Cerca nel blog

sabato 9 maggio 2020

Giorgianni : “Nel Comune di Lipari, famiglia, entrata in contatto, indirettamente, con la donna di Leni, si è posta in quarantena". Nel post anche i dati di oggi in Sicilia.

Una famiglia, residente nel Comune di Lipari, anche se non è entrata direttamente a contatto con la donna di Leni ed il suo compagno, appresa la notizia della positività della donna, si è messa con grande consapevolezza in quarantena, collaborando con l'amministrazione comunale ed i carabinieri. Sarà, ovviamente, terminata la quarantena, sottoposta a tampone.
Intanto questo è il quadro riepilogativo della situazione in Sicilia, aggiornato ad oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 101.548 (+2.837 rispetto a ieri), su 90.885 persone: di queste sono risultate positive 3.313 (+12), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.080 (-47), 977 sono guarite (+56) e 256 decedute (+3).
Degli attuali 2.080 positivi, 294 pazienti (-35) sono ricoverati - di cui 17 in terapia intensiva (-2) - mentre 1.786 (-12) sono in isolamento domiciliare. Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.

Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato
www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87.

Lipari, in fiamme cabina elettrica dell'impianto di pretrattamento liquami.

Le fiamme, sprigionatesi a causa di un corto circuito, hanno praticamente liquefatto una cassetta di derivazione dell'impianto di pretrattamento - sollevamento liquami di contrada S. Caterina a Lipari.
Sul posto, per spegnere le fiamme, sviluppatesi circa un'ora fa, sono intervenuti i vigili del fuoco. Sul posto, oltre alla ditta che gestisce l'impianto, anche la polizia municipale, la guardia di finanza e i carabinieri. 
L'impianto al momento è fermo ma dovrebbe ripartire dopo i necessari interventi. 

LA PAROLA. Commento al vangelo di domenica 10 MAGGIO 2020

Ordinata la sospensione di due attività ricettive di Vulcano. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 09.05.20

L'articolo s'ingrandisce cliccandoci sopra.

C.S. Lipari... Una storia a tinte rosso - blu : Una formazione

In alto da sx: Silvio Corrieri, Pino Li Donni, Nino Maggio, Villanti, Franchino Monteleone. Federico Gallo, Pino Caputo, Zanolla (mister)
In basso da sx:  Boltin, Cariello, Marino, Bongiovanni, Sarino Centorrino

Per la foto grazie a Melina China, per la consulenza sui nomi a Massimo Di Franco

Rischia di affondare l'economia delle Eolie. Il servizio di Duilio Calarco del TGR Sicilia.

Leni: Donna positiva al Covid - 19. Lo svela tampone, era asintomatica. Sindaco mette in atto precauzioni.

Una donna residente a Leni, originaria della Bielorussia, rientrata a Salina dal Nord Italia, il 20 aprile, è risultata positiva al Covid - 19. 
La donna, evidentemente asintomatica, non presentava patologia e la positività è stata individuata grazie al tampone.
La donna, da quanto trapela, non appena rientrata si era messa in quarantena ma, alla scadenza della stessa, non ha atteso il risultato del tampone al quale era stata sottoposta, ed è uscita, entrando in contatto con delle persone.
Per questo motivo il sindaco di Leni, Giacomo Montecristo, di concerto con i carabinieri, ha chiuso, momentaneamente, una attività commerciale, dove la donna si era recata, e posto in quarantena, in attesa del tampone, una quindicina di persone con le quali la donna è venuta in contatto. 


Buon Compleanno!

Auguri a Teresa Sarni, Giusy Giardina, Marco Torre, Carlo Aguglia, Santino Belmuda, Maia Antonia Simanschi, Andrea Cortese, Monica Blasi, India Bongiorno.

"La storia delle isole Eolie"...conosciamola attraverso lo storico Giuseppe La Greca. 9 maggio 1095 :Il Constitutum

9 maggio 1095
Il constitutum
Come amava scrivere Luigi Bernabò Brea In vari momenti le Isole Eolie hanno avuto nella storia e nell’economia del Mediterraneo occidentale un’importanza di gran lunga superiore a quello che la ristrettezza del loro territorio e il numero dei loro abitanti potrebbero far supporre.”
Le vicende relative all’occupazione araba ed alla successiva “liberazione” da parte dei Normanni possono apparire avvenimenti lontani, interessanti soltanto per gli studiosi e gli amanti della storia, ma non a Lipari. Le concessioni normanne all’abate Ambrogio nel 1088, soprattutto per la proprietà dei terreni pomiciferi, diedero l’avvio, già nel corso del 1888 e successivamente nel 1911, ad una lite di ampia risonanza tra la Mensa Vescovile ed il Municipio che ha visto il fronteggiarsi di giuristi e storici di grande valore per oltre un ventennio, apportando un contributo importante alla storia medievale delle Isole Eolie (vedi 29 aprile).
Il Vescovo sosteneva che tutti i terreni pomiciferi erano di proprietà della Mensa Vescovile, per concessione normanna, di carattere allodiale, cioè, di proprietà piena e assoluta da parte del beneficiario, mentre i legali del Comune di Lipari sostenevano la tesi della natura feudale, contemplante il solo godimento dei diritti e degli utili che ne derivavano, esclusa l’acquisizione perpetua della proprietà, tesi risultata alla fine vincente.
Ancora qualche anno fa lo status giuridico dei terreni pomiciferi, soggetti all’uso civico di cavar pomice, hanno alimentato scontri e polemiche per la proprietà di dette aree.
Oggi riproponiamo il “constitutum” dell’Abate Ambrogio
Nel nome del Signore Nostro Gesù Cristo: io Ambrogio , abate del Monastero … frati  che  al presente sono … alcuni nomi qui seguono … Sigulfo, W. Ponzio, Si … Gilberto … Vig … di costoro e di altri uomini …, io predetto Abate legittimamente ho ordinato che tutti gli uomini, che in atto trovasi a Lipari e che domandano alla fraternità nostra se essi e i loro eredi siano per sempre esenti da tributi e prestazioni di servizio, tengano in perpetuo, essi e i loro eredi, la terra che io do o i miei successori daranno. Ma a questa condizione : che ciascuno nel settore in cui lavora – in terra o in mare o in altre attività – versi le decime a Dio e a San Bartolomeo.
Stabilisco altresì che, se uno viene con l’intenzione di dimorare e risiedere per tre anni e poi vuole andarsene, abbia la facoltà di vendere legittimamente questa terra agli abitanti del luogo, o di donare tutto ciò che possiede. Ed egualmente, chi soggiorna per un anno avrà la  facoltà di vendere la casa, la vigna (piantata), la cisterna ed altrettali cose, eccetto la terra che gli fu data ai fini del suo  stanziamento qui.
Questa carta è stata scritta il 9 maggio, nell’anno dell’Incarnazione del Signore 1095, Indizione VII. Se qualcuno avesse intenzione di contravvenire a questi ordinamenti, sia anatema. Maranà tha. (Signore, Vieni!).
Di questa decisione sono testimoni: Alberto visconte, Giovanni, fratello dell’Abate, Giovanni guardiano del Castello, Sterino figlio di Durante, Durante Cardone, W. Di Romania, Martino camerario.
+ Signum Ambrosii abbatis (traduzione Giuseppe Iacolino)


Quali furono i motivi che spinsero l’abate Ambrogio ad emanare questa carta costituzionale?
Il constitutum era una sorta di statuto o patto preliminare sulla cui base si sarebbero dovuti successivamente formulare i singoli contratti agrarii.
Il documento rappresenta una forma di “promozione  pubblicitaria” per incentivare la popolazione della vicina Sicilia a trasferirsi a Lipari per  incrementare la popolazione residente.
I doveri dei coloni? Si possono restringere essenzialmente a due:
periodico versamento a Dio e a San Bartolomeo delle decime dei prodotti agricoli e della pesca;
l’obbligo (anche se non specificato) di prendere le armi nella deprecata eventualità di un’incursione che giungesse dal mare.
In pochissimi anni, alla popolazione indigena di Lipari, che parlava ancora il greco, ed erano concentrati nella conca di “Chianu a Reca” Piano Greca (precedentemente chiamata Vulcanello) si affiancano i nuovi arrivati portando la popolazione ad un complessivo di circa mille abitanti intorno all’anno 1100.
Nel corso del 1995, nella ricorrenza dei 900 anni del Constitutum, i quattro Comuni delle Isole Eolie dedicarono una settimana (dal 5 al 9 maggio) di celebrazioni, la prima “Festa di Maggio”. Un grande appuntamento culturale e turistico per riscoprire le Eolie di cui ancora sentiamo la necessità.

Per approfondimenti vedi:
Giuseppe Iacolino, La fondazione della Communitas Eoliana, agli albori della Rinascenza, (1095 -1 995) Aldo Natoli Editore, Lipari, 1995.
Dal “constitutum” alle “controversie liparitane” le chiavi di lettura della storia eoliana nell’ultimo millennio, a cura di Umberto Spigo, Angelo Raffa e Marcello Saija, Quaderni del Museo Archeologico Regionale Eoliano, Messina, 1998.
Vincenzo Consolo, Constitutum: Lipari e le Eolie, Edizioni del Centro Studi, Lipari, 2006.

Per non dimenticare - 9 maggio 1943 / 9 maggio 2020 : 77 anni dall'affondamento del Santamarina.

Sono oggi  77 anni da quel tragico 9 maggio 1943 quando venne affondato il piroscafo di linea Santamarina, dove persero la vita 61 persone. Vogliamo ricordarle attraverso questo post.
Riportiamo  di seguito (tratto da un libro sulla vita e storia delle Eolie) uno stralcio di una descrizione di quanto avvenne quel giorno
"In pomeriggio, Lipari e le sue sorelle, toccarono con mano, quelli che furono gli orrori della guerra stessa, oltre a subire la crudeltà di un conflitto, certamente non voluto dalle popolazioni, ma loro malgrado costrette a subirne l' offesa, la disperazione, i lutti, le privazioni, la ripugnanza  e l' inutilità .
Tante vittime innocenti perirono, ben 61su 97 persone che erano a bordo, per colpe che certamente non avevano"

Quel giorno, domenica,  intorno alle ore 15,10 il piroscafo di linea Santamarina, salpava gli ormeggi da Marina Corta per far rotta su Vulcano-Milazzo, seguendo la rotta 102/C; il mare era particolarmente mosso, ma certamente non metteva in crisi un' imbarcazione che, per quei tempi era considerata d' avanguardia; così, lasciato lo scalo di Vulcano, il Santamarina proseguiva felicemente la sua rotta, quando a nove miglia da Lipari ed a non più di tre- quattrocento metri da Punta Bandiera,  nella frazione di Gelso, un siluro lanciato intorno alle ore 15,48, dal sommergibile inglese Unrivalled, comandato dal tenente H. B. Turner, partito il primo maggio dalla base navale di Malta, per un' operazione di pattugliamento delle coste nord/orientali della Sicilia, lo colpiva al centro ed esattamente all' altezza della sala macchine, spaccandolo in due tronconi e facendolo colare a picco in pochissimi minuti, portandosi dietro il suo immane carico di morte e di disperazione".


ELENCO DELLE VITTIME DELL'AFFONDAMENTO DEL PIROSCAFO SANTAMARINA IL 09 MAGGIO 1943
 EQUIPAGGIO MERCANTILE
1 BASILE ONOFRIO MESSINA 1888
2 ORTESE EMILIO MESSINA 1888
3 DI MEGLIO GENNARO TORRE DEL GRECO 1893
4 MILANI VINCENZO                                          
5 CUZZOCREA PAOLO MOTTA S. GIOVANNI 1897
6 CALVO DOMENICO MESSINA 1890
7 SACCHETTINO GIUSEPPE  NAPOLI 1885
8 FORMICA GIUSEPPE MESSINA 1908
9 FLORIO PASQUALE TORRE FARO 1909
10 ALFONSETTI MICHELANGELO SCILLA 1888
11 FOTI VINCENZO MILAZZO  06-12- 1884
12 ANDALORO GIUSEPPE MILAZZO 12-10-1895
13 BITTO VINCENZO MESSINA  1885

EQUIPAGGIO MILITARE
14 PORRETTO GIUSEPPE PALERMO 27-05-1891
15 GALLAZZI ARNALDO MILANO 14-06-1912
16 FIORENTINO NATALE GIOVINAZZO 19-01-1917
  
PASSEGGERI MILITARI
17 D'ALESSANDRO ALFONSO NAPOLI 20-01-1918
18 STRAMANDINO ANTONIO S.FILIPPO DEL MELA 02-02-1916
19 BENINATI GIOVANNI LIPARI 09-01-1919
20 BARCA DOMENICO LIPARI ( PIANOCONTE) 01-11-1915
21 CURRO' ANTONINO LIPARI DI ANNI 22
22 SCUDERI ANTONINO ACICASTELLO 20-09-1905
23 MANTELLO FRANCESCO GRAMMICHELE 14-03-1909
24 CASELLA SALVATORE S.ANGELO DI BROLO 20-06-1912
25 PAVONE SEBASTIANO ACIREALE 02-02-1896
26 PORTELLI GIUSEPPE  LIPARI (CANNETO) 24-11-1899
27 LEANZA EDOARDO CESARO' 18-04-1898
28 COSTA GIUSEPPE LIPARI 17-01-1900
29 D'ANIERI ANTONINO LIPARI 10-01-1908
30 MARTINIS ANTONINO CROTONE 23-06-1902
31 NATOLI FELICE SANTA MARINA SALINA 25-04-1919
32 MIANO NICOLA CASTROREALE 01-02 1912
  
PASSEGGERI CIVILI

33 PICONE ANTONINO LIPARI (PIANOCONTE) 09-06-1926
34 ACUNTO STEFANO LIPARI 16-05-1909
35 MARTURANO GIUSEPPE LIPARI (PIANOCONTE) 09-10-1910
36 RUSSO GRAZIA LIPARI 1878
37 BONINO BARTOLOMEO QUATTROPANI 23-05-1903
38 BASILE GIOVANNI LIPARI  25-01-1915
39 MOLLICA ROSARIO LIPARI (CANNETO)  08-10-1917
40 BIVIANO ROSINA NEW YORK 20-07-1922
41 RUSSO FRANCESCO CARINI  09-01-1891
42 TAURO GIUSEPPE LIPARI 19-06-1930
43 CURRO' IOLANDA LIPARI (ACQUACALDA) 15-01-1930
44 MAGGIORE GIACOMO LIPARI 19-04-1874
45 MANNELLO TOMMASO LIPARI 24-05-1914
46 SPANO' ANTONINO LIPARI ( CANNETO) 01-08-1924
47 BONGIORNO MARINO SANTA MARINA SALINA 14-07-1884
48 SGRO' SALVATORE S.LUCIA DEL MELA 20-12-1896
49 GERMANO EDEL ROMA 29-10-1909
50 GERMANO CLARA PALERMO 08-05-1907
51 PISTORESI GIULIA LIPARI 15-06-1891
52 DI MENTO GIUSEPPE SPADAFORA 04-09-1891
53 GRECO GIUSEPPE MILAZZO 28-08-1897
54 CASELLA MICHELE S.ANGELO DI BROLO 05-08-1926
55 ROMAGNOLO ROSARIO MILAZZO 24-02-1923  
56 GITTO LORENZO MILAZZO 13-05-1890
57 PENTOLA ANTONINO S.AGATA MILITELLO 07-11-1919
58 VINCENTI LUIGI MESSINA 06-09-1921
59 CASSATA LUIGI MONTALBANO ELICONA 12-05-1915
60 IMBESE FRANCESCO S.LUCIA DEL MELA 01-10-1880
61 MAIURANA GIUSEPPE LIPARI 07-10-1901
62 LIBERATORE ANGELA LIPARI 08-09-1905

 TOTALE 62 DI CUI 13 EQUIPAGGIO MERCANTILE, 3 EQUIPAGGIO CIVILE, 16 MILITARI PASS.E 30 CIVILI PASS.

Da lunedì cambia l'orario di partenza della nave mattutina da Lipari.

L'assessore Luca Chiofalo informa che "Al fine di evitare assembramenti presso la biglietteria di Lipari ,per la concomitante partenza della nave e dell’aliscafo alle ore 07.00, da lunedì 11 maggio e fino a nuova disposizione la partenza in nave da Lipari viene anticipata alle ore 06.30.
Conseguentemente, gli orari dei successivi passaggi sono Vulcano 06,55/07,00 - Milazzo arrivo 08,40.
Rimane, per il momento, invariato il viaggio di ritorno con partenza da Milazzo alle ore 18.30.

Lipari, cedimento strutturale in un edificio della XXIV maggio. Strada chiusa al traffico.


Vigili del fuoco, coadiuvati dai carabinieri, al lavoro, per diverse ore, durante la notte scorsa, per via di un cedimento strutturale che interessa un edificio posizionato sulla sinistra della via XXIV maggio.
A causare il cedimento, anche abbastanza evidente, sarebbero state delle perdite d'acqua nel sottosuolo.
L'importante arteria è stata chiusa al traffico e già da stamattina sono al lavoro gli operai della ditta Bellino. 

Oggi è il 9 maggio. La Chiesa festeggia San Pacomio Abate.

Pacomio Abate, Santo fu il primo padre del cenobismo monastico. Soldato Esneh ebbe occasione di conoscere cristiani e fu spinto ad imitarli. Lasciata dunque la militizia, si ritirò presso un piccolo tempio abbandonato di Senesit e poco dopo fu battezzato.

Fallito il suo primo tentativo ascetico, si ritirò a vita anacoretica sotto la guida del Monaco Palomone. In questo periodo potè rendersi conto dei difetti della vita anacoretica e comprese la necessità di una vita in comune, in un monastero, sotto la direzione di un superiore.

Si separò così da Palamone e a Tabennisi, un villaggio abbandonato sulla riva destra del Nilo, organizzò una comunità religiosa di cui fu abate, caratterizzata dalla sottomissione a una regola e dalla costituzione di superiori. Poté così raccogliere parecchie centinaia di cenobiti in un solo monastero e fondarne altri.

Attorno al 400 si conteranno quasi 5000 monaci (S. Girolamo parla addirittura di 50.000, ma pare che il calcolo sia erroneo). P. redasse la prima regola, che da lui prende il nome, in lingua copta. Essa ci è giunta completa solo nella traduzione latina dal greco curata da Girolamo nel 404; dei testi copto e greco vi sono solo frammenti. Essa imponeva non solo preghiere e digiuni, ma anche il lavoro manuale e lo studio della Bibbia. In appendice alla regola tradotta da S. Girolamo si trovano detti e ammonimenti di P. (Morzita Pachomiz) e 11 lettere di cui due in criptografia.

MARTIROLOGIO ROMANO. Nella Tebaide, in Egitto, san Pacomio, abate, che, ancora pagano, spinto da un gesto di carità cristiana nei confronti dei soldati suoi compagni con lui detenuti, si convertì al cristianesimo, ricevendo dall’anacoreta Palémone l’abito monastico; dopo sette anni, per divina ispirazione, istituì molti cenobi per accogliere fratelli e scrisse per i monaci una regola divenuta famosa.

venerdì 8 maggio 2020

Associazione Cappero di Salina e Consorzio Tutela del Cappero di Salina preferiscono fregiarsi del riconoscimento Presidio Slow Food Cappero di Salina

Riceviamo e pubblichiamo:
GENTILE DIRETTORE, NELLE QUALITA' DI PRODUTTORI DEL CAPPERO DI SALINA-PRESIDIO SLOW FOOD- LE INVIAMO DA SALINA ALCUNE NOSTRE RIFLESSIONI, NELLA SPERANZA CHE ELLA VORRA' DARCI IL DOVUTO SPAZIO. LA RINGRAZIAMO ANTICIPATAMENTE.

LEGGIAMO CON "PIACEVOLE SORPRESA" DELLA PUBBLICAZIONE SULLA GAZZETTA EUROPEA DEL RICONOSCIMENTO DOP DEL "FAMOSO CAPPERO DELLE EOLIE" .SAPPIAMO BENE TUTTI CHE LA STORIA DELLA PRODUZIONE DEL CAPPERO,CON APPORTO DEL LAVORO DELL'UOMO, AFFONDA LE SUE RADICI SOLO E SOLTANTO NEI TERRENI FECONDI DELL'ISOLA DI SALINA NELLA QUALE ISOLA NASCE LA  PRODUZIONE  DA TEMPI IMMEMORI ANCHE DEL PREGIATO VINO  MALVASIA DOC. DA SEMPRE,INFATTI ,PROPRIO DA SALINA VENIVANO VENDUTI AI COMMERCIANTI LIPAROTI, GRANDI QUANTITATIVI DI CAPPERI SOTTO SALE CHE DIVENTAVANO SUCCESSIVAMNETE CAPPERI DI LIPARI.A TAL PROPOSITO NON SI PUO' NEANCHE DIRE CHE I TERRENI DELLE EOLIE SIANO TUTTI UGUALI, BASTA INFATTI GUARDARE ALLE TERRE POMICIFERE DI LIPARI,O AI TERRENI FORTEMENTE RICCHI DI PRESENZA SABBIOSA DI STROMBOLI,O AI TERRENI DI VULCANO CONNOTATI DA MINERALI NON PRESENTI IN ALTRE ISOLE, QUINDI SETTE ISOLE E MOLTISSIME DIFFERENZE,LE STESSE DIFFERENZE CHE NEL MONDO DEL VINO VENGONO ESALTATE E VALORIZZATE PERCHE CREANO PRODUZIONI VINICOLE MOLTO DIVERSE TRA LORO, INFATTI NON SI PUO DIRE OGGI CHE LE PRODUZIONI DI MALVASIA REALIZZATE NELLE DIVERSE ISOLE SIANO LE STESSE TRA DI LORO..INOLTRE E' DA NON SOTTACERE CHE LA QUALITA' INDISCUSSA DEL CAPPERO DI SALINA PROVIENE DALLA ININTERROTTA TRADIZIONE DELLA PIANTUMAZIONE PER TALEA, COSA CHE NON SOLO STORICAMENTE NON ERA PRESENTE NELLE ALTRE ISOLE, MA CHE SE VIENE INTRAPRESA OGGI CON LE TALEE DI SALINA VOLUTAMENTE PIANTUMATE NELLE ALTRE ISOLE AL FINE DI GIUSTIFICARNE LA QUALITA, OVVIAMENTE SARA' DIVERSA DA QUELLA CENTENARIA CATENA DI PRODUTTIVITA' PRESENTE NEI TERRENI DI SALINA.PER QUESTE RAGIONI, DOPO ATTENTI STUDI SU  QUALITA,PRODUZIONE, E STORICITA' DEL CAPPERO DI SALINA DA OLTRE UN VENTENNIO SLOW FOOD NE CERTIFICA L'IMPORTANZA A LIVELLO MONDIALE INSERENDOLO TRA I LORO PRESIDI.L'IMPORTANZA DEL CAPPERO DI SALINA VIENE ALTRESI' VALORIZZATO ANCHE  DALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A TAL PUNTO DA CREARE CIRCA 30 ANNI FA ( NON IERI !!) LA SAGRA DEL CAPPERO , MANIFESTAZIONE CHE CON INCONTRI CONVEGNI TEMATICI E DIBATTITI CON PERSONALITA' DI SPICCO DEL MONDO DEL CIBO E DELL'AGRICOLTURA NE HA SEMPRE SANCITO QUALITA' ED UNICITA' RISPETTO AGLI ALTRI PRODOTTI PRESENTI NEL MEDITERRANEO. ED E' LA STESSA COMUNITA' EUROPEA CHE INDICA NEL SUO STESSO DOCUMENTO, fra le culture per l’ottenimento della DOP, il Cappero “Spinoso di Salina”. SE  SI VUOLE POI GUARDARE AI DATI DELLA PRODUZIONE CHE SI LEGGE NEI DIVERSI COMUNICATI ESSERE NELLE EOLIE DI CIRCA 600 QUINTALI , SI EVIDENZIA CHE BEN OLTRE 450 VENGONO PRODOTTI DALLE AZIENDE DI SALINA CHE RIENTRANO DEL PRESIDIO SLOW FOOD, ECCETTO UNA SOLA AZIENDA CHE, NON RIENTRANDO NELLA CERTIFICAZIONE SLOW FOOD,  HA DECISO DI SOSTENERE INVECE LA CREAZIONE DEL CAPPERO DELLE EOLIE DOP. SI  PUO' ANCHE ENTRARE NEL MERITO DEL DISCIPLINARE VOLUTO E CREATO PER L'OTTENIMENTO DEL MARCHIO DOP DELLE EOLIE, CHE STRAVOLGE I FONDAMENTALI USI DELLA TRADIZIONALE PRODUZIONE DEL CAPPERO , INSERENDO NELLO STESSO ARTIFICIOSE NOVITA' CHE NULLA HANNO A CHE FARE CON LA RITUALE PRODUZIONE DEL CAPPERO,( NON SAREBBE LA PRIMA VOLTA BASTI VEDERE L'IGP DEL CIOCCOLATO MODICANO) QUESTE SONO SOLO ALCUNE DELLE FONDAMENTALI  MOTIVAZIONI CHE HANNO PORTATO I PRODUTTORI DEL CAPPERO DI SALINA A NON RICONOSCERSI NELLA RICHIESTA DELLA DOP CAPPERO DELLE EOLIE, RESTANDO CORAGGIOSAMENTE FUORI DA UN CONCETTO DI GLOBALIZZAZIONE CHE NULLA HA A CHE FARE CON LE SPECIFICITA' E DIVERSITA' TERRITORIALI, ESSENDO  PRIVA DI FONDAMENTI CHE POSSANO GIUSTIFICARNE APPUNTO LA CREAZIONE DI UNA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA!
Per quanto sopra esposto i soci della Associazione Cappero di Salina nonché i soci del Consorzio Tutela del Cappero di Salina che rappresentano quasi la totalità del prodotto dell’ Isola preferiscono fregiarsi del riconoscimento Presidio  Slow Food Cappero di Salina su CUI si è investito da parecchi decenni.

Coronavirus: in Sicilia sempre meno ricoveri, aumentano guariti. 253 i deceduti. I dati all'8 maggio.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato ad oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 98.711 (+3.016 rispetto a ieri), su 88.497 persone: di queste sono risultate positive 3.301 (+13), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.127 (0), 921 sono guarite (+11) e 253 decedute (+2).
Degli attuali 2.127 positivi, 329 pazienti (-41) sono ricoverati - di cui 19 in terapia intensiva (-2) - mentre 1.798 (+41) sono in isolamento domiciliare.
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 69 (0 ricoverati, 65 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 99 (16, 52, 11); Catania, 696 (71, 245, 91); Enna, 288 (86, 104, 29); Messina, 358 (65, 142, 52); Palermo, 404 (56, 96, 31); Ragusa, 37 (3, 50, 7); Siracusa, 107 (30, 102, 26); Trapani, 69 (2, 65, 5)
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87.

Il cappero delle Eolie ottiene il marchio "Dop". L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 08.05.20


Un "Canneto d'epoca". Foto: Marina Centorrino.

In alto, da sx: Carlo Merlino, Bartolo Pavone, Agostino Portelli, Bartolo La Greca, Bartolo Portelli, Sarino Centorrino
In basso, da sx: Pino Natoli, Demetrio De Salvatore, Salvatore Bviano, Domenico Licciardo

Grazie a Marina Centorrino per la foto. Qualcuno ci può aiutare ad individuare l'anno?

Donate al reparto pediatrico dell’A.O. Papardo 70 mascherine per i pazienti in età pediatrica

Oggi il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Papardo dottor Mario Paino ha voluto ringraziare il presidente del Comitato Messina Nord Giovanni La Rosa e l’associazione il sogno di Morgan Onlus, l’associazione Informa Donna Sagittario e il N.O.E. (Protezione Civile) per aver donato nella giornata di ieri, 70 mascherine per bambini al reparto di pediatria. Ieri la piccola cerimonia di consegna nel reparto pediatrico dell’A.O. Papardo diretto dalla dott.ssa Lina Silvestro.
“La vicinanza delle istituzioni e del mondo consociativo testimonia il dialogo costruttivo all’insegna della solidarietà - ha detto il Direttore Paino - così come dimostrato in questa emergenza sanitaria legata al covid. Voglio ringraziare i promotori di questa nobile iniziativa per il significativo contributo in favore dei pazienti più piccoli dell’Ospedale, da noi attenzionati in queste settimane di isolamento non facile proprio per chi fa della socialità la forma più alta di apprendimento e crescita personale.”

Madonna di Pompei:Dalla chiesa dei Cappuccini (Lipari) la Santa Messa e la Preghiera della Supplica (differita)

Firmato contratto settennale per il nuovo appalto del servizio raccolta rifiuti nel Comune di Lipari.


COMUNICATO STAMPA

Con grandissima soddisfazione, si comunica alla cittadinanza che ieri, 8 maggio 2020, sono stati firmati il contratto normativo e il contratto attuativo per il nuovo appalto del servizio raccolta rifiuti del Comune di Lipari, con decorrenza 1 giugno 2020, alla presenza del Sindaco Marco Giorgianni, dell’Assessore all’Ecologia Massimo Taranto, del Dirigente Mirko Ficarra e dei tecnici Geom. Placido Sulfaro e Alberto Ainis, dei dirigenti della Loveral s.r.l. e del già Direttore della S.R.R Messina Isole Eolie Mimmo Fonti.
Si tratta di una vera e propria svolta storica per la raccolta della spazzatura nel nostro Comune, da sempre punto dolente tra le attività amministrative da ascriversi alla limitatezza temporale dei contratti che non consentiva, all’atto pratico, una prospettiva di piena effettività: il nuovo appalto, infatti, ha durata settennale, caratteristica che permette, finalmente, quegli investimenti di lungo periodo necessari a una reale riorganizzazione del servizio di nettezza urbana, rendendolo finalmente adeguato e attuale, con un sistama di raccolta porta a porta spinto che potrà finalmente permetterci di raggiungere quegli auspicati livelli di differenziata pari alle altre località turistiche italiane, migliorando l'immagine e la vivibilità di tutto il territorio comunale, contenendo i costi di gestione e di smaltimento dei rifiuti, riducendone anche le quantità prodotte.
Il nuovo servizio, che recepisce gli indirizzi del Piano d’Ambito accolto dal Consiglio Comunale, sarà dunque espletato dalla stessa Loveral s.r.l., vincitrice della gara la cui procedura è stata portata avanti dalla SRR Messina Isole Eolie e celebrata presso l’UREGA di Messina; la ditta avrà poi 90 giorni di tempo per adeguarsi alle direttive previste dal bando e dal contratto in essere, adeguando mezzi e attrezzature e avviando una consistente campagna informativa presso la cittadinanza sui dettagli, le modalità e il cronoprogramma del nuovo servizio nonché per la dotazione all’utenza del materiale necessario.
L'aspettativa dell’Amministrazione Comunale era l’avvio del sevizio già dai mesi invernali, resa però impossibile sia dalle procedure di verifica a seguito della gara che si sono protratte più del previsto sia, in misura maggiore, dalla sospensione delle attività per l’emergenza Coronavirus, che ci ha permesso solo adesso di procedere alla firma del contratto e che coincide, per gli stessi motivi, anche con lo sblocco dell’iter per la realizzazione delle aree di trasferenza in tutte le isole del Comune di Lipari, che erano da tempo state acquistate e i cui lavori, già messi a bando e affidati, prenderanno avvio nelle prossime settimane, così da raggiungere, una volta a regime, l’intero e ambizioso obiettivo dell’Amministrazione di riconfigurare il sistema di raccolta e gestione dei rifiuti all’interno delle nostre isole, sia dal punto di vista del servizio che da quello infrastrutturale.

L’Amministrazione Comunale

Come eravamo, pescando nel nostro archivio:. Canneto 1907


Il "Monteleone" riapre da domani all'attività individuale. Il comunicato dell'assessore Taranto.


COMUNICATO STAMPA

Come previsto dall’art. 8 dell’ordinanza del Presidente della Regione Siciliana n. 18 del 30 aprile 2020 per cui si consente l'attività sportiva in forma individuale, ovvero con un accompagnatore per i minori e le persone non autosufficienti, purché nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale e delle norme relative al contenimento del contagio, ammettendo quindi tale attività esclusivamente in luoghi all’aperto, senza che avvenga alcun contatto fisico, escludendo tutte le discipline di squadra, si comunica l’apertura del campo sportivo “Franchino Monteleone” a partire da domani sabato 9 maggio, nei soli giorni feriali, dalle ore 8:00 alle ore 20:00.


                                                                       L’Assessore allo Sport
                                                                            Massimo Taranto

Rosanna Spadaro, presidente AIRC Eolie: "Quest'anno niente azalee ma porgiamo a tutte le mamme gli auguri più belli

Quale Presidente della delegazione AIRC per le Isole Eolie purtroppo devo portare a conoscenza i sostenitori della ricerca che quest'anno non possiamo offrire in piazza l'azalea della ricerca in occasione della festa della mamma. Quest'anno le piazze delle nostre isole alla pari delle piazze d'Italia non sorrideranno, non saranno abbellite dall'azalea della ricerca.
Vogliamo rivolgere il nostro pensiero a tutte le mamme e porgere loro gli auguri più affettuosi.
Rosanna Spadaro
Presidente AIRC Isole Eolie

Comune di Lipari emessa ordinanza che disciplina combustione, nel luogo di produzione, di materiale vegetale derivante da sfalci, potature o ripulitura



L'assessore Chiofalo: "Prorogata al 31 maggio l'attuale regolamentazione del traffico nel centro storico di Lipari"

(di Luca Chiofalo) In considerazione del protrarsi di necessità e disagi causa emergenza da Covid-19, l’assetto invernale della regolamentazione al traffico veicolare nel centro urbano di Lipari sarà prorogato fino al 31 maggio.
Dal 1 giugno, con la fondata speranza di essere in una condizione diversa, restituiremo vie e piazze ad una più serena e prolungata fruizione pedonale.

Canneto: La gente non capisce e arriva il "blocco" nel parco giochi. DPCM non ha autorizzato riapertura.


LA DOP AL CAPPERO DELLE ISOLE EOLIE. CALDERONE (FI): “GRANDE RISULTATO CHE PREMIA IL TERRITORIO”

COMUNICATO STAMPA
DOP “CAPPERO DELLE ISOLE EOLIE”, CALDERONE (FI): “GRANDE RISULTATO CHE PREMIA IL TERRITORIO”
Palermo, 08/05/2020: “Con la certificazione raggiunta, non solo ne beneficerà tutto l’Arcipelago delle Eolie, ma tutta la nostra economia. Stiamo parlando di un mercato redditizio che premia una delle nostre eccellenze in ambito gastronomico. Con il riconoscimento della DOP ‘Cappero delle Isole Eolie’ sale infatti a 32 il numero delle DOP/IGP siciliane nell’ambito del food. Non posso che esprimere il mio ringraziamento anche all’Assessore all’agricoltura, Edy Bandiera: la Sicilia sta dimostrando che la strada della valorizzazione dei nostri prodotti tipici è quella maestra”. Così dichiara il Capogruppo di Forza Italia al Parlamento Siciliano, on. Tommaso Calderone.

Buon Compleanno!

Auguri a Pina Tesoriero, Tindara Falanga, Mario Cincotta, Giulia Riganò, Giuseppe Lauricella Cincotta, Antonio Costa, Giovanni Longo, Mariagrazia Cincotta, Emily Greco, Mario Scolaro, Margherita Forgione, Mariarosa Stramandino, Enzo Pergola, Lara Cavagnis, Bastiano Saglimbeni

Il cappero eoliano è DOP. Intervista ad Aldo Natoli, presidente Ass. Cappero delle Isole Eolie DOP: "Ci poniamo all'attenzione del mondo con un prodotto di altissima qualità"

Cappero Isole Eolie DOP, l’assessore Bandiera : ” marchio comunitario significativa opportunità per i giovani”

Continua il percorso di qualificazione e valorizzazione delle produzioni agricole siciliane con la pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, del regolamento di esecuzione (UE 2020/624) per l’iscrizione del Cappero delle Eolie nel registro delle denominazioni di origine protetta. Sale pertanto a 32 il numero delle Dop/Igp siciliane del food, ma soprattutto giunge a compimento il virtuoso percorso di riconoscimento, iniziato nel 2016, che ha visto l’assessorato Agricoltura impegnato al fianco di aziende e produttori per tutta l’istruttoria e le diverse fasi che hanno portato al raggiungimento di questo importante risultato.
«Portare un prodotto a marchio genera quell’importante valore aggiunto che rende sostenibile, anche dal punto di vista economico finanziario, l’attività agricola – afferma l’assessore all’Agricoltura, Edy Bandiera – il marchio comunitario rappresenta anche una significativa opportunità per i giovani che vorranno scommettere su questa produzione, ad alto valore aggiunto e deficitaria sul mercato».
Il disciplinare prevede la possibilità di poter coltivare capperi su tutto quanto l’arcipelago delle Eolie, il che significa incrementare una produzione fortemente redditizia, visto che il mercato ha una domanda che molto spesso non riesce a soddisfare. Queste alcune delle caratteristiche cui dovranno rispondere i capperi e i cucunci Dop “Cappero delle Isole Eolie”: colore verde tendente al senape con striature violacee; sapore intenso e pungente; odore aromatico, forte, senza alcuna inflessione di muffa o odori estranei; calibro non inferiore a 4 millimetri per i capperi; calibro non superiore a 20 millimetri per i cucunci.

Ricordando... Vittoria Biviano in Barile (detta Maria)


Gabriele Di Franco: Il ricordo dei suoi cari nel primo anniversario della dipartita

Gabriele Di Franco 
08/05 /2019 08/ 05/2020 
Accanto a noi avevamo un angelo... Poi lo sei diventato davvero... Ma so che dal cielo ci ami ancora e ci proteggi.. E già passato un anno e ci manchi tantissimo.
La moglie e i figli

Buongiorno, oggi è l'otto maggio. La Chiesa festeggia la Madonna di Pompei.

Il culto della Beata Vergine del Rosario di Pompei, o, più semplicemente, della Madonna di Pompei, nasce alla fine del 1800 ad opera di Bartolo Longo, oggi Beato Bartolo Longo, il quale, si narra che, mentre si trovava nei campi, udì la Madonna dirgli: "Se propagherai il Rosario sarai salvo" . Il giovane Bartolo Longo, rimase scosso da questo messaggio che la Madonna gli affidava, tanto da abbandonare gli ambienti satanici che frequentava, e iniziare la propria opera di diffusione della preghiera del Rosario.

Tuttavia i primi tentativi di diffusione del Rosario non ottennero grandi risultati, e per questo si recò a Napoli, per acquistare un dipinto affinché il popolo di Pompei potesse più facilmente convertirsi a questa preghiera. La sorte volle che, una volta giunto a Napoli, Bartolo Longo incontri il proprio confessore, che gli suggerisce di rivolgersi a Suor Maria Concetta del convento di Porta Medina, la quale custodiva un dipinto della Madonna del Rosario, che lo stesso confessore gli aveva affidato anni prima.
La tela era in pessime condizioni, danneggiata dalle tarme e con intere parti di colore mancante, tanto che Bartolo Longo non voleva accettarlo. Ma, di fronte alle insistenze della suora, non potè rifiutare il dono e con questo si diresse verso Pompei, su di un carretto utilizzato solitamente per il trasporto del letame.

Il quadro, così come era, non poteva essere esposto alla cittadinanza, sia per lo stato di degrado, che per un errore nel dipinto, che ritraeva Santa Rosa, al posto di Santa Caterina da Siena, come colei che riceveva il rosario, e dunque ponendo l'immagine a rischio di interdetto. Fu così che Bartolo Longo decise di affidare alle mani di un restauratore il quadro e, contemporaneamente, diede inizio alla costruzione di una nuova chiesa nella quale esporre il dipinto: la edificazione di questa chiesa sarà resa possibile dalla contessa Marianna De Fusco, futura sposa dello stesso Bartolo Longo, che fece cospicue donazioni, e, le successive elargizioni dei fedeli fecero in modo che ben preso la chiesa si trasformasse nella attuale Basilica Pontificia della Beata Vergine del Rosario di Pompei.

Il dipinto della Madonna di Pompei, o della Beata Vergine del Rosario di Pompei, che dir si voglia, infatti, venne venerato fin dalla prima esposizione pubblica: infatti, già il 13 Febbraio 1876, quando appunto venne mostrato per la prima volta il dipinto, si verificò il primo miracolo, ovvero la guarigione a Napoli di una ragazzina che malata di epilessia inguaribile. In ben poco tempo iniziarono a giungere a Pompei migliaia di fedeli, ciascuno chiedendo una grazia alla Madonna, tanto che ai giorni nostri si stima che più di 4 milioni di persone ogni anno si rechino in pellegrinaggio, facendo così, di quello di Pompei, uno dei santuari mariani più visitato al mondo.

La importanza della Basilica di Pompei, per il mondo cattolico, è testimoniata anche dal fatto che per ben 4 volte è stata visitata da un papa: in particolare sia papa Giovanni Paolo II, sia papa Benedetto XVI che papa Francesco si sono recati in visita al Santuario e, in occasione della visita di San Giovanni Paolo II venne recitata la Supplica.


SUPPLICA ALLA MADONNA DI POMPEI


si recita l'8 maggio / prima domenica di ottobre

Nel mentre i fedeli giungevano al Santuario, Bartolo Longo cominciò a diffondere preghiere e pie devozioni, componendo, poi, nel 1883, anche la Supplica. Questa è una preghiera, inizialmente intitolata "Atto d'amore alla Vergine" ma poi ribatezzata "Supplica alla potente Regina del SS.mo Rosario di Pompei". Il testo ha avuto nel tempo vari ritocchi, prima della formula attuale, che facciamo seguire.

La Supplica viene recitata solennemente due volte l'anno, l'8 maggio e la prima domenica di ottobre. L'otto maggio del 1915, la preghiera fa il suo ingresso in Vaticano: alle 12.00 di quel giorno, Benedetto XV e i dignitari vaticani la recitarono nella cappella Paolina. Da allora la tradizione è continuata con i Pontefici successivi.

Beata Vergine Maria del Rosario di Pompei



O Augusta Regina delle vittorie, o Vergine sovrana del Paradiso, al cui nome potente si rallegrano i cieli e tremano per terrore gli abissi, o Regina gloriosa del Santissimo Rosario, noi tutti, avventurati figli vostri, che la bontà vostra ha prescelti in questo secolo ad innalzarvi un Tempio in Pompei, qui prostrati ai vostri piedi, in questo giorno solennissimo della festa dei novelli vostri trionfi sulla terra degl'idoli e dei demoni, effondiamo con lacrime gli affetti del nostro cuore, e con la confidenza di figli vi esponiamo le nostre miserie.

Deh! da quel trono di clemenza ove sedete Regina, volgete, o Maria, lo sguardo vostro pietoso verso di noi, su tutte le nostre famiglie, sull'Italia, sull'Europa, su tutta la Chiesa; e vi prenda compassione degli affanni in cui volgiamo e dei travagli che ne amareggiano la vita. Vedete, o Madre, quanti pericoli nell'anima e nel corpo ne circondano: quante calamità e afflizioni ne costringono! O Madre, trattenete il braccio della giustizia del vostro Figliuolo sdegnato e vincete colla clemenza il cuore dei peccatori: sono pur nostri fratelli e figli vostri, che costarono sangue al dolce Gesù, e trafitture di coltello al vostro sensibilissimo Cuore. Oggi mostratevi a tutti, qual siete, Regina di pace e di perdono.

Salve, Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra , salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

È vero, è vero che noi per primi, benché vostri figliuoli, coi peccati torniamo a crocifiggere in cuor nostro Gesù, e trafiggiamo novellamente il vostro Cuore. Sì, lo confessiamo, siamo meritevoli dei più aspri flagelli. Ma Voi ricordatevi che sulla vetta del Golgota raccoglieste le ultime stille di quel sangue divino e l'ultimo testamento del Redentore moribondo. E quel testamento di un Dio, suggellato col sangue di un Uomo-Dio, vi dichiarava Madre nostra, Madre dei peccatori. Voi, dunque, come nostra Madre, siete la nostra Avvocata, la nostra Speranza. E noi gementi stendiamo a Voi le mani supplichevoli, gridando: Misericordia!

Pietà vi prenda, o Madre buona, pietà di noi, delle anime nostre, delle nostre famiglie, dei nostri parenti, dei nostri amici, dei nostri fratelli estinti, e soprattutto dei nostri nemici, e di tanti che si dicono cristiani, e pur dilacerano il Cuore amabile del vostro Figliuolo. Pietà, deh! pietà oggi imploriamo per le nazioni traviate, per tutta l'Europa, per tutto il mondo, che torni pentito al cuor vostro. Misericordia per tutti, o Madre di Misericordia.

Salve, Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra , salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

Che vi costa, o Maria, l'esaudirci? Che vi costa il salvarci? Non ha Gesù riposto nelle vostre mani tutti i tesori delle sue grazie e delle sue misericordie? Voi sedete coronata Regina alla destra del vostro Figliuolo, circondata di gloria immortale su tutti i cori degli Angeli. Voi distendete il vostro dominio per quanto son distesi i cieli, e a Voi la terra e le creature tutte che in essa abitano sono soggette. Il vostro dominio si estende fino all'inferno, e Voi sola ci strappate dalle mani di Satana, o Maria.

Voi siete l'Onnipotente per grazia. Voi dunque potete salvarci. Che se dite di non volerci aiutare, perché figli ingrati ed immeritevoli della vostra protezione, diteci almeno a chi altri mai dobbiamo ricorrere per essere liberati da tanti flagelli.

Ah, no! Il vostro Cuore di Madre non patirà di veder noi, vostri figli, perduti. Il Bambino che noi vediamo sulle vostre ginocchia, e la mistica corona che miriamo nella vostra mano, c'ispirano fiducia che noi saremo esauditi. E noi confidiamo pienamente in Voi, ci gettiamo ai vostri piedi, ci abbandoniamo come deboli figli tra le braccia della più tenera fra le madri, ed oggi stesso, sì, oggi da Voi aspettiamo le sospirate grazie.

Salve, Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra , salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

Chiediamo la benedizione a Maria.
Un'ultima grazia noi ora vi chiediamo, o Regina, che non potete negarci in questo giorno solennissimo. Concedete a tutti noi l'amore vostro costante, e in modo speciale la vostra materna Madonna di Pompeibenedizione. No, non ci leveremo dai vostri piedi, non ci staccheremo dalle vostre ginocchia, finché non ci avrete benedetti.

Benedite, o Maria, in questo momento, il Sommo Pontefice. Ai prischi allori della vostra Corona, agli antichi trionfi del vostro Rosario, onde siete chiamata Regina delle vittorie, deh! aggiungete ancor questo, o Madre: concedete il trionfo alla Religione e la pace alla umana società. Benedite il nostro Vescovo, i Sacerdoti e particolarmente tutti coloro che zelano l'onore del vostro Santuario.
Benedite infine tutti gli Associati al vostro novello Tempio di Pompei, e quanti coltivano e promuovono la divozione al vostro Santo Rosario.

O Rosario benedetto di Maria; Catena dolce che ci rannodi a Dio; Vincolo di amore che ci unisci agli Angeli; Torre di salvezza negli assalti d'inferno; Porto sicuro nel comune naufragio, noi non ti lasceremo mai più. Tu ci sarai conforto nell'ora di agonia; a te l'ultimo bacio della vita che si spegne. E l'ultimo accento delle smorte labbra sarà il nome vostro soave, Regina del Rosario della Valle di Pompei, o Madre nostra cara, o unico Rifugio dei peccatori, o sovrana Consolatrice dei mesti. Siate ovunque benedetta, oggi e sempre, in terra e in cielo. Così sia.

Salve, Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra , salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.


Novena alla Madonna di Pompei

PER IMPETRARE GRAZIE NEI CASI PIU' DISPERATI

(si inizia il 29 aprile, 26 settembre o quando si vuole e va recitata per intero tutti i giorni)
Si ponga la prodigiosa immagine in luogo distinto e, potendo si accendano due candele, simbolo della fede che arde nel cuore del credente. Prima di cominciare la Novena, pregare Santa Caterina da Siena che si degni di recitarla insieme con noi.
(da ripetere per nove giorni consecutivi)


O Santa Caterina da Siena, mia Protettrice e Maestra, tu che assisti dal cielo i tuoi devoti allorché recitano il Rosario di Maria, assistimi in questo momento e degnati di recitare insieme con me la Novena alla Regina del Rosario che ha posto il trono delle sue grazie nella Valle di Pompei, affinché per tua intercessione io ottenga la desiderata grazia. Amen.

O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

O Vergine Immacolata e Regina del Santo Rosario, Tu, in questi tempi di morta fede e di empietà trionfante hai voluto piantare il tuo seggio di Regina e di Madre sull'antica terra di Pompei soggiorno di morti pagani. Da quel luogo dove erano adorati gli idoli e i demoni, Tu oggi, come Madre della divina grazia, spargi dappertutto i tesori delle celesti misericordie. Deh! Da quel trono ove regni pietosa, rivolgi, o Maria, anche sopra di me gli occhi tuoi benigni, ed abbi pietà di me che ho tanto bisogno del tuo soccorso. Mòstrati anche a me, come a tanti altri ti sei dimostrata, vera Madre di misericordia : mentre io con tutto il cuore Ti saluto e Ti invoco mia Regina del Santo Rosario.

Salve, Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra , salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

Prostrata ai piedi del tuo trono, o grande e gloriosa Signora, l'anima mia Ti venera tra gemiti ed affanni ond'è oppressa oltre misura. In queste angustie ed agitazioni in cui mi Madonna di Pompei2trovo, io alzo confidente gli occhi a Te, che Ti sei degnata di eleggere per tua dimora le campagne di poveri e abbandonati contadini. E là, di fronte alla città ed all'anfiteatro ove regna silenzio e rovina, Tu come Regina delle Vittorie, levasti la tua voce potente per chiamare d'ogni parte d'Italia e del mondo cattolico i devoti tuoi figli ad erigerti un Tempio. Deh! Ti muovi alfine a pietà di quest'anima mia che giace avvilita nel fango. Pietà di me, o Signora, pietà di me che sono oltremodo ripieno di miseria e di umiliazioni. Tu che sei lo sterminio dei demoni difendimi da questi nemici che mi assediano. Tu che sei l'Aiuto dei cristiani , traimi da queste tribolazioni in cui verso miserevolmente.Tu che sei la Vita nostra, trionfa della morte che minaccia l'anima mia in questi pericoli in cui trovasi esposta; ridonami la pace, la tranquillità, l'amore, la salute. Amen.

Salve, Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra , salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

Ah! Il sentire che tanti sono stati da Te beneficati solo perché ricorsi a Te con fede, m'infonde novella lena e coraggio d'invocarti in mio soccorso. Tu già promettesti a S. Domenico che chi vuole le grazie con il tuo Rosario le ottiene; ed io col tuo Rosario in mano oso ricordarti , o Madre, le tue sante promesse. Anzi Tu stessa ai dì nostri operi continui prodigi per chiamare i tuoi figli a onorarti nel Tempio di Pompei. Tu dunque vuoi tergere le nostre lacrime, vuoi lenire i nostri affanni! Ed io col cuore sulle labbra, con viva fede Ti chiamo e T'invoco: Madre mia!…Madre cara!…Madre bella!…Madre dolcissima, aiutami! Madre e Regina del Santo Rosario di Pompei, non più tardare a stendermi la mano tua potente per salvarmi: chè il ritardo, come vedi, mi porterebbe alla rovina.

Salve, Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra , salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

E a chi altri mai io dovrò ricorrere, se non a Te che sei il Sollievo dei miserabili, Conforto degli abbandonati, la Consolazione degli afflitti? Oh, io te lo confesso, l'anima mia è miserabile, gravata da enormi colpe, meritevole di ardere nell'inferno, indegna di ricevere grazie! Ma non sei Tu la Speranza di chi dispera, la Madre di Gesù, unicomediatore tra l'uomo e Dio, la potente nostra Avvocata presso il trono dell'Altissimo, il Rifugio dei peccatori ? Deh! Solo che tu dì una parola in mio favore al tuo Figlio, ed Egli mi esaudirà. Chiedigli, dunque, o Madre, questa grazia di cui tanto io ho bisogno. (Si domandi la grazia che si vuole). Tu sola puoi ottenermela: Tu che sei l'unica speranza mia, la mia consolazione, la mia dolcezza, la vita mia. Così spero. Amen.

Salve, Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra , salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

O Vergine e Regina del santo Rosario, Tu che sei la Figlia del Padre Celeste, la Madre dei Figliuol divino, la Sposa dello Spirito Santo; Tu che tutto puoi presso la Santissima Trinità, devi impetrarmi questa grazia tanto a me necessaria, purché non sia di ostacolo alla mia salvezza eterna. (Si ripeta la grazia che si desidera). Te la domando per la tua Immacolata Concezione, per la tua divina Maternità, per i tuoi gaudi, per i tuoi dolori, per i tuoi trionfi. Te la domando per il Cuore del tuo amoroso Gesù, per quei nove mesi che lo portasti nel seno, per gli stenti della sua vita, per l'acerba sua Passione, per la sua morte in Croce, per il Nome suo santissimo, per il suo Preziosissimo Sangue. Te la domando per il Cuore tuo dolcissimo, nel Nome tuo glorioso, o Maria, che sei Stella del mare, Signora potente, Madre di dolore, Porta del Paradiso e Madre di ogni grazia. In Te confido, da Te tutto spero. Tu mi hai da salvare. Amen.

Salve, Regina, madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra , salve. A te ricorriamo, esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

Regina del Santo Rosario, prega per noi. Affinché siamo resi degni delle promesse di Cristo


PREGHIAMO O Dio, il tuo unico Figlio ci ha acquistato con la sua vita, morte e risurrezione i beni della salvezza eterna: concedi anche a noi che, venerando questi misteri del Santo Rosario della Vergine Maria, imitiamo ciò che contengono e otteniamo ciò che promettono. Per Cristo Nostro Signore. Amen.

ORAZIONE
O Santo sacerdote di Dio e glorioso Patriarca San Domenico, che fosti l'amico, il figliuolo prediletto e il confidente della celeste Regina, e tanti prodigi operasti per virtù del S. Rosario; e tu, Santa Caterina da Siena, figliuola primaria di quest'ordine del Rosario e potente mediatrice presso il trono di Maria e presso il Cuore di Gesù, da cui avesti cambiato il cuore: voi, Santi miei cari, guardate le mie necessità e abbiate pietà dello stato in cui mi trovo. Voi aveste in terra il cuore aperto ad ogni altrui miseria e la mano potente a sovvenirla, ora in Cielo non è venuta meno né la vostra carità, né la vostra potenza. Pregate per me la madre del Rosario ed il Figliuolo Divino, giacchè ho gran fiducia che per mezzo vostro ho da conseguire la grazia che tanto desidero. Amen.


Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.