Cerca nel blog

sabato 1 giugno 2019

Dissalatore di Vulcano e depuratori di Lipari e Vulcano. Regione sblocca contenzioso con transazione milionaria.

Foto d'archivio risalente ad inizio lavori.
(Comunicato) Vulcano e Lipari potranno finalmente utilizzare gli impianti di dissalazione e depurazione. La giunta regionale, presieduta da Nello Musumeci, ha infatti approvato la proposta dell’assessore all’Energia, Alberto Pierobon, di stanziare 2,6 milioni di euro per consentire la messa in funzione di opere strategiche per le Isole minori.
«Si risolve in questo modo - evidenzia il governatore Musumeci - una lunga storia iniziata nel 2013 con l'aggiudicazione della gara che, tuttavia, da diversi anni è bloccata per un contenzioso con l’Associazione temporanea di impresa che aveva vinto l'appalto. Una situazione paradossale visto che ogni anno le casse pubbliche pagano milioni di euro per rifornire le Eolie di acqua potabile. Fin dall’inizio del nostro mandato, il tema delle ‘realtà minori’ è stato al centro dell’agenda di Governo per comprendere appieno le esigenze quotidiane di chi vive in “un’isola nell’isola”. Era un impegno che avevamo assunto in campagna elettorale e lo stiamo rispettando. In questo contesto, proprio con l’assessore Pierobon, abbiamo istituito un Tavolo tecnico permanente per le isole minori. Un momento di confronto per consentire di affrontare, in maniera organica e costante, tutti quei problemi che interessano storicamente questi territori e in particolare le questioni relative al servizio idrico, alla gestione dei rifiuti, all’energia e ai dissalatori».
«Abbiamo risolto - aggiunge l’assessore Pierobon - una questione che si protraeva da tempo e che interessava non solo l’aspetto finanziario ma anche l’erogazione del servizio in tempi certi. Ora andiamo avanti con il confronto nelTtavolo tecnico permanente per risolvere i problemi dei territori isolani».
La somma stanziata dal governo Musumeci servirà a chiudere definitivamente il contenzioso sorto, facendo quindi entrare in funzione gli impianti. Nel corso dei lavori, infatti, la società aveva manifestazione perplessità sull’appalto, ipotizzando costi aggiuntivi per quasi 13 milioni di euro. Una cifra che un’apposita Commissione nominata dalla Regione ha invece rivisto al ribasso in circa tre milioni di euro. Un “braccio di ferro” che ha quindi impedito la piena fruizione delle opere che garantiscono acqua potabile e una corretta gestione dei reflui.
Da qui la decisione del dipartimento regionale Acqua e rifiuti, diretto da Salvo Cocina, di arrivare a un accordo transativo - per tre milioni di euro - che prevede anche, in attesa che la Regione pubblichi il bando per la gestione definitiva, l’affidamento temporanea per dodici mesi del dissalatore di Vulcano e dei depuratori di Lipari e Vulcano. Una proposta che ha ricevuto il parere favorevole dell’Avvocatura e che garantisce un consistente risparmio per le casse regionali, stimabile in oltre 13 milioni, oltre ai costi per l'acquisto dell'acqua.

E' deceduto a Filicudi, Giovanni Bonica.

Le onoranze funebri sono a cura della ditta Alfa e Omega di Lipari

Pirrera. Concluso il mese Mariano, il simulacro SS. Nome di Maria risale nella sua cappella (video)

Concluso ieri, nella chiesa parrocchiale di Pirrera, il mese Mariano.
Dopo la solenne celebrazione eucaristica, presieduta da Don Lillo Maiorana, il simulacro del SS. Nome di Maria è risalito nella sua cappella all'altare maggiore, accompagnato dal canto dei fedeli.
IL VIDEO:

Convegno " Vito De Vita,uno dei 44 eroi di Unterlüss": interventi, scopertura targa, deposizione corona (articolo e video di circa 9 minuti)



Si è tenuto quest'oggi a Lipari, promosso dall’associazione Culturale NOSTOS (Viaggio), il convegno "Vito De Vita, uno dei 44 eroi di Unterlüss". 
Nel corso del convegno è intervenuto Michele Montagano, l’ultimo dei 44 eroi di Unterlüss ancora vivente.
Montagano, 96 anni, presidente nazionale vicario dell’ANRP (Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia), è arrivato appositamente da Campobasso a portare la sua testimonianza sull’atto eroico di Unterlüss e per tracciare il ricordo personale dei suoi tre compagni di prigionia messinesi.

Hanno, inoltre, presenziato e sono intervenuti, oltre ai familiari del professor De Vita, altri familiari di eroi del campo di punizione e di “rieducazione al lavoro” del AEL-KZ Unterlüss, la professoressa Elvira Casaceli e la dottoressa Maria Carnevale.
Presenti in rappresentanza dell'amministrazione, gli assessori Tiziana De Luca e Davide Merenda.
A conclusione del convegno è stata scoperta una targa posizionata sull'abitazione di De Vita, in località Diana.
Infine ci si è spostati a Piazza Mazzini per deporre una corona d'alloro in memoria dei caduti eoliani. 
Grazie al nostro collaboratore Bartolo Giunta vi proponiamo il video (circa 9 minuti) con alcuni dei momenti più salienti della giornata

La campionessa di sci Federica Brignone, inedita sirena (con gli sci), nelle acque di Lipari per la salvaguardia dell'ambiente.

(fonte: Elle) "L’acqua è presente nella mia vita in maniera naturale, tanto quanto la montagna. Appena posso vado in vacanza al mare e sto quindici giorni senza scarpe e senza vestiti, in costume".
Montagne, mare, vette e spiagge calde, Federica Brignone, 27 anni, orgoglio della nazionale italiana di sci, medaglia di bronzo olimpica in slalom gigante ai Giochi olimpici invernali di PyeongChang 2018, da regina delle nevi si è trasformata in sirena del mare.
Federica, comprensibilmente preoccupata degli SOS che ultimamente riguardano il mare e le sue creature è scesa in campo accanto al canale National Geographic Wild (che dedica alla Giornata mondiale degli oceani uno speciale in onda dal 7 giugno) e a organizzazioni internazionali come One Ocean foundation.
Il personale contributo di Federica alla causa degli oceani è una mostra fotografica itinerante, Traiettorie liquide, curata dal fotografo Giuseppe La Spada, che sarà esposta nelle principali sedi di Banca Generali Private in tutta Italia (dal 10 giugno a Torino). Una di queste foto è quella pubblicata in alto a questo post, scattata nelle acque di Lipari.

Auguri di...

... Buon Compleanno a Federica Alessandro, Tiziana Totaro, Francesco Lopresti, Erminia Mandarano, Gisella Favorito Moleta, Federica Costantino, Anna Palino, Concetto Carbonaro, Manuela Antonazzo, Najib Dhouibi, Maria Pia Paino, Angela Monteleone, Franco Portelli, Katia Barile

Ricordando... Franco Trimboli.

Per ricordare gli eoliani che non ci sono più, con foto tratte dal nostro archivio.

Corsa straordinaria Liberty Lines da Milazzo alle 14 e 30.

Una corsa straordinaria in aliscafo sarà effettuata oggi da Liberty Lines, alle 14 e 30, da Milazzo verso l'arcipelago eoliano. 
Questo l'itinerario Milazzo - Vulcano - Lipari - Salina - Panarea - Stromboli - Milazzo. 

"Lei guardava il mondo, la sua isola con occhi gentili e infinito stupore". Ricordo di Aimée Carmoz (di Leandro Janni – Presidente di Italia Nostra Sicilia)


 Italo Calvino ha scritto: «Tutti abbiamo una ferita segreta per riscattare la quale combattiamo». 
Ci siamo conosciuti diversi anni fa, io e Aimée Pierrette Carmoz: sulle pagine de “la Repubblica” – Palermo, quando Giustino Fabrizio era capo della redazione. Spesso Fabrizio pubblicava le nostre lettere al giornale: ovvero i messaggi, i commenti di due indomiti cittadini, di due appassionati ambientalisti. Io scrivevo da Caltanissetta, Aimée Carmoz da Stromboli. Poi, abbiamo iniziato a scambiarci e-mail o a sentirci telefonicamente. Era bello ascoltare il delicato accento francese di Aimée. Era bello discutere di ecologia, di paesaggio, di politica e di bellezza con questa donna timida, minuta e determinata; presidio di Italia Nostra nelle isole Eolie. Poi, nell’estate del 2008, andai a trovarla nella sua amatissima Stromboli, l’isola “niura” – come diceva lei. L’isola-vulcano. Conservo alcune preziose immagini fotografiche di quel viaggio, di quei luoghi, tra cui quelle relative al sublime cimitero di Stromboli: un esercito silente e immobile di croci bianche in mezzo a un campo verde e giallo. Sullo sfondo, l’azzurro intenso del mare. Un mare caldo e salato. Sulfureo e inquieto.
Aimée Carmoz se ne è andata lo scorso 23 maggio. Si è consumata, lentamente, nella sua isola “niura” ma piena di luce e di bellezza. Nel luogo dove aveva scelto di vivere, di abitare. Per sempre. Un luogo dell’anima. Assoluto. Ad agosto Aimée avrebbe compiuto 90 anni. Nelle isole Eolie, ma non solo, è stata protagonista di tante battaglie a tutela dell'ambiente. Sempre ricca di fede e speranza. Di leggerezza e ironia. Lei guardava il mondo, la sua isola con occhi gentili e infinito stupore. Quanta grazia nella sua vita. Quanta passione, dedizione, cura. E impegno. Queste parole scriveva Aimée nell’estate del 2008: «La pace, sì, e l'innocenza ... e questo venticello fresco intorno all'anima mia, in quest'inferno che divampa intorno a noi ...»
Leandro Janni – Presidente di Italia Nostra Sicilia

Rinvio a giudizio per presunta associazione a delinquere. Daniele Corrieri: "Io, nulla a che vedere con Megaservice o attività similari".

Con riferimento a questo articolo https://eolienews.blogspot.com/2019/06/controllo-sul-trasporto-dei-turisti-tre.html, Daniele Corrieri ci inoltra questa nota: "In riferimento all'articolo, apparso oggi, preciso che (come già fatto dai legali nell'udienza preliminare), nell'agosto del 2016, il sottoscritto non aveva alcun rapporto lavorativo o collaborativo con la Megaservice o altre attività similari.
Lavoravo per una attività al di fuori dei trasporti pubblici. Le ipotetiche accuse saranno smentite in ogni sede. 
Rimango fiducioso nel lavoro della magistratura, essendo che ogni ipotesi di accusa verrà smentita".

Navi ed aliscafi (LXV° puntata - 4 foto)

Nelle foto di oggi: 1) Alijumbo Messina; 2 e 3) Alijumbo Eolie; 4) Alijumbo Ustica

A rischio le popolazioni di cetacei e tartarughe marine delle isole Eolie: caratterizzazione dello status e principali minacce.

(Comunicato stampa) Uno studio a lungo termine condotto da Filicudi Wildife Conservation partito nel 2005 su una delle due specie di delfini presenti nelle acque Eoliane, il tursiope, ha messo in luce la fragilità di questa piccola popolazione costituita da soli 42 esemplari, che effettuano rare migrazioni lungo le coste siciliane e in gran parte di età adulta (si è stimato che l’80% degli individui possa avere più di 30 anni. Nei mesi estivi, periodo riproduttivo per la specie, le femmine tendono ad aggregarsi con i loro piccoli mentre il resto dell’anno le aggregazioni sono dovute principalmente alla ricerca di cibo e alle preferenze alimentari. Solo 7 femmine sono risultate essere riproduttive per un totale di 16 piccoli nati in 15 anni di studio. Il tasso di natalità è veramente troppo basso per sostenere la vitalità della popolazione: la vita media di un delfino è circa 40 anni e in questa popolazione l’età della prima riproduzione per una femmina riproduttiva è circa 7/8 anni con un intervallo tra i parti di circa 3-8 anni, un periodo di gestazione di 12 mesi e di svezzamento di circa 2/3 anni. La causa principale è da attribuirsi al declino delle risorse alimentari a causa del sovrasfruttamento delle risorse ittiche da parte della pesca intensiva che ha portato ad un generale degrado degli habitat ottimali per la specie e ad una elevata mortalità giovanile. Questa tendenza ha portato nel tempo ad accentuare la competizione tra tursiopi e pescatori locali per l’accesso alle risorse ittiche. Infatti, i tursiopi affamati cercano sempre più fonte di cibo nelle ormai vuote reti da pesca depredandole del pescato e arrecando un notevole danno economico al pescatore. A queste minacce si assomma il disturbo acustico provocato dalle imbarcazioni turistiche che invadono le aree costiere nei mesi estivi e il generale inquinamento da plastica e altri inquinanti ambientali. Nel 2017, grazie ad un progetto finanziato da Aeolian Island Preservation Fund e Blue Marine Foundation, per tutto il periodo primaverile ed estivo, Filicudi WildLife Conservation ha sperimentato l’utilizzo di dissuasori acustici da applicare alle reti ed altri attrezzi da pesca per tenere lontani i delfini. I risultati della sperimentazione sono stati promettenti, soprattutto per quanto riguarda la rete tramaglio, mentre deludenti per la totanara. Per il cianciolo la sperimentazione dovrebbe essere ripetuta nei periodi di maggiore interazione ed è in corso un nuovo piano dei lavori per portare avanti questo progetto.

"Imparare il mare". L’Istituto Comprensivo Lipari Santa Lucia alla “ Giornata della Sicurezza e tutela dell’ambiente marino” (foto: Mariangela Pastore)

"Controllo" sul trasporto dei turisti. Tre fratelli liparesi rinviati a giudizio. Ipotizzato il reato di associazione a delinquere. Per due anche l'illecita concorrenza con minaccia/violenza.

(gazzetta del sud - L.O.) Il giudice delle udienze preliminari del Tribunale di Barcellona, Valeria Gioeli, su richiesta del pubblico ministero Sarah Caiazzo, ha disposto il rinvio a giudizio nei confronti di tre fratelli, che svolgono la professione di tassisti sull'isola di Lipari, per i quali si ipotizza il reato di associazione a delinquere.
Il rinvio a giudizio è stato ordinato per Daniele Corrieri, 56 anni, Francesco Corrieri, 62 anni, e Maurizio Corrieri, 49 anni. Ai tre fratelli, difesi dagli avvocati Giuseppe Cincotta, Fabio Catania e Carmelo Monforte, si contesta il reato di associazione a delinquere allo scopo - secondo l'ipotesi formulata dalla Procura barcellonese - di commettere una serie indeterminata di delitti, in particolare con violenza e minaccia, al fine di acquisire ed esercitare illecitamente il controllo o comunque un'influenza dominante sulle attività di trasporto di persone, nello specifico servizio di taxi e noleggio con conducente sull'isola di Lipari, limitando le attività concorrenti. 
Inoltre, per Daniele Corrieri e per Maurizio Corrieri si contesta la recidiva reiterata; mentre per Francesco Corrieri la recidiva reiterata, infraquinquennale, e per aver commesso il delitto dopo l'esecuzione di una precedente pena. Solo per Daniele e Maurizio Corrieri si contesta, in concorso tra loro, con l'aggravante, un ulteriore reato, quello di illecita concorrenza con minaccia o violenza, commessa nello specifico nei confronti e in danno di un altro tassista dell'isola il 16 agosto del 2016. Quel giorno, in località Pignataro di Lipari, mentre il tassista concorrente dei fratelli Corrieri era in attesa di clienti nell'area del porticciolo turistico, Daniele Corrieri non avrebbe esitato ad aggredire dapprima verbalmente e poi fisicamente il collega, rivolgendo frasi minacciose per farlo allontanare e sferrando subito dopo calci e pugni. 
Lo stesso imputato si poneva davanti all'autovettura condotta dal collega impedendogli di allontanarsi e danneggiando la stessa auto, e ciò con il concorso del proprio fratello Maurizio il quale sopraggiunto inveiva anch'egli contro la vittima. 
NDD - Sin qui le contestazioni mosse ai tre imputati che, chiaramente, avranno modo, in giudizio, di  difendersi, rappresentare quella che è la loro versione rispetto ai fatti contestategli.
Rappresentazione che, se vorranno, in ottemperanza alla legge sulla stampa e a quella che è la linea di Eolienews, potranno esprimere anche qui, in uno spazio analogo a quello dell'articolo pubblicato. 

Oggi è il 1° Giugno. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno


Abitato di Canneto visto dal Monterosa

SANTO DEL GIORNO:

Giustino nacque a Sichem, in Samaria, nel II secolo dopo Cristo, ma era probabilmente di origine romana. Giovane quieto, aveva cercato attraverso lo studio della filosofia la verità e con essa la felicità, senza peraltro raggiungerla. Si ritirò allora nel deserto, dove incontrò un vecchio saggio al quale confidò i suoi tormenti. "Leggi i profeti, leggi il Vangelo - gli suggerì il vecchio - e troverai quello che cerchi".

Giustino li lesse e la grazia di Dio gli illuminò la mente e gli riscaldò il cuore. Giustino non rinnegò per questo la filosofia, anzi trasse da essa motivi per dimostrare la ragionevolezza de cristianesimo: lo fece scrivendo una celebre Apologia e sostenendo accesi dibattiti con i più filosofi del tempo. L'eco della sua attività giunse all'orecchio del prefetto di Roma, impegnato in una dura persecuzione contro i cristiani. Così Giustiniano venne processato. "Ho studiato tutte le scienze, ma solo nella dottrina dei cristiani religiosamente seguono ho trovato la verità" rispose al prefetto che lo interrogava. E poiché non si scostò di un passo dalla professione di fede pronunciata, venne condannato a morte. Fu decapitato, dopo aver subito il tormento e l'ingiuria della flagellazione.

venerdì 31 maggio 2019

Portualità alle Isole Eolie. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 31.05.19


"Imparare il mare". L’Istituto Comprensivo Lipari Santa Lucia alla “ Giornata della Sicurezza e tutela dell’ambiente marino”



(di Domenica Iannello) Che cosa è più importante per i ragazzi che crescono, se non conoscere il loro mare, e possedere le capacità per  fruirlo in tutta sicurezza e rispetto?
Proprio per questo motivo, oggi, l’Istituto Comprensivo Lipari Santa Lucia, diretto dal Preside Candia, ha partecipato alla “ Giornata della Sicurezza e tutela dell’ambiente marino” organizzata dalla locale Guardia Costiera e la Lega Navale di Lipari.
Per chi nasce e cresce alle Eolie, il mare rappresenta uno speciale “interlocutore” con il quale confrontarsi, è lui che detta le condizioni, se è agitato non si viaggia, se è calmo si può uscire in barca, per i ragazzi eoliani è fondamentale conoscerlo e comprendere le potenzialità che possiede e le insidie che nasconde.
Conoscere significa amare, amare significa proteggere e tutelare, oramai gli ecosistemi marini purtroppo sono in grave sofferenza per gli scellerati comportamenti umani che stanno portando alla morte per inquinamento dei loro abitanti.
I ragazzi di oggi, non è retorica, saranno gli adulti di domani, forse a noi quando eravamo piccoli non lo hanno spiegato che non bisognava sporcare, forse perché ancora i livelli di inquinamento erano tollerabili e non uccidevano nessuno, ma ora direi che bisogna investire molto sulla formazione di una sana coscienza civica dei futuri adulti.
La scuola in prima persona si fa carico di queste esigenze educative ed arricchisce continuamente la propria offerta formativa, superamento limiti e barriere di autoreferenzialità, ponendosi sempre pronta ad accogliere istanze ed esigenze territoriali ed aprendosi alla collaborazioni con gli enti esterni presenti sul territorio portatori di buone prassi e esempi virtuosi. Un grazie speciale ai ragazzi che con pazienza e rinnovato interesse partecipano con entusiasmo a tutte le attività ed iniziative proposte.



Sceso il sipario sulla "tre giorni" dei Vigili del fuoco a Lipari.

Si è conclusa al Palacongressi di Lipari, con il seminario "La cultura della sicurezza nell'emergenza", la "tre giorni" della manifestazione "I Vigili del Fuoco – Lo Sport e la Cultura della Sicurezza nell'Emergenza" organizzato dal Comando Provinciale dei VVF di Messina nel mese di maggio e che ha coinvolto di le scuole dell’arcipelago eoliano. Centinaia di alunni al fianco dei vigili del fuoco che hanno partecipato alle iniziative dando forte impulso alle attività svolte. Particolare attenzione è stata prestata al significato agli elementi essenziali alla sicurezza in senso lato e specificatamente nelle abitazioni, nella vita quotidiana e nei luoghi di studio/lavoro.
La "tre giorni" dei Vigili del fuoco si può dire che ha perfettamente centrato l'obiettivo.

Conferita a Verona all'eoliano Giuseppe Bianchi, l'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine "Al Merito della Repubblica Italiana".


Nelle sale di rappresentanza di Palazzo Scaligero si è tenuta, nella giornata del 30 maggio 2019, la cerimonia di consegna di 47 onorificenze al Merito della Repubblica Italiana ad altrettanti cittadini veronesi particolarmente distintisi nel campo lavorativo e sociale. 
Il Prefetto Donato Giovanni Cafagna, in apertura della cerimonia, nell'accogliere per la prima volta dal suo recente insediamento nello storico Palazzo degli Scaligeri tutti gli insigniti della provincia, ha ringraziato le Autorità ed i Sindaci presenti.
Successivamente, rivolgendosi ai premiati, ha espresso le sue più vive congratulazioni per il prestigioso riconoscimento che premia la laboriosa operosità e il significativo contributo portato in campi diversi alla comunità veronese.
Il Prefetto ha proseguito sottolineando la presenza di alcune delle professionalità di punta nel campo della medicina e dell'Università veronese, dell'imprenditoria e della Pubblica Amministrazione.
Nella circostanza, il prestigioso riconoscimento, è stato anche conferito all'eoliano Dott. Giuseppe Bianchi, funzionario dell'Agenzia delle Entrate.
Lo speaker così lo ha presentato: "funzionario di notevoli capacità organizzative, di elevata professionalità e competenza, caratterizzato da grande senso di responsabilità, forte tensione ai risultati, capacità motivazionale fuori dal comune dei collaboratori e capacità di ascolto rispetto agli utenti. L'Agenzia gli ha per questo motivo affidato prestigiosi incarichi nel Veneto. Gli è stata conferita la reggenza della DP di Verona quando il titolare si è dovuto assentare per malattia, che ha supportato, assieme ai più stetti collaboratori, con grande umanità. Compatibilmente con le norme comportamentali dell'Agenzia, è promotore con un gruppo di colleghi di attività di beneficienza a favore di malati oncologici assistiti dall'Ospedale di Negrar, nonché di progetti medico-sanitari promossi da IL PONTE Cooperativa Sociale Onlus di Mantova".


Foto 1 - Giuseppe Bianchi tra il Sindaco di Pescantina Dott. Luigi Cadura e il Prefetto di Verona Dott. Donato Giovanni Cafagna
Foto 2 - foto di gruppo degli insigniti


NDD - A Giuseppe, con il quale, tanti anni fa, ho condiviso a Canneto, una esperienza lavorativa, e che ricordo con affetto e stima, le mie congratulazioni personali e quelle di Eolienews

RINVIO ELEZIONI EX PROVINCE; MUSUMECI, MARTEDI’ EMENDAMENTO ALL’ARS

«Il Parlamento, nella sua sovranità, ha ritenuto di rinviare la data delle elezioni provinciali, già fissata per il 30 giugno. Non posso in alcun modo condividere il posticipo di un anno delle elezioni di secondo livello e la permanenza di commissari, senza così dare possibilità alle comunità locali di essere coinvolte nella gestione degli Enti intermedi. Per questa ragione, il Governo proporrà un emendamento già nella seduta di martedì prossimo, ben prima che la norma approvata possa essere promulgata. Ho sempre contestato l’elezione di secondo grado e rivendicato il diritto del cittadino a eleggere direttamente il presidente della ex Provincia. Ma la legge vigente - ancorché non condivisa - va rispettata, anche dal Parlamento siciliano».
Lo dichiara il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

Illeciti nell'attività di pesca e nella commercializzazione, controlli e sequestri della Guardia costiera

Nei giorni scorsi, nell’ambito di una operazione complessa di vigilanza pesca disposta dalla Direzione marittima di Catania, è proseguita l’attività di controllo da parte degli uomini della Guardia Costiera di Milazzo per prevenire e reprimere illeciti in materia di pesca marittima e commercializzazione di prodotto ittico. I controlli si sono svolti presso i punti di sbarco del pescato, a bordo delle unità da pesca, presso rivendite al dettaglio di prodotti ittici.
Durante l’attività sono stati riscontrati numerosi illeciti: Il gommone GC A64 della Guardia Costiera di Milazzo ha recuperato in mare due attrezzi utilizzati da pescatori non professionali, più precisamente un palangaro derivante della lunghezza di circa 1.500 mt., impiegato per la cattura di pescespada posizionato illegalmente nello specchio acqueo antistante il promontorio di Capo Milazzo.
Nell’ambito della stessa operazione, la motovedetta CP 544 ha recuperato e posto sotto sequestro una rete da posta fissa della lunghezza di circa 500 mt e 5 nasse, anche in questo caso gli attrezzi erano illecitamente utilizzati da pescatori non professionali e privi delle previste sigle identificative. Un ulteriore attrezzo da pesca, rete a imbrocco, è stato rinvenuto e sequestrato presso il litorale di ponente di Milazzo.
Durante i controlli sulla filiera commerciale è stata, inoltre, accertata la vendita di prodotto ittico in cattivo stato di conservazione, in violazione delle vigenti norme igienico sanitarie e relative alla rintracciabilità del prodotto ittico, in località Vaccarella del Comune di Milazzo. In questa circostanza sono stati sequestrati circa 15 Kg. di prodotto che, a seguito di visita del servizio veterinario della competente ASP, è stato giudicato non idoneo al consumo umano e pertanto destinato alla distruzione.
La Capitaneria di Porto Guardia Costiera di Milazzo proseguirà la costante attività di controllo del territorio di competenza al fine di prevenire e reprimere ogni condotta illecita in materia di pesca e a tutela dell’ambiente marino e del patrimonio ittico ed a garanzia della sicurezza alimentare del consumatore.

Auguri di...

Buon Compleanno alla carissima Anna Maria Famularo. Ed ancora a Maurizio Biviano, Salvatore Natoli, Lory Giardina, Alfredo Biviano, Rocco De Mariano, Gloria Antonia Di Giovanni, Filippo Bernardi, Giacomo Biviano,Graziana Morello, Eugenia Man, Francesca Puglisi, Anna Spizzone, Claudio Utano.

Ricordando... Franco Gitto.

Per ricordare gli eoliani che non ci sono più, con foto tratte dal nostro archivio.

Navi ed aliscafi (LXIV puntata - 3 foto)

Nelle foto di oggi: L'Algol

Vito De Vita, uno dei 44 eroi di Unterlüss. Convegno Domani 1° Giugno a Lipari.

L’associazione Culturale NOSTOS (Viaggio) è un centro permanente di vita associativa a carattere volontario, democratico e antifascista. Il termine “viaggio” indica uno spostamento da un preciso luogo di partenza ad un altrettanto preciso punto di arrivo. “Nostos”, il corrispondente greco di “viaggio”, origina la parola “nostalgia”, quindi dolore, mancanza; infatti esso non va inteso soltanto come un qualcosa di concreto e realistico, ma anche in senso simbolico di desiderio, tensione di conoscenza e di ricerca.
L’associazione è impegnata:
– A promuovere la cultura e la crescita individuale degli/delle associati/e tramite mezzi audiovisivi, mostre d’arte, letture collettive, convegni a tema, film ecc.
– a promuovere l’affermazione dei diritti individuali e collettivi dei/delle cittadini/e, a promuovere la creazione di una nuova e radicata cultura della partecipazione, a promuovere la affermazione della democrazia partecipata, per questo l’associazione si riserva la facoltà di avvalersi dell’iniziativa popolare per la presentazione di proposte, di utilizzare tutti gli strumenti idonei a stimolare e valorizzare la partecipazione dei/delle cittadini/e alle diverse forme possibili di iniziativa e proposte; a promuovere e gestire per il perseguimento dei propri fini tutte le forme di economia sociale ritenute utili e necessarie; a promuovere l’affermazione dei Diritti dell’Uomo ed un equo rapporto tra i popoli ;
– a creare gli strumenti per la piena attuazione di una società a misura d’uomo mediante la diffusione della cultura di genere;
– a promuovere i diritti del/della cittadino/a che vive condizioni di disagio, a rimuovere le condizioni ambientali che determinano condizioni di disagio.
– a promuovere occasioni di crescita dei/delle soci/e anche attraverso la progettazione di percorsi formativi e di programmi di formazione professionale come previsti dalla normativa vigente in materia;
– a promuovere occasioni di confronto e scambio di esperienze tramite la realizzazione di progetti e programmi promossi dalla Unione Europea, dallo Stato e da tutte le forme di decentramento delle istituzioni nazionali, europee ed internazionali;
– a promuovere i diritti del/della cittadino/a minore, per la piena affermazione del diritto al gioco, alle attività ludiche e motorie, alla scolarizzazione, contro ogni forma di sfruttamento e di violenza, a promuove la piena applicazione della Carta dei Diritti del Minore sancita dalle Nazioni Unite;
– a promuovere il superamento di ogni forma di discriminazione, intolleranza, fanatismo, xenofobia, fascismo, censura, razzismo; ad operare per il pieno rispetto dei diritti delle minoranze, per il riconoscimento e la valorizzazione di ogni diversità, sia etnica, che religiosa che sessuale;
– a promuovere la cultura della pace, della non violenza e della cooperazione fra tutti i popoli, per la riduzione di ogni tipo di armamento e per soluzioni non violente dei conflitti;
– a promuovere la valorizzazione della risorsa ambiente, contro la cultura dello spreco, contro la distruzione del pianeta, per la piena applicazione di tutte le convenzioni internazionali in materia di tutela ambientale;
– ad operare per la valorizzazione e tutela dei beni artistici, architettonici, storici, urbanistici ed ambientali;
– a promuovere la qualificazione della produzione e del consumo nel campo culturale, ricreativo e sportivo.
L’associazione fa proprio il contributo umano e sociale di ogni persona quale soggetto unico ed irripetibile, con le proprie convinzioni politiche e religiose, identità sessuale, cittadinanza, appartenenza etnica, età e professione.

Biografia di Vito De Vita

Vito De Vita nasce a Messina nel 1920, secondo di sette figli di una famiglia modesta. Il padre Biagio è un piccolo artigiano mentre la madre Letteria Nicosia è casalinga. Si diploma al Liceo Classico presso i Salesiani, iscrivendosi successivamente in Lettere Classiche all’Università di Catania. Interrompe gli studi a seguito della chiamata alle armi e frequenta la scuola A.U.C. dell’Aquila diventando Sottotenente di Complemento di Fanteria. Viene assegnato come prima nomina al 74simo Reggimento Fanteria in servizio presso la caserma “N. Sauro” di Pola dove il 13.09.1943 viene fatto prigioniero dalle truppe tedesche e deportato in Germania nei campi di concentramento di Brema-Bremenvorde, Benjaminovo (Varsavia), Wietzendorf, Kreis-Soltau Hannover. Viene rimpatriato in Italia nel Luglio 1945 laureandosi il 30 novembre dello stesso anno. Nel 1946 comincia ad insegnare a Lipari dove si sposa nel 1949 con Laura De Luca anch’essa insegnante dalla cui unione nascono 5 figli. Inizia la sua attività presso la scuola media, insegna nel contempo in un istituto magistrale parificato di cui diventa preside finendo la sua carriera all’Istituto tecnico commerciale, improntando la sua missione di docente con rigore, ma con massima umanità. Partecipa attivamente alla vita politica e sociale dell’isola diventando punto di riferimento della cultura locale, viene nominato presidente dell’E.C.A. (Ente Comunale Assistenza), scrive poesie, partecipa a convegni e conferenze. Convinto Europeista lascia in eredità ai figli, ai 10 nipoti e a generazioni di alunni i valori di integrità, onestà e tolleranza. Muore a Lipari il 16 dicembre 2007 all’età di 87 anni.



Chi sono i 44 eroi di Unterlüss

Dei 650.000 soldati IMI, 28.000 sono ufficiali di carriera e di complemento. Come i tre messinesi protagonisti di questa storia. La loro sorte sarà diversa rispetto a quella dei soldati di truppa, perchè gli ufficiali potevano godere dell’esenzione dal lavoro coatto grazie all’art. 27 della Convenzione di Ginevra. La loro è una lenta agonia di inedia, con la fame e il freddo a impossessarsi dei giovani italiani (tra questi la “migliore gioventù” italiana dell’epoca: Giovannino Guareschi, Giuseppe Lazzati, Alessandro Natta, Odoardo Ascari, Gianrico Tedeschi). Questa situazione non muta fino a che Hitler e Mussolini cercano di cambiare le loro sorti. Con l’accordo del 20 luglio 1944 gli ufficiali sono declassati a “civili”, spogliandoli del loro status per poterli obbligare al lavoro. Ma gli italiani non ci stanno comunque. In migliaia rifiutano il lavoro per non collaborare e attendono la loro sorte. Quando la Germania sta per capitolare, nell’inverno del 1945, i nazisti tentano il tutto per tutto, obbligandoli coattamente e chiamandoli al lavoro con il sopruso.
In questo delicato contesto il 17 febbraio 1945, 213 ufficiali, tra cui Pasquale Campanella, Natale Ferrara e Vito De Vita, vengono deportati dal lager di Wietzendorf a un campo di aviazione presso Dedelstorf, nella Bassa Sassonia. I nazisti li obbligano al lavoro per ripristinare una pista in disuso. Per cinque giorni si rifiutano di lavorare organizzando uno sciopero e operando un sabotaggio. Il 24 febbraio 1945 interviene la Gestapo per una punizione esemplare. Ne vengono scelti 21 a caso per una decimazione dimostrativa. Ma mentre i 21 vengono condotti verso l’esecuzione, altri 44 ufficiali si offrono volontari per sostituirli. Campanella, De Vita e Ferrara sono tra questi 44, così come Michele Montagano. Colpiti dal gesto di eroismo, la Gestapo indugia cinque ore prima di decidere la loro sorte. Per i 44 è infine organizzato, come prigionieri politici, il trasferimento al campo di punizione e di “rieducazione al lavoro” del AEL-KZ Unterlüss, dove sorge una delle più importanti fabbriche di armamenti della Germania nazista. L’intento era quello di finirli per fatica, usufruendo ancora del loro lavoro fino all’ultimo respiro. Per sei settimane i 44 ufficiali saranno rinchiusi in un lager disumano, espressione del peggior girone infernale dantesco. Soffrendo le bastonate, il lavoro coatto, le malattie, la fame più nera, le migliaia di parassiti che invadono i loro corpi che diventano sempre più scheletrici. Tre di loro moriranno durante la prigionia, e altri tre negli ospedali subito dopo la Liberazione, avvenuta il 13 aprile. Tra questi Michele Rinaudo, di Trapani. Natale Ferrara sarà ammalato di tifo petecchiale – la malattia causa primaria delle morti nei lager nazisti – e ricoverato per alcune settimane in ospedale, così come Campanella e De Vita. I reduci di quei 44 torneranno in Italia non prima di settembre, dopo altre peripezie. Da allora calerà il silenzio e il loro gesto eroico sarà dimenticato, ignorato persino dagli stessi familiari: alcuni di loro soltanto negli ultimi anni hanno scoperto la loro storia. Nel 1949 Campanella, De Vita e Ferrara riceveranno un “Encomio Solenne” dal Ministero della Difesa.
Al convegno prenderanno parte i parenti del Tenente Pasquale Campanella, del Sottotenente Natale Ferrana compagni di prigionia di De Vita ed eroi di guerra. L’evento sarà imperniato sulla presenza dell’ultimo dei 44 eroi di Unterlüss ancora vivente, Michele Montagano, 96 anni, presidente nazionale vicario dell’ANRP (Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia), che verrà appositamente da Campobasso a portare la sua testimonianza sull’atto eroico di Unterlüss e il ricordo personale dei suoi tre compagni di prigionia messinesi.

La "tre giorni" dei Vigili del Fuoco a Lipari. Dimostrazioni tecniche e "Pompieropoli" (foto e video: Bartolo Ruggiero) (III° parte)