Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 2 agosto 2008

UN’AMBULANZA A PANAREA E’ FORSE UN SOGNO IMPOSSIBILE? (DA AMAPANAREA)

(Pina Cincotta-Amapanarea) Ho saputo che le Istituzioni non hanno i soldi per dotare di un’ambulanza la Guardia medica di Panarea. Come ricorderete, nei giorni scorsi Amapanarea aveva denunciato il fatto che gli ammalati a Panarea (e purtroppo anche i morti) non vengono trasportati da un’ambulanza come nei paesi civili ma, peggio che nel terzo mondo, vengono gettati sul pianale di un motocarro con motore a scoppio, lo stesso usato per trasportare il cemento e materiale vario. Il nostro grido di allarme è stato riportato da tutte le agenzie (Ansa, AdnKronos, Agi ecc.) e dalla stampa nazionale e locale.Amapanarea si è mossa per cercare di ridare l’assistenza e la dignità che la popolazione e i turisti di Panarea meritano. Ma come ho detto prima, ci hanno risposto che non ci sono i soldi, neanche per riparare quella che la Protezione Civile ci aveva donato.Allora, lancio un appello a tutte le Istituzioni, agli Enti e anche ai privati affinché si adoperino a far sì che Panarea sia fornita di una piccola ambulanza elettrica.Se nessuno ci dovesse fornire questo indispensabile mezzo, noi di Amapanarea abbiamo già pensato ad un’alternativa: faremo una colletta per acquistare un caratteristico carretto siciliano trainato dal suo asinello.

Valentino..uno di noi

Nel terzo anniversario della tragica e prematura scomparsa di Valentino Abbate, il giovane liparese deceduto all'alba del primo agosto del 2005 a seguito di un incidente stradale, genitori, parenti, amici, amministratori locali, i vertici dell'istituto comprensivo Lipari 1 e di Sviluppo Eolie, si sono ritrovati ieri sera al Centro parrocchiale di Canneto per tenere forte e vivo il ricordo di Valentino e per continuare in un percorso intrapreso e che si sviluppa attraverso il “Centro risorse “Valentino uno di noi”. Un punto di riferimento contro la dispersione scolastica e il disagio giovanile che si cerca di contrastare coinvolgendo i giovani nella frequentazione dei vari laboratori. Il terzo anniversario della tragica scomparsa di Valentino ha rappresentato anche l'occasione per la consegna al dirigente scolastico del Lipari 1 Renato Candia della targa che da ieri in poi consentirà di individuare in modo chiaro ed inequivocabile la sede del “Centro risorse-Valentino uno di noi” ubicata nel plesso scolastico Galileo Galilei di Canneto. La targa è stata donata dalla Società Sviluppo Eolie rappresentata nell'occasione dal suo presidente Alessandro Seminara.

Consegnate le "5 vele" ai comuni di Salina

Consegnato ai tre comuni dell’isola di Salina (Leni, Malfa e S. Marina Salina) il riconoscimento delle “5 vele”. Mercoledì scorso, infatti, il veliero Delphin (ex peschereccio-spia tedesco, costruito nel 1940) di “Goletta Verde” è approdato nel porto di Rinella, frazione di Leni per "portare" ai tre sindaci l'ambito riconoscimento. “Goletta Verde”, ricordiamo, è la storica campagna di “Legambiente” per il monitoraggio, l’informazione e la sensibilizzazione sullo stato di salute del mare e delle coste, realizzata con la collaborazione, tra gli altri, del Ministero dell’Ambiente e tutela del territorio e del mare. Le “5 Vele” vengono assegnate ogni anno da “Legambiente” alle località più belle che hanno saputo sviluppare una corretta gestione del territorio e un turismo attento alla tutela dell’ambiente. L’isola di Salina, nella graduatoria finale, che premia solo dieci località, si è classificata all’ottavo posto. “Dopo quattro anni – ci ha detto Antonio Podetti, sindaco di Leni – questa è davvero una grande soddisfazione. Se Salina ha ottenuto un riconoscimento tanto prestigioso, vuol dire che le tre amministrazioni comunali hanno lavorato davvero bene . Avere ottenuto le ‘5 Vele’ paga gli sforzi fatti dai sindaci per salvaguardare il territorio”. In serata ci si è spostati a Lingua, frazione di S. Marina, ed i rappresentanti della “Guida Blu di Legambiente” e “Touring Club Italiano”, è stato assegnato il massimo riconoscimento ai tre sindaci di Salina. Un premio guadagnato grazie alle politiche di attenzione all’ambiente, rappresentando un esempio emblematico di sviluppo e turismo sostenibili. Non a caso, infatti, Salina vanta acque cristalline e fondali particolarmente ricchi di vita. L’isola più verde delle Eolie, quindi, sembra davvero lontana dal subire l’onta della bandiera nera, “riconoscimento” che smaschera coloro i quali si sono contraddistinti per attacchi o danni all’ambiente marino e costiero. Un attestato di qualità per tutto l’ecosistema dell’isola davvero unico e importante. “I nostri centri minori – ha commentato Salvatore Granata, Segretario regionale Legambiente Sicilia – sono i luoghi in cui il globale si traduce in agire locale, dove è possibile mettere in pratica politiche di tutela dell’ambiente e sviluppo eco-compatibile. Che nel caso di Salina sono sostenute anche grazie alla presenza di una Riserva naturale orientata”. “Oltre al monitoraggio e all’informazione sullo stato di salute del mare – ha aggiunto Rina Guadagnini, portavoce di “Goletta Verde” –, è importante promuovere un equilibrio tra i due ecosistemi marino e costiero. Equilibrio che è stato brillantemente raggiunto dall’isola di Salina, anche grazie alla corretta gestione del ciclo dei rifiuti. L’impegno delle tre amministrazioni viene oggi premiato con le ‘5 Vele’, a riconoscimento di politiche volte a tutelare e valorizzare un ambiente che si è cercato di rendere fruibile anche alle persone diversamente abili. Un impegno che dovrebbe essere di tutti ”.

Marina Corta e la messa in sicurezza: La Greca scrive al sindaco Bruno

Una missiva sui "lavori di messa in sicurezza di Marina Corta" è stata inviata dal dottor Pino La Greca al sindaco di Lipari.
Il testo:
"Signor sindaco,
mi rivolgo a Lei non avendo un assessore alla portualità nella sua amministrazione al quale rivolgere eventuali domande ed ottenere, in risposta, un qualche riscontro, per chiederLe alcune notizie in merito all'attuale stato dei lavori di messa in sicurezza di Porto di Marina Corta.
Prendendo atto dell'attuale situazione di conflitto aperto tra l'Amministrazione e l'Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari in merito alla querelle barconi, numerosi operatori commerciali di Marina Corta mi hanno chiesto di sollecitarLa perchè al più presto si chiarisca la vicenda lavori di messa in sicurezza del lato sud della banchina per evitare, anche nel prossimo anno, di dover assistere allo spettacolo odierno.
Se Lei non è in grado di seguire tutte le problematiche che attualmente investono l'amministrazione forse è il caso di dare la delega ai porti ad un assessore poco impegnato, evitando di incaricare dei singoli consiglieri comunali che non hanno un ruolo amministrativo assicurato dalla normativa di legge, per tentare di risolvere i problemi legati al sequestro del cantiere e di riprendere subito dopo l'estate i lavori e concluderli entro in maggio 2009 per togliere ai comandante ed alle compagnie private che operano tra la Sicilia e la Calabria con le nostre isole ogni alibi legato alla sicurezza dell'accosto.
Dott. Giuseppe La Greca

Stromboli: Turista svizzero tenta suicidio, salvato dalla

(Peppe Paino) Un turista svizzero ha tentato il suicidio in una camera d’albergo nell’isola di Stromboli, ingerendo una massiccia quantità di farmaci ma l’arrivo della compagna gli ha salvato la vita. Protagonista della vicenda , T.W. 37 anni , trovato dalla fidanzata, rientrata in camera, in stato confusionale. Immediato l’intervento dei sanitari della Guardia Medica che hanno scongiurato possibili conseguenze per l’insano gesto.

Ama le Eolie porta la "questione Siremar" in Procura a Barcellona

Un esposto è stato presentato dall'ing. Emanuele Carnevale, presidente dell'Associazione Ama le Eolie, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Barcellona. Riguarda la delicatissima problematica dei trasporti Siremar.
Il testo:
Il sottoscritto Ing. Emanuele Carnevale, nella qualità di Presidente della Libera Associazione Imprenditori “Ama le Eolie”, a seguito delle innumerevoli difficoltà in cui versa il settore dei trasporti marittimi nelle isole Eolie, con la presente nota espone e chiede quanto segue:
Premesso
che la predetta Associazione è costituita da Imprenditori, che operano a vario titolo e da diversi anni, nell’Arcipelago Eoliano;
che lo svolgimento ed il frutto dell’attività da essi svolta è profondamente condizionato dai problemi che da sempre affliggono l’economia e lo sviluppo sociale e turistico dell’Arcipelago;
che tali problemi, non affrontati mai strutturalmente, si amplificano con l’avvento della stagione turistica, dal cui andamento dipende la sopravvivenza stessa di alcune realtà imprenditoriali;
che la delicata situazione economica, occupazionale e turistica delle Eolie è sempre più fortemente minacciata dalla inefficienza ed inadeguatezza del servizio pubblico di collegamento con la terraferma, svolto per decenni dalla Società “Siremar” (Gruppo Tirrenia) in virtù di convenzione stipulata nel 1991 con lo Stato italiano;
che, alla riduzione dalle sei alle due corse settimanali sulla rotta Napoli - Isole Eolie già disposta da qualche anno, si sono aggiunti, nel corso dell’attuale stagione estiva, tutta una serie di episodi che, oltre a dimostrare - ancora una volta - l’inadeguatezza della Società Siremar a mantenere l’impegno scaturente dalla convenzione statale, hanno influito in misura rilevante sulla continuità e regolarità del servizio pubblico;
che, in particolare, una non meglio precisata avaria sulla motonave Filippo Lippi in servizio nell’arcipelago delle Egadi, ha costretto lo stesso mezzo navale a lavori di cantiere che si protrarranno, quasi sicuramente, sino alla fine del mese di agosto.

Inspiegabilmente è stata rimossa dalle Eolie la MT “ Simone Martini” per destinarla alla sostituzione della MT “ Filippo Lippi “;
la MT Simone martini è stata sostituita a sua volta con la MTV “Isola di Stromboli” annullando di fatto le tre corse giornaliere andata e ritorno Milazzo – Isole Eolie, il tutto all’insaputa degli utenti, con grave disagio e disorientamento per gli stessi;
per tali motivi,la frequenza dei collegamenti marittimi via nave nelle Eolie è rimasta quella del periodo invernale, con conseguenze economiche, sociali e d’immagine disastrose,
sempre su iniziativa della SIREMAR è praticamente impossibile prenotare o staccare biglietti per il trasferimento via nave, di autovetture o automezzi, nei giorni precedenti al viaggio, impedendo una preventiva pianificazione del viaggio necessaria per i viaggiatori con la diretta conseguenza che molti disdicono le proprie prenotazioni per l’incertezza dei collegamenti.
che di tali gravi disservizi non è stata data tempestiva informazione agli utenti, con grave pregiudizio per gli stessi e con gravi ricadute anche sulla programmazione del soggiorno alle Isole e conseguenti danni per gli operatori turistici;
che tali inadempienze e disservizi sono stati più volte denunciati, anche da questa Associazione, al Governo Nazionale e Regionale (come da note che si allegano);
che, nonostante ciò, fino ad oggi non è stato adottato alcun provvedimento per porre riparo alla grave situazione determinatasi e sono rimaste prive di riscontro anche le istanze dirette a conoscere i criteri seguiti nel predisporre la riduzione dei collegamenti e ad ottenere copia di tutta la relativa documentazione;
Ritenuto
che in virtù del vigente quadro normativo:
i servizi di collegamento marittimo con le isole maggiori e minori “debbono assicurare il soddisfacimento delle esigenze connesse con lo sviluppo economico e sociale delle aree interessate, ed in particolare del Mezzogiorno” (art.8 L.n.684/74);
“il numero delle linee, la periodicità dei collegamenti ed il tipo di naviglio debbono essere adeguati a soddisfare le esigenze di mobilità dei cittadini, contribuendo a promuovere lo sviluppo socio-economico di ciascuna isola” (art.3 L.n.169/75);
le Società operanti in regime di convenzione “hanno l’obbligo di assegnare alle linee le navi indicate per ciascuna linea nelle convenzioni” (art.18 D.P.R. n.501/79) e la modifica alle convenzioni o convenzioni aggiuntive sono ammesse solo quando “per esigenze economiche e sociali si ravvisi la necessità di migliorare il servizio” (art.4 L.n.169/75);
le variazioni non meramente temporanee di itinerari, periodicità e velocità di esercizio indicati nelle convenzioni devono essere autorizzate “con le stesse forme previste per la stipula delle convenzioni e con l’intervento delle stesse amministrazioni” (art.34, D.P.R. n.501/79) e, cioè, con il concerto dei Ministri dei Trasporti, del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica, oggi Economia e Finanze, (art.8, co.2 L.n.684/74) e con Decreto Ministeriale da pubblicare sulla G.U.R.I. unitamente al testo delle convenzioni medesime (art.10 L.n.169/75);
eventuali modifiche all’assetto nautico possono avere effetto soltanto “dal 1° gennaio dell’anno successivo” (art.9, co.1, D.L. n.77/89, conv. in L.n.160/89);
i programmi quinquennali di esercizio e le variazioni degli stessi devono essere approvati con decreto del Ministro dei Trasporti di concerto con il Ministro dell’Economia e Finanze, sentite le regioni territorialmente interessate (art.9, co.1, D.L. n.77/89, conv. in L.n.160/89);
che ai sensi degli orientamenti comunitari in materia di aiuti di Stato ai trasporti marittimi "un obbligo di servizio pubblico può essere imposto per garantire servizi regolari verso porti che collegano regioni periferiche della Comunità o rotte poco servite e considerate vitali per lo sviluppo economico delle regioni interessate, nei casi in cui il libero gioco delle forze di mercato non garantirebbe un sufficiente livello del servizio".
che mediante l'imposizione di questi obblighi si mira a garantire il rispetto del principio di continuità territoriale e un livello sufficiente di servizi regolari di trasporto marittimo da e verso le isole minori, in modo da soddisfare le esigenze di sviluppo economico e sociale di queste ultime;
che in ragione di ciò la Commissione della Comunità Europea ha chiaramente affermato che il sistema di sovvenzioni pubbliche ai vettori marittimi può giustificarsi soltanto con riferimento a quelle linee, come quella in questione, in cui il servizio non è adeguatamente svolto da altre imprese private;
che, in ogni caso, secondo la giurisprudenza comunitaria, per aver diritto alla compensazione, gli obblighi di servizio pubblico devono essere fissati in anticipo e con precisione dalle autorità pubbliche senza lasciare all’impresa incaricata del servizio la libertà di determinare il numero delle frequenze da operare ovvero di decidere autonomamente se le convenga o no prestare tale servizio in funzione del mercato.
* * * *
Per tutto quanto sopra premesso e ritenuto, il sottoscritto, nella sopra spiegata qualità,
chiede
che l’Autorità giudiziaria voglia accertare se nel comportamento tenuto dai responsabili della SIREMAR e dagli organi istituzionali preposti al controllo sull’adempimento degli obblighi assunti con la convenzione siano ravvisabili fattispecie penalmente rilevanti, anche sub specie di interruzione di pubblico servizio e, nel caso affermativo, che si proceda nei loro confronti a termini di legge.
Con richiesta di essere informato dell’esito delle indagini.
Lipari (ME), lì 31 luglio 2008
Il Presidente
Ing. Emanuele Carnevale

venerdì 1 agosto 2008

Sondaggio. Porti si, no o.........

Lanciamo un sondaggio fra coloro che ci seguono relativo al nuovo studio di fattibilità sulla portualità integrata dell'isola di Lipari. Potete partecipare al sondaggio scrivendoci alla nostra mail ssarpi@libero.it
Il nome e/o l'indirizzo email non saranno pubblicati e la vostra risposta sarà solo un numero che andrà ad aggiungersi agli altri. E consentito solo un voto per indirizzo email (inizio sondaggio 23/07/08)/ore 21,30) (conclusione 10/08/08)
Il quesito è: Siete favorevoli alla nuova portualità prospettata dalla "Porti di Lipari" per l'isola di Lipari?

Cinque le risposte possibili:
1) Si
2) No
3) Non so
4) Va rivista in larga parte
5) Va rivista in minima parte



Risultati aggiornati alle 19.12 del 10.08.08 (Votanti 219)
Va rivista in larga parte= 126
No = 57
Si = 30
Va rivista in minima parte = 6
Non so = 0



LA BOMBA DEL GIORNO: Certificazione antimafia, problemi di carattere giudiziario e il nuovo servizio RSU integrato non parte

La notizia era nell'aria da almeno un paio di giorni e adesso si è concretizzata. Martedì prossimo non partirà il nuovo servizio per lo spazzamento e la raccolta dei rifiuti solidi urbani integrati nelle Eolie che il 16 luglio scorso il CDA dell'ATO ME 5 aveva provveduto ad affidare provvisoriamente all’ATI Geo Ambiente srl ed Ecolandia di Paladino Maria.
Un "rinvio" a dopo la stagione estiva che non sarebbe da ricercare, comunque, nell'indisponibilità reale della somma che si doveva utilizzare per tale servizio (l'aumento della TARSU disposto dal sindaco non è efficace e quindi mancano buona parte dei fondi). A fronte del "rinvio", e questa è la notizia, vi sarebbero anche dei gravi "problemi" di carattere giudiziario che interesserebbero alcuni soggetti interessati nel servizio e che avrebbero comportato il mancato rilascio della certificazione antimafia.
Oggi l'Ato chiederà alle imprese locali di continuare il servizio che dovevano interrompere. Logico chiedersi a quali condizioni economiche. Sicuramente non è pensabile che le ditte locali accettino di farlo alle condizioni del passato.
Ma per il futuro cosa accadrà? E come paventa qualcuno c'è davvero il rischio che tutta questa situazione porti a crere un debito fuori bilancio?

Lipari: La commissione bilancio predispone emendamento al bilancio

Si è riunita a Lipari la commissione bilancio e finanze in vista del consiglio comunale del 5 agosto dove si tratterà, tra l'altro, il bilancio dell'Ente. La commissione ha approvato un emendamento che, di fatto, riporta la Tarsu a carico dei cittadini a quanto era prima della determina sindacale che aveva determinato un aumento di circa il 62%. Come si ricorderà, il dipartimento delle finanze del ministero dell'economia, chiarendo il quesito che era stato posto dal dirigente del settore ragioneria e finanze del comune di Lipari, dott. Francesco Subba a proposito della determina sindacale che aveva stabilito la modifica della tariffa relativa alla Tarsu, aveva evidenziato come la determinazione sindacale non potesse produrre effetti innanzitutto perchè la stessa non è stata adottata come richiesto dalla norma, prima dell'entrata in vigore del decreto legge in esame e cioè prima el 29 maggio 2008.
A sollevare i primi dubbi sulla compatibilità tra la determina del sindaco Mariano Bruno, che aveva previsto un aumento della TARSU del 62%, e il decreto legge del Governo Berlusconi erano stati i consiglieri comunali Francesco Megna e Gesuele Fonti.

Fabrizio Corona: Le nostre foto all'arrivo a Lipari e al Sealight

Fabrizio Corona è uno dei tanti vip finiti quest'estate nel nostro mirino. Vi proponiamo alcune foto realizzate al suo arrivo ieri a Lipari (quando lo abbiamo intervistato per Tirrenosat) e nel privè del Sealight, la sempre più trend discoteca di Canneto-Lipari che lo ha ospitato.

Brevi dalle Eolie

Ancora un arresto a Panarea. I carabinieri, durante la notte, hanno arrestato Andrea Arrigoni, 35 anni, nativo di Biella ma residente a Palermo. E’ accusato di resistenza a pubblico ufficiale e detenzione di sostanze stupefacenti. E' stato trovato in possesso di 20 gr. di marijuana. Nella sua barca sono stati ritrovati inoltre 4 gr. di hashisc in dosi. Trasferito con una motovedetta dell’arma a Milazzo sarà processato per direttissima.

Domani alle 20 lo scrittore e poeta eoliano Italo Toni presenterà, presso l'azienda agrituristica "Tivoli" a Quattropani, il suo ottavo libro dal titolo "Intreccio eoliano di ricordi, tradizioni e mestieri".

Pianoconte: L'assessore Maggiore scrive al consigliere Biviano "Individuiamo insieme per la frazione uno sport diverso da quelli esistenti

Questo il testo integrale della lettera che l'assessore Giovanni Maggiore ha inviato al consigliere comunale Giacomo Biviano in risposta alla interrogazione del 9.7.2008
"Come Lei ha giustamente sottolineato l’Amministrazione Comunale ed io nella qualità di Assessore allo Sport in un anno di attività ci siamo ampiamente prodigati al fine di dare immediata risposta ai bisogni delle nostre popolazioni nel settore sportivo attraverso una serie di interventi strutturali posti in essere in varie parti del territorio comunale, da Lipari centro (Palazzetto dello sport) a Quattropani, Acquacalda, Vulcano, Stromboli.
Lei ben sa l’amore che io nutro per lo sport che considero la migliore palestra oltre che per il proprio benessere psico-fisico anche, per i più giovani, per una crescita sana ed equilibrata, improntata alla lealtà, alla determinazione, al rispetto dell’altro, alla socializzazione.
Considero altresì lo sport un veicolo di forte attrazione turistica tant’è che mi sto concretamente impegnando, con la spinta propulsiva e la collaborazione della Federazione Italiana di Triathlon, per l’organizzazione stabile nell’isola di Lipari a partire dal 2009, nella domenica successiva alla Pasqua, di una manifestazione sportiva denominata “Half Ironman” alla stregua di quella che si disputa alle Isole Hawaii.
Ciò posto devo dirLe, con onestà intellettuale, che non è possibile prevedere strutture sportive uguali o simili ogni quattro chilometri del territorio poiché ciò oltre a provocare una frammentazione del nostro tessuto sociale determinerebbe costi insostenibili per l’Ente.
Il mio obiettivo è quello di aggregare non quello di dividere.
Io ritengo che anche nel campo dello sport ogni parte del nostro territorio si deve caratterizzare con una propria specificità al fine di calamitare la partecipazione di coloro che sono interessati a quelle inedite discipline sportive e con ciò creando nuove forme di associazione.
Io voglio, anche con il Suo ausilio e la Sua piena collaborazione, individuare per la frazione di Pianoconte uno sport diverso da quelli già esistenti che possa concretamente valorizzare quella importante realtà sociale ed economica. Fatto ciò creeremo l’impianto adequandolo con le strutture più idonee.
Avv. Giovanni Maggiore (Assessore allo Sport)

Le bancarelle della festa di San Cristoforo: "Ma perchè non c'erano?"

Il testo della lettera inviata da Maurizio Zaja all'assessore Corrado Giannò nella quale si fa riferimento ad una precedente risposta del componente dell'amministrazione Bruno.
"Gentile sig. Giannò, la ringrazio per aver voluto rispondere alla mia mail, anche se noto con disappunto che non ha risposto all'unica domanda posta nella mail: chi ha deciso che non dovevano esserci le bancarelle alla festa di S.Cristoforo? Vorrei precisare che non ho dimenticato di menzionare la maggior pulizia trovata nella frazione, semplicemente non era questo l'oggetto della protesta, ma era un altro; comunque non credo che le spiagge resteranno pulite ancora per molto, visto che più nessuno passa a rimuovere gli scarti lasciati dai turisti che, si spera, aumenteranno sempre più nelle prossime settimane; sono ad attenderla a fine stagione, per vedere in che condizione saranno. Ribadisco che non sono al corrente di chi sia l'artefice della decisione, ma ho sentito solo una serie di voci di popolo, a cui non voglio dar credito finchè non avrò una risposta ufficiale; è comunque innegabile che per chi già occupa, certamente con regolare concessione, il suolo pubblico destinato negli anni scorsi al mercatino, lo stesso sarebbe stato dannoso. Ad ogni modo, nessuno ha parlato di "gravissimo misfatto", nè tanto meno di "pena di morte": la mia voleva solo essere un'osservazione di costume, relativa al graduale abbandono delle nostre tradizioni: per quale motivo ha recepito le mie osservazioni come se fossero un delitto di Stato? Infine, io non posso avere le idee chiare, visto che, come già più volte ripetuto, nessuno mi dice (a me e ovviamente a tutti i Cannetari) come stanno veramente le cose: può essere così gentile da farlo lei? Saluti.
Maurizio Zaja

Capistello: Proteste per un nuovo "pino marittimo...telefonico"

(foto Peppe Paino) La Siemens starebbe per posizionare un nuovo impianto di diffusione per la telefonia mobile a Capistello. Dopo la precedenza esperienza dell'impanto mascherato da pino marittimo gli abitanti di Capistello insorgono. Le proteste affidate al Comunicato stampa "Protesta degli abitanti di contrada Capistello contro il nuovo impianto di telefonia mobile". Gli abitanti di Capistello nell’Isola di Lipari chiedono di fermare la diffusione selvaggia degli impianti di telefonia mobile nella contrada, alla luce della imminente realizzazione di una nuova antenna di trasmissione nella stessa contrada.
L’ordinanza sindacale 22/2006 ha previsto la sospensione delle autorizzazioni e/o concessioni per la realizzazione di impianti di radio base per la telefonia mobile nei centri storici di Lipari sino all’adozione del PRG che disciplinerà la materia. Ci si chiede, in considerazione del fatto che il PRG norma l’intero territorio comunale e non soltanto i centri storici, perché tale provvedimento sia stato limitato a questi ultimi e non esteso anche alle altre aree dell’isola, dove peraltro incidono cospicui insediamenti residenziali. In tal senso, si rammenta che questa nuova ordinanza è stata emessa a seguito dell’abrogazione di una precedente, la 85/2004, dove veniva invece sancito il divieto di collocazione di detti impianti a meno di 500 m di distanza dai fabbricati di civile abitazione, proprio nelle more della redazione e dell’adozione di un “Piano regolatore della Telefonia Mobile”.
Per tali ragioni, una rappresentanza di residenti della contrada domani chiederà di incontrare il Sindaco e avanzerà la proposta di reiterare la precedente ordinanza, o almeno di modificare quella attuale, per venire incontro a esigenze di tutela dell’aspetto del territorio dell’intera isola, e non soltanto dei centri storici.
Lo stesso comitato si riserva di interpellare la Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Messina in merito alla leggitimità del nulla osta rilasciato alla società realizzatrice, che a nostro avviso viola sia le norme di salvaguardia connesse all’adozione del PRG e attualmente in vigore, sia la classificazione come TO1 nel PTP dell’area interessata dal nuovo impianto.
Per il “Comitato di Contrada Capistello”
Marcello Di Giorgi
Carlo Di Paola
Pietro Lo Cascio
Placido Sulfaro

giovedì 31 luglio 2008

Lipari: E' sbarcato Corona. Grande serata al Sealight

La "grande attesa" per i fan di Fabrizio Corona è finita. Quando mancavano 20 minuti alle 21 è sbarcato a Lipari-Porto Pignataro. Pantaloni di jeans a tre quarti, abbronzatissimo, e a torso rigorosissimamente nudo, è stato accolto al suo arrivo da Giovanni, uno dei titolari della discoteca Sealight di Canneto, e ovviamente dalla troupe di Tirreno Sat e Eolienews. Un Fabrizio Corona gasatissimo e in gran forma quello che è sbarcato a Lipari il che, ovviamente, lascia pensare che quella di stasera al Sealight(con inizio alle 23.00) sarà una serata "grandiosa".
L'intervista con Corona sarà trasmessa da Tirrenosat nel tg delle 20 e 30 di domani. Per le foto e altre notizie vi rinviamo a domani.

Ricevuto a Salina annuncia l'acquisto di un immobile da destinare a centro d'accoglienza all'interno della Riserva

Durante la giunta "itinerante", nell'isola di Salina, dopo la tappa di Lipari, il presidente della Provincia on. Nanni Ricevuto, nell'aula consiliare del Comune di Malfa, ha comunicato il definitivo finanziamento per l'acquisto dell'immobile (tipologia villetta) ubicato dentro la riserva naturale "Le Montagne delle Felci e dei Porri".
Il presidente Ricevuto ha ottenuto dall'assessore regionale all'Ambiente ed al Territorio on. Pippo Sorbello il decreto di finanziamento di 400.000 euro che consentirà di comprare lo stabile di 200 metri quadrati, collocato a Santa Marina Salina.
Il decreto è stato ufficialmente acquisito dall'assessore provinciale al Territorio, Gaetano Duca.
L'immobile, nelle prossime settimane, farà parte integrante della riserva naturale e consentirà con la riqualificazione di essere utilizzato come Centro-accoglienza dell'oasi naturalistica in uno dei siti più suggestivi ed importanti del Mediterraneo.
La struttura diverrà, pertanto, un centro-visite per i tanti ecologisti che, fino ad oggi, non avevano la possibilità di avere un posto-ristoro e nemmeno di poter ottenere la documentazione illustrativa dell'habitat eoliano.

Il presidente della Provincia Ricevuto a Lipari: sarò l'assessore per le Eolie e tra 101 giorni faremo il punto su quanto avremo fatto

"Tra 101 giorni faremo il punto su quanto siamo riusciti a fare per le Eolie" Lo ha annunciato il presidente della Provincia regionale di Messina on. Nanni Ricevuto a conclusione della riunione che la giunta provinciale al gran completo, con dirigenti al seguito, ha tenuto nel comune di Lipari. Presenti il sindaco Mariano Bruno e una parte della giunta municipale. L'introduzione è stata del primo cittadino che, oltre a portare i saluti e i ringraziamenti al neo-presidente e alla sua giunta, ha parlato apertamente di "Provincia ingrata" facendo riferimento alla disattenzione e al disinteresse che l'Ente ha avuto negli ultimi anni nei confronti dell'arcipelago. Ha anche "rimproverato" al presidente Ricevuto il mancato inserimento nella giunta provinciale di un assessore dell'arcipelago e, in ogni caso, di per non avere previsto una delega per i rapporti con le isole. La risposta del presidente Ricevuto non si è fatta attendere. "Sarò io- ha detto-l'assessore per le isole Eolie". Un impegno forte che rientra comunque nel concetto di unità territoriale portato avanti dal neo presidente. I lavori della giunta sono quindi proseguiti a porte chiuse per poi, circa un'ora e mezzo dopo l'inizio, aprirle ai consiglieri comunali(ai quali è stato consentito di porgere qualche quesito) e alla stampa. Il presidente della Provincia ha, quindi, ufficializzato l'apertura, in tempi brevi, a Lipari di un ufficio periferico della Provincia e ha sciorinato un lungo(seppure parziale) elenco degli interventi che gli sono stati sollecitati dalla giunta Bruno. Dalla realizzazione di un plesso scolastico per il Liceo scientifico all' ampliamento dell'Itc Conti Vainicher, dal concretizzare i nuovi indirizzi di studio già proposti dalla giunta Bruno ed esitati favorevolmente dal precedente Governo provinciale ai necessari e ormai improcastinabili interventi sulle disastrate e dissestate strade provinciali, dai trasporti marittimi, mediante la creazione di una società di navigazione con l'inserimento di privati credibili, ad un coinvolgimento delle Eolie nell' Aeroporto del mela sino ai trasporti intermodali. Una specie di "libro dei sogni", considerando che si tratta di problematiche e tematiche che si trascinano ormai da diverso tempo e senza soluzione, che il presidente Ricevuto ha garantito di voler trasformare in "fatti concreti". "Queste isole- ha detto- che, insieme ad altre realtà della Provincia, rappresentano il nostro fiore all'occhiello non meritano di essere trascurate e non lo saranno. Per questo motivo, con o senza la mia giunta, sarò qui per fare il punto della situazione e per dimostrare sul campo che quella di oggi non è stata solo una parata". Poi il presidente, la giunta e tutto lo staff si sono trasferiti nell'isola di Salina dove, nel municipio di Malfa, hanno incontrato i sindaci Salvatore Longhitano(Malfa), Massimo Lo Schiavo(Santa Marina Salina), Antonio Podetti(Leni) e le giunte municipali.

Regolamentazione afflusso barconi e dintorni. La Greca scrive al sindaco

Una lettera è stata inviata dal dott. Pino La Greca al sindaco del comune di Lipari Mariano Bruno con oggetto" regolamentazione afflusso barconi e dintorni". Il testo:
"Signor Sindaco,
a distanza di quasi 20 giorni dalla mia prima nota, e nonostante alcuni suoi apprezzamenti non lusinghieri nei miei confronti rivolti ad alcuni miei amici e non espressi direttamente da Lei a me personalmente, torno a riflettere su quello che è successo nel corso del mese di luglio in merito alla regolamentazione dell'afflusso dei barconi nelle nostre isole.
La sensazione del si ricava e che, ancora una volta, l'intera materia sia stata trattata con grande ritardo e con un piglio autoritario da parte Sua poco consono ad un sindaco che deve collaborare sinergicamente con le altre forze dello Stato presenti sul territorio.
L'intera questione andava affrontata sin da quando, oltre 8 mesi fa, le forze di minoranza hanno presentato la richiesta di autoconvocazione del consiglio comunale con all'ordine del giorno “Stagione turistica 2008” collocata nell'ultima convocazione del consiglio al punto 13°.
Certamente le Sue iniziative recenti provocheranno un contenzioso tra il Comune di Lipari e le società di navigazione private che mi auguro non si risolva con ulteriori debiti fuori bilancio per l'Ente e con tasse a carico dei cittadini di Lipari.
Ritengo, doveroso, alla luce della convocazione del 5 agosto p.v., ritornare sulla problematica della istituzione dell’area marina protetta, posta al punto 9) dell'ordine del giorno, soprattutto dopo la condivisione del piano di gestione del sito Unesco da parte della Sua amministrazione.
Personalmente ritengo l'area marina protetta l'unico strumento in grado di consentire una regolamentazione complessiva per l’accesso nell’area e sui comportamenti da tenere all’interno della stessa. Ormai da anni si parla a Lipari dell'area marina protetta con soldi dei cittadini spesi per finanziare convegni, opuscoli, guide pubbliciterie, ecc. ecc.
Credo, signor Sindaco, che sia arrivato il momento di superare la gestione del “giorno per giorno”, ed avviare una reale programmazione sul territorio partendo proprio dell'area marina protetta, chiedendo agli organi competenti la conclusione dell'iter dell'area marina protetta di cui è titolare il ministero dell'ambiente guidato dall'on.le Prestigiacomo che conosce molto bene il nostro territorio.
Distinti Saluti.
Giuseppe La Greca

Lo Cascio: Personale della Forestale, catasto delle aree percorse dal fuoco e piani comunali di emergenza in materia di incendi

Registriamo due iniziative del consigliere comunale Pietro Lo Cascio(Eolie nel cuore) la prima riguarda il "Personale del servizio antincendio del distaccamento di Lipari dell'Ispettorato ripartimentale delle Foreste" ed è l'oggetto della lettera che il consigliere comunale Pietro Lo Cascio ha inviato al Commissario Straordinario per l’Emergenza Eolie il Prefetto di Messina. Il testo:
Eccellenza,
alla luce dei numerosi incendi di probabile natura dolosa o colposa che si sono verificati durante gli ultimi due mesi nel territorio del Comune di Lipari, è stata da più parti evidenziata la necessità di un maggiore controllo dello stesso, allo scopo di porre in atto misure concrete ed efficaci per prevenire questo grave fenomeno. È purtroppo ancora vivo – infatti – il ricordo di una drammatica stagione estiva, quella del 2007, che fortunatamente non ha portato a tragiche conseguenze come quelle verificatesi in altre aree della nazione, ma che ha prodotto sensibili danni ambientali e messo a rischio anche abitazioni e beni dei cittadini eoliani. Il rischio – concreto – è che un’altra stagione segnata da fatti analoghi si abbatta sul nostro territorio, poiché i mesi di agosto e di settembre sono sempre stati un periodo dell’anno particolarmente “caro” ai piromani che infestano il nostro arcipelago.
Il contingente anti-incendio in forza al Distaccamento di Lipari dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste risulta attualmente incompleto, in quanto, come Lei certamente sa, la L.R. 16/96 e successive modificazioni non consente l’assunzione di personale non incluso nelle graduatorie. L’organico di tale contingente, ad oggi, è carente di 5 addetti alla guida autobotti e mezzi speciali e di 7 addetti alle squadre di pronto intervento.
Le chiedo, stante il carattere di emergenza che rischia di assumere la situazione nel territorio del nostro Comune, di intervenire in qualità di Commissario Straordinario all’Emergenza Eolie autorizzando l’Ispettorato a procedere all’integrazione del personale anti-incendio tramite assunzione di personale non inserito nelle graduatorie.
Confidando in un Suo gentile riscontro, mi scuso per il tempo certamente prezioso sottratoLe e Le invio i miei più cordiali saluti
Pietro Lo Cascio
La seconda iniziativa è una interrogazione al sindaco di Lipari "sui provvedimenti assunti dal comune di Lipari per ottemperare alle disposizioni di legge in materia di "Catasto delle aree percorse dal fuoco" e di "piani comunali di emergenza in materia di incendi". Il testo:
"Egregio Signor Sindaco,
alla luce del grave bilancio relativo agli incendi – oltre 20 di probabile natura dolosa o colposa in appena due mesi – che hanno interessato il territorio del Comune di Lipari durante gli ultimi mesi, nonché delle pesanti esperienze vissute l’anno scorso, che hanno gravemente segnato il nostro territorio, esperienze che ricordo essere state oggetto di interrogazioni e di una proposta di autoconvocazione a firma del sottoscritto e di altri consiglieri comunali della minoranza;
alla luce del dibattito che ha recentemente preso corpo nel paese, grazie anche ai contributi del Dott. La Greca, che ha affrontato il problema delle misure di prevenzione anti-incendio, e del geom. Scafidi, che in qualità di presidente della locale sezione della F.I.D.C. manifesta il disagio dei cacciatori verso i numerosi incendi che provocano danni alla fauna, comportano l’interdizione alla caccia dei terreni bruciati e che, in assenza di una più precisa catastazione di questi ultimi, li espongono al rischio di pesanti sanzioni amministrative;
visto l’art. 10 comma 2 della Legge Quadro 353/2000, dove è previsto che “i comuni provvedono entro 90 giorni dalla data di approvazione del piano regionale a censire tramite apposito catasto i soprassuoli già percorsi dal fuoco nell’ultimo quinquennio, avvalendosi anche dei rilievi effettuati dal Corpo Forestale. Il Catasto è aggiornato annualmente. L’elenco dei predetti soprassuoli deve essere esposto per 30 giorni all’Albo Pretorio Comunale, per eventuali osservazioni. Decorso tale termine, i Comuni valutano le osservazioni presentate ed approvano entro i successivi 60 giorni gli elenchi definitivi e le relative perimetrazioni”;
alla luce del fatto che il piano regionale, cui fa riferimento la norma sopra citata, risulta oggi effettivamente adottato, e dunque dell’effettiva esigenza di disporre di un “Catasto delle aree percorse dal fuoco” aggiornato che costituisca una garanzia per i cittadini e ottemperi alle disposizioni previste dalla normativa vigente;
vista la O.P.C.M. 3606 del 28 agosto 2007, che prevede che i comuni debbano dotarsi di piani comunali di emergenza di prevenzione del rischio incendi;
vista la risposta che il dirigente del IV Settore Dott. Domenico Russo ha fornito in data 12/03/08 all’interrogazione presentata dallo scrivente e da altri consiglieri comunali in data 20/02/08 n. prot. 6565, dove si affermava: 1) di avere trasmesso la scheda speditiva predisposta dal Gruppo Provinciale di Supporto con informazioni e cartografia per la redazione del Piano di Emergenza; 2) di stare provvedendo alla predisposizione del suddetto piano entro i termini previsti dall’OPCM 3606/07; 3) che il Comune di Lipari stava provvedendo all’elaborazione del catasto dei soprassuoli percorsi dal fuoco;
vista anche la recente ordinanza comunale n. 16 del 30 maggio 2008 in materia di prevenzione anti-incendio;
visto infine l’autorevole richiamo relativo al già citato “Catasto”, contenuto nel Comunicato della Presidenza del Consiglio dei Ministri apparso sulla G.U. n. 140 del 17 giugno 2008 a firma del Presidente Berlusconi e avente come oggetto “l’indirizzo operativo per fronteggiare gli incendi boschivi e i rischi conseguenti nella stagione estiva 2008”, dove si afferma: “L’esperienza dell’estate 2007 ha messo in luce alcune difficoltà derivanti sia dalla mancanza di ogni effetto preventivamente dissuasivo affidato dalla norma all’adozione ed aggiornamento del catasto delle aree percorse dal fuoco […] infatti, alla data di luglio 2007, il catasto delle aree percorse dal fuoco risultava istituito presso ben pochi comuni dell’Italia centro-meridionale, perdendo così ogni capacità e possibilità di esplicare un generale, permanente e pervasivo effetto deterrente nei confronti delle azioni antropiche, sia dolose che colpose, alla base dell’innesco degli incendi e della loro propagazione […] nell’ottica di porre rimedio a tale situazione, successivamente alla dichiarazione dello stato di emergenza, sono state emanate due distinte ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri, rispettivamente l’O.P.C.M. n. 3606 del 28 agosto 2007 e l’O.P.C.M. n. 3624 del 22 ottobre 2007, concernenti complessivamente i territori regionali di Lazio, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia, Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Marche, Molise, Sardegna e Umbria, con le quali è stato nominato Commissario delegato il Capo del Dipartimento della Protezione Civile. Tra le attività disciplinate nelle citate ordinanze […] certamente devono essere adeguatamente valorizzate proprio quelle per l’istituzione del catasto delle superfici percorse dal fuoco e per la predisposizione dei piani comunali o intercomunali di protezione civile […] quindi, nell’ottica di un’azione sinergica […] vogliano le SS.LL. […] porre in essere ogni possibile azione affinché tutti i comuni realizzino, oltre alla già recente istituzione, anche il tempestivo aggiornamento del catasto delle aree percorse dal fuoco, ai sensi dell’art. 10 della legge 21 novembre 2000, n. 353”;
il sottoscritto, nella sua qualità di consigliere comunale, interroga la S.V. su quanto segue:
- se sono state finalmente intraprese azioni, e quali, allo scopo di provvedere alla perimetrazione e classificazione delle aree percorse dal fuoco, come previsto dalla normativa vigente e come affermato dal dirigente comunale Dott. Domenico Russo nella lettera del 12/03/08;
- se i dati relativi al 2007 già disponibili, come previsto dalla normativa vigente e come lascia intendere la risposta gentilmente fornita dal dirigente comunale Dott. Domenico Russo, sono stati effettivamente utilizzati per la redazione del Catasto delle aree percorse dal fuoco e affissi all’Albo Pretorio di questo Comune;
- in caso contrario, quando il Comune intenderà adempiere a tale obbligo di legge;
- se, a distanza di cinque mesi dalla puntuale risposta del Dott. Domenico Russo, è stato finalmente predisposto il Piano di Emergenza ricordato nella lettera dallo stesso dirigente per la parte che compete al Comune di Lipari;
- se sono state elevate sanzioni dal Corpo di Polizia Municipale in ordine alle prescrizioni e ai divieti sanciti nell’ordinanza comuanle n. 16 del 30/05/08 e, in caso affermativo, quale sarebbe la loro entità numerica;
- se gli Enti e/o le Società citate nella stessa ordinanza al punto 7, cui compete il decespugliamento delle aree sensibili e a rischio incendi, hanno effettivamente svolto tali azioni preventive;
- se, infine, presso codesto Comune risultano presentate istanze da parte di privati per accedere ai contributi previsti dalla O.P.C.M. 3624 del 22 ottobre 2007 per risarcimento dei danni subiti a causa degli incendi.
RingraziandoLa anticipatamente per il Suo cortese riscontro, Le richiedo risposta scritta entro i termini previsti dalla vigente normativa.

Lipari: In corso la riunione della giunta provinciale

E' in pieno svolgimento a Lipari la riunione dell'esecutivo provinciale presieduta dall'on. Nanni Ricevuto. Si sta tenendo nella stanza del sindaco e sono presenti anche alcuni componenti dell'amministrazione e il presidente del consiglio comunale.
Prima dell'inizio dei lavori a portare il saluto al presidente della Provincia e alla sua giunta è intervenuto il sindaco di Lipari Mariano Bruno che ha posto anche l'accento sulla necessità di una azione sinergica tra comune e provincia e di un assessorato per le isole Eolie. "Le Eolie-ha risposto il presidente- hanno già il loro assessore sono io". Il presidente all'arrivo al porto di Lipari è stato accolto dall'assessore Corrado Giannò, delegato dal primo cittadino.
Conclusi i lavori di Lipari il presidente e la giunta provinciale si sposteranno nell'isola di Salina dove alle 14 e 30, nel palazzo municipale di Malfa, si terrà una ulteriore seduta alla presenza dei tre sindaci isolani e delle rispettive giunte municipali.

Regione: Collegamenti con le isole minori se ne riparla il 5 agosto. Statuti Ato, slitta la scadenza

L'Assemblea regionale siciliana ha approvato l'unico articolo del disegno di legge che prevede interventi negli aeroporti siciliani per garantire la sicurezza dei voli. L'Assemblea tornerà a riunirsi martedì 5 agosto alle ore 17 per proseguire l'esame del disegno di legge che prevede un incremento delle somme per garantire i collegamenti con le isole minori, provvedimento che è stato incardinato nella seduta serale del 30 luglio.
Il Parlamento siciliano, in questa occasione, è stato anche impegnato in un largo confronto sull'opportunità di discutere e votare un ordine del giorno, firmato da esponenti della maggioranza di governo, sullo slittamento ad ottobre del termine concesso ai comuni per approvare gli statuti dei consorzi Ato. L'assessore regionale al territorio e all'ambiente Giuseppe Sorbello, a conclusione del dibattito, si è impegnato a fare slittare la scadenza prevista per il 5 agosto 2008, pertanto l'ordine del giorno è stato ritirato

mercoledì 30 luglio 2008

Editoriale: I vigili a Sottomonastero, un corso intensivo di lettura e la firma mancante

Abbiamo ricevuto una mail non firmata da un indirizzo di posta elettronica composto da due numeri e da un termine di "fantasia", oltre ovviamente al nome del provider. Non è che la cosa ci interessi più di tanto, vorremmo solo chiarire a chi non ha avuto la sensibilità(chiamiamola così) di firmarsi, che la notizia(con foto) inerente alla presenza di un folto numero di vigili urbani e ausiliari a Sottomonastero non vuole assolutamente dimostrare "che il sindaco toglie dalla strada i vigili per mandarli sul porto a controllare i barconi". Si trattava solo di una curiosità considerando che non rientra nella normalità vederli in gruppo, così numerosi.
Se chi ci ha inviato la mail invece di farsi percorrere dal "fuoco sacro" della difesa d'ufficio del sindaco(che crediamo non ne abbia bisogno) avesse letto attentamente il pezzo(ammesso avesse la lucidità e la capacità di farlo) si sarebbe accorto che da nessuna parte c'è scritto che vigili ed ausiliari erano tutti li per controllare i barconi. E non poteva essere altrimenti. Anche perchè chi scrive era presente e ha visto che un gruppetto, dopo essersi rapportato con il dott. Russo, ha lasciato subito dopo il porto. Si faceva solo presente la curiosità della presenza contemporanea paventando, ironicamente, visto il disimpegno del Circomare, risvolti futuri. Nell'invitare chi ci ha scritto ad un corso intensivo di lettura, a non vedere tutto in malafede e a non dimenticare di firmare, riproponiamo articolo e foto. Può servire.


Dieci tra vigili urbani e ausiliari tutti insieme (più il comandante) a Lipari non si vedono certo tutti i giorni. Oggi è accaduto intorno alle 11.00 nel porto di Sottomonastero. Nella foto se ne vedono 8 più il comandante. Altri due erano impegnati a verbalizzare i barconi approdati anche quest'oggi in quell'area. Per la cronaca nel porto non vi era neanche un marinaio del Circomare. Che si stia per assistere ad una inversione di ruoli con vigili urbani che presidiano l'area portuale e marinai che dirigono il traffico sulle strade?

Merlino(PD): Lettera aperta al presidente della Provincia Nanni Ricevuto

Domani la giunta provinciale si riunirà sotto la presidenza dell'on. Nanni Ricevuto a Lipari e Malfa nell'isola di Salina. Per l'occasione una lettera aperta è stata inviata al presidente da Saverio Merlino segretario reggente del Pd di Lipari
"Signor Presidente- si legge- apprendo dagli organi d’informazione locale che domani, 31 luglio alle ore 10, si terrà presso il Palazzo Comunale di Lipari una riunione di Giunta Provinciale alla quale, ovviamente, sarà presente il Sindaco di Lipari e la sua Amministrazione. Sono compiaciuto di tale Sua decisione che vuole coinvolgere le realtà periferiche e di gran valenza turistica e culturale della provincia di Messina nel proprio progetto amministrativo.Sono rammaricato, nello stesso tempo, per non aver letto che la S.V. dedicherà qualche minuto del Suo prezioso tempo per incontrare, dopo la riunione con la Giunta Municipale di Lipari, le forze politiche di minoranza presenti in Consiglio Comunale. Anche le minoranze, mi creda, sono molto attente e conoscono bene le questioni del Comune di Lipari e, democraticamente, con spirito di collaborazione, potrebbero contribuire a dare qualche suggerimento per la soluzione d’alcuni annosi problemi. La pregherei, inoltre-conclude Merlino- finita la riunione, di fare un giro per l’isola di Lipari per rendersi conto personalmente della situazione in cui versano le strade di competenza dell’Amministrazione provinciale".

La festa di San Cristoforo e le bancarelle. L'assessore Giannò replica

Non si è fatta attendere la risposta dell'assessore Corrado Giannò al signor Zaja che ci aveva inviato una lettera a proposio della festività di San Cristoforo senza bancarelle. Pubblichiamo il testo integrale della risposta che l'assessore ci ha fatto pervenire.
"Ho letto con particolare attenzione la mail del Sig. M. Zaja che non ho il piacere di conoscere, ma allo stesso auguro buone vacanze in una Canneto che senza dubbio, ha dimenticato di dire, di aver trovato durante e dopo la festa del Patrono San Cristoforo più pulita in strada e nelle spiagge e meno caotica lungo la Via M. Garibaldi. Un suggerimento, chiarisca il Sig. Zaja, se sà oppure no l'eventuale responsabile e le relative colpe del mancato arrivo delle bancarelle e quindi di tale gravissimo misfatto tanto da meritare la pena di morte, in quanto dalla sua mail si evince un qualcosa di molto contradditorio perchè all'inizio dice "non so di chi si la colpa", mentre sul finire della mail scrive testualmente "d'altronde non ci si poteva apettare nulla di meglio, visto che esponenti della pubblica amministrazione hanno avuto tutto l'interesse a che le bancarelle non occupassero l'area consueta". Veda Sig. Zaja, rimanendo a disposizone per qualsiasi ulteriore chiarimento, nella vita bisogna avere le idee chiare senza cadere in controsensi dettati forse anche da suggerimenti non completamente corretti ed in mala fede. Io le idee chiare le ho ed anche abbastanza. Cordialmente


Corrado Giannò Assessore Comune Lipari

Lo Cascio, Paino e Sabatini e le proposte di emendamento allo schema di convenzione per la nuova ato isole minori

Comunicato Stampa di Lo Cascio, Paino e Sabatini
Pur non condividendo numerosi passaggi del decreto regionale che sancisce la costituzione della nuova ATO isole minori, e che soprattutto ci obbliga a ratificare questo importante passaggio entro il 5 agosto, pena la sua approvazione d’ufficio ad opera di un commissario, riteniamo – con senso di responsabilità – di volere intervenire in maniera costruttiva nella ridefinizione dello “Schema di convenzione” propedeutico alla nascita del nuovo consorzio tar i comuni delle isole minori. Per tali ragioni, presenteremo al consiglio comunale dedicato a questo ordine del giorno alcune proposte di emendamento agli articoli dello stesso “Schema”, finalizzati ai seguenti obiettivi: 1) garantire alle associazioni di volontariato, onlus e soggetti simili la possibilità di espletare servizi di raccolta differenziata a costo zero per l’utenza in particolari contesti locali (frazioni e/o comuni); 2) garantire quanto più possibile l’occupazione locale nella fase di subentro; 3) garantire un maggior controllo sull’operato del nuovo consorzio da parte delle comunità, attraverso i loro rappresentanti nei consigli comunali; 4) ostacolare quanto più possibile le velleità clientelari.
Gli emendamenti in questione sono stati illustrati nel corso della commissione consiliare già convocata il 29 c.m. presso la sede comunale.
Invitiamo gli altri colleghi, in particolare quelli della maggioranza, a considerare positivamente le proposte avanzate e ad approvarle nella prossima seduta del consiglio comunale.
Pietro Lo Cascio (coordinatore gruppo “Eolie nel Cuore”) Mario Paino (capogruppo UDC), Adolfo Sabatini (capogruppo “Nuovo Giorno”)
Pubblichiamo a seguire le proposte di emendamento e la versione originale
Proposte di emendamento allo “Schema di convenzione” per il Consorzio ATO tra i comuni delle isole minori della Sicilia (art. 31 D. L.vo 267/2000) avanzate dai consiglieri Lo Cascio (Eolie nel Cuore), Paino (UDC) e Sabatini (Nuovo Giorno)
schema comparativo tra la versione originale trasmessa alla Presidenza del Consiglio Comunale di Lipari in data 18/07/08 n. prot. 27225 e le proposte dei suddetti consiglieri
Art. 2 (scopo)
punto e
“la scelta, per ogni specifico servizio, delle modalità di gestione che assicurino in ogni caso l’unitarietà del servizio”
punto g
“l’indicazione delle modalità con le quali il gestore, applicando il Contratto a Risultato, può affidare la raccolta differenziata, o parti di essa, ai soggetti di cui all’art. 1 comma 1 lett. B della L. 381/91”
modifica e integrazione come segue:
“la scelta, per ogni specifico servizio, delle modalità di gestione che assicurino in ogni caso l’uniformità del servizio, privilegiando al contempo la scelta di progetti di gestione specificamente adatti e/o meglio rispondenti alle esigenze peculiari che si verificano nei singoli contesti territoriali nell’ambito”
si propone la seguente integrazione (punto g bis)
“l’indicazione delle modalità con le quali il gestore può affidare la raccolta differenziata in particolari comuni e/o frazioni alle associazioni di volontariato ed alle onlus presenti nei territori delle isole minori siciliane, specificatamente per quanto riguarda carta e cartone, vestiti e abiti dismessi, legno, metalli, vetro, ecc., che ne facciano richiesta attraverso progetti di recupero a costo zero per l’utenza”
Art. 4 (fondo consortile) ultimo comma
“Gli Enti locali ai fini della riduzione dell’evasione fiscale sia della TARSU o della TIA, ove applicata, restano obbligati ad una fattiva collaborazione con l’Autorità d’Ambito al fine sia della riscossione che dell’aggiornamento dei ruoli”
si propone la modifica come segue:
“Gli enti locali, le Giunte e i Consigli comunali, ai fini della riduzione dell’evasione fiscale sia della T.A.R.S.U., o della .T.I.A., ove applicata, restano obbligati ad una fattiva collaborazione con l’Autorità d’Ambito al fine sia della riscossione che dell’aggiornamento dei ruoli, proponendo azioni ed iniziative finalizzate alla lotta all'evasione fiscale”
Art. 10 (attribuzioni dell’assemblea)
punto b: piano d’ambito
punto c: bilancio annuale, pluriennale e programma annuale di gestione e relative variazioni
punto d: conto consuntivo
punto e: contrazione di mutui ed emissione di prestiti obbligazionari non previsti nel programma annuale di gestione
punto f: acquisti e alienazioni immobiliari e materia connessa
punto h: nomina e determinazione compenso collegio revisore conti
punto i: modalità e regolamenti gestione servizi
punto j: regolamento per ordinamento uffici e servizi
punto k: modifiche allo statuto
si propone l’inserimento del seguente punto:
p) per i punti b), c), d), e), f), h), i), j), k), i sindaci devono preventivamente sentire i rispettivi consigli comunali per le approvazioni relative, specificatamente riguardo quei punti che comportano direttamente o indirettamente un aumento spese per le rispettive comunità
Art. 11 (attribuzioni CdA)
punto a: proposta di piano d’ambito, bilancio e programma annuale di gestione
punto d: proposta sulle modalità e regolamenti per formulazione e riscossione della TIA e/o TARSU, da sottoporre all’assemblea consortile
si propone l’inserimento del seguente punto:
g) il consiglio di amministrazione, a pena di decadenza, deve relazionare annualmente sui punti che precedono, e in dettaglio sui punti a) e d) ai singoli consigli comunali in seduta ordinaria, al fine di porre gli stessi, quali rappresentanti delle comunità ricadenti nell’ambito ATO, nella piena conoscenza delle iniziative del consiglio di amministrazione
Art. 14 (personale) primo comma
“Il Consorzio, secondo le previsioni della dotazione organica, utilizzerà il personale che a vario titolo è ora utilizzato presso le società d’ambito di provenienza, nonché del personale dipendente a vario titolo degli enti consorziati e del personale dell’Agenzia regionale per i rifiuti e le acque, previo consenso delle amministrazioni interessate, in assenza di specifiche professionalità reperibili con le suesposte modalità, può assumere personale in proprio solo con le procedure di evidenza pubblica di cui all'art. 49 della L.R. 15/2004”
si propone la seguente modifica:
“Il Consorzio, secondo le previsioni della dotazione organica, utilizzerà il personale dipendente assunto dalle società d’ambito di provenienza, nonché del personale dipendente a vario titolo degli enti consorziati e del personale dell'Agenzia regionale per i rifiuti e le acque, previo consenso delle amministrazioni interessate, in assenza di specifiche professionalità reperibili con le suesposte modalità, può assumere personale in proprio solo con le procedure di evidenza pubblica di cui all'art. 49 della L.R. 15/2004”
si propone inoltre la seguente aggiunta:
“Il consorzio nella fase di subentro nella titolarità dei contratti di affidamento della gestione in corso garantirà l'utilizzazione del personale dipendente locale”

La foto del giorno

Dieci tra vigili urbani e ausiliari tutti insieme (più il comandante) a Lipari non si vedono certo tutti i giorni. Oggi è accaduto intorno alle 11.00 nel porto di Sottomonastero.
Nella foto se ne vedono 8 più il comandante. Altri due erano impegnati a verbalizzare i barconi approdati anche quest'oggi in quell'area. Per la cronaca nel porto non vi era neanche un marinaio del Circomare.
Che si stia per assistere ad una inversione di ruoli con vigili urbani che presidiano l'area portuale e marinai che dirigono il traffico sulle strade?

La festa di S. Cristoforo e le bancarelle che non c'erano

Abbiamo ricevuto una mail avente per oggetto "Festa patronale di S.Cristoforo". La pubblichiamo integralmente, così come ci è pervenuta. Certi che l'assessore interessato e/o il funzionario preposto forniranno al più presto le delucidazioni e i chiarimenti richiesti.

"Sono un eoliano che da 21 anni risiede in provincia di Brescia, e da Cannetaro, come ancora mi reputo, sono profondamente deluso da quanto ho visto quest'anno alla festa di S.Cristoforo. Non so di chi sia la colpa, se dell'amministrazione comunale, di un assessore in particolare, delle autorità di pubblica sicurezza o di chi altri; fatto sta che, per la prima volta in tanti ann, i ho dovuto assistere ad una festa veramente sottotono. La mancanza del tradizionale mercatino con le bancarelle, collocate nella piazza di Canneto e sul lungomare, ha tolto ai festeggiamenti il fascino tipico delle feste tradizionali del Meridione: mancava lo stand con spiedo e porchetta e sembrava di essere al Nord, anzichè nella nostra splendida isola. Ovviamente l'assenza delle bancarelle ha causato una proporzionale diminuzione dei visitatori, causando danni economici anche alle attività ricettive della frazione, che forse sono proprio la causa della mancata autorizzazione al mercatino. D'altronde non ci si poteva aspettare nulla di meglio, visto che esponenti della pubblica amministrazione hanno avuto tutto l'interesse a che le bancarelle non occupassero l'area consueta. Comunque mi piacerebbe molto sapere chi è o chi sono i responsabili di questa infausta scelta, e credo che come me sarebbero interessati ad avere questa notizia quasi tutti i Cannetari, mettendo così chiarezza nella ridda di voci di popolo che stanno circolando in questi giorni.


Con l'occasione mi congratulo per il servizio reso con il vostro sito e porgo cordiali saluti.


Maurizio Zaja

martedì 29 luglio 2008

Leni si è fermata per l'ultimo saluto a Vincenzo

Tutta Leni si è fermata stamattina per l'ultimo saluto a Vincenzo Pittorino, il 22enne deceduto a seguito di un tragico incidente stradale. Alla cerimonia funebre, officiata da padre Giuseppe Mirabito, ha preso parte una moltitudine di gente proveniente da tutta l'isola di Salina ma anche da Lipari e dalle altre isole. Tantissima gente che, ovviamente, la chiesa non è riuscita a contenere nella sua interezza e che, di conseguenza, ha dovuto sostare all'esterno. Grandissima la commozione.
Intanto le indagini proseguono.

"Ordinanza carta straccia" e la dimostrazione di forza

Ore 13.11(orario ben visibile ingrandendo la foto) Sono ben sei i natanti delle gite organizzate "schierati" nel porto di Sottomonastero. E non in un'area qualsiasi ma dentro la zona risevata all'approdo delle navi di linea. Sono in attesa di reimbarcare i pendolari del turismo che questa mattina, in barba all'ordinanza sindacale, hanno sbarcato a Sottomonastero.....nonostante la sanzione di circa 500 euro ad imbarcazione elevata dalla polizia municipale.
Una dimostrazione di forza......l'ulteriore, a dire il vero, dopo che gli armatori avevano definito l'ordinanza sindacale "carta straccia". Una convinzione avallata anche dalla decisione del comandante del Circomare Luca Politi di non emettere alcuna ordinanza che vieti l'approdo. Al di là di chi è nel giusto o meno, una cosa risalta all'occhio la mancata presenza, durante tutta la mattinata, di un solo marinaio del Circomare nell'area portuale. Un'assenza visibile per chi d'inverno è abituato a vederli muovere a gruppi di due-tre per presidiare quell'area ed elevare verbali(come da normativa) per la sosta vietata nel porto.



La determinazione sindacale sull'aumento della TARSU è illegittima

Il dipartimento delle finanze del ministero dell'economia ha chiarito il quesito che era stato posto dal dirigente Francesco Subba a proposito della determina sindacale che aveva stabilito la modifica della tariffa relativa alla Tarsu. "Occorre osservare - si legge nella nota- che il chiaro dettato dell'attuale disposizione porta a stabilire che la determinazione sindacale non può produrre effetti, innanzitutto perchè la stessa non è stata adottata come richiesto dalla norma, prima dell'entrata in vigore del decreto legge in esame e cioè prima el 29 maggio 2008. Si deve pertanto affermare che sono prorogate le tariffe della tarsu relative all'anno precedente, secondo quanto previsto dalla norma di legge, ovvero: "Gli enti locali deliberano le tariffe e le aliquote relative ai tributi di loro competenza entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione. Dette deliberazioni, anche se appovate successivamente all'inizio dell'esercizio purchè entro il termine innanzi indicato, hanno effetto dal 1' gennaio dell'anno di riferimento. In caso di mancata approvazione entro il suddetto termine, le tariffe e le aliquote si intendono prorogate di anno in anno".
Dopo questa risposta l'amministrazione avrebbe già predisposto un emendamento al bilancio dove erano stati inseriti per l'appunto i fondi che si presumevano potessero entrare con l'applicazione della nuova tariffa TARSU.

Palazzo comunale di piazza Mazzini: Non solo museo del cinema ma centro di cultura e politica

Il palazzo municipale di piazza Mazzini ospiterà il prossimo anno il Museo del cinema. Lo ha annunciato a Quattropani, durante la serata conclusiva di Eolie in video, il sindaco di Lipari.
Così come si evince anche da un comunicato stampa emesso dal Centro studi, redatto dal Principe Francesco Alliata (fondatore della Panaria Film) e presentato giovedì 24 luglio nei giardini del Centro Studi, il progetto del Museo del Cinema delle Isole Eolie raccoglierà l’intero archivio fotografico di Alliata, le attrezzature pionieristiche da lui stesso utilizzate per la ripresa subacquea e una sezione dedicata ad Anna Magnani, la grandissima attrice, protagonista anche del film “Vulcano” nel 1949, di cui proprio quest’anno ricorre il centenario della nascita.
Lo storico palazzo si avvia quindi a diventare un importante punto di riferimento per la vita culturale e politica del comune di Lipari e di tutte le Eolie. Nel palazzo di piazza Mazzini, infatti, oltre al Museo del Cinema, confluiranno, cosi come più volte annunciato nel passato dallo stesso primo cittadino, i vari corsi universitari, gli uffici di rappresentanza del comune, i gabinetti di sindaco e assessori nonché l'aula per le sedute del consiglio comunale. Come anticipato un vero e proprio concentrato di vita culturale e politica al punto che ci permettiamo un umile suggerimento. Se dovesse avanzare qualche stanza perchè non realizzarvi anche il Museo civico?

Muro contro muro: I barconi sbarcano i turisti a Sottomonastero

< Non più tardi di ieri gli armatori avevano detto: "Quell'ordinanza del sindaco è carta straccia, approderemo a Sottomonastero. Ci facciano pure la multa, la contesteremo nelle sedi opportune".
Detto...fatto. Alle 9 e 50 il primo dei cosidetti "barconi" turistici provenienti dalla costa siculo-calabra è approdato a Sottomonastero, sbarcando una settantina di pendolari. Sul posto erano presenti i vigili urbani che, come da ordinanza sindacale, hanno provveduto a sanzionare il natante. In arrivo dovrebbero esserci almeno altri sei mezzi. Per la cronaca sul molo non era presente neanche un marinaio del Circomare.

Lipari: Depuratore, sopraluogo del prefetto Alecci e della commissione tecnica

Il prefetto Francesco Alecci, nella qualità di commissario, e una commissione tecnica del ministero dell'Ambiente hanno compiuto ieri mattina un sopraluogo a Lipari per visionare le aree sulle quali potrebbe essere realizzato il nuovo depuratore dell'isola, struttura da realizzarsi nel contesto del più ampio progetto del ciclo delle acque e finanziato, in larghissima parte, con circa 34 milioni di euro, dal ministero dell'Ambiente.
Il dottor Francesco Alecci e i componenti la commissione, fra i quali valenti docenti universitari e tecnici giunti appositamente da Roma, sono stati accompagnati dal dirigente del Quarto settore comunale, il geologo Domenico Russo, nelle zone di Monte Rosa-Porto Pignataro e Canneto. Nella prima zona l'impianto di depurazione dovrebbe essere localizzato all'interno di una galleria da scavarsi nella montagna. Una soluzione che sembra però non incontrare grandi favori all'interno della commissione sia per il tipo di intervento che bisognerebbe effettuare sia per il contesto, quello portuale di Pignataro, in cui la struttura ricadrebbe.
L'altra area visionata è stata quella di Canneto Dentro, un'area decentrata rispetto al centro abitato della frazione ma sulla quale si potrebbe accendere la "miccia" della contestazione. Dopo tanti anni e tante battaglie l'area è stata destinata ad ospitare l'area artigianale. Al momento, comunque, non vi è nulla di certo e la commissione continuerà nel suo lavoro di accertamento e ricognizione dei luoghi, presumibilmente anche in altre aree. Il prefetto-commissario è comunque intenzionato, seguendo ovviamente le indicazioni che gli perverranno da questo organismo tecnico, a procedere il più efficamente possibile lungo la strada della realizzazione di questa struttura sicuramente indispensabile per l'isola che conta, come è risaputo, solo su un vetusto e malfunzionante impianto di pretrattamento dei liquami.
Circa la diatriba sui due progetti presentati, in tempi diversi, nel contesto della progettualità relativa al ciclo delle acque, il dottor Alecci è stato lapidario. «Quando mi sono insediato - ha dichiarato - ho trovato il progetto della Sogesid e non posso che lavorare su quello. Se poi ci sono contenziosi in corso spetterà ad altri organismi derimerli».
Il prefetto Francesco Alecci ha anche sottolineato come gli interventi da effettuarsi nell'ambito del piano sul "ciclo delle acque" siano stati divisi in due tranche. Quella relativa alla rete idrica e fognaria, per la quale si è già in fase avanzata, e quella che deriverà dalla realizzazione dell'impianto di depurazione e sistemi connessi per i quali si sta percorrendo la fase preliminare, cioè verificare sul campo quanto è stato proposto e prospettato in ambito progettuale. Il sopralluogo di ieri ha rappresentato un momento di approfondimento ma i nodi sono tutti da sciogliere.

lunedì 28 luglio 2008

Sottomonastero: Preannunciata per domani la controffensiva degli armatori

"Quell'ordinanza è solo carta straccia". "Ci elevino pure le contravvenzioni le contesteremo in ogni sede attraverso i nostri avvocati".
Viene preannunciata all'insegna di queste due forti prese di posizione, dopo la "pausa di riflessione" di oggi, la controffensiva degli armatori dei cosidetti "barconi" avverso l'ordinanza con la quale il sindaco di Lipari ha vietato lo sbarco dei turisti imbarcati su questi mezzi nel porto di Sottomonastero, dirottandoli a Marina Corta. Una ordinanza emessa dal sindaco per motivi contingibili e urgenti e legata ai problemi della pubblica sicurezza in quell'area portuale. Domani, da quanto trapela, i vaporetti dovrebbero presentarsi(almeno in sette) per attraccare a Sottomonastero.
Richiesta in tal senso, evidenziando l'impossibilità di approdare a Marina Corta, è stata già avanzata al Circomare Lipari che, è opportuno ricordare, non ha ritenuto opportuno emettere ordinanza che vieti l'approdo dei "barconi".
Come finirà? Basteranno i vigili urbani a bloccare lo sbarco? Oppure come al solito dopo tanto fumo... arrosto niente? Per saperlo basta solo attendere solo nove/dieci ore.

Panarea: Sull'isola manca l'ambulanza, usata una motoape

L'agenzia Ansa di Palermo riprende la notizia da noi già pubblicata stamane dello sfogo dell'operatrice turustica Pina Cincotta di Panarea. Il testo integrale della notizia d'agenzia.
L'associazione Amapanarea denuncia la mancanza di un'ambulanza sull'isola, segnalando che il 25 luglio scorso il corpo di una turista di Pavia, morta per un malore mentre faceva il bagno, è stato trasportato a bordo di una Moto Ape. L'ambulanza fornita dalla Protezione Civile, infatti, è ferma da diverso tempo a Lipari per riparazioni. "Mi si stringeva il cuore e la vergogna mi saliva fin sulla gola nel vedere il corpo di quella donna gettato su una moto - commenta la presidente dell'associazione Pina Cincotta - lo stesso mezzo utilizzato per caricare mattoni, cemento e calcinacci". "A Panarea se hai un malore e devi essere trasportato presso il presidio medico - prosegue Cincotta - ti devono buttare su quel pianale come un sacco. Ma di chi è la responsabilità? Chi deve pensare a tutto questo?". "Un mese fa - conclude la responsabile di Amapanarea - abbiamo fatto un appello al ministro Prestigiacomo, che tanto ama la nostra isola, e siamo ancora in attesa della risposta".

Lutto cittadino a Leni: Il comunicato del sindaco Podetti

Il comunicato: "La tragica disgrazia che ha colpito la comunità dell'intera isola di Salina e in particolare alla comunità di Leni con la scomparsa del caro Vincenzo, ragazzo impegnato anche nel sociale attraverso le attività di karate attività sportiva della quale era anche maestro, ha determinato nell'amministrazione di ordinare il lutto cittadino per il giorno dei funerali dei quali ancora non si conosce la data. Fra l'altro sono sospesi sino a data da definirsi tutti gli spettacoli previsti nel cartellone Salina estate riguardanti il comune di Leni".

Eseguita l'autopsia sullo sfortunato giovane di Leni. Domani i funerali

E' stata eseguita stamattina a Messina presso l'Istituto di medicina legale dell'Università l'autopsia sul corpo dello sfortunato Vincenzo Pittorino, il 22enne di Leni che ha perso la vita a seguito di uno scontro fra la sua bici e la moto Yamaha 125 condotta da M.F. 24 anni di Milazzo. Si resta in attesa adesso che il magistrato autorizzi la riconsegna della salma alla famiglia. I funerali, salvo contrattempi, saranno celebrati domani alle 11,00 nel piccolo comune di Leni da Don Giuseppe Mirabito. Come da noi anticipato è stato dichiarato il lutto cittadino e sono stati rinviati a data da destinarsi tutti gli spettacoli in programma per "Salina estate".
Per quanto concerne le indagini per fare luce sulle modalità del drammatico incidente i carabinieri di Salina stanno procedendo ad ascoltare alcuni testimoni oculari, presenti sabato pomeriggio nei pressi dell'area dove si è verificato l'incidente. Quale atto dovuto il giovane milazzese M.F.(24 anni) è stato iscritto sul registro degli indagati dal sostituto procuratore della Repubblica di Barcellona Francesco Massara.

ATO Isole Minori: Le perplessità e le proposte di Saverio Merlino (PD)

"Il Decreto firmato dal Presidente della Regione Lombardo- scrive Saverio Merlino(PD) e il protocollo siglato dai sindaci di Pantelleria, di Ustica, delle Egadi, delle isole Eolie e di Lampedusa e Linosa, inserito nel quadro della rimodulazione degli ATO (Ambiti Territoriali Ottimali) per la raccolta e il trattamento dei rifiuti, che prevedono, fra l’altro, la creazione di un unico ATO per le isole minori della Sicilia, dal nostro punto di vista, posto nei termini del suddetto decreto, non dà le risposte giuste per risolvere le esigenze particolari che le isole minori hanno su questo tema, e il percorso, da condividere anche con le altre isole minori siciliane, non appare facile.
Pur se il Partito Democratico condivide la realizzazione di un ATO per le isole minori, visto che queste isole presentano peculiarità particolari in ordine ai servizi e alla raccolta e smaltimento dei rifiuti che finirebbero con l’essere trascurato negli Ato provinciali, restano molte perplessità sui contenuti del Decreto e specialmente dello Schema di Convenzione dell’ATO Isole Minori.
Il Partito Democratico intende dare un contributo positivo al dibattito dei Consiglieri Comunali che già domani in Commissione e in Consiglio tra qualche giorno stanno per affrontare per la definizione appunto dello Schema di Convenzione per l’ATO delle isole minori che si dovrà occupare del problema dei rifiuti che pesano significativamente sui contribuenti eoliani e che rischiano di pesare ancora di più se non si riuscirà a portare serie modifiche allo Schema presentato e preparato tenendo presente quello tipo proposto dalla Regione.
Lo Schema tipo della Regione al quale le 10 ATO (uno per provincia più quello delle isole minori) dovrebbero attenersi, sta allarmando notevolmente i Comuni di terraferma che stanno dando vita a proteste anche clamorose.
Ancora di più devono essere allarmati i comuni ed i cittadini delle isole minori che si troveranno ad affrontare costi crescenti ripartibili su un’utenza molto limitata in un ATO con peculiarità che lo rende difforme da tutti gli altri per la distanza dalla terraferma che, sicuramente, creerà dispersione di energie e di risorse.
Sulla base di quanto sopra, il Partito Democratico, attraverso il suo rappresentante in Commissione e in Consiglio Comunale Giacomo Biviano, intende presentare le seguenti e modifiche e le integrazioni agli Art. 4, 8 e 19, oltre alla introduzione di una premessa, che riprenda le ragioni di un’ATO delle isole minori ed evidenzi le sue peculiarità, da collocare subito dopo le argomentazioni di ordine giuridico.
MODIFICHE E INTEGRAZIONI
Schema di Convenzione del Consorzio ATO
Isole Minori della Sicilia
Premesso
· Che le isole minori della Sicilia presentano caratteristiche particolari in ordine ai servizi e quindi anche alla raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, che finirebbero con l’essere trascurati negli ATO provinciali;
· Che è giusto prevedere ad un ATO specifico per le isole minori della Sicilia;
· Che non si può trascurare, proprio per la limitatezza del bacino d’utenza (inferiore ai 50 mila abitanti), che i costi di questo Consorzio per il servizio rischierebbero di essere estremamente gravosi e fortemente sperequati per gli abitanti delle isole minori sancendo, di fatto, una grave ingiustizia per queste isole che, come ha anche sostenuto e dimostrato il PIT delle Isole mori siciliane, rappresentano un valore per tutta la Regione contribuendo notevolmente ad incrementare e qualificare il turismo della Sicilia;
· Che proprio questa fortunata capacità di attrarre turisti, soprattutto nella stagione estiva, accentua in modo rilevante il carico dei rifiuti da raccogliere e smaltire i cui costi finiscono anch’essi per ricadere prioritariamente sugli abitanti residenti;
· Che, per ragioni di giustizia e di solidarietà oltre che per garantire la qualità del servizio, la Regione Sicilia debba rappresentare un contribuente significativo dell’ATO delle isole minori siciliane con un intervento finanziario che va definito con apposita legge regionale e verificato ogni due anni ma che non può essere inferiore ai due terzi del budget finanziario necessario per il funzionamento (art. 4) e la gestione (art. 19);
· Che alla peculiarità delle isole minori al loro difficile territorio si aggiunge anche il mare che, non solo le circonda, ma le separa, specialmente nei comuni plurinsulari (Lipari, Favignana, Lampedusa), accrescendo i problemi per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti e richiedendo particolari strutture e competenze;
· Che per quanto sopra, nella composizione degli organi ed in particolare nella composizione dell’Assemblea (art.8), deve stabilirsi non solo il criterio degli abitanti ma anche quello del numero delle isole che compongono il Comune e che il rapporto di un voto per 10 mila abitanti non può essere giusto, viste le dimensioni di alcuni Comuni, ma bisogna assegnare un voto ogni cinquemila abitanti o frazioni oltre mille.
Modifiche e/o integrazioni articoli Convenzione
Articolo 4
Il Fondo consortile per il funzionamento del Consorzio è costituito, oltre che dalla rimessa della Regione Sicilia stabilita e definita con apposita legge regionale, dai contributi dei Comuni consorziati.
Articolo 8
(comma 5): ogni Comune consorziato ha diritto ad un voto ogni cinquemila abitanti o frazione oltre mille e un voto per ogni due isole (oltre l’isola in cui ha sede il Comune) con arrotondamento alla cifra pari superiore (un’isola in più, un voto in più come nel caso di due isole; tre o quattro isole due voti in più; cinque o sei isole isole tre voti in più).
I comuni con popolazione inferiore a cinquemila abitanti hanno, in ogni caso, diritto ad un voto.
Articolo 19
I Comuni consorziati hanno l’obbligo di trasferire alle Autorità d’Ambito, oltre alle quote consortili di cui al precedente articolo 4, le risorse per lo svolgimento del servizio di gestione integrata dei rifiuti.
Il Bilancio consortile, con relazioni e pareri, va spedito anche alla Regione Sicilia.
Infine un’ultima considerazione. Proprio l’esigenza di richiedere un contributo speciale alla Regione va impedito un ulteriore frazionamento dell’ATO delle isole minori. Infatti, se questo può razionalmente e politicamente sostenersi per l’insieme delle isole minori non potrebbe, in alcun modo, giustificarsi per un singolo Arcipelago o Comune".
Lipari, 28/07/2008
Saverio Merlino (Segretario Reggente Partito Democratico Lipari e Componente Commissione Regionale Programma)

Carabinieri "giro di vite" su affittanze abusive, droga e quiete pubblica

Con l'accusa di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale è stato arrestato a Panarea dai carabinieri un giovane messinese impiegato, stagionalmente, in una attività commerciale dell'isola.
Altri cinque turisti, tra Panarea e Lipari, sono stati invece segnalati al prefetto per detenzione di sostanze stupefacenti. Ma l'attività dei militari dell'Arma nelle Eolie non conosce sosta e cominciano a dare i primi frutti anche i controlli incrociati effettuati tra i turisti che sbarcano a Lipari e coloro che li ospitano.
Gli uomini della stazione mobile, che presidia il porto di Sottomonastero, di concerto con i colleghi del presidio fisso, hanno infatti accertato che dei vacanzieri erano ospitati, previo pagamento di corrispettivo, in abitazioni private non autorizzate. Per i due proprietari degli immobili è scattata una sanzione amministrativa di 1.000 euro e la denuncia penale per mancata comunicazione. I controlli in questo campo saranno intensificati e proseguiranno nei prossimi giorni. "Giro di vite" anche per quanto riguarda il disturbo della quiete pubblica. A Lipari due esercizi di ristorazione, ai quali è stata contestata la violazione di quanto previsto nella licenza in tema di intrattenimento musicale, è stata elevata una sanzione di circa 2.050 euro per violazione dell'art. 659 del codice penale

Panarea: I morti e i feriti in motoape(Da Amapanarea)

(Intervento di Pina Cincotta Mandarano- Amapanarea) Panarea è la perla delle Eolie, meraviglia del nostro Bel Paese e vanto internazionale tanto che l’Unesco l’ha voluta inserire tra le zone della Terra da salvaguardare. Panarea però è anche un’isola del terzo mondo. Lo dico con grande dolore ma purtroppo è così. Una turista di Pavia è morta per una malore mentre faceva il bagno dopo aver mangiato (a proposito, non fate mai il bagno se non avete ben digerito). E’ stata portata al molo e poi trasportata presso la Guardia medica. Ormai non c’era più nulla da fare. Mi si stringeva il cuore e la vergogna mi saliva fin sulla gola a vedere il suo corpo gettato su una motoape con motore a scoppio, quelle che si utilizzano per caricare i materiali edilizi, mattoni, cemento e calcinacci. E anche quella signora, trattata come un sacco di cemento. Una vista raccapricciante. E’ questa attualmente l’ambulanza che abbiamo, un fragoroso e squallido motocarro. La nostra vera ambulanza, quella che la Protezione civile ci aveva donato, è a Lipari in riparazione da troppo tempo. E chissà se tornerà! Questa è una situazione che si ripete. Qui a Panarea se hai un malore e devi essere trasportato presso il presidio medico ti devono buttare su quel pianale come un sacco. Ma di chi è la responsabilità? Chi deve pensare a tutto questo? Il Sindaco? Non so, ma certamente il Sindaco ci ha lasciato anche senza vigili che hanno il compito di assistere la cittadinanza. Non c’è un vigile a Panarea. Sessant’anni fa ci sentivamo più sicuri, gli ammalati si portavano con delle barelle. Ma questo tanti anni fa.
Pina Cincotta Mandarano

domenica 27 luglio 2008

Giorgio Armani: Il nostro reportage in esclusiva

Reportage di Eolienews su Giorgio Armani a Lipari. Dallo yacth ormeggiato a Marina Lunga, alla passeggiata e allo shopping sul Corso Vittorio Emanuele. Eolie e Eolienews sempre più "vippaiole" e giovedì arriva arriva a Lipari per un'altra grande serata alla discoteca Sealight, Fabrizio Corona

Salina: Giovanissimo perde la vita in un incidente stradale

Vincenzo Pittorino, 22 anni, di Leni (Salina) ha perso la vita a seguito di un drammatico incidente stradale verificatosi ieri pomeriggio lungo la provinciale che dal centro abitato conduce alla frazione di Rinella. Il giovane stava percorrendo in bici la strada quando, in prossimità di una semicurva, in prossimità del camping "Tre pini", per cause in corso di accertamento, si è scontrato con una moto Yamaha, condotta dal 24enne M.F. di Milazzo che procedeva in senso opposto. Immediatamente soccorso le sue condizioni sono apparse subito gravissime e i sanitari, che gli hanno riscontrato un gravissimo trauma cranico, hanno chiesto l'intervento dell'elicottero del 118 che ha provveduto a trasportarlo all'ospedale Papardo di Messina. Nella notte, nonostante il prodigarsi dei sanitari del reparto di neurochirurgia, è deceduto. Il giovane, così come la sua famiglia, era molto conosciuto nell'isola e collaborava con il padre nel negozio di elettrodomestici che questi gestisce a Santa Marina Salina. I carabinieri di Santa Marina Salina, al comando del luogotenente Gimmi Stefani, hanno avviato, di concerto con il dottor Francesco Massara della Procura della Repubblica di Barcellona, le indagini per accertare la dinamica dell'incidente ed eventuali responsabilità. Non si esclude un eventuale ricorso all'autopsia sul corpo dello sfirtunato isolano. Per il motociclista milazzese, quale atto dovuto, dovrebbe scattare l'iscrizione nel registro degli indagati.

Sottomonastero: "Divieto di sbarco" ma per chi?

Il sindaco di Lipari ha emesso, come da noi riportato, una ordinanza che, per motivi contingibili, legati alla salvaguardia della pubblica incolumità, vieta lo sbarco a Sottomonastero dei turisti dai cosidetti "barconi" turistici.
Un divieto "piccolo piccolo" e solo sulla carta se è vero che, in assenza di adeguati controlli(i vigili urbani non si possono certo moltiplicare), stamattina Sottomonastero è stata letteralmente invasa dai barconi. Dopo due giorni l'ordinanza sembra essere già "fumo". La foto da noi realizzata oggi (ingrandendola si può leggere giorno e ora), con ben cinque barconi che hanno "vomitato" centinia di turisti, è più eloquente di ogni altro commento.

Lipari: E' arrivato anche Giorgio Armani

Continua il "pellegrinaggio" dei vip nelle Eolie. Ieri sera è approdato a Lipari con il suo favoloso "Main" lo stilista Giorgio Armani. La consueta tappa nell'arcipelago prima di raggiungere la "sua" Pantelleria. Il 74 enne stilista, che l'undici luglio scorso ha festeggiato il suo compleanno in Sardegna, si è concesso una cena a base di pesce in un notissimo ristorante di Lipari centro. Poi, accompagnato da due guardie del corpo, si è concesso una breve passeggiata sul lungomare di Marina Lunga dove, in uno dei pontili galleggianti , è ormeggiato il suo yacht.
Armani stamattina è tornato sul corso Vittorio Emanuele dove ha fatto shopping in un negozio di articoli da mare. Poi, insieme al suo gruppo, si è fermato a fare colazione in un bar dell'isola. Tra qualche ora dovrebbe riprendere il largo con il suo megayacht.
Nel pomeriggio pubblicheremo le foto della passeggiata mattutina di Armani.