Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 5 maggio 2018

Calcio. Pulcini della Ludica Lipari ad un raduno a Capo D'Orlando



La Ludica Lipari ha preso parte oggi ad un raduno (categoria pulcini) tenutosi a Capo D'Orlando. Erano presenti altre sei società. E' il primo passo per un progetto al quale la Ludica Lipari aderirà. 
Per i bambini è stata una bellissima esperienza.
Ha presenziato un osservatore della Sampdoria.




Diritto alla salute alle Eolie. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


I ringraziamenti della famiglia Merlino


Giornata ecologica di primavera


I nostri auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Ana Francu Patarau, Raffaella Bertolo, Bruno Abbondanza, Rachele La Fortuna, Elia Torre, Rosario Finocchiaro, Natalia Budans, Eugenio Murciano, Aziz Sammoud

PUBBLICATO IL DECRETO CHE ASSEGNA OLTRE 25 MILIONI DI EURO ALLA CITTÀ METROPOLITANA PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE STRADE DELLA PROVINCIA. TONINO GENOVESE: «LA MOBILITÀ SUL TERRITORIO È AL COLLASSO PROGRAMMARE DA SUBITO GLI INTERVENTI PER EVITARE DI PERDERE LE RISORSE»

Oltre 25 milioni di euro destinati ad interventi straordinari di manutenzione della rete viaria per la Città Metropolitana di Messina dal 2018 al 2023. È stato pubblicato lo scorso 2 maggio il decreto approvato il 16 febbraio che finanzia gli interventi e i programmi per la rete viaria di provincie e città metropolitane che consegna subito nelle mani di Palazzo dei Leoni un milione e 875 mila euro utilizzabili dal prossimo 30 giugno per far fronte alle emergenze delle strade provinciali da anni senza manutenzione e senza un adeguato numero di cantonieri.
«Un’occasione da non perdere – sottolinea il segretario generale della Cisl Messina, Tonino Genovese – che deve essere programmata sin da subito per spendere tutte le risorse a disposizione. Se non verranno utilizzate, infatti, torneranno al mittente ed è una situazione che non possiamo permetterci considerata la condizione della rete stradale della provincia che registra una mobilità ormai appesantita e quasi al collasso».
Il segretario della Cisl di Messina evidenzia, quindi, come dopo la prima tranche prevista per l’anno in corso, dal 2019 al 2023 la somma a disposizione di oltre 4 milioni (4.688.220,84) ogni anno che l’Amministrazione di Corso Cavour potrà disporre per interventi straordinari e di manutenzione sulle strade. «È fondamentale non farsi trovare impreparati ma programmare bene gli interventi con una mappatura di quelli più urgenti e cercare di realizzarli tutti. Nel decreto, infatti, si legge che in in caso di mancata o parziale realizzazione degli interventi nell'annualità di riferimento, è disposta la revoca delle risorse, per la quota non spesa, applicando una pari riduzione sui trasferimenti di risorse relative alle successive annualità. E questo rappresenterebbe un danno per tutto la comunità».

"MediterraneoBellezza", la vincitrice è la liparese Martina Costa

 È la 17enne Martina Costa di Lipari la vincitrice del titolo "MediterraneoBellezza", concorso on line, lanciato dall'istituto "Bellezza&Co" Palermo e realizzato nell'ambito del progetto "Bellezze Mediterranee", volto a valorizzare la Sicilia e i suoi abitanti.   
È stata eletta l'altro ieri a Palermo,in occasione della prima finale regionale. 
Le concorrenti sono state selezionate tra le candidate nate o residenti in Sicilia,requisito imposto dal regolamento del concorso. 
Hanno partecipato in 1.894,di cui 594 sono state eliminate durante le varie fasi del concorso. 
Le fotografie in concorso sono state valutate dalla giuria tecnica composta dalla dottoressa Serena Bruni e dal fotografo Carlo Siginisi,che hanno selezionato i lavori e deliberato la vincitrice.
Martina, mora,occhi verdi,alta 1 metro e 66, si appresta a frequentare il terzo anno dell' istituto turistico. Ama le lingue,in modo particolare il francese. Studia il tedesco e l'inglese.  
In un breve commento alla sua elezione Martina ha ringraziato tutto lo staff di Palermo. "Ringrazio di vero cuore - ha detto - mia madre, Tindara Lauricella Cincotta per gli abiti e alcuni scatti fotografici, mio padre Bartolino Costa per la regia e Gabriele Costanzo per le foto". 
A Martina vanno le nostre congratulazioni e l'augurio per ulteriori, nuove soddisfazioni.


“Premio Storie di Alternanza”: vincono l’Istituto tecnico “Jaci” e il Liceo scientifico “Seguenza”

 
Come per la prima sessione del “Premio Storie di Alternanza”, svoltasi nel novembre dello scorso anno, anche per la seconda, che ha preso il via nel mese di febbraio, l’obiettivo dell’iniziativa promossa da Unioncamere e dalla Camera di commercio - in collaborazione con la sua Azienda speciale servizi alle imprese - è stato quello di valorizzare e di dare visibilità alle esperienze di percorsi di alternanza scuola-lavoro ideati, elaborati e realizzati dagli studenti e dai tutor degli Istituti scolastici di secondo grado.
Questa mattina al Palazzo camerale, si è svolta la cerimonia di premiazione. Ad aggiudicarsi il premio, suddiviso in due categorie distinte per tipologia di istituto scolastico partecipante, Licei e Istituti tecnici e professionali, sono stati il Liceo scientifico “Seguenza” con “Tg Seguenza - La scuola in redazione” e l’Istituto tecnico “Jaci” con “L’accoglienza: la mia professione”.
Premiati, inoltre, per la categoria “Licei”, il Liceo artistico “Basile” e il Liceo “Enrico Medi” di Barcellona Pozzo di Gotto, classificatisi al secondo e al terzo posto; per la categoria “Istituti tecnici e professionali”, l’Istituto d’istruzione superiore “Verona Trento” e l’Istituto d’istruzione superiore “Minutoli” – sezione Agraria “P. Cuppari”, classificatisi al secondo e al terzo posto.
«La collaborazione tra il mondo della scuola e il mondo imprenditoriale è molto importante – afferma il presidente della Camera di commercio, Ivo Blandina – un giovane formato che si avvicina al mondo del lavoro avrà, certamente, maggiori possibilità di trovare occupazione e, al contempo, sarà un valore aggiunto per l’impresa e per il territorio nel quale l’impresa opera».
«La Camera di commercio ha creduto sin dall’inizio nella bontà dell’Alternanza scuola-lavoro – prosegue il segretario generale dell’Ente camerale, Alfio Pagliaro - considerandolo come uno strumento di politica attiva finalizzato a incentivare l’occupazione avvicinando le imprese al mondo della scuola, che è il loro bacino naturale a cui attingere per la formazione del personale».
Dieci le scuole partecipanti al concorso, tre delle quali sono Licei. «In questa sessione, la competizione ha avuto ampio seguito soprattutto tra gli Istituti tecnico- professionali – afferma il funzionario camerale Agata Denaro, membro della commissione - auspichiamo che l’alternanza scuola lavoro possa decollare e diventare protagonista anche nei Licei della nostra città e della nostra provincia». A tutte le scuole, sono stati conferiti buoni acquisto e targhe.

Oggi è il 5 Maggio. Buongiorno con questa foto di Carmelo Bertè e con i Santi e le venerazioni di oggi

Alba a Monterosa -
SANTO DEL GIORNO: SANT' ANGELO DA GERUSALEMME -

Altri santi e venerazioni del 05 maggio:

- Sant' Avertino

- Beato Benvenuto Mareni da Recanati

- San Brittone di Treviri
Vescovo

- Beata Caterina Cittadini

- Sant' Eutimio di Alessandria
Martire

- San Geronzio di Milano
Vescovo

- San Gioviniano
Martire

- San Gottardo di Hildesheim
Vescovo

- Beato Gregorio Boleslao (Grzegorz Boleslaw) Frackowiak
Religioso e martire

- Sant' Ilario di Arles
Vescovo

- Sant' Irene (Erina) da Lecce
Vergine e martire

- San Massimo di Gerusalemme
Vescovo

- San Mauronto
Abate e diacono

- San Nicezio di Vienne
Vescovo

- Beato Nunzio Sulprizio
Giovane operaio

venerdì 4 maggio 2018

Sanità alle Eolie...nel mirino delle Iene. Contattati il nostro direttore e la signora Zaia

Della Sanità nelle Eolie. Sui "viaggi della speranza e/o della disperazione" con l'elisoccorso, sul cardiologo non a tempo pieno, sul Punto nascita chiuso a Lipari ma riaperto a Pantelleria è stato avviato un contatto, non più di trenta minuti fa, dalle Iene con il nostro direttore Salvatore Sarpi.
Un contatto, sviluppatosi attraverso Laura Zaia, la mamma - guerriera che, sin dal 2011, si batte, insieme ad altre mamme, sia per il Punto nascita che per tutte le problematiche che interessano la Sanità nelle Eolie.
Il contatto, nell'ottica di un servizio che dovrebbe essere realizzato prima della chiusura della stagione delle Iene, avrà una ulteriore appendice nei primi giorni della prossima settimana quando il nostro direttore - che sta facendo una ricerca su alcuni casi - fornirà ulteriori dati

Come eravamo: CS Lipari Basket - Serie D

Nella foto da sx a dx in alto, in piedi: Andrea Pittari, Claudio Mandarano, Francesco Megna, Roberto Paino, Giuseppe Lumia, Corrado Giannò
Fila di centro da sx a dx: Alberto Ainis, Raoul Merenda, Luca Giorgianni, Massimo Veneziano, Enrico Peluso
Fila in basso da sx a dx: Cristian Ruggiero, Davide Merenda, Ciccio Giannò, Giuseppe Paino

Statuto speciale da "fortuna" a "rovina" (di Luca Chiofalo)

In Sicilia, dice la Corte dei conti, il rapporto numerico fra dipendenti comunali e popolazione supera del 45% la media nazionale. La beffa (oltre al danno) è che i comuni siciliani neanche funzionano: efficienza e servizi prestati ai cittadini sono pessimi.
Comunque, dobbiamo “stabilizzare”, cioè assumere, perché il “posto pubblico” (a vita), in Sicilia, è un diritto che prescinde merito, capacità finanziaria e necessità. Le inutili posizioni lavorative precarie, “oppio dei siciliani”, create ad arte ed a uso elettorale, prima o poi, raggiungono il traguardo dell’agognato posto garantito e pubblico. Secondo l’ultima legge di bilancio regionale, che rimanda riforme e tagli necessari per “regalare” soldi che non ci sono, vi sarebbe l’intenzione di assumerne altri 13000, in spregio ai conti in dissesto e ad una tassazione insostenibile (che non può calare se aumentiamo la spesa corrente pagando stipendi). L’antico vizietto dell’assistenzialismo irresponsabile c’è a destra come a sinistra e finirà per tirare a fondo anche la (sopravvissuta) parte sana e produttiva (privata) di questa disgraziata regione.
Nell’esclusivo interesse di classi dirigenti avide e sconsiderate, è stato fatto scempio dello statuto speciale accordatoci, che doveva essere una “fortuna” ed invece è diventato strumento di rovina.
Vergogna!!!
Luca Chiofalo

50° Anniversario della morte di Salvatore Quasimodo, al via le celebrazioni

Prendono il via, domenica 6 maggio, le Celebrazioni per il 50° Anniversario della morte di Salvatore Quasimodo a cura del Comitato Organizzatore di cui fanno parte oltre la Città Metropolitana di Messina, ente promotore, l' Università degli Studi di Messina, il Teatro Vittorio Emanuele di Messina, il Parco Letterario Salvatore Quasimodo di Roccalumera, l'Associazione Club Amici di Salvatore Quasimodo, la Fondazione Famiglia Piccolo di Capo d'Orlando, il Conservatorio Arcangelo Corelli, l' Istituto A.M. Jaci e l' Istituto S. Quasimodo di Messina.
Il Comitato, come stabilito nella conferenza stampa tenutasi il 18 gennaio scorso presso la GAMeC “Lucio Barbera” dov’è conservato l’archivio di Quasimodo, ha stilato un ricco programma di eventi che avranno luogo a Messina e in provincia. Il calendario prevede quindi numerose iniziative volte a rendere omaggio alla straordinaria figura di Salvatore Quasimodo, premio Nobel per la Letteratura nel 1959, che nella città di Messina ha vissuto i suoi anni giovanili iniziando la sua formazione culturale e che in seguito lo ha insignito della cittadinanza onoraria e della laurea honoris causa in Letteratura.
Il presente programma riguarda le iniziative che si svolgeranno fino al 30 giugno. Altri eventi di grande rilievo, in corso di programmazione sempre a cura del Comitato organizzatore per le celebrazioni quasimodiane, saranno organizzati a partire dal mese di luglio e resi noti in seguito.

Domenica 6 maggio, ore 17.00
Messina, Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca
“Due giorni di Arte e Cultura”,
Evento organizzato in collaborazione con l’Accademia Culturale Zanclea
Presentazione manifestazione e inaugurazione Mostra Antologica del Maestro Biagio Cardia alla presenza del Prof. G. Corallo
Introduce il Prof. Claudio Stazzone
Modera la Prof.ssa Agata Midiri

Lunedì 7 maggio, ore 17.00
Messina, Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca
Saluti istituzionali:
- Sindaco Metropolitano
- Avv. A.M. Tripodo, Dirigente della V Direzione, Città Metropolitana di Messina
Relatori:
- Carlo e Sergio Mastroeni, Parco Letterario Quasimodo di Roccalumera
- Cristina D’Arrigo, “La figura di Antonio Saitta e l’Ospe”
- Nino Giordano, “L’opera di Giorgio La Pira”
- Marco Bonardelli, “Giuseppe Migneco tra forza del legame e libertà del sentire”
- Carlo Davoli, Preside dell’Istituto A.M. Jaci,
“L’Istituto Jaci fucina feconda per la formazione di importanti intellettuali messinesi”

Venerdì 18 maggio, ore 9.00
Messina, Istituto Tecnico Statale A.M. Jaci, Aula Magna
Salvatore Quasimodo: dall'Istituto Jaci al Premio Nobel
ore 09.00 - Prof. Carlo Davoli, Preside dell' Istituto Jaci
Salvatore Quasimodo allievo dell'Istituto Jaci
ore 09.15 - Dott.ssa Cristina D'Arrigo - Prof. Nazareno Saitta
Presentazione libro: “Antonio Saitta - Ospe: La Scocca della Cultura”
ore 10.00 - Proiezione filmati della famiglia Davoli :
“Quasimodo a Messina” e “Quasimodo visto da Mosca e New York"
ore 10.30 - Prof. Claudio Stazzone, Accademia Culturale Zanclea
“La poetica di Salvatore Quasimodo”

Giovedì 14 giugno
Roccalumera, Parco Letterario Quasimodo, ore 10.00
ore 10.00 - Cerimonia di presentazione dell' annullo filatelico speciale, dedicato al 50° anniversario
della morte di Salvatore Quasimodo, realizzato da Poste Italiane in collaborazione con il
Circolo Filatelico Peloritano
ore 11.00 - Deposizione corona di fiori al monumento dedicato al poeta in Piazza Quasimodo
ore 11.30 - Seminario “Salvatore Quasimodo: cinquant’anni dopo”

Messina, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lucio Barbera”, ore 16.30
Saluti istituzionali:
- Sindaco Metropolitano
- Avv. Anna Maria Tripodo, Dirigente della V Direzione, Città Metropolitana di Messina
Introduce la Dott.ssa Angela Pipitò, Funzionario del Servizio Cultura della V Direzione
- Presentazione dell'annullo filatelico speciale dedicato al 50° anniversario della morte di Salvatore
Quasimodo, realizzato da Poste Italiane in collaborazione con il Circolo Filatelico Peloritano.
- Recital di poesie di Salvatore Quasimodo, voce recitante di Gianni Di Giacomo
- Proiezione del filmato originale dell’assegnazione della cittadinanza onoraria a
Salvatore Quasimodo, donato all’Archivio Quasimodo dalla Famiglia Davoli
- Inaugurazione della Mostra “Gli anni di Quasimodo a Messina”
Mostra fotografica e documentaria sulla vita e l’attività del poeta a Messina, dagli anni giovanili
all’assegnazione della cittadinanza onoraria nel 1960 e alla partecipazione all’Accademia della
Scocca, con foto e documenti originali provenienti dall’Archivio Quasimodo
della Città Metropolitana di Messina.
- Esposizione di cartoline d’epoca su Messina prima e dopo il terremoto è a cura del Circolo
Filatelico Peloritano che allestirà, inoltre, uno spazio filatelico dove saranno reperibili cartoline a
tiratura limitata con l’annullo filatelico speciale dedicato al 50° anniversario della morte di
Salvatore Quasimodo, appositamente realizzato da Poste Italiane.

Giovedì 21 giugno, Giornata Europea della Musica
Messina, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lucio Barbera”, ore 17.00
- Recital di poesie di Salvatore Quasimodo, voce recitante di Elena Grasso
- Concerto di musica classica

Roccalumera, Parco Letterario Quasimodo, ore 19.00
Concerto di Gesuele Sciacca con la musicazione di poesie di Salvatore Quasimodo e Maria Cumani

Venerdì 22 giugno, ore 17.00
Capo d'Orlando, Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella , Villa Piccolo
“Quasimodiana: Gli Inchiostri e le parole”
Dialoghi, introduce Vanni Ronsisvalle

Sabato 23 giugno, ore 19.00
Roccalumera, Parco Letterario Quasimodo
Inaugurazione mostra di Silvio Zampieri “Per me c’è l’ombra che è la mia luce”
opere neochiariste ispirate ai luoghi e alle poesie giovanili di Quasimodo,
23 giugno - 7 settembre 2018

Lunedì 25 giugno, ore 17.00
Barcellona Pozzo di Gotto, Villino Liberty
Inaugurazione della mostra fotografica dedicata a Salvatore Quasimodo,
25 giugno - 7 luglio 2018

Lettere al direttore. "Servizio delle Iene sconcertante, Comune di Lipari non stia in silenzio"

Riceviamo e pubblichiamo: 
Scusami direttore, 
ma ti chiedo di postare questa mia "lettera aperta" per quanto è successo ieri sera nel programma "Le iene". Trovo sconcertante quel servizio, ma sopratutto il messaggio che hanno voluto far passare!!.. 
La gente, nei commenti della pagina ufficiale, stanno screditando in maniera vergognosa le nostre isole!!! 
Pretendo dal Comune immediate spiegazioni! Pretendo che il Comune chiarisca che la cooperativa sita nelle Terme non è li per far visitare le Terme stesse.  E cioè che è stata data un area del Comune per fare mostre di fotografie e oggetti antichi! 
Scrivo perché tutto quello che è stato detto ieri sera è inaccettabile! 
Io da liparota mi sento profondamente offesa da questa omertà! E pretendo che le Eolie vengano almeno riabilitate pubblicamente! 
La ringrazio e mi scuso per essermi permessa!
Deborah Galletta

I nostri auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Marialaura Archetti, Gabriele Maiorana,Carlotta Saporita, Massimiliano Errico

Come eravamo. Un Quartetto, una chitarra + 1

Per come eravamo quest'oggi vi proponiamo un quartetto d'amici, una chitarra e un fan (perplesso)
Da sx: Liborio Cataliotti, Nunziello Li Donni, Carmelo Travia e Maurizio Ferrara.
Alle spalle: Domenico Lo Sinno alias "Lampadina"

SANITA', ASSESSORE RAZZA CONVOCA CONFERENZA SERVIZI SU CARENZE STRUTTURALI NELLE EOLIE

COMUNICATO STAMPA
"Ho convocato per la prossima settimana una conferenza dei servizi alla quale prederanno parte l'Azienda Sanitaria Provinciale di Messina, la Seus 118 e l'Amministrazione comunale delle isole Eolie, per valutare tutti gli interventi necessari a garantire la salute dei cittadini nel comprensorio eoliano". 
Lo ha affermato l'Assessore alla Salute Ruggero Razza, intervenendo sulle carenze nelle strutture sanitarie delle isole minori e sul caso della donna colpita da infarto a Lipari e deceduta dopo il trasporto sulla terraferma. In seguito all'episodio, il consiglio comunale del capoluogo eoliano aveva chiesto con un ordine del giorno un confronto con l' amministrazione regionale. 
"E' obiettivo di questo governo rivedere la rete ospedaliera nelle aree disagiate e in tutte le isole minori - ha aggiunto Razza - una rete che negli anni e' andata ad impoverirsi di servizi, personale e strutture, fino a non garantire più il diritto alla salute di chi vi abita".
Palermo, 4 aprile 2018

Rifiuti, il Sud consuma meno ma paga il 34% di Tari in più - Tutti i numeri del nuovo Green Book

Il ragionier Roberto Piemonte ci segnala questo articolo: 
L’Europa chiede da anni agli Stati membri di regolare la gestione dei rifiuti sulla base del principio del «chi inquina paga», che imporrebbe di misurare le bollette presentate a famiglie e imprese sulla quantità di rifiuti prodotti. Ma il criterio europeo, nato per favorire i comportamenti di produzione e consumo che impattano meno sull’ambiente, vive in Italia un’applicazione paradossale. Da noi paga chi inquina non perché produce più rifiuti, ma perché vive in territori dove il servizio è scadente, la raccolta differenziata arranca e gli impianti sono più rari e arretrati. Paga di più, insomma, chi ha meno servizi.
I numeri chiave
La lunga trafila che parte dal cassonetto sotto casa, passa attraverso gli impianti di raccolta e trattamento e quando va bene torna sul mercato portando materiali riciclati, si traduce in euro con le tariffe presentate a cittadini e imprese. Il quadro aggiornato arriva dalla nuova edizione del Green Book, che dopo due anni offre un censimento nuovo e ampliato su costi, risultati e investimenti dell’igiene ambientale italiana. Nel 2017 una famiglia-tipo di tre persone che vivono in 100 metri quadrati, spiega l’analisi condotta da Utilitatis con la collaborazione di Cassa depositi e prestiti, ha pagato una tariffa rifiuti da 312 euro. «La spesa non cresce negli ultimi anni - rivendica Filippo Brandolini, presidente di Herambiente e vicepresidente di Utilitalia - e ci sono segnali di sviluppo all’interno di un panorama nazionale che però rimane molto differenziato».
Come tutte le famiglie-tipo, in effetti, anche quella appena citata non esiste nella realtà, perché è frutto di una media statistica fra situazioni molto diverse fra loro. Andando più nel dettaglio nelle oltre 250 pagine di grafici e tabelle, si scopre che se la fantomatica famiglia abita al Nord il suo conto medio è da 271 euro, mentre nel Mezzogiorno sale del 33,6% e arriva a 362 euro l’anno. Ma nel Sud, per un insieme di fattori che vanno dal reddito medio alle diverse abitudini di consumo fino alla differente geografia industriale, si produce all’anno in media il 13% in meno dei rifiuti pro capite delle Regioni settentrionali. Nel Mezzogiorno, insomma, si “consuma” meno ma si paga di più. «Queste differenze - spiega Brandolini - spesso dipendono dalla presenza o meno di imprese strutturate e dalla governance, fatta di dimensioni degli ambiti ottimali, operatività degli enti di governo, struttura e durata delle gare; e si riflettono nella dimensione, e quindi nella capacità operativa e finanziaria, degli operatori». Tutto questo si traduce nei risultati del servizio, che allargano il solco fra le due Italie dei rifiuti come mostra bene il tasso di raccolta differenziata: nelle città settentrionali ha raggiunto ormai il 64,2% mentre nei centri meridionali si ferma al 37,6%, cioè 26,6 punti sotto.

Il caos sulle imprese
La forbice torna, molto più ridotta, per le imprese, ma per aziende, artigiani e commercianti i dati medi significano poco o nulla all’interno del problema vero, rappresentato dal caleidoscopio infinito delle scelte tariffe comunali. A seconda del Comune in cui si trova, un ufficio o uno studio professionale può pagare dagli 1,25 ai 12,77 euro al metro quadrato, per i negozi di abbigliamento le richieste locali variano da 1,65 a 16,36 euro al metro e nel caso dei ristoranti l’altalena cambia i valori addirittura di 14,5 volte, dai 3,67 euro al metro chiesti dal piano finanziario più economico ai 53,27 pretesi da quello più caro. Trovare un criterio in una girandola di cifre come questa è impresa impossibile, e altrettanto complicato è individuare regole certe per separare i rifiuti delle imprese gestiti dai servizi pubblici e quelli «speciali», smaltiti (e pagati) in proprio. Un decreto ministeriale, chiesto dal Codice dell’ambiente del 2006 e dopo 11 anni imposto al governo da una diffida dei giudici amministrativi, è pronto ma bloccato nei cassetti. È un’altra vittima ignorata dello stallo politico, insieme all’avvio vero e proprio dei lavori sull’igiene ambientale da parte dell’Arera, che dopo l’ultima manovra deve occuparsi anche di rifiuti e diventare un’Authority ambientale a tutto campo. I suoi vertici, però, sono appena stati prorogati per l’ordinaria amministrazione in attesa che un nuovo governo decida a chi affidare questo ricco portafoglio di competenze che vanno dall’energia al servizio idrico passando appunto per i rifiuti.
Impianti e polemiche
A distanziare costi e qualità dei servizi all’interno del Paese non è solo una questione di abitudini, o di tassi di efficienza a scartamento ridotto di alcune ex municipalizzate del Centro-Sud. Questi due fattori sono senza dubbio importanti, ma anche i più generosi tentativi di cambiare il passo inciampano su un ostacolo strutturale: gli impianti.
In questi anni il dibattito pubblico si è concentrato intorno alle polemiche territoriali sui termovalorizzatori, ma è l’intero ventaglio tecnologico sviluppato per ricavare dai rifiuti energia, biogas, compost e così via a disegnare una geografia a senso unico. Su 41 impianti di recupero energetico presenti in Italia, 34 (l’83%) sono al Centro-Nord, e lo stesso accade per le 31 strutture che utilizzano processi biologici per produrre biogas o compost dai rifiuti organici: gli impianti integrati censiti nel Paese sono 31, e solo 3 (due in Campania e uno in Sardegna) si incontrano nel Mezzogiorno. Il quadro si fa un po’ più equilibrato solo nei tratti meno avanzati della filiera, a partire dagli impianti di trattamento meccanico biologico che gestiscono soprattutto i rifiuti indifferenziati e sono sparsi su tutto il territorio. Ma i problemi non mancano come mostrano i casi quali quello di Roma, dove basta uno dei tanti picchi di consumo prodotti dai flussi turistici e dai calendari delle feste per bloccare in strada i rifiuti che la fragile rete di impianti non riesce ad accogliere.
La strada da coprire, insomma, è lunga, anche se il panorama non è statico e mostra qualche buona notizia sul lato degli investimenti, arrivati l’anno scorso a quota 1,86 miliardi con un balzo del 53% rispetto all’anno prima. L’impennata segue un triennio di stasi e si spiega prima di tutto con gli effetti di Industria 4.0, che ha spinto a livello fiscale soprattutto gli investimenti in macchinari e tecnologie. Esiste però anche un motore esterno, rappresentato dal bilancio europeo che per il 2014-2020 ha messo a disposizione 1,3 miliardi per il comparto italiano dei rifiuti, a cui si aggiunge una cifra analoga del fondo sviluppo e coesione all’interno dei «patti per il Sud». I servizi pubblici locali, e l’igiene urbana in particolare, stanno poi diventando centrali nelle strategie della Bei, che potrebbe dare una mano al settore per raggiungere i cinque miliardi di investimenti stimati come fabbisogno dagli esperti. Ma c’è un rischio. La capacità di investimento è ovviamente proporzionale alla salute dei bilanci, e i conti stanno meglio dove le aziende e gli ambiti territoriali sono più grandi e strutturati. Con una distribuzione degli investimenti fedele al livello attuale di sviluppo del settore, allora, l’innovazione rischia di allungare ancora le distanze fra Nord e Sud.

Quante bugie!. Occorrerebbe ristabilire la verità!.

Scrivono le Iene nella loro pagina" Domenico ha gestito per trent'anni le terme di Lipari, poi lo hanno messo da parte. Ad aiutarlo ci ha pensato la nostra Veronica Ruggeri".
E poi annunciano il servizio andato in onda ieri sera a Le Iene su Italia1.
Peccato che quanto affermato da questo "signore" non corrisponda assolutamente al vero, gettando "fango gratuito".
Da ammiratore e seguace delle Iene mi sono vergognato!
Sarebbe il caso che chi ha competenza intervenisse a ristabilire la verità!

Oggi è il 4 Maggio. Buongiorno con questa foto di Giuseppe Pellegrino e con i Santi e le venerazioni di oggi

Lipari centro vista da Monte Gallina - 
Santo del giorno: San Ciriaco di Gerusalemme -
Altri santi e venerazioni del 04 maggio:

- Santi Agapio e Secondino
Martiri di Lambesa
- Sant' Antonina di Nicea 
Martire
- San Floriano di Lorch
Martire - - Beato Giovanni Haile Sacerdote e martire
- Santi Giovanni Houghton, Roberto Lawrence, Agostino Webster e Riccardo Reynolds
Sacerdoti e martiri
- Beato Giovanni Martino Moye
Fondatore
- Beato Ladislao da Gielnow
- San Silvano di Gaza e 39 compagni
Vescovo e martiri

giovedì 3 maggio 2018

Via libera alla riqualificazione del cimitero. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


Cicogne (almeno una quarantina) in volo su Stromboli e in "sala d'attesa"

Lettrice ci segnala "spettacolo della natura", immortalato nelle due foto di Massimiliano Cincotta

#iononvogliomorire

#iononvogliomorire è lo slogan della nuova mobilitazione popolare, che parte dal social Contocorrente eoliana, e alla quale Eolienews aderisce in pieno.
Una mobilitazione che deve portare tutti i cittadini in piazza Mazzini a Lipari, in occasione del prossimo consiglio comunale (data ancora da fissare), per chiedere al sindaco Marco Giorgianni di porsi a capo di una delegazione che, senza se e senza ma, dovrà andare alla Regione a Palermo a rivendicare il diritto alla salute, alla vita e all'assistenza sanitaria per tutti gli eoliani. Anche, se è il caso, battendo i "pugni sul tavolo"   

REGIONE: EROSIONE SPIAGGE, FIRMATO PRIMO ‘CONTRATTO DI COSTA’ CON 14 COMUNI DEL MESSINESE. E LE EOLIE? LA "RIFLESSIONE" DEL NOSTRO DIRETTORE.

Per la prima volta in Italia, grazie al ‘contratto di costa’ potrà essere sistemato e salvaguardato un lungo tratto di costa siciliana. L’accordo è stato sottoscritto oggi a Palazzo d’Orleans tra il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e i sindaci dei 14 Comuni interessati: Acquedolci, Brolo, Capo D’Orlando, Caronia, Gioiosa Marea, Motta D’Affermo, Naso, Patti, Piraino, Reitano, Sant’Agata di Militello, Santo Stefano di Camastra, Torrenova e Tusa. Presente all’incontro, oltre al presidente Musumeci, anche il responsabile dell’Ufficio per il dissesto idrogeologico, Maurizio Croce. Il tratto di costa interessato è di circa ottanta chilometri e va da Patti a Tusa, sulla costa tirrenica.
“Quello dell’erosione delle spiagge del Messinese - spiega il presidente Musumeci - è un tema che coinvolge molti enti locali, sul quale, però, si è sempre intervenuto solo con singoli provvedimenti tampone dettati dall’emergenza. E’ emersa, quindi, la necessità di un’unica visione strategica che veda la Regione come organismo sovra-comunale per fare sintesi dei vari progetti di ripascimento presentati. Per questo ringrazio Maurizio Croce per avere creduto in questo progetto sperimentale”.
In questa prima fase, il contratto prevede che venga sviluppata una progettualità complessiva, integrando azioni fra loro diverse, e promosse da soggetti differenti, in un'ottica di riqualificazione complessiva. Inoltre, sarà possibile agire in modo unitario per il risanamento delle condizioni territoriali adeguate alla prevenzione del rischio idraulico e di dissesto idrogeologico nonché alla ricostruzione ecosistemica. La dotazione finanziaria è di 34,5 milioni di euro ed è garantita dalle risorse del Fondo di sviluppo e coesione, già assegnate ad alcune Comuni, e dal ‘Patto per la Sicilia’. Il progetto generale sarà predisposto entro 4 mesi e verrà coordinato dagli uffici del Commissario per il rischio idrogeologico.
“In una Regione come la Sicilia, dove la risorsa mare rappresenta il volano per il rilancio del turismo - continua il governatore - lo strumento del ‘contratto di costa’ ha la valenza di un accordo che mette allo stesso tavolo le Istituzioni per definire e pianificare le strategie da condividere sul tema dell’acqua come elemento di sviluppo del territorio e della fascia costiera. Cercheremo, nel prossimo futuro, di coinvolgere altri soggetti quali gli Enti Parco, i gestori delle Riserve Naturali, i Gal, i Consorzi di Bonifica e le Soprintendenze affinché al turismo balneare possa essere associato un turismo biologico, naturalistico e culturale attraverso una promozione delle eccellenze del nostro entroterra, del nostro paesaggio e dei nostri luoghi e testimonianze da raccontare”.

NOTA DEL DIRETTORE DI EOLIENEWS - Sin qui il comunicato stampa della Regione. Logico chiedersi, visto che si tratta di Comuni del Messinese, come mai non sono coinvolte le Eolie, dove il fenomeno dell'erosione c'è ed è anche più che evidente. Alla Regione sapranno sicuramente delle nostre problematiche. Ci saranno dei nostri progetti di ripascimento, oppure no? Ed allora? Vi sarà un "contratto di costa" a parte? Magari quando non ci saranno più soldi? 
Le amministrazioni isolane, quella di Lipari in particolare, intende farsi sentire o è stata già sentita?. Ci piacerebbe saperlo. 

In memoria di Maria Tindara (di Caterina Conti)

Solo ieri ho saputo della morte di Maria Tindara e mi sono resa conto che non è una morte che possa passare sotto silenzio.
Suo marito e Lei hanno aperto la prima attività di ristorazione e di ospitalità a Vulcano Piano, tanti tanti anni fà.
Lo hanno fatto con grande professionalità e correttezza ed hanno continuato per anni ed anni sino a tutt'oggi.
Chi pensava a Lei pensava ad una persona indistruttibile che ha lavorato tutta la vita sempre in maniera immutabile.
E' stata con i suoi grande lavoratrice e ognuno di noi pensava che sarebbe stata sempre là al suo posto quasi immortale.
Era anche una grande amica e tutti Le abbiamo voluto bene.
Sono sicura che il figlio, la nuora ed i nipoti continueranno con la stessa impostazione.
A loro ed ai familiari tutti facciamo le più sentie ed affettuose condoglianze.
Con grande affetto un Abbraccio.
Caterina Conti e famiglia.

Nasce blog dedicato alla gastronomia eoliana

Nasce il primo blog (http://www.saporieolie.it)  interamente dedicato alla gastronomia eoliana: i prodotti tipici, le preparazioni culinarie, le specialità e i vini di questo meraviglioso arcipelago trovano finalmente una vetrina virtuale che permetta loro di ottenere la meritata visibilità.
Il progetto si pone come obiettivo la valorizzazione del territorio e delle sue tradizioni, oltreché la promozione dei prodotti tipici delle isole dell’arcipelago.
A curare il blog dedicato alla gastronomia eoliana è la giornalista e web content editor campana Brunella Farina, che si è trasferita sull’isola di Vulcano per amore di un isolano. “Il nostro proposito – afferma la blogger – è di mettere a disposizione dei lettori tutta una serie di informazioni dettagliate e di curiosità relative alla cucina eoliana. Non escludiamo d’altra parte di realizzare in futuro dei food fotocontest, dei food storytelling e degli eventi-incontri in cui produttori, ristoratori o semplici appassionati di gastronomia eoliana possano confrontarsi per realizzare insieme nuovi progetti”.

Sicilia, la società regionale che aumenta l’organico del 1.000 per cento

Il ragionier Roberto Piemonte ci segnala questo articolo:
In Sicilia c'è un'azienda che sta per moltiplicare per 10 in un colpo solo il proprio organico, stracciando le storie di maggior successo della Silicon Valley. Palermo però non è Cupertino, e il botto non arriva da un'invenzione geniale ma dalla Finanziaria regionale approvata ieri. La storia riguarda la Resais Spa, una società della Regione Sicilia che oggi conta 284 dipendenti e assumerà in blocco quasi 2.900 persone: grazie a poche righe in una legge che indirizza altri 13mila precari verso il posto fisso nei Comuni, dove già si è battuto ogni record in fatto di dipendenti pubblici.

La maratona
Finanziaria regionale e precari sono da sempre un binomio inscindibile in Sicilia, ma la maratona che quest'anno ha costretto l'Assemblea regionale a saltare il ponte fra 25 aprile e 1° maggio batte ogni primato. La corsa ha impegnato per tutto il fine settimana i “deputati”, così si chiamano a Palermo i consiglieri regionali, per arrivare in tempo alla mezzanotte di ieri, quando sono scaduti i termini dell'esercizio provvisorio: senza bilancio approvato, la carrozza del consiglio regionale si sarebbe trasformata nella zucca di un'Assemblea in scioglimento. L'urgenza non ha permesso nemmeno una sosta per vedere la sfida scudetto Inter-Juventus di sabato sera, provocando uno scontro fra il presidente dell'Ars Gianfranco Micciché che aveva deciso la sospensione e il governatore Nello Musumeci che ha imposto di evitarla. E soprattutto non ha consentito di andare tanto per il sottile sulle norme di spesa. Ma i numeri dicono tutto.

Un’azienda solo per il personale
Poco meno di 2.900 persone entreranno negli organici della Resais Spa. Ma che cosa fa la Resais? Gestisce personale. Già, perché la società serve allo scopo specifico di assorbire i dipendenti degli enti regionali che nel tempo sono stati sciolti: nel bacino sono finiti via via l'Azienda asfalti siciliani (Azasi), che fedele al suo nome doveva sviluppare «la ricerca, la trasformazione e il consumo degli asfalti siciliani» ed è stata chiusa nel 2002, l'Ente siciliano per la promozione industriale (Espi), in liquidazione dal 1999, e l'Ente minerario siciliano (Ems), chiuso nello stesso anno. Ma ora sulla Resais, che nell'ultimo bilancio dichiara un «valore della produzione» da 25,2 milioni composto per il 98,6% dai contributi della Regione, piove un'eredità fuori misura.I quasi 2.900 dipendenti in arrivo sono i cosiddetti ex Pip, persone imbarcate fin dal 1999 in un piano di «inserimento professionale» che avrebbe dovuto gestire l'«emergenza Palermo» con un progetto che però è presto naufragato. I diretti interessati sono stati utilizzati qua e là per esigenze varie della pubblica amministrazione, e poi abbandonati a loro stessi con un sussidio: e con il più classico dei ricatti con cui molta politica siciliana ha tenuto legate migliaia di persone a una Pa senza soldi, promettendo il posto fisso in cambio di consenso. Ora il posto fisso arriva, con una finanziaria targata centrodestra che però porta al traguardo un progetto nato vent’anni fa con il centro-sinistra e a lungo al centro dell’agenda anche della vecchia giunta Crocetta.

I precari dei Comuni
Lo stesso posto fisso, con un altro articolo della finanziaria, è in arrivo anche per 13mila precari degli enti locali. In questo caso le regole sono quelle dell'Italia a Statuto ordinario, perché è la riforma Madia a permettere alla Pubblica amministrazione di stabilizzare i precari con almeno tre anni di anzianità negli ultimi otto. Ma ancora le cifre fanno dell'Isola una terra da primato: nel resto del Paese l'Associazione nazionale dei Comuni stima circa 20mila stabilizzazioni in tre anni, mentre nella sola Sicilia, dove vive l'8,3% degli italiani, si arriva a contarne 13mila. Anche questo dato è il frutto di una storia bipartisan, che fino a quando è stato possibile ha gonfiato gli organici (in Sicilia, dice la Corte dei conti, il rapporto numerico fra dipendenti comunali e popolazione supera del 45% la media nazionale) e poi ha fatto esondare le liste dei precari da qualsiasi bacino gestibile in modo ordinato. Anche l'eccesso di spesa rigida per il personale ha alimentato l'epidemia siciliana dei dissesti comunali (il 24,6% dei Comuni dell'Isola è stato colpito dal default o è in pre-dissesto, contro il 5,6% della media nazionale), ma un aiuto può arrivare ancora una volta dalla nuova finanziaria: i fondi regionali ai sindaci saranno distribuiti solo in base alla spesa storica e popolazione, con tanti saluti ai parametri standard che si stanno facendo largo nelle regole nazionali.

Lettera aperta al dott. Sirna dalla dottoressa Annarita Gugliotta


Preg.mo Dr. Sirna
La presente in primis nella qualità di zia, in seconda istanza di laureata che annualmente si cimenta in concorsi pubblici ed infine di Consigliere Comunale di Lipari nonché sottoscrittrice di un ricorso presentato al Presidente della Regione avverso il decreto del marzo 2017 di rimodulazione della rete ospedaliera nella Regione Sicilia, in considerazione delle sue dichiarazione rilasciate giorni or sono al Direttore di un giornale online locale.
Innanzitutto considero inqualificabile oltreché inaccettabile l’aggettivo con il quale Lei si è permesso di definire i bambini che necessitano di cure speciali fin dalla loro nascita, sono convinta che le sue scuse sarebbero gradite da tutte le famiglie che giornalmente con immenso amore donano ai propri figli, nipoti o amici tutte le attenzioni di cui hanno bisogno.
In merito alla riapertura del punto nascita mi preme sottolinearle che altre realtà disagiate come la nostra, vedi Pantelleria- Bronte-  Licata, hanno ottenuto apposita deroga ai 500 parti annui e la conseguente riapertura del Punto Nascita, ovviamente nel rispetto degli standard di sicurezza e  garantendo al nascituro e alla gestante un’adeguata assistenza, in fondo come è avvenuto a Lipari per oltre 30 anni.
Non mi conforta che in centinaia di Comuni non si nasca più , né la trovo una giustificazione per accettare l’attuale chiusura del nostro Punto Nascita , anzi mi rattrista profondamente, significa che centinaia di famiglie sono costrette a vivere un evento gioioso come la nascita di un figlio lontano dai propri cari ed affrontando ingenti spese, mi chiedo chi non ha la possibilità di fronteggiare nell’immediato tali costi a chi debba affidarsi. 
Sui 300 telegrammi inoltrati per reperire un cardiologo in pianta stabile nel nostro presidio, in aggiunta all’unico che presta servizio, Le porto il modesto esempio di giovani come me che partecipano a concorsi pubblici con obbligo di permanere nella regione di prima destinazione almeno cinque anni. Insomma sei vincitore di concorso per Lipari, con ordine di servizio vieni destinato a Lipari, in caso di rifiuto si procede con il secondo in graduatoria o con una nuova selezione .
Inoltre Le chiarisco che la necessità di un altro cardiologo non si presenta soltanto nel periodo estivo ma tutto l’anno, perché il riconoscimento del diritto alla salute degli eoliani non può di certo limitarsi soltanto a quattro mesi.
Occorre garantire nel territorio eoliano una rete assistenziale integrata efficace 365 giorni l’anno ed un presidio ospedaliero perfettamente efficiente, in grado di fronteggiare sia le situazioni di urgenza – emergenza sia l’assistenza sanitaria di base.
Colgo l’occasione per ringraziare sempre gli operatori del nostro nosocomio, che con grande spirito di abnegazione cercano di offrire il miglior servizio rispetto alle risorse che hanno a disposizione.

Altre considerazioni sorgono immediate ma le demando agli atti ufficiali e alle sedi opportune, ove ho sempre dato il mio personale contributo come Consigliere Comunale e come Cittadina Eoliana che giornalmente, con imprevisti vari, si confronta con la  realtà di essere nata a Lipari e di volerci vivere possibilmente in salute , Isola e Madre  di uomini e donne  valorosi abituati a battaglie per ottenere anche i più basilari diritti.

Annarita Gugliotta

Perchè non sono stati appaltati i lavori per il pontile di Ginostra?. Riccardo Lo Schiavo "torna alla carica"

prof. Riccardo Lo Schiavo 
Delegato Generale Ginostra-Stromboli 
Ginostra, 03/05/2018 
Sig. Sindaco Comune di Lipari
e p.c. dott. Angelo Borrelli
Capo Dip. Protezione Civile
S.E. Prefetto di Messina

Oggetto: pontile di Ginostra – isola di Stromboli
Egregio sig. Sindaco,
facendo seguito a precedenti note di pari oggetto, sono costretto a rinnovare ancora una volta la richiesta di conoscere i motivi per cui “lavori di manutenzione straordinaria e miglioramento tecnico” del pontile di GINOSTRA, finanziati per un importo di ben 880.000,00 euro - di cui all’ordinanza n. 0094 del 13/06/2013 del Dipartimento di Protezione Civile - non sono stati neanche appaltati; sembrerebbe anzi che, a distanza di 5 anni, non sia stato neppure concluso l’iter di approvazione del relativo progetto.
Poiché tutte le rassicurazioni e le informazioni relative alla questione, acquisite in maniera ufficiosa, informale o a mezzo stampa, si sono rivelate INFONDATE e contraddittorie, Le chiedo di volere dare riscontro scritto ed ufficiale a quanto richiesto.
Medesima istanza Le era stata formulata dalla Prefettura di Messina con note del 26/11/2014, 20/02/2015, 11/01/2016 e del 09/03/2018, ad oggi anche esse presumibilmente “non riscontrate”!
Ritengo infine opportuno ricordare sempre che dalla piena funzionalità di quell’infrastruttura dipendono la vivibilità e la sicurezza della comunità e che ulteriori ritardi potrebbero avere conseguenze “devastanti”.
Cordiali saluti.
prof. Riccardo Lo Schiavo
(Delegato Marevivo)
E' stata smarrita oggi a Lipari centro o a Canneto una catenina d'oro. Trattasi di un importantissimo ricordo per il proprietario. Chi l'ha ritrovata e intende restituirla contatti il nostro direttore al 3395798235

I nostri auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Stefania Cozzo, Rossella Natoli, Francesca Natoli, Simone Casale, Giovanni Cipicchia, Francesca Mella, Antonella Merlino, Gaetano Beninato, Irene Halas

Assessore De Luca convoca riunione con associazioni per programmazione iniziative culturali, eventi e manifestazioni


COMUNE DI LIPARI
ASSESSORATO CULTURA, BENI CULTURALI E POLITICHE GIOVANILI
PROVINCIA DI MESSINA
“Eolie, patrimonio dell’umanità”
  
COMUNICATO  STAMPA
  
Si invitano tutte le Associazioni
VENERDI’ 4 MAGGIO 2018 alle ore 15:30
presso il Palazzo Municipale (Piazza Mazzini)
a  una riunione per programmare l’organizzazione di iniziative culturali, eventi e manifestazioni.
Si ringrazia anticipatamente per la collaborazione e si raccomanda di non mancare.
Lipari, 30/04/2018

L’Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili
Tiziana De Luca

Come erano le Eolie e gli eoliani

Nelle foto di oggi:
Canneto: Calandra e Sparanello
Canneto: Quando ci si imbarcava e si sbarcava con il rollo
Franco Scoglio il giorno della laurea

L'esplorazione dello spazio extraterrestre. Oggi conferenza dell'ingegner Iacono al Circolo eoliano pensionati

Guardia Costiera soccorre barca a vela con sette persone a bordo

Una barca a vela, con sette persone a bordo di nazionalitá austriaca, in navigazione nell'arcipelago, in difficoltà per il forte vento, è stata soccorsa nella notte, nel mare in tempesta, dalla Guardia costiera di Lipari. Il natante è stato ormeggiato presso il porto di Pignataro. I turisti austriaci, nonostante i momenti di apprensione per il forte vento ed il mare mosso, sono in buone condizioni di salute.

Sabato presentazione "Linee guida Piano Territoriale Strategico del Biodistretto dei Nebrodi

Sabato 05.05.2018 ore 09:00, presso la foresteria di Villa Piccolo a Capo d’Orlando, verranno presentate le “Linee Guida per il Piano Territoriale Strategico del Biodistretto dei Nebrodi”.
L’iniziativa è promossa dal Gal Nebrodi Plus, dal Comune di Mirto e dall’Associazione Città del Bio. Il documento è già stato presentato in esclusiva a Firenze, presso Fortezza dal Basso, in occasione della manifestazione “Firenze Bio” svoltasi lo scorso Marzo suscitando notevole interesse e ampio apprezzamento.
“Le Linee Guida per il Piano Territoriale Strategico del Biodistretto dei Nebrodi rappresentano un documento valido ad orientare ed approfondire strategie ed azioni per la valorizzazione delle nostre produzioni e dei nostri produttori di eccellenza territoriali - dichiara il Presidente del Gal Nebrodi Plus, Francesco Calanna - consapevoli che però la valorizzazione di queste eccellenze non può prescindere dalla riqualificazione territoriale, dalla qualità dell’ambiente, del paesaggio e dalla sostenibilità, anche economica, dei luoghi che per troppo tempo i Nebrodi hanno trascurato. Occorre- continua Calanna- intraprendere un percorso di pianificazione realmente strategica dei nostri territori, una pianificazione innovativa che abbandoni le vecchie logiche utilitaristiche e invece metta al centro la relazione tra l’uomo e il territorio, tra le produzioni ed i luoghi, tra il commercio e il mercato di approvvigionamento, tra le infrastrutture materiali e immateriali, sia sul piano locale tanto quanto quello globale. Siamo convinti - conclude Calanna - che il Biodistretto dei Nebrodi e la pianificazione strategica da esso derivante possano essere notevolmente d’ausilio per una crescita più equilibrata del nostro territorio”.

IL PRESIDENTE GAL NEBRODI PLUS
FRANCESCO CALANNA

Oggi è il 3 Maggio. Buongiorno con questa foto di Loredana Pinto con i Santi e le venerazioni di oggi

Tramonta il sole sulle Eolie - 
Santo del giorno: Santi Filippo e Giacomo (Apostoli)
Altri santi e venerazioni del 03 maggio:- Sant' Ansfrido di Utrecht
Vescovo e confessore

- San Conlaedo
Vescovo di Kildare

- Beato Edoardo Giuseppe Rosaz
Vescovo

- Beata Emilia Bicchieri
Domenicana

- Santi Evenzio, Alessandro e Teodulo
Martiri

- San Giovenale di Narni
Vescovo

- Beata Maria Leonia Paradis
Fondatrice

- San Stanislao Kazimierczyk
Sacerdote

- San Teodosio di Pecersk

- Santi Timoteo e Maura
Sposi e martiri

- Santa Viola
Vergine e martire

mercoledì 2 maggio 2018

Giunta Giorgianni delibera concessione per lavori di "Riqualificazione ambientale e recupero igienico sanitario del Cimitero di Lipari". Saranno realizzati 400 loculi

Via libera con la delibera (n.38 dello scorso 30 Aprile) della giunta Giorgianni alla concessione per l'esecuzione dei lavori di "Riqualificazione ambientale e recupero igienico sanitario del Cimitero di Lipari" attraverso la realizzazione di circa 400 loculi e circa 65 colombaie, la gestione delle opere realizzate e dei relativi servizi cimiteriali.
La giunta municipale ha anche confermato la pubblica utilità, approvato lo schema di convenzione, dichiarando la delibera "immediatamente esecutiva" stante l'urgenza - emergenza che si ha nel principale cimitero dell'isola per via della saturazione dei posti disponibili per i cittadini defunti. Si tratta dell'ultimo passo prima del via ai lavori che dovrebbe avvenire a breve. A fine febbraio la giunta Giorgianni aveva provveduto a nominare il RUP, nella persona del geometra Carmelo Meduri.
I lavori saranno realizzati con project financing dalla ditta di Angelino Biviano, la quale dovrà provvedere alla gestione delle opere realizzate per quindici anni.
Si sblocca così definitivamente una situazione che tra controversie, atti giudiziari ed extragiudiziari si trascina ormai da oltre tredici anni.

Come eravamo. Due foto : Marina Corta 1928 e Canneto Calandra 1968


Palazzo dei Leoni, seminario su "Il regolamento europeo sulla privacy"

Si svolgerà venerdì 4 maggio 2018, dalle ore 9.00 alle ore 16.00, presso il Salone degli Specchi di Palazzo dei Leoni, il seminario sul tema "Il regolamento europeo sulla privacy".
La giornata sarà aperta dai saluti del Sindaco Metropolitano, prof. Renato Accorinti, ad introdurre e moderare l'incontro sarà il Segretario Generale e Responsabile della Prevenzione della Corruzione della Città Metropolitana di Messina, avv. Maria Angela Caponetti; i lavori saranno svolti dal dott. Fabiano Santo, relatore esperto in materia di trasparenza amministrativa, prevenzione, corruzione e privacy.
Nel pomeriggio saranno svolte esercitazioni sugli argomenti oggetto del meeting.
Il seminario di formazione è riservato al Responsabile della transizione alla modalità operativa digitale, ai Dirigenti, ai Responsabili dei Servizi, ai componenti del gruppo di lavoro di supporto del Responsabile protezione dati (R.P.D.), al servizio Urp e Trasparenza ed ai referenti protezione dati dei Servizi.

Assessore De Luca: "Amministrazione prende distanze da quanto dichiarato da dottor Sirna"


COMUNICATO STAMPA


In riscontro a quanto appreso a mezzo stampa in merito alle dichiarazioni apparse nei media locali, diffusi altresì dai blog e social del territorio, da parte del Direttore Asp Messina 5 Dott. Gaetano Sirna, l’Amministrazione prende le distanze da quanto dallo stesso dichiarato.

Queste ultime risultano non compatibili con le azioni intraprese dall’Ente che, attraverso il Consiglio Comunale con documento unanime da parte di tutti i Consiglieri Comunali e condiviso e diffuso dall’Amministrazione, ha esplicitato in maniera chiara e decisa a chi di competenza una serie di criticità ed avanzato specifiche richieste per superare le enormi problematiche riscontrate ormai da tempo sulla Sanità Eoliana a difesa dei propri cittadini e dei numerosi visitatori del nostro comprensorio e a garanzia del Diritto alla Salute e di un efficace ed adeguato servizio a sostegno di questo.

Lipari, 02.05.2018
Tiziana De Luca
(Assessore ai Servizi Socio Sanitari e solidarietà)

Parco giochi "Diana" chiuso per interventi di diserbamento

A V V I S O 
SI AVVISANO I VISITATORI E GLI UTENTI, CHE PER DOVUTI INTERVENTI DI DISERBAMENTO, IL PARCO GIOCHI DIANA RIMARRA’ CHIUSO FINO AL COMPLETAMENTO DEI LAVORI 
 L’ Assessore ai Servizi Sociali (Dott.ssa Tiziana De Luca)

E' deceduto in Australia, Giuseppe Casamento. Messa in suffragio a Lipari

Canneto. Ore 11 e 30. Rifiuti in "bella mostra" ovunque, anche in diversi cassonetti

Che succede?

I nostri auguri ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Marina Addamo, Andrea Godel, Vanessa Savoni, Tony Saltalamacchia, Giulio Biviano, Moira Casella, Lucia Cincotta, Giuseppe Natoli, Giuseppe Mosca, Ciccino Lo Balbo
Compie 59 anni, Simona Natoli, Giorgio Saltalamacchia, Elena De Gregorio, Alina D'Amodio, Antonino Saltalamacchia

Le Eolie nelle stampe d'epoca (LII° puntata). Lipari


Unità organizzativa preposta al controllo di gestione. E' stata istituita? (di Angelo Sidoti)

(di Angelo Sidoti) Prendendo spunto dalla ultima relazione del Responsabile del Settore Finanziario del Comune di Lipari avente per oggetto il “controllo sugli equilibri finanziari”, ho approfondito la lettura del “Regolamento per la disciplina del sistema integrato dei controlli interni” giusta delibera dell’11/10/2013 n.56, dallo stesso richiamato in premessa.
Le finalità di questo regolamento sono ben chiare a tutti: “garantire legittimità, regolarità e correttezza all’azione amministrativa”.
Dopo la lettura del Regolamento ritengo, sia opportuno approfondire alcuni aspetti:
1)    Approvazione dell’emendamento del 11/10/2013 allegato alla stessa delibera comunale;
2)  Aggiornamenti da apportare rispetto a regolamenti approvati da altri Comuni. Ad esempio: capitolo totalmente assente “controllo sulle società partecipate”;
3)    Titolo V Il Controllo di Gestione.
Al momento vorrei soffermarmi solo sul terzo punto, in quanto argomento già trattato in anni precedenti.
A tal proposito l’art.13 del Regolamento per la disciplina del sistema integrato dei controlli interni recita:“nell’ambito del settore finanziario del Comune è istituita una unità organizzativa preposta al controllo di gestione…….”.
Prima domanda: Il Comune di Lipari ha istituito questa unità organizzativa?
Se la risposta è affermativa: E’ stato redatto “il Referto conclusivo” richiamato nell’art.16 – Sistemi di Rendicontazione e previsto ai sensi dell’art.198 bis del TUEL?
In un articolo del Novembre 2013, mettevo in evidenza alcuni rilievi mossi dall’Organo di Revisione in occasione dell'approvazione dei rendiconti 2011 e 2012:
-      Approvazione Rendiconto anno 2011 “La struttura operativa a cui è stato affidato il controllo di gestione non ha presentato, da quello che risulta a quest’organo di revisione, ai sensi dell’articolo 198 del TUEL n.267/2000, le conclusioni del proprio operato”.
-      Approvazione Rendiconto anno 2012 “All’organo di revisione non risulta alcun adempimento di cui all’articolo 198 del TUEL”.

Dalla lettura dell’ultima relazione rilasciata dall’attuale Organo di Revisione sul rendiconto del 2016, non ho rilevato alcun rilievo in merito. Possiamo ritenere, pertanto, che il Referto sul Controllo di Gestione è stato redatto? Se la risposta è affermativa: qual’è il suo contenuto?

Oggi è il 2 Maggio. Buongiorno con questa foto di Camillo Latto con i Santi e le venerazioni di oggi

Alba ad Acquacalda - 
Santo del giorno : Sant'Atanasio
Vescovo e Dottore della Chiesa - 

Altri santi e venerazioni del 02 maggio:

- Sant' Antonino Pierozzi (di Firenze)
Vescovo

- Beato Boleslao (Boselao) Strzelecki
Sacerdote e martire

- Santi Espero, Zoe, Ciriaco e Teodulo
Martiri di Attalia

- San Felice di Siviglia
Martire

- San Giuseppe Maria Rubio Peralta
Gesuita, fondatore

- San Giuseppe Nguyen Van Luu
Martire

- Beato Guglielmo Tirry

- Beato Nicola Hermansson
Vescovo

- San Valdeberto
Abate di Luxeuil

- Santi Vendemiale, Fiorenzo, Eugenia e Longino
Martiri

- Santa Viborada (o Wiborada)
Vergine e martire di San Gallo

- Santa Flaminia
Martire in Nicomedia