Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta. Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 4 maggio 2019

Vulcano: ruba lo zainetto di uno studente in visita d’istruzione sull’isola. Individuato e denunciato dai carabinieri.


I Carabinieri della Stazione di Vulcano hanno deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria un  57enne, dimorante sull’isola ma originario di San Fratello, per il reato di furto aggravato.
In particolare ieri mattina uno studente del Convitto Nazionale G. Falcone di Palermo ha denunciato ai Carabinieri della Stazione di Vulcano che nel pomeriggio di giovedì 2 maggio, mentre con la scolaresca era in visita d’istruzione sull’isola per effettuare la scalata al cratere, si è accorto di non avere più lo zaino contenente i propri effetti personali. 
Ricevuta la denuncia i Carabinieri hanno proceduto alla visione delle immagini di alcuni sistemi di video sorveglianza presenti sull’isola individuando l’uomo che si era impossessato dello zaino, inavvertitamente dimenticato dal giovane in terra durante una sosta. 
L’immediata perquisizione domiciliare ha consentito di ritrovare la refurtiva, ancora integra nel contenuto, che è stata posta sotto sequestro e nella mattinata di oggi riconsegnata al giovane palermitano con tutto il contenuto recuperato.

Caccia al tesoro nel cimitero!. Bloccato gruppo di giovani. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 04.05.19

Leni. Il neo - sindaco Montecristo ha ripartito le deleghe tra i tre assessori.

Il professore Giacomo Montecristo, neo eletto sindaco del Comune di Leni, ha proceduto a ripartire le deleghe tra i tre assessori che compongono la sua giunta.
Riccardo Gullo, che sarà anche il vice sindaco, si occuperà di Opere pubbliche, Bilancio, Cultura e beni culturali, Pubbliche relazioni, Trasporti;
Agata Pollicino: Servizi educativi, Servizi sociali e assitenziali, Personale, Turismo, Spettacoli, Pari opportunità;
Gaetano Lo Po: Viabilità, Illuminazione pubblica, Rete idrica e fognaria, Patrimonio, Commercio, Artigianato, Agricoltura e pesca, Protezione civile.
Il sindaco ha mantenuto per sè: Politiche giovanili, Sport, Tempo libero, Ambiente, Polizia urbana.
Domenica 12 Maggio si dovrebbe tenere la prima seduta del consiglio comunale neo - eletto, con giuramento dei consiglieri ed elezione del presidente e del vice -presidente.

Copertura pontile aliscafi ...che "buco". La segnalazione ed il quesito di una lettrice


 Tiziana Medda ci invia queste foto e scrive: "Ma quant'è costata la protezione del pontile aliscafi, già ridotta così?".

Alberto Urso e l' "inedito". Articolo della Gazzetta del sud di oggi


Elezioni Europee del 26 Maggio. Nominati al Comune di Lipari gli scrutatori.

Si è riunita ieri al Comune di Lipari la Commissione elettorale per procedere alla nomina di 68 scrutatori per le elezioni del 26 Maggio. Sono stati individuati dai componenti della commissione dall'Albo degli scrutatori e approvati all'unanimità. 
Ricordiamo che, in queste elezioni, la legge da facoltà ai componenti della Commissione di nominare gli scrutatori, senza ricorrere al sorteggio e a condizione che vi sia unanimità. 
Questo l'elenco dei nominati

E' deceduta in Australia, Immacolata Mirabito in Ruggiero. Messa di suffragio, domani a Porto Salvo (Lipari)

Geoscienze News - Il Laboratorio Vulcani di Carta.

Nuova puntata di GEOSCIENZE News, il TG web dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) realizzato in collaborazione con ANSA - Scienza & Tecnica. 
 Nella prima parte dedicata al bollettino sismico, la ricercatrice INGV Maria Grazia Ciaccio fa un quadro dei terremoti avvenuti nelle ultime due settimane in Italia. Dal 18 aprile la rete sismica nazionale ha registrato oltre 660 eventi, sei dei quali di magnitudo pari o superiore a 3.0. 
 La seconda parte è, invece, dedicata all’approfondimento scientifico, con la ricercatrice dell'INGV Stefania Amici che ci parla del Laboratorio Vulcani di Carta. 

Ricordando...Nunzia Favaloro.

Per ricordare gli eoliani che non ci sono più, con foto tratte dal nostro archivio.

Auguri ai lettori di Eolienews, festeggiati oggi.

Buon Compleanno a Carlotta Saporita, Massimiliano Errico, Marialaura Archetti, Gabriele Maiorana.

Bandiera Blu 2019 per le spiagge di Lipari, Acquacalda, Canneto, Ficogrande (Stromboli), Gelso - spiaggia dell'asino e Acque termali (Vulcano)

(Comunicato) Si è svolta ieri mattina, presso la sede del CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche - di Roma, la cerimonia di consegna delle Bandiere Blu 2019 da parte di FEE - Foundation for Environmental Education, riconoscimento internazionale a fronte del raggiungimento di parametri di qualità delle acque, gestione e sicurezza delle spiagge e buone pratiche ambientali per la tutela del mare e dell’ecosistema: 183 i Comuni premiati, di cui 7 sono località siciliane.
Presente, per il Comune di Lipari, l’Assessore Tiziana De Luca che ha ricevuto il prestigioso vessillo assegnato, anche per quest’anno, alle Isole Eolie per le spiagge di Lipari, di Acquacalda e Canneto, Stromboli con Ficogrande e Vulcano con Gelso-Spiaggia dell’Asino e Acque Termali.
Per l’ottavo anno consecutivo, annoverando nella certificazione di qualità ambientale sempre maggiori spiagge e tratti di costa, il nostro Comune riceve la Bandiera Blu, un risultato che ci soddisfa, ci onora ma che anzitutto ci sprona ad un lavoro sempre più orientato alla sostenibilità e alla cura del nostro patrimonio ambientale, unico e prezioso. Grande merito e un dovuto ringraziamento va all’Ufficio Ambiente del Comune di Lipari, che ha sostenuto col proprio impegno il percorso che ci ha condotto all'ottenimento di questo importante riconoscimento. 

Il nostro prossimo obiettivo, come Amministrazione, è quello di rendere tale patrimonio davvero accessibile e fruibile a tutti, ed è per tal motivo che abbiamo destinato una importante quota dei
trasferimenti regionali, alla progettazione per l’accesso dei disabili gravi alle spiagge libere delle Isole.
L’Amministrazione Comunale

Pirrera: Dall'attesa dell'arrivo di Mons. Di Pietro all'Incoronazione del SS. Nome di Maria (terzo gruppo di 5 foto)

Oggi è il 4 Maggio. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

Rinella (Salina) 
Foto: Roberta Pavone

SANTO DEL GIORNO:
Il nome di San Ciriaco è noto anche a chi ignora tutto sul conto di questo personaggio, grazie alla bellissima chiesa romanica che domina la città adriatica di Ancona dall'alto del colle roccioso del Guasco.

Si può anzi dire che la chiesa di San Ciriaco, larga di fianchi e acuta di facciata, con il portale denso d'ombra nello sfascio della luce marina, non soltanto è il monumento più insigne di Ancona, ma anche l'inconfondibile punto di riferimento della città a forma di ancora.

Di quell'ancora, San Ciriaco costituisce il simbolico anello, che unisce mare, terra e cielo. La chiesa alta sul colle, è sempre stata, infatti, il visibile fulcro della vita spirituale e anche civile della città. L'immagine di San Ciriaco, poi è stata impressa sulle monete anconetane e ripetuta nelle opere degli artisti, così come il nome di San Ciriaco è stato incluso nei pubblici decreti cittadini e ripetuto nelle preghiere dei fedeli.

Ciriaco fu Vescovo di Ancona sulla metà del IV secolo: il suo episcopato coincise con il più fortunato affermarsi dei Cristianesimo in quella regione, dopo la stretta della persecuzione e nel clima della pace costantiniana.

Le notizie sul conto dei Vescovo di Ancona sono quasi tutte leggendarie, ma secondo la tradizione la gloria di San Ciriaco sarebbe cominciata ancor prima della sua esaltazione alla cattedra anconetana. Egli infatti avrebbe fornito a Sant'Elena le indicazioni necessarie per rintracciare, sul Calvario, nel fon-do di una cisterna, i resti delle tre croci innalzate il Venerdì della Passione. Anzi, secondo un antico storico, il nome stesso di Ciriaco che invece è di origine greca e significa « signorile » deriverebbe dalle parole latine quaerenda crux, cioè « ricerca della Croce ».

Con il ritrovamento della Croce, il giovane palestinese si sarebbe convertito al Cristianesimo, e spinto dal fuoco della vocazione apostolica si sarebbe messo a predicare tra i connazionali. Il suo zelo e i molti successi lo costrinsero ad abbandonare la Palestina. Così il convertito di Gerusalemme sarebbe approdato, dal mare, nella città guardata dal Cònero.

Ad Ancona, Ciriaco fu Vescovo carico di meriti, e nel suo lungo episcopato la fede cristiana mutò profondamente il volto della città adriatica e la vita di quella popolazione pacifica, attiva e devota.
Sempre secondo la tradizione, egli sarebbe ritornato, da vecchio, a Gerusalemme, pellegrino nei luoghi della sua gioventù e della vita dei Signore. Qui, la spada dei giustizieri di Giuliano l'Apostata avrebbe interrotto il suo viaggio, facendolo rinascere alla Grazia dove era nato al mondo.
Le sue reliquie tornarono però ad Ancona, e furono poste al sicuro, sul Guasco, nell'aereo anello dell'ancora formata dalla città adagiata tra mare e monte. E qui ancora riposano, in un'urna d'argento, sotto le volte della bellissima cattedrale che dal Patrono della città ha preso il nome, rendendolo illustre anche nell'arte e nella storia.

venerdì 3 maggio 2019

Le Eolie superano il primo test turistico. L'articolo del nostro direttore sulla Gazzetta del sud del 03.05.19

Primo Maggio. Anche a Stromboli è stata una bella festa.

(Comunicato) In occasione del Primo Maggio, Festa dei Lavoratori, e delle numerose iniziative all’interno del nostro Comune, a dimostrazione dell’operosità della comunità eoliana, dell’impegno e dell’attaccamento alle tradizioni come sorgente di convivialità e aggregazione sociale, desidero esprimere i miei ringraziamenti a tutti gli organizzatori e a tutti coloro che hanno partecipato attivamente nelle varie frazioni, facendo sì che la vitalità delle nostre Isole continui ad essere la nostra più grande ricchezza a beneficio di tutti, turisti compresi.
Per quest’anno ho presenziato al 1° maggio di Stromboli, dove è stata organizzata la “Festa Popolare” patrocinata e supportata dal Comune di Lipari, al porto di Scari, con buon cibo e ottima musica, dove i residenti e i tanti turisti che già gremiscono l’Isola hanno celebrato la Festa dei Lavoratori in un clima accogliente, semplice ma - non trovo termine più adatto - “vulcanico”.
Una bella festa, dunque, per cui faccio il mio plauso agli organizzatori Vinci Cusolito e Nino Utano e a tutta la comunità strombolana, donne, uomini, giovani, ai titolari delle attività locali, che hanno messo a disposizione di tutti il proprio tempo, le proprie energie e risorse economiche, contribuendo al successo di questo evento a cui sono davvero lieta di aver partecipato.
Assessore
Tiziana De Luca

Ricordando... Giovanni Favaloro.

Per ricordare gli eoliani che non ci sono più, con foto tratte dal nostro archivio.

Biellesi alla scoperta delle Eolie.

(da newssbiella.it) Nei giorni scorsi, la sezione Cai Valsessera ha effettuato il trekking delle Isole Eolie. Numerosi i partecipanti coinvolti. Le guide locali hanno accompagnato il gruppo alla scoperta delle bellezze delle isole, fino a raggiungere la sommità dello Stromboli.

Allucinante. Al cimitero di Lipari era in corso ieri sera una "caccia al tesoro".

Dopo il nostro articolo (lo si può leggere cliccando su questo link https://eolienews.blogspot.com/2019/05/non-ce-rispetto-neanche-per-i-defunti.html ), abbiamo ricevuto questa nota dal geometra Placido Sulfaro e la pubblichiamo:

Buongiorno,
In relazione all’ingresso notturno, del tutto estemporaneo di diversi soggetti stranieri nel Cimitero di Lipari, che avevano organizzato una pseudo caccia al tesoro, anche in questo luogo sacro, vorrei precisare, che è stato il sottoscritto, in orario non di servizio a chiedere l’intervento dei carabinieri della locale stazione, alle ore 20,55, e che nell’attesa dell’intervento degli stessi Carabinieri ha cercato di impedire ad altri soggetti (erano almeno un centinaio) di introdursi e di scorrazzare liberamente nel Cimitero.
Per fortuna non c’è stato alcuna forzatura, e all’arrivo dei militari dell’Arma, prontamente intervenuti, i baldanzosi visitatori si sono lentamente dileguati.
Tanto, per dovere di cronaca.
Placido Sulfaro

Non c'è rispetto neanche per i defunti. Necessario la notte scorsa intervento dei carabinieri.

Sono dovuti intervenire i carabinieri, la notte scorsa al cimitero di Lipari per allontanare un gruppetto consistente di giovani non eoliani alcuni dei quali sembrerebbe fossero "alticci".
Questi era penetrati nel luogo sacro dal cancello centrale, rimasto aperto. 
I militari hanno effettuato i controlli, adottato i provvedimenti del caso e proceduto a chiudere con delle fascette autobloccanti lo stesso cancello.
Ricordiamo che, ormai da diverso tempo, il cancello resta aperto poichè non è più attivo il servizio che veniva espletato dagli anziani.  
Tra l'altro, proprio in questi giorni, l'unico custode in servizio sta godendo delle tante ferie maturate e non godute e ciò rende il luogo sacro "terra di nessuno".  

Laghetto di Lingua. "Fenomeni segnalati sono del tutto di origine naturale. Effettuati controlli". Ci scrive il sindaco Domenico Arabia

Gent.mo Direttore,
in relazione alla segnalazione da Lei ricevuta e pubblicata in merito alla presenza di “Schiuma” e gamberetti morti nel laghetto di Lingua, si comunica che della questione è stata interessata per le vie brevi l’Ente Gestore della R.N.O. “Monte Fossa delle Felci e dei Porri”, nel cui perimetro ricade il la zona del laghetto di Lingua.
Il capo Servizio della Riserva, Soprintendente Benenati, in seguito ad un attento e preciso controllo dello stato dei luoghi, ci ha spiegato che tali fenomeni non derivano da inquinamento antropico, bensì sono il risultato di fenomeni naturali, che sono costantemente seguiti ed attenzionati dall’Ente Gestore. A partire dal periodo primaverile e in modo ciclico, infatti, con l'aumento delle temperature, nel laghetto di Lingua come in tante altre lagune costiere, si formano orli di "schiuma” provocata da una proliferazione di alghe favorita dal surriscaldamento delle acque unitamente alla scarsità di ossigeno tipica dei fondali poco profondi. Il fenomeno stagionale è legato alla rapida riproduzione di fitoplancton, microrganismi in grado di trasformare l'energia solare in biomassa attraverso la fotosintesi. Molto più banalmente, la consistenza spumosa osservata nei giorni scorsi sulla superficie dell'acqua è dovuta alla decomposizione delle alghe presenti nel laghetto.
Per quanto riguarda la morea di gamberetti segnalata ancorchè non riscontrata dal sopralluogo effettuato, questa è una conseguenza del tutto naturale dovuta ad un processo meglio noto come “Eutrofizzazione”: a seguito della decomposizione delle alghe , vi è una conseguente forte diminuzione di ossigeno a causa dei processi di putrefazione e fermentazione che liberano grandi quantità di ammoniaca, metano e acido solfidrico, rendendo l'ambiente inospitale anche per altre forme di vita. Al posto dei microrganismi aerobici (che hanno bisogno di ossigeno) subentrano quelli anaerobici (che non hanno bisogno di ossigeno) che sviluppano sostanze tossiche e maleodoranti.
Questi ultimi fenomeni sono mitigati dalla presenza di cannucce di palude presenti in alcuni tratti della sponda, le quali dotate di lunghi rizomi stoloniferi che crescono immersi nella melma, agiscono da elemento di riequilibrio laddove la scarsità di ossigeno limita fortemente l’assorbimento degli ioni e si accumulano le sostanze tossiche prodotte dai batteri decompositori: l’ossigeno captato dalle parti aeree della pianta si diffonde all’interno dei grandi spazi intercellulari trasferendosi fino ai rizomi e alle radici e, da queste, rilascia quantità di ossigeno che possono arrivare fino a 45 g/m2 al giorno; in tal modo, le cannucce di palude contribuiscono notevolmente ad accelerare i processi di nitrificazione e di degradazione aerobica delle sostanze organiche presenti anche nel laghetto di Lingua.
Riteniamo di poter concludere che i fenomeni segnalati sono del tutto di origine naturale e fanno parte di quei delicati processi che caratterizzano l’intera area del laghetto e del Faro di Lingua.
Domenico Arabia (sindaco di Santa Marina Salina)

Attacchi generalizzati dell'ENPA Pescara ai cittadini di Lipari. Arrivano le scuse ufficiali dell'ENPA Nazionale.

Auguri ai lettori di Eolienews, festeggiati oggi.

Buon Compleanno a Rossella Natoli, Francesca Natoli, Simone Casale, Stefania Cozzo, Antonella Merlino, Gaetano Beninato, Irene Halas.

Primi giorni di Maggio "proficui" per le casse comunali. In arrivo diverse decine di verbali per violazione dell'isola pedonale.

Il sistema di video - sorveglianza sembra non avere scoraggiato i "violatori seriali" dell'area pedonale del centro storico di Lipari. 
La differenza adesso, rispetto al passato, quando si restava impuniti, e che le telecamere hanno ripreso tutto e i giovani in scooter, non solo loro comunque, sembrerebbe, a volte anche senza casco, si vedranno recapitare la multa a casa, accompagnata dalla "foto - ricordo" dell'infrazione commessa.
Proteste si registrano, da parte degli utenti della strada, per l'occupazione da parte degli stessi mezzi, a tempo indeterminato o con spostamento del disco orario, del piccolo parcheggio dei Cappuccini, dove la sosta è regolamentata con apposita ordinanza.
Sollecitati continui controlli. 

Lettere dei lettori. Calandra...perplessità, dubbi e quesiti sui lavori di protezione in corso.

Caro direttore,
vogliamo porre la sua attenzione, quella dei suoi lettori e delle autorità, che speriamo diano una risposta ai nostri quesiti, su quanto si sta realizzando nella zona di Calandra a protezione (?) dell'abitato.
1) I massi posizionati sono  di materiale calcareo quindi, vista la loro leggerezza e la friabilità, corrono il rischio, a nostro avviso, di essere spazzati via. Sarà un caso che i massi posizionati a protezione in altre zone dell'isola (Unci ect.) sono di materiale vulcanico e , quindi, più pesante?
2) Scrivere che l'opera  puòessere realizzata anche con massi similari a quelli vulcanici, non dice certo che si possa usare il calcareo.
3) Sappiamo che per scaricare la sabbia del torrente sulla spiaggia, occorre una analisi che ne verifichi la compatibilità. E' stato fatto lo stesso con questi massi che non provengono certo dalle Eolie?
4) Ed ancora è stato posizionato l'indispensabile geotessile che avrebbe la funzione d'ingabbiare i massi, nelle more della loro naturale stabilizzazione?
5) La barriera è stata creata così come dal progetto che si allega, oppure è difforme?

Nota del direttore - Sin qui i quesiti posti nella mail che ci è stata inviata. Noi non siamo certo tecnici, di conseguenza, giriamo i quesiti agli addetti ai lavori, alla pubblica amministrazione, alla ditta incaricata. Mettendo, a disposizione, spazio per repliche e/o controdeduzioni.

Pirrera: Dall'attesa dell'arrivo di Mons. Di Pietro all'Incoronazione del SS. Nome di Maria (secondo gruppo di 5 foto)

Judo. Il liparese Salvatore Puglisi nella rappresentativa siciliana in gara a Ravenna.

Per la prima volta atleti siciliani, di diverse associazioni sportive praticanti judo in Sicilia, fanno squadra per gareggeranno insieme e portare alto il vessillo della regione siciliana al palazzetto dello Sport ”Pala de Andre” di Ravenna. Una decisione, quella di presentare una squadra siciliana ad un meeting internazionale condivisa dal comitato regionale e proposta da Giampiero Gliubizzi responsabile del settore judo della FISDIR in Sicilia che nasce dalla volontà di voler iniziare a provare l’unicità del gruppo siciliano senza divisioni dettate dall’appartenenza alla società sportiva ma vivere anche una esperienza nuova in un contesto di partecipazione globale e condivisione tra tecnici ed atleti. La rappresentativa siciliana sarà infatti accompagnata anche dai tecnici di judo Gaetano Bisazza e Angelo Li Favi.
Dopo il buon risultato ottenuto dagli atleti isolani allo scorso campionato italiano (3 medaglie d’oro, due d’argento ed una di bronzo) la compagine dovrà misurarsi con atleti straniere che parteciperanno il prossimo 10 maggio al “MEETING INTERNAZIONALE DI JUDO” rivolto ad atleti con Disabilità Intellettiva Relazionale che si svolgerà.

RAPPRESENTATIVA JUDO FISDIR SICILIA
1) Consentino Salvatore – ASD SporT21 Sicilia (PA)
2) Gliubizzi Francesco – ASD SporT21 Sicilia (PA)
3) Ippolito Gabriele – ASD SporT21 Sicilia (PA)
4) Migliore Davide – ASD Jppon Judo Special Boys (PA)
5) Muratore Andrea – ASD SporT21 Sicilia (PA)
6) Pecoraro Paolo – ASD SporT21 Sicilia (PA)
7) Puglisi Salvatore – ASD Sporting Club Judo Lipari (ME)
8) Zarbo Gabriele – ASD Jppon Judo Special Boys (PA)

REGIONE: PROCEDURE PIU' SNELLE NEGLI UFFICI DEL GENIO CIVILE.

Ancora un passo avanti del governo Musumeci verso la sburocratizzazione degli uffici regionali che si occupano di edilizia. Diventa più snella, infatti,la procedura per il rilascio delle autorizzazioni a costruire nelle zone considerate a rischio sismico. D'ora in poi, gli uffici del Genio civile dell'Isola dovranno concentrare la propria attività di controllo solo su specifici interventi puntualmente individuati in una direttiva trasmessa dal Dipartimento tecnico regionale diretto da Salvatore Lizzio e che è stata pubblicata sul sito web dell'assessorato alle Infrastrutture. La Regione Siciliana ha infatti proceduto a recepire con immediatezza le disposizioni contenute in un decreto legge del Governo centrale dello scorso 18 aprile.
Se, dunque, restano subordinate al rilascio delle autorizzazioni preventive le opere da effettuare nelle zone ad alta sismicità o ricadenti in aree classificate a rischio idrogeologico, basterà il deposito del progetto accompagnato da una dichiarazione di chi lo ha redatto, per quelle da realizzare nelle zone sismiche considerate a media e bassa sismicità. Saranno invece esclusi, sia dall'obbligo dell'autorizzazione che da quello del deposito del progetto, gli interventi cosiddetti "privi di rilevanza" nei riguardi della pubblica incolumità come muri di recinzione, pergolati, piccole piscine, coperture in alluminio o altri materiali leggeri di verande e balconi, ma anche ponteggi temporanei realizzati per la manutenzione o per la ristrutturazione di edifici. Alla ditta, in questo caso, basterà comunicare all'ufficio del Genio civile l'inizio dei lavori trasmettendo anche una loro breve descrizione. Toccherà al direttore dei lavori, alla fine, stilare una dichiarazione di regolare esecuzione.
«Entra in funzione - spiega il governatore Nello Musumeci - un nuovo meccanismo tarato su parametri più funzionali e logici: controlli rigidi lì dove c'è una soglia di rischio più alta, ma maggiore elasticità nei casi che oggettivamente non giustificano lungaggini burocratiche. E ciò a vantaggio della funzionalità degli uffici ma anche di un settore, quello dell'edilizia, che potrà ricevere una ulteriore spinta con la veloce apertura di tantissimi piccoli, nuovi cantieri».
E ad accelerare i tempi contribuirà anche il nuovo portale attraverso il quale il dipartimento regionale Tecnico dell'assessorato delle Infrastrutture sta per informatizzare il rilascio, da parte degli uffici del Genio civile dell'Isola, delle autorizzazioni e dei nulla-osta sismici per le opere strutturali. Stanno per partire, in ogni provincia, i corsi di formazione per tecnici delle pubbliche amministrazioni e liberi professionisti per un corretto utilizzo del nuovo strumento che dovrebbe essere operativo agli inizi di giugno e che consentirà la presentazione delle istanze solo on-line e non più agli sportelli.

Oggi è il 3 Maggio. Buongiorno con questa "cartolina" dalle Eolie e con il Santo del giorno

MARINA CORTA (LIPARI)

SANTO DEL GIORNO:
S. Filippo, nativo di Betsaida, era un uomo giusto e spesso consultava le Scritture per conoscere quando si sarebbe avverata la promessa del futuro Liberatore atteso da tutte le genti. Un giorno andò a lui Natanaele, e gli disse: « Abbiamo visto il Messia ».
Filippo felice, ne andò in cerca e lo incontrò mentre tornava dal Giordano. Gesù appena lo vide gli mosse il suo dolce invito: « Vieni e seguimi », e Filippo lo segui con amore ardente.
Egli viene ricordato nel Vangelo per la sua domanda rivolta al Salvatore là nel deserto prima che il Messia operasse il miracolo della moltiplicazione dei pani: « Dove troveremo sufficiente pane per sfamare tanta moltitudine? ».
Ricevuto lo Spirito Santo portò il Vangelo nella Scizia ove fondò una comunità di ferventi cristiani. Quindi per divina chiamata passò in Frigia, ove per le numerose conversioni eccitò l'odio degli idolatri, i quali lo maltrattarono e lo crocifissero. S. Filippo aveva allora ottantaquattro anni di età. Le sue reliquie furono poi trasportate a Roma.
S. Giacomo. Figlio di Alleo e di Maria, parente della Madonna, viene detto il minore per distinguerlo dall'altro Apostolo dello stesso nome. Egli fin dai primi anni, dice il Breviario, non bevve mai vino, si astenne dalla carne ed osservò il voto e gli obblighi del nazareato. A lui solo era permesso di entrare nel Santo dei Santi. Portava vesti di lino e l'assiduità nella preghiera gli aveva fatto divenire i ginocchi duri come la pelle d'un cammello. Chiamato alla sequela di Gesù fu perseverante nella vocazione e seguì in tutta la sua vita il Messia.
Ricevuto lo Spirito Santo rimase vescovo di Gerusalemme. Quivi egli fondò una comunità di cristiani i quali con l'esempio della loro virtù attirarono ogni giorno nuovi proseliti.
S. Giacomo fu uno dei principali Apostoli che parteciparono al Concilio di Gerusalemme e crebbe a tanta santità di vita da essere soprannominato il Giusto.
Governò la sua Chiesa per circa trent'anni, operandovi numerose conversioni, per la qual cosa fu fatto segno all'odio degli Ebrei i quali lo assalirono mentre stava pregando nel tempio, e trascinatolo sulla terrazza lo precipitarono al suolo. Egli non morì in quella caduta, anzi inginocchiatosi invocava perdono ai suoi persecutori, quando un colpo di mazza gli spaccò il cranio. Aveva 96 anni di età. Lasciò come monumento sempiterno la Lettera Cattolica, nella quale è celebre il sue detto: « La fede senza le opere è morta ».
La festa dei Ss. Filippo e Giacomo non ricorda il giorno della loro morte sul quale regna ancora molta incertezza ma quello della dedicazione della basilica eretta a Roma nel vi secolo in onore dei due Apostoli e che oggi porta il titolo generico dei Ss. Apostoli. In essa si conservano i corpi dei due gloriosi santi.

giovedì 2 maggio 2019

Rocca di Capri Leone (ME): Aggredisce la sua ex compagna. Arrestato dai Carabinieri.


LEGIONE CARABINIERI “SICILIA”

Comando Provinciale di Messina
__________

Comunicato stampa del 02 maggio 2019

Rocca di Capri Leone (ME): Aggredisce la sua ex compagna. Arrestato dai Carabinieri.

Nella serata di ieri, a Rocca di Capri Leone, i Carabinieri della locale Stazione e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sant’Agata Militello hanno arrestato, in flagranza di reato, un 30enne ritenuto responsabile dei reati di atti persecutori e resistenza a pubblico Ufficiale.
Nel pomeriggio del primo maggio, è giunta una richiesta di intervento presso la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Sant’Agata Militello che segnalava un uomo, in stato di alterazione psicofisica, che aveva bloccato l’auto sui cui viaggiavano la sua ex compagna e la figlia della donna. L’uomo inveiva contro le due donne ed usando violenza fisica, si era introdotto nel veicolo strappando il telefono cellulare dalle mani della più giovane e scagliandolo a terra al fine di impedirle di chiedere aiuto. Sul posto sono giunti i Carabinieri della Stazione di Rocca di Capri Leone e del Nucleo Radiomobile che hanno immediatamente messo in sicurezza le vittime e bloccato l’uomo, il quale ha dapprima tentato di opporsi all’intervento dei militari insultandoli e strattonandoli e poi, per cercare di sottrarsi al controllo, si è rinchiuso all’interno della sua automobile.
Con la collaborazione della “task force” specializzata, costituita dal Comando Provinciale di Messina per il contrasto alle violenze di genere e sotto la direzione del Sostituto Procuratore di Turno della Procura della Repubblica di Patti, intervenuto sul luogo, i Carabinieri hanno ricostruito l’episodio appena accaduto, raccogliendo inoltre ulteriori gravi indizi in ordine alla responsabilità del 30enne anche in continue e ripetute vessazioni, molestie e pedinamenti ai danni della vittima.
L’uomo è stato, pertanto arrestato in flagranza di reato per atti persecutori e resistenza a pubblico ufficiale e trattenuto presso le camere di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida. 

1° Maggio a Chiesa Vecchia (Quattropani) un successo all'insegna del gusto e della tradizione.

(Comunicato) Si è svolto ieri, mercoledì 1 maggio 2019, nella piazza di Chiesa Vecchia, l’evento “Festa del primo maggio a Quattropani”.
L’evento, organizzato dalla Comunità Parrocchiale di Quattropani e dall’associazione culturale e sportiva “Castellaro”, ha riscontrato un grande successo di pubblico con la presenza di centinaia di persone durante la giornata. Sotto un cielo azzurro, di fronte agli scenari mozzafiato e alla piazza addobbata in clima di festa, dopo la celebrazione della santa messa a cura di Mons. Giuseppe Mirabito, sono avvenute la benedizione e la distribuzione del tradizionale “Quadaro di San Giuseppe”, minestrone ricco di legumi e di diversi tipi di pasta, preparato secondo l’antica ricetta che si tramanda da decenni, di generazione in generazione. Il gruppo musicale “Bequadro” ha allietato la degustazione del Quadaro e le altre degustazioni e la festa ha avuto termine con il sorteggio dei premi messi in palio.
Con questo comunicato l’associazione “Castellaro” intende ringraziare quanti hanno reso possibile la giornata di ieri. In primis si ringrazia la comunità parrocchiale di Quattropani, e in particolare padre Giuseppe Mirabito, per il continuo sostegno alle iniziative promosse nella borgata. Un pensiero speciale va a tutti i soci dell’associazione “Castellaro” che in queste ultime settimane hanno lavorato freneticamente ai preparativi, insieme ai non soci e a tutte le famiglie di Quattropani che a vario titolo e in vari modi si sono resi disponibili e partecipi. Un ringraziamento sentito va anche all’amministrazione comunale, e in particolare al vicesindaco Gaetano Orto, per la disponibilità e la collaborazione per la realizzazione della manifestazione. Grazie ai componenti della protezione civile presenti, alla Croce rossa Italiana e ai Carabinieri di Lipari che, con la loro presenza, hanno garantito l’ordine e la sicurezza durante la manifestazione. Un ringraziamento va anche all’associazione “Terme San Calogero” e alla Società Cooperativa Margherita, per la proficua collaborazione.
Infine si ringraziano tutti coloro che hanno partecipato calorosamente all’evento per aver scelto di trascorrere ancora una volta la festa del primo maggio nello sfondo incantevole di Chiesa Vecchia.
Si comunica che sul gruppo Facebook “Quattropani, l’isola dentro l’isola” sono state pubblicate le foto ufficiali dell’evento. Vi invitiamo a “sfogliarle” e, se vi fa piacere, a pubblicare la vostra foto ricordo.
https://www.facebook.com/groups/387731267924411/?ref=group_header

Associazione culturale e sportiva Castellaro

Premio “Storie di Alternanza”: proclamati i vincitori della I sessione 2019.



(Comunicato) Messina, 2 maggio 2019. L’Istituto superiore statale “Felice Bisazza”, per la categoria “Licei”, e l’Istituto di istruzione superiore “Antonello”, per la categoria “Istituti tecnici e professionali”, si aggiudicano il primo posto al Premio “Storie di Alternanza”, promosso dalla Camera di commercio, tramite la sua Azienda speciale servizi alle imprese, in collaborazione con Unioncamere.
«La Camera di commercio crede fortemente nell’Alternanza scuola lavoro, che promuove con iniziative finalizzate ad accrescerne la qualità e l’efficacia – afferma il presidente dell’Ente camerale, Ivo Blandina – come, appunto, il Premio “Storie di Alternanza” che intende valorizzare e dare visibilità ai racconti dei progetti realizzati in questo ambito dagli studenti e dai loro tutor».
La cerimonia di premiazione si è svolta oggi al Palazzo camerale, alla presenza del segretario generale, Alfio Pagliaro: «La collaborazione tra mondo della scuola e mondo imprenditoriale è molto importante ed è fondamentale che diventi sempre più proficua, come peraltro già accade in altri paesi europei. I percorsi di alternanza scuola lavoro possono davvero costituire una concreta esperienza formativa per gli studenti che, grazie a questo strumento, possono entrare in contatto con il mondo del lavoro».
Al secondo posto, si sono classificati il Liceo artistico “Basile” e l’Istituto di istruzione superiore “Minutoli – sez. Quasimodo”; al terzo, il Liceo classico “La Farina” e l’Istituto nautico “Caio Duilio”. A partecipare, infine, anche l’Istituto tecnico “Leonardo Da Vinci” di Milazzo e l’Istituto d’istruzione superiore “Borghese Faranda” di Patti. «L’idea che si vuole portare avanti è quella di trasmettere alla scuola i messaggi che arrivano dal mondo del lavoro – precisa il funzionario camerale, Agata Denaro – perché amplino la propria offerta formativa e la adeguino alle esigenze del mercato».
A portare i saluti dell’Ufficio scolastico provinciale, è stata la prof. Maria Cristina Costanzo. Presenti, inoltre, la collaboratrice dell’Anpal, Maria Teresa De Maggio, e Maria Grazia Coppola di Assocamerestero, la rete che veicola le Camere di commercio all’estero, che ha illustrato i percorsi di alternanza scuola lavoro che gli studenti italiani possono svolgere nei paesi europei tramite gli Enti camerali. «Nell’ultimo triennio, circa un centinaio di scuole, da nord a sud, ha aderito all’iniziativa – spiega Maria Grazia Coppola – che, grazie a un soggiorno di tre settimane all’estero, consente agli alunni delle nostre scuole di poter avere questa opportunità di crescita in più e, contestualmente, di poter migliorare anche la lingua».
Otto gli Istituti che hanno partecipato alla I sessione del Premio “Storie di Alternanza” per un totale di 10 progetti presentati.

REGIONE: MUSUMECI SOSTITUISCE LA COMMISSIONE PER AUTORIZZAZIONI AMBIENTALI

Sostituire con urgenza la Commissione che a Palermo si occupa della valutazione d’impatto ambientale. Lo ha deciso il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, che ha chiesto all’assessore per l’Ambiente Toto Cordaro di avviare subito le procedure per il rinnovo dell’importante e strategico organismo.
“Serve respirare aria nuova - ha commentato il governatore - e non mi riferisco solo ai tempi di attesa per le pratiche, ancora lunghi malgrado i progressi registrati nell’ultimo anno. Ringrazio gli attuali componenti e il presidente per il lavoro fatto. Quella Commissione ha bisogno di tecnici che considerino il loro compito un umile servizio e non un potere. Tecnici che considerino il trascorrere del tempo come una calamità e non un'opportunità. Voglio una Commissione che lavori per accelerare le procedure invece di provare il sadico piacere di infliggere a ogni istanza decine di prescrizioni, spesso discutibili. Così si frena la spesa per gli investimenti e si condanna l’economia siciliana alla stagnazione. Ho chiesto inoltre all’assessore - conclude il presidente Musumeci - di proporre la rotazione di qualche dirigente e funzionario interno che si occupa di pratiche autorizzative. Sono certo che potrà essere utile anche questo".

Pirrera: Dall'attesa dell'arrivo di Mons. Di Pietro all'Incoronazione del simulacro del SS. Nome di Maria (primo gruppo di 5 foto)