le difficoltà connesse a una condizione di disabilità, avviando una selezione di proposte concrete da parte di enti pubblici ed enti del terzo settore per favorire la presenza di turisti con disabilità e dei loro familiari, la realizzazione di infrastrutture e l’organizzazione di servizi accessibili, anche attraverso tirocini lavorativi per persone con disabilità. 

L’assessorato regionale della Famiglia e delle Politiche sociali ha pubblicato sul sito del dipartimento un avviso di manifestazione di interesse, a valere sui fondi dell’avviso pubblico nazionale per il finanziamento di progetti per il turismo accessibile e inclusivo per le persone con disabilità. Le risorse complessive disponibili, condizionate all’approvazione ministeriale del progetto che verrà presentato dalla Regione, ammontano a 1,6 milioni di euro. «Il progetto della Regione Siciliana sarà articolato in linee formulate sulla base delle proposte selezionate – dichiara l’assessore regionale alla Famiglia e alle Politiche sociali, Antonio Scavone – L’obiettivo prioritario è individuare proposte progettuali altamente sostenibili in termini di “fattibilità tecnica” e di rispetto del “cronoprogramma attuativo” degli interventi da realizzarsi nell’arco di 18 mesi. Oggi è nostro dovere raccogliere questa sfida, in un contesto nel quale il comparto pubblico per la parte di propria competenza, il terzo settore, il grande mondo del volontariato possono dare il meglio di sé». 

Alla manifestazione di interesse possono partecipare gli enti pubblici e gli enti del terzo settore a condizione, per quest’ultimi, che abbiano nel loro statuto o nell’atto costitutivo i temi oggetto dell’avviso stesso. La Regione potrà successivamente stipulare apposite convenzioni o accordi di partenariato con gli enti. Chi volesse aderire all’avviso dovrà presentare l’istanza entro il 28 febbraio prossimo all’indirizzo dipartimento.famiglia@certmail.regione.sicilia.it, riportando come oggetto “Avviso pubblico di manifestazione di interesse”. L’avviso è consultabile sul sito del dipartimento regionale della Famiglia e delle Politiche sociali, al link https://www.regione.sicilia.it/la-regione-informa/avviso-pubblico-turismo-accessibile-inclusivo-persone-disabilita

Covid nelle Eolie: Ancora in salita il numero dei contagiati

Diffusi dall'Ufficio commissariale per il Covid nella provincia di Messina i nuovi dati.Si riferiscono alla giornata del 10 febbraio.
Nel Distretto di Lipari (Comuni di Lipari, Leni, Malfa e Santa Marina Salina) i positivi sono 103 dei quali 13 conteggiati per la prima volta.
Il nove febbraio i positivi erano 100

Il 13 febbraio Santa Messa alla "Maddalena" per la Festività di San Bartolomeo

D’Angelo (M5S): Green pass base per gli spostamenti marittimi e aerei nelle isole. Approvata ieri in Senato norma di buonsenso che garantisce continuità territoriale.

Messina, 11 febbraio - Nella serata di ieri è stato approvato in Senato un emendamento a prima firma di Pietro Lorefice, fortemente voluto dai parlamentari siciliani del Movimento 5 stelle, il quale stabilisce che l’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico terrestri, marittimi e aerei per gli spostamenti tra la Sicilia, la Sardegna, le isole minori ed il resto del territorio italiano venga consentito ai soggetti in possesso del c.d. Green Pass Base e dunque anche a chi possieda la certificazione da test antigienico. Non sarà più richiesto il c.d. Green Pass rafforzato.

Una norma di buon senso che i cittadini delle isole tutte attendevano.

Questa giusta deroga, che entrerà in vigore con la prossima approvazione definitiva del testo alla Camera dei Deputati, è stata prevista a causa della oggettiva condizione di insularità, in considerazione del fatto che un isolano non ha alcuna possibilità di mezzi privati alternativi che consentano l’ingresso e l’uscita dalle isole.

Questa necessità era stata peraltro già evidenziata ed affrontata con ordinanze dei Presidenti di Regione che dovevano al più presto trovare una cornice in una norma primaria di sistema.

La soluzione proposta coniuga la tutela della salute dei cittadini che utilizzano i mezzi di trasporto pubblico con l’esigenza di garantire la continuità territoriale”, così in una nota la senatrice messinese del MoVimento 5 Stelle, Grazia D’Angelo.

Milazzo, Morace: "L'Area marina protetta è una grande conquista"

(FONTE: GAZZETTA DEL SUD)

Messina, Cronaca 

Sopralluogo del direttore generale di Liberty Lines, Luca Morace all’interno dell’Area marina protetta dove, dopo la sottoscrizione del protocollo d’intesa saranno avviate iniziative ambientali e turistiche. Accompagnato dal direttore commerciale, Nunzio Formica e da altri dirigenti della compagnia di navigazione, Morace è stato accolto dal presidente Giovanni Mangano il quale ha illustrato le attività che sono state poste in essere e la nuova progettualità che sarà avviate anche a risorse europee. “Per Milazzo l’Area marina è una grande conquista e ritengo che potrà dare tanto in termini di sviluppo e di rilancio turistico – ha detto il direttore generale di Liberty Lines - oltre un importante strumento di tutela del nostro territorio. La nostra società intende investire su Milazzo e ritengo che questi luoghi abbiamo grandi capacità di attrazione per i turisti che scelgono le Eolie, ma debbono conoscere le potenzialità di Milazzo, città in grado di assicurare una offerta importante nel settore ambientale, ma anche culturale”. Il sopralluogo ha permesso anche di definire gli ultimi aspetti che porteranno a breve alla installazione della “boa intelligente” nelle acque del promontorio mamertino. Un progetto sperimentale che la compagnia di navigazione ha deciso di portare avanti in sinergia con la start up, “Tourismart”, per la raccolta di dati sulle onde e di parametri ambientali al fine di dare un concreto contributo a ridurre le criticità ed aumentare la qualità dei servizi resi da “Liberty”, intervenendo anche su alcuni aspetti della gestione operativa dei collegamenti marittimi e del loro contesto ambientale. La finalità è quella di “generare elementi di assistenza intelligente per il personale navigante capaci di ridurre il consumo energetico dei mezzi impiegati ed i rischi legati alle condizioni meteo marine di esercizio”.

Il direttivo della sezione Isole Eolie di Italia Nostra per il triennio 2022/24

Accadde alle Eolie. Undici febbraio 1959: Incoronazione della Madonna di Lourdes


 

Eolie ed eoliani. Foto e filmati dall'800 ai primi del 2020: Corso Vittorio Emanele di Lipari (primi anni 70). Video di Carmelo Sottile

Ospedale. Biviano, Garofalo e Conti: " Noi non molliamo e arrivano i primi risultati"

Siamo contenti che con perseveranza, incontri, proposte e dialogo, piano piano stanno arrivando risposte concrete per il nostro ospedale:

- Sono arrivate le prime Pec ad infermieri/e per prendere servizio all’ospedale di Lipari.

- I due posti di terapia sub-intensiva attendono solo la firma dall’assessorato e stiamo seguendo passo passo tutto l’iter.

- Proseguono i lavori di distribuzione dell’ossigeno nel presidio ospedaliero.

- Avviso pubblico per conferimento incarico a libero professionista per dirigente medico anestesista con esperienza in medicina subacquea. Questo significa riattivare la camera iperbarica da subito, preservare il posto di lavoro dei due tecnici e garantire le terapie.

- L’ortopedico vincitore di concorso è in arrivo così come il cardiologo in quiescenza che dal 1 marzo presterà la sua professione a Lipari.

Sono solo i primi risultati, i primi positivi segnali del dialogo, proposte e collaborazione che abbiamo avviato con l’Asp di Messina.

Continuiamo determinati senza mai mollare la presa e lottare andando oltre le chiacchiere e gli attacchi di chi vorrebbe tutto e subito...i miracoli li fa solo Dio...noi umilmente facciamo piccoli passi e sopratutto non molliamo.

Sandro Biviano - Sara Garofalo - Danilo Conti

Ricordando... Attilio Famularo


Le foto sono pubblicate, in modo casuale e gratuitamente, dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta sono a pagamento. Il costo è di euro 15 a pubblicazione, 20 euro con foto.

Auguri a...


Buon Compleanno a Francesca De Salvatore,  Andrea Del Monaco, Antonio Giardina, Giuseppe Di Mauro, Marzia Mantineo, Rosa Berenati, Alessandra Sarpi, Annalisa Munafò, Maria Ballato

Il "Pensiero del giorno" con Don Bernardino Giordano: Giornata del malato

giovedì 10 febbraio 2022

Ciao Ada, ti sia lieve la terra!

Ada Finocchiaro in Cappadona
 Ada aveva solo 42 anni: Un'altra giovane vita spezzata e sottratta all'amore dei suoi cari da quel male bastardo. 

Al marito, ai figli, al caro papà Aldo, al fratello e ai famigliari tutti le condoglianze della famiglia Sarpi e di Eolienews

Vulcano, martedì assemblea con i cittadini. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 10 febbraio 2022

Lo scempio di Panarea indigna Italia nostra. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 10 febbraio 2022

Covid nelle Eolie. Numero contagiati di nuovo a quota 100. Visite a familiari ricoverati nei reparti di degenza (non per covid) in arrivo novità

Diffusi dall'Ufficio commissariale per il Covid nella provincia di Messina i nuovi dati.Si riferiscono alla giornata del 9 febbraio. 
Nel Distretto di Lipari (Comuni di Lipari, Leni, Malfa e Santa Marina Salina) i positivi sono 100 dei quali 11 conteggiati per la prima volta.
L'otto febbraio i positivi erano 91
Intanto si va verso una riformulazione delle visite dei parenti ai ricoverati (non per covid) in ospedale. Sarà possibile per 45 minuti al giorno dal 10 marzo. 
È il contenuto di un emendamento prima firmataria Annamaria Parente (IV), con Davide Faraone, al ddl di conversione del dl 221/2021 oggi in aula al Senato. «L'emendamento da noi presentato, che prevede il ripristino delle visite dei familiari nei reparti di degenza e la garanzia minima di 45 minuti al giorno di tempo, è stato approvato in Commissione Affari sociali con una riformulazione del Governo che prevede l’entrata in vigore dal 10 marzo, per dar tempo ai direttori sanitari di organizzarsi» , ha spiegato all’Ansa Parente Parente (IV)

Festività della Madonna di Lourdes: Le Sante Messe domani a San Giuseppe

Lipari: Dopo la pausa dell'anno scorso, ritorna il Darwin Day.

L'evento, organizzato dall'Associazione NESOS in collaborazione con l'Hotel GATTOPARDO, come di consueto è dedicato alla conoscenza e alla scienza e si celebra in coincidenza con l'anniversario della nascita di Charles Darwin, il grande biologo inglese a cui dobbiamo la teoria dell'evoluzione.
L'incontro si terrà nella sala congressi dell'hotel sabato 12 febbraio alle ore 17.
Interverranno Maria Clara Martinelli, Monica Blasi e Pietro Lo Cascio.
Al termine della conferenza verrà proiettato il documentario della BBC "Darwin e l'evoluzione della specie. Uomini e scimmie".
L'ingresso è libero fino a esaurimento posti in sala (capienza ridotta per ragioni pandemiche), ma consentito esclusivamente a chi è in possesso del Green Pass.

Caro bollette: Luci spente stasera nel palazzo comunale. Lipari partecipa alla protesta simbolica dei sindaci Anci Sicilia

COMUNICATO STAMPA

Il Comune di Lipari condivide e supporta l’iniziativa di ANCI Sicilia – Associazione Nazionale dei Comuni per porre l’attenzione sull'eccessivo aumento dei costi dell'energia che rischia di mettere in ginocchio famiglie e imprese ma anche gli stessi Comuni con rischi di importanti ricadute sui servizi anche tra quelli essenziali offerti ai cittadini.

Il Presidente Orlando ha già richiesto con forza un intervento del Governo e l’istituzione di tavolo di confronto Stato- Regione- Enti Locali “finalizzato a trovare soluzioni adeguate e condivise che garantiscano ai cittadini la continuità nei servizi essenziali”.

Dalle ore 20:00 di oggi, come gesto simbolico di partecipazione alla protesta di tutti i Comuni siciliani, si spegneranno le luci del Palazzo Municipale di Piazza Mazzini.

  L’Amministrazione Comunale

Venerdì 11 febbraio interruzione energia elettrica in località Santa Margherita

Lipari porto: Ieri l'ultimo atto

Comunicato 
Si è svolto nel pomeriggio di ieri, 9 febbraio, l’ultimo atto della procedura di liquidazione della Lipari Porto spa con la seduta dell’Assemblea Ordinaria degli Azionisti in cui si è approvato il bilancio finale di liquidazione e deliberato lo scioglimento della società.

Per il Comune di Lipari non vi saranno aggravi economici legati a tale procedura prevedendo esclusivamente, come già pattuito nelle precedenti assemblee, il rimborso dei costi dei lavori di manutenzione e ristrutturazione degli immobili di Marina Corta effettuati in passato (per circa 60.000 euro) a fronte del rientro in possesso come patrimonio dell’Ente degli stessi locali, che potranno essere utilizzati per finalità di pubblico interesse.

Così come non sussisteranno più vincoli e obblighi di sorta, per il Comune di Lipari, rispetto alle progettualità della Lipari Porto sulle aree portuali dell’isola, inaugurando – di fatto - una nuova fase di pianificazione strategica e di prospettive di sviluppo del nostro territorio che permette di guardare avanti con ottimismo e responsabilità.

L’Amministrazione Comunale

Nella foto: Uno dei progetti della Lipari porto

Accadde alle Eolie. Dieci febbraio 2003: Il Presidente della Repubblica Azeglio Ciampi a Stromboli dopo l'onda anomala



 

Eolie ed eoliani. Foto e filmati dall'800 ai primi del 2000: Gemellaggio fra le bande di Auronzo e Lipari( 29. 04. 2010)

Ricordando... Maria Grazia Morabito


Le foto sono pubblicate, in modo casuale e gratuitamente, dal direttore e non su richiesta dei lettori. Anniversari, ricordi, commemorazioni con foto a vostra scelta sono a pagamento. Il costo è di euro 15 a pubblicazione, 20 euro con foto.

Auguri a...


Buon Compleanno a Agata De Luca, Antonio Marzo, Dario Orto, Giacomo Mancini, Rosa Cincotta, Bartola Manfrè, Federica Fiorentino, Margherita Saccà, Marghe Cafarella, Mattia Cincotta, Tina Spano

Il "Pensiero del giorno" con Don Bernardino Giordano:Cadere, fallire, rialzarsi

Tesoriero (presidente LIPARI IC): " Grazie tifosi e la politica ci dia strumenti necessari per continuare a sognare"

( Comunicato) Nonostante la sconfitta nella partita di andata degli ottavi di finale di Coppa Sicilia mi sento in dovere di dire grazie a tutti i tifosi che sostengono la nostra squadra. L’ultima domenica prima della sosta natalizia le presenze al Franchino Monteleone erano arrivate a toccare le 600 unità.

Domenica scorsa a Milazzo si registravano più liparoti che tifosi della Folgore. Grazie di cuore a tutti mi e ci aiutate a superare le tante difficoltà. Vedervi festosi e numerosi al campo mi date energia per continuare ad insistere su questo bel progetto che insieme stiamo portando avanti.

Spesso con troppa superficialità si sostiene che al giorno d’oggi occorre andare fuori Lipari per vivere; Voi tutti state dimostrando al contrario quanto grande possa essere Lipari.

È un periodo in cui chi deve governarci nei prossimi anni si organizza per la prossima tornata elettorale. A loro chiedo di osservare quanto siete belli al campo, quanto siete numerosi e di poterci finalmente consegnare un campo e gli strumenti necessari per continuare a sognare…

FORZA LIPARI

Il Presidente
Andrea Tesoriero

Oggi è il 10 febbraio. Buongiorno Eolie, buongiorno mondo.


MARINA CORTA (FOTO: ROBERTO GRECO)