Cerca nel blog

sabato 9 maggio 2020

Giorgianni : “Nel Comune di Lipari, famiglia, entrata in contatto, indirettamente, con la donna di Leni, si è posta in quarantena". Nel post anche i dati di oggi in Sicilia.

Una famiglia, residente nel Comune di Lipari, anche se non è entrata direttamente a contatto con la donna di Leni ed il suo compagno, appresa la notizia della positività della donna, si è messa con grande consapevolezza in quarantena, collaborando con l'amministrazione comunale ed i carabinieri. Sarà, ovviamente, terminata la quarantena, sottoposta a tampone.
Intanto questo è il quadro riepilogativo della situazione in Sicilia, aggiornato ad oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 101.548 (+2.837 rispetto a ieri), su 90.885 persone: di queste sono risultate positive 3.313 (+12), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.080 (-47), 977 sono guarite (+56) e 256 decedute (+3).
Degli attuali 2.080 positivi, 294 pazienti (-35) sono ricoverati - di cui 17 in terapia intensiva (-2) - mentre 1.786 (-12) sono in isolamento domiciliare. Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.

Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato
www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87.

Lipari, in fiamme cabina elettrica dell'impianto di pretrattamento liquami.

Le fiamme, sprigionatesi a causa di un corto circuito, hanno praticamente liquefatto una cassetta di derivazione dell'impianto di pretrattamento - sollevamento liquami di contrada S. Caterina a Lipari.
Sul posto, per spegnere le fiamme, sviluppatesi circa un'ora fa, sono intervenuti i vigili del fuoco. Sul posto, oltre alla ditta che gestisce l'impianto, anche la polizia municipale, la guardia di finanza e i carabinieri. 
L'impianto al momento è fermo ma dovrebbe ripartire dopo i necessari interventi. 

LA PAROLA. Commento al vangelo di domenica 10 MAGGIO 2020

Ordinata la sospensione di due attività ricettive di Vulcano. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 09.05.20

L'articolo s'ingrandisce cliccandoci sopra.

C.S. Lipari... Una storia a tinte rosso - blu : Una formazione

In alto da sx: Silvio Corrieri, Pino Li Donni, Nino Maggio, Villanti, Franchino Monteleone. Federico Gallo, Pino Caputo, Zanolla (mister)
In basso da sx:  Boltin, Cariello, Marino, Bongiovanni, Sarino Centorrino

Per la foto grazie a Melina China, per la consulenza sui nomi a Massimo Di Franco

Rischia di affondare l'economia delle Eolie. Il servizio di Duilio Calarco del TGR Sicilia.

Leni: Donna positiva al Covid - 19. Lo svela tampone, era asintomatica. Sindaco mette in atto precauzioni.

Una donna residente a Leni, originaria della Bielorussia, rientrata a Salina dal Nord Italia, il 20 aprile, è risultata positiva al Covid - 19. 
La donna, evidentemente asintomatica, non presentava patologia e la positività è stata individuata grazie al tampone.
La donna, da quanto trapela, non appena rientrata si era messa in quarantena ma, alla scadenza della stessa, non ha atteso il risultato del tampone al quale era stata sottoposta, ed è uscita, entrando in contatto con delle persone.
Per questo motivo il sindaco di Leni, Giacomo Montecristo, di concerto con i carabinieri, ha chiuso, momentaneamente, una attività commerciale, dove la donna si era recata, e posto in quarantena, in attesa del tampone, una quindicina di persone con le quali la donna è venuta in contatto. 


Buon Compleanno!

Auguri a Teresa Sarni, Giusy Giardina, Marco Torre, Carlo Aguglia, Santino Belmuda, Maia Antonia Simanschi, Andrea Cortese, Monica Blasi, India Bongiorno.

"La storia delle isole Eolie"...conosciamola attraverso lo storico Giuseppe La Greca. 9 maggio 1095 :Il Constitutum

9 maggio 1095
Il constitutum
Come amava scrivere Luigi Bernabò Brea In vari momenti le Isole Eolie hanno avuto nella storia e nell’economia del Mediterraneo occidentale un’importanza di gran lunga superiore a quello che la ristrettezza del loro territorio e il numero dei loro abitanti potrebbero far supporre.”
Le vicende relative all’occupazione araba ed alla successiva “liberazione” da parte dei Normanni possono apparire avvenimenti lontani, interessanti soltanto per gli studiosi e gli amanti della storia, ma non a Lipari. Le concessioni normanne all’abate Ambrogio nel 1088, soprattutto per la proprietà dei terreni pomiciferi, diedero l’avvio, già nel corso del 1888 e successivamente nel 1911, ad una lite di ampia risonanza tra la Mensa Vescovile ed il Municipio che ha visto il fronteggiarsi di giuristi e storici di grande valore per oltre un ventennio, apportando un contributo importante alla storia medievale delle Isole Eolie (vedi 29 aprile).
Il Vescovo sosteneva che tutti i terreni pomiciferi erano di proprietà della Mensa Vescovile, per concessione normanna, di carattere allodiale, cioè, di proprietà piena e assoluta da parte del beneficiario, mentre i legali del Comune di Lipari sostenevano la tesi della natura feudale, contemplante il solo godimento dei diritti e degli utili che ne derivavano, esclusa l’acquisizione perpetua della proprietà, tesi risultata alla fine vincente.
Ancora qualche anno fa lo status giuridico dei terreni pomiciferi, soggetti all’uso civico di cavar pomice, hanno alimentato scontri e polemiche per la proprietà di dette aree.
Oggi riproponiamo il “constitutum” dell’Abate Ambrogio
Nel nome del Signore Nostro Gesù Cristo: io Ambrogio , abate del Monastero … frati  che  al presente sono … alcuni nomi qui seguono … Sigulfo, W. Ponzio, Si … Gilberto … Vig … di costoro e di altri uomini …, io predetto Abate legittimamente ho ordinato che tutti gli uomini, che in atto trovasi a Lipari e che domandano alla fraternità nostra se essi e i loro eredi siano per sempre esenti da tributi e prestazioni di servizio, tengano in perpetuo, essi e i loro eredi, la terra che io do o i miei successori daranno. Ma a questa condizione : che ciascuno nel settore in cui lavora – in terra o in mare o in altre attività – versi le decime a Dio e a San Bartolomeo.
Stabilisco altresì che, se uno viene con l’intenzione di dimorare e risiedere per tre anni e poi vuole andarsene, abbia la facoltà di vendere legittimamente questa terra agli abitanti del luogo, o di donare tutto ciò che possiede. Ed egualmente, chi soggiorna per un anno avrà la  facoltà di vendere la casa, la vigna (piantata), la cisterna ed altrettali cose, eccetto la terra che gli fu data ai fini del suo  stanziamento qui.
Questa carta è stata scritta il 9 maggio, nell’anno dell’Incarnazione del Signore 1095, Indizione VII. Se qualcuno avesse intenzione di contravvenire a questi ordinamenti, sia anatema. Maranà tha. (Signore, Vieni!).
Di questa decisione sono testimoni: Alberto visconte, Giovanni, fratello dell’Abate, Giovanni guardiano del Castello, Sterino figlio di Durante, Durante Cardone, W. Di Romania, Martino camerario.
+ Signum Ambrosii abbatis (traduzione Giuseppe Iacolino)


Quali furono i motivi che spinsero l’abate Ambrogio ad emanare questa carta costituzionale?
Il constitutum era una sorta di statuto o patto preliminare sulla cui base si sarebbero dovuti successivamente formulare i singoli contratti agrarii.
Il documento rappresenta una forma di “promozione  pubblicitaria” per incentivare la popolazione della vicina Sicilia a trasferirsi a Lipari per  incrementare la popolazione residente.
I doveri dei coloni? Si possono restringere essenzialmente a due:
periodico versamento a Dio e a San Bartolomeo delle decime dei prodotti agricoli e della pesca;
l’obbligo (anche se non specificato) di prendere le armi nella deprecata eventualità di un’incursione che giungesse dal mare.
In pochissimi anni, alla popolazione indigena di Lipari, che parlava ancora il greco, ed erano concentrati nella conca di “Chianu a Reca” Piano Greca (precedentemente chiamata Vulcanello) si affiancano i nuovi arrivati portando la popolazione ad un complessivo di circa mille abitanti intorno all’anno 1100.
Nel corso del 1995, nella ricorrenza dei 900 anni del Constitutum, i quattro Comuni delle Isole Eolie dedicarono una settimana (dal 5 al 9 maggio) di celebrazioni, la prima “Festa di Maggio”. Un grande appuntamento culturale e turistico per riscoprire le Eolie di cui ancora sentiamo la necessità.

Per approfondimenti vedi:
Giuseppe Iacolino, La fondazione della Communitas Eoliana, agli albori della Rinascenza, (1095 -1 995) Aldo Natoli Editore, Lipari, 1995.
Dal “constitutum” alle “controversie liparitane” le chiavi di lettura della storia eoliana nell’ultimo millennio, a cura di Umberto Spigo, Angelo Raffa e Marcello Saija, Quaderni del Museo Archeologico Regionale Eoliano, Messina, 1998.
Vincenzo Consolo, Constitutum: Lipari e le Eolie, Edizioni del Centro Studi, Lipari, 2006.

Da lunedì cambia l'orario di partenza della nave mattutina da Lipari.

L'assessore Luca Chiofalo informa che "Al fine di evitare assembramenti presso la biglietteria di Lipari ,per la concomitante partenza della nave e dell’aliscafo alle ore 07.00, da lunedì 11 maggio e fino a nuova disposizione la partenza in nave da Lipari viene anticipata alle ore 06.30.
Conseguentemente, gli orari dei successivi passaggi sono Vulcano 06,55/07,00 - Milazzo arrivo 08,40.
Rimane, per il momento, invariato il viaggio di ritorno con partenza da Milazzo alle ore 18.30.

Lipari, cedimento strutturale in un edificio della XXIV maggio. Strada chiusa al traffico.


Vigili del fuoco, coadiuvati dai carabinieri, al lavoro, per diverse ore, durante la notte scorsa, per via di un cedimento strutturale che interessa un edificio posizionato sulla sinistra della via XXIV maggio.
A causare il cedimento, anche abbastanza evidente, sarebbero state delle perdite d'acqua nel sottosuolo.
L'importante arteria è stata chiusa al traffico e già da stamattina sono al lavoro gli operai della ditta Bellino. 

venerdì 8 maggio 2020

Associazione Cappero di Salina e Consorzio Tutela del Cappero di Salina preferiscono fregiarsi del riconoscimento Presidio Slow Food Cappero di Salina

Riceviamo e pubblichiamo:
GENTILE DIRETTORE, NELLE QUALITA' DI PRODUTTORI DEL CAPPERO DI SALINA-PRESIDIO SLOW FOOD- LE INVIAMO DA SALINA ALCUNE NOSTRE RIFLESSIONI, NELLA SPERANZA CHE ELLA VORRA' DARCI IL DOVUTO SPAZIO. LA RINGRAZIAMO ANTICIPATAMENTE.

LEGGIAMO CON "PIACEVOLE SORPRESA" DELLA PUBBLICAZIONE SULLA GAZZETTA EUROPEA DEL RICONOSCIMENTO DOP DEL "FAMOSO CAPPERO DELLE EOLIE" .SAPPIAMO BENE TUTTI CHE LA STORIA DELLA PRODUZIONE DEL CAPPERO,CON APPORTO DEL LAVORO DELL'UOMO, AFFONDA LE SUE RADICI SOLO E SOLTANTO NEI TERRENI FECONDI DELL'ISOLA DI SALINA NELLA QUALE ISOLA NASCE LA  PRODUZIONE  DA TEMPI IMMEMORI ANCHE DEL PREGIATO VINO  MALVASIA DOC. DA SEMPRE,INFATTI ,PROPRIO DA SALINA VENIVANO VENDUTI AI COMMERCIANTI LIPAROTI, GRANDI QUANTITATIVI DI CAPPERI SOTTO SALE CHE DIVENTAVANO SUCCESSIVAMNETE CAPPERI DI LIPARI.A TAL PROPOSITO NON SI PUO' NEANCHE DIRE CHE I TERRENI DELLE EOLIE SIANO TUTTI UGUALI, BASTA INFATTI GUARDARE ALLE TERRE POMICIFERE DI LIPARI,O AI TERRENI FORTEMENTE RICCHI DI PRESENZA SABBIOSA DI STROMBOLI,O AI TERRENI DI VULCANO CONNOTATI DA MINERALI NON PRESENTI IN ALTRE ISOLE, QUINDI SETTE ISOLE E MOLTISSIME DIFFERENZE,LE STESSE DIFFERENZE CHE NEL MONDO DEL VINO VENGONO ESALTATE E VALORIZZATE PERCHE CREANO PRODUZIONI VINICOLE MOLTO DIVERSE TRA LORO, INFATTI NON SI PUO DIRE OGGI CHE LE PRODUZIONI DI MALVASIA REALIZZATE NELLE DIVERSE ISOLE SIANO LE STESSE TRA DI LORO..INOLTRE E' DA NON SOTTACERE CHE LA QUALITA' INDISCUSSA DEL CAPPERO DI SALINA PROVIENE DALLA ININTERROTTA TRADIZIONE DELLA PIANTUMAZIONE PER TALEA, COSA CHE NON SOLO STORICAMENTE NON ERA PRESENTE NELLE ALTRE ISOLE, MA CHE SE VIENE INTRAPRESA OGGI CON LE TALEE DI SALINA VOLUTAMENTE PIANTUMATE NELLE ALTRE ISOLE AL FINE DI GIUSTIFICARNE LA QUALITA, OVVIAMENTE SARA' DIVERSA DA QUELLA CENTENARIA CATENA DI PRODUTTIVITA' PRESENTE NEI TERRENI DI SALINA.PER QUESTE RAGIONI, DOPO ATTENTI STUDI SU  QUALITA,PRODUZIONE, E STORICITA' DEL CAPPERO DI SALINA DA OLTRE UN VENTENNIO SLOW FOOD NE CERTIFICA L'IMPORTANZA A LIVELLO MONDIALE INSERENDOLO TRA I LORO PRESIDI.L'IMPORTANZA DEL CAPPERO DI SALINA VIENE ALTRESI' VALORIZZATO ANCHE  DALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A TAL PUNTO DA CREARE CIRCA 30 ANNI FA ( NON IERI !!) LA SAGRA DEL CAPPERO , MANIFESTAZIONE CHE CON INCONTRI CONVEGNI TEMATICI E DIBATTITI CON PERSONALITA' DI SPICCO DEL MONDO DEL CIBO E DELL'AGRICOLTURA NE HA SEMPRE SANCITO QUALITA' ED UNICITA' RISPETTO AGLI ALTRI PRODOTTI PRESENTI NEL MEDITERRANEO. ED E' LA STESSA COMUNITA' EUROPEA CHE INDICA NEL SUO STESSO DOCUMENTO, fra le culture per l’ottenimento della DOP, il Cappero “Spinoso di Salina”. SE  SI VUOLE POI GUARDARE AI DATI DELLA PRODUZIONE CHE SI LEGGE NEI DIVERSI COMUNICATI ESSERE NELLE EOLIE DI CIRCA 600 QUINTALI , SI EVIDENZIA CHE BEN OLTRE 450 VENGONO PRODOTTI DALLE AZIENDE DI SALINA CHE RIENTRANO DEL PRESIDIO SLOW FOOD, ECCETTO UNA SOLA AZIENDA CHE, NON RIENTRANDO NELLA CERTIFICAZIONE SLOW FOOD,  HA DECISO DI SOSTENERE INVECE LA CREAZIONE DEL CAPPERO DELLE EOLIE DOP. SI  PUO' ANCHE ENTRARE NEL MERITO DEL DISCIPLINARE VOLUTO E CREATO PER L'OTTENIMENTO DEL MARCHIO DOP DELLE EOLIE, CHE STRAVOLGE I FONDAMENTALI USI DELLA TRADIZIONALE PRODUZIONE DEL CAPPERO , INSERENDO NELLO STESSO ARTIFICIOSE NOVITA' CHE NULLA HANNO A CHE FARE CON LA RITUALE PRODUZIONE DEL CAPPERO,( NON SAREBBE LA PRIMA VOLTA BASTI VEDERE L'IGP DEL CIOCCOLATO MODICANO) QUESTE SONO SOLO ALCUNE DELLE FONDAMENTALI  MOTIVAZIONI CHE HANNO PORTATO I PRODUTTORI DEL CAPPERO DI SALINA A NON RICONOSCERSI NELLA RICHIESTA DELLA DOP CAPPERO DELLE EOLIE, RESTANDO CORAGGIOSAMENTE FUORI DA UN CONCETTO DI GLOBALIZZAZIONE CHE NULLA HA A CHE FARE CON LE SPECIFICITA' E DIVERSITA' TERRITORIALI, ESSENDO  PRIVA DI FONDAMENTI CHE POSSANO GIUSTIFICARNE APPUNTO LA CREAZIONE DI UNA DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA!
Per quanto sopra esposto i soci della Associazione Cappero di Salina nonché i soci del Consorzio Tutela del Cappero di Salina che rappresentano quasi la totalità del prodotto dell’ Isola preferiscono fregiarsi del riconoscimento Presidio  Slow Food Cappero di Salina su CUI si è investito da parecchi decenni.

Coronavirus: in Sicilia sempre meno ricoveri, aumentano guariti. 253 i deceduti. I dati all'8 maggio.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato ad oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 98.711 (+3.016 rispetto a ieri), su 88.497 persone: di queste sono risultate positive 3.301 (+13), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.127 (0), 921 sono guarite (+11) e 253 decedute (+2).
Degli attuali 2.127 positivi, 329 pazienti (-41) sono ricoverati - di cui 19 in terapia intensiva (-2) - mentre 1.798 (+41) sono in isolamento domiciliare.
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 69 (0 ricoverati, 65 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 99 (16, 52, 11); Catania, 696 (71, 245, 91); Enna, 288 (86, 104, 29); Messina, 358 (65, 142, 52); Palermo, 404 (56, 96, 31); Ragusa, 37 (3, 50, 7); Siracusa, 107 (30, 102, 26); Trapani, 69 (2, 65, 5)
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87.

Il cappero delle Eolie ottiene il marchio "Dop". L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 08.05.20


Un "Canneto d'epoca". Foto: Marina Centorrino.

In alto, da sx: Carlo Merlino, Bartolo Pavone, Agostino Portelli, Bartolo La Greca, Bartolo Portelli, Sarino Centorrino
In basso, da sx: Pino Natoli, Demetrio De Salvatore, Salvatore Bviano, Domenico Licciardo

Grazie a Marina Centorrino per la foto. Qualcuno ci può aiutare ad individuare l'anno?

Donate al reparto pediatrico dell’A.O. Papardo 70 mascherine per i pazienti in età pediatrica

Oggi il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Papardo dottor Mario Paino ha voluto ringraziare il presidente del Comitato Messina Nord Giovanni La Rosa e l’associazione il sogno di Morgan Onlus, l’associazione Informa Donna Sagittario e il N.O.E. (Protezione Civile) per aver donato nella giornata di ieri, 70 mascherine per bambini al reparto di pediatria. Ieri la piccola cerimonia di consegna nel reparto pediatrico dell’A.O. Papardo diretto dalla dott.ssa Lina Silvestro.
“La vicinanza delle istituzioni e del mondo consociativo testimonia il dialogo costruttivo all’insegna della solidarietà - ha detto il Direttore Paino - così come dimostrato in questa emergenza sanitaria legata al covid. Voglio ringraziare i promotori di questa nobile iniziativa per il significativo contributo in favore dei pazienti più piccoli dell’Ospedale, da noi attenzionati in queste settimane di isolamento non facile proprio per chi fa della socialità la forma più alta di apprendimento e crescita personale.”

Madonna di Pompei:Dalla chiesa dei Cappuccini (Lipari) la Santa Messa e la Preghiera della Supplica (differita)

Firmato contratto settennale per il nuovo appalto del servizio raccolta rifiuti nel Comune di Lipari.


COMUNICATO STAMPA

Con grandissima soddisfazione, si comunica alla cittadinanza che ieri, 8 maggio 2020, sono stati firmati il contratto normativo e il contratto attuativo per il nuovo appalto del servizio raccolta rifiuti del Comune di Lipari, con decorrenza 1 giugno 2020, alla presenza del Sindaco Marco Giorgianni, dell’Assessore all’Ecologia Massimo Taranto, del Dirigente Mirko Ficarra e dei tecnici Geom. Placido Sulfaro e Alberto Ainis, dei dirigenti della Loveral s.r.l. e del già Direttore della S.R.R Messina Isole Eolie Mimmo Fonti.
Si tratta di una vera e propria svolta storica per la raccolta della spazzatura nel nostro Comune, da sempre punto dolente tra le attività amministrative da ascriversi alla limitatezza temporale dei contratti che non consentiva, all’atto pratico, una prospettiva di piena effettività: il nuovo appalto, infatti, ha durata settennale, caratteristica che permette, finalmente, quegli investimenti di lungo periodo necessari a una reale riorganizzazione del servizio di nettezza urbana, rendendolo finalmente adeguato e attuale, con un sistama di raccolta porta a porta spinto che potrà finalmente permetterci di raggiungere quegli auspicati livelli di differenziata pari alle altre località turistiche italiane, migliorando l'immagine e la vivibilità di tutto il territorio comunale, contenendo i costi di gestione e di smaltimento dei rifiuti, riducendone anche le quantità prodotte.
Il nuovo servizio, che recepisce gli indirizzi del Piano d’Ambito accolto dal Consiglio Comunale, sarà dunque espletato dalla stessa Loveral s.r.l., vincitrice della gara la cui procedura è stata portata avanti dalla SRR Messina Isole Eolie e celebrata presso l’UREGA di Messina; la ditta avrà poi 90 giorni di tempo per adeguarsi alle direttive previste dal bando e dal contratto in essere, adeguando mezzi e attrezzature e avviando una consistente campagna informativa presso la cittadinanza sui dettagli, le modalità e il cronoprogramma del nuovo servizio nonché per la dotazione all’utenza del materiale necessario.
L'aspettativa dell’Amministrazione Comunale era l’avvio del sevizio già dai mesi invernali, resa però impossibile sia dalle procedure di verifica a seguito della gara che si sono protratte più del previsto sia, in misura maggiore, dalla sospensione delle attività per l’emergenza Coronavirus, che ci ha permesso solo adesso di procedere alla firma del contratto e che coincide, per gli stessi motivi, anche con lo sblocco dell’iter per la realizzazione delle aree di trasferenza in tutte le isole del Comune di Lipari, che erano da tempo state acquistate e i cui lavori, già messi a bando e affidati, prenderanno avvio nelle prossime settimane, così da raggiungere, una volta a regime, l’intero e ambizioso obiettivo dell’Amministrazione di riconfigurare il sistema di raccolta e gestione dei rifiuti all’interno delle nostre isole, sia dal punto di vista del servizio che da quello infrastrutturale.

L’Amministrazione Comunale

Come eravamo, pescando nel nostro archivio:. Canneto 1907


Il "Monteleone" riapre da domani all'attività individuale. Il comunicato dell'assessore Taranto.


COMUNICATO STAMPA

Come previsto dall’art. 8 dell’ordinanza del Presidente della Regione Siciliana n. 18 del 30 aprile 2020 per cui si consente l'attività sportiva in forma individuale, ovvero con un accompagnatore per i minori e le persone non autosufficienti, purché nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale e delle norme relative al contenimento del contagio, ammettendo quindi tale attività esclusivamente in luoghi all’aperto, senza che avvenga alcun contatto fisico, escludendo tutte le discipline di squadra, si comunica l’apertura del campo sportivo “Franchino Monteleone” a partire da domani sabato 9 maggio, nei soli giorni feriali, dalle ore 8:00 alle ore 20:00.


                                                                       L’Assessore allo Sport
                                                                            Massimo Taranto

Rosanna Spadaro, presidente AIRC Eolie: "Quest'anno niente azalee ma porgiamo a tutte le mamme gli auguri più belli

Quale Presidente della delegazione AIRC per le Isole Eolie purtroppo devo portare a conoscenza i sostenitori della ricerca che quest'anno non possiamo offrire in piazza l'azalea della ricerca in occasione della festa della mamma. Quest'anno le piazze delle nostre isole alla pari delle piazze d'Italia non sorrideranno, non saranno abbellite dall'azalea della ricerca.
Vogliamo rivolgere il nostro pensiero a tutte le mamme e porgere loro gli auguri più affettuosi.
Rosanna Spadaro
Presidente AIRC Isole Eolie

Comune di Lipari emessa ordinanza che disciplina combustione, nel luogo di produzione, di materiale vegetale derivante da sfalci, potature o ripulitura



L'assessore Chiofalo: "Prorogata al 31 maggio l'attuale regolamentazione del traffico nel centro storico di Lipari"

(di Luca Chiofalo) In considerazione del protrarsi di necessità e disagi causa emergenza da Covid-19, l’assetto invernale della regolamentazione al traffico veicolare nel centro urbano di Lipari sarà prorogato fino al 31 maggio.
Dal 1 giugno, con la fondata speranza di essere in una condizione diversa, restituiremo vie e piazze ad una più serena e prolungata fruizione pedonale.

Canneto: La gente non capisce e arriva il "blocco" nel parco giochi. DPCM non ha autorizzato riapertura.


LA DOP AL CAPPERO DELLE ISOLE EOLIE. CALDERONE (FI): “GRANDE RISULTATO CHE PREMIA IL TERRITORIO”

COMUNICATO STAMPA
DOP “CAPPERO DELLE ISOLE EOLIE”, CALDERONE (FI): “GRANDE RISULTATO CHE PREMIA IL TERRITORIO”
Palermo, 08/05/2020: “Con la certificazione raggiunta, non solo ne beneficerà tutto l’Arcipelago delle Eolie, ma tutta la nostra economia. Stiamo parlando di un mercato redditizio che premia una delle nostre eccellenze in ambito gastronomico. Con il riconoscimento della DOP ‘Cappero delle Isole Eolie’ sale infatti a 32 il numero delle DOP/IGP siciliane nell’ambito del food. Non posso che esprimere il mio ringraziamento anche all’Assessore all’agricoltura, Edy Bandiera: la Sicilia sta dimostrando che la strada della valorizzazione dei nostri prodotti tipici è quella maestra”. Così dichiara il Capogruppo di Forza Italia al Parlamento Siciliano, on. Tommaso Calderone.

Buon Compleanno!

Auguri a Pina Tesoriero, Tindara Falanga, Mario Cincotta, Giulia Riganò, Giuseppe Lauricella Cincotta, Antonio Costa, Giovanni Longo, Mariagrazia Cincotta, Emily Greco, Mario Scolaro, Margherita Forgione, Mariarosa Stramandino, Enzo Pergola, Lara Cavagnis, Bastiano Saglimbeni

Il cappero eoliano è DOP. Intervista ad Aldo Natoli, presidente Ass. Cappero delle Isole Eolie DOP: "Ci poniamo all'attenzione del mondo con un prodotto di altissima qualità"

Cappero Isole Eolie DOP, l’assessore Bandiera : ” marchio comunitario significativa opportunità per i giovani”

Continua il percorso di qualificazione e valorizzazione delle produzioni agricole siciliane con la pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, del regolamento di esecuzione (UE 2020/624) per l’iscrizione del Cappero delle Eolie nel registro delle denominazioni di origine protetta. Sale pertanto a 32 il numero delle Dop/Igp siciliane del food, ma soprattutto giunge a compimento il virtuoso percorso di riconoscimento, iniziato nel 2016, che ha visto l’assessorato Agricoltura impegnato al fianco di aziende e produttori per tutta l’istruttoria e le diverse fasi che hanno portato al raggiungimento di questo importante risultato.
«Portare un prodotto a marchio genera quell’importante valore aggiunto che rende sostenibile, anche dal punto di vista economico finanziario, l’attività agricola – afferma l’assessore all’Agricoltura, Edy Bandiera – il marchio comunitario rappresenta anche una significativa opportunità per i giovani che vorranno scommettere su questa produzione, ad alto valore aggiunto e deficitaria sul mercato».
Il disciplinare prevede la possibilità di poter coltivare capperi su tutto quanto l’arcipelago delle Eolie, il che significa incrementare una produzione fortemente redditizia, visto che il mercato ha una domanda che molto spesso non riesce a soddisfare. Queste alcune delle caratteristiche cui dovranno rispondere i capperi e i cucunci Dop “Cappero delle Isole Eolie”: colore verde tendente al senape con striature violacee; sapore intenso e pungente; odore aromatico, forte, senza alcuna inflessione di muffa o odori estranei; calibro non inferiore a 4 millimetri per i capperi; calibro non superiore a 20 millimetri per i cucunci.

Ricordando... Vittoria Biviano in Barile (detta Maria)


Gabriele Di Franco: Il ricordo dei suoi cari nel primo anniversario della dipartita

Gabriele Di Franco 
08/05 /2019 08/ 05/2020 
Accanto a noi avevamo un angelo... Poi lo sei diventato davvero... Ma so che dal cielo ci ami ancora e ci proteggi.. E già passato un anno e ci manchi tantissimo.
La moglie e i figli

giovedì 7 maggio 2020

Nono giorno della Novena della Madonna di Pompei a cura di Don Giuseppe Mirabito.

Il dottor Cortese: "Sette maggio 2020 giorno storico per le Eolie. Marchio DOP per il cappero eoliano nuova opportunità di sviluppo per il territorio."

Riceviamo e pubblichiamo:
 Il 7 maggio 2020 sarà ricordato per l’arcipelago eoliano come un giorno storico, proprio oggi è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il Regolamento di esecuzione (UE) 2020/624 della Commissione Europea del 30 aprile 2020 con cui viene iscritta nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette il “Cappero delle Isole Eolie DOP”.
Questo riconoscimento, che rappresenta il coronamento di un percorso pluriennale ispirato esclusivamente da un grande amore verso il nostro territorio, è per me fonte di estrema soddisfazione sia personale che professionale.
Ricordo l’entusiasmo trascinante che ha animato sin dall’inizio, correva l’anno 2015, ogni discussione e confronto sul progetto di ottenere una D.O.P. per i nostri capperi.
La volontà e la determinazione sono state tali da riuscire a unire per la prima volta, con un impegno certosino e caparbio, tanti piccoli e grandi produttori cappericoli ed alcuni trasformatori di tutte le sette perle di Eolo.
La dedizione al lavoro di un team affiatato di giovani professionisti, ispirati dalla saggezza e dalla passione del Rag. Aldo Natoli e guidati dall’esperienza di produttori del calibro di Antonino Caravaglio, hanno reso meno stancanti le lunghe ore di lavoro dedicate al raggiungimento di un obiettivo così ambizioso e le difficoltà incontrate durante l’iter burocratico, snodatosi a livello regionale, nazionale ed europeo, hanno conferito maggior valore al risultato raggiunto.
Questo riconoscimento costituisce una nuova opportunità di sviluppo economico per il territorio eoliano e ciò è tanto più vero in questo momento storico di particolare incertezza.
Mi auguro che sia l’inizio di un nuovo corso, di una rinascita dell’agricoltura locale e che la D.O.P. “Cappero delle Isole Eolie” possa conferire lustro a tutti quei produttori che negli anni hanno coltivato, tra tante difficoltà, un prodotto della nostra tradizione, il nostro oro verde.
Questo eccezionale traguardo è dedicato a tutti coloro che hanno sempre animato la filiera cappericola.
Il marchio D.O.P. è garanzia di qualità, genuinità e attesta l’inscindibile legame tra il cappero ed il territorio del comprensorio insulare eoliano, riconoscendo le caratteristiche peculiari di un prodotto unico nel suo genere.
Le nostre isole possono fregiarsi del terzo riconoscimento di qualità conferito a livello europeo per i prodotti tipici dell’agricoltura locale. Si tratta di un evento raro per un territorio così piccolo come quello eoliano, seppure storicamente noto per la bontà delle sue produzioni enogastronomiche.
Certamente leggendo il punto (2) della premessa del Regolamento non posso che restare sbigottito, innanzitutto da eoliano e solo secondariamente da agronomo, dalla posizione dei Comuni dell’isola di Salina che hanno prodotto anche in sede comunitaria una ulteriore opposizione, peraltro dichiarata irricevibile, al riconoscimento della D.O.P. dimostrando, innanzitutto, di disconoscere i contenuti del dispositivo del Regolamento Europeo 1151/2012.
Tutto ciò mi fa pensare, con un po’ di amarezza, che c’è ancora molto da lavorare sul territorio per creare una rete di aggregazione che coinvolga tutto il comprensorio insulare eoliano.
Questo progetto è nato per unire e non per portare avanti inutili e sterili campanilismi locali in quanto le caratteristiche del prodotto sono le medesime così come è unico il territorio in cui nasce e cresce.
Si è lavorato per dare vita ad una opportunità di crescita economica e per giungere ad un meritato riconoscimento di qualità in favore di tutti i cappericoltori eoliani, perché solo uniti si progredirà.
I campanilismi non hanno mai fatto bene, soprattutto ad un piccolo comprensorio come quello eoliano, mi auguro che questo concetto, negli anni ribadito centinaia di volte nei vari incontri pubblici, venga compreso una volta per tutte.
In ogni caso, è tempo di guardare avanti - mi auspico nella stessa direzione - e di lasciarsi indietro conflitti e risentimenti.
Voglio personalmente ringraziare chi negli anni ha investito energie, ore di lavoro e chi ha appoggiato questo progetto a cominciare dai produttori e dai confezionatori che rappresentano il cuore pulsante della cappericoltura eroica eoliana. Sono loro che svegliandosi presto, spesso anche prima dell’alba, si recano nei campi e raccolgono con cura e attenzione, uno ad uno, i delicati boccioli.
Ancora, porgo un sentito ringraziamento all’ “Associazione Cappero delle Isole Eolie DOP”, nella figura del Presidente Rag. Aldo Natoli e del Vice-presidente Antonino Caravaglio, nonché a tutti i colleghi del C.d.A che mi hanno accompagnato in questa avventura professionale. Una menzione particolare va riconosciuta alla biologa dott.ssa Lucy Iacono per l’impegno profuso nella definizione delle tematiche analitiche.
Parimenti importante è stata la collaborazione dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Messina, di cui fieramente faccio parte, nelle figure dei Presidenti Dott. Agr. Stefano Salvo e Dott. Agr. Felice Genovese.
Inoltre, non posso che manifestare grande soddisfazione per la lungimiranza dimostrata dall’Amministrazione Comunale di Lipari, nella persona del Sindaco Rag. Marco Giorgianni, che dal primo momento ha condiviso con entusiasmo l’iniziativa.
Non posso astenermi dal menzionare, con somma riconoscenza, la mia mentore, la Prof.ssa Agata Nicolosi - docente di Economia e Politiche Europee del Dipartimento di Agraria dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria - che negli anni, con i suoi preziosi insegnamenti, mi ha dato l’input e le basi tecniche per poter avviare e sviluppare questo progetto.
In sostanza, sono lieto di avere contribuito a creare quella che, a mio modesto modo di vedere, rappresenta una ulteriore opportunità di sviluppo economico del territorio da non sottovalutare e mi auguro che l’agricoltura di qualità, in cui rientra formalmente da oggi – seppure con vari decenni di ritardo – il cappero eoliano, possa fungere ancora di più da volano di sviluppo locale, nonché essere uno strumento utile a creare le condizioni per favorire la tanto agognata destagionalizzazione turistica.
Buon inizio Cappero delle Isole Eolie DOP.
Dott. Agr. Lorenzo Cortese

Coronavirus. I dati in Sicilia al 7 maggio: 80 guariti e sempre meno ricoveri. 251 deceduti

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato ad oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 95.695 (+2.696 rispetto a ieri), su 85.674 persone: di queste sono risultate positive 3.288 (+7), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.127 (-74), 910 sono guarite (+80) e 251 decedute (+1).
Degli attuali 2.127 positivi, 370 pazienti (-14) sono ricoverati - di cui 21 in terapia intensiva (-4) - mentre 1.757 (-60) sono in isolamento domiciliare.
Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 69 (0 ricoverati, 65 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 99 (16, 52, 11); Catania, 694 (82, 243, 90); Enna, 288 (114, 104, 29); Messina, 362 (71, 138, 52); Palermo, 396 (58, 96, 31); Ragusa, 37 (3, 50, 7); Siracusa, 111 (36, 99, 25); Trapani, 71 (4, 63, 5).
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87.

L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 07.05.20

In tempo di crisi almeno non ci manca l'acqua. Peccato che dalla "fontanella" si disperda sul corso V.E.

Messe in chiesa, al via dal 18 maggio: le nuove regole. Cosa cambia

Via libera al Protocollo che permetterà la ripresa delle messe in chiesa con la partecipazione dei fedeli. 
Il Protocollo firmato dal Presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, entrerà in vigore da lunedì 18 maggio 2020. Ne dà notizia l’Ansa.

“Il testo giunge a conclusione di un percorso – ha sottolineato la Cei – che ha visto la collaborazione tra la Conferenza Episcopale Italiana, il Presidente del Consiglio, il Ministro dell’Interno – nello specifico delle articolazioni, il Prefetto del Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione, Michele di Bari, e il Capo di Gabinetto, Alessandro Goracci – e il Comitato Tecnico-Scientifico”.

Nel rispetto della normativa sanitaria, il Protocollo indica alcune misure da ottemperare con cura, concernenti l’accesso ai luoghi di culto in occasione di celebrazioni liturgiche; l’igienizzazione dei luoghi e degli oggetti; le attenzioni da osservare nelle celebrazioni liturgiche e nei sacramenti; la comunicazione da predisporre per i fedeli, nonché alcuni suggerimenti generali.

La Cei ha fatto sapere che “nel predisporre il testo si è puntato a tenere unite le esigenze di tutela della salute pubblica con indicazioni accessibili e fruibili da ogni comunità ecclesiale”.

Sulla questione è intervenuto anche il premier Giuseppe Conte: “Le misure di sicurezza previste nel testo”, che consente il ritorno delle messe con i fedeli dal 18 maggio, “esprimono i contenuti e le modalità più idonee per assicurare che la ripresa delle celebrazioni liturgiche con il popolo avvenga nella maniera più sicura. Ringrazio la Cei per il sostegno morale e materiale che sta dando all’intera collettività nazionale in questo momento difficile per il Paese”.

“Fin dall’inizio abbiamo lavorato per giungere a questo Protocollo: il lavoro fatto insieme ha dato un ottimo risultato. Analogo impegno abbiamo assunto anche con le altre Confessioni religiose”. Lo ha precisato il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese.
Messe in chiesa, il protocollo

A differenza di quanto disposto per i funerali, a cui possono partecipare solo 15 persone, nel nuovo protocollo non è stato fissato un numero di persone massimo che potranno accedere in chiesa alla celebrazione della messa a partire dal 18 maggio.

Spetterà al parroco individuare “la capienza massima dell’edificio” che possa garantire “il rispetto della normativa sul distanziamento delle persone”. La distanza tra i fedeli dovrà essere di “almeno un metro laterale e frontale”.

Il protocollo prevede la presenza di volontari all’ingresso delle chiese, protetti da mascherine e guanti, che dovranno garantire che possano entrare solo il numero di persone stabilito dal parroco. Dove possibile si dovrà distinguere una porta per l’entrata e una per l’uscita: in questo caso si chiede di tenere una distanza nelle file di almeno un metro e mezzo l’uno dall’altro.

Si potrà entrare in chiesa solo con le mascherine e i parroci dovranno ricordare ai loro fedeli che chi presenta sintomi influenzali o una temperatura superiore a 37 gradi e mezzo non potrà entrare. L’accesso in chiesa non è ammesso anche a chi ha avuto contatti nei giorni precedenti con malati di Covid.

Inoltre si chiede ai parroci di mettere a disposizione dei fedeli il gel igienizzante e riservare dei posti in chiesa ai disabili, per favorire la loro partecipazione.

Si continuerà ad omettere il segno della pace, mentre per la Comunione è chiesto al sacerdote di igienizzarsi prima le mani e di indossare la mascherina. Norme specifiche sono previste anche per le confessioni nelle quali va sempre garantita la distanza tra fedele e sacerdote e per la raccolta delle offerte (non si potrà passare tra i banchi con il cestino).

Le norme contenute nell’accordo raggiunto tra governo e Cei valgono per le messe in generale ma anche per funerali, matrimoni e battesimi. Si chiede infine di favorire le celebrazioni all’aperto e di ricordare ai fedeli che c’è “la dispensa dal precetto festivo per motivi di età e di salute”.

Il Cappero delle Eolie ottiene la DOP (Denominazione di origine protetta), pregevole attestazione di qualità.

COMUNICATO

E' con grande soddisfazione che comunichiamo la pubblicazione in data odierna 07.05.2020 sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del Regolamento di esecuzione (UE) 2020/624 del 30 aprile 2020 con il quale si dispone la iscrizione del cappero delle isole Eolie DOP nel registro delle denominazioni di origine protette.
Con la emanazione del sopra menzionato Regolamento, l’Associazione Cappero delle Isole Eolie DOP raggiunge un primo ed importante obiettivo: il pregevole riconoscimento della attestazione di qualità che testimonia la tipicità di un prodotto le cui caratteristiche sono indissolubilmente legate all’ambiente ed al nostro territorio.
Si tratta ovviamente di un primo passo che ci proietta verso ulteriori progetti che ci vedranno impegnati in un prossimo futuro per tutelare e valorizzare il Cappero delle Isole Eolie DOP ed offrire ai consumatori il nostro prodotto di qualità. A ciò si aggiunge che l’attribuzione della denominazione di origine protetta rappresenta senza dubbio una nuova possibilità di sviluppo e di crescita per il territorio sostenendo e favorendo tutti gli operatori già coinvolti nella filiera produttiva e per quanti in futuro vorranno utilizzare tale opportunità.
Siamo pertanto onorati di esprimere il nostro sentito ringraziamento a tutti gli associati, ai tecnici, ai consulenti, agli amici ed a tutti coloro che hanno sostenuto questo progetto contribuendo al conseguimento dell’obiettivo oggi raggiunto a cui va la nostra stima e gratitudine.
Per Vostra comodità si allega il testo del Regolamento ed il link https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=CELEX:32020R0624&from=EN
Aldo Natoli
Presidente

Riaprono da domani i cimiteri nel Comune di Lipari. Apertura solo nei giorni feriali, eccetto domenica prossima


COMUNICATO STAMPA
L’Amministrazione Comunale rende noto che, a seguito degli ultimi provvedimenti nazionali e regionali, il Sindaco Marco Giorgianni ha disposto la riapertura di tutti i Cimiteri comunali a partire da domani 8 maggio 2020 nei soli giorni feriali e negli orari consueti, ad eccezione di domenica 10 maggio in cui i Cimiteri saranno invece aperti.
È fatto obbligo a chiunque acceda alle aree cimiteriali l’utilizzo di mascherina e il rispetto del mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro al fine di evitare assembramenti di visitatori.
                                                                              L’Amministrazione Comunale

Buon Compleanno!

Auguri a Carmelo Amato, Antonio Favaloro, Daniele Natoli, Rosario Finocchiaro, Brenda Salmieri, Gaetano Barca, Raffaele Stagno, Silvia Dede Venuti, Rosa Merlino.

Ricordando... Tanino Taranto.


Come eravamo: Il campetto delle elementari. Oggi, dopo la copertura, PalaBiviano.


Attività didattica on line. Il "Comti" ha consegnato 70 supporti informatici agli studenti


Coronavirus: Sicilia, prosegue distribuzione Dpi da parte della Regione

Prosegue la consegna, da parte della Protezione civile della presidenza della Regione Siciliana, di dispositivi di protezione individuale e materiale sanitario nelle nove province dell'Isola. A beneficiarne sono principalmente: strutture sanitarie, case di riposo per anziani, residenze sanitarie assistite, Comuni, Prefetture, Forze dell'Ordine, Esercito, ex Province, carceri, dipartimenti regionali, Confcommercio e Confesercenti. La merce distribuita proviene da acquisti diretti della Regione o della Protezione civile nazionale e da donazioni di soggetti privati.
Dall'inizio dell'epidemia la Regione ha già consegnato quasi otto milioni – di cui due milioni nella scorsa settimana - di mascherine (chirurgiche, Ffp2, Ffp3 e N95). E ancora oltre tre milioni di guanti e un milione e 200 mila di altri dispositivi tra camici, calzari, tute e cuffie. Tra gli altri materiali, anche 50 mila tra occhiali e visiere, oltre 205mila tamponi e kit diagnostici e poco meno di 40 mila apparecchi sanitari. 

Non si può vivere di promesse, abbiamo bisogno di certezze. Il video del Comitato Eolie 20-30

Video di Marco Mazza con la musica del maestro Carmelo Travia. Protagonisti: la piccola Maia Arnone e il nostro stupendo arcipelago eoliano.

Buongiorno, oggi è il sette maggio. La Chiesa festeggia Santa Flavia Domitilla.

Flavia Domitilla Martire, santa (sec. I). Cadde vittima della persecuzione di Domiziano. Eusebio di Cesarea dice che era la nipote del console Flavio Clemente e che era stata relegata nell'isola di Ponza. Verso la fine del IV secolo, Girolamo, raccontando il pellegrinaggio di Paola in Oriente, precisa che la viaggiatrice visitò nell'isola le celle "in cui Domitilla aveva subito un lungo martirio". Nel V secolo appaiono degli Atti leggendari che le assegnano come compagni Nereo e Achilleo, sepolti ancliessi nel cimitero di D., ma privi di altri elementi in comune con la santa (personaggi storici, i soldati Nereo e Achilleo furono vittime delle persecuzioni che investirono l'esercito alla fine del III secolo). D. è stata spesso confusa con la sua omonima zia, moglie del console Flavio Clemente, anch'essa vittima della persecuzione di Domiziano.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Terracina, nella Campania, il natale della beata Flàvia Domitilla. Vergine e Martire, la quale, essendo figlia di santa Plautilla, sorella del santo Martire Flavio Clemènte Console, ed essendo stata consacrata col sacro velo dal Pontefice san Clemènte, da prima, nella persecuzione di Domiziàno, per la testimonianza di Cristo, con moltissimi altri deportata in esilio nell'isola Ponza, ivi sopportò un lungo martirio. Finalmente, condotta a Terracina, avendo colla dottrina e coi miracoli convertito moltissimi alla fede di Cristo, per ordine del Giudice appiccato il fuoco alla camera, nella quale abitava insieme colle sue Vergini Eufròsina e Teodòra, if nì il corso del glorioso martirio. La stessa Domitilla però, insieme coi santi Martiri Nèreo, Achilleo e Pancràzio, viene festeggiata il dodici di
questo mese.

mercoledì 6 maggio 2020

Ottavo giorno della Novena della Madonna di Pompei. A cura di Don Giuseppe Mirabito

Coronavirus: in Sicilia al 6 maggio 2.201 positivi, meno ricoveri e più guariti. 250 i deceduti

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 16 di oggi (mercoledì 5 maggio), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 92.999 (+1.693 rispetto a ieri), su 83.908 persone: di queste sono risultate positive 3.281 (+14), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.201 (-1), 830 sono guarite (+12) e 250 decedute (+3).
Degli attuali 2.201 positivi, 384 pazienti (-9) sono ricoverati - di cui 25 in terapia intensiva (-1) - mentre 1.817 (+8) sono in isolamento domiciliare. 

Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 69 (0 ricoverati, 65 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 125 (16, 26, 11); Catania, 691 (82, 240, 90); Enna, 292 (114, 100, 29); Messina, 370 (71, 130, 52); Palermo, 397 (58, 95, 30); Ragusa, 54 (3, 33, 7); Siracusa, 111 (36, 99, 25); Trapani, 92 (4, 42, 5)
Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87. 

C.S. Lipari... Una storia a tinte rosso - blu: Una classifica "storica" (60 - 61)


"L'isola degli imprenditori" e l'isola che non crescerà mai. Abbiate il coraggio delle vostre azioni, non nascondetevi dietro una mail

Eolienews non pubblica lettere non firmate o con nomi di "fantasia", ancor di più se queste provengono da indirizzi mail "fantasiosi".
Non lo faremo neanche oggi, ci limiteremo a postare il testo oscurato di una mail giunta oggi pomeriggio (scritta bene e che in una parte dei contenuti si potrebbe anche avallare) per invitare il soggetto che ce l'ha inviata...ma non è l'unico...ad avere il coraggio delle proprie azioni.
Se non si ha il coraggio di metterci la faccia (firma) ogni cosa che viene scritta lascia il tempo che trova.
Noi la faccia ce la mettiamo sempre e ci farebbe piacere lo faceste anche voi, altrimenti quest'isola non crescerà mai.

Comitato Eolie 20/30 precisa e ripropone priorità ZFU.


Comunicato Stampa
Riteniamo necessario , alla luce dell’ultimo incontro skype tenutosi dal comitato in data 4 maggio 2020, precisare la nostra posizione anche rispetto alle ultime dichiarazioni rese dal Sindaco giorno 2 cm.
Dopo l’incontro del 29 aprile tenutosi in sala consiliare eravamo convinti che si potesse intraprendere un nuovo percorso fatto di interlocuzioni “serie” al fine di poter realmente e concretamente aiutare l’amministrazione comunale a trovare spunti interessanti per un rilancio concreto del tessuto imprenditoriale locale.
L’impressione sembrava quella giusta ma il documento pervenutoci in via ufficiosa  circa la richiesta che il sindaco avrebbe da lì a breve inoltrato ai vari enti ed il comunicato dell’assessore Chiofalo che, contraddicendo il documento stesso, sottolineava un clima di ampia collaborazione, ci ha lasciati con l’amaro in bocca proprio perché il documento porta la data del 30 aprile e noi, insieme ad altre associazioni, eravamo stati ascoltati appena il giorno prima.
Quindi abbiamo ritenuto lecito pensare ad una “sordità politica” perché a distanza di un solo giorno ci siamo ritrovati sul tavolo un documento che tutto voleva rappresentare tranne le nostre istanze.
A noi non può che fare piacere se il sindaco dichiara di ascoltare tutti ma è evidente che, alla fine, quello che più ci interessa è che ci sia una convergenza rispetto alle richieste che giungono dal territorio.
Abbiamo avuto fiducia aspettando in religioso silenzio gli esiti della finanziaria regionale ma non si sono visti i risultati che tutti auspicavano.
Comprendiamo anche che la responsabilità nella stesura di questo documento tecnico sia esclusivamente del Sindaco ma proprio per tale ragione non si può non tenere conto di valutazioni e di proposte condivise da tutto il sistema produttivo che hanno già una base di concretezza rispetto alla loro fattibilità perché preliminarmente verificata alla fonte attraverso delle interlocuzioni serie presso i vari ministeri competenti.
Sia chiaro signor Sindaco, non è nostra intenzione prevaricare nessuno ma la serietà di questo gruppo è tale che prima di avanzarle una proposta abbiamo ritenuto verificarne la sua efficacia.
Al netto di qualunque ragionamento continuiamo a soffermarci sulla possibilità che dal nostro territorio esca una richiesta condivisa relativamente alla istituzione di una Zona Franca Urbana ed all’ottenimento di un aiuto immediato forte che dia respiro e tranquillità ai tanti imprenditori che rischiano di dover decidere di non aprire per le innumerevoli difficoltà che l’imminente stagione turistica presenta.
Siamo certi che la ZFU, insieme a quell’aiuto immediato richiesto anche da altre associazioni, rappresentano l’unico strumento utile ad evitare la condizione che infiltrazioni mafiose possano domani avere gioco facile sull’acquisizione di  quelle aziende che in mancanza di una politica di rilancio seria, saranno costrette a chiudere ed essere svendute per quattro denari.
Concludendo, caro Sindaco, continuiamo ad avere fiducia nel suo operato ed auspichiamo che la sinergia di tutte le forze in campo porti questa volta un risultato utile a tutti.
I Portavoce:
Danilo Conti
Fabrizio Famularo

Giorgianni: "Oggi niente diretta per tutta una serie di impegni. Nessuna positività e tamponi tutti negativi"

In una nota il sindaco Marco Giorgianni scrive: "Anche oggi purtroppo non potrò effettuare diretta in quanto impegnato in diverse attività che oltre a tutto il lavoro che comporta il fenomeno covid-19 sono in atto tutte le normali attività amministrative che mi impegnano giornalmente.
Approfitto per darvi anche oggi la notizia che non è registrato nessun caso positivo nel comune di Lipari,inoltre sono stati comunicati i risultati dei tamponi che aspettavamo e di conseguenza essendo tutti negativi sono state interrotte le quarantene in essere. 

DandoVi appuntamento a domani sempre alle 18 sia per gli aggiornamenti che riguardano la nostra collettività che per il solito aggiornamento.
A domani"

Aiutaci a sostenere con piccoli gesti di solidarietà chi ha bisogno. L'appello di Mons. Sardella.

In questi giorni molta gente di Lipari si sta rivolgendo alla Parrocchia ed al Caritas per chiedere aiuto.
A Lipari c'è molta gente che lavora nel precariato e che è rimasta senza sostegno. Isolani ed immigrati che ormai a Lipari sono molto più di mille.
Se vuoi con libertà aiutarci a sostenere con piccoli gesti di solidarietà le persone più fragili puoi effettuare un bonifico specificando Caritas Covid 19.
Ti do le coordinate del conto corrente.
Parrocchia San Bartolomeo.
Banco Popolare
IBAN IT07Q0503426000000000000954.

C&T : da oggi sono otto le corse tra Messina e Villa San Giovanni.

Caronte & Tourist comunica che a partire da oggi, mercoledì 6 maggio, in forza dell’autorizzazione concessa alla Compagnia per far fronte alla accresciuta domanda di traghettamento conseguente all’avvio della cosiddetta “Fase 2”, le corse effettuate nello Stretto diventano otto (erano cinque).
Secondo il nuovo calendario, la prima nave lascerà Rada San Francesco alle 06,00, mentre le corse successive sono previste alle 07,20; 10,00; 12,00; 15,20, 17,20; 19,00 e infine alle 21,00.
Da Villa San Giovanni prima partenza alle 06,40 e poi alle 08,00; 10,40; 12,40; 16,00; 18,00; 19,40 e infine alle 21,50.
Ricordiamo che dal 4 maggio è permesso il traghettamento anche a quanti tornano nella propria residenza o domicilio oltre che ai pendolari dello Stretto; al personale di Forze dell’Ordine, Forze Armate e Vigili del Fuoco; agli operatori sanitari e ai soggetti in situazione di grave e comprovata necessità.
Restano  i controlli all’imbarco, operati come sempre da personale sanitario e forze dell’ordine.

Buon Compleanno!

Auguri a Alessandra Merrina, Daria Zanca, Carlo Zaia, Bartolo Iacono, Frank Speziale, Samantha Mandarano, Elena Casamento, Luisa Di Pietro, Giovanni Favaloro, Rosalba Bongiorno, Diana Saltalamacchia, Alessia Rubino, Mirko Mandarano, Mari Biviano, Graziella Acquario, Carlo Moro

Come eravamo: Luglio 1980 - Canneto - Pescato un pesce-vacca

Nelle foto di Mario Profilio un pesce vacca, issato sul molo di Canneto, dopo la pesca. Siamo nel luglio 1980.

AssoImprese Eolie chiama a raccolta. Mobilitazione generale. E nascono gli orti sociali. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 06.05.20

Buongiorno, oggi è il 6 maggio. La Chiesa festeggia oggi San Pietro Nolasco.

S. Pietro Nolasco nacque da nobile famiglia a Recaud presso Carcassone in Francia l'anno 1189 e, fin da fanciullo si distinse per la singolare carità che aveva verso il prossimo. Si ebbe un presagio di queste virtù allorchè, piangendo ancor bambino nella culla, uno sciame d'api volò sopra di lui e costruì un favo di miele nella sua destra. Fu allevato nella casa paterna con molte cure, avendo perduto il padre in età di quindici anni, continuò a vivere sotto la direzione di sua madre, che non potè mai risolversi a rimaritarsi, decisa come era di consacrarsi alla cura del figliuolo ed al servizio di Dio.
Pietro rimase per qualche tempo al servizio di Simone Conte di Montefort della Crociata contro gli Albigesi. Dopo la celebre battaglia di Muret, nella quale Pietro Re d'Aragona perdette la vita, il Conte, impietosito della sventura e della debolezza del giovane Jacopo rimasto suo prigioniero in età di sette anni, credette di non potergli prestare servizio migliore che dargli Pietro Nolasco per suo precettore. Santo soddisfece all'impegno nella maniera più perfetta. Il giovane re gli diede tutta la sua stima e confidenza, e Pietro se ne servì per riformare la Corte con la santità dei suoi costumi. La devozione alla Vergine e la carità verso i Cristiani fatti prigionieri sotto i Mori furono le due virtù caratteristiche del nostro Santo.