Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 13 gennaio 2018

Calcio a 5 di C1. Ancora una sconfitta per la Ludica Lipari

Non riesce a venire fuori dalla crisi di risultati la Ludica Lipari di calcio a 5. Oggi è stata superata in casa per 6 a 5 dal Santantonino.
A segno per la Ludica: Felice Puglisi (3), Daniele Pellegrino (2)
Cercasi badante h.24 per signora di Lipari non allettata. Necessario sappia parlare italiano. Condizioni economiche vantaggiose. Contattare il 338.115.2531

Calcio. Domani impegno casalingo per la Ludica

Domani alle 11 al Monteleone, per il campionato di calcio di seconda categoria, si affronteranno la Ludica Lipari e la Juvenilia. 

“L’Isola che c’è … lo sport a 360°”. Lunedì presentazione del progetto dell’Istituto Comprensivo “Lipari1”

Si svolgerà lunedì 15 gennaio 2018 alle ore 15,00 presso la Sala Convegni dell’Hotel LA FILADELFIA di Lipari l’evento di presentazione del Progetto “L’Isola che c’è … lo sport a 360°” dell’Istituto Comprensivo “Lipari1”, finanziato dall’Ufficio V – Politiche Sportive Scolastiche del MIUR.
Il Progetto è stato elaborato in partenariato con la FIPAV (Federazione Italiana Pallavolo) di Messina e in collaborazione con il Comune di Lipari, per offrire alle scuole delle Isole Eolie moduli settimanali di attività sportive in orario curricolare ed extra. Le attività didattiche saranno tenute da esperti individuati dalla FIPAV con il supporto dei docenti tutor interni. Si inizierà lunedì 22 gennaio su tutte le Isole dell’IC “Lipari1” con un orario settimanale che potrà essere ampliato ed incrementato. Al termine del training motorio e sportivo si realizzeranno nel mese di giugno dei mini tornei ed una giornata conclusiva a Lipari.
All’evento di presentazione saranno presenti la Dirigente Scolastica, il Responsabile dell’Ufficio V del MIUR, il Sindaco di Lipari, il Presidente del Consiglio di Istituto, i Sindaci di Salina, gli Assessori.
SI INVITANO TUTTI I GENITORI, DOCENTI ED ALUNNI DELLE SCUOLE DELLE ISOLE A PARTECIPARE !!!!

LA DIRIGENTE SCOLASTICA
IC LIPARI 1
Prof.ssa Mirella Fanti

Città Metropolitana di Messina, approvato il bilancio 2017

Un risultato straordinario quello raggiunto dalla Città metropolitana di Messina, e per essa dal Commissario straordinario Francesco Calanna, che nel brevissimo tempo a disposizione, con il supporto degli uffici finanziari dell’Ente e dell’Esperto Dario Paterniti Martello, ha intrapreso una intensa e complessa attività di programmazione economico-finanziaria volta alla definizione del riequilibrio e conseguentemente alla approvazione del bilancio 2107, come strumento imprescindibile e necessario per la sopravvivenza stessa dell’Ente, che altrimenti sarebbe stato destinato alla liquidazione per dissesto finanziario.
Dal monitoraggio dei conti è emerso che l’ex Provincia è un Ente sostanzialmente sano dal punto di vista finanziario, ma che è stata vicinissima al dissesto, per gli squilibri pregressi, oggi ripristinati.
Infatti nonostante allo stato attuale Palazzo dei Leoni funzioni con una cifra che è circa di un terzo più bassa di quella utilizzata una decina di anni fa; e nonostante l’attivo del bilancio consuntivo al 31 dicembre 2016, l’Ente sembrava condannato al dissesto, l’avanzo di amministrazione infatti risultava del tutto insufficiente a colmare il prelievo forzoso di 28 milioni di euro imposto dallo Stato per il 2017; una situazione paradossale se si pensa che l’ex Provincia non ha fatto mai ricorso all’anticipazione di cassa ne ha mai fatto registrare alcuna scopertura bancaria.
Per affrontare con successo tale delicata situazione è stato necessario approvare una manovra finanziario di circa 153 milioni di euro.
L’equilibrio di bilancio per il 2017 è stato raggiunto attraverso l’attuazione di misure straordinarie e all’utilizzo delle normativa più recente:
1.Gli strumenti previsti dal D.L. 50/2017, che consente di applicare l’avanzo libero e destinato e gli avanzi vicolati in base al rendiconto 2016.
2.L’adozione di un Bilancio su base annuale, anziché triennale
3.Una drastica riduzione della spesa basata su economie di fatto realizzate
4.Sopravvenienze attive per trasferimenti ex alluvionati della Regione Siciliana relative alla riemersone di circa 2,6 milioni di euro di residui attivi cancellati in precedenza
In sintesi al al Bilancio di previsione per l’esercizio 2017 risulta applicato, per il ripristino degli equilibri di parte corrente, ai sensi l'art. 18 del Decreto Legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96 - avanzo di amministrazione per un ammontare complessivo di € 10.426.154,56 di cui:
- Avanzo accantonato euro 550.000,00
- Avanzo vincolato euro 9.297.589,93
- Avanzo destinato euro 578.564,63
Ed agli investimenti l’avanzo complessivo di euro 5.470.489,05 di cui destinato euro 159.075,50 e vincolato di euro 5.311.413,55;
Il pluriennale 2018/2019 è stato approvato solo ai fini conoscitivi, essendone la Città Metropolitana esonerata ai sensi del richiamato D.L. 50/2017.
Una importante novità è costituita dall’inserimento in bilancio di uno specifico capitolo relativo al Masterplan, che pur avendo una gestione finanziaria separata, si inserisce a pieno titolo nella gestione finanziaria dell’Ente.
Per gli aspetti futuri, a partire dal 2018, relativi alle problematiche di pareggio di bilancio, è conducente ricordare quanto rassegnato nella Deliberazione n. 91/2017 dalla Corte dei Conti Sezione di Controllo per la Regione Sardegna, in ordine ad una possibile rimodulazione del prelevamento forzoso incidente sulla gestione corrente, parametrato rispetto alle entrate tributarie dell’Ente, piuttosto che all’intero importo dovuto nell’anno.
La superiore circostanza potrebbe mitigare, nei futuri esercizi, in assenza di interventi legislativi in favore delle Città Metropolitane, gli effetti nefasti del più volte richiamato prelievo forzoso.
In conclusione, è piena soddisfazione dell’Amministrazione avere scongiurato il dissesto finanziario ed aver posto le basi per il riequilibrio dei conti dell’Ente anche per gli esercizi futuri con tutti i mezzi che la normativa e la tecnica mette a disposizione, continuando con la politica di rigore nel taglio delle spese superflue, ma facendo gli investimenti dove sono necessari, ricorda il Commissario Calanna, soprattutto nelle strade e nelle scuole, per assicurare all’Ente una nuova prospettiva d’avvenire, nel solco delle dichiarazioni del Presidente della Regione Nello Musumeci : "Le ex Province devono essere potenziate “… i giocatori sul territorio devono essere le province, gli enti locali, i privati organizzati.. "Le province sono l'espressione del territorio, sono l'assemblea dei sindaci”.

Panarea. Recuperato dai Vigili del fuoco l'extracomunitario

E' stato ritrovato, in prossimità di una grotta a Panarea, il trentacinquenne marocchino del quale non si avevano notizie da circa 36 ore.
Ad recuperarlo l'elicottero dei Vigili del fuoco che, unitamente a Carabinieri, Guardia Costiera, squadra comunale di Protezione civile, volontari e familiari ha preso parte alle ricerche.
L'uomo, che da quanto trapela soffre di crisi ansioso - depressive, sarebbe in buone condizioni di salute.  

Intensificate le ricerche a Panarea, ma dell'extracomunitario "scomparso" nessuna traccia

Proseguono in terra e in mare a Panarea le ricerche dell'extracomunitario, un trentacinquenne marocchino, da tempo residente nell'isola, del quale non si hanno notizie da circa 36 ore. 
La scomparsa dell'uomo, che lavora come manovale in una impresa locale, è stata segnalata dai due fratelli, anche loro domiciliati nella piccola isola eoliana.
Alle ricerche stanno prendendo parte i Carabinieri, con la motovedetta di stanza a Lipari, la Guardia Costiera con una propria unità, un elicottero dei Vigili del fuoco, la squadra comunale dei volontari di Protezione civile, i familiari dell'uomo e diversi isolani. 
Per ritrovare l'extracomunitario, che a quanto trapela soffre di crisi ansiose - depressive, non viene tralasciata alcuna pista. Anche quella che abbia lasciato, in qualche modo, volontariamente, l'isola di Panarea.
Le ricerche andranno avanti, ancora per qualche ora, cioè sino a quando non calerà il buio e, se il marocchino non dovesse essere rintracciato, riprenderanno domani

Panarea. E' mobilitazione per un extracomunitario "scomparso"

E' mobilitazione a Panarea, in terra e in mare, per un extracomunitario, residente sull'sola, del quale non si hanno notizie da qualche giorno. A dare l'allarme sarebbero stati alcuni conoscenti.
Ricerche sono in corso anche in mare, ad opera della motovedetta dell'Arma dei Carabinieri, giunta da Lipari. 
Da Lipari partiranno da Pignataro, con il gommone della Protezione civile, per dar man forte nelle ricerche, anche diversi volontari del gruppo comunale di Protezione civile, coordinato da Bartolo Bonfante.

Il pezzo sarà aggiornato se ci saranno evoluzioni nelle ricerche

Domani si elegge il segretario PD a Lipari. Giacomantonio: "Io escluso dal nuovo signore delle tessere e patron del PD Eoliano ".

Riprendiamo questo testo dalla pagina fb del dottor Michele Giacomantonio e lo pubblichiamo:
Mi dicono che domani ci sarà l'assemblea degli iscritti per eleggere il nuovo direttivo e il nuovo segretario del circolo del PD delle Eolie. Eppure io non so niente sebbene sia iscritto al PD dagli inizi, sebbene sia fra i fondatori, negli anni 90, del Partito Popolare prima e della Margherita dopo, sebbene faccia parte del Direttivo del Partito, sebbene sia stato il fondatore del Movimento "Una speranza per le Eolie" che ha anticipato a Lipari lo schieramento del PD, sebbene sia stato Sindaco di Lipari per sette anni ecc.ecc.
Mi dicono che la mia esclusione sia stata imposta dal nuovo signore delle tessere e patron del PD Eoliano ad una schiera di pavidi e subalterni, che dovrebbero eleggerlo nuovo Segretario. Ma questo è un altro fatto di cui avremo modo di parlare. Cioè della resistibile ascesa di questo signore e di come si è trovato padrone del maggiore pacchetto di voti.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 13 Gennaio

Buon Compleanno a Cinzia Taranto, Marina Centorrino, Manori Wijayaratne, Rosaria Peluso, Vittorio  Pavone, Viktoriya Romashko, Cristina Cennamo, Caterina Cullotta 

Oggi è il 13 Gennaio. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Veduta da Sant'Angelo (Foto: Katia Merlino) -
Santo del giorno: Sant'Ilario
Sant' Ilario di Poitiers



Nacque Ilario a Poitiers, in seno al paganesimo, da una delle più illustri famiglie di Francia. Ecco come avvenne la sua conversione. Si pose un giorno a leggere la Sacra Bibbia, e giunto alle parole: « Ego sum qui sum: Io sono Colui che sono », ne fu fortemente impressionato. Continuò a leggere e illuminato sulla onnipotenza di Dio, piegò la mente ad adorarlo come suo Creatore e Signore. Essendo così disposto, ricevette il santo Battesimo. Modellò allora la sua vita secondo le massime del Vangelo, ed era così zelante nello spingere anche gli altri alla pratica delle virtù, che si sarebbe detto un sacerdote. Il popolo di Poitiers tanto lo ammirava, che unanimemente lo elesse proprio vescovo, nonostante tutte le sue rimostranze. Dopo la elezione, egli non si considerò più che come uomo di Dio, e predicava con zelo instancabile, muovendo i peccatori alla conversione.

Egli era pieno di riverenza per la verità, ed era pronto a tutto quando si trattava di prenderne la difesa. Avendo l'imperatore Costanzo radunato a Milano un concilio per la condanna di S. Atanasio, S. Ilario gli scrisse un libro in cui cercò di convincerlo a lasciar liberi i Cattolici di esercitare la religione cristiana coi loro vescovi, e per far meglio conoscere l'orrore in cui egli aveva l'eresia, si separò dalla comunione dei vescovi occidentali che avevano abbracciato l'Arianesimo. Costanzo lo fece esiliare in Frigia, ma i suoi fedeli non si staccarono da lui, ed egli continuò a governarli per mezzo dei sacerdoti. Nell'esilio il santo Vescovo non si lamentò mai dei nemici, anzi impiegò il tempo a scrivere varie opere dotte, tra le quali il Trattato della Trinità, in cui difende la consustanzialità del Padre, del Figliuolo e dello Spirito Santo così bene da essere chiamato il Dottore della Trinità; dimostrando che la Chiesa è una, fa vedere come tutti gli eretici siano fuori di lei. Spiega inoltre come l'Arianesimo non sia la vera dottrina, perchè non fu rivelata a S. Pietro. Altra sua opera è il libro sui Sinodi, per spiegare i termini di cui si servivano gli Ariani, dimostrandone le contraddizioni.

Intanto si radunò in Seleucia un concilio di eretici per annullare i canoni di quello di Nicea. S. Ilario vi fu invitato, ed egli vi si recò per difendere la vera fede, ma poi udendo le orribile bestemmie che si dicevano contro la divinità di Gesù Cristo, si ritirò a Costantinopoli, chiedendo di tenere in pubblico delle conferenze con l'eretico Saturnino. Gli Ariani se ne intimorirono. e tacciandolo di imbroglione e perturbatore della pace, lo fecero rimandare a Poitiers, dove fu accolto colla più grande allegrezza. Riunì allora un concilio nelle Gallie, vi condannò gli atti del concilio di Rimini, e scomunicò Saturnino. Questo concilio portò i più benefici effetti: cessarono gli scandali, e la fede fu riconosciuta in tutta la sua purezza. Morì l'anno 368. Negli scritti che ci ha lasciati, vi si trova uno stile nobile, fiorito, sublime, ma più che tutto, un vero spirito di pietà; egli non ebbe altro fine che di far conoscere il nome santo di Dio, ed infuocare i cuori della sacra fiamma del suo amore.

PRATICA. L'esempio di questo grande Dottore ci stimoli a confessar la verità senz'alcun rispetto umano. 

PREGHIERA. O Signore, che al popolo tuo desti per ministro di eterna salvezza il beato Ilario, deh! fa' che come l'abbiamo avuto dottore sulla terra, così meritiamo di averlo intercessore in cielo. 

MARTIROLOGIO ROMANO. A Poitiers, in Frància, il natale di sant'Ilario, Vescovo e Confessore, il quale, per aver difeso strenuamente la fede cattolica, fu relegato per quattro anni nella Frigia, e, fra gli altri miracoli, vi risuscitò un morto. Il Sommo Pontefice Pio nono lo dichiarò e confermò Dottore della Chiesa universale.

venerdì 12 gennaio 2018

Calcio. Ludica Lipari "perde" tre punti per strada per esclusione Merì dal campionato.

La Ludica Lipari, da qualche giorno, è scivolata a tre punti dalla vetta. La "scivolata" non è da addebitare alla formazione isolana, che sta ben facendo i questo campionato di seconda categoria, ma alla decisione della Lega di escludere dal campionato il Merì, in quanto non sarrebbe in regola con l'iscrizione.
L'esclusione della formazione barcellonese, in quanto avvenuta nel girone d'andata, comporta la perdita dei punti da parte delle formazioni che l'avevano già affrontata. Di conseguenza la Ludica che aveva vinto si vede togliere tre punti in classifica. La capolista Nasitana che aveva pareggiato uno.
Da ciò l'allungo di tre punti della formazione di Naso.
Escluso il Merì, ed essendo in origine le squadre al via di numero dispari, ogni squadra osserverà due turni di riposo. Probabilmente sarebbe stato meglio rimodulare il calendario.

Collegamenti. Da domani di nuovo in linea quattro aliscafi

Ultimati gli indispensabili interventi manutentivi su due mezzi, da domani i collegamenti veloci da e per le Eolie, garantiti da Libertylines, torneranno al "piano a 4", ovvero con quattro aliscafi in linea. 

Lettere al direttore. Il "disastro" del parcheggio dell'istituto comprensivo" Lipari 1". Ci scrive la signora D'Amico


Riceviamo e pubblichiamo: 
Da troppi giorni il manto stradale all'interno del parcheggio dell'istituto comprensivo" Lipari 1" , versa in condizioni disastrose. Una profonda buca si è aperta in prossimità del passaggio dei bambini dell'Istituto verso il plesso sportivo, mettendo a rischio la loro incolumità ma anche quella dei genitori che accompagnano i loro figli nel tardo pomeriggio presso il centro sportivo entrando dallo stesso parcheggio, peraltro in assenza di adeguata illuminazione.
D'Amico Alessia

Nel ringraziare la signora per aver evidenziato il problema, e per le foto allegate, ricordiamo che proprio mercoledì scorso avevamo affrontato l'argomento con l'articolo dal titolo: La pericolosissima buca nel parcheggio delle Elementari...in divieto di sosta! E non è l'unico pericolo!
L'articolo da noi pubblicato può essere letto cliccando su questo link  https://eolienews.blogspot.it/2018/01/la-pericolosissima-buca-nel-parcheggio.html


Percorsi formativi sostitutivi dell’obbligo scolastico, bando da 20 milioni

(lasicilia.it) E’ stato approvato l’avviso pubblico per la realizzazione dei percorsi formativi di istruzione e formazione professionale, sostitutivi dell’obbligo scolastico, per l’anno 2017-2018. Il bando, che sarà pubblicato a breve nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, sostiene l’attuazione e il finanziamento dei corsi di prima, seconda, terza e quarta annualità.
Con un intervento regionale di 20 milioni di euro, saranno coinvolti oltre 5.000 giovani di età compresa tra 18 e i 24 anni, che intendano conseguire un titolo professionale in grado di aumentarne le prospettive occupazionali. Il bando rappresenta, in particolare, uno strumento per combattere la dispersione e l’abbandono scolastico, sia in termini preventivi che di recupero.
“E’ un primo passo utile a restituire continuità al sistema della formazione professionale in obbligo scolastico – dice l’assessore Roberto Lagalla – attraverso un graduale processo di rinnovamento e miglioramento della qualità dell’offerta formativa”.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Consuelo Cataliotti, Iris Puglisi, Mara Perna, Alessandro Barchetta, Sergio Mollica, Fulvio Zavone, Gaetano Reale

Navi ed aliscafi (LXXVII° puntata)

Nelle foto di oggi il piroscafo "Basiluzzo. 1) A Milazzo 1967; 2) Pronto al varo e Vulcanello in costruzione; 3) Il comandante Guido De Vita sulla Basiluzzo; 4) Particolare della prua; 5) A Sottomonastero con il Gran Pavese; 6) Con il Vulcanello in porto a Milazzo

Alcuni non riescono proprio a essere civili!

Ricordate le piantine di ciclamino fatte mettere a dimora a Lipari dall'amministrazione, nel periodo natalizio? Ebbene qualcuna è "scomparsa", diventando bene di proprietà "privata", altre, invece, come è ben evidente da questa foto scattata stamane dall'amico Luciano Vivacqua, sono state sradicate e gettate a ridosso dei massi limitrofi al porto di Sottomonastero.
Purtroppo per alcuni il rispetto del bene collettivo è utopia, mentre è realtà l'inciviltà!

Oggi è il 12 Gennaio. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Veduta di Valdichiesa (Salina) -
Santo del giorno: San Bernardo da Corleone - 
San Bernardo da Corleone


Il suo vero nome era Filippo. Nacque a Palermo, terzo di sei figli. La sua giovinezza fu turbolenta, vissuta in un ambiente di soldati mercenari agli ordini della Spagna. Un giorno durante una rissa, ferì a morte un compagno un certo Vito Canino e cercò rifugio in un monastero. Fu questo l'inizio di una profonda trasformazione. Nel 1623 chiese di essere ammesso tra i cappuccini di Caltanissetta come fratello laico, e scoprì lo spirito di umiltà, di obbedienza e di penitenza.

Iniziato il processo di canonizzazione nel 1673, venne dichiarato beato solo il secolo successivo, nel 1768 da Clemente XIII e infine proclamato santo nel 2001.

Secondo una leggenda, durante il soggiorno a Bivona molti frati furono colpiti da un'epidemia di influenza. Quando anche Bernardo, che in quel momento rivestiva l'ufficio di infermiere, si ammalò riducendosi in fin di vita, staccò dal tabernacolo della chiesa la statuetta di san Francesco e la infilò nella manica del saio, rivolgendosi al santo con le seguenti parole:
« Serafico padre, tu lo sai che i tuoi frati di Bivona sono ammalati... chi si prenderà cura di essi? Ti avverto che non uscirai di qui se non quando mi avrai guarito »
Il giorno successivo, Bernardò tornò in salute e poté riprendere l'assistenza ai confratelli.
Sempre a Bivona, a Bernardo un crocifisso avrebbe parlato dicendogli: "Non cercare tanti libri, ti bastano le mie piaghe per leggere e meditare". Dopo quest'episodio il frate rinunciò al desiderio di imparare a leggere.

giovedì 11 gennaio 2018

Raccolta dei rifiuti, tra insoddisfazione e nodi da sciogliere. L'interrogazione dei consiglieri Lorizio e Fonti in un articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

Pazzie di fine settimana alla Matassa di via Marina Garibaldi a Canneto, accanto Supermercato D'Anieri. Solo per venerdì 12 e sabato 13 Gennaio trovi sconti del 50 e del 60%.
Vieni a trovarci...troverai qualcosa anche per te.. a prezzi vantaggiosissimi!

Pienamente agibile lo scalo aliscafi a Vulcano.

Torna pienamente agibile la parte dello scalo di Vulcano, adibito all’approdo degli aliscafi di linea, interessato martedì scorso dall’incidente occorso alla nave veloce” Isola di Stromboli” che, a causa di una forte raffica di vento, aveva impattato contro la struttura, danneggiandola. 
 La piena agibilità dello scalo arriva dopo che, a cura della società di navigazione Siremar – Caronte & Tourist isole minori. sono stati fatti eseguire i lavori, così come verificato oggi, durante un sopralluogo congiunto dell’Autorità marittima e dei tecnici del Comune di Lipari.

Vandali in azione a Castellaro

Due postazioni (nella foto) che dovevano servire al "rifornimento" delle auto elettriche sono state manomesse e danneggiate, in località Castellaro, dai vandali.
Cittadini nel segnalare l'accaduto invitano chi di competenza a metterle in sicurezza onde evitare danni, in particolare ai bambini della zona

Esitato bilancio di previsione 2017 della Città Metropolitana di Messina.

E' stato esitato dalla Giunta il Bilancio di previsione 2017 della Città Metropolitana di Messina.
Domani 12 gennaio 2018, alle ore 11.00, nella Sala Giunta di Palazzo dei Leoni il Commissario straordinario Francesco Calanna illustrerà gli aspetti principali del documento finanziario dell'Ente.

Aliscafi. Sino al tardo pomeriggio di domani ancora in vigore il "piano a tre"

Si protrarrà sino al tardo pomeriggio di domani il "piano a tre" (ovvero con tre aliscafi) di Libertylines, posto in essere per improrogabili interventi manutentivi su due dei mezzi in servizio nell'arcipelago eoliano.
Si tornerà con il "piano a quattro" con il rientro in linea dell'Ettore Morace, al comando di Andrea Tesoriero. 

Giorgianni a palermo.repubblica.it sulla vicenda dei fratelli Biviano: ""Servizio scaduto, non revocato"

“Il servizio non è stato revocato ma molto semplicemente è scaduto il 31 dicembre del 2017”: interviene così il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni, sulla polemica innescata dal post di Sandro Biviano, uno dei quattro fratelli affetti da una forma grave di distrofia degenerativa. Dal 1° gennaio, infatti, i fratelli Biviano - Sandro, Marco, Palmina ed Elena - non ricevono più l’assistenza domiciliare ”sociale” avendo ricevuto, grazie a un decreto regionale del marzo scorso, un contributo mensile di 1.800 euro a testa che comprende anche questo tipo di servizio.
“Nel loro caso c’è stato, secondo me, un accavallamento temporale – spiega Giorgianni - che ha confuso la situazione: quando hanno iniziato a ricevere il contributo mensile, nel maggio scorso, questa assistenza domiciliare non era ancora scaduta. Il che deve avere dato adesso ai Biviano la percezione che siano stati privati di qualcosa, mentre invece col contributo hanno automaticamente rinunciato al rinnovo. Ai disabili per i quali il contributo e la revoca del servizio sono arrivati contemporaneamente tutto è apparso più chiaro. In ogni caso l’assistenza era stata attivata dalla Regione, che per questo trasferiva i soldi al nostro Comune, trasferimento che è terminato a dicembre”. Un contributo di 88.400 euro l’anno per tutta la famiglia, a fronte però di ingenti spese cui sono costretti per la grave disabilità degenerativa: “Abbiamo previsto in bilancio 80 mila euro per integrare il servizio, per i Biviano e per tutti gli altri abitanti con disabilità. L’attenzione nei loro confronti resta altissima, aspettiamo solo il parere dei nostri legali per sapere definitivamente sa sarà possibile integrare nonostante la loro formale rinuncia, se saremo nelle condizioni di integrare, lo faremo senza esitare: è stato questo Comune ad acquistare l’anno scorso un pulmino per il trasporto di disabili di cui usufruiscono tutti i disabili, compresi i Biviano”.   

REGIONE: MUSUMECI, UNA CABINA DI REGIA PER LE INCOMPIUTE

Una “cabina di regia” con funzioni consultive che si riunisca periodicamente, presso la Presidenza della Regione, con l’obiettivo di poter accelerare lo sblocco di alcune delle opere incompiute nell’Isola. L’ha annunciato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, al termine dell’incontro che stamattina ha avuto con i responsabili dei nove Uffici regionali del Genio civile, insieme all’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone e al dirigente generale del dipartimento tecnico, Vito Palizzolo. A comporre il gruppo di lavoro un rappresentante di ogni Genio civile, della Presidenza della Regione ed esperti del settore.
“Se nei prossimi mesi - ha affermato il presidente della Regione - riuscissimo ad avviare anche solamente il 10% dei cantieri di lavoro, che per vari motivi sono bloccati, contribuiremmo a rimettere in moto dai 400 ai 500 milioni di euro, con un’enorme ricaduta sull’occupazione regionale, oltre al completamento di opere importanti. In questo momento, al di fuori di questo Palazzo c’è disperazione, sfiducia e rassegnazione. Tutti dobbiamo fare qualcosa per lasciare a questa terra un minimo di speranza. Non chiediamo miracoli, ma una marcia nuova. Perchè non possiamo fare in Sicilia quello che fanno delle altre Regioni?”
Dalla relazione dei responsabili degli uffici, che rappresentano il braccio operativo della Regione sul territorio, è emersa una carenza cronica di personale, soprattutto di figure tecniche, dovuta a pensionamenti e trasferimenti nel corso degli anni scorsi. Oltre all’esigenza di modificare alcune norme obsolete per consentire una più spedita attività burocratica, soprattutto nel settore delle acque. Altra richiesta avanzata quella di potenziamento dell’informatizzazione e digitalizzazione degli uffici per facilitare anche lo scambio rapido di informazioni, oltre a colmare, almeno in parte, la carenza di personale. Affrontato anche il tema dell’approvvigionamento idrico, per uso irriguo e potabile. In questa logica, il presidente della Regione ha evidenziato come bisogna porsi il problema adesso, mettendo in campo tutti gli interventi necessari per evitare il rischio siccità in previsione dell’estate e in tal senso ha chiesto una relazione sulle soluzioni che possono essere attuate in ogni provincia.
“Vi ho voluto incontrare - ha concluso Musumeci - per prendere atto della situazione, facendovi percepire anche la nostra vicinanza, consci dell’importanza che rappresentante sul territorio. Dobbiamo fare un percorso comune e non è immaginabile che il Genio civile abbia una marcia diversa dal governo. Vedremo di risolvere le difficoltà di risorse umane e strumentali che mi avete segnalato e per questo è mia intenzione visitare gli uffici per rendermi conto delle strutture e del grado di motivazione del personale”.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Massimiliano Bertano, Felice Merlino, Naima Karoui, Albarosa Sgroi, Marco Lo Schiavo, Giuseppe Giuffrè

Dipartita Mons. Adornato. I ringraziamenti del Capitolo della Cattedrale

Oggi è l'undici Gennaio. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Pescatori eoliani (dal web) -
Santo del giorno: Sant' Igino - 


Sant' Igino


Nacque in Atene e fin dalla sua giovinezza si distinse per il suo eccellente carattere, per le sue virtù e le eminenti qualità morali ed intellettuali.

Eletto Papa nel 139, istituì dei gradi ed una gerarchia nel clero. Durante il suo pontificato che durò solo quattro anni, non infierirono tanto le persecuzioni contro la Chiesa, ma sorsero due eresie che non erano certo da preferirsi ad una persecuzione.

Un certo Cerdone, che all'apparenza sembrava un fervente cristiano, si pose ad insegnare che vi sono due dei : uno dell'Antico Testamènto, rigoroso e severo, l'altro del Nuovo, buono e misericordioso.

Il Santo Papa, che era vigilantissimo, si accorse di questo errore, e condannò Cerdone, scomunicandolo. Questi finse di pentirsi, ed Igino lo accettò di nuovo nella comunione dei fedeli; ma continuando l'ipocrita ad insegnare nascostamente i suoi errori, lo scomunicò per la seconda volta.

I fedeli, in seguito a questa scomunica di Cerdone, riflutaronò la sua dottrina falsa, eccettuati pochissimi che vollero ostinatamente ritenere l'errore.

Ma ecco sorgere un nuovo pericolo per la Chiesa e per il gregge di Cristo: pericolo che mise il santo Pontefice in trepidazione per le anime affidate alla sua cura.

Assieme a Cerdone vi era un altro eresiarca, di nome Valentino, il quale insuperbito del suo sapere, ed offeso per non essere stato creato vescovo, si pose a rinnovare parecchie empietà di Simon Mago, alle quali egli aggiungeva altre stravaganti assurdità. Dapprima insegnò in Alessandria, poi a Roma; tuttavia Papa Igino non lo scomunicò, ma cercò di farlo ravvedere e guadagnarlo a Gesù Cristo.

Dopo aver difesa la Chiesa contro coloro che volevano lacerarne le membra, dopo aver difesa la dottrina del Vangelo, mori nel 142. Si crede che Sant' Igino non abbia subìto il martirio, ma tuttavia sia stato annoverato fra i martiri, per le persecuzioni che ebbe a sopportare nel tempo del suo pontificato.

Fu sepolto in Vaticano accanto al Principe degli Apostoli. .

PRATICA. Ad imitazione di S. Igino, proponiamoci di essere fedeli nei nostri doveri, e di guardarci dalle parole di coloro che non temono il Signore. 

PREGHIERA. Riguarda, o Dio onnipotente, la nostra debolezza, e perché siamo aggravati dal peso delle nostre cattive opere, ci protegga la gloriosa intercessione del tuo beato martire e Pontefice Igino.

mercoledì 10 gennaio 2018

Vulcano, nave veloce finisce contro molo. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi

Le segnalazioni dei lettori. Via Roma...grata non solo avvallata ma anche "mutilata"

Assessore Orto, lo dispone un intervento prima che qualcuno si faccia male?

Mons Alfredo Adornato: Il suo servizio reso alla nostra amata Chiesa che è in Lipari. (Di Don Giuseppe Mirabito)

Il "cammino" di Monsignor Alfredo Adornato:
24 agosto 1946 in Cattedrale a Lipari da S.E.R. Mons. Salvatore Bernardino Re ofm cap. riceve gli ordini minori di Ostiario e Lettore
24 agosto 1947 in Cattedrale a Lipari riceve S.E.R. Mons. Salvatore Bernardino Re ofm cap.gli ordini minori di Esorcista e Accolito
27 febbraio 1949 nella Cappella del Seminario di Patti da S.E.R. Mons. Angelo Ficarra riceve il Sacro Ordine del Diaconato
14 agosto 1949, giorno del suo onomastico, nella Cattedrale di Lipari riceve da S.E.R. Mons. Bernardino Salvatore Re ofm cap. il Sacro Ordine del Presbiterato
15 agosto 1949 celebra nella Parrocchia di San Giuseppe in Lipari, con assistenza Pontificale di S.E. Mons. Vescovo, la prima S. Messa
12 febbraio 1950 viene dal Vescovo nominato Cappellano della Chiesa dell’Addolorata in Lipari
1 dicembre 1950 viene dal Vescovo nominato Curato di San Gaetano in Rinella
15 gennaio 1952 viene nominato dal Vescovo Vice cancellerie della Curia Vescovile di Lipari
1 febbraio 1954 viene nominato Canonico della Cattedrale di Lipari
1 aprile 1957 in seno al Capitolo riceve l’ufficio di Canonico Penitenziere
15 ottobre 1958 viene nominato Vicario Economo della Parrocchia di San Cristoforo in Canneto
1 marzo 1962 viene nominato Parroco della Cattedrale
7 ottobre 1962 insieme a mons. Divola partono per Roma dove, nella prima fase partecipano come rappresentanti della Diocesi di Lipari, ai lavori del Concilio Vaticano II che viene inaugurato l’11 ottobre 1962.
1 ottobre 1966 viene nominato, insieme alla Cattedrale, Vicario Economo di San Pietro e di San Giuseppe in Lipari
1 ottobre 1967 viene nominato Parroco di San Pietro in Lipari
6 agosto 1970 viene nominato “delegato ad omnia” per la Diocesi di Lipari
18 luglio 1973 viene nominato Vicario generale della Diocesi di Lipari da S.E.R. Mons. Salvatore Di Salvo
3 ottobre 1973 Paolo VI lo annovera tra i cappellani di Sua Santità concedendo il titolo di Monsignore
1 ottobre 1974 viene nominato Arcidiacono del Capitolo della Cattedrale di Lipari
21 gennaio 1978 la CESI lo nomina Giudice del Tribunale Ecclesiastico Siculo
22 giugno 1979 è nominato da S.E.R. Mons. Cannavò, Cancelliere Vescovile di Lipari
16 luglio 1982 Mons. Cannavò lo nomina Vicario Generale della Diocesi di Lipari
11 ottobre 1997 da S.E.R. Mons. Marra viene nominato Vicario Episcopale per il Territorio delle Isole Eolie
8 gennaio 1998 Giovanni Paolo II lo annovera tra i “Prelati d’onore”
Da ricordare inoltre la sua presenza a Vulcano dal 1982 al 2005. E, naturalmente, la sua disponibilità a servire, in questi ultimi anni, le parrocchie di Lipari senza mai risparmiarsi e, sino alla fine.

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Maria Antonietta La Greca, Enzo Mottola, Gabriele Biviano, Luana Ingrid Fiordalisi, Giulio Russo, Onofrio Taranto

Navi ed aliscafi (LXXVI° puntata)

Nelle foto di oggi: L'Antonello da Messina

La pericolosissima buca nel parcheggio delle Elementari...in divieto di sosta! E non è l'unico pericolo!

 La pericolosissima buca, che insiste nel parcheggio retrostante le Elementari di Lipari centro e il Palasport "Nicola Biviano", è in ...divieto di sosta".
Da qualche giorno, infatti, come è evidente nella foto è stata coperta e segnalata con questo segnale.
Al di là del fatto che andava posizionato un segnale di pericolo, vogliamo evidenziare la necessità dell'effettuazione di un intervento radicale, definitivo e non palliativo come quello messo in atto sul finire dello scorso anno, quando avevamo segnalato tale situazione.
Vogliamo ricordare agli addetti ai lavori che, probabilmente, non basta un poco di cemento in superficie, visto che si intravede una "voragine".
Ma non è l'unica situazione di pericolo. A fargli compagnia, nelle immediatezze, anche questa parte di muro divelto con tanto di ferro sporgente.
Ritenete sia il caso d'intervenire o prima qualcuno si deve fare male.
Facciamo anche voti alla dirigente Fanti, sempre molto sensibile alle problematiche che interessano la scuola, affinchè solleciti al Comune un intervento!

Aliscafi. Oggi pomeriggio e domani "piano a tre" per indispensabile manutenzione a mezzi.

 
Liberty Lines comunica che oggi pomeriggio e domani sulla linea Eolie sarà in vigore il piano a 3. 
Tale piano si è reso necessario per opere di manutenzione su 2 unità, non più rinviabili. 
Per gli orari dei collegamenti previsti e/o omessi contattare le biglietterie sociali

Oggi è il 10 Gennaio. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

La piscina di Venere (Vulcano) -
Santo del giorno:  Sant'Aldo - 


Cerca un santo:

Sant' Aldo

Sant' Aldo


La figura di Sant'Aldo è ancora in attesa di una chiara ricostruzione: infatti oltre alla memoria del nome, ci sono giunte solo scarse notizie che lo riguardano. Probabilmente visse intorno al VIII secolo. Di sicuro si conosce il suo luogo di sepoltura, prima nella cappella di San Colombano e ora nella basilica di San Michele a Pavia.

Il suo nome non è riportato nel Calendario della Chiesa Cattolica e nemmeno nel Martirologio Romano. Lo si trova nell'agiografia redatta dai gesuiti belgi detti Bollandisti, redatta nel XVII secolo e nel Martirologio dell'Ordine benedettino.

La tradizione lo vuole carbonaio, una attività che poco si concilia con il concetto di eremita dei nostri giorni. Ma essa ben si sposa con la tradizione dei monaci irlandesi di San Colombano dove visse una vita monastica.

La presenza del suo nome nel Martirologio benedettino ne fa presupporre il suo legame con il monastero benedettino di Bobbio fondato da San Colombano nel 614.

martedì 9 gennaio 2018

Sciame sismico alle Eolie. Tre scosse nelle ultime tre ore. La più forte di magnitudo 3.6

Tre scosse di terremoto, nell'arco delle ultime tre ore, sono state registrate in mare, al largo di Alicudi. La prima alle ore ore 15:43 (magnitudo 3.2, ipocentro a 20 km. di profondità). La seconda alle ore 17:58 (magnitudo 3.6 , ipocentro a 19 km. di profondità. La terza alle ore 18:36 (magnitudo 2.2 ,ipocentro a 6 km di profondità)

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi

Buon Compleanno a Manuela Bongiorno, Mimmo Fonti, Manuela Paterniti, Gianmarco D'Ambra, Caterina Famularo, Yaia Taranto Marchetta

Rifiuti. Cresce il costo per il cittadino, non migliora il servizio. L'interrogazione dei consiglieri di Noi Eoliani

Al Signor
Sindaco del Comune di
Lipari
p.c. Assessore Ecologia
Al Signor
Segretario Comunale
Presidente del Consiglio Comunale
Lipari
Capi Gruppo Consiliari
oggetto: interrogazione URGENTE a risposta scritta.
I sottoscritti consiglieri comunali Giuseppina Lorizio e Gesuele Fonti
Premesso che, lo scrivente gruppo consiliare ha presentato le seguenti interrogazioni: n. 1/2017 del 4 luglio 2017 e n 7/2017 del 25 settembre 2017;
Che con note del 27 settembre 2017 n. 21358 e 20 ottobre 2017 n. 23189, alle su dette interrogazioni è stata dada parziale e raffazzonata risposta e comunque non esaustiva delle nostre richieste per la quale la S.S. risulta essere omissivo, atteso ad oggi, fra le altre cose, non ci sono state comunicate le reali cause per le quali il servizio di raccolta dei rifiuti nel suo complesso risulta non essere eseguito in modo confacente al pubblico interesse;
Che, ad oggi, nonostante le nostre segnalazioni, non sembra siano state poste in essere da parte dell’amministrazione, nonché dei funzionari preposti, iniziative utili tendenti a ripristinare la legalità, atteso che, a tutt’oggi, viene quasi totalmente disatteso il capitolato di appalto di appalto, il piano aro e il piano di intervento;
Che in data 8 novembre 2017, è stato approvato il piano finanziario dei rifiuti per il triennio 2017/2019 è il piano di intervento 2017 - 2024;
Che in sede di approvazione del piano finanziario e piano di intervento i sottoscritti hanno fortemente contestato lo stesso, evidenziando che il servizio così come previsto nel piano predisposto dalla S.R.R ME Isole Eolie, non sarà in grado di soddisfare le esigenze del territorio con particolare riferimento al servizio di raccolta porta a porta tanto costoso quanto irrealizzabile soprattutto nel centro storico di Lipari, alla raccolta differenziata;
Che, i predetti piani prevedono dal 1° gennaio l’aumento del costo del servizio per circa € 450.000,00, da noi fortemente contestato, anche perché l’ente per i primi quattro mesi del 2017 si è impegnato in sede di gara con l’attuale impresa esecutrice del servizio, ne tantomeno è possibile stravolgere lo stesso affidamento facendo eseguire prestazioni accessorie che accessorie non sono, ed in ogni caso, dal 1° gennaio nulla è mutato nella esecuzione del servizio;
Che, il predetto piano prevedeva che l’impresa aggiudicataria provveda a fornire tutte le attrezzature necessarie al fine dell’esecuzione del servizio;
Che, di fatto, il bilancio di previsione per l’anno 2018, così come da noi evidenziato, viene travisato atteso che, lo stesso, prevede fondi per l’aumento della T.I.A. per servizi da rendere a partire dal 1° gennaio 2018 che invece non vengono eseguiti;
Che, con la determina n. 111 a firma del Dirigente del 3° Settore si dispone l’acquisto di n. 114 cassonetti stradali per un importo di € 34.166,10 con affidamento diretto alla ditta esecutrice del servizio senza nessuna forma di evidenza pubblica, in sostituzione degli attuali di proprietà della ditta appaltatrice;
Che, le predette attrezzature (cassonetti) sin dall’anno 2001 sono state fornite dalle ditte esecutrici del servizio;
Che, appare incredibile come, da una parte l’ente esternalizza i servizi rivolgendosi al mercato, mentre dall’altra, incomprensibilmente, e forse in modo illegittimo, si sostituisce all’imprenditore acquistando beni strumentali all’espletamento del servizio, obbligo questo che spetterebbe alla ditta esecutrice del servizio;
Che, allo stato non è dato conoscere se è stata avviata la procedura per l’affidamento di tutti i servizi di igiene urbana dalla raccolta allo spazzamento e trasporto, terrestre e marittimo, che si rammenta deve avvenire nel più breve tempo possibile, al fine di evitare eventuali o ulteriori proroghe;
STANTE QUANTO SOPRA
si interroga per conoscere
Quali sono le reali motivazioni che hanno portato l’amministrazione ad acquistare n. 114 cassonetti stradali da “utilizzare in sostituzione di quelli danneggiati” di proprietà dell’impresa esecutrice del servizio, la quale è obbligata a sostituirli a proprie spese;
In considerazione che, nel piano di intervento per gli anni dal 2018 al 2024 pag. 50 alla voce “investimento per acquisto attrezzature” è prevista la somma di € 115.000,00 per l’acquisto di n. 500 cassonetti stradali, se lo stesso piano di intervento è stato modificato, concedendo la possibilità per l’ente di acquistare cassonetti;
A chi spetterà una volta posizionati i cassonetti, la manutenzione a l’assicurazione degli stessi;
I motivi che hanno indotto ad optare per l’affidamento diretto della fornitura senza procedere all’espletamento di procedura mediante evidenza pubblica, così come previsto dalla normativa, affidandosi invece all’unico preventivo fatto pervenire dall’impresa, sembrerebbe, ancorché non richiesto.
La presente interrogazione riveste carattere di urgenza per la quale si richiede risposta scritta nel più breve tempo possibile, in ogni caso, si richiama all’art. 27 della L.R. 26/08/1992 n. 27
________________________ _________________________
Giuseppina Lorizio Gesuele Fonti

Assistenza ai fratelli Biviano. Giorgianni parla di strumentalizzazione e chiarisce la situazione

Comunicato del sindaco di Lipari
Mi corre obbligo di  rispondere, dopo il comunicato- esternazione del Signor Sandro Biviano, almeno per ristabilire la verità. Mi rendo conto di trattare un argomento difficile che coinvolge  la sensibilità di tutti, ma il chiarimento è necessario  soprattutto per le strumentalizzazioni subito seguite e che sono sicuro non  condivise dal Signor Biviano. A questo post è subito seguita una interrogazione,  alla quale sarà data adeguata risposta, e un volgare, offensivo e falso commento che invece merita da parte dell’ Amministrazione un’adeguata azione, nelle dovute sedi,  a tutela della dignità di tutti i suoi componenti.
Il servizio interrotto per la Famiglia Biviano è quello dell’assistenza domiciliare con l’utilizzo di operatori O.S.A. Tale servizio non è più finanziato dalla Regione Siciliana. Lo stesso  aveva una durata di quattro anni, (il Comune di Lipari ne era solo l'attuatore). La Regione Siciliana ha invece  attivato degli interventi previsti per le disabilità gravissime.
Nello specifico, oltre alle normali forme di tutela previste dalle istituzioni per l’aiuto ai casi di disabilità gravissima (Accompagnatori, pensione di invalidità ….), tutti i componenti della Famiglia Biviano dal 2017 percepiscono una cospicua indennità per sostenere lo stesso servizio che non può essere replicato con diversa forma di assistenza.
Nell’inserimento dei soggetti aventi diritto a tale indennità,  tutti, compreso i Signori Biviano,  hanno sottoscritto alla A.S.P. un Patto di cura,  con il quale rinunciano ad altre forme di assistenza indiretta, percependo  una importante indennità da utilizzare per ottenere gli stessi servizi.
L’Amministrazione  è stata sempre molto sensibile a tutte le disabilità gravi e gravissime. Infatti oltre alle passate iniziative tra cui  l’acquisto del pulmino, nel  bilancio del 2017 in accrescimento alle molteplici iniziative finanziate con copertura regionale,  dai fondi comunali della spesa corrente,  sono state programmati  ulteriori  interventi, per un totale di 220.000,00 euro,  anche in ottemperanza ad una circolare Assessoriale Regionale e di cui daremo presto ampia notizia trattandosi di impegni assunti solo da qualche giorno e che coinvolgeranno tutti i disabili gravi e gravissimi.                                                IL  SINDACO

Il cordoglio del Centro studi per la dipartita di Mons. Adornato

CENTRO STUDI E RICERCHE DI STORIA E PROBLEMI EOLIANI

COMUNICATO STAMPA
Il Centro Studi Eoliano partecipa al cordoglio della comunità per la perdita di Mons. Alfredo Adornato, figura pregevole di sacerdote, studioso e docente, protagonista della vita ecclesiale locale per oltre sessantanni, lascia tanti ricordi e numerose pubblicazioni, una delle quali: “Pyrologia Topostorigrafica dell’Isole di Lipari”, edita dal Centro con la prefazione del Prof. Giuliano Vassalli.
Numerosi ed alquanto pregiati gli interventi di Mons. Adornato durante i Pomeriggi Culturali. Le Eolie perdono una figura che con il proprio operato ha tracciato un solco importante nella storia dell’arcipelago.
Ufficio Stampa Centro Studi

L'ultimo saluto a Monsignor Alfredo Adornato (foto del nostro collaboratore Bartolo Ruggiero, quarta parte)


Corte dei Conti e rilievi mossi al Comune di Lipari (di Angelo Sidoti) (II° parte)

Andiamo al secondo motivo contenuto nel provvedimento della Corte dei Conti del 2016:
Superamento delle soglie fissate dai parametri di cui al D.M. 18/02/2013, peraltro più volte rilevati dal Ragioniere Generale come da ultima sua relazione del 15/11/2017 relativa alla verifica degli equilibri finanziari del III Trimestre 2017 (Delibera di Giunta del 06/12/2017).
Non mi soffermerò sui singoli parametri ma soltanto sulle motivazioni espresse dall’Amministrazione.
“Il Comune in memoria non ha contestato la criticità”, di conseguenza conferma l’esistenza di alcune inefficienze rappresentate dai seguenti motivi/spiegazioni (direi ormai note da tempo):
1)     Ritardo degli incassi per ICI – IMU e Tarsu e per proventi del servizio idrico integrato (da relazione periodica del Rag. Generale 15/11/2017 “il servizio idrico continua ad avere difficoltà per le proprie riscossioni);
2)     Superamento della soglia del parametro relativo ai volumi dei residui passivi dettato dalle partite impegnate in prossimità della fine di ogni esercizio e al prelievo dello Stato sugli incassi IMU
3)     Incremento procedimenti di esecuzione forzata
4)     Consistenza debiti fuori bilancio
Queste le osservazioni del Sezione Controllo:
“Il Comune è tenuto ha espletare in maniera puntuale le attività di accertamento tributario e a procedere in modo solerte alla riscossione coattiva”. Inoltre, ha l’obbligo (non facoltà) di vigilare sull’efficienza e sulla tempestività del recupero crediti.
“E’ necessario assicurare la tempestività dei pagamenti, al fine di evitare procedure di esecuzione forzata, che comportano per l’amministrazione un significativo aggravio di costi per spese legali e interessi”
“Occorre contenere il fenomeno dei debiti fuori bilancio”.

Certo che richiamare tra le motivazioni il prelievo dello Stato per l’IMU, che non è esclusiva del Comune di Lipari ma bensì di tutti i Comuni d’Italia, mi sembra molto riduttivo.Inoltre, il persistere di queste osservazioni è facilmente riscontrabile dalle stesse relazioni del Ragioniere Generale, che forse dovrebbe utilizzare termini più tecnici che politici per rappresentare lo stato di fatto della situazione finanziaria dell’Ente anziché “suicidio assistito in termini di gestione di cassa”.

"Isola di Stromboli" ha anticipato partenza da Lipari per peggioramento situazione meteo

La nave veloce "Isola di Stromboli", che stamane è stata protagonista, causa il forte vento, di un lieve incidente a Vulcano, ha ripreso regolarmente il mare, seppure con oltre un'ora di anticipo sull'itinerario orario.
Il mezzo Siremar, contrariamente a quanto era stato comunicato in un primo momento ai passeggeri, ha imbarcato passeggeri e mezzi diretti Milazzo. La partenza è stata anticipata, dalle 16 e 30 alle 15 e 15, per via del rinforzare dello scirocco e, quindi, l'impossibilità a rimanere ormeggiata in sicurezza a Sottomonastero.  

Una fortissima raffica di vento e la nave "Isola di Stromboli" urta approdo aliscafi di Vulcano

 

(aggiornato alle 13 e 58) Piccolo incidente stamane, intorno alle 10 e 35, per la nave veloce "Isola di Stromboli" nel porto di Vulcano. 
Il mezzo, che stamane unitamente alla nave Bridge e agli aliscafi Liberty Lines, ha collegato l'arcipelago eoliano con Milazzo, era ormeggiato nello scalo vulcanaro quando una fortissima raffica di vento (che ancora imperversa nelle Eolie) l'ha sospinto contro la struttura in cui approdano gli aliscafi. 
L'urto avvenuto lateralmente non ha causato grossi danni all'Isola di Stromboli mentre, invece, è andato danneggiato l'approdo degli aliscafi. 
Nessun danno per i passeggeri, l'equipaggio e i mezzi che si trovavano a bordo. 
All'arrivo a Lipari la nave veloce ha ricevuto la "visita" dell'Autorità marittima per gli accertamenti del caso e attualmente è fermata in porto. 
A passeggeri che dovevano imbarcarsi sulla nave, per il collegamento delle 16 e 30 Lipari - Vulcano - Milazzo, è stato comunicato dall'agenzia che il mezzo ripartirà "causa avaria", senza passeggeri e mezzi a bordo
L'approdo aliscafi di Vulcano. con un  intervento "tampone" (vedi foto) è, comunque, agibile e già nelle prossime ore sarà posto in essere l'intervento definitivo. 

L'ultimo saluto a Monsignor Alfredo Adornato (foto del nostro collaboratore Bartolo Ruggiero, terza parte)