Cerca nel blog

sabato 18 aprile 2020

Musumeci alleggerisce lockdown: Consegne a domicilio alimentari anche nei festivi, jogging vicino casa, ok a manutenzione

La situazione Coronavirus in Sicilia resta sotto controllo e così il governatore Nello Musumeci dà il via libera al leggero e graduale alleggerimento delle misure restrittive.
«Consentiamo l'attività motoria nelle vicinanze della propria abitazione - spiega Musumeci -, i disabili con accompagnatore potranno fare una passeggiata nelle vicinanze della casa, le consegne a domicilio dei generi alimentari potranno avvenire anche nei giorni festivi e nelle domeniche
«Consentita anche la cura dell'orto, del podere e la manutenzione per creare i viali tagliafuoco nelle campagne in vista della stagione estiva», ha aggiunto. «Gli stabilimenti balneari - continua - potranno organizzarsi con la manutenzione, l'allestimento delle cabine, la pulizia della sabbia, mentre rimane invariata l'ordinanza che blinda l'accesso alla Sicilia».
«Consentiamo solo una corsa in più, da 4 a 5 sullo Stretto di Messina per evitare i disagi alle forze dell'ordine e ai sanitari che devono muoversi. È un atto di fiducia nei confronti dei siciliani - ha poi concluso -, un popolo che ha sorpreso per la civiltà dimostrata in questi giorni, a parte sparuti gruppi».

Da Pavone, segretario regionale di Confintesa scuola Sicilia, invito all'amministrazione ad attivare tavolo tecnico

Riceviamo e pubblichiamo:
Carissimo Direttore,
nella qualità di Segretario Regionale del sindacato Confintesa scuola Sicilia, ritengo fondamentale in questo momento di grande emergenza sociale e culturale suggerire ai nostri amministratori locali di indire dopo il 3 Maggio un tavolo tecnico con gli Assessori, Dirigenti scolastici e OO.SS. presenti sul nostro territorio Eoliano, al fine di poter discutere e condividere nuove modalità per far ripartire le scuole eoliane il prossimo anno scolastico 2020/2021. 
In attesa di nuove direttive ministeriali, è consigliabile un confronto costruttivo tra le parti prima dell’inizio dello scolastico 2020/2021.
La Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, qualche giorno fa ha firmato un decreto ministeriale per distribuire alle scuole, in attuazione del decreto legge del governo ‘Cura Italia’, 85 milioni per il potenziamento della didattica a distanza. Di questi, 10 milioni potranno essere utilizzati dalle istituzioni scolastiche per favorire l’utilizzo di piattaforme e-learning e per dotarsi immediatamente di strumenti digitali utili per l’apprendimento a distanza, o per potenziare quelli già in loro possesso. Ponendo attenzione anche ai criteri di accessibilità per le ragazze e i ragazzi con disabilità. Altri 70 milioni saranno utilizzabili per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d’uso gratuito, dispositivi digitali per la fruizione della didattica a distanza. I restanti 5 milioni serviranno a formare il personale scolastico. 
I nostri dirigenti scolastici sono intervenuti tempestivamente per garantire il diritto allo studio attraverso l’impegno di tutto il personale scolastico per migliorare e potenziare la didattica a distanza, pur sapendo che tale strumento non potrà mai sostituire quella in presenza. 
Tra l’altro la dirigente scolastica dell’I.C. Isole Eolie prof.ssa Mirella Fanti aveva intuito prima come affrontare questa emergenza e sulla possibilità di una didattica a distanza . In questi difficili giorni in cui gli insegnanti si stanno mettendo in gioco sperimentando la didattica a distanza e i bambini e i ragazzi, dal canto loro, stanno vivendo a fatica l'isolamento sociale, è quello di offrire uno strumento metodologico-pratico, contenente degli spunti per proseguire l'azione educativa nel rispetto dei diritti delle persone di minore età, sanciti dalla Convenzione ONU del 1989. 
Cordiali saluti
Bartolo Pavone

E' deceduto Gaetano "Tano" Russo

E' deceduto a Stromboli lo scultore Gaetano "Tano" Russo, aveva 76 anni.
L'isola perde uno dei suoi personaggi più rappresentativi
Ai familiari le condoglianze di Eolienews

Coronavirus: l’aggiornamento del 18 aprile in Sicilia, 2.171 positivi, 305 guariti e 196 deceduti.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato ad oggi (sabato 18 aprile), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 47.715 (+2.543 rispetto a ieri).
Di questi sono risultati positivi 2.672 (+47), mentre, attualmente, sono ancora contagiate 2.171 persone (+32), 305 sono guarite (+9) e 196 decedute (+6).
Degli attuali 2.171 positivi, 568 pazienti (+1) sono ricoverati - di cui 42 in terapia intensiva (-4) - mentre 1.603 (+31) sono in isolamento domiciliare.
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 129 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 113 (14, 15, 10); Catania, 612 (107, 78, 68); Enna, 311 (171, 29, 25); Messina, 389 (128, 52, 40); Palermo, 342 (74, 45, 25); Ragusa, 58 (4, 6, 5); Siracusa, 105 (63, 60, 17); Trapani, 112 (7, 18, 5).
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

LA PAROLA. Commento al Vangelo di domenica 19 aprile

I ringraziamenti al Comune e a LN Garden dal Comitato del cimitero privato di Pirrera.

Il Comitato del cimitero privato di Pirrera, a nome di tutti i soci e dell'intera collettività, ringrazia il Comune di Lipari e la ditta LN Garden dei fratelli Giorgianni per il dolce gesto rivolto ai defunti, in questo periodo così difficile.
Ringraziamento che non può che essere particolarmente caloroso, considerando che si è voluto pensare anche al nostro cimitero che è privato. 

Giorgianni: "Mascherina obbligatoria da lunedì per tutti coloro che escono" (video)

Buon Compleanno!

Auguri a Giuseppe Di Grado, Sara Cafiero, Lucia Giardina, Massimiliana Castrogiovanni, Pino Di Giovanni, Annalisa Marocchini, Emanuela Mondiello, Rita Zingales, Giuseppe Morello, Silvano Saltalamacchia.
La Caritas di Lipari ha bisogno di borse grandi per la spesa. 
Si chiede a tutte le persone abili nel cucito di creare con stoffa di recupero delle capienti e solide borse e di donarle con amore.
Contattare il 3343643980 

Bertolaso: "Siamo in piena epidemia. Rimanete a casa, l’emergenza non è finita!" (video)

Reperibilità notturna per i cardiologi del Papardo inviati a Lipari. La richiesta della signora Spinella

A livello nazionale, le statistiche rivelano che l'accesso ai PS per sintomi cardiovascolari in due mesi si è dimezzato, senza comprendere che i pazienti cardiologici devono potersi sentire sicuri di ricorrere al 118 e alle strutture ospedaliere. 
L’infarto è ovviamente la patologia che è più direttamente correlata al tempo di soccorso. Ogni 10 minuti il ritardo aumenta del 3% la mortalità. 
Con la mia presente , a tutela della comunità Eoliana, desidero chiedere a chi di dovere e competenza la possibilità di inserire nella convenzione con l'ospedale Papardo (rinnovata in questi giorni), per il supporto dei medici cardiologi presso l'ospedale di Lipari, la reperibilità notturna degli stessi. 
Non si deve e non si può aver paura ed impedirsi di fruire di percorsi diagnostici e terapeutici che siano efficienti ed efficaci. 
L'accesso alle cure ospedaliere oggi più che mai, non può e non deve venir meno, per nessun motivo. Primo tra tutti la paura e l'incertezza di trovare o meno i medici.
Anna Spinella

I cassonetti "terremotati" di Varesana sopra.

Un nostro lettore, Bartolo Cipicchia ci invia questo breve video

Ricordando... Mariano Sparacino.


Covid-19 – Le proposte del gruppo Moderati per Calderone: Emergenza economica e sostegno al Turismo

Il nemico invisibile ci ha costretti per settimane ad un isolamento brutale ma necessario. Il lockdown ha prodotto infatti gli effetti sperati, i decessi per Covid-19 sono in calo e i dati sul contagio moderatamente incoraggianti. La maggioranza degli italiani ha dimostrato responsabilità osservando le misure restrittive adottate dal Governo.
E’ evidente che non possiamo abbassare la guardia, saremo in stato di emergenza fino a quando il vaccino non sarà disponibile. E probabilmente ci vorrà del tempo trattandosi di un virus nuovo, la cui origine non è ancora del tutto conosciuta. Tuttavia è necessario ricominciare a vivere, a ripensare la quotidianità costruendo il futuro del paese su fondamenta più solide.
All’economia italiana il lockdown per il coronavirus costa 47 miliardi al mese, di questi solo 10 sono persi nel Mezzogiorno, calcola la Svimez. Questo significa sostanzialmente che l’economia del Sud Italia è talmente fragile che potrebbe non riprendersi più dalla crisi che stiamo attraversando. La pandemia, attualmente in corso, ha messo letteralmente in ginocchio l’economia della Sicilia che si basa prevalentemente su agricoltura, pesca e turismo. E il settore turistico è quello che maggiormente sarà colpito economicamente dalle ulteriori e moderate misure di contenimento dell’emergenza sanitaria.
Il turismo è volano di economia per la Sicilia e le isole minori. La Sicilia, crocevia del Mediterraneo, è terra di immensa bellezza ricca di 3000 anni di storia e arte, di racconti e mitologia. E la naturale vocazione turistica dei territori insulari ha di fatto tracciato e definito le condizioni di sviluppo di queste realtà.
Ormai da diversi giorni sentiamo parlare della cosiddetta “fase 2” dell’emergenza, ossia quella del lento riavvio del paese, di cui tuttavia sappiamo ben poco. Per arginare gli impatti economici del coronavirus, il Governo nazionale dovrà adottare nuove strategie con stimoli fiscali ed iniziative concrete a sostegno delle famiglie e delle imprese, dei settori maggiormente investiti dalla crisi, prevedendo anche contributi straordinari per le regioni meridionali con il più basso tasso di occupazione e con dimensioni di arretratezza preoccupanti.
Questi sono i temi che vogliamo mettere al centro del nostro ragionamento in un ottica altresì locale e territoriale.
Lunedì 20 Aprile, si terrà una riunione di Consiglio Comunele per la nomina dei revisori dei conti per il triennio 2020-2022 e per trattare gli aspetti sanitari e socio economici del nostro territorio sullo sfondo dell’emergenza. Possiamo affermare che finalmente si riparte, armati di buona volontà e con tante nuove idee, in un contesto che però ci appare più complicato per la crisi economica che ha investito il paese.
Siamo molto preoccupati per gli scenari incerti alle porte della stagione estiva, per gli effetti che la crisi avrà sull’economica locale e sull’occupazione garantita prevalentemente dalle imprese turistiche. Riteniamo pertanto indispensabile l’istituzione di una commissione comunale per l’emergenza Covid-19, aperta alle associazioni di categoria del settore turistico e produttivo dell’arcipelago, per valutare eventuali iniziative da mettere in campo a sostegno della ripresa economica e sociale cittadina, in affiancamento alle misure che verranno messe a punto a livello nazionale e regionale.
Per fronteggiare le emergenze, la politica locale deve un contributo di idee, proposte concrete per rappresentare le specificità territoriali, le enormi potenzialità economiche e sociali dell’arcipelago, i limiti inevitabilmente determinati dall’insularità per l’accesso a servizi essenziali. Chiediamo dunque un momento di confronto politico ed istituzionale per capire di quali strumenti siamo concretamente dotati.
Per andare incontro alle esigenze delle imprese turistiche chiediamo, per l’anno 2020, la sospensione dei tributi, della tassa di sbarco e del suolo pubblico. Chiediamo inoltre la costituzione di una cosiddetta “unità di crisi”, rappresentata dal Dirigente del II Settore e da tutte le componenti politiche rappresentate in consiglio, per affrontare scrupolosamente tutte le questioni relative alla drammatica situazione economica e finanziaria dell’ente.
Pochi mesi addietro, e prima dell’emergenza per la diffusione del Covid-19, erano emerse questioni importanti di natura economico finanziaria che lasciavano presagire scenari di dissesto per il Comune di Lipari. Siamo oltremodo preoccupati in quanto riteniamo che sullo sfondo dell’emergenza la situazione economica dell’ente non può che essere peggiorata .
Riteniamo inoltre utile la convocazione di tutte le commissioni consiliari per continuare il nostro lavoro di esame e di proposta, e chiediamo l’immediata convocazione delle commissioni bilancio, servizi sociali, turismo e lavori pubblici.
E’ necessario ripensare il nostro programma di azioni comuni per rendere il territorio accogliente ed ospitale anche nel periodo invernale. E’ fondamentale agire in sinergia con le imprese turistiche perché le stesse possano trarre beneficio da una “destagionalizzazione” del turismo, promuovendo iniziative di valorizzazione dei territori insulari, anche attraverso la riscoperta dei vecchi sentieri, con nuove e significative proposte culturali.
Le Isole Eolie da sempre sono meta di visitatori ed escursionisti, e riteniamo che l’offerta dei servizi per la fruibilità dei territori possa solo migliorare. Le nostre isole devono attrezzarsi per rendere migliore la qualità della vita delle proprie comunità attraverso trasporti e collegamenti più efficienti che abbattano i costi , i disagi e i lunghi tempi di attesa.

E’ dunque essenziale riprogrammare con serietà lo sviluppo infrastrutturale delle nostre isole. Investendo tutte le nostre forze in un piano di sviluppo della portualità e dei servizi marittimi, pensando anche alla realizzazione di nuove e moderne strutture di collegamento. E’ nostra la proposta di realizzare una aviosuperficie nell’isola di Lipari, un progetto che può dare speranza all’economia locale e creare nuove ed interessanti opportunità.
Il settore turistico è quello che maggiormente sarà colpito dalla crisi economica. Le moderate misure di contenimento per fronteggiare la diffusione del Covid -19 determineranno una riduzione degli spostamenti ed inevitabilmente territori come il nostro saranno penalizzati dalla tipologia degli attuali collegamenti. Se avessimo avuto una pista per l’atterraggio e il decollo di piccoli aerei avremmo di certo gestito questa fase di emergenza sanitaria ed economica con minori rischi.

Come eravamo: Isole di cenere (video)

Il restauro di questo film è stato reso possibile dal produttore Francesco Alliata di Villafranca, che ha messo a disposizione della Cineteca del Comune di Bologna e del CRICD - Filmoteca Regionale Siciliana un interpositivo di sua proprietà, il negativo scena e il negativo suono originali conservati presso la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale

La Chiesa festeggia oggi San Galdino di Milano.

Nel 1162 Federico Barbarossa, Imperatore di Germania, saccheggia Milano. È il periodo in cui nelle città italiane si sono costituiti i Liberi Comuni e contro queste autonomie lotta appunto il Barbarossa; è il periodo della Lega Lombarda, del giuramento di Pontida, quando i comuni si alleano per resistere all'autorità imperiale e conservare le loro libertà, sostenuti spesso dai vescovi locali. È lotta di potere anche nella Chiesa, lacerata tra Papa Alessandro III e l'antipapa Vittore IV che sostiene l'Imperatore con i cardinali a lui fedeli. Galdino della Sala, nominato da Papa Alessandro arcivescovo di Milano nel 1166, diede il suo appoggio politico alla Lega Lombarda ma si occupò soprattutto dei poveri di Milano, dei diseredati, dei carcerati per debiti. Il Vescovo predicò con grande energia contrò l'eresia catara che sosteneva un rigido contrasto tra il principio del bene e quello del male, dicendo che al male e non a Dio apparteneva ogni forma di possesso e di potere. Galdino morì improvvisamente, dopo aver predicato un'ultima volta, sul pulpito della sua Cattedrale.

Santa Marta, 18 aprile 2020, Messa con Papa Francesco

Oggi è il 18 aprile. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie.

Foto: Silvia Sarpi

venerdì 17 aprile 2020

Dalla Cattedrale di Lipari, Santa Messa nel 42° anniversario del terremoto del 1978 (differita)

"A casa sull'isola". Un bel progetto per rete d'accoglienza per operatori che prestano servizi essenziali alla cittadinanza

Riceviamo dall'avvocato Erika Pajno, presidente della Commissione Sanità del Comune di Lipari e pubblichiamo: 
Gent.mo direttore,
la presente per rendere pubblica una pregevole iniziativa che, grazie all’intuizione del giovane eoliano Francesco Fonti, si è concretizzata nel progetto “A casa sull’isola”, il cui obiettivo focale è la creazione di una rete di accoglienza rivolta a tutti gli operatori che transitato quotidianamente, o comunque con frequenza settimanale, dalla terraferma verso le nostre isole per prestare i più essenziali servizi di assistenza alla cittadinanza.
La scrivente, quale coordinatrice e referente dell’Amministrazione Comunale per il suddetto progetto, coglie l’occasione per ringraziare le strutture ricettive che hanno aderito all’iniziativa: appartamenti Stella, residence La Giara e hotel Mea.
Erika Pajno

OGGETTO: “A casa sull’isola” progetto di interesse sociale – ospitalità sul territorio isolano degli operatori in transito per esigenze lavorative. 
La presente nota si inserisce nel contesto del progetto pilota denominato “A casa sull’isola”, che trae origine dall’esigenza di creare una realtà organizzativa locale idonea ad accogliere tutti coloro che transitano quotidianamente, o comunque con una elevata frequenza settimanale, dalla terraferma verso l’arcipelago eoliano in ragione di esigenze lavorative. 
Si tratta di tutti quegli operatori che con pregevole spirito di servizio assicurano il funzionamento di settori nevralgici per la comunità isolana, occupandosi di garantire, tra le altre cose, la fornitura di assistenza sanitaria e l’attività di presidio del territorio. 
In un momento storico di estremo disagio - caratterizzato dalla diffusione della pandemia da COVID-19 - in cui gli spostamenti nello spazio necessitano di una momentanea contingentazione, il progetto in argomento mira ad offrire a tutti i suddetti operatori la possibilità di permanere stabilmente – e gratuitamente - sul territorio dell’isola di Lipari per il tempo occorrente a prestare il proprio servizio. 
I soggetti interessati potranno mandare una mail all’indirizzo erikapajno@virgilio.it (referente per l’amministrazione comunale del progetto) e saranno messi immediatamente in contatto con le strutture ricettive che hanno aderito all’iniziativa, mettendo a disposizione delle camere dotate di angolo cottura. Nella speranza di fare cosa gradita, si invita a dare la più ampia diffusione al presente comunicato. Cordialmente 
 L’Amministrazione Comunale 

Chiofalo: "Amministrazione attenta a istanze del territorio. Attiverò gruppo di lavoro per pianificare azioni incisive".

COMUNICATO

Lipari, 17 aprile 2020

Pur severamente impegnata nella fondamentale azione di protezione sanitaria della popolazione, l’amministrazione ha la massima considerazione della forte preoccupazione espressa dalle associazioni di categoria del comparto turistico-ricettivo, dagli esercenti e da tutto il tessuto produttivo Eoliano per le conseguenze dell’epidemia da Covid-19 e per le incerte prospettive future.
Avendo già chiarito l’impossibilità per il Comune di Lipari di disporre e sostenere uno sgravio dei tributi locali senza previo provvedimento nazionale e/o regionale, che dia legittimità e copertura finanziaria all’intervento, si accoglie con favore ogni volontà di contribuire con idee e spunti allo sforzo dell’amministrazione di perorare interventi a sostegno delle categorie produttive e dei lavoratori del nostro territorio.
È certo, altresì, che maggiore sarà la capacità di coordinamento migliori saranno i risultati ottenuti.
A tal fine, promuoverò l’istituzione di un gruppo di lavoro locale per raccogliere istanze e necessità delle diverse categorie e per pianificare le azioni più incisive da porre in essere per sollecitare a livello regionale e nazionale, viste le caratteristiche peculiari delle Eolie, interventi mirati volti a garantire la tenuta del nostro comparto produttivo e rendere applicabili i necessari protocolli per ripartire in sicurezza.

L’Assessore
Luca Chiofalo

Coronavirus: l’aggiornamento del 17 aprile in Sicilia, 2.139 positivi, 296 guariti, 190 deceduti

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato ad oggi (venerdì 17 aprile), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 45.172 (+2.767 rispetto a ieri).
Di questi sono risultati positivi 2.625 (+46), mentre, attualmente, sono ancora contagiate 2.139 persone (+31), 296 sono guarite (+12) e 190 decedute (+3).
Degli attuali 2.139 positivi, 567 pazienti (-6) sono ricoverati - di cui 46 in terapia intensiva (-2) - mentre 1.572 (+37) sono in isolamento domiciliare.
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 129 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 114 (15, 14, 10); Catania, 607 (114, 73, 65); Enna, 304 (170, 29, 25); Messina, 377 (127, 52, 38); Palermo, 335 (71, 44, 25); Ragusa, 59 (5, 5, 5); Siracusa, 101 (58, 60, 16); Trapani, 113 (7, 17, 5).
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

Due notti su cinque gratis, Vulcano indovina la rotta. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 17.04.20


Riapre da lunedì l'ufficio postale di Pianoconte.

Poste italiane rende noto che, da lunedì prossimo, insieme ad altri uffici della provincia, riapre quello di Pianoconte. Diventano così tre gli uffici aperti a Lipari: Lipari centro, Canneto, Pianoconte.

Buon Compleanno!

Auguri a Lisa Paino, Andrea Li Donni, Antonella Cappadona, Nino Cardi, Teresa D'alterio, Wilhelmina Míguez Adeliño, Andrea Pongolini, Esperia Sciarrone, Momo Najouani, Mirko Merlino.

Fonti replica a Muscarà: "Noto con piacere che si è svegliato dal torpore".

COMUNICATO STAMPA 
In riferimento alla nota del consigliere Franco Muscarà, datata16 aprile 2020, inviata per pec ai consiglieri comunali, alla Giunta, ai Dirigenti del Comune di Lipari, alle forze dell’Ordine e agli organi di stampa. Il consigliere Muscarà con una nota, inviata per pec al Presidente Giacomo Biviano e ai colleghi consiglieri nonché diffusa a mezzo stampa, dichiara “ritengo anch'io che sia inopportuna una seduta del Consiglio Comunale nella sala consiliare” sostenendo le motivazioni già rappresentate dai consiglieri Rita Gugliotta e Giusi Lo Rizio in merito alla convocazione della riunione del Consiglio, in data 20 aprile.
Il consigliere Muscarà dichiara inoltre “non riesco ad intravedere gli estremi e la necessità per una tale adunanza” ritenendo la convocazione del Consiglio inopportuna. Condividendo le ragioni istituzionali e le motivazioni ben rappresentate dal Presidente del Consiglio, intervengo per chiarire che inopportune sono solo le dichiarazioni rilasciate dal Consigliere Muscarà dato il momento di emergenza e le numerose problematiche che interessano i nostri territori. Noto, comunque, con piacere che il consigliere Franco Muscarà si è finalmente svegliato dal quel torpore in cui è precitato nel corso degli anni dimenticando spesso di essere consigliere comunale.
Di fatto, in tre anni dalla data di insediamento dell'assemblea, Franco Muscarà non ha una sola volta chiesto di intervenire sugli argomenti all'ordine del giorno del Consiglio Comunale. Evidentemente, nuovi stimoli muovono i primi timidi passi del Consigliere Muscarà che mi auguro nel tempo possano indirizzarlo a azioni più concrete e nell'esclusivo interesse della comunità che rappresenta. Ho sempre ritenuto la verità un valore da difendere. Chi vive nella verità non teme nessuno. Il consigliere Muscarà non credo possa comprendermi dato che mente con una straordinaria disinvoltura. Il mio riferimento è sempre alle affermazioni riportate nella nota resa pubblica e rivolte al sottoscritto. Muscarà mente sapendo di mentire! È necessario dunque riportare la verità dei fatti, fino a prova di smentita. Nel corso della "famigerata" e citata conferenza, il capogruppo del consigliere Muscarà ha rappresentato di non essere favorevole, al contrario del sottoscritto, a una riunione di Consiglio Comunale. Il capogruppo di Franco Muscarà ha motivato la sua posizione sostenendo che la convocazione del Consiglio poteva essere "un pessimo esempio" per chi si trova in isolamento. Il consigliere ha manifestato inoltre grande preoccupazione per il rischio di contagio a cui saremmo andati incontro tutti riunendoci nella sala consiliare. Il sottoscritto consigliere comunale ritiene invece la riunione di Consiglio Comunale essenziale sia per l'urgenza di affrontare il primo punto all'ordine del giorno che per la necessità di avviare un confronto sulle problematiche provocate dall'attuale fase di emergenza sanitaria. Ritengo infatti che sia urgente affrontare tutte le questioni relative alla sanità nelle Isole Eolie e porre grande attenzione alla situazione economica/finanziaria del nostro comune. Nel corso della conferenza dei capigruppo, ho addirittura richiesto chiarimenti in merito al presunto avvio del percorso nascita nell'Ospedale di Lipari. Forse il consigliere Muscarà si preoccupa che talune spiegazioni possano ripristinate la verità e fare ordine, restituendo dignità al nostro ruolo di consiglieri comunali. Non intendendo perdere altro tempo leggendo note patetiche e prive di contenuti. Il nostro gruppo, in Consiglio Comunale e nel paese, è impegnato attivamente per cercare soluzioni possibili alle innumerevoli problematiche dei nostri territori.
Gesuele Fonti

Il presidente Biviano chiarisce al consigliere Muscarà le modalità con le quali ha convocato il consiglio comunale

Egregio Consigliere Muscarà,
Mi trovo a non essere d'accordo con Lei sulla valutazione fatta in riferimento agli estremi e alla necessità della Convocazione del Consiglio Comunale per il primo punto.
Infatti, le misure da Lei citate prevedono la proroga di tutte le cariche in atto e vigenti al 23 febbraio 2020 e non per quelle scadute o terminate prima, così ad esempio il Collegio dei Revisori del Comune di Lipari.

Tra l'altro, Le ricordo che l'Organo di Revisione ai sensi del vigente TUEL è un organo fondamentale e imprescindibile, soprattutto per il controllo e la vigilanza sulla regolarità contabile, finanziaria ed economica della gestione relativamente all'acquisizione delle entrate, all'effettuazione delle spese, all'attività contrattuale, all'amministrazione dei beni, alla completezza della documentazione, agli adempimenti fiscali ed alla tenuta della contabilità;
Oltre che per l'apposizione di obbligatori pareri per le delibere consiliari e di giunta, senza i quali le stesse non possono essere esitate con regolarità.
Per quanto riguarda il secondo punto lo stesso è stato concordato con la maggior parte dei capigruppo durante l'ultima conferenza.
Sull'opportunità o meno invece della convocazione del Consiglio Comunale nella sala consiliare, la stessa è stata ampiamente valuta dal sottoscritto tenendo in debita considerazione sia il parere del Segretario Generale e sia quello dei singoli Capigruppo.
Infatti,la convocazione del Consiglio Comunale è stata preceduta da una riunione dei Capigruppo nella quale si è posta l'esigenza di dover procedere alla convocazione del Consiglio Comunale al fine di provvedere come detto al sorteggio dei membri del Collegio dei Revisori, anche alla luce di una nota della Corte dei Conti sulla questione;
La possibilità di svolgere il Consiglio in modalità videoconferenza è stata respinta dalla maggioranza dei presenti. Lo stesso Segretario Generale ha mostrato diverse perplessità riguardo alla eventualità di affrontare il suddetto sorteggio in modalità remota,per via della delicatezza delle operazioni di sorteggio. Tali operazioni prevedono infatti che l'estrazione dei nominativi venga svolta dai Consiglieri-scrutatori (nominati dal Presidente) e difficilmente controllabili via internet. Ed ancora, un eventuale votazione potrebbe essere compromessa da problemi tecnici imprevedibili che impedirebbero al Consigliere di esprime il proprio voto o non darebbero la certezza di espressione dello stesso, con il rischio di paralizzare l'intera seduta o di rendere la delibera passibile di ricorso al TAR.
L'alternativa di svolgere il Consiglio Comunale al Palazzetto dei Congressi al fine di garantire una maggiore sicurezza si è scontrata con le necessità poste dal Segretario Generale di garantire la diretta streaming attraverso canali ufficiali esclusivamente gestiti dagli uffici comunali, soprattutto se lo svolgimento sarebbe potuto avvenire a porte chiuse. Interpellati gli uffici, gli stessi hanno escluso tale possibilità in quanto la sede non è attualmente fornita di attrezzature idonee a poter garantire con affidabilità la diretta streaming dal PalaCongressi.
Così come ripetuto al Consigliere Lo Rizio e avallato dallo stesso Segretario Generale le dimensioni dell'attuale Aula Consiliare consentono di svolgere il Consiglio Comunale, soprattutto se a porte chiuse, nel rispetto del distanziamento minimo previsto dal DPCM.
In altri Comuni, i Consigli vengono convocati con regolarità, di presenza e nel rispetto delle attuali normative, con la presenza o meno del pubblico, a seconda dei casi, e con la consapevolezza che tale organo non può e non deve rimane paralizzato.
Distinti saluti.
Il Presidente del Consiglio Comunale
Dott. Giacomo Biviano

Eoliani che non ci sono più: Rosina Spanò in Rijtano


Ecografia morfologica: nuovo macchinario e riprendere gli esami in tempi brevi


Riceviamo e pubblichiamo:
In questo ultimo mese segnato dall'emergenza covid 19, è stato chiesto di garantire presso l’ospedale di Lipari almeno i servizi sanitari indifferibili. Tra questi, il percorso nascita e nello specifico l'esame di ecografia morfologica. Risale al 5 aprile il nostro ultimo aggiornamento sull'argomento, nel quale come Comitato “L’Ospedale di Lipari non si tocca” avevamo garantito che saremmo rimasti vigili sulla questione.

Ad oggi 16 aprile dobbiamo registrare con disappunto che, nonostante le iniziali rassicurazioni, non è ancora possibile effettuare tale esame. La direzione sanitaria, nella persona del dott. Compagno, ha già verificato che più di un medico ginecologo operante presso il nostro ospedale è abilitato ad effettuare l’ecografia morgologica. Ora sembra che il macchinario in dotazione all’ospedale non sia sufficientemente accurato, così che la direzione stessa ha fatto richiesta all'ASP di un nuovo ecografo con una risoluzione superiore, tale da offrire un servizio adeguato.
Alla luce di tali dichiarazioni e visto il momento che richiede di ridurre al minimo gli spostamenti, auspichiamo che chi di dovere accolga la richiesta del nuovo macchinario e che questo sia consegnato in tempi brevi.
Come sta emergendo dalle interviste sul percorso nascita che abbiamo avviato da quasi due settimane, sono già fin troppi i disagi che le partorienti eoliane devono sopportare.
Troppe donne, in questo delicato periodo di emergenza, si sono sobbarcate stressanti viaggi, dovendo raggiungere centri privati nelle città di Milazzo, Messina e Catania, per un esame che può arrivare a costare 200 euro o più, ma che potrebbero effettuare comodamente nella loro isola.
Cos'altro deve impedire l'effettuazione di questo esame presso il nostro ospedale? Non vogliamo credere che si stia speculando sulla salute delle future madri eoliane. La volontà per affrontare il problema c’è, le risorse ed il personale anche: ci auguriamo che non emergano ulteriori ostacoli.
Il Comitato “L’Ospedale di Lipari non si tocca”

Come eravamo: Quando si festeggiava il 4 Novembre a Canneto

Per le foto grazie a Don Giuseppe  Mirabito

La Chiesa festeggia oggi San Roberto di La Chaise - Dieu

Nelle favole, che sono quasi tutte di origine francese o tedesca, uno dei principali protagonisti è sempre il bosco, suggestivo e pauroso. Come nelle fiabe, San Roberto, nacque in mezzo ad una foresta, poco avanti il Mille.

Non figlio di boscaioli, come si potrebbe credere, ma di una nobildonna della famiglia di Turlandia, colta dalle doglie del parto nel fitto di un bosco, mentre si recava ad un Castello vicino. Si disse subito che il neonato era destinato a diventare eremita celebre; e poiché ricusò di suggere il latte dal seno di due nutrici poco oneste, si disse anche che sarebbe stato uomo di grande virtù e di somma purezza.

Giovanissimo, fu consacrato sacerdote, canonico della chiesa di San Giuliano a Brioude. Una virtù caratteristica di San Roberto era la sua carità verso gli infermi. Non si limitò a soccorrerli secondo il bisogno, ma aprì un ospizio tutto per loro, e vi si prodigò in una assistenza costante e premurosa.

Ma la vocazione di San Roberto era un'altra, più aderente al suo tempo caratterizzato dalla vita monastica.

Perciò San Roberto tentò di ritirarsi nel famoso monastero francese di Cluny, ma ne fu impedito da una specie di sollevazione popolare. Era troppo caro agli abitanti di Brioude, e questi lo rincorsero a Cluny, convincendolo a tornar tra loro.

San Roberto era turbato. Si recò a Roma, e sulla tomba degli Apostoli pregò di poter conoscere se la volontà di Dio lo voleva sacerdote secolare, cioè destinato a vivere nel mondo, oppure monaco, anzi eremita, come la sua vocazione sembrava suggerirgli.

Al ritorno incontrò un soldato, chiamato Stefano. Questi gli chiese quale fosse la strada migliore per una vita di penitenza: « Lascia ogni cosa, - disse San Roberto -, e mettiti al servizio del Signore ». « Lo farei volentieri - rispose Stefano, - solo se questo sacrificio potessi compierlo con te ».

Forse era proprio questo il segno divino che Roberto aspettava. Confidò a Stefano la sua segreta e accorata aspirazione, e insieme decisero di ritirarsi in un luogo solitario, sotto la protezione della Santa Vergine. Si unì un altro soldato, Dalmazio, stanco di odio e di battaglie. Si stabilirono tra i ruderi di una vecchia chiesa, e attorno vi sistemarono le loro cellette di frasche.

Nasceva così l'Abbazia della Chaise-Dieu, che significa « Sedia di Dio », e quindi anche « Casa di Dio ». Dopo infinite difficoltà, guidata dal suo santo Abate, la Chaise-Dieu divenne uno dei più importanti focolari monastici francesi, dopo Chartres e Cluny. Assicurava il culto a cinquanta paesi vicini, e si era dilatata in un grandioso complesso di edifici, che ospitavano ben trecento monaci.

San Roberto, nato in una selva di alberi, terminava così la sua vita in una selva di monaci, per i quali fu come un affettuoso padre prima di addormentarsi nella morte, il 17 aprile dell'anno 1067.

MARTIROLOGIO ROMANO. Nel monastero di Chaise-Dieu presso Clermont-Ferrand in Francia, san Roberto, abate, che radunò alcuni confratelli nello luogo stesso in cui viveva in solitudine, guadagnando molte anime al Signore con la parola della predicazione e con il suo esempio di vita.

17 aprile. Papa Francesco, Santa Messa da Santa Marta.

Oggi è il 17 aprile. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie.

Il centro di Lipari da Monte Gallina(foto: Angela Monteleone)

giovedì 16 aprile 2020

Test sierologici a personale che deve recarsi nelle isole minori per motivi di lavoro. Il comunicato dell'amministrazione Giorgianni.


COMUNICATO STAMPA

In attesa dell’Ordinanza Sindacale, che verrà emessa a brevissimo, circa la regolamentazione degli accessi alle Isole appartenenti al Comune di Lipari per motivi di lavoro alla luce delle disposizioni del DPCM 10 aprile 2020, accogliamo con favore la comunicazione odierna della Regione Siciliana in merito alla programmazione di test sierologici nell'ambito dello screening epidemiologico sul Coronavirus.
Nel Comunicato della Regione si legge infatti – così come questa Amministrazione ha richiesto con forza e determinazione perché gli sforzi fin qui compiuti dalle nostre Isole non venissero vanificati da aperture e concessioni non opportunamente regolamentate – che i test rapidi qualitativi con card saranno estesi ad un'ampia parte della popolazione, seguendo un preciso ordine di priorità a partire dalle Forze dell'ordine (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di finanza e Polizia locale), Vigili del fuoco, i militari delle Forze armate destinati a fronteggiare l'emergenza Covid e il personale che deve recarsi nelle isole minori per motivi di lavoro.
Ringraziamo il Governo Regionale per aver tenuto conto delle specifiche esigenze delle realtà delle Isole Minori che devono essere tutelate e salvaguardate, adottando ogni forma specifica di contenimento e contrasto del diffondersi del Coronavirus, facendo corrispondere la giusta prudenza alle auspicabili prospettive di riapertura.

                                                                           L’Amministrazione Comunale

Stromboli, carabinieri sanzione imprenditore edile.

Durante i controlli, legati all'emergenza Covid - 19, effettuati, periodicamente, sull’isola di Stromboli, i carabinieri della locale stazione hanno proceduto a sanzionare un imprenditore edile, in quanto sorpreso ad effettuare lavori all'interno di un cantiere, in violazione alle ordinanze vigenti. 

Fiori anche per Gaetano e Valentino.

 


Hanno completato, da poco, il giro dei cimiteri comunali di Lipari centro, Acquacalda, Pianoconte, Quattropani, i fratelli Giorgianni (LN Garden), deponendo, su ogni tomba, un fiore. 
Domani proseguiranno a deporre fiori negli altri cimiteri. Ovviamente non è stato possibile fare tutto nello stesso giorno.
Con la grande sensibilità che li contraddistingue, e non solo in questa occasione, hanno voluto deporre dei fiori anche sulle lapidi che, sul Balestrieri, ricordano Gaetano e Valentino, i due giovani che lì hanno preso prematuramente la vita.
Grazie a nome dei loro genitori e famigliari.

Coronavirus: l’aggiornamento in Sicilia, 2.108 positivi, 284 guariti e 187 deceduti

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato ad oggi (giovedì 16 aprile), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 42.405 (+2.538 rispetto a ieri).
Di questi sono risultati positivi 2.579 (+44), mentre, attualmente, sono ancora contagiate 2.108 persone (+27), 284 sono guarite (+11) e 187 decedute (+6).
Degli attuali 2.108 positivi, 573 pazienti (-17) sono ricoverati - di cui 48 in terapia intensiva (-1) - mentre 1.535 (+44) sono in isolamento domiciliare.
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 129 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 115 (14, 13, 10); Catania, 600 (121, 70, 65); Enna, 292 (174, 25, 24); Messina, 370 (133, 48, 38); Palermo, 330 (71, 44, 25); Ragusa, 59 (5, 5, 5); Siracusa, 100 (49, 60, 14); Trapani, 113 (6, 17, 5).
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

Pubblicato elenco delle attività commerciali convenzionate per l'accettazione dei Buoni Spesa

1 D.A.K.A.N. CORPORATION STROMBOLI 3899214361
2 SIMONE FARMACIA STROMBOLI
3 SIMONE FARMACIA FILICUDI t
4 SIMONE FARMACIA PANAREA
5 A PUTIA DI RANDO MARIA FILICUDI PORTO 0909889968
6 SPESA MIA di Merzì Srls M&Z CANNETO - LIPARI 3452575722
7 SPESA MIA di Merzì Srls M&Z PIANOCONTE – LIPARI 3483736116
8 SPESA MIA di Merzì Srls M&Z LIPARI VIA MADDALENA 909813219
9 D'ANIERI BARTOLO & c. E MIAT SRL LIPARI 3387142555
10 D'ANIERI BARTOLO & c. E MIAT SRL CANNETO 3387142555
11 SUPERMARKET BRUNO PANAREA 090983002
12 TESORIERO S.R.L. PANAREA 090983258
13 PANAREA 3349943170
14 ORTOFRUTTA SCOLARO LIPARI 3336170357
15 FRUTTA PIU' CANNETO 3393556162
16 RUSSO ELSA DI PALERMO CARLO ALICUDI 3888059624
17 ETNO ALIMENTARI LIPARI 3733484107
18 LO PICCOLO MACELLERIA VULCANO 090/9852356 – 333/366357
19 PANIFICIO GENTILE LIPARI 360/531891
20 SAPORI E DINTORNI - CONAD VULCANO 338/7424595
21 IL SALUMAIO LIPARI
22 ALFA & OMEGA LIPARI 090/9811243 – 320/9674984
23 LO RE ITTICA LIPARI
24 LA BOTTEGA DEL MARANO STROMBOLI
25 SPARACINO FARMACIA LIPARI
26 F.LLI LAISE LIPARI 090/9880769 – 339/2553668
27 MORSILLO FARMACIA LIPARI
28 FINOCCHIARO FARMACIA LIPARI
29 MAX ALIMENTARI LIPARI
30 CINCOTTA FARMACIA LIPARI
31 BONARRIGO BOMBOLE E ALIMENTARI LIPARI 090/9811539 – 333/3939814
32 LE DELIZIA DELLA CARNE LIPARI
33 LEONARDI LIPARI 090/9811885
34 DI GRADO FRUTTA LIPARI 338/5436644
35 LA PRIMIZIA FRUTTA LIPARI 338/3308731
36 LEONARDI PANIFICIO LIPARI
37 DI GRADO ORTOFRUTTA LIPARI

"Percorso nascita": inadempienze e gravi rischi. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 16.04.20

ASP Messina, da venerdì 17 aprile due linee telefoniche dedicate all'esito dei tamponi.

L'A.S.P. di Messina, per migliorare le comunicazioni con i cittadini che richiedono notizie sull'esito dei tamponi rinofaringei effettuati, ha istituito le seguenti linee telefoniche dedicate per la richiesta dell'esito dei prelievi biologici per la diagnosi di Covid-19: 090.3653126 e 090.3653414.
Il servizio sarà attivo da venerdì 17 aprile e verrà effettuato nei giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 08.00 alle 17.00, ed il sabato dalle 08.00 alle 13.00.

Buon Compleanno!

Auguri a Girolamo Casali, Rita Mandarano, Sergio Russo, Ciro Ingenito, Nunzio Pellegrino, Maria Grillo.

Coronavirus: Comuni, in Sicilia le elezioni slittano all'autunno

Le elezioni per il rinnovo dei Consigli comunali in Sicilia devono essere rinviate all'autunno. La decisione è stata adottata dal governo Musumeci allo scopo di contenere e contrastare i rischi sanitari derivanti dalla diffusione del Coronavirus nell'Isola. Il periodo individuato è tra l'11 ottobre e il 6 dicembre. La delibera della giunta, che approva il disegno di legge proposto dell'assessore alle Autonomie locali Bernardette Grasso, è stata già pubblicata sul sito web della Regione Siciliana e inviata all'Ars per l'avvio del relativo iter parlamentare.
Attualmente interessati dalla tornata elettorale sono 61 Comuni - i cui organi verranno prorogati - tra i quali due capoluoghi di provincia: Agrigento ed Enna. Le elezioni, programmate originariamente per il 24 maggio, erano state già rinviate dal governo regionale al 14 giugno (con eventuale ballottaggio il 28 giugno). Adesso, visto il permanere dell'attuale fase emergenziale, la proposta di un ulteriore spostamento, sulla quale dovrà pronunciarsi l'Aula.

Grazie Fausto! (da un post fb di Carmelo Sparacino)


Muscarà: "Inopportuna la seduta del consiglio nell’aula consiliare" e lancia "frecciatina" a Fonti

A sostegno della tesi esposta nella conferenza dei capigruppo dalla consigliera Gugliotta e perfettamente in linea con quanto sostenuto dalla consigliera Lorizio, dalla pec ricevuta in data 14/04/2020 ritengo anch'io che sia inopportuno una seduta del Consiglio Comunale nella sala consiliare, con tutte le dovute precauzioni prese. Non solo inopportuna ma, in riferimento alle disposizioni del DPCM 11.03.2020 e relative modifiche ed integrazioni dove si chiariscono le misure di sicurezza da adottare per la prevenzione da Covid 19. non riesco ad intravedere gli estremi e la necessità per una tale adunanza.
Per il 1° punto odg dove a mio avviso può ben essere rinviato, cosi come avviane per i rinnovi delle cariche istituzionali è stato disposto dalle autorità competenti il rinvio a date più consone.
Per quanto riguarda il 2° punto odg, conveniamo sulla necessità di uno scambio di idee e di una deliberazione su un ordine del giorno, da valutare in anticipo e condiviso, possibilmente da tutti. Ordine del giorno che potrebbe essere preparato da un'apposita conferenza dei capigruppo.
Esprimo la mia profonda amarezza nei confronti del consigliere Fonti il quale pretestuosamente in una conferenza di capigruppo ha attaccato la consigliera Gullotta, dove la rimproverava che volevamo ergerci a difesa di politici regionali.
A noi sta a cuore l'ospedale e più che mai in questo momento, cosi come ci stanno a cuore i provvedimenti socioeconomici per i nostri concittadini.
Concordo quindi con il Presidente del Consiglio sulla necessità a brevissimo di una tenuta del Consiglio Comunale, lo stesso deve essere svolto con la massima garanzia e tutela per tutti.
Gli assembramenti, se pur con le dovute distanze, non sono assolutamente ammessi.
Pertanto sin da questo momento assicuro la mia presenza qualora venisse svolto in streaming e nel contempo mi impegno, insieme al gruppo di appartenenza a fornire una piattaforma di discussione o comunque delle tesi utili alle tematiche che vengono indicate al secondo punto del org del 20/04/2020.
Distinti saluti
Vulcano 16/04/2020
Consigliere Comunale
Franco Muscarà

Coronavirus: queste le misure inserite nella manovra della Regione.

Una Finanziaria emergenziale, snella e di soli 26 articoli, per attivare misure di contrasto agli effetti economici negativi del Coronavirus in Sicilia. Il governo Musumeci ha riscritto la manovra per il 2020 e l'ha già inviata all'Assemblea regionale siciliana, per l'avvio dell'iter di approvazione. Le risorse provengono da una rimodulazione dei Fondi extraregionali (Fesr e Fse) e del Poc 2014/2020.
L'obiettivo di Palazzo Orleans è affrontare la cosiddetta “Fase 1” (quella dell'emergenza attuale) e la successiva “Fase 2” (Piano per la ricostruzione economica) incidendo, sostanzialmente, in quattro settori: enti locali, famiglie povere, operatori economici, scuole e povertà educative.
Comuni
Viene istituito un Fondo perequativo degli enti locali. Ai Comuni, per far fronte alle minori entrate, a causa della sospensione o per i mancati versamenti da parte dei contribuenti, andranno duecento milioni di euro.

Scuola e povertà educative
Al mondo della scuola vengono destinate centoventi milioni di euro. Serviranno per evitare un ulteriore incremento della dispersione scolastica e per garantire i livelli occupazionali dei lavoratori dei comparti dell’istruzione e della formazione professionale. Ma anche per favorire l’adozione di strategie finalizzate al potenziamento della scuola digitale e al corretto e più ampio esercizio del diritto allo studio.

Fasce deboli della popolazione
Il governo regionale ha previsto di incrementare il budget, da destinare ai Comuni, per l'assistenza alimentare delle famiglie più disagiate, portando le risorse a duecento milioni di euro. A queste si aggiungono altri cento milioni di euro che serviranno a istituire, presso l'Irfis, uno speciale Fondo per il finanziamento al consumo per le famiglie. Verranno concessi prestiti, in parte a fondo perduto, fino a cinquemila euro, a interessi zero.

Sistema economico-produttivo
Per quanto concerne il sostegno alle imprese sono previsti due tipi di interventi: sovvenzioni e finanziamenti per il credito d'esercizio, che assicurino liquidità alle aziende. Anche per questo settore verrà creato presso l'Irfis un Fondo di centosettanta milioni di euro per far fronte alle esigenze finanziarie degli operatori economici. Verranno concessi prestiti, in parte a fondo perduto, fino a quindicimila euro, a interessi zero. Dieci milioni, in particolare, sono destinati a sostenere l'editoria siciliana e le agenzie di stampa, anche online. Altri cento milioni di euro serviranno a creare, presso la Crias, uno speciale “Fondo per la ripresa artigiani”. Anche per loro prestiti fino a quindicimila euro senza interessi. Identica possibilità per le cooperative: cinquanta milioni di euro a disposizione, attraverso l'Ircac, per finanziamenti fino a cinquantamila euro. Interventi anche per il settore del turismo e il comparto della pesca.

Sospensione versamenti
Verranno sospese tutte le tasse di concessione governativa di competenza regionale, i tributi per il deposito in discarica dei rifiuti solidi, i canoni per le concessioni demaniali marittime e i ruoli istituzionali e irrigui dei Consorzi di bonifica dell'ultimo triennio.

Da Assobalneari appello all'assessore regionale Cordaro per le operazioni di installazione e di manutenzione delle strutture e delle attrezzature balneari.

Egr. Assessore Territorio ed Ambiente Regione Sicilia On. Avv. Totò Cordaro
 Egregio assessore come Assobalneari Italia intendiamo , prima di ogni altra cosa , esprimerLe la nostra approvazione per la attenzione che Lei, ancora una volta, ha dimostrato nei confronti delle imprese balneari siciliane. 
Riferendoci in particolare all’annuncio di esenzione del canone demaniale marittimo riferito alla annualità corrente, provvedimento che dimostra attenzione e lungimiranza Regione. 
Ci urge richiamare la Sua attenzione su una tematica che investe le nostre imprese rendendo vano il Suo apprezzabile impegno; ci riferiamo all'impossibilità, stante l'attuale quadro normativo, di eseguire le operazioni di installazione e di manutenzione delle strutture e delle attrezzature balneari. Un ulteriore procrastinarsi della data di inizio delle suddette opere rischierebbe, concretamente, di annullare la possibilità di operare per i lidi balneari nella stagione balneare ormai prossima , con il conseguente azzeramento di ogni reddito degli imprenditori e degli addetti, aggravata dalla possibilità reale di non potere adempiere ad impegni finanziari precedentemente assunti, ai costi fiscali e burocratici. 
Questo rischio appare maggiore nella zona orientale nella quale la morfologia della costa, con scogliere laviche ed i dislivelli, impone agli operatori la realizzazione di piattaforme precarie a ridosso della linea costiera, sulle quali poi realmente si svolgono le attività di un lido. 
Siamo già in forte ritardo sui loro tempi di allestimento, ed anche se dette attività fossero consentite senza indugio ulteriore ad iniziare i lavori, la stagione sarebbe già mutilata per il periodo di Giugno. 
La regione Liguria che si è preoccupata di affrontare immediatamente il problema ha già emanato il decreto 18/2020 del presidente Toti nella sua qualità di soggetto attuatore del Dipartimento della Protezione Civile per l’emergenza Covid-19, rispondendo immediatamente alle esigenze delle imprese.
Analoghi atti dispositivi ci risultano già attivi anche in altre regioni, tra cui Veneto ed Abruzzo. Abbiamo ritenuto sottoporre alla Sua attenzione questo problema come immediato e non più rinviabile perché in un momento emergenziale come questo non importano solo le azioni che vengono intraprese, ma sono fondamentali anche le tempistiche. 
Ci sarebbero tante altre questioni da affrontare ma questo rappresenta l'emergenza da affrontare per consentirci di vedere ancora un futuro per le nostre imprese. 
Cordiali saluti 
Il presidente nazionale Fabrizio Licordari 
 Il presidente regionale Luca Maimone 
 Il coordinatore della Sicilia Orientale Antonio Leonardi 
 Il coordinatore delle Isole Eolie Dario Famularo 

Lipari, al via la deposizione dei fiori offerti da LN Garden dei fratelli Giorgianni. Il video della preghiera di Mons. Sardella

COMUNICATO STAMPA
L’Amministrazione Comunale ringrazia sentitamente la ditta LN Garden dei fratelli Giorgianni di Lipari che in un momento così cupo e drammatico per tutto il nostro Paese, ha voluto donare un fiore per ciascuno dei nostri cari defunti, da posizionare in ogni loculo di tutti i cimiteri di Lipari: un gesto di profondo valore e grande sensibilità.
Nei prossimi giorni verrà offerto un segno floreale anche nei cimiteri delle isole minori.
Si ringrazia Mons. Gaetano Sardella per la benedizione profusa questa mattina al Cimitero di Lipari.
L’Amministrazione Comunale

IL VIDEO DELL'INTERVENTO E DELLA PREGHIERA DI MONS. GAETANO SARDELLA

Stromboli, rientro alla normale attività.

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, comunica che le reti di monitoraggio hanno registrato alle ore 10:21 (08:21 UTC), il rientro dei parametri alla normale attività.

Come eravamo, spulciando nel nostro archivio: Quando facevamo il bagno "Sutta 'u palu".

Chiunque voglia contribuire a questa rubrica, che da oggi diventa giornaliera, può inviare le foto a ssarpi59.ss@gmail.com o su messenger del nostro direttore, possibilmente specificando cosa è immortalato e a quando risale.Bagnanti nella frequentatissima (allora) scogliera liparese di "Sutta 'u palu" (Sotto il palo) e il traghetto "La Valletta" . Erano gli anni '70

Borse di stoffa grandi per la spesa. Prima risposta all'appello della Caritas. Signore/sarte, mettetevi all'opera

Prima risposta da una signora di Canneto, che intende mantenere l'anonimato, alla richiesta della Caritas di Lipari per la realizzazione di borse grandi di stoffa per la spesa. Questa nella foto è la prima. La pubblichiamo per invitare altre signore a fare altrettanto.
Questo l'appello di ieri:
La Caritas di Lipari ha bisogno di borse grandi per la spesa. 
Si chiede a tutte le persone abili nel cucito di creare con stoffa di recupero delle capienti e solide borse e di donarle con amore.
Contattare il 343643980

Consigliere Lorizio ringrazia presidente Biviano ma resta perplessa.

Con la presente intendo in primis ringraziare il presidente del consiglio Giacomo Biviano per l’attenta e sempre puntuale risposta alla mia PEC.
In riferimento a ciò s’intende precisare che, così come da PEC inoltrata ieri, concorda e condivide la necessità dello svolgimento del Consiglio comunale per le esigenze da lei citate e programmate in sede di conferenza dei sindaci,lungi da me “paralizzare i lavori del consiglio” o “esimersi dallo svolgere il proprio mandato”, tutt’altro visto che evidenzia e propone senza prendere posizioni e/o dinieghi, ma ciò non toglie che la stessa ritiene che nel frattempo si sarebbero potute attivare tutte quelle azioni necessarie a svolgere la seduta consiliare in un ambiente idoneo, e/o trovare una modalità in videoconferenza che potesse essere adatta all’uopo.
Bene rimarca che in passato si siano svolti consigli comunali nell’aula consigliare, con un nutrito numero di partecipanti, ma appunto “in passato” dove esigenze gravi di natura sanitaria non prevedevano le restrizioni indicate nel DPCM recante disposizioni per prevenire il contagio da Covid-19.
Non credo sia necessario essere un tecnico per comprendere che la distanza di un metro fra i partecipanti non possa essere garantita nei locali consueti di svolgimento del Consiglio.
Per quanto concerne la sanificazione confido nel buon senso ed immagino che dopo l’esecuzione della stessa i locali non siano stati più resi fruibili. Ringrazio ancora per l’attivazione dei presidi e degli ausili idonei ad affrontare la seduta.
Distinti saluti
Giusi Lorizio (consigliere comunale)

La Chiesa festeggia oggi Santa Bernadetta Soubirous.

Si chiamava Maria Bernarda, ed era nata a Lourdes, sconosciuto paesino della Francia meridionale. Era figlia d'un mugnaio, che presto dovette abbandonare il proprio mulino per ridursi a vivere di stenti nel paese.

La mattina dell'11 febbraio 1858 faceva freddo, e in casa Soubirous non c'era più legna da ardere. Bernardetta, con la sorella Antonietta e una compagna, furon mandate a cercar rami secchi nei dintorni del paese. Le tre bambine giunsero così vicino alla Rupe di Massabielle, che formava, dalla parte del fiume, una piccola grotta. Dentro a quella grotta giaceva un bel pezzo di legno. Per poterlo raccogliere, bisognava però attraversare un canale d'acqua, che veniva da un mulino e si gettava nel fiume.

Antonietta e l'amica calzavano gli zoccoli, senza calze. Se li tolsero, per entrare nell'acqua fredda. Bernardetta invece, essendo delicata e soffrendo d'asma, portava le calze. Pregò l'amica di prenderla sulle spalle, ma l'amica si rifiutò, e discese, con Antonietta, verso il fiume.

Bernardetta rimase sola. Pensò di togliersi gli zoccoli e le calze, ma mentre si accingeva a far questo udì un grande rumore: alzò gli occhi e vide che la quercia abbarbicata al masso di pietra si agitava violentemente, per quanto non spirasse alito di vento. Poi la grotta fu piena d'una nube d'oro, e una splendida signora apparve sulla roccia della grotta.

Istintivamente, la bambina s'inginocchiò, tirando fuori la coroncina del Rosario. La Signora la lasciò pregare, facendo passare tra le sue dita, come faceva la piccola orante, i grani del Rosario, che pur essa teneva in mano, senza però mormorare l'Ave Maria. Soltanto, alla fine della posta, s'univa a Bernardetta per recitare il Gloria Patri.

Quando il Rosario terminò, la bella Signora scomparve; sparì la nuvola d'oro, e la grotta tornò nera, dopo tanto splendore. L'apparizione si ripeté varie volte, e Bernardetta non si contraddì mai nel descrivere la bella Signora. « vestita di bianco - diceva -, con un nastro celeste annodato alla vita e con le estremità lunghe fin quasi ai piedi ».

Ma lo strano fu quando la fanciulla per tre volte chiese alla bella signora chi fosse. Per tre volte si sentì rispondere: « Io sono l'Immacolata Concezione ». « Questa risposta non ha significato », dissero coloro che ebbero il compito d'interrogare la povera pastorella. Ma Bernardetta insisteva:

« Ha detto così ».

Né mai si smentì o si contraddisse.

Intanto alla grotta accorrevano fedeli in preghiera, ed ecco che dal fianco della montagna scaturisce il più copioso fiume di miracoli che mai si fosse conosciuto. I ciechi riacquistavano la vista, i sordi riavevano l'udito, gli storpi venivano raddrizzati. Questa volta furono gli scienziati, prima a indignarsi, poi a stupirsi, poi a convincersi che il miracolo negato dai Positivisti era qualcosa di veramente positivo.

Attorno alla grotta di Lourdes si accesero le devozioni più fervide e le discussioni più clamorose. E su Bernardetta si appuntarono curiosità e ammirazione. Ella però soffriva dì tanta attenzione; chiese perciò di entrare in un convento, a Nevers. « Son venuta qui per nascondermi », disse umilmente. Stremata di forze, oppressa dall'asma, respirava a fatica. « Tu soffri molto », le dicevano le consorelle.« Bisogna che sia così », rispondeva la giovane suora.

Bisognava che soffrisse, per restare degna del privilegio che aveva ricevuto, di vedere la Vergine Immacolata.

MARTIROLOGIO ROMANO. Nevers sempre in Francia, santa Maria Bernarda Soubirous, vergine, che, nata nella cittadina di Lourdes da famiglia poverissima, ancora fanciulla sperimentò la presenza della beata Maria Vergine Immacolata e, in seguito, preso l’abito religioso, condusse una vita di umiltà e nascondimento.

Modalità erogazione buoni spesa nel Comune di Lipari : Interrogazione dei consiglieri Fonti e Mollica

Interrogazione dei consiglieri comunali Gesuele Fonti ed Eliana Mollica al Sindaco di Lipari Marco Giorgianni, all’Assessore Servizi Sociali, Tiziana De Luca e.p.c. al Presidente del Consiglio Comunale, Giacomo Biviano


Riferimento: Erogazione buoni spesa nel territorio del Comune di Lipari.

PREMESSO CHE:
con l’Ordinanza di Protezione Civile n. 658 recante “Ulteriori interventi di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili” si assegna ai Comuni italiani un contributo pari a 400 milioni di euro per interventi di solidarietà alimentare;
gli enti locali, in esercizio provvisorio, in base all’articolo 1 comma 3 della citata Ordinanza possono procedere ad una variazione di bilancio con delibera di Giunta;
il Comune di Lipari ha ricevuto la propria quota di finanziamento (pari a 108.000,00 euro circa) e ha provveduto con una delibera di giunta all’approvazione delle necessarie variazioni di bilancio in deroga alle ordinarie procedure;
in data 01 aprile 2020 l’Amministrazione comunale con avviso pubblico – Emergenza Covid 19 buoni spesa “Solidarietà alimentare” alle famiglie in difficoltà – indica i requisiti richiesti per accedere all’erogazione dei buoni spesa e le modalità di presentazione delle istanze, allegando il relativo modello di domanda;
raccogliamo il malessere e le giuste rimostranze di tanti cittadini, in evidente e dichiarato stato di disagio, che denunciano di essere stati esclusi dai benefici previsti dall’Ordinanza della Protezione Civile a favore del sostegno alimentare;
abbiamo verificato che tali lamentele provengono da persone in possesso dei requisiti indicati nell’Avviso pubblicato dall’Amministrazione comunale;
l’ordine cronologico a cui l’Amministrazione dichiara di essersi attenuto per l’erogazione dei buoni spesa, e da noi non condiviso per ragioni già espresse, ha escluso tante famiglie in difficoltà dal beneficio;
la procedura adottata per la selezione delle istanze non ha dato la necessaria priorità alle situazioni più problematiche;
l’erogazione dei buoni spesa, non nominativi, non ha avuto luogo presso gli uffici comunali nel rispetto della privacy bensì in luoghi pubblici (piazze, vie comunali, sedi associative ecc.) o direttamente presso le abitazioni dei richiedenti attraverso soggetti terzi all’ente;
è urgentissimo un intervento a favore delle persone singole e delle famiglie prive di risorse di sostentamento, ad oggi escluse dagli aiuti previsti dal decreto “Solidarietà alimentare”;

E, PREMESSO CHE:
la Deliberazione di Giunta Regionale n. 124 del 28/03/2020 e s.m.i., ha disposto misure urgenti per sostenere i nuclei familiari che versano in condizioni disagiate e che non possono fare fronte con risorse proprie ad esigenze primarie, destinando complessivi € 100 mln, di cui € 30 mln a valere sul PO FSE obiettivo specifico 9.1, di cui il Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali è Centro di Responsabilità;
si ripartisce tra i Comuni le risorse disponibili in quota FSE 2014/2020, complessivamente pari a € 29.999.346,00, in misura pari al 30% della quota di riparto per Comune prevista nella Tabella allegata alla Deliberazione di Giunta Regionale n. 124 del 28/03/2020;
il D.D.G. n. 304 del 04 aprile 2020 – Allegato n. 1,
Schema di riparto tra i Comuni delle risorse disponibili in quota FSE 2014/2020 per le “Misure di sostegno all’emergenza socio- assistenziale da COVID-19” ai sensi della Deliberazione della Giunta Regionale n. 124 del 28/03/2020, assegna al Comune di Lipari l’importo di 76.926,00 euro.

Interroga, per sapere
- quanti buoni spesa sono stati acquistati con il contributo di circa 108.000,00 euro, erogato a favore del Comune di Lipari attraverso l’Ordinanza di Protezione Civile n. 658 (Risorse da destinare a misure urgenti di solidarietà alimentare);
- il numero esatto delle istanze pervenute presso gli uffici dei Servizi Sociali del Comune di Lipari;
- se tutte le autocertificazioni presentate risultano munite di documento d’identità;
- le modalità con le quali si è proceduto all’accertamento dei redditi dei soggetti richiedenti;
- il numero di istanze che non hanno trovato accoglimento e le relative motivazioni;
- il numero di buoni spesa assegnati e le modalità stabilite per la divisione e distribuzione degli stessi;
- se è stato accreditato al Comune di Lipari l’importo di 76.926,00 euro, riportato nella Tabella allegata alla Deliberazione di Giunta Regionale n. 124 del 28/03/2020, e si è provveduto di conseguenza alle necessarie variazioni di bilancio in deroga alle ordinarie procedure;
- se è intenzione dell’Amministrazione rivedere le modalità individuate per l’assegnazione e la distribuzione dei buoni spesa, al fine di evitare ulteriori disattenzioni, per rispondere rapidamente ai bisogni delle famiglie che versano in condizioni disagiate e che non possono fare fronte con risorse proprie ad esigenze primarie;
- se l’Amministrazione ha individuato condotte non corrette e dichiarazioni non attendibili, considerato che la Guardia di Finanza potrebbe avviare delle verifiche come dichiarato dal Sindaco di Lipari ai quotidiani locali.
La presente riveste carattere di urgenza per la quale si chiede risposta nei termini di cui all’art.27 della L.R. 26/8/1992 n. 7.

Consiglieri Comunali del gruppo Moderati per Calderone
Gesuele Fonti
Eliana Mollica