Cerca nel blog

sabato 28 marzo 2020

Stromboli, trabocco lavico in corso.

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che le reti di monitoraggio hanno registrato alle ore 18:35 (17:35 UTC), un trabocco lavico dalla terrazza craterica. A partire dalle 17:00 UTC circa, dalle telecamere di sorveglianza si osserva un trabocco lavico dall'area nord della terrazza craterica dello Stromboli. 
Il fronte del trabocco causa il rotolamento di materiale incandescente lungo la Sciara del Fuoco. 
L'ampiezza del tremore vulcanico non mostra variazioni significative associate.

Conte : 4,3 mld ai Comuni e 400 mln per le persone in difficoltà. Su Eolienews la conferenza stampa del Presidente del Consiglio con il ministro Gualtieri


Tg webEolie del 28 marzo. Conduce Salvatore Sarpi. Per visualizzare il tg cliccare sulla foto o sul titolo

Tenta di farsi passare per il fratello, arrestato dai Carabinieri

(COMUNICATO)  Nel quadro dei controlli finalizzati a garantire il rispetto delle prescrizioni emanate con i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8, 9, 11 e 22 marzo e del Decreto Legge n.19 del 25 marzo 2020 in materia di contenimento dell’emergenza sanitaria per contrastare la diffusione del virus Covid-19, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato in flagranza di reato il 30enne P.C., già noto alle forze dell’ordine, ritenuto responsabile del reato di false attestazione o dichiarazione ad un pubblico ufficiale sulla propria identità.
Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno controllato un’auto che percorreva la SS 114 nei pressi del Torrente San Filippo. Il conducente, sprovvisto di documenti di identità e di patente di guida, dichiarava ai militari di essere il proprietario dell’auto controllata e lo attestava nell’autodichiarazione relativa ai motivi del suo spostamento consegnandola ai militari.
Tuttavia, nel corso dei controlli finalizzati a verificare i motivi addotti per giustificare il suo spostamento, attraverso l’immediata consultazione delle banche dati effettuata sul posto con il tablet in dotazione, i Carabinieri hanno accertato che l’uomo fermato non era chi aveva attestato di essere ma bensì il fratello. Inoltre appuravano che questi aveva la patente sospesa poiché non aveva effettuato gli accertamenti volti alla revisione del titolo abilitativo alla guida.
L’uomo è stato, pertanto, arrestato in flagranza per il reato di false attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità o su qualità personali proprie o di altri, reato per il quale è prevista una pena fino a sei anni di reclusione. Inoltre a suo carico è stata elevata la sanzione amministrativa prevista dal Codice della Strada poiché guidava con patente sospesa per mancata revisione nonché la sanzione amministrativa prevista dall’art. 4 del DL nr.19 del 25 marzo 2020, poiché fuori dalla propria abitazione senza un giustificato motivo, contravvenendo all’obbligo di rimanere a casa in relazione all’attuale emergenza sanitaria.
L’uomo è stato condotto presso il proprio domicilio in regime di arresti domiciliari e, questa mattina, è comparso innanzi al Giudice del Tribunale di Messina per l’udienza di convalida all’esito della quale l’arresto operato dai Carabinieri è stato convalidato e l’uomo è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Coronavirus: l’aggiornamento del 28 marzo in Sicilia, 1.242 attuali positivi, 60 guariti, 18 deceduti.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 17 di oggi (sabato 28 marzo), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi validati dai laboratori regionali di riferimento sono 13.096.
Di questi sono risultati positivi 1.359 (+99 rispetto a ieri), mentre, attualmente, sono ancora contagiate 1.242 persone (+74).
Sono ricoverati 512 pazienti (+12 rispetto a ieri), di cui 71 in terapia intensiva (-4), mentre 730 (+62) sono in isolamento domiciliare, 60 guariti (+7) e 57 deceduti (+18, ma riferito agli ultimi due giorni).
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

"IO CARCERATO DA A.S.P 5 MESSINA". Ci scrive Marco Lo Schiavo

Riceviamo e pubblichiamo: 
Il sottoscritto Lo Schiavo Marco, nato a Lipari e residente a Lipari, 14 giorni fa è rientrato dall’ Australia per motivi di visto in scadenza ed ha rispettato tutte le regole Regionali, Comunali e Ministeriali. 
Oggi 28/03/2020 ho finito la mia quarantena, rispettando tutte le procedure che erano da decreto e ordinanze. Per avere la libertà limitata come i miei paesani, a quanto pare il tampone cautelativo da procedura finita la quarantena, mi verrà fatto se mi va bene mercoledì P.V. pertanto e nei fatti, dovrò fare se mi va bene altri 4/5 giorni di “CARCERE SANITARIO” per mala sanità non dovuta. Questa è l’organizzazione dell’ A.S.P 5 DI MESSINA.
Io rispetto le regole e loro non sono organizzati.
Cordiali Saluti
Lo Schiavo Marco

Sabatini: "Dopo il 3 aprile si individuino sul territorio comunale ulteriori categorie che possano tornare a lavorare".

Riceviamo e pubblichiamo:
Ritengo doveroso, e non per protagonismo, esporre sinteticamente quanto a mio avviso sarebbe necessario ottenere dopo la fatidica data del 3 aprile.
Non è LA soluzione né una ricetta magica. È una necessaria azione politica che la nostra comunità, attraverso l’autorevole voce del Sindaco, deve chiedere alle autorità costituite, e cioè il riconoscimento di alcune deroghe per una parte delle categorie produttive della nostra comunità al momento “indenne” al Coronavirus, grazie all’azione del Sindaco e della Sua Amministrazione.
Condivido totalmente quanto il Sindaco ha fatto per garantire la nostra incolumità, lo stop degli arrivi di “esterni” ed il rispetto tassativo del Decreto Presidenziale, e questa “chiusura” dovrà continuare ad essere attuata fino a quando sarà necessario.
Premesso ciò, credo che dopo il 3 aprile si possa, anzi si debba, necessariamente valutare l’opportunità di consentire ad alcune categorie di tornare ad una “pseudo normalità”, di tornare a produrre “reddito” per le proprie famiglie. Non certo un “rompete le righe”, non certo una totale libertà di azione, ma l’individuazione di ulteriori categorie - oltre quelle già individuate nel DPCM - che in considerazione dell’assenza del virus nel nostro territorio possano tornare a lavorare e produrre per sostenere le proprie famiglie.
Adolfo Sabatini (consigliere comunale)

Coronavirus: 100 milioni dalla Regione per le famiglie disagiate.

Cento milioni di euro dalla Regione Siciliana per consentire alle famiglie disagiate di accedere all'assistenza alimentare. Lo ha deciso il governo Musumeci, riunito in mattinata a Palazzo Orleans, in seduta straordinaria e urgente.
"Si tratta di una prima necessaria risposta che vogliamo dare per consentire a migliaia di famiglie siciliane, ormai esasperate, di far fronte almeno alle immediate esigenze alimentari. Speriamo che arrivino prestissimo anche gli interventi dello Stato, da me più volte sollecitati. In queste settimane di paralisi - aggiunge il governatore - sono cresciuti a dismisura nella nostra Isola i nuclei familiari più fragili e maggiormente disagiati, quelli cioè che stanno soffrendo più di tutti la perdurante crisi dovuta all'emergenza Coronavirus. Famiglie che in parte si aggiungono alle altre 450 mila dichiarate povere in Sicilia, secondo i dati dell’Istat.
Le risorse verranno assegnate, in più tranche, a tutti i Comuni, che nella distribuzione - si legge nella delibera - dovranno prestare particolare riguardo “alle nuove povertà determinate dalle famiglie che non percepiscono più alcun reddito, compreso quello di cittadinanza, e alcuna altra assistenza economica o sanitaria”.

Coronavirus: arriva l'app per monitorare contagio

Si chiama "Sicilia si cura" ed è l'applicazione digitale dedicata al monitoraggio attivo di uno dei principali veicoli di ingresso del virus: i contagiati asintomatici che inconsapevolmente agiscono da moltiplicatori di esposizione al rischio da Covid-19.
Quanti, con grande senso di responsabilità, si sono registrati attraverso i canali messi a disposizione dalle autorità sanitarie, come il sito www.siciliacoronavirus.it, riceveranno in queste ore via sms e mail un username e un link per la creazione della password che permetterà l'accesso alla webapp.
Gli utenti registrati potranno far conoscere il loro stato di salute aggiornandolo fino a due volte al giorno, avranno la possibilità di fornire ogni informazione utile su contatti con altre persone, il luogo in cui si trovano in isolamento creando così un flusso continuo di informazioni fondamentali per il sistema di gestione dell'emergenza.Il tutto nel pieno rispetto della privacy.
L'obiettivo è quello di fornire ogni assistenza necesssaria, ma anche prevenire l'insorgenza di eventuali focolai nel territorio siciliano. Per utilizzare il servizio, intatti, l’utente, utilizzando il proprio smartphone o tablet, dovrà essere geolocalizzato nel territorio della Regione Siciliana.
Il servizio è stato messo a punto dalla Regione Siciliana attraverso la sinergia tra assessorato della Salute e Protezione civile regionale e a breve sarà disponibile anche una versione scaricabile dagli store digitali.

Buon Compleanno!

Auguri a Salvatore Spartà, Olinda Spano, Alice Paratore, Gaspare Caliri, Rosa Abbate, Josie Merlino, Salvatore Milazzo, Eleonora Basile, Moira Biviano, Alessandra Falanga

“Milazzo zona rossa? Si, se i contagiati ci passano sotto il naso!”. Giorgianni chiede rettifica a giornale on line del milazzese

RICHIESTA DI RETTIFICA
In riferimento all’articolo “Milazzo zona rossa? Si, se i contagiati ci passano sotto il naso!” pubblicato sul sito di informazione www.terminalmilazzo.com, si ritiene che i contenuti riportati dallo stesso, rispetto a quanto accaduto ieri al terminal aliscafi, siano del tutto privi di fondamento e travisino in maniera ingannevole e fallace la verità dei fatti, in particolare laddove si asserisce la quarantena delle due persone provenienti da fuori regione e diretti alle Eolie, senza specificare e chiarire che trattasi di quarantena precauzionale, come disposto dal Presidente della Regione Siciliana per tutti coloro che accedono al territorio siciliano da altre regioni e NON una quarantena obbligata da una accertata positività a coronavirus o una quarantena dovuta alla presentazione di sintomi sospetti.
Le due persone, il giorno precedente, erano stati posti in isolamento fiduciario a Milazzo, dopo i necessari contatti tra i Sindaci di Milazzo e Lipari, per garantire la sicurezza delle stesse e dei Milazzesi, all’interno di una struttura indicata dal Comune di Milazzo, a causa del fermo dei mezzi nautici per condizioni meteomarine avverse che non gli hanno permesso il rientro immediato presso la propria abitazione: una misura tesa ad assicurare il giusto annullamento di qualsivoglia contatto sociale, come garanzia della pubblica tutela, non avendo alternative diverse se non quella di lasciare “in giro” queste persone – cosa tra l’altro non consentita né dalla legge né dal buon senso.
La mattina del 27 marzo 2020, la coppia ha raggiunto l’agenzia degli aliscafi, pur non essendo questo previsto per norma, con l’intenzione di partire e raggiungere il proprio domicilio per proseguire lì la suddetta quarantena precauzionale, dopo aver eseguito, come da protocollo per tutti i passeggeri, i controlli medici e della temperatura presso il presidio sanitario istituito nello stesso porto di Milazzo.
Sono stati opportunamente segnalati alle Forze di Polizia, a cui non è data tuttavia dalla legge la possibilità di procedere a fermo o arresto, tantomeno è data alle Amministrazioni locali, le quali possono effettuare le giuste sanzioni e denunce del caso.
Le due persone sono state fatte imbarcare separatamente dagli altri passeggeri, attesi a Lipari dalla Polizia Municipale che li ha scortati fino alla propria abitazione per proseguire l’isolamento domiciliare precauzionale così come previsto dalla norma
Per tutto quanto sopra descritto, si chiede di rettificare immediatamente i contenuti dell’articolo, concedendo alla rettifica della suddetta notizia opportuno spazio e pari visibilità.
Lipari, 28 marzo 2020
Il Sindaco
Marco Giorgianni

                                                                               

Torna l'ora legale. Lancette avanti di un'ora.

Lancette avanti di un'ora tra oggi, sabato 28 e domenica 29 marzo. Alle 2 (che diventeranno quindi le 3) del 29 marzo entrerà infatti l'ora legale, che terminerà l’ultima domenica di ottobre, cioè il 25 ottobre.

Ginostra, l'approdo aliscafi "prende forma". La soddisfazione di Mario Lo Schiavo.

E' stato installato nel porto di Ginostra (Stromboli) lo "scheletro" per il respingente dell'approdo aliscafi. Grande soddisfazione per i lavori, che una volta ultimati consentiranno ai mezzi veloci di poter approdare nel piccolo borgo, è stata espressa dal ginostrese Mario Lo Schiavo, da sempre in prima linea per rivendicare i diritti della sua gente e che, anche in questo caso, affinchè si arrivasse alla risoluzione della problematica, non è stato certo con le mani in mano, sollecitando, a più riprese, senza "sbandieramenti", i vari organismi. Lo Schiavo - che abbiamo contattato - coglie l'occasione per ringraziare quanti si sono attivati per il ripristino che, per Ginostra, è vitale, specie in casi d'emergenza. 

Comunicato esplicativo dell'amministrazione Giorgianni in materia di spostamenti da e per le isole e controlli in base alle normative vigenti.

COMUNICATO STAMPA
Al fine di meglio chiarire le disposizioni in materia di spostamento da e per le Isole del Comune di Lipari, in base alle normative nazionali e regionali e all’applicazione delle ordinanze sindacali in materia di misure di contenimento del contagio da virus Covid-19, si specifica quanto segue.
- Le persone possono far rientro sul territorio del Comune di Lipari SOLO per i motivi previsti dalla legge ovvero situazioni di assoluta necessità, comprovate esigenze lavorative e motivi di salute documentati, e per cui è obbligatorio produrre autocertificazione.
- Tutti i viaggiatori in arrivo o in partenza sono sottoposti a controllo sanitario al porto di Milazzo.
- Lo strumento, stabilito per legge, discriminante rispetto al poter o non poter viaggiare è l’autocertificazione: coloro che hanno diritto a viaggiare lo potranno fare in base a quanto dichiarato nella propria autocertificazione, di cui si prendono la responsabilità, dichiarando inoltre di essere a conoscenza delle normative e delle conseguenze sanzionatorie economiche e penali.
- Le agenzie non sono tenute ad emettere il biglietto se le autocertificazioni non sono conformi a quanto previsto dalla legge. Non possono rifiutarsi di emettere il biglietto se con l’autocertificazione il cittadino attesta il proprio diritto di viaggiare.
- In via straordinaria e unica nel territorio della Regione Sicilia, le biglietterie trasmettono al Sindaco l’elenco dei viaggiatori e delle autocertificazioni per ogni corsa in tempo reale, così da poter immediatamente effettuare un ulteriore controllo sulla veridicità di quanto dichiarato e predisporre immediati controlli su casi sospetti.
- Le Forze dell’Ordine che verificano le autocertificazioni presso le agenzie non possono fare scattare e concludere una indagine sulla validità di ciò che tutti i passeggeri dichiarano, ma se il Sindaco o l’Amministrazione effettua una segnalazione o le Forze dell’Ordine hanno un immediato riscontro sulla infondatezza delle dichiarazioni, eseguono la giusta verifica sul rispetto delle norme e, in caso di violazione, procedono con la multa o la denuncia. Non è previsto dalla legge nè l’arresto o il fermo né l’accompagnamento coatto.
- L’indirizzo da parte dell’Amministrazione è quello di far svolgere la quarantena a Milazzo, in quanto Comune in cui ne viene verificato l’obbligo a chi non ha il diritto legale di arrivare alle Eolie, presso struttura alberghiera come da indicazione della Regione Siciliana. Non esiste, tuttavia, legge o norma che permetta alle Forze dell’Ordine, tantomeno a una Amministrazione locale, di impedire a un domiciliato o residente di raggiungere la propria abitazione salvo denunciarli, anche penalmente, in caso di violazione delle disposizioni.
- L’Amministrazione effettua quanti più controlli possibile con la Polizia Municipale per denunciare chi contravviene alle norme, accompagnare ciascun soggetto presso la propria abitazione e vigilare sulla quarantena con accertamenti regolari sull’effettivo isolamento di chi è posto in quarantena e sui rispettivi familiari, seppur quarantena precauzionale.
- Non esiste legge o possibilità per le Forze dell’Ordine, tantomeno per una Amministrazione locale, di rimandare indietro un domiciliato o residente, come i casi di tutta Italia hanno ampiamente dimostrato, salvo che si tratti di una zona rossa definita e chiusa da Ordinanza del Presidente della Regione o da Decreto del Presidente del Consiglio perché area di focolaio.
Per tutto questo, con ancora più forza e determinazione, invitiamo TUTTI al più serio e rigido rispetto delle regole a tutela della salute di se stessi, dei propri familiari e di tutta la comunità.
L’Amministrazione Comunale

Bonus di 600 euro? Nessuno dei lavoratori stagionali eoliani ne potrà usufruire. Lettera aperta di Maurizio Turcarelli.

Riceviamo e pubblichiamo:
Egregio Signor Sindaco, Assessori, consiglieri Comunali tutti
Nella sua comunicazione del 27/03/2020 Lei ha cercato di spiegare le modalità di accesso al bonus Inps da 600 euro.
Credo di aver capito che ne avranno accesso solo coloro i quali che a marzo dello scorso anno già avevano un rapporto lavorativo, quindi dei lavoratori stagionali praticamente NESSUNO ne potrà usufruire, poiché sul nostro territorio è credo anche nelle altre isole minori i rapporti lavorativi vanno a concretizzarsi sempre dopo la Santa Pasqua che è indice per la grande maggioranza delle attività turistico ricettive di affluenza per la stagione in avvenire.
Visto che ci sarà per il mese di aprile un'altro decreto, sarebbe opportuno insieme ad altri Sindaci delle isole minori chiedere al Governo centrale una prosecuzione della NASPI, questo sarebbe opportuno se vuole aiutare la comunità degli stagionali, Si rischierebbe di attendere fino la fine di maggio per la maggior parte dei lavoratori che potranno accedere ad un qual si voglia forma di aiuto.
Mi permetto di suggerirle in merito alla convocazione del Consiglio Comunale la sede del palacongressi.
Nella speranza di superare presto questo momento, e nella speranza che tutto ciò non divida, ma unisca la nostra comunità ancora e meglio di prima
Grazie agli operatori sanitari
Grazie a tutte le forze dell'ordine
Grazie a voi rappresentanti delle istituzioni.

Maurizio Turcarelli

Malati di arroganza e maleducazione!! (di Giorgio Giuffrè, medico)

In queste ore di grande preoccupazione per la nostra salute, ho assistito ad una scena vergognosa di due signori un uomo ed una donna, mentre aspettavo il mio aliscafo per rientrare nella mia residenza a Salina di rientro dal mio lavoro in Ospedale, erano le ore 9,45 di ieri, due persone scendono dall’aliscafo accompagnate dal comandante, entrambe con mascherine, giunti in banchina l’uomo comincia ad urlare contro il Comandante dall’aliscafo, accusandolo a suo dire di averli maltrattati, mortificando la loro dignità per averli costretti ad essere ospitati sul ponte di comando dell’aliscafo.
Appena scesi, accolti dalle forze dell’ordine, che stavano facendo controlli serrati a tutti i passeggeri in arrivo, il signore urlando ed imprecando contro il comandante chiedeva del sindaco, voleva essere portato subito dal Sindaco per protestare e procedere alla denunzia del comandante, che, da gran signore non ha per nulla ribattuto, ma sensibilmente provato, ha solo detto, questo è il ringraziamento per averli ospitati sul ponte e su questo aliscafo.
Credo di avere intuito che fossero in quarantena fuori isola è che rientrassero al domicilio.
Questa è la cronaca. Vergogna è il mio commento. Sono Medico del Ps a Lipari e solo Dio sa quali sforzi si stanno facendo per arginare questa terribile pandemia, ed a quali rischi siamo esposti, noi sanitari e tutta la popolazione. 
Il comportamento di questi “Signori” ha messo e mette in pericolo la vita di tanti Liparesi per la salvezza della quale sto spendendo tutte le mie energie. La quarantena dei Signori probabilmente si concluderà con un tampone negativo, avranno scansato il virus ma resteranno malati di arroganza e maleducazione!!! VERGOGNA!!!

Giorgio Giuffrè, medico (Responsabile FIMMG ES)

I 90 anni della grande poetessa Amelia Rosselli, figlia dell'antifascista Carlo. (di Davide Cortese)


Oggi ricorrono i 90 anni dalla nascita di Amelia Rosselli, la più grande poetessa italiana del Novecento, come viene ormai unanimamente riconosciuta e come è stata definita dallo stesso Pasolini che l’ha scoperta. Forse non tutti sanno che la Rosselli è stata concepita alle Isole Eolie, a Lipari, durante il confino politico del padre antifascista Carlo, recluso nell’isola insieme al fratello Nello, per aver organizzato, con Ferruccio Parri e altri attivisti, l’espatrio degli antifascisti Turati e Pertini in Francia. La madre di Amelia, l’inglese Marion Cave, aveva raggiunto l’isola col figlio più grande: John, per stare accanto al suo Carlo. È nei giorni di confino a Lipari, dunque, che ha avuto inizio la tormentata storia di Amelia Rosselli, che alla tenera età di sette anni perderà il padre e lo zio, a causa dell’assassinio ordinato da Mussolini, a 19 anni perderà la madre e pochi anni dopo l’amato Rocco Scotellaro. La Rosselli si porterà dietro per tutta la vita queste ferite, fino a farne bandiere della sua poesia. Le verrà diagnosticata una schizofrenia paranoide che non vorrà mai accettare. Vivrà divisa tra le sue ossessioni, gli smarrimenti, le voci che udiva, le fascinazioni per le sedute spiritiche e l’I ching e la paura di essere spiata dalla CIA,  fino al suo suicidio a Roma nel 1996, l’11 febbraio, proprio come Sylvia Plath, amata poetessa che lei aveva tradotto. Si gettò dalla finestra del suo appartamento romano, dal quinto piano di un palazzo in via del Corallo, nei pressi di Piazza Navona. 
Lo scrittore e poeta Renzo Paris, suo intimo amico, ha raccontato Amelia Rosselli con grande commozione e sensibilità, in un bel libro appena uscito per Neri Pozza, intitolato “Miss Rosselli”. “Se l’amicizia è una forma d’amore, Miss Rosselli è una lettera d’amore”, scrive la scrittrice Nadia Terranova, nella sua recensione al libro di Paris su Il Foglio. 
La foto della copertina di “Miss Rosselli” è stata scattata alla poetessa da Dino Ignani - noto ormai come “il fotografo dei poeti”- e riesce a rendere iconico un muto dialogo con il tormento. 
Poiché a  Lipari, a Carlo e Nello Rosselli è stata intitolata la scuola primaria di Quattropani, chiudo questo ricordo con un augurio e una proposta: una volta superata questa drammatica emergenza legata al Covid-19,  la comunità eoliana potrebbe ritrovarsi unita per un gioioso e liberatorio momento di festa,  nell’occasione dell’intitolazione di una via dell’isola ad Amelia Rosselli. Rappresenterebbe di certo un degno tributo a una grande voce della poesia italiana legata indissolubilmente alla storia delle nostre Eolie. 
L’immaginazione torturata si tormentava
gli idilli nascevano e si tramutavano
in fantascientifico dubbio o nausea
e l’amore era un gioco di scacchi.
Il fantasma che regnava nella casa vuota
il fiero dedicarsi ai combattimenti
tutto prendeva una piega imprevista
se il dolor di capo ricominciava.
È nel voler dar fiducia e nel dover
toglierla, il perpetuo scacco della
regina: non ha fiducia, né può darla
mentre i lustrascarpe s’industriano.
Gli alberi assassini s’accovacciano,
foglie libere e deliberate hanno conti
aperti col vento; e l’ira della regina
si tramuta in angoscia col vento!
Il vento stesso si tramuta in libidine
col vento!
Amelia Rosselli
da “Documento” (1966-1973), in “Amelia Rosselli, Le poesie”, Garzanti, 1977

E' deceduta Giuseppina Corda.

Le onoranze funebri sono a cura della ditta Alfa e Omega di Lipari.
La famiglia Sarpi ed Eolienews partecipano al dolore dei suoi cari e porgono sentite condoglianze.

lL'mportanza di avere un sistema immunitario efficiente contro il Covid19 (di Lucy Iacono, dottoressa)

Ci troviamo in una situazione sanitaria storica, dove le misure ministeriali per contenere l’emergenza epidemiologica da Covid-19 sono fondamentali, così come la loro osservanza.

Non avendo ancora l’antidoto farmacologico specifico contro l’agente eziologico responsabile di questa pandemia è opportuno seguire delle regole: limitare le uscite al necessario, indossare i DPI per limitare il rischio biologico, praticare la disinfezione delle superficie con soluzioni alcoliche o ipoclorito di sodio, effettuare un lavaggio antisettico corretto delle mani della durata di circa due minuti con soluzione antimicrobica e potenziare il SISTEMA IMMUNITARIO, al fine di contenere il contagio e fronteggiare l’infezione. Come?? Seguendo uno stile alimentare equilibrato, ricco di cibi salutari, appartenenti alla Dieta Mediterranea, dichiarata nell’anno 2010 dall’UNESCO “Patrimonio immateriale culturale dell’umanità”, essa contrariamente alla moderna alimentazione ricca di grassi animali, colesterolo, alcool, proteine animali, zuccheri semplici, conservanti, cibi raffinati e sale è basata su alimenti con basso indice glicemico, grassi di origine vegetale, fitoestrogeni, fibre vegetali, ridotti quantitativi di zuccheri semplici, prebiotici e probiotici naturali, antiossidanti tra cui tocoferoli, carotenoidi, acido ascorbico e polifenoli. Tali prodotti riducono gli eventi vascolari, la degenerazione cronica delle arterie, il decadimento cognitivo, il diabete e infine rafforzano il sistema immunitario e riequilibrano il prezioso Microbiota intestinale.

Pertanto è opportuno assumere quotidianamente:

- Vitamina C: agrumi (acqua e limone al mattino), kiwi, fragole, ananas, crucifere (broccoli, cavolfiore, brassica fruticolosa “rapuddi” da Noi J ) coriandolo, peperoncino, timo, capperi, peperoni etc..

- Vit D: latte, formaggi, salmone, sardine, gamberi, aringhe, esponiamoci al sole 20 min. al dì.

- Carotenoidi: zucca, broccolo, peperoncino, pomodori, carote…

- Vit. E: verdure (asparagi, biete, cime di rapa, spinaci), avocado, frutta secca (mandorle, pinoli), olio di oliva, olio di cocco, orzo, capperi….

- Vit B6 e B12: pesce preferibilmente fresco, carni magre, uova, legumi, cereali integrali…

- Ferro: lenticchie, cicerchie, amaranto, uova, pesce azzurro, spinaci..

- Probiotici e Prebiotico: yogurt con probiotici, kefir..

- Arginina: carni rosse e bianche, latte e latticini, mandorle, pistacchi, noci nocciole, anacardi, banane, cipolle, legumi secchi.

- Glutatione: sintetizzato dal nostro corpo, ma contenuto anche mele, curcuma, cumino, cardamomo, cannella (ottimo alleato è il mix di cannella, miele e limone).

- Zinco: pesce, legumi, frutta secca e semi, avena, tuorlo d’uovo, cacao, funghi

- Selenio: patate, funghi, pesce, noci del Brasile.

- Resveratrolo: anche se le dosi eccessive sono tossiche perché è sempre la dose che fa il veleno, un buon bicchiere di vino rosso ci protegge dai radicali liberi trasformandoli in specie stabili.

Ed allora “sglobalizziamoci”!! Le farine bianche (raffinate, sbiancate, provenienti da grani esteri a volte ricchi di micotossine L) sostituiamole con quelle integrali, gli zuccheri semplici con quelli complessi, il sale limitarlo al minimo, preferire sempre quello integrale o rosa. Insomma tutto ciò che bianco candido non è salutare e naturale. E’ consigliato evitare i grassi saturi che aumentano il rischio di sindrome cardiometabolica, mentre è consigliabile incrementare il consumo di pesce azzurro per l’alto contenuto in acidi grassi polinsaturi.

Consumare regolarmente i legumi assicura un apporto di proteine vegetali e di fibre, sostituendo un “secondo piatto” di carne, per esempio. Accompagnare i pasti principali con una buona porzione di verdure di stagione, preferibilmente a foglia verde ed a km 0, sia cotte che crude, irrorate con il succo di limone (ricco di acido ascorbico) favorente l’assorbimento di Ferro. La fibra favorisce la regolarità intestinale, eliminando scorie, riducendo l’assorbimento di lipidi e assicurando una buona dose di Vitamine.

Assumere giornalmente frutta preferibilmente di stagione, evitando di acquistare frutti che soddisfano la vista del consumatore, ma poco salubri solitamente, troppo perfetti, lucidi, “finti”. Meglio un frutto imperfetto che uno cerato lucido, magari intossicato dai prodotti chimici!

Variamo i cibi, poiché non esiste alimento completo di tutti i principi nutritivi di cui l’organismo ha bisogno.

Un’importanza particolare va all’alimentazione degli anziani, i quali secondo i dati forniti risulterebbero appartenenti alla fascia più a rischio per infezione da Coronavirus, sia per le eventuali complicanze pregresse associate alla debilitazione fisica, all’inappetenza tipica degli stessi, pertanto ad un’alimentazione deficitaria di alimenti pilota per supportare una risposta immunitaria. Essenziali sono i suddetti consigli, oltre ad una corretta idratazione.

Un’altra componente deleteria per il nostro sistema immunitario e per il nostro prezioso microbiota intestinale è lo Stress: aumentando i livelli di cortisolo, di adrenalina e noradrenalina ed il rischio di contrarre malattie infettive ed alterazioni delle normali funzionalità intestinali.

Nel contempo che l’emergenza rientri, sperando presto, ottimizziamo il nostro tempo per praticare, sviluppare degli hobbies costruttivi e distensivi, dando un valore importante alla VITA ed alla nostra Salute.

Dott.ssa Lucy Iacono

Supermercati D’Anieri – Decò: fino al 5 aprile consegne gratuite a domicilio per anziani, disabili, ammalati e persone in quarantena

Alla luce delle ordinanze del presidente della Regione e del sindaco di Lipari , visto il momento di difficoltà dovuto al COVID-19 , i Supermercati D’Anieri Bartolo sempre vicini ai clienti e al servizio della comunità , comunicano che da lunedì 9 marzo fino al 5 aprile , saranno effettuati gratuitamente il servizio consegne a domicilio e il servizio ordini telefonici (090-9811587 ) per le persone con più di 70 anni , per le persone disabili , per le persone con gravi patologie e per tutti coloro che si troveranno in quarantena.
In conformità con il decreto della presidenza del consiglio dei ministri del 1 marzo 2020 , con oggetto misure urgenti , si ricorda alla gentile clientela di rispettare una distanza minima con gli altri clienti del negozio.

Il sorriso e la spontaneità dei bimbi: un motivo in più per combattere e vincere (XXXXVI° pubblicazione)

I bambini della scuola dell'infanzia di Lipari centro (sez.C)

Santo del giorno: Santo Stefano Harding.

Nacque nel 1059, da una nobile famiglia sassone dal nome Harding, a Merriot, nei dintorni di Sherborne, nell'Inghilterra Meridionale. Viaggiò molto e fin dalla più tenera età, fu attratto dalla vita monastica, prese i voti nell'abbazia benedettina di Sherborn.
Dopo l'invasione normanna lasciò la vita monastica trasferendosi in Scozia divenendo uno studioso itinerante. Si trasferì infine nell'abbazia di Molesme in Borgogna, sotto l'abate San Roberto di Molesme .
Stephen Harding fu una delle figure più significative dei primi decenni della storia cistercense viaggò in Francia a Parigi per completare gli studi, e a Roma in un pellegrinaggio penitenziale accompagnato da un giovane chierico, prima di rientrare nella vita monastica a Molesme, per poi partire con i fondatori del Nuovo Monastero di Citeaux. Dal 1108 al 1133, periodo della prima espansione cistercense, prestò servizio come abate e, secondo alcuni, il genio formativo dietro l'Ordine cistercense.
Di ritorno da Roma, verso l'Inghilterra, si fermarono nell'abbazia di Molesme in Borgogna, dove fecero la conoscenza dell'abate benedettino Roberto di Molesme che tentava di riformare lo spirito cluniacense, considerato ormai poco vicino all'ispirazione dello spirito monastico benedettino.
Egli aveva fondato in un clima di particolare austerità proprio a Molesme nel 1075 il monastero: fu questa una caratteristica che attirò l'interesse del giovane Stefano, che decise di fermarsi.
Con il tempo la prosperità economica e le numerose filiazioni dell'abbazia di Molesme allontanarono l'abate Roberto, e altri monaci tra cui Stefano, inducendoli a lasciare Molesme per fondare un nuovo monastero, più vicino ai principi che si erano persi.
Nel 1098, una volta ottenuta l'approvazione dell'arcivescovo di Lione Ugo, Roberto, Alberico e Stefano Harding fondarono un nuovo monastero a Citeaux. Era stato fatto loro dono di un terreno ad opera del visconte Rinaldo di Beaume, si pensa fosse un parente dello stesso Roberto, e aiuti materiali anche da parte del duca di Borgogna, Eudes.
A seguito della partenza del famoso abate Roberto dal monastero di Molesme ci fù in tutta la regione molto scalpore e disonore all'abbazia. Per questo motivo i monaci di Molesme si rivolsero direttamente al papa Urbano II chiedendogli che ordinasse a Roberto di tornare a Molesme come abate.
Nel 1099 Roberto, lasciò Citeaux per tornare definitivamente a Molesme. Gli successe come abate a Citeaux Alberico, che guidò la congrega fino alla sua morte, avvenuta nel 1109. Alla sua morte fu eletto abate Stefano Harding. Fu proprio quest'ultimo che portò una fase di cambiamento al nuovo monastero attraverso la famosa Charta Caritatis, quello che rappresenta uno degli statuti dell'ordine cistercense.
La Cartha Caritatis stabiliva i rapporti tra i diversi monasteri: case-madri e le rispettive filiazioni; tutti gli abati dovevano riunirsi una volta l'anno a Citeaux.
Stefano segui la riforma dei libri liturgici, con la revisione del Graduario, dell'Antifonario e degli Inni. Fu lui che impose la tunica bianca ai nuovi monaci: il segno tangibile della particolare devozione alla Madonna e forse, in antitesi al colore scuro dei benedettini cluniacensi.
Con lui continuò il clima di austerità che era stata una delle caratteristiche originarie data da Roberto di Molesme. Mantenne l'obbligo per i monaci di sostentarsi anche con il loro lavoro manuale e gli edifici del monastero e la chiesa dovevano conservare e testimoniare questo spirito di austerità.
Durante la sua guida, dal 1109 al 1133, ebbe luogo l'ingresso a Citeaux di Bernardo che oltre a portare con sé molti parenti ed amici, diede luogo alla fondazione di un nuovo monastero a Clairvaux

L'opera di San Bernardo diede un impulso decisivo e grandioso al nuovo ordine cistercense, facendolo divenire in breve il più grande ordine monastico del tempo.

Nel 1115 Stefano inviò gli statuti e gli usi del nuovo ordine ad un gruppo di monache che erano a Jully-les-Nonnains, presso Digione, dando inizio al ramo femminile dell'ordine cistercense.

S occupò di stilare la prima storia dell'ordine nello scritto dal titolo Exordium Cisterciensis Coenobii.

Ebbe importante impegni nel rimediare ai contrasti che si verificarono tra le diverse filiazioni. Esausto e infermo si dimise dalla carica di abate nel 1133.

Morì il 28 marzo 1134 a Citeaux, dove fu sepolto nella chiesa abbaziale, accanto al suo predecessore Alberico. Le due tombe furono poi spostate quando si costruì una nuova chiesa.

Alla sua morte l'ordine contava settanta monasteri diffusi in tutta Europa.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Cîteaux in Borgogna, nell’odierna Francia, santo Stefano Harding, abate: giunto da Molesme insieme ad altri monaci, resse questo celebre cenobio, istituendovi i fratelli laici e accogliendo in esso il famoso Bernardo con trenta suoi compagni; fondò dodici monasteri, che vincolò tra loro con la Carta della Carità, affinché non esistesse tra i monaci discordia alcuna e tutti vivessero sotto il medesimo dettame della carità, sotto la stessa regola e secondo consuetudini simili.

Oggi è il 28 marzo. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie.

Tramonto su Filicudi, visto da Acquacalda.

venerdì 27 marzo 2020

L'emergenza, le riflessioni...ed il futuro. Non molliamo! (di Saverio Merlino)

Stiamo vivendo una situazione d’emergenza inaspettata ma guai a soffermarci solo sulla negatività del momento che stiamo attraversando.
Ormai da un bel po’ siamo “obbligati”, giustamente, a restare in casa e voglio pensare che, in questa situazione così particolare, non mi è stato rubato o portato via tempo, anzi, mi hanno regalato giorni per gustare quello che il comportamento delle giornate frenetiche spesso non mi ha permesso di vivere con entusiasmo.
Che cosa posso imparare e trasferire da questa vicenda terribile e triste ?
Sicuramente non mi è mancato il tempo su cui riflettere e ho pensato alle cose più belle, alla famiglia, a chi vogliamo bene veramente, a chi non c’è più…alla mamma anziana, che soffre e che non puoi più abbracciare come prima……alla vita, quella fatta ancora di tanti sogni con chi ami da una vita.
Le scuole chiuse, gli studi chiusi ci hanno costretto a trovare soluzioni alternative, a rimettere insieme mamma e papà con i propri figli, a collegarci in videochiamata, anche più volte al giorno, felice nel vedere i sorrisi dei nipoti che continuano a riempire i tuoi giorni, a mandarci baci a distanza e raccontarci il trascorre della giornata in casa.
Questo lungo tempo trascorso in casa, per chi crede, ed io credo, mi è servito anche per rispondere a questo “nemico invisibile”, che sconfiggeremo, con la universalità della preghiera, della compassione, della tenerezza. Non molliamo.
Saverio Merlino

Tg webEolie del 27 marzo, conduce Salvatore Sarpi. Per visualizzarlo cliccare sul titolo o sull'immagine

Papa Francesco: Preghiera e Benedizione “Urbi et Orbi”. La diretta si apre cliccando sull'immagine

Coronavirus: l’aggiornamento in Sicilia al 27 marzo, 1.168 attuali positivi, 53 guariti e 39 deceduti. Ricette dematerializzate anche in Sicilia.

Dall'inizio dei controlli, i tamponi validati dai laboratori regionali di riferimento sono 11.079.
Di questi sono risultati positivi 1.260, mentre, attualmente, sono ancora contagiate 1.168 persone.
Sono ricoverati 500 pazienti, di cui 75 in terapia intensiva, mentre 668 sono in isolamento domiciliare, 53 guariti e 39 deceduti.
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.


Coronavirus: ricette dematerializzate anche in Sicilia
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana. Ricette mediche on line per contrastare ulteriormente la diffusione del contagio da Covid-19. È una delle misure adottate dall'assessorato regionale alla Salute per limitare il più possibile gli spostamenti nell'Isola. Anche in Sicilia, quindi, si potrà chiedere al medico il rilascio del promemoria digitale, ovvero il numero di ricetta elettronica, che sarà trasmesso attraverso un allegato al messaggio di posta elettronica certificata (pec) od ordinaria (peo). In alternativa, il numero potrà essere comunicato attraverso sms o altre applicazioni di messaggistica; oppure tramite comunicazione telefonica. Il medico prescrittore dovrà apporre sul promemoria la dizione “DPC” (distribuzione per conto) e non potrà prescrivere nella stessa ricetta farmaci in DPC e farmaci in convenzione.
Il farmacista acquisirà dall’assistito il numero di ricetta elettronica e il codice fiscale riportato sulla tessera sanitaria, quindi procederà alla presa in carico della prescrizione sul Sistema Ts, cioè il software adoperato per visualizzare la prescrizione medica ed eventualmente alla stampa del promemoria.
Il farmacista così gestirà la prescrizione con le stesse modalità attualmente in uso per la ricetta rossa, fermo restando la successiva trasmissione al sistema TS ed apporrà, ad erogazione avvenuta, sul promemoria le fustelle relative ai farmaci erogati, chiudendo la ricetta.

Via Crucis dalla Chiesa di San Giuseppe (Lipari) di Don Giuseppe Mirabito. Per visualizzare cliccare sulla foto o sul titolo

Coronavirus: diventano venti i laboratori per i tamponi.

Da domani saranno complessivamente venti i laboratori siciliani destinati all'emergenza Coronavirus. Ai dodici già operativi in tutto il territorio regionale se ne aggiungono, infatti, altri otto (pubblici e privati) che saranno chiamati a effettuare le analisi sui tamponi. Quelli privati sono stati selezionati da una commissione sulla base dell'avviso pubblico dell'assessorato regionale della Salute e rispondono ai criteri previsti dalle disposizioni dell'Istituto superiore di sanità. Altre strutture sono in corso di autorizzazione.
Tra i 'nuovi' laboratori pubblici quelli dell'Istituto zooprofilattico a Palermo e dell'ospedale San Giovanni di Dio ad Agrigento. Ma, nel capoluogo, ci sono anche l'Ismett e il Buccheri La Ferla. Altre strutture autorizzate sono state individuate in provincia di Catania e Siracusa.
La misura rientra nell'ambito delle azioni di prevenzione e contrasto stabilite dal governo regionale. In particolare, l'ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci dello scorso 20 marzo ha previsto la realizzazione dei tamponi rinofaringei per il personale sanitario, per coloro che sono sottoposti alla quarantena obbligatoria perchè rientrati in Sicilia e per i positivi al Coronavirus in isolamento domiciliare.
I laboratori pubblici già autorizzati e operativi sono a: Caltanissetta, Catania, Barcellona Pozzo di Gotto, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Marsala.

ASP Messina, continuano gli acquisti di Dispositivi di Protezione (DPI). rifornito l'Ospedale di Barcellona PG

Continuano gli approvvigionamenti dei dispositivi di protezione individuali (DPI) per gli ospedali gestiti dall'Azienda Sanitaria di Messina; con diverse delibere firmate oggi saranno a breve recapitati alla farmacia centrale per essere successivamente distribuiti:
50.000 mascherine chirurgiche triplo strato;
620 kit di occhiali protettivi;
1900 tute monouso in Tyvek.
Sempre oggi l'Ospedale di Barcellona PG, Covid Hospital presso cui sono stati ricoverati 24 pazienti provenienti dalla Casa di Riposo "Come d'Incanto" è stato rifornito di 150 mascherine FFP2, di 1000 mascherine chirurgiche, di 100 calzari monouso e di 100 visiere.
L'ASP di Messina dopo avere fornito mercoledì alla protezione civile comunale, nella persona dell'Assessore Massimiliano Minutoli, alcuni kit completi di dispositivi di protezione individuale per la gestione degli interventi effettuati presso la stessa casa di riposo, fornirà oggi tramite la propria farmacia centrale i DPI per la gestione dell'emergenza presso la Casa di Cura "Cristo Re".

MODALITA’ DI ACCESSO AL “PPI” (punto di primo intervento pediatrico)

(COMUNICATO) SI COMUNICA CHE IL PPI, DA SABATO 28/03/2020 E PER LE SETTIMANE SUCCESSIVE, E’ STATO SPOSTATO DAI LOCALI DELL’OSPEDALE E TRASFERITO IN VIA S.GIORGIO (CAPANNONI PRESSO CENTRO DI VACCINAZIONE). 
IL SERVIZIO SARA’ FRUIBILE SABATO E DOMENICA DALLE ORE 10:00 ALLE 20:00 
L’accesso all’ambulatorio sarà permesso solo per casi di ESTREMA URGENZA previo contatto telefonico ai numeri: 
090/9885313 (TEMPORANEO)
090/9885929(PER TRASFERIMENTO DI CHIAMATA)
IL PPI SARA’ APERTO:  TUTTI I SABATI E DOMENICHE DALLE : 10:00 ALLE 20:00





Buon Compleanno!

Auguri a Sandro Saccheri, Rossella Profilio, Simona Paino, Anna Maria Riitano, Giuseppina Castrogiovanni, Habiba Jamila, Kevin Mollica, Silvia Merlino, Peppe Munafo'

E' deceduto Giuseppe Virgona.

Le onoranze funebri sono a cura della ditta Alfa e Omega di Lipari.
Eolienews partecipa al dolore dei suoi cari e porge sentite condoglianze

Eolienews si ferma per trenta minuti.

Oggi alle 11, in coincidenza con la benedizione e l'ultimo saluto al dottor Gino Spadaro, Eolienews si fermerà per una trentina di minuti, in segno di rispetto.

Il sorriso e la spontaneità dei bimbi: un motivo in più per combattere e vincere (XXXXV° pubblicazione)

Sofia Cesario

LIBERTY LINES, LETTERA AI PASSEGGERI : "UNITI" PIU' FORTI DI PRIMA


Gentili passeggeri,
lo sappiamo tutti, i momenti difficili si affrontano e si superano. Non sarà semplice e sicuramente occorrerà una forte dose di responsabilità da parte di tutti. Noi di Liberty Lines stiamo già facendo la nostra parte, in prima linea dal primo giorno per servire al meglio tutti voi.

La nostra compagnia, per sua stessa natura è fatta per UNIRE.
Uniamo punti su una mappa, uniamo stati, isole, uniamo singole persone o piccole e grandi comunità. Lo abbiamo sempre fatto con impegno e grande spirito di unità e continueremo a farlo sempre “a stretto contatto” con le persone che viaggiano attraverso le nostre linee, perché crediamo che il rapporto umano sia alla base di un buon servizio. Un contatto che oggi manca a causa di un’emergenza che ha colpito tutto il mondo e che inevitabilmente cambierà ognuno di noi.

Ma la passione e le attenzioni verso i nostri passeggeri non possono mai venir meno. Su tutti i biglietti acquistati entro il 30 Aprile non verrà applicata alcuna penale in caso di rinuncia o variazione del viaggio e soprattutto, al fine di tutelare la salute di chi viaggia con noi e del nostro Staff, Liberty Lines ha attivato misure di contenimento per contrastare la diffusione del Coronavirus attenendosi alle disposizioni emanate dai Ministeri competenti:

  • Disponiamo la pulizia giornaliera dei locali e di tutte le superfici delle Unità Navali;
  • Assicuriamo la ventilazione degli ambienti;
  • Provvediamo alla distribuzione a bordo di dispenser con disinfettante per le mani;
  • Forniamo al Personale di bordo tutte le informative in materia di prevenzione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Invitiamo dunque i Passeggeri ad attenersi scrupolosamente al mantenimento della distanza tra le persone di almeno un metro per evitare assembramento sia nelle aree portuali, adiacenti all’imbarco che all’interno delle unità navali.
Per ulteriori informazioni, potete scaricare l’informativa del Ministero della Salute e il DPCM del 09 Marzo 2020 e relative ordinanze sul nostro sito, cliccando
QUI.

Nelle attuali condizioni di crisi, noi di Liberty Lines ricopriamo ancora di più un’importante funzione sociale per il paese, assicurando ai nostri passeggeri i servizi di trasporto minimi essenziali (link). Anche per questo motivo ringraziamo tutti i nostri collaboratori e dipendenti, che mai come adesso stanno dimostrando di essere una grande famiglia, continuando a lavorare con dedizione e attaccamento all’azienda, nonostante lo stato d’animo attuale non può essere quello da sempre rappresentato dai nostri sorrisi.

Con uno spirito di grande determinazione e di speranza ci auguriamo, infine, che questa emergenza possa risolversi nel migliore dei modi. Siamo sicuri che, facendo ognuno la propria parte, questo momento difficile passerà in breve tempo permettendoci di tornare tutti ancora più forti di prima.

La storia del Crocifisso che salvò Roma dalla peste e che oggi sarà in piazza San Pietro per la preghiera delle 18

(di Antonio Diomede) Nel 1519 un incendio, nella notte, distrugge completamente una Chiesa in Via del Corso, a Roma, intitolata a San Marcello. 
Il mattino seguente l’intero edificio è ridotto in macerie ma fra le rovine emerge integro il Crocifisso dell’altare maggiore, ai piedi del quale arde ancora una piccola lampada ad olio. 
Tre anni dopo l’incendio, Roma viene colpita dalla “Grande Peste”. Il popolo porta il Crocifisso in processione, riuscendo a vincere anche i divieti delle autorità, comprensibilmente preoccupate per il diffondersi del contagio. 
Il Crocifisso viene prelevato e portato per le vie di Roma verso la basilica di San Pietro. 
La processione dura per 16 giorni: dal 4 al 20 agosto del 1522. 
Man mano che si procede, la peste dà segni di regressione, e dunque ogni quartiere cerca di trattenere il Crocifisso il più a lungo possibile. 
Al termine, al momento del rientro in chiesa, la peste è del tutto cessata. Questa è la storia. 
Veniamo ai giorni nostri.... e’ di questi giorni la foto apparsa ovunque di Papa Francesco che si reca a piedi nella Chiesa di via del Corso per pregare ai piedi del Crocefisso. Un pellegrinaggio solitario che commuove e scuote gli animi del mondo intero, salvo qualche battuta imbecille dello stupidino di turno che ancora una volta ha dato così risalto alla sua pochezza.
QUEL CROCEFISSO MIRACOLOSO HA LASCIATO LA CHIESA DI SAN MARCELLO PER ESSERE IN PIAZZA SAN PIETRO PER LA PREGHIERA DI OGGI ALLE 18. 

Il Santo Padre concederà l’indulgenza plenaria a tutto il mondo e, si legge in una nota della sala stampa della Santa Sede, in questo tempo di emergenza per l’umanità, inviterà i cattolici a unirsi spiritualmente in preghiera con lui. 
Abbiamo cantato a squarciagola dai balconi, ci siamo sbracciati alle finestre, i più temerari sono saliti fin sopra i terrazzi... abbiamo organizzato flash mob, sventolato tricolori, sbatacchiato i coperchi delle pentole, suonato chitarre, batterie, violini, pifferi e perfino cornamuse.
Uniamoci alla preghiera del Papa adesso.
"Chi non lo sa fare stia pure in silenzio. Il desiderio di pregare e’ già preghiera.
Ma chi lo sa fare e non mai smesso di farlo, che preghi ancora più forte!!
E che arrivi davvero da qualche parte questa preghiera"....Geraldine Schwarz

Oggi alle 15 su Eolienews il pio esercizio della Via Crucis dalla Chiesa Parrocchiale di San Giuseppe in Lipari
Alle 18, sempre oggi, ci collegheremo con piazza San Pietro a Roma per la preghiera del Papa. Santo Padre che ha disposto di portare in piazza il Crocifisso che liberò Roma dalla peste.

Santo del giorno: San Ruperto.

Ruperto nacque in una nobile famiglia di origini irlandesi imparentata con i Merovingi, alla fine del VII secolo. Dopo aver ricevuto un'educazione monastica, operò per l'evangelizzazione della Baviera ancora idolatra. Fu primo vescovo itinerante, di Salisburgo, di cui oltretutto promosse lo sviluppo delle saline. Fu vescovo di Worms e poi di Ratisbona. Svolse il suo apostolato nel monastero da lui fondato, attorno al quale nacque poi e si sviluppò la città di Salisburgo. Morì il 27 marzo dell'anno 718. Le sue reliquie sono oggi venerate nella cattedrale di Salisburgo.

Oggi è il 27 marzo. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie.

giovedì 26 marzo 2020

Coronavirus: Musumeci, rischiamo di combattere guerra con le fionde.

«Se Roma non ci ascolta corriamo il rischio di combattere una guerra con le fionde. Abbiamo chiesto 362 aspiratori elettrici e ce ne hanno consegnati zero. Cinquecentomila kit diagnostici, consegnati zero. Ventilatori elettrici, richiesti 416 e consegnati zero. Mascherine ffp2 e ffp3 richieste 5,2 milioni, consegnate 41.560. Mascherine chirurgiche richieste 13 milioni, consegnate 170mila. Guanti sterili richiesti 53milioni, consegnati 82mila».

Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, intervenendo questo pomeriggio su Canale 5 alla trasmissione Pomeriggio Cinque di Barbara D'Urso.

«Noi possiamo emettere tutte le ordinanze che vogliamo e il governo puoi emettere tutti i decreti che vuole - ha aggiunto il governatore - ma se non c'è la sufficiente forza per fare i controlli, con le sanzioni conseguenti per chi non rispetta le norme, non abbiamo fatto niente. La Sicilia ha bisogno di avere i militari in gran numero. Io ho chiesto l'intervento dell'Esercito e mi hanno dato purtroppo solo qualche centinaio di uomini, ma non bastano perché serve una mobilitazione generale. Finora noi ci siamo salvati dalla grande ondata, anche se deve ancora arrivare».

«Noi abbiamo immaginato un picco di 7mila contagiati - ha proseguito Musumeci - quindi il massimo che si possa immaginare in una condizione di dilagante epidemia con 2.800 posti letto per gli ospedalizzati, cioè positivi che non avranno bisogno di andare in terapia intensiva, e con 600 posti di rianimazione (oggi ne abbiamo ricoverati 68). Ma qualunque sforzo previsionale di programmazione per un Piano di contrasto publico e privato già attivato è vano se combattiamo una guerra con le fionde. Io continuo a chiedere materiale per poter attrezzare i nostri ospedali aperti e quelli da aprire, ma da Roma non rispondono. Se lo Stato non è presente in periferia anche attraverso queste iniziative la gente perde la fiducia».

Tg webEolie del 26 marzo. Per visualizzarlo cliccare sul titolo o sull'immagine

Accadde alle Eolie: 26 marzo 1930


Vi ricordiamo che alle 19 e 30 trasmetteremo l'odierna edizione del tg webEolie.
Il nostro tg web vi ricordiamo, infine, viene trasmesso, ogni giorno, dal lunedì al venerdì alle 19 e 30. Il sabato in edizione flash. Eventi particolari possono, comunque, comportare delle variazioni

ASP Messina, aumentano i posti per malati Covid-19 all'Ospedale di Barcellona.

L'A.S.P. di Messina per fronteggiare meglio l'emergenza Coronavirus e venire incontro alle esigenze del territorio provinciale, di concerto con l'Assessore Regionale Ruggero Razza presente oggi a Messina per monitorare l'attività sanitaria, ha deciso di ampliare la dotazione di posti letto Covid-19 dedicati presso l'Ospedale di Barcellona PG; dai settanta previsti saranno portati in 48 ore a 80.
Inoltre presso lo stesso nosocomio della città del Longano saranno portati a dieci i posti di terapia intensiva per dare cure ai malati più gravi.
"Ringrazio - dice il direttore generale Paolo La Paglia - tutti i medici, gli infermieri il personale O.S.S. e gli Ausiliari del Presidio di Barcellona per l'abnegazione e lo spirito di servizio con il quale si sono immediatamente fatti carico dei ricoveri e dell'assistenza dei malati contagiati; colgo l'occasione per ringraziare anche tutto il personale sanitario dell'Ospedale di Milazzo che si è fatto carico dell'attività sanitaria prima gestita dal presidio di Barcellona, e i Sindaci e tutta la popolazione del distretto di Barcellona per la preziosa condivisione".
L'A.S.P. di Messina ha inoltre oggi stipulato una convenzione con l'hotel Europa sito nella zona di Tremestieri a Messina per potere alloggiare in isolamento i soggetti Covid-19 paucisintomatici che non necessitano di assistenza ospedaliera; inoltre sono stati acquistati dalla ditta fornitrice altri 30.000 tamponi per potere sottoporre ad analisi i soggetti sospetti di contagio.

CAMBIA ANCORA IL MODULO PER L'AUTOCERTIFICAZIONE. ED ANCORA UN AVVISO PUBBLICO DEL COMUNE DI LIPARI AGLI ESERCENTI GENERI ALIMENTARI E DI PRIMA NECESSITA’

AVVISO PUBBLICO DEL COMUNE DI LIPARI
AGLI ESERCENTI GENERI ALIMENTARI E DI PRIMA NECESSITA’
ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER L' ACCETTAZIONE DEI BUONI SPESA PER L'ACQUISTO DI BENI DI PRIMA NECESSITA’, RILASCIATI DALLA CARITAS DI LIPARI, PER LE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’.
IL COMUNE DI LIPARI

In considerazione dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del virus COVID-19, tenuto conto delle criticità d’ordine economico e sociale correlate, con l’obiettivo di sostenere i bisogni essenziali attraverso fornitura di generi alimentari, in alternativa a forme di sostegno economico che potrebbero essere utilizzati in modo improprio, per cittadini che si trovano in difficoltà economiche, concorrendo al miglioramento della qualità della vita, attraverso servizi tesi al superamento dello stato di disagio e di bisogno, attraverso il supporto logistico della Caritas di Lipari,
INVITA
Gli esercenti di attività del settore “alimentare” e di “generi di prima necessità” operanti nel Comune di Lipari a volere manifestare il proprio interesse all’accettazione di Buoni Spesa per l'acquisto di alimenti e/o beni di prima necessità in favore di cittadini e/o nuclei familiari in situazione di grave disagio economico, attraverso l’istituzione di punti di raccolta fondi presso i propri esercizi, in raccordo con la Caritas di Lipari
Gli esercizi commerciali interessati all’iniziativa sono invitati a manifestare il proprio interesse tramite comunicazione da inviare ENTRO LE ORE 13 DI VENERDI’ 27 MARZO 2020 all’indirizzo di posta elettronica gabsind@comunelipari.it.
Il presente avviso pubblicato sul sito istituzionale dell'Ente è da intendersi finalizzato a promuovere la
presente iniziativa e alla ricezione di manifestazioni di interesse per favorire la partecipazione e
consultazione del maggior numero di punti vendita potenzialmente interessati.
Le informazioni su modalità di accesso e contatti relativi all'iniziativa, che seguiranno al presente avviso, saranno rese note con successiva comunicazione.

Il Sindaco
Marco Giorgianni

Coronavirus: l’aggiornamento in Sicilia al 26 marzo: 1.095 attuali positivi, 36 guariti 33 deceduti.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 12 di oggi (giovedì 26 marzo), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi validati dai laboratori regionali di riferimento sono 9.658. Di questi sono risultati positivi 1.164 (170 + di ieri), mentre, attualmente, sono ancora contagiate 1.095 persone (+159 rispetto a ieri).
Sono ricoverati 414 pazienti, di cui 68 in terapia intensiva, mentre 681 sono in isolamento domiciliare, 36 guariti e 33 deceduti (1 ad Agrigento, 2 a Caltanissetta, Palermo e Siracusa, 4 a Messina, 6 a Enna e 16 a Catania).
Il prossimo aggiornamento avverrà domani. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

Buon Compleanno!

Auguri a Salvatore Li Donni, Domenico Emanuele Rosi, Samanta Pontillo, Salvatore Greco, Claudio La Greca, Alessandra Cerullo, Santina Gullo, Adolfo Bonica, Palmina Spinella, Fabio Tarantelli, Filippo Di Franco, Salvatore Galletta, Felice Vitagliana, Christian Iacono, Sarah Musto

La Santa Messa di oggi 26 marzo da Santa Marta con Papa Francesco

Verso la Cattedrale e la preghiera all'altare del Patrono (di Mons Gaetano Sardella)

Il cordoglio delle famiglie Subba e Ziino per la scomparsa del dottore Spadaro.

Con la dipartita del dottore Giovanni Spadaro gli eoliani hanno perso l’uomo simbolo della sanità eoliana.
Gino (così era conosciuto) ha dedicato la sua intensa attività professionale per la tutela della salute degli abitanti e dei turisti delle nostre isole.
Quando giunse a Lipari capì, chiaramente, quali erano i bisogni sanitari degli isolani. Nel tempo, con la collaborazione del compianto dottore Ciccino Sipione e del dottore Gianni Iacolino, riuscì a trasformare la semplice infermeria in un vero ospedale con quattro reparti e vari servizi (dialisi, camera iperbarica ecc.).
La sua specializzazione era la chirurgia ma non esitò a svolgere, per lungo tempo e con successo, le funzioni di ginecologo, ortopedico ecc.
E’ stato uno splendido modello di impegno, di operosità e di umanità.
Con i pazienti e con qualsiasi interlocutore si poneva sempre con modestia e semplicità.
Andandosene ha lasciato nelle Eolie un vuoto che solo il ricordo può aiutare, in parte, a riempire.
Grazie Gino, Ti salutiamo con affetto e riconoscenza.
Adriana, Peppuccio, Daniela e Francesco Subba.


Con la scomparsa del dott. Gino Spadaro, con il quale ho condiviso un leale percorso politico – amministrativo, va via una persona perbene, un medico di grande spessore e professionalità a cui tutta la comunità deve essere grata.
Incontrarsi era una grande e reciproca gioia, un inno alla vita che ci aveva dato tanto.
Rimane per tutti, un simbolo di impegno ed umanità.
Questo il mio ricordo, Carissimo Gino. Ai suoi cari, con in in testa la gentile Sig.ra Rosanna, un caloroso, sentito e commosso abbraccio.
Giuseppe Ziino e famiglia