Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 13 settembre 2008

Brevi dalle Eolie

Croce di Monte Rosa- Come da noi anticipato da ieri sera, anche se per un tempo brevissimo, è di nuovo illuminata la Croce di Monte Rosa posizionata nel 1928 e punto di riferimento per i naviganti e non solo per loro. La Croce è tornata ad essere illuminata grazie all'iniziativa di Gesuele Fonti e Francesco Megna e delle loro famiglie. Per riattivarla è stato trasportato in cima un gruppo elettrogeno e sono stati utilizzati circa 250 metri di cavo luminoso.
Stromboli, soccorso in motoape - Ancora un soccorso in motoape a Stromboli per un turista tedesco colto da infarto non appena sbarcato dalla nave proveniente da Napoli. Come si ricorderà l'ambulanza elettrica è inutilizzabile e per il trasporto alla guardia medica e successivamente all'elipista, da dove è avvenuto il trasferimento in elicottero a Messina, si è dovuti ricorrere al tre ruote della Piaggio.

E le sterpaglie restano ai bordi delle strade. Interrogazione del consigliere Giacomo Biviano

Una interrogazione avente per oggetto " Mancata rimozione delle sterpaglie nella frazione di Pianoconte" è stata inviata dal consigliere Giacomo Biviano al sindaco di Lipari. Il testo:
Distinto Sindaco,
Nel fare un plauso alla sua Amministrazione per il tempestivo disserbamento delle strade comunali devo anche farle notare, o quantomeno segnalare, come sterpaglie, rovi e quant’altro sia stato accantonato, anzi abbandonato, lungo i cigli delle stesse strade, in particolar modo nella frazione di Pianoconte.
Incoscienti, soltanto e solo incoscienti.
Inutile, infatti, rammentare il pericolo che questi rappresentano per la circolazione stradale e, soprattutto, per il possibile divampare d’incendi (motivo principale per il quale si è reso necessario lo stesso disserbamento).
La domanda sorge però spontanea:
E’ stata predisposta la verifica dei lavori o si è proceduti al pagamento senza aver effettuato alcun controllo.
La risposta più ovvia sembrerebbe la seconda. Altrimenti, chi aveva il compito di verificare la corretta esecuzione dei lavori o era reduce dai postumi di una sbronza della sera prima o si è reso volontariamente complice di una, per dirla alla Calderoni, ………………….
La invito, pertanto, ad intervenire con urgenza richiamando la ditta esecutrice dei lavori alla rimozione delle sterpaglie e rendere così le strade più sicure e pulite e soprattutto scongiurare il divampare di possibili incendi.
Cordiali saluti.
Il Consigliere Comunale
Partito Democratico
(Dott.Giacomo Biviano)

Lipari: Approvato progetto ristrutturazione vecchia capitaneria

Il comitato tecnico amministrativo del Provveditorato delle Opere pubbliche di Palermo ha approvato il progetto di ristrutturazione del vecchio palazzo di Pignataro di circa 600 mq che tornerà ad essere la sede della Capitaneria di Porto. Entro l'anno, lo stesso organismo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti potrebbe bandire la gara d'appalto. Il progetto realizzato dall'ing. Fabio Arena del Genio Civile prevede per l'immobile, su due piani, situato a monte della spiaggetta alle spalle del porto rifugio, il consolidamento delle parti murarie e dei solai, il rifacimento della copertura e la pavimentazione interna ed esterna allo stabile, in questo caso in pietra lavica. Saranno inoltre suddivisi gli interni con i posti letto per il personale.

Rifiuti: Si pagherà il servizio di luglio ed agosto senza "penalità". Ma c'era bisogno di tutto questo can-can

L'amministrazione comunale di Lipari pagherà in modo integrale, senza penalità quindi, le fatture di Luglio ed Agosto alle ditte che effettuano il servizio rsu a Lipari, Stromboli e Vulcano. La decisione è maturata ieri pomeriggio nel corso della riunione tenutasi tra i rappresentanti delle ditte, i dirigenti dell’ATO , gli assessori Giulio China, Alfredo Biancheri e il sindaco Mariano Bruno. Presente anche il dirigente del IV settore Domenico Russo. Ricordiamo che il prefetto Alecci incontrando per i lavoratori e le ditte in stato di agitazione l'amministratore delegato ella Eoliemultiservizi aveva garantito il suo intervento.
L'unico inconveniente è che le ditte, e di conseguenza i lavoratori, non vedranno i soldi non prima di fine mese con i gravi disagi che ciò comporta. Per le prime, per quanto riguarda le esposizioni bancarie, per i lavoratori nella gestione delle necessità familiari.

Considerando anche che nel corso della riunione sarebbe stata tentata una "mezza marcia indietro" sulla (ir)responsabilità di "congelare" i pagamenti è logico chiedersi se davvero era il caso di creare questo putiferio e questi disagi a chi investe le proprie economie e a chi vive del proprio onesto lavoro.

venerdì 12 settembre 2008

E' tornata ad illuminarsi la Croce di Monte Rosa

Ore 19.40: E' tornata ad illuminarsi e ad illuminare il tragitto dei naviganti la croce posta in cima al monte Rosa di Lipari.
Per chi ha alzato gli occhi verso la montagna una vera e propria piacevole sorpresa. La grande Croce, costruita con tonnellate e tonnellate di ferro trasportate a dorso d'asino e benedetta il 14 settembre del 1928 per la festa dell'Esaltazione della Croce, è tornata ad illuminarsi grazie a Francesco Megna e Gesuele Fonti e alle loro famiglie. "Abbiamo voluto cosi ricordare- ci hanno dichiarato al'unisono- gli 80 anni dalla costruzione e dalla benedizione della Croce".
Una iniziativa quella di Francesco e Gesuele e delle loro famiglie strettamente personale, da non legare assolutamente-ci tengono a precisare- al ruolo istituzionale che ricoprono. Peccato, però, ma non può essere altrimenti, che la Croce resti illuminata solo per pochi giorni. Il tempo che il gruppo elettrogeno che il gruppo ha trasferito sulla montagna esaurisca il carburante con cui è stato rifornito. Per la cronaca non si è trattato di un lavoro facile la Croce, infatti, è stata "avvolta" con circa 250 metri di cavo luminoso.
Chissà se questa iniziativa e la forte sensazione che si prova a vedere quella Croce illuminata da diversi punti dell'isola e, principalmente, dal mare non spinga la pubblica amministrazione a valutare la possibilità di illuminarla perennemente, magari(è una nostra idea) con il posizionamento di pannelli fotovoltaici.
Plaudendo all'iniziativa di Francesco e Gesuele vi proponiamo un documento d'epoca: l'articolo con cui il giornale L'AVVENIRE EOLIANO anno II n.16 del 30 Agosto 1928 a pag. 4 annunciava l'imminente benedizione della Croce.

Ripartito il servizio rsu dopo l'impegno assunto dal prefetto

Sono tornate al lavoro intorno alle 11.00 le ditte, e con loro i lavoratori, che espletano il servizio rsu per conto dell'ATO Me 5 "Eolie per l'ambiente" e che stamattina si erano fermate per protestare contro la mancata liquidazione da parte del comune di Lipari delle spettanze relative ai mesi di Luglio ed Agosto, bloccate su disposizione dell'assessore Giulio China. Come già anticipato a dare l'input decisivo ai titolari delle imprese e ai lavoratori è stato il prefetto di Messina Francesco Alecci il quale, seppure in visita a Lipari nelle vesti di commissario straordinario e nel contesto del progetto legato al ciclo dell'acqua, ha incontrato al comune, presenti i consiglieri comunali Francesco Megna e Adolfo Sabatini, i responsabili delle ditte e i lavoratori garantendo loro di attivarsi affinchè la problematica venga risolta entro sabato e dando, in caso contrario, appuntamento a tutti per martedì in prefettura a Messina. Ai suoi interlocutori il prefetto ha chiesto un "atto di buona volontà, riprendendo il servizio per non penalizzare sia la cittadinanza che i turisti che si trovano nelle isole". Invito immediatamente accolto anche se, ovviamente, le ore di ritardo accumulate nell'espletamento del servizio hanno creato qualche disagio. Vi è da evidenziare però che sia le ditte che gli operatori ecologici hanno avuto tutta la solidarietà da parte dei cittadini.
Nel pomeriggio si terrà al comune una riunione tra i responsabili delle ditte che espletano il servizio rsu e gli amministratori locali. Come ci ha annunciato il vice-sindaco Alfredo Biancheri non ci dovrebbero essere difficoltà a dirimere finalmente la questione.

Lipari: Attentato incendiario in un cantiere edile

Attentato incendiario stanotte intorno alle 00.15 ai danni di un cantiere edile della ditta di Antonino Bellino. Ignoti hanno appiccato il fuoco, si presume con del liquido infiammabile, a delle travi che erano state rimosse dall'edificio che l'impresa sta ristrutturando e che si trova sulla via Franza a pochi metri da un parcheggio e dall'ospedale. A lanciare l'allarme è stata una dipendente di un noto hotel che si trova proprio di fronte al cantiere. Sul posto sono immediatamente intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri. Le fiamme levatisi altissime hanno rischiato di avvolgere una auto-betoniera della ditta e solo il tempestivo intervento del geometra Stefano Lauricella, che ha spostato il mezzo, ha scongiurato che ciò potesse accadere. Sul posto per un sopraluogo, assente il geometra Nino Bellino, è arrivato il figlio che ha potuto constatare che, per fortuna, i danni registrati sono abbastanza lievi.

Lipari: Esodo medici dall'ospedale in assenza di indennità

(Peppe Paino-Gazzetta del sud) La Cisl medici di Messina è fortemente preoccupata per le sorti dell'Ospedale di Lipari i cui medici potrebbero presto abbandonare la struttura per trasferirsi in altri presidi della provincia dove non sarebbero costretti a sobbarcarsi a ingenti sacrifici economici.
«L'Ausl 5 – dichiara il segretario provinciale Attilio Andriolo – ha rinviato il tavolo negoziale della trattativa per l'attribuzione dell'indennità di disagio, che fu tolta inspiegabilmente circa due anni fà e che consentiva ai medici di affrontare le spese di affitto e di viaggio». La Cisl medici di Messina ritiene che sia finito il tempo delle promesse e delle tavole rotonde (un convegno è previsto tra oggi e domani a Salina). «La sanità eoliana – avverte Andriolo – ha bisogno di maggiore attenzione e soprattutto di maggiori risorse tecnologiche e umane. In quest'ottica – continua – plaudiamo all'iniziativa dell'Assessorato alla Sanità che ha promesso ai medici di continuità assistenziale e del 118 un'indennità giornaliera di 5 euro l'ora e il rimborso spese di viaggio. Niente di tutto questo, invece si intravede per gli operatori sanitari dell'ospedale di Lipari che stanno sobbarcandosi il sovraccarico di lavoro del periodo estivo senza incentivi economici di alcun genere».

Eolie: Stop al servizio r.s.u. Ma si apre uno spiraglio

Hanno incrociato le braccia stamattina le ditte e i lavoratori che nelle Eolie svolgono il servizio RSU per conto dell'ATO eoliana. E nonostante il "blocco" sia in atto da poche ore si cominciano ad avvertire i primi disagi specie nelle zone più nevralgiche.
Lo stop, come più volte annunciato, è stato attuato per la mancata erogazione da parte del comune di Lipari delle somme necessarie a coprire l'importo delle fatture per i servizi effettuati a Luglio ed Agosto nelle isole di Lipari, Vulcano e Stromboli. I lavoratori, una trentina circa, si sono ritrovati di buon'ora a protestare davanti alla sede dell'Ato e, successivamente, si sono spostati al comune di Lipari. C'è stato un contatto telefonico con l'a.d. dell'ATO Mimmo Fonti, fuori sede per motivi familiari, il quale ha solidarizzato con i lavoratori, fatto il punto della situazione, invitandoli a riprendere il servizio nell'interesse del paese. Sulla questione è ulteriormente intervenuto il prefetto Francesco Alecci il quale ha chiesto a lavoratori e ditte un gesto di buona volontà, garantendo il suo intervento per una immediata soluzione. Stante questo intervento lavoratori e ditte hanno deciso di riprendere, già dalle prossime ore, il servizio.

Lo Cascio e il degrado dell'area d'accesso al cimitero di Lipari

Una interrogazione consiliare sul degrado in aree di accesso al cimitero di Lipari è stata inviata dal consigliere Pietro Lo Cascio al sindaco e all'assessore ai servizi idrici, elettrici, fognari e cimiteriali del comune di Lipari e per conoscenza al presidente del consiglio comunale. Il testo:Gentili Amministratori,ho avuto modo, recentemente, di raccogliere numerose lamentele da parte di cittadini riguardo le condizioni di assoluto abbandono della strada che collega la via Falcone e Borsellino con il lato Nord del Cimitero, e della piazzola posta alla fine della stessa. Su questa, come è noto, apre un cancello che consente l’accesso alla parte alta del Cimitero. Lungo la strada vi sono auto in evidente stato di abbandono, qualche volta addirittura rottami, e nella piazzola anche depositi di spazzatura, materassi sventrati, rottami e residui di materiale edile. Con l’occasione, evidenzio anche come si sia riproposta una situazione oggettivamente insostenibile nell’area adiacente alla stessa strada, di proprietà del sig. Cannizzaro, dove risultano accatastati numerosi rottami di auto e altri materiali, e si aggirano cani tenuti in condizioni che ritengo difficilmente compatibili con le minime esigenze igieniche previste dalla legge. Ricordo alle SS.VV. come la stessa area fosse stata oggetto, anni fa, di una iniziativa della precedente amministrazione, finalizzata allo sgombero ed al ripristino di sia pur minime condizioni igieniche e di sicurezza. Devo rilevare come tutto quanto sopra esposto non influisca in maniera positiva sul morale e sulla sicurezza dei cittadini che si recano a trovare i loro cari estinti.Pertanto,interrogo le SS.VV.per conoscere cosa intende fare l’Amministrazione, e in quali tempi, per il ripristino delle condizioni di decoro che un tale ambito richiederebbe.Certo di un Vs. cortese riscontro scritto alla presente, formulo distinti saluti.Pietro Lo Cascioconsigliere comunale“Eolie nel Cuore

Canneto: Turista in difficoltà in mare..salvata da ragazzini liparesi

Disavventura a lieto fine ieri pomeriggio a Canneto per una turista inglese di una quarantina d'anni che, in evidente stato d'ebbrezza, si era tuffata in mare correndo il rischio d'affogare. A notare la donna, che si trovava in evidente difficoltà, ad una quindicina di metri dalla spiaggia limitrofa al pontile della frazione, sono stati un gruppetto di ragazzi dell'isola, abituali frequentatori del litorale. Mentre il quattordicenne V.L.S. si è avvicinato nuotando alla donna, trascinandola sino a riva, supportato anche da altri amici, C.C., una delle ragazze presenti, ha allertato con il telefonino il 118. In attesa dell'arrivo del mezzo i ragazzini(fra i tredici e i sedici anni) hanno cercato, per quanto possibile, di mettere a suo agio la donna che, tra l'altro, aveva ingerito dell'acqua salmastra.
All'arrivo del mezzo di soccorso la donna ha affermato di non voler essere trasportata in ospedale e a farla recedere dalle sue intenzioni non sono bastati neanche i carabinieri giunti sul posto su richiesta degli addetti del 118.




giovedì 11 settembre 2008

E c'è chi si ostina a non pagare

Un maxi intervento è stato effettuato oggi della Eoliemultiservizi nell'isola di Vulcano per ripulire l'isola da una incredibile quantità di materiale vario.
Nell'operazione sono stati impiegati due mezzi e sei operai.
L'incredibile è che mentre encomiabilmente si opera, nonostante il "buio economico", c'è chi ancora si ostina a non riconoscere l'importante lavoro che viene effettuato. Anzi si continua a cercare il "pelo nell'uovo"...con i risultati che tutti sappiamo.
Ma ecco alcune eloquenti foto dell'intervento a Vulcano

Rifiuti: Il comune non paga. Da domani stop al servizio rsu a Lipari, Stromboli e Vulcano. Anche i lavoratori in agitazione

Si fermano da domani le società che nelle isole di Lipari, Vulcano e Stromboli svolgono per conto dell'ATO, in via provvisoria e in attesa dell'affidamento della gara, il servizio RSU, ivi compresa la raccolta differenziata partita, con risultati più che soddisfacenti, da un mese. Contestualmente i lavoratori del settore manifesteranno al comune di Lipari.
Da domani, quindi, rifiuti in mostra nei cassonetti e strade non spazzate. Sicuramente non una immagine positiva per i turisti che ancora affollano queste isole e, considerando il caldo di questi giorni, con i conseguenti rischi di carattere igienico-sanitario. Uno stop preannunciato e, ad onor del vero, inevitabile considerando che, dopo lo stop ai pagamenti disposto dall'assessore Giulio China per presunte irregolarità nel servizio, nonostante le successive promesse di delibere di pagamento già pronte ma bloccate da problemi tecnici, le casse delle società restano vuote, i lavoratori senza stipendio e gli impegni e l'esposizione delle stesse società con le banche sempre più pressanti. Una misura sicuramente colma anche in considerazione del fatto che, le ditte in questione, si sono trovate coinvolte in piena stagione estiva in un servizio che era già stato affidato in via provvisoria ad altri(affidamento poi rientrato a seguito di una nota del prefetto di Catania), ad operare a condizioni economiche da tempo ritenute insufficienti e con l'ulteriore peso della raccolta differenziata. In più ad aggravare la situazione complessiva ci si mette il fatto che per quanto riguarda il servizio di trasferimento rifiuti dalle Eolie alla discarica di Mazzarrà S. Andrea non viene erogato un euro da 8 mesi, con palleggiamenti vari di responsabilità. A far recedere le ditte dall'attuare il preannunciato stop ci ha provato anche il prefetto Francesco Alecci che, consapevole della gravità della situazione, oltre a sollecitare l'amministrazione Bruno per gli atti di sua competenza, ha chiesto “l'ennesimo sacrificio e gesto di buona volontà”.

Servizio RSU: Riunione all'Ato eoliana e si resta con il fiato sospeso

L'assemblea dei soci dell'Ato eoliana, riunitasi stamattina alla presenza dell'assessore provinciale Pietro Petrella, ha deliberato che non può essere affidata alla Geo Ambiente srl ed Ecolandia di Paladino Maria la gara per il servizio di rsu nelle isole Eolie. Come si ricorderà l'affidamento della gara era stato sospeso a seguito di vicissitudini di carattere giudiziario che interessano componenti di quella società e a seguito di una informativa inoltrata dal Prefetto di Catania.
E' stato altresì deciso che il servizio sarà affidato alla società che, in fase di gara, si era piazzata al secondo posto. Società che, comunque, dovrà provvedere ad integrare la necessaria documentazione. Ma è anche chiaro che il comune di Lipari dovrà trovare i fondi da destinare al servizio.
Intanto c'è grande attesa per quelle che saranno le decisioni che assumeranno nel pomeriggio le ditte eoliane che stanno effettuando in questo momento il servizio a Lipari, Vulcano e Stromboli e che si sono viste bloccare i pagamenti di luglio ed agosto da una decisione dell'assessore Giulio China. Come si ricorderà era stato preannunciato che se entro l'11 settembre, cioè oggi, non fossero state pagate le relative fatture, il servizio sarebbe stato fermato. Dal comune sostengono che i pagamenti sono stati sbloccati ma le ditte, in realtà, non hanno ancora visto un euro. Vedremo cosa accadrà.

"Riganò? Ve lo spieghiamo noi”.Alcuni dei tecnici che lo hanno allenato raccontano la loro storia col bomber della Ternana.

(Giorgio Palenga) La Ternana vola e può permettersi il lusso di aspettarlo. Christian Riganò sta recuperando quella condizione che un’estate praticamente senza allenarsi non poteva certo dargli. Lavora sodo, il bomber di Lipari, e Giorgini sa che, quando sarà pronto, avrà un’altra freccia al suo arco come nessun altro tecnico può vantare in questo campionato. Ed a proposito di tecnici, Riganò ha fatto le gioie degli allenatori che lo hanno avuto, segnando praticamente ovunque gol a raffica. Anche se non con tutti è stato amore. “Io ho un ottimo ricordo di Christian - attacca Mario Beretta, ultimo suo mister, l’anno scorso a Siena - ed anzi ci siamo anche sentiti dopo il suo arrivo a Terni. Gli ho detto che deve per forza far bene, perché la Ternana resta sempre la mia squadra ed a Terni ho tantissimi amici. L’anno scorso non ha giocato molto, anche perché era reduce dalla brutta esperienza del Levante e quando è arrivato si è trovato di fronte Maccarone e Frick in grande spolvero. Però è stato utilissimo. Ha segnato un solo gol, ma a Bergamo ne ha fatti fare due, così come contro il Parma si è procurato un rigore. E poi è stata una presenza importante nello spogliatoio. Ricordo che, nella festa per la salvezza, è stato proprio lui a tirarmi in aria di peso”. Uno dei primi maestri di Riganò è stato Gaetano Auteri, oggi allenatore del Siracusa, che lo ha avuto in D, all’Igea Vritus. “Lo vidi in Eccellenza - racconta - e dissi subito al mio presidente di prenderlo. Ci avrei scommesso che sarebbe arrivato in alto, anche se il grande calcio professionistico l’ha scoperto tardi. Il secondo anno all’Igea vincemmo il campionato, ma arrivò una buona offerta e la società decise di cederlo. E’ in ritardo di condizione? Uno come lui, in area, fa male anche se gioca da fermo”. Alberto Cavasin ha allenato il bomber di Lipari in due periodi diversi, alla Florentia Viola (C2 e B) e a Messina. “Tutti splendidi ricordi a Firenze - spiega - sia in campo che fuori. Con lui va instaurato subito un rapporto diretto perché è un ragazzo di grande carisma e personalità. Da noi è diventato subito un leader nello spogliatoio e in maglia viola ha segnarto caterve di gol. A Messina, invece, la situazione era più complicata. Christian però ha fatto lo stesso molto bene, andando in campo anche in condizioni menomate, per un infortunio che lo tormentava. E’ un uomo di spogliatoio, fondamentale averlo in un gruppo”. Ma c’è anche una voce fuori dal coro, quella di Mario Somma, tecnico dell’Empoli che prese Riganò dalla Fiorentina, in A. “Nulla da dire del giocatore, perché i numeri parlano chiaro, ma io e lui abbiamo avuto dei problemi. Non voglio dilungarmi oltre, lui sa bene a cosa mi riferisco. Di quel periodo ricordo che ho subìto un esonero in serie A, e non è stata certo una cosa piacevole. Da un punto di vista tecnico, certamente in Prima divisione potrà far fare il salto di qualità alla Ternana”. Infine Bruno Giordano, altro tecnico che ha diretto Riganò nell’esperienza di Messina. “Non me ne voglia la Ternana, ma secondo me uno come Riganò in C1 è sprecato. Con questo voglio dire che la società rossoverde ha fatto un affare. E’ un leader, sa trascinare pubblico e compagni, specie i più giovani. E’ il giocatore che ogni allenatore vorrebbe avere nel suo gruppo”.

Legambiente Lipari: L'autogol dell'assessore China

L’autogol – annunciato da Legambiente all’inizio della disputa tra l’Assessore China e l’Ato - rischia di vanificare gli sforzi operativi della nascente operazione di raccolta differenziata.
Si attende ancora l’atto di contrizione dell’Assessore Giulio China che riconoscendo la nefasta portata del provvedimento dallo stesso adottato per “eccessiva solerzia”, dia mandato al Dirigente del IV settore Dott. Nico Russo di annullare la precedente disposizione e liquidare all’Ato le fatture relative al Servizio RSU per i mesi di Luglio ed Agosto che risultano non essere state ancora consegnate all’Ufficio Ragioneria.
La richiesta di pagamento inviata al Sindaco dall’amministratore dell’Ato Mimmo Fonti, mette in guardia sui rischi di carattere igienico-sanitario che l’interruzione del Servizio Raccolta può arrecare.
Ricordiamo ai nostri amministratori che molti sono ancora gli ospiti che onorano della loro presenza le eolie e che, in aggiunta ad una stagione martoriata dai disservizi, non meritano certo la visione di cassonetti stracolmi di rifiuti putrescenti……ne và di mezzo l’immagine di un’intera cittadinanza e non è consono ad un sito della World Heritage List.
Legambiente chiede ufficialmente all’Assessore China ed al Sindaco Dott.Bruno di adoperarsi, immediatamente, affinché si scongiuri tale evento e solo dopo aver liquidato le fatture insolute, aprire un tavolo di trattative per stilare una convenzione che garantisca tutte le parti in causa e soprattutto i cittadini eoliani.
Legambiente Lipari
Piero Roux

UNESCO: EOLIE SORVEGLIATE SPECIALI MINISTERO AMBIENTE

(La Repubblica.it) Eolie sorvegliate speciali. In ballo ancora la loro permanenza nell'elenco Unesco dei siti considerati patrimonio dell'umanita'. Con una nota inviata al Comune di Lipari, il direttore generale del ministero dell'Ambiente, Aldo Cosentino, ha ribadito che l'arcipelago continua "ad essere sempre sotto osservazione" e che una nuova verifica sara' fatta entro il primo febbraio 2009. Prende atto che le attivita' pomicifere sono state bloccate e il sequestro degli impianti di escavazione e trasporto nell'agosto 2007 sembra fornire sufficienti garanzie che tali attivita' non riprenderanno. Ma il piano di gestione presentato "e'largamente descrittivo" e fornisce "poche informazioni su politiche, strategie e azioni specifiche volte a proteggere il "patrimonio mondiale e, cosi' come e' stato presentato, appare inadeguato a tutelarne i valori naturali". Non risulta chiaro, poi, il funzionamento dell'ente gestore, ne' su quali finanziamenti possa contare; l'allargamento proposto del porto di Lipari appare eccessivo e nel piano viene indicato se e' stata eseguita una valutazione d'impatto ambientale "e non sono state fornite specifiche proposte per il ripristino della vegetazione nelle aree di cava". Peraltro, non e' stata formalmente avviata la modifica dei confini del sito Unesco sulla base della riserva di Lipari, inoltre anche se si desume che non ci saranno sviluppi di infrastrutture aeroportuali, e' opportuna una modifica al piano triennale paesistico. Nonostante il riferimento alla legge finanziaria 2008 e alla possibile creazione di un parco nazionale, non e' stato istituito come richiesto il parco regionale delle isole Eolie che dovrebbe comprendere anche le aree marine. Infine, il ministero spiega che "il piano contiene una lunga disamina dei valori naturali del sito, ma in se' non rappresenta una nuova candidatura e non prende in considerazione le zone costiere e marittime". Avverte Cosentino che "il mancato soddisfacimento di anche una sola condizione, che implica potenziale pericolo al sito, comporta l'iscrizione nella lista dei beni in pericolo".

mercoledì 10 settembre 2008

Sabatini: relazione semestrale del sindaco a quando?

>Una interrogazione è stata inoltrata dal consigliere comunale Adolfo Sabatini.
Il testo:
L’art. 17 della Legge in oggetto, così per come modificato dall’art. 127 della Legge Regionale n.17 del 28.12.2004, prevede che il Sindaco ogni anno presenti al Consiglio Comunale una relazione scritta sullo stato di attuazione del programma e sull’attività svolta nonché su fatti particolarmente rilevanti.
Essendo trascorso oltre un anno dall’elezioni del Sindaco, e non avendo lo stesso Sindaco adempiuto a quanto disposto dalla Legge, con la presente INTERROGO per conoscere: le motivazioni per le quali tale importate atto non è stato ancora redatto e/o sottoposto al Consiglio Comunale; entro quali tempi la S.S. intende adempiere a quanto previsto dalla Legge.
Al segretario generale CHIEDO di comunicarmi quali sono gli atti amministrativi necessari a seguito di tale inadempienza e di attivare immediatamente agli atti consequenziali previsti dalla Legge.
RITROVIAMO LA NOSTRA EOLIANITA'

La Pro Loco delle Eolie e il comune di Lipari alle "Giornate del cinema familiare"

COMUNICATO STAMPA
Anche la Pro Loco Isole Eolie, rappresentata per l’occasione da Davide Starvaggi e Antonio La Macchia, e il comune di Lipari, rappresentato dall’Ass.re Corrado Giannò e dal consigliere comunale e capogruppo del Pdl in consiglio comunale Antonio Casilli, saranno presenti alle "Giornate del cinema familiare", promosse dalla Comunità Montana del Casentino con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali. La manifestazione di respiro internazionale e la prima sul territorio nazionale è espressamente dedicata al cinema familiare e persegue gli obiettivi già lanciati dal progetto "Seicento Minuti di Novecento", attivo dal 2003, che ha tra le altre cose contribuito a riportare alla luce e proteggere dal tempo e dall'oblio parte, sia pur piccola, dell'enorme patrimonio di film amatoriali girati in pellicola durante il Ventesimo secolo. Al teatro comunale di Stia (Arezzo) si ritroveranno nelle quattro giornate esperti provenienti da varie realtà nazionali ed internazionali quali Cineteca del Friuli, Archivio Nazionale Cinema della Resistenza di Torino, Home Movies, Archivio Audiovisivo Operaio e Democratico, l'Università di Teramo, di Firenze e il London University College con John Foot. La giornata conclusiva del 12 settembre sarà dedicata a Lionetto Fabbri, famoso regista fiorentino, attivo in Italia e Europa tra gli anni '50 e '60, vincitore al Festival di Berlino nel 1957 e 1958 di due Orsi d'Oro per "La lunga raccolta" e "Gente lontana", il documentario che racconta la vita e il lavoro dei cavatori della pomice nell'isola di Lipari.

Filicudi: Manca ambulanza, malato trasportato su furgone sino all'elisuperficie

Un 76enne, colpito da ictus, è stato trasportato a bordo di un furgone all'elisuperfice di protezione civile da dove, successivamente, è stato trasferito a Messina. E' accaduto a Filicudi, dove non c'è l'ambulanza e, di volta in volta, come spiega il medico Daniela Checiu, in forza all'ambulatorio isolano, per il trasporto dei degenti viene utilizzato un mezzo di fortuna messo a disposizione dagli stessi abitanti dell'isola. L'utilizzo di mezzi fortuiti di trasporto non è un caso isolato nelle Eolie. Il 25 luglio scorso, l'associazione Amapanarea rese noto che il corpo senza vita di una turista di Pavia, morta per un malore mentre faceva il bagno, fu trasportato su una motoape in assenza dell'ambulanza non funzionante.

Lo Cascio "scopre gli altarini" su asilo nido e sulla telenova dell'affidamento-non affidamento alla Coop. La Margherita

Lettera del consigliere Pietro Lo Cascio di “Eolie nel cuore” sulla vicenda legata all'asilo nido di Via S. Giorgio. Il testo:
Gentile Direttore,
ho accolto con piacere l’invito della presidente Lo Rizio, rappresentante legale della Società Cooperativa “Margherita”, quando, suo malgrado coinvolta nella recente polemica sull’asilo nido comunale di Lipari, ha esortato i consiglieri (e, tra questi, certamente anche me) a “controllare gli atti […] prima di scrivere e sentenziare”.
Desidero premettere come, nel ricordare una notizia vecchia ormai di mesi relativa all’affidamento della struttura alla sua cooperativa, non intendevo attribuire a quest’ultima eventuali responsabilità dell’attuale degrado, ma conoscere l’esito dell’iniziativa, chiedendo in caso contrario quali fossero stati i motivi ostativi che – di fatto – ci privavano e ci privano ancora oggi di un asilo nido comunale.
Una più attenta lettura delle carte mi permette finalmente di ricostruire in maniera circostanziata la vicenda, ancora “tiepida”, della quale credo sia corretto informare la cittadinanza. La cooperativa, mostrando indubbia sensibilità verso il problema dei servizi per l’infanzia, manifesta già nel maggio del 2005 al Comune la propria disponibilità a un eventuale affidamento della struttura e propone un progetto, denominato “Baby’s Dream”, che prevede l’attivazione per un anno di un servizio di asilo nido aperto alla fascia pre-scolastica; offre all’ente la propria partecipazione, nella misura del 20%, agli oneri di gestione, e chiede 35.000 euro di finanziamento alla Regione. Il costo della retta, recita testualmente il progetto, “sarà determinato dalle diverse e reali esigenze di chi usufruirà del servizio” (???), ma questi sono dettagli. Il Comune risponde (22 gennaio 2007) informando la cooperativa di avere ottenuto per tale progetto un contributo della Regione pari a 28.000 euro, cui si sommano 7.000 euro a carico del bilancio comunale e altrettanti previsti a carico della “Margherita”, e invitandola pertanto a rimodulare il piano economico di “Baby’s Dream”. Qualche giorno dopo (6 febbraio) la cooperativa invia il piano economico rimodulato per un totale di 42.000 euro; di questi, 12.000 vengono previsti per interventi di manutenzione straordinaria (ripristino degli intonaci, pitturazione e sistemazione del giardino). Non si parla più di rette, forse dopo aver appurato che per predisporle nell’ambito di un servizio compartecipato da enti pubblici andrebbe approvato un apposito regolamento, ma anche questi sono dettagli. Nel frattempo (2 marzo e 16 aprile), l’Ufficio Servizi Sociali interpella l’Ufficio Tecnico, per un dovuto parere sullo stato e la possibile fruizione dei luoghi e per la quantificazione degli interventi di manutenzione; anche la cooperativa sollecita l’ufficio in tal senso (3 aprile), ricevendo risposta (24 maggio) complessivamente positiva, previa revisione degli impianti e isolamento della parte inagibile dello stabile, adiacente a quella affidata. Dopo l’assestamento post-elettorale, la nuova Giunta, con delibera n. 2 del 4 gennaio 2008, approva finalmente uno schema di convenzione per l’affidamento per un anno del progetto “Baby’s Dream”. La cooperativa, tuttavia, non la sottoscrive. Seguono mesi di “silenzio”, finché, dopo un ennesimo sollecito da parte del Comune (11 luglio) nel quale si fa presente, tra l’altro, come la Regione abbia richiesto la restituzione delle somme non utilizzate, la cooperativa scrive (22 luglio) di voler proseguire l’iniziativa ma di volere modificare lo schema di convenzione in alcuni aspetti (numero delle utenze e delle ore lavorative). Cooperativa e Ufficio Servizi Sociali si incontrano, concordano le modifiche e quest’ultimo invia (23 luglio) lo schema di convenzione finalmente rimodulato. A questo punto, sarebbe lecito attendersi una lieta conclusione della vicenda, anche perché la Regione continuerebbe a richiedere indietro i contributi straordinari non utilizzati. Invece non accade nulla, e il Comune scrive ancora (27 agosto) per conoscere le intenzioni della cooperativa ed – eventualmente – formalizzare la rinuncia al finanziamento. Nel frattempo scoppia il caso “asilo nido”, e il 5 settembre arriva laconica la risposta della “Margherita”, sempre intenzionata a realizzare il “Baby’s Dream”, ma specificando che “alla luce delle polemiche che si sono verificate in merito a tale servizio” si attende di essere convocati per un ennesimo sopralluogo nei locali. Ora, è davvero singolare che la storia di questo affidamento – finora mancato – sia una snervante altalena tra modifiche, lunghi silenzi (di meditazione?), e richieste di sopralluoghi. In merito a questi, mi risulta che un collega consigliere comunale – notoriamente vicino alla cooperativa – abbia curiosamente avuto in disponibilità le chiavi dell’asilo nido per settimane, se non addirittura per mesi; tralascio poi il fatto che i locali, se accessibili ai colleghi Megna e Fonti per il loro scoop, lo sarebbero stati certamente anche per i soci della cooperativa. Ma non è questo il punto.Quando la presidente Lo Rizio “riflette se non sono da ricercare negli organi competenti le inadempienze e le mancanze che non hanno fatto sì che il progetto avesse il suo seguito” (dalla lettera aperta del 3 settembre), mi sembra che il risultato di tale riflessione sia frettoloso e parziale. Il carteggio sopra esposto, più che la latitanza del Comune, evidenzia lunghi silenzi da parte della cooperativa, proprio nelle fasi più delicate e recenti dei passaggi necessari per la messa in funzione dell’asilo nido; ciò, peraltro, potrebbe comportare la revoca definitiva del finanziamento regionale assegnato, e quindi l’impossibilità di una prossima – e auspicabile – utilizzazione dell’asilo stesso da parte della cooperativa o di altri enti eventualmente interessati. Non ne faccio, tuttavia, una colpa alla presidente: ciascuno conosce le proprie ragioni e ha i propri tempi; ma, mi permetto di suggerirle, scriva con maggiore solerzia ed eviti – almeno questa volta – di sentenziare e puntare il dito sulle istituzioni".
Pietro Lo Cascio

Scoperto il mistero degli oggetti volanti in transito su Vulcano


(Anonimo eoliano) Dopo aver letto su Eolie news l'articolo che riguardava strani oggetti volanti non identificati che si aggirano in Sicilia ed anche a Vulcano, come documentato dalla foto pubblicata sul sito, potenti scanner hanno ingrandito l'immagine e risolto il mistero.

Capistello: Lavori in corso per il "pino telefonico"

Sono iniziati ieri i lavori a Capistello i lavori per il posizionamento di un ulteriore "pino telefonico". Il tutto tra le proteste degli abitanti del posto che, come si ricorderà, hanno inviato un esposto alla Procura Generale della Repubblica di Barcellona contro il provvedimento autorizzativo rilasciato dalla Soprintendenza BB.CC.AA. di Messina alla società Nokia Siemens per l’installazione di una nuova antenna radio base per telefonia mobile a foggia di “pino”.

martedì 9 settembre 2008

Lipari: Vacanza settembrina per Enzino Iacchetti

Lipari, le Eolie più in generale, continuano ad essere meta, anche in questo mese di settembre, di personaggi noti al grande pubblico. Mare, sole, relax totale è il leit-motiv della vacanza eoliana di Enzo Iacchetti. Il “signor Enzino”, noto per le sue partecipazioni a “Striscia” a fianco di Ezio Greggio, ma anche per l'apprezzata attività teatrale e cinematografica, ha scelto l'ex spiaggia bianca di Papisca a Lipari e il mare antistante per i suoi bagni di sole e di mare. “Coccolato” dai ragazzi del lido, il “Tonno” su tutti, resta in spiaggia per diverse ore non tralasciando di concedersi con l'allegria e la spontaneità che lo caratterizzano agli obiettivi dei turisti settembrini. “Famosi” sono diventati i suoi tuffi sul materassino con puntuale ribaltamento. La sera poi, unitamente ai familiari, con cui è in vacanza, si concede qualche piccola capatina in giro per l'isola.

Russo chiude per due giorni "L'approdo" e revoca parte del suolo pubblico ad Eden bar e Enoteca Essepiù

(da Lipari.biz) Ordinanza di chiusura , valida per due giorni, per oggi e domani, da parte del dirigente del 4° settore Nico Russo nei confronti del bar “L’approdo” sito in via Maurolico. L’ordinanza amministrativa segue le continue violazioni di carattere sia di diffusione musicale che di occupazione abusiva di suolo pubblico, e accertate , in più circostanze comunicate sia dai carabinieri che dalla Polizia Municipale. Lo stesso dirigente ha disposto anche la revoca di parte del suolo pubblico sia per l’Eden Bar che per l’Enoteca Essepiù. In pratica il bar potrà usufruire del suolo pubblico davanti al proprio prospetto , mentre l’enoteca dovrà accontentarsi dei circa 4 metri quadrati sul marciapiede. Anche in questo caso- ha specifico il dirigente Russo- la decisione a seguito dell’accumulo dei verbali per occupazione abusiva di suolo pubblico, da parte delle due attività.

Monte Pilato: China custode giudiziario di una parte dell'area

L'assessore Giulio China è stato nominato dalla Procura della Repubblica di Barcellona custode giudiziario di un tratto della cava pomicifera di Monte Pilato, sottoposta a sequestro dall'autorità giudiziaria all'indomani dell'incidente mortale che il 13 giugno del 2003 costò la vita a Augustin Olivieri Acosta, un ventiquattrenne turista argentino che si era avventurato sulla montagna bianca, insieme ad altri amici, per vedere l'alba. Il giovane perse la vita precipitando da una altezza di circa settanta metri.
L'incarico all'assessore è stato conferito su disposizione del dott. Olindo Canali dopo che Francesco Galvagno, nominato il 13 giugno 2003 custode dell'area interessata all'incidente mortale, ha chiesto di essere sostituito in quanto non svolge più la sua attività lavorativa alla Pumex e non risiede più a Lipari. L'assessore China, nel verbale sottoscritto presso la stazione dei carabinieri, a seguito della notifica del provvedimento, ha dichiarato "di non aver consocenza dei luoghi affidati che comunque non sono raggiungibili in quanto non servizi da sentieristrade e sicuramente modificati dagli agenti atmosferici in considerazione del tempo trascorso".

Punta Castagna: Lettera alla Procura dell'assessore Giulio China

Una lettera è stata inviata alla Procura della Repubblica di Barcellona, per la precisione ai dottori Olindo Canali e Francesco Massara, dall'assessore comunale al Patrimonio, Giulio China.
Ha chiesto di sapere, per quanto riguarda l'area di Punta Castagna di Lipari, soggetta a suo tempo (agosto 2007) a provvedimento di sequestro da parte dell'autorità giudiziaria nel contesto dell'operazione più ampia inerente la zona pomicifera di Porticello, qual è lo stato attuale dell'iter giudiziario e quali autorizzazioni il comune di Lipari dovrà ottenere per poter ottemperare a precise disposizioni da parte dell'Unesco onde consentire la permanenza del sito eoliano fra quelli dichiarati "Patrimonio dell'Umanità".
«Una di queste disposizioni - ha sottolineato l'assessore China - riguarda la rimozione delle scorte di pomice, lì concentrate, ed il piano di loro utilizzo che dovrebbe essere soggetto ad una valutazione dell'impatto sull'ambiente marino». Come si ricorderà, e come recentemente sottolineato dai consiglieri comunali Francesco Megna e Gesuele Fonti in una dettagliata interrogazione inoltrata all'amministrazione Bruno, la 32. sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale Unesco, riunitasi a Quebec City nel luglio scorso, aveva sottolineato come, entro il primo febbraio 2009, si doveva dare piena attuazione a 8 condizioni ancora non soddisfatte (in precedenza erano 9) ed inerenti il sito delle Eolie. L'unica condizione soddisfatta era il blocco dell'attività mineraria pomicifera. Mentre sul "banco degli imputati" restano ancora, oltre alla rimozione delle scorte di pomice su cui è intervenuto l'assessore China con la lettera alla Procura, il piano di gestione presentato, il funzionamento dell'ente gestore e i finanziamenti su cui può contare, il ripristino della vegetazione nelle aree di cava, la modifica dei confini del sito Unesco sulla base della riserva di Lipari, la mancata istituzione del parco regionale delle isole Eolie che dovrebbe comprendere anche le aree marine protette, la mancata considerazione nel piano di gestione delle zone costiere e marittime. Infine, così come riportato testualmente nel verbale della commissione Unesco «l'allargamento del porto di Lipari».

lunedì 8 settembre 2008

L'ATO sollecita il pagamento delle fatture alle ditte che espletano il servizio RSU. E lo stop è dietro l'angolo

Il pagamento delle fatture del canone del servizio RSU è stato sollecitato da Domenico Fonti, amministratore delegato dell'ATO eoliana, al sindaco di Lipari e al dirigente del IV settore. Il fax di sollecito è stato inviato per conoscenza al prefetto di Messina e all' Agenzia regionale per i rifiuti e le acque. Il testo:
Oggetto: pagamento fatture canone servizio RSU
Con la presente, in ordine a quanto in oggetto e a seguito di colloqui telefonici odierni tra il funzionario dell’ATO ME5, dott. Bartolomeo Lo Presti, e gli Uffici comunali preposti, si rassegna quanto segue:
la fattura n. 034/2008 del 01/07/2008 relativa al servizio RSU (in dodicesimi) del mese di luglio 2008, nonostante le rassicurazioni date dal Dirigente del IV Settore all’Amministratore di questa Società lo scorso giovedì, risulta non essere stata ancora consegnata all’Ufficio Ragioneria per la liquidazione;
il medesimo discorso vale per la fattura n. 040/2008 del 04.08.2008 relativa al servizio RSU del mese di agosto 2008, la quale, a detta del Responsabile dell’Ufficio Ecologia, non può essere liquidata in quanto lo stesso funzionario non ha ancora ricevuto una disposizione del Dirigente del IV Settore che annulli la precedente (che ne sospendeva il pagamento), permettendone così la liquidazione.
Tenuto conto di quanto sopra esposto e del termine perentorio del 11.09.2008 posto dalle Ditte durante la riunione con l’ATO ME5 del 04.09.2008 (copia del cui verbale Vi è stato inviato a mezzo fax prot. n. 1432 del 05.09.2008) per il pagamento di quanto dovuto, passato il quale le stesse sospenderanno il servizio, si chiede di provvedere con immediatezza al pagamento delle fatture in questione, al fine di evitare gravi problematiche di carattere igienico sanitario, di cui la scrivente società d’Ambito declina ogni responsabilità,.
Distinti saluti.
L’Amministratore Delegato
Domenico Fonti

Servizio rifiuti solidi urbani: Fonti a "muso duro" dopo l'ultima nota di China

Non si fa attendere la replica dell'amministratore delegato dell'Ato eoliana, Domenico Fonti dopo la nota inviatagli dall'assessore Giulio China e che abbiamo pubblicato oggi. Fonti ha scritto all'assessore China e per conoscenza al sindaco e agli altri assessori del comune.
Il testo della lettera che ha per oggetto: Servizio rr.ss.uu.=
"Dopo la mia nota che chiarisce ruoli e competenze, attendevo speranzoso che Lei si adoperasse per quanto di sua competenza a ricercare le più opportune soluzioni.
Invece vedo che Lei, avendo tempo a disposizione anche per altro, insiste con l’addossarmi delle responsabilità che sono solo Sue nella qualità di Assessore ai servizi ambientali. Infatti Lei aveva il dovere, in cogenza di gara pubblica, di preoccuparsi delle risorse economiche, unitamente al dirigente del settore, stante che Lei, con tutta l’amministrazione, avevate condiviso che le stesse erano inadeguate, in quanto ferme da oltre 10 anni. Se poi la vs. soluzione era stata quella di operare l’aumento della T.a.r.s.u. e per di più con grave ritardo, rispetto alla pubblicazione della gara, questa è una responsabilità che certamente non è mia.
Devo constatare che mentre il Suo attivismo è encomiabile e condivisibile, esso non corrisponde, purtroppo, alla conoscenza della materia, in particolare Lei dovrebbe sapere che siamo privi di contratti, che sono state richieste all’amministrazione comunale le opportune azioni sostitutive, e che in assenza di vs. atti, per evitare il problema igienico sanitario e il grave danno d’immagine, la società che amministro, con grande senso di responsabilità ha ritenuto di continuare a gestire il servizio (per quello che è possibile gestire).
Denoto che Lei ha l’esigenza di trovare giustificazioni ai cittadini, e quindi di identificare un capro espiatorio.
Questa è una pessima abitudine che non posso condividere. Lei ha il dovere di amministrare, di proporre soluzioni e di individuarne in prospettiva, certamente Lei non può fare il notaio di quello che succede, specie se la materia è quella della Sua delega.
Mi viene il dubbio che negli ultimi mesi lei si sia assentato dal comune di Lipari infatti, non mi risulta che il servizio sia peggiorato, anzi per certi versi è notevolmente migliorato; non ha visto che abbiamo iniziato anche la raccolta differenziata ?? Certo per farla funzionare bene ci vuole ancora del tempo, ma innanzitutto ci vuole la vs. collaborazione:
vi ho chiesto le aree per realizzare i centri comunali di raccolta;
vi ho chiesto l’area per la raccolta dei rifiuti elettrici ed elettronici;
vi ho chiesto le aree per realizzare le isole ecologiche;
vi ho chiesto di incentivare i controlli sui conferimenti;
vi ho chiesto di verificare dove vanno a finire gli scarti animali;
vi ho chiesto le risorse per effettuare le disinfestazioni sul territorio (poi constato che li fate autonomamente, non si capisce perché);
vi ho chiesto di supportare economicamente i servizi che desiderate e, malgrado le innumerevoli dimostrazioni che questo limone non può essere più spremuto, tutto tace;
Mi fermo anche se la lista della mancata collaborazione è ancora lunga, quanto menzionato mi pare sufficiente per dare l’idea di quanto Lei è stato solerte fino adesso, salvo che lei non ritenga che fare l’assessore significa controllare i vicoli di Lipari e scrivere che non sono spazzati.
La sospensione dei pagamenti, fatto grave e illegittimo, è in linea con la Sua conoscenza della materia, ha dato l’opportunità alle ditte di operare le drastiche soluzioni che ho cercato di evitare in tutto questo tempo, adottando un atteggiamento di mediazione e di sprono all’esecuzione dei servizi anche se non adeguatamente remunerati. Ovviamente i potenziali e consequenziali problemi sono solo da imputare a Lei.
Non me ne voglia, assessore China, a me non piace polemizzare, specie con persone che stimo, ma non mi trascini in questo terreno che non porta a niente, mi attacchi sui miei errori, ma con cognizione di causa; ribadisco, a Lei è stato affidato il ruolo di amministrare, anche per mia responsabilità politica".
Distinti saluti
L’Amministratore Delegato
Domenico Fonti

Brevi dalle Eolie

Incendi a Lipari- Piromani in azione oggi a Capo Rosso. Vigili del fuoco e forestali sono dovuti intervenire in mattinata e nel pomeriggio per bloccare, quasi sul nascere, due incendi. Dopo Quattropani, messa a ferro e fuoco nel fine settimana, i piromani sembrano aver cambiato zona. Continuando a restare impuniti.

Operazione della Guardia Costiera- Due fusti(capienza 200 litri), contenenti resti di idrocauburi esausti già solidificati , sono stati recuperati in mare, ad un paio di miglia da Vulcano. L'operazione, dopo le segnalazioni di diversi diportisti, è stato portata a termine dalla Guardia costiera di Lipari con l'ausilio del motopesca "Fiorella". Dopo il recupero si è provveduto a trasferire il tutto a porto Pignataro a Lipari. Della vicenda è stata informata la Procura della Repubblica di Barcellona. L’ipotesi più probabile è che i fusti siano stati scaricati in mare da qualche grosso natante in transito.

La Pro Loco delle Eolie e il convegno sul culto di San Calogero

Comunicato stampa
L’Associazione di promozione puristica Pro Loco Isole Eolie Lipari, ha partecipato al convegno sul tema “Il Culto di San Calogero nell’agrigentino”. La manifestazione si è svolta a Porto Empedocle (AG) e hanno partecipato esperti e protagonisti locali che ogni anno ricordano il tanto amato San Calogero con un viaggio dentro la memoria, il rito e la tradizione che questo storico personaggio ha lasciato in questa terra.
In particolare questo incontro rappresenta per la Pro Loco di Lipari, la testimonianza di molteplici attività svolte con attenzione verso tutte quelle tradizioni, culti, folclore ecc, che sono parte della storia delle nostre terre.
Visto il legame storico comune, la Pro Loco di Lipari, rappresentata da Antonio La Macchia(nella foto), ha concertato un’attività di collaborazione per poter organizzare una manifestazione che valorizzi il culto di San Calogero anche nelle nostre isole.

Condoglianze per il decesso di Spartaco

Da Nova Milanese voglio far pervenire alla famiglia e particolarmente a Rossella compagna di diploma la mia vicinanza per la perdita del caro Mastro Bartolo, così come mi avevano insegnato a chiamarlo. Danilo Pagliaro

Quattropani-Chiesa Vecchia: Il problema resta ma, per fortuna, ci sono i privati che tentano di "tamponare" la situazione

Stamattina verso le 10.30 la ditta di Franco Pittari, quale atto di solidarietà e quindi in maniera del tutto volontaria, ha provveduto a "bagnare" la contestatissima "bretella" di Quattropani-Chiesa Vecchia. Un intervento che la ditta ha effettuato con le proprie autobotti e che, perlomeno, è servito a "frenare" il "polverone" che si alza in quell'area.
Logico chiedersi come mai l'amministrazione comunale che ha creato il "danno", poichè di questo si tratta, non ci ha pensato.

Stromboli: Frane e esplosioni

I sismografi dell'Osservatorio vesuviano hanno rilevato, oggi, un segnale sismico associabile ad un evento franoso di piccola entità, localizzato nell'area della Sciara del fuoco a Stromboli. Nulla di preoccupante però anche perchè l'ampiezza del tremore vulcanico si mantiene su un livello abbastanza basso.
Ieri le telecamere della rete di monitoraggio dell'Ingv, sezione di Catania, hanno registrato un evento esplosivo avvenuto in contemporanea da due bocche, all'interno della depressione che occupa l'area craterica dello Stromboli. L'esplosione è stata abbastanza violenta ma i suoi prodotti apparentemente non hanno raggiunto il Pizzo sopra la Fossa. L'esplosione,comunque, ha prodotto una significativa anche se breve emissione di cenere.

Quattropani-Chiesa Vecchia: E la vergogna continua

Ecco come si presentava oggi la strada di Chiesa Vecchia ai numerosissimi pellegrini in visita al Santuario in questi giorni. Forse neanche nei paesi sottosviluppati , la pubblica amministrazione si presenta con tale viabilità. Forse ci considerano BESTIE e non PERSONE.
Dopo questa foto vi sentite di biasimare chi ironizza sul nostro modo di fare turismo? (Salvatore Rjitano)
(ndr) Dopo questa eloquente immagine credo che ogni commento sia superfluo. Superfluo come continuare a gridare "Vergogna" a chi sente solo ciò che vuole sentire e vede solo ciò che vuole vedere. In totale distonia con ciò che dice e vede la cittadinanza.

Giulio China: nuova lettera all'ATO

Una nuova lettera è stata inviata dall'assessore comunale all'ecologia Giulio China all'amministratore delegato dell'ATO eoliana, Domenico Fonti.
Il testo:
"Facendo seguito alla nota precedente, ribadisco l'insufficienza del servizio dei rifiuti e preciso che è nelle mie funzioni di delegato all'ecologia, vegliare affinchè vengano rispettate tutte le condizioni richiamate nei contratti e nelle convenzioni.
E proprio per lo zelo che lo contraddistingue e che non pone deroghe al rispetto delle regole che le chiedo ancora - e con piu' forza - la sua piena e dovuta collaborazione affinchè le clausole contrattuali che l'ente ha posto in essere con la società appaltante, vengano fatte rispettare. E' vero che compete all'amministrazione comunale controllare il territorio, cosi' come compete all'Ato verificare che le ditte appaltanti si attengano al rispetto imposto dai contratti e cioè:
1) che i mezzi di raccolta rifiuti vengano forniti di disinfettante per attuire i cattivi odori;
2) che i cassonetti vengano lavati e disinfettati con la giusta frequenza;
3) che utilizzi la spazzolatrice nel centro urbano;
4) che i vicoli vengano quotidianamente spazzati.
A fronte di quanto - al momento - non è stato fatto, pur guardando al servizio e alle problematiche annesse, non è certo da attribuire a codesta amministrazione il mancato incremento di risorse, atteso che il divieto di aumentare le tasse sulla tarsu, discende da una legge e non dalla nostra discrezionalità.
Il giusto servizio va comunque effettuato e sta alle sue competenze trovare il modo che venga eseguito in maniera corretta, al fine di assicurare al paese pulizia e decoro".

Comune di Lipari: Stilato e approvato programma triennale fabbisogno personale

La giunta comunale di Lipari guarda al futuro e, in una delle scorse riunioni, ha varato il programma triennale di fabbisogno del personale e il piano annuale delle assunzioni.
Per il 2008 è stato deciso di bandire(come già anticipato) il concorso esterno per dirigente-comandante del corpo di polizia municipale. Nello stesso anno sarà bandito un concorso esterno per 2 geometri.
Nel 2009 è stato previsto di bandire un concorso esterno per 4 posti (varie qualifiche)
Infine nel 2010 si è deciso di bandire un concorso esterno per 10 posti di agente di polizia municipale. Un concorso questo sicuramente indispensabile considerata la carenza di organico.
Affidato inoltre un incarico trimestrale, previa selezione, al geometra Renzo Giunta.
Nei prossimi giorni dovrebbe essere bandita una pubblica selezione per l'assunzione bimestrale, con possibile di proroga per un mese, di 22 operai. Dovrebbero essere utlizzati a partire dal primo ottobre in tutte le isole del comune.
Nella foto: il dott. Alfredo Biancheri(vice-sindaco e assessore al personale)

Spartaco: Così lo abbiamo ricordato oggi sulla Gazzetta del Sud

E' scomparso ieri a Lipari un altro dei personaggi che hanno fatto la storia recente delle Eolie. È deceduto, all'età di 79 anni, Spartaco Persiani.
Esponente di primo piano della sinistra liparese, per lungo tempo è stato segretario del PCI a Lipari, più volte consigliere comunale, militante impegnato, anche in tempi abbastanza difficili, nelle battaglie a favore della collettività isolana, sempre presente nei luoghi e nelle situazioni politicamente significative.
Spartaco, figlio di Giuseppe, antifascista avellinese, destinato al confino di polizia a Lipari, dove poi ha creato la sua famiglia, è stata una una figura notissima nell'arcipelago. Riuscendo ad unire, fra l'altro, generazioni successive con la sua capacità di interpretare i mutamenti politici e sociali senza pregiudizi o rigidità ed esponendosi sempre in prima persona.
Piero Roux, presidente di Legambiente Lipari, che di Spartaco si definisce un "discepolo" lo ricorda come "un libertario dal più profondo dell'animo nei comportamenti e nella visione del mondo".
Persiani che a Lipari gestiva una tipografia, le cui macchine più antiche entreranno a far parte del costituendo museo civico quale bene etno-antropologico, non si è occupato solo di politica. Per circa un trentennio è stato dirigente della squadra di calcio del Centro Sportivo Lipari

Comune: Convenzione con il museo da 36.000 euro. Gettati al vento dal 2003 ad oggi 171.000 euro

La giunta municipale di Lipari, riunitasi venerdì, ha tra le altre cose, deliberato di stipulare una convenzione con il museo archeologico "Bernabò Brea" di Lipari. In base a questa convenzione al maggior comune eoliano andrà una percentuale del 30% della cifra che il museo incasserà nel 2008 per l'ingresso ai vari padiglioni. Le somme dovranno essere utilizzate per interventi che il comune dovrà effettuare nelle aree di sua proprietà ma che ricadono all'interno delle zone archeologiche. La cifra che, approssimativamente, dovrebbe essere intascata dal comune si aggira intorno ai 36.000/ 37.000 euro. Sicuramente un buon gruzzoletto.
Peccato, però, che l'amministrazione Bruno dal 2003 al 2007, non rinnovando la convenzione scaduta, e nonostante i vari solleciti(documentati e documentabili) inviatigli dalla direzione del "Bernabò Brea", abbia perso "per strada" qualcosa come 171.000 euro.
Anche questa è "fantasia" giornalistica o qualcuno riesce a spiegarci (più alla cittadinanza che a noi) il perchè non si è proceduto al rinnovo della convenzione, stipulata a suo tempo dal dottor Giacomantonio? Non si tratta forse di un "danno" causato alla collettività?
Attendiamo risposte, certi che...non arriveranno. D'altronde..crediamo... ci sia davvero poco da giustificarsi. Mai come in questo caso il detto "carta canta" è appropriato. E la carta, per chi come noi ha saputo cercare, ha già cantato...l'ennesimo canto di disinteresse e di superficialità di questa amministrazione o di una buona parte di essa.

Filicudi: ..e adesso manca anche l'auto della guardia medica

(Gabriella Adamo) La sanità a Filicudi continua a sorprenderci, a volte piacevolmente, a volte lasciandoci sbigottiti.
Il fatto è che da circa una settimana, la Guardia Medica, unico presidio sanitario sull´isola, è sprovvista di automezzo.
Infatti la Fiat Panda, a causa di un guasto alla pompa di benzina, è fuori uso e nonostante la segnalazione fatta dai medici di turno all´ A U S L, ancora a tutt´oggi, non è arrivato alcun mezzo sostitutivo. I medici, quindi, si sono ritrovati a dover affrontare le visite domiciliari a piedi finché il Sig. Francesco Scaldati ha fornito loro, gratuitamente, un mezzo per sopperire a questa grave mancanza.
Si tiene a precisare che sull´isola, come già più volte espresso, non vi è ambulanza e le distanze sono molto lunghe. La macchina in dotazione funge, infatti, anche da trasporto dei malati gravi in caso di trasferimento all'elisuperficie in caso di elisoccorso.
Certo è che, in caso di emergenze, sarebbero messi a disposizione tutti i mezzi privati necessari, ma ci si chiede: "E la copertura assicurativa in caso d´incidenti?" E´ possibile che si debba sempre ricorrere al fai da te? E´ possibile dover sempre denunciare mancanze di servizi che sono dei diritti? La solidarietà tra i Filicudari certamente non verrà a mancare, ma le istituzioni perché non sono solidali?
Manca l´ambulanza, manca il medico di base e adesso manca anche la macchina.
........di male in peggio..........

domenica 7 settembre 2008

"Il defunto non defunto di Filicudi" di Gabriella Adamo

(Gabriella Adamo) Il 28 luglio è venuto a mancare, dopo un lungo periodo di malattia e sofferenze, Stefano Bonica, alla veneranda età di novantasei anni, uno dei pochi anziani presenti sull´isola, detentore di un pezzo di storia filicudara quando, per intenderci, ancora non c´era neanche la luce.
Ma, udite, udite! Al 5 settembre, e forse anche a tutt´oggi, al comune di Lipari risulta ancora vivo.
Decisamente singolare come avvenimento che, per gli amanti di storie popolari e fantastiche, potrebbe far pensare che il povero defunto, così affezionato e legato all´isola, non vorrebbe lasciare la sua amata terra.
Invece, nulla di così piacevolmente confortante, soprattutto per i parenti ancora addolorati dal lutto, è successo: , bensì, per disguidi burocratici, il certificato di morte che per prassi, dovrebbe essere redatto dal medico di turno, poi consegnato alla circoscrizione neoeletta e per ultimo comunicato al comune di Lipari, per uno strano scherzo del destino, ha preso altre vie, non sappiamo certo quali, ma di certo non quelle giuste.
L´isola, detentrice di tradizioni popolari e credenze pagane, si presta a interpretazioni più affascinanti e caratteristiche dell´accaduto, però, per gli scettici con un po´di senso dell´umorismo, l´unica lettura potrebbe essere che forse un colpo di vento ha fatto volare il certificato di morte e anziché atterrare sulla scrivania del comune di Lipari, è atterrato sulla scrivania di Eolo, non per niente siamo alle isole Eolie......

"Ciao Spartaco!" di Piero Roux

Ciao Spartaco !
Stanotte è morto il "compagno" Spartaco Persiani, dopo una malattia che lo aveva progressivamente indebolito fisicamente ma, immaginiamo, non altrettanto nello spirito ed oggi Lipari e tutto l'Arcipelago eoliano piangono la scomparsa di uno dei suoi figli migliori.
Esponente di primo piano della sinistra liparese, per lungo tempo è stato segretario del PCI a Lipari, più volte consigliere comunale, militante impegnato, anche in tempi abbastanza difficili, nelle battaglie a favore della collettività isolana; sempre presente nei luoghi e nelle situazioni politicamente significative; fulgido esempio per la sua dedizione militante alla causa del proletariato.
E’ stato una figura notissima, unendo, fra l’altro, generazioni successive, con la sua capacità di interpretare i mutamenti politici e sociali senza pregiudizi o rigidità e esponendosi sempre in prima persona.
Un libertario dal più profondo dell’animo nei comportamenti e nella visione del mondo. I compagni e le compagne lo ricordano e invitano tutti coloro che lo hanno conosciuto a partecipare alle esequie.
Ciao Spartaco, le tue azioni in vita saranno un lasciapassare lungo il percorso che ti porterà ad un luogo migliore e resteranno indelebili nei cuori di chi, come me, è stato tuo discepolo.
Piero Roux

Excusatio non petita...... di Antonio Previti

Carissimo Salvatore,
mi ero ripromesso, come Cincinnato,di non occuparmi mai più di politica ma lo sdegno per le ultime vicissitudini del nostro sindaco mi impongono una breve riflessione: abituato al rispetto delle istituzioni, non dimentico mai che il mio amico di gioventù dott. Mariano Bruno è anche il mio sindaco nel bene e nel male e per questo degno di rispetto!
Troppo disinvoltamente i giovani virgulti dimenticano tutto ciò confondendo la democrazia con la villania e la buona educazione!
Al mio amico Mariano dico: Adelante con juicio.
Grazie per l'ospitalità e ad maiora
Antonio Previti

Ciao Spartaco !

Un altro pezzo importante della storia di Lipari ci ha lasciati.
Nella notte è deceduto Spartaco Persiani,79 anni. Esponente di primo piano della sinistra liparese, per lungo tempo è stato segretario del PCI a Lipari, più volte consigliere comunale, sempre impegnato, anche in tempi abbastanza difficili, nelle battaglie a favore della collettività isolana. Impegnato anche nello sport è stato per lungo tempo dirigente del C.S. lipari.
Ai familiari le sentite condoglianze di Eolienews

Capistello: Esposto alla Procura per il nuovo "pino telefonico"

Comunicato stampa
Numerosi residenti e domiciliati di Contrada Capistello hanno inviato un esposto alla Procura Generale della Repubblica di Barcellona contro il provvedimento autorizzativo rilasciato dalla Soprintendenza BB.CC.AA. di Messina alla società Nokia Siemens per l’installazione di una nuova antenna radio base per telefonia mobile a foggia di “pino”, che la stessa società si accinge a collocare e che si aggiungerebbe a quella già esistente nella stessa zona. Motivo dell’esposto (primo firmatario, il consigliere comunale Pietro Lo Cascio) è il rilascio di autorizzazione in un’area che ricade in ambito TO1 del Piano Territoriale Paesistico, dove le normative vigenti non prevedono invece la realizzazione di strutture o infrastrutture tecnologiche e in elevazione.
Sempre in merito alla nuova installazione, il consigliere Lo Cascio ha depositato al Comune di Lipari un’istanza per la sospensione di tali lavori, evidenziando come la Valutazione di Impatto Elettromagnetico allegata alla documentazione progettuale dalla Nokia Siemens presenti numerose incongruenze sia sotto il profilo cartografico, sia riguardo alle quote e all’ubicazione dei rilievi effettuati. Si auspica pertanto che i responsabili dell’Ufficio Tecnico provvedano a una verifica e a disporre l’eventuale sospensione con la massima sollecitudine, poiché i lavori per l’installazione dell’antenna dovrebbero prendere avvio già lunedì 8 settembre.