Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 27 luglio 2019

DAL POMERIGGIO DI DOMANI, ARRIVA IL PONENTE: SI PREANNUNCIA MARE MOLTO MOSSO. PREVISIONI MEOEOMARINE EOLIE A CURA DI GIUSEPPE LA CAVA

All'alba di Domenica 28 una bassa pressione, con valori di 1004 millibar, si avvicinerà alle Eolie. Al suo seguito si prevede un rinforzo dei venti di ponente, a partire dal settore occidentale dell'arcipelago, in propagazione dal pomeriggio a tutto il comprensorio eoliano.
Il ponente soffierà teso con locali rinforzi. 
Il moto ondoso tenderà ad aumentare da mosso a molto mosso nel pomeriggio - sera al largo delle Eolie. 
Tra la sera e la notte aumenterà il tasso di umidità, assumendo valori medio - alti per il sopraggiungere di venti tesi di ponente maestro.
Nella mattinata di Lunedì 29, alla quota di 1500 metri, la temperatura diminuirà di circa 8 C rispetto al giorno precedente , mentre al suolo la colonnina di mercurio non supererà, nel primo pomeriggio, la soglia dei 27 C. 
Lo stato del mare continuerà ad essere molto mosso per onde di mare lungo.
Si prevede un'attenuazione dei fenomeni nella mattinata di Martedì 30. 
PER MAGGIORI INFORMAZIONI VISITATE LA PAGINA FACEBOOK DI METEOEOLIE. ( Previsioni elaborate Venerdì 26)

Brucia da giorni e nessuno...interviene. Vergogna!!! (di Carlo Lanza)

Così  scrive l'ex presidente della Circoscrizione di Stromboli, Carlo Lanza che ci ha inviato ilfilmato dell'incendio che sta attanagliando l'area sopra "Punta dell'olmo":  "Brucia da giorni e nessuno...interviene. La natura deve fare i conti con le economie della Regione. Penso sia ingiusto sacrificare tutta la flora e la fauna dell'isola!!!. Una vergogna!"

Stromboli in piena attività. Forti esplosioni e piccoli roghi. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 27.07.19

Stromboli...anche oggi esplosioni e incendi (video)

Continua intensa l'attività esplosiva dello Stromboli (ben visibile dalle altre isole). E questo è nella "normalità" attuale. Continuano pure a svilupparsi incendi in un'area tra Stromboli e Ginostra (sopra Punta dell'Olmo). Area che, praticamente, è sempre la stessa, da decine di giorni. La foto è di adesso, quasi in tempo reale
IL VIDEO REALIZZATO UN'ORA FA:

TGweb GEOSCIENZE News - Bollettino sismico, ultime 2 settimane, ed eruzione Etna 30 maggio - 5 giugno 19

Nuova puntata di GEOSCIENZE News, il TG web dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) realizzato in collaborazione con ANSA - Scienza & Tecnica. 
Nella prima parte dedicata al bollettino sismico, la ricercatrice INGV Lucia Margheriti fa un quadro dei terremoti avvenuti nelle ultime due settimane in Italia. 
Dal 10 luglio la rete sismica nazionale ha registrato 515 eventi, due dei quali di magnitudo pari o superiore a 3.0. 
La seconda parte è, invece, dedicata all’approfondimento scientifico, con il vulcanologo Marco Neri che ci parla dell'eruzione etnea del 30 maggio - 5 giugno 2019.

Lipari. Arrestato 60enne. Deve scontare 11 mesi di reclusione.

COMUNICATO
I Carabinieri della Stazione di Lipari, in esecuzione di un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto (ME), hanno arrestato il 60enne S.F. per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, commesso in Lipari il 5 agosto 2007. 
L’uomo è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto per espiare la pena residua di 11 mesi di reclusione

Regione. Bando per ventisette edifici da dare in concessione a privati. Ve ne è uno a Marina Corta

Prosegue l’attività di valorizzazione, da parte della Regione Siciliana, dei beni immobili situati sul demanio marittimo. E’ stato pubblicato nei giorni scorsi, infatti, da parte dell’assessorato al Territorio e ambiente, il secondo bando per l’assegnazione ai privati di ventisette edifici sparsi in sei province dell’isola: Agrigento, Caltanissetta, Catania, Messima, Palermo e Trapani.
L’iniziativa avviata dal governo Musumeci prevede la concessione delle strutture - a titolo oneroso con procedura di evidenza pubblica - per un periodo che varia da sei a cinquant’anni. Prevista la possibilità di nuove destinazioni d’uso finalizzate allo svolgimento di attività economiche compatibili con gli utilizzi del demanio marittimo.
Si tratta di strutture quali ex depositi, caserme, magazzini, torri antiche e vecchi fabbricati ormai abbandonati, posti in siti di particolare interesse paesaggistico che - attraverso l’esecuzione di interventi di manutenzione straordinaria, consolidamento, ristrutturazione, recupero o, comunque, di riqualificazione - possono essere restituiti alla pubblica fruizione e contemporaneamente messi a reddito.
«Abbiamo trasformato - commenta il presidente della Regione Nello Musumeci - il patrimonio perduto dei beni storici collocati sul demanio marittimo in un elemento di attrattività e valorizzazione del territorio. E’ stato necessario un lungo e attento lavoro di ricognizione. Con la pubblicazione del secondo bando possiamo dire che siamo riusciti a garantire la conservazione e il recupero di strutture storiche, alcune delle quali risalenti al XVII o al XVIII secolo e la loro messa a reddito. L’affidamento, che avverrà attraverso un’attenta analisi delle richieste darà modo all’imprenditoria sana di Sicilia di mettersi in gioco e partecipare alla valorizzazione delle nostre ricchezze».
Sono stai messi a bando i seguenti beni. 
Quattro in provincia di Agrigento: ex “Cantiere Grazia” e “Palazzina Piloti” siti nel porto di Licata, oltre a due lotti del fabbricato sbarcatoio nel porto di Lampedusa. 
Tre nel Nisseno, tutti a Gela: la cosiddetta “Conchiglia”, il “Lido Eden” entrambi sul Lungomare Federico II di Svevia e un pontile sbarcatoio sul Lungomare. 
Quattro in provincia di Catania: due lotti riguardano le ex Agenzia delle Dogane in via Duca del mare a Riposto e altri due il rudere dell’immobile “Sant’Anna” a Mascali. 
Nel Messinese cinque gli immobili: l’ex colonia di via Cicerata a Barcellona Pozzo di Gotto, l’ex “Samar” di via Contessa Violante a Messina, le ex “Cupole” di via Marinaio d’Italia a Milazzo, un bene sito a piazza Marina Corta di Lipari e un altro in via Cristoforo Colombo a Oliveri.
In provincia di Palermo, sono inseriti cinque strutture: l’ex “Agrumaria Corleone” di via Messina Marine e il “Pontile Romagnolo” nel capoluogo, l’ex “Arena Grasso” in largo Caduti del mare a Termini Imerese, l’ex “Lido Olivella” a Santa Flavia e la “Torre Pozzillo” a Cinisi. Nel Trapanese, infine, ci sono un magazzino a Trapani (via Vallona angolo Via Scudamiglio) e una porzione della “Torre San Teodoro” sulla strada provinciale a Marsala, oltre ad altri quattro beni nell’isola di Pantelleria: un ex deposito nel Porto nuovo e un altro sul molo Wojtyla, il magazzino di “Punta Croce” e l’ex “Faro San Leonardo”. Le domande vanno presentate entro il 4 novembre.
«Abbiano onorato - aggiunge l’assessore al Territorio e Ambiente Toto Cordaro - l’impegno assunto con la legge Finanziaria del 2018. Tutti i beni immobili censiti sul demanio marittimo della Regione saranno messi a bando. La finalità è quella di perseguire tre obiettivi: la tutela, il ripristino con la ristrutturazione e la valorizzazione dei beni. Quello di oggi è il secondo passaggio in questa direzione e rappresenta un ulteriore esempio del modus operandi del governo Musumeci: impegni presi, impegni mantenuti».
All’inizio dell’anno era stato pubblicato, sempre dal dipartimento Ambiente guidato da Giuseppe Battaglia, un primo bando per l’assegnazione di altri 18 beni. Per questi è stata completata l’istruttoria da alcune settimane per nove e la relativa graduatoria è già stilata. La concessione riguarda: il manufatto ex “Opa” di Sferracavallo a Palermo; l’ex bar e ristorante “Cannatello” di Agrigento; due lotti relativi agli ex bagni pubblici “Marina di Cottone” a Fiumefreddo di Sicilia, nel Catanese; il Castello di Falconara a Butera; la lanterna-semaforo Carro di Scicli; l’ex abitazione di Punta Sottile a Favignana e l’ex casa agricola sulla strada provinciale Torretta Granitola a Mazara del Vallo.

Parziale modifica ordinanza sindacale n. 66/19 (Disciplina degli orari per le attività accessorie di intrattenimento musicale dei pubblici esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande)


Natalie Imbruglia, la cantante 44enne è incinta: “L’ho desiderato a lungo”.

Natalie Imbruglia, indimenticabile icona pop, con radici eoliane, che ha fatto cantare la sua “Torn” a un intera generazione, non sta solo per pubblicare un nuovo album con la BMG.
Come da lei stessa annunciato sui social, infatti, la cantante 44enne aspetta un bambino (“Non mi sono mangiata un’anguria”, scrive in un post). “Chi mi conosce sa che l’ho desiderato a lungo e sono felice che sia successo grazie alla fecondazione in vitro e a un donatore di sperma”, racconta Natalie. Un notizia che la rende raggiante. Il bambino nascerà in autunno e la cantante afferma di non voler aggiungere altri dettagli ma di essere molto felice

Sicilia: neo assessore costituirà tavolo permanente sul turismo

L’assessorato regionale siciliano al Turismo costituirà un Tavolo permanente consultivo sul turismo per garantire un confronto costante con gli operatori di categoria. È il primo impegno preso dal neo assessore al ramo, Manlio Messina, che a Palermo, presso la sede dell’assessorato, ha incontrato il presidente di Federturismo Sicindustria, Giuseppe Cassarà.

Ginostra è per la Cnn, uno dei borghi più belli d'Italia.

Ecco la lista della rete americana Cnn sui borghi più belli d'Italia. 
La selezione è stata fatta in base a determinati criteri quali la cucina, l’arte, il paesaggio, la storia.
Presente in classifica anche Ginostra.
Secondo la rete all news dunque i paesini più belli e che meritano di essere visitati almeno una volta sono:

Pietrapertosa
Marina Corricella
Ricetto di Candelo
Marettimo
Chianalea di Scilla
Scanno
Pienza
Bosa
Calcata
Manarola
Marzamemi
Sperlonga
Castelrotto
Cornello dei Tasso
Carloforte
Civita di Bagnoregio
Ginostra
Cetona
Malcesine
Ventotene

A Messina nasce il primo “Centro Studi in Odontoiatria”

Nasce a Messina il primo “Centro Studi in Odontoiatria” con l’obiettivo di promuovere inziative nell’interesse della professione odontoiatrica, informare, formare, eseguire indagini statistiche e analisi critiche, elaborare progetti e proporre soluzioni alle numerose questioni e problematiche che riguardano i dentisti, comprendere l’evoluzione della professione e le nuove sfide che l’avanzamento tecnologico e l’evoluzione della società impongono. Un’iniziativa che vede protagonisti Giuseppe Renzo, designato nell’atto costitutivo presidente per il primo quinquennio, Giuseppe Lo Giudice (vicepresidente), Antonio Spatari (tesoriere), Michele Tedesco e Gaetano Iannello, odontoiatri messinesi con una lunga e pluriennale esperienza in ambito istituzionale e associazionistico, che hanno deciso di dare vita all’inedito organismo. Il “modello Messina” continua a dare i suoi frutti nel comparto odontoiatrico che oggi conta quasi 64mila iscritti in Italia e circa 640 nella città peloritana, capoluogo che si è sempre contraddistinto come prezioso motore propulsore di una serie di azioni e una forte rappresentanza in seno a vari organi, associazioni e sindacati nazionali pronti a difendere la categoria, denunciare abusi e fenomeni illegali e migliorare i servizi per la collettività.
Il Centro Studi in Odontoiatria (www.centrostudiodontoiatria. it) è stato costituito giuridicamente come un’associazione con sede presso l’Ordine provinciale dei medichi chirurghi e odontoiatri di Messina (via Bergamo. 47): ogni collega potrà iscriversi liberamente e svolgere attività volontaria e personale, in modo gratuito. Il centro sarà un costante incubatore di idee, progetti, iniziative culturali e di informazione giornalistica, e soprattutto azioni strategiche e sinergiche con il mondo istituzionale, autorità, enti e con gli interlocutori necessari; è già in atto una stretta collaborazione con il portale “Cao c’è”, oggi imprescindibile punto di riferimento per i dentisti affiancato da una tecnologica app per smartphone.

Vulcano: denunciato giovane isolano trovato in possesso di hashish.

Controllo antidroga stamane al porto di Vulcano da parte dei carabinieri della locale stazione. Denunciato un giovane isolano, di origini rumene, trovato in possesso di hashish.

Oggi è il 27 Luglio. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il detto/proverbio del giorno.

Isolotti di Panarea e Stromboli sullo sfondo (Foto: Bartolo Giunta)
Detto/proverbio del giorno: "Tra l'incudine e il martello, man non mette chi ha cervello"

venerdì 26 luglio 2019

Canneto. La Processione di San Cristoforo e i giochi d'artificio (foto e video)


Laurea con 110 e lode per Bartolo Fonti.

Si è laureato, quest'oggi, presso l'Università degli Studi di Messina, Facoltà di Scienze motorie, sport e salute,
Bartolo Fonti. 
Ha conseguito la laurea con il punteggio  di 110 e lode. 
Ha discusso la tesi "La protesi nello sportivo"
Al neo dottore, le nostre congratulazioni e l'augurio per un futuro ricco di soddisfazioni professionali.
Felicitazioni per papà Gesuele, per il fratello Matteo  e per i parenti tutti.

Tutela del territorio. Il Gal lancia la sfida. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 26.07.19

Stromboli. Interviene canadair

Come già scritto ci sono dei focolai che interressano la vegetazione (quella che è rimasta) sullo Stromboli.  Dopo l'elicottero sta intervenendo un  canadair.

Stromboli. Resta alta l'attività del vulcano. Oggi, incendi sulla montagna.

Resta abbondantemente al di sopra dei livelli abituali l’attività dello Stromboli. 
Durante l’ultima settimana –stando ai dati del Laboratorio di Geofisica Sperimentale – Dipartimento Scienza della terra dell’Università di Firenze - è stata caratterizzata da una intensa attività esplosiva dai crateri sommitali, associata ad una continua attività effusiva nel settore sud - ovest della Sciara del Fuoco. Il flusso lavico si ferma a quota 500 – 600 metri. 
L’attività esplosiva è, invece. caratterizzata da pressioni acustiche molto alte , con esplosioni ricche di materiale lavico e cenere che raggiungono altezze fino a 300 metri sopra i crateri. 
Nella ricaduta, in alcune parti della montagna, si generano piccoli incendi. 
E’ accaduto anche oggi e si è reso necessario l’intervento di un elicottero antincendio. 
Sullo Stromboli restano, ovviamente, in vigore le ordinanze sindacali che vietano le escursioni al di sopra dei 289 metri, sul versante dell’abitato di Stromboli, e lungo il sentiero Punta dei Corvi, sul versante di Ginostra. 
Lo stessa dicasi per l’ordinanza della Capitaneria di porto che impone ai natanti, di non avvicinarsi a meno di 1.000 metri nel tratto di mare, antistante la Sciara.

Plauso di residenti e turisti agli ormeggiatori di Ginostra per l'esemplare comportamento durante l'esplosione dello Stromboli, il 3 Luglio


La caratteristica Processione in mare della Madonna di Porto Salvo. Quarto gruppo di foto (5) del nostro collaboratore Bartolo Ruggiero


ASP Messina, primo in Italia si laurea a distanza in Ingegneria Informatica un ospite della REMS di Naso.

Pare sia la prima volta che accada in Italia che un ospite di una Residenza Sanitaria psichiatrico-detentiva si laurei a distanza in Ingegneria informatica, e ciò accade in una struttura gestita direttamente dall'ASP di Messina ovvero la REMS di Naso; le REMS sono strutture residenziali sorte a seguito di quanto disposto dalla legge 81/2014 per il superamento degli ex Ospedali Psichiatrici giudiziari, e sono finalizzate tramite un percorso terapeutico riabilitativo individuale al recupero dell'individuo.
Gabriel è internato a Naso dal 19/09/2018 a seguito di ordinanza del Magistrato di Sorveglianza del Tribunale di Messina ed essendo dotato di un alto quoziente intellettivo, a completamento dei colloqui psichiatrici e psicologici effettuati dall'eccellente Team polispecialistico della REMS guidato dal Dott. Giuseppe De Luca, ha ripreso gli studi universitari che aveva abbandonato per le sue patologie sopraggiunte; gli specialisti della struttura di Naso grazie all'autorizzazione del Magistrato di Sorveglianza di Messina hanno stabilito un contatto con il Politecnico di Milano nella persona del Prof. Aldo Torrebruno concordando che Gabriel, completato il ciclo di studi, potesse laurearsi a distanza.
"L'ASP di Messina - dice il Direttore Generale Paolo La Paglia - crede molto nel recupero della dignità umana e nella piena riabilitazione della persona; abbiamo appositamente installato a Naso una piattaforma SKIPE che permetterà a Gabriel, venerdì 26 luglio alle ore 9.00, di laurearsi a distanza in Ingegneria Informatica in collegamento telematico con il Politecnico di Milano."
I familiari di Gabriel, a norma del regolamento penitenziario, potranno assistere alla cerimonia e successivamente il personale della struttura accompagnerà Gabriel a partecipare a un rinfresco organizzato dalla famiglia per ricordare l'evento, che certamente resterà impresso nella vita di Gabriel e degli ospiti della REMS di Naso.

Oggi è il 26 Luglio. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il detto/proverbio del giorno.

La Cattedrale di San Bartolomeo a Lipari (Foto: Emanuel Raffaele)Detto/proverbio del giorno: "U lupu di mala cuscienza, pi cumu opira penza" (Il lupo disonesto pensa degli altri ciò che in realtà fa lui)

giovedì 25 luglio 2019

25 Luglio 2004 - 25 Luglio 2019: Quindici anni fa la tragedia di Domenico Villini.

Dalla cronaca di allora.

Drammatico epilogo a Canneto della seconda giornata dei festeggiamenti in onore di San Cristoforo. Il diciassettenne Domenico Villini, perde la vita mentre sul palco si stava esibendo in un saggio di ballo, unitamente al gruppo latino-americano di cui faceva parte. La tragedia è maturata sotto gli occhi esterrefatti ed increduli dei compagni, degli amici, degli organizzatori e di un folto pubblico. Era trascorsa da circa mezzora la mezzanotte di sabato, quando, mentre stava ballando, si è accasciato al suolo. Sul momento tutti hanno pensato ad un semplice malore, ma è bastato poco per comprendere che per lo sfortunato giovane non vi era più nulla da fare e a niente era valsi i tentativi di prestargli soccorso da parte di alcuni medici in vacanza a Lipari e che stavano assistendo allo spettacolo. Un infarto lo ha stroncato. Il medico dell’Ospedale di Lipari, arrivato a bordo di un’ambulanza, non ha potuto fare altro che constatarne il decesso.
Il dolore – scrivevo, tra l'altro, sulla Gazzetta- ha sopraffatto i parenti, i compagni e gli amici che non volevano arrendersi alla drammatica evidenza, la manifestazione è stata così sospesa e al posto della festa è calato un drammatico silenzio, rotto solo dalle urla di disperazione di chi, in qualche modo, era legato al giovani Villini e che aveva negli occhi la drammatica sequenza di Domenico che si accasciava sul palco per non rialzarsi più.
Lo sfortunato giovane, molto legato alla madre, era studente dalle buone capacità e con la grande passione del ballo. la settimana precedente si era esibito con l’intero gruppo per i festeggiamenti di Porto Salvo. E aveva ottenuto applausi a scena aperta.
Il comitato organizzatore della festa di San Cristoforo annullò tutti gli ulteriori eventi ludici ed organizzò soltanto la processione ma senza l’accompagnamento della banda musicale. L’episodio colpì profondamente tutto il paese.


Oggi vogliamo ricordarlo sorridente mentre balla sul palco.

Vulcano. Cinque mesi di precarietà. La Provinciale dimenticata. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 25.07.19

La nostra storia, le nostre tradizioni. La nave entra nella baia di Canneto per "omaggiare" San Cristoforo (foto e video)

Si è rinnovata quest'oggi una delle pagine della nostra tradizione. La nave "Laurana", oggi pomeriggio, è entrata dentro la baia di Canneto,  per "omaggiare" San Cristoforo, nel giorno della sua festa. 
Per la foto e il video, grazie alla signora Caterina Biviano.

Laurea con 110 e lode, in Scienze motorie, per Francesca Merlino.

Si è laureata, oggi, presso l'Università degli Studi di Messina, Facoltà di Scienze motorie, sport e salute 
Francesca Merlino.
Ha conseguito la laurea con il punteggio di 110 e lode.
Alla neo dottoressa le nostre congratulazioni e l'augurio di un brillante futuro.
Felicitazioni anche per i suoi cari.

Laurea in Scienze motorie per Andrea Marino.

Si è laureata, presso l'Università degli Studi di Messina, Facoltà di Scienze motorie, sport e salute
Andrea Marino.
Alla neo dottoressa, le nostre congratulazioni e l'augurio per un futuro ricco di soddisfazioni.
Felicitazioni per i genitori  e per i parenti tutti.

Sottomonastero. Ma non ci vergogniamo neppure un poco?


Il porto è l'ingresso dell'isola, il primo punto in cui il turista "tocca terra"...insomma, un biglietto da visita.
Al porto delle navi il "biglietto da  visita" è questo. Poco "bello" e molto "pericoloso".
Non sappiamo se il "danno" è da addebitare a chi lì approda... su una cosa siamo certi...non può rimanere così. 
Necessita un intervento, lo faccia il Comune, addebitandolo a chi ha fatto il danno. 
L'isola, la sua immagine, è nostra! O no???

Stromboli, oggi giornata di borbottii e sorvoli. Su Ginostra "piove" terriccio "sparato" dal vulcano (video)

ASP di Messina, adottato il regolamento per la corretta divulgazione dell'Informazione e la pubblicità su farmaci e dispositivi medici

Le Aziende produttrici di farmaci, dispositivi medici e presidi medico chirurgici, per finalità commerciali, sono interessate a fornire informazioni sui loro prodotti all’interno delle strutture sanitarie, tramite informatori scientifici e Specialisti di prodotto; tali attività di informazione deve essere basata sulla trasparenza, sulla correttezza e coerenza, a tutela dei pazienti, orientando le scelte sulla base delle evidenze scientifiche e trasferendo adeguata conoscenza ai professionisti sanitari.
In conformità alle disposizioni dell'Assessore Regionale Ruggero Razza: “Atto di indirizzo per l’adeguamento dei Piani Triennali Anticorruzione delle Aziende e degli enti del SSR in materia di rapporti con fornitori e aziende farmaceutiche”, l’ASP di Messina ha adottato il Regolamento della Regione Siciliana che disciplina l'informazione scientifica sul farmaco, la pubblicità presso i medici, i farmacisti e gli operatori sanitari della Regione Siciliana.
"L’ASP di Messina - dice il Direttore Generale Paolo La Paglia - si adegua alla diffusione dell’informazione scientifica coerente con le necessità assistenziali e con le evidenze scientifiche anche mediante il coinvolgimento delle Aziende dei settori commerciali interessati, nel pieno rispetto delle direttive dell'Ente Nazionale Anticorruzione e delle direttive tese ad evitare i conflitti di interesse; ci sarà infatti un registro nel quale saranno annotati gli accessi alle nostre strutture sanitarie."
Nel regolamento adottato sono previste le attività di informazione in materia di farmaci, dispositivi medici (DM), diagnostici in vitro (IVD), prodotti nutraceutici e/o integratori, prodotti omeopatici ed altri prodotti riconducibili agli ambiti clinico e farmaceutico nonché la modalità di accesso e di incontro tra i professionisti che operano all’interno dell’ASP di Messina e i soggetti incaricati a svolgere l’informazione per aziende produttrici/fornitrici.

REGIONE: AMBIENTE, ANGELINI PRESIDENTE NUOVA COMMISSIONE VIA-VAS.

(Comunicato) Sarà il professore Aurelio Angelini a presiedere la nuova “Commissione tecnica di verifica dell'impatto ambientale - Via Vas” della Regione Siciliana. Angelini - docente di Sociologia per l'ambiente e il territorio all'università di Palermo e alla Kore di Enna, consulente del governatore Nello Musumeci per le tematiche ambientali e presidente del Comitato scientifico dell'Unesco per lo Sviluppo sostenibile - è stato scelto insieme agli altri ventitré nuovi componenti, individuati tra professori universitari, ingegneri, architetti, avvocati, geologi, agronomi ed esperti in Scienze naturali e forestali.
«Può immediatamente tornare alla piena operatività - sottolinea l'assessore al Territorio e ambiente Toto Cordaro, che ha firmato il decreto di nomina - un organismo che riveste un ruolo assolutamente strategico per dare impulso a nuovi investimenti e aiutare l'economia dell'Isola a crescere. Bisogna sapere accompagnare, in maniera competente e nel pieno rispetto della legge, l'entusiasmo di chi ha voglia di realizzare i propri progetti. Le autorizzazioni, lì dove è tutto in regola, devono essere concesse senza perdere un attimo di tempo».
Proprio qualche settimana fa il presidente della Regione Musumeci aveva auspicato la sostituzione urgente della Commissione, prima ancora della scadenza naturale fissata a fine agosto, chiedendo all’assessore Cordaro di avviare subito le procedure per il rinnovo dell’importante e strategico organismo. Lo scorso 17 luglio erano state formalmente accolte le dimissioni degli ingegneri Alberto Fonte e Salvatore Pampalone, rispettivamente presidente e componente della precedente Commissione, indagati per abuso d'ufficio nell'ambito dell'inchiesta per la concessione delle autorizzazioni per alcuni impianti eolici.
«Sono certo che la nuova Commissione – aggiunge l'assessore Cordaro - lavorerà con grande impegno e forte entusiasmo e sarà in grado di raggiungere risultati superiori rispetto al passato, dal punto di vista qualitativo oltre che numerico. L'obiettivo è quello di tenere tre riunioni mensili, in modo da riuscire a esitare novanta istanze al mese e, in tal modo, smaltire entro la fine dell'anno tutto l'arretrato esistente. Sento, comunque, di dovere ringraziare i commissari dimissionari per il lavoro svolto che aveva già permesso di esitare un numero di pratiche doppio rispetto alla gestione precedente».
La nuova Commissione Via-Vas terrà la sua prima riunione martedì prossimo all’assessorato Territorio e ambiente e si insedierà alla presenza del governatore Nello Musumeci.

III° Memorial "Sarino Centorrino" Il messaggio della figlia Marina, le foto e il video della commemorazione e della premiazione.




 Si è concluso ieri il III° Memorial  "Sarino Centorrino", inserito quest'anno nel contesto delle manifestazioni collaterali  ai festeggiamenti per S.  Cristoforo. Una iniziativa per ricordare una persona che non è stata solo maestra di sport ma anche di vita.
Il torneo se lo è aggiudicato il Team Scoglio. Secondo classificato il Team Famularo
Il messaggio della figlia Marina:
"Battersi è molto più bello di vincere!" 
Così il Mister "diversamente giovane" esortava i suoi ragazzi a "scendere in campo" nella vita di ogni giorno, non solo con un pallone tra i piedi: spesso si vive spavaldi e coraggiosi in attacco, a volte chiudendosi in difesa contro tutto e tutti, tra avversari, falli, tifo, fischi, applausi, ammonizioni, espulsioni. Vincitori o vinti, il risultato o il premio deve essere di stimolo, quale obiettivo da raggiungere, ma in quell'arco temporale di, più o meno, 90 minuti, è fondamentale "mettersi in gioco" con impegno, costanza, correttezza, intelligenza, tenacia e rispetto di sè e dell'altro, con la capacità e la fermezza di chi, anche e soprattutto fuori dal campo, si impegnerà a mantenere quello "stile" inconfondibile. 
Vorrei che le mie parole toccassero il cuore dei nostri giovani e non mi rivolgo solo ai ragazzi che abitualmente vivono, studiano, lavorano nella realtà insulare: "nostri", in questa bella e calda stagione dell'anno, sono anche tutti i ragazzi che raggiungono le isole per lavoro o svago, sempre ben accolti e benvenuti! 
Possiate godere di questo tempo impiegando al meglio le risorse e le energie che Dio vi concede nella "primavera della vita": godete della bellezza di ogni alba e gustate le sfumature di ogni tramonto, regalatevi sorrisi, consigli, abbracci, emozioni e ricordi, siate gioiosi, furbi e fate tesoro di ogni esperienza; studiate, lavorate, impegnatevi con senso del dovere, sacrificio e responsabilità, riconoscenza e gratitudine per chi vi è accanto nelle vittorie e nelle sconfitte, praticate sport, fate volontariato, coltivate hobby ed interessi, leggete, ascoltate musica, viaggiate con curiosità ma imparate a percorrere viaggi "dentro voi stessi" senza paure, sdraiandovi all'ombra di successi e traguardi, ma sempre pronti a ripartire scoprendo lati oscuri e fragilità: sarà solo un trampolino di lancio per crescere e migliorarvi. Non permettete a niente e nessuno di calpestare ambizioni, sogni, progetti, rischiate ed abbiate fede in Dio e in voi stessi, volate alto ed oltre pregiudizi, razzismi ed ipocrisie, sporcatevi le mani, siate sinceri, battetevi per la verità, sempre e comunque. Non date nulla per scontato, la vita, la salute, gli affetti, un tetto, un pezzo di pane, il lavoro: tutto è dono! Ciascuno porta in sè il ricordo di qualcuno andato via troppo presto, dobbiamo andare avanti con amore e rispetto per la vita anche in nome di quei cuori "eternamente giovani" che pulsano dentro con nostalgia ed affetto, in nome di quei ragazzi che, per motivi di salute, non possono concedersi un tiro al pallone perchè in questo momento si stanno giocando una partita ben più dura; lo dobbiamo a quei giovani come noi, stessa età, stessi occhi, magari stessi sogni... che soffrono, vomitando non per l'euforia che da un bicchiere di troppo, ma per essersi sottoposti a terapie che donano una speranza di sopravvivenza. Dimostrate, prima di tutto a voi stessi, che siete di parola, onesti e leali, fieri ed orgogliosi al punto giusto, che su di voi si può contare e che valete molto più di un "like" a quel selfie che sembra voler urlare al mondo "io esisto e desidero essere compreso, accettato ed amato", perciò amatevi ed amate "senza filtri" e maschere, fuggite da mode ed influencer chi vi vogliono tutti uguali, questa sarà davvero una vittoria: sperimentare la bellezza di essere sè stessi, sempre e comunque, originali ed unici. 
Tra le citazioni ricorrenti del mio Papà mi torna in mente una frase di S. Agostino: "Ama e fà ciò che vuoi", un'espressione che non lascia spazio ad interpretazioni e fraintendimenti: sia l'Amore per la vita, per gli altri, per la natura e gli animali, per tutto ciò che vi circonda, a dare senso al vostro essere, per una ricerca e difesa costante del dono prezioso della libertà, non un vivere senza regole, freni e limiti, ma nel rispetto profondo di sè e degli altri. 
Il ricordo del Mister "diversamente giovane", la sua semplicità, il suo sorriso, il fare discreto e laborioso, la preghiera costante, la pazienza e tolleranza, la mitezza e la perseveranza, l'amore per la vita e la gioventù, l'attenzione ai più piccoli, deboli e sofferenti siano di esempio e stimolo, per tutti e ciascuno. Mi edifica sentir parlare di lui dagli amici e dai compagni con i quali ha condiviso infanzia ed adolescenza presso il Collegio Roosevelt - Addaura di Palermo, dimostrando che il suo modo di essere è stato sempre coerente, impreziosito nel tempo da esperienze diverse e da una crescita interiore che hanno conferito alla sua persona saggezza. 
Da figlia, potrei essere di parte nel parlare di lui, dunque mi sono spesso interrogata, chiedendomi davvero cosa di speciale i giovani cogliessero nella sua persona ed il tempo, ancor di più quello della sua assenza, o meglio non "con" ma "in" noi, continua a donare risposte: i giovani e quanti lo hanno davvero conosciuto ed amato, hanno colto in Sarino un "testimone credibile", un punto di riferimento, un amico sincero che con discrezione, profondo sentire, compostezza, rispetto di tempi, luoghi e sentimenti dell'altro, con un silenzio che non era resa o disinteresse, ma attenzione ed ascolto, per interiorizzare, meditare e comprendere, sensibilità e dolcezza che è impossibile dimenticare, è entrato in punta di piedi in ogni cuore così da restarci per sempre. Educatore serio, lungimirante e gioioso, sempre pronto a trovare nell'altro qualcosa di speciale, unico e prezioso che merita di venir fuori ed essere valorizzato al meglio e per il bene di tutti. 
Con i giovani non serve "spendere" denaro e parole, per poi mostrarsi ipocriti, volgari, sleali, egocentrici, egoisti, dando una pacca sulla spalla e lasciar correre: con i giovani bisogna "spendersi"... in termini di tempo, con pazienza, coerenza, in modo diretto e con la consapevolezza che ciascuno ha delle profonde crepe nell'anima, ferite che solo il tempo può sanare avendo qualcuno accanto che ami con semplicità e spontaneità, a costo di sbagliare, fallire, con fede e consiglio, ascolto e comprensione, con la consapevolezza che un seme piantato porta frutto a suo tempo, quando, come e dove il Signore vorrà. 
Famiglie, insegnanti, sacerdoti, catechisti, politici, educatori, allenatori, impegniamoci con trasparenza ed onestà a sperimentare, nel dialogo e nell'ascolto dei giovani, l'opportunità di collaborare insieme per il bene di tutti, principalmente di chi è solo, emarginato e sofferente. 
Senza egoismi e riserve, ciascuno si senta chiamato a dare il proprio contributo nel quotidiano, nelle piccole cose che fanno la differenza e, come diceva sempre il mio Papà, adoperandosi per un obiettivo comune che può e deve essere il frutto di un "ottimo gioco di squadra".

La caratteristica Processione in mare della Madonna di Porto Salvo. Terzo gruppo di foto (5) del nostro collaboratore Bartolo Ruggiero






EGADI, RECUPERATI ALTRI DUE ROSTRI DELLA PRIMA GUERRA PUNICA

Recuperati altri due rostri dai fondali delle Egadi. I preziosi reperti sono stati ritrovati grazie alla sinergia operativa tra la Soprintendenza del mare della Regione Siciliana, la Rpm nautical foundation e i subacquei della Global underwater explorer. Nel corso delle ricerche, anche quest’anno condotte con la nave oceanografica Hercules, sono stati scoperti ulteriori target che vanno ad arricchire il ricco database costruito negli ultimi anni. Nelle tre settimane di indagini, sono state individuate sessantotto anfore greco-italiche, due Dressel, quattro puniche e quattro piatti.
I due rostri in bronzo, portano a diciotto il numero di quelli recuperati dei diciannove individuati in questi anni. I micidiali strumenti da guerra, montati sulla prua delle navi per speronare le imbarcazioni nemiche, rappresentano la prova evidente che i fondali di Levanzo, sono certamente il teatro della battaglia navale che sancì la fine della Prima guerra punica, con la vittoria della flotta romana su quella cartaginese. Fino ad oggi sono stati rinvenuti sedici rostri romani e due cartaginesi.
«La scoperta di queste armi antiche, degli elmi con decorazione e dei rostri - dichiara il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci - arricchisce il nostro patrimonio di conoscenza sulla Battaglia delle Egadi. Un momento che ha segnato la storia della civiltà mediterranea. Una storia riscritta recentemente dal compianto assessore Sebastiano Tusa. E’ a lui che dedichiamo queste ultime scoperte, perché la sua geniale intuizione e la sua perseveranza nelle ricerche hanno consentito oggi, alla Soprintendenza del Mare e ai partner che hanno collaborato, di portare a termine un’operazione scientifica che mette un ulteriore tassello nel mosaico dello scontro tra Romani e Cartaginesi. Dobbiamo avere sempre più consapevolezza del fatto che siamo una super-potenza mondiale nell’archeologia marina. Un dato - conclude Musumeci - che caratterizza l’identità della Sicilia e che dobbiamo valorizzare molto di più. Per questo il governo regionale assicurerà maggiori risorse e investimenti».
Sono stati, inoltre, individuati e recuperati, sempre nello stesso areale, alla profondità di ottanta metri, dai subacquei della Gue, due elmi del tipo montefortino di pregiatissima fattura. I due reperti in bronzo presentano una particolare decorazione con forma di animale nella parte sommitale, quindi sicuramente appartenuti a graduati dell’esercito romano. Recuperate anche due coppie di paragnatidi, protezioni laterali in metallo applicate all’elmo, atte a proteggere il volto dei soldati. Questi due elmi, assieme a un altro del tipo montefortino recuperato negli scorsi giorni, si aggiungono ai ventidue già recuperati nelle campagne precedenti. Alcuni di essi, già restaurati, sono in esposizione presso il Museo della “Battaglia delle Egadi” a Favignana.
Ma la vera novità delle ricerche di quest’anno è la scoperta effettuata tre giorni fa, tanto agognata dal compianto Sebastiano Tusa, artefice dell’individuazione del luogo della battaglia: una spada in metallo, della lunghezza di circa settanta centimetri con una lama larga cinque centimetri, appartenuta probabilmente ai soldati di uno dei due eserciti. Indagini radiologiche e Tac, condotte dal professore Massimo Midiri - direttore della sezione di Scienze radiologiche del dipartimento Bind dell’università di Palermo - hanno confermato la struttura dell’arma che sarà oggetto di studio nelle prossime settimane. La spada si presenta totalmente incrostata dagli organismi marini che in più di duemila anni la hanno avvolta. Era ciò che l’archeologo Sebastiano Tusa aspettava fin dall’inizio delle ricerche: i rostri, gli elmi, le stoviglie di bordo e le numerose anfore non completavano, infatti, il quadro. Le armi dei soldati non erano state, fino ad oggi, mai ritrovate. Nello stesso luogo della spada, sono stati recuperati due chiodi di grandi dimensioni, a sezione quadrangolare, probabilmente appartenuti a una delle imbarcazioni affondate durante lo scontro.
«E’ la conferma - dichiara il dirigente generale dei Beni culturali Sergio Alessandro - che l’amico e collega Tusa cercava da molti anni. In sua memoria portiamo a casa un risultato di grande valenza scientifica. Questi ritrovamenti confermano il valore delle collaborazioni tra Regione Siciliana, enti scientifici, fondazioni private e soggetti in possesso di alte tecnologie».
Le ricerche in mare, inizialmente condotte unicamente in maniera strumentale dalla Soprintendenza del mare e dalla Rpm nautical foundation, da tre anni si sono avvalse della competenza dei subacquei altofondalisti della Global underwater explorer che, con l’indagine diretta dei subacquei e il recupero dei reperti individuati, hanno dato impulso e velocità alle complesse operazioni finora assicurate da un robot subacqueo (Rov).
I reperti, dopo lo studio e il restauro, andranno ad arricchire l’esposizione all’interno dell’ex stabilimento Florio di Favignana dove, in una sala allestita con spettacolari elementi multimediali, sono esposti i rostri e gli elmi recuperati nelle campagne precedenti. La storia della battaglia è completata da una proiezione immersiva su sei schermi che racconta il tragico scontro tra le due flotte dal punto di vista dei due comandanti, Lutazio Catulo e Annone.

REGIONE: APPROVATA NORMA DEL GOVERNO, SI SBLOCCANO I CONCORSI NELLA P.A.

Dopo undici anni la Regione Siciliana torna ad assumere. Approvata odall’Ars la norma presentata dal governo Musumeci che sblocca, finalmente, i nuovi concorsi. Già a partire dal 2020, quindi, sulla base del fabbisogno di ogni dipartimento - e nell’ambito del numero di posizioni che si libereranno in seguito ai pensionamenti ordinari - potranno essere avviate le selezioni. Fare ripartire le procedure permetterà, inoltre, all’amministrazione regionale di attivare le progressioni verticali, consentendo di valorizzare le professionalità esistenti.
«Un risultato storico - evidenzia il presidente della Regione Nello Musumeci - che ci permetterà di dare nuova linfa e una vitale boccata d’ossigeno agli uffici regionali, ormai da tempo afflitti, come tutta la Pubblica amministrazione, da una grave carenza di personale. Unitamente al Piano di mobilità e all’analisi dei processi e delle professionalità, attualmente in corso, con lo sblocco del turn-over il mio governo procede rapidamente nel profondo lavoro di ammodernamento ed efficientamento della macchina amministrativa».
«Questa legge - sottolinea l’assessore alla Funzione pubblica Bernardette Grasso - rappresenta un passo decisivo all’interno di un percorso strutturato che il governo porta avanti, fin dall’insediamento, per mettere ordine nell’intero assetto dell’amministrazione regionale. Per effetto del blocco delle assunzioni e dei prepensionamenti, infatti, gli uffici della Regione si sono trovati a operare con un organico spesso sottodimensionato. A ciò si aggiunge l’elevata età media del personale attualmente in servizio, che incide anche sulla propensione all’utilizzo delle nuove tecnologie e sulla carenza di alcune importanti e innovative competenze».
Dopo la sospensione estiva, sarà presentato dal governo un disegno di legge di riforma organica dell’intera materia, con particolare riferimento alla dirigenza.

Oggi è il 25 Luglio. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il detto/proverbio del giorno.

Alba a  Lipari (Foto: Marco Giaquinta).
Detto/ proverbio del giorno: Il parlare è argento fino, il tacer oro zecchino