Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 14 aprile 2018

Scirocco sempre più possente e il porto di Sottomonastero è una piscina (video Francy Giunta)

Imperversa lo scirocco. A Lipari non si approda, passeggeri riportati a Milazzo

Imperversa lo scirocco e l'aliscafo, partito da Milazzo alle 19 e 15, non riesce a fare operazione a Lipari e, nel momento, in cui scriviamo, ha invertito la rotta verso Milazzo, portando con se i passeggeri diretti nell'isola.
Ovviamente le proteste della cinquantina di passeggeri, tra cui un paio di persone non in perfetta condizione di salute, si sprecano.
I passeggeri auspicavano uno sbarco alternativo a Porto Pignataro ma, per via della struttura portuale inagibile, non è stato possibile.
Per completezza d'informazione l'aliscafo, in precedenza, era riuscito ad approdare a Vulcano. 
Nei video: il mare a Sottomonastero, durante il tentativo dell'aliscafo di approdare

Madre Florenzia riconosciuta "Venerabile"...passo importante verso la santità (di Michele Giacomantonio)

Questa mattina, 14 aprile 2018, Papa Francesco ha ricevuto in udienza il card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Durante l’udienza, informa il Bollettino della Sala stampa vaticana, il Santo Padre ha autorizzato la Congregazione a promulgare i decreti riguardanti le virtù eroiche di otto Servi di Dio, fra cui Florenza Giovanna Profilio, fondatrice dell’Istituto delle suore francescane dell’Immacolata Concezione di Lipari, nata a Pirrera (Italia) il 30 dicembre 1873 e morta a Roma il 21 febbraio 1956. Madre Florenzia viene riconosciuta “venerabile”, un passo importante nel cammino verso la santità.

Successo per la macchina compattatrice di bottiglie di plastica ma....

Notevole riscontro, specie tra i giovanissimi, per la macchina compattatrice di bottiglie di plastica installata all'ingresso della scuola media S. Lucia di Lipari, alla cui inaugurazione ha preso parte il sindaco del Comune di Lipari,  ma....necessita una maggiore "presenza" della Loveral per prelevare quanto depositato. 
Personale della scuola ha già provveduto a svuotare per ben tre volte la "pancia" della macchina ma la Loveral non si è vista e le bottiglie restano depositate all'interno del piccolo deposito della scuola...in attesa della ditta che espleta il servizio di raccolta sul territorio comunale...della quale è necessaria una frequenza di prelievo, quantomeno giornaliera. 
Possibile non sia stata informata dell'attivazione di questo importante strumento mirante alla salvaguardia ambientale? Non crediamo. Siamo certi si è trattato di un disguido e che da lunedì il prelievo andrà a regime.

Raduno auto 4x 4 a Lipari. Circolo di Legambiente presenta esposto, attacca l'amministrazione Giorgianni e ne chiede il blocco. "Percorrerebbero - viene evidenziato - sentieri pedonali del Sito Natura 2000".

Un esposto contro un raduno di auto 4x4 a Lipari e organizzato da una associazione locale per il prossimo 29 aprile è stato presentato dal Circolo Legambiente di Lipari, Legambiente Sicilia, l'Associazione MAN e il Coordinamento regionale LIPU. Lo hanno inoltrato all’Ispettorato delle Foreste, alla Prefettura e alle forze dell’ordine.
«In assenza di un circuito dedicato ai fuoristrada - spiega una nota di Legambiente - l’itinerario previsto dovrebbe svolgersi in gran parte lungo il tracciato dei sentieri pedonali dell’isola, la cui carreggiata è stata "ampliata" nel corso degli ultimi mesi con interventi drastici, fortemente invasivi e non autorizzati. Questi sentieri ricadono però nel perimetro di un Sito Natura 2000 (ZPS ITA030044), per il quale il Decreto ministeriale del 17 ottobre 2007 vieta espressamente la circolazione di veicoli al di fuori dei percorsi stradali. Si tratta dunque di un’iniziativa che contravviene la normativa vigente e che non è stata sottoposta a una preventiva valutazione di impatto ambientale, come previsto in alcuni casi dallo stesso decreto; ma, soprattutto, questa appare del tutto fuori luogo in una piccola isola dove la rete sentieristica costituisce il principale elemento di attrazione per migliaia di visitatori appassionati di trekking che la frequentano in bassa stagione e dove invece il passaggio delle auto fuoristrada finirà per produrre soltanto gravi danni e ulteriore degrado.
Questa vicenda, per la quale il Circolo Legambiente di Lipari e le associazioni ambientaliste che hanno sottoscritto l’esposto auspicano l’intervento urgente delle autorità interpellate, assume contorni ancora più assurdi alla luce del patrocinio che il Comune di Lipari ha voluto concedere alla manifestazione. Invece di fermare un ennesimo abuso a danno del territorio, l'amministrazione comunale - che di certo non si è distinta per la manutenzione e il recupero dei sentieri dell’isola - patrocina iniziative vietate dalle normative vigenti, rivelando peraltro una disarmante disconoscenza di quali siano le priorità per uno sviluppo in chiave sostenibile e le necessità di salvaguardia dei valori ambientali e degli attrattori turistici di un Patrimonio dell’Umanità».

I nostri auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Marika Merlino, Anna Cappadona, Maria Ziino, Antonino Bonica, Marcello Virgona, Nancy Zaia, Sandra Salluzzo, Fabio Lo Presti, Sabrina Locatelli, 

Aperte le iscrizioni alla 4° Mostra Mercato dell’Arte e dell’Artigianato delle Isole Eolie

Sono aperte le iscrizioni per la 4° Mostra Mercato dell’Arte e dell’Artigianato delle Isole Eolie denominata “Made in Lipari” organizzata dalla ProLoco Isole Eolie - Lipari, che si terrà nei giorni del 2 e del 3 giugno 2018 dalle ore 11:00 alle ore 20:00 alle Terme di San Calogero. L’ evento nasce dal desiderio di salvaguardare e rendere onore a tutte quelle arti, mestieri e lavorazioni che, lungi dall’essere intaccate dal progresso che caratterizza la nostra epoca, in esso sanno rinnovarsi e rinascere facendosi testimoni di un forte senso di appartenenza alle radici dell’eolianità. Radici che affondano in tradizioni nate per esigenze pratiche e tramandatesi spesso di generazione in generazione per il desiderio di mantenere vive quelle conoscenze che rendono il popolo eoliano, pur nella capacità di adattarsi alla moderna società attuale, in grado di distinguersi e farsi portavoce orgoglioso del proprio retaggio culturale.
La manifestazione è rivolta a tutte le eccellenze artigianali ed artistiche presenti nel territorio eoliano che desiderano prendere parte ad un evento che promuove e valorizza le tipicità delle nostre isole, contribuendo, con la propria opera, alla tutela di quelle tradizioni, abilità e talenti che saranno protagonisti durante le due giornate, accompagnati da musiche, spettacoli e degustazione di prodotti tipici.
Per maggiori informazioni e per aderire all’iniziativa:
www.eolieproloco.it
info@eolieproloco.it
345 8156224

Forti raffiche di scirocco. Le previsioni meteomarine per le Eolie di Giuseppe La Cava con il video delle prime avvisaglie a Sottomonastero

Dal pomeriggio di oggi spireranno nel comprensorio eoliano tesi di Levante e scirocco che in serata tenderanno a rinforzare con raffiche che, tra Alicudi Filicudi e Stromboli ,potranno raggiungere i 70-80 km orari in tarda serata, con il moto ondoso che in tali settori potrà risultare molto mosso.Piu' attenuato risulterà il moto ondoso tra Vulcano e Lipari.
Le raffiche tenderanno ad attenuarsi nel corso della mattinata di Domenica 15, mentre il mare sarà mosso per onde di mare lungo
Per maggiori informazioni visitate la pagina facebookwww.facebook.com/meteoeolie

IL VIDEO DELLA SCIROCCATA, STAMANE, A SOTTOMONASTERO 

Vulcano, Muscarà segnala cartello divelto

Al sig. Sindaco del Comune di Lipari 
Marco Giorgianni 
Al Comando Polizia Municipale Comune di Lipari 
Comando Carabinieri Stazione di Vulcano 
Oggetto: Segnalazione cartello stradale divelto. 
Con la presente il sottoscritto Consigliere del Comune di Lipari Muscarà Franco, in riferimento all’oggetto, chiede un urgente intervento per il ripristino nella sua corretta posizione del cartello stradale in atto divelto sito in Via Porto Levante isola di Vulcano ( di fronte alla pozza dei fanghi). 
In attesa di Vs sollecito riscontro invio distinti saluti. 
Consigliere Comunale Franco Muscarà

Alla 52ᵃ edizione del Vinitaly, la presentazione dell’architettura regionale della cantina di Castellaro a Lipari


CENTRO STUDI E RICERCHE DI STORIA E PROBLEMI EOLIANI
COMUNICATO STAMPA
COMUNICATO STAMPA
La nuova architettura del vino di Sicilia: sole, terra e mani
Alla 52ᵃ edizione del Vinitaly, la presentazione dell’architettura regionale della cantina di Castellaro a Lipari

“La nuova architettura del vino di Sicilia: sole, terra e mani” è il titolo della conferenza che si terrà a Verona, alla 52ᵃ edizione del Vinitaly, Salone internazionale del Vino e dei Distillati, domenica 15 aprile alle ore 10 presso il Padiglione 2 - Palcoscenico Sicilia, organizzato dalla Tenuta di Castellaro di Lipari e dalla Regione Sicilia.
L’argomento trattato riguarda una nuova architettura del vino di Sicilia che esprime l’unicità del contesto in cui viene creata. L’attenzione alla forma architettonica, etica e sostenibile, nasce grazie alla sensibilità di una  nuova generazione di viticoltori siciliani consapevoli dei valori del contesto culturale e naturale dell'isola. Interverranno gli architetti Michele Giannetti ed Alessandro Dalpiaz dello studio dalpiaz + giannetti architekten di Amburgo, insieme al produttore Massimo Lentschdella Tenuta di Castellaro di Lipari, che rappresenta una case history unica nel suo genere, destinata a narrare una forma estetica non fine a se stessa, ma innovativa e capace di creare l’ambiente ideale per la personalità dell’azienda e per il suo contesto naturale e culturale.
Nel corso della conferenza, saranno presentati altri esempi di cantine italiane e siciliane progettate secondo la filosofia della nuova architettura del vino: locale, sostenibile, strettamente intrecciata con la passione e con l’artigianalità dei produttori.  Ed in particolare il caso di successo della cantina Tenuta di Castellaro.
La soluzione si ispira alle tradizionali abitazioni ipogee delle Eolie ed è studiata per incorporare la terra locale nella nuova struttura, per ricreare l’atmosfera di luce sulla pietra vulcanica, tipica del luogo, per fornire una grande massa termica, per equilibrare la temperatura nella cantina e per essere economica, in quanto realizzata da manovalanza locale con risorse locali. La cantina sfrutta anche le sue risorse naturali per la climatizzazione, dalla barricaia fino all’imbottigliamento, implementando l’uso di fonti di energia rinnovabili.
Al termine del convegno, seguirà la degustazione dal titolo “i vigneti ad alberello e la tradizione che si innova”. Saranno degustati  vini capaci di esprimere la filosofia produttiva di chi sceglie di fare vino nel rispetto della natura, della cultura e delle tradizione locali.
In degustazione i vini di: Tenuta di CastellaroI Custodi delle Vigne dell’Etna,ManentiGianfranco DainoFederico Graziani. Ciascun produttore racconterà il proprio vino e la propria filosofia di produzione.

Lipari, 12 aprile 2018
                                                                 Centro Studi

Oggi è il 14 Aprile. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Veduta da Forgia Vecchia - 
Santo del giorno
Santa Liduina

Vergine e santa nacque a Schiedam nel 1380. A quindici anni Liduina fece una brutta caduta mentre pattinava sul ghiaccio, Liduina restò paralizzata a letto, l'incidente fu all'origine di tutti i mali che la tormentarono fino alla morte. 
Una lettera del 12 settembre 1421, che gli scabini del suo borgo natale redassero dopo averla osservata a lungo, attesta fino a che punto, fisicamente parlando, la giovane fosse solo un relitto. Tuttavia, è proprio questo "nientino" che s'impegna sulla via maestra della passione del Salvatore per eguagliare i più grandi mistici della scuola spirituale da lei seguita, come ad esempio Geert Groote e Tommaso da Kempis. 
Liduina è la prima persona di cui si abbia notizia a cui furono riscontrati i sintomi della sclerosi multipla. Secondo altri autori presentava i sintomi dell'anoressia
Subito dopo la sua morte nacque spontaneamente un culto popolare: si costruì una cappella, le si fecero dei ritratti, si scrissero molte Vite. Il culto fu approvato nel 1650 e solennemente confermato da Leone XIII nel 1890. Una biografia di L., pubblicata a Parigi nel 1901, capolavoro firmato da JorisKarl Huysmans, ha contribuito a rendere popolare la sua figura.

venerdì 13 aprile 2018

Le segnalazioni dei lettori: Rifiuti in "bella mostra" in via Roma

Una lettrice ci invia questa foto e chiede un intervento.
"Da queste parti abitano esseri umani, tra cui diversi bambini, e non bestie", sottolinea. 

Cambio al vertice del Circomare Lipari. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

Il caos della via Garibaldi

(Luca Chiofalo) Stamattina, addirittura traffico bloccato sulla Garibaldi...
Lascio immaginare il caos, i clacson impazziti, lo sgomento di chi sbarca su un’isola che dovrebbe garantire quiete e si ritrova invece nel traffico nevrotico di una metropoli, oltre alla rabbia di chi assiste impotente a queste scene di “ordinaria” follia.
Domani, finalmente, pare (ma se non vedo non credo) che sarà operativa l’agognata chiusura al traffico veicolare.
Spero, per gli anni a venire, che non si ripeta più un tale scempio del buonsenso.

Ficarra, dirigente del Comune di Lipari: "Stupore e amarezza per episodi accaduti nel centro storico dell’isola ".

Nella giornata del 12.04.2018 recandomi presso l’ufficio tecnico, sito nella via Garibaldi, mi rendo conto che le piante collocate nei relativi vasi erano sparite, con amarezza visto che cerchiamo di fare il possibile per rendere l’isola più decorosa sia per i cittadini residenti che per i turisti, ed in considerazione che non vi è rispetto per l’arredo urbano, nella stessa giornata ho sporto denuncia presso la locale Stazione dei Carabinieri di Lipari al fine di accertare i responsabili di tali reati. Con l’auspicio che ci sia in futuro più rispetto per gli spazi pubblici
Il Dirigente III° Settore
Arch. Mirko Ficarra

Vento Eoliano presenta mozione a favore dei docenti siciliani ed eoliani delocalizzati al Nord

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE DI LIPARI
DR. GIACOMO BIVIANO
E p.c. AL SINDACO DEL COMUNE DI LIPARI
RAG. MARCO GIORGIANNI

PROT.  – X  -2018-

MOZIONE A FAVORE DEI DOCENTI SICILIANI ED EOLIANI DELOCALIZZATI AL NORD

I  sottoscritti Consiglieri Comunali del Comune di Lipari, gruppo “Vento Eoliano con Rizzo Sindaco” :
-          Annarita Gugliotta, nella qualità di Capo gruppo
-          Francesco Rizzo, Consigliere Comunale
-          Franco Muscarà , vice Capo gruppo

Premesso che
-          Il piano di assunzioni previste  dalla Legge n. 107/2015 , la cosiddetta “Buona scuola”,  ha causato il trasferimento di molti insegnanti siciliani verso il Nord.

-          Tale Legge  purtroppo ha destabilizzato numerose famiglie a causa della dislocazione di molti docenti  in regioni del Nord Italia, a chilometri di distanza dai propri affetti. Difatti nonostante le proteste degli insegnanti, le procedure per l´assegnazione delle cattedre sono avvenute senza tener conto delle esigenze familiari ed organizzative. Ci si è affidati ad un algoritmo per imporre i trasferimenti , condizionando intere comunità e creando notevoli


disagi sia ai docenti che agli alunni, pregiudicando così anche l’offerta formativa.

-          Il diritto all’istruzione degli studenti eoliani  spesso viene mortificato a causa di un sistema scolastico che non valuta le peculiarità territoriali del nostro Arcipelago , rischiando così sia  la  mancanza di continuità didattica  e un’offerta formativa non adeguata , dunque un forte disagio sociale .                      Difatti, frequentemente intere famiglie residenti nelle Isole minori , vedi Stromboli, Alicudi e Filicudi, Panarea e Vulcano , sono costrette a trasferirsi sulla terraferma o a Lipari  per la durata di tutto l’anno scolastico.

-          Nell’ottobre scorso il Consiglio Comunale di Lipari ha organizzato un corteo a difesa del diritto all’istruzione degli studenti eoliani, manifestazione nella quale si chiedeva di dare attuazione alle disposizioni relative alle scuole in situazioni disagiate o che venisse concessa un’ apposita deroga per gli Istituti scolastici delle Isole Eolie .

Preso atto
-          Della “ Piattaforma programmatica degli insegnanti siciliani”, che contiene le istanze di migliaia di docenti, appartenenti a gruppi e comitati, trasferiti al Nord per gli effetti del piano assunzioni della Legge 107/2015 .
-          Che la Piattaforma dei docenti siciliani  richiede il rientro degli insegnanti trasferiti al Nord anche attraverso la formazione di un tavolo tecnico al Miur con una rappresentanza di docenti in mobilità e un piano di rientro definitivo, da realizzare entro la fine del prossimo anno scolastico, con emendamenti da presentare dentro la legge di Bilancio.
 I sottoscritti consiglieri comunali con la presente mozione

Chiedono
-di impegnare l’Amministrazione ad intraprendere tutte le soluzioni possibili e le iniziative per l’attuazione di un organico che sia utile al miglioramento dell’offerta formativa nel nostro Arcipelago;  chiedendo che venga concessa una deroga ad hoc per gli Istituti Eoliani,  in considerazione delle caratteristiche territoriali del nostro arcipelago  e delle esigenze formative degli alunni delle Isole minori.

- di interpellare il MIUR  al fine di prevedere un piano di rientro degli insegnanti eoliani e siciliani, anche attraverso l’istituzione di un tavolo tecnico con una rappresentanza di docenti in mobilità;

- di inoltrare la presente mozione al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Presidente del Senato, al Presidente della Camera dei Deputati e ai Presidenti dei gruppi parlamentari della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica, al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca,  al Presidente della Regione Sicilia , al Consiglio Regionale siciliano e all’Assessorato Siciliano  dell’Istruzione e della formazione, all’ Ufficio Scolastico Regionale di Palermo, al Presidente del Parlamento Europeo e al Direttore Generale Unesco.

Si chiede al Presidente del Consiglio Comunale di inserire tale mozione all’ordine del giorno del primo Consiglio Comunale utile.

Cordialmente
I sottoscritti
D.ssa Annarita Gugliotta
Avv. Francesco Rizzo
Rag. Franco Muscarà

Cantonieri "disboscano" tratti della provinciale di Serra

Stamani, raccogliendo anche una sollecitazione del nostro giornale, i cantonieri sono intervenuti sulla strada alternativa di Serra, in atto utilizzata dal traffico da e per Canneto ed Acquacalda, per procedere al “disboscamento” di alcuni tratti, onde consentire una migliore visibilità per automobilisti e scooteristi.

Bagnamare. Al via lunedì i lavori. Stanziati 16mila euro per la somma urgenza


COMUNICATO STAMPA

Si porta a conoscenza che a seguito del dissesto verificatosi lungo la strada provinciale Lipari – Canneto, subito dopo la Caserma dei Vigili del Fuoco, e del conseguenziale sopralluogo effettuato da parte del tecnici del nostro Comune unitamente ai tecnici della Provincia Regionale di Messina, sono stati affidati i relativi lavori per il ripristino della regolare viabilità lungo la strada in questione, con una somma urgenza, alla ditta Geomar per l’importo di € 16.000,00 oltre IVA.
I lavori avranno inizio nella giornata di lunedì 16 aprile 2018
Dalla Residenza Municipale 13 Aprile 2018
L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE


Al Circomare Lipari, stamane, cerimonia per il passaggio di consegne tra i comandanti Margadonna e Principale



Passaggio di consegne stamane al Circomare - Guardia Costiera di Lipari tra il comandante uscente, tenente di vascello Paolo Margadonna e il comandante subentrante, tenente di vascello Francesco Principale.
Presenti le massime autorità civili dell'arcipelago, l'ammiraglio Gaetano Martinez ed il capo compartimento della Capitaneria di Porto di Milazzo, Fabio Rottino.
Visibilmente commossi sia Margadonna che Principale, con il primo che, ricordando di essere stato il comandante che, più a lungo, ha retto le sorti del Circomare, ha ringraziato tutti coloro, che ai vari livelli, hanno supportato il suo cammino. Ha anche avuto parole di elogio, oltre che per i suoi uomini, anche per la collettività isolana. "E' stata per me - ha detto - una esperienza particolare, gratificante, vissuta con intensità,  passione e totale dedizione". 
Margadonna raggiungerà la Capitaneria di Porto di Monfalcone.
Principale, che gli subentra, ha fatto intendere di volersi muovere sulla scia del suo predecessore, dichiarandosi orgoglioso di essere chiamato a presiedere un comando ubicato in un territorio così bello ma, nello stesso tempo, complesso, come è quello dell'arcipelago.
A Margadonna e a Principale l'augurio di Eolienews per un proficuo lavoro nelle rispettive sedi.
Nel video la parte introduttiva del discorso del comandante Margadonna

I nostri auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno ad Annalise Donato, Lucia Quadara, Davide Liuni, Vincenzo La Cava, Loredana Giusti, Barbara Chiofalo, Giovanni Marzo

La storia delle isole Eolie"...conosciamola attraverso lo storico Giuseppe La Greca: 13/4/1902 La regina Margherita aLipari

13 aprile 1902
La regina Margherita a Lipari 
Nel corso del 1902, precisamente il 13 aprile, la Regina Madre Margherita di Savoia (Torino, 20 novembre 1851 – Bordighera 4 gennaio 1926) visita Lipari.
La Regina arrivò nelle Eolie, proveniente da Gaeta, a bordo del “Marco Polo” sbarcando intorno alle 8,30 del mattino.
Come narra un breve articolo della “Stampa” di Torino: “Fu accolta da spontanea ed esultante dimostrazione con bandiere e musiche. Visitò anche la cattedrale, ove pregò e ricevette la benedizione. Ossequiata dalle Autorità, la Regina si è quindi imbarcata sul Marco Polo che salpò per Malta alle ore 11.00. La Regina espresse la sua commozione per l’accoglienza ricevuta e si disse entusiasta della bellezza dell’isola. La popolazione rimase entusiasta dalla visita inaspettata e gradita”.
Il Prof. Iacolino, nel corso di una conversazione, mi ha raccontato dei dettagli sulla visita della Regina Madre. Gli venne raccontato che all’uscita dalla Cattedrale la Sovrana fu avvicinata da uno o più coatti, che erano riuscito a superare il cordone di sicurezza, per consegnarle una supplica.
La sovrana, memore della morte del marito, Umberto I, per mano dell’anarchico Bresci, fu scossa dall’episodio ed ebbe un mancamento. Fu condotta, con la portantina vescovile, nell’abitazione del sindaco del tempo, Ferdinando Paino, sita in via Umberto I, ed assistita dai medici riprese conoscenza, per poi ripartire intorno alle 11.00.
Ferdinando Paino (1838 – 1914) ricoprì la carica di Sindaco in tre diversi mandati, il I dall’ottobre 1886 al dicembre 1887, nelle Liste elettorali del Comune di Lipari erano iscritti 348 elettori. Il II mandato prende l’avvio a dieci anni di distanza, tra il 10 gennaio 1897 e l’agosto 1899. Venne rieletto con una maggioranza di 14 consiglieri su 27 votanti. Il III mandato, infine, per un breve periodo, dall’ aprile all’agosto 1902 dove l’unico episodio di rilievo è la visita della Regina. Si tratta di una breve visita, circa tre ore, tuttavia, la popolazione  liparota riuscì a omaggiare la popolare regina madre, che, come dice la cronaca giornalistica, espresse la sua commozione per l’accoglienza ricevuta e si disse entusiasta della bellezza della nostra isola.
La Regina Madre ha goduto di una vasta popolarità, a Napoli, nel 1889, la sovrana assaggiò un cosciotto di pollo portandolo alla bocca dopo averlo afferrato direttamente con le mani e ne nacque il detto: «Anche la regina Margherita mangia il pollo con le dita», sempre nella città partenopea, le fu dedicata la “Pizza Margherita”, a Siena gli è stato dedicato un panforte, a Stresa i dolci tipici le “Margheritine”. Parchi, giardini, Scuole, navi, Ospedali, Montagne, laghi, cittadine, portano il suo nome. Giosuè Carducci, infine, dedicò alla regina Margherita una delle sue Odi barbare (Alla Regina d'Italia).

Nel 2011 in occasione del 150° dell'Unità d'Italia e del 160° della nascita della Regina e stata realizzata la prima mostra monografica su Margherita di Savoia presso Palazzo Reale di Napoli e Villa Reale di Monza a cura di Elena Fontanella sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica Italiana.

MUSUMECI, TUSA ASSESSORE UN'OTTIMA SCELTA

"Sono certo di aver fatto un'ottima scelta nel chiamare al governo un tecnico di indubbie qualità. Sebastiano Tusa, che conosco e stimo da anni, saprà essere un assessore all'altezza del difficile compito che lo attende. Voglio, al tempo stesso, ringraziare il professore Vittorio Sgarbi
per l'attività svolta, seppure in così breve tempo, alla guida dell'assessorato dei Beni culturali. Gli ho chiesto, d'accordo col neo assessore Tusa, di continuare a seguire le prestigiose iniziative espositive già programmate e potrà farlo da consulente. A tutti e due,
e al neo dirigente generale Sergio Alessandro, auguro buon lavoro".
Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci

Auguri Don Gaetano (di Gianluca Zanca)

Auguri...all'uomo di rara sensibilità, capace di irrompere con battute e sorrisi in momenti di buio che sembravano inestinguibili;
....al sacerdote attento e presente, in grado di conciliare ardore del Ministero con una spiritualità mai stereotipata e di parvenza;...
al fine cultore delle parole e della Parola, mastice e mattoni che cementano edifici eburnei entro cui custodire l'anima, riparandola dalle continue intemperie della vita;...
al Padre che, nei suoi sermoni, non dimentica mai la gioia dell'esser stato FIGLIO, memore di una semplicità di origini di cui sa fregiarsi con umiltà estrema.
Auguri di Cuore Carissimo Don Gaetano....
Gianluca Zanca



Al caro Don Gaetano vanno anche gli auguri di Eolienews

Oggi è il 13 Aprile. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Uno scorcio di Panarea
San Martino I


La vita di questo martire del dovere, che con ammirabile eroismo bevette fino all'ultima stilla il calice delle amarezze per la difesa della Chiesa, dovette certamente apparir grande ai suoi contemporanei!

Martino nacque a Todi nell'Umbria e studiò a Roma, ove si rese celebre per il suo sapere non meno che per le sue rare doti e virtù. Era appena stato consacrato sacerdote quando Papa Teodoro lo mandò come nunzio a Costantinopoli per tentare il richiamo dei Monoteliti all'unità della fede. Ma morto pochi anni dopo il Papa (649), Martino fu richiamato a Roma a succedergli.

Egli sali sulla Cattedra Apostolica col dolore di aver lasciato l'Oriente in preda alle eresie ed alle più gravi ribellioni. Onde, per prima cosa convocò il Concilio Lateranense, dove espose al venerando consesso la triste situazione e condannò gli eresiarchi principali: il patriarca Sergio, Paolo e Pirro; inoltre mandò un suo nunzio a Costantinopoli.

I Monoteliti anzichè sottomettersi s'accesero maggiormente di rabbia e tosto inviarono a Roma l'eresiarca Olimpio, coll'incarico di uccidere il Pontefice, o almeno di impadronirsi della sua persona.

Non avendo potuto ottenere il loro scopo, ricorsero a mezzi ancor più diabolici, calunniando il santo Pontefice presso l'imperatore, il quale, già infetto di eresia, fu spinto ad assecondare i loro empi disegni. Costante spedì tosto un secondo nucleo di satelliti che con la violenza e con l'inganno riuscirono a legarlo, e nella stessa notte 8 giugno 654, a imbarcarlo per Costantinopoli.

Colà giunto, dopo lungo e dolorissimo viaggio, fra privazioni e crudeli trattamenti, il santo Pontefice provò con irrefragabili ragioni la sua innocenza : ma invano. Costante tentò di costringerlo a sottoscrivere gli editti già condannati, ma il Papa disprezzando la minaccia, l'esilio e la morte stessa, rispose : « Non possumus ». Allora fu dai magistrati vilmente spogliato delle insegne pontificie, incatenato ed esposto all'infamia per le vie della città, mentre i fedeli gemevano. Fu poi messo in prigione per alcuni mesi, finché il 10 marzo del 655 venne deportato definitivamente in Crimea, per attendervi l'esecuzione della sentenza.

Di là il santo Pontefice scriveva : « Vivo fra le angosce dell'esilio, spogliato di tutto, lontano dalla mia sede; sostento il fragile mio corpo con duro pane, ma ciò non mi importa. Prego continuamente Iddio che, per intercessione dei Ss. Pietro e Paolo, tutti rimangano nella vera fede. Confido nella divina misericordia che chiuderà presto la mia mortale carriera... ». Il Signore esaudì la preghiera del santo pontefice, che morì martire del dovere per la difesa della giustizia e della verità, il 16 settembre del 665, dopo 6 anni di dolorosissimo pontificato.

Il suo corpo venne sepolto provvisoriamente in una cappella della B. Vergine, e poco dopo trasferito a Roma. 

giovedì 12 aprile 2018

L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi



Passaggio di consegne domani al Circomare Lipari. La cittadinanza è invitata







Domani alle 11 e 30 , presso la sede del Circomare Lipari, a Porto Pignataro, si terrà la cerimonia del passaggio di consegne del titolare del Circondario Marittimo. 
La cerimonia è aperta alla cittadinanza

Nelle Eolie si partorisce ancora. E se non possono gli umani...

Fiocco rosa a Ginostra.
Parto naturale nella piccola frazione dell'isola di Stromboli: è nata la figlia di Camilla. 
Si tratta di una piccola d'asino.
Grande è stata la sorpresa dei proprietari due cittadini srilankesi, Sugit e Sagivan che, al mattino all'interno della stalla, hanno trovato la "neonata".
Sorpresa ancora più grande poichè nessuno, proprietari compresi, si era accorto che Camilla era incinta. 
Considerando che non vi è nella frazione un asino che possa averla ingravidata, a questo punto è certo che Camilla, nel novembre del 2017, è arrivata già incinta. Di conseguenza il padre è  sconosciuto. 
La "piccola", comunque, sta bene e i proprietari non hanno ancora deciso il nome da darle. Considerando le modalità della nascita si potrebbe pensare a "Sorpresa" 

“PID”: la Camera di commercio a supporto delle imprese nella trasformazione digitale

Messina, 12 aprile 2018. Da oggi, le imprese della provincia di Messina potranno contare su un aiuto in più per affrontare al meglio i processi di digitalizzazione, ormai sempre più frequenti nei rapporti tra aziende e pubblica amministrazione. La Camera di commercio, tramite la sua Azienda speciale servizi alle imprese, ha, infatti, istituito il “Punto impresa digitale” (P.I.D), una struttura di servizio messa a disposizione con lo scopo di diffondere la conoscenza sulle tecnologie e sui vantaggi di impresa 4.0, offrendo orientamento e supporto nella scelta di soluzioni, investimenti e incentivi disponibili a favore delle micro, piccole e medie imprese di tutti i settori economici.
«E’ un ulteriore passo in avanti verso la modernizzazione e l’efficienza delle imprese – afferma il presidente della Camera di commercio, Ivo Blandina – oggi più che mai non si può prescindere dall’utilizzo delle tecnologie disponibili per accrescere la competitività delle aziende. Soprattutto le imprese individuali, quando generalmente sono sprovviste di una propria struttura organizzativa, si trovano in difficoltà nell’espletare gli adempimenti burocratici, trattandosi di procedimenti talvolta anche piuttosto complessi, per i quali spesso non sono attrezzati, soprattutto per quel che concerne il profilo tecnologico e informativo».
Il progetto s’inserisce all’interno del Piano nazionale “Impresa 4.0” varato dal Governo. Con questa azione, promossa dal ministero dello Sviluppo economico e realizzata da Unioncamere, il sistema camerale sarà destinatario di nuove funzioni istituzionali, confermate dalla recente riforma, di supporto allo sviluppo imprenditoriale e alla sua competitività per affrontare in modo organico il tema della diffusione della cultura e della pratica dell’economia digitale.
«Spesso, si registra una riluttanza all’innovazione – aggiunge il segretario generale dell’Ente camerale, Alfio Pagliaro - ma solo perché si conoscono poco gli strumenti messi a disposizione per poter migliorare e rendere più produttiva la propria attività. Il “Pid”, che si rivolge alle imprese di qualunque dimensione e settore economico e ai professionisti, è certamente un punto di riferimento importante per accompagnarle nella trasformazione digitale». Per informazioni, https://www.puntoimpresadigitale.camcom.it/pid/messina; pidcciaa@me.camcom.it.

PARTE #EMERGENSEA A LIPARI CONTRO L’INQUINAMENTO MARINO

COMUNICATO STAMPA
PARTE #EMERGENSEA A LIPARI CONTRO L’INQUINAMENTO MARINO
Parte la campagna di Marevivo a Lipari con l’inaugurazione della macchina compattatrice per riciclare bottiglie di plastica
12/04/2018 – Parte oggi a Lipari il progetto di Marevivo “#EmergenSea, Ognuno di noi può fare qualcosa per difendere il mare”, con l’inaugurazione della macchina compattatrice per riciclare bottiglie in plastica e ricevere buoni sconti. La campagna è stata resa possibile sull’isola grazie al sostegno di Aeolian Islands Preservation Fund e Blue Marine Foundation e alla collaborazione con il Comune di Lipari - Assessorato all'Ambiente e dell'I.C. Lipari Santa Lucia.
Sopra al dispositivo, ospitato proprio dall’istituto scolastico Santa Lucia, c’è un monitor per proiettare il video della campagna che punta a diffondere le “tre R”: riduci, ricicla e riusa. Sarà possibile inserire le bottiglie nella macchina dal lunedì al venerdì dalle 08:30 alle 18:00 e il sabato dalle 08:30 alle 13:00, anche nei periodi di sospensione dell’attività scolastica, giorni festivi esclusi. I buoni sconti rilasciati per il gesto virtuoso potranno essere utilizzati negli esercizi che hanno già aderito all’iniziativa: Bar Ritrovo La Latteria; Gioielleria- Articoli da Regalo Rita Subba; il Giardino di Lipari, Bar Papisca;La Casa Eoliana; Artesana; San Bartolo Vineria e Dispensa.
La campagna #EmergenSea di Marevivo oltre alla sensibilizzazione punta a promuovere azioni concrete per fare in modo che la plastica diventi un’opportunità e non un danno. Le macchine compattatrici, in tal senso, possono rappresentare una valida alternativa per combattere il degrado ambientale e promuovere comportamenti virtuosi nelle comunità.
«Abbiamo scelto come progetto pilota l’isola di Lipari – spiega Carmen di Penta, Direttore Generale di Marevivo - dotando il territorio prescelto di una macchinetta che separa e compatta i rifiuti di plastica. Non solo, ci occuperemo anche della diffusione del materiale di comunicazione ed informazione per sensibilizzare le comunità locali su quanto siano importanti i piccoli gesti però decisivi per contrastare l’abbandono dei rifiuti e l’inquinamento del territorio e del mare».
«Siamo entusiasti di aver promosso e offerto supporto economico al progetto EmergenSea, un altro progetto insieme a Marevivo, che crediamo avrà un forte impatto sul territorio. Abbiamo finalmente alle Eolie – spiega Luca Del Bono, Chairman Aeolian Islands Preservation Fund - il primo eco compattatore per bottiglie di plastica. Ci auguriamo che in molti partecipino conferendo le proprie bottiglie nella macchinetta, un primo passo per mettere in moto un meccanismo virtuoso. Ogni cittadino da oggi ha in mano uno strumento per fare la differenza e avere un impatto positivo sul nostro eco sistema».
Per il sindaco del comune di Lipari Marco Giorgianni: «La mia presenza vuole testimoniare la condivisione dell’amministrazione per un’iniziativa che non solo parla d’ambiente ma si approccia in modo pratico a favorire i comportamenti virtuosi ancora più importanti quando coinvolgono il contesto della scuola. E ne condividiamo non solo lo spirito ma anche la tempistica perché coincide con una riorganizzazione che avverrà già nelle prossima settimana del servizio di raccolta che ha l’aspirazione di raggiungere percentuali di differenziata importanti».
«Con questa iniziativa - dichiara Renato Candia, Dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo ‘Lipari’ - promossa da Marevivo, ormai da anni vicina alla nostra scuola con il progetto delfini guardiani, l’Istituto Comprensivo ‘Lipari’ apre, non solo metaforicamente, le proprie porte alla comunità. Siamo convinti dell’importanza di questo segnale: fare scuola significa, anche, non smettere mai di sognare e di voler imparare ad essere migliori, rispettando gli altri e l’ambiente e riconoscendo tutto il valore delle loro stesse caratteristiche. Ci auguriamo un grande successo e un bell’esempio per tutti».

Piccolo incidente in mare per un catamarano con due diportisti a bordo

Momenti di apprensione nella notte tra ieri e oggi nel mare di Panarea per un catamarano a noleggio, in navigazione verso Napoli, andato a sbattere sugli scogli nell'area di Calajunco. A bordo vi erano due turisti italiani, rimasti illesi. 
Il natante, per fortuna, non ha riportato danni che ne impedissero la navigazione e sotto la supervisione della sala operativa del Circomare Lipari ha raggiunto l'isola di Panarea. Il comandante del Circomare Lipari, tenente di vascello Paolo Margadonna, ha anche disposto l'arrivo sull'isola di una unità per gli accertamenti del caso. Tempestivamente si è mossa anche la società noleggiatrice che ha fornito tutta l'assistenza necessaria. 

Lipari, inaugurata prima macchina compattatrice per bottiglie di plastica.

Inaugurata stamane a Lipari la prima macchina autocompattatrice per bottiglie di plastica. E' ubicata nel cortile della scuola media "S. Lucia" ed è accessibile a tutti, negli orari previsti (vedi manifesto, in alto)
Un breve video: 

Gli auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Barbara Li Donni, Annalisa e Cristina Greco, Ulisse Biviano, Gianmarco Lopes, Maria Catanese

Navi ed aliscafi (CIV puntata)

Nelle foto: 1) La Lippi in manovra a Lipari; 2) La Lippi in arrivo a Stromboli; 3) Il ponte della Lippi

Musumeci nomina l'archeologo Tusa assessore ai Beni culturali

Sebastiano Tusa è il nuovo assessore ai Beni culturali della Regione Siciliana. Lo ha nominato il presidente Nello Musumeci, in sostituzione di Vittorio Sgarbi, dimessosi dall'incarico dopo la elezione alla Camera dei deputati.
Palermitano, 66 anni, figlio di archeologi, Tusa è laureato in Paletnologia e specializzato in archeologia orientale. Dal 1993 è nell’amministrazione regionale siciliana dei beni culturali ricoprendo
vari incarichi dirigenziali. Nel 2004 ha creato, e ne è stato Soprintendente, la prima Soprintendenza del Mare d’Italia. E'
professore a contratto (Gastprofessur) di archeologia marina presso la Philipps Universitaet Marburg (Germania). Dirige scavi e ricerche archeologiche terrestri e sottomarine in Sicilia, Libia, Tunisia e
Giappone. E’ autore di oltre 700 saggi e monografie scientifiche e divulgative sull'archeologia mediterranea ed orientale.

Autovelox a Lipari. Il plauso di una nostra lettrice e il dissenso di un lettore

"COMPLIMENTI alle forze dell'ordine intervenute all'iniziativa e a chi ha lavorato per arrivare a tale risultato!
Credo che "scoraggiare" l'alta velocità, a Lipari, dati gli incidenti mortali che sono accorsi, sia un dovere inderogabile."
Angela Biviano


Prima di spendere in autovelox, metterei in sicurezza le strade. Ma Lipari ormai é il paese dell’incontrario. Se c’é una cosa intelligente da fare, si fará l’opposto. Giovanni Ferlazzo

Oggi è il 12 Aprile. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

L'Alba vista da Canneto (Lipari)
Foto: Salvatore Sarpi

SANTO DEL GIORNO:
I monumenti più antichi e più gloriosi di Verona sono due. Il primo è l'Arena, il grande anfiteatro romano eretto sotto Traiano e ancora mirabilmente conservato. Il secondo è la chiesa abbaziale di San Zenone, o, come dicono i Veronesi, di San Zeno Maggiore. Accade spesso che sul corpo di un Martire o di un Santo, come su un terreno particolarmente fertile, germogli una grande chiesa o ributti uno svelto campanile. A Verona, sul corpo miracoloso di San Zenone è fiorita la più bella chiesa italiana dell'epoca romanica, con il boccio di pietra rosea dell'elegante campanile. La vita di San Zenone, Santo veronese, è avvolta nella leggenda. Pare che fosse nato in Africa e vissuto nel IV secolo. Non si sa come e quando, dalle sabbie africane, sia giunto sui dolci colli in riva all'Adige, spinto dalla sua vocazione apostolica. In quei tempi, l'imperatore Giuliano, detto l'Apostata, cercava di ristabilire il culto degli dei pagani, combattendo il Cristianesimo, da lui rinnegato. I primi barbari invasori dell'Impero erano poi ariani, cioè cristiani eretici, fieramente avversi al Cattolicesimo. Correvano quindi tempi brutti per la Chiesa e per il decimato gregge dei fedeli. Ma la sua predicazione e il suo esempio furono più forti delle imposizioni politiche e delle opposizioni settarie. I pagani convertiti, gli eretici ravveduti, furono presto legione, e di San Zenone si poté dire che « predicando condusse Verona al Battesimo ». Eloquente, erudito, paterno, come appare dai suoi Sermoni, San Zenone fu Vescovo esemplare. Ma oltre che perfetto pastore, egli fu anche un prodigioso cane da guardia, che tenne lontani i lupi della sopraffazione e le serpi dell'eresia; anzi, che lupi e serpi ridusse in miti e obbedienti agnelli. Nelle opere d'arte, fin da quelle più antiche, San Zenone è rappresentato con un pesce in mano. Questo curioso simbolo ha un doppio significato. San Zenone aveva rinunziato a tutte le sue ricchezze, per distribuirle ai poveri. La sua povertà, sopportata con gioia, giungeva spesso fino all'indigenza. La leggenda narra così come il santo e umilissimo Vescovo pescasse egli stesso nell'Adige il magro cibo per i suoi pasti frugali. Per questo egli è considerato Patrono dei pescatori d'acqua dolce.

Ma il simbolo del pesce ricorda anche la frase che Gesù disse agli Apostoli, prima d'inviarli in tutto il mondo a battezzare e a predicare il Vangelo. « Sarete pescatori d'uomini». Anche San Zenone, come gli Apostoli, fu pescatore infaticabile, e le anime da lui tratte nella rete della Grazia furono infinitamente più numerose dei pochi pesci destinati a sfamarlo.

Quando mori, verso il 380, era stato Vescovo per diciotto anni. Il popolo, che volle dare l'estremo saluto alle sue spoglie, non poté essere contenuto nella chiesa che San Zenone stesso aveva costruito, fuor delle mura della città. Fu così che nacque l'idea della nuova grande costruzione: quella chiesa meravigliosa con la quale si volle onorare il Santo, e che misura la devozione e l'affetto dei Veronesi per il loro glorioso Patrono.

mercoledì 11 aprile 2018

"Shell Warm". Progetto della ricercatrice Arianna Mancuso nel cratere sottomomarino di Panarea. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi.

Domani inaugurazione macchina per riciclare bottiglie di plastica e ricevere buoni sconti


Acquacalda, colmata la parte di strada sprofondata. I dubbi di Gennarino Saltalamacchia


Completato ad Acquacalda l'intervento sulla parte di strada interessata la scorsa settimana da uno sprofondamento. Adesso bisognerà procedere alla bitumazione. Sarebbe stato accertato che, a causare lo sprofondamento, sarebbe stato il mare, penetrato attraverso la condotta dei cavi Enel.
Gennarino Saltalamacchia, delegato di Vento Eoliano per la frazione, in una nota evidenzia come "nel "rattoppo" lo spessore che hanno lasciato per l'asfalto non è più di 3/5 cm. La legge cosa prevede? Si può anche sapere se, e chi è andato a controllare la correttezza della riparazione?"
Gennarino evidenzia, infine" che in "un'altro "rattoppo"(foto in basso) è stato lasciato così, senza segnaletica e con grave pericolo per chi transita con i mezzi a due ruote".