Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 12 ottobre 2013

Assolto in Cassazione il geometra Sabatini

La Corte di Cassazione di Roma, con sentenza del 10 ottobre 2013, ha accolto i motivi del ricorso presentato dall'avvocato Giovanni Maggiore e ha annullato la condanna (maturata in primo e secondo grado) nei confronti del geometra Adolfo Sabatini 
Sabatini, in qualità' di direttore dei lavori, era stato condannato per la realizzazione di un muro che, a seguito di rilievi, è risultato essere leggermente più alto rispetto all'autorizzazione concessa dagli Enti preposti.
La sentenza della Cassazione, con l'annullamento della condanna, chiude di fatto la situazione.

Calcio a 5. Ludica vittoriosa in trasferta

Vittoria in trasferta per i ragazzi della Ludica Lipari di calcio a 5 (serie C2). Si sono imposti sul terreno del Futsal Mascalucia per 8 a 3.
A  segno per gli eoliani: Daniele Pellegrino (5); Giuseppe Lo Schiavo (2) e Puglisi

"A me matri" . Una poesia di Farruggio, recitata da Giovanni Giardina

"Metodo Stamina, Sandro Biviano si fa mettere in croce davanti a Montecitorio

In croce davanti a Montecitorio. Questo il gesto dimostrativo di Sandro Biviano, il ragazzo di Lipari affetto da distrofia muscolare, che insieme agli altri malati protesta dal 23 luglio per la libertà di cura con il metodo Stamina. Durante una veglia di preghiera per ricordare i bimbi morti negli ultimi mesi, il giovane, che indossava uuna t-shirt con su scritto "Non ho più voglia di morire", si è fatto mettere su una croce.

Sulla sommità la scritta Aifa, sigla dell'Agenzia italiana del farmaco. Ne è seguito un dibattito acceso con le forze dell'ordine presenti in piazza Montecitorio, che hanno provato ad impedire che venisse "fissato" alla croce con dei lucchetti. 

"Dov'è la Lorenzin? Starà a dormire" hanno iniziato ad urlare i malati, spiegando che quella che loro stanno subendo è una "crocifissione", non solo per la decisione del ministro di ufficializzare il no alla sperimentazione ma anche per l'indifferenza verso la loro vicenda. "Ho fatto questo gesto perché ci hanno condannato a morte, come fu per Gesù" ha detto Biviano.

I piccoli, secondo i malati, avrebbero potuto salvarsi se avessero fatto subito le infusioni con il metodo Stamina una volta avuta l'autorizzazione da parte del giudice. 
Per vedere le immagini del tgcom di mediaset cliccare su questo link
http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/2013/notizia/metodo-stamina-malato-si-fa-mettere-in-croce-davanti-a-montecitorio_2002810.shtml#

Come eravamo: Il "mitico" S. Lucia e un'altra Lipari (anni '60)


Consiglio comunale di Lipari. Via libera ai debiti fuori bilancio

Si è riunito stamani(ieri durante la seduta era mancato il numero legale)  il consiglio comunale di Lipari. Esitati favorevolmente i debiti fuori bilancio posti all'ordine del giorno

Auguri da Partylandia agli sposi Lola Di Mauro e Marco Zavone

Lo staff di Partylandia porge i suoi migliori auguri a Lola Di Mauro e Marco Zavone nel giorno del loro matrimonio

Auguri a...

Eolienews augura Buon Compleanno a Florina Gheata e Bruno Cirotti

Le Eolie e le date da ricordare (a cura del dottor Giuseppe (Pino) La Greca

L'arciduca Luigi Salvatore d'Austria
Luigi Salvatore d'Asburgo-Lorena - (Firenze 4 agosto 1847 – Brandys nad Labem-Stara Boleslav, 12 ottobre 1915) fu principe di Toscana e arciduca d'Austria, pur essendo al giorno d'oggi più noto per i suoi studi scientifici sul Mediterraneo e per il suo impegno nella conservazione di importanti aree naturalistiche.
Luigi Salvatore nacque a Firenze, aPalazzo Pitti, nono dei dieci figli del granduca Leopondo I di Toscana e della sua sua seconda moglie la granduchessa Maria Antonietta di Borbone. A differenza delle altre corti d'Europa, dove vigeva una rigida etichetta, la famiglia dei Lorena viveva un clima più rilassato e affettuoso in cui i principi reali non erano soffocati dalle regole del protocollo e dal militarismo imperante nell’Ottocento. Luigi Salvatore, dunque, ebbe modo di crescere in un ambiente aperto e ricevette un'educazione liberale, che si poggiava sui principi della modestia, dell'impegno e dell'intelligenza. Fin da piccolo il principe dimostrò una naturale predisposizione per lo studio delle lingue e della natura.
Un primo scontro con la violenta realtà dell'Europa avvenne quando Luigi Salvatore aveva soltanto un anno, a seguito delle rivoluzioni del 1848. Nel febbraio 1849, infatti, mentre prendeva potere l'ala ultrademocratica toscana, la famiglia granducale decise di partire alla volta di Gaeta. La granduchessa Maria Antonietta non viaggiò insieme al resto della famiglia, ma solo con i suoi due figli più piccoli, Luisae Luigi. A Orbetello, la granduchessa fu assalita dal popolo che voleva trattenerla insieme ai figli, che scoppiarono a piangere; l'intervento di un cacciatore del granduca permise a Maria Antonietta di proseguire e di raggiungere la nave del marito. La famiglia granducale rimase a Gaeta per diversi mesi e poté rientrare a Firenze solo il 28 luglio 1849. Seguirono anni relativamente tranquilli per la famiglia di Leopoldo II, fino allo scoppio della Seconda Guerra d’Indipendenza italiana. Il 27 aprile 1859, infatti, di fronte alla popolazione che sosteneva l'entrata in guerra a fianco del Piemonte contro l'Austria, Leopoldo II per evitare spargimenti di sangue decise di lasciare la città. Quando Luigi lasciò la sua patria non aveva ancora compiuto dodici anni.
Giovinezza alla corte degli Asburgo d'Austria
La famiglia di Leopoldo II trovò rifugio alla corte dell'imperatore Francesco Giuseppe I d’Austria, capo del ramo austriaco degli Asburgo. I Lorena, nei territori dell'impero, possedevano delle proprietà private in Boemia: il Castello di Brandýs divenne la loro nuova dimora e lì Luigi Salvatore visse la sua adolescenza. Come da tradizione nella famiglia imperiale degli Asburgo, gli arciduchi ricevevano un'educazione militare e così anche i principi lorenesi dovettero adeguarsi a una funzione nell’Imperial regio Esercito austro-ungarico. Tuttavia, a differenza dei fratelli Carlo e Giovanni, Luigi non mostrò alcuna predisposizione verso la carriera militare e continuò a indirizzarsi verso la cultura e gli studi.
Si innamorò, ricambiato, di una lontana cugina, l'arciduchessa Matilde d’Asburgo-Teschen, ma non poterono né fidanzarsi né sposarsi: infatti ella era già destinata a convolare a nozze con Umberto di Savoia, al fine di migliorare i rapporti già tesi tra l'Austria-Ungheria e Italia. La sventurata arciduchessa morì in maniera tragica a soli diciotto anni, nel 1867: nel tentativo di nascondere agli occhi del padre una sigaretta che stava fumando, fece prender fuoco al suo abito di tulle e in pochi istanti fu avvolta dalle fiamme.
Poco dopo Luigi scoprì il suo amore per i viaggi in mare e per le terre del Sud: sempre nel 1867, con il falso nome di " conte di Neudorf", intraprese a vent'anni il suo primo viaggio verso le Isole Baleari, rimanendo estremamente colpito dalla natura selvaggia di Maiorca e dall'amabilità dei suoi abitanti. Nel 1869 la famiglia granducale tornò in Italia, a Roma, tuttavia, qualche mese dopo la morte di Leopoldo II (avvenuta nel gennaio 1870), la presa della Città Eterna da parte delle truppe sabaude costrinse nuovamente i Lorena all'esilio austriaco.
L’incontro con le Isole Eolie
Il primo incontro tra l’arciduca e le Eolie è del 1868, ma soltanto dopo il 1875 le sue visite ed i soggiorni si fecero sempre più frequenti e prolungati.
Prese in affitto la casa posta su un piccolo promontorio sul mare a Capistello Sottano che si affaccia sulla spiaggia detta di donna Ina. E di donna Ina era detta anche la casa perché appartenuta a donna Caterina Paino. Alla casa era annessa una cappellina seicentesca in muratura dedicata alla Vergine Maria, che l’arciduca fece restaurare. Luigi Salvatore scelse questa casa come dimora perché “da questo posto si offre un meraviglioso panorama e una deliziosa veduta su Lipari e lo scorcio di Stromboli. Ristoratrice è anche l’aria che qui spira”.
Una testimonianza della presenza dell’arciduca a Vulcano è fatta dal Comandante D’Albertis nel corso del 1876. - Il sig. Narlean (amministratore della zolfatara di Vulcano) sta ora occupandosi di ridurre a coltivazione la parte meno arida dell'isola, e ove riesca, sarà quello il miglior risultato che se ne potrà ritrarre. Ci volle ospiti nella sua casetta o studio, e volle che scrivessimo il nostro nome nel libro dei visitatori dell'isola. A giudicare da esso, non eravamo stati preceduti che da una sola persona; era questa il conte Luigi di Neudorf, il quale era venuto lo scorso anno a Lipari sul suo Yacht Nix sotto bandiera austriaca, facendo in questi luoghi un lunghissimo soggiorno, a quanto si diceva, per lavori idrografici dell'Arcipelago e promettendo di ritornare nel prossimo mese di agosto del '76. Stranissime voci correvano sul conto di questo personaggio eccessivamente generoso, che
pareva cercasse una popolarità inesplicabile, e permetteva che lo si chiamasse Conte Luigi, figlio di Re di Francia, ovvero semplicemente re Luigi!!
(nota: da informazioni avute al momento di radunare questi ricordi, seppi questo personaggio essere l'Arciduca Luigi Salvatore di Lorena, toscano e figlio di Leopoldo II ed autore di un'opera molto pregevole sulle antichità di queste isole.)
La comunità Eoliana deve profonda gratitudine ad uno dei suoi figli più meritevoli, il Prof. Pino Paino, “un greco-liparoto”, per la grande opera di traduzione e recupero degli otto volumi di “De Liparischen Inseln” da lui condotta tra gli anni settanta ed ottanta.

Iniziata ieri a San Pietro la catechesi per adulti 2013-2014

Venerdì 11 ottobre ha preso il via nella chiesa parrocchiale di S. Pietro il nuovo ciclo di catechesi per adulti per l’anno 2013-2014. Argomento:”L’insegnamento di Papa Francesco”. Relatore il dott. Michele Giacomantonio che ha tracciato un ampio quadro del pensiero del nuovo Papa facendo riferimento in particolare all’intervista a Civiltà Cattolica, alla lettera ed all’ intervista ad Eugenio Scalfari, fondatore de La Repubblica, ed ai discorsi di Lampedusa ed Assisi. La mistica è, ha osservato Giacomantonio, l’orizzonte del pensiero di Papa Bergoglio giacché egli stesso afferma che senza i mistici la fede sarebbe solo una filosofia. In questo quadro emergono i fondamenti del suo pensiero e cioè il dialogo, il discernimento, la frontiera, tutti temi che il Papà ha ripreso dalla visione di S. Ignazio e dalla cultura dei gesuiti. Quindi i temi della chiesa a cominciare dall’ esigenza che la essa debba sconfiggere lo spirito di mondanità e la lebbra della corte che la insidiano, ed i temi del mondo e degli uomini combattendo quella che il Papà chiama la globalizzazione dell’ indifferenza (le guerre, la povertà, la disoccupazione, la solitudine dei vecchi, l’immigrazione, la morte dei disperati che scappano da situazioni invivibili.
Il testo completo del ‘ incontro si può leggere e scaricare dal seguente link http://michelegiacomantonio.com/vita-cristiana/linsegnamento-di-papa-francesco/.

venerdì 11 ottobre 2013

Potenti temporali sul nord della Sicilia, probabili forti nubifragi lungo l'area messinese- tirrenica

(da meteoweb) Il grosso sistema convettivo che nelle ore scorse ha scaricato forti nubifragi e temporali fra il trapanese e la costa palermitana, tende ad evolversi verso levante, spostandosi a ridosso delle coste del messine tirrenico e dello specchio di mare antistante l’arcipelago eoliano, dove a breve giungeranno forti rovesci di pioggia e temporali molto intensi. A tratti i fenomeni potrebbero risultare anche di forte intensità, con elevatissimi indici di rain/rate e una attività elettrica consistente, fra il moderato ed il forte. Le precipitazioni più intense si localizzeranno lungo il vertice più meridionale del vasto sistema temporalesco, dove con molta probabilità si potranno verificare anche dei nubifragi che tenderanno a muoversi verso il basso Tirreno e le isole Eolie.

Dopo la pioggia l'arcobaleno a Canneto (foto)

Mare in tempesta, pioggia più o meno insistente e un doppio arcobaleno.
Le Eolie sono anche questo.
La foto è stata scattata circa 10 minuti fa nella baia di Canneto. Un altro arcobaleno, seppure seminascosto dalle nubi, si è aperto in direzione di Panarea e Stromboli

Auguri a ....Bartolo Giunta

Eolienews e il suo direttore augurano Buon Compleanno a Bartolo Giunta, compagno di tante "battaglie" giornalistiche...
condotte in sintonia anche se con "tempi di reazione" diversi. 
E non poteva essere altrimenti in quanto Bartolo, seppure con la grande professionalità che lo contraddistingue, ha sempre seguito i suoi "flemmatici" tempi tecnici.
Auguri!

Domani a Lipari il meeting: “ITALIALAVORO…LE AGEVOLAZIONI PER LE IMPRESE, I PROFESSIONISTI ED I GIOVANI”

 Il Centro Commerciale Naturale Isola di Lipari ha organizzato un incontro con le imprese, i professionisti, il mondo della cooperazione ed i giovani, che si terrà a Lipari giorno 12 ottobre alle ore 11,00 presso l’Hotel Filadelfia.
L’incontro ha l’obiettivo di far conoscere, in un momento di crisi economica, alle imprese, ai professionisti, alle cooperative e ai giovani le agevolazioni concesse e previste da ITALIALAVORO.
All’incontro interverranno: 
Marco Giorgianni - Sindaco del Comune di Lipari
Dott.ssa Giovanna Beccalli - Consulente Italialavoro Sicilia
Dott. Carmelo Gentile – Dottore commercialista
Fausto Ridolfo – Consulente aziendale
Antonio Casilli – referente sindacale UNCI
Dott. Giovanni Curcio – Direttore Unicredit Messina

Per informazioni contattare la segreteria organizzativa tramite e-mail: ccnisoladilipari@email.com oppure telefonando al 090-9880306 o al 338-2317511

A Messina le reliquie di Don Bosco

I prossimi 15 e 16 Novembre l’Urna contenente un’insigne reliquia di San Giovanni Bosco visiterà la Città di Messina. In Sicilia l’Urna arriverà in peregrinazione dall’1 al 20 Novembre e si fermerà per due giorni nella Città dello Stretto, che vanta una lunga tradizione educativa salesiana.
Sarà un autentico incontro: che conduce a Dio, che pone domande sulla dinamica educativa per rispondere all’«emergenza educativa». Troppi ragazzi  sono allo sbando, nell’ozio della ricerca del senso della loro vita, soli e senza la compagnia di Dio. E per questo don Bosco si muove. Per incontrarli e amarli.
Tante le iniziative programmate: momenti peri ragazzi della catechesi, pellegrinaggi parrocchiali, incontri con le scuole della Città, veglia notturna.
Momento centrale sarà quello della Celebrazione Eucaristica, presieduta dall’Arcivescovo La Piana, nella Cattedrale di Messina alle ore 20.00, per tutta la famiglia salesiana e la comunità ecclesiale.
L’importante appuntamento rientra nel tour mondiale, iniziato nel 2009 e che si concluderà nel Febbraio 2014, voluto dal Superiore Generale dei Salesiani, don Pascual Chávez, in preparazione al bicentenario della nascita di don Bosco che si celebrerà nel 2015.

Visita dell’Urna con l’insigne reliquia di San Giovanni Bosco, Padre e Maestro della Gioventù. 
Messina, 15-16 Novembre 2013 

Il consiglio comunale ha nominato il revisore dei conti. E' il ragionier Piemonte

Con 11 voti per il ragionier Roberto Piemonte, 1 astenuto, e tre voti al ragionier Gianfranco Grasso, il consiglio comunale di Lipari ha proceduto a nominare quello che (vista la  nuova normativa) sarà l'unico revisore dei conti del comune. Prima erano in tre.
Il consiglio ha anche approvato il regolamento per la disciplina del sistema integrato dei controlli interni e il programma per la trasparenza e l'integrità per il triennio 2013-2015. In entrambi i casi all'unamità dei consiglieri rimasti in aula (11)
Adesso è il momento dei debiti fuori bilancio per circa 6 mila e 500 euro.
Per quanto riguarda i debiti fuori bilancio è stato approvato solo il primo. Poi non si è potuto procedere per mancanza del numero legale. La seduta slitta domani alle 10 

Nelle due foto: Momenti della votazione per il revisore

Il bene comune e i bisogni di bottega. Riflessione di Lino Natoli

Quando ci si da alla politica, per qualsiasi ragione lo si faccia, che sia l'ambizione più sfrenata, l'interesse più bieco, la passione più incontrollabile o la generosità più incontenibile, bisogna pur avere una minima idea di bene comune. Qualcosa da ritenere presumibilmente buono e giusto per tutti, che corrisponda agli interessi di quasi tutti. Che pur non riscuotendo il consenso generale, serva a migliorare la vita comune, consenta benefici diffusi. Un'idea di bene comune che sia spiegata adeguatamente, in modo che ciascuno possa partecipare come può e come sa alla sua realizzazione.
Un'idea di bene comune che serva da riferimento quando si prendono certe decisioni. Per esempio: a quale idea di bene comune corrisponde la riapertura del centro storico al traffico? A quale idea di bene comune si riferiscono quelle orribili immagini di turisti che risalgono la via Garibaldi tra auto e motorini? A quale idea di bene comune si riferisce la tolleranza verso impavidi invalidi che ostentano il tagliando che consente loro e ai loro parenti di attraversare le zone chiuse al traffico; a quale idea di bene comune corrisponde vedere chiudere continuamente negozi che producono reddito per la collettività e concedere suolo pubblico a bancarelle d'incerta provenienza che sottraggono risorse alla comunità?
Capisco che gli esempi possano apparire banali, ma la domanda di fondo rimane: qual'è l'idea di bene comune che stiamo perseguendo?
Dopo il periodo Giacomantonio, durante il quale si aveva ben chiara un'idea di bene comune, anche se non la si condivideva, la politica locale ha ridotto il bene comune a cortesia individuale, a soddisfacimento di piccoli, insignificanti bisogni di bottega. Adesso si spera che le cose cambino, ma in che senso? Qual'è il sentiero che la classe dirigente di questo paese propone di seguire? Quali sono i riferimenti culturali, economici, sociali che ispirano l'amministrazione della cosa pubblica e indicano a noi cittadini come dobbiamo comportarci nell'interesse del bene comune?

Chi amministra e chi ha amministrato sa bene che non è per niente facile realizzare ciò che si ha in mente, che la realtà quotidiana pone ostacoli talvolta insormontabili ai progetti da mettere in pratica. Ma una cosa si può fare facilmente, dire come si immagina il futuro di queste isole e comportarsi di conseguenza. E sia chiaro, questo non riguarda solo la politica. Rimandare tutto alle responsabilità della politica è una scusa per evitare di affrontare le proprie, ma se la politica per prima non fa il proprio dovere, allora è facile immaginare che per ciascuno il bene comune finirà per coincidere con il proprio particolare interesse. Un'illusione che rischia di distruggerci come comunità e di spalancare le porte a chi invece sa bene come realizzare i propri affari ai nostri danni.
Lino Natoli

Multe: eliminati i preavvisi di cortesia. di Aldo Natoli

Ho appreso della disposizione del Comandante della Polizia Municipale,Stefano Blasco, che elimina il rilascio del preavviso di cortesia delleinfrazioni degli automezzi, attuata da quando è stato istituito il Corpodella P.M. nel nostro Comune. 
Non entro nel merito della legittimità delladisposizione perchè  non di mia competenza, anche se la consuetudine di solito diventa legge. 
Ma ritengo rivolgere all'Amministrazione Comunalealcune osservazioni sulla opportunità del provvedimento:
1) il cittadino che a seguito del preavviso poteva provvedere direttamenteentro 5 giorni al pagamento della multa ottenendo il 30% di sconto devesopportare un aumento di circa 15 euro per le spese della notifica che non sono riducibili. In un momento di galoppante crisi economica mi sembra un"balzello" molto gravoso per i cittadini;
2) la logica del  decreto del "Fare" è quella di spingere il trasgressore a pagare immediatamente consentendo al Comune, che percepisce l'importo delle contravvenzioni, di incamerare subito il relativo contante, anche sescontato, anzichè perdere denaro e tempo con le cartelle da far riscuotere.
La disposizione ha anche un funzione educativa che consente di pagare la multa dovuta ad un'infrazione del codice della strada, senza vessazione. Con il provvedimento adottato si invoglia il trasgressore ad impugnare il verbale al Giudice di Pace o al Prefetto, o addirittura ad aspettare lacartella esattoriale, vanificando così l'immediato incasso per il Comune. Da  tenere presente che un terzo degli italiani non paga le contravvenzioni impugnando il verbale o aspettando la cartella esattoriale;
3)la mancanza dell'emissione del preavviso non consente al cittadino di prendere contezza dell'infrazione commessa e, nel caso ricorrono i presupposti, provvedere all'immediata contestazione all'Agente della P.M.rilevatore.
Ma se il provvedimento è dettato dal voler applicare in modo restrittivo il citato decreto,ritengo che  all'eliminazione del preavviso di cortesia deve corrispondere la dotazione al vigile del Pos per consentire l'immediato  pagamento della multa. 

Cassazione: scuola responsabile anche fuori dell’edificio

Ci deve essere del personale scolastico a vigilare sugli allievi che, prima dell'inizio dell'orario delle lezioni, attendono il suono della campanella nel cortile esterno di pertinenza della scuola. Gli alunni non possono essere lasciati soli. Lo ha deciso la Cassazione con la sentenza n. 22752.
Se, per caso, qualcuno si fa male, magari cadendo per distrazione, la scuola - e dunque il Ministero della Pubblica Istruzione – dovrà dunque risarcire i danni per aver mancato al dovere di vigilanza anche se l'incidente è avvenuto prima del regolare inizio dell'attività didattica.
Così la Cassazione ha dato il definitivo 'via libera' al risarcimento danni in favore di una allieva di una scuola elementare di Cerveteri (Roma) che era scesa dallo scuolabus e stava aspettando l'inizio delle lezioni nel cortile antistante la scuola quando, salita su un muretto, era caduta rompendosi la tibia. L'accesso al cortile, per i bambini che arrivavano con un po' di anticipo, veniva consentito ogni mattina con l'apertura dei cancelli ma la scuola non aveva provveduto a organizzare un servizio di vigilanza che tenesse sotto controllo i ragazzini nella manciata di minuti che li separava dall'ingresso in aula con affidamento alle maestre.
In ipotesi di danno come questo, cagionato dall'alunno a se' medesimo (autolesioni), l'accoglimento della domanda di iscrizione, con la conseguente ammissione dell'allievo a scuola - scrive la Suprema Corte –determina l'instaurazione di un vincolo negoziale dal quale sorge a carico della scuola l'obbligazione di vigilare sulla sicurezza e l'incolumità dell'allievo per il tempo in cui questi fruisce della prestazione scolastica, in tutte le sue espressioni".
La scuola pertanto “è tenuta a predisporre tutti gli accorgimenti all'uopo necessari, anche al fine di evitare che l'allievo procuri danno a se stesso, sia all'interno dell'edificio che nelle pertinenze scolastiche". Tra queste rientra "il cortile antistante l'edificio del quale la scuola abbia la disponibilità e ove venga consentito il regolare accesso e lo stazionamento degli utenti, e in particolare degli alunni, prima di entrarvi".
Da notare che la vicenda in questione si trascinava dal 1995. Il verdetto di primo grado era stato emesso dal Tribunale di Civitavecchia nel 2003, e quello di secondo dalla Corte di Appello di Roma nel 2006. Senza successo, scuola e ministero hanno protestato in Cassazione contro la condanna al risarcimento (di entità non nota) sostenendo che la sola circostanza che la minore fosse stata lasciata dallo scuolabus nel cortile antistante non doveva far ritenere che "fosse insorto in capo al personale scolastico l'obbligo di vigilare su di essa". Ma la Cassazione, a distanza di 18 anni dai fatti, è stata di avviso opposto.
Marcello Tedros di CittadinanzAttiva

Da Partylandia auguri di Buon Compleanno a Giuseppe Greco

Lo staff di Partylandia augura Buon Compleanno a Giuseppe Greco che oggi compie 18 anni

Da Eolienews auguri di Buon Compleanno a Massimo Bonfante

Da Eolienews, dal suo direttore, i più affettuosi e sinceri auguri di Buon Compleanno a Massimo Bonfante, amico e nostro stimatissimo collaboratore

Auguri a....

Da Eolienews auguri a Nunzio Raffaele, Graziella Lo Schiavo e Giuseppe Costanzo

Ecoturismo e sentieri storici di Lipari. Finanziamento regionale

Peppe Paino (Gazzetta del Sud)
Lipari- Finanziato dalla Regione , per circa 600 mila euro, il progetto di recupero e valorizzazione dei sentieri storici dell’isola. Lo ha comunicato il sindaco Marco Giorgianni, ieri a Palermo. L’iniziativa, avviata nei primi mesi di sindacatura, è stata portata avanti grazie alla costituzione di un Ati ( associazione temporanea d’impresa) tra lo stesso ente, l’ormai ex Provincia regionale di Messina, l’azienda foreste demaniali di Messina e l’associazione Nesos, realtà fondata nel 2001 da guide naturalistiche che operano nel settore dell’ecoturismo e da ricercatori impegnati in progetti per lo studio e la conservazione della biodiversità delle Eolie e di altre isole. A tal proposito, il naturalista, nonchè consigliere comunale d’opposizione di Sel, Pietro Lo Cascio, fondatore di Nesos, ha subito tenuto a puntualizzare che l’associazione non percepirà dal progetto nemmeno un centesimo. “ Noi – ha evidenziato Lo Cascio- ci occuperemo soltanto della supervisione , ribadisco gratuita, dei lavori che saranno realizzati dalla Forestale sui sentieri da noi indicati nelle schede progettuali e che necessitano di una certa priorità d’intervento”. Si tratta di opere ormai indispensabili e reclamate da anni dai gruppi di escursionisti che frequentano le isole. Gruppi di austriaci, svizzeri, tedeschi, grazie ai quali negli ultimi anni gli operatori turistici hanno potuto spesso far fronte alle spese di stagioni turistiche poco esaltanti; escursionisti giunti anche al punto di fare pulizia a proprie spese tra rovi ed erbacce pur rendere fruibili antichi varchi e mulattiere che conducono ai panorami mozzafiato di un territorio patrimonio dell’umanità Unesco. Il sindaco Giorgianni ha dichiarato che si farà di tutto per recuperare e quindi valorizzare questi sentieri entro la prossima estate. Sempre in tema di finanziamenti sarebbero, inoltre, in via di definizione da parte del Commissario per il dissesto idreogeologico le procedure sui progetti riguardanti la sicurezza di tre torrenti dell’isola di Lipari. Ma su questo argomento c’è prudenza e si attende il decreto del governo Letta. Buone notizie sono attese anche in seguito all’allentamento dei vincoli del Patto di stabilità proprio per le opere che riguardano la difesa del territorio. “ Il Comune – ha annunciato ieri il portavoce del sindaco Michele Giacomantonio, dovrebbe essere autorizzato ad andare in deroga di 700 mila euro per il 2013 e per 3 milioni di euro per il 2014. Si parla anche di ben 6 milioni di euro in deroga per il 2015 ma potrebbe essere che la formalizzazione di quest’ultima autorizzazione slitti al 2014”. Va ricordato che il Comune di Lipari a causa dei vincoli imposti dal Patto ha bloccati nelle sue casse, da anni , complessivamente, ben 14 milioni di euro.

Eventi e manifestazioni a Lipari e nelle Eolie in genere

Avrei preferito evitare di entrare nel merito dell’evento “Le Vele Nere”, non perché ritengo al nome possa accompagnarsi un cattivo presagio ma perché è sin troppo facile evidenziarne le lacune ex post piuttosto che invece riconoscere i meriti di chi si è dato da fare per la riuscita della manifestazione.
Visto però che l’Assessore Cuccia mi chiama in causa ringraziandomi personalmente, ritengo doveroso formulare alcune considerazioni, partendo dal comunicato di ringraziamenti del Sindaco, Marco Giorgianni, che sostanzialmente condivido. Concordo con l’affermazione: “Risulta evidente che con la contribuzione e il sacrificio di ognuno di noi, al di là di ruoli istituzionali, questo è un territorio capace di organizzare grandi eventi”. Sicuramente, le Eolie, aldilà delle difficoltà organizzativo-logistiche di base, offrono un palcoscenico naturale per l’organizzazione di eventi suggestivi oltre ad possedere da sempre la capacità di attrarre personaggi e artisti sensibili al loro fascino.
È, inoltre, certamente apprezzabile lo sforzo prodotto dal Comune di Lipari nel voler proporre un calendario eventi unitario che comprenda l’intera stagione turistica, come è sicuramente vincente l’abbinamento, più volte discusso, cibo-arte e il tentativo di utilizzare l’evento con l’obbiettivo di creare flussi turistici nei periodi di bassa stagione.
Il concorso dei vari stakeholders locali nell’organizzazione degli eventi rappresenta evidentemente un importante valore aggiunto. Sarebbe, comunque, opportuno che questo camminasse di pari passo con un adeguato e costante coinvolgimento delle istituzioni e dei soggetti rappresentativi delle varie associazioni culturali (laddove coerenti con l’evento in questione) e categorie produttive.
Diversamente però da quanto afferma, nel suo comunicato, l’Assessore Cuccia che, per altro, ringrazio per avermi immeritatamente ringraziato, il carattere vincente di un format di questo genere deve poggiare su collaborazioni e metodologie di lavoro ben strutturate e non sui salti mortali dell’amico di turno che per amore di queste isole si sobbarca di volta in volta onori ed oneri nella speranza di raggiungere un buon risultato o, nella peggiore delle ipotesi, di salvare la faccia, giocando (di fatto, nel bene e nel male) con l’immagine del nostro arcipelago.
Tale strutturazione diventa quanto mai necessaria se per il prossimo anno si desidera trasformare il programma eventi in un vero e proprio prodotto turistico che interessi le sette isole. Soltanto così si potrà davvero sperare di ampliare e potenziare il programma eventi. Questo, se pubblicizzato per tempo e attraverso i canali giusti può davvero ambire a diventare volano per l’economia locale e contribuire, come suggerisce l’Assessore Cuccia, a riempire le corse degli aliscafi.
La nostra Associazione ribadisce, pertanto, sin da ora all’Assessore Cuccia – così come fatto in settembre 2012 al suo predecessore per la stagione turistica 2013 - tutta la propria disponibilità a collaborare concretamente alla programmazione 2014 con l’obbiettivo di chiuderne entro l’anno un programma di massima esteso alle nostre sette isole. Diversamente, il nostro apporto gioverà meramente a contribuire ad allietare quei visitatori che in ogni caso sarebbero comunque venuti alle Eolie per altre motivazioni per nulla connesse agli eventi in questione.
Christian Del Bono

Costituita l'Associazione nazionale "Io, cittadini dei siti Unesco"

Si è costituita  l’Associazione Nazionale “io, cittadino dei siti UNESCO” con lo specifico scopo di promuovere la conoscenza, la salvaguardia, la tutela, la promozione e la consapevolezza tra le popolazioni locali e non, delle culture dei luoghi ricadenti nei territori riconosciuti nella World Heritage List.
I fondatori, tra i quali molti appartenenti ai luoghi UNESCO d’Italia, si propongono, attraverso il dialogo positivo e sostenibile, di diffondere il senso di appartenenza ai luoghi rientranti nei siti UNESCO.
Con questo spirito di apertura e partecipazione i soci hanno deciso di indire un CONCORSO per la definizione del logo dell’Associazione.
Non sono posti limiti alla elaborazione artistica e/o alle modalità di proposta che potrà essere effettuata su qualsiasi tipo di supporto questa, qualora diversa da quella informatica, andrà fotografata e così inviata.
 Non sono previsti premi economici. L’idea dovrà essere invita a cittadinounesco@gmail.com  entro la fine di novembre 2013.
 Arch. Roberto Sauerborn
Presidente
3484551776

giovedì 10 ottobre 2013

Continua lo "scontro" tra turisti e veicoli a motore (di Luca Chiofalo)

Via Garibaldi ore 10,50: lo "scontro" tra turisti e veicoli a motore continua... Il "palazzo" resiste: l'ordine è di respingere l'assedio del "forestiero" appiedato...!

Typography


Da domani a S. Pietro gli incontri mensili di catechesi per adulti

Comunicato stampa
Domani venerdì 11  ottobre, alle ore 18.30 , nella Chiesa di San Pietro, avranno inizio gli incontri mensili di catechesi per adulti. 

Il primo incontro sarà su "L' insegnamento di Papa Francesco" e sarà introdotto da una riflessione del dott. Michele Giacomantonio.  
Si parlerà della spiritualità ( il misticismo, il dialogo, il discernimento, la frontiera ), della visione della Chiesa ( un "ospedale da campo", la sinodalita' , il ruolo della donna...), dell'uomo (divorzio, aborto, omosessualità ) e della storia (povertà, guerre, immigrazione...) di Papa Bergoglio attraverso soprattutto le interviste a Civiltà Cattolica e a Repubblica e gli interventi a Lampedusa ed Assisi.

Domani consiglio comunale a Lipari

Si terrà domani alle 10 il consiglio comunale di Lipari. All'ordine del giorno vi sono 8 punti.
Tra questi: approvazione regolamento per la disciplina del sistema integrato dei controlli interni, l'approvazione del programma per la trasparenza e l'integrità per il triennio 2013-2015 e debiti fuori bilancio per circa 6 mila e 500 euro.

Allerta temporali Sicilia e Calabria

Il maltempo scende verso il Centro-Sud. La Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse che prevede, da oggi pomeriggio, precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Lazio centro-meridionale, Campania e Sicilia, in estensione a Calabria e Basilicata, specie sui settori tirrenici. I fenomeni potranno dare luogo a rovesci di forte intensità, locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. (ANSA)

La lapide a Punta S. Francesco.

Per l'amico Giovanni Giardina, che ieri ci aveva scritto a a proposito di una lapide posta a Punta S. Francesco, due foto scattate stamattina dall'amico che ha lavorato alla cappella votiva.
Si vedono la lapidina e la base della croce relativa al ragazzo deceduto di cui parlava nella lettera Giovanni Giardina. La croce era in marmo ed evidentemente è stata nel tempo spezzata dai marosi che sotto lo scirocco salgono fino alla lapide.

Amministrazione e opposizione. La nota di Roux e la risposta del portavoce Giacomantonio

"Purtroppo commentando le attività dell'opposizione - i dati sono eloquenti,  l' opposizione a Lipari, in questi ultimo anno, è mancata totalmente. "Il vuoto assoluto"
"L’interpellanza è l'unico mezzo dell'’opposizione per portare in consiglio i propri argomenti  e le istanze dei cittadini, se non se ne fa uso significa che si è solo scaldato il banco e rubato il gettone di presenza“
Si chieda - almeno - agli esponenti della maggioranza- o direttamente all'esecutivo, di chiarire la loro posizione in merito all'’operato dell'ultimo anno.
“Sarebbe estremamente utile sapere dell'amministrazione cosa ha fatto sul Piano Urbanistico” poichè, allo stato dei fatti "sembra" che:
- non è concluso il piano per gli insediamenti delle aree artigianali, il cui "Progetto" vaga da decenni nei meandri della burocrazia regionale.
- è stata sconfitta la linea amministrativa sulla scelta di una nuova allocazione per la costruzione del depuratore;
- regni un religioso silenzio sul Piano di difesa dell'abitato di Acquacalda e sul futuro destino della società Lipari Porto SpA
- si temporeggi sulla de-locazione del distributore Esso
- si accantoni o rimandi a tempi migliori i progetti quali: a) il proseguo dei lavori di allargamento parcheggio coperto che- tra parentesi- dovrebbe essere gratuito per i residenti; b) il piano particolareggiato delle ringhiere; c) il piano particolareggiato sul diserbamento di terreni limitrofi alle strade al fine di evitare incendi; d) i piani di tutela di aree particolarmente pregiate quali (x Lipari): Penisola del Purgatorio, Quattrocchi, Forgia vecchia ecc; e) il piano della segnaletica verticale (possibilmente multilingue) che comprenda anche i sentieri ed i servizi essenziali.
 Dico "sembra" poichè non è dato sapere come questa amministrazione stia procedendo  e con quali obiettivi.  
In democrazia, una sana amministrazione necessita di una buona e sana opposizione e questa vuole solo essere un' inizio di discussione atta a risvegliare le anime sopite dei consiglieri dormienti... Se quanto espresso in quest'ultimo anno è tutto quello che hanno da dire stiamo messi veramente male poichè questo non è esempio di buon governo....e si perde il diritto di criticare, "per viddi, vaddi e piazze", l'operato dell'esecutivo..... 
Al Sindaco e agli attuali assessori proporrei maggior apertura al dialogo con i cittadini e con la stampa locale, ai quali, periodicamente relazionare sull'operato e sulle aspettative future, facendo tesoro delle critiche e dei suggerimenti, cosi  evitando che un sedicente "consorzio" di oppositori, ( per gran parte personaggi noti, facenti parte, per una dozzina di anni, del passato  governo locale e corresponsabili della povertà morale ed economica in cui versa il paese ) si erga a paladino del dissenso. 
Ognuno si carichi delle responsabilità che il proprio ruolo comporta per uscire dalla crisi che diventa, ogni giorno, sempre più soffocante.
 Piero Roux
Anche se la nota di Piero Roux è rivolta in primo luogo all’opposizione, siccome vi è una chiamata in causa dell’Amministrazione cercherò di dare, per quanto mi è possibile, alcune risposte. Il consigliare una maggiore apertura al dialogo è sempre una buona cosa ma non si può dire che questa Amministrazione sia insensibile alla comunicazione ed al confronto. Proprio il fatto di avere istituito la figura del “portavoce” che giornalmente risponde alle lettere dei cittadini ed alle note che appaiono sui giornali “on line” è sicuramente un passo importante in questa direzione. Si può fare di più, certamente. Come per esempio rendere trasparenti “on line” tutti gli atti amministrativi a cominciare dal funzionamento delle società partecipate su cui ha una particolare attenzione  Angelo Sidoti. E penso che batti e ribatti si arriverà ad una buona trasparenza.
Ma per venire ai punti indicati da Roux vediamo di fare un po’ di chiarezza.
Gli insediamenti delle aree artigianali. Per quanto riguarda la realizzazione di queste, l’iniziativa non è dell’Amministrazione ma del Consorzio. Non è vero però che non c’è stata iniziativa da parte del Comune a cominciare dall’avere promosso due riunioni con la presidenza del Consorzio proprio per cercare di far fare al progetto dei passi avanti. Purtroppo il progetto è fermo all’Osservatorio regionale in attesa del parere della Sovrintendenza ed è fermo perché l’Osservatorio non ha fatto nessuna attività da mesi. Inoltre le aree di Canneto dentro sono condizionate dall’esito della progettazione del depuratore ed il Comune ha sollecitato il Commissario più volte di dare certezze agli artigiani per quanto riguarda la realizzazione dei loro progetti.
Realizzazione del Depuratore. L’Amministrazione è in attesa che il Commissario trasferisca l’ultima fase progettuale al Comune e l’Amministrazione ha preso impegno che non appena ne entrerà in possesso trasferirà lo stesso progetto alla Commissione comunale che potrà vagliarlo e giudicarlo. Pur nei limiti di una progettazione che sfugge completamente al suo controllo l’Amministrazione si è attivata nei confronti del Commissario per modifiche sostanziose non solo nei riguardi delle due vasche di scolmo attualmente previste a Unci e Sottomonastero nei pressi della stazione aliscafi, ma anche della stessa centrale di depurazione a Canneto dentro perché abbia il minore impatto ambientale possibile e perché sia compatibile con il progetto delle aree artigianali. A proposito di quest’opera, da quando il Parlamento bocciò la proposta di trasferirne la responsabilità al Comune, si può solo giocare di rimessa.
Piano di difesa dell’abitato di Acquacalda. Come è stato più volte dichiarato e come lo stesso Sindaco ha spiegato nella trasmissione televisiva “Linea blu”, la realizzazione di quest’opera dipende unicamente dai limiti posti dal Patto di Stabilità perché gli stanziamenti – per circa 9 milioni di euro – sono già nelle disponibilità del Comune. Ma anche qui l’Amministrazione non è stata ferma è si è mossa nei confronti della Regione per chiedere di potere andare in deroga ai vincoli del Patto almeno per le opere che riguardano la difesa del territorio. E si ritiene che la risposta sarà positiva. Il Comune dovrebbe essere autorizzato ad andare in deroga di 700 mila euro per il 1913 e per 3 milioni di euro per il 2014. Si parla anche di ben 6 milioni di euro in deroga per il 2015 ma potrebbe essere che la formalizzazione di quest’ultima autorizzazione slitti al 2014.
Lipari porto spa. Non ci sono novità nel senso che tutto è fermo alla dichiarazione dell’Amministrazione che ha chiesto il ridimensionamento del progetto con l’esclusione di Marina Lunga oltre che del porto commerciale e la replica del socio privato che, a questo punto, andava rivisto il quadro economico ed aveva sollecitato un intervento finanziario della Regione. Senza un intervento della Regione difficilmente l’opera si realizzerà. Ma anche a proposito del porto l’Amministrazione non è stata inerte. A breve inizieranno i lavori di riqualificazione della stazione degli aliscafi e delle aree limitrofe e si sono ottenute le autorizzazione per il prolungamento del molo con il posizionamento dei cinque cassoni avanzati dai precedenti lavori di messa in sicurezza. L’unica autorizzazione mancante né quella della Sovrintendenza del mare che sta valutando la compatibilità della diga con gli ultimi accertamenti sottomarini in relazione all’antico porto romano.
De-localizzazione distributore Esso. La convenzione della Esso con il Comune scade ai primi mesi del 2014 e l’Amministrazione ha già contattato la Ditta che gestisce il distributore comunicando che non ha più intenzione di rinnovare la concessione mentre esiste già un progetto  di riqualificazione con le relative autorizzazioni che fa parte del riordino di tutta l’area di Sottomonastero.
Non abbiamo notizie invece di un ampliamento del parcheggio coperto né di un piano particolareggiato delle ringhiere mentre è in itinere un Piano dei Colori per il quale l’Amministrazione ha ottenuto la disponibilità degli operatori privati compresa l’azienda che ha realizzato il piano dei colori di Firenze.
Quanto al diserbamento dei terreni limitrofi alle strade al fine di evitare gli incendi voglio ricordare che il sindaco ha emesso il 2 luglio scorso l’ordinanza n.49/2013 consultabile on line nel sito del comune dal titolo “Campagna di prevenzione e lotta agli incendi nella stagione estiva e manutenzione del verde privato a margine delle strade pubbliche e di uso pubblico”. E’ stato già dato ordine al Comando di Polizia Municipale di notificare l’ordinanza nelle prossime settimane ai proprietari di terreni interessati.
In questo quadro della difesa del territorio vogliamo comunicare che è già stato finanziato il progetto per la manutenzione e messa in sicurezza dei sentieri storici mentre è in via di definizione da parte del Commissario per il dissesto idreogeologico dei progetti riguardanti la sicurezza di tre torrenti dell’isola di Lipari. Ma torneremo presto per illustrare adeguatamente queste due importanti iniziative.
Michele Giacomantonio         

Processione della Madonna a Lami (foto Mario Profilio)

Partylandia augura Buon Compleanno a Sandra Basile

Lo staff di Partylandia augura Buon Compleanno a Sandra Basile che compie 8 anni.
Circolo Legambiente Lipari – Eolie 
Lipari, 10 ottobre 2013 
Al Dir. Salvatore Scuto
Soprintendenza BB.CC.AA.
 Messina 
e p.c. 
Al signor sindaco del Comune di Lipari
Marco Giorgianni
Piazza Mazzini
Lipari

Oggetto: richiesta intervento

Nei primi anni del Duemila la Soprintendenza di Messina ha eseguito dei lavori di ristrutturazione (ultimati nel 2005) nel fabbricato utilizzato per oltre un secolo quale Capitaneria di Porto latitante la Chiesetta del Purgatorio di Marina Corta.
Come Lei potrà osservare dalla documentazione fotografica che le allego, sono state operate, a parere di tantissimi eoliani, delle significative modifiche che hanno alterato l’aspetto estetico del fabbricato, sia rispetto agli inizi del secolo, sia rispetto a quanto posto in essere probabilmente nel corso degli anni sessanta (allegati 009 e 010). Modifiche che sicuramente sono state già segnalate alla Sovrintendenza, ma non sono state prese in considerazione dai suoi predecessori. 
Il fabbricato di cui Lei scrivo è molto probabilmente lo stesso fabbricato di cui scrive Alexandre Dumas padre che visitò le Isole Eolie nel corso del 1835 nel volume . Impressions de Voyage. Le Speronare, Parigi, Walzer, 1855. (…) Lipari, con la sua roccaforte costruita sulla roccia e le sue case distribuite secondo le sinuosità del terreno, presenta un aspetto molto pittoresco. Avemmo, del resto, tutto il tempo di ammirarla nell’attesa di risolvere le innumerevoli difficoltà che ci vennero fatte per poter sbarcare. Le autorità locali, alle quali avemmo l’imprudenza di ammettere che non venivamo per il commercio della pietra pomice, unico commercio dell’isola, e che non capivano che si potesse capitare a Lipari per qualche altro motivo, non volevano lasciarci entrare a nessun costo. Alla fine, quando attraverso un’inferriata passammo i nostri passaporti che, per paura del colera, ci furono presi dalle mani con delle pinze gigantesche, e che si furono ben assicurati che venivamo da Palermo e non da Alessandria o da Tunisi, ci aprirono il cancello e consentirono a lasciarci passare. 
Le allego, inoltre, una immagine di un quadro a olio di Marina Corta, con vista da sud (allegato 012) realizzata nel corso del 1777 da Jakob Philipp Hackert, che veniva nelle Eolie allo scopo di realizzare una fedele documentazione grafica per i viaggiatori del grand tour.
Negli anni successivi al viaggio Hackert ha rielaborato i suoi disegni pubblicandoli spesso in incisioni tra cui una serie intitolata “Vue de la Sicile, peintes par Ia. Ph. Hackert, gravees par B. A. Dunker è stato edito in Italia da Sellerio, con il titolo Vedute di luoghi classici della Sicilia.
Attualmente l’opera di Hackert è conservatnella residenza di Carskoe Selo (oggi Puskin) presso S. Pietroburgo e recante l’iscrizione “Lipari avec le Stromboli, Ph. Hackert p. 1778”. Il dipintfu acquistato, insieme con altri quadri del pittore, dal futuro Zar Paolo I nel suo viaggio in Italia nel 1781.
Della veduta di Lipari, particolarmente interessante perché è la prima a noi nota della nostra isola (non cito qui l’affresco di Santorini).

Il punto di vista è stato scelto sapientemente in modo da consentire la massima completezza d’informazione topografica: in primo piano si vede l’insenatura del porto, animata da figurine e da barche; all’estrema sinistra si erge la rupe dell’acropoli, con le sue fortificazioni e le sue chiese; più a destra si apre la piccola baia, protetta da una penisola su cui sorge la chiesetta delle Anime del Purgatorio e dietro la quale il Monte Rosa delimita la grande baia. La parte destra della veduta mostra il mare aperto, su cui si staglia, proseguendo quasi la linea della costa, la sagoma di una nave; tra questa e le altre navi che si scorgono in lontananza all’estrema destra s’inserisce all’orizzonte lo Stromboli. In questa veduta l’intento di esattezza documentaria di Hackert è associato a una certa libertà artistica, come si può vedere specialmente nella lieve “correzione” della realtà consistente nell’aver semplificato il profilo del Monte Rosa per far risaltare più efficacemente la chiesetta.  Alla luce di quanto sopra detto La invito a valutare l’opportunità di “rivedere” il progetto di ristrutturazione a suo tempo eseguito, apportandovi le modifiche che riportino la struttura al suo antico assetto consono al suo passato ed alla sua storia.
Resto in attesa di un Suo riscontro e Le invio Distinti Saluti.

Il presidente del Circolo delle Isole Eolie

Dott. Giuseppe La Greca




Auguri a...

Da Eolienews auguri a Debora Zanca, Edoardo Taranto, Massimo Libro e Marco Raccuia.

mercoledì 9 ottobre 2013

Processione della Madonna a Lami (foto Mario Profilio)

Lettere al direttore. L'edicola votiva di Punta S. Francesco. Ci scrive Giovanni Giardina

Gentile Direttore,
oggi ho letto l’articolo sulla edicola votiva  situata sulla punta di S. Francesco e mi compiaccio che c’è ancora qualcuno che conserva alcuni valori che i nostri predecessori con fede e amore ci hanno insegnato. Davvero ammirevole !
Non so a quando risale la foto da Lei pubblicata , perché se fosse di recente, ho notato che in quella roccia manca qualcosa. Io ormai da anni non frequento più il mare ma mi ricordo che durante la mia giovane età , un giovane sub durante una battuta di caccia alla cernia, in apnea,  sotto quella roccia ad una profondità di circa 20 metri perse la vita . Fu trovato incastrato tra le pareti di  una piccola tana con una cernia ancora infilzata all’arpione del suo fucile. 
Mi ricordo quando lo portarono a Portinente , per portarlo al vicino ospedale per decretarne la morte e poi consegnarlo alle autorità per il rito . A seguito di tanto dolore la famiglia pose in quella roccia, proprio alla base dell’edicola ( dove si vede l’erbetta), una piccola lapide  di marmo, in sua memoria. Che fine ha fatto ?
Quando passavo di la con la mia barca ne approfittavo sempre per rivolgere una preghiera a S. Francesco e a quel giovane sfortunato .
La cosa mi dispiacerebbe molto , perché col passare degli anni anche quel gesto di amore ,testimonianza di fede, è stato tristemente cancellato .  
Giovanni Giardina

Ndd- Caro Giovanni, la foto è recentissima. Abbiamo girato il tuo quesito a chi ha lavorato alla Croce per saperne di più.

Anche le vecchie cucine parlano......d'inciviltà (foto Angela La Torre)

A Lipari "dilaga" dopo un periodo  di "tregua" l'incivile abitudine di abbandonare ovunque, in genere vicino ai cassonetti, vecchi elettrodomestici e rottami vari.
La cosa, ovviamente, non può che dare fastidio a chi è per il decoro urbano e per la civiltà (dovremmo esserlo tutti) ed ecco che, stamani, in località Schiccione, accanto ad una vecchia cucina abbandonata è spuntato questo significativo cartello.
Grazie ad Angela La Torre che ha scattato la foto attraversano la quale vi mostriamo come "anche le vecchie cucine parlano d'inciviltà"

Bartoluzzo "Tra musica e poesia" (video Giunta-Lo Ricco) VII° ed ultima parte

Frana sulla Quattropani-Acquacalda

Lungo la Provinciale "Quattropani/Acquacalda", a qualche centinaio di metri di distanza dal cimitero della piccola frazione balneare liparese, stamattina si è verificata una frana che ha lacerato la rete posta a protezione della strada ed ha occupato lo spazio di una corsia. In quel momento per fortuna non transitavano auto. 
Sul posto operai della Provincia e Vigili del Fuoco.

Genovese prepara l’addio al Pd (da gazzetta del sud on line)

Francantonio Genovese, deputato nazionale del Partito democratico ma soprattutto “lider maximo” dei Democrats in riva allo Stretto almeno per numero di tessere, è sul piede di lasciare il partito e approdare a nuovi lidi. Nelle scorse ore l’ex sindaco della città dello Stretto ha, infatti, chiamato a raccolta i suoi, tra questi molti consiglieri comunali, prospettando la possibilità concreta di un addio al Partito democratico nei prossimi giorni e chiedendo loro un atto di fedeltà. E non a caso sono stati bloccati i tesseramenti di molti dei “fedelissimi” in vista del prossimo Congresso provinciale. Un segnale inequivocabile di disimpegno, almeno per il momento, all’interno del Pd. La nuova frontiera per Genovese – che proprio ieri era a Roma dove i confronti sono serrati – è rappresentata dall’area che fa riferimento ad Angelino Alfano e all’eventuale Partito popolare europeo. I due si sono incontrati più volte ed entro qualche giorno la situazione apparirà più nitida. Ma non è escluso che l’addio venga “congelato” e rinviato ai prossimi mesi.
Sempre a proposito del Pd, ieri l’incontro chiarificatore tra il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta e i vertici dei Democratici. Pace fatta, almeno in apparenza. Crocetta lascia all’Ars il gruppo del Megafono e aderisce al Pd.

E' tornata la Croce sulla edicola votiva dedicata a S. Francesco

E' tornata, grazie all'interessamento di un privato e di un suo collaboratore, la Croce sulla edicola votiva dedicata a S. Francesco. Edicola che è ubicata sulla punta omonima della rada di Lipari.
La Croce è in acciaio inox fissata con tasselli. 
Una iniziativa lodevole che consente di mantenere viva la memoria di ciò che i nostri avi realizzarono e preservare sicuramente una testimonianza storica delle Fede degli eoliani.
Purtroppo di queste edicole votive a rischio ve ne sono parecchie. Basti pensare a quella che vi era al coidetto "Villaggio Francese" e che è stata "soprafatta" dallo scorrere del tempo e dall'incuria dell'uomo.
Sarebbe bello ed apprezzabile se, ognuno per quello che può, si facesse carico di manutenzionare e/o intervenire in altri siti.
Sarebbe altresì apprezzabile che i "vandali", che purtroppo non mancano, lasciassero integri questi segni della nostra Fede (vedi i danni causati alle stazioni della Via Crucis nella salita di Santa Margherita)

RIAPRE IL CENTRO GIOVANILE A LIPARI

Dopo la pausa estiva riprendono le attività del Centro Giovanile di Lipari. Tutti i ragazzi e i giovani dalla terza media in su sono invitati a partecipare alla riunione di apertura SABATO ALLE ORE 19 AL CENTRO GIOVANILE.
DOMENICA 13 OTTOBRE alle ore 19 a San Pietro inaugurazione dell’anno catechistico con la partecipazione di tutti i ragazzi e i giovani che animeranno la Santa Messa.

SABATO 19 OTTOBRE alle ore 19 al Centro Giovanile riunione con i genitori degli adolescenti.

Via Roma: Scooteristi a rischio...per il terriccio

S.o.s. dagli scooteristi e dai motociclisti che attraversano la via Roma dopo il "passaggio" delle acque torrenziali dei giorni scorsi. In diversi ci hanno  contattato per questa segnalazione.
Buona parte della sede stradale è piena di terriccio e già qualcuno ha rischiato di farsi seriamente male. Per fortuna, sino ad ora, solo qualche caduta e nulla più. Ma il rischio è alto. Senza considerare che se dovesse tornare a piovere quel terriccio si trasformerà in fango.
Siamo certi che l'assessore competente, sempre molto attento alle problematiche segnalate, provvederà a far ripulire la strada e, a tal proposito, chiediamo, visto che l'area è ancora transitata da tanti turisti, di far rimuovere tutta la terra accatastata in prossimità del ponte.

Auguri a.....

Eolienews augura Buon Compleanno a Giulia Rizzo e a Rosa Linda Ziino

Viaggi di versi

Dopo la recente antologia "Maledetta scrittura", ecco una nuova antologia, curata dal poeta Elio Pecora, che presenta al grande pubblico i versi del poeta eoliano Davide Cortese. Si tratta di "Viaggi di versi", edita da Pagine e contenente le opere di 13 poeti italiani contemporanei.

Lipari, Sottomonastero: Presto il via alle opere. Poi toccherà al pontile

(Peppe Paino- Gazzetta del sud) Saranno consegnati entro giorno 12, i lavori di riqualificazione dell’area portuale situata all’inizio di Marina Lunga. Opere, spesso confuse, nonostante le ripetute precisazioni, con gli interventi che riguarderanno nei prossimi mesi anche il pontile degli aliscafi. Con il primi lavori che, partiranno, dunque, nel mese in corso nascerà un’unica stazione marittima al servizio dell’utenza dei mezzi veloci. Prevista anche la copertura dello stesso pontile. L’agenzia aliscafi di Compagnia delle Isole si trasferirà nei locali della biglietteria delle navi; quella di Ustica Lines nei locali ( ex navi) di proprietà della famiglia Di Giovanni. Grande attenzione sui lavori per il prolungamento del pontile con i cinque cassoni avanzati dalle precedenti opere di messa in sicurezza dei porti. Non solo per le caratteristiche dell’intervento, subordinato comunque al via libera della Soprintendenza del Mare che dovrà eseguire gli opportuni sondaggi per verificare la presenza di resti archeologici quanto, soprattutto, per un possibile spostamento degli aliscafi nel porto di Marina Corta. L’Amministrazione a tal proposito ha puntualizzato in una nota che “ chiederà all’autorità marittima di verificare la compatibilità di questi lavori con il mantenimento del l’operatività degli aliscafi Sottomonastero”. Solo in caso di risposta negativa si porrà il problema del trasferimento. Giudicato infatti impossibile l’attracco a punta Scaliddi per il grave fenomeno di “ingrottamento” di quella banchina, le alternative possibili rimangono Marina Corta e Pignataro”. L’Amministrazione- si legge inoltre nel comunicato- ha ben presente i problemi riguardanti l’operatività di Marina Corta soprattutto nella stagione turistica “ma è parimenti consapevole del grave disagio che comporterebbe la scelta di Pignataro, per questo se si sceglierà Marina Corta si cercheranno tutte le garanzie perché i lavori termino per tempo, prima dell’inizio della stagione estiva”.

L’INCONTRO CON LUPO E GUCCIARDI CROCETTA ADERISCE AL GRUPPO PD ALL’ARS

Si è concluso, con esito “positivo” l’incontro fra il presidente della Regione, Rosario Crocetta, il segretario del Partito democratico, Giuseppe Lupo, ed il capogruppo del Pd all’Ars,Baldo Gucciardi. Nel corso del “summit”, il presidente ha comunicato la scelta di aderire al gruppo parlamentare del Pd. Sono stati anche affrontati, come comunica palazzo d’Orleans, “i tempi programmatici legati alla necessità di un’accelerazione dei processi di riforma da avviare in Sicilia e le azioni di risanamento del bilancio, delle politiche di solidarietà sociale, di rilancio dell’economia e del lavoro”.
“La discussione continuerà nei prossimi giorni e, su questi temi, avranno luogo una serie di incontri con il partito e con l’intero gruppo del Pd. Il presidente Crocetta, valuta positivamente l’incontro tanto da ritenere superata, in questo momento, la calendarizzazione parlamentare delle comunicazioni già previste per giovedì all’Ars. In tal senso ha inoltrato una richiesta al presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone. Nei prossimi giorni – si chiude il comunicato – il presidente incontrerà tutti i gruppi parlamentari”.
“Abbiamo avviato un percorso di confronto di cui siamo soddisfatti. Nei prossimi giorni sono previste ulteriori tappe con i gruppi parlamentari, ma rileviamo un’apertura importante. L’adesione di Crocetta al gruppo del Pd ci dà conforto per la soluzione della vicenda del Megafono“. Così il segretario Giuseppe Lupo a Siciliainformazioni. Crocetta, a questo punto, non dovrebbe riferire in aula il 10 ottobre sulla crisi.
“L’adesione al Partito democratico di Rosario Crocetta è un gesto di fortissimo significato e valore politico. Prima ancora di ogni altra cosa, contribuisce a ripristinare agibilità tra le parti impegnate in questo confronto”, ha aggiunto il capogruppo del Pd all’Ars, Gucciardi.