Notizie dalle Eolie a cura della redazione giornalistica
Direttore responsabile di redazione: Salvatore Sarpi
Direttore Nautilus web magazine: Matteo Salin
Collaborano con noi: Massimo Bonfante, Silvia Sarpi, Gaetano Di Giovanni, Giuseppe La Cava, Bartolo Ruggiero, Francesca Falconieri, Alessandra Li Donni, Bartolo Giunta e Alessio Pellegrino.
Per scrivere alla nostra redazione ssarpi59.ss@gmail.com o s.sarpi@libero.it
Tel. 339.5798235

Le notizie, dopo il passaggio nella prima pagina, restano nell'archivio (colonna a destra di questa pagina, in basso). In alto (lato sx di questa pagina) vi è anche la finestrella per cercare articoli precedentemente pubblicati. Inserite una parola chiave dell'argomento che vi interessa ed avviate la ricerca

Per PUBBLICITA', auguri relativi a qualsiasi ricorrenza (nascita, battesimo, comunione, cresima, matrimonio, anniversario, laurea ecc.) annunci di qualsiasi genere, necrologie, cordoglio, ricerca e offerta lavoro ecc da pubblicare su www.eolienews.it e sulla nostra pagina di fb. chiamate il 339.57.98.235
Precisiamo al fine di non volere sembrare scortesi in caso di mancata pubblicazione che tutti i servizi, ad eccezione di ricerca e offerta lavoro, ritrovamento o smarrimento di qualsiasi cosa, sono a pagamento.
Questo poichè il nostro giornale non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene solo con il provento delle pubblicità che gli amici inserzionisti ci concedono.

sabato 9 gennaio 2010

Punteruolo rosso nelle Eolie: A chi rivolgersi per infestazione

Considerato che, purtroppo, anche nel territorio del Comune di Lipari sono stati rilevali alcuni focolai di infestazione dall'insetto denominato "punteruolo rosso", si informa che, in ottemperanza alle disposizioni impartite dall 'Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Siciliana, si invita la cittadinanza a volere segnalare le palme esistenti sul territorio comunale che dovessero mostrare segni di infestazione dall 'insetto in argomento.
I recapiti ai quali rivolgersi per segnalazioni di palme attaccale e/o maggiori informazioni sull'argomento sono: ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE DIP. REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI X SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE Osservatorio per le Malattie delle Piante di Acireale Unità Operativa 54 -Attività Filosanitaria e Vivaistica Tel. 095/894538 -095/7649473 Fax. 095/7649958 - Cell 366/6805087 - 366/6805087 (Dott. D'Anna -Dott. Raciti -Dott.ssa Tamburino)

VENTURI: PIANO CAVE, VELOCIZZATO ITER PER STRUMENTO ATTESO DA 30 ANNI

“Abbiamo accelerato l’iter il più possibile e dopo 29 anni di attesa il Piano Cave della Sicilia non è più soltanto una ipotesi di studio. Nella prima metà di dicembre abbiamo avviato la procedura VAS, la valutazione ambientale e strategica, passaggio obbligato per varare questo strumento fondamentale. Ci saranno 60 giorni di tempo dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della regione siciliana perché chiunque possa prendere visione della documentazione in questione e presentare eventuali proprie osservazioni. Alla scadenza di questo termine il Consiglio Regionale delle miniere valuterà le osservazioni pervenute, potrà recepirle o meno, e poi il Piano Cave sarà inviato alla Giunta che a sua volta lo invierà alla commissione Attività produttive dell’Ars per il parere di competenza. Successivamente, avuto il parere della Commissione di competenza, sarà promulgato con decreto del presidente della Regione”.
Lo afferma Marco Venturi, assessore della Giunta presieduta da Raffaele Lombardo ex titolare della delega all’Industria, in merito alle sollecitazioni per l’approvazione del Piano Cave, pervenute dall’onorevole Salvino Caputo, presidente della commissione Attività produttive dell’Ars.
“Tutti questi passaggi – prosegue Venturi – sono stati effettuati previo accordo con le associazioni di categoria. Ribadisco che in sei mesi di permanenza presso l’assessorato all’Industria è stato fatto molto. Anche per questo settore. E’ stato nominato il nuovo Consiglio delle miniere, si è proceduto in maniera spedita all’approvazione del Piano Cave ed è stata avviata la procedura VAS. Si è a buon punto, ritengo, per dotare finalmente la Sicilia di un Piano che, è bene ricordarlo, si attende da oltre trenta anni”.

Calcio. Riprende il campionato di Prima Categoria. Ludica Lipari in trasferta

Riprende il campionato di prima categoria dopo la pausa natalizia.
La Ludica Lipari sarà impegnata domani pomeriggio in trasferta sul campo del Roccacaprileone, formazione che in classifica ha gli stessi punti (17) dei ragazzi di Caruso-Li Castro.

Siremar: Il 14 gennaio sciopero di 24 ore del personale

La Siremar SpA rende noto che "le organizzazioni sindacali Fit-Cisl e Usclac-uncidim hanno proclamato uno sciopero del personale navigante ed amministrativo di 24 ore per il 14 gennaio, che potrebbe avere riflessi sulla regolare programmazione dei servizi marittimi previsti in tali date".
Saranno garantiti, comunque, i collegamenti minimi essenziali visibili presso tutti i punti di vendita, comandi navi, aliscafi e unità veloci.

Chiesa del Purgatorio Da completare i lavori agli ex magazzini e non solo (Dalla Gazzetta del sud di oggi)

(Salvatore Sarpi- Gazzetta del sud) La chiesa delle Anime del Purgatorio di Marina Corta, tornata a "vivere" in questi giorni grazie all'Associazione SS. Cosma e Damiano e all'iniziativa legata al presepe del mare, è un patrimonio della collettività eoliana che non si può perdere.
Purtroppo il rischio che ciò accada è alto. Aldilà della chiesa in se stessa e della sacrestia, che necessitano di una serie di interventi, piuttosto grave appare la situazione degli antichi magazzini delle decime (XVI-XVII secolo) che una volta rappresentavano il piano terreno della costruzione ed oggi invece, per via del bradisismo, sono diventati scantinati.
L'idea dell'associazione sarebbe quella di realizzare un museo del mare e, sfruttando la parte attraverso la quale dal mare si penetra nella struttura, un acquario. Idee di notevole importanza ma per realizzare le quali bisogna intervenire per vincere lo stato precario (a dir poco) in cui si trovano i magazzini nonostante i lavori fatti effettuare negli anni 90 dalla Sovrintendenza di Messina (mai completati).
L'incredibile è – come ha avuto modo di evidenziare l'ex sindaco Michele Giacomantonio – che allora si disse che era stato fatto «un lavoro di recupero imponente perché si erano adoperate tecniche di impermeabilizzazioni all'avanguardia che erano state sperimentate in Giappone. Tecniche che avrebbero permesso di rendere abitabili e vivibili magazzini che ormai erano scesi sotto il livello del mare. Purtroppo, a vederli oggi, si capisce subito che queste tecniche hanno avuto una efficacia solo parziale».

venerdì 8 gennaio 2010

Lipari: Maggioranza inesistente e lotte interne. Il comunicato della minoranza consiliare

COMUNICATO STAMPA
L’odierna, mancata, seduta del Consiglio Comunale ha confermato l’inesistenza della maggioranza. Nonostante la convocazione ordinaria e diverse riunioni di maggioranza (per quanto è dato sapere) il sindaco Bruno non è riuscito a convincere i suoi consiglieri della bontà e dell’utilità di approvare i punti posti all’ordine del giorno dall’amministrazione, parliamo, dei debiti fuori bilancio; debiti che arrivano alla discussione del consiglio ad oltre dieci anni di distanza e per spese relative ad una società posta in liquidazione da anni.
Appaiono risibili anche le argomentazioni del sindaco Bruno pur non entrando nel merito dei debiti fuori bilancio prodotti dell’amministrazione Giacomantonio, rispetto ai quali noi pensiamo che comunque siano frutto di un errato modo di amministrare, attendiamo anche di affrontare la discussione sui potenziali debiti fuori bilancio prodotti dall’amministrazione Bruno, parliamo delle sentenze del Tar sul caso Cucinotta e sul caso “suolo pubblico”, del Decreto Ingiuntivo del Dipendenti del Comune di Lipari per la nota vicenda della “Lipari Porti S.p.A” dove si parla di oltre 380 mila euro e per ultimo dell’attuale situazione della “San Giorgio S.p.A” con oltre 400 mila euro ad oggi non ancora riscossi dall’Ente.
Parliamo quindi di quasi un milione di euro di potenziali debiti fuori bilancio che dovranno sanare le amministrazioni future. Prima di parlare della pagliuzza nell’occhio degli altri cerchi di togliere la trave che ha nel suo occhio.
La verità, è un’altra, che non traspare, ed è rappresentata da una serie di lotte interne che hanno come obiettivo l’occupazione di poltrone assessoriali e che hanno visto numerose prese di posizione da parte di personaggi più o meno noti che sostengono l’amministrazione.
Non è compito dei consiglieri di minoranza garantire il numero legale di fronte ad una maggioranza che può contare su ben 13 consiglieri comunali. Una maggioranza che, nel recente passato, si è limitata ad approvare i punti posti all’ordine del giorno dall’amministrazione per abbandonare subito dopo l’aula e non affrontare gli argomenti veri, reali e concreti che attanagliano il nostro Paese.
Siamo disponibili a confronto in tutte le sedi e soprattutto in consiglio Comunale quando, in una seduta ordinaria, saranno discusse per prime le nostre richieste di autoconvocazione: collegamenti Marittimi, affidamento del servizio Idrico ai privati, Piano regolatore generale, situazione economico-finanziaria del nostro Comune, e tutti gli altri argomenti posti all’attenzione del consiglio nel corso di questi ultimi due anni e mezzo.
U.D.C. – NUOVO GIORNO – EOLIE NEL CUORE (PD – S.L.)

Come un anno fa..pronti a ripeterci (di Adolfo Sabatini)

Come da noi già ricordato stamani, attraverso una ampia documentazione fotografica, l'otto gennaio del 2009 le Eolie, gli eoliani, si sono ritrovati per fare sentire la propria voce contro gli annunciati tagli e contro lo "scippo" del Laurana.
Riceviamo, a proposito di quanto accaduto allora, una nota del consigliere Adolfo Sabatini accompagnata da tre foto.
Il testo e le foto:
Per ricordare che un anno fà si è risvegliato l'orgoglio della gente Eoliana.
Per non dimenticare che un anno fà qualcuno è scappato lasciando da soli i propri concittadini a combattere per difendere i propri diritti e la loro Eolianità.
Per ribadire che, come un anno fà e per sempre, siamo pronti a ripeterci.......
Adolfo Sabatini

Comune di Lipari: Interesse a partecipare alla New co. per Tirrenia-Siremar

Porta la firma dei consiglieri Longo, Corda, Mirabito, Finocchiaro, Giuffrè e Guarino una iniziativa(delibera) inerente Tirrenia-Siremar che dovrà, comunque, essere sottoposta al vaglio del consiglio comunale di Lipari.
Il testo dell'iniziativa:
Premesso che con avviso del 23.12.2009 la FINTECNA SpA, che detiene l’intero capitale sociale di TIRRENIA SpA, che a sua volta detiene l’intero capitale di SIREMAR SpA, ha pubblicato “l’invito a manifestare interesse all’acquisto di n. azioni 108.360, rappresentanti l’intero capitale sociale di TIRRENIA NAVIGAZIONE S.p.A.” in conformità a quanto previsto dal DPC del 30.11.2009 n. 481, relativo ai criteri della privatizzazione di ciascuna impresa esercente;
Che la Regione Siciliana, secondo quanto appreso dagli organi di stampa, attraverso le dichiarazioni rilasciate dal Presidente Lombardo e dall’Assessore Regionale On.le Strano, intende promuovere la costituzione di una NEW Co. per partecipare alla procedura competitiva di cui al predetto avviso;
Che è interesse del Comune partecipare alla costituenda società al fine di poter partecipare direttamente nelle scelte decisionali relative alla organizzazione ed alla gestione dei servizi di trasporto da e per le isole minori;
Che un miglioramento dei servizi di trasporto marittimo nei comuni eoliani è condizione imprescindibile per lo sviluppo socio economico della collettività basato principalmente sulla crescita turistica e sulla garanzia dei diritti fondamentali dei cittadini;
Che a tal fine si ritiene opportuno il coinvolgimento degli altri comuni dell’arcipelago eoliano; Ritenuto di dover aderire all’invito di cui sopra, unitamente agli altri enti pubblici eventualmente interessati ( Regione, Comuni ecc. );
D E L I B E R A
1) Di manifestare interesse a partecipare alla costituenda NEW Co., eventualmente promossa dalla Regione Siciliana, per l’acquisto di azioni rappresentanti il capitale sociale di TIRRENIA NAVIGAZIONE S.p.A..
2)Di dare mandato al Sindaco di promuovere tutte le conseguenti iniziative di raccordo con quelle della Regione Siciliana e propedeutiche alla costituzione della società meglio indicata in narrativa. 3) Di dare altresì mandato al Sindaco di verificare l’eventuale disponibilità a partecipare all’iniziativa di che trattasi da parte degli altri comuni eoliani.
4) Di dichiarare la presente delibera immediatamente esecutiva, stante il termine del 19.02.2010 ( ore 12,00 ) per la presentazione della lettera di manifestazione di interesse, fissato nell’invito della FINTECNA.

Impianti sportivi. Finanziamenti dalla Regione

Scade il prossimo 30 aprile il termine per la presentazione delle istanze per la richiesta di contributi in conto interesse, in favore di soggetti pubblici e privati relativi ai finanziamenti dell'Istituto per il credito sportivo.
E' stato infatti pubblicato nella GURS il Decreto del presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, con il quale si approva lo schema di disciplina di funzionamento del Fondo regionale per l'impiantistica sportiva, predisposto dall'assessore regionale al Turismo e Sport Nino Strano, che fissa i criteri per l'accesso ai contributi in conto interesse.
I finanziamenti sono previsti per l'ammodernamento, ampliamento, completamento, riconversione, adeguamento alle normative sulla sicurezza, abbattimento delle barriere architettoniche di impianti esistenti e per la realizzazione di nuovi impianti sportivi.
I mutui avranno una durata non superiore ai 20 anni e saranno accordati al tasso fisso di interesse che verrà determinato definitivamente dall'Istituto per il credito sportivo.
Possono accedervi gli enti pubblici, le federazioni sportive nazionali, le società e le associazioni sportive senza fini di lucro, gli enti di promozione sportiva e gli enti morali che perseguano finalità ricreative e sportive.
La Regione siciliana concede un contributo in conto interessi per progetti di importo fino a 500 mila euro, nella misura del 100% del tasso di interesse, mentre oltre quella somma l'abbattimento sarà del 50% dello stesso.
Le istanze con la documentazione richiesta vanno inviate al Dipartimento regionale Turismo, sport e spettacolo - Servizio 8 Tur "Impiantistica sportiva". Una copia della documentazione dovrà essere inviata a Istituto per il credito sportivo, via Gian Battista Vico n. 5 - 00196 Roma. Il decreto con il modello della domanda può essere consultato sulla GURS n. 61 del 31 dicembre 2009.

"I fossi...almeno in vita cerchiamo di evitarli". di Francesca Giardina

Riceviamo da Francesca Giardina e pubblichiamo:
Ciao,
scusa se disturbo ancora una volta......ma non posso non fare una segnalazione......anche perchè nel fosso non segnalato, (scusa il bisticcio di parole) ci sono finita anch'io!!!!!!
Percorrendo la strada che va dal negozio di Anni Belli sino al bivio San Vincenzo, scansando la prima buca, inevitabilmente si finisce col caderne in un'altra......e poi in un'altra ancora.....fino a quando la tua auto, prima che la tua tasca naturalmente, non ti chiede disperatamente di non prendere più quella strada!
Insomma è sotto gli occhi di tutti ed anche di chi vuol fare il cieco, non accorgersi della pericolosità e dello stato di abbandono in cui versa il manto stradale di quella zona.....la mia non vuole essere soltanto una segnalazione ma un richiamo a chi di competenza affinchè sia effetttuato un vero intervento e non la solita "lavata di faccia" per la serie "stucco e pittura fannu bella fiura".
Lungi da me alcuna polemica ma con tanto tempo a disposizione che avremo per stare dentro un fosso almeno in vita cerchiamo di evitarlo!!!!
Grazie a chi vorrà prendere in considerazione il mio appello.
Francesca Giardina
Nota del direttore
Cara Francesca, pienamente d'accordo con te sulla necessità di porre fine al ballo del "buchi-buchi" che non è solo, comunque, a Canneto.
Anticipando per certi versi la tua mail proprio stamattina ho contattato l'assessore ai lavori pubblici Corrado Giannò per evidenziare "i fossa"(di cui tu parli ed anche altri).
L'assessore mi ha garantito che a breve, in giornata stessa presumibilmente, farà effettuare un intervento tampone in attesa di un intervento più complesso che sarà effettuato subito dopo.
Vediamo che succede..senza abbassare la guardia

L'anno scorso "Giornata di sciopero e protesta" e occupazione del traghetto "Laurana"

E' trascorso un anno dall'imponente manifestazione durante la quale circa tremila eoliani scesero in piazza per scongiurare i tagli nei servizi marittimi e la "sottrazione " del traghetto Laurana. Manifestazione conclusasi con l'occupazione dello stesso traghetto.
Riviviamo quell'otto gennaio 2009 attraverso alcune foto:































Le novità dallo sportello Epas di Lipari " Pensioni alle prese con conguaglie e coefficienti"

Le novità del 2010 creano qualche campanello d’allarme. La recessione economica ha portato l’inflazione ai minimi storici, e questo ha fatto sì che la scala mobile girasse in modo molto più lento del solito, con effetti negativi sulle pensioni. Ogni anno, infatti, gennaio è il mese del conguaglio fiscale, della trattenuta della prima rata dell’addizionale comunale e regionale e, molto spesso, degli errori di calcolo (ad esempio, molti pensionati non si sono visti riconoscere la detrazione per moglie a carico perché non avevano compilato lo specifico modulo, ormai obbligatorio). Ma se le trattenute, fino allo scorso anno, erano compensate dallo scatto di scala mobile e, quindi, le pensioni venivano adeguate all’inflazione in modo tale da conservare il loro potere d’acquisto, quest’anno le cose sono andate diversamente.
Se nel 2009 lo scatto in questione è stato del 3,3%, con un aumento di 15 euro mensili per le minime, il 2010 ha fatto registrare un misero +0,7% che, tradotto in denaro, significa 3 euro in più al mese per i pensionati al minimo, i titolari dell’assegno sociale e i beneficiari della rendita maggiorata fino al vecchio milione di lire. Inoltre, l’aumento del 2009 era stato calcolato al 3,3%, ma il tasso d’inflazione reale è stato pari al 3,2%, inferiore quindi dello 0,1%, percentuale che i pensionati hanno percepito per ogni mese del 2009 e che ora saranno costretti a restituire.
Le novità del 2010 però non si esauriscono qui: il decennio appena iniziato è stato indicato come quello dell’austerità previdenziale. Il nuovo corso non riguarda chi è già in pensione, ma chi ancora sta lavorando. Innanzitutto, scatta la revisione triennale dei coefficienti di calcolo della pensione contributiva, che verranno agganciati alle aspettative di vita: in tal modo, le pensioni verranno incassate per più tempo e saranno di minore importo. L’altra novità, forse quella che ha fatto più “rumore”, è relativa all’età pensionabile: questa verrà infatti elevata per adeguarla all’allungamento della vita media.
“In un Paese in cui le nascite sono sempre in diminuzione e l’età media cresce, bisogna necessariamente adeguare la normativa alla realtà sociale esistente- afferma Denis Nesci, Presidente Nazionale del patronato Epas- e l’innalzamento dell’età pensionabile è diretta conseguenza di questa realtà”. Nel settore pubblico, infine, le donne arriveranno ad andare in pensione alla stessa età degli uomini, vale a dire 65 anni: a questo risultato si arriverà gradualmente, raggiungendolo nel 2018.
Dal 2010, intanto, dai 60 anni attuali si passerà ai 61.
Per il 2010 rimangono invariati i requisiti per la pensione di anzianità. La quota che permette di andare in pensione è 95, numero che somma gli anni di contribuzione e l’età anagrafica: i paletti al riguardo sono 35 anni come periodo minimo di contribuzione e 59 anni come età. La quota per gli autonomi è leggermente più alta, poiché l’età minima per poter andare in pensione è 60 anni, e la quota diventa 96. Nel calcolo per raggiungere la quota valgono anche le frazioni di anno.

Eolie: Viaggiano anche gli aliscafi

Da qualche ora, seppure con una certa difficoltà, anche gli aliscafi hanno lasciato l'ormeggio di Milazzo per raggiungere l'arcipelago eoliano.
Potrebbe però trattarsi di un fatto momentaneo in quanto già dalla serata le previsioni meteo non lasciano ben sperare. Sono annunciati venti intorno ai 35km/h

Lipari: La maggioranza non ha i numeri. Salta il consiglio

Il consiglio comunale di Lipari dovrà essere riconvocato. E' saltata, infatti, stamane, per mancanza del numero legale (bastavano 8 consiglieri) la seduta del civico consesso che aveva all'ordine del giorno anche 535 mila euro di debiti fuori bilancio.

Alle nove in aula erano presenti Megna e Fonti (Il Faro), Finocchiaro, Guarino, Longo e Mirabito (PDL) e Giuffrè (MPA). Erano presenti anche il sindaco Bruno e l'assessore Giannò.

Prima che venisse chiamato l'appello i consiglieri di minoranza presenti, ritenendo che il numero legale dovesse essere garantito dalla maggioranza, hanno lasciato l'aula.

IL VIDEO DELL'APPELLO E DELLO SCIOGLIMENTO DELLA SEDUTA:

Regione. Castiglione porge un ramoscello d'ulivo. A Lombardo ma non a Miccichè.

«Anche noi siamo per le riforme di Lombardo», ha dichiarato ieri il co-coordinatore regionale del Pdl Giuseppe Castiglione nel render noto che «l'ufficio politico nazionale del Pdl affronterà nei prossimi giorni la situazione della giunta regionale siciliana. Verrà definita la posizione che prenderemo nei confronti del governo guidato da Raffaele Lombardo, al quale assicuriamo il nostro sostegno sulle grandi riforme che saranno proposte e che noi attendiamo fiduciosi».
«Noi - ha aggiunto Castiglione - abbiamo a cuore la coalizione che sta governando il Paese. Siamo contrari a chi critica la scelta di candidare in due regioni esponenti della Lega. E non condividiamo le affermazioni del sottosegretario Micciché che sostiene che gli ex di Forza Italia sarebbero stati esclusi dalle candidature a presidenti delle regioni: significa non avere compreso il progetto del Pdl che non vede più ex Fi o An, ma la creazione di un soggetto unitario».
«Candidare Polverini, Formigoni, Zaia o Scopelliti - ha sottolineato, in polemica con Gianfranco Micciché, secondo cui per questo tipo di strategia politica il Pdl rischierebbe di dissolversi - fa parte del grande progetto politico di Berlusconi». Non solo Micciché, ma anche Lombardo, a giudizio di Castiglione, starebbe compiendo qualche errore. «Lombardo - ha detto in proposito - parte con il piede sbagliato nominando un dirigente esterno in più rispetto agli otto previsti dalla legge. Verifichi inoltre il possesso dei requisiti da parte dei manager nominati».
E, a quanto pare, è quello che sta facendo l'ufficio legale della Presidenza, che oggi dovrebbe fornire le risposte ai quesiti postigli nel merito dallo stesso Lombardo. Oltre all'invito di Castiglione a limitare il numero di dirigenti esterni, Lombardo ha, però, ieri ricevuto anche l'invito dal segretario regionale del Pd, Giuseppe Lupo, che gli ha assicurato il sostegno sulle riforme, ad azzerare «la presenza di esterni negli uffici di gabinetto degli assessori, risparmiando così sei milioni di euro l'anno». «Dimostri subito - ha detto Lupo, rivolto a Lombardo, ma anche a quella parte del Pd che sta contestando la scelta di sostenere il Lombardo-ter, anche se per le sole riforme - di voler dare un vero segno di discontinuità con la precedente gestione di governo azzerando la presenza di persone esterne all'amministrazione negli uffici di gabinetto degli assessorati. È questa una proposta che abbiamo più volte avanzato in Assemblea regionale siciliana con specifici emendamenti. Credo inoltre che sia questo un modo concreto con cui Lombardo può dimostrare di voler avviare un serio processo di risanamento economico e di riforme per la Sicilia. Tale scelta - ha concluso Lupo, intercettando una sorta di richiamo all'ordine della deputata del Pd Alessandra Siragusa - eviterebbe inoltre la triste trattativa di basso profilo politico che si sta svolgendo in queste ore per la formazione degli uffici di gabinetto degli assessori».
Non sembra convinto di questa linea Enzo Bianco. «L'appello al Pd a non sostenere la Giunta Lombardo che ho firmato con Rita Borsellino è frutto di sollecitazioni provenienti da circoli del Pd di tutta la Sicilia, da numerosi simpatizzanti, da rappresentanti istituzionali e non è un gesto personale», precisa il senatore.
«Da oggi – aggiunge Bianco – l'appello è oggetto di una campagna di diffusione e di sottoscrizione rivolta a tutti, in modo da accrescerne la condivisione per dare modo, a chi ha responsabilità istituzionali e a chi no, di esprimere apertamente il loro dissenso all'ipotesi di un sostegno palese al governo della Regione».
«L'appello – spiega l'esponente del Pd – ricalca la linea politica del segretario regionale Lupo e il documento approvato dall'Assemblea regionale del partito; un mandato che non può essere oltrepassato con leggerezza, anche nel rispetto delle indicazioni del segretario nazionale Bersani».
«L'appello serve a dar voce alla gente del Pd e a chi è in disaccordo con l'idea di un sostegno strisciante alla Giunta regionale, che trapela da atteggiamenti e dichiarazioni apparse sulla stampa. – conclude Bianco – una posizione, quella sostenuta nell'appello, che rafforza la linea del segretario regionale».
D'accordo con Castiglione circa il sostegno a Lombardo sulle riforme s'è detto anche il capogruppo dell'Udc all'Ars Rudy Maira. «Sulle grandi riforme - ha detto, commentando l'intervento del co-coordinatore del Pdl - siamo tutti d'accordo, ci mancherebbe altro. Le riforme che ha annunciato Lombardo in aula e sui giornali sono tutte contenute nel programma elettorale della coalizione di centrodestra che ha vinto le elezioni. Se le riforme sono per il bene della Sicilia, non le ostacoleremo in nessun modo. Anche noi, come abbiamo detto più volte, siamo pronti a votarle, ma ovviamente il governo dovrà essere disponibile ad accogliere nostri eventuali miglioramenti e proposte di modifica. Qui si parla degli interessi dei siciliani e i giochetti della politica devono essere messi da parte».
Maira, comunque, dubita che Lombardo riesca ad attuare il suo programma. «Conoscendo i meccanismi della politica, i deputati dell'Ars e le logiche di partito - ha spiegato - credo che questa giunta durerà poco. Perché se il Pd è organico al governo, allora il Pdl Sicilia dovrà chiedersi se potrà stare al governo col Pd. Quando ci saranno da votare i provvedimenti diversi dalle grandi riforme, inevitabilmente esploderanno le contraddizioni. L'inciucio non reggerà, perché si tratta di partiti con storie e progetti politici diversi». E, «con questi numeri - ha concluso Maira - è molto probabile che si torni a votare. Allora si vedrà».

Eolie: Verso l'arcipelago viaggiano solo i traghetti

Mezzi veloci in partenza da Milazzo per le Eolie fermi al palo. L'imperversare del vento di sud-est ed il mare in tempesta ha consigliato ai comandanti dei mezzi veloci di non raggiungere l'arcipelago. Viaggiano, invece, i traghetti NGI e Siremar.
Da Lipari per Milazzo ha mollato gli ormeggi alle 7,00 l'aliscafo Siremar. Quello dell'Ustica Lines è partito per Messina. Un aliscafo Siremar, rifugiatosi poi a Pignataro, ha trasportato a Lipari gli studenti di Salina.
Ovvie difficoltà negli uffici pubblici e nelle scuole.

PTE: ragionare, poi tagliare. Novità in vista per le strutture urbane e per Taormina, Patti e Ucria. Sarà "rivista" la mobilità per i medici

Non si ferma l'opera riformatrice dell'assessore regionale alla Sanità Massimo Russo, nel lungo e delicato percorso di completa attuazione del piano di rientro della spesa sanitaria. Mentre sono in corso di valutazione le proposte formulate dalle aziende ospedaliere e sanitarie sul riordino della rete ospedaliera, a breve si assisterà ad un'altra importante operazione. Un provvedimento da attuare con lo strumento del "taglio", ma che dovrà incrementare e non impoverire l'offerta sanitaria. Questa, almeno, la speranza sia della Regione che dell'Azienda sanitaria provinciale, alla quale tocca nuovamente il non facile compito di confrontarsi con il territorio sull'ennesimo atto di ridimensionamento.
Stavolta, tocca ai Pte, i presidi territoriali d'emergenza, che almeno secondo l'attuale previsione dovranno essere ridotti da 14 a 5. Un taglio notevole, che – in tale configurazione – non potrà non avere ripercussioni sull'assetto dei servizi locali, specie su un territorio geograficamente infelice come quello della provincia messinese. I Pte tecnicamente rientrano nel novero delle postazioni di 118 e, almeno nella concezione originaria, dovevano essere dei presidi avanzati, per affrontare le emergenze più semplici senza ospedalizzarle. Nei fatti, però, l'unico elemento in più rispetto alle postazioni dotate di ambulanza era la presenza di un medico fisso: in sostanza, il Pte è una guardia medica stabile associata all'ambulanza mobile, anch'essa dotata di medico a bordo. E secondo la Regione che ce ne siano 15 sul territorio messinese è troppo.
Entro la fine dello scorso anno, l'Asp avrebbe dovuto individuare le postazioni da sopprimere, ma il provvedimento non è stato ancora esitato, e non lo sarà a breve. Numerose infatti le criticità nel frattempo emerse e per la cui risoluzione, come sottolineano il direttore generale dell'Azienda Salvatore Giufrfida e il direttore sanitario Santo Conti, si attendono ulteriori delucidazioni. Tra l'altro, alla luce di tale prospettiva nei giorni scorsi l'azienda ha pubblicato una delibera con un bando di mobilità per i medici, vista la rimodulazione del personale per la soppressione di 9 Pte. Bando che, però, con ogni probabilità sarà modificato: non è infatti indicata alcuna nuova destinazione, visto che non sono state ufficializzate le postazioni da abolire. Sull'argomento, tra l'altro, nei giorni scorsi è stata proposta un'articolata interrogazione da parte dell'on. Giuseppe Picciolo, che invitava l'assessore regionale a predisporre un piano di riordino globale, concordandolo con i sindaci e i sindacati e individuando criteri oggettivi per la soppressione delle postazioni in eccesso (come già fatto per le guardie mediche, ndc). Il deputato messinese, inoltre chiedeva lumi sulle risorse con le quali sarebbero stati assunti i nuovi infermieri professionali previsti dal riordino e quale sarebbe stato il destino dei 600 autisti soccorritori "appiedati" su base regionale dalle ambulanze. «Tutti quesiti legittimi – osserva il manager dell'Asp Giuffrida – e infatti attendiamo l'emanazione di nuove direttive da parte della Regione. Di certo, il riordino non può non passare dalla condivisione con i sindaci e il territorio e dall'assegnazione di specifiche risorse, che al momento non abbiamo».
Attualmente le postazioni di 118 sono 41 su tutto il territorio provinciale – e già lo scorso anno l'attività è stata rimodulata con la riduzione oraria di attività – e di esse 14 sono organizzate in Pte: quelle di Messina città (all'ex Mandalari e in via dei Mille), Scaletta, Brolo, Capo d'Orlando, Falcone, Francavilla, Fiumedinisi, Novara, S. Piero Patti, S. Teresa Riva, Salina, Tortorici e Torregrotta. Alcune modifiche sono state delineate nel corso di un incontro tenutosi a Palermo alla presenza del Comitato per l'emergenza di cui fa parte il responsabile regionale del 118 Dino Alagna. Si è proposto, in particolare, di trasferire la postazione di Antillo a Taormina, e quella di Taormina a Giardini Naxos, dove già si trova dislocata l'ambulanza taorminese. La postazione di Malvagna dovrebbe trasferirsi ad Ucria, dove verrebbe ripristinato il servizio h24, mentre quella di Patti passerebbe all'esterno dell'ospedale, ad esempio a Patti Marina o a S. Giorgio di Gioiosa Marea. Anche la postazione di S. Agata dovrebbe allontanarsi dall'ospedale, mentre le postazioni 118 di Malvagna, Montalbano e Gazzi potrebbero essere abolite. A Messina città la postazione Pte di via dei Mille (troppo vicina al Piemonte) dovrebbe trasferirsi al Distretto sud di Pistunina, mentre l'ambulanza del Policlinico si sposterebbe a Fondo Fucile; la postazione di Castanea, infine, dovrebbe trasferirsi nell'area di emergenza del Papardo, con utilizzo stagionale, ad esempio a Spartà nel periodo estivo. Valutazioni queste, non definitive e legate specificamente ai Pte, ma riferite in genere alle postazioni di 118: da vedere, ovviamente, quale tipo di servizio (solo l'ambulanza, o la guardia medica, o nessuno?) lasciare nelle località in cui i Pte vengono soppressi, in base alle esigenze della popolazione e alla vicinanza degli ospedali.
Si apre, dunque, un'accesa stagione di confronto, dopo quello sulle guardie mediche, in attesa delle linee guida della Regione e senza dimenticare che la tutela della salute dei cittadini è importante quanto e più del risparmio economico.

giovedì 7 gennaio 2010

Calcio. Inarrestabile la juniores della Ludica Lipari

Ancora una vittoria per gli juniores della Ludica Lipari che guidano il proprio girone con 27 punti. Ieri si sono imposti per sei a uno sul campo del Saponara.
La gara è stata sospesa prima della fine dei 90 minuti poichè i padroni di casa sono rimasti sul terreno di gioco con un numero di calciatori inferiore al minimo consentito.

EX PUMEX: PROROGATO IL PROGETTO CON IL COMUNE PER I LAVORATORI. LA CISL E LA FILCA CHIEDONO SOLUZIONE DEFINITIVA ALLA VERTENZA

“La soluzione adottata dal Comune di Lipari per gli ex lavoratori della pomice tampona l’emergenza ma non è quella definitiva”. Così Enzo Cambria, componente della segreteria provinciale della Cisl e Giuseppe Famiano, segretario generale della Filca Cisl di Messina, chiedono immediatamente al Presidente della Regione Raffaele Lombardo la convocazione di un tavolo con il sindacato e tutti i soggetti istituzionali interessati per trovare una soluzione definitiva al problema. Con una delibera della Giunta del Comune di Lipari dello scorso 22 dicembre è stato, infatti, prorogato il progetto per l’utilizzo degli ex lavoratori della Pumex in attività socialmente utili per il 2010.
I rappresentanti della Cisl di Messina, che hanno tenuto diverse assemblee con i lavoratori e hanno anche incontrato il sindaco di Lipari Mariano Bruno, ritengono che debba essere affrontata la vertenza prima che si ritorni all’emergenza e valutando anche la proposta per la messa in sicurezza del sito.
“Grazie alla concessione della proroga e con l’integrazione con gli ammortizzatori in deroga – affermano Cambria e Famiano – i lavoratori potranno ottenere un salario per il 2010. Ma, se non affrontato in tempo, il problema si ripresenterà tra dodici mesi. Chiediamo al Presidente della Regione Lombardo di attivare da subito un tavolo tra le parti interessate coinvolgendo il sindacato e l’amministrazione comunale di Lipari”.

Ringraziamenti

Il presidente, a nome proprio e in rappresentanza di tutti i soci del Club, ringrazia vivamente il direttivo, in particolare Mimmo Parisi, Davide Belletti, Carmelo Sparacino e il responsabile della sede Ninì Tesoriero per il grande impegno e la mole di lavoro eseguito per la realizzazione della sede.
A questi vanno aggiunti il super Giovanni Cortese, estremamente paziente alle nostre continue richieste, l'elettricista Saltalamacchia Giovanni, per il rinnovo dell'impianto elettrico in tutta la sala, il socio Moretto Maurizio e Bartolo (rosticceria Take Away) per la pizza e i rustici offerti per l'inaugurazione del club.
Un grazie anche a tutti i soci!!!!
Il Presidente
Tesoriero Andrea

Lipari: Consiglio comunale manca il numero legale

Così come previsto è saltato stamane la seduta del consiglio comunale di Lipari per mancanza del numero legale. In prima chiamata presenti solo otto consiglieri: il presidente Pino Longo, Lelio Finocchiaro, Gesuele Fonti e Francesco Megna, Nunziatina D'Alia e Bartolo Lauria, Adolfo Sabatini e Giacomo Biviano.
Il consiglio dovrebbe, a questo punto, tornare in aula domani. Sono da approvare, tra l'altro, debiti fuori bilancio per circa 535 mila euro.

2 Gran Gala' 2009 " Premiazione Atleti FIJLKAM SICILIA JUDO 2009

Sabato 9 gennaio ci sarà la cerimonia di premiazione degli atleti che, per la stagione agonistica 2009, hanno ottenuto risultati nelle seguenti gare:
1) Premiazione atleti medagliati ai Campionati Italiani di categoria
2) Premiazione atleti che hanno fatto parte della Rappresentativa Sicilia nel corso del 2009
3) Premiazione atleti vincitori del “ Gran Premio Sicilia 2009 “ ES, CA, JU
4) 4° premio SJO ( Sicily Judo Organitation)
La premiazione si svolgerà a Santa Venerina ( Giarre) presso la Sala del Vendemmiatore con inizio alle ore 16:30.
Per lo Sporting Club Judo Lipari riceveranno il premio:
Cassandra Finocchiaro (Rappresentativa Sicilia e Gran Premio Sicilia 2009 Cadette kg 63 )
Federica Finocchiaro (Trofeo Italia 2009 e Gran Premio Sicilia 2009 Esordiente kg 44 )
Francesca Cecilia Russo (Gran Premio Sicilia 2009 kg +70).

Nuove regole per l'invalidità civile: provvedimenti entro quattro mesi invece degli attuali due anni

Si schiude finalmente una nuova e diversa prospettiva per il tortuoso iter di declaratoria dell'invalidità civile, nel quale purtroppo si assiste ad una duplice offesa verso persone che da un lato lottano contro la malattia e dall'altro contro le lungaggini burocratiche. La nuova normativa, però, ha abolito diversi passaggi offrendo la concreta opportunità di ridurre i tempi. In precedenza (e ciò continua a valere per tutte le domande presentate entro il 31 dicembre 2009: circa 40.000) l'iter prevedeva che la domanda fosse presentata all'Ausl, la quale avviava il controllo medico sul quale si pronunciava poi una commissione di verifica dell'Inps, che poi restituiva la pratica all'Ausl la quale trasmetteva tutto alla prefettura, competente per l'emissione del decreto sul trattamento economico. Il risultato di tutto ciò era un tempo medio di due anni per ottenere un provvedimento nella nostra provincia. Le nuove direttive rese note dall'Inps, invece, impongono di concludere entro 120 giorni (30 per le patologie oncologiche) rendendo soprattutto tracciabile informaticamente la procedura, così da poter individuare i responsabili di eventuali ritardi, assicurando, si afferma dall'Istituto di previdenza, «un'assistenza certa, puntuale e tempestiva».
La nuova procedura (operativa per le domande presentate dal 1. gennaio 2010) dunque, prevede che la domanda sia inoltrara all'Inps tramite i patronati, accompagnata dal certificato di un medico certificatore che dovrà essersi dotato di codice Pin. Il documento infatti verrà trasmesso all'Inps telematicamente, con la contestuale indicazione della data della visita medica da parte della commissione dell'Asp (che dunque dovrà raccordarsi con l'Inps fornendo il calendario delle riunioni). Commissione Asp della quale farà parte anche un medico dell'Inps, evitando dunque il successivo passaggio dalla commissione di verifica Inps, che sarà richiesto solo in caso di procedura dubbia. La pratica tornerà quindi all'Inps che direttamente provvederà a liquidare il trattamento pensionistico: è stata infatti bypassata la competenza della prefettura, grazie ad una convenzione tra la Regione e il Ministero dell'Interno che solo in Sicilia ritardava. Dunque, adesso gli strumenti operativi ci sono: con l'auspicio che Inps e Asp dispongano delle risorse umane ed economiche per poterli impiegare al meglio, senza vanificare l'importante riforma.
Intanto, proseguono le verifiche straordinarie su alcune delle posizioni di invalidità civile della provincia: 4963 gli utenti soggetti a controllo da parte della commissione dell'Inps

Tutti salvi i sette ospedali dell'Asp . Ma verranno attuati importanti provvedimenti di riorganizzazione, soprattutto fra Barcellona e Milazzo

(Natalia La Rosa- Gazzetta del sud) Una "rivoluzione" tutto sommato pacifica, accettata in maniera sostanzialmente serena dalle comunità locali, anche se non senza alcuni distinguo. La nuova configurazione dei servizi ospedalieri in provincia, contenuta nel piano di rimodulazione presentato nei giorni scorsi dall'Asp alla Regione dal direttore generale Salvatore Giuffrida, pone le basi del futuro sviluppo di un servizio delicato e indispensabile, come l'offerta di salute e cura in un territorio, come quello messinese, logisticamente disagiato e certo non servito in maniera capillare. Per questo, un primo essenziale risultato è quello che ha portato a mantenere tutti i sette ospedali della provincia divisi nei distretti Messina 1, con gli ospedali di Patti (152 posti letto), S. Agata Militello (86) e Mistretta (32), e Messina 2, con Taormina (222), Barcellona (110), Milazzo (160) e Lipari (32). Importante è stato anche il mantenimento del totale di 824 posti letto, che, però, sono stati rimodulati fra i singoli presidi come emerge dalla tabelle che pubblichiamo a fianco, e che sono tratte dal documento distribuito ai sindaci dei Comuni interessati durante l'assemblea tenutasi a Palazzo Zanca lo scorso 21 dicembre, al termine della quale il documento è stato approvato all'unanimità dei presenti.
Le novità di maggiore rilievo riguardano soprattutto gli ospedali di Barcellona e Milazzo, i due più vicini geograficamente, che vengono entrambi mantenuti, ma con profondi cambiamenti destinati ad evitare duplicazioni non in linea con le previsioni del piano sanitario. Per quanto riguarda il "Cutroni Zodda" di Barcellona, l'ospedale perderà l'unità operativa di Urologia che verrà trasferita a Milazzo, l'Unità di Nefrologia e Dialisi viene invece soppressa, con l'attivazione di un centro assistenza decentrata con otto posti afferente all'analoga Unità dell'ospedale di Milazzo, cui viene dunque accorpata. Dal nosocomio mamertino viene invece trasferita a Barcellona l'Unità di Neurologia, e sempre al Cutroni-Zodda vengono previsti due posti letto di Oncologia dipendenti dall'Oncologia medica dell'ospedale di Taormina. Da evidenziare che, ad esempio, nessun posto letto è previsto a Barcellona in Ortopedia e Traumatologia: per un ricovero bisognerà rivolgersi all'ospedale di Milazzo. Al contrario, nel nosocomio mamertino non è previsto alcun posto letto in Ginecologia e Ostetricia, salvo i due posti del reparto di Fisiopatologia della Riproduzione umana (FRU), attinente alla branca generale, ma certamente non sovrapponibile. Per il parto programmato, dunque, le gestanti dovranno recarsi a Barcellona nel cui ospedale, tra l'altro viene trasferita da Milazzo anche la Pediatria. Un altro aspetto rilevante riguarda l'ospedale di Taormina, il più grande fra quelli afferenti all'Asp: una delle contestazioni più accese ha recentemente riguardato l'ipotizzata abolizione di una delle due chirurgie generali. La soluzione trovata dall'azienda prevede il mantenimento di tutti i posti letto (16 per la generale, 18 per la generale ad indirizzo oncologico), ma la soppressione di uno dei due posti di primario. «Con i soldi risparmiati – sottolinea il manager – incrementeremo l'organico pagando altri chirurghi e migliorando i servizi all'utenza». Da notare poi come in tutti i presidi siano assegnati ai pronto soccorso posti letto di osservazione breve (in gergo OBI), necessari per valutare la gravità delle patologie ed evitare ricoveri impropri nei reparti ospedalieri.
Il piano non è ancora materialmente operativo, in quanto si attende la definitiva autorizzazione da parte dell'assessorato regionale, ma molte scelte dell'amministrazione sanitaria sono ormai indirizzate sulla strada già tracciata: tra esse ad esempio, quella di prorogare l'incarico a 69 medici assunti a tempo determinato nel settore dell'emergenza-urgenza, opzione sulla quale il management aziendale ha chiesto un parere alla Funzione pubblica.
Intanto, dopo il riordino della rete ospedaliera è ora imminente quello dei servizi di cure primarie con i Pta, i Presidi territoriali di assistenza. Novità dirompente, sotto il profilo organizzativo, ma anche territoriale, per la localizzazione delle nuove entità, sulle quali il dibattito è già aperto

Il "Bambinello" di casa in casa. Grande festa per le strade di Malfa

(Michele Merenda-Gazzetta del sud) Anche quest'anno nel comune di Malfa è stata perpetuata la storica "Uscita del Bambinello", tradizione secolare che trova le prime testimonianze addirittura nel XVII secolo. Si tratta, in linea generale, di una ricorrenza ripetuta durante l'Epifania in buona parte delle Eolie, con modalità di volta in volta diverse. L'evento ricorda l'inziativa di un Vescovo, il quale, durante una dura carestia, pensò di far girare in ogni casa la statua del Bambino Gesù per ingraziarsi la benevolenza Celeste. A Salina, addirittura, ogni comune ed ogni borgata presenta una tradizione con parametri differenti. La tradizione del comune di Malfa sembra però non avere paragoni nelle Eolie, se non in parte con quella di Alicudi; a Malfa, infatti, la statuetta è accompagnata da tanta gente, soprattutto giovani, e da suonatori di fisarmonica, chitarra e tamburello. Una volta c'erano anche strumenti poco convenzionali come il mandolino, il banjo ed il violino. Alla testa di tutte queste persone ci sono gli esponenti delle Confraternite di S. Lorenzo (patrono locale) e S. Giuseppe (il cui culto è anche molto sentito), che portano sul petto, rispettivamente, le distintive fasce rosse e gialle. Il nutrito gruppo gira per devozione di casa in casa ed ogni famiglia offre dolci, malvasia ed altre bevande. Ad un certo orario, dopo l'imbrunire, si sente suonare la campana della chiesa patronale, segnale che bisogna rientrare. Come ogni anno, dopo il giorno dell'Epifania, questi novelli Re Magi attendono la domenica successiva per completare il proprio giro. Tra le novità da registrare, la presenza di diverse donne nella Confraternita di S. Lorenzo.

mercoledì 6 gennaio 2010

MATTARELLA: LOMBARDO, LE RIFORME STRADA PER BATTERE LA MAFIA

Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, ha deposto una corona di fiori in occasione del 30° anniversario dell’uccisione di Pier Santi Mattarella.
La commemorazione è avvenuta in via Libertà, dove l’ex presidente della Regione fu ucciso il 6 gennaio del 1980. In rappresentanza del governo regionale, erano presenti anche gli assessori alle Autonomie locali e Funzione pubblica, Caterina Chinnici e alla Salute, Massimo Russo.
“Mattarella - ha detto Lombardo - perse la vita perché si schierò in maniera netta, ferma e determinata e lo fece ispirato dalla fede. Dopo trent’anni, credo che sia ancora inderogabile questo dovere morale di lottare perché la Sicilia sia normale e si possa definitivamente battere Cosa Nostra. Le regole, la trasparenza, l’efficienza dell’amministrazione pubblica, le riforme, il taglio degli sprechi e degli sperperi, l’eliminazione di privilegi - ha concluso - sono obiettivi che, anche per noi, sono importanti e attuali e ora dobbiamo avere il coraggio, la forza e la generosità per raggiungerli dopo trent’anni”.
IL VIDEO:

Lipari: Incendio nel deposito Edilcisa. "Prova" sul campo di carabinieri e vigili del fuoco

Proseguono le indagini dei carabinieri di Lipari dopo l'incendio sviluppatosi domenica scorsa nel deposito Edilcisa di Cassarà sulla via Maggiore e dopo i danneggiamenti nel deposito di Canneto. Stamattina i carabinieri, al comando del luogotenente Francesco Villari, hanno effettuato un sopralluogo, con contestuali verifiche, nel deposito dove si sono sviluppate le fiamme. Presenti anche i titolari dell'impresa. Nell'operazione sono stati supportati dai vigili del fuoco poichè si è proceduto a fare esplodere un petardo simile a quelli che sarebbero stati ritrovati nell'area nell'immediatezza dell'evento incendiario. Non si esclude che a generare l'incendio possa essere stata l'esplosione di uno di questi petardi che avrebbe, in qualche modo, interessato un qualcosa dal quale poi si sono propagate le fiamme.
E' ovvio che questa è una delle ipotesi e che le indagini si svolgono a trecentosessanta gradi. E' chiaro che se dovesse essere confermata la suddetta ipotesi bisogna accertare se si è trattato di un atto doloso o di una casualità. Cambierebbe, ovviamente, anche la lettura di quanto accaduto nel deposito Edilcisa di Canneto dentro.
Nel video e nella foto una fase del sopralluogo di stamani:

Lipari: Scatta l'allarme all'ufficio postale. Ma è solo un falso contatto

Falso allarme stamattina, intorno alle dieci e trenta, all'ufficio postale di Lipari centro. Probabilmente per un falso contatto è scattato l'allarme.
Sul posto è immediatamente arrivata una pattuglia dei carabinieri che ha provveduto ad una perlustrazione(nella foto) dei luoghi non riscontrando nulla di anomalo.
L'allarme è quindi rientrato.

Calcio. Lascia Merlo

Lascia per motivi personali e di salute Nicola Merlo, l'allenatore che ha guidato la formazione del Canneto in questa prima parte del campionato di terza categoria.
Intanto oggi la formazione cannetara che doveva affrontare una trasferta non è partita. Non si sarebbe riuscito a raggiungere il minino di giocatori indispensabile per scendere in campo.

Privatizzazione di Tirrenia, si prepara una cordata (di Peppuccio Subba)

(Peppuccio Subba- Gazzetta del sud) Il 23 dicembre scorso è stato pubblicato il bando per la manifestazione d'interesse all'acquisto di n. 108.360 azioni, rappresentanti l'intero capitale sociale di Tirrenia spa. Si avvia così, concretamente, il processo di privatizzazione di Tirrenia che dovrà essere concluso entro il 30 settembre 2010.
Nella proceduta rientra anche la Siremar il cui pacchetto azionario è detenuto dalla società madre Tirrenia.Restano escluse le altre tre società minori del gruppo: Caremar, Saremar, Toremar, perché il loro capitale è stato trasferito, gratuitamente, dalla Tirrenia alle regioni interessate (Campania, Sardegna e Toscana), con effetto dal 21 novembre 2009. La Siremar è rimasta nelle maglie della privatizzazione per una decisione assunta dalla regione Sicilia che punta a partecipare al bando per l'acquisto di Tirrenia e della stessa Siremar.
A spiegare la posizione della Sicilia è stato l'assessore regionale ai trasporti, Nino Strano, dopo la decisione della giunta regionale (opposta a quelle delle altre regioni interessate) di rifiutare l'acquisizione gratuita di Siremar. Il rappresentante del governo regionale in un'intervista al Sole 24 Ore, ha dichiarato: «L'acquisizione gratuita è stata respinta perché a fronte della richiesta di assicurare alla Siremar una dotazione di 75 milioni di euro l'anno, ce ne hanno offerti 50. Non avremmo neanche potuto coprire i costi». Ha poi puntualizzato: «Con il governatore Lombardo, abbiamo pensato di essere in grado di competere per Tirrenia e Siremar insieme. Forti anche della disponibilità finanziaria tratta dai fondi Fesr e Fas». L'obiettivo, prosegue, «è partecipare a un'ipotesi in cui la regione diventi anche un elemento di gestione. Saremo noi a determinare le linee: non le subiremo ma le inventeremo, le organizzeremo, saremo noi a integrare il traffico sociale sovvenzionato col traffico turistico».
La regione per manifestare l'interesse all'acquisizione del pacchetto azionario Tirrenia deve optare tra due possibili soluzioni: costituire una società con privati o concorrere da sola. I probabili partners privati siciliani sono: Ustica Lines, Caronte & Tourist (del gruppo Franza) e Traghetti delle Isole.
Per garantire il livello dei servizi, svolti dalle società del gruppo Tirrenia, il governo italiano erogherà, annualmente, risorse finanziarie per complessivi 184,94 milioni di euro per un periodo fino a 8 anni per Tirrenia e fino a 12 per le quattro società regionali, così ripartiti: Tirrenia 72,685 milioni, Siremar 55,695 milioni, Saremar 13,686 milioni, Toremar 13 milioni e Caremar 29,869 milioni (ramo Campania 19,839 e ramo Lazio 10,030). La Regione siciliana deve affrettare i tempi in quanto la manifestazione di interesse deve essere presentata entro le ore 12 del 19 febbraio.
La commissione trasporti della Ue ha dato l'ok al riassetto del gruppo Tirrenia, progettato dal governo italiano, ma detta numerose condizioni e non lesina critiche all'impianto, tanto da annunciare già la richiesta della messa in mora dell'Italia. In particolare, tra le varie condizioni, Bruxelles stabilisce che le autorità italiane non devono imporre ai potenziali acquirenti condizioni di "natura pubblica", come il mantenimento dei livelli occupazionali, e che le società dovranno essere vendute a condizioni di mercato.
Il vicepresidente della Commissione trasporti della Ue, Antonio Tajani, in merito alla procedura, ha dichiarato: «Si è riusciti a raggiungere un accordo tra Roma e Bruxelles perché la privatizzazione proposta dall'Italia è in sintonia con le regole europee».La Regione siciliana deve stabilire le modalità di partecipazione. La via più sicura è quella di presentarsi con una "cordata" o di costituire una "new co" con armatori aventi sede sociale in Sicilia. E' molto probabile che parteciperanno, all'acquisto di Tirrenia e Siremar, anche armatori nazionali che già esercitano linee in concorrenza con quelle svolte da Tirrenia e che, a suo tempo, hanno sollecitato, presso l'Ue, la procedura di infrazione nei confronti della società di stato.
Intanto i lavoratori dipendenti di Tirrenia e Siremar e gli amministratori delle 14 piccole isole siciliane seguono con apprensione la vicenda delle due società. Gli operatori economici della Sicilia e, in particolare, quelli delle piccole isole sperano che la liberalizzazione delle linee Tirrenia e una migliore riorganizzazione di quelle Siremar, da parte di società miste o private, possano ridare nuovo impulso ai trasporti marittimi, per soddisfare le esigenze di mobilità dei cittadini, nonché quelle dei servizi postali e commerciali e contribuire, così, a promuovere lo sviluppo socio-economico di ciascuna isola.

Fondi del ticket. Marevivo " Nessun centesimo speso a Ginostra"

Una lettera è stata inviata dal prof. Riccardo Lo Schiavo (Delegato Generale Associazione Ambientalista MAREVIVO - Sezione di Ginostra-Sromboli) al sindaco del comune di Lipari
e p.c. al dott. Guido Bertolaso (Capo Dip. Protezione Civile - Commissario Emergenza Stromboli ) e a S.E. il Prefetto di Messina.
Oggetto: lavori messa in sicurezza stradina Timpone del fuoco a Ginostra con fondi Ticket.
Egregio signor Sindaco,
in riferimento alla nostra intercorsa corrispondenza in riferimento alla problematica di cui in oggetto, ed in particolare alla sua nota prot. 33695, del 31/08/2009, nonché alla Sua successiva del 14/10/2009 prot. 39842, inviata per conoscenza anche alle Istituzioni in indirizzo, in cui viene ribadita la volontà dell’Amministrazione di “ porre in essere idonei interventi per i lavori in oggetto”, mi spiace ribadire che:
1. I lavori certamente non sono iniziati;
2. l’appalto probabilmente non è stato affidato – a differenza di molteplici analoghi interventi sulle isole “maggiori”;
3. non risulta addirittura che alcun tecnico del Comune di Lipari abbia svolto alcun sopralluogo e pertanto si suppone alcuna perizia;
Nella speranza di essere smentito da fatti concreti, non posso esimermi dall’esprimere profondo rammarico nel constatare, signor Sindaco, che in tutti questi anni dei svariarti milioni di euro introitati dal Comune con i ticket nessun centesimo sia stato speso a Ginostra.
Cordiali saluti.
Riccardo Lo Schiavo

Pontile di Ginostra: "Solo lievi danni ma...". Lo Schiavo (Marevivo) scrive a Bertolaso

Il prof. Riccardo Lo Schiavo (Delegato Generale Associazione Ambientalista MAREVIVO- Sezione di Ginostra-Sromboli) ha scritto al Dott. Guido Bertolaso (Capo Dip. Protezione Civile- Commissario Emergenza Stromboli) e p.c. a S.E. il Prefetto di Messina, al sindaco del comune di Lipari e al giornale La Repubblica (redazione di Palermo)
Oggetto: pontile di Ginostra, lievi danni.
Egregio dott. Bertolaso,
ritengo fortemente necessario “correggere” quanto pubblicato dal quotidiano la Repubblica la scorsa domenica 03 c.m.
Nell’articolo in questione difatti è affermato che “ il mare… ha letteralmente spezzato la stradella che congiunge il vecchio con il nuovo molo, entrambi crollati, enormi massi…”
Viceversa, forse per la bontà del progetto, forse per la perizia e la professionalità della ditta che ha eseguito parte dei lavori di messa in sicurezza, o forse ancora per un “miracolo”, nonostante le devastanti – gigantesche onde, montagne di mare, che per oltre quarantott’ore hanno letteralmente assediato e bombardato la vitale opera e la relativa stradina di accesso, entrambe le infrastrutture hanno perfettamente retto alla furia della natura riportando danni assolutamente lievi (che non è neppure necessario menzionare) e riparabili in poche ore e con la minima spesa.
Anche il vecchio scalo “Pertuso”, il porto naturale più piccolo del mondo, monumento storico della nostra frazione risulta assolutamente intatto.
Resta comunque assolutamente urgente e improcrastinabile che vengano ripresi ed ultimati al più presto i lavori di messa in sicurezza purtroppo interrotti lo scorso settembre.
Confidando come sempre nel Suo intervento, porgo cordiali saluti.
Ricccardo Lo Schiavo

martedì 5 gennaio 2010

DA EOLNET E EOLIENEWS
A U G U R I
P E R
U N
2 0 1 0
A
C O L O R I

Il punto sugli interventi al Faro di Lingua


Comunicato stampa
In data odierna, grazie alle condizioni meteo marine favorevoli, è stato possibile per l’equipaggio del pontone St. George della Adormar di Palermo, posizionare una parte dei massi previsti dal progetto realizzato dal Provveditorato Opere Marittime( per un totale di circa tremila tonnellate), per la messa in sicurezza del Faro di Punta Lingua.
Alcuni interventi preliminari erano stati posti in essere, nei due giorni precedenti, da alcune ditte edili dell’isola, che su richiesta del Sindaco Massimo Lo Schiavo, hanno attivamente partecipato per cercare di salvare il salvabile, nonostante le condizioni meteo marine non fossero delle migliori.
Gli interventi eseguiti dagli isolani sono stati di due tipi: con il primo si è provveduto ad effettuare delle infiltrazioni di cemento a presa rapida sotto la base della torre di illuminazione, le cui fondamenta erano state completamente erose dai marosi, lavorando per ben otto ore consecutive anche dopo il tramonto, evitando così che la torre rimanesse letteralmente “appesa”ad un sottile solaio di cemento; con il secondo intervento si è provveduto al posizionamento di massi naturali da terra, usufruendo di un accesso creato ad hoc da ruspe ed escavatori, impegnando uomini e mezzi per oltre 15 ore di lavoro.
Tangibile la soddisfazione del Sindaco di Santa Marina Salina: “Il giorno in cui mi sono reso conto che il crollo della torre del faro non era più solo un’ipotesi ma una dura realtà, e la situazione peggiorava di minuto in minuto, ho attivato tutti gli uffici e tutti i dipendenti comunali per arginare questa emergenza, predisponendo, tra le tante altre azioni, subito un’Ordinanza Sindacale( n° 1 del 02/01/2010) per far operare in loco le ditte edili dell’Isola, con propri mezzi e uomini.”
“Ciò che è stato fatto è solo un piccolissimo intervento” continua il Sindaco “ in attesa di azioni necessarie, indifferibili ed urgenti di più ampio respiro che proteggano tutta la costa del laghetto sul versante sud-occidentale, quello maggiormente esposto ai venti e che crea maggiori problemi all’abitato e alle strutture turistiche, alcune delle quali hanno subito danni notevoli. Tra qualche giorno l’Ufficio Tecnico Comunale predisporrà un sopralluogo definitivo e una dettagliata relazione che sarà inoltrata agli organi preposti alla salvaguardia di cose e persone”.
Sono previsti ulteriori due viaggi del pontone St George nei prossimi giorni, con altrettanti carichi di massi da posizionare a completamento del progetto, confidando nelle buone condizioni meteo marine, anche se le previsioni per il fine settimana non sono delle più rassicuranti.
Domenico Arabia
Ufficio Staff del Sindaco

Salina: Il pontone al lavoro al Faro di Lingua

Come già riportato nel pomeriggio in altra notizia sono iniziati oggi a Lingua i lavori di protezione
e messa in sicurezza del Faro.
Nelle foto di Domenico Arabia il Faro e il pontone al lavoro:

Uglscuola Sicilia chiede tavolo di concertazione

Una richiesta di convocazione è stata avanzata dal prof. Bartolo Pavone, segretario regionale dell'UGL scuola Sicilia, alla dott.ssa Patrizia Monterosso (Dir. Generale Dip.REg.Pubblica Istruzione).
Il testo:
Gent.ma Dott.ssa Monterosso,
La scrivente organizzazione sindacale " Ugl Scuola Sicilia", a seguito del varo di alcune disposizioni governative p.v. e che entreranno in vigore nel'2010, CHIEDE, cortesemente, l'istituzione di un tavolo di concertazione per discutere i seguenti punti:
Nuovi tagli agli organici stabiliti dalla legge finanziarie 2009 e di razionalizzazione della spesa;
Dimensionamento degli istituti al di sotto dei 500 alunni o 300 per le zone disagiate;
La spinosa questione che riguarda il personale precario;
L'utilizzo corretto del personale in esubero;
Quello, che la nostra scuola in Sicilia si appresta a vivere nel 2010,rappresenta per tutti noi un momento di grande riflessione e,colgo l'occasione nella qualita' di Segretario Regionale dell'Ugl Scuola di ribadire che l'Ugl scuola sara' a fianco di chi adottera' iniziative per rilanciare e migliorare il sistema scolastico in Sicilia apprezzando moltissimo tutto cio' che e'stato fatto fino adesso dalla sua Amministrazione e non solo, e' in linea su quanto emerso nella 1 conferenza regionale della scuola organizzata a Giardini Naxos.
Grazie, anticipatamente, per la cortese attenzione, porgo cordiali saluti.
Palermo 05-01-2010
Il Segretario Regionale Ugl Scuola Sicilia
prof. Bartolo Pavone

Sportello informativo al Gal Eolie per finanziamenti nel settore agricolo e rurale

COMUNICATO
Il Gal Leader II Eolie Società Consortile s.r.l. informa che, a partire dal05/01/2010, sarà disponibile uno sportello informativo a cui potrà accedere tutta la cittadinanza al fine di reperire informazioni sulle opportunità di finanziamento nel settore agricolo e dello sviluppo rurale a livello comunitario, nazionale e regionale.
Si porta a conoscenza, inoltre, che il Gal Leader II Eolie, nell’ambito della propria attività di formazione ed aiuto all’occupazione, istituirà dei Corsi di Formazione per aspiranti Imprenditori Agricoli.
Si invitano gli interessati a presentare la propria candidatura presso lo stesso sportello informativo.
Ubicazione dello Sportello: C/o Gal Leader II Eolie Società Consortile s.r.l., Via Madre F. Profilio, 3 – 98055 Lipari Recapito telefonico: 090.9813510 – 090.9813511 Indirizzo di posta elettronica: leadereolie@email.it
Giorni ed orari di apertura: martedì e giovedì dalle ore 16.00 alle 19.00
Per particolari esigenze, Vi invitiamo a contattarci per concordare un appuntamento.
Il Presidente (Ing. Emanuele Carnevale)

Faro di Lingua. Pontone al lavoro per la messa in sicurezza

La ditta Adormar ha avviato da stamattina, con l'ausilio di un pontone, gli interventi urgenti di messa in sicurezza del faro di punta Lingua nel comune di Santa Marina Salina.
I lavori di posa di massi sono stati finanziati per 150 mila euro dal Provveditorato opere marittime dopo l'allarme lanciato dal sindaco Massimo Lo Schiavo e dalla sua giunta.
Sindaco, che in attesa dell'arrivo del pontone e per fronteggiare i danni causati dal fortunale dei giorni scorsi, ha anche chiesto l'intervento volontario delle ditte edili dell'isola.

PRG di Lipari: Fermo per la mancanza della "valutazione d'incidenza". L'assessorato lo comunica a Sabatini

Nella qualità di consigliere comunale ho chiesto all'Assessorato Territorio ed Ambiente di Palermo notizie sullo stato del Piano Regolatore Generale del Comune di Lipari.-
Ottenuta la compiuta risposta, ritengo importante inviarla ai notiziari on-line per darne la giusta divulgazione nell'interesse di tutta la cittadinanza.-
Il Consigliere Comunale di Nuovo Giorno
Adolfo Sabatini

Il consigliere Sabatini ci ha inviato il documento dell'assessorato che sintetizziamo così:
Il servizio IV del Dipartimento regionale Urbanistica chiarisce, con propria nota del 21.12.09, che le procedure di approvazione del Piano regolatore generale del Comune di Lipari (inviato dall'Ente il 18.09. 2008, dopo l'approvazione da parte del commissario ad acta avvenuta nel 2007) sono state interrotte in attesa della produzione da parte del comune della valutazione d’incidenza sullo strumento urbanistico.
Nella lettera si evidenzia, anche , che il comune ha richiesto al servizio 2 Via-Vas con nota prot. n° 31185 del 18/09/08 l’atto necessario per la definizione del procedimento.
A tutt'oggi la valutazione non è stata prodotta e l'iter del PRG bloccato


Pesca, entrano in vigore i nuovi controlli per ostacolare le attività illegali

Con il 2010 entra in vigore un sistema europeo di controllo della pesca più severo. Il regolamento mira in particolare a ostacolare l’attività illecita su scala mondiale, che ha un giro d’affari di circa 10 miliardi di euro.
Oltre a questo disciplina la pesca all’interno dell’Unione e stabilisce le norme sulle autorizzazioni alla pesca per le imbarcazioni europee che operano al di fuori delle acque territoriali dell’Unione.
In particolare viene rafforzata la sorveglianza satellitare e sui pescherecci vengono istallati sistemi elettronici per l’invio in tempo reale alle autorità di controllo delle informazioni sulle attività in corso. In questo modo si vuole garantire il rispetto delle zone dove la pesca è vietata.
Le nuove regole, che sostituiscono quelle stabilite quindici anni fa, armonizzano anche le sanzioni e introducono un sistema di penalità a punti per i pescatori che può portare al ritiro delle licenze.

lunedì 4 gennaio 2010

E la nave non va! (di Aldo Natoli)

(Aldo Natoli) Anche oggi, giornata con modesto mare di scirocco, la motonave “Isola di Stromboli”, mentre gli aliscafi hanno effettuato regolarmente le corse programmate, è rimasta ormeggiata al molo di Milazzo.
Questo dimostra chiaramente che la nave non è idonea per essere utilizzata in questo quadrante durante il periodo invernale. Il suo mancato utilizzo non solo comporta una limitazione alla mobilità degli utenti, cosa non di poco conto, ma, essendo regolarmente armata, anche un notevole danno economico alla società e di conseguenza a noi cittadini. E’quindi auspicabile che l’Amministrazione Comunale chieda alla Siremar di mettere in disarmo l”Isola di Stromboli” durante il periodo invernale, o di utilizzarla in altro settore, e di noleggiare il “Luigi Rizzo” o la “Vulcanello”.
Così facendo potremmo disporre di un’alternativa agli aliscafi

Maltempo alle Eolie. Danni ovunque...anche a Ginostra

Non solo la frazione di Lingua. Danni causati dal mare in tempesta dei giorni scorsi vengono lamentati un po ovunque nell'arcipelago. Da Acquacalda a Vulcano (dove è irragiungibile il pontile di protezione civile), da Filicudi ad Alicudi, da Stromboli a Ginostra.
Ovunque si lamentano danni alle strutture portuali e/o insabbiamento di strade limitrofe ai litorali.
A Ginostra, si dice, che si sono creati danni al pontile di attracco degli aliscafi. L'approdo per le navi, si sa, è out da tempo.
Con tutto il rispetto per i ginostresi e per il loro diritto alla mobilità ribadiamo, però, un concetto già espresso altre volte da questa redazione: "Siamo certi che la zona dove è stato realizzato il pontile di protezione civile fosse quella giusta considerando l'impetuosità dei marosi che si abbattono su quella zona?".
Sappiamo che questa posizione non è gradita a qualcuno ma i fatti parlano chiaro. Dalla sua costruzione non si fa altro che registrare danni su danni, non si fa altro che continuare a gettare in mare migliaia e migliaia di euro per interventi che poi non risolvono nulla, si continua a non garantire la massima mobilità.
Ebbene se il problema non è l'area dell'approdo (ma nutriamo qualche dubbio) c'è qualcosa che non ha funzionato al momento della costruzione del pontile e/o durante i successivi interventi.

MILAZZO: APPROVATO IL PIANO DI PROTEZIONE CIVILE PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO

L’amministrazione comunale ha approvato il piano di Protezione Civile per il Rischio Idrogeologico, redatto dall’Ufficio Comunale di Protezione Civile in data 24 dicembre 2009, e con esso gli elaborati allegati.Il Piano Comunale di Protezione Civile per il rischio idrogeologico costituisce il primo tassello di raccordo tra le funzioni di tutti gli Organi, costituenti un complesso articolato, qualificato ed abilitato ad intervenire per la salvaguardia delle persone, cose ed ambiente in caso di calamità, che contribuiscono a formare la Protezione Civile.
Si tratta in buona sostanza di una integrazione del Piano comunale di protezione civile approvato con la determinazione sindacale n.161 del 25.05.2006, e rappresenta una “pianificazione di tipo speditivo per il rischio idrogeologico in armonia con le direttive e indicazioni impartite dagli organi nazionali e regionali”.
“Un adempimento importante – afferma il sindaco Lorenzo Italiano - in quanto una visione armonica della qualità della vita urbana e della sicurezza dei cittadini la Pianificazione Comunale di emergenza va vista in modo complessivo. Il sistema delle conoscenze, corredato dei dati cartografici e delle informazioni tecnico-amministrative, consente – infatti - di porre in essere sul piano tecnico le proposte rivolte all’eliminazione o al contenimento dei fattori di rischio, oltre che organizzare le azioni relative all’approntamento dei mezzi e delle strutture operative necessarie agli interventi di Protezione Civile, con particolare riguardo alle misure di emergenza”.
Il Piano è stato trasmesso alla Prefettura, all’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste, al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, alla Provincia Regionale, al Servizio Provinciale del Dipartimento Regionale di Protezione Civile, al Presidente della Regione siciliana Commissario Delegato, al Dipartimento Regionale di Protezione Civile, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Nazionale della Protezione Civile.

Mareggiata a Salina (foto)

Vi proponiamo alcune foto della recente mareggiata che ha investito l'isola di Salina. Le foto sono di Matteo Taranto

Chiesa del Purgatorio a Lipari: Salviamola

La chiesa del Purgatorio di Marina Corta, tornata a "vivere" in questi giorni grazie all'Associazione SS. Cosma e Damiano, è un patrimonio della nostra collettività che non si può perdere. Purtroppo il rischio che ciò accada è alto.
Aldilà della chiesa in se stessa, e della sacrestia, che necessitano di una serie di interventi , piuttosto grave appare la situazione degli antichi magazzini delle decime (XVI-XVII secolo) che una volta rappresentavano il piano terreno della costruzione ed oggi invece , per via del bradisismo, sono diventati scantinati.
L'idea dell'associazione sarebbe quella di realizzare un museo del mare e, sfruttando la parte attraverso la quale dal mare si penetra nella struttura, un acquario.
Idee di notevole importanza ma per realizzare le quali bisogna intervenire per vincere lo stato precario (a dir poco) in cui si trovano i magazzini nonostante i lavori fatti effettuare negli anni 90 dalla Sovrintendenza di Messina (mai completati e forse mal eseguiti considerando le colate di cemento nelle nicchie e il mare che continua a penetrare).
L'incredibile è - come ha avuto modo di scrivere qualche tempo fa il dott. Michele Giacomantonio- che allora si disse che era stato fatto "un lavoro di recupero imponente perché si erano adoperate tecniche di impermeabilizzazioni all’avanguardia che erano state sperimentate in Giappone. Tecniche che avrebbero permesso di rendere abitabili e vivibili magazzini che ormai erano scesi sotto il livello del mare. Purtroppo, a vederli oggi, si capisce subito che queste tecniche hanno avuto una efficacia solo parziale".
Il video che vi proponiamo, e che mostra questi magazzini e l'area dalla quale si accedeva con le barche all'interno della struttura per il deposito delle decime, vuole essere una sollecitazione a chi di competenza ad intervenire al più presto per salvaguardare un patrimonio che non è solo di Marina Corta ma di tutte le Eolie.
IL VIDEO:

Lipari: Convocato il consiglio comunale. "Pioggia" di debiti fuori bilancio

Quarantatrè sono i punti all'ordine del giorno del prossimo consiglio comunale che è stato convocato per giovedì sette gennaio ma che, con elevate probabilità, si celebrerà solo il giorno successivo.
Tra gli argomenti: Approvazione schema di convenzione con la Provincia Regionale di Messina ed il Comune di Lipari per la disciplina dei lavori che interessano sedi stradali provinciali e relative pertinenze";
Istituzione canoni per l'utilizzo in forma straordinaria dell’Anfiteatro al Castello o altra sala comunale di Piazza Mazzini per celebrazione matrimoni civili";
"Debito fuori bilancio per servizio videosorveglianza edifici comunali e Canneto Dentro, Periodo marzo ottobre 2009 Ditta Police Eoliana";
Riconoscimento debito fuori bilancio derivato dal trasporto dei r.s.u. dalle isole minori del comune a mezzo navi di linea nave dedicata - servizio svolto per l'anno 2000 (Euro 150.819,50); Riconoscimento debito fuori bilancio derivato dai servizi RSU gestione discariche pubbliche effettuato dalla Società Mista “Eolie Servizi SpA” nell'anno 1999 - € 80.368.32 relativa alla realizzazione del 1° e 2° modulo per lo smaltimento dei rifiuti nella discarica di Lami Malopasso; Riconoscimento debito fuori bilancio derivato dai servizi RSU, gestione discariche pubbliche, effettuati dalla società mista "Eolie servizi SpA" nell'anno 2000 concernente la progettazione e l'esecuzione dei lavori di sistemazione della discarica di Lami-Malopasso e delle aree ecologiche delle altre isole amministrate dal comune di Lipari (€ 148.144,41);
Riconoscimento debito fuori bilancio derivato dai servizi RSU gestione discariche pubbliche effettuati dalla Società mista "Eolie servizi SpA" nell'anno 2000 - € 9.799.24 relativi alla realizzazione della recinzione dell'area di trasferimento rifiuti di Vulcano;
Riconoscimento debito fuori bilancio derivato dai servizi RSU - gestione discariche pubbliche – effettuati dalla Società Mista "Eolie Servizi SpA~ nell'anno 2000- € 7.846.83 relativi alla realizzazione della recinzione delle aree di trasferimento rifiuti di Stromboli;
Riconoscimento debito fuori bilancio derivato dal trasporto dei RSU dalle isole minori del comune a mezzo di navi di linea e nave dedìcata - servizio svolto per l'anno 2000. (€ 138.428,73)

Eolnet...corre...per voi

Gentile cliente,
intanto mi scuso per la breve interruzione del servizio che avete patito lo scorso 30 dicembre. E’ stato un “piccolo male” che però ha prodotto e produrrà un “grande bene”.
L’interruzione del servizio ha infatti permesso di collegare i nostri server (quelli che contengono la posta e i siti di Eolnet e dei clienti di Eolnet sono ormai 6) ad una linea internet interamente dedicata che ha permesso quasi di triplicare la velocità della loro connessione.
Questo significa una maggiore velocità per quanto riguarda la presentazione delle pagine agli utente, in qualsiasi parte del mondo si trovino, ed una migliore velocità di scarico e di invio delle email.
Chi ha i siti con Eolnet avrà quindi maggiore visibilità presso i propri potenziali clienti e potrà presentarsi on line immediatamente evitando quella lentezza che a volte porta il cliente ad andare subito da un’altra parte.
Sono convinto che lo sforzo, anche economico, che ha implicato questo trasferimento sarà compensato dalla migliore qualità del servizio e dalla conseguente pubblicità positiva che ne deriverà.
Nel ringraziarvi per la fiducia che continuate ad accordarci vi porgo i miei più cordiali saluti
Matteo Salin
Amministratore Unico Eolnet

Eolie: Collegamenti regolari ma avanza lo scirocco.

Sono tornati alla normalità i collegamenti marittimi per Panarea, Stromboli, Ginostra, Filicudi e Alicudi. A pieno ritmo anche i collegamenti, dopo qualche corsa in traghetto effettuata ieri, tra Milazzo, Vulcano, Lipari, Salina e viceversa.
Hanno quindi potuto lasciare le Eolie i turisti che erano rimasti bloccati. Qualcuno aveva lasciato le isole con l'elicottero di Lorenzo Vielmo. E a tal proposito fa discutere, e bisognerebbe capire con quale autorizzazione ciò è avvenuto, l'utilizzo quale pista d'atterraggio del parcheggio del palacongressi di Lipari (vedi foto e filmato pubblicati ieri)
Come anticipato i collegamenti marittimi sono tornati regolari ma già si preannuncia qualche difficoltà a causa dell'imperversare dello scirocco che già a Lipari sta costringendo catamarani ed aliscafi (vedi foto in alto) ad operare a Punta Scaliddi.

Lipari: Ricordati i 136 anni dalla nascita di Madre Florenzia Profilio

L’Istituto delle Suore francescane dell’Immacolata concezione di Lipari ha ricordato, il 30 dicembre 2009, i 136 anni della nascita della loro fondatrice, la Serva di Dio Madre Florenzia Profilio, con una celebrazione eucaristica a Pirrera di Lipari nella chiesa annessa alla casa di preghiera.
La partecipazione delle autorità civili e militari, assieme a tanti cittadini liparesi, ha reso significativo il momento di lode e di ringraziamento nel ricordo di Florenzia che è stata indicata dagli storici eoliani come il personaggio più importante del ventesimo secolo per le Isole Eolie.
Il saggio biografico “Florenzia che ha svegliato l’aurora” di Michele Giacomantonio è stato il filo conduttore del ciclo di conferenze proposte dal 27 al 29 in preparazione al 30 dicembre: “Siate casa accogliente e amorosa” è stato l’argomento di riflessione proposto per cogliere il legame tra il carisma di Florenzia, i documenti della Chiesa e l’attuale dibattito sulla tematica dell’accogliere secondo le nuove trasformazioni sociali che stanno avvenendo in Italia e in Europa.
“Siate casa accogliente…” in queste parole di Madre Florenzia è racchiuso il significato profondo di ogni forma di accoglienza, di quella materiale e quella spirituale, è racchiuso il significato del Carisma che nell’Amore offerto e donato, esprime il messaggio centrale del Cristianesimo.
I relatori hanno approfondito la spiritualità francescana di Florenzia, hanno ricordato lo stile di vita umile, semplice, accogliente e caritatevole, hanno ricordato come abbia sempre scelto di soccorrere i più poveri ed emarginati nel quotidiano, attingendo forza nella parola di Dio, nella preghiera e nella contemplazione ri-scoprendo sempre la presenza del Signore in ogni situazione e in ogni fratello. Una particolare attenzione è stata data all’esperienza di Florenzia in America, quando giovane donna emigrata nel Nuovo mondo ha condiviso l’esperienza di tanti italiani e ha affrontato il lungo viaggio in piroscafo, l’inserimento nella caotica New York, il lavoro in fabbrica come operaia, la scelta di consacrarsi a Dio e di scegliere la famiglia francescana. Non ci sono documenti scritti su questo periodo della vita di Florenzia né dopo il 1905 Florenzia parla della sua vita in America, compie però in se stessa una crescita straordinaria e l’esperienza vissuta diventa impegno di accoglienza per tutti: non è una scelta casuale la metafora della casa, perché proprio la casa manca agli emigrati di ogni tempo, la casa fatta di mura, la casa rifugio dalle difficoltà esterne, la casa che accoglie sempre e ogni giorno.
Il dott. Michele Giacomantonio ha realizzato un interessante video su questo periodo della vita di Florenzia, riproponendo i luoghi in cui ha vissuto in New York, ponendoli a confronto come erano all’inizio del ‘900 e come sono oggi, ma soprattutto l’autore si sofferma sulla incidenza che l’esperienza di vita in America ha avuto su Florenzia e come abbia influito anche sulle sue scelte future, sulla capacità di avere sempre larghe vedute che hanno spesso anticipato i tempi.
La centralità dell’accoglienza nella vita e nelle opere di Madre Florenzia Profilio è stata testimoniata da uomini, donne e sacerdoti che hanno voluto raccontare episodi durante la vita della Fondatrice: è stato emozionante riascoltare attraverso un video i ricordi sempre legati a gesti di tenerezza e di attenzione, la Madre aveva per tutti un gesto o una parola così particolari da rimanere indimenticabili.
Le Suore francescane dell’Immacolata Concezione di Lipari sono sicure che molte testimonianze possono essere date da uomini e donne che hanno incontrato e conosciuto Madre Florenzia e , per questo motivo, a conclusione delle iniziative realizzate per la conoscenza della fondatrice chiedono che chiunque abbia un ricordo o una esperienza da raccontare si rivolga alla Casa Generalizia a Roma in via delle Benedettine, 34 oppure al numero di telefono 06 30600228 o al 333.2485620 o per posta elettronica : florenzia.lipari@libero.it.

Lipari: Alla Edilcisa deposito in fiamme, capannone danneggiato

(Peppe Paino- Gazzetta del sud) Doppio grave atto intimidatorio ieri ai danni di una ditta con vendita all'ingrosso di prodotti edili. Mentre i titolari accertavano con i carabinieri i danni subiti in un capannone, sconosciuti davano fuoco ad un deposito della stessa ditta nel centro cittadino.
A fare le spese di quello che per le forze dell'ordine ha i connotati di una intimidazione la Edilcisa di Angelo Cassarà e figli.
I titolari dell'azienda si erano accorti che parecchio materiale era stato distrutto da sconosciuti all'interno del capannone principale dell'impresa e si erano premurati di informare le forze dell'ordine. Proprio mentre i carabinieri effettuavano il sopralluogo per quantificare i danni e cercare di capire le modalità del grave atto, giungeva notizia che nel centro dell'isola, nel deposito di elettrodomestici della stessa famiglia Cassarà, in via avvocato Maggiore, si erano sprigionate delle fiamme che presto avvolgevano il locale.
L'incendio, sviluppatosi in pieno giorno, ha destato panico e preoccupazione tra gli abitanti della zona. Una palazzina adiacente il negozio è stata precauzionalmente evacuata.
Sul posto si è recata immediatamente una squadra dei locali vigili del fuoco che riusciva a circoscrivere il rogo. Ingenti i danni.
Da accertare l'origine dell'incendio che a prima vista appare doloso.

domenica 3 gennaio 2010

Il "Laurana" rompe l'isolamento di Salina, Lipari e Vulcano

Il traghetto Laurana, come da noi anticipato, è il primo mezzo a rompere l'isolamento dell'arcipelago che risaliva alle sette del primo gennaio. A bordo del traghetto che collegherà Milazzo con Salina-Lipari e Vulcano per fare poi ritorno nella città del capo vi sono circa 200 persone e una ottantina di mezzi.
Il "Laurana" ha lasciato Milazzo alle quindici ed è presumibile che nelle tre isole che toccherà imbarcherà oltre due centinaia di persone e una cinquantina di mezzi.
Rimangono ancora isolate Stromboli e la frazione di Ginostra, e anche Panarea, Alicudi e Filicudi.

Lingua: Grandi manovre per evitare il crollo della torre del faro

COMUNICATO STAMPA
A Santa Marina Salina, e soprattutto nella frazione di Lingua, si vivono ore di forte preoccupazione: da un sopraluogo effettuato in mattinata dal Sindaco e dalle Guardie Provinciali nella zona del Faro di Punta Lingua e del laghetto, si è rilevato il tanto temuto distacco della torre di segnalazione del faro dal corpo di fabbrica dei vecchi alloggi. Le mareggiate della notte inesorabilmente, hanno scavato la base della torre provocandone il distacco e il definitivo crollo della struttura in mare.
Il Sindaco, nella qualità di Responsabile di Protezione Civile in loco ha immediatamente richiesto l’intervento delle ditte locali operanti nell’ edilizia, che hanno messo a disposizione mezzi e maestranze, e dopo essersi confrontato con il Responsabile di Marifari Sicilia, Cap. Le Grottaglie, e con la Protezione Civile di Messina si è stabilito di attuare una procedura per scongiurare il crollo della torre e per metterla in sicurezza. "Non abbiamo più tempo da perdere" ha dichiarato lo stesso Sindaco "cercheremo di fare ogni utile azione per salvare il nostro importantissimo Faro di Punta Lingua, e per evitare che queste mareggiate devastino ulteriormente tutta la zona”.
Tra non molto, approfittando del miglioramento relativo delle condizioni meteo marine, inizieranno le attività per la messa in sicurezza della torre del faro ad opera di ditte edili locali: operazioni che saranno coordinate dal Sindaco e dal Cap. Le Grottaglie in costante collegamento telefonico, in quella che è stata già definita una corsa contro il tempo, sperando di riuscire ad arginare il crollo con mezzi e uomini a disposizione sull’isola.
Domenico Arabia
Ufficio Staff del Sindaco

Eolie ancora isolate. Potrebbe viaggiare il Laurana. Intanto si vola e si atterra dietro il Palacongressi

Nonostante un deciso miglioramento nelle condizioni meteomarine le Eolie continuano a restare isolate. Nessun mezzo di linea, sia esso traghetto o aliscafo, ha ancora mollato gli ormeggi da e per l'arcipelago. Il mare, forza cinque-sei, non consente al momento una navigazione in sicurezza. Ma tutto dovrebbe migliorare nel giro di qualche ora al punto che è stata programmata per le 13 una possibile partenza del traghetto Laurana per Vulcano-Lipari. Alle 15 e 30 circa lo stesso traghetto dovrebbe effettuare il percorso inverso.
Pochissime invece le speranze che vengano raggiunte in giornata le altre isole e la frazione di Ginostra.
Intanto per partire o arrivare a Lipari si sta facendo ricorso all'elicottero di Lorenzo Vielmo.
Elicottero che, come vediamo nel filmato da noi realizzato intorno alle undici, ha scelto come pista d'atterraggio il parcheggio alle spalle del Palacongressi di Lipari. Un palacongressi, già palazzo comunale, che si sta rivelando un qualcosa di multifunzionale.
IL VIDEO:

Il pm Olindo Canali già trasferito. Proroga di sei mesi per Martorelli. Col procuratore capo Salvatore De Luca resta solo il sostituto Massara

(Leonardo Orlando-Gazzetta del Sud) Diventa sempre più critica la condizione dell'organico dei magistrati alla Procura di Barcellona, ridotto dell'80 per cento.
Il Consiglio superiore della magistratura ha infatti definitivamente deliberato il trasferimento a domanda dei sostituti procuratori Olindo Canali e Michele Martorelli che hanno chiesto di essere utilizzati, il primo nel settore giudicante del Tribunale di Milano, il secondo alla Procura dello stesso tribunale di Milano.
Il trasferimento del dottor Olindo Canali chiude virtualmente il procedimento di trasferimento d'ufficio che era stato avviato per motivi di incompatibilità ambientale e funzionale su iniziativa di due consiglieri togati dello stesso organo di autogoverno dei magistrati. Per il magistrato, in servizio a Barcellona dalla primavera del 1992, anno in cui fu istituito il Tribunale della Città del Longano tanto che lo stesso Canali rispose per primo all'appello per il reclutamento di magistrati per gli uffici giudiziari del sud lanciato dall'allora ministro Claudio Martelli, si attende la pubblicazione della delibera del Csm sul bollettino ufficiale. Diversa è la posizione dell'attuale sostituto procuratore Michele Martorelli. Il magistrato infatti, constatata la difficile condizione dell'organico della Procura di Barcellona che registra una riduzione di sostituti pari all'80 per cento di quanto previsto in pianta organica, resterà ancora per ulteriori sei mesi. Il capo della Procura Salvatore De Luca chiederà per il suo sostituto il ritardato possesso del nuovo incarico. Ciò consentirà l'utilizzo nei ruoli della Procura dello stesso sostituto che assieme al collega Francesco Massara rappresenta uno dei magistrati su cui ha maggiormente puntato il Procuratore capo Salvatore De Luca nell'azione investigativa nell'ultimo anno.
L'appello lanciato nelle scorse settimane dallo stesso Procuratore Salvatore De Luca che assieme ad altri colleghi siciliani ha scritto al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha sortito solo il decreto che prevede la possibilità di trasferimenti d'ufficio. Le soluzioni sono ancora lontane e di concreto c'è solo l'immediato rischio paralisi.
Non sta meglio nemmeno l'edilizia giudiziaria. È di ieri, ad esempio, la notizia che l'Italia dei Valori ha presentato un'interrogazione parlamentare per chiedere al Governo di intervenire e fare chiarezza su una «gravissima ed incresciosa vicenda» si legge in un comunicato dell'Idv «che ha interessato il Comune di Barcellona e riguardante il comportamento assunto da una funzionaria e in seguito dirigente, in servizio nel tribunale di Barcellona». In una nota congiunta il presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, e l'europarlamentare Sonia Alfano, parlano «di evidente conflitto d'interessi» affermando che sul comportamento della dirigente e sull'intera vicenda «è già stato presentato un esposto alla Corte dei Conti. Alla luce di quanto sin qui esplicitato - prosegue il comunicato - ribadiamo la necessità di un immediato e pronto intervento dell'esecutivo».Da quanto si è appreso, la vicenda riguarda l'affitto ultradecennale di un immobile ubicato nei pressi dell'ex convento dei Basiliani utilizzato un tempo dalla polizia giudiziaria della ex pretura e da anni non più usato anche se il Comune paga regolarmente alla dirigente e a un suo congiunto un affitto aggiornato ai dati Istat di 12 mila e 394 mila euro l'anno. Il Comune a giugno ha disdettato l'affitto anche se a quanto apre non sarebbe rientrato in possesso dell'immobile trovato in parte occupato da un vecchio archivio giudiziario.