Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 2 dicembre 2017

Lipari, deliberata la richiesta per ottenere decreto che limita lo sbarco

La giunta municipale liparese ha deliberato di richiedere al Ministero dei Trasporti l’emissione di apposito decreto che vieti, nel periodo più intenso del movimento turistico della stagione 2018, lo sbarco di veicoli a motore, non appartenenti alla popolazione residente, nelle isole del Comune. 
Il divieto di sbarco dovrà essere così applicato: dal primo Maggio al trentuno Ottobre a Panarea e Stromboli; dal primo Giugno al trentuno Ottobre ad Alicudi; dal primo Giugno al 30 Settembre a Lipari e Vulcano; dal primo Giugno al 30 Settembre a Filicudi. 
Oltre ai residenti potranno però sbarcare coloro che, pur non essendo residenti, risultano iscritti nei ruoli comunali delle imposte di N.U. del Comune di Lipari. Con limite di un solo veicolo per nucleo familiare. Potranno, inoltre, sbarcare i mezzi delle forze dell’ordine, dei portatori di handicap, le ambulanze, i veicoli adibiti al trasporto merci per il rifornimento degli esercizi commerciali. 
A Lipari, Vulcano e Filicudi sarà consentito, inoltre, lo sbarco dei veicoli appartenenti a turisti che dimostrino di essere in possesso di una prenotazione di almeno sette giorni in struttura alberghiera, extralberghiere o casa privata. Questi dovranno dimostrare di poter contare su un parcheggio privato o pubblico, ove esistente.
Offro lavoro a Pianoconte da marzo a ottobre durante la mattina, figura femminile richiesta. Per ulteriori informazioni contattare 3331545958

Navi ed aliscafi (LV° puntata)

Nelle foto di oggi, Lipari : 1) A Messina; 2) Particolare del ponte di comando, visto da prua (Anno 1965); 3) Veduta sullo Strombolicchio e il rollo



Judo. Enya Sara Livoti ad Ostia per la finale del campionato italiano esordienti B femminile

A Ostia domani mattina di svolgerà la finale del campionato italiano esordienti B femminile. Per lo Sporting club judo Lipari sarà presente nella categoria 63 kg Livoti Enya Sara

Le Eolie nelle stampe (XL° puntata)

 Gli archi rampanti di Casa Rodriquez (La via sul retro conduceva a Castellaro)

Gli auguri ai festeggiati di oggi, 2 Dicembre

Buon Compleanno a Mariagiulia Romagnolo, Simone Brach, Anna Cappadona, Giuseppe Spinella, Erika Vitagliano, Giulia Ristuccia, Dario Marchetta

Ex sindaco Lo Schiavo patteggia. Si chiude così la vicenda giudiziaria che aveva portato anche alla sospensione dalla carica di primo cittadino

I giudici della Corte d'Appello hanno accolto la richiesta di patteggiamento, concordata dall’imputato con la Procura generale, e in parziale riforma della sentenza di condanna a tre anni di reclusione, emessa in primo grado il 7 ottobre dello scorso anno dal Tribunale di Barcellona, hanno rideterminato la pena in 2 anni di reclusione per l'ex sindaco di Santa Marina Salina, Massimo Lo Schiavo, riconosciuto colpevole di peculato per avere trattenuto per se oltre 37 mila euro che appartenevano a due sorelle che erano state ricoverate in una casa di riposo di Leni e che erano decedute. 
Nel giudizio d'Appello conclusosi adesso con il patteggiamento anomalo, l’imputato ha dimostrato di aver restituito il denaro, ricorrendo ad un prestito personale concesso da un armatore di Milazzo, e per questo ha potuto usufruire dell'attenuante che ha consentito la riduzione della pena e la concessione della sospensione condizionale. Inoltre l’aver risarcito il danno ha permesso ai giudici di revocare l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e, in sostituzione, l’applicazione per l’imputato della pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici per un periodo di due anni. 
Ciò consentirà, una volta divenuta definitiva la pena e trascorsi i due anni del periodo d'interdizione, che Lo Schiavo possa tornare a ricandidarsi nei successivi turni elettorali.
Massimo Lo Schiavo, difeso dagli avv. Alberto Gulino e Giovanni Villari, a causa di questa vicenda, era stato sospeso dalla carica di sindaco tanto che nel comune isolano si sono dovute tenere elezioni anticipate. L'ex sindaco ha sempre sostenuto di aver smarrito il denaro, durante un trasloco.

Oggi è il 2 Dicembre. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

- Cratere di Vulcano -
Santo del giorno:  Santa Bibiana - 
Santa Bibiana


I cristiani dei primi tempi, siccome immensamente maggiori erano i bisogni della Chiesa, avevano anche doni e grazie straordinari. Ad essi era concesso sovente il dono dei miracoli. Per questo e perché professavano la religione cattolica, che ai pagani sembrava assurda ed impraticabile, erano ritenuti maghi ed aventi relazioni cogli spiriti infernali. Imbevuti di queste false teorie i pagani attribuivano perciò ai cristiani ogni sciagura privata o pubblica.

Se venivano sconfitti in battaglia, se moriva loro un figlio od altra persona amata, o se altri era impedito di realizzare i suoi desideri, sovente iniqui, la colpa era certamente dei seguaci di Gesù Cristo.

Fu così che Aproniano, governatore di Roma, avendo perduto un occhio in guerra, attribuì la sciagura alle magie dei cristiani e si propose di estirpare dall'impero quegli uomini malefici.

Fra i martiri più celebri, vittime del furore e della vendetta di Aproniano, vi fu S. Bibiana.

Essa era una vergine nativa di Ròma. Suo padre Flaviano e sua madre Dafrosa, con la sorella Demetria, erano tutti ottimi cristiani. Scoperti e accusati come tali, Flaviano fu dimesso dalla carica, e dopo essere stato bruciacchiato in viso con un ferro rovente, venne esiliato ad Aquapendente, ove pochi giorni dopo morì. Dafrosa fu decapitata fuori della città.

Rimanevano Bibiana e Demetria che s'incoraggiavano a vicenda e si preparavano al martirio. Ambedue arrestate, per cinque mesi provarono le privazioni e le angustie del carcere, dopo i quali Demetria, confessata generosamente la fede di Gesù Cristo, morì ai piedi del giudice durante l'interrogatorio.

Restava solo Bibiana: vedendo Aproniano che questa non cedeva alle sue lusinghe, s'appigliò al mezzo più infame e diabolico. Rinchiuse la casta vergine nel carcere con una certa Ruffina, donna malvagia e di pessimi costumi perché la inducesse al male.

La giovane però ebbe la forza di resistere e superare quest'ultima e grandissima prova e di conservare illibato il giglio della purezza.

Vieppiù irato il governatore per tanta fortezza in una giovane verginella, la fece uccidere con le verghe.

PRATICA. Per vincere la battaglia della purezza occorre preghiera, mortificazione e vigilanza. 

PREGHIERA. O Signore Gesù che nel martirio della tua serva Bibiana, ci hai dato un saggio mirabile di fortezza e di amor di Dio, fa' che esercitando noi pure queste virtù, arriviamo un giorno a goderti nel cielo. 

PROVERBIO: Se piove il giorno di santa Bibiana piove 40 giorni e una settimana

MARTIROLOGIO ROMANO. A Roma la passione di santa Bibiàna, Vergine e Martire, la quale, sotto il sacrilego Imperatore Giuliano, fu per Cristo percossa con flagelli piombati, finché non rese lo spirito.

venerdì 1 dicembre 2017

Vulcano, viaggiatori esposti alle intemperie. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


Studiati in laboratorio i terremoti che generano tsunami: ecco perche si rompe il fondale oceanico (fonte: ingv)

Svelare i possibili processi fisici che consentono a un terremoto di generare uno tsunami per sollevamento del fondale marino. È quanto si prefigge uno studio, firmato INGV, Università di Padova e Firenze, Royal Holloway University of London, Manchester e Durham University (Regno Unito), Tsukuba e Kyoto University (Giappone), pubblicato su Nature Geoscience

Esistono diversi tipi di tsunami, a volte generati dalla rottura di un piano di faglia, da collassi di apparati vulcanici o da grandi frane sottomarine innescate da terremoti. Uno studio condotto da un team di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Università di Padova e Firenze, Royal Holloway University of London, Manchester e Durham University (Regno Unito), Tsukuba e Kyoto University (Giappone), tenta di svelare i processi fisici che consentono a un terremoto di generare uno tsunami per sollevamento del fondale marino. La ricerca Past seismic slip-to-the-trench recorded in Central America megathrust, è stata pubblicata su Nature Geoscience (https://www.nature.com/articles/s41561-017-0013-4).
I terremoti sono il risultato della propagazione di una rottura lungo una superficie che attraversa la crosta terrestre chiamata faglia. La propagazione della rottura consente ai blocchi di roccia a lato della faglia di spostarsi l'uno rispetto all'altro anche di decine di metri nel caso di terremoti eccezionalmente grandi (magnitudo nove). In genere, i terremoti che producono tsunami si distinguono da quelli che interessano la crosta continentale, come i recenti terremoti di Amatrice e Norcia del 2016, per avere una velocità di propagazione della rottura più lenta (1-2 km/s) rispetto agli altri terremoti (2-4 km/s), consentire grandi spostamenti dei blocchi di faglia vicino al fondale marino, e avere un epicentro situato non lontano dalla fossa oceanica.
“Fino a pochi anni fa”, spiega Paola Vannucchi, primo autore dell'articolo e ricercatrice della Royal Holloway of London, Regno Unito – Università di Firenze, “si riteneva che le rotture sismiche non fossero in grado di propagarsi attraverso i più superficiali e soffici sedimenti marini ricchi in argilla. Inoltre, non era stata presa in considerazione la presenza in questi sedimenti di strati non consolidati dallo spessore di decine fino a centinaia di metri composti da gusci calcarei di microrganismi marini. In generale, si riteneva che il coefficiente di attrito di questi materiali aumentasse con la velocità di scivolamento lungo una faglia arrestando la rottura prima che questa arrivasse a rompere il fondale marino”.
Lo studio ha, invece, evidenziato che la propagazione, durante grandi terremoti (magnitudo maggiore di sette), determina rotture sismiche lungo faglie dalla profondità dove nasce il terremoto (circa 15-35 km per questi terremoti) fino al fondale marino.
“Il grande terremoto di Tohoku (magnitudo 9.0) e conseguente tsunami che ha inondato la costa settentrionale dell'arcipelago Giapponese l'11 marzo del 2011 ha messo in discussione proprio questa interpretazione. Evidenze sismologiche, geofisiche e geologiche hanno mostrato che in questo terremoto la rottura si è propagata fino a rompere il fondale oceanico con conseguenze devastanti”, prosegue Vannucchi.
La rottura del fondale oceanico è associata all'innalzamento, anche di alcuni metri per grandi terremoti, del fondale e la conseguente energizzazione della colonna d'acqua marina sovrastante. Poiché in zona di fossa oceanica la colonna d'acqua è di diversi chilometri di altezza, il sollevamento del fondale in questi particolari ambienti oceanici comporta la generazione di imponenti e violentissime onde di tsunami, alte fino a 20-30 metri (un palazzo di dieci piani) quando queste si infrangono sulla costa, come nel caso del terremoto di Tohoku.
“La ricerca”, aggiunge Giulio di Toro, ricercatore dell’Università di Padova associato all’INGV, “unisce dati da perforazione di fondali oceanici effettuati nel Pacifico in prossimità della fossa che costeggia il Costa Rica (America Centrale), da progetti Integrated Oceanic Discovery Programme (https://www.iodp.org/ ), da esperimenti condotti in Italia su sedimenti marini composti da argille e gusci di microrganismi marini campionati durante la perforazione”.
Gli esperimenti sono stati effettuati conl’apparato sperimentale SHIVA (Slow to HIgh Velocity Apparatus) che con i 300 kW (equivalente alla potenza dissipata da 100 appartamenti medi Italiani) è in grado di dissipare, in provini di roccia dalle dimensioni di un piccolo bicchiere del diametro di 50mm, il più potente simulatore di terremoti al mondo.
“SHIVA, progettato e installato nel 2009 presso il Laboratorio Alte Pressioni - Alte Temperature di Geofisica e Vulcanologia Sperimentali dell'INGV di Roma, è una strumentazione in grado di comprendere la meccanica dei terremoti. Queste ricerche sono state finanziate da due progetti dell'Unione Europea denominati USEMS e NOFEAR (Uncovering the Secrets of an Earthquake: Multidisciplinary Study of Physico-Chemical Processes During the Seismic Cycle e New Outlook on seismic faults: from earthquake nucleation to arrest)", afferma Di Toro, responsabile di questi progetti.
"Questa ricerca”, conclude Elena Spagnuolo, ricercatrice dell’INGV, “tenta di svelare i possibili processi fisici che consentono a un terremoto di generare uno tsunami per sollevamento del fondale marino. In considerazione del fatto che questi sedimenti calcarei sono abbastanza comuni nelle fosse oceaniche e che, in base all'evidenza sperimentale, la loro presenza agevola la propagazione di una rottura sismica fino a rompere il fondale marino, si ritiene che questo fenomeno possa essere molto frequente".

Il Laboratorio Alte Pressioni - Alte Temperature di Geofisica e Vulcanologia Sperimentali è collocato nella sede di Roma dell'INGV. Q ui sono concentrate molte attività analitiche e sperimentali dell’INGV a supporto delle ricerche e del monitoraggio, ma anche svilupp o di tecnologie e di nuove metodologie d’indagine . Nel laboratorio si portano avanti ricerche di spicco dell’ INGV in ambito sismologico, vulcanologico e ambient ale , alcune delle quali finanziate nell'ambito di progetti europei . Le attività sperimentali, svolte anche in collaborazione con laboratori di altri paesi, riguardano simulazioni e misure legate alla fisica delle rocce e dei terremoti, alle proprietà chimico-fisiche dei magmi, e la modellizzazione analogica dei processi vulcanici. Il laboratorio è anche un polo di attrazione per i ricercatori italiani e stranieri.

Gran botto dello Stromboli. Tutto è, comunque, sotto controllo

"Gran botto" dello Stromboli alle 13 e 43. E' stato nettamente avvertito dalla popolazione, specie sul versante ginostrese.
La situazione è, comunque, come evidenziano dall'INGV, sotto controllo. 
Il tutto rientrerebbe in quella che è l'attività stromboliana, particolarmente frequente nell'ultimo periodo. Ricordiamo, ad esempio, la seguenza esplosiva del 1° Novembre.
Maggiori particolari si potranno avere dopo i sopralluoghi sul cratere, impossibili al momento, visto il buio, la pioggia e la forte foschia in atto 

Palazzo dei Leoni, istituito il Tavolo di coordinamento partenariale della concertazione della Città metropolitana

E' stato istituito, con decreto sindacale dello scorso 28 novembre, il Tavolo di Coordinamento Partenariale della Concertazione della Città Metropolitana di Messina, dell'Assemblea Partenariale e del Gruppo tecnico del partenariato della Città Metropolitana di Messina.
La seduta d'apertura è in programma mercoledì 6 dicembre 2017, alle ore 10.30, nella Sala Giunta di Palazzo dei Leoni.
Il Tavolo è composto dal Sindaco della Città Metropolitana di Messina, che lo presiede; dalle rappresentanze istituzionali, economiche, sociali e della società civile, Università, centri di Ricerca, organismi facenti parti del CNEL e delle pari opportunità, rappresentanti dei GAL (Gruppi di Azione Locale), dei GAC–FLAG (Gruppi di Azione Costiera), dei COGEPA-OP (Gruppi di gestione della pesca artigianale-Organizzazione di Produttori) e della Città Metropolitana di Messina.
Il nuovo strumento di pianificazione strategica tratterà i temi relativi alle politiche di sviluppo del territorio e seguirà, attraverso successive fasi di verifica, lo stadio di attuazione degli interventi programmati; il lavoro di concertazione consisterà nella definizione delle scelte di programmazione finalizzate al rilancio dell'economia attraverso l'introduzione di elementi di innovazione e della puntuale identificazione delle soluzioni alle criticità che, di volta in volta, dovessero emergere nell'ambito della programmazione territoriale
Tutta l'attività sarà contraddistinta dall'assoluta trasparenza attraverso un'informazione immediata sugli atti adottati e sui risultati conseguiti attraverso l'utilizzo degli strumenti informatici avanzati.
La metodologia amministrativa si muoverà attraverso l'adozione di atti di programmazione generale, programmazione comunitaria, programmazione settoriale e l'attuazione di interventi tra i differenti settori con lo sviluppo di piani di azione, programmi di cooperazione ed accordi di programma.
La parte operativa prevede la realizzazione di un'agenda di lavoro, la ricerca di soluzioni operative condivise nel rispetto dei principi di efficienza ed efficacia della programmazione, la facilitazione della definizione di accordi che possano migliorare il successo degli interventi nel territorio e l'attivazione di un supporto tecnico-professionale al processo di concertazione.
In questo quadro appare evidente come sia fondamentale assicurare, all'interno dell'Amministrazione e delle organizzazioni, adeguati flussi di informazione relativamente alle decisioni partenariali e garantire visibilità ai metodi ed ai risultati del partenariato economico-sociale.

Ciclo di opere celebra la bellezza delle isole Eolie: a Catania la mostra di Giuseppe Livio

E’ dedicato alle isole Eolie “Pigrecoerrequadro”, ovvero l’ultimo ciclo di opere di Giuseppe Livio: dentro un tondo – superficie che origina la formula matematica titolo della serie - sono dodici opere su carta di cotone dedicate al tema del Mito e del Mediterraneo.
Con la cura di Antonio Vitale, “Pigrecoerrequadro” sarà presentata al pubblico domenica 3 dicembre, dalle 18.30, nelle Cantine Privitera, a Gravina di Catania, dove sarà visitabile con ingresso gratuito fino al prossimo 11 febbraio.

Governo Musumeci ricorre alla Corte Costituzionale per difendere il ritorno al voto nelle ex Province. Riflettori anche sulle isole minori

Prime decisioni della giunta regionale di governo appena insediata. Riunita a Palermo, nella Sala Alessi di Palazzo d'Orleans, sotto la presidenza da Nello Musumeci ha approvato un primo disegno di legge e soprattutto promosso il primo contenzioso con lo Stato.
Dopo un'introduzione del presidente della Regione, che ha augurato buon lavoro a tutti gli assessori e fornito alcune indicazioni utili per il corretto funzionamento dell'esecutivo, si è passati all'approvazione delle prime deliberazioni.
Il governo ha deciso di autorizzare il presidente a presentare ricorso innanzi la Corte Costituzionale a seguito dell'impugnazione della legge che ha reintrodotto la elezione diretta dei vertici delle ex Province e, quindi, per tutelare la potestà statutaria della Sicilia in materia di ordinamento degli Enti locali e per difendere il diritto dei cittadini ad eleggere i propri rappresentanti, anche a seguito del voto popolare sul referendum costituzionale dello scorso dicembre e, quindi, nel solco dei principi di democrazia diretta fatti propri dall'Unione Europea.
La Giunta ha, inoltre, approvato la presentazione di un disegno di legge di iniziativa governativa per la istituzione, nell'ambito dell'assessorato alle Autonomie locali, di una specifica competenza per le Isole minori.
I lavori sono stati aggiornati ad oggi per l'esame di ulteriori atti urgenti. Sul tavolo certamente il bilancio con il ricorso praticamente inevitabile all'esercizio provvisorio.(blogsicilia.it)

Navi ed aliscafi ( LIV puntata)

Nelle foto di oggi: 1) La Lipari (cartolina che si trovava a bordo delle navi Navisarma); 2) L'Eolo a Stromboli in attesa del rollo; 3) L'Eolo a Milazzo



Gli auguri ai festeggiati di oggi

Eolienews augura Buon Compleanno a Carmelo Sottile, Domenico Arabia, Antonietta Munafò, Mara Turcarelli, Giusy Famularo, Salvatore Basile, Maria Zanca, Ela Pachuta, Francesca Merlino, Maria Manfrè 

Vieni a trovarci  da Eureka a Lipari - in Via Vittorio Emanuele, 287 (vicino al porto) Tel. 090.9811535
In negozio potrete conoscere le altre promozioni 

Antonello Cincotta, consulente finanziario liparese, medaglia d'oro al Pfadword18 nella categoria "Competenze professionali"


Grande soddisfazione professionale che ripaga dei tanti sacrifici per il giovane consulente finanziario liparese Antonello Cincotta.
A Milano è stato premiato al Pfadword18 (competizione dove hanno partecipato quasi 2000 consulenti Finanziari, con la medaglia d’oro nella Categoria "Competenze professionali".
Per Antonello, che conduce anche una rubrica nel nostro giornale, il giusto riconoscimento alla sua competenza, preparazione e professione.
Eolienews nel congratularsi gli augura di raggiungere sempre nuovi e più importanti traguardi

Oggi è il 1° Dicembre. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

- Alicudi -
Santo del giorno: Sant'Eligio vescovo - 

Sant' Eligio




Fu uno dei principali santi che illustrarono la Francia nel secolo sesto. Nacque a Chàtelat l'anno 588. Dimostrando da piccolo grande attitudine ai lavori di cesellatura, fu messo a lavorare da un certo Albone, orefice. Impegnandosi con ingegno e con cura si acquistò in breve grande stima.

Avuti per le mani una volta alcuni libri della Sacra Scrittura se ne innamorò talmente, che quando aveva un po' di tempo libero lo dedicava alla lettura dei libri santi. Più tardi fece conoscenza col tesoriere del re Clotario II che lo incaricò di fare un seggio reale, dandogli egli stesso il metallo dorato.

Eligio. colla materia avuta, costruì due troni bellissimi e il re ne fu contentissimo, ma quello che più lo fece meravigliare fu la lealtà del cesellatore. In breve si divulgò la fama delle sue virtù anche a corte, ed il re stesso lo ebbe in grande considerazione, facendogli cospicue donazioni. Delle ricchezze ricevute egli nulla conservò per sè ma tutto diede in elemosina, in modo particolare per il riscatto degli schiavi e per aiutare le comunità religiose.

Morto re Clotario, il figlio e successore Dagoberto, ebbe eguale stima di Eligio. Sovente chiedeva a lui consigli e norme per la sua condotta privata.

Nel frattempo era rimasta vacante la sede episcopale di Noyon e di Tournaz; ad occuparle furono eletti Eligio ed Audoeno. Eligio sorpreso della sua elezione, tremò alla vista dell'episcopato, ma quasi costrettovi, accettò domandando qualche tempo per prepararsi a ricevere gli ordini sacri. Passati diversi giorni in continua preghiera e mortificazione, finalmente, conosciuta con certezza la volontà di Dio, ricevette la santa ordinazione a Rouen. Preso poi commiato dal re, si portò alla sede di Noyon, ove si dedicò con zelo e fervore al suo nuovo ufficio di pastore.

Il primo anno lo spese per la riforma del clero, quindi si diede con tutte le forze alla conversione dei numerosissimi pagani che risiedevano nella sua diocesi. Però essi erano talmente ostinati che non volevano neppure sentire parlare del Vangelo; ma la carità del Vescovo, la sua fortezza e la sua soavità commossero quei cuori, e molti si convertirono.

Eligio, come già Pietro Crisologo, si propose di abolire le feste o meglio i bagordi che si facevano nelle calende di gennaio, e non si diede pace finché non ebbe ottenuto l'intento.

Governava egli la sua diocesi da diciannove anni e mezzo, quando il Signore gli fece sentire prossima la sua fine.

Si dispose allora con generosità e fervore a dare al bel quadro dell'anima sua gli ultimi ritocchi, finché assalito da mortale malattia, serenamente volò al Creatore cantando con gioia il « Nunc dimittis ». Era il 1 dicembre del 659.

PRATICA. — Facciamo un sacrificio per la propagazione della fede. 

PREGHIERA. Signore, che a reggere la tua Chiesa hai voluto eleggere il santo vescovo Eligio, fa' che noi onorandolo qui in terra ed imitandone le virtù, giungiamo a vederlo in cielo.

MARTIROLOGIO ROMANO. A Noyon, nel Bélgio, sant'Eligio Vescovo, la cui vita meravigliosa è glorificata da un gran numero di miracoli.

giovedì 30 novembre 2017

Scuola di Alicudi. La dirigente Fanti bacchetta il M5S. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


Sicilia. Maggioranza di centro - destra perde per strada un deputato

La giunta Musumeci. Assente Sgarbi
Agenpress – “La maggioranza di centrodestra non è più di 36 deputati, ma di 35, andremo da soli in aula. Meloni e La Russa non hanno mantenuto gli impegni presi con noi, pensavamo fossero diversi e invece è il peggio della vecchia politica: loro hanno chiesto e ottenuto un posto nel listino del presidente Musumeci e toccava a noi l’indicazione in giunta, invece non è andata così”.
Lo ha detto Angelo Attaguile, leader di Noi con Salvini nella Sicilia orientale accusando Meloni e La Russa di “tradimento” e spezzando il vincolo di coalizione. Attuguile giudica il fatto “molto grave politicamente”.
“Quando abbiamo posto la questione a Musumeci, ci ha risposto vedetevela voi – ha risposto -. Non è un discorso di poltrone, un centrodestra unito non può fare a meno di un partito nazionale come la Lega. La giunta è stata fatta alla vecchia maniera, sono stati dati assessori a Raffaele Lombardo e a Saverio Romano. E’ un sistema vecchio, non si è voluto raccogliere il nuovo”.
Ma garantisce che non ci saranno ritorsioni sugli accordi di maggioranza per gli assetti in Assemblea, con Gianfranco Micciché che ambisce alla presidenza. “Non cerchiamo vendette, non ci metteremo di traverso su Micciché, anzi proprio lui ha riconosciuto che c’era un accordo con FdI per la giunta, che non è stato rispettato”, sottolinea il leader siciliano della Lega.
Il nuovo governo regionale, ufficializzato dal presidente Musumeci a dieci giorni dal suo insediamento, vede tra gli assessori anche Vittorio Sgarbi, con delega ai Beni Culturali. All’avvocato e docente universitario Gaetano Armao vanno la delega all’Economia e la vicepresidenza. All’Agricoltura Edgardo Bandiera (Forza Italia), a Territorio e Ambiente l’avvocato Salvatore Cordaro (Popolari e Autonomisti).
Come risposta il senatore Antonino d’Alì ha rassegnato le sue dimissioni “da coordinatore provinciale di Forza Italia. L’assoluta superficialità e noncuranza con cui viene considerato il partito trapanese nonostante come sempre la provincia sia stata tra le prime, seconda su nove, in percentuale di consensi per Forza Italia, è a dir poco offensiva. Già in sede di formazione delle liste eravamo andati incontro a ‘superiori esigenze’ di partito e di coalizione accantonando la candidatura di Giuseppe Guaiana, primo degli eletti di tutte le liste alle due ultime elezioni amministrative trapanesi”.
A riconoscimento di quel gesto di disponibilità verso la richiesta del coordinatore Miccichè, era stata deliberata dal partito regionale la sua inclusione nella squadra di governo della Regione, e poi annunciata durante un incontro con la stampa dallo stesso coordinatore siciliano del partito”. Guaiana invece non fa parte della giunta Musumeci, ufficializzata ieri.

Palano nel direttivo nazionale Sos Impresa

Giuseppe Antonio Palano, storico presidente della Lacai, associazione antiracket del centro tirrenico, è stato eletto nel direttivo nazionale di Sos Impresa-Rete per la legalità, organismo nazionale che raccoglie le sigle antiracket ed antiusura locali. 
L’elezione è avvenuta durante l’assemblea nazionale di Sos Impresache si è tenuta a Roma, alla presenza del commissario nazionale antiracket e antiusura prefetto Domenico Cuttaia. 
L’assemblea nazionale è stata anche l’occasione per presentare il nuovo rapporto di Sos Impresa Confesercenti sull’usura in Italia dopo la crisi, tra vecchi carnefici e nuovi mercati. 
Dopo una ricca discussione, che ha visto l’intervento di autorevoli esperti e operatori della più antica associazione impegnata sul terreno della prevenzione e del contrasto al racket e all’usura, è stato approvato il nuovo statuto nazionale e sono stati eletti i nuovi organismi dirigenti.

Piano economico finanziario del Servizio Smaltimento Rifiuti del Comune di Lipari. I quesiti di Sidoti

Riceviamo da Angelo Sidoti e pubblichiamo:
Ho dato uno sguardo al piano economico finanziario del Servizio Smaltimento Rifiuti redatto dalla SRR e approvato da tutti gli organi dell’Ente.
Tralasciamo per un attimo l’incremento della “spesa raccolta e spazzamento” da Euro 1.531.984.01 del 2017 a Euro 2.315.662,16 per gli anni 2018 e 2019, che analizzeremo in seguito.
Per gli esercizi 2017-2019 sono state previste alcune spese “non stanziate per tutto il triennio”. Mi riferisco a:
1) Acquisto impiantistica Euro 44.714,03; Anno 2017
2) Acquisto terreni per aree di trasferenza Euro 54.555,95; Anno 2017
3) Acquisto terreni per aree di trasferenza Euro 155.444,05; Anno 2017
A cosa si riferiscono queste spese forse investimenti .. ma soprattutto quale procedura verrà utilizzata per il loro acquisto?
4) Costo Commissario Euro 24.908,00; Anno 2017
5) Costi RUP, Commissione Gara e pubblicazione atti per affidamento servizi Euro 85.000; 
Anno 2017
6) Spese di esecuzione sentenza Cincotta Euro 9.000; Anno 2017
Prendiamo atto che il costo complessivo del servizio peggiora anche per queste spese.
7) Gestione di aree di sosta temporanea Euro 140.000 per il 2018 e Euro 140.000 per il 2019;
8)  Servizi aggiuntivi integrativi al trasporto Euro 59.408,22 per il 2018 e Euro 59.408,22 per il 2019.
Il costo del servizio aumenta anche per effetto di queste ulteriori spese. A cosa si riferiscono?
Inoltre, quando si tratta l’argomento impiantistica punto 3.5 del PEF si precisa che:
“i progetti elencati, ceduti dalla SRR al Comune di Lipari, sono stati rimodulati, escludendo la parte strutturale, che è stata fatta rientrare nella programmazione dei Patti Territoriali delle Isole Eolie, mentre le postazioni economiche, con il consenso della Regione Siciliana, saranno utilizzati per l’acquisto di attrezzature”. Ma stiamo parlando dei Patti Territoriale gestiti dalla Sviluppo Eolie Srl società partecipata del Comune di Lipari la cui fine è incerta?!!!

Avverse condimeteo. E' saltato collegamento Milazzo - Eolie - Napoli

A causa del persistere delle avverse condizioni metereologiche la motonave Paolo Veronese non è salpata alle 13,50 da Milazzo per Eolie-Napoli. Per gli stessi motivi le navi veloci "Isola di Stromboli" e "Isola di Vulcano" sono state costrette a non approdare a S. Marina Salina e Vulcano.

Le Eolie nelle stampe d'epoca (XXXIX puntata)

A Madonnuzza - sullo sfondo Monte Guardia e Monte Gallina (Lipari)

Navi ed aliscafi (LIII° puntata)

Nelle foto di oggi: 1) La Freccia Azzurra; 2) Il piroscafo Vulcano a Messina (anni 30), gestione Eolia; 3) Inaugurazione Caravaggio

Gli auguri di Eolienews ai festeggiati di oggi, 30 Novembre

Buon Compleanno a Francesca Currò, Emilie Fonti, Davide Ziino, Celine Puglisi, Pino Casamento. 
Auguri anche ad Andrea Favaloro e quanti si chiamano Andrea e similari

In arrivo piovaschi e abbassamento delle temperature. Previsioni meteomarine Eolie a cura di Giuseppe La Cava.

Dal primo pomeriggio di oggi, Giovedi 30 sono previsti piovaschi in intensificazione serale con rovesci moderati tra la sera e la notte successiva. 
Le precipitazioni proseguiranno anche nelle giornate seguenti.
La colonnina di mercurio subirà un crollo termico raggiungendo un picco all'alba di Domenica 3, con clima moderatamente freddo specie alle prime luci dell'alba. 
La temperatura massima non oltrepasserà i 12 C e si manterrà di circa 5 C sotto la media del periodo per gran parte della prossima settimana

WhatsApp, nuovo aggiornamento consente di registrare messaggi vocali senza tenere premuta l'icona del microfono

Gli sviluppatori di WhatsApp, la celebre e diffusissima applicazione di messaggeria istantanea, lanciano una novità per gli amanti dei messaggi vocali. Con il nuovo aggiornamento basterà tenere premuto qualche secondo all'inizio e poi con un tocco verso l'alto si bloccherà la registrazione. Sarà così possibile registrare messaggi audio senza tenere premuto il dito sull'icona del microfono. In molti gioiranno per questa vera e propria rivoluzione dell'App di messaggistica, altri si staranno già mettendo le mani nei capelli. Anche su Twitter gli utenti si sono divisi. C'è chi esulta perché, grazie all'aggiornamento, "finisce l'era dei mille messaggi di 9 secondi", ma c'è anche chi commenta ironicamente: "È un piccolo passo per l'uomo e un grande passo per la logorrea". La novità non ha alcuni paletti, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”: per avere ripensamenti si avranno, anche per i messaggi vocali, a disposizione i 7 minuti per cancellarli. La procedura per rimuoverli è sempre la stessa, si selezionano e si cancellano tramite l'icona del cestino.

L' inesistente copertura sul molo di Vulcano. Consigliere Muscarà torna alla carica

Al Sindaco del Comune di Lipari
Rag. Marco Giorgianni

Malgrado la mia recente missiva, devo nuovamente fare presente alla S.V. che sono trascorsi 2 mesi da quando è stata smontata (da volontari) la copertura del gazebo che riparava turisti e residenti in prossimità dello sbarco e imbarco dei mezzi veloci, lasciando in essere solo la struttura metallica che la sorreggeva.
Ora mi chiedo, capisco che le nostre attenzioni devono principalmente essere rivolte ai turisti , ma noi residenti meritiamo un simile trattamento da questa Amministrazione totalmente assente su tutte le problematiche che affliggono le Isole minori?
Ricordo sempre a questa Amministrazione che i nostri figli si recano giornalmente a scuola a Lipari e/o Milazzo e se malauguratamente si dovessero bagnare in attesa dei mezzi veloci beh rimarrebbero bagnati e con i vestiti umidi fino al ritorno a casa con evidenti ripercussioni sulla loro salute.
Spero dopo questa mia nuova segnalazione, ma ne sono certo, vogliate provvedere per un intervento serio e sopratutto rapido che possa trovare una soluzione al problema.
Distinti saluti.
Vulcano 29/11/2017
Il Consigliere Comunale
Rag. Franco Muscarà

Oggi è il 30 Novembre. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Lo Stromboli visto da Panarea -
Il Santo del giorno:  Sant'Andrea
Sant' Andrea




Il paganesimo della Roma imperiale con tutte le seduzioni e le lusinghe della sua brutale sensualità avvolgeva con funeste ed insidiose spire il popolo ebreo, che attendeva con fede incrollabile l'Emmanuele, colui che sarebbe stato la salVezza d'Israele. Ed ecco squillare nel deserto della Giudea la voce ammonitrice del Battista, che chiamava i popoli alla penitenza, perché il Messia promesso da Dio era per apparire.

Attratto dalla sua ispirata parola, Andrea, pescatore di Betsaida, divenne suo discepolo.

Allorché il Battista, vedendo passare il Messia, gridò agli astanti: « Ecco l'Agnello di Dio, ecco colui che toglie i peccati del mondo », Andrea era presente e segui Gesù Cristo con un suo compagno.

Il Redentore, appena si accorse dei due, si rivolse a loro e disse:
« Chi cercate? ».
« Maestro, risposero quelli, dove abiti? ».
« Venite e vedrete », rispose Gesù.

Ed andarono quei fortunati discepoli, e videro non solo la semplice abitazione del Salvatore, ma furono così bene istruiti che si convinsero d'aver trovato veramente il Messia, come aveva loro annunciato Giovanni.

Un altro giorno Gesù vide Andrea mentre con Pietro suo fratello pescava nel mare di Galilea e disse loro: « Venite dietro di me e vi farò pescatori di uomini »; e quelli lasciate le reti lo seguirono. Da quel giorno il nostro Apostolo non abbandonò più il suo Maestro.

Venuto il giorno della Pentecoste, Andrea ripieno di Spirito Santo andò ad annunciare il nuovo Messia fra i popoli. Passò nella Frigia, nell'Epiro e nella Tracia dovunque le genti accorrevano per ascoltarlo.

Proseguendo il suo apostolato fra pericoli ed ostacoli senza fine, giunse a Patrasso in Acaia, ove sparse in abbondanza il buon seme. Ma a contrastare la sua attività sorse il superbo console romano Egea che, geloso del potere e timoroso di spiacere all'imperatore, cominciò a perseguitarlo.

Il Santo non cedette, ma rivoltosi a quel prepotente pagano gli disse: « Tu che sei giudice degli uomini, sappi che sarai il ludibrio del demonio, se non riconosci in Gesù il giudice di tutti ». Preso da sdegno Egea lo fece rinchiudere in un tetro carcere e condannò il grande Apostolo ad essere crocifisso. Somma gioia provò allora Andrea, che alla vista della croce esclamò: « Oh! buona croce, nobilitata dal contatto delle membra del Signore, da me desiderata, amata e lungamente ricercata! levami di tra gli uomini e rendimi al mio Maestro, affinché per tuo mezzo mi riceva, Egli che in te mi redense! ». Avvinto al rozzo legno per due giorni spasimò tra atroci dolori, esaltando il Signore e predicando Gesù Cristo al popolo. Poi la sua bell'anima volò in Paradiso a ricevere la duplice corona di martire e d'apostolo.

PRATICA. Compiamo con esattezza, giorno per giorno, i doveri del nostro stato. 

PREGHIERA. Supplichiamo istantemente la tua maestà, o Signore, affinché, come il tuo beato apostolo Andrea fu predicatore e pastore della tua Chiesa, così sia per noi perpetuo intercessore presso di te. 

MARTIROLOGIO ROMANO. A Patrasso, nell'Acàia, il natale di sant'Andrèa Apostolo, il quale
predicò il santo Vangelo di Cristo nella Tràcia e nella Scizia. Arrestato dal Proconsole Egèa, fu prima chiuso in prigione, quindi gravissimamente flagellato, e da ultimo appeso in croce, sulla quale sopravvisse due giorni, istruendo il popoloi e, avendo pregato il Signore di non permettere che egli fosse deposto dalla croce, fu circondato da un grande splendore celeste, e, cessato poi tale splendore, rese lo spirito.

mercoledì 29 novembre 2017

Pronta la giunta Musumeci. Non c'è la Lega di Salvini

(ANSA) – PALERMO, 29 NOV – Governo fatto. Nello Musumeci ha la sua squadra. Il presidente della Regione siciliana, proclamato 11 giorni fa in Corte d’appello a Palermo, ha chiuso la quadra. Manca solo l’ufficializzazione, che potrebbe arrivare a ore dopo la firma dei decreti di nomina dei dodici assessori, tra cui due donne. Domani Musumeci dovrebbe riunire la giunta con tanto di deleghe, che sarà presenta alla stampa.
Ecco i nomi. Per Forza Italia Gaetano Armao, Vittorio Sgarbi, Marco Falcone, Bernardette Grasso ed Edy Bandiera; per l’Udc Mimmo Turano e Vincenzo Figuccia; per Popolari e autonomisti Toto Cordaro, Roberto Lagalla e Mariella Ippolito; per DiventeràBellissima Ruggero Razza; Sandro Pappalardo per FdI.
Nessun esponente per la Lega di Salvini.

Parco archeologico delle Eolie. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud di oggi


UNIONE CIVILE IN UN’ISOLA, LA FAVOLA ROMANTICA DI ANNA E CLAUDIA (da Sposi magazine - Articolo di Flavia Perricone)

Unione civile in un'isolaLa magia dei tramonti e il profumo del mare di Salina hanno fatto da cornice alle nozze organizzate da 
“Eolie in Love"

L’isola di Salina era rimasta nel cuore di Claudia e Anna. Così tanto, che le due innamorate – dopo essere state lì in vacanza – hanno scelto la seconda isola dell’arcipelago delle Eolie per coronare il loro sogno 
La loro unione civile in un’isola non aveva bisogno di sfarzo e sontuosità: bastava la semplicità dell’amore, del loro amore, che lega le due sposine – neanche trentenni – già da qualche anno.
L'unione civile in un'isola di Claudia e Anna organizzata da "Eolie in Love"L’unione civile in un’isola di Claudia e Anna organizzata da 
“Eolie in Love"
E quale location avrebbe potuto raccontare meglio la loro storia e sancire la loro unione, se non un’isola siciliana? Nella semplicità dei suoi colori, del suo mare, dei suoi tramonti, Salina era perfetta per un’unione civile su un’isola
“Le ragazze hanno deciso di sposarsi su un borgo di mare che affaccia su Lingua – spiega Francesca Casamento di Eolie in Love – , una piccola borgata di pescatori particolare per la sua spiaggia di ciottoli che si riflette in limpidissimo mare”.
L'ora del crepuscolo per l'unione civile di Anna e Claudia organizzata da "Eolie in Love"
Per visualizzare l'articolo completo cliccare sul link https://www.sposimagazine.it/new/59948/wedding-day/real-wedding/unione-civile-in-un-isola/

Accesso Civico: Trasparenza e Pari Opportunità, conferenza a Palazzo dei Leoni

Il Freedom of Information Act,(FOIA) adottato con d.l. 97 / 2016, è il nucleo centrale del processo di riforma della pubblica amministrazione, definito dalla legge 7 agosto 2015, n. 124 (c.d. legge Madia).
Sulla necessità che la pubblica amministrazione faccia uno sforzo di modernizzazione e si adegui rapidamente, alla normativa, ma anche alle istanze della società, con una attenzione particolare alle fasce più deboli, si è svolta questa mattina una conferenza nel salone degli specchi.
Dopo i saluti del Commissario Straordinario, on. Francesco Calanna, il lavori sono stati aperti dal Segretario Generale di Palazzo dei Leoni avv. Maria Angela Caponetti.
Il dibattito, moderato dalla giornalista Francesco Stornante , ha visto il susseguirsi degli interventi di Alda Iudicelli e Laura Strano della UIL Messina, di Carmen Currò, Presidente CEDAV e della prof.ssa Giuseppa Prestipino, Dirigente dell'istituto Scolastico "La Farina - Basile". È stato sottolineato che l’accesso civico generalizzato garantisce a chiunque il diritto di accedere ai dati e ai documenti posseduti dalle pubbliche amministrazioni, se non c’è il pericolo di compromettere altri interessi pubblici o privati rilevanti, indicati dalla legge. In tal modo si favorisce una maggiore trasparenza nel rapporto tra le istituzioni e la società civile, e si incoraggia un dibattito pubblico informato su temi di interesse collettivo.
Il dibattito ha sottolineato come, a differenza del passato, la nuova normativa intende garantire al cittadino la possibilità di richiedere dati e documenti alle pubbliche amministrazioni, senza dover dimostrare di possedere un interesse qualificato.
l’accesso civico generalizzato pertanto si estende a tutti i dati e i documenti in possesso delle pubbliche amministrazioni, alla sola condizione che siano tutelati gli interessi pubblici e privati espressamente indicati dalla legge, a differenza del diritto di accesso civico “semplice” (regolato dal d. lgs. n. 33/2013), che consentiva di accedere esclusivamente alle informazioni che rientrano negli obblighi di pubblicazione previsti dalla legge.
I lavori sono stati conclusi da lvan Tripodi - Segretario Generale UtL Messina.
L’Ufficio stampa

Per non dimenticare!


Un anno fa, in queste ore, si consumava, a bordo della Sansovino,  la tragedia in cui persero la vita Gaetano D'Ambra, Cristian Micalizzi e Santo Parisi.
Per ricordarli, nell'anniversario della tragedia, per non dimenticarli e per essere vicina all'immenso dolore delle loro famiglie, Eolienews sospende  dalle 14,00 alle 16 e 30 ogni pubblicazione.

Snoopyclub Lipari, nuovo direttivo. E...si riparte dai bambini

Comunicato
Un nuovo direttivo composto da dei ragazzi che hanno a cuore questo club , ripartire dai più piccoli, i bambini , avvicinarli sempre di più al tennis che è uno sport fisico, tecnico , tattico e mentale. Il nostro nuovo presidente Giuseppe Biancheri che avrà al suo fianco vicepresidente Francesco Finocchiaro , segretaria Assunta Russo , tesoriere Emilio La Rosa , pubbliche relazioni Martina Villanti e Antonio Costa, e come coordinatore della scuola tennis Giuseppe Famularo.
In merito alla scuola tennis ricordiamo che sono aperti i corsi per bambini e ragazzi , che si effettuano al nostro club il lunedì e il giovedì alle 15:00 alle 16:00. Vogliamo anche incoraggiare gli adulti ad avvicinarsi a questo sport : per chi volesse cominciare ci sono a disposizione 4 istruttori federali fit . Il tennis è uno sport che si può praticare a qualsiasi età ! Ci trovate invia Falcone e Borsellino accanto al campo di calcio , potete contattarci ai numeri :
Giuseppe Biancheri 334-7222947
Francesco Finocchiaro ‭333-4383516‬
Assunta Russo ‭338-8735953‬
Snoopy club ‭331-9111412‬
E sulla nostra pagina Facebook Tennis club Lipari
Cordiali saluti il direttivo Snoopy club Lipari 

Buon tennis.

Direttore del Distretto di Lipari soddisfatto dell'ottima riuscita del programma di screening mammografico

COMUNICATO 
L’Asp 5 di Messina ha effettuato presso il Distretto Sanitario di Lipari nei giorni 21,22,23,24 Novembre lo screening mammografico su unità mobile per le donne nella fascia di età compresa tra i 50 e 69 anni residenti nei comuni di Lipari e Salina.
L’equipe dello screening mammografico dell’ASP 5 di Messina diretta dal Dr. Strano e dal Dr. Farsaci ha soddisfatto tutte le richieste pervenute, effettuando più di 185 esami tra mammografie di 1° livello, approfondimenti con mirato mammografico ed ecografie di 2° livello, queste ultime eseguite dal Dr. Natoli, ottenendo una riduzione dei tempi tempi di attesa su scala aziendale, e fornendo il referto in tempo reale, con notevole gradimento da parte dell’utenza.
Dopo la campagna dedicata alla prevenzione del tumore al colon retto ed alla prevenzione del Ca uterino, tutt’ora in corso, la Direzione Aziendale,  nelle persone del Dott. Gaetano Sirna -Dir. Generale, e Dr. Sindoni Domenico -Dir. Sanitario, rivolgono ancora una volta la loro attenzione alla prevenzione  nelle Isole Eolie, ricordando che gli screening oncologici consentono di individuare precocemente taluni tumori, riducendo la mortalità per tale causa.

MoVimento 5 Stelle: "Scuola di Alicudi, sprovvista di aule, insegnanti e possibilità didattiche". La dirigente Fanti: "BASTA FAKE NEWS SULLE SCUOLE DELLE EOLIE!"

 "La scuola di Alicudi, l'isola più piccola delle Eolie, è sprovvista di aule, insegnanti e possibilità didattiche. I tre ragazzini che frequentano 'l'istituto scolastico più piccolo d'Europa' rischiano così di non vedere riconosciuto il loro diritto allo studio. Una situazione a nostro avviso urgente, attuale e straordinaria a cui il Governo deve porre immediata risoluzione".
 Con queste parole Francesco D'Uva, PortaVoce del MoVimento 5 Stelle, spiega l'interrogazione presentata al Ministro Valeria Fedeli da parte del Capogruppo M5S in Commissione Istruzione Giulia Di Benedetto e cofirmata anche dal collega Alessio Villarosa.
"Come MoVimento – continua il deputato – avevamo sollevato il problema anche in Commissione Europea attraverso il parlamentare UE Ignazio Corrao. Riteniamo, infatti, che il diritto allo studio debba essere garantito a prescindere da tutto e che questa sia una priorità per il Governo. Nel contempo auspichiamo l'intervento del Garante per l'Infanzia della Regione Siciliana affinché faccia sentire la sua voce".


NON SI E' FATTA ATTENDERE LA REPLICA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO MIRELLA FANTI


RISPOSTA ALL’ON. D’UVA

BASTA FAKE NEWS SULLE SCUOLE DELLE EOLIE ! Agli on. D’Uva, Di Benedetto e Villarosa che affermano che “La scuola di Alicudi, l'isola più piccola delle Eolie, è sprovvista di aule, insegnanti e possibilità didattiche”  rispondo senza esitazioni che:
1. La scuola di Alicudi è composta da 6 locali didattici: 3 aule per le lezioni, 1 biblioteca, 1 spazio comune + un bellissimo terrazzo panoramico per la ricreazione e l’attività all’aperto, 1 aula Museo per ricerche.
Gli alunni usufruiscono rispettivamente di:
1 alunna dell’infanzia= 1 aula
2 alunni della primaria = 1 aula
1 alunna di 1 media = 1 aula
Tutti insieme = biblioteca, spazio comune, terrazzo, museo.

2. I docenti attualmente in servizio sono 5:
1 1 docente dell’infanzia per 1 alunna
1 docente della primaria per 2/3 alunni
2 docenti di italiano e matematica per 1 alunna
1 docente di religione per tutti

3. La scuola di Alicudi è dotata di: 

1 LIM (Lavagna Interattiva Multimediale)
1 PC fisso
1 Notebook
1 tablet
1 biblioteca per ragazzi
1 biblioteca universale di 5000/7000 volumi (Donazione Mascia Musy)
Attrezzature ginniche (acquisto Comune di Lipari)
Le suddette informazioni sono state ampiamente documentate per immagini dalle tv nazionali e locali in servizi recenti che hanno mostrato a tutti gli Italiani gli alunni della Scuola di Alicudi nelle rispettive aule, nonché le attività negli spazi comuni.
Vorrei chiedere ai sigg. Onorevoli della Repubblica italiana che si occupano così spesso della scuola di Alicudi: di dedicare meno tempo alle interrogazioni parlamentari basate su notizie inesatte e di occuparsi con la stessa solerzia di produrre una Legge sulle Isole minori italiane che attende da tempo di essere varata da quando la compianta onorevole Alessandra Siragusa ha depositato la sua proposta (2011) rimasta lettera morta.
IL DIRIGENTE SCOLASTICO
IC LIPARI 1
Prof.ssa Mirella Fanti

Eoliani che non sono più XXIV parte (NUOVO) (durata 4 minuti)

Copertina: Baldassare Di Franco; 1)Giovanna Alacqua; 2)Sabina Alleruzzo; 3) Giovannina Bianca; 4)Cuono Biviano; 5)Fabio Brach; 6)Antonino Cafarella; 7) Pippo Calderone; 8)Angela Campo; 9)Mario Cannistrà; 10)Marianna Cappadona; 11) Bruno Carbone; 12) ? Cavallaro; 13) Bartolo Cincotta; 14) Bartolo Cincotta; 15) Bartolo Cincotta; 16) Gianfranco Cincotta e Francesco La Cava; 17) Simone Cincotta; 18) Vincenzo Cincotta, 19) Vincenzo Cincotta, Marianna Fenech e una bimba deceduta in tenera età; 20) Coniugi De Vita; 21) Antonino Costa; 22) Maria (Mariella) Costa; 23) Giuseppe Crivelli; 24) Vito Dai; 25) Giovannino Dentici; 26) Baldassare Di Franco; 27) Peppino Di Mech; 28) Agostino Dioguardi; 29) Don Filici; 30) Anna Maria Famularo; 31) Concettina Famularo;  32) Nino Famularo; 33) Anna Favaloro; 34) Annetta Ferlazzo La Cava; 35) Iolanda Ferlazzo La Cava; 36)Mario Poltero ed Elisabetta Polia; 37)Agatino Ferrara;38)Carmelo Ferraro;39)Bartolo Fonti;40)Stefano Foti;41)Assunta Giardina;42)Giacomo Giardina;43)Lucio e Francesco Giovenco;44)Nino Giunta; 45)Pino Paino;46) Giuseppina Iurlano;47)Francesco La Cava;48) Francesco La Cava            

Navi ed aliscafi (LII° puntata)

Nelle foto di oggi: L'Eolo - N°1 : foto del 1968; N° 2 a Milazzo; N° 3 in ingresso a Messina
Davanti all'autoscuola Urso di Lipari è stato ritrovato questo mazzo di chiavi. Chi l'ha smarrito può ritirarlo presso la stessa autoscuola.

Gli auguri ai festeggiati di oggi, 29 Novembre

Buon Compleanno ad Antonio Bernardi, Catherine Serio, Massimiliano Oddo, Immacolata Merlino, Virginia De Gregorio

Oggi è il 29 Novembre. Buongiorno con questa cartolina dalle Eolie e con il Santo del giorno

Malfa, parte dell'abitato -
Santo del giorno: San Saturnino di Tolosa - 
San Saturnino di Tolosa




Fra i primi apostoli che il Papa S. Fabiano mandò ad evangelizzare le Gallie vi fu S. Saturnino il quale pose la sua sede a Tolosa e la illustrò con un fecondo apostolato di bene ed infine col suo martirio.

Lo storico Venanzio, che scrisse gli atti del suo martirio, ci dice che solo a prezzo di enormi fatiche riuscì a convertire un gran numero di idolatri ed a fondare chiese.

Aveva il santo Vescovo eretta una chiesa vicino al Campidoglio di Tolosa, ed ogni mattina vi si recava per celebrare i Divini Misteri. Ma nel breve tragitto doveva passare dinanzi ad un gran tempio pagano, ed al suo passaggio gli oracoli non davano alcun responso per timore dell'uomo di Dio. I capi pagani si chiesero a vicenda da che cosa poteva dipendere quello strano silenzio.

Quand'ecco un pagano raccontò loro che era sorta in città una setta che voleva la distruzione degli dèi ed il cui capo era Satumino, quegli stesso che tutte le mattine si vedeva passare dinanzi al loro tempio. Allora tutti ad una voce incolparono il santo Vescovo del silenzio dell'idolo, e, invece di riconoscere ragionevolmente che nulla valevano gli dèi se avevano paura di un uomo, deliberarono di toglierlo dal mondo. Gli addetti al tempio pertanto una mattina lo attesero ne' pressi del Campidoglio e avvistatolo lo assalirono e lo trascinarono nel tempio.

— Ecco — dissero al popolo — il nemico del nostro culto, il capo di quella religione che vuole distrutti i nostri templi, che deride i nostri dèi e che impedisce i loro responsi. Vendichiamo l'oltraggio fatto a noi ed ai nostri dèi : o sacrificherà riconoscendoli per veri, o espierà il delitto con la morte. — Ciò detto gli intimarono di inginocchiarsi davanti agli idoli.

— Non è possibile — rispose il Santo — che possa fare quanto mi chiedete, poiché i vostri dèi non sono che demoni, i quali attraverso il sacrificio degli animali, vogliono il sacrificio delle anime vostre. E come posso io temere coloro che tremano alla presenza di un solo cristiano?

Una tal ragionevole risposta irritò al sommo quegli idolatri che decisero di farlo perire.

Si trovava presso il tempio un toro pronto per il sacrificio, e i carnefici stabilirono di legare il Santo alla coda di quell'animale. e farlo trascinare per la città affinchè la vista dell'orribile supplizio intimorisse i suoi seguaci, così da indurli a ritornare al culto pagano.

Legate le mani ed i piedi del Santo, lo assicurarono alla coda della bestia. Il furioso animale si mise a correre a precipizio per le vie della città, riducendo a brandelli il corpo del Santo, che col suo sangue imporporò quelle vie tante volte percorse predicando la divina parola.

San Francesco


Infine le sacre spoglie del Martire furono prese e gettate fuori della città, per essere preda degli uccelli. Ma due pie donne le raccolsero furtivamente e le seppellirono in luogo sicuro. Il suo martirio avvenne nel 250 sotto l'impero di Decio.

PRATICA. e Fuggiamo il rispetto umano e professiamo apertamente la nostra fede. 

PREGHIERA. O Dio, che ci concedi di celebrare la festa del tuo beato martire Saturnino, ottienici di essere soccorsi grazie alla sua intercessione. 

MARTIROLOGIO ROMANO. A Tolosa, san Saturnino Vescovo, il quale, al tempo di Dècio, fu rinchiuso dai pagani nel Campidoglio di quella città e precipitato dalla sommità della rocca del Campidoglio per le varie scarpate, e così, col capo contuso, col cervello scosso e con tutto il corpo lacerato, rese la sua bell'anima a Cristo.

martedì 28 novembre 2017

Eolienews si ferma per ricordare Gaetano D'Ambra, Cristian Micalizzi e Santo Parisi

Un anno fa la tragedia della Sansovino dove persero tragicamente la vita Gaetano D'Ambra, Cristian Micalizzi e Santo Parisi. 
Per ricordarli, nell'anniversario della tragedia, per non dimenticarli e per essere vicina all'immenso dolore delle loro famiglie, Eolienews sospenderà dalle 14,00 alle 16 e 30 ogni pubblicazione.

Mercoledì sulla Veronese, Santa Messa in suffragio delle vittime della Sansovino


Un minuto di silenzio per le vittime della Sansovino nell'anniversario della tragedia


Consigliere De Luca sollecita amministrazione " Si partecipi a bando per finanziare lavori interventi di messa in sicurezza e riqualificazione degli edifici scolastici"

Spett.le Sindaco, Spett.le Assessore alla Pubblica Istruzione ed edilizia scolastica, Spett.le Dirigente III Settore, Spett.le Responsabile LL.PP. ed Edilizia Scolastica, p.c. D.S. Ist.Comprensivo "Lipari" p.c. D.S. Ist.Comprensivo "Lipari 1" p.c. D.S. Ist.Isa Conti Eller Vainicher di Lipari

OGGETTO: PARTECIPAZIONE COMUNE DI LIPARI BANDO PON 2014-2020 MIUR (Prot. 35226 del 16 agosto 2017)
AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA E RIQUALIFICAZIONE DEGLI EDIFICI PUBBLICI ADIBITI AD USO SCOLASTICO FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE (FESR)
Con la presente, la sottoscritta, nella qualità di Presidente della Commissione Consiliare n.1 "Edilizia scolastica"
Richiede al Sindaco di partecipare al Bando in oggetto specificato in quanto rappresenta un'opportunità per i plessi scolastici delle Isole Eolie.
Il suddetto Avviso ha l'obiettivo di "costruire e potenziare le strutture dell'istruzione che siano sensibili ai bisogni dell'infanzia, alle disabilità e alla parità di genere e predisporre ambienti dedicati all'apprendimento che siano sicuri, non violenti e inclusivi per tutti",
E' finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per l'attuazione dell'Obiettivo dell'Azione 10.7.1"Interventi di riqualificazione degli edifici scolastici (efficientamento energetico, sicurezza, attrattività e innovatività, accessibilità, impianti sportivi, connettività) volto in particolare a:
- adeguamento e miglioramento sismico;
- adeguamento impiantistico e interventi di messa in sicurezza finalizzati all'ottenimento dell'agibilità degli edifici;
- bonifica dall'amianto e da altri agenti nocivi;
- accessibilità e superamento delle barriere architettoniche;
- efficientamento energetico e, in senso più ampio, miglioramento dell'eco-sostenibilità degli edifici;
- attrattività delle scuole, intesa come miglioramento della qualità ed ammodernamento degli spazi per la didattica e realizzazione di spazi funzionali per lo svolgimento di servizi accessori agli studenti (es. mensa, spazi comuni, aree a verde, realizzazione di infrastrutture per lo sport e per gli spazi laboratoriali), finalizzati alla riqualificazione e al miglioramento della fruibilità degli spazi (interni ed esterni).
Il termine per presentare le candidature era il 30 novembre ma per fortuna c'è stata una proroga al 22 gennaio 2018.
Per le vie brevi, oltre dieci giorni fa, avevo contattato l'Assessore di riferimento che mi ha prospettato tutta una serie di problematiche, dalla difficile individuazione del RUP, Responsabile Unico del Procedimento del progetto, alla insussistenza di progetti candidabili ma appaiono alla scrivente ragioni insufficienti a perdere questo tipo di finanziamenti.
Mi fa specie che dal 16 agosto, data di pubblicazione del Bando, non si sia mossi per trovare una soluzione che se valutata in tempo avrebbe avuto a proprio favore altro tempo a disposizione per acquisire i pareri necessari al livello di progettualità richiesto dal bando per l'ammissione degli interventi.
Il Comune di Lipari, che utilizza fondi del Bilancio Comunale per tutta una serie di lavori manutentivi e per migliorie strutturali degli edifici scolastici, potrebbe convogliare, visto che siamo in fase di approvazione del bilancio, gli stessi verso altri settori più carenti o utilizzando gli stessi per la progettazione esterna, come ha fatto per altri interventi, dal Cimitero di Pianoconte ad altre opere per esempio.
Sarà mia cura convocare immediatamente la Commissione consiliare n.1 "LL.PP., Edilizia scolastica, etc" affinché i consiglieri comunali possano confrontarsi per comprendere eventuali criticità del settore e trovare insieme una linea programmatica di indirizzo dell'attività amministrativa nello specifico settore.
Tiziana De Luca (consigliere comunale)

Navi e aliscafi (LI° puntata)

Nelle foto di oggi: 1 e 2 Depliant Pisanello (gestione Sirena), itinerari orari (lato A e B); 3) Canaletto

Judo. Atlete eoliane a "mani vuote" da Ostia

Comunicato
Non è andata molto bene nella finale di Ostia per le due ragazze eoliane. Sia Cassandra Finocchiaro che Arianna Pongolini hanno ben combattuto ma ci vuole qualcosa in più in queste manifestazioni. La consolazione è di avere perso al secondo turno con atlete che poi sono salite sul podio ma sicuramente si può e si deve fare di più, speriamo già dal prossimo fine settimana quando u'n altra atleta eoliana sarà impegnata nella finale esordiente B

Vulcano. Consigliere Muscarà torna a segnalare situazione di potenziale pericolo

Al Sig. Sindaco del Comune di Lipari 
Rag. Marco Giorgianni 
Città Metropolitana di Messina 
Commissario Straordinario Francesco Concetto Calanna 
Sede Legale Palazzo dei Leoni Corso Cavour, 86 Messina 
OGGETTO: Richiesta sopralluogo strada Provinciale di Vulcano Piano. 
Visti gli scarsi risultati ottenuti, dove nella mia pec inviata in data 13/11/2017 al Sig. Sindaco del Comune di Lipari, chiedevo un sopralluogo sulla strada Provinciale di Vulcano, mi trovo costretto nuovamente a segnalare il problema, che ancora oggi non vi è stato alcun sopralluogo dagli organi competenti, al fine di verificare la portata del predetto cedimento. 
Preciso nuovamente che non sono un tecnico in materia, ma ho constatato uno o più cedimenti sotto la strada che porta da Vulcano Porto a Vulcano Piano, in più le forti piogge hanno creato un trascinamento di terra sulla strada, che ancora oggi mette a repentaglio la normale circolazione. 
La delicatezza dello stato di fatto si ribadisce e si richiede un celere intervento, considerato anche che in detta strada altre al traffico veicolare, si registrano varie corse del pullman di linea che trasportano anche i bambini frequentanti le scuole site in Vulcano Piano. Certo questa volta in un vostro intervento a partire dalle prossime giornate, resto in attesa di una comunicazione per poter prendere parte al sopralluogo. 
Distinti saluti 
Vulcano 27/11/2017
 Consigliere Comunale 
Rag. Franco Muscarà