Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 1 agosto 2009

"Operazione trasparenza" al comune di Lipari. Pubblicazione sul sito del comune dei dati sulla dirigenza e sulle assenze e presenze del personale

In ottemperanza alla "Operazione Trasparenza" Legge 18 giugno 2009, n° 69 " Art. 21 - Pubblicazione dei dati sulla dirigenza e sulle assenze e presenze del personale "Circolare Dipartimento Funzione Pubblica n. 3/09 sono stati pubblicati sul sito ufficiale del comune di Lipari i relativi dati.
Da questo abbiamo estrapolato la parte inerente gli stipendi percepiti dai dirigenti:
a) il Segretario Generale D.ssa Alfino Maria Elisa (dal 01.01.2008 al 30.09.2008 ) ha percepito un netto di euro 36.162,49
b) il Dirigente del Settore Affari Istituzionali Dott. Famularo Giovanni percepisce un totale annuo netto di euro 55.821,28
c) il Dirigente del Settore Economia e Finanze Dott. Subba Francesco percepisce un totale annuo netto di euro 52.139,92
d) il Dirigente del Settore " Sviluppo e Tutela del Territorio "Arch. De Vita Biagio percepisce un totale annuo netto di euro 51.947,44
e) il Dirigente del 4° Settore: Sicurezza - Sviluppo Economico e Sociale Dott. Russo Domenico percepisce un totale annuo netto di euro 43.448,55
Per visualizzare ulteriori dati cliccare su: http://www.comunelipari.it/servizi_comunali/trasparenza/org.htm

Comune di Lipari: tre assunzioni a tempo determinato nel contesto dell'emergenza

Tre contratti di collaborazione coordinata e continuativa sono stati posti in essere sino al 31 dicembre 2009 dal sindaco di Lipari, funzionario delegato per l'emergenza. I contratti riguardano tre giovani liparesi, già in passato impiegati nell'ambito della Protezione civile. Sono i geometri Renzo Giunta e Natalino Martello e il ragioniere Francesco Giannò.
Per accedere alle ordinanze cliccare sul link sottostante:
Ordinanze del Sindaco Funzionario Delegato per l'emergenza n° 7-8-9 del 31.07.2009 - Contratti di coll.ne coordinata e continuativa...

Lipari: "Quei cassoni dei rifiuti che nel parcheggio della via Franza rubano posto alle auto" (di Saverio Merlino)

(Saverio Merlino) Per mia scelta, volendo riflettere su tante cose, lontano dalle luci e dalle ombre di quello che accade nelle nostre isole, avevo deciso, con gran sofferenza, a dire il vero, che per un bel po’ di tempo non sarei intervenuto, in alcun modo, nel dibattito politico e sulle scelte amministrative e di gestione del territorio da parte della nostra Amministrazione Comunale.
Da qualche giorno, però, leggendo, sentendo e vedendo come vanno le cose, specialmente sull’isola di Lipari, l’impegno con la mia coscienza tentennava e mi sono reso conto che era sempre più difficile continuare a stare zitto.
Oggi ho deciso che non posso più rispettare la mia decisione perchè ho l’impressione che si sia superato ogni limite e ogni giorno qualcuno è convinto che può fare su questo nostro territorio, già fortemente provato e mortificato, tutto quello che vuole tanto……voi parlate, scrivete, protestate, vi consumate il fegato e noi facciamo sempre quello che vogliamo anche in barba al buon senso e alla buona amministrazione.
Questa era una delle motivazioni che mi aveva spinto al silenzio.

FATTI di oggi
Dopo tanto tempo, finalmente, qualche amministratore si era reso conto che nel parcheggio di Via Franza, nella zona dell’Ospedale, per favorire tutti i cittadini e i pazienti che giornalmente hanno la necessità di usufruire della sosta per la propria autovettura e in previsione del periodo estivo andava istituita, lato monte, la sosta con disco orario.
Decisione condivisa e apprezzata da tutti.
Invece…guardate queste foto.
Dopo neanche un mese, questo pomeriggio (non so da quanto tempo c’è già) ho notato, con stupore e con…(non aggiungo) che i parcheggi con disco orario (ben 6) sono diventati sito per “8 cassoni” per il deposito della spazzatura.
Premesso che da 4 o 5 anni questi cassoni erano posizionati all’ingresso del parcheggio lato nord in uno spazio che non sottraeva posti auto.
Immagino pure cosa succederà (o e già successo) quando l’autocompattatore dovrà fermarsi per almeno 15 minuti al centro del parcheggio per svuotare i cassoni.
Mi domando: come si fa a pensare ad una cosa del genere! Come si fa a disporre (se determina c’è stata) ad applicare una soluzione del genere! A cosa e a chi è servito spostare questi cassonetti che sottraggono almeno 6 posti auto?
Caro Sindaco, cari Assessori, caro Comandante della Polizia Municipale mi piacerebbe saperlo e vi sarei grato se, gentilmente, potessi avere una spiegazione in merito alla questione.
Alla prossima.
Grazie
Saverio Merlino

Calcio d'estate e vip. Tra gli isolotti di Panarea discusso da Branca e De Laurentis il futuro di "Pocho" Lavezzi?

Il futuro di "Pocho" Lavezzi, il forte calciatore del Napoli, potrebbe essere stato discusso oggi nell'azzurro e limpido mare degli isolotti di Panarea. L'incontro, se tale è stato, lo si è avuto tra il patron del Napoli calcio Aurelio De Laurentis(in attesa di raggiungere dopodomani la squadra per la presentazione ufficiale) e il dirigente e responsabile del mercato dell'Inter Marco Branca.
Entrambi si trovano, infatti, a Panarea. Il primo in barca, il secondo ospite di amici.
L'interista oggi è stato visto da un nostro fidatissimo amico salire a bordo dell'imbarcazione di De Laurentis prima che questa prendesse il largo alla volta degli isolotti che circondano l'isola. Era solo una gita tra amici o l'occasione per parlare di una cessione alla squadra campione d'Italia del “pocho” Lavezzi?
A bordo, infine, sarebbero stati avvistati anche Michelle Hunziker e Luigi De Laurentis che, dopo la recente vacanza a Capri,(vedi foto in alto del Corriere dello Sport) avrebbero scelto Panarea per trascorrere qualche giorno di relax lontano dal tran tran quotidiano. Ma mancano conferme ufficiali sulla presenza di due dei vip più seguiti del momento tra la stampa specializzata.

Turismo. Rivista russa classifica tre strutture eoliane tra gli alberghi più lussuosi d'Italia.

Riceviamo dall'assessore Giovanni Maggiore e pubblichiamo:
Caro direttore,
nel mese di luglio dello scorso anno, dopo un lungo e intenso colloquio telefonico, feci ospitare a Lipari un editore russo e i suoi colloboratori al fine di pubblicizzare le nostre isole su una rivista denominata "Italia" che viene pubblicata in Russia e si rivolge ad un target molto selezionato. Lo scopo era anche quello di promuovere le Isole Eolie in una realtà economica emergente che può diventare in un prossimo futuro un costante punto di riferimento per il nostro turismo. L'impegno profuso non è stato vano tant'è che nell'edizione di settembre 2008 è stato pubblicato un servizio giornalistico e fotografico sulle Isole Eolie di ben 17 pagine e sono state promosse alcune strutture alberghiere ritenute di un livello qualitativo elevato.
La suddetta rivista nel numero di giugno-luglio di quest'anno fra gli alberghi più lussuosi d'Italia ha anche indicato 3 strutture alberghiere delle Isole Eolie e cioè l'Hotel Tritone di Lipari, il Therasia Resort di Vulcano e Capofaro Malvasia e Resort di Malfa.
(Avv. Giovanni Maggiore - Assessore al Turismo del Comune di Lipari)
Data notizia 01/08/09 a cura di Salvatore Sarpi

Salina: "La terrazza del 12 agosto". La Terra, leit motiv della terrazza 2009

(Domenico Arabia) “La terrazza del 12 agosto” è ormai diventato l’appuntamento culturale dell’estate di Salina. Iniziato in sordina per pochi intimi tredici anni or sono sulla piccola terrazza dell’edificio comunale di S. Marina Salina, oggi, alla XIV edizione è una parentesi importante nella realtà estiva che permette a quanti lo vogliano di entrare a contatto con scrittori, autori, registi, musicisti e poeti, di fama nazionale ed internazionale, che presentano le proprie opere.
Nel corso delle ultime tre edizioni si è assistito ad uno sviluppo dinamico dell’evento, sia nella durata che nei contenuti: la decisione di intraprendere un percorso tematico che, di edizione in edizione, avesse come tema dominante uno dei quattro elementi che formano le “Sette Sorelle”(Vento,Fuoco, Terra ed Acqua) ha comportato la ripartizione dell’evento in più giornate, con l’ideazione degli Eventi sonori”, l’11 agosto, ossia l’interpretazione in musica del tema della “Terrazza”, a cui quest’anno si aggiunge una terza serata, il 13 agosto.
Il leit motiv della “Terrazza” 2009, così come viene chiamata affettuosamente dagli isolani, è la Terra: la Terra intesa come memoria, come riscoperta delle radici ma non in modo statico bensì dinamico, come reinterpretazione ed evoluzione degli eventi ad essa legati; Terra vista come donna e madre che crea, genera,educa alla vita, alla scoperta, ai viaggi. Terra intesa come luogo ove le nuove generazioni possano vivere senza dover pagare lo scotto degli errori delle generazioni passate.
Il programma della XIV edizione si articola in tre serate: l’11 agosto, durante la Pre-terrazza, sarà effettuata una presentazione congiunta di due volumi fra loro complementari, entrambi dedicati ai viaggiatori che hanno visitato le Isole Eolie nel ‘700 e nell’ 800: “Alle Eolie sulla scia di Ulisse” di Clara Raimondi, antologia di brani di viaggiatori “maggiori” come Dumas, Dolomieu, Luigi Salvatore d’Austria, e “Nel regno di Efesto” di Giuseppe La Greca, antologia di brani di viaggiatori “minori”, come Hamilton, Smith, D’Albertis.
A seguire si esibiranno i Faraualla, quartetto interamente formato da donne e che prende il nome da una tipica cavità carsica profonda tipica dell’altopiano murgiano in Puglia, che affronterà un viaggio nella vocalità, cogliendo spunti da un repertorio etnico per approdare a brani originali, attraverso la pratica della polifonia e la conoscenza delle espressioni vocali di diversi etnie e di periodi storici differenti.
Il 12 agosto sarà il turno del musicista e raro virtuoso di contrabbasso Ezio Bosso, che insieme ai Buxusconsort Soloist si esibirà in un repertorio di musiche proprie dal titolo “Before the Sea”. Bosso, grande musicista, direttore e compositore, noto nel panorama internazionale musicale, nel 2003 con le musiche del film “ Io non ho paura”di Salvatores è acclamato come compositore innovativo nell’ambito sia musicale sia cinematografico dalla critica e dal pubblico di tutto il mondo. Ezio Bosso è l’unico compositore classico italiano ad aver ricevuto l’Italian Music Award(Italian Grammy).
Al termine del concerto sarà proiettato il documentario “Un altro mare” dall’antropologo e architetto Franco La Cecla, che, in generale, nei propri lavori affronta a più riprese il tema dell’organizzazione dello spazio contemporaneo tra luoghi e non-luoghi, rivolgendosi in particolare alle soglie e ai confini tra le culture. Nel documentario, La Cecla descrive l’epopea della comunità di pescatori siciliani, in gran parte provenienti da Terrasini, che da cinque generazioni occupa l’isola di Annusquam a nord di Boston, luogo mitico di Moby Dick, Capitani Coraggiosi, La tempesta perfetta e i quadri di Hopper. Qui i siciliani vi hanno costituito una grande comunità con la propria lingua, la propria cucina, e una grande festa, quella di S.Pietro, che propone l’identità siciliana all’America intorno. Il legame con la terra,d ’origine in questo caso, è forte e si intreccia con storie di capitani e di riscatto sociale, di donne, di pescatori che fanno politica, di una identità siciliana globalizzata e sospesa tra la crisi della pesca, le minacce delle multinazionali e di resistenza di una maniera di pescare che è una maniera di vivere.
Il 13 agosto, durante la serata conclusiva della “Terrazza” si esibirà il giovane Giovanni Baglioni, figlio del famosissimo Claudio, e chitarrista virtuoso. La sensibilità emotiva dell’artista riesce a soffiare nel respiro di un prezioso ascolto la dolcezza delicata e volitiva delle sue note colorate. Il “chitarrismo” di Giovanni Baglioni è spettacolare da vedere e da ascoltare, dotato- nelle composizioni originali dell’autore- di una forza narrativa ed evocativa mai messa in ombra dal suo pur consumato virtuosismo, il quale spazia dal sapiente utilizzo del tapping all’impiego delle accordature alternative, agli armonici artificiali, all’uso della mano sinistra over the neck.
La terra, quindi, durante i tre giorni della “Terrazza” sarà vista in molte delle sue sfaccettature: dalle donne, Madre Terra, dei Faraualla, che cantano ed interpretano la Terra delle tradizioni e delle etnie, ai volumi sulle Isole Eolie, la “Nostra Terra”; dal documentario di Franco La Cecla con la sua “Terra” esportata e trapiantata in un’altra Terra,spesso ostile agli uomini, alle sonorità di Ezio Bosso, che ti permettono di sognare “terre diverse” pur rimanendo fermi nello stesso luogo, concludendo con il giovane Giovanni Baglioni, “Nuova Terra” di creatività, virtuosismo ed ingegnosità.
Programma
11 Agosto,Piazza S.Marina, ore 22.00:
Presentazione dei volumi“Alle Eolie sulla scia di Ulisse” di C. Raimondi e “Nel regno di Efesto” di G. La Greca;
“Eventi Sonori”: Faraualla in concerto
12 Agosto, Piazza S.Marina, ore 22.00:
“Before the Sea” concerto di Ezio Bosso & Buxusconsort Soloist;
Proiezione del documentario “Un altro mare” di F. La Cecla;
13 Agosto, Darsena Turistica, ore 22,00:
“Anima meccanica”, concerto di Giovanni Baglioni

Vip alle Eolie. Pesenze regali... e non solo all' Eolian Bunker di Merenda e Casali a Lipari

Attraccati a Lipari (foto a sinistra), quasi uno di fronte all'altro, all'Eolian Bunker vi sono lo yacht con a bordo i reali del Belgio, Paola ed Alberto di Liegi e il motoscafo con a bordo Alba Parietti e il principe Giuseppe Lanza di Scalea.
Per i reali si tratta della ormai consueta vacanza nell'arcipelago a Salina nello specifico. Quella di Lipari, infatti, rappresenta solo una tappa della loro vacanza.
Per quanto riguarda il principe Giuseppe Lanza e Alba Parietti questa vacanza insieme potrebbe essere una mezza conferma per chi vocifera che tra i due sia tornato l'amore?
E a proposito della Parietti vi è da evidenziare il fatto che, proprio in questi giorni, la show girl è stata contattata da una nota azienda che la riprodurrà in versione "bambola". Una soddisfazione niente male per una bella donna, "targata" 1961.
In basso: Il motoscafo con a bordo la Parietti (indicata dalla freccia) e lo yacht reale di Paola ed Alberto di Liegi


Esiste veramente nelle Eolie una mentalità ed una cultura del turismo? (di Michele Giacomantonio)

(Michele Giacomantonio) Luigi Vittorio Bertarelli, fondatore del Touring Club Italiano che visitò Lipari all’inizio del 900 scriveva di noi nel 1909 “La commissione per il miglioramento degli alberghi del Touring nulla potrebbe fare; si troverebbe come un missionario incompreso in partibus infidelium… L’evoluzione è ancora lontana, l’abiezione attuale non è quasi avvertita”. Rileggevo queste pagine che allora furono pubblicate nella “Rivista mensile Touring club italiano” sotto il titolo “Escursioni alle isole Eolie” e consideravo come giusto a cento anni di distanza le cose siano profondamente cambiate.
Se allora il nostro viaggiatore poteva scrivere che “gli alberghetti sono al disotto di qualunque infima osteria di un paese settentrionale e così sporchi da apparire inabitabili” ora abbiamo diversi e numerosi alberghi non solo decorosi ma anche eleganti, accoglienti, ricchi di tutti gli agi che un turista moderno possa desiderare. E lo stesso si può dire nel campo della ristorazione. Se Bertarelli lamentava che “il ristorante – quasi l’unico – che passa per il migliore di Lipari è una bottega sudicia ad archivolti bassi, dove si mangia alla meno peggio ma dove il servizio è fantasticamente diverso da quanto s’usa in luoghi rispettosi del viaggiatore” oggi ristoranti, trattorie, luoghi di ristoro sono numerosissime per tutti i gusti – al mare sulla spiaggia, in collina, in vicoletti accattivanti , ecc. -e per tutte le tasche anche se probabilmente, soprattutto nel periodo estivo, i prezzi possono apparire un po’ proibitivi soprattutto per chi giunge a Lipari dopo un faticoso e costoso viaggio in aereo fino a Catania o Palermo. Ma non è di questo, dei costi cioè, che intendiamo parlare oggi. Per farlo ci sarà tempo. Oggi vorrei parlare di un problema che sta a monte.
Si può dire che Lipari finalmente abbia scoperto la sua vocazione turistica? Si può dire che il turismo sia entrato nella mentalità e nella cultura degli amministratori, degli operatori economici e dei cittadini come la fonte principale della nostra economia e quindi della nostra ricchezza? Io ho molti dubbi a questo proposito. A cominciare dal fatto che ci siano idee chiare su quale turismo intendiamo puntare. Perché – sebbene si frequentino Borse internazionali, si faccia attività di promozione, qualcuno cura anche la propria clientela a distanza – ho spesso l’impressione che ancora per molti il turismo sia un frutto spontaneo che segue ragioni e motivazioni sue proprie praticamente estranee alle scelte che noi possiamo fare. Eppure per delle isole che sono state “scoperte” grazie alla cinematografia dovrebbe essere chiaro quanto fondamentale e determinante sia il circuito mediatico. Lo era negli anni 60 ed a maggior ragione lo è oggi. Ma qual è l’immagine delle Eolie che noi esterniamo ed in base alla quale la gente in Italia o nel mondo decide di venire a visitarci? I films degli anni 50 hanno valorizzato ed esaltato le bellezze naturalistiche, i paesaggi, il mare, il sole cogliendoli allora in una fase ancora un po’ selvaggia dell’ambiente e dell’umanità che vi viveva. Oggi di selvaggio è rimasto ben poco se non i disservizi – dai trasporti, al traffico, alle risorse idriche, agli incendi – che purtroppo non mancano mai. Si è cercato in questi anni di aggiungere al tema delle bellezze naturali quello della storia e della cultura di queste isole, che è un patrimonio enorme, a cominciare dal Museo archeologico ma che al museo non può e non deve essere limitato. E’ mia impressione,però, che i passi compiuti in questa direzione sono ancora incerti ed insufficienti mentre invece rischi sempre crescenti incombono sul patrimonio naturale e sul paesaggio in un arcipelago il cui l’abusivismo continua ad imperversare ( soprattutto a Vulcano vengono segnalati – nel disinteresse più generale – imponenti movimenti che interessano la scogliera di Vulcanello ). Si è saputo che è stato istituito il Parco naturalistico delle Eolie ma di questo non si parla assolutamente, il piano di gestione richiesto dall’Unesco ha impiegato anni per vedere la luce, non esiste – come già abbiamo detto – una reale pianificazione dell’offerta culturale a cominciare dall’Auditorium e dal Museo del Cinema. Vi è solo improvvisazione e lamentazioni per scaricare su altri le proprie responsabilità ( si veda la triste vicenda degli operai della pomice) ma nessun progetto serio di promozione coerente del nostro territorio.
Nel 1999 l’Amministrazione comunale aveva promosso il documento le Eolie del 2000 che voleva essere una carta di indirizzo proprio nella prospettiva di potenziare il turismo naturalistico e culturale come punta di diamante della promozione delle Eolie. In questi anni questa strada è stata completamente ignorata. Ed il turismo è continuato a calare lentamente ma inesorabilmente di anno in anno. Ci sono indubbiamente anche cause esterne (la crisi internazionale ad esempio) ma ci sono soprattutto nostre gravi deficienze interne di cui si parla troppo poco in una realtà acquiescente per rassegnazione o connivenza.
Potremmo dire riprendendo Luigi Vittorio Bertarelli a cento anni di distanza che la nostra evoluzione non è ancora finita, anzi qualche volta ci viene il dubbio se siamo entrati in una fase triste di involuzione.
Data notizia 01/08/07 a cura di Salvatore Sarpi

Le Eolie sulla Gazzetta del sud di oggi

Dalla Pagina Spettacoli:
Show a Lipari
La Campbell colpisce un fotografo con la borsa
Salvatore Sarpi
Naomi Campbell "show" a Lipari. Per non farsi immortalare da Gaetano Di Giovanni, un giovane fotografo free-lance locale, lo colpisce, per fortuna molto lievemente, con una borsettata e tenta di schiaffeggiarlo.
È accaduto giovedì notte a Marina Corta nel momento in cui la "Venere nera", dopo aver consumato la cena unitamente al suo compagno il miliardario Vladislav Doronin in un noto ristorante, si apprestava a risalire sul tender che l'avrebbe trasportata sullo yacht "Lady in blue" rimasto alla fonda nel tratto di mare antistante la piazza.
La scena della "borsettata" è stata fotografata da un collega del Di Giovanni. Che non fosse la serata giusta per fotografare la Campbell lo si era capito sin dal suo arrivo a Marina Corta quando per sfuggire alla curiosità di turisti e residenti e agli scatti anche amatoriali di coloro che l'hanno riconosciuta si è "barricata", unitamente al suo compagno, nella chiesa di San Giuseppe. Luogo dal quale è stata prelevata dal ristoratore.
Per il giovane fotografo eoliano, che lo scorso anno a giugno aveva fotografato la Campbell con il compagno durante un blitz a Lipari, e le cui foto erano finite su una nota rivista di gossip, non è stato possibile scattare foto neanche dalla strada adiacente al locale. Il proprietario del locale lo ha impedito fisicamente così come sottolineato dal fotografo liparese. A Marina Corta, poi, come raccontato, l'epilogo.
Non è la prima volta che la modella più famosa del mondo si fa notare per i suoi eccessi. Recentemente a fare le spese della "luna storta" della modella era stata una sua colf, finita all'ospedale per un taglio alla testa provocato dal lancio del cellulare. Le collaboratrici di Naomi sono state spesso vittime degli scatti d'ira della "Venera nera". Per l'aggressione ai danni di una di loro ha dovuto scontare una pena di cinque giorni da occupare in servizi socialmente utili e ha fatto le pulizie come spazzina presso il Sanitation Department a New York.
La top model è stata perfino arrestata all'aeroporto londinese di Heathrow per aver aggredito un ufficiale di polizia, sputandogli persino addosso. Naomi aveva perso le staffe quando, nel reparto di prima classe su un aereo della British Airways, non riusciva più a trovare uno dei suoi tre bagagli. Lo staff della compagnia è si scusato per il disguido, ma la modella non ha sentiro ragioni fino al punto di dover essere portata a forza dalla polizia giù dal velivolo.
Dalla pagina Messina Tirrenica
Ma c'è pure un bel debito fuori bilancio
Più di due milioni in arrivo nelle casse del Comune di Lipari
Salvatore Sarpi
Casse comunali meno asfittiche del solito e amministratori locali con meno alibi. Sono, infatti, tornati pienamente disponibili un milione e seicentomila euro. Si tratta della cifra che era stata "congelata" a seguito dell'azione giudiziaria intrapresa nei confronti del comune da una società per un contenzioso relativo ad un'area nell'isola di Vulcano. L'avvocato Edoardo Zampella del Foro di Napoli, dopo aver ottenuto dal Tribunale la revoca la transazione posta in essere da precedenti amministrazioni rispetto a quella attuale e il successivo decreto ingiuntivo (resta in piedi comunque l'azione risarcitoria da parte degli aventi diritto), è riuscito dopo diversi mesi dalla sentenza ad ottenere lo scongelamento della suddetta cifra. Questo "blocco" nel passato così come sostenuto dagli amministratori liparesi non permetteva l'effettuazione di diverse azioni se non quelle indispensabili. Nelle casse comunali, inoltre, nelle ultime ore sono affluiti 800 mila euro provenienti dalla Regione. Sta anche per risolversi la questione legata ai fondi del ticket antecedenti l'anno in corso. Circa 700 mila euro che potranno essere così impiegati sul territorio così come prevede l'ordinanza di protezione civile che dichiara l'emergenza nel territorio delle isole Eolie (eccetto Salina). Intanto il consiglio comunale di Lipari ha approvato il bilancio dell'Ente. Si tratta di un bilancio da 25.665.471 euro. Hanno votato favorevolmente gli undici consiglieri di maggioranza.
Il via libera lo si è avuto ieri mattino, intorno alle 5.35, dopo una maratona protrattasi per oltre venti ore e nel corso della quale sono stati proposti e discussi venti emendamenti. Solo quattro quelli per cui l'aula ha ritenuto opportuno dare l'okay. Tutti presentati dai consiglieri comunali Gesuele Fonti e Francesco Megna (Il Faro). Oltre al bilancio i consiglieri hanno anche approvato il piano triennale delle alienazioni o valorizzazione del patrimonio immobiliare e le consulenze del terzo settore. A margine del consiglio è rimbalzata la voce dell'arrivo di un debito fuori bilancio di circa 180 mila euro. Si tratterebbe di una somma da liquidare ad avvocati e legali.

Filicudi ancora senza una farmacia Insorge il sindaco
Peppe Paino
L'isola continua a restare priva di assistenza farmaceutica, anche ad agosto. Le medicine arrivano, ugualmente, dalle altre isole ma è chiaro che si tratta di una pecca non indifferente per un luogo ad alta vocazione turistica. Un problema comunque che, probabilmente, poteva essere evitato. Com'è noto il Tar di Catania, ha condannato il comune di Lipari a risarcire complessivamente per 8.500 euro ( comprensive di spese di giudizio) il dott. Orazio Cucinotta di Leni, titolare di un dispensario a Filicudi. Lo stesso si era opposto all'ordinanza contingibile e urgente con la quale il Sindaco di Lipari, Mariano Bruno, autorizzava il 28 aprile del 2008 i farmacisti Sparacino di Lipari ( prima autorizzati dalla Regione poi raggiunti, per inadempienza, da un provvedimento di revoca) ad assicurare, ugualmente, attraverso i presidi farmaceutici d'emergenza, l'assistenza nelle isole di Filicudi e Alicudi. Per il Tar, quell'ordinanza è stato il frutto di un'evidente eccesso di potere per un atteggiamento inescusabile. Giudizio che ha provocato le forti critiche in Consiglio comunale da parte di Bartolo Lauria dell'Udc. Ma il Sindaco difende a spada tratta il suo operato e impugnerà la sentenza del Tar anche perché, frattanto, a Filicudi il servizio di assistenza farmaceutica non è stato riattivato neanche dal titolare riconosciuto dal Tar.
«Perché – fa rilevare il sindaco – c'è una legge che dispone che il servizio debba essere garantito soltanto da chi opera nel territorio comunale. Se c'è un titolare, come il dott. Cucinotta, perché non è rimasto a Filicudi? Perché opera a Salina? Ora – evidenzia il sindaco – la Regione sbrogli questa matassa e imponga a qualcuno di svolgere l'attività sull'isola dal momento che qualcuno ha ritenuto di mettere in dubbio la mia imparzialità. Altrimenti – conclude Mariano Bruno – farò un'altra ordinanza per assicurare ai cittadini di Filicudi e ai tanti turisti che soggiorneranno in questo mese, quell'importante servizio che ancora non hanno».

Lipari: Un 35enne arrestato dall'Arma
Evade dai domiciliari per una passeggiata
Avrebbe dovuto essere nella sua abitazione di contrada Santa Margherita dove era stato posto agli arresti domiciliari. I carabinieri di Lipari, invece, durante un servizio di pattugliamento, lo hanno sorpreso giovedì sera, intorno alle 20, a passeggio sul corso Vittorio Emanuele, nel cuore del centro storico dell'isola. Per G. S., 35 anni, originario di Lipari, ma residente a Genova, con precedenti di polizia, sono scattate le manette per evasione dai domiciliari. Il giovane, dopo una serata trascorsa nella cella di sicurezza della stazione dei carabinieri di Lipari, è stato trasferito con la motovedetta dell'Arma a Milazzo da dove ha proseguito alla volta del carcere di Messina Gazzi.
Intanto un motociclo Liberty è stato nottetempo letteralmente distrutto dalle fiamme mentre si trovava posteggiato a Lipari, proprio all'inizio della via Filippo Mancuso. Il mezzo è di proprietà di un giovane marinaio del Circomare Lipari arrivato nell'isola da pochissimo. L'incendio si è sviluppato intorno alle 4 del mattino e poco hanno potuto fare i vigili del fuoco allertati dai residenti nella zona. Sono in corso le indagini per accertare le cause dell'incendio ma non si esclude la matrice dolosa.(s.s.)
Notizie del 01/08/09 a cura di Salvatore Sarpi

venerdì 31 luglio 2009

Trasporti. La Federalberghi chiede collegamento integrativo a mezzo nave da Milazzo

Una nota è stata inviata dal Presidente della Federalberghi Christian Del Bono alla Siremar e, per conoscenza, allAssessorato Regionale ai Trasporti On. Nino Strano e Dott.ssa Salvatrice Severino, ai sindaci Riccardo Gullo, Massimo Lo Schiavo e Salvatore Longhitano.
Oggetto della lettera: Richiesta urgente corse aggiuntive nave Siremar e rientro in servizio motonave Novelli.
IL TESTO:
Da quanto risulta dalle comunicazioni di alcuni visitatori che stanno cercando di prenotare un posto auto sulle navi in servizio da Milazzo verso le Eolie, queste risulterebbero tutte al completo per il weekend 31.07-02.08.
Pur rendendoci conto della tardività della segnalazione, vi chiediamo di valutare un'eventuale intervento volto ad assicurare una corsa integrativa utilizzando la motonave Laurana nei giorni di sabato ed eventualmente di domenica.
Qualora ciò non fosse possibile, vi chiederemmo la possibilità di operare la medesima integrazione per il weekend dell'08-09 agosto.
Infine, è opportuno sottolineare che a tali disfunzioni contribuisce il mancato rientro in servizio della Pietro Novelli che ad oggi continua ad operare, su altro settore, in sostituzione della Palladio.
In attesa di un gradito riscontro, porgo i miei più cordiali saluti.
Christian Del Bono
Data notizia 31/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Lipari.Respirano le casse comunali. Tornano disponibili 1.600.000 euro. In arrivo i fondi del ticket e debiti fuori bilancio per 180 mila euro

Casse comunali meno asfittiche del solito e amministratori locali di Lipari con meno alibi. All' interno delle casse comunali sono, infatti, tornati pienamente disponibili un milione e seicentomila euro. Si tratta della cifra che era stata “congelata” a seguito dell'azione giudiziaria intrapresa nei confronti del comune da una società per un contenzioso relativo ad un'area nell'isola di Vulcano. L'avvocato Edoardo Zampella del Foro di Napoli, dopo aver ottenuto dal Tribunale la revoca la transazione posta in essere da precedenti amministrazioni rispetto a quella attuale e il successivo decreto ingiuntivo (resta in piedi comunque l'azione risarcitoria da parte degli aventi diritto), è riuscito dopo diversi mesi dalla sentenza ad ottenere lo scongelamento della suddetta cifra. Questo “blocco” nel passato-così come sostenuto dagli amministratori liparesi- non permetteva l'effettuazione di diverse azioni se non quelle indispensabili. Nelle casse comunali, inoltre, nelle ultime ore sono affluiti 800 mila euro provenienti dalla Regione. Sta anche per risolversi la questione legata ai fondi del ticket antecedenti l'anno in corso. Circa 700 mila euro che potranno essere così impiegati sul territorio così come prevede l'ordinanza di protezione civile che dichiara l'emergenza nel territorio delle isole Eolie (eccetto Salina). Infine a margine del consiglio è rimbalzata la voce dell'arrivo di un debito fuori bilancio di circa 180 mila euro. Si tratterebbe di una somma da liquidare, principalmente, ad avvocati e legali. La fetta più consistente spetterebbe all'avvocato Edoardo Zampella.
Notizia del 31/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Naomi Campbell. "Vip d'assalto" a Lipari

Naomi Campbell“show” a Lipari. Per non farsi immortalare da Gaetano Di Giovanni, un giovane fotografo free-lance locale, lo colpisce, per fortuna molto lievemente, con una borsettata e tenta di schiaffeggiarlo. E' accaduto ieri notte a Marina Corta nel momento in cui la “Venere nera “ , dopo aver consumato la cena unitamente al suo compagno il miliardario Vladislav Doronin in un noto ristorante, si apprestava a risalire sul tender che l'avrebbe trasportata sullo yacht “Lady in blue” rimasto alla fonda nel tratto di mare antistante la piazza. La scena della “borsettata” è stata fotografata da un collega del Di Giovanni.
Che non fosse la serata giusta per fotografare la Campbell lo si era capito sin dal suo arrivo a Marina Corta quando per sfuggire alla curiosità di turisti e residenti e agli scatti anche amatoriali di coloro che l'hanno riconosciuta si è “barricata”, unitamente al suo compagno, nella chiesa di San Giuseppe. Luogo dal quale è stata prelevata dal ristoratore.
Per il giovane fotografo eoliano, che lo scorso anno a giugno aveva fotografato la Campbell con il compagno durante un blitz a Lipari, e le cui foto erano finite su una nota rivista di gossip, non è stato possibile scattare foto neanche dalla strada adiacente al locale.
Il proprietario del locale lo ha impedito fisicamente così come sottolineato dal fotografo liparese. A Marina Corta, poi, come raccontato l'epilogo.
Notizia del 31/07/09 a cura di Salvatore Sarpi


Lipari: Anziana muore tra le braccia del medico di famiglia

Era andata dal medico di famiglia per farsi misurare la pressione ma è deceduta tra le sue braccia. E' accaduto stamani a Lipari alla signora Concetta Turcarelli, 79 anni . Nonostante il tempestivo intervento del dottor Giovanni Formica, che ha fatto l'impossibile per salvarla, la donna non c'è l'ha fatta. A spezzarne la vita presumibilmente un infarto.
Ai familiari le nostre condoglianze

A proposito di ....traffico veicolare (di Salvatore Campo)

(Salvatore Campo) Leggo sui notiziari locali online delle sacrosante lamentele di alcuni concittadini circa il traffico veicolare che, in particolare nel periodo estivo, soffoca il nostro paese.
Non si può non condividere quanto evidenziato e quanto viene auspicato per cercare di snellire questo “caos” e noi tutti speriamo che chi di competenza possa fare qualcosa per risolvere il problema.
Poiché, giustamente (?????!!!), ognuno “tira l’acqua al proprio mulino”, desidero anch’io fare presente la “invivibilità” della via Prof. Emanuele Carnevale divenuta strada ad altissima densità di traffico da quando una amministrazione comunale di qualche anno fa ebbe il felice intuito di modificare da nord a sud il senso di marcia della via F. Mancuso dirottando tutto il traffico veicolare, leggero e pesante, proveniente dalla parte alta e dalla zona mare dell’isola, diretto in centro paese, sulla predetta via.
Da allora nella stessa è un continuo transito, giorno e notte, di vetture, camions, bus, mezzi meccanici e motorini.
Tralascio qualsiasi commento sulla educazione civica di alcuni automobilisti e scooteristi in particolare.
Da considerare, altresì, che nella predetta via Carnevale, insistono diversi esercizi commerciali, studi di professionisti, uffici pubblici, con il conseguente annoso problema di parcheggi.
Di tutto questo insieme ne traggo le conclusioni che mi portano al rimpianto dei tempi in cui la stessa via, allora chiamata S. Lucia e con il vecchio ponticello che univa le due sponde dell’omonimo torrente, realizzata per il passaggio pedonale e forse di qualche “sceccareddu”, risultava zona residenziale e di passeggio dove regnava sovrana la pace e la tranquillità.
Salvatore Campo

I nostri errori

Il consiglio comunale di Lipari, la cui riunione si è protratta sino a stamane, contrariamente a quanto da noi scritto, non ha votato la presa d’atto per l’istituzione del centro commerciale naturale "Isola di Lipari".
Ce lo fa notare, e lo ringraziamo, il consigliere comunale Pietro Lo Cascio.

Lipari. Questo maledetto traffico che avvelena l'estate (di Michele Giacomantonio)

(Michele Giacomantonio) Il problema del traffico è uno dei nodi irrisolti di Lipari. Malgrado gli sforzi che si fanno il caos sembra regnare sovrano in alcuni momenti della giornata. Questo già in inverno figuriamoci poi nella stagione estiva. Troppe macchine, adoperate spesso ad ogni piè sospinto, senza una reale necessità.
Alle macchine dei liparesi si aggiungono in estate quelle dei turisti senza che si sia riusciti a definire una vera limitazione degli afflussi. Spesso basta una autocertificazione o una certificazione compiacente ad aggirare la norma della permanenza sull’isola di almeno una settimana.
Anche le certificazioni di invalidità a Lipari sono divenute numerosissime – si parla di più di mille – giacchè pare che basta aver superato i 65 anni e “godere” di una qualche sofferenza per potere ottenere l’apposito tagliando. Così vengono emesse ordinanze come quella recentissima che negava agli invalidi “in toto” l’accesso al corso nelle ore di isola pedonale e quindi l’accesso alle farmacie, al supermercato, alle poste, ecc. ecc. Chiaro esempio di come per gestire un problema lo si nega alla radice contravvenendo prima che a decreti che pure esistono alla norma somma del buonsenso. Come quando si è chiusa completamente per tutta la giornata la strada che permette di accedere alla parte superiore del cimitero con la giustificazione che la notte ci andavano le coppiette. Così si penalizzavano i parenti dei morti sepolti sul filare più alto del cimitero. Si dovette fare marcia indietro dopo pochi giorni dietro bordate di critiche e proteste.
Gestire il traffico pubblico, soprattutto in estate, non è problema facile. E se dobbiamo riconoscere che quest’anno un passo in avanti nel problema dei parcheggi si è fatto con l’ordinanza che istituisce il disco orario e quindi ha consentito la possibilità di posteggiare chi viene a Lipari dalle frazioni per fare la spesa o sbrigare qualche faccenda personale, altri problemi rimangono irrisolti.
Primo fra tutti il caos provocato dal semaforo che dovrebbe regolare il traffico fra viale Mons. Bernardino Re, Via Umberto I, via Garibaldi fino a piazza Mazzini. Già quella strada a traffico alternato nei due sensi rappresenta un pericolo di giorno. Motorini che passano con qualsiasi segnale a tutto gas, macchine parcheggiate lungo i bordi che restringono ulteriormente la carreggiata, macchine parcheggiate lungo i bordi o sui marciapiedi che non possono sapere quando scatta il verde e quindi si muovano alla ventura, ecc. ecc. Ma il pericolo diventa dopo le 21 un vero e proprio percorso di guerra da praticarsi in automobile.
Premetto che non amo uscire la sera dopo cena. Invecchiando impigrisco e preferisco rimanere sul terrazzo a chiacchierare. E quando anche esco non prendo mai la macchina che rimane per giorni e giorni ferma a Piazza Mazzini. Ma qualche volta non se ne può fare proprio a meno e quindi sono costretto a uscire e prendere la macchina. Come è accaduto ieri sera. All’andata alle 20,30 nessun problema. Quando rientro a mezzanotte e imbocco viale Mons. Re comprendo subito che sarà un percorso difficile. Intanto questa via è ristretta da macchine e motorini parcheggiati tranquillamente sulla destra. Proprio nel momento in cui imbocco il viale una signora parcheggia una grossa macchina, un suv, proprio accanto al semaforo. La chiude e va via. Mentre mi avvicino scorgo almeno una decina di macchine ferme fra viale Mons. Re e l’imbocco di via Umberto primo alcune nel mio stesso verso che vorrebbero salire verso piazza Mazzini altre che invece vengono da piazza Mazzini e vorrebbero percorrere il viale Mons. Re. Per buoni dieci minuti non si va ne avanti ne indietro. Poi una persona di buona volontà, sostenendo il semaforo è rotto, invita quelle in entrata a fare marcia indietro e lasciare libero il passo a chi vuole uscire. Non è cosa facile perché intanto la fila si è allungata. Finalmente con pazienza, qualche nervosismo e qualche maledizione le cinque macchine in uscita riescono a passare e contemporaneamente il semaforo diventa verde. Quindi funziona? Boh. Ci avventuriamo per via Umberto I ma ecco che fatta una decina di metri vediamo altre cinque macchine sopraggiungere in senso contrario. Cercare scampo sui marciapiedi non si può perché sono zeppe di macchine e motocicli. Le macchine dietro di me sono brave e riescono a fare marcia indietro io riesco ad accostarmi al muro e lasciare passare le macchine senza strisciare le carrozzerie. Secondo ostacolo superato e mi incammino verso la sommità di via Umberto I . Riesco a schivare per un pelo un motorino che curva alla cieca in velocità e sbuco lemme lemme, in via Garibaldi. Anche qui stessa scena. Ci sono alcune macchine in discesa. Anche qui marcia indietro trovando posto oltre le barriere che bloccano l’accesso verso Marina Corta.. Ora è tutto libero, via di corsa, scusandomi con i pedoni che passeggiano tranquilli, verso piazza Mazzini. Questa avventura è accaduta a me che esco un paio di sere al mese ma penso che sia avventura di tutte le sere e tutte le notti. E ne avremo sino a quando non aprirà via Emanuele Carnevale che non è in programma per quest’estate. Ma non si può fare proprio niente? Intanto bisognerebbe vietare che si parcheggi lungo queste vie ( viale Mons. Re, via Umberto I e via Garibaldi). Bisogna vietare che si parcheggi di giorno quando i vigili sono in circolazione ed anche di notte sperando che una qualche gazzella dei carabinieri passi e multi i trasgressori. Parcheggiare sotto la finestra di casa è un lusso che non sempre ci si può permettere.

PESCA: BUFARDECI DECRETO PER FERMO BIOLOGICO 2009

L'assessore regionale alla pesca Titti Bufardeci ha firmato il decreto per il fermo biologico della stagione 2009. La procedura è stata attivata dopo il via libera del Ministero delle Politiche agricole. “Per la prima volta nella storia del nostro settore ittico – spiega Bufardeci – le scelte per il fermo biologico, discusse a approvate all'unanimità in seno al Consiglio regionale della pesca, sono perfettamente aderenti alle indicazioni del mondo scientifico in materia di conservazione e salvaguardia della fauna ittica. In pratica, il fermo biologico coincide con i piani di gestione. E' una svolta estremamente significativa, che dimostra l'attenzione della nostra marineria a quelle tematiche ambientali che saranno sempre più centrali nella stesura del prossimo documento comunitario sulla politica europea della pesca”.
Sicilia e Sardegna sono le due uniche regioni d'Italia a cui il Ministero competente ha lasciato scegliere il periodo del fermo biologico, periodo obbligatorio di stop per le tecniche di pesca a “strascico” e “volante”.
Per Mazara del Vallo il fermo è previsto dal 1 agosto al 30 settembre. Per il resto della Sicilia lo stop è previsto dal primo settembre al 31 ottobre. In tutti i casi il fermo prevede che ogni armamento non sia operativo per trenta giorni consecutivi nell'arco di due mesi. Per la pesca con il metodo della “volante” il fermo è previsto dall'1 al 30 settembre. Ai marittimi delle circa 700 imbarcazioni che effettueranno il periodo di fermo biologico verranno corrisposte le indennità previste dalla cassa integrazione guadagni straordinaria.
Data notizia 31/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Armani a Panarea deliziato dalla granita "pesca e malvasia"

Prosegue la vacanza eoliana di Giorgio Armani. Lo stilista, nel suo andar per isole, è rimasto letteralmente deliziato dalla granita pesca e malvasia gustata "Da Carola" a Panarea. Una produzione frutto della fantasia e dell'applicazione di Maurizio Ferrara.
La granita "pesca e malvasia" di Maurizio e Carola ha sicuramente da ora uno sponsor d'eccezione nello stilista.
Data notizia 31/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Era ai domiciliari ma passeggiava sul Corso. Giovane di Lipari arrestato dai carabinieri

Avrebbe dovuto essere nella abitazione famigliare di Santa Margherita(Lipari) dove era stato posto agli arresti domiciliari. I carabinieri di Lipari, invece, durante un servizio di pattugliamento lo hanno sorpreso, ieri sera intorno alle venti, a passeggio sul Corso Vittorio Emanuele, nel cuore del centro storico dell'isola.
Per G.S., originario di Lipari, ma residente a Genova, con precedenti di polizia, sono scattate le manette con l'accusa di evasione.
Il giovane, dopo una serata trascorsa nella cella di sicurezza della stazione dei carabinieri di Lipari, è stato trasferito stamattina con la motovedetta dell'Arma dapprima a Milazzo da dove ha proseguito alla volta del carcere di Messina Gazzi.
Data notizia 31/07/09 a cura di Salvatore Sarpi
COMUNICATO STAMPA DELLA COMPAGNIA CARABINIERI DI MILAZZO
I Carabinieri della Stazione di Lipari hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di evasione, G.S., 35enne muratore con precedenti di polizia, residente a Genova ma di fatto domiciliato in quell’isola. I militari, nel corso di un servizio finalizzato al controllo del territorio, hanno sorpreso il predetto, in atto sottoposto al regime degli arresti domiciliari, girovagare per le vie del centro eoliano. Come disposto dall’A.G., è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Messina.

Naomi Campbell di nuovo a Lipari. A distanza di un anno

Passerella a Lipari ieri sera per la "Venere nera" Naomi Campbell. Unitamente al fidanzato miliardario Vladislav Doronin è sbarcata ieri sera a Marina corta dal tender di uno yacht che si trovava alla fonda al largo della Penisoletta del Purgatorio. La coppia vip, nell'attesa di essere prelevata dal noto ristoratore Bartolo Matarazzo, per sfuggire a fotografi e curiosi si è "rifugiata" nella chiesa di San Giuseppe.
Al ritorno verso il tender la "Venere Nera" si è resa protagonista di un episodio tipico del suo carattere irruento. Di questo episodio vi forniremo i particolari nelle prossime ore.
Data notizia 31/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Lipari: Nella notte in fiamme un motociclo di un marinaio del Circomare

Un motociclo "Liberty"(nella foto) è stato letteralmente distrutto dalle fiamme la notte scorsa mentre si trovava posteggiato a Lipari, proprio all'inizio della via Filippo Mancuso. Il mezzo sarebbe di proprietà di un giovane marinaio del Circomare Lipari arrivato nell'isola da pochissimo. L'incendio si è sviluppato intorno alle 4 del mattino e poco hanno potuto fare i vigili del fuoco allertati dai residenti nella zona.
Sono in corso le indagini per accertare le cause dell'incendio ma non si esclude la matrice dolosa.
Data notizia 31/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Lipari: Approvato il bilancio. Dopo una maratona di oltre 20 ore

Il consiglio comunale di Lipari ha approvato il bilancio dell'Ente. Si tratta di un bilancio da 25.665.471 euro. Hanno votato favorevolmente gli undici consiglieri di maggioranza.
Il "via libera" lo si è avuto stamani intorno alle 5 e 35 dopo una maratona protrattasi per oltre venti ore e nel corso della quale sono stati proposti e discussi venti emendamenti. Solo quattro quelli per cui l'aula ha ritenuto opportuno dare l'okay. Tutti presentati dai consiglieri comunali Gesuele Fonti e Francesco Megna (Il Faro).
Oltre al bilancio i consiglieri hanno anche approvato il piano triennale delle alienazioni o valorizzazione del patrimonio immobiliare, le consulenze del terzo settore e la presa d’attoper l’istituzione del centro commerciale naturale "Isola di Lipari".

Vulcani...al Centro Studi di Lipari

Vulcani al Centro....... Studi" è il tema dell'esposizione collaterale d'arte che si terrà a partire da sabato 1 agosto alle ore 19.00. L'esposizione che vedrà protagonista l'eoliana d'adozione Loredana Salzano si terrà in contemporanea con gli eventi culturali eoliani.
L'esposizione si concluderà lunedì 31 agosto alle ore 22.00
Data notizia 31/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

giovedì 30 luglio 2009

Lipari. Trattati dodici emendamenti su venti. Consiglio comunale da record?

Dodici emendamenti al bilancio (solo quattro approvati) sui venti proposti sono stati trattati sinora dal consiglio comunale di Lipari i cui lavori vanno avanti senza interruzione dalle nove e venti di stamane. Un consiglio comunale-fiume destinato, se verranno mantenuti questi ritmi "blandi", a trascinarsi ancora per diverse ore prima dell'approvazione del bilancio da 25.665.471 euro.
Considerando i ritmi attuali, gli otto emendamenti ancora da discutere e votare, la discussione e le dichiarazioni di voto sul bilancio non è escluso che il consiglio comunale in corso possa rivelarsi alla fine uno dei più lunghi di tutti i tempi.

Acquacalda: Di nuovo chiuso il piccolo molo per il diporto

Di nuovo inaccessibile il piccolo molo per il diporto della frazione liparese di Acquacalda. La struttura, interdetta dal Circomare all'uso pubblico, è stata di nuovo "transennata" stamattina ad opera di inviati del comune. Ma dall'altra parte, sotto il pericolante pontile ex Italpomice, l'ordinanza viene disattesa.

Tagli scuola in Sicilia, Uglscuola incontra Governo siciliano

COMUNICATO STAMPA
Importante incontro ieri all'Ars tra le OO.SS, il governo siciliano e le massime istituzioni politiche presenti nel territorio siciliano. L'incontro e' stato organizzato in merito alle ripercussioni della riforma Gelmini sulla scuola siciliana in relazione all'avvio dell'a.s. 2009/2010.
Per l'Uglscuola hanno partecipato il segretario regionale prof. Bartolo Pavone e il dott. Franco Fasola componente della segreteria confederale Uglsicilia.
Pavone dell' Uglscuola, in modo categorico, ha sostenuto che:" Bisogna assolutamente dire basta alle classiche parole,urgono fatti concreti".
E' da diversi anni che in Sicilia assisitiamo a tagli nella scuola,senza che nessuno ha cercato di capire o addirittura affrontare di petto questi problemi dannosi per la nostra societa'. Per es. la mancata autorizzazione di 693 posti di sostegno in meno per il prossimo a.s. 2009/2010,deve farci riflettetre moltissimo. I tanti docenti in soprannumero nei vari ordini di scuola, i molti precari che sicuramente per il prossimo a.s. resteranno a casa.i tagli del personale ATA ( specialmente i collaboratori scolastici, la mancanza di vigilanza nelle scuole e naturalmente la sicurezza che è a rischio ecc...).
Tutto questo va affrontato con grande determinazione e L'Uglscuola e' disponibile a qualsiasi confronto serio ed efficace per garantire una scuola di qualita' anche in Sicilia come in altri posti d'Italia.
Palermo 30/07/2009
La segreteria regionale dell'Uglscuola

Lipari: Via libera al 50% degli emendamenti del Faro. Apprezzamento del lavoro svolto o segnale politico? L'intervista con il consigliere Megna

Proseguono i lavori del consiglio comunale di Lipari. In discussione, manco a dirlo, gli emendamenti al bilancio. Alle 19,30 ne erano stati discussi e votati solo nove. Ne restano da discutere e votare altri undici.
Otto degli emendamenti discussi sono del gruppo "Il Faro" che incassa il via libera per il 50% di essi.
"Emendamenti minori" sostiene Megna che abbiamo intervistato e con il quale abbiamo parlato di una incongruenza legata all'agenzia aliscafi, del futuro politico e della revoca in autotutela della determina che prevedeva un aumento del costo dell'acqua relativamente al 2008.
L'intervista:

Lipari: Bruno revoca in autotutela l'incremento retroattivo della tariffa del servizio idrico

Il sindaco Mariano Bruno, accogliendo la tesi dei consiglieri Gesuele Fonti e Francesco Megna che avevano evidenziato come fosse illeggittima l'incremento retroattivo (anno 2008) della tariffa del servizio idrico, ha firmato oggi la revoca in autotutela della determina n. 81 del 29 maggio 2009. La revoca è solo per la parte inerente il 2008.
Francesco Megna e Gesuele Fonti avevano sottolineato come vi fossero gravi ed acclarate ipotesi di illegittimita’ legate all’incremento della tariffa con effetto retroattivo. “ L’aumento alle tariffe idriche, da € 1,74 per tonnellata ad € 1,95, per gli utenti delle cd. “zone alte” e precisamente di Pianoconte, Quattropani, Lami, Serra, Pirrera, Acquacalda, Santa Margherita, Valle, Pianogreca, Annunziata, Monte Gallina, Sparanello, Ginostra ed Alicudi – avevano scritto Megna e Fonti- è stato incredibilmente disposto nel mese di Maggio 2009, con decorrenza 1 Gennaio 2008. Ma l’art. 54 del D.Lgs. 446/97 al comma 1 bis precisa che eventuali adeguamenti tariffari, oltre il termine del bilancio previsionale, vanno comunque effettuati “nel corso dell’esercizio finanziario”, pertanto entro e non oltre il 31 Dicembre dell’anno di competenza”.

Fonti: Oltre all'ufficio postale di Quattropani a rischio anche l'ufficio di Pianoconte

Intervenendo in consiglio il consigliere comunale del gruppo "Il Faro" Gesuele Fonti, apprezzando e sposando l'iniziativa portata avanti dal collega Giacomo Biviano avverso la chiusura dell'ufficio postale di Quattropani, ha evidenziato timori sul futuro dell'ufficio di Pianoconte. Lo abbiamo intervistato:

Consiglio comunale di Lipari: Trova accesso uno degli emendamenti di Megna e Fonti

Prosegue decisamente ad "andamento lento" il consiglio comunale di Lipari che, sino a questo momento, ha esaminato e votato solo quattro dei venti emendamenti al bilancio che sono stati presentati. Tre di questi hanno ottenuto voto contrario.
E' passato, invece, con dieci voti favorevoli e 3 astenuti, l'emendamento proposto da Gesuele Fonti e Francesco Megna (Il Faro) per lo storno di 10.000 euro dal capitolo inerente la somma da destinare ad una società per lo smaltimento di carcasse di animali e di destinare quella cifra, ripartendola equamente, ai buoni libro e alla partecipazione a fiere e/o borse del turismo.
I consiglieri hanno evidenziato come quel servizio fosse già compreso in quelli per i quali il comune eroga fondi all'ATO.

Il consiglio comunale, dopo oltre tre ore, approva il primo punto dell'odg

Proseguono al "rallentatore", come era prevedibile, i lavori del consiglio comunale di Lipari. Alle 12, 40 si era proceduto ad approvare soltanto il primo punto all'ordine del giorno e cioè il "Piano triennale (2009/11) delle valorizzazioni ed alienazioni del patrimonio immobiliare".
Subito dopo si è entrati nel bilancio con la discussione di un emendamento presentato dalla minoranza "Decrementare da euro 5.000 a euro 0 “Spese per acquisto mobili, macchine e arredi stanza Sindaco”Creare nuovo capitolo di euro 5.000 “Acquisto terreno realizzazione campetto di calcio Pianoconte”. Dopo circa un'ora di discussione l'emendamento è stato respinto. Se si considera che gli emendamenti presentati sono 20 (12 della minoranza + 8 del gruppo "Il Faro) è facile ritenere che si farà notte.

Lipari: Consiglio comunale in corso. Presentate 5 mozioni

E' in corso a Lipari la riunione del consiglio comunale. In aula sono presenti (anche se ogni tanto qualcuno si allontana) tutti e 20 i consiglieri. Per l'amministrazione sono presenti il sindaco Mariano Bruno, gli assessori Corrado Giannò e Massimo D'Auria.
Il consiglio ancora non ha affrontato l'argomento bilancio. In apertura sono state presentate dalla minoranza cinque mozioni: chiusura ufficio postale di Quattropani; toponomastica stradale con particolare riferimento ai confinati politici; "caso" Cucinotta e sentenze varie relative all'amministrazione; Siremar.
Dopo una riunione dei capigruppo il presidente Longo ha posto al voto un ordine del giorno che prevede la trattazione degli argomenti al 6° punto, cioè dopo quelli presentati dall'amministrazione. E' passato con i soli voti della maggioranza.
Quattro delle cinque mozioni presentate sono consultabili cliccando sul seguente link in rosso Eolie News 2

Il museo del cinema all'Immacolata? L'opinione dei lettori

Museo del cinema. Registriamo e riportiamo l'intervento del signor Tomaso Piantini da Torino. Il testo della lettera che ci ha inviato :
Ho letto, e sto leggendo, il dibaditto sulla collocazione del museo del cinema alle eolie.
Trovo che nonostante tutto non bisogna dimenticare la natura del luogo: sono isole unite da una stessa storia.
Penso quindi che un elemento di cultura e aggregazione quale può essere un nuovo e interessante museo del cinema necessiti di rapportarsi con il luogo offrendo il massimo in termini di visibilità/fruibilità sia verso gli abitati che verso i turisti e visitatori, che le eolie conoscono bene sia in alta che in bassa stagione.
Immagino quindi che l'idea migliore per rendere questo progetto interessante e proficuo sia quella di realizzare un piccolo padiglione itinerante galleggiante che possa rendere il museo un elemento di tutte le isole, capace di attraccare a rotazione in tutti i porti dando un valore ad ognuno. Padiglione galleggiante che oltre ad essere un momento di memoria potrebbe anche essere uno spazio culturale di cineproiezione tanto per la stagione estiva quanto per quella invernale.
Data l'esperienza maturata nel tempo di musei e sopratutto di musei del cinema potrebbe essere un progetto e un'idea iteressante da portare avanti sapendo andarla a proporre alle persone giuste...
Cordialmente,
Tomaso Piantini
tomaso.piantini@gmail.com - www.bodino.it
Data notizia 30/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Vulcano, Salina e il film Kevin Costner alle Eolie. Gli articoli di Salvatore Sarpi sulla Gazzetta del Sud di oggi

Eolie, chiesti interventi di prevenzione incendi. Particolare attenzione per Vulcano
Il consigliere provinciale Massimiliano Branca, appartenente al gruppo Gioventù della Libertà ha richiesto l'intervento del presidente della Provincia, Nanni Ricevuto, sull'argomento prevenzione incendi nel territorio della provincia ed in particolare nelle Isole Eolie.
Branca ha anche chiesto la convocazione di una seduta straordinaria di Consiglio, per la trattazione dell'argomento. Il consigliere manifesta preoccupazione per il problema presente soprattutto nel territorio delle Eolie ed in particolare nell'isola di Vulcano, dove i terreni a bordo delle strade non sono stati ancora ripuliti da sterpaglie e altro che possa causare o aggravare gli eventuali episodi di incendi e nel timore che ciò possa costituire un pericolo per l'incolumità di cittadini e vacanzieri».
«Il patrimonio forestale – afferma Branca – costituisce un'immensa ricchezza per l'ambiente e l'economia. Ciononostante ogni anno si assiste all'incendio di migliaia di ettari di bosco, molto spesso dovuto a cause dolose, legate alla speculazione edilizia, o all'incuria e alla disattenzione dell'uomo». Branca chiede «la presenza in loco della protezione civile, con mezzi e operatori addetti al controllo ed alla prevenzione».

Salina, salvati quattro napoletani. Si erano persi nella riserva- Quattro turisti napoletani avventuratisi e smarritisi all'interno della riserva naturale dell'isola di Salina sono stati individuati e soccorsi nella tarda serata di martedì grazie all'intervento di Elio Benenati, capo servizio della vigilanza. Benenati, contattato dal 118 che evidenziava di aver ricevuto una richiesta d'intervento da parte di un gruppo di turisti che avevano perso l'orientamento durante una escursione, dopo essersi messo in contatto tramite telefonino con uno dei componenti, è riuscito ad individuare nella zona di Serra del Capo l'area dalla quale il gruppo non riusciva più a tornare indietro. Dopo aver raggiunto la zona interessata, Benenati è riuscito ad individuare i quattro visibilmente impauriti e che lamentavano soltanto delle lievi ferite causate dai rovi.
L'operazione di soccorso si concludeva intorno alle 23 (a circa tre ore da quando era stato lanciato l'allarme) con il rientro nel centro abitato di R.L. (1954), R.D. ('72), M.A. ('56) e S.S. ('71). Ad aver inciso pesantemente sulla perdita d'orientamento da parte dei quattro turisti la precaria manutenzione dei sentieri e l'assenza di idonea segnaletica direzionale.

Pagina Spettacoli: Kevin Costner, agente della Cia un po' pasticcione alle Isole Eolie. Sarà a Lipari in settembre il set principale di "Learning Italian"
Isole Eolie non solo meta turistica dei vip ma conclamato ed attraente scenario cinematografico.
Dopo i tanti film girati nel passato (ultimo in ordine di tempo "Il postino" con Massimo Troisi e Maria Grazia Cucinotta che fu girato anche a Procida) l'arcipelago si appresta a tornare protagonista sul grande schermo. E stando alla notizia battuta ieri dalle agenzie lo farebbe con un personaggio davvero di grande rilievo, cioè Kevin Costner.
Nelle ultime ore, infatti, circola la notizia che Kevin Costner sarà impegnato da settembre tra ossidiana e cave di pomice a Lipari, nelle isole Eolie, sul set di "Learning italian", una commedia da lui prodotta e interpretata e diretta da Kevin Reynolds (già regista di "Fandango", "Robin Hood" e "Waterworld"). Nel film il personaggio di Carl è interpretato da Kevin Costner e si tratta di un agente della Cia un pò pasticcione che come copertura fa il tecnico audiovisivo e l'antennista. Anni prima, a seguito di un errore commesso durante una missione, è stato inviato per punizione in un delizioso paesino siciliano a picco sul mare a tenere sotto sorveglianza un boss mafioso.
Ma quella che doveva essere una punizione per Carl si è rivelata un premio: fa amicizia con i pescatori, si innamora di una ragazza del posto e non vuole più tornare in patria.
L'area delle cave di pomice a Lipari, in passato. è stata scenario di una sequenza del film "Kaos".
Data notizia 30/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Lipari. Quei ruderi delle terme romane (di Michele Giacomantonio)

(Michele Giacomantonio) Da alcuni anni fa bella mostra di sé, di fronte al palazzo vescovile, una struttura in legno e plexiglas che sormonta dei ruderi non proprio di facile interpretazione. Anche perché i pannelli descrittivi sono stati posti misteriosamente in un riquadro di terreno, a fianco ai ruderi, ma rigorosamente chiuso al pubblico con un bel cancello di ferro. Eppure si tratta della più importante opera che Lipari possa vantare del periodo romanico. Un’opera di cui si è parlato e fantasticato a lungo nella Lipari della mia infanzia quando questi ruderi giacevano sepolti anche se se ne conosceva l’esistenza e di essi si raccontavano meraviglie: si parlava di una struttura imponente, di mosaici bellissimi, di saloni dotati di impianti di riscaldamento notevoli per l’epoca in cui erano stati costruiti, ecc. ecc. Si parlava, si disquisiva si attendeva che un giorno o l’altro questo tesoro nascosto fosse riportato alla luce. Riportato, perché per ben due volte gli scavi avevano permesso di accedervi ma poi tutto era stato ricoperto. Oggi che sono finalmente alla luce qualcuno si chiede se valeva veramente la pena spendere 400 mila euro per disotterrarli e per presentarli al pubblico con quella struttura che bella sicuramente non è. Qualcun altro parla addirittura di “giallo” perchè le terme riscoperte sarebbero solo una parte dell'antico edificio mentre l'altra giacerebbe sotterrata o devastata dalle fondamenta delle costruzioni limitrofe e della strada che porta al palazzo vescovile .
La prima volta la Terme - perché di questo si tratta di una Terme realizzata nel periodo imperiale di Roma nel II secolo dopo Cristo - era stata scoperta all'inizio del 1800 dal Vescovo Mons. Reggio che era ansioso – si legge in una Guida per la Sicilia, pubblicata a Napoli nel 1842 – di trovare qualche avanzo dell'antica città e quindi aveva fatto fare degli scavi tra il palazzo vescovile ed il Seminario. Ma poi, qualche decennio dopo, un successore di Mons. Reggio, Mons, Todaro, “annoiato dalle visite dei viaggiatori che venivano ad ammirare questo nobile monumento” lo fece nuovamente sotterrare.. Intanto però nel 1824 questi scavi erano stati visitati dal capitano della marina britannica William Henry Smith che ne aveva fatto una precisa e puntuale descrizione pubblicata con cartine e disegni n una rivista di Archeologia inglese nel 1831. Ed era stato il capitano Smith a parlare a disegnare una pianta di come appariva l'edificio con un vestibolo, il bagno con acque fredde o tiepide, il deposito dei profumi e degli unguenti, la sala massaggi con “un grossolano pavimento a mosaico, composto da tessere bianche e nere che raffiguravano al centro, in maniera distinta, due mostri marini circondati da cerchi e da un motivo a scacchiera”, quindi un'altra stanza per la sudorazione anch'essa guarnita di mosaico con una decorazione più fantasiosa che immette in un ambiente semicircolare, la piscina o un grande bacino per i bagnanti. I muri di queste due camere erano rivestiti verticalmente di tubi in terracotta in comunicazione con uno spazio vuoto sotto il pavimento, alto circa due piedi, dove vi era una fornace che aumentava il calore naturale dell'acqua che era di circa 50 gradi centigradi.
Di questo edificio si continuò a parlare e favoleggiare a lungo nelle istituzioni e nei salotti di Lipari e nel 1950, col consenso del vescovo Mons. Bernardino Re, il Prof. Luigi Bernabò Brea, “ per corrispondere a pressanti richieste che venivano rivolte alla Soprintendenza”, eseguì un saggio che mise in luce “ due grandi ambienti consecutivi in senso est ovest, rettangolari, di eguale lunghezza (m. 5,50) e della larghezza complessiva di m. 15,50, entrambi con ipocausto ( impianto usato dai romani per riscaldare le terme).....E' ovvio – scrive sull'”Archivio storico per la Sicilia Orientale” nel 1954 il fondatore del Museo Eoliano -che queste stanze fanno parte di un edificio, fornito di impianti termali, che deve essere di notevole estensione e il cui scavo importerebbe notevoli spese, sia per il valore dell'area sia per le opere di consolidamento e di protezione che si renderebbero necessarie a scavo compiuto”.
Così l'edificio termale venne ancora una volta ricoperto fino a quando la Regione, nel 2002 non finanziò, con fondi della Comunità europea, una apposita campagna di scavi, proteggendo i resti venuti alla luce con una moderna copertura. Ma i resti che si possono ammirare oggi sono privi dei tanto lodati mosaici descritti puntualmente e con disegni dal Capitano Smith. Inoltre il prof. Bernabò Brea parla di due grandi ambienti ( quelli rinvenuti negli ultimi scavi) mentre Smith ne descrive tre.. Certamente i mosaici saranno in fase di restauro e contiamo che fra qualche tempo saranno accessibili anche al grande pubblico non sappiamo se sul posto dove sono stati rinvenuti o, meglio protetti, in un reparto del Museo archeologico, ma che fine ha fatto la terza stanza? Vittorio Giustolisi nel libro “Le terme romane della città di Lipari” pubblicato nel 2006 avanza l'ipotesi che una parte significativa dell'edificio sia finita sotto costruzioni abbastanza recenti e precisamente quella dove oggi ha sede la banda musicale, l’hotel Filadelfia e la stessa strada che porta al palazzo vescovile, viale Mons. Re. Tutte opere realizzate dopo il 1950 quando non solo si conosceva l’esistenza del monumento ma questo era stata confermato e probabilmente perimetrata dai saggi effettuati dal prof. Bernabò Brea nel 1950. Ed a riprova di questo pubblica una pianta dove il disegno di Smith viene calato sul terreno con le nuove costruzioni. Ad un occhio profano quale può essere il nostro ci sembra che le terme così come disegnate da Smith certamente interferiscono con la strada e devono essere state traversate dalle fognature urbane realizzate nel 1975. Non ci sembra però che arrivino a interessare anche gli altri edifici indicati. Comunque rimane il problema di come questo sia stato possibile. Se lo chiede Vittorio Giustolisi e ce lo chiediamo anche noi. Possibile che negli anni 60 e negli anni 70 si avesse così scarsa considerazione dei resti archeologici conosciuti ma non ancora portati alla luce da non vincolare i terreni con appositi strumenti di tutela?
Non ci sembra però che si debba parlare di giallo bensì di grossolana superficialità degli amministratori dell’epoca: gli stessi che autorizzarono a demolire l’artistico cancello che introduceva al viale vescovile e l’altro edificio, sulla sinistra del cancello, dove ora è la piazzetta con la palma. Uno dei capitoli, non pochi, degli scempi del nostro patrimonio storico e culturale.
Data notizia 30/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Lipari: Dodici gli emendamenti dell'opposizione al bilancio

Il bilancio comunale, in discussione stamane a Lipari nel consiglio comunale che dovrebbe riunirsi tra qualche minuto, dovrà passare anche attraverso l'esame e il voto agli emendamenti presentati. Dodici sono quelli posti in essere dall'opposizione. L'elenco
Emendamento N.1
Decrementare da euro 35.000 a euro 20.000 “Rimborso spese e missioni agli amministratori”
Incrementare da euro 40.000 a euro 47.500 “Spese per festeggiamenti S.Patrono”
Incrementare da euro 25.000 a 27.500 “Spese per spettacoli e manifestazioni comprens. feste natale
Incrementare da euro 5.000 a euro 10.000 “Interventi di pulizia pozzetti con grata centro urbano”
Emendamento N.2
Decrementare da euro 10.000 a euro 5000 “Spesa a carico Comune per i Commissari”
Incrementare da euro 1.000 a euro 6.000 “Contributi per attività culturali”
Emendamento N.3
Decrementare da euro 18.000 a euro 11.000 “Acquisto beni e mat. Consumo del 2° Settore”
Incrementare da euro 400 a euro 7.400 “Contributi Ass. Culturali e Ricreative”
Emendamento N.4
Decrementare da euro 6.000 a euro 1.000 “Spese per elezioni Amm. e Referendum comunali”
Creare nuovo capitolo di euro 5.000 “Spese per impianti sportivi tennis”
Emendamento N.5
Decrementare da euro 15.000 a 0 “Rimborso spese processuali”
Creare nuovo capitolo di euro 10.000 “Spese per stadio comunale F.Monteleone”
Creare nuovo capitolo di euro 5.000 “Diserbamento straordinario strade comunali”
Emendamento N.6
Decrementare da euro 65.000 a euro 50.000 “Spese per incarichi a legali”
Incrementare da euro 0 a euro 15.000 “Contributi a società sportive e ricreative”
Emendamento N.7
Decrementare da euro 20.000 a euro 10.000 “ Servizio di vigilanza e/o sorveglianza beni culturali”
Incrementare da euro 5.000 a euro 15.000 “Manutenzione plessi scolastici”
Emendamento N.8
Decrementare da euro 5.000 a euro 3.000 “Spese progettazione perizie e collaudi”
Creare nuovo capitolo di euro 2.000 “Contributo Ass. Avis di Lipari”
Emendamento N.9
Decrementare da euro 20.000 a euro 10.000 “Spese pubblicazioni gare d’appalto e prest. varie”
Incrementare da euro 10.000 a euro 20.000 “Interv. sicurezza stradale a tutela degli utenti deboli”
Emendamento N.10
Decrementare da euro 30.000 a euro 20.000 “Spese per compensi al legale dell’Ente”
Creare nuovo capitolo di euro 10.000 “ Contributo viaggi marittimi Studenti Universitari”
Emendamento N.11
Decrementare da euro 5.000 a euro 0 “Spese per acquisto mobili, macchine e arredi stanza Sindaco”
Creare nuovo capitolo di euro 5.000 “Acquisto terreno realizzazione campetto di calcio Pianoconte”
Emendamento N.12
Decrementare da euro 25.000 a euro 20.000 “Serv. per la tutela dell’ambiente e territorio L.R. 6/97”
Incrementare di euro 5.000 nuovo capitolo “Diserbamento straordinario strade comunali”

mercoledì 29 luglio 2009

Salina: Soccorsi quattro turisti napoletani smarritisi nella riserva. L'intervento del capo servizio vigilanza Elio Benenati

Quattro turisti napoletani avventuratisi e smarritisi all'interno della riserva naturale dell'isola di Salina sono stati individuati e soccorsi nella tarda serata di martedì grazie all'intervento di Elio Benenati, capo servizio della vigilanza. Benenati (nella foto), contattato dal 118 che evidenziava di aver ricevuto una richiesta d'intervento da parte di un gruppo di turisti che avevano perso l'orientamento durante una escursione, dopo essersi messo in contatto tramite telefonino con uno dei componenti, è riuscito ad individuare nella zona di Serra del Capo l'area dalla quale il gruppo non riusciva più a tornare indietro. Dopo aver raggiunto la zona interessata Benenati, grazie all'esperienza maturata sulle montagne salinare, è riuscito ad individuare i quattro visibilmente impauriti e che, per fortuna, lamentavano soltanto delle lievi ferite causate dai rovi. L'operazione di soccorso si concludeva intorno alle 23,00 (a circa tre ore da quando era stato lanciato l'allarme) con il rientro nel centro abitato di R.L. (1954), R.D. (1972), M.A. (1956) e S.S. (1971). Ad aver inciso pesantemente sulla perdita d'orientamento da parte dei quattro turisti la precaria manutenzione dei sentieri (iniziata in alcune zone solo da un paio di giorni) e l'assenza di idonea segnaletica direzionale.

Elicotteri. Santisi propone contributo per i voli passeggeri. Netta la contrapposizione con il WWF e con il sindaco di Leni

Riceviamo dall'assessore Maurizio Santisi (Santa Marina Salina) e pubblichiamo:
Non si può vivere senza aria, non si può vivere senza cibo. Per questo sono assolutamente sensibile ai problemi sollevati dalle associazioni ambientaliste relativamente alla questione del sorvolo commerciale delle Eolie. Pur tuttavia nella mia mente di ecologista convinto, continua a rodermi un tarlo: l’Homo Eolianus e la sua sottospecie Homo Salinensis fa parte o no dell’ecosistema delle isole Eolie? Se fossimo nel medioevo, basterebbero un pezzo di terra da arare (un pezzo piccolo per non sconvolgere l’ambiente naturale) e una rete (anch’essa piccola per evitare di sconvolgere l’ecosistema marino). Ma il tempo passa inesorabile: siamo nel 2009 e dobbiamo spiegarci come si farà a salvaguardare l’esistenza vita dell’Homo Eolianus.
Per questo aderisco totalmente allo spirito e alla lettera del Presidente della Provincia quando afferma che lo sviluppo economicamente sostenibile delle Eolie, deve basarsi sulla fruibilità turistica dell’ecosistema eoliano, che proprio per questo deve essere tutelato.
Mi sono informato su i permessi di volo passeggeri e gli elicotteri che attualmente lo svolgono possono farlo perché dotate di un apposito certificato rilasciato dalle autorità areonautiche.
Per quanto riguarda le ZPS esse sono ristrette ad aree specifiche e dovrebbero essere segnalate nei bollettini ENAC che le renderebbero “finalmente” tali.
Detto ciò, desidero chiarire il mio pensiero.
Nessuno oggi è in grado di negare che l’ecosistema è fondamentale, ma non bisogna distogliere nel gioco delle parti lo sguardo dalla palla distraendosi con argomentazioni troppo generiche e totalizzanti.
Io sono colui il quale sta approfittando della presenza di queste compagnie di elicotteri affinchè la loro attività sia utilizzata quale completamento dell’ombrello sanitario che via via stiamo formando sul Comune di Santa Marina con l’apporto in primis del Sig. Sindaco.
Questo Comune ha, infatti, messo in bilancio su mia richiesta una somma di denaro per garantire mediante apposito regolamento, un certo numero di voli sanitari quando l’elisoccorso 118 per motivi meteo non può accedere all’Isola e/o quando taluni trasporti”secondari” devono con urgenza e in “sicurezza” essere garantiti ai cittadini bisognosi.
Tali somme, occorre chiarirlo,sono irrisorie rispetto ai normali costi richiesti ai privati e nascono sia dalla volontà di servizio di questi operatori, sia dal loro essere presenti h 24 sull’Isola,sia dal loro essere attività commerciali attive e prospettivamente convenienti.
A questo proposito insieme al Consigliere D.B. Giuffrè stiamo valutando di presentare una proposta turistico-commerciale a nostro avviso importante e che consiste in un contributo economico alle compagnie aeree affinchè abbattano i costi economici dei voli passeggeri rendendo fruibile ai turisti a prezzi”popolari” l’Isola di Salina e non solo a pochi come oggi fanno taluni grandi alberghi.
Infine, ricordo che l’Isola e dotata di un porto turistico a Santa Marina e che tale pratica vuole essere estesa ad altra parte del territorio; la domanda è : ma lì l’ecosistema si sconvolge o no? E l’attuale porticciolo turistico, assieme agli scarichi a mare di tutte le barche anche quelle di”linea” sono controllati? Concludo con un’ultima domanda capziosa: i progetti di “grandi porti commerciali” sono da realizzare nonostante alterino profondamente non solo l’ecosistema ma anche il territorio ?
Maurizio Santisi
Data notizia 29/97/09 a cura di Salvatore Sarpi

Ginostra: Bruno sereno davanti all'atto stragiudiziario della Ecofil

L'atto stragiudiziale con il quale si richiede il pagamento di circa 450 mila euro, notificato al comune di Lipari dal curatore fallimentare della Ecofil srl (la società che doveva realizzare il porto di Ginostra ma che venne "sollevata" dall'incarico per inadempienza) non preoccupa più di tanto il sindaco Mariano Bruno.
Da noi contattato stamane, a margine del consiglio comunale poi non celebratosi, ha affermato di essere fiducioso sull'evoluzione della vicenda. Nel momento in cui venne sciolto il contratto con la Ecofil - ci ha fatto capire il sindaco di Lipari- vennero avviati contatti con l'allora amministratore delegato della società (a quel tempo si era da poco insediato) il quale evidenziò chiaramente come la società non fosse in grado di realizzare l'opera e non certo per problemi logistici o legati alle avverse condizioni meteo. In tal senso esisterebbe agli atti idonea documentazione.
Come si ricorderà nei giorni scorsi il curatore fallimentare della Ecofil Srl, Paolo Pobega, commercialista di Firenze, con un atto stragiudiziale notificato al Comune di Lipari ha intimato all’ente e al Dipartimento della Protezione Civile a pagare, per il recupero delle somme dovute, quasi 450 mila euro oltre agli interessi legali e alla rivalutazione monetaria. La vicenda risale al 2 luglio del 2004 ( il contratto venne stipulato il 29/10/2003) quando il sindaco Mariano Bruno, su proposta del responsabile del procedimento arch. Biagio De Vita, decise di sciogliere il contratto “per grave e reiterato inadempimento da parte della Ecofil srl”, affidando contestualmente la prosecuzione dei lavori del pontile di Protezione civile di Ginostra ad un’altra ditta.

Vip alle Eolie. Kevin Costner a settembre girerà a Lipari

Eolie non solo meta turistica dei vip ma conclamato ed attraente scenario cinematografico. Dopo i tanti film girati nel passato l'arcipelago si appresta a tornare protagonista sul grande schermo e con che personaggio, ci sarebbe da dire. Infatti una notizia battuta dall'Agenzia Italia annuncia che "Kevin Costner sara' impegnato da settembre tra ossidiana e cave di pomice a Lipari, nelle isole Eolie, sul set di "Learning italian", una commedia da lui prodotta e interpretata e diretta da Kevin Reynolds ("Fandango", "Robin Hood", "Waterworld"). Nel film Carl - Kevin Costner e' un agente della Cia un po' pasticcione che come copertura fa il tecnico audiovisivo e l'antennista. Anni addietro, a seguito di un errore commesso durante una missione, e' stato inviato per punizione in un delizioso paesino siciliano a picco sul mare a tenere sotto sorveglianza un boss mafioso. Ma quella che doveva essere una punizione per Carl si e' rivelata un premio: fa amicizia con i pescatori, si innamora di una ragazza del posto e non vuole piu' tornare in patria".
Data notizia 29/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Incendi nelle Eolie. Vulcano invasa da sterpaglie. Il consigliere Branca sollecita l'intervento del presidente Ricevuto

Il consigliere provinciale, Massimiliano Branca, appartenente al gruppo Gioventù della Libertà rende noto, tramite comunicato stampa, che ha, tramite lettera, richiesto l'intervento del Presidente della Provincia, Nanni Ricevuto, sull'argomento "prevenzione incendi nel territorio della provincia ed in particolare nelle Isole Eolie".
Branca ha anche chiesto la convocazione di una seduta straordinaria di consiglio, per la trattazione dell'argomento che era stato oggetto di interrogazioni e mozioni presentate dallo stesso.
Il consigliere, si rivolge al Presidente Ricevuto, poiché preoccupato, per il problema presente soprattutto nel territorio delle Isole Eolie ed in particolare nell'Isola di Vulcano, dove i terreni a bordo delle strade provinciali non sono stati ancora ripuliti da sterpaglie e ’altro possa causare o aggravare gli eventuali episodi di incendi e nel timore che ciò possa costituire un pericolo per l'incolumità di cittadini e vacanzieri che, data la stagione estiva ormai in corso, in numerosi si trovano sull'isola. Come si ricorderà questa problematica era stata sollevata da eolienews e dalla Gazzetta del sud.
“Il patrimonio forestale – afferma Branca - costituisce un'immensa ricchezza per l'ambiente e l'economia, per l'equilibrio del territorio, per la conservazione della biodiversità e del paesaggio. Ciononostante gni anno, si assiste all'incendio di migliaia di ettari di bosco, molto spesso dovuto a cause dolose, legate alla speculazione edilizia, o all'incuria e alla disattenzione dell'uomo; le conseguenze per l'equilibrio naturale sono gravissime e i tempi per il riassetto dell'ecosistema molto lunghi.
Tali episodi, negli scorsi anni, e già anche nella stagione in corso – continua il consigliere - sono stati registrati in tutto il territorio del Comune di Lipari, ed hanno causato la distruzione di buona parte della flora presente, che di tali paradisi naturali costituisce la vera ricchezza.
Nei casi verificatisi, i danni sono da attribuirsi anche alle condizioni insufficienti delle strutture di pronto intervento, per questo nella mia mozione chiedevo di disporre al più presto la presenza in loco della protezione civile, con mezzi e operatori addetti al controllo ed alla prevenzione, utilizzando come area di ricovero per gli stessi un sito di proprietà della Provincia che era stato anche individuato e considerato consono allo scopo”.
Data notizia 29/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Terza edizione del Salina Festival 2009 "Eoliana". Obiettivo l'emergenza acqua

(Domenico Arabia) Prende il via questa sera, a S. Marina Salina, la III edizione del Salina Festival 2009 “Eoliana” che quest’anno si pone come obiettivo di sensibilizzare le Istituzioni e la società civile sul problema dell’emergenza acqua, attraverso gli strumenti altamente comunicativi del linguaggio artistico contemporaneo quali la musica e l’arte contemporanea.
Il progetto ideato da Massimo Cavallaro, coadiuvato nella direzione artistica da Elisabetta Di Mambro – CRT artificio produzione e organizzazione, è stato promosso dalla Provincia Regionale di Messina, dai comuni di Lipari, Malfa, Leni e Santa Marina Salina in collaborazione con l’Università Milano-Bicocca, l’Università di Messina, l’Accademia Teatro alla Scala, CNR e il Museo Popolare dei Peloritani di Messina
La manifestazione, denominata appunto “Eoliana”, si articola in un ‘area che comprende, oltre salina, anche Lipari, Filicudi, e Vulcano e si snoda attraverso “ incontri con il pubblico”, con le “passeggiate sonore”, già sperimentate nell’edizione del Salina Festival 2007, e con “concerti on boat” per immergersi totalmente nella musica e nel mare dei luoghi più suggestivi dell’Isola.
Stasera la prima manifestazione in piazza S.Marina, alle ore 22.00, con il concerto di musica jazz di Maria Pia De vita & Huw Warren, con special guest Carlo Nicita.

Senza casco.....la gogna (Il fotomontaggio di Piero Roux)

Pesca, pronto il calendario del "fermo biologico" in Sicilia

Pronto il calendario del fermo biologico per la pesca in Sicilia. E' quanto emerso dalla seduta del consiglio regionale della pesca, presieduta dall'assessore regionale Titti Bufardeci coadiuvato dal dirigente generale Gianmaria Sparma.
"Le imprese di pesca iscritte nei compartimenti marittimi siciliani - dice Nino Accetta, componente Crp di Ugl Sicilia - osserveranno un arresto delle attività di pesca per attrezzo strascico e volante tra il primo settembre e il 30 ottobre per 30 giorni consecutivi ad eccezione delle imprese di pesca iscritte nel compartimento di Mazara del Vallo che si fermeranno tra il primo agosto e il 27 settembre per 30 giorni consecutivi".
Nessun ristoro al momento è previsto per le imprese di pesca che dovranno obbligatoriamente sospendere la propria attività, mentre per i pescatori sarà applicata la Cigs in deroga con criteri che saranno resi noti successivamente. Per Giovanni Condorelli, leader di Ugl Sicilia, "il riconoscimento della cassa integrazione ai pescatori siciliani é una boccata di ossigeno".

Brevi da Lipari

Il consigliere Biviano sulla chiusura dell'ufficio postale di Quattropani. Una missiva è stata inviata al Vice Ministro dello Sviluppo economico con delega alle comunicazioni On.Paolo Romani dal consigliere comunale Giacomo Biviano per la chiusura dell'ufficio postale di Quattropani. Per leggere il testo integrale della lettera cliccare sul link in rosso Eolie News 2

Lipari: Consiglio comunale se ne parlerà domani - E' slittata a domani alle 9,00 la riunione del consiglio comunale di Lipari che doveva discutere oggi, tra l'altro, del bilancio. Come era prevedibile è mancato il numero legale. Alla prima chiamata erano presenti in sette: Mario Paino, che in qualità di consigliere anziano ha presieduto il civico consesso, Nunziatina D'Alia, Adolfo Sabatini, Giacomo Biviano, Bartolo Lauria, Rosaria Corda e Gesuele Fonti. Per l'amministrazione era presente il sindaco Mariano Bruno.
Per domani si preannuncia una vera e propria maratona. Oltre agli emendamenti è prevista la presentazione di un cospicuo numero di mozioni.

60° anniversario di Sacerdozio di Mons. Alfredo Adornato - Sessanta anni (14/08/1949- 14/08/2009) al servizio della Chiesa. Per Mons. Alfredo Adornato, vicario episcopale per la diocesi di Lipari, è il raggiungimento di un importante traguardo.
Il 16 Agosto, in occasione dei sessanta anni del sacerdozio di Mons. Adornato, nella Cattedrale di San Bartolomeo a Lipari, alle 19,00, sarà celebrata una Messa Giubilare presieduta dall'Arcivescovo Mons. Calogero La Piana.
Seguirà nell'atrio del Chiostro la presentazione del libro "Florilegio" (Vol.IV) e il ringraziamento agli intervenuti.

Lipari: "Ripulito" il "monumento ai confinati politici"

Posizionato sulle mura del Castello nel maggio del 1985, in occasione del 40° anniversario della Liberazione, per ricordare il periodo del confino degli antifascisti a Lipari, il "monumento ai confinati politici" per lungo tempo è stato abbandonato all'aggressione delle piantine che crescono spontanee in quel luogo.
Ieri pomeriggio, in coincidenza con gli 80 anni della fuga dall’isola di Emilio Lussu, Francesco Nitti e Carlo Rosselli, grazie all'intervento degli ex Pumex e con il supporto di un mezzo comunale, è stato finalmente ripulito e riportato al suo stato originario (vedi foto)
Data notizia 29/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

"Consigliere per caso?". Il fotomontaggio del vulcanico Piero Roux

Sulla scia della lettera del consigliere comunale Lelio Finocchiario (delegato per la portualità nel comune di Lipari) il "vulcanico" Piero Roux ha prodotto questo fotomontaggio:

martedì 28 luglio 2009

Il ministro Prestigiacomo: "Dopo periodo duro sogno vacanze a Panarea"

''Dopo questo periodo durissimo sogno di riposarmi a Panarea''. In un'intervista a 'Diva e Donna', in edicola da domani, il ministro per l'Ambiente Stefania Prestigiacomo racconta i suoi giorni di fuoco dopo il successo personale del G8 a Siracusa e l'intenzione espressa da alcuni colleghi di governo di affidare a commissari straordinari alcune competenze e poteri di autorizzazione in materia di impatto ambientale.''Ho rivoluzionato il ministero con un lavoro durissimo - rivendica al riguardo la Prestigiacomo - e ora non capisco perche' si vogliano azzerare attribuzioni fondamentali che gli appartengono per la valutazione di ogni progetto. Confido - aggiunge - nel Presidente Berlusconi''.Quanto alle sue vacanze, il ministro dell'Ambiente confida poi il suo programma: ''Ho la fortuna di essere siracusana - ricorda - e di poter godere della riserva marina di Plemmirio e di frequentare Panarea. Spero di poter staccare per un paio di settimane in agosto''.

Ginostra. Risoluzione del contratto per l'approdo illegittima? Il curatore fallimentare della Ecofil notifica atto stragiudiziale al comune

A seguito della risoluzione contrattuale per inadempienza, operata a suo tempo dal sindaco di Lipari, per la realizzazione dell’approdo di Ginostra, destinato a finalità di Protezione civile, il curatore fallimentare della Ecofil Srl, Paolo Pobega, commercialista di Firenze, con un atto stragiudiziale notificato al Comune di Lipari ha intimato all’ente e al Dipartimento della Protezione Civile a pagare, per il recupero delle somme dovute, quasi 450 mila euro oltre agli interessi legali e alla rivalutazione monetaria. Un credito accertato dall’ing. Antonio Pio D’Arrigo su incarico del Tribunale fallimentare di Firenze.
La vicenda risale al 2 luglio del 2004 ( il contratto venne stipulato il 29/10/2003) quando l’attuale primo cittadino, Mariano Bruno, su proposta del responsabile del procedimento arch. Biagio De Vita, decise di sciogliere il contratto “per grave e reiterato inadempimento da parte della Ecofil srl”, affidando contestualmente la prosecuzione dei lavori ad un’altra ditta.
Il curatore fallimentare contesta tale decisione ritenendo che non vi fossero le condizioni meteomarine e logistiche per consentire l'installazione del cantiere e l'avvio dei lavori nel borgo e ci si era attrezzati per realizzare tutto al di fuori di Ginostra (fonte lipari biz)
Data notizia 28/07/09 a cura di Salvatore Sarpi

Ex Pumex: Già disposto l'ordine di accreditamento del finanziamento integrativo per il periodo Luglio-Dicembre 2009

Per gli ex lavoratori della Pumex di Lipari è stata già disposta dall'assessorato del lavoro e della previdenza sociale l'emissione dell'ordine di accreditamento di euro 144.238,98 a favore del legale rappresentante del comune di Lipari, ovvero il sindaco.
La cifra, che va a coprire il periodo 1 Luglio 2009-31 Dicembre 2009, è da corrispondere ai 39 ex lavoratori Pumex quale finanziamento integrativo da parte della Regione nel contesto del loro utilizzo in attività socialmente utili presso il comune di Lipari.
Di tale disposizione, a firma del dirigente generale Lo Nigro, è stata data notizia al presidente del consiglio comunale di Lipari Pino Longo dall'ufficio dell'on. Santi Formica.
Longo, unitamente a Formica, si è attivata affinchè la richiesta di finanziamento, avanzata dal comune di Lipari lo scorso 22 luglio per il periodo di cui sopra, fosse evasa nel più breve tempo possibile.

Le "contestazioni" del consigliere Lo Cascio alle affermazioni sul molo di Marina Corta del collega Finocchiaro

Comunicato stampa: brevi considerazioni sulle dichiarazioni del consigliere Finocchiaro riguardo ai lavori portuali di Marina Corta.
Intervengo per mero spirito di polemica, e lo dichiaro preliminarmente per fugare qualsiasi dubbio al riguardo, ma ritengo che sia necessario puntualizzare alcune risposte alle dichiarazioni rese oggi alla stampa dal consigliere Finocchiaro, esperto delegato per la portualità del Comune di Lipari. Nell’informarci della ripresa dei lavori di messa in sicurezza nel braccio Sud di Marina Corta, il collega Finocchiaro ci avverte “della presenza di una frangia di popolazione, per fortuna sparuta, la quale avversando comunque un qualsivoglia cambiamento, anche se portatore di evoluzione, lavoro e ricchezza per tutti gioisce per qualunque cosa boicotti queste iniziative e cerca di imputarle all’incapacità della amministrazione”. Sospetto che il collega abbia inteso indicare, tra gli altri, anche il sottoscritto, ma non comprendo il perché, e soprattutto mi sfugge la natura del “cambiamento”, portatore dei citati benefici, che insieme alla “sparuta frangia” avrei osteggiato.
In una lettera aperta del 7 maggio 2009, ricordo di avere sottolineato la curiosa assenza della maggioranza in quel consiglio comunale (29 aprile) dove sarebbe stata presentata una petizione di un centinaio di cittadini che chiedeva di trattare prioritariamente l’argomento “Marina Corta” con annessi e connessi (argomento peraltro inserito su proposta dell’opposizione). Ma sottrarsi a un confronto è più comodo che affrontarlo: perché altrimenti l’amministrazione e i suoi sostenitori in consiglio non si sono presentati per chiarire la propria condizione di “parte lesa”, come stavano le cose, dove andavano cercate le responsabilità, quali sarebbero stati i tempi per una soluzione?
Nessuno mai ha imputato all’amministrazione di avere eventualmente riempito i cassoni con materiale difforme dal capitolato; è evidente, infatti, che nel caso si accerti questa circostanza la stessa, in quanto committente dei lavori, sarebbe stata vittima di una frode. Quello che però si è chiesto, in numerose lettere e in richieste di autoconvocazione sul tema, è di comprendere se il responsabile del procedimento e il direttore dei lavori avessero vigilato o meno e in maniera adeguata, per quanto di competenza e a garanzia del committente, allo scopo di evitare la presunta difformità e le conseguenze cui abbiamo assistito.
Ma il collega Finocchiaro preferisce dare il proprio contributo a un altro esercizio culturale di moda, al quale facevo riferimento già nella lettera del 7 maggio, ovvero puntare l’indice sulla “sparuta frangia” di disfattisti gongolanti, in luogo dell’assunzione di un comportamento certamente più consono a una istituzione, che si potrebbe riassumere come segue: signori, quali che siano le responsabilità – che verranno doverosamente accertate dalla magistratura – si è verificato qualche errore, la comunità è stata penalizzata, e per questo ci scusiamo.
Invece, no. A parte la “frangia”, ci sono i reperti archeologici – sacrosanti, per carità – usati però come pretesto per gongolare ancora, e poi ancora la magistratura che – purtroppo – con i suoi tempi indipendenti dalla vita reale mette a repentaglio il lavoro di tanti operatori e i finanziamenti. Qualche altro fattore avverso, o ci fermiamo qui? E una parola sull’eventuale repentaglio di un molo che, se fosse stato davvero realizzato in modo non conforme al capitolato e se nessuno avesse richiesto opportuni accertamenti, oggi sarebbe magari già stato completato, ma per durare quanto? Due esempi come Ginostra e Santa Marina sono abbastanza eloquenti per un piccolo arcipelago come il nostro.
Per questo, quando il collega dichiara che “l’amministrazione, in stretta collaborazione con sovrintendenza e capitaneria di porto, in regime di controllo severissimo della ditta incaricata […] assicura che si sta facendo di tutto perché i disagi […] non durino un giorno più del necessario”, viene spontaneo chiedersi come mai tanta solerzia e severità non siano state applicate prima.
Infine, attribuire il valore di miglioramenti e di opportunità in grado di assicurare “nuove e più avanzate frontiere culturali ed economiche a tutti gli isolani” a una messa in sicurezza che prevede l’allungamento di 60 metri di un molo mi pare, francamente, un po’ esagerato. Forse il collega Finocchiaro intravede all’orizzonte di questi lavori, tutto sommato banali, qualcosa di più grosso, di mastodontico; magari un megaporto. Non confondiamoci, però: quella è un’altra storia. Per ora, limitiamoci a gongolare assieme per la – probabile – conclusione di un’opera oggi impresentabile e indecorosa, il cui attuale stato verrà sempre associato, ne sono certo, alla memoria dell’amministrazione che il consigliere Finocchiaro ha l’ingrato compito di rappresentare.
Pietro Lo Cascio, consigliere comunale di Sinistra e Libertà
Data notizia 28/07/09 a cura di Salvatore Sarpi