Cerca nel blog

sabato 13 giugno 2020

Fase 3: Musumeci, l’Isola torna sempre di più alla normalità

Si ritorna sempre di più alla normalità in Sicilia. Visto l’andamento della situazione epidemiologica, il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha firmato una nuova ordinanza che, a partire da lunedì, consentirà il riavvio, nell’Isola, di numerose attività economiche e sociali.
In particolare, potranno riaprire: sale giochi, sale scommesse e sale bingo; sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, nonché le fiere e i congressi; centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei Livelli essenziali di assistenza che sono erogate nel rispetto della vigente normativa), centri culturali e centri sociali; comprensori sciistici; servizi ristorazione; attività dei servizi alla persona; stabilimenti balneari e spiagge di libero accesso.
E ancora: commercio al dettaglio; attività ricettive; commercio al dettaglio su aree pubbliche (mercati e mercatini degli hobbisti); uffici aperti al pubblico; piscine; palestre; manutenzione del verde; musei, archivi e biblioteche; strutture ricettive all’aperto (campeggi); rifugi alpini; attività fisica all’aperto; noleggio veicoli e altre attrezzature; informatori scientifici del farmaco; aree giochi per bambini; circoli culturali e ricreativi; formazione professionale; cinema e spettacoli dal vivo; Parchi tematici e di divertimento; sagre e fiere locali; professioni della montagna (guide alpine e maestri di sci) e guide turistiche.
Riguardo ai servizi per l’infanzia e per l’adolescenza, l’attività sarà consentita a decorrere dal 22 giugno, previo decreto attuativo dell’assessore regionale delle Politiche sociali, d’intesa con quello della Salute, da emanarsi entro domenica 21. Tutte le attività consentite, per prevenire il rischio di contagio, devono svolgersi secondo le modalità disciplinate della Linee guida.
Lo svolgimento degli sport di contatto potrà ripartire da sabato 20 giugno, nel rispetto delle disposizioni di prevenzione del contagio previste nell’ultimo decreto del presidente del Consiglio dell’11 giugno, e previo decreto attuativo dell’assessore regionale dello Sport, d’intesa con quello della Salute, da emanarsi entro giovedì prossimo.
Restano invariate le disposizioni precedenti in materia di prolungamento dell’orario di apertura e rinuncia al giorno di chiusura, mobilità e trasporti, prevenzione sanitaria.

Per visualizzare integralmente l'ordinanza cliccare su questo link https://www.ilgiornaledipantelleria.it/wp-content/uploads/2020/06/Ordinanza_n_25_13_06_2020.pdf

Domato l'incendio sul Monte Porri a Salina.

Domato, dopo oltre 5 ore, l'incendio sul monte Porri, riserva naturale di Salina.
In fumo circa quattro ettari di macchia mediterranea.
Che l'incendio non sia frutto di autocombustione è scontato. I carabinieri stanno indagando per verificare se è doloso o se è frutto di superficialità da parte di qualche soggetto che, bruciando sterpaglie, si è fatto "sfuggire" le fiamme.

Pajno lascia la maggioranza, che continua a perdere pezzi. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 13.06.20


L'articolo diventa leggibile cliccandoci sopra

Lipari: Divieto di dimora per un uomo indagato per atti persecutori nei confronti di una donna e del figlio minore di questa.

COMUNICATO STAMPA COMANDO PROVINCIALE
I Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare del divieto di dimora nel comune di Lipari e di divieto di avvicinamento ad una donna e al di lei figlio minore, emessa dal Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto, guidata dal Procuratore Dott. Emanuele Crescenti, a seguito delle indagini coordinate dal Sostituto Procuratore Dott.ssa Rita Barbieri, nei confronti di un 35enne, ritenuto responsabile di atti persecutori, violazione di domicilio, furto, lesioni e minacce gravi.
L’attività di indagine ha avuto origine da una segnalazione telefonica pervenuta ai Carabinieri della Stazione di Lipari dal figlio minore di una donna, domiciliata sull’Isola, che già da tempo subiva vessazioni fisiche e psicologiche da un uomo a cui era stat legata da una relazione affettiva.
Il tempestivo intervento dei Carabinieri ha permesso, attraverso l’acquisizione della denuncia della vittima e gli ulteriori accertamenti compiuti, di ricostruire una serie di condotte persecutorie e vessatorie, poste in atto dall’uomo in vari periodi precedenti, tali da generare nella donna timori per la propria incolumità e quella dei suoi familiari, al punto da condizionare pesantemente le loro normali abitudini di vita. La donna è stata più volte ascoltata dai Carabinieri ai quali ha raccontato che da mesi era costretta a subire minacce dall’uomo che non aveva denunciato per timore di ritorsioni.
Le attività d’indagine, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Barcellona Pozzo di Gotto, hanno consentito di riscontrare diversi episodi a cui la donna ha fatto riferimento e, in considerazione del grave quadro indiziario, a seguito dell’emissione dell’ordinanza cautelare, l’uomo è stato allontanato dal comune di Lipari e gli è stato, altresì, imposto il divieto di avvicinamento alla donna ed figlio minore della vittima.

Salina: Monte dei Porri in fiamme.

Un incendio sta interessando il monte Porri a Salina, versante Malfa.
Nell'area, riserva naturale, sono in corso le operazioni per fronteggiare l'avanzare delle fiamme.
Oltre alle squadrea antincendio e ai volontari sono in azione anche un canadair ed un elicottero.
Ignote, al momento, le cause che hanno scatenato l'incendio. 

Buon Compleanno!

Auguri a Pippo Raffiti, Laura La Greca, Antony Allets, Antonio Marino, Antonio D'ambra, Nino Donato, Giuseppe Mangano,Tiziana Licari, Gianfranco Cullotta, Giuseppe Aquila, Antonella Profilio, Tullio Favaloro, Andrea Liuzzi

Domenica interruzione di energia elettrica in varie zone dell'isola di Lipari

Le Eolie nelle stampe d'epoca (2° Parte)

Proseguiamo nella rubrica di Eolienews "Le Eolie nelle stampe d'epoca"
Lipari - Supra o' timparuozzu
(Oggi: Via Garibaldi - all'altezza in cui termina la XXIV Maggio)

Lettere al direttore. Ci scrive Catello Pongolini


Giornata Mondiale del Donatore di Sangue: Il Centro Trasfusionale dell’A.O. Papardo lancia l’appello per donare


Il Centro Trasfusionale dell’A.O. Papardo di Messina vuole ricordare l’importanza della donazione del sangue in occasione della giornata mondiale del donatore di sangue (World Blood Donor Day) che ricorre il 14 Giugno, data di nascita di Karl Landsteiner (Baden14 giugno 1868 – New York26 giugno 1943) scopritore dei gruppi sanguigni AB0.

La prima manifestazione fu istituita il 14 giugno del 2004 scegliendo ogni anno una città del mondo per ospitare spettacoli, eventi e seminari internazionali che hanno come fine quello di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e dei governi sulla donazione volontaria e non retribuita e far riflettere sull’impegno di tutti per aumentarla. Parallelamente nelle altre nazioni le associazioni di donatori organizzano ogni anno eventi nazionali e locali.

Il 14 giugno 2020 doveva essere Roma la città designata per la giornata mondiale del donatore di sangue, ma in seguito alla pandemia da COVID19 la manifestazione è stata rimandata al 2021.

“Quest’anno la donazione del sangue assume un valore ancor più importante - ricorda il Direttore Generale dell’A.O. Papardo Mario Paino - l’appello è rivolto a tutti i donatori per fare la differenza in una giornata così importante anche per il suo significato sociale. Il nostro Centro Trasfusionale è pronto ad accogliere le vostre prenotazioni: donare è un atto che fa la differenza.”


CENTRO MEDICINA TRASFUSIONALE OSPEDALE PAPARDO

da Lunedì a Sabato ore 8,00-11,30 -  Martedì 14,30-17,00 - ogni 2° domenica del mese 8,00-11,30
Tel.reparto  0903993507-3803
Whatsapp  3341061707
Facebook  Donatori Sangue Ospedale Papardo

La Chiesa festeggia Sant'Antonio di Padova.



Pajno replica a comunicato di Giorgianni: "Mia scelta fortemente condizionata dal suo atteggiamento disgregante"

Nota di riscontro al Sindaco Giorgianni
Mi sembra opportuno esprimere qualche breve considerazione sul comunicato stampa diramato  dal Sindaco Giorgianni a commento della mia decisione di prendere le distanze dalla sua compagine amministrativa.
In primo luogo mi stupisce, e non poco, apprendere che lo sportello del cittadino del Comune di Lipari abbia il compito istituzionale di fare da cassa di risonanza alle esternazioni personali e alle crisi di nervi del primo cittadino, alle cui scomposte affermazione non intendo replicare lasciando alla nostra comunità ogni valutazione sull’attività dell’attuale Amministrazione.
Ribadisco, quindi, ogni parola della nota oggi consegnata al Signor Presidente del Consiglio e la replica del rag. Giorgianni conferma e rafforza la mia scelta.
Del resto e per inciso sono sotto gli occhi di tutti le infrastrutture portuali di cui egli mena vanto; gliene saranno grati i cittadini di Vulcano, di Ginostra, di Filicudi … e di Lipari, questi ultimi passeggiano ogni sera sul nuovo lungomare di Canneto, il cui abitato è stato opportunamente protetto dai marosi.
E parimenti appagati, sono certa, sono i fruitori di ciò che resta del nostro ospedale o di quello che fu il tribunale. Sono lieta che mi si riconosca – quantomeno – l’impegno profuso nel rispetto delle prerogative del mio ruolo nelle azioni a difesa di settori quali sanità e giustizia; in tale contesto le evidenzio, ancora una volta, che la sua azione amministrativa ha peccato di incisività e di rappresentatività nelle sedi istituzionali sovracomunali.
Mi rammarico, di contro, del fatto che Lei non si sia reso conto della fiducia che le ho sempre – fin oggi – accordato dentro e fuori l’aula consiliare. E se le critiche costruttive che le ho manifestato in più occasioni sono state da Lei percepite come espressioni di una volontà di non seguire un percorso a cui già da molto tempo – quantomeno a suo dire – avrei fatto mancare il mio sostegno, le consiglio di rivedere la sua idea di dialettica e scambio di opinioni.
Le assicuro che i suoi problemi di comunicazione non riguardano solo la mia persona. Ancora, lungi dal voler gravare altri del peso di mie presunte mancanze, le confermo che la mia scelta è stata fortemente condizionata dal suo personale atteggiamento disgregante; è Lei, che mettendo sempre a margine i suoi collaboratori, non mi ha mai fatta sentire parte integrante del suo progetto amministrativo.
Da ultimo, preferisco non commentare oltre sulle circostanze che hanno portato la scrivente a ricoprire – comunque con orgoglio e senso del dovere – la carica di Vicepresidente del Civico Consesso, poiché io e Lei conosciamo la realtà dei fatti.
Signor Sindaco ritengo, in tutta serenità, che Lei dovrebbe semplicemente fare ammenda per quello che ha scritto, e da persona intelligente quale la riconosco essere, bene avrebbe fatto a tacere.
La sua Amministrazione avrà comunque il mio sostegno tutte le volte che riterrò, nell’interesse di coloro che mi hanno fatto dono della loro fiducia, di condividerne le scelte, senza pregiudizialità alcuna.
Questa determinazione, egregio rag. Giorgianni, credo sia l’espressione più alta del concetto di democrazia e libertà di pensiero, oltre che di rispetto per il Consiglio Comunale; l’ipocrisia del “tutti allineati e coperti” la lascio volentieri ad altri.
Se qualcuno tra noi due dovrebbe dimettersi questa, mi creda, non è certamente la sottoscritta.
Piuttosto: auguri per la nomina dell’ennesimo Assessore al turismo e per la redazione del prossimo bilancio previsionale.
P.S.: per quanto mi riguarda non seguiranno ulteriori repliche, ci vediamo in Consiglio Comunale!

Il Consigliere Comunale
Avv. Erika Pajno

Oggi è il 13 giugno. Buongiorno con questa cartolina da Lipari


venerdì 12 giugno 2020

L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 12.06.20


Riflettendo

Da un lato un gruppo consiliare plaude alla possibilità che uno o più anonimi uffici regionali (l’Ufficio regionale di coordinamento per le isole minori siciliane presso l’assessorato alle Autonomie locali, e o al Dipartimento delle infrastrutture, della mobilità e dei trasporti)predisponga un intervento diretto alla realizzazione di uno studio di fattibilità tecnica economica per la progettazione di una aviosuperficie in località Poggio dei Funghi nell’isola da Lipari (questi uffici dispongono di ingegneri, architetti, economisti, geologici, idrologi, tutti profondi conoscitori del territorio eoliano, come quelli che ci hanno regalato in questo giorni i pollai a microonde). Mentre dall'altro lato l'amministrazione ha aderito all'iniziativa della Comunità Europea denominata Covenant of Mayor for climate & Energy che prevede la redazione di un Piano di Azione per l'Energia Sostenibile ed il Clima (PAESC) per la riduzione delle emissioni del 40% entro il 2030.

L'eventuale utilizzazione dell'aviosuperficie in maniera intensa non aumenterà le emissioni che, al contrario dobbiamo ridurre del 40% nel giro di 10 anni? Che facciamo? Intanto cerchiamo di acchiappare soldi facili per poi fare il contrario di quanto ci siamo ripromessi? Come si definisce tutto questo? 

La trovata di rivolgersi alla Regione per una pianificazione a “costo zero” non è nuova, già nel 2015 l'amministrazione comunale si è rivolta ad un Dipartimento della Regione Siciliana per la redazione del Piano regolatore dei Porti. Qualcuno ha mai chiesto a che punto siamo con questa pianificazione?

Non è il caso di chiedere prima che venga “completato” il lavoro del 2015 per passare a quello del 2020?

Sindaco Giorgianni replica alla Pajno: "Faccia anche autocritica, invece di cercare alibi, addossando colpe ad altri"


COMUNICATO STAMPA

Non posso far passare senza commento la nota del Consigliere Erika Pajno con cui oggi, in apertura di seduta del Consiglio Comunale, ha dichiarato la scissione dal gruppo Fiducia e Futuro e che è stata altresì pubblicata sugli organi di stampa locale.
Non mi sorprende tale decisione, anzi la trovo tardiva, e colgo l’occasione per ringraziare il consigliere Pajno per aver fatto chiarezza sulla sua volontà di seguire non un uomo ma un percorso a cui già da molto tempo ha fatto mancare il suo sostegno; vorrei infatti ricordarle che non ha neanche condiviso il voto sul bilancio, che è un atto con il quale un consigliere, di fatto, si pone fuori da un percorso amministrativo; dunque, la sua dichiarazione di oggi formalizza una scelta già evidente da tempo.
Tuttavia, pur nel massimo rispetto della libertà di ciascuno di prendere le decisioni che ritiene più giuste, non trovo corretto né qualificante il dover trovare sempre un capro espiatorio a cui addebitare ad ogni costo le responsabilità delle proprie scelte.
Il consigliere Pajno dimostra poca memoria e molta leggerezza nel momento in cui afferma che “tutto tace” rispetto alla chiusura di uffici pubblici essenziali, alle problematiche di tribunale e ospedale, tenuto conto che lei stessa è sempre stata parte di primo piano sia nel caso del tribunale, rispetto a cui, considerata la chiusura di migliaia di sedi in tutta Italia, il risultato ottenuto da questa Amministrazione è evidente (pur con alcune criticità ancora in corso) sia nel caso dell’Ospedale, rivestendo la qualità di Presidente della Commissione Consiliare sulla Sanità, che l’ha portata a condividere e condizionare tutte le battaglie portate avanti dall’Amministrazione.
Allo stesso modo, il Consigliere Pajno contrappone una visione programmatica amministrativa all’emissione di ordinanze contingibili e urgenti da parte del Sindaco non tenendo conto, invece, che proprio quelle ordinanze emanate sotto la mia piena responsabilità e consentite per questo dalla legge hanno dato modo di affrontare le numerose emergenze – certamente non determinate da questa Amministrazione - con tempestività e determinazione, come da più parti – va detto – ci stato invece riconosciuto.
Ed è falso, assolutamente infondato, quanto viene attribuito a questa Amministrazione in ordine alle opere pubbliche e agli investimenti infrastrutturali: siamo disponibili, se il consigliere lo vorrà, a fornirle dovuta documentazione come sempre fatto, anche in apposite commissioni consiliari convocate a questo scopo o come ho fatto oggi stesso in Consiglio, relazionando sulle tante opere in corso per le strutture portuali e gli obiettivi raggiunti in questo campo, solo a titolo di esempio, senza ricevere alcun appunto.
Il Consigliere Pajno attribuisce, poi, a un uomo solo al comando con lo sguardo basso l’incapacità di valorizzare la squadra operativa, eppure tale accusa proviene da chi sin dal primo giorno di mandato, senza aver ancora dimostrato alcunché, è stata valorizzata con la carica di Vice Presidente del Consiglio Comunale,  con un investimento di  fiducia per nulla scontato da parte della maggioranza che le ha voluto attribuire questo ruolo; una maggioranza che lei oggi definisce priva di compattezza e di una visione di insieme, cosa che mi fa supporre che per coerenza il Consigliere, oltre ad abbandonare detta maggioranza, abbandoni parimenti la delega e la responsabilità conferitole.
Un altro interrogativo mi sorge spontaneo, ovvero come mai il Consigliere che oggi lamenta le azioni e le non azioni dell’Amministrazione degli ultimi 8 anni, abbia deciso, dopo i primi 5 anni di questi 8, di insistere per la sua candidatura e per il suo inserimento in questo progetto politico, oggi abbandonato formalmente, guidato a suo dire da un uomo con l’unica caratteristica della predisposizione al comando.
Faccia anche autocritica il consigliere Pajno, con la stessa severità e la stessa misura con cui nella sua dichiarazione emette sentenze sull’operato della Giunta, del Sindaco e della maggioranza - così come io, a dispetto di quanto sostenuto dalla stessa, sono solito fare- assumendosi le responsabilità per le scelte e per le determinazioni, per le motivazioni e le valutazioni e ancora per la capacità di confronto, di rispetto dei ruoli e di condivisione di un progetto ma anche del saper essere incisivi all’interno del progetto stesso, invece di scegliere la strada più facile: cercare alibi addossando colpe ad altri, evitando così di mettere in discussione se stessi e il proprio operato.
                                                                                 
                                                                                  Il Sindaco
                                                                           Marco Giorgianni

Coronavirus: sempre meno ricoveri e più guariti, 0 nuovi contagi. I dati ad oggi in Sicilia.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell'Isola, negli ultimi due giorni (11 e 12 giugno) aggiornato alle ore 15 di oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 176.233 (+4.849 rispetto a mercoledì 10 giugno), su 147.871 persone: di queste sono risultate positive 3.455 (0), mentre attualmente sono ancora contagiate 841 (-12), 2.335 sono guarite (+11) e 279 decedute (+1).
Degli attuali 841 positivi, 37 pazienti (-9) sono ricoverati - di cui 3 in terapia intensiva (-3) - mentre 804 (-3) sono in isolamento domiciliare.
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà lunedì. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

Consigliera Pajno lascia la maggioranza e sbotta: "La fiducia e il futuro, pilastri di questo progetto amministrativo, scomparsi dietro lo sguardo basso di un uomo solo al comando o che, più propriamente, come tale si atteggia"



La soddisfazione dei "Moderati per Calderone" dopo approvazione odg su studio fattibilità aviosuperficie.

COMUNICATO
Oggi, in Consiglio comunale è stato approvato un nostro ordine del giorno che impegna l’amministrazione comunale a richiedere all’Ufficio regionale di coordinamento per le isole minori siciliane presso l’assessorato alle Autonomie locali, e o al Dipartimento delle infrastrutture, della mobilità e dei trasporti, un intervento diretto alla realizzazione di uno studio di fattibilità tecnica economica per la progettazione di una aviosuperficie in località Poggio dei Funghi nell’isola da Lipari. Il Piano Regolatore Generale del Comune di Lipari individua infatti in località Poggio dei Funghi , all’interno dei fogli di mappa n.39 -41 -46, le aree ove poter realizzare una pista per l’atterraggio e il decollo di aeromobili (aviopista). Inoltre nella delibera di approvazione del Piano Triennale delle Opere Pubbliche n.61 del 16/9/2019 per l’annualità 2019 è inserito un ordine del giorno, approvato in Consiglio Comunale, con il quale si impegnava in modo vincolante l’Amministrazione comunale ad introdurre nell’annualità 2020 la realizzazione dell'opera nella suindicata località.
Il documento impegna altresì la giunta comunale, nel caso in cui l’area individuata nel piano Regolatore Generale non dovesse risultare conforme alle caratteristiche richieste, una attenta ricognizione territoriale per l’identificazione di altre aree ove tecnicamente possibile la realizzazione di una aviosuperficie nel territorio del comune di Lipari.
L’ordine del giorno è stato condiviso con i consiglieri Erika Pajno, Rosalba Abbondanza, Raffaele Rifici, Adolfo Sabatini, Giusy Lo Rizio e Giacomo Biviano, hanno invece espresso voto contrario i consiglieri Rizzo e Gugliotta.
Quella di oggi è una data importante perchè segna l'inizio di un cambio di rotta nel modo di pensare, di agire di guardare al futuro. Il nostro è un atto propedeutico a un percorso, lungo e non privo di ostacoli, che restituisce al territorio eoliano una prospettiva di sviluppo. È necessaria una seria programmazione con una attenzione particolare a temi quali l'istruzione, la sanità e la mobilità. Dobbiamo farci carico di questo lavoro riaffermando in Consiglio comunale il ruolo determinante della proposta.
Ci riteniamo molto soddisfatti del lavoro svolto in questi mesi e di aver condiviso con i colleghi consiglieri, oggi presenti in aula, la costruzione di un percorso che ci auguriamo porti presto i suoi frutti.

12 giugno 2020
Gesuele Fonti
Eliana Mollica
Moderati per Calderone

Asp 5 : ripartono screening oncologici

Tenuto conto dell’andamento dell’epidemia Covid 19 in Sicilia, l’Assessorato Regionale della Salute, guidato dall’Avv. Ruggero Razza, ha disposto la ripresa progressiva delle attività assistenziali, dando priorità agli screening oncologici che rappresentano un intervento preventivo importante di salute pubblica, inserito peraltro nei Livelli Essenziali di Assistenza.
L’ASP di Messina, in collaborazione con i Medici di Medicina Generale e con Federfarma Messina, ha riavviato gli esami di 1° livello del programma di screening oncologico partendo già giorno 8 giugno con lo screening mammografico; il 15 giugno verrà avviato lo screening del cervico-carcinoma e a fine giugno lo screening del colon-retto, con avvio della distribuzione e raccolta dei kit per la ricerca del sangue occulto da parte delle farmacie aderenti, secondo un programma di graduale coinvolgimento della popolazione su tutto il territorio provinciale.
“L’organizzazione dell’attività di screening – dice il direttore generale Paolo La Paglia – garantirà la sicurezza degli operatori e degli utenti seguendo le indicazioni suggerite dall’Osservatorio Nazionale Screening e dall’Istituto Superiore di Sanità; negli ambulatori saranno adottate tutte le misure di prevenzione e protezione idonee con triage delle utenti, distanziamento fisico negli ambulatori e sanificazione degli ambienti.
Nei mesi di giugno e luglio saranno invitate telefonicamente, secondo un’agenda predisposta dal Centro Gestionale Screening, le utenti che avevano ricevuto una lettera di invito per i mesi di marzo ed aprile, il cui esame è stato sospeso per l’emergenza COVID 19.”

Comune di Lipari aderisce a "Piano di azione per l'energia sostenibile ed il clima"

Il Comune di Lipari ha aderito all'iniziativa della Comunità Europea denominata Covenant of Mayor for climate & Energy che prevede la redazione di un Piano di Azione per l'Energia Sostenibile ed il Clima (PAESC) per la riduzione delle emissioni del 40% entro il 2030.
Per la redazione del piano il Comune di Lipari ha nominato l’ingegnere Carmelo Prestipino, Energy Manager, Certificato Esperto in Gestione dell’Energia (EGE) ai sensi del D.L. 102/2014, giusta Determina Dirigenziale n°203 del 31/12/2019.
L’iniziativa, oltre a rafforzare l’immagine delle Isole Eolie nel mondo, rappresenta una opportunità per perseguire obiettivi di risparmio energetico e conseguente riduzione dei costi energetici annualmente sostenuti.
Per la redazione del piano è indispensabile la partecipazione e la collaborazione di tutti i cittadini e degli operatori economici del territorio Eoliano, in primo luogo per redigere un inventario base delle emissioni così da stabilire il valore di riferimento rispetto al quale raggiungere l’obiettivo di riduzione del 40%.
Si chiede pertanto ai cittadini di compilare il modulo di raccolta dati, finalizzato alla redazione dell’inventario, qui allegato e reperibile sul sito istituzionale del Comune di Lipari, che dovrà essere inviato via mail all’indirizzo info@enerstudio.net
Grazie per la collaborazione,
L’Amministrazione Comunale

Aviosuperficie: Si chiederà alla Regione uno studio di fattibilità

Via libera dal consiglio comunale di Lipari all'ordine del giorno da inviare alla Regione per uno studio di fattibilità per la realizzazione di una aviosuperficie in località Poggio dei Funghi o in altro sito.
La proposta iniziale è arrivata dai consiglieri Gesuele Fonti ed Eliana Mollica.
Hanno votato favorevolmente in otto. Due i contrari.
I lavori del consiglio, dopo l'intervento del sindaco Giorgianni che ha relazionato anche sul "welcome terminal" sono stati aggiornati.

Isole minori: oltre 19 milioni dalla Regione per il porto di Malfa.

 
Diciannove milioni e 200 mila euro per completare il porto di Malfa, uno dei tre Comuni dell'isola di Salina. Il governo Musumeci conferma grande attenzione nei confronti delle isole minori siciliane e finanzia un'opera attesa da ben trent'anni. Era il 1990, infatti, quando l'amministrazione cittadina conferì l'incarico a un professionista per redigere il progetto.
"Trent'anni - sottolinea il governatore - sono un tempo infinito se si pensa alle opportunità che sono state perse sotto il profilo turistico e, quindi economico. Si tratta, infatti, di un'infrastruttura in grado di aumentare sensibilmente il già considerevole appeal di questa perla dell'arcipelago delle Eolie. Un'opera interamente finanziata con risorse del bilancio regionale che sono state liberate dopo il mancato utilizzo in vecchi programmi di spesa. Abbiamo il dovere di renderle subito produttive e reinvestirle con l'obiettivo di lasciarci definitivamente alle spalle l'interminabile stagione delle incompiute. E Malfa rientra in questo elenco da cancellare al più presto".
“I lavori al porticciolo del Comune dell'isola eoliana - spiega l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone- erano stati sospesi nel 2011 proprio per mancanza di fondi. Il progetto, approvato e finanziato, prevede la riqualifica e l'adeguamento delle opere foranee, delle banchine, dello scalo di alaggio e dei fondali dell'approdo di Scalo Galera che avrà destinazione turistica e da diporto”.
Sarà adesso il Comune di Malfa a indire la gara d'appalto per affidare i lavori che dovranno essere ultimati in circa due anni.

Confermate per Salina le 4 vele di Legambiente e Touring club

L’ isola di Salina conferma anche per il 2020 le 4 vele, nell’ambito dell’appuntamento annuale “Il mare più bello 2020” ’di Legambiente e Touring club. 
 Un riconoscimento che premia non solo la qualità delle acque marine ma anche il consumo energetico, la depurazione delle acque, l’energia, la presenza dei servizi, la qualità dell’ambiente, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, la sicurezza alimentare l’utilizzo del suolo. 
In Sicilia l’unica località ad aver avute assegnate le 5 vele è l’isola di Pantelleria. 
Quattro vele, così come Salina, sono state assegnate, nella nostra Regione, alle Egadi, al litorale Trapanese Nord e al Golfo di Noto.

Le Eolie nelle stampe d'epoca (1° Parte)

Riprendiamo da oggi la rubrica di Eolienews "Le Eolie nelle stampe d'epoca". Lo facciamo riproponendo, intanto, alcune delle foto già pubblicate nei mesi precedenti
Marina Corta ed il Castello


Buon Compleanno!

Auguri a Annunziata Pajno, Domenico Scalia, Gaetano Tripi, Luca Biviano, Ramona Maria Agrip, Ivana Mandarano, Alessandra Zampetti, Francesco Natoli, Vincenzo Sciacchitano, Monika Lauria, Gabriele Profilio, Gessica Cortese

L'amministrazione Giorgianni perde pezzi. Lascia la maggioranza anche il consigliere Pajno

Il gruppo di maggioranza "Fiducia e futuro", che ha appoggiato la candidatura e supporta l'amministrazione del sindaco Marco Giorgianni, perde ancora componenti.
In apertura della seduta del consiglio comunale, tutt'ora in corso, la consigliera Erika Pajno, vice - presidente del civico consesso, ha annunciato la decisione di lasciare il gruppo di maggioranza e di dichiararsi indipendente.
La Pajno ha evidenziato come il gruppo non è piu maggioratorio e non c'è unità di intenti. Non ha lesinato critiche all'operato dell'amministrazione comunale: "La compagine amministrativa - ha affermato - non ha un programma e lavora solo per l'emergenza e con affidamenti diretti".
La "pattuglia di maggioranza" vede, quindi i suoi componenti ridursi a otto. In precedenza, infatti, avevano lasciato Fulvio Pellegrino ed Eliana Mollica.
Per la giunta Giorgianni i numeri in consiglio diventano, quindi, ristrettissimi, anche in considerazione dell'ormai costante assenza della consigliera Fabiola Centurrino. Sette sono, invece, a questo punto i consiglieri che sono all'opposizione o indipendenti.
Ricordiamo che il 28 maggio scorso aveva lasciato la giunta comunale, dopo soli 72 giorni, l'assessore Luca Chiofalo, lamentando "inconciliabili divergenze con i consiglieri di "Eolie in movimento", una delle anime della maggioranza.

La Chiesa festeggia oggi il Beato Guido da Cortona


Oggi è il 12 giugno. Buongiorno con questa cartolina da Vulcano


Forte scossa di terremoto (magnitudo 3.2) nel mare di Filicudi.

Una forte scossa di terremoto (magnitudo 3.2) è stata registrata stamane, alle ore tre e quarantotto, al largo dell'isola di Filicudi, ad una profondità di 11 km.
La scossa è stata nettamente avvertita dalla popolazione ma da quanto apprendiamo non si registrano danni.
L'evento sismico è stato avvertito anche ad Alicudi. 
Nell'immediatezza del sisma i carabinieri dell'isola sono usciti in pattugliamento onde accertare eventuali (che, ribadiamo, non vi sono stati) a persone e/o cose.

giovedì 11 giugno 2020

Pontile di Ginostra. Lo Schiavo scrive a Borrelli: "In 7 anni non un solo centesimo è stato speso.. non una sola pietruzza è stato collocata. Serve suo autorevole intervento".


 prof. Riccardo Lo Schiavo
via Portella n. 1
98050 Ginostra (ME)


                                                                                  Ginostra,11/06/2020                                                                                                                     
                                                         
                                                       dott. Angelo Borrelli

                                                                       Capo Dip. Protezione Civile

                                                                     e p. c.      Prefetto di Messina

                                                       
Oggetto: Messa in sicurezza pontile di Ginostra – isola di Stromboli.


Egregio dott. Borrelli,
ritengo superfluo, se non addirittura stucchevole, ribadire come dalla piena funzionalità del pontile dipendano non solo la sicurezza - in un contesto di continue emergenze di diversa natura - ma anche la vivibilità stessa della comunità di Ginostra.
Eppure, dopo SETTE ANNI dall’Ordinanza n. 94 del 13/06/2013 della Presidenza del Consiglio dei Ministri, e relativo finanziamento di 880.000,00 €, per i lavori di messa in sicurezza dell’infrastruttura portuale,  a GINOSTRA non un solo centesimo è stato speso in loco! non una sola pietruzza è stato collocata a difesa della vitale infrastruttura!!!
Tutti sappiamo bene cosa è successo - cronaca di un danneggiamento annunciato -  in seguito alla mareggiata del 13 dicembre 2019! Tutti sappiamo bene che cosa succederà quest’inverno se non si procede quantomeno all’IMMEDIATA RICOLLOCAZIONE dei TETRAPODI a protezione della testata del pontile lato nord\ovest.
Probabilmente dovrei appellarmi al “soggetto responsabile della realizzazione” e cioè al Sindaco di Lipari…, ma dopo SETTE ANNI… non avere più fiducia credo sia più che comprensibile!
Mi rivolgo invece, per l’ennesima volta, a Lei perché quest’opera - frutto di una storica  ventennale battaglia di civiltà degli indigeni ginostresi - è stata realizzata per merito ESCLUSIVO del DIPARTIMENTO della PROTEZIONE CIVILE e solo un Suo tempestivo, deciso e autorevole intervento potrà superare questa ennesima, buia, fase di stallo.
Certo di un positivo riscontro, Le porgo i più cordiali saluti.

                                                                                             Riccardo Lo Schiavo

Elezioni amministrative: in Sicilia 62 Comuni al voto il 4 ottobre

Si svolgeranno il 4 ottobre le elezioni amministrative in 62 Comuni dell’Isola. Lo ha deciso il governo Musumeci, su proposta dell'assessore alle Autonomie locali, Bernardette Grasso. L'eventuale ballottaggio è fissato per il 18 ottobre. A essere coinvolti dalla tornata elettorale straordinaria - a seguito del doppio rinvio deciso per contenere i rischi sanitari derivanti dalla diffusione della pandemia da Covid 19 - saranno oltre 810 mila siciliani.
In precedenza, le elezioni erano state fissate il 24 maggio (ballottaggio il 7 giugno) e successivamente il 14 giugno (ballottaggio il 28). Ma, in entrambi i casi, visto l'evolversi della situazione emergenziale dovuta all'epidemia, la tornata elettorale era stato rinviato al secondo semestre 20202, in una data compresa tra il 15 settembre e il 15 novembre.
Unici capoluoghi di provincia che andranno alle urne sono Agrigento ed Enna. Oltre che nei Comuni il cui rinnovo degli organi amministrativi era già fissato per scadenza naturale (52 enti), si voterà anticipatamente anche a Casteltermini in provincia di Agrigento, San Pietro Clarenza nel Catanese, Partinico e Termini Imerese in provincia di Palermo e Floridia nel Siracusano, attualmente commissariati e a Camastra e San Biagio Platani nell’Agrigentino, Bompensiere in provincia di Caltanissetta, Trecastagni nel Catanese e Vittoria in provincia di Ragusa, sciolti in precedenza per mafia dal Consiglio dei ministri.
Tra i Comuni più grandi coinvolti, oltre ai due capoluoghi, ci sono: Marsala nel Trapanese, Barcellona e Milazzo in provincia di Messina, Carini e Partinico nel Palermitano, Augusta in provincia di Siracusa e Vittoria nel Ragusano.
Questo l'elenco completo degli enti che andranno al voto (18 con sistema proporzionale e 44 con il maggioritario. A essere eletti saranno 872 consiglieri.
Provincia di Agrigento (9): Agrigento (proporzionale, 24 consiglieri assegnati), Camastra (maggioritario, 10), Cammarata (maggioritario, 12), Casteltermini (maggioritario, 12), Raffadali (maggioritario, 16), Realmonte (maggioritario, 12), Ribera (proporzionale, 16), San Biagio Platani (maggioritario, 12) e Siculiana (maggioritario, 12).
Provincia di Caltanissetta (4): Bompensiere (maggioritario, 10), Mussomeli (maggioritario, 16), Serradifalco (maggioritario, 12) e Villalba (maggioritario, 10).
Provincia di Catania (8): Bronte (proporzionale, 16), Mascali (maggioritario, 16), Milo (maggioritario, 10), Pedara (maggioritario, 16), San Giovanni La Punta (proporzionale, 16), San Pietro Clarenza (maggioritario, 12), Trecastagni (maggioritario, 16) e Tremestieri Etneo (proporzionale, 16).
Provincia di Enna (6): Enna (proporzionale, 24), Agira (maggioritario, 12), Centuripe (maggioritario, 12), Nicosia (maggioritario, 16) , Pietraperzia (maggioritario, 12) e Valguarnera Caropepe (maggioritario, 12).
Provincia di Messina (12): Barcellona Pozzo di Gotto (proporzionale, 24), Basicò (maggioritario, 10), Giardini Naxos (maggioritario, 12), Graniti (maggioritario, 10), Limina (maggioritario, 10), Malvagna (maggioritario, 10), Milazzo (proporzionale, 24), Mirto (maggioritario, 10), Naso (maggioritario, 12), Raccuja (maggioritario, 10), San Salvatore di Fitalia (maggioritario, 10), Savoca (maggioritario, 10).
Provincia di Palermo (16): Aliminusa (maggioritario, 10), Caltavuturo (maggioritario, 12), Carini (proporzionale, 24), Godrano (maggioritario, 10), Isola delle Femmine (maggioritario, 12), Lascari (maggioritario, 12), Misilmeri (proporzionale, 16), Partinico (proporzionale, 24) Polizzi Generosa (maggioritario, 12), Pollina (maggioritario, 10), San Mauro Castelverde (maggioritario, 10), Santa Cristina Gela (maggioritario, 10), Scillato (maggioritario, 10), Termini Imerese (proporzionale, 16), Trabia (maggioritario, 16) e Villabate (proporzionale, 16).
Provincia di Ragusa (2): Ispica (proporzionale, 16), Vittoria (proporzionale, 24).
Provincia di Siracusa (2): Augusta (proporzionale, 24) e Floridia (proporzionale, 16).
Provincia di Trapani (3): Campobello di Mazara (maggioritario, 16), Gibellina (maggioritario, 12) e Marsala (proporzionale, 24).

Diagnosi morfologica. Gli impegni disattesi. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud dell'11.06.20

Welcome terminal: un'ullusione. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud dell'11.06.20


Giro podistico a tappe delle Eolie, salta l'edizione 2020.

Il “Giro Podistico a Tappe delle Isole Eolie” festeggerà nel 2021 l’atteso ventesimo compleanno, esattamente nella settimana che andrà dal 5 all’11 settembre. L’ormai storica manifestazione FIDAL, organizzata e promossa dalla Polisportiva Europa Messina, salterà, infatti, l’edizione 2020 (6-12 settembre) a causa delle problematiche legate all’emergenza sanitaria Covid-19 e delle conseguenti restrizioni normative anti-assembramento.

Polisportiva Canneto, un altro capitolo del calcio liparese (4° puntata: Promozione in II° categoria)

CAMPIONATO 68/69
Nella foto, da sx in alto: : Il pres. D'Ambra, Foti, Caruso, Finocchiaro, Munafo II°, Falconieri, Munafò I°, Paino, Merlino, Mazza (Allenatore)
In basso da sx: Ficarra, Marturano, Centurrino, Megna, Rando o La Greca?

Primi interventi sulla tela del XVII secolo, proveniente dalla chiesa di Pirrera e raffigurante la Madonna.


Fervono gli interventi sulla tela del XVII secolo, raffigurante la Madonna, proveniente dalla chiesa parrocchiale di Pirrera e soggetta, dal 2 giugno scorso, al restauro, curato dalla dottoressa Marianna Saporito e finanziato dal Rotary Club, sezione di Lipari, unitamente alle offerte dei fedeli della borgata.
Nel laboratorio della dottoressa Saporito è iniziata la fase di disinfestazione con permetrina in busta della cornice (foto in basso).
Sulla tela, invece, è stata completata la pulizia da polvere e fumi con successivo consolidamento del colore.
Da questi primi passaggi si evince un dipinto dai colori vivi e si delinea meglio la figura della Madonna (foto a sinistra).


Il basket nelle Eolie riparte con il Vulcano Slam Camp e la Summer Academy.










Lo sport riparte finalmente anche alle Isole Eolie con l’organizzazione da parte della ASD Basket Eolie della 2^ Edizione del Vulcano Slam Camp rivolto a tutti i bambini di età compresa tra i 4 ed i 13 anni, che avrà luogo sull’isola di Vulcano nelle due settimane 6-11 luglio e 13-18 luglio.
L’iniziativa quest’anno, fortemente voluta dagli organizzatori Annalisa Piazza e Ivan Ferlazzo, ha ricevuto l’importante riconoscimento dal CONI – Comitato Regionale Sicilia come CENTRO EDUCAMP CONI, un riconoscimento che valorizza ancor di più il serio impegno e lavoro svolto dall’associazione Eoliana nei confronti dei giovani del proprio territorio.
Il progetto che ha ottenuto anche il patrocinio del Comune di Lipari, nasce con l’intento di offrire alle famiglie un servizio di elevata valenza sociale e ricreativa promuovendo, nel rispetto delle Linee Guida e di tutte le prescrizione di sicurezza ed anticontagio da COVID-19, due settimane di sport e vacanza attraverso l’attività motoria e fisica, la diffusione di valori come il rispetto dell’individualità del singolo, del gruppo e delle regole, seguiti da un team di educatori e tecnici sportivi che guideranno i partecipanti per l’intero periodo di svolgimento del Camp, proponendo attività differenziate in base all’età dei bambini e ragazzi.
Per info ed iscrizioni contattare il numero telefonico 3894264860 – Annalisa Piazza
.
Altresì la società comunica anche che a partire dal 30 giugno e fino al 7 agosto ripartirà sull’isola di Lipari, attraverso un’Academy di approfondimento tecnico, l’attività sportiva di basket rivolta prevalentemente agli atleti del proprio Settore Giovanile Under 14 maschile ed Under 13 femminile che, a causa del lockdown, hanno, dal mese di marzo, interrotto gli allenamenti e la partecipazione ai campionati federali agonistici.
A dirigere gli allenamenti, nel rispetto delle Linee Guida emanate dalla Federazione Italiana Pallacanestro, sarà lo staff tecnico composto dal Coach Francesco Megna, dal nuovo tecnico Giuseppe Pirri che entra a far parte dell’organico tecnico della Basket Eolie, e dal Preparatore Fisico Ivan Ferlazzo.
Ci auguriamo che la ripartenza possa essere da stimolo per tutti coloro che hanno sempre creduto nei valori dello sport.
Il Responsabile Tecnico
ASD Basket Eolie
Annalisa Piazza

"La storia delle Eolie". Conosciamola attraverso lo storico La Greca. 11 Giugno 1986: La tragedia del "Freccia di Messina" .

11 giugno 1986
La tragedia del “Freccia di Messina”

Sessantatrè persone sull'aliscafo, compresi i 6 dell'equipaggio: tre morti e trenta feriti. Questo il bilancio definitivo della prima tragedia che ha coinvolto gli aliscafi in servizio tra Milazzo e le Isole Eolie. L'efficienza dei soccorsi impedì che il “Freccia di Messina” aliscafo della Snav, incendiatosi, a tre miglia da Capo Milazzo, si trasformasse in una gigantesca bara galleggiante. Le vittime potevano essere decine.
Ma andiamo per ordine:
Subito dopo la partenza da Milazzo, intorno alle 14,30, a circa tre miglia dal Capo, una signora ha gridato di sentire puzza di bruciato. Mentre gli uomini dell’equipaggio iniziavano i controlli del caso, viene aperta la botola della sala macchine ed usciva il  motorista. Ma l’incendio, evidentemente, stava covando proprio laggiù, tra cavi, tubi e motori. L’apertura della botola (l’entrata dell’aria fini con l’alimentare il fuoco) fa da detonatore. Dalla stessa botola escono, infatti, lingue di fuoco che hanno subito attaccato la grande cabina. I passeggeri, terrorizzati, hanno cercato di guadagnare l’uscita, spingendosi disperatamente e calpestandosi. Il comandante dava l'ordine di lanciarsi in mare. L'equipaggio si dava da fare per calmare i passeggeri ormai in preda al panico. Venivano gettati in acqua gli “atolli”. Ormai però il fuoco era inarrestabile. Intanto i passeggeri cercavano scampo dal fuoco in ogni angolo dell’aliscafo. Poi, i più giovani, hanno cominciato a buttarsi in acqua. Intanto, nell'attesa del soccorsi, l'aliscafo era avvolto dalle fiamme.
Il segnale di soccorso lanciato dal capitano, veniva, intanto, raccolto a terra, dal traghetto “Bellini”, da almeno due o tre mercantili e da motoscafi di altura che transitavano nella zona. È stato subito un accorrere generoso. L’aliscafo “Freccia di Sicilia”, che, proprio in quel momento, incrociava il mezzo “gemello”, si era fermato di botto e si era avvicinato lanciando in mare salvagente, funi, battellini autogonfiabili e tutto quanto poteva galleggiare. Sul “Freccia di Messina”, nel frattempo, il fuoco aveva raggiunto proporzioni gigantesche e non c’era più un angolo per ripararsi. Molti passeggeri, erano aggrappati sulle scalette e sulle strutture della poppa, facevano grandi gesti e continuavano a buttarsi in mare. Dall’aliscafo “Freccia di Sicilia”, intanto, si erano buttati in mare anche un gran numero di volontari, oltre ad alcuni uomini di equipaggio. Scene di panico ed episodi di grande coraggio.
Lo SOS, intanto, era stato già raccolto anche dal Comando militare marittimo autonomo della Sicilia, dalle stazioni radio dei carabinieri, della polizia e dei vigili del fuoco. Si levavano in volo due elicotteri della Marina, un elicottero dei carabinieri e uno della polizia. Prendevano il largo anche alcuni rimorchiatori e motovedette della capitaneria di Porto di Messina e di Milazzo. Gli ultimi passeggeri a buttarsi a mare erano i più anziani, ma alla fine tutti erano in acqua, compresi gli uomini dell’equipaggio e il capitano. Il ritardo a buttarsi fuori bordo dall’aliscafo era stato fatale per le tre vittime Adele Di Pietro, 60 anni; Aurelia Leone, anche lei sessantenne; Angela Manasseri, di 55 anni, di San Fratello.
La Manasseri e la Leone, aggrappate alla scaletta di poppa, quando l’hanno fatto avevano i vestiti che stavano già bruciando. Erano, quindi, già orrendamente ustionate. I soccorsi le hanno ripescate in acqua quando, ormai, non c’era più niente da fare ed è stato difficile anche identificarle perché, trascinate dalle onde, avevano perso vestiti e documenti.
Lentamente, tutti coloro che si trovavano in mare, venivamo comunque soccorsi, ad uno ad uno, dagli uomini dell’ormai imponente gruppo di barche, navi e motoscafi e rimorchiatori che continuavano a giungere nella zona, mentre il “Freccia di Messina” continuava a bruciare.
Tutti i naufraghi vengono trasportati all'ospedale di Milazzo; i feriti erano tutti in buone condizioni e nei due giorni successivi lasceranno l’ospedale.
Il relitto dell'aliscafo, trainato nel porto di Milazzo, era un ammasso di rottami irriconoscibili, L'incendio, sviluppatosi nella sala macchine, aveva ridotto l'aliscafo ad una chiatta.
Il giorno dei funerali a Lipari il consiglio comunale proclama il lutto cittadino, in tutte le isole, scuole e negozi rimangono chiusi. I funerali delle due vittime della sciagura, quelli di Aurelia Leone e Adele Di Pietro,  a Pianoconte e a Quattropani si svolgono di fronte ad una folla commossa e silenziosa, ciò non evita le polemiche. Sott'accusa erano la precarietà dei collegamenti fra Milazzo e l'arcipelago delle Eolie, fino al giorno prima legate al funzionamento dei servizi, dopo la tragedia si aggiungevano anche i timori per la sicurezza dei passeggeri amplificati dall’incidente del giorno successivo.
Ero sull’aliscafo “Freccia di Sicilia” e non dimenticherò mai quello che ho visto quel giorno; l’aliscafo in fiamme, la gente attaccata alle sbarre di poppa dell’aliscafo che bruciava, lo sguardo impaurito e pieno di panico di tante persone che conoscevo. L’abbraccio liberatorio quando li abbiamo tirati a bordo. 

Buon Compleanno!

Auguri a Fiorella Paino, Saida El Fanidi, Giulia Parisi, Gisella Ballato, Armando Vernuccio, Salvatore Torre, Manuela Nastasi, Galliano Rizzo, Noemi Zaia, Stefania Marino, Tindaro Borrello, DanyIole Rifici, Simone Merlino.

La Chiesa festeggia oggi San Barnaba


Oggi è l'11 giugno. Buongiorno con questo tramonto su Filicudi e Alicudi (foto: Tiziana Artale)


mercoledì 10 giugno 2020

Acquacalda: In serata ditta Edilfonti completerà la "gettata" sul lungomare. Poi bisognerà attendere i tempi tecnici per la riapertura.



 
Nonostante l'ora, sono le 20 e 25 nel momento in cui scriviamo, la ditta Edilfonti è ancora al lavoro ad Acquacalda per completare, in serata, la cosiddetta "gettata" di cemento che conclude il lavoro effettuato dall'impresa sull'arteria della frazione, a partire dal 2 Giugno.
Adesso bisognerà attendere i tempi tecnici necessari, gli indispensabili sopralluoghi e verifiche  ed altri eventuali accorgimenti da apportarsi, affinchè la strada torni fruibile e ricolleghi le due parti del paese, "separate" dalla mareggiata dal dicembre scorso