Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 13 luglio 2013

Sabatini a Sidoti: "Giorgianni sarà per 5 anni il sindaco di Lipari. Ma lei perchè non si è candidato?"

Voglio pubblicamente ringraziare il sig. Angelo Sidoti per tutti i suoi consigli e per la sensibilita' di far conoscere ai lettori dei giornali on-line i suoi quotidiani pensieri. 
Stia certo che il Sindaco ed io abbiamo piu' volte fatto tesoro dei suoi suggerimenti e la tieniamo molto molto in considerazione per un eventuale posto nella prossima amministrazione (questa gia' dispone di quattro validi assessori) perche' ritengo che, contrariamente a lei,  Marco Giorgianni sara' per altri 5 anni il Sindaco di Lipari. 
Per quanto mi riguarda essere considerato "fedele nei secoli" e quindi affidabile e' per me veramente lusinghiero. Ma mi permetta di porle una domanda che da mesi attanaglia il lettore e chi ha a cuore la trasparenza (suo cavallo di battaglia :ma lei che lavoro fa? Quanto guadagna? Come mai non  si e' candidato?
Sarebbe stata una risorsa insostituibile. Lipari ha bisogno di gente come Lei competente e preparata. Per quanto riguarda la critica, che come puo' notare riceviamo per fortuna da gente di alto profilo culturale, morale e professionale, devo confidarle che piu' volte io ed il Sindaco ci simo posti la  questione "dissenso o critica" ma riteniamo che e' impossibile "piacere a tutti" e che ricevere il giusto "disseszo" deve essere da stimolo a fare bene sperando di non deludere nessuno.
Certo della Sua attenzione, Le anticipo che non seguira' nessuna mia altra nota.
Semplicemente 

Adolfo Sabatini.

Depuratore. Interviene l'ing. Martines

Caro Michele,
ho seguito sulla rete la vicenda sul depuratore di Lipari e ti scrivo per mettere a disposizione tua e della comunità liparese la mia esperienza professionale in materia.
Premetto che non conosco i due progetti di cui si discute, se non superficialmente, per quello che ho letto sulla rete, ma penso di poter esprimere alcune valutazioni tecniche.
  1. Il progetto dell’impianto a Canneto dentro mi sembra una scelta progettuale ad alto rischio di inquinamento della spiaggia di Unci, e, in generale, del lungomare di Canneto. È lì che si andrebbero a sversare i liquami, in caso di disservizio dell’impianto, con danni incalcolabili all’ambiente ed al  turismo.
  2. Il progetto dell’impianto in galleria sotto Pignataro mi sembra una scelta progettuale che potrebbe risultare estremamente costosa per le opere di consolidamento dei terreni: se, come sembra, non sono  stati eseguiti specifici sondaggi geognostici, l’opera è a rischio di costosissime sorprese geologiche.

    La soluzione tecnica al problema depurazione delle acque nere, a mio avviso, ci sarebbe.
    Per l’Aeroporto di Catania, nel 2003, è stato realizzato un impianto di depurazione a tre biorulli per 4.500.000 passeggeri l’anno, equivalenti ad una popolazione giornaliera di 12.500 persone, che in atto funziona per oltre 6.000.000 di passeggeri l’anno. Un analogo impianto di depurazione, ma a due biorulli, è stato realizzato nel 2004 per il Centro Commerciale Etnapolis, per una popolazione equivalente di 4.500 persone al giorno.
Questi impianti funzionano perfettamente, ed hanno il vantaggio di impegnare una superficie molto contenuta: circa 500 mq quello dell’aeroporto; circa 200 mq quello di Etnapolis.
A mio avviso, la soluzione da prendere in considerazione per Lipari sarebbe quella di realizzare un impianto di questo genere nella stessa localizzazione dell’attuale impianto, dietro il cimitero, al costo massimo di un paio di milioni di euro (eventuale acquisizione dei terreni  inclusa). Quì, inoltre, arrivano già le acque nere della fognatura comunale, e parte la condotta che porta i reflui depurati fuori Pignataro.
Per l’eventuale riutilizzo di questi reflui si potrà intercettare la condotta lungo il suo percorso, e realizzare uno specifico impianto di pompaggio verso un serbatoio di accumulo di reflui per irrigazione, da localizzare verso Monte S.Angelo. Ma questo è un altro progetto.
Penso pure che, prima di compromettere pesantemente il nostro prezioso territorio, bisognerebbe fare una scrupolosa analisi dei costi e dei benefici delle due soluzioni tecniche in ballo: quanto costa, in denaro ed in impatto ambientale, ed alle attività turistiche liparesi, uno sversamento di liquami nel mare di Canneto? E quanto costa, in denaro ed in impatto ambientale, fare un impianto nella pancia del Monte Rosa? Sono state fatte queste valutazioni?
La valutazione costi/benefici dell’impianto di depurazione a biorulli dietro il cimitero la può fare anche il cittadino comune, perché è intuitiva ed immediata: è una soluzione tecnica ad impatto ambientale insignificante, e con costi contenuti.
Cari saluti.
Filippo Martines
Risponde Giacomantonio
Caro Filippo,
Come avrai letto, il consiglio comunale ha deciso di promuovere una commissione tecnica per studiare la possibilità di una nuova collocazione rispetto a quella di Canneto dentro e penso anche di un nuovo progetto per evitare di creare pericolose vasche di decantazione che il progetto promosso dal Commissario dott. Pelaggi prevede attualmente a Unci e Sottomonastero. Giro la tua lettera quindi al Sindaco ed al Presidente del Consiglio Comunale. Cordiali saluti
Michele

(Francesca Alliata Bronner) Ciak su Lipari, fra magie di mare, cinema e buongusto

Esotico italiano alle isole Eolie. Set ideale e reale per turisti e artisti, l'arcipelago siciliano fatto di vento, mare e fuoco è l'approdo più stimolante dell'estate. Soprattutto a Lipari, la maggiore delle sette isole-montagne, che da lunedì prossimo ospita "Un mare di cinema", festival giunto alla sua 30° edizione organizzato dal Centro Studi Eoliano sotto la direzione artistica di Sebastiano Gesù (fino al 20 luglio), di cui oggi si tiene la presentazione.
Inoltre sono in corso per tutta l'estate i tradizionali Pomeriggi Culturali, che vedono tra gli altri ospiti, Antonio Monda, Mario Serenellini, Roberta Torre, Peppino Mazzotta (Fazio nella serie il Commissario Montalban). Fra gli appuntamenti must. il 28 luglio (ore 19) per la presentazione del libro di Rosario Crocetta E io non ci sto in cui intervengono con l'autore il presidente del Senato Pietro Grasso e il giornalista Marcello Sorgi. Mentre di quest'ultimo, il 10 agosto (ore 19) Lucia Annunziata presenta il volume Le sconfitte non contano
Ma ecco alcuni eventi e ciak in programma da lunedì al festival del cinema: accanto a workshop per ragazzi e "giochi musicali" alle 19 inaugura al museo del cinema la mostra in Omaggio a Michelangelo Antonioni aperta fino al 10 agosto con proiezioni di suoi film come L'avventura e cortometraggi (da Noto a Ritorno a Lisca Bianca). Alle 21, il film evento, grande classico del muto Aurora di F.W. Murnau del 1927. Martedì dopo la proiezione de L'uomo con la macchina da presa di Dizga Vertov (con l'accompagnamento musicale di Michael Nyman) la degustazione "Cinema e cibo", alle 17, sulla terrazza rigogliosa di ibiscus e profumi della Nassa, uno dei migliori indirizzi isolani famoso per quella "caponata regina" per la qualche molti naviganti deviano la rotta.
E tra un film, assaggi e bagni di mare sono da provare anche altri piaceri isolani come i fusilli alla liparota con pomodoro fresco, olive tonno, capperi o la ricciola di lenza e capperi e per gli amanti dei sapori terra le salsicce alle erbe eoliane. prelibatezze che trovate sempre nel menu "segreto" di donna Teresa e del figlio Bartolo Matarazzo, patron dello storico locale La Nassa.
Meritano la degustazione, naturalmente, anche i vini di Lipari, sia da uve rosse che bianche che maturano da robuste viti, per un risultato da bere vigoroso e morbido al tempo stesso, grazie ai terreni caratterizzati dall'importante presenza di frammenti di pomice e ossidiana, che hanno condizionato per secoli la notorietà e l'economia dell'isola e ora dei vini.
Ma nel "Mare di cinema" gli appuntamenti sono ancora tanti, fra mostre fotografiche (straordinaria quella sulle dive italiane del cinema degli albori, da Francesca Bertini a Lydia Borrelli), spunti di teatro, lezioni di cinema (nella chiesa dell'Immacolata al Castello, mercoledì 17 ore 10), il master class "Da Rossellini ai fratelli Dardenne: etica ed estetica del cinema del reale" (ai Giardini del centro studi eoliano, venerdì 19, ore 10), altre proiezioni preziose come Caro Diario di Moretti e Stromboli, terra di Dio di Rossellini. Si chiude sabato 20 (ore 21) nella splendida cornice delle Cave di Pomice a Porticello con la consegna del premio Efesto d'oro e la premiazione e proiezione dei corti vincitori del concorso Eolie in video.
Prima o dopo gli appuntamenti del festival, le lunghe ore di luce che l'estate regala invitano a scoprire luoghi e sensazioni inaspettati. Via mare e via terra. La Spiaggia Bianca a Porticello, con la sabbia finissima per la presenza di pietra pomice, è uno dei luoghi più amati dai turisti per il particolare colore del mare che dal blu vira verso il verde smeraldo. Interessanti e suggestive in zona sono le Cave di pomice dove sorgono le vecchie fabbriche, ora in disuso, di estrazione e lavorazione della bianca pietra porosa.
Oltrepassando la Punta delle Fontanelle e la Punta delle Grotticelle, si scopre un angolo di paradiso: la Spiaggia di Valle Muria, un'oasi scavata nella roccia dal vento. Vale la gita (magari di buon mattino) il paesino di Pollara, adagiato su una baia formatasi da un cratere per metà sprofondato in mare e per metà rimasto in piedi, dove nel 1994 fu girato Il postino ultimo film di Massimo Troisi: si può vedere esattamente la casa usata per le riprese vicino alla scalinata che porta alla spiaggia "del postino", come viene da allora chiamato l'anello di sabbia e scogli di fronte al faraglioni. Qui un tuffo è d'obbligo.
Per poi salire all'ora del tramonto in cima alla cittadella (così la chiamano i liparoti la città vecchia) acropoli magnifica che racconta nelle sue stratificazioni una storia millenaria: mura, abitazioni, templi, sepolture, prigioni, monasteri, castelli. Oggi è un parco-museo che dai primi colonizzatori che si fermarono a Lipari per la pregiata ossidiana (ma anche lo zolfo e la pietra pomice che veniva estratta dai prigionieri sull'isola) fino ai primi film (Vulcano con la Magnani) in cui fu usata per la prima volta una macchina da presa subacquea "brevettata" dal principe-pioniere Francesco Alliata di Villafranca.
L'esotico (italiano) di cui si diceva prima abita da sempre alle Eolie, in angoli dell'isola come Quattrocchi, belvedere naturale che rapisce gli innamorati per ore, uno scenario apocalittico e meraviglioso insieme. Da segnalare, infine, come tradizione culturale dell'estate eoliana le pubblicazioni annuali: quest'anno viene presentato Le Eolie all'Onu, a cura di Giuseppe La Greca (edita dal Centro Studi), che narra la vicenda del "gemellaggio" avvenuto con i piccolo stati insulari nel febbraio 1998. Per l'estate 2013. inoltre, prende il via la nuova collana dedicata ai personaggi eoliani: il primo quaderno racconta la storia di Bartolo Zagami, industriale, nato ad Alicudi il 12 gennaio del 1900, che al di là delle indubbie qualità umane, ha il grande merito di aver dato l'energia elettrica all'isola di Lipari dando vita nel settembre del 1926 alla Sel (Società elettrica liparese). Da non perdere, infine, la visita al museo del Cinema e della Civiltà del bello nei locali della chiesa dell'Immacolata, inaugurato l'estate scorsa.

Saggio Angels' Dance (23° gruppo di foto) (Foto di Luana Zaia)







  Continua la pubblicazione delle foto pervenuteci del saggio di Angels' Dance. 
Abbiamo creato un album su fb nella pagina del  nostro direttore. In questo album sono inserite buona parte delle foto già pubblicate sul sito. Per accedervi cliccare su questo link
https://www.facebook.com/ssarpi/media_set?set=a.10201592761282545.1073741846.1283460370&type=3
NB. LE FOTO SI INGRANDISCONO CLICCANDOCI SOPRA

“Ghost mission” a Lipari. Il CODACONS preannunzia la costituzione di parte civile

COMUNICATO STAMPA del 13/7/2013

Il CODACONS interviene nella vicenda giudiziaria che ha visto ieri il rinvio a giudizio per 17 indagati coinvolti nell'inchiesta “Ghost mission” (Missioni fantasma) relativa ai rimborsi corrisposti pagati dal Comune di Lipari per missioni istituzionali svolte da vari, su richiesta della Procura della Repubblica del Tribunale di Barcellona P.G. Giorgio Nicola.
Se le ipotesi della pubblica accusa si rivelassero provate saremmo innanzi all’ennesima vicenda che si risolve ai danni delle tasche dei contribuenti ed a solo vantaggio della “casta”. 
In merito a questa vicenda – dichiara l’avv. Antonio Cardile (Presidente provinciale del CODACONS) – ci riserviamo di interessare anche la Corte dei Conti ove dovesse risultare provato quello che per la Procura si profila come un caso di sperpero di denaro pubblico.
Chiederemo i danni per gli eventuali illeciti commessi a danno del Comune e dei cittadini – spiega il CODACONS – e in tal senso stiamo predisponendo anche le costituzione di parte civili per conto di alcuni residenti che si sono rivolti alla nostra associazione allo scopo di far valere i propri diritti di cittadini ed organizzeremo un incontro pubblico per illustrare l’iniziativa e raccogliere le adesioni degli interessati.
E’ noto che i comportamenti illegali da parte di amministratori e dirigenti comunali arrecano un evidente danno economico ai residenti, i quali sono chiamati al pagamento delle tasse e al sostentamento del Comune, che deve poi rispondere direttamente ai cittadini governati del proprio operato. Per questo interverremo – prosegue l’avv. Cardile – nel procedimento ed invitiamo tutti gli abitanti di Lipari a rivolgersi alla nostra associazione per costituirsi parte civile e chiedere i danni ai responsabili dello scandalo, ove ne sia accertata la colpevolezza nel procedimento penale in corso.
Chiederemo alla magistratura di andare a fondo e di rendere pubbliche tutte le spese ingiustificate del Comune, così come abbiamo fatto recentemente per le spese dell'Assemblea Regionale Siciliana – aggiunge Francesco Tanasi (Segretario nazionale del CODACONS): i cittadini di Lipari e di tutta la Sicilia hanno non solo il diritto di sapere come vengono spesi i propri soldi, ma anche quello di rivalersi sui responsabili di sprechi e usi impropri di denaro pubblico. 
Anche a seguito delle segnalazioni ricevute e di quanto apparso sugli organi di stampa locali, ci appare doveroso – conclude l’avv. Antonio Cardile - intervenire nella vicenda per offrire il nostro contributo per far luce sulla vicenda. Nel caso in cui fossero accertati illeciti a danno della collettività, siamo pronti a intentare la prima class action politica, allo scopo di far ottenere ai cittadini di Lipari la restituzione di soldi utilizzati per fini personali e non nell'esercizio delle funzioni istituzionali.

Cimitero di Lipari all'asciutto. L'acqua la "portano" l'assessore Sardella e il vice-sindaco

Comunicato stampa
 Nella serata di ieri ci si era resi conto, improvvisamente, che il cimitero era rimasto sprovvisto d’acqua. Le uniche fontanelle ancora in funzione erano le due del piano terra. Il rischio era che nelle giornate di sabato e domenica, quelle in particolare in cui i familiari solitamente vanno a visitare i loro defunti portando i fiori, questi si trovassero di fronte ad una triste sorpresa. Già in serata l’assessore Sardella, informato della situazione, si è subito prodigato e questa mattina coadiuvato dal vice sindaco Gaetano Orto e dagli addetti al cimitero ed al rifornimento idrico è riuscito a risolvere la situazione in via temporanea rifornendo con autobotti le fontanelle ai diversi livelli del cimitero e garantendo l’acqua fino a quando, nella giornata di lunedì, ci sarà stata la nuova distribuzione attraverso la rete idrica..

Rizzo e Gugliotta(Vento Eoliano) su nuovo impianto di depurazione di Lipari ed opere fognarie accessorie.

Oggetto: Progetto definitivo - Nuovo impianto di depurazione di Lipari ed opere fognarie accessorie.
Alla luce del dibattito sulla questione inerente al nuovo impianto di depurazione del Comune di Lipari e delle recenti determinazioni del Consiglio Comunale di Lipari, che ad unanimità ha approvato una mozione con la quale si ritiene non idonea la localizzazione e il progetto del nuovo impianto di depurazione , in considerazione delle implicazioni di natura economica, sociale e ambientale, corre l’obbligo di precisare quanto segue.
Gia’ nel dicembre nel 2010, in qualità di Difensore Civico del Comune di Lipari, in seguito alle numerose doglianze rappresentate dalla cittadinanza preoccupata per la futura localizzazione del depuratore in questione, provvedevo ad inoltrare richiesta di sospensione della procedura alle Autorità preposte , in considerazione del deliberato del Consiglio Comunale ed in virtù del potere conferitomi dallo Statuto, al fine di esprimere osservazioni ed acquisire elementi , anche a mezzo di riunioni popolari.
Tale atto fu finalizzato ad più esaustiva disamina del verbale di conferenza dei servizi, ad una più attenta valutazione di una serie di carenze progettuali e vizi formali rinvenuti , oltre alla necessita’ di studio del progetto in questione, in contradditorio con i comitati civici.
Si rammenta , altresì, che il progetto di cui in questione ad oggi si trova presso l’ex ufficio del Difensore Civico ed è consultabile da chiunque ne abbia interesse, al fine di avere un quadro preciso e corretto dell’ infelice procedura che ha portato all’ attuale localizzazione.
In ogni caso , qualora realmente si costituisse la deliberata Commissione, i sottoscritti si rendono disponibili alla partecipazione, volta all’individuazione di un sito piu’ idoneo e meno invasivo.
Avv. Francesco Rizzo (Fondatore Vento Eoliano)
Dott.ssa Annarita Gugliotta (Cons. Com. “Vento Eoliano”)

Istituto Conti. Al via da lunedì gli esami per il giudizio sospeso

L'Istituto d'Istruzione Superiore Isa Conti Eller Vainicher comunica che gli esami per il giudizio sospeso avranno inizio lunedì 15 luglio 2013 alle ore 8,00. Si pregano gli interessati di prendere visione del calendario pubblicato all'ingresso della scuola.
Il Dirigente Scolastico
Prof.ssa Tommasa Basile

Scuola e mediocrità (di Lino Natoli)

Un insegnante scadente fa più danni di un chirurgo scadente, dunque una scuola scadente fa più vittime di un pessimo ospedale. Gli ultimi esami di maturità testimoniano che la qualità dei nostri diplomati sarebbe preoccupante. Se i parametri di giudizio sono uguali per tutto il territorio nazionale, produciamo diplomati appena sufficienti, qualcuno soltanto un gradino più su.
A questo proposito ho sentito opinioni controverse, ma rimangono i fatti, e i fatti sono che i giudizi raccolti dai nostri diplomati sono deludenti. Siccome, mai come in questo caso, sul prodotto finale incide in maniera fondamentale la qualità del produttore, la conclusione è che le nostre scuole sono appena sufficienti, capaci di produrre diplomati avviati ad un incerto destino universitario e ad un disperato futuro lavorativo. Pertanto, mentre costituiamo gruppi spontanei, comitati civici, pagine facebook perché non vogliamo che chiudano l'ospedale o il tribunale, non ci rendiamo conto che così continuando chiuderanno il liceo scientifico. Il fatto che intanto aprano un corso professionale o linguistico non cambia, anzi aggrava la situazione: a Lipari possono sopravvivere soltanto corsi di formazione specifica perché un corso di formazione completa che consenta l'accesso a qualsiasi carriera universitaria non possiamo permettercelo.
Sarebbe ingiusto attribuire tutte le colpe alla qualità delle nostre scuole, l'impoverimento culturale ed educativo riguarda prima di tutto le famiglie e quelle strutture formative che tradizionalmente alimentavano la crescita dei giovani. L'illusione del guadagno facile, il disprezzo ostentato verso qualsiasi forma di cultura, l'intolleranza nei confronti dello sforzo per la conoscenza ha permeato la nostra società facendola regredire verso quella condizione belluina che si fonda sul disconoscimento di qualsiasi valore o bene pubblico condiviso.
Tuttavia ciò non assolve le mancanze della scuola pubblica, troppo ripiegata sulle esigenze dell'insegnante per accorgersi dei bisogni degli studenti.
Mi rendo conto che ancora una volta susciterò polemiche e reazioni difensive, e comprendo il disagio di chi svolge con perizia il proprio dovere, talvolta addirittura con sforzo eroico, ma anziché parlarne con chi osserva dall'esterno, lo faccia con i propri colleghi. Ad esempio, qualcuno si è fatto carico di comprendere e spiegare quello che è successo durante gli ultimi esami di stato? Si è posto il problema della mediocrità dei giudizi ottenuti dai propri studenti? Si è chiesto se su questo ha qualche piccola responsabilità? Pensa di fare qualcosa per porvi rimedio?
Insisto su un punto, possono toglierci l'ospedale, il tribunale, le navi, ma se distruggono la scuola non avremo nessuna possibilità di guardare al futuro con serenità.
Lino Natoli

Lo scenario politico nel comune di Lipari secondo Angelo Sidoti

Quanti nomi che girano sembra di essere sotto elezioni. Vi dico il mio pensiero:
Giorgianni penso che se continui di questo passo questa e' la tua prima e ultima sindacatura. Purtroppo hai tutti contro: UDC un partito fantasma senza segretario e senza la nomina del commissario, aggravante Lauria e' andato altrove, PD forse tenterà alla prossima tornata di candidare un suo esponente (Orto), Art.1 non si capisce bene che fine ha fatto un fritto misto o gruppo misto, di Nuovo Giorno alla fine resterà l'unico Sabatini ad appoggiarti "fedele nei secoli"...
Ulteriori aggravanti dirigenze in fuga tra ferie e sospensioni e forse anche a sorpresa qualche aspettativa o malattia. Insomma una macchina amministrativa paralizzata nelle aree più sensibili.
Senti a me caro Marco forse e' meglio chi "t'arricogni i nassi" se non trovi soluzioni valide in breve tempo e riparti da capo, la vedo molto dura caro amico mio.
Ero stato il primo a dirti di essere poco comunicativo e bene con la nomina del portavoce sei passato da un eccesso ad un'altro. Un consiglio passa piu' tempo fra la gente e fai lavorare i tuoi assessori sempre se sono capaci di portare avanti il lavoro e sopratutto fai consumare i gomiti ai dirigenti.
Altri nomi di possibili candidati:
1)Ciccio Rizzo ed il suo comitato che battezzerei del riciclo o raccolta differenziata. Speranze di vincere = Zero almeno con questa veste. Aggravante per questa futura candidatura Fama' e Casilli che si chiamano fuori dal PDL. Ma questo partito ancora esiste? Mi viene da ridere quando sento gridare alla ricostruzione di Forza Italia. Contenti Voi creduloni...
2)Gaetano Orto sempre se non si stufa della politica. Ma cu tu faci fari caro cugino futtitinni e fai l'avvocato che hai famiglia.
3)Antonio Casilli forse potrebbe ricompattare il centro Destra aggravante pesca nello stesso pozzo dei suoi compagni di merenda con il rischio di trovare qualche pescecane o qualche anima pia che tra un po' va in processione dietro al santo.
Questo e' lo scenario che immagino sempre se ci sarà una mozione di sfiducia a Giorgianni (in percentuale penso che si attesti solo al 10%/20%) in caso contrario nel 2017 sul palcoscenico avremo nuove risorse.
Un mio augurio: se proprio ci sara' una mozione di sfiducia spero che questa volta la Sinistra dica la Sua e per una volta tenti di governare veramente questo Paese. Direte e' matematicamente impossibile.
Ma bisogna dare a Cesare quello che e' di Cesare. In questo scenario confusionario e caotico della politica eoliana l'unica persona che merita rispetto e' l'amico Pietro Lo Cascio che dopo un momento di smarrimento (post elezioni) ha ritrovato motivazione, grinta, ma soprattutto ha mantenuto coerenza politica e morale.
Certo che per vincere Caro Compagno devi lavorare molto e crearti un bel gruppo attorno.

Angelo Sidoti

Saggio Angels' Dance (22° gruppo di foto) Foto di Luana Zaia

  Continua la pubblicazione delle foto pervenuteci del saggio di Angels' Dance. 
Abbiamo creato un album su fb nella pagina del  nostro direttore. In questo album sono inserite buona parte delle foto già pubblicate sul sito. Per accedervi cliccare su questo link
https://www.facebook.com/ssarpi/media_set?set=a.10201592761282545.1073741846.1283460370&type=3
NB. LE FOTO SI INGRANDISCONO CLICCANDOCI SOPRA

Auguri a....

Eolienews augura Buon Compleanno a Gianni Merlino, Valentina Mazzeo, Maria Pia Lo Presti e Marco Saltalamacchia

Auguri da Partylandia per Andrea e Andres


Lo staff di Partylandia augura Buon Compleanno ad Andrea Zaia che compie 18 anni. Auguri anche ad Andres nel giorno del suo Battesimo.

Saggio Angels' Dance (21° Gruppo di foto) Foto Luana Zaia


Continua la pubblicazione delle foto pervenuteci del saggio di Angels' Dance.  
Abbiamo creato un album su fb nella pagina del  nostro direttore. In questo album sono inserite buona parte delle foto già pubblicate sul sito. Per accedervi cliccare su questo link
https://www.facebook.com/ssarpi/media_set?set=a.10201592761282545.1073741846.1283460370&type=3
NB. LE FOTO SI INGRANDISCONO CLICCANDOCI SOPRA

Franco Catalfamo nuovo capo distretto di Lipari per l'ASP 5

Il dott. Franco Catalfamo è il nuovo capo distretto di Lipari per quanto riguarda l'Asp 5. L'incarico gli è stato conferito, seppure in via temporanea, dal direttore generale, Manlio Magistri. Catalfamo subentra alla dottoressa Maria Rigoli.

Toneo "Amici del Calcetto". Vince "La Banda della Mayana" (foto Laura Lo Ricco)

Si è concluso, ieri sera al Freeland Club, il Torneo "Amici del Calcetto". La squadra vincitrice è ''La Banda della Mayana'' che ha battuto ''i Fracidi'', la seconda classificata, con un risultato finale di 7-5. 
Le foto  sono di Laura Lo Ricco e si ingrandiscono cliccandoci sopra

venerdì 12 luglio 2013

Le Eolie e le date da ricordare: La visita di De Dolomieu

Dèodat De Dolomieu

Dal 12 al 21 luglio 1781 Dèodat De Dolomieu visitò le Isole Eolie, e due anni dopo pubblicò a sue spese il resoconto del viaggio presso l'editore Cuchet di Parigi, col titolo di "Voyage aux Iles de Lipari fait en 1781”. Fu pubblicato nel 1783. "Il Voyage aux Iles de Lipari", di Dolomieu, è molto importante per la conoscenza delle Eolie e per la minuziosa ricostruzione dei fenomeni vulcanici primari e secondari di due secoli fa. Non è un'opera letteraria, né un diario o un racconto di viaggio, ma un vero e proprio trattato scientifico che rientra nel campo della letteratura specialistica tipica della fine del XVIII secolo, il cui intento è quello di far luce su fenomeni naturali attraverso un'indagine rigorosa condotta sul campo e raffrontata al lavoro d'altri studiosi passati o contemporanei.

San Calogero
Le sorgenti termali di Lipari costituiscono una delle caratteristiche più peculiari dell'isola, e sono situate nella parte occidentale, quella rivolta verso Salina.
Dalle stufe mi diressi verso i bagni caldi, distanti un miglio, un po’ più a sud ma sempre sullo stesso versante; sono ad un'altitudine minore e in una specie di vallone poco lontano dal mare. L'acqua esce ai piedi della montagna e viene raccolta in bacini coperti, da dove viene fatta passare in bagni provvisti di gradini per sedersi. L'acqua è quasi bollente e bisogna lasciarla raffreddare per circa un giorno, altrimenti ustionerebbe chiunque; dalle stesse aperture esala un forte odore di zolfo e si sprigionano vapori solforosi che però non contaminano l'acqua in alcun modo. L'acqua contiene in soluzione una quantità minima di sali vetriolici ed ammoniaci; quando è fredda si può bere, ma è pesante per lo stomaco e sarebbe sgradevole se non vi fossero disciolti quei sali. Credo che l'acqua venga riscaldata dallo stesso fuoco di quella dei mulini, perché è della stessa natura e probabilmente proviene dal medesimo serbatoio. Le sorgenti sgorgano dalla stessa montagna in cui ritengo si trovi il focolaio. E' stato provato che questi bagni producono il loro migliore effetto terapeutico nella cura delle malattie della pelle, i reumatismi e le malattie veneree, e possono servire da stufe per accogliere soltanto i vapori umidi; tuttavia sono poco frequentate perché il soggiorno per i pazienti è molto precario e manca ogni cosa. Il Governo non ha ancora pensato di farvi costruire uno stabilimento, sebbene i soldati di guarnigione in Sicilia siano spesso mandati nell'isola. (…).

La Pomice
[....] L'isola di Lipari è l'immenso magazzino che fornisce la pomice a tutta l'Europa. Questo minerale vulcanico è oggetto d'esportazione perché necessario a molte attività, e sebbene ne sia stata estratta una gran quantità, sembra inesauribile: alcune montagne sono composte interamente da pomice, mentre si possono osservare frammenti isolati in mezzo a ceneri bianche e farinose già descritte. Sono state aperte dalle cave molto ampie ai piedi delle montagne e nelle valli che le separano, e l'isola intera sembra avere per basamento questa sostanza davvero straordinaria.
Sebbene la pomice sia diffusa in tutta Europa e se ne faccia grande uso, non esiste forse sostanza meno conosciuta dai naturalisti. Nessuno di loro ha detto qualcosa di soddisfacente nè sulla sua natura nè sulla sua formazione; le è stata attribuita come caratteristica principale la leggerezza e la capacità di galleggiare sull'acqua, benchè questa proprietà appartenga ad una sola dei tipi di pomice. Si riteneva che la sua origine fosse dovuta agli asbesti e agli amianti alterati dal fuoco, visto che la pomice usata in molti lavori possiede un tessuto filamentoso ed un aspetto sericeo. E' stata confusa con le scorie nere, leggere e spugnose dei vulcani ai quali è stato dato spesso impropriamente lo stesso nome: in pochi parole, tutti coloro che hanno parlato di questa roccia non erano veramente competenti, dato che avendo osservato soltanto la varietà delle pomici leggere, le loro nozioni restavano sostanzialmente limitate.
La caratteristica principale delle pietre pomici è quella di non contenere ferro e di essere di colore bianco o grigio-biancastro, di grana ruvida, di tessuto fibroso, dai pori sporgenti, generalmente più leggere delle normali lave solidificate ma molto meno dure, dall'aspetto brillante, vetroso o sericeo: è all'assenza del ferro che va attribuita una parte delle loro proprietà.
Esse vengono impiegate, visto che si possono tagliare facilmente, negli angoli degli edifici e nella costruzione dei muri, tant'è vero che la città di Lipari nè è quasi interamente costruita.
Per approfondimenti vedi:
Dèodat de Dolomieu - Viaggio alle Isole Lipari - Edizioni del Centro Studi di Lipari.
Giuseppe La Greca, La storia della Pomice di Lipari, Gianni Iacolino Editore.

Giuseppe La Greca, Le Terme di San Calogero, Gianni Iacolino Editore.

Il consigliere Gesuele Fonti: "Non si sopprima la classe 1° media a Pianoconte"

AL Signor Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale Lipari 2
Al Signor Sindaco del Comune Lipari
Assessore pubblica istruzione del ComuneLipari
Oggetto: soppressione classe 1" media plesso scolastico di Pianoconte
Al sottoscritto consigliere comunale Gesuele Fonti sono pervenute le vive preoccupazioni di numerose famiglie allarmate per la ventilata soppressione della classe 1° media inferiore sita nel plesso scolastico di Pianoconte, perché parrebbe che gli alunni ad essa iscritti verrebbero trasferiti, per disposizione del Sig. D.S. in altro plesso.
Non vi è chi non veda la fondatezza della preoccupazione delle suddette famiglie, costrette a sradicare i propri figli dalla comunità in cui hanno vissuto e studiato, a cui si aggiunge, il notevole disagio per famiglie e alunni di dovere accudire in altro luogo dell'isola per lasciare e prendere i bambini.
Non è dato percepire la cogenza di un tale accorpamento in un'isola minore, disagiata per antonomasia, che possa eventualmente obbedire ad aridi criteri statistico-amministrativi.
Va evidenziato, che proprio il plesso scolastico di Pianoconte è oggetto di riqualificazione in virtù di un progetto, già inserito nel DUPIM e in fase di finanziamento, ad opera dell'amministrazione comunale di Lipari, che prevede l'arricchimento della struttura, che già funziona a pieno regime e a norrna di legge, con altre aule,altra sala professori, palestra, campo di calcetto, parcheggio, e quant'altro.
Infine, non va misconosciuto che l'istruzione è un diritto essenziale riconosciuto dalla costituzione e quindi va somministrato in modo da essere soddisfatto nel miglior modo possibile per i destinatari, con il radicamento socio - culturale - ambientale che più si addice ai discenti, senza distrazioni o distorsioni che potrebbero obbedire a logiche particolaristiche che, in una materia del genere, non possono trovare cittadinanza
Ciò premesso, si invita il Sig. D.S. a desistere dall'eventuale ventilato accorpamento.
Al Signor Sindaco a all'Assessore alla Pubblica Istruzione, si chiede di farsi portatori degli interessi e delle pressanti esigenze delle componenti della comunità isolana eventualmente intervenendo presso le opportune sedi istituzionali, rappresentando le esigenze autentiche anche della frazione di Pianoconte, pure in deroga ad astratti criteri amministrativi.
Il consigliere 
Gesuele Fonti

STAMINALI/PROTESTA FRATELLI BIVIANO – Morganti (Eld): “Lorenzin riveda Legge sulla sperimentazione e conceda cure a tutti”

«Piena solidarietà» da parte di Claudio Morganti, europarlamentare indipendente dell’Eld e sostenitore del metodo Stamina, a Sandro Biviano, malato di distrofia muscolare, che in questi giorni si è incatenato davanti al Ministero della Salute per chiedere che il Consiglio dei Ministri dica “sì alla libertà di cura col metodo Stamina”.«Purtroppo – afferma Morganti – la disperazione è tanta. Lancio un appello al ministro Lorenzin, ai deputati e ai senatori affinché rivedano la legge sulla sperimentazione e concedano l’accesso alle cure col metodo Stamina a tutti coloro che ne fanno richiesta, anziché solo ad alcuni, sotto la supervisione di scienziati super partes.
I malati di distrofia muscolare – prosegue l’europarlamentare – si sono sentiti dire dai medici che per loro non c’era speranza e gli scienziati per trent’anni non hanno trovato una cura per possibili miglioramenti.. Adesso, però, hanno una speranza di vita ed è criminale e anticostituzionale da parte dello Stato e delle Istituzioni non concedere tale speranza.
Mi auguro che dal Ministero arrivino risposte concrete e non labili come quelle delle ultime ore. Mi auguro altresì che la sperimentazione col metodo Stamina venga svolta senza pregiudizi perché le persone che attendono una risposta non possono più aspettare ed hanno il diritto alla vita. Il gesto di Sandro lo dimostra».

Stamina. I fratelli Biviano si sono incatenati davanti a Montecitorio

Saggio Angels' Dance (20° gruppo di foto) Foto di Luana Zaia


   Continua la pubblicazione delle foto pervenuteci del saggio di Angels' Dance. 
"Chiuso lo spazio invii" andremo a pubblicare sul nostro sito le foto rimanenti (ancora tante)
Intanto, come vi avevamo anticipato, abbiamo creato un album su fb nella pagina del  nostro direttore. 
In questo album sono inserite buona parte delle foto già pubblicate sul sito. Per accedervi cliccare su questo link
https://www.facebook.com/ssarpi/media_set?set=a.10201592761282545.1073741846.1283460370&type=3
NB. LE FOTO SI INGRANDISCONO CLICCANDOCI SOPRA

Saggio Angels' Dance (19° gruppo di foto) Foto di Luana Zaia


  Continua la pubblicazione delle foto pervenuteci del saggio di Angels' Dance. 
"Chiuso lo spazio invii" andremo a pubblicare sul nostro sito le foto rimanenti (ancora tante)
Intanto, come vi avevamo anticipato, abbiamo creato un album su fb nella pagina del  nostro direttore. 
In questo album sono inserite buona parte delle foto già pubblicate sul sito. Per accedervi cliccare su questo link
https://www.facebook.com/ssarpi/media_set?set=a.10201592761282545.1073741846.1283460370&type=3
NB. LE FOTO SI INGRANDISCONO CLICCANDOCI SOPRA

Oggi presentazione di "Un mare di cinema"

Comunicato stampa
Oggi 12 luglio alle ore 19,00 presso la terrazza del Residence Alberghiero di Lipari avrà luogo la conferenza stampa di presentazione della XXX edizione di “Un Mare di Cinema – Premio Efesto d’Oro”. E’ dal 1983 che il Centro Studi e Ricerche di Storia e Problemi Eoliani organizza e dà vita a questa manifestazione con l’obiettivo di offrire agli eoliani e ai villeggianti una bella opportunità di intrattenimento e di approfondimento culturale.
La passione e la dedizione dei membri e dei collaboratori del Centro Studi hanno fatto di Un mare di cinema un appuntamento fisso dell’estate eoliana e forse l’unica risposta alle esigenze di quel turismo consapevole dell’unicità e dell’inestimabile valore del patrimonio culturale e sociale delle isole Eolie.
Questa storica 30a edizione dedica grande attenzione ai giovani e al loro mondo. L’impegno del Centro Studi e la sua fiducia verso le nuove generazioni sono simbolicamente testimoniate dalla scelta di dare il via alle attività con la prima serata del concorso dei cortometraggi Eolie in video: questa sera alle 20,00 al lido Coral Beach di Canneto avrà luogo la proiezione dei lavori degli allievi dell’Università Cà Foscari di Venezia.
Buon tuffo in un mare di cinema a tutti.
Lipari, 12 luglio 2013

Ufficio Stampa – Centro Studi

Centro Studi proietta al Coral Beach i corti degli allievi dell'Università Ca' Foscari di Venezia

"Cassa tranquilla per il comune di Lipari?" Angelo Sidoti interviene su una risposta del portavoce Giacomantonio

Caro Portavoce, oggi ho letto una sua missiva in merito ad una situazione di cassa tranquilla dell'Ente ed un Suo accenno ai debiti fuori bilancio.E volevo chiederle: Con quale risorse Il Comune farà fronte al pagamento di questi debiti fuori bilancio?
Inoltre, in che modo questa amministrazione si sta adoperando per il recupero dei cosiddetti crediti residui (tasse,tributi,imposte non pagate) visto che nel settore finanziario e rami collegati ogni giorno assistiamo ad una moria di personale tra assenze, ferie etc etc.? Tale voce le ricordo che e' soggetta a riaccertamento con cadenza annuale.
Cortesemente puoi indicarci anche l'ammontare di quello che e' stato recuperato fino ad oggi?
Ultima domanda: sulle partecipate il Comune di Lipari sta esercitando un esame continuo per garantire il principio di sana gestione? I documenti che sono stati richiesti in sede consiliare mesi fa (era dicembre 2012) sono stati trasmessi all'Ente?
Mi riferisco ad una dettagliata relazione sull'operato svolto, un piano programmatico sugli sviluppi futuri, un bilancio economico e di previsione annuale e pensi un po' anche pluriennale da essere sottoposto all'approvazione dell'Ente.
Nella relazione del Sindaco non ho trovato traccia anche se la delibera e' dello scorso anno o meglio erano "delle azioni correttive da intraprendere". Lei che e' stato amministratore di un Ente pubblico comprende il significato di azioni correttive vero?
Attendo un suo gentile riscontro.
Angelo Sidoti

Ancora sulla localizzazione del depuratore (di Felice Lopes)

Caro Direttore,
torno brevemente sulla localizzazione da me proposta per il nuovo depuratore che si intende realizzare per rispondere a quanti mi hanno fermato per strada e ad alcuni che mi hanno telefonato per dirmi che condividono l’idea cardine che è alla base della scelta e cioè dare acqua per l’irrigazione alle borgate a bassissimo costo per incentivare l’agricoltura .
Alcuni mi hanno fatto notare che le frazioni alte dell’isola sono prive di fognature e che ,prima o poi , sarà necessario prevedere gli impianti anche per loro, nel qual caso l’ubicazione da me proposta avrebbe il vantaggio di evitare la realizzazione di condotte estremamente lunghe e costose per collegare le eventuali stazioni intermedie di accumulo all’impianto ubicato a Lipari.
Io ho fatto notare ai miei interlocutori che la mia scelta ,oltre ai motivi ambientali ed ecologici, rispondeva alla impossibilità di disporre di un sito nell’abitato di Lipari che vada bene a tutti , perché ci sarà sempre uno che si sentirà danneggiato.
Comprendo ma non giustifico la difficoltà che ha ognuno di noi a farsi leggere sui notiziari che Lei ed altri direttori predispongono, con notevole dispendio di energie e tempo, per farci sapere cosa bolle in pentola .
Vorrei tanto ribadire , da semplice cittadino quale sono, che è mio e nostro diritto comunicare con chi ci amministra, al fine di fargli sapere cosa ne penso e cosa ne pensiamo delle cose che direttamente o indirettamente mi riguardano .
Questo si chiama partecipazione ( a mio giudizio doverosa ) alla vita amministrativa della comunità , che non sempre si coniuga con la condivisione dell’operato degli amministratori. Solo gli stolti sono onniscienti, ed è bene ricordare che in ognuno di noi c’è sempre un micron di verità e di sapienza che, se usati insieme a tanti altri micron, possono produrre risultati positivi per tutti noi .
Sarebbe oltremodo interessante e virtuoso riscontrare un risveglio di coscienze depurate dall’agone politico partitico.
Ing. Felice Lopes  

Pianoconte. Il "solito" incendio. "Soliti" anche i piromani?

Ennesimo incendio di sterpaglie in località Pirera a Pianoconte. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Lipari che, ormai, in quella zona "sono di casa", considerato che le  fiamme vengono appiccate a ripetizione negli ultimi giorni.
Solita zona...probabilmente "soliti" anche i piromani

Nuova corsa Filicudi e ritorno. Seppure senza contributo, la NGI fornisce un nuovo servizio agli eoliani

Ogni tanto sui collegamenti marittimi arrivano buone notizie. Dal 1° agosto ci sarà una nuova nave della NGI che collegherà giornalmente Filicudi a Milazzo e ritorno toccando Rinella, Lipari, Vulcano e pernottando a Filicudi. Si tratta di un coraggioso esperimento che la NGI compie senza contributo regionale per verificare l’esistenza di una domanda almeno nel periodo estivo. Il sindaco Giorgianni, nel dare la notizia, vuole ringraziare innanzitutto l’armatore che con questa decisione offre un servizio in più alle Eolie ed in particolare agli abitanti di Filicudi ed anche il sindaco di Leni, Riccardo Gullo, che ha consentito che la nave sostasse a Filicudi invece che a Rinella. Era invece andato a vuoto il tentativo di fare sostare di notte la nave a Santa Marina Salina
La nave l’1 agosto partirà da Milazzo alle 14.30, da Lipari ripartirà alle 16.45 e sarà a Filicudi alle 19.20. Ripartirà da Filicudi l’indomani mattina alle 8.20, da Lipari alle 10.30 e sarà a Milazzo alle 13.30. Si fa notare che oltre il significato che questa corsa ha per Filicudi, permette anche di offrire agli abitanti di Lipari ed ai turisti la possibilità di partire con la nave da Milazzo per Lipari, Vulcano e Salina e di tornare a Milazzo in orari in cui fino ad oggi non è possibile transitare con i mezzi.

Comune di Lipari. Disposti una serie di "trasferimenti" con ordinanza sindacale

Con propria determina(n. 67 del 9 luglio 2013) il sindaco di Lipari Marco Giorgianni ha deciso di apportare alcune modifiche all'interno dell'apparato comunale. 
Questi gli interessati e il settore del quale si occuperanno. Franco Rando: programmazione e turismo; Nunziata Natoli: sviluppo economico;  Ivana Bonfante: Anagrafe; Lucio D'Ambra: tributi; Placido Sulfaro: Protezione civile; Luisa Favaloro: Espropri e autorità di vigilanza. - 

Undicesimo anniversario della tragica scomparsa di Gianni Conti. Stasera Santa Messa a S.Pietro

Ricorrendo il 12 Luglio  l'undicesimo anniversario della tragica scomparsa di Giovanni Conti, avvenuta in Panarea, niente di meglio per ricordarlo con la foto di una delle sue tante indimenticabili e meravigliose opere.
 









Stasera il caro Mons. Sardella alle ore 19:00 celebrerà una messa in ricordo nella Chiesa di San. Pietro.
 Caterina, Gustavo e i familiari tutti.

Ghost Mission a Lipari: 17 rinvii a giudizio

Rinvio a giudizio per 17 indagati coinvolti nell'inchiesta “Ghost mission”, missioni fantasma, sui rimborsi economici pagati dal Comune di Lipari per missioni istituzionali compiute da amministratori e funzionari. Lo ha chiesto il sostituto procuratore della Repubblica del Tribunale di Barcellona Giorgio Nicola. Inizialmente gli  indagati erano 27 per 10 è scattata la richiesta di archiviazione. 
Ai restanti 17 indagati che dovranno comparire il prossimo 14 gennaio dinanzi al Gip del Tribunale di Barcellona, si contestano i reati di truffa aggravata in concorso, falsità ideologica in atti pubblici in concorso, con le contestate aggravanti e, infine, abuso d'ufficio in concorso.
Come  è chiaro il rinvio a giudizio per i 17 era  un atto dovuto avendo riscontrato il dottor Nicola presunte responsabilità a loro carico. Nel corso del giudizio ognuno, attraverso il proprio legale, avrà modo di dimostrare di essere estraneo ai fatti contestati.