Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 17 marzo 2018

“Isolani sì, ma isolati no”. Un videodocumentario realizzato dalle Iene con i giovani a Stromboli

(dalla pagina www.iene.mediaset.it) “Vi scrivo per segnalare un bel po’ di problemi gravi che stiamo avendo sull’isola di Stromboli, che io chiamo ‘l’isola che non c’è’. La maggior parte delle volte, in inverno, rimaniamo isolati. Le attività commerciali spesso non ricevono il ricarico della merce e di conseguenza sull’isola non si mangia. Non ci sono né i soldi alla posta né tantomeno nell’unico bancomat a disposizione. Potrei continuare per ore ad elencare tutti i disagi con i quali conviviamo giornalmente”.
Così ci ha scritto un abitante di Stromboli, chiedendo di essere ascoltato. E noi abbiamo deciso di farlo, dando voce a Sofia, Elena, Ludovica e Riccardo, giovani dell’isola, che ci hanno raccontato la vita (e i disagi) sul vulcano.

Per visualizzare il video realizzato dalle Iene cliccare su questo link 

Calcio a 5 . Serie C2. Ludica Lipari a valanga. Felice Puglisi capocannoniere del campionato con 48 goal

Ancora una rotonda vittoria per i ragazzi della Ludica Lipari nel campionato di calcio a 5 di C2. Hanno superato per 12 a 3 l'Orsa.
A segno Felice Puglisi (5), Mario Puglisi (2), Daniele Pellegrino (3) e Salvo Bucca (2)
Felice Puglisi (foto a lato) è il capocannoniere del campionato con 48 goal 



Eoliani all'estero. Assegnato a Marcello D'Amico il premio per la promozione della Multicultura

A Marcello D'Amico, poliedrico artista di origini eoliane è stato assegnato di recente a Melbourne il premio per la promozione della Multicultura. informa una nota di Progetto Sicilia Mondo, che ragguaglia sulla poliedricità ed eccellenza del proprio corrispondente dall'Australia (del quale a seguire si tratteggiano i numerosi meriti)
La cerimonia di consegna dell'ambito trofeo, si è svolta nel salone del governatorato dello Stato di Victoria.
"A Melbourne la comunità siciliana, ed in particolare quella eoliana è forse la più numerosa, con oltre 20 associazioni culturali" puntualizza D'amico che è membro da 52 anni della più “vecchia” associazione italiana di Melbourne, la Società Isole Eolie, fondata il 2 agosto del 1925 ed è stato anche segretario.
Ma l'esponente di Progetto Sicilia Mondo è anche Coordinatore Generale Onorario da oltre 30 anni, della Federazione dei Circoli dei Pensionati Italiani del Victoria, con circa 1.500 soci. E per 20 anni è stato membro del consiglio d’amministrazione della Multicultural Arts Victoria.
Ha, inoltre, collaborato negli anni con Il Globo e La Fiamma, giornali italiani di Melbourne e di Sydney, per il Soccer Action, testata calcistica in lingua inglese, con il giornale Italo-Canadese di Ottawa "Il Postino" dal 2004
Convinto sportivo D'amico è stato atleta, direttore tecnico, tecnico, amministratore, allenatore. Ha conosciuto grandi atleti stranieri e italiani, come Pelé, Rossi, Tardelli, Gentile, Baresi, Maldini, Rivera, ma anche assi come la Vezzali, Fioravanti, Agostini, Benvenuti, Maspes, Gaiardoni e il mitico schermitore Edoardo Mangiarotti.
Nella sua lunga carriera da artista ha anche recitato per quasi 60 anni e lo fa ancora. Ha esperienza teatrale come attore, regista, produttore, direttore di scena, scenografo.
Sul fronte artistico, ha cominciato a lavorare con le modelle dal vivo a 16 anni, nel lontanissimo 1956 e lo stesso anno ha vinto la prima borsa di studio all'Accademia delle Belle Arti Australiana di Melbourne. Successivamente ha vinto altri premi e borse di studio per la pittura, disegno e acquarello. Ha allestito mostre di gruppo e personali, circa un centinaio in tutto, in Australia, Italia, Stati Uniti e Canada. Oltre ad aver insegnato in Canada alla Scuola d'Arte di Ottawa, nel 2002, nel 2004 e nel 2005. Nel 2003 è stata istituita la borsa di studio Marcello D'Amico per le eccellenze nel disegno....E non si contano premi e riconoscimenti di ogni tipo... (16/03/2018-ITL/ITNET)

L'abbandono e il degrado della discesa di Sottoilpalo e non solo (di Gianni Iacolino)

Chi ha presente la stradina che congiunge la Civita con la scogliera di Sottoilpalo, unica scogliera accessibile dell'isola , ubicata alle spalle del centro storico, facilmente raggiungibile e lambita da un mare cristallino? Costeggia l'antico monastero, oggi Casa Comunale, si snoda sotto le finestre della stanza del Sindaco, ma da oltre un decennio è abbandonata a se stessa, sporca , dissestata , piena di erbacce e .....non solo. 
Si può abbandonare così all'incuria più totale un bene tanto prezioso? 
È possibile che nelle cronache della politica di casa nostra si sente parlare ogni giorno quel linguaggio stantio ed inconcludente che tanti danni ha fatto alla nazione ed invece scompaiono i temi che più a cuore dovrebbero stare agli amministratori ed ai cittadini che amano il bene comune ? 
Sul recupero di questo sito e sulla progettazione di altri due indispensabili percorsi mi sono espresso più volte, ma mai ho visto interesse alcuno da parte di chi gestisce il quotidiano e programma il futuro del nostro territorio. 
Sembra che la nostra vita di eoliani ruoti tutta fra ticket di sbarco, organizzazione del carnevale, festa di San Bartolo, rimpasti di giunta, capricci e dispettucci di primedonne, allarmi da incubo per due sbarchi notturni di profughi siriani, telecamere si e telecamere no e via dicendo. 
Si va avanti così da anni, mentre il centro storico degrada sempre più da ogni punto di vista sia estetico che etico. Un susseguirsi di teloni di plastica su spazi pubblici negati alla pubblica fruizione fanno mostra su un corso principale squallido, senza decoro, neanche lontano ricordo di quello che fu. 
Non c'è un locale pubblico , riscaldato, che risponda ai requisiti minimi di accoglienza. E non si intravede neanche un cambio di rotta. 
Oltre all'insensibilitá di tutti su questi temi, non scorgo all'orizzonte nessuna voglia nè alcun tentativo di invertire la rotta.
Si parla sempre e solo degli stessi argomenti, tralasciando di proposito di affrontare la programmazione degli strumenti che possano dare un senso vivo e godibile alla vita dei nostri concittadini e di chi viene in vacanza. 
Riuscire a rendere fruibile la discesa di Sottoilpalo (e non solo ) sarà solo questione di picciuli o anche di buona volontà e di sensibilità di scelte ?

La Via Crucis di Venerdì 16 a Canneto, nelle foto di Bartolo Ruggiero (prima parte)




Ci sono programmazione e pianificazione in vista della stagione turistica? (di Luca Chiofalo)

Perduti in ‘alchimie’ e strategie politiche di dubbio costrutto, irretiti da complicate sistemazioni e sostituzioni in ruoli amministrativi, ho il timore che, come al solito e nella distrazione ‘generale’, siano state trascurate pianificazione e realizzazione dei necessari interventi per preparare al meglio le nostre isole all’imminente inizio della stagione turistica.
Come se tutti campassimo di ‘attività politica’ e di ‘prebende’ ad essa legate, come se la nostra non fosse un’economia legata quasi esclusivamente al turismo.
Come se non avessimo bisogno di servizi efficienti, di strade bitumate e sicure, di sentieri percorribili, di spiagge e punti panoramici puliti e fruibili, di arredo urbano decente, di approdi sicuri e funzionali, di centri storici pedonalizzati e curati, di coordinamento per l’accoglienza, di intensa promozione, ecc...
Come se le esperienze ‘critiche’ e le mancanze delle stagioni passate non ci avessero insegnato niente, quasi fossimo rassegnati ad una ostinata e ormai continuata ‘gestione in emergenza’.
Confido, comunque, nella possibilità che, ‘dietro le quinte’, il lavoro di programmazione sia stato svolto e che saremo pronti e ‘accoglienti’ nel volgere di pochi giorni; che non vivremo la solita estate snervante, costretti ad affrontare e tamponare alla meno peggio ‘criticità’ ampiamente prevedibili e dunque evitabili.
Anche se, con la Pasqua alle porte, nutro seri dubbi...
CORDIALMENTE
LUCA CHIOFALO

Gli auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Luisa Favaloro, Lorena Biviano, Patrizia Aliberti, Antonio Mollica, Christian Caprara, Laura Niosi, Sonia Previti, Gaetano Natoli, Giuseppe Ziino, Luciana Ziino, Angela Scafidi

Festeggiamenti in onore di San Giuseppe nell'omonima parrocchia di Lipari

Stromboli. Si conclude domani il Corso per Volontari di Protezione civile

Si concluderà domani, domenica - così come ci informa Davide Liuni - il corso base per i Volontari di protezione civile presenti a Stromboli.
Quest'ultimo appuntamento prevede, tra oggi e domenica, la trattazione de "I rischi propri del territorio, il metodo Augustus e le funzioni di supporto, la pianificazione in emergenza".
Il corso si concluderà con l'esame finale.
In aggiunta a ciò, a fine marzo, sempre a Stromboli si terrà un corso per Assistenza al soccorso in ambiente impervio. Il corso sarà riservato ai Volontari di PC e sarà tenuto da componenti del Corpo Nazionale Soccorso Alpino Speleologico (CNSAS).

"In Sicilia manca un piano rifiuti", l'Unione Europea blocca 179 milioni

(gds) Quasi 179 milioni di euro destinati a fronteggiare l’emergenza ambientale in Sicilia sono stati bloccati dalla Commissione europea perché la Regione non si è ancora dotata di un efficace piano rifiuti. La notizia è venuta fuori a margine del Comitato di sorveglianza del PO-Fesr Sicilia 2014-2020 (il Programma operativo prevede una dotazione complessiva di oltre4,5 miliardi di euro) che si è svolto ieri a Palermo. Si legge a pagina 15 del documento sullo stato di attuazione presentato ieri che «la Commissione ha comunicato il mancato soddisfacimento della Cexa (condizionalità ex ante settoriale, ndr) a causa della carenza di un piano regionale di gestione dei rifiuti coerente con le previsioni della direttiva 98/2008/. Pertanto i pagamenti risultano sospesi».
«Spulciando tra le righe della relazione - spiega l'economista Franco Garufi sul portale del Centro Pio La Torre di Palermo - questa si presenta come la principale esigenza di ordine politico che andrà risolta in sede di coordinamento con l'attività del presidente della Regione nella qualità di commissario delegato all’emergenza rifiuti».
Riguardo allo stato di attuazione del Fesr più in generale, le previsioni di spesa - osserva Garufi - alla fine dell’anno in corso ammontano ad appena 548.670.370 euro: mancano tra 171 e 218 milioni per raggiungere i target previsti dalla Commissione, pena l’avvio delle procedure di disimpegno.

Oggi è il 17 Marzo. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno



Foto: Rita Mandarano - Santo del giorno: SAN PATRIZIO 

San Patrizio





S. Patrizio, apostolo del Vangelo fra il popolo irlandese, nacque nella Scozia da agiati e pii genitori verso la fine del secolo quinto. La Divina Provvidenza che nei suoi arcani disegni, sempre infinitamente sapienti, destinava Patrizio a grandi cose nella Chiesa Cattolica, dispose che egli, ancor giovane, strappato dal grembo della famiglia, fosse condotto schiavo nell'Irlanda. Durante questa schiavitù, in cui il povero giovanetto ebbe a sentire tutta l'amarezza dell'abbandono e subire il disprezzo più avvilente ed inumano, la grazia del Signore plasmò il cuore del suo servo e lo predispose alla sua sublime missione.. Finalmente dopo dieci anni di sofferenze inenarrabili, potè ritornare in famiglia.

Patrizio, per prepararsi alla divina missione che da Dio gli era stata assegnata, si diede agli studi e all'esercizio delle virtù sacerdotali. Fu ordinato diacono, sacerdote e, prima di partire per l'evangelizzazione dell'Irlanda, fu consacrato vescovo.

Tra quelle popolazioni ancora barbare ed idolatre, S. Patrizio ebbe a soffrire la persecuzione ed il carcere. Ma tutto sopportò in pace, poiché il martirio fu sempre uno dei suoi desideri più intensi. Non vi fu luogo di quell'isola che non fosse visitato più volte dal Santo, nonostante che la sua vita corresse grave pericolo. Il Signore benedisse largamente le fatiche di questo novello Paolo, e quella terra pagana divenne la terra dei Santi. Le lotte che attraverso i secoli, specialmente contro il Protestantesimo, sostenne l'Irlanda per conservare integra la dottrina evangelica, gli esempi di fede e gli slanci di amore che quel popolo ha dimostrato ne sono prova evidente.

L'opera di Patrizio fu completa. Non solo convertì e battezzò tante e tante anime, ma molti giovani ricevettero gli ordini sacri, molte chiese furono innalzate e molte giovani si consacrarono al Signore nella vita religiosa.

Tra le virtù che particolarmente spiccarono nel Santo, ammirabile fu il suo distacco dalle cose di questo mondo. Delle tante offerte che i fedeli deponevano ai suoi piedi, nulla mai prese per sè, ma tutto dispensava ai poverelli.

Verso la fine della sua vita. scrisse La Confessione, libro in cui narra i principali avvenimenti della sua vita. 

venerdì 16 marzo 2018

Al via nell'ambito del PON al Lipari 1 il modulo "Più italiano più insieme"


Al via nell'ambito del PON al Lipari 1 il modulo "Matematica più simpatica"


Progetto “Messina, la Città Nuova dal Liberty al Razionalismo” hanno preso il via le giornate didattiche

Prende il via il progetto “Messina, la Città Nuova dal Liberty al Razionalismo”, presentato il 2 marzo scorso a Palazzo dei Leoni, con la prima visita guidata delle sei previste. L'iniziativa, che rappresenta un’interessante esempio di sinergia fra enti, è stata curata dal Servizio “Turismo” della V Direzione “Sviluppo Economico e Politiche Sociali” della Città Metropolitana di Messina, dal Lions Club di Messina Host e dall’Ufficio Scolastico VIII Ambito territoriale di Messina, unitamente al Corpo di Polizia Metropolitana che ha garantito il servizio d’ordine .
Il progetto che coinvolge gli istituti scolastici di secondo grado, “Ainis”, “Antonello”, “Archimede”, “Basile”, “La Farina” e “Verona Trento”, sarà sviluppato all’interno di un itinerario in cui vengono attenzionati dei manufatti architettonici, collocabili tra il tardo Liberty e il Razionalismo, attraverso delle visite guidate, curate dal prof. Franz Riccobono, con l’obiettivo di arricchire le conoscenze degli studenti nei confronti del patrimonio architettonico cittadino, con particolare attenzione allo stile eclettico.
Il tour, che comprende tratti degli assi viari di Via Garibaldi, Via Cannizzaro e Corso Cavour, si avvia dall’ingresso di Villa Mazzini in via San Giovanni di Malta, prospiciente la Prefettura, e propone alcuni edifici progettati da professionisti come Coppedè, Piacentini, Basile, Bazzani, Zanca, Viola, Puglisi-Allegra, Autore, Mallandrino, Interdonato, Calandra, Vinci che, nel trentennio immediatamente successivo al terremoto del 1908, hanno dato prestigio a edifici altrimenti fortemente condizionati dalla rigida normativa antisismica applicata.
La conclusione del progetto prevede un concorso fotografico, fra gli studenti delle scuole interessate, la cui finalità è valorizzare la “Città Nuova”, ed una mostra fotografica che si terrà a Palazzo dei Leoni entro il prossimo mese di maggio; le foto selezionate serviranno a compilare un opuscolo sull’evento ed una ulteriore selezione delle fotografie partecipanti, sarà invece utilizzata per la compilazione di un calendario 2019, entrambe le pubblicazioni saranno curate dal Lions Club di Messina.

Saranno smantellati gli ex palloni Enel a Vulcano

Gli ex Palloni dell'Enel a Vulcano, dichiarati inagiibili nel 2015, saranno smantellati. Lo ha disposto con propria ordinanza contingibile ed urgente il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni. L'ordinanza, che arriva dopo il nulla osta ottenuto dalla Prefettura di Messina, affida alla ditta Metalrottami di Venetico l'incarico di procedere allo smontaggio e allo smaltimento delle strutture geodetiche site in località Porto. Le operazioni dovrebbero prendere il via lunedì. L'importo stanziato è di 10 mila, 180 euro piu' iva.
L'amministrazione Giorgianni ha previsto la riqualificazione della zona attraverso la realizzazione di un parco urbano
.

Sanità. In consiglio comunale se ne riparlerà il 22 marzo

Si è riunito stamane, alla seconda chiamata, il consiglio comunale di Lipari che doveva trattare il delicato tema della "Sanità nell'arcipelago eoliano" e discutere ed approvare il documento redatto dall'apposita commissione consiliare. 
Il civico consesso, su proposta della maggioranza, vista l'assenza in aula per impegni istituzionali del sindaco Marco Giorgianni, è stato rinviato al 22 Marzo. 
Hanno votato favorevolmente in cinque, due gli astenuti e due i contrari. 

Gli auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Letizia Albanese, Agata Crivelli, Rocco Patanè, Daniele Lorizio, Vanessa Reitano, Giusy Schibeci, Patrizia Sottani

Sanità. In consiglio a Lipari alla prima chiamata manca il numero legale

L'importante argomento inerente la Sanità nelle Eolie sarà (speriamo) trattato tra un'ora dal consiglio comunale di Lipari. 
Infatti, nonostante l'importanza dell'argomento, in prima chiamata, in aula, erano presenti solo otto consiglieri (4 di maggioranza ed altrettanti di minoranza) su sedici.
Tra le giustificazioni degli assenti motivi personali e di lavoro. 
Senza voler entrare nel merito delle giustificazioni addotte non possiamo non evidenziare come su un argomento così importante ci saremmo aspettati una "risposta" ben diversa da parte del civico consesso. 
Ci smentiranno alla seconda chiamata? Vedremo

Servizi sanitari, si riapre il confronto con Palermo. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


Situazione sanitaria nelle Isole Eolie. Oggi consiglio comunale di Lipari


REGIONE: I VERTICI DELLA GUARDIA DI FINANZA DA MUSUMECI

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha ricevuto a Palazzo d’Orleans in visita di cortesia, Sebastiano Galdino, comandante interregionale dell’Italia Sud-Occidentale della Guardia di Finanza e Ignazio Gibilaro, comandante regionale della Sicilia. Nel corso del lungo e cordiale incontro, i due alti ufficiali hanno illustrato al governatore le maggiori competenze svolte nell’Isola anche dalle apposite forze aeronavali delle Fiamme gialle, in materia di prevenzione e repressione, soprattutto nel campo economico e con particolare attenzione alla spesa pubblica.
E’ stata concordata la necessità di una collaborazione con la Regione e il Corpo forestale per il controllo del territorio e la tutela ambientale, anche attraverso l’utilizzo di velivoli nei mesi estivi. Il presidente Musumeci ha manifestato gratitudine e apprezzamento per l’impegno e la professionalità con cui, ogni giorno, donne e uomini della Guardia di finanza si adoperano per la tutela della legalità nell’Isola.

Polizia Metropolitana, prosegue l'azione di controllo sulle strade provinciali

Prosegue l'azione di prevenzione e di controllo della viabilità sulle strade provinciali, da parte della Polizia Metropolitana, finalizzata a reprimere e sanzionare comportamenti illeciti e pericolosi, riservando particolare attenzione alle arterie con più elevato rischio, che in passato sono state teatro di incidenti assai gravi, anche mortali, come la strada provinciale 43 bis – Panoramica dello Stretto, dove, sabato 24 febbraio scorso, durante un servizio di rilevazione della velocità, tramite autovelox, gli agenti hanno sanzionato perfino un mezzo che sfiorava i 170 krn/h.
L’azione della Polizia Metropolitana mira non soltanto alla repressione ma alla prevenzione di tutti quei comportamenti che mettono pericolosamente a rischio la pubblica incolumità.

Oggi è il 16 Marzo. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

Marina Corta (Lipari) Foto: Roberto Greco - 

IL SANTO DEL GIORNO:
Quando si è detto che Eriberto fu consacrato Vescovo di Colonia nel 999 si è già detto molto. Si era alla vigilia di quel Mille, che si annunziava pieno di spavento, per la creduta fine del mondo. 

Su quel momento di universale panico si è calcato molto la mano, come se l'aspettativa dei giorni apocalittici avesse davvero paralizzato la vita del mondo. Basterebbe ricordare le parole carducciane su « Le turbe raccolte intorno a' manieri feudali, accasciate e singhiozzanti nelle chiese tenebrose e ne' chiostri, sparse con pallidi volti e sommessi mormorii per le piazze ». 

Oggi i colori di quel momento storico si sono sensibilmente schiariti, non però tanto da mutare le temute tenebre della notte perpetua, in una sperata alba di vita felice. 
Sta di fatto che l'Impero degli Ottoni, se non vacillava, certo veniva già turbato, specie in Italia, dal verzicare dei liberi comuni, e i discendenti del primo grande e potente Ottone scendevano in Italia per morirvi quasi tutti giovani. 
Eriberto, nato a Worms, da nobile famiglia, si trovava a fianco di Ottone III, quando .il giovanissimo Imperatore scese in Italia. Era anzi il suo cancelliere. Ciò non significava che fosse uomo politico; era un ecclesiastico, che aveva studiato in una Abbazia benedettina ed era stato Preposto della Chiesa di Worms. 
Forse si deve anche a lui, oltre che alla madre di Ottone III, Teofania, l'inclinazione che il giovane Imperatore mostrò per l'antica civiltà romana, che preferiva a quella tedesca. Egli pensò persino di far di Roma la sede dell'Impero, contro il parere dei suoi superbi teutoni ed anche contro il desiderio dei gelosi romani. 
Eriberto si trovava a fianco di questo Imperatore germanico, quando, a Benevento, fu nominato Vescovo di Colonia. Mentre Ottone III rimaneva in Italia, dove sarebbe stato ucciso giovanissimo, a ventidue anni, Eriberto risalì la penisola e attraversò la Germania, per essere, come abbiamo detto, consacrato a Colonia, nel 999. 
Cominciò allora la sua opera di consolazione e di conforto negli anni dello sgomento e del terrore. Umile, dolce, affabile, sereno, sollevò le anime e guidò la diocesi con dolce zelo. 

Egli stesso, per penitenza, portava indosso costantemente il cilicio, ma non approvava che il terrore provocasse forme troppo aspre di sacrificio. 

Il successore di Ottone III, quell'Enrico che abbiamo visto sposo della casta e caritatevole Cunegonda, non apprezzò da prima le qualità del Vescovo Eriberto. Ma poi, riconoscendo di avere sbagliato, gli chiese pubblicamente perdono e lo volle suo cancelliere. 

Eriberto si sentiva però pastore e padre, soccorritore di miserie morali e materiali. Egli, che avrebbe potuto vivere nella Reggia Imperiale, si faceva stretto obbligo di visitare la propria diocesi, portando ovunque la serenità del proprio spirito e la generosità del proprio cuore. E durante una di queste visite pastorali, caduto ammalato, morì, a Duitz, il 15 marzo 1021.

giovedì 15 marzo 2018

Gal Tirreno Eolie : E' arrivato il decreto di finanziamento. Amministrazione soddisfatta

Comunicato
“Grande soddisfazione da parte dell’Amministrazione comunale che incassa il Decreto di finanziamento del GAL TIRRENO EOLIE per l’importo di Euro 3.372.047,34.
Questo documento conferma e avvia i lavori di una politica di sviluppo rivolta al comprensorio tirrenico cosi’ come le Eolie avrebbero dovuto fare da tempo.
Le opportunità nascenti dalle sinergie dei nostri territori non possono che portare benefici agli operatori privati e pubblici centrando sui servizi turistici e sui prodotti locali le politiche di sviluppo.
Il Sindaco Marco Giorgianni che ricopre il ruolo di Presidente del GAL TIRRENO EOLIE ringrazia tutti coloro che si sono adoperati per l’avvio di questa nuova strategia”

L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

Sanità. Il consigliere Lorizio "Documento predisposto e approvato in Commissione individua criticità e chiede soluzioni"

Si sono tenuti ieri, come anticipato, presso il Palazzo Comunale di Lipari, i lavori della Commissione Sanità che proporrà domani, in sede di Consiglio Comunale, un documento che, ad ampio raggio, focalizza i punti caldi del servizio Sanitario Eoliano.
I componenti (Erika Paino presidente, Giuseppina Lorizio vicepresidente, Tiziana De Luca, Rosalba Abbondanza, Francesco Rizzo, Giuseppe Grasso) messe da parte ideologie e colori politici, univocamente, per un bene più alto quale quello della salute, anche con il supporto del Capogruppo di Vento Eoliano, Annarita Gugliotta, hanno espletato un lavoro certosino di ricerca che ha evidenziato, se ce ne fosse stato ulteriore bisogno, carenze e lacune, in ambito di assistenza sanitaria, che non possono più prescindere dall’essere attenzionate e colmate.
Il lavoro svolto ha fatto emergere, anche se in modo informale (latitanti le informazioni che la commissione ufficialmente ha richiesto agli organi sanitari di riferimento), che diventa imprescindibile per il territorio eoliano un’attenzione particolare legata a quella che è la sua conformazione e alle sue peculiarità, sicuramente diverse rispetto alla terraferma.
Il consigliere Lorizio (Noi eoliani) e vice presidente della Commissione, da noi interpellata, ha evidenziato : “Questo documento nasce dall’esigenza di far sentire la nostra voce nei confronti di coloro che, su input della Giunta regionale, metteranno mano all’atto di riorganizzazione della Rete ospedaliera Siciliana che deve interessare anche il nostro territorio.”
L’argomento riveste oggi maggiore importanza dopo la morte, le cui cause sono ancora in fase di accertamento, di un nostro concittadino che si spegne al Pronto Soccorso in attesa dell’ elisoccorso che non ha potuto compiere le operazioni di atterraggio a causa delle raffiche di vento.
A proposito del documento la Lorizio ha sottolineato:” Risulta quanto meno doveroso, da parte nostra, presentare all’attenzione di chi ci governa, quella che è la realtà vissuta nel quotidiano e che, a quanto parrebbe, non corrisponde a quello che viene previsto sulla carta. Viviamo in un territorio bellissimo ma difficile dal punto di vista morfologico che non può essere accomunato ad altri, tutto qui diviene particolare, direi speciale nella sua unicità”.
Ed è proprio partendo dalla particolarità del territorio che è stato prodotto il documento che, nei limiti della fattibilità, indica e attenziona quelle che sono le esigenze sanitarie legate alla specificità dell’arcipelago. “Vivere alle Eolie – conclude il consigliere Lorizio - non deve essere penalizzante ne per chi vi nasce e con sacrificio decide di rimanervi, ne per i sempre più numerosi turisti che decidono di trascorrervi le vacanze. Il diritto costituzionale alla salute non fa particolarità di territorio”.
Domani il documento, in forma di proposta di delibera, passerà in Consiglio Comunale per essere poi reindirizzato, a cura dell'amministrazione comunale che ha sposato pienamente il percorso effettuato dalla Commissione, agli organismi competenti che ci auguriamo ne tengano dovuta considerazione.

“DIVINA BELLEZZA. DAL VATICANO ALLA SICILIA IN RETE PER LA CULTURA”

Nuove alleanze per la promozione e il rilancio del territorio regionale. Se ne discuterà domani (venerdì 16 marzo) nel corso della tavola rotonda ‘Divina Bellezza. Dal Vaticano alla Sicilia in rete per la cultura’. Appuntamento nella Sala Alessi di Palazzo d’Orleans, a Palermo, a partire dalle ore 18. A organizzare l’evento la Regione Siciliana e la Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede, insieme ad Arcidiocesi di Palermo, Vatican Media e Officina della Comunicazione.Previsti gli interventi del presidente della Regione, Nello Musumeci, del prefetto della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede, monsignor Dario Edoardo Viganò, del direttore dell’Ufficio pastorale Beni culturali dell’Arcidiocesi di Palermo, don Giuseppe Bucaro, degli amministratori di ‘Officina della Comunicazione’, Elisabetta Sola e Nicola Salvi, del direttore degli Affari istituzionali di Terna Spa, Stefano Conti, e di Alberto Angela, in collegamento via streaming.
Al centro del dibattito il ruolo dei media e delle produzioni audiovisive, quale veicolo di promozione di territori ricchi di tesori artistici, più o meno nascosti. La tavola rotonda sarà l’occasione per promuovere le location siciliane inserite in ‘Divina Bellezza. Alla scoperta dell’arte sacra in Italia’, la serie documentaristica in 10 puntate, realizzata con la partecipazione di Alberto Angela, sotto l’egida delle istituzioni comunicative vaticane e con la produzione esecutiva di Officina della Comunicazione. Due le città siciliane coinvolte, a cui sono stati dedicati dei focus: Palermo (con l’oratorio di San Lorenzo, la chiesa della Martorana e il Duomo di Monreale) e Siracusa (con il Duomo, le catacombe e Ortigia). Alcuni frammenti video saranno proiettati durante l’incontro a Palazzo d’Orleans.

Vulcano. Il consigliere Muscarà elenca al sindaco le problematiche da risolvere

Alla cortese attenzione del
Sig. Sindaco del Comune di Lipari
Marco Giorgianni

Premesso che:
mancano ormai pochi mesi per iniziare una nuova stagione turistica vorrei portare alla Sua attenzione le seguenti problematiche che affliggono l’isola di Vulcano e che meritano un immediata soluzione:
A) Segnaletica orizzontale
B) Segnaletica verticale
C) Specchi parabolici, esistenti ma rotti
D) Pulizia del parcheggio da erbacce e altro materiale
E) Pulizia di tutte le vie Comunali e centro urbano
F) Programmazione disinfestazione e derattizzazione
G) Pulizie spiagge
H) Copertura zona molo di Levante per lo sbarco ed imbarco mezzi veloci
I) Demolizione ex palloni Enel
J) Illuminazione pubblica
K) Regolamentazione delle zone di sosta a disco orario (1 ora) per favorire i consumi e il lavoro delle attività commerciali.
L) Invitare tutti i proprietari di terreni a pulire i propri spazi e ove quest’invito non venga raccolto con la dovuta urgenza, provvedere alla stessa pulizia inviando al proprietario cartella esattoriale per il pagamento del servizio erogato.
In attesa di riscontro colgo l’occasione per porgere cordiali saluti.

Vulcano 15/03/2018
Consigliere Comunale
Muscarà Franco

Iniziativa nazionale volta al riconoscimento dell' insularità nella Carta Costituzionale

Si è svolta contemporaneamente, in tre diverse sedi, a Cagliari, a Palermo e presso la Associazione Nazionale dei Comuni delle Isole Minori, Ancim, la conferenza stampa che ha illustrato la partenza della grande iniziativa nazionale rivolta al riconoscimento della questione dell'insularità.
Nei mesi scorsi, il Comitato sardo, ha raccolto 92.000 firme per il referendum per l'insularità in Costituzione, mentre quello siciliano sta chiedendo con forza una consultazione popolare per l'inserimento del tema nello Statuto isolano, legge a valenza costituzionale.
Tutti e tre i Comitati hanno oggi annunciato la nascita di un fronte unito che sostiene una nuova, straordinaria sfida con l'obiettivo di trasformare la questione insulare in una vera e propria vertenza nazionale.
Come hanno spiegato i promotori, sabato 7 aprile partirà dunque in tutta i capoluoghi italiani la raccolta delle sottoscrizioni per la presentazione di una proposta di legge di iniziativa popolare, di modifica alla Costituzione, che preveda l'inserimento del principio di insularità.
Gli italiani residenti nelle Isole non intendono condurre battaglie di rivendicazione "contro" qualcuno, ma chiedono invece che l'intera comunità nazionale, di cui gli isolani si sentono parte a pieno titolo, si impegni a garantire il superamento degli svantaggi oggettivi derivanti dalla condizione di insularità, in modo che siano pienamente garantiti i diritti di cittadinanza e le pari opportunità di tutti gli italiani, dovunque essi siano residenti.
Le cinquantamila firme indispensabili per la presentazione della proposta non verranno dunque raccolte soltanto in Sicilia, in Sardegna e nelle piccole isole, dove sarebbe facilissimo raggiungere in brevissimo tempo le sottoscrizioni indispensabili.
Per scelta, il Comitato promotore raccoglierà le firme in tutte le città della penisola, da Roma a Milano, da Napoli a Bari, a Torino, a Venezia, e chiederà con determinazione a tutti gli italiani che abitano nella penisola di condividere questa battaglia di civiltà, che ripudia per le Isole ogni strategia di sviluppo fondata sull'assistenzialismo e rilancia invece la cultura della responsabilità, della solidarietà e della competizione basata su uguali punti di partenza.
Il riconoscimento costituzionale della situazione d'insularità è, dunque, la strada tracciata per ottenere parità sostanziale di diritti e pari opportunità, che apre ai regimi di vantaggio, per compensare le condizioni sfavorevoli di contesto.(laprovinciadelsulcisiglesiente.com)

Navi ed aliscafi (C° puntata)

Nelle foto di oggi: 1) Ex Basiluzzo; 2) L'Eschilo; 3) L'Eolo

Gli auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno ad Ariana Longo, Angela Cacace Di Giovanni, Chiara Bertè, Piero Calanna, Antonio Todaro, Tanino Barrilà, Andrea Spartà, Giovanni Rosa, Erik Gualdi, Marisa Zavone, Bartolomeo Finocchiaro, Nabila Harrami

VI° Anniversario dalla dipartita di "Tureddu"

Sei anni fa ci lasciava Salvatore Greco "Tureddu"
La moglie e il figlio lo portano sempre nel cuore e lo ricordano agli amici e a chi gli ha voluto bene

COMUNICATO STAMPA AL VIA ALLE ISOLE EGADI LA NONA EDIZIONE DI “DELFINI GUARDIANI”

Anche quest’anno “Delfini Guardiani”, il progetto di educazione ambientale promosso dall’Associazione Ambientalista Marevivo, approda alle Isole Egadi, grazie al sostegno di MSC Crociere e alla collaborazione e al supporto dell’Area Marina Protetta che in questi anni ha partecipato attivamente alla sua realizzazione e alla formazione degli studenti che hanno potuto scoprire una delle riserve più grandi del Mediterraneo.
“Delfini Guardiani” è il percorso eco didattico di Marevivo patrocinato dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e da Federparchi, rivolto alle classi delle scuole primarie e secondarie delle Isole Minori Italiane sulla tutela dell’ambiente marino.
«Siamo orgogliosi che anche per questa edizione siamo riusciti a coinvolgere tutte le isole minori siciliane -spiega Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo – educando i giovani al rispetto di ciò che li circonda. Ringraziamo anche la collaborazione con l’AMP che è fondamentale perché consente ai ragazzi di osservare da vicino la bellezza del mare e anche di riflettere sulla necessità di proteggerlo, avranno l’opportunità di capire cos’è e come si opera in un’area marina e di vedere da vicino le attività di ricerca e monitoraggio. Si trasformeranno in dei “piccoli biologi marini” per poi diventare custodi del mare».
«MSC Crociere è da sempre impegnata nella salvaguardia dell’ambiente, in particolare quello marino - afferma Leonardo Massa, Country Manager Italia di MSC Crociere. Siamo orgogliosi di annoverare, tra i progetti che storicamente sosteniamo, questo percorso didattico ideato da Marevivo che consente di diffondere la sensibilità sulla tutela ambientale, tema centrale per la sopravvivenza del pianeta. I ragazzi sono gli adulti di domani ed è importante che siano proprio loro i principali destinatari di questo messaggio».
«A distanza di oltre 25 anni dalla sua istituzione, l’Area Marina Protetta "Isole Egadi", la riserva marina più grande del Mediterraneo, è ormai una solida realtà che riesce a coniugare tutela, valorizzazione del territorio e promozione di uno sviluppo eco-sostenibile – affermano Giuseppe Pagoto e Stefano Donati, rispettivamente Presidente  e direttore dell’AMP – ed educare i giovani a conoscere in modo più approfondito il luogo in cui si vive, le peculiarità naturali, l’importanza delle tradizioni, il ruolo delle istituzioni è di estrema importanza per non disperdere quanto è stato fatto per salvaguardare e promuovere questi luoghi, oggi sinonimo di natura e bellezza».
In particolare, quest’anno le attività saranno indirizzate ad approfondire la relazione tra clima e oceani, l’emergenza della marine litter e l’impatto dell’’attività umana sul nostro Pianeta. Il programma educativo inizierà domani con gli studenti di Favignana che parteciperanno a laboratori sui cambiamenti climaticiStudio, sperimentazione ed osservazione sono le tre metodologie scelte dagli esperti per facilitare l’apprendimento dei più giovani. La costruzione di una piccola stazione metereologica, con barometri, termometri ed altre strumentazioni, realizzate dagli stessi studenti, sarà la chiave per comprendere e conoscere gli effetti prodotti dai cambiamenti climatici e conoscere quelli che possono già essere rilevabili sulla loro Isola.
Dopo Favignana, giovedì il progetto “Delfini Guardani” sbarcherà a Marettimo coinvolgendo i piccoli studenti dell’isola che già l’anno scorso hanno partecipato con grande entusiasmo alle attività.
Al termine del percorso, i ragazzi riceveranno l’attestato e il distintivo di “guardiani dell’isola”, che daranno loro il diritto-dovere di presentarsi, senza accompagnatori adulti, presso il proprio Comune o la Capitaneria di Porto per segnalare eventuali problemi di carattere ambientale o esempi di buone pratiche.
IL PROGETTO ECODIDATTICO
Delfini Guardiani, nato nel 2009, è un progetto di educazione ambientale che si propone di avviare, all’interno delle classi delle scuole primarie e secondarie delle Isole Minori Italiane, percorsi didattici finalizzati alla costituzione di un gruppo di alunni che avranno una maggiore consapevolezza e responsabilità nel tutelare le risorse ambientali del proprio territorio. Il percorso si propone di sensibilizzare i giovani nei confronti delle problematiche ambientali; avvicinarli alla natura, stimolando il loro senso di appartenenza nei confronti dell’ambiente.

Oggi è il 15 Marzo. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

Delfini nel mare eoliano (Foto del nostro collaboratore e fotografo professionista Gaetano Di Giovanni - 


SANTO DEL GIORNO:
Sebbene nata il 12 agosto 1591, si può dire che Luisa di Marillac è una Santa d'oggi e per oggi. 
Proveniente da famiglia agiata, fin dalla fanciullezza frequenta gli studi propri della sua età e diviene abile nello svolgere i lavori domestici. Nella giovinezza prova una prima esperienza religiosa: vuole entrare nelle Suore Cappuccine, ma l'idea non ebbe seguito soprattutto per motivi di salute. A ventidue anni, morto il padre ed essendo già orfana di madre, sposa Antonio Le Gras, uomo onesto e credente. Alla fine di questo stesso anno diviene madre. Sempre fedele alla sua vita di pietà e all'amore verso i bisognosi, ha la fortuna di trovare nel suo cammino uomini che furono luminari nella sua epoca, come S. Francesco di Sales, i cui consigli dovevano esserle di così grande conforto in alcune difficoltà. 

Vedova nel 1625 si vede libera di darsi interamente alla sua ardente vocazione: la carità verso i poveri. L'incontro con S. Vincenzo de' Paoli darà il definitivo orientamento nella via del bene al quale vuole consacrarsi. Parigi conosce lo zelo, l'ardente carità di questa donna. Per opera di lei e per iniziativa di S. Vincenzo de' Paoli sorge la Congregazione delle Figlie della Carità. Alle prime giovani contadine, giacché furono bonnes filles de champ le sue prime Suore, così diceva: «Onorate anche i malati e considerateli come i vostri padroni». Il loro campo d'azione è vasto e si estende dalla strada, da cui raccolgono gli infelici abbandonati, alle visite a domicilio, all'assistenza ai poveri. 

Nelle umili e faticose opere della carità le Figlie della Marillac erano animate dai santi ideali che S. Vincenzo de' Paoli fissava nella prima conferenza alla novella comunità: « Perfezionarsi senza sosta, per fare sempre più e meglio, per divenire migliori e più sante, per sempre far più bene attorno a sè »; e più tardi, parlando della regola che allora s'iniziava: « Le Figlie della Carità avranno per monastero una casa di malati, per cella una camera in affitto, per chiostro le strade della città o le sale degli ospedali, per clausura l'obbedienza, per cancello il timor di Dio, per velo la santa modestia ». Idee queste del tutto rivoluzionarie in quell'epoca. 
Passando gli anni le opere si moltiplicano: l'assistenza ai vecchi, piccole scuole, ricoveri ai ragazzi senza tetto e il difficile apostolato fra i galeotti.
La caratteristica dell'opera della Santa è stata l'unione di due generi di vita: una solida e profonda pietà fondata sulla preghiera costante e viva, e una carità ardente, che spinge all'azione, all'apostolato, a darsi a tutti per l'amore di Dio. E questo nel lontano '600, quando tale genere di vita religiosa era sconosciuto alle donne che si consacravano a Dio. Le prime fatiche della Santa e delle sue compagne ebbero la fortuna, cosa insolita nelle opere del Signore, di essere ricompensate abbondantemente. Durante il primo anno di lavoro ben 760 persone traviate furono ricondotte a Dio. 
Nel febbraio del 1660 Luisa s'ammalò per non rialzarsi più. Sono giorni di atroce sofferenza fisica: « Figlie mie, bisogna soffrire prima di morire ». « Vivete da buone cristiane ». Queste le ultime due raccomandazioni. Il giorno 15 marzo 1660 Luisa di Marillac s'addormenta nel Signore. 
Venne beatificata il 9 maggio 1920 e canonizzata l'11 marzo 1934 dal Papa Pio XI. 

PRATICA. La carità ardente e lo zelo apostolico sono segni sicuri della divina predilezione. 

PREGHIERA. O Dio, Nostro Signore, degnati d accendere nelle anime nostre il fuoco della carità, per chè col suo bagliore possiamo illuminare le vie di que sto mondo, come un giorni:, fece S. Luisa di Marillac

mercoledì 14 marzo 2018

Sanità. Commissione ha predisposto articolato documento

Egregio Direttore,
desidero informarla che la IV Commissione consiliare, presieduta dalla sottoscritta, ha esitato in data odierna, ed a completamento di un percorso di ricerca ed approfondimento dei vari aspetti della tematica affrontata, un articolato documento sulla sanità eoliana, affrontandone criticità e prospettive.
E ciò nell'ottica ed in funzione dei recenti stanziamenti annunziati dall'Assessorato regionale di competenza.
E' intendimento infatti di questa Commissione portare all'attenzione del Consiglio Comunale nella prossima seduta del 16 p.v. tale documento di modo da offrire all'Amministrazione, per come con la stessa concordato, la possibilità di interloquire in maniera approfondita con le competenti Autorità regionali, nella speranza di incidere in modo significativo sulla annunciata riorganizzazione del sistema sanitario regionale, nell'interesse dell'intero comprensorio eoliano.
Cordialmente
Dott.ssa Erika Pajno
Presidente della IV Commissione consiliare

Gli articoli del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

Fratelli di sport 2017. Progetto video del Meligunis Lipari su sport e integrazione al femminile si aggiudica premio nazionale



La Ssd.rl “Meligunis Lipari” ha il piacere di condividere con i sostenitori e tutta la cittadinanza, il risultato ottenuto con il proprio progetto-video dedicato allo sport e integrazione al femminile “Facciamo squadra contro i pregiudizi” con il quale ha partecipato al contest “Fratelli di Sport 2017" nell’ambito della campagna nazionale e dell’integrazione attraverso lo sport, promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal CONI.

Nel contest hanno partecipato 98 progetti-video, realizzati nell’ambito di 33 diverse discipline, in 13 Regioni d’Italia e sulla base delle indicazioni della commissione scientifica di “Sport e Integrazione”, il 12 marzo c.a. sono stati scelti 10 vincitori tra cui anche il nostro Club Meligunis che promuove da oltre 30 anni, con enormi sacrifici e passione la pallavolo principalmente femminile, prendendo le giovani per mano e accompagnandole dagli 8 anni sino a farle diventare donne, con la prerogativa di essere strumento socio-culturalesportivo, mediante l’insegnamento dei sani valori dello sport alle atlete, cercando di alzare un muro contro l’ingnoranza e di schiacciare i pregiudizi.

La nostra piccola realtà crede fermamente nei valori dello sport a 360 gradi e ritiene importante questo premio e il traguardo raggiunto, non solo per la nostra società e le atlete, ma per l'intero territorio Eoliano, che vedrà promuovere Lipari sui canali istituzionali del CONI e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, valorizzando l’attività dei vincitori in tutto il territorio nazionale attraverso la pubblicazione del video.

Nel comunicarVi che il nostro video vincitore potrete visionarlo sul sito ufficiale di Fratelli di Sport 
http://www.fratellidisport.it/ambito-sportivo/campagna-informativa/videovincitori-2017?videoid=-uySg_mCpJE   (ci scusiamo con i lettori ma il link inviatoci deve essere errato ma il video può essere visto sulla piattaforma google drive cliccando sul seguente link
https://drive.google.com/open?id=1Kn0kf16dNGKvN_V7mC4Gu5xdtBkIp8PD
Vi invitiamo a seguirci e sostenerci!

SSD RL Meligunis Lipari

Lo Stretto che unisce: le Camere di commercio di Messina e di Reggio Calabria “fanno rete” Al centro dell’incontro di stamattina, l’attuazione di una strategia condivisa

Lo Stretto unisce Messina e Reggio Calabria. Parte da qui l’intesa che le due Camere di commercio dell’area dello Stretto hanno avviato concretamente questa mattina con un incontro – primo di un fitto calendario – svoltosi al Palazzo camerale, al quale hanno preso parte il presidente Ivo Blandina, il segretario generale Alfio Pagliaro e i componenti di Giunta Rosa Natoli, Alberto Palella, Carmelo Picciotto e Tonino Genovese per l’Ente camerale di Messina; il presidente Antonino Tramontana, il segretario generale Natina Crea e i componenti di Giunta Antonino Inuso e Fabio Mammoliti per l’Ente camerale di Reggio Calabria.
«L’idea è quella di attuare una strategia condivisa tra le due Camere di commercio per quel che concerne il turismo, il commercio, l’internazionalizzazione e i trasporti – afferma Blandina – confrontando e mettendo a frutto le buone pratiche e le esperienze dei due Enti per favorire il sistema delle imprese e una maggiore integrazione tra le economie dell’area promuovendo l’istituzione dell’Agenzia per la mobilità».
Parola d’ordine, dunque, è “fare rete”. «Le nostre città metropolitane hanno attrattori forti, a cominciare dal turismo – dichiara il presidente della Camera di commercio di Reggio Calabria, Antonino Tramontana - che, se messi a sistema, possono portare sviluppo all’intera area dello Stretto. Per questo è importantissimo creare una sinergia tra i nostri territori, valorizzando la vicinanza e rafforzando gli elementi già esistenti, anche per promuovere il turismo e per incoraggiare gli scambi commerciali tra le due province». Fondamentali, in tal senso, sono i collegamenti tra le due sponde: l’aeroporto dello Stretto e il traffico marittimo saranno, infatti, al centro dell’agenda di iniziative e di eventi che i due Enti camerali affronteranno nei prossimi mesi.
E, sin da subito, si è stabilito di avviare un dialogo con le compagnie di navigazione che gestiscono i trasporti nell’area dello Stretto per individuare soluzioni che agevolino il traffico e, così, anche gli scambi produttivi e la destagionalizzazione del turismo.

Sicilia, Armao : “Lunedì saranno approvati documenti finanziari”

(AdnKronos) – “Siamo in linea, lunedì saranno approvati i documenti finanziari”. Così il vicepresidente della Regione siciliana, Gaetano Armao e assessore all’Economia replica a distanza al M5S che ieri ha lamentato: “Ancora oggi non abbiamo avuto traccia dei documenti contabili, tantomeno della giunta di governo”. La capogruppo del M5S all’Ars Valentina Zafarana, ha detto: “I tempi sono strettissimi, anzi possiamo dire che il governo è già oltre tempo massimo se si volesse operare per superare l’ormai cronico esercizio provvisorio. Il parlamento siciliano non è quindi messo nelle condizioni di legiferare e dare risposte ai siciliani. Il presidente Musumeci venga a riferire in aula sulla tenuta della sua maggioranza”. 
Oggi la replica di Armao.

Calcio - Terza Categoria. Cinquina del Malfa che aggancia la zona playoff

Netta vittoria del Malfa (5 a 0) nell'incontro casalingo che, domenica, lo ha visto opposto al Real. 
Sconfitta casalinga (2 a 5) per lo Scirocco Stromboli contro la capolista Casalvecchio.
Il Malfa con questa vittoria si porta con 22 punti in piena zona playoff.

Gli auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Lorenzo Cincotta, Giuseppa Giardina, Monica Stagno, Miriam Ziino, Stefano Vento, Emanuela Costa, Barbara Rijtano

I ringraziamenti delle famiglie Boner e Natoli

Passaggio di consegne a Palazzo dei Leoni, Accorinti torna sindaco metropolitano

Passaggio di consegne a Palazzo dei Leoni tra il commissario straordinario uscente Francesco Calanna e Renato Accorinti che torna ad assumere le funzioni di sindaco metropolitano unitamente a quelle della Conferenza metropolitana.
A Filippo Ribaudo sono state assegnate le funzioni di commissario straordinario con i poteri del Consiglio metropolitano, così come disposto nel decreto emanato lo scorso 8 marzo dal presidente della Regione, on. Nello Musumeci.
Francesco Calanna ha aperto l'incontro con la stampa con un excursus del suo mandato commissariale, incentrando l'attenzione su alcuni aspetti che hanno caratterizzato l'azione politica ed amministrativa di questi cinque mesi.
“L'atto fondamentale dell'azione commissariale – ha evidenziato Calanna – è stato quello dell'approvazione del bilancio 2017, un passo fondamentale per evitare il dissesto finanziario della Città metropolitana di Messina. Un'altra svolta importante è stata quella dell'attivazione della procedura di rimodulazione del Masterplan attraverso l'istituzione di una serie di tavoli tematici che hanno visto il coinvolgimento di enti, ordini professionali e parti sociali dell'intero territorio, un impegno teso ad evitare la perdita dei finanziamenti che, in un momento di crisi economica del territorio, devono rappresentare lo strumento di rilancio per l'intero settore produttivo del comprensorio metropolitano. E per far sì che questo meccanismo possa produrre gli effetti sperati ho proceduto anche a perseguire il rafforzamento amministrativo che, senza dubbio, rappresenta il meccanismo più efficace per realizzare le sfide che attendono questo ente”.
Una linea amministrativa che, così come dichiarato dal sindaco metropolitano Renato Accorinti nel corso della conferenza stampa di stamane, ha riscosso il personale apprezzamento e che avrà una sua logica continuazione nelle azioni che saranno intraprese nelle prossime settimane, in sinergia con il commissario straordinario Ribaudo che ha assicurato il suo personale impegno per il raggiungimento degli importanti obiettivi di Palazzo dei Leoni.

Oggi è il 14 Marzo. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

Vista sui Faraglioni e su Vulcano (Foto: Giacomo Famularo) - 

IL SANTO DEL GIORNO:
Di principesca famiglia, nacque S. Matilde nella Sassonia. I cristiani genitori, consci della vanità delle grandezze umane, affidarono la fanciulla all'abadessa di Erfurt, perchè la educasse all'amore e al desiderio delle virtù cristiane. Matilde corrispose alle premure dei genitori e alle sollecitudini della sua educatrice, e non ritornò in famiglia, se non quando seppe essere quella la volontà di Dio. 
Nell'anno 913 ella giurava fedeltà di sposa al principe Arrigo, figlio di Enrico duca di Sassonia. Questo matrimonio fu di grande vantaggio per Matilde. Infatti il suo pio sposo, dopo la morte di Corrado re di Germania, nel 919, divenne imperatore. La modestia, l'umiltà, l'innocenza e tutte le egregie doti del suo nobile animo colpivano chiunque la mirasse, molto più di quanto l'abbagliasse la magnificenza delle vesti regali. Sovente la Santa si portava a visitare gli ammalati e i poveri. Le occupazioni del suo stato non permettevano d'occupare nelle pratiche di pietà tutto quel tempo che avrebbe desiderato e perciò nel cuore della notte, mentre nella reggia tutto taceva, essa si portava in chiesa e passava ore ed ore in unione con Dio nella preghiera e nella contemplazione. Il marito era pure profondamente cattolico e assecondava la pietà e le opere della consorte. 

La Divina Provvidenza quando chiama un'anima ad un grado sublime di santità, la fa passare per il crogiuolo del dolore. E Matilde che era un'anima tutta di Dio, fu visitata con il flagello della desolazione. Ecco infatti che, per una paralisi cardiaca, venne improvvisamente a mancarle lo sposo Arrigo. Fu questo per la Santa un colpo assai doloroso, sia per l'amore che portava all'amato consorte, sia per le tristi conseguenze che sarebbero seguite a questo decesso. Matilde aveva avuto tre figli: Ottone, Enrico e Brunone. Il primo era stato designato dal padre come suo successore. Ma siccome l'impero di Germania era elettivo, Enrico insorse a contrastare il potere del fratello. La Santa, che prediligeva il secondo, si dichiarò per lui, il che fu causa che fra i due prìncipi fratelli scoppiasse la guerra. Il Signore punì la predilezione della Santa per il secondogenito e permise che i suoi figli si alleassero contro di lei, la spogliassero di ogni potere. e la costringessero a ritirarsi presso un monastero. Grandi sofferenze, dispiaceri e umiliazioni dovette sopportare la regina in questi avvenimenti, tanto più che le erano causati da persone da lei tenerissimamente amate: ma tutto sopportò in ispirito di penitenza. Questa umiliazione fu lunga, ma la virtù della santa regina trionfò e i suoi figli si riconciliarono con lei e tra loro e rimisero la madre nel primitivo stato. S. Matilde spese il restante della vita specialmente nella preghiera e nelle opere di carità. Piena di meriti e di opere sante volò al premio il 14 marzo dell'anno 968. 

martedì 13 marzo 2018

I ringraziamenti delle famiglie Allegrino - Cardillo

L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi



Oggi pomeriggio sisma di magnitudo 3.1 al largo di Alicudi

Una scossa di terremoto è stata registrata alle Eolie, al largo di Alicudi, alle 13 e 59. 
L'Istituto nazionale di vulcanologia ha stimato la magnitudo in 3.1 mentre l'ipocentro è stato localizzato in mare ad una profondità di 7 chilometri. 
Il sisma è stato chiaramente avvertito dalla popolazione della piccola isola eoliana e in alcune zone della vicina Filicudi.
L'area interessata dal sisma odierno è oggetto, con una certa frequenza, di eventi simili.

Gli auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Rosa Favaloro, Umberto Cullotta, Roberta Bucedi, Anna Favaloro, Julie Sferlazzo, Martha Cataliotti, Sergio Maiorana, Katia Raffaele, Rosalia Naso, Susanna Guarnuto, Patrizia Naso, Michele Rubino, Maria Rosaria Barbuto

Navi ed aliscafi (XCIX° puntata)

Nelle foto di oggi: 1) L'Eschilo a Punta Scaliddi; 2) L'Eschilo e il Mirella M. in arrivo a Salina

Rifiuti accatastati...in attesa



Da diversi giorni i rifiuti (varie tipologie) sono accatastati in località San Vincenzo a Canneto, in prossimità dell'autofficina comunale e lungo la strada che porta al cimitero della frazione. 
Evidenziando l'inciviltà di chi abbandona rifiuti speciali....si resta in attesa di un intervento anche per le altre tipologie

Obesità e diabete mellito. Un progetto dell'ASP che coinvolge le scuole. Giovedì 15 Marzo incontro a Lipari aperto a tutti


Comunicato
E’ stato attivato il Progetto Obiettivo di PSN 2012 (– Linea Progettuale 1. Le cure primarie_1.6) “Percorso assistenziale per soggetti con Obesità e Diabete mellito in età evolutiva” (responsabile del progetto Dott. Cusumano Antonino Francesco Direttore dell’UOC Pediatria e Neonatologia Ospedale Milazzo – Barcellona e Direttore Pediatrico degli Ospedali Riuniti Milazzo-Barcellona-Lipari) , al fine di intervenire su l’Obesità in età evolutiva che è un fenomeno di grande rilievo ed in forte crescita.
Nella Regione Sicilia circa il 36.4% della popolazione pediatrica è obesa o in sovrappeso.
Gli obiettivi di tale Progetto sono:
-           Riduzione della percentuale di obesità nell’età pediatrica e del coefficiente di morbilità nell’età adulta;
-           Promozione di corrette abitudini alimentari, di un corretto stile di vita attraverso l’incentivazione dell’attività fisica finalizzata a mantenere il peso nei bambini in età prescolare entro livelli ottimali.
Tale progetto prevede la presa in carico dei soggetti segnalati dai Pediatri di Famiglia e dai Medici di Medicina Generale e dal Servizio di Medicina Scolastica e dai Genitori stessi, con successivi percorsi assistenziali all’interno delle UU.OO Ospedaliere di Pediatria dell’ASP Messina (Taormina, Milazzo-Barcellona Pozzo di Gotto, Lipari, Patti, S. Agata Militello) con istituzione di ambulatori per obesità e diabete mellito.
Sono già stati presi contatti con Il Direttore del Dipartimento Sanitario di Prevenzione ASP ME, dott. Giovanni Puglisi, relativamente al coinvolgimento dei responsabili di Medicina Scolastica al fine di attivare una rete di reclutamento dei soggetti a rischio direttamente in ambito scolastico attraverso giornate previste di screening da attuare nelle scuole.
Le figure professionali coinvolte nel Progetto comprendono, oltre al responsabile scientifico Dott. Cusumano:
-           N.7 collaboratori di Progetto referenti di zona (Dott. Amato G, Dott.ssa Mancuso ML, Dott.ssa Polimeni I, Dott.ssa Girone P, Dott.ssa Di Tommaso E, Dott. Velardi G, Dott.ssa Sgroi D)
-           N.2 Medici Pediatri (Dott.ssa Catena M.A e Dott.ssa D’Angelo G)
-           N.1 Biologo Nutrizionista (Dott.ssa Cassibba A)
-           N.1 Dietista (Dott.ssa Minciullo F)
-           N.1 Psicologo (Dott. Intilla A).
Sono stati coinvolti nel progetto i Direttori degli I.C. Scolastici di Lipari: la Direttrice professoressa M. Fanti ed il Direttore R. Candia che, con entusiasmo, hanno programmato in collaborazione con il Direttore Sanitario del Distretto di Lipari dr. Bruno Natale e la Pediatra dottoressa Patrizia Girone, un incontro  con l’Equipe Sanitaria Pediatrica, i Professori, i Genitori rappresentanti di Classe ed tutti i Genitori e Ragazzi che potranno essere presenti.
La Riunione avrà luogo giovedì 15 Marzo 2018 alle ore 11,00  presso l’I.C. Lipari di Santa Lucia.

Oggi è il 13 Marzo. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

Vulcano, Vulcanello e i Faraglioni (Foto Isabella Libro) - 

SANTO DEL GIORNO:
Al nome del Santo di oggi non si può fare a meno di pensare immediatamente al signorotto dei manzoniani Promessi Sposi, l'insidiatore dell'onesta Lucia, arrogante e sprezzante fino a quando, colpito dalla peste, non sconta i suoi falli con la più triste e la più derelitta delle morti.

Il nome di Rodrigo sembra di origine spagnola, ma non lo è. Deriva da Roderico, ed ha quindi radice germanica, significando « ricco di gloria ». Forse il nome si diffuse in Spagna perché lì morì uno dei più celebri Rodrighi della storia, l'ultimo Re dei Visigoti, battuto dagli Arabi.

Spagnolo è anche il Santo di oggi, unico di questo nome, festeggiato insieme con un compagno di nome Salomone, anch'egli unico tra i Santi a portare il nome celebre del più splendido Re biblico, costruttore del Tempio di Gerusalemme.

Abbiamo parlato degli Arabi, conquistatori della Spagna, che strapparono alla dominazione dei Visigoti. Nei primi secoli della dominazione mussulmana della penisola iberica visse e morì martire San Rodrigo, accanto a molti altri cristiani intransigenti nella loro fede e troppo zelanti nel loro apostolato.

L'avvento dei Mussulmani segnò infatti, in Spagna, una dolorosa divisione tra popolazione cristiana e popolazione maomettana; una divisione che spesso si insinuava fin nell'interno delle famiglie, dando luogo a situazioni incresciose, e talvolta addirittura grottesche.
Nella famiglia di Rodrigo, per esempio, un fratello era acceso mussulmano; un altro, fervente cristiano. Rodrigo stesso, poi, era stato ordinato sacerdote cristiano. La convivenza, perciò, non era facile, e un giorno, in occasione di un alterco più violento del solito tra i due fratelli, Rodrigo si interpose come paciere, finendo per buscarne dall'uno e dall'altro. Ridotto privo di sensi, il fratello mussulmano gli giuocò il tiro più subdolo, caricandolo su una barella e portandolo in giro per le strade di Cordova, proclamando a gran voce che il fratello, già sacerdote cristiano, si era finalmente convertito alla fede del Profeta.
Ignaro di tutto ciò, quando si fu rimesso in sesto, Rodrigo riprese a esercitare il sacerdozio, e quando scoppiò una delle periodiche persecuzioni contro i cristiani, si allontanò da Cordova per ritirarsi in una località vicina.
Venne presto arrestato, non tanto perché cristiano, quanto come rinnegato. Se era vera infatti, come il fratello aveva proclamato, la sua conversione al Corano, il ritorno all'antica fede appariva come un vero e proprio tradimento, a meno che Rodrigo non si piegasse a rinnegare pubblicamente, davanti al Cadì, cioè al giudice arabo, la religione cristiana.
E poiché San Rodrigo non volle piegarsi, venne condannato al carcere, dove incontrò quel Salomone il quale viene oggi festeggiato, ma sul cui conto, fino a quel punto, non abbiamo notizia alcuna.
Si sa soltanto che tutti e due, Rodrigo e Salomone, si esortarono a vicenda nella fede, preparandosi al prossimo martirio. Furono infatti decapitati ambedue nell'anno 837, diventando, per così dire, fratelli di sangue, uniti in una famiglia che non conosce discordie né rivalità.