Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 3 novembre 2018

Caro carburante, l'esposto è sul tavolo dell'Authority. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

L'articolo si ingrandisce cliccandoci sopra

100° Anniversario dalla fine della Grande Guerra. Solenni festeggiamenti domani a Lipari

Spot Forze Armate Italiane per il 4 Novembre

C2 di calcio a 5. Ludica Lipari "corsara" a Montalbano


 
Bella affermazione della Ludica Lipari che si è imposta per 7 a 5 sul campo del Montalbano, nell'incontro disputato oggi e valido per il campionato di C2 di calcio a 5.  
Grande protagonista dell'incontro, con una serie di super parate, l'estremo difensore liparese, Orto.
Per la Ludica sono andati a segno Re (5), F. Puglisi (2).
Con questa vittoria la Ludica sale a 9 punti in classifica, ad un punto dalla capolista San Domenico Savio

Commemorazione defunti. Riproposizione video "Eoliani che non ci sono più" - XXII° parte - Deceduti a Settembre-Ottobre 2018 (durata 1:15)

Nonostante sia trascorso il giorno della commemorazione dei defunti, sperando di fare gradita ai nostri lettori, continuiamo a riproporre i nostri video fotografici con le foto di diversi eoliani che non ci sono più. Ne saranno pubblicati due al giorno.
Copertina: Giuseppe Biviano; 1) Adele Turchio ved. Mancuso; 2) Bartolina Zaia in Mandarano; 3) Donato Hunziker; 4) Renato Ferlazzo; 5) Francesco Scoglio; 6) Franco Arabia; 7) Gaetanina (Tanina) Morabito; 8) Giuseppe Biviano; 8) Giuseppe Zaia; 9) Maria Bartola Lina Ferlazzo; 10) Maria Grazia Pellegrino in Restuccia; 11) Maria Paino ved. Portelli; 12) Nunziata Rando ved. Cacace      

"Pescando" nel nostro archivio video: Natale 2011 a Lami. A cura dell'Associazione Borgata Lami

LA PAROLA: Video - Commento al Vangelo di domenica 4 novembre 2018

In arrivo una nuova ondata di scirocco. Previsti anche rovesci e temporali. Previsioni meteo-marine Eolie a cura di Giuseppe La Cava

Dal tardo pomeriggio di oggi, fino alle prime ore notturne seguenti, è previsto l'arrivo di forti raffiche di scirocco. 
In tarda nottata lo scirocco tenderà ad attenuarsi e arriveranno rovesci moderati e temporali sulle Eolie. Temporali che coinvolgeranno lo Stretto di Messina già dalle prime ore del mattino di Domenica e persisteranno fino a tarda mattinata. 
Attenuazione generale dei fenomeni dal pomeriggio.

REGIONE: BENI CULTURALI, APPROVATO DDL SEMPLIFICAZIONE PER PROCEDURE PAESAGGISTICHE

Arriva la semplificazione delle procedure autorizzative in tema di paesaggio. Lo prevede un disegno di legge approvato dal governo Musumeci, su proposta dell’assessore dei Beni culturali Sebastiano Tusa.
«I tempi cambiano e anche le norme sulla protezione del paesaggio devono cambiare - evidenzia il presidente della Regione Nello Musumeci - in virtù di una maggiore sensibilità della società verso l’ambiente, la natura, il paesaggio e il patrimonio culturale. È necessario eliminare alcune pratiche autorizzative e semplificarne altre con meno burocrazia per i cittadini e più snellezza amministrativa».
Il testo adegua la legislazione regionale alle norme dello Stato che individuano gli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata. Trentuno le tipologie di interventi definiti di “lieve entità” che, se eseguiti in aree vincolate e se non vietati da specifiche prescrizioni dei piani paesaggistici o di vincolo, non sono soggetti a autorizzazione paesaggistica.
Un’altra serie di opere, se eseguite sempre in aree vincolate e se non vietate da specifiche prescrizioni, saranno soggette a procedure semplificate. Quindi nuovi strumenti per semplificare le autorizzazioni saranno così applicati anche in Sicilia: un passo importante in materia autorizzativa e soprattutto di sburocratizzazione, assicurando così un iter più veloce ai cittadini e un lavoro più snello alle Soprintendenze.
«Vogliamo semplificare - chiarisce l’assessore Tusa - con una norma che dia certezze in conformità a regolamenti comunali che indicano cosa è possibile fare nell’eventuale modifica di elementi architettonici o di concessioni che implichino modifiche, ancorché temporanee, al paesaggio. Lo facciamo, sia per semplificare la vita al cittadino, sia per sgravare le soprintendenze di un numero cospicuo di pratiche autorizzative dando loro più snellezza amministrativa. Il privato non è necessariamente un trasgressore: è un soggetto che rispetta le leggi. Se dovesse sbagliare, allora verrà punito».

Commemorazione defunti. Riproposizione video "Eoliani che non ci sono più" ( XXI° Filmato: durata 4 minuti circa)

Nonostante sia trascorso il giorno della commemorazione dei defunti, sperando di fare gradita ai nostri lettori, continuiamo a riproporre i nostri video fotografici con le foto di diversi eoliani che non ci sono più. Ne saranno pubblicati due al giorno.
Copertina: Tindara Costanzo; 1) Rosaria Saltalamacchia; 2) Fabio Adornato; 3) Sebastiana Pavone e Giuseppe Rizzo; 4) Valentino Abbate; 5) Ernesto Acquaro; 6) Angela Aiello; 7) Antonello Alessi; 8) Pino Alessi; 9) Antonino Ballato; 10) Antonio Barbera; 11) Salvatore Basile; 12) Maria Cristina Berto; 13) Antonio Biviano; 14) Edoardo Bongiorno; 15) Fabio Brach; 16) Pippo Calderone;  17) Enrico (Eligio) Cannistrà; 18) Pietro Caprara; 19) Franco Carrà; 20) Sandro Casali; 21) Filippo China e Mafalda Cutuli ; 22) Giulio China; 23) Francesco Cincotta; 24) Clelia Hunziker;  25) Coniugi Deidda; 26) Pippo Costa; 27) Tindara Costanzo; 28) ? Criscillo; 29) Lucia D'Albora; 30) Gaetano D'Ambra; 31) Antonietta Del Gais; 32) Salvatore Di Fede; 33) Pino Di Giorgi; 34) Antonino Di Losa; 35) Natale Famà; 36) Attilio Famularo; 37) Nunzia Favaloro; 38) Peppuccio Favaloro; 39) Enzo Favata; 40) Angelo Favorito; 41) Gino Favorito; 42) Federico Finocchiaro; 43) Vincenzo Fonti; 44) Giuseppina Di Stefano                 

Auguri ai lettori di Eolienews, festeggiati oggi

Buon Compleanno a Michele Manzotti, Giuseppe Carrà, Carmela Pergolizzi, Luisa Scaramella, Giusina Zaia, Maurizio De Luca, Gaetano Paterniti

Accadde oggi alle Eolie (3 Novembre 2013)

Santo del giorno: Santa Silvia

Nata a Roma intorno al 520 in una famiglia di modeste condizioni ma discendente forse dall'illustre gens Octavia, aveva due sorelle: Emiliana e Tarsilla, anch'esse sante. Nel 538 sposò il senatore Gordiano, che apparteneva alla gens Anicia, nobile famiglia romana alla quale sembra sia da ascrivere anche san Benedetto. La coppia andò ad abitare nella villa degli Anici sul colle Celio al Clivo di Scauro, dove oggi si trova la chiesa di San Gregorio al Celio. Ebbe due figli, il primogenito fu Gregorio, poi eletto al soglio pontificio nel 590.

Rimasta vedova intorno al 573, si ritirò in una casa sull'Aventino chiamata Cella Nova, seguendo la regola benedettina e dedicando il resto della sua vita alla preghiera, alla meditazione e all'aiuto dei malati e dei più bisognosi. Il figlio Gregorio continuò invece ad abitare nella villa paterna, che trasformò in monastero e dove eresse una chiesa dedicata a sant'Andrea (l'attuale oratorio di Sant'Andrea al Celio). In questo periodo sua madre si preoccupava di fargli recapitare ogni giorno un pasto caldo, temendo che l'austerità della vita eremitica compromettesse ulteriormente la salute già cagionevole di Gregorio.

Silvia morì nel 592; papa Gregorio la fece seppellire nel monastero di Sant'Andrea, nel sepolcro dove già si trovavano le sorelle (o cognate) Tarsilla ed Emiliana, e vi fece dipingere la sua immagine con la croce nella destra e un libro nella sinistra recante la scritta: «Vivit anima mea et laudabit te, et iudicia tua adiuvabunt me» ("Vive la mia anima e ti loderà, e i tuoi giudizi mi aiuteranno").

Qui, nel 1603, il cardinale Cesare Baronio fece erigere l'oratorio di Santa Silvia al Celio e in quello stesso anno ottenne da papa Clemente VIII che il nome di santa Silvia venisse inserito nel Martirologio Romano al 3 novembre.

Su sollecitazione invece di papa Giovanni XXIII, il 23 febbraio del 1959, nel quartiere Portuense, venne istituita una parrocchia dedicata alla madre di San Gregorio Magno, la cui chiesa fu aperta al culto nel 1968

fonte:wikipedia.org

Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie

- Porto Pignataro (Lipari) -

venerdì 2 novembre 2018

Opere a tutela di Canneto. Si al progetto esecutivo. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


Aliscafo contro il molo a Vulcano. Lieve incidente a causa delle forti raffiche di vento. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


Approvata dal Consiglio Camerale la Relazione previsionale programmatica Tra le priorità, promozione dello sviluppo economico e gestione dei servizi sul territorio

Il Consiglio camerale ha approvato il 31 ottobre la Relazione previsionale programmatica per l’esercizio 2019: il documento che illustra i programmi da attuare e gli obiettivi da realizzare, in funzione delle caratteristiche e dello sviluppo dell’economia provinciale e delle relazioni con gli organismi pubblici e privati che operano sul territorio.
«La Camera di commercio proseguirà nel rafforzamento del proprio ruolo di promozione dello sviluppo economico e di gestione di servizi sul territorio – afferma il presidente, Ivo Blandina - sia attraverso iniziative dirette che mediante il continuo miglioramento della rete di contatti e delle relazioni inter-istituzionali, nella consapevolezza che soltanto mediante un’azione sinergica di tutti i soggetti operanti sul territorio sia possibile massimizzare i risultati ottenuti».
Saranno promosse, valorizzate e tutelate le produzioni tipiche locali; stimolata l’internazionalizzazione delle imprese, anche tramite la partecipazione delle aziende a eventi e a fiere, per offrire ai produttori nuove prospettive e nuovi scenari; incentivata la creazione di un sistema imprenditoriale di qualità attraverso la formazione delle aziende; incoraggiata la diffusione degli strumenti di giustizia alternativa con la Mediazione, la Conciliazione e l’Organismo di composizione della crisi da sovra indebitamento.
«Mi preme sottolineare il prezioso contributo dei consiglieri camerali dei diversi settori merceologici nell’elaborazione della nuova strategia e nella definizione delle singole linee d’intervento – prosegue Blandina – finalizzate a rafforzare il ruolo dell’Ente quale istituzione di riferimento per le imprese del territorio e ad accrescere la competitività del nostro sistema imprenditoriale, ampliandone le opportunità e promuovendo lo sviluppo dell’economia».
Altra linea di intervento è quella inerente le attività di vigilanza: ancor più attenzione sarà data alle azioni per accertare la conformità e la sicurezza dei prodotti, sia per tutelare i consumatori dalla circolazione di prodotti non sicuri, sia per garantire una concorrenza leale tra i vari operatori economici coinvolti. Stessa attenzione sarà rivolta alla trasparenza del mercato.

Commemorazione defunti. Riproposizione video "Eoliani che non ci sono più" XX° parte - durata 4 minuti circa)

Siamo giunti al giorno della commemorazione dei defunti ma, come era prevedibile, restano ancora altri nostri filmati da pubblicare. Sperando di fare gradita ai nostri lettori proseguiremo nella riproposizione dei nostri video fotografici con le foto di diversi eoliani che non ci sono più. Ne saranno pubblicati due al giorno. 
Copertina: Valentino Trovato; 1) Antonio Quadara; 2) Concettina Martino; 3) Pina Giardina e Mimmo Bardi; 4) Onofrio Casamento e Rosa Giardina; 5) Valentino Trovato; 6) Santino Rossello; 7) Lina Profilio; 8) Coniugi Lauro; 9) Turiddu Profilio; 10) Alessandro Profilio; 11) Gina Quadara; 12) Tanino Re; 13) Paolo Roux; 14) Caterina Russo; 15) Domenico Russo; 16) Gaetano Saltalamacchia; 17) Maria Giuseppa Saltalamacchia; 18) Salvatore Saltalamacchia, 19) Salvatore Costanzo; 20) Angelino Sardella, 21) Agostino Scaffidi; 22) Stefano Scibilia; 23) Franco Scoglio;  24) Mimmo Scolarici; 25) Carmela Tindara Sgroi; 26) Giovanni Spada; 27) Eugenio Spanò; 28) Giacomino Spanò; 29) Nino Sulfaro; 30) Rita Sulfaro; 31) Giuseppe Svezia; 32) Ruccio Tauro; 33) Roberto Tesoriero; 34) Giovanni Toni; 35) Franco Trimboli; 36) Armando Turcarelli; 37) Giuseppa Vadalà; 38) Salvatore Velardita; 39) Elena Virgona; 40) Felice Sidoti; 41) Margherita Virgona; 42) Vita Vitagliano; 43) Domenico Cincotta; 44) Giovanna Foti                

Cordoglio Meligunis per la dipartita di Antonio Pellegrino "Stecca"


Convocazione associati a UNICCOP di Lipari

"Pescando" nel nostro archivio: Il funerale del generale Siracusano

REGIONE: BARACCHE DI MESSINA, DA ROMA NO A STATO EMERGENZA

«Rispettiamo la decisione della Protezione civile nazionale, ma non la condividiamo. La situazione di gravissimo degrado igienico-sanitario-ambientale di una vasta area della città di Messina è sotto gli occhi di tutti e rappresenta una grande vergogna per la politica nazionale e regionale. Ecco perché, a prescindere, una soluzione deve essere trovata e subito».
Lo afferma il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, commentando la mancata dichiarazione, da parte del governo centrale, dello stato di emergenza per la baraccopoli per la città dello Stretto, richiesto dalla Giunta di governo lo scorso 19 settembre.
In particolare, il provvedimento riguardava sei zone della città (Annunziata, Giostra-Ritiro-Tremonti, Camaro, Fondo Saccà, Bordonaro-Gazzi-Taormina e Santa Lucia) che si estendono per oltre 230mila metri quadrati, nelle quali sono presenti baracche e casette degradate, molte abusive - che ospitano 6.400 persone - conseguenza della gravissima situazione determinata dal terremoto del 1908 e mai risanata.
«La situazione descritta - scrive il capo del dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli nella nota con la quale respinge la richiesta della Regione - risulta essere la conseguenza di una condizione preesistente da anni e divenuta cronica anche a seguito della mancanza di interventi. Peraltro, le situazioni di degrado urbano dovute in gran parte anche a fenomeni incontrollati di abusivismo edilizio non prontamente risolti, sono comunemente diffuse in molte realtà delle periferie italiane e non possono essere oggetto di un intervento del Sistema nazionale di protezione civile».
Pur respingendo la richiesta dello stato di emergenza, la Protezione civile ha comunque interessato del problema il ministero dell’Ambiente affinché valuti «eventuali possibilità di intervento, a supporto e integrazione della Regione e del sindaco di Messina, ai fini della tutela della pubblica e privata incolumità e della salute».
Le relazioni dell’Azienda sanitaria provinciale e dei sopralluoghi effettuati dai tecnici del Comune di Messina - allegate alla richiesta al governo nazionale - avevano evidenziato una condizione igienico-sanitaria molto precaria, con scarichi fognari a cielo aperto, cumuli di rifiuti abbandonati, esalazioni maleodoranti e coperture realizzate in cemento-amianto. Con rischi elevati, quindi, per la salute dei residenti. Il Piano di lavoro previsto dalla Protezione civile regionale prevedeva, prima, la bonifica delle aree e successivamente la demolizione delle baracche. Secondo la stima degli interventi effettuata dal Comune il costo complessivo dell’operazione dovrebbe essere di circa 35 milioni di euro.
«Messina - conclude il presidente Musumeci - non può più aspettare: lo fa da cento anni. La delibera della richiesta di dichiarazione del gravissimo stato di emergenza era per noi un atto dovuto e sentito. Del resto l’emergenza a Messina c’è ed è sotto gli occhi di tutti. Invece di essere contingente è strutturale: da cento anni! Ma questo non significa che l’emergenza non ci sia. L'Agenzia per il risanamento, voluta dalla coalizione del mio governo, dovrà essere adesso lo strumento per cancellare questa pagina disonorevole. Siamo accanto al Comune messinese in questa impresa difficile e insidiosa».

Commemorazione defunti. Riproposizione video "Eoliani che non ci sono più" XIX° parte - durata 4 minuti circa)

Siamo giunti al giorno della commemorazione dei defunti ma, come era prevedibile, restano ancora altri nostri filmati da pubblicare. Sperando di fare gradita ai nostri lettori proseguiremo nella riproposizione dei nostri video fotografici con le foto di diversi eoliani che non ci sono più. Ne saranno pubblicati due al giorno. 
In questo video: Copertina: Stefano Oliva; 1) Nunziata Lo Ricco; 2) Caterina La Torre; 3) Giuseppe Lo Sinno; 4) Nunziata Lo Surdo; 5) Lopes Annamaria; 6) Nino Maggio; 7) Angelino Maiuri; 8) Francesco Mandarano; 9) Angela Mandarano; 10) Maria Catena Mandarano;  11) Giovannino Mandarano; 12) Daniela Marturano; 13) Nino Marino; 14) Orazio Mangano; 15) Giovanni Mangano; 16) Tommaso Mangano; 17) Giuseppina Mandile; 18) Gioacchino Mannuccia; 19) Stefana Mazza; 20) Giovannino Medorini; 21) Sarino Merlo; 22) Bartolo Merrina; 23) Carmelo Mezzapica; 24) Giuseppe Minutoli; 25) Nino Miracola; 26) Aristide Mollica; 27) Ciccio Mondello; 28) Nino Natoli; 29) Fulvio Natoli; 30) Marisa Natoli; 31) Turiddu Profilio; 32) Peppe Natoli; 33) Stefano Oliva; 34) Padre Giuseppe Ambriano; 35) Italo Paino e Girolamo Caleca; 36) Maria Catena Palamara; 37) Rosa Palino; 38) Pina Peluso; 39) Umberto Pergola; 40) Sarino Pergolizzi; 41) Spartaco Persiani e Nino Belfiore; 42) Maria Concetta Platano; 43) Antonia Portelli; 44) Federico Megna; 45) Alessandro Profilio                   

Auguri ai lettori di Eolienews, festeggiati oggi

Buon Compleanno ad Antonio Parisi, Giovanna Di Franco, Rosy Alessi, Francy Giunta, Gabriele Munegato, Andrea Grano, Antonina Pina Broccio, Pina Greco, Alessandra Cincotta, Monika Krol, Salvatore Galletta, Luana Biviano

Accadde oggi alle Eolie (2 Novembre 2017)

Commemorazione dei defunti

La ricorrenza di questo giorno fu stabilita per suffragare le anime dei giusti che si trovano ancora nel Purgatorio. 

Antichissimo è l'uso della Chiesa di pregare per i defunti, perché vengano liberati dalle loro pene. 

Tertulliano lo dice di origine apostolica e scrive: « Noi facciamo ogni anno l'anniversario dei morti, secondo le tradizioni dei nostri antenati ». Gregorio Nazianzeno, in occasione della morte del fratello San Cesario, promette di inviargli ogni anno i suoi suffragi. S. Agostino dice: « Chi può dubitare che le preghiere, i sacrifici e le elemosine che si fanno per i defunti non siano loro di sollievo? ».

Quantunque la S. Chiesa abbia sempre inculcato di commemorare i fedeli defunti, di pregare per loro e di offrire Messe in loro suffragio, tuttavia per lungo tempo non si aiutarono che le anime in particolare, senza che ci fosse un giorno dedicato alla memoria di tutti i defunti. 

Nel decimo secolo, S. Odilone abate di Cluny ordinò a tutti i conventi da lui dipendenti di cantare la sera del I novembre l'Ufficio dei Defunti, e che il giorno seguente i sacerdoti celebrassero la S. Messa per tutte quelle anime che si trovassero ancora nel Purgatorio. 

Quest'usanza a poco a poco divenne universale e la Chiesa la confermò e la inserì nella sua liturgia il 2 novembre, giorno scelto da S. Odilone. È questo un dovere di carità dovuto a tutte le anime, ma specialmente a quelle che non hanno chi si ricordi di loro. 

Dopo che la Chiesa istituì questo giorno, la pietà verso le anime purganti andò sempre più intensificandosi nel corso dei secoli e si elevarono chiese ed altari, si lasciarono legati di Messe, si istituirono opere sante, per suffragare le anime dei trapassati. 

Durante la grande guerra, quando tutto il mondo piangeva i suoi morti, il Sommo Pontefice Benedetto XV estese a tutta la cristianità un privilegio che già esisteva nella Spagna, ossia permise che il giorno 2 novembre ogni sacerdote celebrasse tre Messe in suffragio dei defunti: la prima deve essere applicata secondo le intenzioni dell'offerente, la seconda per tutti i fedeli defunti e la terza secondo le intenzioni del Sommo Pontefice. 

Nulla è più conforme allo spirito di carità cristiana quanto la carità verso le anime purganti. Sono anime di genitori, fratelli, di superiori, di benefattori, di amici e conoscenti, che chiedono misericordia e sollievo nei più atroci dolori. Miseremini mei, miseremini mei, saltem vos amici mei: « abbiate pietà, abbiate pietà di me, almeno voi, o miei amici ». Queste povere anime non possono nulla per se stesse; noi invece possiamo sollevarle ed anche liberarle con poca fatica. 

Pensiamo che forse un giorno ci troveremo anche noi tra quelle fiamme, ed avremo piacere che gli altri si ricordino di noi. Facciamo dunque agli altri quello che vorremmo si faccia a noi. 

Quelle anime inoltre ricambieranno dal cielo mille e mille volte il nostro atto di carità e non permetteranno che piombiamo nelle pene eterne dell'Inferno.

PRATICA. — Suffraghiamo con le nostre preghiere il maggior numero di anime che ci sarà possibile. 

PREGHIERA. O Dio, Creatore e Redentore di tutti i fedeli, concedi alle anime dei tuoi servi e delle tue serve la remissione di tutti i loro peccati affinchè ottengano, con le nostre pie suppliche, il perdono che hanno sempre desiderato. 

REGIONE: MANAGER SANITA’; MUSUMECI, SELEZIONE CONCLUSA

«La pubblicazione delle rose di nomi dei candidati al ruolo di manager delle Aziende sanitarie siciliane conclude una selezione approfondita e trasparente che consentirà alla Giunta di governo di compiere, nei prossimi giorni, le scelte adeguate al progetto immaginato per la sanità siciliana».
Lo ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci commentando il lavoro svolto dalla Commissione che ha portato alla compilazione delle short list di professionisti dai quali si individueranno i manager, così come previsto dalla riforma voluta dall’ex ministro della Salute Lorenzin.
«Ringrazio la professoressa Elita Schillaci, il dottore Massimo Tarantino e il professore Antonino Perino - continua il governatore - perché la loro grande professionalità ha rappresentato un importante punto fermo nel desiderio del nostro governo di applicare la nuova norma nazionale in modo rigoroso». L’assessore della Salute Ruggero Razza chiarisce, invece, che «contrariamente a quanto si è letto su qualche giornale, la Giunta di ieri non ha innovato alcun criterio, né avrebbe potuto senza muoversi al di fuori delle regole del procedimento amministrativo».
Ecco il link con le rose dei nomi selezionati
http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_AssessoratoSalute/RosaCandidatiDG.pdf

Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie

- Il pontile di Canneto e Panarea e Stromboli sullo sfondo -

giovedì 1 novembre 2018

Le Eolie e la commemorazione dei defunti (a cura del dott. Giuseppe (Pino) La Greca)

Fu tra il 1000 e il 1009 che Sant’Odilone,abate di Cluny (962-1049) istituì la festività della commemorazione dei defunti e l’introdusse nei monasteri della sua giurisdizione.
La festa si estese rapidamente in Francia e nei paesi nordici, mentre in Italia arriva nel secolo XIII e a Roma all’inizio del sec. XIV.
Sull’istituzione di questa festa è interessante quanto racconta il monaco Jotsuald (sec. XII) nella biografia del santo abate: un monaco che tornava da Gerusalemme, sostando in una delle Eolie, molto probabilmente Lipari (dove era ancora attivo il vulcano di Monte Pelato), trovò qui un eremita il quale gli disse che dentro un vicino vulcano ardente erano punite le anime purganti, le quali invocavano preghiere dai vivi, ed in particolare dai monaci di Cluny, per la remissione o abbreviazione della loro pena; e perciò l’eremita gli raccomandò di riferite ciò all’abate di Cluny.
[in questi luoghi le anime dei reprobi soffrono diversi tormenti a seconda dei loro peccati e innumerevoli demonii rinnovano sempre le loro pene. Egli ode sovente questi demonii strillare con piagnucolosi lamenti perché frequentemente le anime dei dannati vengono sottratte alle loro mani a causa delle preghiere e delle elemosine di alcuni che lottano contro di loro senza tregua].
Sant’Odilone, appena appresa la notizia dal monaco rientrato dal viaggio, decise d’istituire la festa della commemorazione dei defunti, collocandola all’indomani della festa d’Ognisanti.
Questo racconto fu ripetuto da San Pier Damiano (sec. XI) nella biografia dello stesso sant’Odilone e da Iacopo da Varazze nella sua “Legenda aurea” (secolo XIII)
Il Purgatorio nasce alle Eolie?
La Chiesa Cattolica, attraverso la commemorazione dei defunti (e la intercessione per le anime dei morti), esprime la sua dottrina del Purgatorio. Come sostenuto dallo storico Jacques Le Goff, ne "La nascita del Purgatorio", tale dottrina si afferma piuttosto tardi nella Chiesa Cattolica, inizialmente come fuoco purgatorio, e solo successivamente strutturandosi nel paradigma dantesco man a mano che lo sviluppo dei commerci e i miglioramenti economici rendevano necessario integrare nella comunità anche quei "peccatori di mestiere", come banchieri o mercanti, dai quali in definitiva ne dipendeva la prosperità.
Dante descrive così la struttura del Purgatorio: esso è un monte, costituito della materia che Lucifero ha innalzato nella sua caduta, scavando l'abisso dell'Inferno; inoltre, è circondato dal mare, e si troverebbe nell'emisfero antartico del mondo. Sulla cima del Monte Sacro si trova l’Eden, il Paradiso Terrestre.
 Per approfondimenti:
Luigi Bernabò Brea, Le Isole Eolie dal tardo antico ai Normanni, Mario Lapucci, edizioni del Girasole, Ravenna, 1988.
Giuseppe Iacolino, Le Isole Eolie, nel risveglio delle memorie sopite, Aldo Natoli editore, Lipari, 1996.



Commemorazione defunti. Riproposizione video "Eoliani che non ci sono più" ( 18° Filmato: durata 4 minuti circa)

Si avvicina la commemorazione dei defunti. Sperando di fare gradita ai nostri lettori vi riproponiamo i nostri video fotografici con le foto di diversi eoliani che non ci sono più. Ne saranno pubblicati due al giorno.  
 Abbiamo provato ad identicare i defunti di questo video. Per qualcuno abbiamo messo solo il cognome, per altri il nome con cui erano conosciuti, altri sono rimasti anonimi. Copertina: Maria Sciacchitano; 1) Giovanni Favaloro; 2) Agostino Fichera; 3) Germana Franza; 4) Tisbe Franzoglio; 5) Natale Giardina; 6) Rosa Giardina, 7) Simone Giardina; 8) Turi Lo Presti; 9) Lucio Giovenco; 10) Antonia Giunta; 11) Franco Giunta; 12) Antonio Greco; 13) Giacomo Greco; 14) Salvatore (Tureddu) Greco; 15) Pino Sulfaro; 16) Bartolo Gualdi; 17) Enzina Gualdi; 18) Clelia Hunziker; 19) Bartolo Iacono; 20) Domenico Iacono; 21) Maria Sciacchitano; 22) Franco Scoglio; 23) Giuseppina Trimboli; 24) Matilde Mandarano; 25) Mario Natoli; 26) Livio D'Ambra; 27) Luciano Cannistrà; 28) Bartolo Furnari; 29) Bartolo Ugo La Cava; 30) Pino La Greca e Girolamo Crivelli; 31) Onofrio La Greca; 32) Pino La Greca; 33) Salvatore La Greca; 34) Nino La Macchia; 35) Michele La Torre; 36) Francesco Lauricella; 37) Palmiro Lauro; 38) Giuseppe Li Donni; 39) Giovanni Lo Presti; 40) Bartolo Basile; 41) Giuseppina Costa; 42) Giovanni Saccà; 43) Don Pino Raffaele; 44) Nino Bonannella               

"Pescando" nel nostro archivio: Pellegrinaggio alla Croce di Monterosa (anno 2010)

Messa in sicurezza di Unci (Canneto). Giunta Giorgianni approva progetto esecutivo II° lotto

COMUNICATO STAMPA – MESSA IN SICUREZZA UNCI
Con Delibera di Giunta Municipale è stato approvato il progetto esecutivo relativo agli “Interventi di riequilibrio e adeguamento delle opere di protezione dell’area costiera e dell’abitato della frazione di Canneto, ed in particolare per la messa in sicurezza e la riqualificazione della baia di Unci, per un importo complessivo pari a € 2.585.000,00.
Si tratta del secondo lotto, dopo un primo già realizzato, che fa parte di un progetto complessivo che continua a fare il suo corso.
Il finanziamento dell’opera era stato inserito, con Delibera di Giunta Regionale n. 29 del 21/01/2017, nell’elenco degli interventi finanziati con le risorse FSC (Fondo per lo Sviluppo e la Coesione) 2014-2020.
L’opera rientra nel piano di riqualificazione strategica del territorio che l’Amministrazione da anni sta perseguendo ed attuando.
Il Sindaco
Marco Giorgianni

Commemorazione defunti. Riproposizione video "Eoliani che non ci sono più" ( 17° Filmato: durata 4 minuti circa)

Si avvicina la commemorazione dei defunti. Sperando di fare gradita ai nostri lettori vi riproponiamo i nostri video fotografici con le foto di diversi eoliani che non ci sono più. Ne saranno pubblicati due al giorno.  
Abbiamo provato ad identicare i defunti di questo video. Per qualcuno abbiamo messo solo il cognome, per altri il nome con cui erano conosciuti, altri sono rimasti anonimi.Copertina: Bartolo Casella, 1) Antonino Bonfante; 2) Mina De Salvo; 3) Nando Corrado; 4) Sarino Centorrino; 5) Gaetano Giambò; 6) Gaetano D'Ambra; 7) Aldo Favaloro; 8) Sandro Casali; 9) Franco Campisi; 10) Pino Cafarella; 11) Bartolo Casella; 12) Franco Campisi; 13) Umberto Saltalamacchia e Maria Miranda; 14) Santoro Biviano; 15) Domenico Casamento; 16) Saverio Camporeale; 17) Franca Broccio; 18) Felice Cappadona; 19) Antonietta Caracciolo; 20) Rosa Caruso; 21) Francesco Casamento; 22) Girolamo Caleca; 23) Onofrio Casamento; 24) Casserà Giuseppe; 25) Angelina China; 26) Assunta Cincotta; 27) Angelino Cincotta; 28) ? Nunziata Gallo; 29) Attilio Conti; 30) Gaetano Cortese; 31) Leandro Cortese; 32) Bartola Costanzo; 33) Stella Di Maggio; 34) Lucia D'Albora; 35) Stefanino Cincotta; 36) Natale Famà; 37) Marcello D'albora; 38) Iole Denaro; 39) Franca Di Giovanni; 40) Bartolo Di Stefano; 41) Don Bruno Maiorana; 42) Bartolo Errico; 43) Annetta Falanga; 44) Domenico Faralla           

Sidoti e il "lacunoso" piano economico finanziario.

(Angelo Sidoti) In questa sede rappresento qualche informazione di carattere generale in merito al piano economico finanziario, che è stato approvato dal Consiglio Comunale il 27 ottobre scorso, ed in merito alla gestione dei rifiuti delle Eolie.
Prima, però, evidenzio qui di seguito qualche dato rilevante:
– costo complessivo del servizio nel triennio è stimato in circa 16mln Euro (con un grande punto interrogativo sulla questione del trasporto rifiuti per l’anno 2020 al di fuori delle isole Eolie);
– prelievo dai fondi derivanti dal contributo di sbarco nel triennio per circa 800 mila Euro (si attende, in merito a tale punto, risposta alla mia richiesta inviata a mezzo PEC al Ragioniere Generale);
– entrate provenienti dai contributi Conai nel triennio per circa 400 mila Euro; dato quest’ultimo che corrisponde al 2% scarso del costo del servizio.
Il costo del servizio è stato, peraltro, oggetto di dibattito e di approfondimento da parte dell’organo di controllo dell’Ente. Riporto testualmente le dichiarazioni rese dai Revisori del Comune di Lipari: “il piano finanziario per l’esercizio 2020, non è congruo con le relative spese per il trasporto dei rifiuti, infatti il pareggio per l’esercizio 2020 viene garantito dall’omissione dell’entrata del contributo regionale (in quanto non previsto dalla LR 8/2018) e dall’omissione delle spese di raccolta e trasporto indicate solo per Euro 140.000 con una variazione in meno di Euro 2.213.644,30 rispetto all’esercizio 2019 e di Euro 2.961.893,85 rispetto al 2018”.
Non congruità, omissioni di entrate e omissione di uscite. Frasi molto forti.
In sintesi: per pareggiare i conti del 2020 è stato rimosso il contributo regionale e le collegate spese di trasporto; di conseguenza non vengono sostenuti costi per il servizio di trasferimento rifiuti dall’arcipelago verso la terra ferma, se non in misura di Euro 140.000.
A questo punto una domanda nasce spontanea: i rifiuti restano sulle Isole? Come vengono stoccati e poi smaltiti? Ma soprattutto che fine fanno una volta raccolti?
Tutto ciò appare surreale. Ritengo, tuttavia, che dietro a tale situazione vi siano dei validi motivi che, mi auguro, vengano resi pubblici quanto prima così che si possa trovare una – mi auguro valida – giustificazione alla criticità riscontrata.
Di contro il Consiglio Comunale di Lipari ha approvato il piano dei rifiuti, nonostante sia stato reso parere “non favorevole” da parte dell’Organo di Controllo e non sia stato reso parere dal Ragioniere Generale, il quale resta a guardare.
Anche il Sindaco ha fornito le sue osservazioni, trascritte a verbale, dichiarando di “non essere in sintonia con il parere apposto dai componenti il Collegio dei Revisori”. Se non è Lui in sintonia con il suo Organo di Controllo chi altro?
Siamo sicuri che la strada intrapresa sia quella giusta? Da quanto leggo mi sembra che ci siano pareri discordanti. Quali gli effetti, con quali ricadute e in quanto tempo?
Fatta questa breve premessa, peraltro non di poco conto, vi rappresento alcune prime riflessioni su alcune voci che compongono il PEF in argomento:
– sgravi e quote di inesigibilità: Euro 60.000 su un ruolo complessivo di un triennio di circa 10mln, corrispondente quindi al 0,60%. Una percentuale molto bassa se teniamo conto che il Comune di Lipari riscuote mediamente il 50% dal ruolo TARI;
– Ruolo TARI: le entrate del 2018 ammontano ad Euro 3.293.000; si è rilevato per tale entrata un incremento rispetto al 2017 di Euro 204.000. Il maggiore incremento rispetto ai ruoli registrati negli anni precedenti. Quali sono i motivi?
– Costo previsto, di Euro 30.000 per il triennio, per la consulenza esterna in merito alla redazione delle tariffe; per tale voce di costo ci si chiede: qual è il fine e/o lo scopo di tale spesa?
Le restanti riflessioni verranno rappresentate nella prossima puntata.
Vi lascio con un piccolo memo: prestiamo attenzione quando richiamiamo la legge regionale n.9/2010 onde evitare effetti diversi da quelli attesi.

Ci lascia Antonio Pellegrino (Stecca)

E' deceduto, concludendo quello che era diventato il suo calvario terreno, 
Antonio Pellegrino, conosciuto come "Stecca".
Avrebbe compiuto 59 anni a Dicembre.
Persona sensibile e disponibile, lascia un grande vuoto tra i suoi cari e tra coloro che lo hanno conosciuto ed apprezzato.
Quale direttore di Eolienews voglio ricordarlo con questa foto, risalente ai tempi in cui eravamo compagni di squadra e di tante battaglie con l'Eoliana.
Ai familiari le più sentite condoglianze
Attraverso Eolienews lo vuole ricordare con grande affetto, Bartolo Giunta, l'operatore ecologico.

Auguri ai lettori di Eolienews, festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Santina Fonti, Maricetta Rubino, Kasun Ranasinghe, Giovanni Bruno, Santina Gitto, Rosa Restuccia, Giuseppe Soraci, Fabiana La Greca, Mattia Lo Schiavo, Rosanna Fiorentino, Mery Saltalamacchia, Maria Cacace Fonti

Accadde oggi alle Eolie (1 Novembre 97)


Oggi: Tutti i Santi (Ognisanti)

La festa di oggi ha per oggetto la glorificazione di tutti i Santi che sono in cielo: Angeli, Martiri, Confessori, Vergini. La sua origine viene dalla commemorazione di tutti i martiri che fin dal secolo quarto si faceva in alcune chiese particolari. 

Bonifacio IV nel secolo sui chiese ed ottenne dall'imperatore Foca il Pantheon che Marco Agrippa aveva dedicato a Giove Vendicatore e lo consacrò dedicandolo a Maria SS. Regina di tutti i Martiri. Il tempio venne chiamato S. Maria ad Martires e nella Chiesa di Roma fu stabilita la festa della dedicazione per il giorno 13 maggio. 

Terminata l'epoca della persecuzione, si senti il bisogno di presentare all'imitazione dei fedeli anche le anime che si erano santificate nelle condizioni di tempo e di luogo comuni a tutti. Con questo nuovo indirizzo, la festa di tutti i Martiri venne trasportata dal 13 maggio al I novembre, e dedicata a tutti i Santi del paradiso. 

Per quanto sia grande il numero dei Santi di cui la Chiesa celebra la festa nel corso dell'anno, è certo molto più grande il numero di coloro dei quali non conosce il nome, le virtù, i meriti. Quante anime sante di tutte le età, di tutte le condizioni sociali, presso tutti i popoli! Santi nella gerarchia ecclesiastica, nei deserti, nei monasteri, tra i professionisti, tra gli operai, tra le donne di casa, tra i poveri, tra gli ammalati! Quanti servi fedeli di Dio nascosti nell'oscurità di una vita umile e sconosciuta! Quante anime grandi pur tra le occupazioni più basse e più comuni! Santi che Dio ha pienamente ricompensati! Era quindi giusto che la Chiesa li celebrasse ed onorasse, e ciò fece con l'istituzione della presente solennità. 

In tal modo, tra quella immensa folla di cui parla l'evangelista S. Giovanni, « che nessuno può contare, di tutte le genti,_ tribù e popoli e lingue che stanno davanti al trono e davanti all'Agnello, rivestiti di bianche vesti, con le palme nelle mani » noi veneriamo quei virtuosi che nell'oscurità della loro condizione e tra privazioni di ogni sorta condussero una vita innocente e santa; quelli che non si sono lasciati abbagliare dalle cose del mondo, ma le hanno stimate nella loro realtà; rendiamo omaggio a quelle persone che pur tra gli splendori e gli onori mondani si sono conservate umili e pure; veneriamo quelli che si son fatti santi seguendo con purità di cuore le massime del Vangelo; onoriamo i nostri fratelli, che nella stessa casa, con le stesse regole di vita, con le medesime passioni, con le stesse tentazioni ed ostacoli, hanno raggiunto il cielo ed ora godono perfetta felicità. Certo, questa folla immensa che noi oggi festeggiamo, questa turba innumerevole di eroi che hanno raggiunto la mèta, pur passando attraverso le difficoltà della vita presente, devono essere per noi di grande consolazione e di incitamento ad imitarli. 

PRATICA. Solleviamo spesso, in questa giornata, il nostro pensiero al Paradiso, nostra futura è vera patria. 

PREGHIERA. O Dio eterno ed onnipotente, che ci permetti di venerare i meriti di tutti i tuoi Santi in una unica solennità, ti preghiamo che, moltiplicati gli intercessori, ci conceda la desiderata abbondanza della tua propiziazione. 

LIberty Lines: collegamenti regolari. L'Eraclide, che ha urtato con l'ala il molo di Vulcano, prontamente sostituito.

Liberty Lines informa che, nella giornata di oggi, giovedì 1 novembre, l’aliscafo Eraclide, in servizio alle isole Eolie, verrà sostituito da un altro aliscafo della propria flotta, l’Ettore, confermando la regolarità del servizio e senza alcun disagio per i passeggeri.
L’Eraclide infatti, nella serata di mercoledì 31 ottobre, ha urtato con la propria ala contro la banchina del Porto di Vulcano a causa probabilmente delle forti raffiche di vento e rientrerà in cantiere per le opportune verifiche.
Nessun problema per i pochi passeggeri dell’aliscafo proveniente da Milazzo, era partito alle 19 e 10, che sono, poi, tranquillamente sbarcati a Lipari.


Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie

- Alba eoliana -
Foto : Tiziana Totaro

mercoledì 31 ottobre 2018

A Pianoconte nasce l'orto didattico. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud


Commemorazione defunti. Riproposizione video "Eoliani che non ci sono più" ( 16° filmato - durata 4 minuti circa)

 Si avvicina la commemorazione dei defunti. Sperando di fare gradita ai nostri lettori vi riproponiamo i nostri video fotografici con le foto di diversi eoliani che non ci sono più. Ne saranno pubblicati due al giorno.
Abbiamo provato ad identicare i defunti di questo video. Per qualcuno abbiamo messo solo il cognome, per altri il nome con cui erano conosciuti, altri sono rimasti anonimi.Copertina: Pino Alessi; 1) Bartolo Saltalamacchia; 2) Bartolo Profilio; 3) Francesca Russo; 4) Olimpia Marraffa; 5) Giovanni Sarpi; 6) Vincenzo Fonti; 7) ?; 8) Giuseppe Ottanà; 9) Antonino Saltalamacchia; 10) Anna Maria Giuffrè; 11) Stefano Cincotta; 12) Gino Favorito; 13) Concetta Coluccio; 14) ?; 15) Felice Sidoti; 16) Giovanna Longo; 17) Rosina Spanò; 18) ?; 19) Nunziata Lo Ricco; 20) ?, Sandro Casali, Tano Russo, Filippo Virgona, ?; 21) ? Coppola, Domenico Iacono e Antonino Natoli; 22) Stefano Cincotta; 23) Jolanda Villani; 24) Andrea Merlino; 25) Giuseppa Vadalà; 26) Giuseppina Trimboli; 27) Gina Trimboli; 28) Margherita Virgona; 29) ? Coniugi Mangano; 30) Nino Sindoni; 31) Valentino Abbate; 32) Ernesto Acquaro; 33) Pietro Agrip; 34) Alessandro; 35) Pino Alessi; 36) Antonino Allegrino; 37) Valentino Amato; 38) Antonio Fulgione; 39) Aurora Antonucci; 40) Lucia Basile; 41) Pino Basile; 42) Antonino Bianchi; 43) Antonino Biviano; 44) Caterina Aliberti; 45) Caterina Biviano               

Presentato nei giorni scorsi il bando “Gli strumenti a sostegno dell’efficientamento energetico delle imprese. L’Azione 4.2.1 del PO FESR Sicilia 2014/2020”

Comunicato
E’ stato presentato nei giorni scorsi al Palazzo camerale il bando “Gli strumenti a sostegno dell’efficientamento energetico delle imprese. L’Azione 4.2.1 del PO FESR Sicilia 2014/2020” che finanzia, con un importante contributo a fondo perduto, gli interventi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici effettuati da piccole, medie e grandi imprese.
L’evento, svoltosi nello stesso giorno in cui l’avviso è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, è stato promosso dalla Camera di commercio in sinergia con il presidente della commissione “Fondi europei, internazionalizzazione e innovazione tecnologica” dell’Ente camerale, Attilio Liga.
Relatori della giornata, Salvatore D’Urso e Roberto Sannasardo, rispettivamente dirigente generale del dipartimento “Energia” e Energy manager della Regione Siciliana, che hanno presentato il bando; Salvatore Freni, direttore del Cnr-Itae, che si è soffermato sulle iniziative in corso in tema di risparmio energetiche condotte dall’Istituto; e Francesco Cappello, responsabile “Enea” per la Sicilia, che ha approfondito il bando da un punto di vista tecnico.
Infine, Sergio Amato, esperto in incentivi alle imprese, ha presentato un quadro degli strumenti di agevolazione disponibili e di imminente attivazione.
L’incontro, patrocinato dall’Ordine dei commercialisti, è stato moderato da Nicola Barbalace, roster esperti dell’assessorato regionale alle Attività produttive ET 3 Energia.

"Pescando" nel nostro archivio. Il "quadaro" di San Giuseppe del 19.03.2010

Il nostro patrimonio storico - culturale...spesso sconosciuto e/o nascosto. Video - viaggio nella chiesa dei Cappuccini a Lipari

Abbiamo realizzato questo video all'interno della chiesa dei Cappuccini al Camposanto di Lipari. Lo abbiamo fatto per portare a conoscenza di molti quello che è un patrimonio storico -culturale, lasciatoci eredità dai frati.
Un patrimonio che non sempre si può ammirare e che adesso, subito dopo il 2 novembre, resterà chiuso all'interno della chiesa per un periodo, speriamo, non lungo.
La chiesa, infatti, è stata dichiarata inagibile dai vigili del fuoco e vi è una ordinanza di chiusura. Come, però, ci ha dichiarato Don Gaetano Sardella, che abbiamo contattato, sono già previsti degli interventi da parte del Ministero ai Beni culturali, proprietario dell'immobile.
L'auspicio è che vengano realizzati al più presto onde poter riconsegnare a Lipari e ai suoi visitatori dei beni preziosi.

Prorogata ZTL a Lipari centro

Con ordinanza del dirigente Mirko Ficarra è stata prorogata sino al 17 novembre 2018 la Ztl - area pedonale nel centro storico di Lipari

Commemorazione defunti. Riproposizione video "Eoliani che non ci sono più" ( 15° filmato - durata 4 minuti circa)

Si avvicina la commemorazione dei defunti. Sperando di fare gradita ai nostri lettori vi riproponiamo i nostri video fotografici con le foto di diversi eoliani che non ci sono più. Ne saranno pubblicati due al giorno. 
Abbiamo provato ad identicare i defunti di questo video. Per qualcuno abbiamo messo solo il cognome, per altri il nome con cui erano conosciuti, altri sono rimasti anonimi. Copertina: Tindara Costanzo; 1) Bartola Schibeci; 2) Giuseppe Maiorana, 3) Concettina Pantò in Zaia; 4) Alfonsino Aiello; 5) Pino Mandarano; 6) Dario Subba; 7) Pietro Caprara; 8) Antonio Barbera; 9) Arturo "Bartolino" Turcarelli; 10) Pippo Guerrera e Caterina Capone; 11) Mario Natoli; 12) Tindara Costanzo; 13) Franco Zaia; 14) ? La Rosa; 15) Giuseppina Natoli; 16) Caterina Biviano; 17) Elena Virgona; 18) Gaetanina Raffaele, 19) Gaetano Saltalamacchia, 20) Angelino Sardella; 21) Iole Denaro; 22) Margherita Virgona; 23) Marisa Natoli; 24) Olimpia Marraffa; 25) Mina De Salvo; 26) Massimo Mezzapica; 27) Michele La Torre; 28) Natale Famà; 29) ? Lo Surdo; 30) Domenico Quinti; 31) Rosa Caruso; 32) Rosa Palino; 33) Francesco Bonfante; 34) Sandra Casali, 35) Santoro Biviano; 36) Sarino Pergolizzi; 37) Sandro Casali; 38) Simone Giardina; 39) Stefana Mazza, 40) Stefano Oliva; 41) Tisbe Franzoglio; 42) Salvatore (Turi) Profilio; 43) Valentino Amato; 44) Salvatore (Totò) D'Alia; 45) ?;      

Auguri ai lettori di Eolienews, festeggiati oggi

Buon Compleanno a Sebastiano Nello Casabona, Ivan De Salvo, Michele Giacomantonio, Gianluca Bonica, Ludovica Celi, Eleonora Mariano Russo, Dario Scaffidi, Maria Grazia Allegrino, Naty De Salvo, Celeste Basile

Accadde oggi alle Eolie (31 Ottobre 2013)


In arrivo una nuova burrasca di scirocco con possibili rovesci. Previsioni meteomarine Eolie a cura di Giuseppe La Cava

Nuova breve burrasca di scirocco con raffiche forza 7, dalla sera di oggi fino alla mattinata di domani 1 Novembre. Mare generalmente mosso, temporaneamente molto mosso.
Tra la notte di oggi e la mattinata di domani é previsto l'arrivo di rovesci sulle Eolie.
Venerdi e Sabato attenuazione dei fenomeni seppur in presenza di un moderato scirocco, in attesa di un nuovo rinforzo della ventilazione sciroccale prevista per Domenica, con piogge più presenti e abbondanti sul messinese ionico tra il pomeriggio e la mattinata di Lunedi.

Santo del giorno : Santa Lucilla di Roma

Il nome di Lucilla, evidentemente è il diminutivo di Lucia, che a sua volta deriva da « luce ». È dunque un nome già luminoso per se stesso. Lucia, voleva dire precisamente « nata all'alba », come Crepusca, significava « nata al tramonto ». Ma mentre il nome di Crepusca è completamente caduto nell'uso onomastico, quello di Lucia si è sempre più diffuso, forse proprio per quella luce che sembra diffondere sulle donne che lo portano volentieri. 
E dopo il nome di Lucia, viene quello graziosissimo di Lucilla, attribuito a molte giovani romane « nate all'alba ». 
Anche Santa Lucilla nacque all'alba dell'Era Cristiana, quando chi portava la luce della nuova fede veniva perseguitato da coloro che l'avrebbero voluta spegnere, convertendo il nome di Lucia in quello di Crepusca. 
Su Santa Lucilla però non brilla che la luce del suo bellissimo nome. Di lei, Martire, non si sa nulla di preciso, o meglio si sa soltanto quello che la leggenda ha intessuto con fili luminosi, ma puramente fantastici. 
Quasi certamente fu lo stesso nome di Lucilla a suggerire la leggenda. Perciò si narra d'un tribuno romano, di nome Nemesio, che avrebbe avuto una figlioletta nata cieca. 
Egli avrebbe chiesto per la propria figlia, al Papa Santo Stefano, non la luce fisica degli occhi, ma quella soprannaturale dell'anima, cioè il Battesimo. 
Padre e figlia si sarebbero fatti così cristiani. Anzi, il Papa avrebbe consacrato diacono il padre di Lucilla. Ma la luce della piccola cristiana avrebbe brillato poco in terra, e si sarebbe accesa invece in Cielo, dopo il martirio, subito, dal padre e dalla figlia, sotto l'Imperatore Valeriano. 
Il Papa Santo Stefano avrebbe fatto sotterrare i due corpi decapitati del padre e della figlia in un luogo segreto, di dove il Papa Sisto II li avrebbe fatti esumare, il 31 ottobre, per dar loro una più degna sepoltura, lungo la via Appia. 
La festa di oggi ricorderebbe dunque non il martirio di Nemesio e di Lucilla, ma la traslazione delle loro reliquie. 
Dalla via Appia, i corpi dei due Martiri furono poi nuovamente esumati da Gregorio IV e sepolti, con grande onore, nella diaconia di Santa Maria Nuova, insieme con altri Martiri romani. 
Anche queste ripetute traslazioni sembrano avere un significato simbolico. La piccola Lucia, cioè Lucilla, nata cieca e illuminata dalla fede, sarebbe stata più volte riportata alla luce del mondo, perché la scintilla della sua santità segnasse l'itinerario trionfale del Cristianesimo: « nato all'alba », tenuto da prima nascosto, poi avviatosi lungo le vie consolari, e finalmente affermatosi sulla terra, con le sue Chiese, diventate tante fiaccole di carità, accese sul mondo pagano, ormai condannato al crepuscolo.

Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie

- Panarea e Stromboli viste da Canneto (Lipari) -

martedì 30 ottobre 2018

Raffiche di scirocco, disagi pure nelle scuole. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


Post Mirabilia alle Eolie e a Taormina per otto buyer internazionali.

Post-tour Mirabilia Network: anche quest’anno educational sostenuto dalla Camera di Commercio di Messina per operator internazionali in visita alle Isole Eolie con tappa a Taormina. Otto i buyer internazionali coinvolti, impegnati sui mercati: tedesco, francese, statunitense e giapponese.
L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto Mirabilia Network, l’Associazione dedicata alla promozione dei territori e dei percorsi nei siti Patrimonio dell’Umanità UNESCO sostenuti delle Camere di Commercio di Bari, Benevento, Crotone, Caserta, Genova, Matera, Messina, Molise, Pavia, Perugia, Potenza, Riviere di Liguria, Sassari, Sicilia Orientale, Udine e Verona.
Come di consueto, il programma e la gestione dell’educational sono stati curati da Federalberghi Isole Eolie su incarico della Camera di Commercio di Messina e la collaborazione dell’Associazione Albergatori di Taormina.
Nonostante l’allerta meteo che ha interessato buona parte del paese, compresa la provincia di Messina, i buyer internazionali – reduci dai due giorni della 7° edizione di Mirabilia, la borsa internazionale del turismo quest’anno tenutisi a Pavia - hanno comunque avuto la possibilità di godere di un programma di tutto rispetto.
La prima sera hanno fatto tappa a Taormina, dove la mattina seguente hanno potuto visitare il centro storico per poi partire alla volta di Messina, dove sono stati accolti in Camera di Commercio per il pranzo istituzionale. Sono quindi partiti alla volta delle Isole Eolie dove stata per loro organizzata una presentazione della destinazione turistica Isole Eolie, a cura di Christian Del Bono (presidente di Federalberghi Isole Eolie). Il giorno seguente, la mattinata è stata dedicata al centro storico di Lipari per essere quindi accolti dall’archeologa Maria Clara Martinelli e poi dedicarsi ad un’ampia quanto impegnativa ed affascinante panoramica sul museo archeologico eoliano e i suoi quasi 8000 anni di testimonianze. Nel pomeriggio, non potendo visitare Stromboli, è stato effettuato un giro dell’isola di Lipari con il naturalista Pietro Lo Cascio che ha fornito loro una pregiata lettura dell’ecosistema eoliano e delle motivazioni per le quali le isole sono state inserite nella World Heritage List dell’UNESCO.
Soddisfatto, il presidente Del Bono: siamo certi che gli operatori internazionali siano partiti con degli spunti importanti per poter proporre il prodotto Eolie-Taormina sui loro mercati. Ringraziamo il Presidente della Camera di Commercio di Messina, Ivo Blandina, per aver confermato la partecipazione della Camera di Commercio al progetto Mirabilia Network e per aver ancora una volta dato la possibilità a Federalberghi Isole Eolie di organizzare il post-tour di Mirabilia; ringraziamo anche il Segretario Generale della Camera, Alfio Pagliaro e gli uffici, per il consueto prezioso supporto tecnico-amministrativo”

Commemorazione defunti. Riproposizione video "Eoliani che non ci sono più" ( 14° Filmato: durata 4 minuti circa)

Si avvicina la commemorazione dei defunti. Sperando di fare gradita ai nostri lettori vi riproponiamo i nostri video fotografici con le foto di diversi eoliani che non ci sono più. Ne saranno pubblicati due al giorno. 
 Abbiamo provato ad identicare i defunti di questo video. Per qualcuno abbiamo messo solo il cognome, per altri il nome con cui erano conosciuti, altri sono rimasti anonimi. Copertina: Franco Giunta; 1) Francesco Lauricella; 2) Giovanna Longo; 3) ?; 4) Giovanna (Gina) Trimboli; 5) Margherita Virgona; 6) Bartolo Della Chiesa; 7) Umberto Saltalamacchia e Maria Miranda; 8) ? e Nunziata Gallo; 9) Domenico Faralla; 10) Domenico Russo; 11) ? ; 12) Eugenio Spanò; 13) Fabio Adornato; 14) Marina Casamento Biviano; 15) Franca Di Giovanni; 16) Giuseppina Mandile; 17) Franco Giunta; 18) Bartolo Profilio; 19) Paolo Roux; 20) Giovannino Medorini; 21) Anna Maria Giuffrè; 22) Stefano Cincotta; 23) Gioacchino Mannuccia; 24) Valentino Abbate; 25) Franco Trimboli; 26) Fulvio Natoli; 27) Gaetano D'Ambra; 28) Germana Franza; 29) Giacomo Greco; 30) Giovanni Deidda; 31) Giovanni Spada; 32) Giovanni Sarpi; 33) Giovanni Toni; 34) Giuseppe Cassarà; 35) Giuseppe Nocera; 36) Maria Sciacchitano; 37) Franco Scoglio; 38) Domenico Iacono; 39) Giuseppe Svezia; 40) Pino La Greca e Girolamo Crivelli; 41) Nino Natoli.             

"Pescando" nel nostro archivio. Il video della Domenica delle Palme del 2013 a Lipari

31 Ottobre e 1 Novembre a Lipari celebrazione della Fondazione dell'Istituto delle Suore Francescane di Lipari


Che male c'è? (di Francesco Coscione)

Non intendo fare dissertazioni su origini e comparazioni tra la festa di Halloween e quella di Ognissanti. Ciò che ritengo importante è che chi sente dentro l'appartenenza e la gioia di credere nel Dio della vita, della luce, della risurrezione, della speranza, della misericordia, dell'amore e di tutto ciò che di positivo nella vita può esistere, dovrebbe pensarci prima di dire "che male c'è?" a partecipare a festicciole, riunioni, cene e altro di simile per esaltare buio, morte, sangue, terrore, disperazione e odio. Siamo fulminei nel trovare le parole giuste per redarguire chiunque faccia e non dica, ma molto lenti e pigri nel vedere i nostri "che male c'è?". Le Messe nei Camposanti stridono in modo insopportabile con la veglia fatta di maschere imbrattate di spavento e sangue. La scelta tra Gesù e Barabba rivive ogni giorno, siamo coraggiosi nel dire: sono cristiano e, pur con le mie fragilità e le mie cadute, credo nel Dio della vita. Forse ci derideranno ma dentro avremo la gioia incomparabile di sentirci uomini e donne libere di dire "no" ad una società che vuole convincerci che ciò che conta è apparire e non essere, stordirsi per non pensare, esorcizzare la morte e la sofferenza. Il primo novembre festeggiamo il nostro onomastico: auguri.

Otto buyers di Mirabilia in visita alla Camera di Commercio.

Nell’ambito della VII edizione di “Mirabilia”, il progetto di rete volto alla promozione turistica dei siti Unesco meno noti e del patrimonio enogastronomico territoriale, otto buyers, provenienti dalla Germania, dalla Francia, dal Giappone e dagli Usa, sono stati ricevuti al Palazzo camerale, prima di partire alla volta delle Eolie, dove si è svolto il post tour dell’evento. Ad accoglierli, Sabina Vinci dell’Azienda speciale servizi alle imprese della Camera di commercio e Angelo Di Carlo, responsabile del Servizio di prevenzione e protezione dell’Ente camerale.
L’edizione 2018 della “Borsa internazionale del turismo culturale”, giunta alla sua III edizione per quel che concerne il comparto food&drink, nasce da un network istituzionale tra le Camere di commercio di Matera (ente capofila), Pavia, Messina, Bari, Benevento, Caserta, Crotone, Genova, Molise, Perugia, Potenza, Riviere di Liguria, Sassari, Sicilia Orientale, Udine, Venezia Giulia e Verona, Unioncamere, Ice Agenzia e ministero dello Sviluppo economico.
Quest’anno, la manifestazione si è svolta a Pavia: due giornate dedicate a incontri B2B del settore turismo e agroalimentare/vino, alle quali hanno partecipato anche 7 aziende messinesi.
Alla cerimonia inaugurale, svoltasi al Palazzo esposizioni di Pavia, ha presenziato il presidente della Camera di commercio, Ivo Blandina.

Commerazione defunti. Riproposizione video "Eoliani che non ci sono più" ( 13° Filmato: durata 4 minuti circa)

Si avvicina la commemorazione dei defunti. Sperando di fare gradita ai nostri lettori vi riproponiamo i nostri video fotografici con le foto di diversi eoliani che non ci sono più. Ne saranno pubblicati due al giorno.  
Abbiamo provato ad identicare i defunti di questo video. Per qualcuno abbiamo messo solo il cognome, per altri il nome con cui erano conosciuti, altri sono rimasti anonimiCopertina: Caterina La Torre; 1) ? Coppola, Domenico Iacono, Antonino Natoli; 2) Rosina Spanò; 3) Nunziata Lo Ricco; 4) Stefano Oliva; 5) Pino Alessi; 6) Matilde Mandarano; 7) Nino Sulfaro; 8) Stefano Scibilia; 9) Sarino Merlo; 9) Stefano Cincotta; 10) Jolanda Villani; 11) Antonio Biviano; 12) Salvatore (Tureddu) Greco;  13) ? Coniugi Deidda; 14) Peppuccio Favaloro; 15) Angelo Ziino; 16) Rosaria Saltalamacchia; 17) Ruccio Veneziano Orioles; 18) Giuseppina Trimboli; 19) Maria Pia Acunto; 20) Agostino Scaffidi; 21) Aldo Favaloro; 22) Angela Aiello; 23) Angelino Maiuri; 24) Anna Maria Famularo; 25) Annetta Falanga; 26) Antonia Portelli; 27) Antonio Greco; 28) Antonio Quadara; 29) Aristide Mollica; 30) Bartolo Casella; 31) Bartolo Errico; 32) Bartolo Gualdi; 33) Bartolomea Casamento; 34) Bartolomeo Di Stefano; 35) Caterina Biviano; 36) Caterina La Torre; 37) Italo Paino e Girolamo Caleca; 38) Oreste Bruno Longo; 39) ?; 40) ?; 41) Angelino Cincotta                       

Auguri ai lettori di Eolienews, festeggiati oggi

Buon Compleanno a Assuntina Sulfaro, Eleonora Acquaro, Rosy Baldi, Ersilia Acquaro, Maria Biviano, Elio Mollica, Alessia Biviano, Ines Agnese d'Arienzo, Alex Lo Presti, Piero Bertè

Accadde oggi alle Eolie (30 Ottobre 2009)

Santo del giorno : San Germano di Capua

«Mentre il venerabile padre [san Benedetto] fissava con intensità il suo sguardo su questo fulgore di luce, vide l'anima di Germano, vescovo di Capua, portata dagli angeli in cielo dentro una sfera di fuoco» (san Gregorio Magno, Dialoghi). 

Il VI secolo è molto importante per lo sviluppo dell'organizzazione della Chiesa in Italia. Si fa strada la distinzione tra la diocesi, presente nelle città, e la pieve, nelle zone rurali. Emergono inoltre alcune figure di vescovi che sono ricordati da san Gregorio Magno come uomini di Dio in gradc di svolgere la cura d'anime continuando a tendere alla perfezione cristiana e alla contemplazione. 

Nato nel V secolo da famiglia agiata, Germano si privò dei suoi beni per darli ai poveri. Condusse poi vita ascetica fino al 516, quando venne eletto vesccvo di Capua. Amato nella sua diocesi, svolse una missione diplomatica particolarmente deli-cata. 

Su mandato di papa Ormisda si recò a Costantinopoli per cercare di mettere termine allo scisma iniziato dal patriarca Acacio. Nel tentativo di giungere all'unità con quanti si rifiutavano di accettare il concilio di Calcedonia, il patriarca aveva composto una formula di unione respinta da papa Felice Il e dalle chiese d'Occidente. La trattativa cui partecipò Germano andò a buon fine. 

L'imperatore Giustino e ii patriarca Giovanni sottoscrissero il documento proposto da papa Ormisda e venne superata una divisione che durava ormai da due aenerazioni. Ritornato nella sua diocesi, il vescovo condusse vita ascetica fino alla morte, avvenuta nel 541. Per gratitudine i fedeli Io seppellirono nella chiesa di Santo Stefano e lo venerarono come santo.

Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie

- I resti del porto romano sui fondali di Sottomonastero (Lipari) -
Foto: Soprintendenza del mare

lunedì 29 ottobre 2018

REGIONE: RIFIUTI; MUSUMECI, NON CHIEDERO’ PROROGA POTERI SPECIALI.

«Voglio rassicurare il ministro Di Maio: non solo non ho alcuna intenzione di chiedere il rinnovo dei cosiddetti poteri speciali per i rifiuti, ma penso addirittura di restituirli prima della scadenza. L’ho già anticipato al ministro dell’Ambiente spiegandone anche i motivi: in sette mesi, infatti, nei sei impianti oggetto dell’ordinanza di Protezione civile abbiamo realizzato tutto quello che andava fatto in termini istruttori. Ora la strada è in discesa. Spero, invece, di far trovare al ministro Di Maio, fra un anno, una Sicilia finalmente fuori dall’emergenza rifiuti. Al sindaco Raggi e ai romani auguro la stessa cosa».
Lo dichiara, in una nota, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

Lipari porto...qualcosa non torna. (Ultima puntata) di Angelo Sidoti

Ci sono due aspetti che andrebbero approfonditi per concludere l’analisi sulla Lipari Porto Spa: il primo è di tipo formale mentre il secondo attiene all'aspetto tecnico.
Iniziamo ad analizzare l'aspetto più noioso, ovvero quello tecnico.
Non avendo sortito alcun effetto la mia istanza inviata al Segretario Comunale, e per conoscenza all'Assessore al ramo, con la quale richiedevo la pubblicazione in forma integrale del bilancio 2017 della LIPARI PORTO SPA, nonché la messa a disposizione del documento nella sezione Trasparenza al Segretario Comunale, ho dovuto acquistare il bilancio depositato presso il Registro delle Imprese al fine di reperire alcune informazioni rilevanti.

Grazie a tale documento, infatti, sono riuscito ad appurare quanto dichiarato dagli Amministratori:
“Gli amministratori in considerazione dello status del Socio Condotte S.p.A., pur in assenza del Piano concordatario omologato dal Tribunale di Roma, valutate sia la difficoltà di incassare il credito, sia l'impossibilità di realizzazione del progetto insito nell'oggetto sociale a fronte del quale era stato rilasciato l'impegno da parte del socio Società Italiana per Condotte d'Acqua SpA, hanno prudenzialmente ritenuto di apportare una svalutazione integrale di tale credito, per Euro 575.000, con l'iscrizione di un Fondo svalutazione di pari importo.”

Sulla base di tale dichiarazione, è legittimo porsi alcune domande, ossia:

di quale piano concordatario in attesa di omologazione stiamo parlando, tenuto conto che Condotte ha presentato un Concordato in Bianco;
su quale base gli amministratori hanno ritenuto opportuno svalutare un credito di Euro 575.000, vantato nei confronti del Socio di Maggioranza;
di quale Fondo Svalutazione stiamo parlando, considerato che dal prospetto di bilancio e dalla nota integrativa si rileva esclusivamente una svalutazione diretta effettuata alla voce immobilizzazioni finanziaria, e come contropartita una rettifica di valore di una attività;
quali valutazioni hanno portato gli amministratori a mantenere un debito per Euro 66.371 nei confronti del Socio Condotte per finanziamenti effettuati.

Per dirla in sintesi: viene cancellato un credito di Euro 575.000 e mantenuto un debito di Euro 66.371 nei confronti del Socio Condotte.
Ricordo a Tutti che tale credito si riferiva all'impegno finanziario assunto dal Socio Condotte in fase di avvio del progetto del Mega Porto di Lipari ed iscritto in una posta di patrimonio netto (ovvero a capitale).

Veniamo ora ad analizzare l’altro aspetto di natura formale (si veda email allegata alla delibera del consiglio comunale). 
In data 21 giugno 2018, Il Presidente della Lipari Porto informava il Sindaco Giorgianni che sarebbe stata convocata l’assemblea dei soci in parte ordinaria e in parte straordinaria; tale convocazione tuttavia si concludeva a firma del Geom. Antonio Maria Parenti già in data 11 giugno 2018. 
Si evince pertanto come l'assemblea non sarebbe ma “è stata convocata”.

Anche analizzando gli ordini del giorno si rileva come gli stessi non corrispondano: 
- il testo della comunicazione email riportava“parte ordinaria l’approvazione del bilancio e in parte straordinaria affinché i soci si determinano sullo scioglimento della società per l’impossibilità sopravvenuta di conseguire lo scopo sociale ai sensi dell’art. 2484 comma 1 n.2 del codice civile" ;
- il testo dell'avviso, invece, riportava “Parte Ordinaria relazione dei consiglio di amministrazione e del collegio sindacale sull'esercizio 2017; bilancio 2017, delibere inerenti e conseguenti” e “Parte Straordinaria – proposta di messa in liquidazione della società e nomina del liquidatore”.